Procura Regionale. presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei conti per la Sicilia INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procura Regionale. presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei conti per la Sicilia INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO"

Transcript

1 Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei conti per la Sicilia INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2013 RELAZIONE DEL PROCURATORE REGIONALE GUIDO CARLINO Palermo, 9 marzo 2013

2 Il 2012, nel solco della tendenza congiunturale negativa degli ultimi anni, è stato caratterizzato da una grave crisi economica e finanziaria, che ha investito l intera Europa e che ha determinato effetti recessivi, con inevitabili ripercussioni anche sui conti pubblici. Per fronteggiare la crisi, è stato necessario disporre interventi correttivi del disavanzo di bilancio, elaborare politiche di revisione della spesa ed introdurre misure di riduzione dell area dell evasione fiscale. Nell obiettivo del rafforzamento delle procedure finalizzate ad una più severa politica di bilancio, costituisce novità di portata storica l introduzione nella Costituzione del principio del pareggio di bilancio, correlato a un vincolo di sostenibilità del debito dell intero aggregato delle pubbliche amministrazioni (legge costituzionale 20 aprile 2012 n.1). Le modifiche introdotte, novellando gli articoli 81, 97, 117 e 119 della Costituzione, incidono non solo sulla disciplina del bilancio dello Stato ma anche di quello degli altri enti territoriali, obbligati ad assicurare l equilibrio tra le entrate e le spese e a tenere conto delle diverse fasi -avverse o favorevoli - del ciclo economico. Sono state, altresì, adottate nuove misure legislative finalizzate ad un controllo più efficace sulla gestione delle risorse pubbliche, ad ogni livello di amministrazione, non solo per accrescere lo sviluppo economico e sociale del Paese e per garantire servizi soddisfacenti, ma anche per impedire l ulteriore verificarsi di gravi episodi di cattiva amministrazione, sintomatici di un preoccupante calo di tensione morale nella politica e nella gestione della cosa pubblica. In tale contesto di maggiore rigore finanziario e per favorire un percorso di risanamento etico, assume particolare rilievo il ruolo che continua ad essere assegnato alla Corte dei conti a tutela della legalità, del buon andamento della pubblica amministrazione ed a garanzia dell Erario pubblico.

3 Nuovi compiti Il decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla L. 7 dicembre 2012, n. 213 (Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali), rafforza la partecipazione della Corte dei conti al controllo sulla gestione finanziaria degli Enti locali e delle Regioni, prevedendo nuove ed estese competenze delle Sezioni del controllo, in funzione di garanzia per la corretta tenuta dei conti e per il rispetto dei vincoli che derivano dall appartenenza all Unione europea. A chiusura del sistema, sono, inoltre, previsti successivi o concomitanti interventi della Procura regionale, quale organo propulsivo della giurisdizione, che si aggiungono a quelli già introdotti con D.Lgs. 149/2011, in materia di elusione del patto di stabilità interno e di dissesto finanziario di regioni ed enti locali. La nuova legge prevede che, in caso di mancata predisposizione o inadeguatezza del referto sulla regolarità della gestione e sull'efficacia del sistema dei controlli interni, le Sezioni giurisdizionali regionali irroghino, agli amministratori responsabili, la condanna ad una sanzione pecuniaria commisurata alla retribuzione dovuta al momento di commissione della violazione. La legge ha, poi, rimodulato le procedure relative al dissesto finanziario degli enti locali, prevedendo che le Sezioni giurisdizionali, oltre ad accertare i presupposti per l applicazione di sanzioni politiche per l inibizione all esercizio di funzioni pubbliche a carico di amministratori responsabili di aver contribuito al verificarsi del dissesto finanziario, debbano infliggere, ai medesimi soggetti, ove ritenuti responsabili del dissesto, specifiche sanzioni pecuniarie. Le nuove disposizioni postulano la necessità di costanti sinergie tra le Sezioni del controllo e le Procure regionali, ovviamente nel rispetto delle reciproche funzioni: l organo requirente, infatti, non solo dovrà assumere 2

4 l iniziativa processuale per l applicazione delle sanzioni connesse ad irregolarità rilevate in sede di controllo, ma dovrà procedere ad un analisi più ampia sui risultati della attività di controllo, al fine di esercitare l azione di responsabilità, ove individui sprechi, dispersioni di risorse ed altre più gravi patologie che i controlli non sono riusciti ad evitare. La realizzazione di una maggiore interazione tra le funzioni istituzionali cointestate alla Corte dei conti si riscontra, in modo ancora più evidente, nelle ipotesi in cui talune deliberazioni, adottate nell ambito della attività di controllo, e, quindi, nell esercizio di un potere imparziale ed estraneo alla p.a., vengono sottoposte, in sede di impugnativa, alla cognizione della stessa Corte dei conti in sede giurisdizionale, quale giudice naturale in materia di contabilità pubblica, ai sensi dell'articolo 103, secondo comma, della Costituzione, e con esclusione della tutela dinnanzi ad altri plessi giudiziari. Le norme attributive di tale competenza hanno funzione ricognitiva di un sistema più ampio, che ascrive al concetto di materie di contabilità pubblica, non soltanto i giudizi di responsabilità amministrativa e contabile, ma anche altre tipologie di giudizi, che trovano sintesi nella funzione di garanzia dell equilibrio economico - finanziario dei conti pubblici e che possono essere attivati anche ad istanza di pubbliche amministrazioni. In relazione alle procedure connesse alla individuazione degli squilibri strutturali del bilancio degli enti locali, è, infatti, previsto (art. 243 quater del D.lgs. 267/2000 novellato dal D.L. 174/2012) che la delibera della Sezione del controllo, avente ad oggetto il diniego di approvazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, può essere impugnata entro 30 giorni, nelle forme del giudizio ad istanza di parte, innanzi alle Sezioni riunite della Corte dei conti, in speciale composizione, che si pronunciano, nell'esercizio della propria giurisdizione esclusiva in tema di contabilità pubblica, entro 30 giorni dal deposito del ricorso; analoga competenza delle 3

5 Sezioni riunite è prevista per i ricorsi avverso i provvedimenti di ammissione al Fondo di rotazione di cui all'articolo 243-ter. L attribuzione di nuove funzioni giurisdizionali in materia di contabilità pubblica non costituisce una novità rimasta isolata: la legge 24 dicembre 2012, n. 228 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato) prevede che, avverso gli atti di ricognizione delle amministrazioni pubbliche, operata annualmente dall'istat, ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, sia ammesso ricorso alle Sezioni riunite della Corte dei conti, in speciale composizione, ai sensi dell'articolo 103, secondo comma, della Costituzione. Ulteriore sinergia tra le funzioni si riscontra nella estensione, alle Regioni a statuto ordinario, del giudizio di parificazione del rendiconto che dovrà essere celebrato dalla Sezione di controllo, con forme contenziose, ai sensi degli articoli 39, 40 e 41 del regio decreto 12 luglio 1934, n. 1214, e, quindi, con l intervento del pubblico ministero che conclude in merito alla legittimità e alla regolarità della gestione. Altre disposizioni legislative, adottate nel decorso anno per contrastare la illegalità nella pubblica amministrazione e per ridurre i costi della politica, interessano la funzione requirente contabile. Con la legge 6 novembre 2012, n. 190 sono state finalmente introdotte disposizioni organiche che incidono sull apparato preventivo e repressivo contro la corruzione; l intervento normativo ha l esplicito fine di adempiere agli obblighi derivanti dalla Convenzione ONU contro la corruzione del 31 ottobre 2003 (Convenzione di Merida) e dalla Convenzione penale sulla corruzione del Consiglio d Europa del 27 gennaio 1999 (Convenzione di Strasburgo). La nuova normativa individua, con impegno di sistema, modalità che assicurano una più incisiva azione coordinata nelle attività di controllo, di prevenzione e di contrasto alla illegalità nella pubblica amministrazione. 4

6 La corruzione, che tanti danni ha prodotto all immagine del nostro Paese nelle sedi internazionali, oltre ad avere indebolito la fiducia dei cittadini verso la pubblica amministrazione, costituisce una delle cause più significative di danno erariale; le nuove disposizioni impongono un maggiore impegno per il pubblico ministero contabile, anche per l applicazione della normativa preesistente (legge 27 marzo 2001 n. 97, art. 6 e 7, integrata con le disposizioni del D.L. 78/2009) che, in questa materia, contempla più efficaci sinergie con la giurisdizione penale, necessarie per agevolare la adozione di misure cautelari a garanzia dell erario e per consentire un sistematico esercizio dell azione di responsabilità amministrativa, tutte le volte in cui siano stati commessi reati del pubblico ufficiale contro la pubblica amministrazione. Le disposizioni ora introdotte, prevedono che il dirigente amministrativo responsabile della prevenzione della corruzione (nuova figura prevista nell ambito di tutti gli uffici pubblici), in caso di commissione, all'interno dell'amministrazione, di un reato di corruzione accertato con sentenza passata in giudicato, risponda per il danno erariale e all'immagine della pubblica amministrazione, salvo che provi di avere posto in essere tutti gli adempimenti previsti dalla norma stessa (art.1, comma 12). Ovviamente la norma, idonea a stimolare l attività di prevenzione, va letta ed applicata nel senso di escludere qualsivoglia forma di responsabilità oggettiva o di mera posizione, contrastante con il carattere personale della responsabilità amministrativa e con i principi costituzionali del giusto processo. Con disposizione ovvia ma opportuna, accomunata alla precedente da eguale finalità, è stato previsto che la violazione dei doveri contenuti nel codice di comportamento previsto dall art. 54, L. 165/2001, in materia di prevenzione della corruzione, sia rilevante anche ai fini della responsabilità amministrativa e contabile, ogniqualvolta le responsabilità emerse siano ricollegabili alla violazione di leggi, regolamenti e specifici doveri d ufficio 5

7 (art. 1, comma 44). È stato, inoltre, disposto che il pubblico dipendente che denuncia, anche alla Procura della Corte dei conti, condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non possa essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia (art.1, comma 51 che inserisce l'articolo 54 bis al decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165). La norma è da annotare favorevolmente, in quanto agevola la presentazione di denunce, spesso omesse per il timore di conseguenze negative sul piano professionale. L art.1, comma 62, introduce una modifica all'articolo 1 della legge 14 gennaio 1994, n. 20, prevedendo che l entità del danno all'immagine della pubblica amministrazione, derivante dalla commissione di un reato contro la stessa pubblica amministrazione, accertato con sentenza passata in giudicato, si presume, salva prova contraria, pari al doppio della somma di denaro o del valore patrimoniale dell utilità illecitamente percepita dal dipendente. Per la prima volta è stata stabilita, per legge, la misura della quantificazione monetaria del danno all immagine, consentendo all interprete di evitare il ricorso alla valutazione equitativa, non sempre agevole e spesso oggetto di valutazioni non univoche. Tale previsione, applicabile soltanto per i reati da cui sia derivato un vantaggio patrimoniale, non determina alcun effetto per i reati da cui tale vantaggio non consegue e rende più arduo proporre maggiori richieste di risarcimento, in presenza di fatti particolarmente eclatanti. Si prevede, infine, che nei giudizi di responsabilità, aventi ad oggetto vicende di corruzione, il sequestro conservativo di cui all'articolo 5, comma 2, del decreto-legge 15 novembre 1993, n. 453, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 gennaio 1994, n. 19, sia concesso non soltanto in caso di timore di perdita della garanzia (art. 671 c.p.c.) ma anche in caso di timore di attenuazione della garanzia stessa; la distinzione 6

8 è sottile, ma consente comunque di estendere le ipotesi di ricorso al sequestro. Gli illeciti tipizzati Nel 2012, seguendo una tecnica legislativa invalsa nell ultimo decennio, il legislatore, per la necessità di assicurare una corretta gestione finanziaria sul versante delle entrate e delle spese pubbliche e con il dichiarato fine di ridurre i costi della politica, ha individuato nuove fattispecie tipizzate di responsabilità, che affiancano la tradizionale responsabilità amministrativa, configurabile con ricorso ad una clausola generale di responsabilità. Si tratta di fattispecie configurate dal legislatore come illecite e produttive di responsabilità; la giurisprudenza contabile (SS.RR. 12/2007), tuttavia, per similari ipotesi, ha richiesto, in ogni caso, l accertamento della sussistenza di tutti gli elementi essenziali della responsabilità amministrativa, onde evitare la configurazione di ipotesi di responsabilità formale, da tempo ritenute incostituzionali dal Giudice delle leggi. Per completezza espositiva, vengono di seguito indicate le fattispecie di responsabilità tipizzata, previste da leggi approvate nell anno trascorso, sulle quali si richiama una particolare attenzione da parte delle amministrazioni interessate. Il decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 135 (Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini), prevede che configurino responsabilità a carico di amministratori o dipendenti pubblici: la violazione, nella stipula di contratti, degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip S.p.A. (art. 1); la violazione dei limiti al trattamento economico complessivo dei dipendenti delle società partecipate (art. 4); 7

9 la violazione del divieto di effettuare spese di ammontare superiore al 50 per cento della spesa sostenuta nell'anno 2011 per l'acquisto, la manutenzione, il noleggio e l'esercizio di autovetture, nonché per l'acquisto di buoni taxi (art. 5); le violazioni delle disposizioni per l'acquisto di beni e servizi relativi alle categorie merceologiche presenti nella piattaforma CONSIP (art. 15). L art. 1 del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con modificazioni dalla L. 4 aprile 2012, n. 35 (Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo), nel modificare la legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 2, commi 8 e 9, in materia di conclusione del procedimento e di poteri sostitutivi, prevede che la mancata o tardiva emanazione del provvedimento costituisce elemento di valutazione della responsabilità amministrativo-contabile del dirigente e del funzionario inadempiente. L art. 7 del decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 49 (Disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli Atenei) prevede che le procedure e le assunzioni ovvero la contrazione di spese per indebitamento disposte in difformità a quanto previsto al comma 1 (violazione dei prescritti limiti), determinano responsabilità per danno erariale nei confronti dei componenti degli organi dell'ateneo che le hanno disposte. Il decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 (Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese), prevede che: l'inosservanza delle disposizioni in materia di trasmissione dei documenti attraverso la posta elettronica tra le pubbliche amministrazioni determini danno erariale (art.6); la violazione dell obbligo di iscrizione all'anagrafe unica presso la Banca dati nazionale dei contratti pubblici e l aggiornamento dei dati identificativi determini, in caso di inadempimento, la nullità 8

10 degli atti adottati e la responsabilità amministrativa e contabile dei funzionari responsabili (art. 33 ter). Anche la legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell' illegalità nella pubblica amministrazione) prevede: che incorre in responsabilità amministrativa per danno erariale il dipendente pubblico che ometta il versamento del compenso percepito per incarichi retribuiti che non siano stati previamente autorizzati dall'amministrazione di appartenenza (art.1, comma 42); che la violazione dei doveri contenuti nel codice di comportamento di cui all art.54, L. 165/2001, in materia di prevenzione della corruzione, sia rilevante anche ai fini della responsabilità amministrativa. La legge 24 dicembre 2012, n. 228 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato) prevede, infine, che le amministrazioni pubbliche possano conferire incarichi di consulenza in materia informatica solo in casi eccezionali in cui occorra provvedere alla soluzione di problemi specifici connessi al funzionamento dei sistemi informatici e che la violazione di tale disposizione sia valutabile ai fini della responsabilità amministrativa dei dirigenti (art. 1 comma 146). Obblighi di comunicazione Interessano la funzione requirente anche le disposizioni che introducono obblighi di comunicazione alla Procura regionale, rafforzando il generale obbligo di denuncia di danno erariale, gravante su tutti i responsabili delle pubbliche amministrazioni che vengono a conoscenza di fatti produttivi di danno erariale. L art. 1 del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con modificazioni dalla L. 4 aprile 2012, n. 35 (Disposizioni urgenti in materia di 9

11 semplificazione e di sviluppo), modifica la legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 2, commi 8 e 9, in materia di conclusione del procedimento amministrativo e poteri sostitutivi, prevedendo che le sentenze passate in giudicato che accolgono il ricorso proposto avverso il silenzio inadempimento dell'amministrazione siano trasmesse, in via telematica, alla Corte dei conti. È evidente, in questo caso, la necessità di accertare se il silenzio della p.a. sia ricollegabile a condotte omissive gravemente colpose da parte di dipendenti pubblici, cui vanno addebitate, in caso di accertamento positivo, le spese connesse ai giudizi avviati nei confronti dell amministrazione. L art. 4 ter del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito con modificazioni dalla L. 26 aprile 2012, n. 44 (Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento), prevede che le inadempienze relative alla ripartizione dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie rilevano ai fini della responsabilità per danno erariale e devono essere segnalate tempestivamente al procuratore regionale della Corte dei conti. L art. 20 del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 134 (Misure urgenti per la crescita del Paese) prevede che l'agenzia per l'italia Digitale, preposta alla realizzazione degli obiettivi dell'agenda digitale italiana, nella attività di monitoraggio dell'attuazione dei piani di Information and Communication Technology (ICT) delle pubbliche amministrazioni, segnali alla Corte dei conti casi in cui si profilino ipotesi di danno erariale. L art. 3 decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 135 (Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini) prevede, in materia di locazioni passive per l allocazione di pubblici uffici, che l'agenzia del Demanio effettui la segnalazione alla competente procura regionale della Corte dei Conti, ove gli enti pubblici non territoriali 10

12 omettano di comunicare la disponibilità di immobili idonei per essere utilizzati in locazione passiva dalle Amministrazioni statali. Questioni controverse È mancato, nell anno trascorso, un organico intervento legislativo sul riparto della giurisdizione nei confronti di dipendenti ed amministratori di società in mano pubblica, che costituisce un tema di fondamentale importanza per il corretto perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica. Le Amministrazioni pubbliche, infatti, operano sempre più frequentemente attraverso società controllate, che perseguono fini propri delle amministrazioni partecipanti ed impiegano risorse e mezzi finanziari dalle stesse trasferiti. La gestione di tali società sfugge spesso ad un efficace controllo dell Amministrazione di riferimento, che sopporta, in termini finanziari, le conseguenze di comportamenti gestionali scriteriati e, talvolta, illeciti; inoltre, l azione delle Procure regionali viene spesso bloccata da regolamenti preventivi e ricorsi in Cassazione per motivi di giurisdizione o, talvolta, anche da arresti giurisprudenziali negativi della stessa Corte dei conti (per tutti: Sezione giurisdizionale Sicilia, sentenza n 2851/2012). La sussistenza della giurisdizione della Corte dei conti nei confronti di amministratori e dipendenti di società per azione a partecipazione pubblica costituisce, infatti, uno degli argomenti più dibattuti ed ancora controversi, in considerazione di un indirizzo non sempre univoco da parte delle Sezioni unite della Cassazione che, in un primo momento e dopo anni di chiusura, avevano esteso l ambito della responsabilità amministrativa per danno erariale anche nei confronti di amministratori di società, sostituendo, ad un criterio di attribuzione eminentemente soggettivo, che identificava l'elemento fondante della giurisdizione contabile nella condizione giuridica pubblica del soggetto agente, un criterio oggettivo fondato sulla natura pubblica delle risorse finanziarie adoperate e delle 11

13 funzioni in concreto esercitate (SS.UU., 26 febbraio 2004 n. 3899). L orientamento della Corte di Cassazione si consolidava negli anni successivi, divenendo pressoché costante (SS.UU, 5163/2004, 10973/2005, 4511/2006, 24002/2007, 4122/2007, 28048/2008). Tuttavia, con ordinanza n del 19 dicembre 2009, le Sezioni unite, rivedendo il precedente orientamento, hanno ritenuto che tali entità organizzative non perdono la loro natura di enti privati, che non sussiste il rapporto di servizio tra il soggetto agente e l ente pubblico titolare della partecipazione, né un danno direttamente arrecato all ente pubblico stesso. L indirizzo innovativo, pur avendo trovato ulteriore conferma in altri recenti arresti giurisprudenziali (Cassazione, SS.UU. 1419/2012 e, per ultimo, 3692/2012), non è, tuttavia, univoco. La Cassazione (SS.UU. 27 dicembre 2009 n e 3 marzo 2010 n. 5032), infatti, ha escluso l applicazione del proprio orientamento negativo per le società caratterizzate da uno statuto giuridico speciale, che evidenzi, con riferimento a specifici indici di riconoscimento, la natura sostanzialmente pubblica della società. La legislazione in materia è, inoltre, assolutamente inadeguata, ove si pensi che soltanto una disposizione di legge (art. 16 bis del decreto legge 31 dicembre 2007 n. 248, convertito dalla legge 28 febbraio 2008 n. 31), senza avere la pretesa di incidere in modo risolutivo sulla questione, attribuisce un riconoscimento, sia pure implicito, alla giurisdizione contabile, affermando che soltanto per le società con partecipazione pubblica inferiore al 50%, la giurisdizione spetta in via esclusiva al giudice ordinario; ciò lascia intendere che sussiste un area di competenza riservata ad altro giudice e, cioè, alla Corte dei conti, per le partecipazioni di importo superiore. Anche di recente sono state emanate norme che sembrano ampliare le possibilità di azione del requirente, seppure in relazione a specifiche ipotesi di illecito, estendendo ad amministratori e dirigenti di società 12

14 controllate talune ipotesi di responsabilità tipizzata (DL 6 luglio 2012, n. 95 convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012, n. 135) in ordine ad indebite attribuzioni di compensi (art. 4, comma 12) ovvero in caso di violazione dell obbligo di rispettare, in determinati ambiti, le convenzioni Consip (art. 1, commi 7 ed 8). Tanto premesso, a fronte di una giurisprudenza non univoca ed in presenza di una normativa non esauriente, risulta indispensabile ed urgente un intervento legislativo che riconosca esplicitamente la natura pubblica delle società partecipate e conseguentemente la sussistenza della giurisdizione del giudice contabile nei confronti degli amministratori e dipendenti; ciò al fine di consentire una effettiva tutela erariale in relazione a rilevantissimi danni erariali che, in assenza di una azione pubblica obbligatoria, rimarrebbero a carico della collettività. L ATTIVITÁ DELLA PROCURA REGIONALE I dati numerici La cerimonia per l inaugurazione dell anno giudiziario consente di esporre pubblicamente il contenuto delle attività svolte ed i risultati raggiunti a tutela della corretta gestione delle finanze e del patrimonio pubblico, nonché di evidenziare le difficoltà incontrate. In primo luogo va rilevato che, a fronte di un organico di 12 magistrati, sono in atto assegnati in Procura soltanto n. 8 magistrati, con una scopertura pari al 33%, superiore al tasso di scopertura nazionale; l organico ha subito, infatti, una ulteriore contrazione in conseguenza del trasferimento di un magistrato, senza che il posto reso vacante sia stato messo a concorso. Ciò, inevitabilmente, determina limitazioni all efficacia della funzione requirente, anche alla luce delle nuove attribuzioni previste dalla recente normativa (D. L. 174/2012, conv. in L. 213/2012). 13

15 Va, al riguardo, osservato che l ampliamento delle funzioni assegnate alla Corte dei conti non ha tenuto conto della necessità di potenziare gli organici, assolutamente inadeguati rispetto ai compiti sempre maggiori che il legislatore le affida in ogni settore. Si rileva, infatti, anche a livello nazionale, un preoccupante deficit numerico del personale di magistratura in servizio rispetto a quello previsto dalle piante organiche, rimaste peraltro invariate negli ultimi 50 anni, nonostante la regionalizzazione e l assegnazione di nuovi compiti. L organico complessivo del personale di magistratura è, infatti, pari a 607 unità ed in atto vi è una scopertura di ben 180 unità. Sarà, pertanto, compito del nuovo Parlamento e del Governo assicurare i mezzi necessari affinché la Corte dei conti possa adeguatamente svolgere le funzioni di garanzia ad essa demandate. In secondo luogo, va osservato che le regole procedurali, in specie quelle riguardanti il procedimento istruttorio, meriterebbero una pronta e necessaria rivisitazione per una maggiore incisività ed efficacia dell attività inquirente nell azione di contrasto agli illeciti erariali. I disegni di legge, presentati nella scorsa legislatura per l approvazione di un codice per i giudizi contabili, hanno segnato il passo nel loro iter parlamentare, sicché ancora oggi, applicandosi un regolamento di procedura dei primi anni del secolo scorso, non coordinato con le disposizioni del codice di procedura civile del 1942 e con tutte le riforme processuali successivamente intervenute, emergono numerose questioni interpretative sulla corretta applicazione di taluni istituti processuali, anche con riferimento alle norme sul giusto processo. Passando alla attività svolta, si rileva che i dati statistici contenuti nelle tabelle allegate alla presente relazione, evidenziano la rimanenza di un carico finale al 31 dicembre 2012 di n istruttorie, in diminuzione (14%) rispetto all omologo dato di inizio anno (5187). Nel corso dell anno sono state aperte n istruttorie, sono stati 14

16 eseguiti n atti istruttori di vario genere (richieste di atti, deleghe di indagini, audizioni personali ed accertamenti diretti) e sono stati emessi n decreti di archiviazione, di cui n in esito a svolgimento di attività istruttoria e n per notizie di danno ritenute manifestamente infondate per evidente assenza dei presupposti per l esercizio dell azione di competenza. Sono stati, inoltre, emessi: n. 156 inviti a dedurre nei confronti di 375 soggetti, a cui è stato contestato un danno di ,97 ( ,86 nel 2011); n. 105 atti di citazione (134 nel 2011), con richiesta di condanna nei confronti di n. 200 soggetti e per un importo complessivo di ,08 ( ,47 nel 2011). Sono state, inoltre, proposte n. 4 istanze di fissazione di termine per resa del conto, sono stati richiesti n. 4 sequestri conservativi, per un importo garantito di ,72 e sono stati formulati n. 858 conclusioni su conti giudiziali, ai sensi dell art. 31 del R.D. 1038/1933. Il decremento del dato relativo al numero delle istruttorie pendenti a fine anno rispetto all omologo dato di inizio anno, va ascritto allo smaltimento di un maggior numero di istruttorie soprattutto, con decreto di archiviazione per non proseguibilità dell attività istruttoria, determinata delle disposizioni in materia di criteri legittimanti l apertura delle istruttorie e lo svolgimento di indagini (art. 17, co. 30 ter, DL 78/2009). Le tabelle statistiche non contengono un dato, certamente rilevante, relativo al risarcimento spontaneo effettuato, a favore delle amministrazioni danneggiate, dai presunti responsabili del danno erariale: nell anno trascorso, infatti, risultano effettuati pagamenti spontanei, a seguito dell apertura dell istruttoria o della notifica dell invito a dedurre per ,50 ( ,50 nel 2011): l adempimento dell obbligazione risarcitoria ha consentito l archiviazione dell istruttoria per intervenuto 15

17 risarcimento del danno erariale. L analisi della tipologia delle istruttorie evidenzia che un rilevante numero (58%) è costituito da atti trasmessi in adempimento di obblighi di legge ed, in particolare, da delibere di riconoscimento di debiti fuori bilancio, la cui trasmissione alla Procura regionale è imposta dall art. 23 della legge 289/2002. Il rimanente numero di vertenze deriva da denunce, informative e comunicazioni di atti vari. Le denunce di danno trasmesse dalle amministrazioni danneggiate costituiscono soltanto il 13% di quelle complessivamente pervenute; la esiguità numerica delle denunce di danno erariale, provenienti da parte dei soggetti tenuti ex lege a tale adempimento, evidenzia una scarsa attenzione, da parte delle Amministrazioni, soprattutto della Regione e degli enti locali, dell obbligo di legge, la cui inosservanza determina conseguenze, a carico del soggetto inadempiente, anche sul piano patrimoniale. Numerose (16%) sono state, inoltre, le istruttorie aperte a seguito di denuncia da parte di cittadini, movimenti politici o sindacali, imprese, organi professionali ovvero sulla base di notizie stampa. Anche le magistrature ordinaria ed amministrativa e la Corte dei conti in sede di controllo hanno inoltrato informative di danno in relazione a vicende sottoposte alla loro trattazione (9%). La Guardia di Finanza e le altre Forze di Polizia, infine, hanno trasmesso informative di danno nella misura del 4% circa rispetto al totale. Con riferimento alle amministrazione danneggiate, va rilevato che il 15% delle denunce riguarda lo Stato, l 11% la Regione siciliana, il 64% gli enti locali, l 8% le aziende sanitarie ed ospedaliere ed il 2% gli enti pubblici e le società partecipate. Nel corso del 2012, come già rilevato, la Procura ha emesso n. 105 atti di citazione, convenendo in giudizio n. 200 soggetti, di cui n. 54 in 16

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE 1.1 TIPOLOGIE DELLE DENUNCE 1.1.1 Organi giurisdizionali 7 1.1.2 Organi amministrativi 385 1.1.3 Organi di controllo 3 1.1.4 Organi di informazione 121 1.1.5

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino

COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino * * * * * * REGOLAMENTO DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI (Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 3 del 6/03/2013) pag 1 Regolamento sui controlli interni

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Consigliere dott.

Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Consigliere dott. Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo Presidente dott. Ugo Marchetti Consigliere dott. Italo Scotti Consigliere

Dettagli

AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA

AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Al Comitato Portuale Oggetto: Punto n. 3 all ordine del giorno del Comitato Portuale del 25/10/2007. Variazione al Bilancio Previsionale 2007. Si propone l approvazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Procedure di conferimento degli incarichi professionali

Procedure di conferimento degli incarichi professionali Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi Parte II Procedure di conferimento degli incarichi professionali Approvato con delibera della Giunta dell Unione di Comuni n. 88 del 23/10/2012 Modificato

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO. Città di Follonica

REGOLAMENTO. Città di Follonica Città di Follonica per l affidamento di incarichi professionali e di collaborazione di elevata professionalità di cui al Decreto Legislativo 165/2001 e per incarichi di prestazione di servizi di cui al

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI MASSELLO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RICONOSCIMENTO DEBITI FUORI BILANCIO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il D.Lgs. 18.08.2000, n. 267 definisce

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 301/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 25 settembre 2012, composta

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013

La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013. Roadshow settembre-novembre 2013 La nuova Circolare CDP n. 1280 del 27 giugno 2013 Roadshow settembre-novembre 2013 1 Indice Pag. Scenario di riferimento Enti Locali 3 La nuova Circolare CDP n. 1280 4 Le nuove schede istruttorie 6 Cassa

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO IL CONTROLLO SULLA GESTIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI: IL RUOLO DELLA CORTE DEI CONTI ALLA LUCE DELLE MODIFICHE INTRODOTTE DAGLI ARTT. 1 E 1 BIS DEL D.L. 174/2012 (CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L.

Dettagli

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI SCUOLA FORENSE MILANO, 7 MARZO 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il mutamento del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa 1. Il trasferimento

Dettagli

P R O V I N C I A D I U D I N E P R O V I N C I E DI U D I N

P R O V I N C I A D I U D I N E P R O V I N C I E DI U D I N ALLEGATO (A) P R O V I N C I A D I U D I N E P R O V I N C I E DI U D I N SCHEMA DI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO PER L ATTIVITA DI COORDINAMENTO, CURATELA SCIENTIFICA E COORDINAMENTO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA Art. 1 Potere di esercizio dell autotutela 1. Il comune può procedere, in tutto o in parte, all annullamento, alla

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 5 DEL 15/06/2009

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 5 DEL 15/06/2009 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 5 DEL 15/06/2009 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI A SOGGETTI ESTERNI ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI PARMA. Art. 1 Oggetto Finalità-

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 [ Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 OGGETTO: Art. 36 bis - Legge n. 248/06 SOMMARIO: Interventi in materia di entrate e di contrasto al

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI VALLIO TERME - Provincia di Brescia - REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 1 del 30.04.2013 Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE 1 Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

REGOLAMENTO ELENCO OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI

REGOLAMENTO ELENCO OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI REGOLAMENTO ELENCO OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI PREMESSE Art. 1 ISCRIZIONE. Art. 2 - MODALITA. Art. 3 CASI DI NON ACCETTAZIONE. Art. 4 CASI DI SOSPENSIONE DELL ISCRIZIONE. Art. 5 CANCELLAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli

Modifiche e integrazioni intervenute con legge n. 69/2009

Modifiche e integrazioni intervenute con legge n. 69/2009 LEGGE 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi. (Articoli 2 e 7) Testo storico Art. 2 Modifiche e integrazioni intervenute

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

ART. 1 (finalità ed ambito applicativo)

ART. 1 (finalità ed ambito applicativo) OGGETTO: Approvazione Regolamento recante disciplina per il conferimento di incarichi di collaborazione, di studio di ricerca, di consulenze, ovvero ogni altra tipologia di collaborazione autonoma, a soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana. composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana. composta dai magistrati: Del. n. 1/2012/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sezione Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Graziella DE CASTELLI Relatore - Cons. Raimondo POLLASTRINI

Dettagli

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Circolare n.1 DEFINIZIONE LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA

Dettagli

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE A.- POLIZZA R.C. PROFESSIONALE 1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE POLIZZE. La polizza Assicuratrice Milanese spa regolamenta il profilo in esame all art. 16 n. 2 delle condizioni

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR

Deliberazione n. 119/2015/PAR Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 11,

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 Attuazione del decreto-legge

Dettagli

Publika.it. Del. n. 452/2012/PAR

Publika.it. Del. n. 452/2012/PAR Assunzione a tempo determinato per sostituzione maternità e art. 9, comma 28, d.l. 78/2010 Corte dei Conti Toscana, deliberazione n. 452/2012/PAR del 12 dicembre 2012 commento e testo Publika.it La Corte

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI ALLEGATO A) QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI Data Attività Soggetto competente 30 marzo di ogni anno Comunicazione al Responsabile della prevenzione della corruzione e al nucleo di valutazione, della

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE AI SENSI DELL ART.53 DEL D.LGS.165/2001 ( approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti di: Carmine Lasco Dottore Commercialista (art. 239, comma 1, T. U.E. L. ) Le funzioni obbligatorie dell'organo di revisione sono così riassumibili: collaborazione

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 64 DEL 17/3/2014 OGGETTO: Vertenza Comune di Bari Sardo / Società Ecologica di F. Podda srl Villasor. Tribunale Civile

Dettagli