PROGRAMMA INTERSETTORIALE DI PARTENARIATO CON LA MUNICIPALITA DI CHONGQING.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA INTERSETTORIALE DI PARTENARIATO CON LA MUNICIPALITA DI CHONGQING."

Transcript

1 ROMA 27 gennaio 2013 PROGRAMMA INTERSETTORIALE DI PARTENARIATO CON LA MUNICIPALITA DI CHONGQING. Presentazione, scopi e proponenti. Con questo documento si delinea un Programma di attività attualmente in corso di svolgimento nella Municipalità a Statuto Speciale di Chongqing, con l auspicio che esso possa risultare di interesse complessivo per l azione condotta dal Governo Italiano in Cina, ed essere posto al servizio anche di altri attori interessati ai mercati della Cina Sud Occidentale. Nei paragrafi che seguono si descrivono le linee di intervento costitutive del Programma: 1. Attività di collaborazione con l'università di Chongqing, situazione e possibili sviluppi in termini di accordo quadro; 2. Partenariati in materia di Sviluppo urbano e Sostenibilità energetica della Municipalità di Chongqing ; 3. Studio di Fattibilità sulle opportunità per il trading italiano dal nuovo sistema logistico e ferroviario intercontinentale di Chongqing (Eurasian Land Bridge). Il Programma può anche generare occasioni di presenza istituzionale e culturale italiana in Chongqing, funzionali ad un complessivo rafforzamento di immagine del sistema Italia: - Evento di presentazione dell offerta interuniversitaria italiana in Chongqing; - L Architettura Italiana per la Cina, mostra con presentazione del Concept Italiano (già realizzato) per il Recupero del Dalitang, monumento simbolo di Chongqing (in concomitanza con la Green Building & Decoration Fair di maggio 2013); - Adesione al Simposio Italia-Chongqing in materia di Energia ed Ambiente, proposta dall Istituto per l Energia di Chongqing. Per ciascuna di queste iniziative sono in corso verifiche di fattibilità, con buona prospettiva di copertura autonoma dei costi. Il Programma è realizzato nei settori di rispettiva competenza dalla Scuola Superiore Sant Anna di Pisa (che ha costituito nel 2007 a Chongqing l Istituto di Cultura Italiana Galileo Galilei) e dalla Fondazione A.A.M. Architettura Arte Moderna di Roma, che operano sulla base di un accordo di mutua collaborazione (profili istituzionali, asset e personalità impegnate sono descritti in Appendice). Il programma può quindi operare sulla base di strutture dedicate, sia in Italia che in Cina, e perseguire simultaneamente la cooperazione universitaria e l internazionalizzazione dei settori di attività collegati. Il programma si ispira alla metodologia del partenariato internazionale di reciprocità, che implica l azione di istituzioni con forte radicamento territoriale, e valorizza i nuovi strumenti con cui la legislazione italiana 1

2 intende favorire l internazionalizzazione di distretti e settori economici (in particolare, le Reti di Imprese, ex lege 30 luglio 2012, n.122). Questa impostazione potrebbe condurre ad intese quadro di partenariato con la Municipalità di Chongqing, per le quali sembrano sussistere oggi circostanze negoziali favorevoli (determinate, in generale, dalla esigenza della nuova leadership di qualificarsi come interlocutore di rango internazionale, e sostenere i ritmi di sviluppo accesi dalla leadership precedente). Per le finalità di internazionalizzazione le linee di intervento sono state individuate e disegnate sulla base di una attenta analisi delle esigenze di fatto e delle politiche di sviluppo di Chongqing, e degli interessi simmetrici del sistema Italia. Le aree di attività sono loro strettamente integrate sotto il profilo funzionale e finanziario, contribuendo ciascuna a massimizzare i risultati delle altre. I servizi per operatori terzi (introduzione, accompagnamento, sviluppo contrattuale, analisi) possono così essere erogati a costi marginali estremamente contenuti. 1. Partenariato interuniversitario con la Chongqing University: situazione e prospettive di formalizzazione istituzionale. Il collegamento con l Università di Chongqing prende le mosse nel 2004 con la visita di Stato del Presidente Ciampi, per iniziativa della S. S. Sant'Anna di Pisa. L'Università di CQ sovrintende a diversi college per un totale di oltre studenti. Ha recentemente avviato un intenso percorso di internazionalizzazione (cui stanno rispondendo USA, Australia, Germania) in cui l Italia è invitata ad inserirsi. Nello sviluppo del Programma di partenariato, la A.A.M. Architettura Arte Moderna ha aggiunto alle iniziative della S.S.Sant'Anna, un ampia azione per promuovere interessi e proposte didattiche da parte di progettisti e teorici del territorio, della città, dell'architettura e del design, che partecipano alle sue attività, spesso essendo essi stessi ordinari di facoltà di Architettura ed Ingegneria. L azione di sensibilizzazione ha trovato risposta positiva presso importanti Università e Scuole di alta formazione. Oltre alla A.A.M. Architettura Arte Moderna, aderiscono all iniziativa le Facoltà di Architettura della Sapienza, Roma Tre, Reggio Calabria, Matera, Politecnico di Bari (lo IUAV di Venezia sta considerando la possibilità di partecipare). La LUISS Guido Carli B.S. è interessata a realizzare un Master in tema di Management dello Sviluppo Urbano e Territoriale. La Assoknowledge, organismo confindustriale dedicato alle imprese innovative, curerà la partecipazione delle Corporate Universities italiane, specie nelle materie delle tecnologie ICT e della Logistica. La Facoltà di Diritto Romano della Sapienza che gestisce con l Università di Tor Vergata il Centro di Studi sulla Codificazione e la Formazione del Giurista in Cina, assicurerebbe il modulo didattico in diritto dell urbanistica. La Fondazione Bioarchitettura estenderebbe a Chongqing il Master in Architettura sostenibile che oggi svolge su base europea. 2

3 E quindi possibile presentare all Università di Chongqing una proposta di offerta didattica che copre gli ambiti fondamentali dell Architettura, del Design, della Pianificazione Urbana e Territoriale, e promette di favorire ampi collegamenti per le industrie italiane dei settori collegati 1. Il Progetto prevede di concentrare l offerta su corsi master e di dottorato, che si svolgerebbero in parte in Cina e soprattutto in Italia. Ciò in maniera da coprire i costi sulla base delle tariffe di equilibrio normalmente in vigore sul mercato internazionale. L iniziativa avrebbe comunque anche l effetto di rafforzare in Chongqing l offerta italiana di corsi universitari di base, secondo il modello già promossi dal Governo italiano in altre città e Paesi. Nel corso del mese di dicembre 2012 è stata manifestata al Ministero degli Affari Esteri la richiesta di indire una riunione tra gli Istituti Universitari coinvolti, in modo da solidificarne il coordinamento e legittimarne le spese per missioni in Cina. Ove recepito l interesse del Ministero, l offerta di partenariato didattico in materia in Design, Architettura e Sviluppo della Città Sostenibile potrebbe divenire oggetto di un Accordo Quadro Interuniversitario con l Università di Chongqing, e preludere ad una rapida attivazione dei progetti formativi (evitando le lungaggini preliminari degli accordi bilaterali di Ateneo). Lo stesso Rettorato della Chongqing University ha condiviso l impostazione che la didattica (proprio per il suo carattere post-lauream) sia occasione di contatti tra imprese e focalizzata sulle tematiche rilevanti per lo scambio commerciale. In tal modo, radicando in Chongqing specialisti e docenti italiani nelle materie strategiche dello sviluppo, il Programma universitario sarebbe acceleratore delle iniziative di partenariato economico di cui ai paragrafi che seguono. 2. Partenariati in materia di Sviluppo urbano e Sostenibilità energetica della Municipalità di Chongqing, partecipazione ad eventi e simposi sul tema Habitat ed Energia. Per mettere a fuoco l'intreccio tra innovazione/crescita urbana di CQ ed i nuovi possibili mercati per l'industria italiana dell'ambiente, dell energia e dei materiali da costruzione, la S.S. Sant Anna e la A.A.M. Architettura Arte Moderna, hanno dato luogo ad un Osservatorio sulle Politiche di Sviluppo di Chongqing che si opera presso il citato Istituto Galileo Galilei di Chongqing. Come prima iniziativa l Osservatorio ha varato una apposita ricerca di campo, dal titolo "Prospettive dell'edilizia ecosostenibile nella Municipalità di Chongqing", tema che è parte integrante della questione energia/ambiente adottata come priorità nella programmazione della Municipalità (e riaffermata nel recente Plenum del PCC come prioritaria sia per le amministrazioni nazionali che per quelle territoriali). La ricerca rende risultati per fasi 2, e fin da ora ha permesso di rilevare problemi ed opportunità connessi alla realizzazione della politica di miglioramento edilizio di CQ. In estrema sintesi, dalla ricerca emerge come il collocamento sul mercato cinese di servizi professionali di progettazione sia assolutamente 1 Vi è anche da segnalare che è anche in corso di sviluppo un azione di sensibilizzazione nei confronti di istituzioni dell arte e della cultura (Accademia di Brera, Roma Europa Festival, Fondazione Puccini di Torre del Lago) nell ipotesi di aprire una partnership con il College di Chongqing sulle arti sceniche e figurative. 2 La ricerca è condotta da giovani ricercatori, che vengono seguiti dall Italia e da Chongqing, ed è basata su interviste ad immobiliaristi ed altri opinion leader, con rilevazioni dirette e statistiche raccolte localmente. 3

4 fondamentale per il trading dei prodotti correlati 3 : è necessario porre professionisti italiani nelle sedi ove assumono le scelte su tecnologie e materiali impiegati. Queste osservazioni confermano l impostazione complessiva del Programma qui proposto, che integra l accompagnamento all internazionalizzazione di impresa, con l offerta di alta formazione, e di servizi professionali di progettazione. Nel corso dello svolgimento dell indagine di terreno sono stati accesi importanti contatti con personalità del sistema locale dell Habitat e dell Energia. A seguito di questi contatti è stato siglato un importante Accordo di collaborazione tra l Istituto di Chongqing per l Energia e l Istituto Galileo Galilei in rappresentanza del Programma, per favorire la presenza di imprese e professionalità italiane sui mercati di Chongqing. In particolare è stato manifestato interesse ad una forte presenza italiana nell ambito di due Eventi: A. Decoration & Green Building Fair, evento annuale importante che si tiene nelle giornate del 14 e 15 di maggio; B. Simposio Sino Italiano su Energia e Ambiente in Chongqing, evento mai prima d ora realizzato, proposto dall Istituto per l Energia di Chongqing (in una data da definirsi). Le due manifestazioni possono essere occasione per una importante presenza istituzionale italiana. Per sottolineare l importanza dei due appuntamenti in una strategia di radicamento italiano in Chongqing, si sottolinea che: La Decoration & Green Building Fair (unica nel settore per la Cina Occidentale) si caratterizza per unire al tema tecnologico quello dell estetica e delle applicazioni di design. In tal modo costituisce una occasione estremamente favorevole per il brand e le competenze italiane: il nesso tra tecnologie e qualità del design è l elemento di forza che può caratterizzare il brand del nostro Paese nella competizione internazionale sulle tecnologie per il territorio. Infine, la Fiera può essere l'occasione per presentare simultaneamente l'offerta italiana sui due mercati complementari del prodotto e della progettazione. La partecipazione alla Fiera potrebbe essere occasione per una importante manifestazione culturale: si potrà organizzare una importante Mostra della architettura contemporanea italiana per la Cina 4, e si potranno esibire alle Autorità della Municipalità i concept di progettazione che la A.A.M. Architettura Arte Moderna ha già realizzato per il recupero del Dalitang, monumento simbolo della Città di Chongqing. 3 Il tema quest ultimo emerso anche nel corso di una recente conversazione con il Direttore dell Ufficio ICE di Shanghai, dott. Maurizio Forte. Sotto i profili di mercato, la Ricerca indica come componenti attese di una offerta partenariale e commerciale dall estero: - una crescente domanda per dispositivi da applicare all'edilizia (Isolamenti termici, Riscaldamento a pavimento, Condizionamento, Geotermia, nuove soluzioni per l'energia rinnovabile); - urgente esigenza di servizi professionali di alto livello, sia in materia di certificazione delle realizzazioni, che in materia di armonizzazione tra qualità tecnica e design dell'architettura. 4 Nella circostanza, oltre alla esibizione di modelli e prototipi delle più recenti realizzazioni dell Architettura Italiana in Cina (Progetti di Fuxas, Gregotti, Cucinella, Occhiuto, ed altri) si potrebbe presentare l auspicata edizione in lingua cinese del testo L Architettura Italiana per le Città della Cina realizzata dalla Accademia Nazionale di San Luca in occasione dell Expò di Shanghai 2010 (attualmente disponibile in italiano ed inglese). 4

5 Il Simposio Italia-Chongqing su Energia e Ambiente permetterebbe un incontro di alto livello tra istituzioni, università, imprese e progettisti in materia di energia ed ambiente dando il via ad un percorso di interscambio non solo di competenze, ma anche di capitali ed impianti, aprendo la geografia economica di Chongqing ad un ampio partenariato con le principali industria italiane. L iniziativa permetterebbe altresì di raccordare il partenariato con Chongqing lungo il consolidato sentiero di cooperazione istituzionale dell Italia con la Cina in materia di Ambiente ed Energia. La Scuola Superiore Sant Anna e la A.A.M. Architettura Arte Moderna, in virtù dei loro storici collegamenti con gli ambienti leader sia nella ricerca applicata che nella progettazione architettonica ed urbana, possono assicurare il più alto livello nella concettualizzazione e nella partecipazione agli eventi sopra menzionati. L azione volta a costituire gruppi di interesse imprenditoriali per gli eventi sopra menzionati è stata già avviata. La metodologia di associazione adottata dal Programma prevede l individuazione ed il coinvolgimento attivo di leader di Rete, istituti ed imprese che da anni promuovono ricerche, coordinamenti, modelli contrattuali e strategie di mercato in relazione alle tematiche dell innovazione ambientale e territoriale, in Italia ed in Europa. Soggetti, quindi, in grado di canalizzare nel tempo molteplici imprese nelle aree di mercato aperte in Chongqing. I consensi acquisiti permettono di prevedere la partecipazione di Reti di Impresa collegate alle: - tecnologie ICT applicate ai trasporti innovativi (mobilità elettrica), risparmio di energia in ambito industriale e residenziale; - innovazioni costruttive in grado di abbattere le esigenze energetiche degli edifici, e dispositivi di micro- generazione di energia, domotica; - innovazioni tecnologiche connesse al riciclo delle materie industriali sulla base di tecnologie (di concezione italiana) con impatto ambientale drasticamente ridotto e meno esigenti di energia. Per tali scopi, i progetti operativi per la partecipazione italiana a tali eventi verranno sottoposti ad ICE, Camere di Commercio, SIMEST, Ministero dell Ambiente. Sulla base di fondi prevalentemente UE - dedicati alla internazionalizzazione di Reti di Impresa si studieranno le modalità per finanziare la presenza di operatori dell industria italiana. 3. SdF sulla Ferrovia Transeurasia (CQ-Europa) e connesso sistema di Free-Trade Area: trading versus delocalizzazione In una prospettiva di accordo quadro per l introduzione dell offerta italiana nello sviluppo della Municipalità di Chongqing, e più in generale della Cina Sud Occidentale, una speciale attenzione merita l analisi delle nuove imponenti infrastrutture di collegamento internazionale recentemente realizzate e diventate operative in Chongqing: - la linea ferroviaria diretta Chongqing-Dortmund, detta Transeurasia, entrata in operatività nel febbraio dello scorso anno; - l infrastruttura logistica di Cuntan Bonded Area nella regione urbana di Liangjiang, già operatva ed in via di ulteriore espansione, strettamente connessa al nuovo arco di ferrovie ed autostrade che innervano la Cina Occidentale, ed all asta fluviale che da queste regioni conduce a Shanghai. Nel loro insieme, le due infrastrutture sono al centro del programma di sviluppo della Municipalità di Chongqing. Si può dire che costituiscano una sorta di prolungamento territoriale, un arto che proietta la metropoli nella piattaforma intercontinentale, al servizio del pensiero strategico di Chongqing (in questo 5

6 legame tra assetto fisico ed intenzionalità strategica risiede il senso profondo per cui Chongqing è una smart city ): - costituiscono il supporto fisico fondamentale per la caratterizzazione di Chongqing come metropoli internazionale, con ruolo di capitale economica per il ben più vasto spazio territoriale della Cina del sud-ovest. Questi asset sono specialità di Chongqing. Ed assicurano alla metropoli un ruolo di leadership nel Piano di Sviluppo Nazionale, quand anche ad essa si affiancasse Chengdu in uno schema di condensazione metropolitana a grande scala, non nuovo in Cina 5 ; - stanno dando vita ad una nuova condensazione di edifici residenziali e direzionali, sono destinate a produrre non solo una trasformazione dell economia, ma anche una trasformazione della sociologia, sollecitata ad integrarsi con quella dei Paesi Europei e non Europei coinvolti nella nuova relazione infrastrutturale 6 - infine, il loro successo costituisce banco di prova della nuova dirigenza politica insediata in Chongqing dopo il rinnovo degli organi di Governo Nazionale intervento nel recente Plenum del PCC. Per tutti questi motivi la coppia di sistemi infrastrutturali è al centro dell attenzione del presente Programma, sia per l impostazione delle attività di ricerca universitaria su città e territorio, sia per l allestimento di una base analitica di conoscenze nell interesse delle imprese italiane. Sia, più in generale, per valutare la fattibilità di una impostazione negoziale del rapporto Italia - Chongqing centrata sull offerta di partecipazione alla questione decisiva dello sviluppo locale. Gli enti di Chongqing preposti alle due infrastrutture sono stati oggetto di approfondite interviste nel corso delle analisi di campo. In rapida sintesi, essi sono sembrati ansiosi di accogliere nuove proposte di partnership, allo scopo di posizionare le nuove infrastrutture logistiche sul percorso di break-even (che è in ritardo specie per la carenza di trasporto generato dall'europa). Sono quindi disponibili in questa fase a favorire l'incremento della domanda concedendo tariffe fuori mercato e speciali condizioni di accesso, quali trasporti sperimentali, e raccordo con vagoni provenienti da linee ferroviarie diverse (che possono essere aggregati alla Transeurasia al suo passaggio della frontiera con la Russia). In questo contesto, l'idea di una politica di incoraggiamento della domanda di trasporto proveniente dall'italia è particolarmente ben vista. Ciò sembra giustificare la realizzazione di un apposito studio di fattibilità sulla convenienza per l'italia ad utilizzare il sistema Transeurasia + Free Trade Area di CQ, può essere da sviluppare in due step: a - analisi di convenienza a promuovere traffici dall Italia sulla base del tracciato attuale della linea (Chongqing-Duisburg: 12/14 gg); b - proposta di un tracciato supplementare, con diramazione sul sistema intermodale veneto-padano ed i porti mediterranei (previsione a 2 anni, con rilancio del Corridoio V). 5 Geografie di sviluppo condensate su polarità metropolitane di grande scala sono quelle che legano Guangzhou a Shenzhen, ed a nord il pendolo Pechino a Tianjin. Questa metodologia dii politica regionale spiega la recente concentrazione di investimenti anche in Chengdu. Destinati che siano a confermarsi o meno i rumours che predicono anche per quest ultima città l acquisizione dello status di Municipalità; 6 Già oggi si avverte in città una presenza significativa di giovani professional provenienti dalle Repubbliche ex sovietiche ed una offerta culturale ispirata alla modernizzazione del retaggio di quei Paesi e della Cina interna. 6

7 Per l Italia, tra le questioni centrali dell'analisi di fattibilità vi è la verifica dell'ipotesi che la Transeurasia+FTArea determini, con riferimento ai mercati emergenti della Cina Centrale, un rovesciamento della convenienza tra strategie di localizzazione in Cina e strategie di trading, migliorando dunque i nostri risultati di export. Questo fenomeno sembra particolarmente interessante per settori quali: macchine utensili (da proporre alle numerose zone industriali in corso di sviluppo) e abbigliamento (la modernizzazione dei mercati interni alla Cina esige oggi metodologie commerciali che si approssimano alla metodologia del just in time). Al solo scopo di sottolineare l importanza della Linea Transeurasia nello scambio globale tra l Europa e la Cina basti considerare che la compagnia navale danese Maersk Line, per reagire alla concorrenza della nuova linea ferroviaria, ha immediatamente lanciato un nuovo servizio marittimo Daily Maersk basato su trasporti quotidiani, per eguagliarne la trasparenza e la rapidità dei tempi di consegna. Risorse per condurre lo studio menzionato per il quale l ICE e Confindustria hanno mostrato interesse - sono attualmente in corso di reperimento APPENDICE Soggetti attuatori del Programma La Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, istituzione prestigiosa nel campo dell istruzione universitaria e della ricerca, favorisce da molti anni le relazioni di partenariato tra le istituzioni e le imprese della Regione Toscana con la Cina. Ha avviato le relazioni con le Università cinesi a seguito dell impulso alla cooperazione bilaterale avutosi con la visita a Pechino del Presidente Ciampi nel 2004, opera a Chongqing ed a Pechino, con programmi di scambio in materia di ricerca scientifica ed applicazioni tecnologiche, e promuove lo svolgimento di corsi di dottorato e post-dottorato nelle materie del management d impresa riconoscimento accademico in Italia e Cina. Ha dato luogo all insediamento in Chongqing dell Istituto di Cultura Italiana Galileo Galilei, ed in Pisa dell Istituto di Cultura Cinese Confucio espressione dell Università di Chongqing. Il Direttore di entrambi gli Istituti, prof. Nicola Bellini, è stato insignito a Pechino del dicembre u.s. dei titolo di Miglior Direttore di Confucio nel Mondo per l anno L'Istituto di Cultura Italiana Galileo Galilei in Chongqing, di cui è coordinatore residente il dott.mattia Bellomi, promuove un intenso scambio di relazioni accademiche per conto di diverse Università italiane, ed ha da tempo in atto una attività di monitoraggio sulla trasformazione di Chongqing e dei relativi mercati, attività già apprezzata dagli Uffici dell'ice in Cina e dalla Direzione Internazionalizzazione di Confindustria. Accompagna numerose missioni imprenditoriali ed istituzionali in Cina ed in Italia (Regione Toscana in particolare) in collaborazione con Toscana Promozione. 7 Il Prof. Nicola Bellini è professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. Dal 2009 al 2011 è stato direttore dell'istituto per la programmazione economica della Toscana (IRPET). E Fellow della Regional Studies Association e Membro della Academy of Social Sciences (U.K.). Dal 2005 coordina lo sviluppo delle attività della S.S.Sant Anna in collaborazione con la Chongqing University. Dal 2007 è direttore del Galileo Galilei Italian Institute creato presso la Chongqing University. Dal 2008 presiede l Advisory Board dell Istituto Confucio di Pisa di cui è co-direttore dal gennaio E' inoltre Presidente della Associazione Toscana Cina Insieme. 7

8 L attività dell istituto si avvale anche di un numero significativo di giovani funzionari che parlano italiano e cinese, e sulla presenza di stagisti universitari. Tale importante capitale umano consente lo svolgimento delle attività di Osservatorio segnalate nei paragrafi del Programma. A.A.M. Architettura Arte Moderna è istituzione attiva dal 1978 nei campi della critica e della promozione dell arte, dell architettura e dell urban design. Fondata dal Prof.Francesco Moschini, ordinario presso il Politecnico di Bari ed attualmente anche Segretario Generale dell Accademia Nazionale di San Luca. La A.A.M., dispone della più ampia raccolta di disegni d architettura oggi esistente in Italia, ed ha realizzato innumerevoli pubblicazioni ed iniziative di primaria importanza nel settore. La A.A.M. ha preso parte all EXPO di Shanghai avviando con la Cina un dialogo culturale e professionale sulle materie del disegno urbano e lo sviluppo delle metropoli. Presso il Polo Tecnologico Tiburtino di Roma, dove opera in partnership con la FGTecnopolo, società leader di ingegneria, dispone di un importante spazio espositivo per modelli d architettura, uffici ed attrezzature per la progettazione, lo svolgimento di workshop di carattere formativo ed il coordinamento industriale. Coordinatore delle attività per la Cina è il dott. Giulio Lamanda 8. 8 Il Dott. Giulio Lamanda è Direttore del Progetto Cina della A.A.M. Architettura Arte Moderna, fondazione dedicata alla promozione dell Arte, dell Architettura e dell Urban Design (il cui Presidente, prof.francesco Moschini, è anche titolare dell Accademia Nazionale di San Luca), presente in Cina dall EXPO di Shanghai Dal 1984 al 2002, è stato membro del Nucleo di Valutazione del Ministero dell Economia (oggi MISE), con gli incarichi, tra gli altri, di Coordinatore dei Gruppi di Lavoro Aree Urbane e Metropolitane ed Internazionalizzazione. Dal 2002 al 2009, Coordinatore del Nucleo di Valutazione ex lege 144/89 del Ministero degli Affari Esteri, seguendo in particolare l istruzione della Politica di Internazionalizzazione delle Regioni, ed il Comitato Intergovernativo Italia- Cina, in particolare con focus sui temi della cooperazione tra aree metropolitane. 8

Proposta di servizi per Studio di Fattibilità Posizionamento del sistema Italia nel percorso di sviluppo della metropoli di Chongqing.

Proposta di servizi per Studio di Fattibilità Posizionamento del sistema Italia nel percorso di sviluppo della metropoli di Chongqing. Proposta di servizi per Studio di Fattibilità Posizionamento del sistema Italia nel percorso di sviluppo della metropoli di Chongqing. Autori della Proposta Segue nel testo una riflessione sulle ipotesi

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Comunicare il Turismo Sostenibile

Comunicare il Turismo Sostenibile UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE Comunicare il Turismo Sostenibile Master di primo livello Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2012-2013 /

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR?

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR? La Comunità Europea presenta EPIQR. Questo software nasce per ripensare e migliorare la gestione degli immobili, sensibilizzando in particolare sugli aspetti energetici e di qualità dell ambiente interno

Dettagli

Conferenza Stampa. Italia degli Innovatori 2011-2012. Roma, 21 dicembre 2010

Conferenza Stampa. Italia degli Innovatori 2011-2012. Roma, 21 dicembre 2010 Conferenza Stampa Italia degli Innovatori 2011-2012 Roma, 21 dicembre 2010 1 Sommario Il progetto Italia a degli Innovatori 2011/2012 0 I Workshop dell innovazione Il sito internet t dell Agenzia 2 Il

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ DELLA RETE DI INCUBAZIONE POLICENTRICA FIORENTINA Tra Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Laurea in D.M. 270/04 SCUOLA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA SCUOLA DI INGEGNERIA DEI SISTEMI SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ LAUREA MAGISTRALE IN

Laurea in D.M. 270/04 SCUOLA DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA SCUOLA DI INGEGNERIA DEI SISTEMI SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ LAUREA MAGISTRALE IN Laurea in D.M. 270/04 LAUREA MAGISTRALE IN (D.M. 270/04) I nuovi scenari La sfida ambientale Le potenzialità della tecnologia Le dinamiche dell innovazione 2 Queste sfide richiedono: Nuove abilità e aggregazioni

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 Negli ultimi anni le amministrazioni pubbliche, e in particolar modo le Regioni, sono coinvolte in un processo di forte cambiamento dettato dalla

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE

Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Il ruolo di Invitalia come Agenzia nazionale per l attrazione di IDE Giuseppe Arcucci Torino, 24 Febbraio 2011 Il quadro

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

SMART BUILDING IN TORINO SMART CITY Torino, 28.09 01.10.2011. Invito a presentare candidature

SMART BUILDING IN TORINO SMART CITY Torino, 28.09 01.10.2011. Invito a presentare candidature SMART BUILDING IN TORINO SMART CITY Torino, 28.09 01.10.2011 Invito a presentare candidature 1 Obiettivi La Città di Torino nel febbraio 2011 si è candidata formalmente a diventare una Smart City, iniziativa

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Spazio Italia alla Green Building & Decoration Fair di Chongqing. Proposta Operativa

Spazio Italia alla Green Building & Decoration Fair di Chongqing. Proposta Operativa Spazio Italia alla Green Building & Decoration Fair di Chongqing. Proposta Operativa per il Patrocinio ed il sostegno da parte delle Istituzioni italiane 27 febbraio 2013 Indice 1. Caratterizzazione e

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO CENTRO DI SICUREZZA STRADALE (DISS) (Centro Universitario ai sensi dell art.6 del Regolamento per l Istituzione ed il funzionamento dei Centri Universitari,

Dettagli

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA + Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca, nel seguito denominato

Dettagli

II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation

II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation Cos è una Destination Management Organisation DMO? Il Destination Management è l insieme

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Comune di Beinasco Comune di Bruino 18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Oltre i campi 0/6 CIdiS 1 Premessa Allo scopo di fornire un contributo, che auspichiamo

Dettagli

Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE

Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE Milano 22 25 maggio 2007 Presentazione PROGETTO DI COMUNICAZIONE Premesse Azione di marketing urbano promossa da: -Comune di Venezia -CCIAA di Venezia VENEZIA CITTA

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO OPERATIVO RELAZIONI INTERNAZIONALI. Aula Magna Rettorato 27 Maggio 2009

PRESENTAZIONE PROGETTO OPERATIVO RELAZIONI INTERNAZIONALI. Aula Magna Rettorato 27 Maggio 2009 PRESENTAZIONE PROGETTO OPERATIVO RELAZIONI INTERNAZIONALI Aula Magna Rettorato 27 Maggio 2009 1 Background e situazione attuale Roma Tre nasce dichiarando una forte vocazione internazionale; Le principali

Dettagli

Ricerca e innovazione al Politecnico di Milano

Ricerca e innovazione al Politecnico di Milano Ricerca e innovazione al Politecnico di Milano La tradizione Il Politecnico di Milano da sempre punta sulla qualità e sull'innovazione della didattica e della ricerca sviluppando un rapporto fecondo con

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE D.R. n. 95 del 22 marzo 2011 (modificato con D.R N. 106 del 25 marzo 2011) Il Progetto speciale Ricerca di Eccellenza - Ricercatori si propone di facilitare l'avvio, la prosecuzione o il completamento

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

VI CHINA-ITALY INNOVATION FORUM - CIIF IX SINO ITALIAN EXCHANGE EVENT SIEE

VI CHINA-ITALY INNOVATION FORUM - CIIF IX SINO ITALIAN EXCHANGE EVENT SIEE VI CHINA-ITALY INNOVATION FORUM - CIIF IX SINO ITALIAN EXCHANGE EVENT SIEE Call per la partecipazione alla China Italy Science, Technology & Innovation Week 2015 per promuovere la collaborazione italo-cinese

Dettagli

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM SEDE DI HANOI Iniziativa SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM - Missione di formulazione TERMINI DI RIFERIMENTO I. Informazioni generali

Dettagli

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti La nostra filosofia L impresa crea più valore se lo fa per tutti Nata nel 2008, VerA offre consulenza specializzata nelle Relazioni Istituzionali e fornisce supporto e assistenza a tutte quelle realtà

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene.

cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene. cooperazione e sviluppo locale via Borgosesia, 30 10145 Torino tel. 011.74.12.435 fax 011.77.10.964 cicsene@cicsene.org www.cicsene.org cooperazione e sviluppo locale progetto CASA tecniche urbane percorsi

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli