PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE (A.G.O. e forme sostitutive)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE (A.G.O. e forme sostitutive)"

Transcript

1 PRO-RATA DAL 2012 La quota di pensione per l anzianità contributiva maturata dal 1 gennaio 2012 in poi sarà calcolata con il sistema contributivo. Dal 2012, quindi, le pensioni saranno calcolate soltanto con il sistema misto o contributivo. CERTEZZA DEL DIRITTO Coloro che hanno maturato tutti i previsti dalla normativa precedente L.247/07 e L.122/2010 entro il 31/12/2011 continuano ad accedere alla pensione con i e le decorrenze dellastessa normativa, con possibilità di richiedere all Ente previdenziale di appartenenza la certificazione del diritto. quota 96 con età minima 60/61 e 36 o 35 anni di contributi con applicazione della finestra mobile di 12 mesi Tale richiesta non è vincolante per la salvaguardia dei diritti acquisiti, né esistono termini perentori per la sua proposizione. La certificazione, inoltre, ha una funzione dichiarativa e non costitutiva del diritto. Continuano ad accedere con la normativa precedente anche i lavoratori Fiat che maturano il requisito alla pensione entro il 31/12/2017 a seguito "dell'accordo sindacale sottoscritto per la conversione del sito industriale di Termini Imerese. PENSIONI Per coloro che maturano i dal 1 gennaio 2012 in poi sono previsti solo due tipi di pensione: - PENSIONE DI VECCHIAIA - PENSIONE ANTICIPATA (con età anagrafica inferiore a quella per la vecchiaia) PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE (A.G.O. e forme sostitutive) Requisito anagrafico DIPENDENTI Requisito anagrafico AUTONOME e GESTIONE SEPARATA Requisito contributivo Dall anni 63 anni e 6 mesi 20 anni Dall anni e 6 mesi 64 anni e 6 mesi 20 anni Dall anni 65 anni e 6 mesi 20 anni Dall anni 66 anni 20 anni Ai anagrafici si sommano gli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+3 mesi dal 2013)

2 PENSIONE DI VECCHIAIA UOMINI - DONNE PUBBLICO IMPIEGO Requisito anagrafico Requisito contributivo Dall anni 20 anni Dall al anni e 3 mesi 20 anni a partire dal 2016 è previsto un adeguamento triennale di ulteriori 4 mesi dal 2019 è previsto un adeguamento biennale di ulteriori 4 mesi dal 2021 è previsto un adeguamento di 3 mesi PENSIONE ANTICIPATA Requisito contributivo Uomini Requisito contributivo Donne PENALIZZAZIONI Dall anni e 1 mese 41 anni e 1 mese Dall anni e 5 mesi* 41 anni e 5 mesi* Dall anni e 6 mesi* 41 anni e 6 mesi* * Il requisito contributivo tiene conto degli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+ 3 mesi dal 2013) Se la pensione anticipata viene richiesta prima del compimento del 62 anni è prevista una riduzione percentuale sulla quota relativa all anzianità maturata antecedentemente al 1 gennaio 2012 nelle seguenti misure: - 2% annuo per età inferiore a 60 anni - 1% annuo per età compresa fra i 60 e 62 anni La riduzione percentuale è proporzionale al numero dei mesi effettivi, se l anticipo è inferiore all anno. SISTEMA CONTRIBUTIVO PURO Per i soggetti assicurati dal 1 gennaio 1996 in poi, l importo della pensione per il 2012 non può essere inferiore a 1,5 volte l Assegno Sociale, cioè 643,48 (A.S.= 428,99 per il 2012). Si prescinde da tale vincolo al compimento del 70 anno di età con almeno 5 anni di contributi effettivi Per gli stessi soggetti è prevista la possibilità di conseguire una pensione anticipata potendo far valere i seguenti : Dall Requisiti - 20 anni di contributi - 63 anni di età** - Importo pensione non inferiore a 2,8 volte l Assegno Sociale 2012 ( 428,99 x 2,8 = 1.201,17) ** Ai anagrafici si sommano gli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+ 3 mesi dal 2013) 2

3 NORMA ECCEZIONALE è prevista la possibilità di pensione anticipata per i lavoratori dipendenti del settore privato, secondo la seguente tabella: DONNE - 20 anni di contributi - 60 anni di età - in attività da lavoro dipendente al 28/12/2011 UOMINI E DONNE - Almeno 35 anni di contributi - Almeno 60 anni di età - Quota 96 - in attività da lavoro dipendente al 28/12/2011 da maturare entro il 31/12/2012 ACCEDONO ALLA PENSIONE AL COMPIMENTO DEL 64 ANNO DI ETA A cui si sommano gli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+ 3 mesi dal 2013) SOGGETTI DEROGATI DALLA NUOVA DISCIPLINA - Coloro che hanno maturato i entro il 31/12/2011 con possibilità di certificazione del diritto; Donne che optano per il sistema di calcolo contributivo (art.1 c.9 L.243/04), norma valida fino al Lavoratori in mobilità ordinaria sulla base di accordi sindacali stipulati prima del , che maturano i per il pensionamento entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità; - Lavoratori in mobilità lunga, per effetto di accordi collettivi stipulati entro il ; - Titolari, alla data del , di prestazioni straordinarie a carico dei fondi di solidarietà di settore (bancari, esattoriali, postali, ecc.), nonché i lavoratori per i quali sia stato previsto da accordi collettivi stipulati entro il il diritto di accesso ai predetti Fondi; - delle amministrazioni statali per cui sia in corso l esonero dal servizio alla data del L esonero si considera comunque in corso qualora il provvedimento di concessione sia stato emanato prima del 04/12/2011 anche se verrà fruito in data successiva. - Autorizzati ai versamenti volontari antecedentemente al o in precedenza; Gli enti previdenziali procederanno ad un monitoraggio di tali soggetti sulla base della cessazione del lavoro o del periodo di esonero Entro 3 mesi dall entrata in vigore della legge - con decreto interministeriale - saranno definite le modalità di attuazionedella deroga e sarà determinato il numero dei soggetti derogati MILLEPROROGHE D.L. n.216 del 2011 approvato dal Senato il 15/02/2012 modifiche alle L.214/11 in materia previdenziale in attesa di approvazione definitiva, modifiche all'art.24 Ampliamento della platea dei derogati: - lavoratori in mobilità; - in esonero; - autorizzati ai versamenti volontari; - titolari assegno straordinario. proroga al 30/06/12 emanazione decreto interministeriale per regolamentare l'applicazione di tutte le deroghe: 3

4 Inoltre si aggiungono i lavoratori che hanno risolto entro il 31/12/2011 il rapporto di lavoro - accordi individuali; - accordi individuali a seguito di tentativo di conciliazione; - accordi collettivi per incentivo all'esodo stipulate da OO.SS. più rappresentative; La deroga vale a condizione che: - data cessazione lavoro rilevato da comunicazioni obbligatorie; - per l accesso alla pensione con legge vigente al 2011 entro i 24 mesi successivi dal 06/12/2011 Lavoratori titolari di prestazioni straordinarie a carico dei fondi di solidarietà "bancari etc " elevazione del limite anagrafico per la permanenza a carico del fondo stesso da 59 a 60 anni, anche se matura diritto a pensione in un momento antecedente. I lavoratori che alla data del 31/10/2011 risultano essere in congedo per assistere figli con disabilità grave ai sensi del Dlgs 151/01 art.42 c.5 e che maturano entro i 24 mesi dalla data di inizio del congedo il diritto a pensione ai sensi della L.243/04 art.1 c.6 accedono senza limite di età. Esclusione dall applicazione delle decurtazioni previste per le pensioni anticipate: - esclusione per coloro che maturano il requisito entro il 31/12/2017 prima dei 62 anni 41+1 donne 42+1 uomini + speranza di vita; - contributi utili da:cig, maternità, servizio militare, infortunio, malattia; - valutazione diversa privato e pubblico. LAVORI USURANTI - LE NORME Evoluzione storica delle norme in materia di lavori usuranti: - L.421/92: delega al Governo l emanazione di un decreto legislativo che preveda la riduzione dei limiti età per i lavoratori occupati in «attività particolarmente usuranti»; - Dlgs 374/93 attuativo della L.421/92: 2 mesi per ogni anno di attività usur. (max 60 mesi) e riguarda tutti (dipendenti e autonomi), da attuare con decreti interministeriali; - L.724/94: stabilisce la ridefinizione della norma entro il 31 gennaio 1995 con decreto interministeriale; - L.335/95: coeff. del sist. contrib. legato all età aumentato di 1 anno ogni 6 di lavoro usur.; anticipo fino ad 1 anno del requisito dei 57 anni per VO contributiva (da attuare con decreti ministeriali); - L.449/97 poi DM 19/05/1999 (decreto Salvi): definisce i «criteri per l individuazione delle mansioni usuranti», poi doveva avvenire l attuazione; - L.388/2000 disciplina transitoria: riduzione req. anagr. e contributivi per lavoratori che avevano svolto attività usuranti dopo l entrata in vigore del Dlgs 374/93 ed avevano maturato entro il 31/12/2001 i per la pensione di vecchiaia o anz. domanda da presentare entro il 16/08/2001 (a pena di decadenza) poi: - Esauriti gli effetti della disciplina transitoria ex L.388/ Mai emanati i provvedimenti attuativi del Dlgs 274/93 e della L.335/95 - L.183/2010 (collegato lavoro) - delega al Governo L.247/2007: riduzione di tre anni dell età anagrafica per l accesso alla pensione di anzianità - Dlgs 67/2011 (sulla base dei principi e criteri fissati dalla L.247/07) entrato in vigore il 26/05/2011; - Decreto attuativo interministeriale entro 30 gg. dall entrata in vigore del Dlgs n.67/2011(termine non perentorio). Nel frattempo, circolare Min. Lavoro n.22 del (prime indicazioni operative). 4

5 LAVORI USURANTI - LE NOVITÀ ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Vecchia Norma: periodo transitorio di applicazione della norma andava dal 01/07/2008 al 31/12/2012 Nuova Norma: il periodo transitorio di applicazione della norma va dal 01/07/2008 al 31/12/2011 Il periodo a regime va dal 01/01/2012 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Vecchia Norma: Sino al 31/12/2012 e a regime dal 01/01/2013, a chi veniva riconosciuta la qualifica usurante, aveva diritto ad uno sconto sull età e sulla quota necessaria a maturare i a pensione di anzianità secondo la previgente normativa Nuova Norma: A partire dal 01/01/2012, i per l accesso alla pensione di anzianità degli usuranti sono quelli previsti dalla previgente normativa in tema di pensione di anzianità (Legge 24/2007) a cui si aggiunge l incremento per l aspettativa di vita stabilita dal 01/01/2013. ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Vecchia Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 95 Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 97 Dall anni di età quota anni di età quota 98 5

6 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 97 Dall anni di età quota anni di età quota 98 Per gli usuranti che maturano i suddetti, occorre prevedere lo slittamento di 12 o 18 mesi a seconda se dipendente o autonomo. Dal 01/01/2013 si applica l incremento della speranza di vita. Dall anni e 3 mesi di età quota 97 e 3 mesi 62 anni e 3 mesi di età quota 98 e 3 mesi ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti notturni Vecchia Norma - chi effettua 64/71 notti all anno: Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 99 Dall anni di età quota anni di età quota 100 6

7 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti notturni Vecchia Norma - chi effettua 72/77 notti all anno: Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 98 Dall anni di età quota anni di età quota 99 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti notturni In pratica, per i lavoratori notturni con meno di 78 giorni l anno è previsto un incremento sulla tabella ordinaria della Legge 247/2007, rispettivamente di: 2 anni sull età e sulla quota per notti comprese tra 64/71 1 anno sull età e sulla quota per notti comprese tra 72/77 Per i lavoratori con almeno 78 notti l anno si applicano i previsti per i normali lavoratori usuranti che abbiamo visto in precedenza. ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti in genere Ai lavoratori addetti ai lavori usuranti che accedono al pensionamento con i agevolati, si applica lo slittamento della decorrenza della pensione di 12 o 18 mesi a seconda se la gestione è quella dei dipendenti o autonomi. 7

8 Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro L art. 4, comma 1, della L. 92/2012 prevede che "nei casi di eccedenza di personale, accordi tra datori di lavoro che impieghino mediamente più di 15 dipendenti e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello aziendale possono prevedere che, al fine di incentivare l esodo dei lavoratori più anziani, il datore di lavoro si impegni a corrispondere ai lavoratori una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe in base alle regole vigenti ed a corrispondere all INPS la contribuzione fino al raggiungimento dei minimi per il pensionamento. La stessa prestazione può essere oggetto di accordi sindacali nell ambito delle procedure ex art. 4 e 24 della L. 223/91, ovvero nell ambito di processi di riduzione di personale dirigente conclusi con accordo firmato da associazione sindacale stipulante il contratto collettivo di lavoro della categoria. Le fattispecie previste 1. Accordo aziendale di incentivo all esodo Nei casi di eccedenza di personale, il datore di lavoro può stipulare un accordo con le organizzazioni sindacali più rappresentative a livello aziendale, finalizzato ad incentivare l esodo del personale più anziano. L accordo diverrà vincolante nei confronti del lavoratore solo a seguito dell accettazione o adesione da parte dello stesso. La cessazione del rapporto di lavoro sarà per risoluzione consensuale. 2. Accordi sindacali nell ambito delle procedure ex art. 4 e 24, L. 223/91 Nei casi di riduzione di personale con la procedura di licenziamento collettivo (art. 4 e 24, L. 223/91), il datore di lavoro può stipulare un accordo con le organizzazioni sindacali che preveda l impegno dello stesso a farsi carico dei costi della prestazione. Al termine della procedura, il lavoratore licenziato non percepirà l indennità di mobilità, ma una prestazione di importo pari al trattamento di pensione maturato. I lavoratori verranno individuati secondo il criterio della prossimità al perfezionamento dei pensionistici (entro 4 anni dalla data di cessazione). 3. Accordo sindacale nell ambito dei processi di riduzione del personale dirigente Il datore di lavoro può stipulare un accordo con l associazione sindacale stipulante il contratto collettivo della categoria (a prescindere dalla rappresentatività presso il medesimo datore di lavoro), finalizzato alla riduzione del personale dirigente. L accordo assumerà valore vincolante solo a seguito dell adesione da parte del lavoratore. I dei datori di lavoro La disposizione si applica ai datori di lavoro che occupino mediamente più di 15 dipendenti. La media dei dipendenti è calcolata con riferimento al semestre precedente la sottoscrizione dell accordo: sono computati tutti i dipendenti indipendentemente dalla qualifica, con esclusione degli apprendisti e dei lavoratori con contratto di inserimento o reinserimento lavorativo. I dei lavoratori interessati Il lavoratore deve perfezionare i per la pensione di vecchiaia o pensione anticipata entro i 4 anni successivi alla data di cessazione del rapporto di lavoro. Il requisito è verificato dall INPS ed è condizione per la validità della cessazione. In caso di mancanza dei amministrativi, l adesione del lavoratore all accordo viene resa invalida. L INPS verificherà il raggiungimento dei in base alla normativa vigente al momento della cessazione del rapporto di lavoro, comprensivo dell adeguamento all incremento dell aspettativa di vita. Dato il carattere generale, le disposizioni in esame si applicano a tutti i soggetti le cui prestazioni pensionistiche sono liquidate a carico di una qualsiasi gestione dell INPS. Il comma 7-bis estende l applicazione anche alle forme sostitutive dell Assicurazione generale obbligatoria, gestite da enti privati o privatizzati (esempio INPGI). 8

9 Le procedure amministrative Dopo la stipula dell accordo tra il datore di lavoro e le organizzazioni sindacali, il datore di lavoro interessato deve presentare un apposita domanda all INPS, secondo le modalità che saranno stabilite dall Istituto stesso, allegando la lista dei lavoratori coinvolti. L INPS verificherà i soggettivi dei lavoratori ed emetterà un estratto contributivo certificato; validate le singole posizioni individuali, l Istituto calcolerà l importo della prestazione e quello per la contribuzione figurativa correlata. Successivamente l INPS comunicherà al datore di lavoro l importo complessivo dell onere. Il datore di lavoro è obbligato alla presentazione di una idonea fideiussione bancaria a garanzia della solvibilità; in alternativa può decidere di effettuare il versamento di quanto dovuto in un unica soluzione. Conclusa la fase di verifica dei amministrativi da parte dell INPS, al lavoratore sarà comunicato l importo iniziale della prestazione. L accettazione del lavoratore (cioè l adesione individuale all accordo) costituisce condizione per la cessazione del rapporto di lavoro. Nella sola procedura di licenziamento collettivo (art. 4, L. 223/91), l accettazione del lavoratore riguarda esclusivamente la scelta tra la suddetta prestazione e le prestazioni connesse alla cessazione del rapporto di lavoro (indennità di mobilità). della Pubblica Amministrazione La legge 92/2012 intende estendere l applicazione delle norme in essa contenute ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche. La circolare richiama però l attenzione ai commi 7 e 8 dell art. 1 della citata legge (...fatto salvo quanto previsto ) che affermano che le disposizioni "costituiscono principi e criteri per la regolazione dei rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni di cui all art. 1, comma 2 del D. Lgs. 165/ Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative...individua e definisce, anche mediante iniziative normative, gli ambiti, le modalità e i tempi di armonizzazione della disciplina relativa ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche. Pertanto le norme volte a favorire l uscita anticipata dal lavoro ai soggetti prossimi al perfezionamento dei pensionistici non saranno applicati ai lavoratori del comparto pubblico impiego fino al momento in cui il Dipartimento della Funzione Pubblica non individuerà i criteri ed i tempi per l armonizzazione. Come si ricorderà fino al 31/12/2011 una prestazione simile era stata prevista per il pubblico impiego: l esonero dal servizio, ma la riforma Fornero ha abrogato tale istituto. 9

10 LE NOSTRE SEDI ST INAS PALERMO MAIL VIA VILLA HELOISE, 34 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS LERCARA FRIDDI MAIL VIA PUCCI, 13 TEL LERCARA FRIDDI/PA FAX UZ INAS PARTINICO MAIL CORSO DEI MILLE, 179 TEL PARTINICO/PA FAX UZ INAS BAGHERIA MAIL VIA VERDONE, 22 TEL BAGHERIA/PA FAX UZ INAS PA-CALATAFIMI MAIL VIA TITINA DE FILIPPO, 30 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS CORLEONE MAIL VIA CADUTI IN GUERRA, 12 TEL CORLEONE/PA FAX UZ INAS TERMINI IMERESE MAIL VIA SPUCHES, 11/13 TEL TERMINI IMERESE/PA FAX UZ INAS CEFALÙ MAIL VIA MONSIGNOR CASTELLI, 14 TEL CEFALù/PA FAX UZ INAS PETRALIA SOTTANA MAIL BIVIO MADONNUZZA, 213 TEL PETRALIA SOPRANA/PA FAX UZ INAS PA-SAN FILIPPO NERI MAIL VIA GINO ZAPPA, 110 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS TERRASINI MAIL VIA RUGGERO SETTIMO, 90 TEL TERRASINI/PA FAX UZ INAS CAPACI MAIL VIA CUTINO, 44 TEL ISOLA DELLE FEMMINE/PA FAX

11 UZ INAS PA-SPERONE MAIL VIA PORTELLA DELLA GINESTRA, 47 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS MISILMERI MAIL VIA D ONDES REGGIO, 2 TEL MISILMERI/PA FAX UZ INAS PA-SAN LORENZO MAIL PIAZZA TRILUSSA, 4 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS PA-RUGGERO SETTIMO MAIL VIA CERDA, 19 TEL PALERMO/PA UZ INAS PA-PEREZ MAIL VIA SAN CIRO, 122 TEL PALERMO/PA UZ INAS CASTELBUONO MAIL VIA MUSTAFà, 15 TEL CASTELBUONO/PA FAX UZ INAS PA-SFERRACAVALLO MAIL VIA DEI BARCAIUOLI, 67 TEL PALERMO/PA FAX ST INAS TRAPANI MAIL VIA MARINELLA, 42 TEL TRAPANI TP FAX UZ INAS MAZARA DEL VALLO MAIL VIA DANTE FIORENTINO 3/A TEL MAZARA DEL VALLO/TP FAX UZ INAS ALCAMO MAIL VIA VITTORIO ALFIERI, 9 TEL ALCAMO/TP FAX UZ INAS MARSALA MAIL VIA ABELE DAMIANI,72 TEL. 0923/ MARSALA/TP FAX 0923/ UZ INAS GIBELLINA MAIL VIA GAGINI, 43 TEL GIBELLINA/TP FAX UZ INAS SALEMI MAIL VIA MASARACCHIA 33 TEL SALEMI/TP FAX UZ INAS PARTANNA MAIL VIALE ITALIA 97 TEL PARTANNA/TP TEL

12

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università Marisa Grillo EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE impaginazione Francesco Bernasconi EUT - Edizioni Università di Trieste

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli