PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE (A.G.O. e forme sostitutive)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE (A.G.O. e forme sostitutive)"

Transcript

1 PRO-RATA DAL 2012 La quota di pensione per l anzianità contributiva maturata dal 1 gennaio 2012 in poi sarà calcolata con il sistema contributivo. Dal 2012, quindi, le pensioni saranno calcolate soltanto con il sistema misto o contributivo. CERTEZZA DEL DIRITTO Coloro che hanno maturato tutti i previsti dalla normativa precedente L.247/07 e L.122/2010 entro il 31/12/2011 continuano ad accedere alla pensione con i e le decorrenze dellastessa normativa, con possibilità di richiedere all Ente previdenziale di appartenenza la certificazione del diritto. quota 96 con età minima 60/61 e 36 o 35 anni di contributi con applicazione della finestra mobile di 12 mesi Tale richiesta non è vincolante per la salvaguardia dei diritti acquisiti, né esistono termini perentori per la sua proposizione. La certificazione, inoltre, ha una funzione dichiarativa e non costitutiva del diritto. Continuano ad accedere con la normativa precedente anche i lavoratori Fiat che maturano il requisito alla pensione entro il 31/12/2017 a seguito "dell'accordo sindacale sottoscritto per la conversione del sito industriale di Termini Imerese. PENSIONI Per coloro che maturano i dal 1 gennaio 2012 in poi sono previsti solo due tipi di pensione: - PENSIONE DI VECCHIAIA - PENSIONE ANTICIPATA (con età anagrafica inferiore a quella per la vecchiaia) PENSIONE DI VECCHIAIA DONNE (A.G.O. e forme sostitutive) Requisito anagrafico DIPENDENTI Requisito anagrafico AUTONOME e GESTIONE SEPARATA Requisito contributivo Dall anni 63 anni e 6 mesi 20 anni Dall anni e 6 mesi 64 anni e 6 mesi 20 anni Dall anni 65 anni e 6 mesi 20 anni Dall anni 66 anni 20 anni Ai anagrafici si sommano gli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+3 mesi dal 2013)

2 PENSIONE DI VECCHIAIA UOMINI - DONNE PUBBLICO IMPIEGO Requisito anagrafico Requisito contributivo Dall anni 20 anni Dall al anni e 3 mesi 20 anni a partire dal 2016 è previsto un adeguamento triennale di ulteriori 4 mesi dal 2019 è previsto un adeguamento biennale di ulteriori 4 mesi dal 2021 è previsto un adeguamento di 3 mesi PENSIONE ANTICIPATA Requisito contributivo Uomini Requisito contributivo Donne PENALIZZAZIONI Dall anni e 1 mese 41 anni e 1 mese Dall anni e 5 mesi* 41 anni e 5 mesi* Dall anni e 6 mesi* 41 anni e 6 mesi* * Il requisito contributivo tiene conto degli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+ 3 mesi dal 2013) Se la pensione anticipata viene richiesta prima del compimento del 62 anni è prevista una riduzione percentuale sulla quota relativa all anzianità maturata antecedentemente al 1 gennaio 2012 nelle seguenti misure: - 2% annuo per età inferiore a 60 anni - 1% annuo per età compresa fra i 60 e 62 anni La riduzione percentuale è proporzionale al numero dei mesi effettivi, se l anticipo è inferiore all anno. SISTEMA CONTRIBUTIVO PURO Per i soggetti assicurati dal 1 gennaio 1996 in poi, l importo della pensione per il 2012 non può essere inferiore a 1,5 volte l Assegno Sociale, cioè 643,48 (A.S.= 428,99 per il 2012). Si prescinde da tale vincolo al compimento del 70 anno di età con almeno 5 anni di contributi effettivi Per gli stessi soggetti è prevista la possibilità di conseguire una pensione anticipata potendo far valere i seguenti : Dall Requisiti - 20 anni di contributi - 63 anni di età** - Importo pensione non inferiore a 2,8 volte l Assegno Sociale 2012 ( 428,99 x 2,8 = 1.201,17) ** Ai anagrafici si sommano gli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+ 3 mesi dal 2013) 2

3 NORMA ECCEZIONALE è prevista la possibilità di pensione anticipata per i lavoratori dipendenti del settore privato, secondo la seguente tabella: DONNE - 20 anni di contributi - 60 anni di età - in attività da lavoro dipendente al 28/12/2011 UOMINI E DONNE - Almeno 35 anni di contributi - Almeno 60 anni di età - Quota 96 - in attività da lavoro dipendente al 28/12/2011 da maturare entro il 31/12/2012 ACCEDONO ALLA PENSIONE AL COMPIMENTO DEL 64 ANNO DI ETA A cui si sommano gli adeguamenti rispetto all incremento della speranza di vita (+ 3 mesi dal 2013) SOGGETTI DEROGATI DALLA NUOVA DISCIPLINA - Coloro che hanno maturato i entro il 31/12/2011 con possibilità di certificazione del diritto; Donne che optano per il sistema di calcolo contributivo (art.1 c.9 L.243/04), norma valida fino al Lavoratori in mobilità ordinaria sulla base di accordi sindacali stipulati prima del , che maturano i per il pensionamento entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità; - Lavoratori in mobilità lunga, per effetto di accordi collettivi stipulati entro il ; - Titolari, alla data del , di prestazioni straordinarie a carico dei fondi di solidarietà di settore (bancari, esattoriali, postali, ecc.), nonché i lavoratori per i quali sia stato previsto da accordi collettivi stipulati entro il il diritto di accesso ai predetti Fondi; - delle amministrazioni statali per cui sia in corso l esonero dal servizio alla data del L esonero si considera comunque in corso qualora il provvedimento di concessione sia stato emanato prima del 04/12/2011 anche se verrà fruito in data successiva. - Autorizzati ai versamenti volontari antecedentemente al o in precedenza; Gli enti previdenziali procederanno ad un monitoraggio di tali soggetti sulla base della cessazione del lavoro o del periodo di esonero Entro 3 mesi dall entrata in vigore della legge - con decreto interministeriale - saranno definite le modalità di attuazionedella deroga e sarà determinato il numero dei soggetti derogati MILLEPROROGHE D.L. n.216 del 2011 approvato dal Senato il 15/02/2012 modifiche alle L.214/11 in materia previdenziale in attesa di approvazione definitiva, modifiche all'art.24 Ampliamento della platea dei derogati: - lavoratori in mobilità; - in esonero; - autorizzati ai versamenti volontari; - titolari assegno straordinario. proroga al 30/06/12 emanazione decreto interministeriale per regolamentare l'applicazione di tutte le deroghe: 3

4 Inoltre si aggiungono i lavoratori che hanno risolto entro il 31/12/2011 il rapporto di lavoro - accordi individuali; - accordi individuali a seguito di tentativo di conciliazione; - accordi collettivi per incentivo all'esodo stipulate da OO.SS. più rappresentative; La deroga vale a condizione che: - data cessazione lavoro rilevato da comunicazioni obbligatorie; - per l accesso alla pensione con legge vigente al 2011 entro i 24 mesi successivi dal 06/12/2011 Lavoratori titolari di prestazioni straordinarie a carico dei fondi di solidarietà "bancari etc " elevazione del limite anagrafico per la permanenza a carico del fondo stesso da 59 a 60 anni, anche se matura diritto a pensione in un momento antecedente. I lavoratori che alla data del 31/10/2011 risultano essere in congedo per assistere figli con disabilità grave ai sensi del Dlgs 151/01 art.42 c.5 e che maturano entro i 24 mesi dalla data di inizio del congedo il diritto a pensione ai sensi della L.243/04 art.1 c.6 accedono senza limite di età. Esclusione dall applicazione delle decurtazioni previste per le pensioni anticipate: - esclusione per coloro che maturano il requisito entro il 31/12/2017 prima dei 62 anni 41+1 donne 42+1 uomini + speranza di vita; - contributi utili da:cig, maternità, servizio militare, infortunio, malattia; - valutazione diversa privato e pubblico. LAVORI USURANTI - LE NORME Evoluzione storica delle norme in materia di lavori usuranti: - L.421/92: delega al Governo l emanazione di un decreto legislativo che preveda la riduzione dei limiti età per i lavoratori occupati in «attività particolarmente usuranti»; - Dlgs 374/93 attuativo della L.421/92: 2 mesi per ogni anno di attività usur. (max 60 mesi) e riguarda tutti (dipendenti e autonomi), da attuare con decreti interministeriali; - L.724/94: stabilisce la ridefinizione della norma entro il 31 gennaio 1995 con decreto interministeriale; - L.335/95: coeff. del sist. contrib. legato all età aumentato di 1 anno ogni 6 di lavoro usur.; anticipo fino ad 1 anno del requisito dei 57 anni per VO contributiva (da attuare con decreti ministeriali); - L.449/97 poi DM 19/05/1999 (decreto Salvi): definisce i «criteri per l individuazione delle mansioni usuranti», poi doveva avvenire l attuazione; - L.388/2000 disciplina transitoria: riduzione req. anagr. e contributivi per lavoratori che avevano svolto attività usuranti dopo l entrata in vigore del Dlgs 374/93 ed avevano maturato entro il 31/12/2001 i per la pensione di vecchiaia o anz. domanda da presentare entro il 16/08/2001 (a pena di decadenza) poi: - Esauriti gli effetti della disciplina transitoria ex L.388/ Mai emanati i provvedimenti attuativi del Dlgs 274/93 e della L.335/95 - L.183/2010 (collegato lavoro) - delega al Governo L.247/2007: riduzione di tre anni dell età anagrafica per l accesso alla pensione di anzianità - Dlgs 67/2011 (sulla base dei principi e criteri fissati dalla L.247/07) entrato in vigore il 26/05/2011; - Decreto attuativo interministeriale entro 30 gg. dall entrata in vigore del Dlgs n.67/2011(termine non perentorio). Nel frattempo, circolare Min. Lavoro n.22 del (prime indicazioni operative). 4

5 LAVORI USURANTI - LE NOVITÀ ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Vecchia Norma: periodo transitorio di applicazione della norma andava dal 01/07/2008 al 31/12/2012 Nuova Norma: il periodo transitorio di applicazione della norma va dal 01/07/2008 al 31/12/2011 Il periodo a regime va dal 01/01/2012 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Vecchia Norma: Sino al 31/12/2012 e a regime dal 01/01/2013, a chi veniva riconosciuta la qualifica usurante, aveva diritto ad uno sconto sull età e sulla quota necessaria a maturare i a pensione di anzianità secondo la previgente normativa Nuova Norma: A partire dal 01/01/2012, i per l accesso alla pensione di anzianità degli usuranti sono quelli previsti dalla previgente normativa in tema di pensione di anzianità (Legge 24/2007) a cui si aggiunge l incremento per l aspettativa di vita stabilita dal 01/01/2013. ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Vecchia Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 95 Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 97 Dall anni di età quota anni di età quota 98 5

6 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 97 Dall anni di età quota anni di età quota 98 Per gli usuranti che maturano i suddetti, occorre prevedere lo slittamento di 12 o 18 mesi a seconda se dipendente o autonomo. Dal 01/01/2013 si applica l incremento della speranza di vita. Dall anni e 3 mesi di età quota 97 e 3 mesi 62 anni e 3 mesi di età quota 98 e 3 mesi ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti notturni Vecchia Norma - chi effettua 64/71 notti all anno: Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 99 Dall anni di età quota anni di età quota 100 6

7 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti notturni Vecchia Norma - chi effettua 72/77 notti all anno: Nuova Norma: Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 95 Dall anni di età quota anni di età quota 98 Dall anni di età quota anni di età quota 99 ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti notturni In pratica, per i lavoratori notturni con meno di 78 giorni l anno è previsto un incremento sulla tabella ordinaria della Legge 247/2007, rispettivamente di: 2 anni sull età e sulla quota per notti comprese tra 64/71 1 anno sull età e sulla quota per notti comprese tra 72/77 Per i lavoratori con almeno 78 notti l anno si applicano i previsti per i normali lavoratori usuranti che abbiamo visto in precedenza. ART. 24 COMMA 17 Cosa cambia per i lavori usuranti in genere Ai lavoratori addetti ai lavori usuranti che accedono al pensionamento con i agevolati, si applica lo slittamento della decorrenza della pensione di 12 o 18 mesi a seconda se la gestione è quella dei dipendenti o autonomi. 7

8 Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro L art. 4, comma 1, della L. 92/2012 prevede che "nei casi di eccedenza di personale, accordi tra datori di lavoro che impieghino mediamente più di 15 dipendenti e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello aziendale possono prevedere che, al fine di incentivare l esodo dei lavoratori più anziani, il datore di lavoro si impegni a corrispondere ai lavoratori una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe in base alle regole vigenti ed a corrispondere all INPS la contribuzione fino al raggiungimento dei minimi per il pensionamento. La stessa prestazione può essere oggetto di accordi sindacali nell ambito delle procedure ex art. 4 e 24 della L. 223/91, ovvero nell ambito di processi di riduzione di personale dirigente conclusi con accordo firmato da associazione sindacale stipulante il contratto collettivo di lavoro della categoria. Le fattispecie previste 1. Accordo aziendale di incentivo all esodo Nei casi di eccedenza di personale, il datore di lavoro può stipulare un accordo con le organizzazioni sindacali più rappresentative a livello aziendale, finalizzato ad incentivare l esodo del personale più anziano. L accordo diverrà vincolante nei confronti del lavoratore solo a seguito dell accettazione o adesione da parte dello stesso. La cessazione del rapporto di lavoro sarà per risoluzione consensuale. 2. Accordi sindacali nell ambito delle procedure ex art. 4 e 24, L. 223/91 Nei casi di riduzione di personale con la procedura di licenziamento collettivo (art. 4 e 24, L. 223/91), il datore di lavoro può stipulare un accordo con le organizzazioni sindacali che preveda l impegno dello stesso a farsi carico dei costi della prestazione. Al termine della procedura, il lavoratore licenziato non percepirà l indennità di mobilità, ma una prestazione di importo pari al trattamento di pensione maturato. I lavoratori verranno individuati secondo il criterio della prossimità al perfezionamento dei pensionistici (entro 4 anni dalla data di cessazione). 3. Accordo sindacale nell ambito dei processi di riduzione del personale dirigente Il datore di lavoro può stipulare un accordo con l associazione sindacale stipulante il contratto collettivo della categoria (a prescindere dalla rappresentatività presso il medesimo datore di lavoro), finalizzato alla riduzione del personale dirigente. L accordo assumerà valore vincolante solo a seguito dell adesione da parte del lavoratore. I dei datori di lavoro La disposizione si applica ai datori di lavoro che occupino mediamente più di 15 dipendenti. La media dei dipendenti è calcolata con riferimento al semestre precedente la sottoscrizione dell accordo: sono computati tutti i dipendenti indipendentemente dalla qualifica, con esclusione degli apprendisti e dei lavoratori con contratto di inserimento o reinserimento lavorativo. I dei lavoratori interessati Il lavoratore deve perfezionare i per la pensione di vecchiaia o pensione anticipata entro i 4 anni successivi alla data di cessazione del rapporto di lavoro. Il requisito è verificato dall INPS ed è condizione per la validità della cessazione. In caso di mancanza dei amministrativi, l adesione del lavoratore all accordo viene resa invalida. L INPS verificherà il raggiungimento dei in base alla normativa vigente al momento della cessazione del rapporto di lavoro, comprensivo dell adeguamento all incremento dell aspettativa di vita. Dato il carattere generale, le disposizioni in esame si applicano a tutti i soggetti le cui prestazioni pensionistiche sono liquidate a carico di una qualsiasi gestione dell INPS. Il comma 7-bis estende l applicazione anche alle forme sostitutive dell Assicurazione generale obbligatoria, gestite da enti privati o privatizzati (esempio INPGI). 8

9 Le procedure amministrative Dopo la stipula dell accordo tra il datore di lavoro e le organizzazioni sindacali, il datore di lavoro interessato deve presentare un apposita domanda all INPS, secondo le modalità che saranno stabilite dall Istituto stesso, allegando la lista dei lavoratori coinvolti. L INPS verificherà i soggettivi dei lavoratori ed emetterà un estratto contributivo certificato; validate le singole posizioni individuali, l Istituto calcolerà l importo della prestazione e quello per la contribuzione figurativa correlata. Successivamente l INPS comunicherà al datore di lavoro l importo complessivo dell onere. Il datore di lavoro è obbligato alla presentazione di una idonea fideiussione bancaria a garanzia della solvibilità; in alternativa può decidere di effettuare il versamento di quanto dovuto in un unica soluzione. Conclusa la fase di verifica dei amministrativi da parte dell INPS, al lavoratore sarà comunicato l importo iniziale della prestazione. L accettazione del lavoratore (cioè l adesione individuale all accordo) costituisce condizione per la cessazione del rapporto di lavoro. Nella sola procedura di licenziamento collettivo (art. 4, L. 223/91), l accettazione del lavoratore riguarda esclusivamente la scelta tra la suddetta prestazione e le prestazioni connesse alla cessazione del rapporto di lavoro (indennità di mobilità). della Pubblica Amministrazione La legge 92/2012 intende estendere l applicazione delle norme in essa contenute ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche. La circolare richiama però l attenzione ai commi 7 e 8 dell art. 1 della citata legge (...fatto salvo quanto previsto ) che affermano che le disposizioni "costituiscono principi e criteri per la regolazione dei rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni di cui all art. 1, comma 2 del D. Lgs. 165/ Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative...individua e definisce, anche mediante iniziative normative, gli ambiti, le modalità e i tempi di armonizzazione della disciplina relativa ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche. Pertanto le norme volte a favorire l uscita anticipata dal lavoro ai soggetti prossimi al perfezionamento dei pensionistici non saranno applicati ai lavoratori del comparto pubblico impiego fino al momento in cui il Dipartimento della Funzione Pubblica non individuerà i criteri ed i tempi per l armonizzazione. Come si ricorderà fino al 31/12/2011 una prestazione simile era stata prevista per il pubblico impiego: l esonero dal servizio, ma la riforma Fornero ha abrogato tale istituto. 9

10 LE NOSTRE SEDI ST INAS PALERMO MAIL VIA VILLA HELOISE, 34 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS LERCARA FRIDDI MAIL VIA PUCCI, 13 TEL LERCARA FRIDDI/PA FAX UZ INAS PARTINICO MAIL CORSO DEI MILLE, 179 TEL PARTINICO/PA FAX UZ INAS BAGHERIA MAIL VIA VERDONE, 22 TEL BAGHERIA/PA FAX UZ INAS PA-CALATAFIMI MAIL VIA TITINA DE FILIPPO, 30 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS CORLEONE MAIL VIA CADUTI IN GUERRA, 12 TEL CORLEONE/PA FAX UZ INAS TERMINI IMERESE MAIL VIA SPUCHES, 11/13 TEL TERMINI IMERESE/PA FAX UZ INAS CEFALÙ MAIL VIA MONSIGNOR CASTELLI, 14 TEL CEFALù/PA FAX UZ INAS PETRALIA SOTTANA MAIL BIVIO MADONNUZZA, 213 TEL PETRALIA SOPRANA/PA FAX UZ INAS PA-SAN FILIPPO NERI MAIL VIA GINO ZAPPA, 110 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS TERRASINI MAIL VIA RUGGERO SETTIMO, 90 TEL TERRASINI/PA FAX UZ INAS CAPACI MAIL VIA CUTINO, 44 TEL ISOLA DELLE FEMMINE/PA FAX

11 UZ INAS PA-SPERONE MAIL VIA PORTELLA DELLA GINESTRA, 47 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS MISILMERI MAIL VIA D ONDES REGGIO, 2 TEL MISILMERI/PA FAX UZ INAS PA-SAN LORENZO MAIL PIAZZA TRILUSSA, 4 TEL PALERMO/PA FAX UZ INAS PA-RUGGERO SETTIMO MAIL VIA CERDA, 19 TEL PALERMO/PA UZ INAS PA-PEREZ MAIL VIA SAN CIRO, 122 TEL PALERMO/PA UZ INAS CASTELBUONO MAIL VIA MUSTAFà, 15 TEL CASTELBUONO/PA FAX UZ INAS PA-SFERRACAVALLO MAIL VIA DEI BARCAIUOLI, 67 TEL PALERMO/PA FAX ST INAS TRAPANI MAIL VIA MARINELLA, 42 TEL TRAPANI TP FAX UZ INAS MAZARA DEL VALLO MAIL VIA DANTE FIORENTINO 3/A TEL MAZARA DEL VALLO/TP FAX UZ INAS ALCAMO MAIL VIA VITTORIO ALFIERI, 9 TEL ALCAMO/TP FAX UZ INAS MARSALA MAIL VIA ABELE DAMIANI,72 TEL. 0923/ MARSALA/TP FAX 0923/ UZ INAS GIBELLINA MAIL VIA GAGINI, 43 TEL GIBELLINA/TP FAX UZ INAS SALEMI MAIL VIA MASARACCHIA 33 TEL SALEMI/TP FAX UZ INAS PARTANNA MAIL VIALE ITALIA 97 TEL PARTANNA/TP TEL

12

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40 / 0021268 Agli indirizzi in allegato Oggetto: articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

Lavoratori Salvaguardati

Lavoratori Salvaguardati Numero 104 Dicembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Aggiornamento al 12 dicembre 2014 dei n^ 53, 69 e 72 b di Previdenza Flash con le novità apportate dalla Legge n 147 del 22/10/2014

Dettagli

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno LEGGE 214/2011 E LE MODIFICHE DEL 1000PROROGHE LEGGE 14/2012 I N C A - C G I L B E L L U N O 1 1. Pro-quota contributivo dal 2012 (comma 2) 2. Flessibilità

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale 31-5-2013 VP Decreto Interministeriale 22 aprile 2013 e Tabelle

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11

Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11 Linea di Prodotto Previdenza Linea di Prodotto Pubblica Amministrazione Data: Num. Protocollo: Oggetto: Decreto interministeriale a tutela dei lavoratori salvaguardati ex art.24 della L.214/11 E stato

Dettagli

La riforma pensionistica /2012

La riforma pensionistica /2012 La riforma pensionistica 20 2011/2012 A CURA DELL'INAS PROVINCIALE E REGIONALE VADEMECUM AGGIORNATO V ALLA LEGGE L 24 FEBBRAIO 2012 N. 214 1 2 LEGGE N.214 DEL 22 DICEMBRE 2011 MANOVRA MONTI (G.U. Serie

Dettagli

Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com

Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com Comma 14, Art. 24 D.L. 201/2011 convertito con legge n. 214/2011; Art 6 D.L.

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE** PENSIONI LIQUIDATE* 1^

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Numero 62 Settembre 2013 TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Torna, con molte novità e senza oneri per lo Stato, il cosiddetto prepensionamento ovvero quella forma di ammortizzatore sociale

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

LA MANOVRA MONTI FORNERO

LA MANOVRA MONTI FORNERO LA MANOVRA MONTI FORNERO DL n. 201 del 6/12/2011, conversione in legge n. 214 del 22/12/2011 1 Legge 214/11 art. 24 c. 6,7,9 requisiti richiesti dal 1.1.2012 Pensione di vecchiaia Innalzamento dell età

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento ai sensi dell art. 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre

Dettagli

La pensione IVS STAMPA

La pensione IVS STAMPA La pensione IVS La pensione di vecchiaia La pensione anticipata La pensione anticipata per i lavoratori che hanno svolto attività usuranti Le pensioni in Europa Trattamenti di invalidità di natura previdenziale

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI

COMUNICATO IL COLLOCAMENTO A RIPOSO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA DAL 1^ SETTEMBRE 2016: NORMATIVA E INDICAZIONI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA NAZIONALE FLP SCUOLA 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flpscuola.org Email: info@flpscuola.org tel. 06/42000358 06/42010899 fax.

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://new.cgil.bergamo.it/inca/ 11 settembre 2013 Numero 21 Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base. a cura di Giustino Di Nallo. Guida Pratica. versione 1.1 del 03.01.2012

Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base. a cura di Giustino Di Nallo. Guida Pratica. versione 1.1 del 03.01.2012 Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino Di Nallo Guida Pratica versione

Dettagli

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA Lavoratori di cui all art. 1, comma 194, Legge 147/13 a) Lavoratori

Dettagli

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214.

CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 22 DICEMBRE 2011, N. 214. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO PER L'ARMONIZZAZIONE ALL'ASSICURAZIONE GENERALE OBBLIGATORIA DEI REQUISITI MINIMI DI ACCESSO AL PENSIONAMENTO DI CATEGORIE DI PERSONALE ISCRITTO

Dettagli

UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI

UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI Il decreto Salva Italia (Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011) ha terminato il suo percorso con il voto di fiducia al Senato, quindi l art.

Dettagli

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL LA PREVIDENZA dopo la RIFORMA MONTI in pillole I SISTEMI PENSIONISTICI VIGENTI Il sistema contributivo Soggetti assicurati dall 1.1.96. Il sistema misto Soggetti con

Dettagli

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE

PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE PENSIONI, REGOLAMENTO DI ARMONIZZAZIONE OGGETTO: Adeguamento, a partire dal 1 gennaio 2013, agli incrementi della speranza di vita dei requisiti per l accesso al pensionamento del personale appartenente

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA

PENSIONE DI VECCHIAIA LE NUOVE PENSIONI Sintesi delle nuove regole per andare in pensione, contenute nel Decreto legge "Monti", n. 201, ovvero "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici",

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 7 PART TIME E PREPENSIONAMENTO Premessa L art. 1 comma 284 della legge 208/2015 introduce uno strumento di flessibilità per lavoratori prossimi

Dettagli

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014 La pensione di vecchiaia Entrano in gioco per l'ottenimento della pensione di vecchiaia i due requisiti anagrafico e contributivo. È richiesta inoltre la cessazione di qualsiasi

Dettagli

Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013

Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013 Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013 Accordi di prepensionamento. L istituto ed i benefici Gentile cliente, con la presente desideriamo fornirle alcuni chiarimenti circa l istituto del prepensionamento

Dettagli

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011 Dossier Rassegna.it Pensioni, cosa cambia La nostra guida Decorrenze di anzianità e vecchiaia, finestre, pensioni anticipate, aumento dell'età pensionabile per le donne del pubblico impiego, ricongiunzioni.

Dettagli

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti R.S.U. Siae Microelettronica Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contrib utive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013 Direzione Centrale Pensioni Roma, 08/05/2013 Circolare n. 76 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26 LE NOVITA SULLE PENSIONI NELLA MANOVRA MONTI di PIETRO PERZIANI (DICEMBRE 2011) Facciamo una prima analisi delle principali novità introdotte dalla Manovra Monti in materia di pensioni, più esattamente

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016

OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016 Roma, 25/03/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che, dal 1 gennaio 2016, entreranno

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione. Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza.

Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione. Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza. Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza. É stata emanata dall'inps la circolare n. 63 del 20 marzo 2015

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Circolare numero 63 del 20-03-2015

Circolare numero 63 del 20-03-2015 Circolare numero 63 del 20-03-2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli