LA GIUNTA DELIBERA. Per i motivi esposti in narrativa:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GIUNTA DELIBERA. Per i motivi esposti in narrativa:"

Transcript

1 Società della Salute Zona Socio Sanitaria Fiorentina Nord Ovest Deliberazione n. 16 del 10 luglio 2006 OGGETTO: Adesione al progetto regionale : Sorveglianza attiva per la persona anziana fragile L anno 2006 (duemilasei) il giorno 10 (dieci) del mese di luglio, alle ore 9,30 presso la Sede della S.d.S. in Sesto Fiorentino, Via Gramsci 561, a seguito di convocazione del Presidente, si è riunita la Giunta della SdS. Sono presenti: Si No Simone NALDONI Presidente X Luigi MARRONI Direttore Generale ASL X Caterina CONTI Assessore del Comune di Sesto F.no X Salvatore CARDELLICCHIO Assessore del Comune di Calenzano X Fiorella ALUNNI Sindaco del Comune di Campi Bisenzio X Serena SPINELLI Assessore del Comune di Fiesole X Giacomo DE LUCIA Assessore del Comune di Signa X Angela BAGNI Assessore del Comune di Lastra a Signa X Simonetta DI LOLLO Assessore del Comune di Vaglia X Presiede la seduta, ai sensi dell art. 14 dello Statuto, il Sig. Simone Naldoni Presidente della S.d.S. E presente, ai sensi dell art. 13, comma 3 dello Statuto, il Direttore Tecnico dott. Andrea Valdrè Partecipa alla riunione, ai sensi dell art. 19, comma 3, dello Statuto, il Segretario, dott.ssa Paola Cipriani Constatata la regolarità della seduta, il Presidente sottopone alla trattazione l oggetto sopra indicato.

2 LA GIUNTA - Visto il Piano Sanitario Regionale 2005/2007 approvato con deliberazione del Consiglio Regionale 16 febbraio 2005, n. 22 che al punto prevede l attivazione del Progetto speciale di interesse regionale Sorveglianza attiva della persona anziana fragile, con la finalità di migliorare la qualità di vita attraverso una rete di sorveglianza attiva sul territorio e con l obiettivo di difendere l anziano dalle ondate di calore; - Vista la legge regionale 24 febbraio 2005 n. 41 Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale che all art. 54 sancisce la necessità, da parte della Regione Toscana, di promuovere interventi di politica sociale, finalizzati alla salvaguardia della salute e dell integrità psicofisica delle persone anziane; - Visto il Piano Integrato Sociale Regionale 2002/2004 approvato con deliberazione del Consiglio Regionale 22 luglio 2002, n. 122 e confermato in ordine alla sua validità dell art. 63 della L.R. 41/2005, che prevede tra gli obiettivi prioritari nel triennio la promozione della salute degli anziani, sul presupposto che il fenomeno dell invecchiamento della popolazione amplia la domanda proveniente dal sociale e richiede l assunzione di politiche integrate che assicurino il miglioramento complessivo della qualità della vita per la persona anziana; - Preso atto che la Giunta Regionale Toscana, con deliberazione n. 444 del ha stanziato un finanziamento complessivo per la promozione del progetto Sorveglianza attiva degli anziani di ,00; - Che tale finanziamento è stato ripartito fra le varie articolazioni zonali e che verrà erogato in due tranches successive, la prima pari al 75% dell importo erogato nell anno precedente e la seconda sulla base dell intensità abitativa delle singole zone di riferimento e degli interventi realizzati; - Che la prima tranche del finanziamento per la Società della Salute nord ovest ammonta a complessivi ,68, da ripartirsi fra i vari comuni che fanno parte del consorzio, secondo il criterio del numero di anziani ultrasettantacinquenni residenti al ; - Preso atto altresì del progetto elaborato dalla Società della Salute Nord Ovest, che si allega al presente atto e che ne forma parte integrante e sostanziale; Per i motivi esposti in narrativa: DELIBERA 1) Di aderire al progetto regionale di cui alla Delibera della Giunta Regionale 444 del 19 giugno 2006 Progetto speciale Sorveglianza attiva per la persona anziana fragile -

3 2) Di approvare la ripartizione del finanziamento regionale fra gli 8 comuni della zona sulla base della popolazione ultrasettantacinquenne residente al come di seguito indicato: Comune n. anziani >75 Quota per comune CALENZANO ,00 CAMPI BISENZIO ,00 FIESOLE ,00 LASTRA A SIGNA ,00 SCANDICCI ,00 SESTO FIORENTINO ,00 SIGNA ,00 VAGLIA ,68 TOTALE ,68 3) Di approvare conseguentemente gli indirizzi per la realizzazione delle attività di cui al Progetto regionale secondo quanto previsto nel progetto allegato che forma parte integrante e sostanziale del presente atto. 4) Di promuovere iniziative volte ad informare la cittadinanza sull attivazione del Progetto e sulle misure di prevenzione buone pratiche da prendere in situazioni di emergenza climatica. 5) Di incaricare i Dirigenti degli 8 comuni che fanno parte della SdS Nord Ovest di gestire i finanziamenti che verranno loro assegnati nella misura sopra riportata secondo le indicazioni contenute nel progetto e nei suoi allegati e di fornire le rendicontazioni richieste. 6) Di dare mandato al Responsabile GAST zona Nord Ovest di intensificare la vigilanza presso le strutture residenziali pubbliche e private (RSA) del territorio. 7) Di individuare quale responsabile del progetto la Dott.ssa Laura Zecchi con il supporto del Dott. Riccardo Gaspari e della Dott.ssa Maria Giovanna Sbraci. 8) Di individuare quali membri del gruppo di monitoraggio delle attività e del Progetto stesso i seguenti soggetti: Dott. Andrea Orlandini Rappresentante per la Medicina generale Dott. Riccardo Gaspari Dirigente Sanitario ASL 10 U.F. Cure Primarie Dott.ssa Laura Zecchi Referente per i Comuni

4 All. A Titolo del Progetto Sorveglianza attiva Anziano fragile Responsabile: SdS Laura Zecchi Ente proponente: SDS Nord/Ovest Enti Gestori: Comuni della zona Noed Ovest Gruppo di Lavoro: Dott. Riccardo Gaspari, Dott.ssa Maria Giovanna Sbraci, Dirigenti 8 Comuni, Rappresentante MMG, Responsabile Servizio Infermieristico ASL, UF Cure Primarie ASL Azione e Obiettivi: Il Progetto realizzato già a partire dal 2004 su indicazione Regionale, viene riproposto e esteso non solo per il periodo estivo ma in continuità nel corso dell anno. Si viene così a porre a regime una modalità di ricerca attiva della fragilità non solo nel settore della popolazione anziana ultra 75-enne, ma anche per tutte le altre emergenze socioassistenziali. Descrizione del progetto: Premessa: Il Progetto si propone di intervenire sulle situazioni di fragilità segnalate dai Medici di Medicina Generale e dai Servizi Socio Sanitari del territorio attraverso azioni quali: sorveglianza attiva (contatto telefonico anche quotidiano agli anziani a rischio, colloquio e quant altro si renda necessario), servizi di accompagnamento, di spesa o farmaci a domicilio, ricoveri di sollievo, facilitazione di accesso a soggiorni climatici, e tutto quanto gli enti gestori attueranno sui loro territori e con le associazioni di volontariato con cui instaureranno direttamente rapporti convenzionali. Il progetto prevede l adozione delle linee guida fornite dalla Regione Toscana attraverso una delibera della Società della Salute in cui verranno anche definite le somme spettanti a ciascun comune per l attuazione degli interventi di cui sopra. In particolare oltre agli interventi già descritti in premessa la SdS promuove le seguenti azioni: - predisposizione di una campagna informativa contenente indicazioni sulle buone pratiche da seguire per difendersi dalle emergenze climatiche. - Implementazione di una specifica vigilanza presso le strutture residenziali pubbliche e private (RSA) del territorio al fine di controllare eventuali criticità ambientali. - Incremento dell Assistenza Domiciliare Programmata da parte dei MMG - Costruzione di un archivio permanente dei casi definiti fragili Destinatari: (delibera G.R.T. n. 444 del 19 giugno 2006) - Anziani ultra 75-enni, cioè nati prima dal Persone che vivono sole o anche in coppia con il coniuge (o con un congiunto anziano o con handicap) - Persone prive di sostegno familiare e solidale (rete amicale, volontariato ecc) - Persone segnalate per problemi di salute Ruolo della SdS: La società della Salute avrà una funzione di raccordo per la raccolta delle segnalazioni e per l elaborazione dei report da inviare alla Regione. A tale scopo provvederà

5 all istituzione di un gruppo tecnico per il monitoraggio di tutte le iniziative di carattere sanitario e socio-assistenziale che saranno realizzate sul territorio. In particolare provvederà a: - Raccogliere le segnalazioni effettuate dai medici di medicina Generale e inviarle ai Comuni di competenza per l attivazione dei servizi. - Raccogliere le segnalazioni provenienti dai servizi socio-sanitari territoriali della ASl (Servizio infermieristico, riabilitazione ) sulle apposite schede regionali e inviarle ai Comuni di competenza per l attivazione dei servizi. - Raccogliere le segnalazioni fatte dai Servizi Sociali dei Comuni sulle apposite schede regionali (al solo scopo di redigere i resoconti generali richiesti dalla Regione Toscana per il monitoraggio del progetto). - Diffondere i bollettini meteorologici ai soggetti del terzo settore che verranno segnalati dai Comuni. - Raccogliere tutte le informazioni necessarie ad inviare i dati di monitoraggio richiesti dalla Regione Toscana in particolare: 1) persone prese in carico per l attivazione della sorveglianza attiva, distinti tra soggetti gia inseriti nei servizi e non. 2) Servizi attivati e modalità assicurate 3) Quadro organizzativo e delle responsabilità adottato nella zona (Vedi allegato 3 schede di monitoraggio regionali) La SdS verificherà anche attraverso lo strumento della concertazione con le OO.SS. l andamento del progetto. Ruolo dei Comuni. - Attivazione dei servizi riconducibili al progetto regionale come in premessa descritto nel rispetto delle risorse assegnate e delle esigenze di ciascun territorio. - Comunicazione alla SdS dei soggetti del privato sociale con cui esiste una convenzione, accordo o protocollo per l attuazione dei servizi previsti nel progetto. - Comunicazione alla Società della Salute di un referente Comunale a cui far riferimento per qualsiasi comunicazione e informazione. - Invio delle segnalazioni effettuate dai servizi sociali utilizzando la scheda regionale con specifico riferimento al servizio o servizi attivati. - Fornire entro settembre 2006 una relazione sintetica che rendiconti gli interventi fatti, la spesa sostenuta e il numero di utenti coinvolti. Da tale scheda dovrà essere possibile desumere che la spesa sostenuta è stata destinata esclusivamente ai soggetti rientranti nel target previsto dal progetto. Ruolo del Servizio Infermieristico o riabilitativo Asl - Fornire alla SdS le segnalazioni dei nominativi da passare ai comuni effettuate compilando le schede regionali Ruolo dei MMG - Fornire alla SdS le segnalazioni dei nominativi da inviare ai comuni per l attivazione dei servizi, utilizzando la scheda regionale. N.B 1) Le segnalazioni dei MMG non dovranno riguardare i soggetti in assistenza domiciliare integrata, assistenza domiciliare programmata, residenza sanitaria assistenziale, né soggetti già segnalati gli anni precedenti. 2) Per i casi già segnalati negli anni precedenti e già inseriti nel progetto di sorveglianza attiva nello scorso anno, è sufficiente compilare la scheda allegata al progetto (allegato 1)

6 3) Dalla scheda di cui al punto precedente, (ALL. 1) dovranno risultare tutti i nominativi per i qali è stato attivato un qualsiasi tipo di intervento nell ambito del progetto. Tali schede costituiranno l archivio zonale della fragilità. Situazione di partenza: Reintroduzione nel meccanismo di sorveglianza attiva dei soggetti già inseriti negli anni 2004 e 2005 sulla base degli esiti del monitoraggio effettuato negli anni precedenti. Risultati attesi in termini di salute: a) riduzione ricoveri ospedalieri e in RSA b) ricorso a ricoveri temporanei di sollievo in RSA c) creazione di un archivio con i nominativi delle persone segnalate ed inserite nel progetto per i quali sono stati attivati gli interventi previsti e monitoraggio della loro situazione nel corso dell anno Enti e soggetti coinvolti: Medici di Medicina Generale, Servizi sociosanitari territoriali: servizio infermieristico, riabilitativo, servizio sociale, Comuni, Associazioni del terzo settore presenti sul territorio Cronogramma: modalità operative degli interventi, fasi, tempi attività: Il progetto di sorveglianza attiva sarà attivato dal con i casi già presi in carico l anno precedente e gli interventi riguarderanno prevalentemente i mesi estivi con relazioni conclusive entro il 30 settembre Organizzazione delle risorse, competenze. Per la distribuzione delle risorse ai vari comuni si rimanda alla Delibera di approvazione del presente progetto. Al progetto si allega inoltre una proposta di protocollo operativo che ha lo scopo di uniformare l approccio delle associazioni coinvolte nel progetto di Sorveglianza attiva (allegato 2) Entro il 15 ottobre 2006 è prevista inoltre una verifica con le OO.SS

7 Allegato 1 Registro della fragilità Zona Nord Ovest- Scheda di rilevazione Nome Cognome Nato/a a il Residente a Data di segnalazione per il progetto sorveglianza attiva (indicare l anno in cui il soggetto è stato inserito nel progetto) 1) Segnalato dal medico curante a) su modulistica regionale b) utilizzando altra modalità (specificare) 2) Segnalato dai servizi socio sanitari territoriali a) Servizi sociali b) Servizi infermieristici c) Servizi riabilitativi d) Altro (Specificare) 3) Al momento della segnalazione il soggetto era già in carico ai servizi? a) sì beneficiario del servizio di b) no Servizio attivato in seguito alla segnalazione 4) Nel caso in cui ci si riferisca ad un soggetto già segnalato nel 2004 o 2005 specificare: Servizio attivato nel 2006 Dati relativi al compilatore La presente scheda è stata compilata il Da Ente di appartenenza N.B. La presente scheda non deve essere utilizzata per nuove segnalazioni

8 Società della Salute Zona Socio-Sanitaria Fiorentina Nord Ovest Deliberazione n. 16 del 10 luglio 2006 Il presente verbale di deliberazione viene letto, approvato e sottoscritto La presente deliberazione è esecutiva dal 10 luglio 2006 ai sensi dell art. 13 comma 6 dello Statuto. IL PRESIDENTE Simone Naldoni IL SEGRETARIO Paola Cipriani CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione è stata pubblicata in copia all Albo Pretorio della S.d.S. per dieci giorni consecutivi, dal al Sesto Fiorentino, lì IL SEGRETARIO

Società della Salute Zona Socio Sanitaria Fiorentina Nord Ovest

Società della Salute Zona Socio Sanitaria Fiorentina Nord Ovest Società della Salute Zona Socio Sanitaria Fiorentina Nord Ovest Deliberazione n. 7 del 24 marzo 2006 OGGETTO: Convenzione con l Associazione Artemisia per il Progetto Sostegno a favore delle famiglie in

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 46 Seduta del 20/03/2012 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n.2 del 17 Febbraio 2010. Oggetto: Sperimentazione dell assegno per l assistenza all anziano non autosufficiente.

DETERMINA DEL DIRETTORE n.2 del 17 Febbraio 2010. Oggetto: Sperimentazione dell assegno per l assistenza all anziano non autosufficiente. Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 7 OGGETTO: ADESIONE PROGETTO SERVIZIO CIVILE PER ASSISTENZA ANZIANI PRESENTATO DALLA COMUNITA' MONTANA DEL TRIANGOLO

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO 1 Il Distretto socio-sanitario dell ambito di Monza (Monza, Brugherio e Villasanta) ha predisposto anche per l anno

Dettagli

VIA UMBERTO I, 30 C.F. e P. IVA 01277110837 N. 08 Del 19/02/2009 OGGETTO: Acquisto materiale di cancelleria per gli uffici comunali. Imputazione della spesa. Assegnazione risorse all Economo Comunale.

Dettagli

C O M U N E D I M A R I A N O P O L I

C O M U N E D I M A R I A N O P O L I C O M U N E D I M A R I A N O P O L I Provincia di Caltanissetta COPIA DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 73 del Registro Data 21.12.2010 OGGETTO: Autorizzazione rapporto di gestione della casa

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

GIUNTA ESECUTIVA. Ente rappresentato Nome e Cognome Carica Quote Presenti Assenti AUSL 4 Massimo Braganti Direttore 33,33 X. delegato.

GIUNTA ESECUTIVA. Ente rappresentato Nome e Cognome Carica Quote Presenti Assenti AUSL 4 Massimo Braganti Direttore 33,33 X. delegato. GIUNTA ESECUTIVA Deliberazione n. 07 del 21.02.2014 Oggetto: Definizione del sistema dei titoli di acquisto per l inserimento semiresidenziale degli anziani aventi diritto nelle strutture accreditate.

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI NICOLOSI PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI NICOLOSI PROVINCIA DI CATANIA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. _94 Oggetto: Affidamento servizio di assistenza domiciliare anno 2009. del 31 luglio 2009 L anno duemilanove

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

COMUNE DI NEMBRO Provincia di Bergamo

COMUNE DI NEMBRO Provincia di Bergamo COMUNE DI NEMBRO Provincia di Bergamo DELIBERA N. 4 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE CENTRO DIURNO INTEGRATO "SERAFINO CUNI"

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA ORIGINALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 133delReg.Delib. data 27.05.2015 OGGETTO: Distretto Socio Sanitario 44. Erogazione dei Servizi di

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 121 Seduta del 20/06/2013 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

VIA UMBERTO I, 30 C.F. e P. IVA 01277110837 N. 44 Del 19/06/2009 OGGETTO: Dipendente comunale. Collocamento a riposo per inabilità assoluta e permanente allo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 211 Seduta del 28/10/2013 All.12 OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

Il Direttore Lucetta Tre Re. Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007

Il Direttore Lucetta Tre Re. Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007 Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007 Oggetto: Fase Pilota del progetto regionale di assistenza continuativa a persone non autosufficienti : accordo con Medici di Medicina Generale. presente

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI PIANO SOCIALE DI ZONA ARACNE - AMBITO B3 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO ASSISTENZIALE IN FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI NON IN ADI/CDI (a valere sulle

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI Delibera Numero 32 del 5 settembre2011 Oggetto : CONVENZIONE TRA AZIENDA USL 5 DI

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Sindaco e Assessore delegato 1,62 X. Barbara Di Sciullo

ASSEMBLEA DEI SOCI. Sindaco e Assessore delegato 1,62 X. Barbara Di Sciullo ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 4 del 09.02.2015 OGGETTO: Progetto Home Care Premium 2014 Linee di indirizzo, accertamento e imputazione di spesa Ente rappresentato Nome e Cognome Carica Quote Presenti

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Ministero della Salute Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Premessa Per ondata di calore si intende una condizione meteorologica che persiste

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale N. 44 Reg. Seduta del 09/10/2014 OGGETTO: PIGNORAMENTO PRESSO TERZI EURO COSTRUZIONI S.R.L.. OPPOSIZIONE DELL ENTE

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 7. della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 7. della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 7 della Giunta della Comunità della Val di Non OGGETTO: Presa d atto della sottoscrizione in data 25.11.2013, tra Provincia Autonoma

Dettagli

"Progetto di sperimentazione di un nuovo modello di assistenza domiciliare per persone con disabilità e anziani".

Progetto di sperimentazione di un nuovo modello di assistenza domiciliare per persone con disabilità e anziani. Protocollo RC n. 13615/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 21 SETTEMBRE 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì ventuno del mese di settembre, alle

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI Delibera Numero 23 del 7 ottobre 2013 OGGETTO: I NUOVI BISOGNI ASSISTENZIALI DELL

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 48 del 20/03/2015 OGGETTO: Lavori per il recupero e la messa in sicurezza della Scuola Materna ed Elementare

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 11 DEL 27.08.2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 11 DEL 27.08.2014 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

Deliberazione n. 253

Deliberazione n. 253 Protocollo RC n. 8367/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area:

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area: REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 381 02/09/2011 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 12312 DEL 09/06/2011 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 58 DEL 28/09/2006 OGGETTO: OGGETTO: INSERIMENTO IN STRUTTURA RESIDENZIALE PROTETTA

Dettagli

Stefania Saccardi Presidente x Luigi Marroni Membro x Giuseppe D Eugenio Membro x. L Assessore Proponente: Stefania Saccardi

Stefania Saccardi Presidente x Luigi Marroni Membro x Giuseppe D Eugenio Membro x. L Assessore Proponente: Stefania Saccardi Deliberazione Esecutivo n. 3 del 27 gennaio 200 Oggetto: approvazione schema di convenzione con Opera Madonnina del Grappa per interventi di accoglienza e assistenza a favore delle persone evacuate dall

Dettagli

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. PROVVEDIMENTO N. 04 del 13/01/2015

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. PROVVEDIMENTO N. 04 del 13/01/2015 A zie n d a USL 10 di Firen ze - Co m un i Zon a So cio-sanit aria de l Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02442/019 Area Servizi Sociali GP 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 27 maggio 2014 Convocata la Giunta presieduta

Dettagli

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI...

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI... R E G O L A M E N T O D E L S E R V I Z I O A S S O C I A T O D I S T R E T T U A L E D I A S S I S T E N Z A D O M I C I L I A R E P E R A N Z I A N I ( S A D ) E D I S A B I L I ( S A DH) SOMMARIO 1-PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE ANNO 2014 N. 87 del Registro Delibere OGGETTO: CORSI DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/15 - Indirizzi

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

Protocollo d intesa distrettuale per l area anziani 2005-2007

Protocollo d intesa distrettuale per l area anziani 2005-2007 Protocollo d intesa distrettuale per l area anziani 2005-2007 ART.1 OGGETTO DEL PROTOCOLLO D INTESA ART.2 OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO D INTESA OBIETTIVI GENERALI per il Triennio 2005-2007 1. Conoscere e monitorare

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N. 35 del 03/06/2014

COMUNE DI COLLESANO PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N. 35 del 03/06/2014 COMUNE DI COLLESANO PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 35 del 03/06/2014 OGGETTO: Concessione contributo per i festeggiamenti in onore di San Antonio da Padova Anno

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 180 Del 14-12-2006 Oggetto: CRITERI PER L'AMMISSIONE DI CITTADINI DEL COMUNE A PRESTAZIONIO SOCIALI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

assistenza domiciliare per anziani ultrasessantacinquenni (ADA). L Assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari (ADI/CDI) consiste nell

assistenza domiciliare per anziani ultrasessantacinquenni (ADA). L Assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari (ADI/CDI) consiste nell Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare socioassistenziale e per il servizio di assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari attraverso procedura di erogazione dei Voucher Sociali

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile BUONO SOCIALE A SOSTEGNO DI FAMIGLIE/RETI DI SOLIDARIETA CHE SI PRENDONO CURA, NEL CONTESTO DOMICILIARE,

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. DEL ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina il servizio

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 20 - VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 20 Del 17.02.2010 OGGETTO: INDIRIZZI PER ORGANIZZAZIONE ATTIVITA TEATRALI RIVOLTE AI BAMBINI -ANNO 2010.- L

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA settembre 2011 1 Il presente regolamento è frutto di un lavoro di condivisione tra le SDS

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.)

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.) REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.) Art. 1 - Oggetto 1 - Il CISSA intende disciplinare l erogazione di un contributo denominato contributo

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

COMUNE DI NEMBRO Provincia di Bergamo

COMUNE DI NEMBRO Provincia di Bergamo COMUNE DI NEMBRO Provincia di Bergamo DELIBERA N. 17 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DELLO STUDIO DI FATTIBILITA' TECNICA SUL PIANO DI CONTINUITA' OPERATIVA E

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 06/07/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 06/07/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 06/07/2011 ================================================================= OGGETTO: QUESTIONARI DI CUSTOMER SATISFACTION

Dettagli

ASP Azienda di Servizi alla Persona Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia V.le Matteotti, 63 27100 Pavia. Carta dei Servizi

ASP Azienda di Servizi alla Persona Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia V.le Matteotti, 63 27100 Pavia. Carta dei Servizi ASP Azienda di Servizi alla Persona Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia V.le Matteotti, 63 27100 Pavia Carta dei Servizi ATTIVITA' DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ASPETTI GERIATRICI DELLA DISABILITA'

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 18 del 18.05.2015

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 18 del 18.05.2015 ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 18 del 18.05.2015 OGGETTO: Approvazione modalità sperimentali di calcolo della compartecipazione ai costi del servizio di assistenza domiciliare e della soglia di accesso

Dettagli

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Comune di Firenze Realizzato da Mauro Martini 17.10.2005 Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Azienda USL 10 di Firenze Deliberazione n. 17 del 22 marzo 2006 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 129 DEL 17.07.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO 'SPORTELLO ON LINE AL CITTADINO'. L anno duemiladodici

Dettagli

"fu'^-**il'**' L'AssesSoreProponente:AssStefaniaSaccardiu",Mt^^^^ Ufficio proponente: Direttore SdS \J

fu'^-**il'**' L'AssesSoreProponente:AssStefaniaSaccardiu,Mt^^^^ Ufficio proponente: Direttore SdS \J Deliberazione Giunta Esecutiva n.f,. del 5 dipcemb re 20Ll Oggetto: Approvazione Progetto integrato "Salute è Benessere" Stefania Saccardi Luigi Marroni(delega M.Ensabella) Stefano Marmugi Presidente Membro

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE ANNO 2013 N. 105 del Registro Delibere OGGETTO: Affidamento del servizio della distribuzione

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 217 del 15.11.2012 Oggetto: Istituzione Servizio Gestione Risorse Umane. Ambito di Settore: Amministrativo e Servizi

Dettagli

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE)

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) N.54 Data 10-06-2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMPLESSIVA C O P I A Oggetto: APPROVAZIONE DELL'ACCORDO DI GOVERNANCE PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO

Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Società della Salute di Firenze ESECUTIVO Comune di Firenze Deliberazione n. 62 del 4 ottobre 2006 Oggetto: Bilancio Preventivo 2006 Prima variazione. Azienda Sanitaria di Firenze presente assente Graziano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 del 05/05/2011 OGGETTO: PROTOCOLLO

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Ezio MAZZOLI nella sua qualità di Assessore anziano e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Ezio MAZZOLI nella sua qualità di Assessore anziano e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 162 DEL 22 MARZO 2010 OGGETTO: U.T. LEGGE 09/01/1989 N 13 - RICHIESTA DI CONTRIBUTI STATALI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 102 Del 28-09-2015 C O P I A Oggetto: Istituto Comprensivo Pratola Serra- determinazioni L'anno duemilaquindici

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Comunità Montana Mugello Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Via Palmiro Togliatti, n 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) - Tel. 0558451430

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUA ALLA PERSONA NON AUTOSUFFICIENTE

ASSISTENZA CONTINUA ALLA PERSONA NON AUTOSUFFICIENTE ASSISTENZA CONTINUA ALLA PERSONA NON AUTOSUFFICIENTE 1. Premessa Il Progetto si inserisce nel contesto istituzionale individuando una finalità generale nel rafforzamento del diritto di cittadinanza spostando

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE Protocollo n. 9228 del 20/12/2012 COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI Data Delibera: 18/12/2012 N Delibera: 130 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: PRESA D'ATTO

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO ORIGINALE VERBALE N. 8 DEL 25.01.2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRATTO DI SERVIZIO TRA IL COMUNE DI TERNO D'ISOLA E L'AZIENDA

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA

C O MUNE DI PANTELLERIA C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 103 / del Reg. DATA 28.07.2015 OGGETTO: Presa atto rendiconto spese per lo svolgimento di n. 3 progetti esecutivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO n. 161 del 23/12/2008 OGGETTO: FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE, AGRICOLE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli