L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI:"

Transcript

1 LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI OSPEDALI 1. LA PROBLEMATICA OSPEDALIERA L ATTIVITÀ OSPEDALIERA È CONTEMPLATA AL N. 86 DELL ELENCO ANNESSO AL D.M IN UNA ATTIVITÀ OSPEDALIERA GENERALMENTE POSSIAMO TROVARE UN GRAN NUMERO DI ATTIVITÀ CON PROFILO DI RISCHIO MEDIO E ALTO ELENCATE NELL D.M ; LE PIU FREQUENTI SONO: ATTIVITÀ N. 3 - DEPOSITI DI GAS COMBUSTIBILI IN BOMBOLE; ATTIVITÀ N. 4 - DEPOSITI DI GAS COMBUSTIBILI IN SERBATOI FISSI; ATTIVITÀ N. 5 - DEPOSITI DI GAS COMBURENTI IN SERBATOI; ATTIVITÀ N DEPOSITI DI LIQUIDI INFIAMMABILI; ATTIVITÀ N DEPOSITI DI ALCOL A CONCENTRAZIONE 60%; ATTIVITÀ N GRUPPI ELETTROGENI CON POTENZA SUPERIORE A 25 KVA; ATTIVITÀ N IMPIEGO DI ISOTOPI RADIOATTIVI ED APPARECCHIATURE IONIZZANTI; ATTIVITÀ N IMPIANTI DI PRODUZIONE DEL CALORE; ATTIVITÀ N AUTORIMESSE; ATTIVITÀ N VANI ASCENSORE E MONTACARICHI. L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI: GRANDE COMPLESSITA IMPIANTISTICA DISTRIBUTIVO SPESSO ARTICOLATO ELEVATO CARICO DI INCENDIO ELEVATO AFFOLLAMENTO PRESENZA DI PERSONE CON LIMITATE CAPACITA MOTORIE Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 1

2 2. LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO DECRETO MINISTERIALE " APPROVAZIONE DI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DELLE STRUTTURE SANITARIE. Art. 1 Scopo e campo di applicazione 1. Il presente decreto ha per scopo l emanazione di disposizioni di prevenzione incendi riguardanti la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie di seguito elencate e classificate sulla base di quanto riportato dall art. 4 del D.P.R. 14 gennaio 1997 (supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 1997) in relazione alla tipologia delle prestazioni erogate: a) strutture che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero a ciclo continuativo e/o diurno; b) strutture che erogano prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e/o diurno; c) strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, ivi comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio. Art. 2 Obiettivi 1. Ai fini della prevenzione incendi ed allo scopo di raggiungere i primari obiettivi di sicurezza relativi alla salvaguardia delle persone e alla tutela dei beni, le strutture sanitarie, di cui al precedente articolo, devono essere realizzate e gestite in modo da: a) minimizzare le cause di incendio; b) garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti; c) limitare la produzione e la propagazione di un incendio all interno dei locali; d) limitare la propagazione di un incendio ad edifici e/o locali contigui; e) assicurare la possibilità che gli occupanti lascino il locale indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo; f) garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 2

3 Art. 3 Disposizioni tecniche 1. Ai fini del raggiungimento degli obiettivi di cui all articolo 2, è approvata la regola tecnica di prevenzione incendi allegata al presente decreto. Art. 4 Applicazione delle disposizioni tecniche 1. Fatto salvo quanto previsto al successivo comma 4, le disposizioni tecniche riportate al Titolo II dell allegato si applicano alle strutture sanitarie di cui all articolo 1, comma 1, lettere a) e b), di nuova costruzione ed a quelle esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, nel caso siano oggetto di interventi comportanti la loro completa ristrutturazione e/o il cambio di destinazione d uso. Qualora gli interventi effettuati su locali esistenti, comportino la sostituzione o modifica di impianti e/o attrezzature di protezione attiva antincendio, la modifica parziale delle caratteristiche costruttive e/o del sistema di vie di uscita, e/o ampliamenti, le disposizioni del presente decreto si applicano solamente agli impianti e/o alle parti della costruzione oggetto degli interventi di modifica. In ogni caso gli interventi di modifica effettuati su locali esistenti, che non comportino un loro cambio di destinazione, non possono diminuire le condizioni di sicurezza preesistenti. A fronte di interventi di ampliamento e/o modifiche di strutture sanitarie esistenti, comportanti un incremento di affollamento, in misura tale da essere compatibile con il sistema di vie di uscita esistente e con l eventuale nuovo assetto planovolumetrico, il predetto sistema di vie di uscita dovrà essere rispondente alle disposizioni di cui al Titolo III. 2. Fatto salvo quanto previsto al successivo comma 4, le strutture sanitarie di cui all art. 1, comma 1, lettere a) e b), esistenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono adeguate alle disposizioni riportate al Titolo III dell allegato entro i termini temporali di cui al successivo art. 6. Non sussiste l obbligo dell adeguamento per le strutture sanitarie: a) per le quali sia stato rilasciato il certificato di prevenzione incendi; b) per le quali siano stati pianificati, o siano in corso, lavori di modifica, adeguamento, ristrutturazione o ampliamento sulla base di un progetto approvato dal competente Comando provinciale dei Vigili del fuoco. 3. Le disposizioni di cui al Titolo IV dell allegato si applicano alle strutture sanitarie di cui all art. 1, comma 1, lettera c), di nuova costruzione ed esistenti. 4. Le disposizioni di cui al Titolo IV dell allegato si applicano altresì: alle strutture fino a 25 posti letto, esistenti e di nuova costruzione, che erogano: Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 3

4 a) alle strutture fino a 25 posti letto, che erogano prestazioni a ciclo diurno in regime di ricovero ospedaliero e/o residenziale, sia esistenti che di nuova costruzione; b) alle strutture esistenti, fino a 25 posti letto, che erogano prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo. Art. 5 Commercializzazione CE 1. I prodotti provenienti da uno dei Paesi dell Unione Europea, o da uno dei Paesi contraenti l accordo SEE, legalmente riconosciuti sulla base di norme armonizzate ovvero di norme o regole tecniche applicate in tali Stati che permettono di garantire un livello di protezione, ai fini della sicurezza antincendio, equivalente a quello perseguito dalla presente regolamentazione, possono essere commercializzati per essere impiegati nel campo di applicazione disciplinato dal presente decreto. 2. Nelle more dell entrata in vigore di apposite norme armonizzate, agli estintori, alle porte e agli elementi di chiusura per i quali è richiesto il requisito di resistenza al fuoco, nonché ai prodotti per i quali è richiesto il requisito di reazione al fuoco, si applica la regolamentazione italiana vigente, che prevede specifiche clausole di mutuo riconoscimento, concordate con i servizi della Commissione Europea, stabilite nei seguenti decreti del Ministro dell interno: decreto 12 novembre 1990 per gli estintori portatili; decreto 5 agosto 1991 per i materiali ai quali è richiesto il requisito di reazione al fuoco; decreto 6 marzo 1992 per gli estintori carrellati; decreto 14 dicembre 1993 per le porte e gli altri elementi di chiusura ai quali è richiesto il requisito di resistenza al fuoco. Art. 6 Disposizioni finali Fatti salvi gli obblighi ed i relativi termini di adeguamento stabiliti nella vigente legislazione tecnica in materia di sicurezza, le strutture sanitarie esistenti di cui al comma 2 del precedente art. 4 sono adeguate entro cinque anni dalla data di entrata in vigore del decreto. Il presente decreto entra in vigore il novantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 4

5 REGOLA TECNICA TITOLO I Generalità 1) DEFINIZIONI Per le definizioni si fa riferimento al D.M 30/11/1983. Ai fini delle presenti disposizioni si definisce inoltre: a) Corridoio Cieco: corridoio dal quale è possibile l esodo in una sola direzione. b) Esodo orizzontale progressivo: modalità di spostamento dei degenti in un compartimento adiacente capace di contenerli e proteggerli fino a quando l incendio non sia stato domato o fino a quando non sia necessario procedere ad una nuova evacuazione verso un luogo sicuro. c) Percorso orizzontale protetto: percorso di comunicazione orizzontale o sub orizzontale protetto con elementi strutturali di adeguata resistenza al fuoco, con funzione di collegamento tra compartimenti e di adduzione verso luogo sicuro. d) Piano di uscita dell edificio: piano dal quale sia possibile l evacuazione degli occupanti verso luogo sicuro all esterno dell edificio. e) Scala di sicurezza esterna: scala totalmente esterna, rispetto al fabbricato servito, munita di parapetto avente le seguenti caratteristiche: - incombustibile - parete esterna ed infissi per almeno 2,5 mt. per ogni lato della proiezione in pianta della scala del tipo REI 60. In alternativa la scala deve essere distaccata di 2.5 mt. dall edificio e collegarsi alle porte di piano con passerelle protette con setti laterali REI 60. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 5

6 2) CLASSIFICAZIONE DELLE AREE A) aree e impianti a rischio specifico ricompresi nel D.M. 16/2/1982 e D.P.R. 689/59 B) aree a rischio specifico accessibile al solo personale dipendente C) aree adibite a prestazioni ambulatoriali senza ricovero D) aree destinate a ricovero ospedaliero e/o residenziale Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 6

7 TITOLO II Ubicazione 1) Generalità a) edifici indipendenti b) in edifici con presenza di altre attività con limitazioni a quelle di cui ai punti (64,83,84,85,89,90,91,92,94 e 95 del D.M 16/2/1982) 2) Comunicazioni e separazioni a) nessuna con attività non pertinenti b) possono comunicare con attivita pertinenti non soggette al controllo dei VV.F. c) possono comunicare con filtri a prova di fumo con alcune attività soggette al controllo dei VV.F d) elementi di separazione con a,b,c di adeguate caratteristiche di resistenza al fuoco e comunque non inferiori a REI 90 3) Accesso all area requisiti minimi: - larghezza 3.50 mt - altezza libera 4.00 mt. - raggio di volta mt. - pendenza max. 10% - resistenza al carico 20 ton. (8 ton. Su asse ant. E 12 ton. su asse post. con passo di 4.00 mt. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 7

8 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 1)Resistenza al fuoco delle strutture - piani interrati R/REI altezza antincendio fino a 24 mt. R/REI 90 - altezza antincendio superiore a 24 mt. R/REI 120 REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI - negli atri, corridoi, disimpegni, scale, percorsi e passaggi in genere - il 50% della superficie totale deve essere in classe 1 e l altro 50% in classe 0. - Negli altri ambienti i pavimenti devono essere in classe 2, materiali di rivestimento in classe 1 o in classe 2 in presenza di impianti di spegnimento automatico o di smaltimento di fumi comandati da impianto di rivelazione degli incendi - I materiali sospesi (tende) in classe1 - I mobili imbottiti (poltrone, materassi) in classe 1IM 3) COMPARTIMENTAZIONE - aree tipo C su un solo livello max 1500 mq. - aree tipo D su un solo livello max 1000 mq. - aree tipo E suddivise in compartimenti omogenei 4) LIMITAZIONI ALLE DESTINAZIONI D USO - nessun locale sotto 10 mt. dal piano di campagna - da 7.5 a 10 locali protetti da impianti di spegnimento automatici - i piani interrati non devono essere destinati a degenza Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 8

9 - la aree tecniche per laboratori di analisi e ricerca e apparecchiature ad alta energia possono essere situate ai piani interrati a condizione che siano separate da filtri a prova di fumo - i locali destinati ad apparecchiature ad alta energia non possono essere contigui con aree tipo D 5) SCALE - tutte le scale del tipo protetto - se a servizio di aree di tipo D a prova di fumo - i filtri a prova di fumo per aree tipo D devono avere ampiezza per consentire il transito delle barelle e letti - tutte le scale protette e a prova di fumo devono immettere in luogo sicuro esterno - rampe rettilinee non meno di tre gradini e non più di 15. pedata e alzata dei gradini non inferiori rispettivamente a 17 e 30 cm. - i vani scala privi di pareti aperte verso l esterno devono avere in sommità aperture di superficie non inferiore ad 1 mq. con sistema di apertura comandato da impianto di rivelazione e azionabile manualmente con dispositivo facilmente accessibile e segnalato posto alla base delle scale. 6) ASCENSORI E MONTACARICHI - tutti ascensori e montacarichi devono essere del tipo protetto - non utilizzare in caso di incendio. 7) MONTALETTIGHE UTILIZZABILI IN CASO DI INCENDIO - gli edifici destinati anche in parte ad aree di tipo D devono devono avere almeno un montalettighe utilizzabile in caso di incendio per le operazioni di soccorso e di evacuazione da parte di personale appositamente incaricato o dai VV.F. - I requisiti del montalettighe sono: a) immettere in luogo sicuro esterno Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 9

10 b) avere strutture con caratteristiche REI 120 c) immettere nei piani attraverso filtri a prova di fumo REI 120 d) accesso al locale macchinario da esterno o da filtro a prova di fumo REI 120 e) avere doppia alimentazione elettrica, uno dei quali di sicurezza con inserimento automatico in caso di assenza della corrente di rete. f) Avere montanti dell alimentazione elettrica normale e di sicurezza protetti dal fuoco per almeno 120 minuti g) Essere dotato di sistema citofonico h) Avere vano corsa e locale macchinario indipendente da altri elevatori. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 10

11 MUSURE PER L ESODO 1) AFFOLLAMENTO a) aree tipo B: perone presenti incrementate del 20% b) aree tipo C: - per ambulatori 0.1 persone /mq. - sale di attesa 0.4 persone/mq. c) aree tipo D: - 3 persone per posto letto in strutture ospedaliere - 2 persone per posto letto in strutture residenziali d) aree di tipo E - uffici amministrativi: 0.1 persone/mq. - spazi per riunioni, mense scuole etc: numero posti previsti - spazi per visitatori: 0.4 persone/mq. 2) CAPACITA DI DEFLUISSO - 50 per piani a quota compresa tra più o meno un metro rispetto al piano di uscita per piani a più o meno 7.5 mt. rispetto al piano di uscita - 33 per piani al di sopra o al di sotto di 7.5 mt. rispetto al piano di uscita. 3) ESODO ORIZZONTALE PROGRESSIVO - tutti i piani di aree tipo D devono essere progettati per consentire l esodo orizzontale progressivo - ogni piano deve essere suddiviso in almeno due compartimenti ciascuno con un sistema di vie di uscita. I parametri di progettazione devono essere di almeno 0.7 mq./persona. Per evacuazioni su letti o barelle tale parametro deve essere 1.5 mq./persona. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 11

12 4) SISTEMI DI VIE DI USCITA - ogni compartimento deve essere provvisto di un sistema organizzato di vie di uscita - i percorsi di uscita devono essere conformi alle vigenti disposizioni in materia di superamento delle barriere architettoniche (D.P.R. n. 503 del 24/7/1996) 5) LUNGHEZZA DELLE VIE DI USCITA - 40 mt. per raggiungere una uscita su luogo sicuro o su scala di sicurezza esterna - 30 mt. per raggiungere una uscita su scala protetta - nelle aree di tipo D la distanza da compartimenti attigui deve essere non superiore a mt corridoi ciechi di lunghezza non superiore a 15 mt. 6) CARATTERISTICHE DELLE VIE DI USCITA - elementi sporgenti oltre mt. 2 di altezza - altezza non inferiore a mt. 2 - pavimenti antisdrucciolevoli - vietata la presenza di specchi - percorsi non tortuosi - porte apribili verso l esodo - nessuna presenza di materiali di ostacolo al regolare deflusso 7) LARGHEZZA DELLE VIE DI ESODO - non inferiore a mt nel punto poù stretto - profondità dei pianerottoli con cambi di direzione a 180 non inferiore a mt. 2 - la larghezza totale deve essere congruente con l affollamento Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 12

13 - per edifici oltre due piani la larghezza totale va calcolata sommando il massimo l affollamento previsto su due piani consecutivi. - Le scale mobili non vanno calcolate ai fini della larghezza delle uscite. 8) SISTEMI DI APERTURA DELLE PORTE DI EVENTUALI INFISSI - aperture verso l esodo - per patologie particolari il sistema di uscita può essere progettato in modo da consentire l esodo azionato da personale dipendente e sempre presente - possono essere installate porte scorrevoli a condizione che possono essere aperte anche a spinta verso l esterno e restare in posizione di apertura in caso di assenza di corrente di rete - le porte resistenti al fuoco devono essere provviste di sistema di autochiusura. In alternativa possono essere installate porte normalmente aperte comandate da dispositivo automatico di chiusura in caso di incendio. 9) NUMERO DI USCITE - le uscite di ciascun piano non deve essere inferiore a 2 e collocate in posizione contrapposta Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 13

14 AREE ED IMPIANTI A RISCHIO SPECIFICO 1) GENERALITA - gli impianti a rischio specifico devono essere realizzati in conformità alla specifiche normative esistenti - nei filtri a prova di fumo devono essere previsti sitemi di intercettazione dei seguenti impianti: a) elettrico b) distribuzione gas medicali c) condizionamentoe ventilazione - nei filtri devono essere ripetuti i segnali relativi allo stato di servizio dei seguenti impianti dei compartimenti attigui a) impianto elettrico b) distribuzione gas medicali c) rete idrica antincendio d) rivelazione di allarme 2) DEPOSITI E SERVIZI GENERALI Possono essere presenti piccoli depositi di superficie inferiori a mq.10 anche senza ventilazione alle seguenti condizioni: - carico di incendio non superiore a 30 Kg/mq. di l.s. - strutture di separazione almeno REI 30 - porte di accesso almeno REI 30 - rilevatori di fumo collegato impianto di allarme - estintore portatile 21A 89BC 3) DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI DISUPERFICIE MAX DI 50 MQ. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 14

15 - possono essere ubicati anche in aree di tipo C e D - strutture di separazione REI 60 - carico di incendio inferiore 30 Kg/mq. di l.s. - ventilazione naturale almeno 1/40 superficie in pianta - impianto rilevazione incendi 4) DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI DI SUPERFICIE MAX DI 500 MQ. - possono essere ubicati all interno di strutture sanitarie con esclusione delle aree tipo C e D - accesso da spazio scoperto o da intercapedine di larghezza almeno 0.90 mt - parete almeno del 15% del perimetro attestato su spazio a cielo libero - strutture di separazione REI 90 - impianto automatico di rivelazione ed allarme incendio - idranti UNI 45 - estintori di classe 34A 144BC - per carichi di incendio superiori a 30Kg/mq di l.s. occorre proteggere il locale con impianto automatico di estinzione incendio 2) DEPOSITO DI SOSTANZE INFIAMMABILI - fuori del volume del fabbricato - quantitativi modesti per esigenze igienico sanitarie devono essere contenutio in armadi metallici dotati di bacino di contenimento 3) LABORATORI PER SERVIZI GENERALI (ANALISI E RICERCA, LAVANDERIE, STERILIZZAZIONE LOCALI OVE SI DETENGONO O IMPIGANO SOSTANZE RADIOATTIVE) - adeguata distanza dalle aree tipo C e D Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 15

16 - strutture REI 90 - servizi lavanderia e sterilizzazione con carico di incendio superiore a 30 Kg/mq. di l.s. devono essere protetti con impianto di spegnimento automatico 4) DISTRIBUZIONE GAS COMBUSTIBILI - vedi norma specifica 5) DISTRIBUZIONE GAS MEDICALI - rete primaria con derivazioni così da garantire l autonomia funzionale di ciascun compartimento - compatibilità con la compartimentazione - interferenza con altre reti (elettriche acqua etc) - se in cavedi questi devono essere ventilati tenendo conto della densità 6) IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E VENTILAZIONE - come da norma specifica 7) IMPIANTI ELETTRICI - come da norma specifica Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 16

17 IMPIANTI DI ESTINZIONE 1) ESTINTORI - max distanza mt n 1 estintore ogni 100 mq. di pavimemento - efficacia 34A 144BC 2) NASPI E IDRANTI - fino a 100 posti naspi DN 25 - da 100 a 300 posti idranti UNI 45 - oltre 300 posti idranti interni UNI 45 e UNI 70 esterni - per naspi portata 60 lt/min a 2 bar - per idranti UNI 45 portata 120 lt/min a 2 bar con tre bocche aperte in condizioni più sfavorevoli - per idranti UNI 70 portata 300lt/ min a 4 bar con quattro bocche aperte in condizioni più sfavorevoli e senza contemporaneità con idranti interni - riserva idrica per 60 min. IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE 1) In tutte le aree - segnalatori di allarme incendio a pulsante - impianto fiso di rivelazione e segnalazione automatica degli incendi 2) CARATTERISTICHE - la segnalazione deve essere ottica ed acustica presso il centro di gestione delle emergenze - l impianto di rivelazione deve consentire l attivazione di: a) chiusura automatica di porte tagliafuoco Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 17

18 b) disattivazione elettrica impianti ventilazione e/o condizionamento c) chiusure di serrande tagliafuoco d) trasmissione a distanza della segnalazione di allarme 3) SISTEMI DI ALLARME - deve essere in grado di avvertire la presenza di un pericolo allo scopo di avviare le procedure di emergenza. - Deve avvenire con impianto di altoparlanti - La codificazione della segnaletica di allarme deve essere regolamentata con il piano di emergenza Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 18

19 SEGNALETICA DI SICUREZZA 1) Conforme alle disposizioni contenute nel D.L.vo 14/8/1996 n. 493 ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA ANINCENDIO 1) PROCEDURE - per oltre 100 posti letto deve essere previsto un locale per il centro di gestione - sotto 100 posti letto il centro di gestione può coincidere con la portineria - il centro di gestione deve tenere disponibili tutte le planimetrie dei locali - nei locali di degenza bisogna tenere esposte le istruzioni sui comportamenti da tenere in caso di incendio Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 19

20 TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI Le strutture esistenti devono essere adeguate entro 5 anni dalla data di entrata in vigore del decreto. Per le strutture esistenti la norma rimanda spesso, per gli aspetti più importanti, alla norma generale. Vi sono tuttavia diverse garanzie per quelle situazioni spesso strutturali il cui adeguamento spesso non è possibile. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 20

21 TITOLO IV AMBULATORI 1) STRUTTURE DI SUPERFICIE FINO A 500 MQ. - strutture R/REI 30 - misure generali di sicurezza D.M. 10/3/98 - aree a rischio specifico conformi alle relative normative - vedi titolo II p.ti 7.2, 9, 10.1, 10.2, 11, 12 - sotto 25 posti che erogano prestazioni in regime di ricovero deve esser installato un impianto di allarme collegato a dispositivi ottici e acustici 2) STRUTTURE DI SUPERFICIE SUPERIOE A 500 MQ. - applicare le disposizioni per le aree tipo C - per le nuove attività si applicano le prescrizioni del titolo II - per le attività esistenti valgono le prescrizioni del titolo III Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 21

22 ALLEGATO 1 IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE 3. ANALISI DI RISCHIO CON UNA METODOLOGIA DI ANALISI DEI RISCHI IN GENERALE IL RISCHIO DI INCENDIO È UNA ESPRESSIONE MOLTO COMPLESSA TRA: 1. CAUSE DI INCENDIO (INNESCHI POSSIBILI) 2. POSSIBILITÀ DI COMBUSTIONE (ARREDI + IMPIANTISTICA) 3. POSSIBILITÀ DI PROPAGAZIONE (STRUTTURE E COMPARTIMENTAZIONE) 4. -COMPORTAMENTI UMANI (PROCEDURE, DIVIETI, PRECAUZIONI) 5. POSSIBILITÀ DI SFOLLAMENTO E SOCCORSO. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 22

23 3.1 RIDUZIONE DELLE CAUSE DI INCENDIO - IMPIANTI ELETTRICI A NORMA CEI - IMPIANTI DI POTENZA A NORMA - ESCLUSIONI DI FONTI DI CALORE MOBILE (STUFE, CUCINE, ECC.) - MANUTENZIONE. 3.2 POSSIBILITÀ DI COMBUSTIONE - LIMITAZIONE DEL CARICO DI FUOCO - IMPIEGO DI MATERIALI CLASSIFICATI - DIVIETO DI UTILIZZARE ARREDI LA CUI COMBUSTIONE PRODUCE FUMI TOSSICI O NOCIVI. 3.3 POSSIBILITÀ DI PROPAGAZIONE - TUTTE LE ATTIVITÀ A RISCHIO BEN SEPARATE DALLE DEGENZE - PRESENZA DI COMPARTIMENTAZIONE REI O, MEGLIO, DI ISOLAMENTO PER DISTANZA TRA REPARTI DIVERSI - IMPIANTISTICA FINALIZZATA.(SERRANDE TAGLIAFUOCO, CHIUSURA AUTOMATICA PORTE REI ECC) 3.4 COMPORTAMENTI UMANI - DIVIETO DI FUMARE -DIVIETO DI IMPIEGARE SORGENTI DI CALORE - ATTUAZIONE PROCEDURE RIPORTATE NEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO - FORMAZIONE E INFORMAZIONE SU RISCHI, VIE DI ESODO PROCEDURE IN CASO DI INCIDENTE - SOMMINISTRAZIONE CORSI RISPETTO IL CARATTERE PUBBLICO DELLA STRUTTURA - GIUSTO COINVOLGIMENTO DELLE RESPONSABILITÀ DIREZIONALI Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 23

24 - DISPONIBILITA' AD ACCETTARE I CONTROLLI.E RELATIVE PRESCRIZIONI 3.5 POSSIBILITÀ DI SFOLLAMENTO E SOCCORSO - SCALE E USCITE DI SICUREZZA - VIE DI ESODO LIBERE - IMPIANTI DI EMERGENZA - IMPIANTI DI SPEGNIMENTO - INTERFACCIA CON STRUTTURA VV.F. IN QUESTE ATTIVITÀ IL PROBLEMA DEL DEFLUSSO IN CASO DI INCIDENTE, CIOÈ L'ORGANIZZAZIONE DELLE VIE DI ESODO, È PRIORITARIO VISTA ANCHE LA PARTICOLARE UTENZA DEGLI EDIFICI OSPITANTI TALI ATTIVITÀ. L IMPOSTAZIONE DEL PROBLEMA SECONDO UNA METODOLOGIA DI ANALISI DEI RISCHI NEL SENSO ANZIDETTO DOVREBBE TRADURSI IN UN DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO REDATTO E O VERIFICATO AI SENSI DEL 626 DA COMPETENZE DIVERSE (UFFICIO TECNICO, DIREZIONE SANITARIA, DIREZIONE AMMINISTRATIVA PER CIO' CHE ATTIENE FORNITURE A NORMA ECC) SI RIPORTA IN ALLEGATO 5 DUE LISTE DI CONTROLLO. 4. I PERICOLI ESISTENTI NEI COMPLESSI OSPEDALIERI POSSONO ESSERE SCHEMATIZZATI IN DUE GRUPPI: PERICOLI INSITI NEGLI IMPIANTI E NELLE STRUTTURE. ALTRI PERICOLI. 4.1 PERICOLI INSITI NEGLI IMPIANTI -INCENDI DI APPARECCHIATURE ED IMPIANTI ELETTRICI, -INCENDI DI GAS ANESTETICO E MEDICALE, -INCENDI DI CENTRALI TERMICHE, -ACCENSIONE ED ESPLOSIONE DI MISCELE GASSOSE, -SCOPPI DI TUBAZIONI O BOMBOLE CON FUGHE DI GAS E VAPORE, Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 24

25 -AZIONI DELLA CORRENTE SUL CORPO UMANO (USTIONI, MICRO E MACRO SHOCKS), -FUGHE DI RADIAZIONI IONIZZANTI, -DANNI ALLE PERSONE CAUSATI DALLA PRESENZA DI IMPIANTI ED ATTREZZATURE E STRUTTURE PERICOLOSE. I PERICOLI ELENCATI SONO CONSEGUENTI NORMALMENTE ALLE CARENZE PROGETTUALI, ESECUTIVE E DI MANUTENZIONE 4.2 ALTRI: -SVILUPPO RAPIDO D INCENDIO IN STRUTTURE CON ALTO CARICO D INCENDIO, - SVILUPPO DI FUMI TOSSICI, - SCOPPI DI TUBAZIONI E CONTENITORI DI GAS O SOSTANZE INFIAMMABILI IN AMBIENTI INTERESSATI ALL INCENDIO, - INTERRUZIONI DI ALIMENTAZIONI ELETTRICHE PREFERENZIALI O DI SICUREZZA PERCHÉ POCO ISOLATE E PROTETTE, - SCOPPIO DI APPARECCHI TELEVISIVI, SOFFOCAMENTO O SCHIACCIAMENTO DI PERSONE LUNGO I PERCORSI DI ESODO O CONTRO LE USCITE DI SICUREZZA PER CARENZA DIMENSIONALE O NUMERICA, - MANCANZA DI ADEGUATI MANIGLIONI ANTIPANICO O CON ERRATO SENSO DI APERTURA DELLE PORTE, - CADUTE E DANNI A PERSONE IN LOCALI DI LAVORO (LAVASTOVIGLIE, CUCINE), - INCIDENTI A PERSONALE TECNICO PER PROBLEMI IMPIANTISTICI, - CADUTE, DANNI FISICI A DISABILI PER MANCANZA DI ADEGUATO ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (RAMPE DI RACCORDO, ASCENSORI PER CARROZZINE, SERVIZI IGIENICI). GLI INCIDENTI AL PERSONALE OSPEDALIERO NORMALMENTE AVVENGONO PER INOSSERVANZA DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE ( USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE, INDUMENTI PROTETTIVI,IDONEE CALZATURE DI SICUREZZA). Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 25

26 4.3 LA PROTEZIONE CONTRO I PERICOLI DI ESPLOSIONE LA NORMA CEI 64-4 SUGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI ADIBITI AD USO MEDI- CO, NELLA SEZIONE 4 PROTEZIONE CONTRO I PERICOLI DI ESPÌOSIONE:PRESCRIZIONI PARTICOLARI RECITA: "NELLE CAMERE OPERATORIO E IN GENERALE NEI LOCALI DI ANESTESIA QUALORA LE ANESTESIE GENERALI SIANO EFFETTUATE CON SOSTANZE ATTE A FORNIRE MISCELE ESPLOSIVE, OPPURE SI TROVINO DISINFETTANTI E/O SOSTANZE SGRASSANTI INFIAMMABILI MISCELATE ALL ARIA, ALL OSSIGENO, AL PROTOSSIDO D AZOTO, SI PRESENTANO RISCHI DI ESPLOSIONE. PERCHÉ SI VERIFICHI UNA SITUAZIONE DI RISCHIO SONO NECESSARIE LE SEGUENTI TRE CONDIZIONI: L ASSENZA DI UNA SOLA DI ESSE IMPEDISCE IL CREARSI DEL PERICOLO DI ESPLOSIONE. - CONDIZIONE A): CHE IL GAS ANESTETICO SIA ESPLOSIVO. - CONDIZIONE BÌ: CHE IL GAS ESPLOSIVO SIA PRESENTE NELLA PERCENTUALE PERICOLOSA. - CONDIZIONE C): CHE SIA CONTEMPORANEAMENTE PRESENTE E PROSSIMA UNA CAUSA DI INNESCO (SCINTILLA). PER OVVIARE A QUESTA SITUAZIONE DI PERICOLO È POSSIBILE FAR RICORSO A DELLE MISURE DI PROTEZIONE ATTIVA RAPPRESENTATE DA IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS TOSSICI E ATMOSFERE ESPLOSIVE. Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 26

27 4.4 PRINCIPALI CAUSE DI INCENDIO LE STATISTICHE DIMOSTRANO CHE IL MAGGIOR NUMERO DEI SINISTRI OCCORSI NEI COMPLESSI OSPEDALIERI DELL EUROPA OCCIDENTALE SI MANIFESTANO TRA LE ORE 20 E LE 8 DEL MATTINO,SI RIPORTANO LE TABELLE E SCHEMI: Prevenzione incendi nelle attività ospedaliere Pag. 27

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE INCENDI

LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE INCENDI LA NUOVA NORMATIVA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI DVD PAOLO CICIONE 1 REGOLAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI E SEMPLIFICAZIONE DPR 689/ 59 e DPR 37/ 98 e DPR 214/06 e DM 16/02/82 DPR 151/ 11 DVD PAOLO

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli