PREMESSA EDIFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI"

Transcript

1 PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza limitata; Servizio psichiatrico diagnosi e cura). I tre reparti si ubicano rispettivamente in due corpi di fabbrica: Pneumologia nel corpo di fabbrica denominato Padiglione Villa ; Centro assistenza limitata e Servizio psichiatrico diagnosi e cura nel corpo di fabbrica denominato Padiglione Terzaghi/Rusca. La presente relazione evidenzia i criteri generali di sicurezza antincendio che la ristrutturazione intende osservare. Individua quindi i pericoli di incendio, valuta i rischi connessi e definisce le misure di prevenzione e protezione da attuare EDIFICI L edificio Padiglione Villa è ubicato a ridosso dell ingresso principale dell Ospedale Mandic a Merate. E un corpo di fabbrica a pianta pressoché rettangolare con asse maggiore sulla direttrice sud-nord, disposto su sette livelli (terra, 1, 2, 3, 4, 5, tecnico). L altezza ai fini antincendio è di 20,00 m ca. Il reparto Pneumologia occupa completamente il 5 livello del Padiglione, ha una superficie in pianta di 1860 mq e un altezza interna di 3,50 m. L edificio Padiglione Terzaghi/Rusca è ubicato parallelamente a nord del Padiglione Villa. E un corpo di fabbrica a pianta pressoché a L con lato maggiore sulla direttrice sud-nord, disposto su sei livelli (seminterrato, terra, 1, 2, 3, sottotetto). L altezza ai fini antincendio è di 17,40 m ca. Il reparto Centro assistenza limitata occupa il piano 1 del Padiglione, ha una superficie in pianta di 719 mq e un altezza interna di 3,96 m. Il reparto Servizio psichiatrico diagnosi e cura occupa il piano 3 del Padiglione, ha una superficie in pianta di 948 mq e un altezza interna di 3,00 m.

2 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO Vengono di seguito individuati i criteri di sicurezza che si intendono applicare nei reparti ristrutturati allo scopo di minimizzare le cause di incendio, garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti, limitare la produzione e la propagazione di incendi all interno dei locali, limitare la propagazione di incendi ai locali contigui, assicurare la possibilità che gli occupanti lascino i locali indenni o che possano essere soccorsi in altro modo, garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza. I tre piani dei due edifici esistenti, per poter ricevere le strutture sanitarie rispettivamente di Pneumologia, Centro assistenza limitata e Servizio psichiatrico diagnosi e cura, sono soggetti a completa ristrutturazione. La ristrutturazione consiste sostanzialmente in opere edili e affini (demolizioni, realizzazione di pavimenti e nuove partizioni interne, sostituzione di serramenti interni e esterni) e nel completo rifacimento degli impianti (condizionamento e ventilazione, distribuzione gas, elettrici e affini). La ristrutturazione comunque non muta l attività principale agli effetti dell'elenco di cui al D.M. 16/02/1982 che, anche dopo la ristrutturazione, rimane attività soggetta a visita e controlli di prevenzione incendi, cioè: 86 Ospedali, case di cura e simili con oltre 25posti letto. La regola tecnica di riferimento è quella allegata al D.M. 18/09/2002 che contempla anche le eventuali attività secondarie svolte nei reparti in oggetto. Trattandosi di edifici esistenti si può far riferimento anche al Titolo III della regola tecnica di cui sopra Classificazione Avendo per riferimento la classificazione delle strutture sanitarie riportata nel D.M. 18/09/2002, l attività nelle aree in oggetto può essere classificata come segue. Pneumologia: Tipo D aree destinate a ricovero in regime ospedaliero, nonché aree adibite ad unità speciali (pneumologia subintensiva); Centro assistenza limitata: Tipo D aree destinate a ricovero in regime ospedaliero; Servizio psichiatrico diagnosi e cura: Tipo D aree destinate a ricovero in regime ospedaliero Ubicazione Accesso all area e accostamento autoscale L accesso e l accostamento delle autoscale dei Vigili del Fuoco è assicurato in conformità ai requisiti minimi previsti al punto della Regola tecnica allegata al D.M. 18/09/2002 e riportato nelle tavole VVF1, VVF2, VVF3 allegate: Padiglione Villa (Pneumologia) lungo il lato est dell edificio; Padiglione Terzaghi/Rusca (Centro assistenza limitata e Servizio psichiatrico diagnosi e cura) lungo il lato est dell edificio.

3 Caratteristiche costruttive Resistenza al fuoco delle strutture e dei sistemi di compartimentazione I due edifici (Padiglioni Villa e Terzaghi/Rusca) sono ambedue di altezza antincendio inferiore a 24 m: le strutture e i sistemi di compartimentazione devono garantire requisiti di resistenza al fuoco R/REI 90. In ogni caso tale resistenza dovrà essere verificata puntualmente e certificata. In caso di difformità strutture e compartimentazioni dovranno essere adeguate Reazione al fuoco dei materiali Tutti i materiali impiegati sono omologati ai sensi del D.M. 26/06/1984. ingressi, corridoi, scale, disimpegni, percorsi orizzontali protetti: classe 0 (classe 1 max in ragione del 50% massimo della superficie totale); altri ambienti: pavimentazioni: classe 2 max; altri materiali di rivestimento: classe 1 max. controsoffitti: classe 1 max. tendaggi: classe 1 max. mobili imbottiti: classe 1 IM. isolanti in vista: classe 1 max. sedie non imbottite: classe 2 max Compartimentazione Le aree dei tre reparti sono suddivise in compartimenti come segue. Pneumologia (Tipo D) n.3 compartimenti: CP1 superficie 291 mq (<1000 mq); CP2 superficie 711 mq (<1000 mq); CP3 superficie 485 mq (<1000 mq). Centro assistenza limitata(tipo D) n.3 compartimenti: CD1 superficie 105 mq (<1000 mq); CD2 superficie 314 mq (<1000 mq). CD3 superficie 114mq (<1000 mq). Servizio psichiatrico diagnosi e cura (Tipo D) n.3 compartimenti: CPS1 superficie 180 mq (<1000 mq); CPS2 superficie 350 mq (<1000 mq). CPS3 superficie 298 mq (<1000 mq) Limitazioni alle destinazioni d uso dei locali Le aree dei tre reparti non sono contigue a locali destinati ad apparecchiature ad alta energia Scale Pneumologia n. 2 scale, a prova di fumo (SV2, SV3); Centro assistenza limitata n. 2 scale, a prova di fumo (ST1, ST2) Servizio psichiatrico diagnosi e cura n. 2 scale, a prova di fumo (ST1, ST2)

4 Ascensori Pneumologia n.4 ascensori montapersone (A2+3, A5, A8, A9); n.1 ascensore montalettighe antincendio (A6). Centro assistenza limitata n.1 ascensore montapersone (A12, senza locale macchine); n.1 ascensore montalettighe antincendio (A11, senza locale macchine). Servizio psichiatrico diagnosi e cura n.1 ascensore montapersone (A12, senza locale macchine); n.1 ascensore montalettighe antincendio (A11, senza locale macchine). I vani corsa e i locali macchine (quando presenti) sono in conformità alla Regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento di cui al Decreto 15/09/2005. Per quanto riguarda gli ascensori montalettighe antincendio in particolare sono rispettate le disposizioni dell art. 5 punto 7 del citato Decreto in relazione a: vano corsa (e eventuale locale macchine) distinto dagli altri ascensori; accesso al locale macchine protetto da filtro a prova di fumo REI 90; sbarco di uscita a ciascun piano 5 mq e protetto da filtro a prova di fumo; illuminazione di emergenza del locale macchine (quando presente); linea di alimentazione elettrica dedicata; ulteriore linea da alimentazione privilegiata; sistema di comunicazione bidirezionale Misure per l esodo in caso di emergenza Affollamento Pneumologia (Tipo D) posti letto: 29 Affollamento: 65 persone; (di cui personale e visitatori: 36 persone). Centro assistenza limitata(tipo D) posti letto: 20 Affollamento: 45 persone; (di cui personale e visitatori: 25 persone). Servizio psichiatrico diagnosi e cura (Tipo D) posti letto: 12 Affollamento: 45 persone; (di cui personale e visitatori: 33 persone) Capacità di deflusso In considerazione della quota del pavimento dei tre reparti (sempre > 7,5 m) la capacità di deflusso deve essereinferiore a Esodo orizzontale progressivo I compartimenti nei quali sono suddivisi i piani che ricevono i reparti in oggetto sono: Pneumologia (Tipo D) n.3 compartimenti; Centro assistenza limitata(tipo D) n.3 compartimenti; Servizio psichiatrico diagnosi e cura (Tipo D) n.3 compartimenti. Come si può rilevare dalle tavole allegate (VVF 1, 2, 3), in situazioni di emergenza, ciascun compartimento può contenere, oltre ai suoi normali occupanti, anche quelli previsti per il compartimento adiacente con la capienza più alta. L indice di superficie specifica di 1,50 mq/persona (evacuazione con letti e barelle) è sempre verificato.

5 Lunghezza delle vie d uscita al piano Partendo da qualsiasi punto di ciascun compartimento è sempre possibile raggiungere un compartimento attiguo, o un percorso orizzontale protetto ad esso adducente, con percorso non superiore a 30 m. Nel compartimento CP1, in Pneumologia, è presente un corridoio cieco di lunghezza 18,5 m (>15m; <25m). Le pareti e le porte di separazione dei locali hanno caratteristiche >REI 30; le porte sono dotate di dispositivo di autochiusura Larghezza totale delle vie d uscita Vie di uscita orizzontali Pneumologia Quota rispetto al piano di uscita: 12,70; Affollamento: 65 pp n. 4 uscite, 8 moduli. Capacità di deflusso: 8,1 < 33 Centro assistenza limitata Quota rispetto al piano di uscita: 8,30; Affollamento: 45 pp) n. 2 uscite, 3 moduli. Capacità di deflusso: 15,0 < 33 Servizio psichiatrico diagnosi e cura Quota rispetto al piano di uscita: 16,40; Affollamento: 45 pp n. 2 uscite, 3 moduli. Capacità di deflusso: 15,0 < 33 Vie di uscita verticali Pneumologia Quota rispetto al piano di uscita: 12,70; Affollamento max di due piani consecutivi (4 +5 ): 130 pp) n. 2 uscite, 4 moduli. Capacità di deflusso: 32,5 < 33 Centro assistenza limitata Quota rispetto al piano di uscita: 8,30; Affollamento max di due piani consecutivi (1 +2 ): 90 pp) n. 2 uscite, 3 moduli. Capacità di deflusso: 30,0 < 33 Servizio psichiatrico diagnosi e cura Quota rispetto al piano di uscita: 16,40; Affollamento max di due piani consecutivi (3 +2 ): 90 pp) n. 2 uscite, 3 moduli. Capacità di deflusso: 30,0 < 33

6 Aree e impianti a rischio specifico Locali adibiti a depositi e servizi generali In tutti e tre i reparti sono presenti spazi destinati a deposito (materiale sporco o pulito, attrezzature, etc.). In detti locali: il carico di incendio è mantenuto non superiore a 30kg/mq di legna standard; le strutture di separazione sono almeno REI 90; le porte d accesso sono almeno REI 90 con autochiusura; sono previsti impianti di allarme e rivelazione incendi; è installato un estintore portatile. Quando il locale è di superficie >10 mq ma <50 mq è inoltre sempre prevista un apertura di aerazione, di superficie >1/40 della superficie del locale, dotata di sistema di apertura (smoke out) comandato sia automaticamente dall impianto di rivelazione incendi, sia manualmente da dispositivo posto in prossimità dell ingresso al locale e segnalato Impianti gas medicali I gas medicali previsti sono: ossigeno, aria compressa e vuoto. Ciascun compartimento è alimentato con colonne derivate direttamente dalla rete generale ospedaliera e posizionate all esterno dell edificio. La distribuzione in ciascun compartimento è intercettabile dall esterno dello stesso Impianti di condizionamento e ventilazione I tre reparti sono serviti da impianti di condizionamento di tipo centralizzato. Il reparto Pneumologia è servito attraverso due unità di trattamento aria ubicate al soprastante piano copertura, in apposito locale tecnico. I reparti Centro assistenza limitata e Servizio psichiatrico diagnosi e cura sono serviti da un unica unità di trattamento aria ubicata in apposito locale tecnico, esterno all edificio Padiglione Terzaghi/Rusca, al piano terra. La centrale frigorifera e gli impianti di produzione calore sono ubicati in locali remoti all esterno degli edifici che ricevono i reparti in oggetto. Le condotte aerauliche sono realizzate in materiale di classe 0. Negli attraversamenti di luoghi sicuri sono separate con strutture REI 90 e intercettate con serrande tagliafuoco. Ogni impianto è dotato di dispositivo di comando manuale per l arresto in caso di incendio. L arresto avviene anche in seguito a intervento dell impianto di rivelazione di presenza fumo sia all interno delle condotte, sia negli ambienti. Il riavviamento è sempre manuale.

7 Impianti elettrici Gli impianti elettrici sono realizzati in conformità ai disposti di cui alla legge 1/03/1968, n.186. Ogni compartimento è munito di interruttore posto in filtro a prova di fumo, che permette di togliere tensione all impianto elettrico dell attività. Gli impianti di illuminazione, allarme, rivelazione incendi, elevatori antincendio, diffusione sonora sono alimentati in sicurezza. L impianto di illuminazione di sicurezza consente, in mancanza accidentale della fonte ordinaria, l identificazione dei percorsi e delle vie di esodo, anche in condizioni di emergenza, e garantisce un livello di illuminamento di almeno 5 lux (a 1 m dal suolo), con autonomia di 2 ore Mezzi ed impianti di estinzione degli incendi Rete idranti Gli edifici Padiglione Villa, ove è ubicato il reparto Pneumologia, e Padiglione Terzaghi/Rusca, ove sono ubicati i reparti Centro assistenza limitata e Servizio psichiatrico diagnosi e cura sono dotati di rete idranti con colonne nei vani scala e idranti all interno di ciascun compartimento protetto Estintori Lungo le vie di esodo, in prossimità degli accessi e nei depositi sono installati estintori portatili di tipo approvato dal M.I. ai sensi del D.M. 20/12/1982. Appositi cartelli segnalatori ne facilitano l individuazione a distanza. La capacità estinguente è non inferiore a 13 A,89 B, C.. Il numero degli estintori installati è: Pneumologia (superficie 1860 mq): 22 (1 ogni 85 mq ca); Centro assistenza limitata (superficie 719 mq): 10 (1 ogni 71 mq ca);; Servizio psichiatrico diagnosi e cura (superficie 948 mq): 11 (1 ogni 86 mq ca); Impianti di rilevazione, segnalazione e allarme Ciascuno dei reparti in oggetto viene dotato sia di impianto di rilevazione automatica di incendi, costituente derivazione dell impianto generale di edificio, sia di sistema di segnalazione allarmi ottenuto attraverso l impianto di diffusione sonora. Gli impianti sono realizzati in conformità a quanto stabilito al punto 8.0. della Regola tecnica allegata al D.M. 18/09/ Segnaletica di sicurezza Nei reparti la segnaletica di sicurezza sarà conforme a quanto espressamente indicato nel D.Lgl.14/08/1996, n Organizzazione e gestione della sicurezza antincendio La sicurezza antincendio nei reparti in oggetto sarà organizzata e gestita nell ambito dei servizi e protocolli dell intero complesso ospedaliero. In proposito si allega il piano di emergenza adottato nel Presidio.

8 Informazione e formazione La formazione e l informazione del personale sarà attuata secondo i criteri generali predisposti nell ambito dei servizi e protocolli dell intero complesso ospedaliero. In proposito si allega il piano di emergenza adottato nel Presidio Istruzioni di sicurezza In ciascun reparto, in prossimità degli accessi, lungo i corridoi, nelle aree di sosta e in generale nei locali cui hanno accesso degenti, utenti e visitatori, saranno esposte precise istruzioni relative al comportamento da tenere in caso di emergenza, corredate di planimetrie riportanti i percorsi da seguire per raggiungere scale e uscite. In proposito si allega il piano di emergenza adottato nel Presidio ALLEGATI AL PROGETTO PREVENZIONE INCENDI Documentazione Modello PIN1 Richiesta parere conformità antincendio VVFR rev.2 Relazione All. 1 Piano di emergenza del Presidio Ospedaliero S. L. Mandic - Merate Elaborati grafici: VVF 1 rev.2 Pneumologia Scale 1:100; 1:200 VVF 2 rev.2 Centro assistenza limitata Scale 1:100; 1:200 VVF 3 rev.1 Servizio psichiatrico diagnosi e cura Scale 1:100; 1:200

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia Decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto Corso di specializzazione in prevenzione incendi ai sensi della Legge 818/1984 e del D.M. 25/3/1985 MODULO C Tecnologie dei materiali e delle strutture

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Ministero dell 'Interno. COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA

Ministero dell 'Interno. COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA Edizione: Ottobre 2002 Ministero dell 'Interno COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA STRUTTURE SANITARIE E STRUTTURE RICETTIVE PER ANZIANI D.M. 18.9.2002 Entrata in vigore:

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Ospedale "Cristo Re"

Ospedale Cristo Re ROMA CAPITALE Ospedale "Cristo Re" Ospedale CRISTO RE sito in Roma, Via delle Calasanziane n. 25 PREVENZIONE INCENDI PARERE DI CONFORMITA PROGETTO (D.M. 1/08/2011 n. 151) Relazione Tecnica SEIP srl Engineering

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RAGUSA DIRETTORE GENERALE Dott. Maurizio ARICO' DIRETTORE DEL SERVIZIO TECNICO Ing. Lorenzo APRILE PROGETTO DELL'INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA CENTRALE DI SUB-STERILIZZAZIONE

Dettagli

Relatore: Ing. Luigi Abate

Relatore: Ing. Luigi Abate Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo Evoluzione Normativa: dal DM 18.09.2002 al DM 19.03.2015 «UTILITA SOCIALE DEL NUOVO DECRETO

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI:

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI: LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI OSPEDALI 1. LA PROBLEMATICA OSPEDALIERA L ATTIVITÀ OSPEDALIERA È CONTEMPLATA AL N. 86 DELL ELENCO ANNESSO AL D.M. 16.02.1982.. IN UNA ATTIVITÀ OSPEDALIERA GENERALMENTE POSSIAMO

Dettagli

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE NEL REGIME TRANSITORIO Ing. Rosario Caccavo Direttore vice dirigente Comando Provinciale Vigili del fuoco Viterbo rosario.caccavo@vigilfuoco.it

Dettagli

4 - TERMINI,DEFINIZIONI E TOLLERANZE DIMENSIONALI

4 - TERMINI,DEFINIZIONI E TOLLERANZE DIMENSIONALI C.C.T.S.P.I. - Comitato Centrale Tecnico Scientifico di Prevenzione Incendi ESTRATTO DALLA BOZZA DI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA COSTRUZIONE E L ESERCIZIO DI OSPEDALI, CASE DI CURA E SIMILI

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

Art. 3 Disposizioni tecniche

Art. 3 Disposizioni tecniche MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 18 SETTEMBRE 2002 (G. U. n. 227 del 27 settembre 2002) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO

TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO ALLEGATO I TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO 13 - DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI 13.1 -

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell interno 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 16 settembre 1992) IL MINISTRO DELL INTERNO Vista

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell Interno 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici.

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI

LA PREVENZIONE INCENDI Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia LA PREVENZIONE INCENDI Prof. Ing. Marco Romagna PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE UNIVERSITA PISA SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE PISA, 28/03/2015 Dr Ing Fabio Bernardi Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) Compartimentazione Distanze di sicurezza Ing. Silvano BARBERI Corpo Nazionale

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO di norma pari al 10% dell ammontare nominale offerto nell asta ordinaria, determinato con le modalità di cui al successivo articolo 16. Tale tranche è riservata agli operatori specialisti in titoli di

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere, con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo

SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo SEMINARIO Progettare in sicurezza i sistemi delle vie d esodo COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI VARESE VENERDI 07 Maggio 10 - ore 8,30 Sede: UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - Villa Toeplitz Relatore: Ing.

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

IL MINISTRO DELL INTERNO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI L alimentazione idrica deve essere almeno di tipo singolo superiore, come definita dalla UNI EN 12845. 3. Per le aerostazioni con superficie coperta accessibile al pubblico superiore a 10.000 m 2 deve

Dettagli

ASILI NIDO:STRUTTURE DEDICATE ALLO SVILUPPO PSICO-FISICO DEI BAMBINI DA 0 A 3 ANNI

ASILI NIDO:STRUTTURE DEDICATE ALLO SVILUPPO PSICO-FISICO DEI BAMBINI DA 0 A 3 ANNI Quaderno ASILI NIDO:STRUTTURE DEDICATE ALLO SVILUPPO PSICO-FISICO DEI BAMBINI DA 0 A 3 ANNI a cura di Ing. M. Bergamini commissione Antincendio: edilizia civile/aree a rischio visto da Ing. M. Babudri

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. Aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di entrata in vigore

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006)

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006) UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (DM 22/02/2006) Michele Messina Consulente di sicurezza Vice Presidente AIPROS Nell ultimo decennio, in epoca postindustriale, il settore dei servizi ha

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

Relazione tecnica riguardante la realizzazione di un nuovo fabbricato adibito a scuola primaria (elementare) in località Reno Centese.

Relazione tecnica riguardante la realizzazione di un nuovo fabbricato adibito a scuola primaria (elementare) in località Reno Centese. PREMESSA Il presente progetto si riferisce ad una nuova costruzione adibita a scuola primaria (elementare) da realizzare in località di Reno Centese sita nel Comune di Cento. La scuola primaria ospiterà

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi)

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Istruzioni Canton Ticino nr. 02 Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Il presente formulario non è vincolante, ma rappresenta un mezzo ausiliario per le autorità di

Dettagli

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA L intervento è da realizzare su un edificio esistente

Dettagli

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2/03/2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici

Dettagli

C. Scale e ascensori

C. Scale e ascensori Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre PREVENZIONE INCENDI 167 C. Scale e ascensori Scale Il numero e la larghezza delle scale a servizio di particolari attività (ad esempio alberghi o locali di pubblico spettacolo)

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA: La progettazione di un sistema adattativo. Investimenti sul patrimonio esistente

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA: La progettazione di un sistema adattativo. Investimenti sul patrimonio esistente L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA: La progettazione di un sistema adattativo Scuola Superiore Sant Anna 28/06/2013 Investimenti sul patrimonio esistente ing. Cosimo Pulito- Direttore Regionale VVF - Toscana

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA... 4 3. SCOPO... 6 4. CLASSIFICAZIONE... 6 5. UBICAZIONE... 8 6. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE... 8

1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA... 4 3. SCOPO... 6 4. CLASSIFICAZIONE... 6 5. UBICAZIONE... 8 6. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE... 8 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA... 4 3. SCOPO... 6 4. CLASSIFICAZIONE... 6 5. UBICAZIONE... 8 6. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE... 8 7. COMPARTIMENTAZIONE... 9 8. MISURE PER L EVAQUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA...

Dettagli

FF 11 ATP PROGETTO ANTINCENDIO - RELAZIONE TECNICA ELABORATI DI RIFERIMENTO STATO DELLE REVISIONI ROMA. Via di Grottarossa, 1035/1039

FF 11 ATP PROGETTO ANTINCENDIO - RELAZIONE TECNICA ELABORATI DI RIFERIMENTO STATO DELLE REVISIONI ROMA. Via di Grottarossa, 1035/1039 COMUNE DI INDIRIZZO ROMA VOLUME PROGRESSIVO FF 11 PROGETTO PROGETTO LAVORI DI ADEGUAMENTO PREVENZIONE INCENDI AZIENDA OSPEDALIERA SANT'ANDREA SCALA FOGLI NTS FORMATO DATA EMISSIONE A4 44 30/01/2014 ELABORATO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO DELLA SCUOLA MEDIA B. CROCE corso Novara 26 - Torino RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

RELAZIONE VV.FF. APPROVATA

RELAZIONE VV.FF. APPROVATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO Appalto Concorso per la fornitura di arredi, impianti e attrezzature per l allestimento dell Aula Magna della Università degli Studi del Piemonte

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 02 LANCIANO VASTO CHIETI ADEGUAMENTO A NORMA E MESSA IN SICUREZZA PRESIDIO OSPEDALIERO F. RENZETTI" DI LANCIANO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 02 LANCIANO VASTO CHIETI ADEGUAMENTO A NORMA E MESSA IN SICUREZZA PRESIDIO OSPEDALIERO F. RENZETTI DI LANCIANO INDICE 1.0. PREMESSA... 2 2.0. PROGETTO... 2 3.0. OPERE EDILI... 3 3.1. Compartimentazione... 3 3.2. Scale interne ed esterne... 3 3.3. Ascensori, montacarichi... 4 3.4. Montalettighe utilizzabili in caso

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli