RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO"

Transcript

1 Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, Lecco, Italia Telefono Fax AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO CODICE PROGETTO N.0714 RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA IL PROGETTISTA (dott. Ing. Pietro Francesco Canali) Lecco, lì 08/01/2008 = mk=fs^==monvpvtmnpm=`kck=vomnpntmnps

2 DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto All. I - Parte B) B2 - RELAZIONE TECNICA PREMESSA La richiesta di parere di conformità si riferisce all ampliamento dell Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali Turistici e Sociali (I.P.S.S.C.T.S.) G. Fumagalli in Casatenovo, per il quale esiste un progetto approvato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco (pratica n.28190). Il presente progetto sostituisce quello precedentemente consegnato in data 07/09/2007 per il quale è stato rilasciato il Parere di Conformità in data 16/10/2007 (fascic.n , prot. n. 7331) e che era finalizzato alla formazione di un complesso scolastico dimensionato per un numero complessivo di 25 classi e 625 alunni teorici, sulla base delle proiezioni di crescita scolastica. In relazione alle risorse finanziarie disponibili a bilancio non è tuttavia possibile dare soddisfazione da subito alle esigenze di crescita come richiesto. Il presente progetto si configura pertanto come primo lotto di un edificio che potrà estendersi longitudinalmente verso sud. La presentazione di una nuova pratica è quindi motivata dalla rivisitazione del progetto originario, modificato a livello planimetrico ed altimetrico. Nel nuovo progetto si prevede la realizzazione di n.9 aule per l attività didattica normale, di n. 2 aule per l attività didattica speciale (aule di informatica o simili), di spazi per l attività integrativa e parascolastica tra cui una biblioteca, di una sala pesi, oltre ai relativi servizi e spazi accessori. In riferimento al D.M. 16/02/1982 l attività è quindi individuata al punto GENERALITÀ CLASSIFICAZIONE Il nuovo edificio si sviluppa in n.2 piani fuori terra sul lato ovest e di n.3 piani completamente fuori terra sul lato est, ha un altezza ai fini antincendi inferiore ai 12 m, è comunicante con l edificio esistente tramite una passerella ubicata al piano primo. In base alla presenza di alunni, personale docente e non docente, l intera struttura scolastica (edificio esistente e ampliamento) è classificato di tipo 3) (da 501 a 800 persone). 2 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE AREA, UBICAZIONE ED ACCESSI Attualmente nell area sorgono l edificio principale, un edificio indipendente ed isolato destinato a palestra e dotato al suo interno di n. 2 aule normali, ed un piccolo prefabbricato provvisorio contente ulteriori n. 2 aule. (vedi tav. 01 planimetria). Con la realizzazione dell ampliamento viene estesa ad est l area del complesso scolastico, aggiungendo un ulteriore accesso a nord-est ai due esistenti su via Misericordia. L accesso principale rimane quello su lato ovest in via Misericordia n.4. (Rif. Tav. 01 Planimetria). 2

3 3 COMPORTAMENTO AL FUOCO RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE Le strutture vengono realizzate in modo da garantire una resistenza al fuoco di almeno R 60 per le strutture portanti e REI 60 per le strutture separanti, in quanto l altezza antincendio dell edificio è inferiore a m 24,00. REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Le caratteristiche di reazione al fuoco dei materiali, in riferimento alle nuovi classi introdotte dal D.M. 15/03/2005, saranno le seguenti: a) negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, nei passaggi in genere e nelle vie di esodo, saranno impiegati in ragione, al massimo, del 50% della loro superficie totale (pavimento + pareti + soffitti + proiezioni orizzontali delle scale) prodotti con la seguente classificazione in funzione del tipo di impiego (ex classe 1): - impiego a pavimento: (A2 FL-s1), (BFL-s1); - impiego a parete: (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s1,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0), (B-s1, d1); - impiego a soffitto: (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (B-s1,d0), (B-s2,d0). Per le restanti parti saranno impiegati prodotti con la seguente classificazione in funzione del tipo di impiego (ex classe 0): - impiego a parete e a soffitto: (A1); - impiego a pavimento: (A1Fl); - isolamento di installazioni tecniche a prevalente sviluppo lineare: (A1L). b) In tutti gli altri ambienti i materiali di rivestimento dei pavimenti, compresi i relativi rivestimenti rientreranno nella seguente classificazione: - (A1FL) - (ex classe 0); - (A2FL-s1), (A2FL-s2), (BFL-s1), (BFL-s2) (ex classe 1); - (CFL-s1), (CFL-s2) (ex classe 2). Mentre tutti gli altri materiali di rivestimento rientreranno nella seguente classificazione in funzione del tipo di impiego: - impiego a parete: (A1) (ex classe 0); (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), (A2-s3,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0), (B-s1, d1), (B-s2,d1) (ex classe 1) - impiego a soffitto: (A1) (ex classe 0); (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), (A2-s3,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0) (ex classe 1) c) i materiali di rivestimento combustibili, ammessi nelle varie classi di reazione al fuoco saranno posti in opera in aderenza agli elementi costruttivi, di classe (A1) o (A1FL) (ex classe 0) escludendo spazi vuoti o intercapedini; d) i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe le facce (tendaggi e simili) saranno di classe di reazione al fuoco non superiore alla ex classe 1. 4 SEZIONAMENTI COMPARTIMENTAZIONE Le dimensioni dell edificio sono tali da non richiedere compartimentazioni all interno degli spazi scolastici, avendo una superficie complessiva di circa mq ed avendo un altezza inferiore ai 24 m, come da seguente prospetto: PIANO SEMINTERRATO: 20,07 x (33,32+39,60)/2 1,52 x 16,30 = 706,97 mq PIANO TERRA: 20,20 x 29,60 + 8,40 x (7,51+10,17)/2 = 672,18 mq PIANO PRIMO: 20,20 x 29,60 + 8,40 x (7,51+10,17)/2 = 672,18 mq ,33 mq A sezionamento con l edificio esistente, la passerella di collegamento sarà compartimentato REI 60 in corrispondenza del nuovo edificio a livello del primo piano (Rif. Tav.04 Pianta piano primo). Inoltre in relazione alla loro specifica destinazione d uso gli spazi adibiti a biblioteca saranno compartimentati REI 60. 3

4 SCALE Il nuovo edificio sarà dotato di una scala interna per il normale afflusso e di una scala di sicurezza esterna. Esse verranno realizzate con le seguenti caratteristiche: - resistenza al fuoco: R60; - larghezza: 2,40 m; - sviluppo con andamento di tipo rettilineo; - numero minimo di gradini: 6 (scala interna), 10 (scala esterna); - numero massimo di gradini: 9 (scala interna), 11 (scala esterna);. - Pianta gradini: rettangolare; - Alzata e pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a cm 30. Il vano scala interno avrà superficie netta di aerazione permanente in sommità non inferiore ad 1 m 2, dotata di dispositivi per la protezione dagli agenti atmosferici. ASCENSORE All interno del vano scala interno verrà realizzato un ascensore il cui vano avrà caratteristiche di resistenza al fuoco R60. Gli ascensori rispetteranno le norme previste dal D.M. n.246 del 16/05/1987 e dal D.M. 15/09/2005. In particolare: - le pareti del vano di corsa, e del locale del macchinario, compresi porte e portelli di accesso, verranno costituiti da materiale non combustibile. - gli eventuali setti di separazione tra vano di corsa e locale del macchinario, saranno realizzati con materiale non combustibile; i fori di comunicazione, attraverso detti setti per passaggio di funi, cavi o tubazioni, avranno le dimensioni minime indispensabili. - all'interno del vano di corsa, dei locali del macchinario e delle aree di lavoro, destinate agli impianti di sollevamento, non passeranno tubazioni o installazioni diverse da quelle necessarie al funzionamento o alla sicurezza dell'impianto. - L'intelaiatura di sostegno della cabina sarà realizzata con materiale non combustibile. Le pareti, il pavimento ed il tetto devono essere costituiti da materiali di classe di reazione al fuoco non superiore alla ex classe 1: parete: (A1) (ex classe 0); (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), (A2-s3,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0), (B-s1, d1), (B-s2,d1) (ex classe 1) soffitto: (A1) (ex classe 0); (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), (A2-s3,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0) (ex classe 1) pavimento: (A1FL) (ex classe 0) (A2FL-s1), (A2FL-s2), (BFL-s1), (BFL-s2) (ex classe 1) - L areazione del vano corsa sarà permanente mediante apertura verso spazi scoperti della dimensione minima di 0,20 mq (> 3 % Sup vano corsa: 2,30 x 2,00 = 4,60 mq x 3% = 0,14 mq) - L areazione del locale del macchinario sarà permanente mediante apertura verso spazi scoperti della dimensione minima di 0,38 mq paria a 3% della superficie in pianta del locale (>0,20 mq): Sup locale macchine: 2,40 x 5,10 = 12,24 mq x 3% = 0,37 mq - L eventuale canalizzazione per l areazione verso spazi scoperti sarà realizzata con materiale non combustibile - In prossimità del locale del macchinario deve essere disposto un estintore di classe 21A89BC, idoneo per l'uso in presenza d'impianti elettrici. - Presso ogni porta di piano sarà affisso un cartello con l'iscrizione «Non usare l'ascensore in caso d'incendio». 4

5 5 MISURE PER L EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA AFFOLLAMENTO Il massimo affollamento ipotizzabile è il seguente: AULE: 26 persone/aula. Pertanto ad ogni piano risulta quanto segue: Piano Terra: Aule normali + aule speciali (5+1) aule x 26 persone/aula = 156 persone Piano Primo: Aule normali + aule speciali (4+1) aule x 26 persone/aula = 130 persone SERVIZI: Piano seminterrato: Biblioteca: 1 classe = 26 persone Personale non docente = 3 persone TOTALE % 35 persone Piano terra: Personale non docente 2 persone TOTALE % 3 persone Piano primo: Personale non docente 2 persone TOTALE % 3 persone SALA PESI: Superficie sala = 231,45 mq Massimo affollamento ipotizzabile in base al parametro di densità 0,40 persone / mq: 0,40 x 231,45 mq 92 persone CAPACITÀ DI DEFLUSSO La capacità di deflusso per ogni piano risulta essere non superiore a 60 SISTEMA, LARGHEZZA E LUNGHEZZA VIE DI USCITA E NUMERO DELLE USCITE L edificio scolastico di ampliamento, sarà provvisto di un sistema organizzato di vie di uscita dimensionato in base al massimo affollamento ipotizzabile in funzione della capacità di deflusso e sarà dotato di almeno 2 uscite verso luogo sicuro per ogni piano. Gli spazi frequentati dagli alunni o dal personale docente e non docente distribuiti dal piano terra al piano secondo, saranno dotati, oltre che della scala che serve al normale afflusso, di una scala di sicurezza esterna. In particolare si prevede il seguente sistema di organizzazione delle vie di uscita per ogni piano: PIANO SEMINTERRATO: Sala pesi: - n.1 uscita all interno della sala disposta sul lato est con percorso orizzontale direttamente verso luogo sicuro; - la larghezza della via di uscita è pari a tre moduli (larghezza apertura 200 cm); - la lunghezza della via di uscita più sfavorevole (infermeriaspogliatoio insegnanti) è di circa 27,50 m Biblioteca: - n.1 uscita all interno della sala disposta sul lato est con percorso orizzontale direttamente verso luogo sicuro; - la larghezza delle vie di uscita è pari a tre moduli (larghezza apertura 200 cm); - la lunghezza della via di uscita misurata nel punto più sfavorevole è di poco inferiore a 20 m PIANO TERRA: Aule (Normali e Speciali) + Servizi: - il percorso di esodo (con andamento orizzontale direttamente verso luogo sicuro) è previsto con uscita delle persone dalla porta del vano scala interno sul lato ovest; - la larghezza delle vie di uscita è pari a tre moduli (larghezza apertura 180 cm); 5

6 - la lunghezza della via di uscita misurata nel punto più sfavorevole (aula speciale n.1) è di poco inferiore a 35 m PIANO PRIMO: Aule (Normali e Speciali) + Servizi: - il percorso di esodo (con andamento verso il basso a raggiungere un luogo sicuro) è previsto con uscita delle persone utilizzando la scala di sicurezza esterna sul lato nord; - la larghezza delle vie di uscita è pari a tre moduli (larghezza apertura 200 cm); - la lunghezza della via di uscita misurata nel punto più sfavorevole (zona bidelleria) è di poco superiore a 30 m. Pertanto risulta che il piano seminterrato è dotato di un proprio autonomo sistema di organizzazione delle vie di uscita impostato a quota 3.44, mentre gli altri due piani hanno un sistema di organizzazione delle vie d uscita impostato al raggiungimento della quota del piano terra a +1,11. Le porte dei locali frequentati dagli studenti (aule normali ed aule speciali) sono previste, singolarmente, con larghezza non inferiore a 1,20 m. Le aule speciali hanno una destinazione che non prevede la manipolazione di sostanze infiammabili, esplosive o presenza di gas, quali ad esempio aule di informatica, laboratori linguistici, ecc. La misurazione della larghezza delle singole uscite viene considerata nel punto più stretto della luce. Le porte che si aprono verso corridoi interni di deflusso saranno realizzate in modo da non ridurre la larghezza utile dei corridoi stessi. LARGHEZZA TOTALE DELLE USCITE DI OGNI PIANO Il piano seminterrato è dotato di un autonomo sistema di organizzazione delle vie di uscita impostato a quota 3,44, non gravante su quello dei piani superiori; analogamente i piani terra e primo non gravano, nell organizzazione delle vie di fuga, su quello esistente, ne consegue che, per il calcolo della larghezza totale delle uscite viene considerato l edificio scolastico costituito da n.2 piani fuori terra. Pertanto la larghezza totale delle uscite di ogni piano è determinata dal rapporto fra il massimo affollamento ipotizzabile ad ogni piano e la capacità di deflusso. In particolare si prevede quanto segue: PIANO SEMINTERRATO: Sala pesi: Massimo affollamento: = 92 persone Capacità di deflusso: 60 Larghezza totale uscite: 92 / 60 = 1,53 minimo 2 moduli: verificato (progetto = 3 moduli) Biblioteca: Massimo affollamento: = 35 persone Capacità di deflusso: 60 Larghezza totale uscite: 35 / 60 = 0,58 minimo 2 moduli: verificato (progetto = 3 moduli) PIANO TERRA: Massimo affollamento: Aule (Normali e Speciali) = 156 persone Servizi = 3 persone TOTALE 159 persone Capacità di deflusso: 60 Larghezza totale uscite: 159 / 60 = 2,65 minimo 3 moduli: verificato (progetto = 3 moduli) PIANO PRIMO: Massimo affollamento: Aule (Normali e Speciali) = 130 persone Servizi = 3 persone TOTALE 133 persone 6

7 Capacità di deflusso: 60 Larghezza totale uscite: 133 / 60 = 2,21 minimo 3 moduli: verificato (progetto = 3 moduli) 7

8 6 SPAZI A RISCHIO SPECIFICO SPAZI PER ESERCITAZIONI Nella palazzina in progetto si prevede che le aule speciali siano destinate a laboratori di informatica o similari, pertanto non rientrano fra gli spazi di esercitazione aventi rischio specifico, come chiarito dall allegato A alla circolare prot. n. P2244/4122 sott.32 del 30/10/1996. SPAZI PER DEPOSITI Nell edificio in progetto non si prevede la realizzazione di spazi destinati ad archivio, deposito o magazzino. SERVIZI TECNOLOGICI Impianti di produzione di calore Per gli impianti di produzione di calore (benché esclusi dall attuale richiesta di parere conformità antincendio) saranno rispettate le disposizioni di prevenzione incendi in vigore. E prevista la realizzazione di una nuova centrale termica, ubicato in un corpo di fabbrica separato da ogni altro edificio. Non è prevista la realizzazione di impianti di condizionamento e di ventilazione. SPAZI PER L INFORMAZIONE E LE ATTIVITÀ PARASCOLASTICHE Al piano seminterrato è prevista la realizzazione di uno spazio ad uso biblioteca. In funzione della loro specifica destinazione d uso gli spazi della biblioteca vengono separati dagli altri spazi scolastici mediante strutture con caratteristiche minime REI 60 e vengono dotati di un impianto di rilevazione automatica d incendio. (Rif. Tav.02 Piano Seminterrato) 8

9 7 IMPIANTI ELETTRICI Gli impianti elettrici dell edificio scolastico saranno realizzati in conformità ai disposti di cui alla Legge n. 186 del Il quadro elettrico generale è previsto all interno di un locale tecnico al piano terra. All esterno, in posizione adeguatamente segnalata, sul lato nord nella zona della scala si sicurezza esterna e nei pressi dell accesso all area sarà posizionato un comando di sgancio a distanza. IMPIANTO ELETTRICO DI SICUREZZA L edificio sarà dotato di un impianto elettrico di sicurezza alimentato da apposita sorgente, distinta da quella ordinaria (gruppo di continuità); l impianto elettrico di sicurezza alimenterà l impianto di diffusione sonora e/o l impianto di allarme. Nessun altra apparecchiatura sarà collegata all impianto elettrico di sicurezza. L autonomia della sorgente di sicurezza non sarà inferiore ai 30 minuti. L illuminazione di sicurezza, compresa quella indicante i passaggi, le uscite ed i percorsi delle vie di esodo garantirà un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux e sarà realizzata con lampade singole con alimentazione autonoma. 8 SISTEMI DI ALLARME L edificio scolastico sarà munito di un sistema di allarme che avrà caratteristiche atte a segnalare il pericolo a tutti gli occupanti ed il suo comando sarà posto in locale costantemente presidiato durante il funzionamento della scuola; sarà inoltre previsto anche un impianto di altoparlanti. 9 MEZZI ED IMPIANTI FISSI DI PROTEZIONE ED ESTINZIONE INCENDI RETE IDRANTI Attualmente la linea antincendio è costituita da una rete ad anello intorno all edificio esistente collegata alla rete di distribuzione interrata comunale su via Misericordia lato nord. Le tubazioni principali sono in PEAD Ф 110 mm e derivazioni alle colonne montanti interne e agli idranti a colonna esterni con tubazioni Ф 90 mm e Ф 75 mm. Con la realizzazione dell ampliamento si prevede un estensione della rete antincendio con la formazione intorno al nuovo edificio di un anello, in parte utilizzando un tratto di tubazione esistente. Dalla rete viene derivata una colonna montante, a vista, per ciascuno vano scala, da cui sarà derivato ad ogni piano un idrante con attacco UNI 45 a disposizione per collegamento di tubazione flessibile. La tubazione flessibile sarà costituita da un tratto di tubo, di tipo approvato, ed avrà lunghezza tale da consentire di raggiungere col getto ogni punto dell area protetta. Sia le tubazioni di alimentazione che quelle costituenti la rete saranno protette dal gelo, dagli urti e dal fuoco. Viene previsto un attacco autopompa presso la colonnina soprasuolo ubicata nella zona nord-est. Il dimensionamento dell impianto sarà tale da garantire una portata minima di 360 l/min, il funzionamento contemporaneo delle due colonne montanti, l erogazione ai 3 idranti idraulicamente più sfavoriti di 120 l/min ciascuno con una pressione residua al bocchello di 1,5 bar per un tempo di almeno 60 min. Nell ipotesi in cui il solo allacciamento alla rete idrica comunale non garantisca il rispetto delle condizioni sopra elencate verrà realizzata una riserva idrica utilizzando il vano tecnico a lato della centrale termica. In questo caso verrà previsto il sezionamento della rete esistente rispetto all allacciamento comunale, la realizzazione della riserva idrica alimentata direttamente dalla rete comunale e l alimentazione della nuova e vecchia rete antincendio dalla riserva idrica. 9

10 ESTINTORI L edificio sarà dotato di estintori portatili aventi capacità estinguente almeno 13A - 89B/C di tipo approvato dal Ministero dell Interno nel rispetto di quanto segue: - Piano Seminterrato: Biblioteca: Superficie lorda ca. 175 mq / 200 mq = 0,88 1 estintore Altri locali: Superficie lorda ca = 535 mq / 200 mq = 2,68 3 estintori distribuiti fra sala pesi e spazi di distribuzione (di cui n.1 con capacità minima di 21A - 89BC in prossimità del locale macchine ascensore). - Piano terra: Superficie lorda ca. 675 mq / 200 mq = 3,38 4 estintori distribuiti lungo gli spazi di distribuzione - Piano primo: Superficie lorda ca. 675 mq / 200 mq = 3,38 4 estintori distribuiti lungo gli spazi di distribuzione IMPIANTI FISSI DI RILEVAZIONE E/O DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI E prevista l installazione di impianto di rilevazione automatica d incendio all interno della biblioteca al piano seminterrato. 10 SEGNALETICA DI SICUREZZA La segnaletica di sicurezza, sarà realizzata applicando le disposizioni espressamente finalizzate alla sicurezza antincendio, di cui al DL n. 493 del In particolare: - la segnaletica destinata ad indicare l ubicazione e ad identificare i materiali e le attrezzature antincendio sarà di tipo permanente e costituita da cartelli o da un colore di sicurezza; - la segnaletica delle vie di circolazione sarà di tipo permanente e costituita da un colore di sicurezza; - la segnaletica di pericoli, la chiamata di persone per un azione specifica e lo sgombero urgente delle persone sarà di tipo occasionale e per mezzo di segnali luminosi, acustici o di comunicazioni verbali. 10

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell interno 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 16 settembre 1992) IL MINISTRO DELL INTERNO Vista

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE UNIVERSITA PISA SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE PISA, 28/03/2015 Dr Ing Fabio Bernardi Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO DELLA SCUOLA MEDIA B. CROCE corso Novara 26 - Torino RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE INDICE 1) Premessa 2) Progetto edilizio 3) verifica norme antincendio 4) Attività 91 5) Mezzi ed impianti fissi di estinzione 6) Segnaletica di sicurezza 1 REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO La presente relazione si riferisce, in relazione alle attuali normative antinfortunistiche e di prevenzione incendi,

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Via Panfilo Tedeschi 1 67100 L'Aquila (AQ) Tel./Fax 086262641 www.zedprogetti.it NOTE

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RELAZIONE VV.FF. APPROVATA

RELAZIONE VV.FF. APPROVATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO Appalto Concorso per la fornitura di arredi, impianti e attrezzature per l allestimento dell Aula Magna della Università degli Studi del Piemonte

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente . ing. Marina Ivano Corso Garibaldi, 42/C 87050 Piane Crati Tel. 0984 422789 Studio Professionale COMUNE DI FAGNANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Committente PROGRAMMA STRAORDINARIO STRALCIO DI INTERVENTI

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 26 agosto 1992 (G. U. n. 218 del 16 settembre 1992) Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica IL MINISTRO DELL INTERNO VISTA la legge 27 dicembre

Dettagli

Relazione tecnica riguardante la realizzazione di un nuovo fabbricato adibito a scuola primaria (elementare) in località Reno Centese.

Relazione tecnica riguardante la realizzazione di un nuovo fabbricato adibito a scuola primaria (elementare) in località Reno Centese. PREMESSA Il presente progetto si riferisce ad una nuova costruzione adibita a scuola primaria (elementare) da realizzare in località di Reno Centese sita nel Comune di Cento. La scuola primaria ospiterà

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA

EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA COMUNE DI CERVIA Provincia di Ravenna EDIFICIO PRIVATO AMBITO PRIMA TRAVERSA I DIRIGENTI DI SETTORE PROGETTO DEFINITIVO EDIFICIO PRIVATO PROGETTO PREVENZIONE INCENDI Relazione tecnica 12/09/2013 Rev 01

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a COMUNE DI CAMPOGALLIANO Piazza V. Emanuele II, 1 41011 CAMPOGALLIANO (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA

enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a COMUNE DI CAMPOGALLIANO Piazza V. Emanuele II, 1 41011 CAMPOGALLIANO (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a n S.r.l. COMUNE DI CAMPOGALLIANO Piazza V. Emanuele II, 1 41011 CAMPOGALLIANO (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA OPERE EDILI OPERE DA IDRAULICO OPERE DA ELETTRICISTA

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELL'EVACUAZIONE IN EDIFICI SCOLASTICI

PIANIFICAZIONE DELL'EVACUAZIONE IN EDIFICI SCOLASTICI LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE DELL'EVACUAZIONE IN EDIFICI SCOLASTICI A cura del Dott. Ing. Antonio Dusi, Ispettore Antincendio Comando Provinciale vigili del Fuoco di Bergamo Giugno 2000 Premessa Il

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti

Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti DPR 151/11 attività soggette a controllo VV.F. Attività n 67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone presenti Asili nido con oltre 30 persone presenti DPR

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Marina di Gioiosa Mammola (RC)

Istituto Comprensivo Marina di Gioiosa Mammola (RC) Istituto Comprensivo Marina di Gioiosa Mammola (RC) Guiida dell Piiano dii Evacuaziione Dellll Ediifiiciio Scollastiico Pllesso Marconii Mammolla (RC) A CCUURRAA DDEELL PPRROOFF.. ANNTTOONNI IIOO S GGAAMBB

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI D.P.R. 1 Agosto 2011 n. 151 D.M.I. 27 Luglio 2010 SCUOLA MATERNA "SORELLE AGAZZI" VIA DON SILVIO CUCINOTTA N. 8 98042 - PACE DEL MELA (ME) Data : 08/05/2012 Pag.

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA SCUOLA MEDIA E DELLA PALESTRA IN ADIACENZA ALLA SCUOLA ELEMENTARE DEL CAPOLUOGO

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA SCUOLA MEDIA E DELLA PALESTRA IN ADIACENZA ALLA SCUOLA ELEMENTARE DEL CAPOLUOGO (Parte riservata all ufficio) Pratica N. 33422 AL COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PADOVA (Parere del Comando) PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA SCUOLA MEDIA E DELLA PALESTRA IN ADIACENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI RIFERIMENTO PRATICA NR.27545

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI RIFERIMENTO PRATICA NR.27545 RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Art. 3 del D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 DITTA: GRAN CARNI SRL AMMINISTRATORE: DOTT. SOLLO GIUSEPPE UBICAZIONE: VIA PONTE PELLEGRINO SNC - 81050 - PONTELATONE (CE)

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI

LA PREVENZIONE INCENDI Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia LA PREVENZIONE INCENDI Prof. Ing. Marco Romagna PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli