COMUNE DI PASSIRANO. (Provincia di Brescia)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download " COMUNE DI PASSIRANO. (Provincia di Brescia)"

Transcript

1 COMUNE DI PASSIRANO (Provincia di Brescia) Verifica degli equilibri del Bilancio di Previsione 2009 Stato di attuazione dei Programmi ( art. 193 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i. ) 1

2 SOMMARIO PARTE 1 Verifica degli equilibri Bilancio di Previsione PROGRAMMA N. 1 PARTE 2 Stato di attuazione dei Programmi AREA AFFARI GENERALI Segreteria Generale, Organi Istituzionali Comunicazione e Partecipazione, Notificazioni Politiche per lo Sport Politiche per l Istruzione Politiche Culturali... Politiche Sociali Servizi Demografici Elettorali PROGRAMMA N. 2 AREA ECONOMICO FINANZIARIA Ragioneria, Personale, Economato, Tributi, Economia Locale, Informatica, Tutela legale ed assicurativa dell ente Politiche Economico-Finanziarie e per l Equità Fiscale Fiscalità locale Innovazione tecnologica degli uffici e dei servizi Politiche per lo Sviluppo dell Economia Locale PROGRAMMA N. 3 AREA TECNICA Politiche per l Ambiente ed il Territorio Sviluppo Ambientale sostenibile Protezione Civile Tutela alla Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Servizio idrico integrato Manutenzione e Gestione del Patrimonio PROGRAMMA N. 4 OPERE PUBBLICHE E SPESE D INVESTIMENTO PROGRAMMA N. 5 SERVIZIO POLIZIA LOCALE E TUTELA DEL TERRITORIO

3 PARTE 1 VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2009 INTRODUZIONE La corretta ed economica utilizzazione delle risorse finanziarie disponibili è l elemento necessario per la costante prevenzione di situazioni patologiche di dissesto finanziario che rendono l amministrazione comunale incapace di garantire l assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili. Della salvaguardia degli equilibri di bilancio si occupa l art. 193 del T.U., quale attività di verifica e di riscontro della gestione dell ente locale da svolgere secondo le procedure contenute nel regolamento di contabilità. (art. 28 bis e art. 29). All Ente è imposto il rispetto, sia durante la gestione sia nelle variazioni di bilancio approvate, del pareggio finanziario ed economico complessivo, ivi compresi tutti gli equilibri stabiliti per la copertura delle spese correnti e per il finanziamento degli investimenti. Al Consiglio Comunale viene attribuito il ruolo di verifica e di controllo sull andamento della gestione nel corso dell esercizio, attraverso la ricognizione e la verifica dello stato di attuazione dei programmi. Ricognizione che ha l obiettivo di considerare ogni aspetto della gestione e di intervenire nel caso in cui gli equilibri generali di bilancio sono intaccati. L accostamento sintetico delle entrate e delle uscite, sia di parte corrente che per investimento, consente di determinare l esigenza o meno di attivare il riequilibrio. La ricognizione sul grado di attuazione dei programmi e l annessa verifica generale degli equilibri di bilancio, proprio per rispondere alla richiesta di chiarezza e di precisione nella rappresentazione dei dati contabili, si compone di vari argomenti che forniscono un quadro completo sui risultati che l amministrazione sta ottenendo utilizzando le risorse del bilancio di competenza Il documento che qui viene rappresentato riguarda esclusivamente l aspetto contabile della verifica dell andamento delle entrate e delle spese rispetto agli stanziamenti attuali, mentre il grado di realizzazione dei programmi individuati dal Consiglio Comunale in sede di bilancio di previsione e la successiva definizione in obiettivi, individuati dalla Giunta, è esposto nella seconda parte della presente relazione. Nella sezione Verifica degli Equilibri di Bilancio 2009 si differenzia dalla verifica sullo stato di attuazione dei programmi per il livello di analisi delle informazioni trattate. In questa sede si analizza l accostamento tra entrate ed uscite specificando, con ulteriori prospetti e commenti, il valore delle risorse di parte corrente, investimento e movimento di fondi che finanziano i programmi di spesa previsti per l esercizio. Dall analisi di questa serie di prospetti potrebbe emergere l esigenza di attivare il riequilibrio della gestione. Particolare attenzione è posta poi alla gestione dei residui per verificare che i procedimenti di entrata e di spesa attivati negli anni precedenti siano conclusi o si stiano concludendo senza alterare l equilibrio generale del bilancio. 3

4 Nella sezione dedicata al Patto di Stabilità 2009 si ripercorrono le tappe fondamentali ai fini del perseguimento dell obiettivo di competenza mista previsto per il rispetto del patto per il

5 VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DEL BILANCIO L operazione di ricognizione sottoposta all analisi del Consiglio Comunale ha le seguenti finalità: o Verificare, prendendo in considerazione ogni aspetto della gestione finanziaria, il permanere degli equilibri di bilancio; o Valutare il perseguimento dell obiettivo riferito al patto di stabilità per l anno 2009 agli enti locali; o Intervenire tempestivamente, qualora gli equilibri di bilancio siano intaccati o qualora il trend faccia prevedere il mancato rispetto del tetto di spesa per l esercizio in corso, deliberando le misure idonee a salvaguardare gli equilibri imposti dalla normativa; o Monitorare, tramite l analisi della situazione contabile attuale, lo stato di attuazione dei programmi generali dell Amministrazione. La volontà espressa dal legislatore è molto chiara: mantenere un costante rapporto dialettico tra il Consiglio e la Giunta Comunale favorendo così un riscontro, a poco più di metà anno, sul grado di realizzazione dei programmi originariamente previsti. Il motivo per cui è stato scelto il 30 settembre, come data ultima per effettuare la prima ricognizione è sintomatico della volontà del legislatore di dare contenuto sostanziale e non solo formale. In tale data sono infatti disponibili elementi di valutazione determinanti come: o Le informazioni di metà esercizio sull andamento della gestione di competenza (accertamenti ed impegni); o o o o Il grado di esigibilità dei crediti maturati nei precedenti esercizi (residui attivi); Il grado di riscossione e di pagamento sia in competenza che in conto residui per l anno 2009; Il risultato del rendiconto precedente (avanzo), essendo già trascorso il termine entro il quale deve essere evaso tale adempimento (30 aprile 2009); La possibile presenza di passività relative ad esercizi pregressi non ancora contabilizzate (debiti fuori bilancio). 5

6 VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO: FONTI FINANZIARIE ED UTILIZZI ECONOMICI Il Bilancio ufficiale richiede l aggregazione delle entrate e delle uscite in titoli. Il totale delle entrate, depurato dalle operazioni effettuate per conto di terzi, indica l ammontare complessivo delle risorse impiegate per finanziare i programmi di spesa. Allo stesso tempo il totale generale delle spese, sempre al netto delle operazioni effettuate per conto di terzi, riporta il volume delle risorse impiegate nei programmi. E la rappresentazione schematica dell equilibrio che deve esistere negli stanziamenti di bilancio tra le fonti finanziarie e i rispettivi utilizzi economici. Nella prima colonna vengono esposti gli stanziamenti iniziali del bilancio mentre la colonna successiva indica la previsione attuale. L ultima colonna evidenzia lo scostamento tra queste nuove previsioni e gli stanziamenti attuali. RIEPIOLOGO GENERALE DELLE ENTRATE: COMPETENZA 2009 Fonti finanziarie: riepilogo delle entrate Classificazione entrate Previsione Iniziale Previsione attuale Proiezione al 31/12 Scostamento Titolo 1 Entrate Tributarie , , , ,50 Titolo 2 da trasferimenti , , ,90 0,00 Titolo 3 extra-tributarie , , , ,37 Titolo 4 da alienazioni , , , ,90 Titolo 5 da Accensione di 0, ,78 0, ,78 Prestiti Titolo 6 da servizi in C.to Terzi , , , ,00 Totale , , , ,55 Avanzo di Amministrazione , , ,00 applicato Totale generale delle entrate , , , ,55 RIEPIOLOGO GENERALE DELLE USCITE: COMPETENZA 2009 Utilizzi economici: riepilogo delle uscite Classificazione spese Previsione Iniziale Previsione attuale Proiezione al 31/12 Scostamento Titolo 1 Spese correnti , , , ,00 Titolo 2 Spese in conto capitale , , , ,58 Titolo 3 Rimborso Prestiti , , ,99 0,00 Titolo 4 Servizi in C.to Terzi , , , ,00 Totale generale delle uscite , , , ,55 Analisi delle fonti di finanziamento: 6

7 Le entrate tributarie che ammontano a ,40 sono una delle fonti principali di entrata dell ente e rappresentano il 36,00% delle risorse ordinarie. Confluiscono in questo titolo tutti i tributi del comune ( ICI, addizionale comunale all irpef, imposta comunale sulla pubblicità, addizionale sul consumo di energia elettrica, compartecipazione al gettito Irpef il cui ammontare viene determinato e trasferito direttamente dallo Stato ). La stesura del Bilancio di Previsione 2009 ha visto il blocco di ogni tipologia di aumenti tariffari relativi ai tributi, escludendo esclusivamente la Tarsu ovvero la Tia. Il blocco rimane in vigore per il triennio , ovvero sino alla data, se precedente al 2011, di attivazione del federalismo fiscale. Fra le principali entrate tributarie si elencano: Imposta Comunale sugli Immobili. L importo stanziato per la competenza 2009 è pari a ,00 dei quali , per ICI di competenza e ,00 per recupero evasione. E utile anche far presente che nel corso del 2009 vi è stato un maggior incasso sui residui attivi per ,91. Per l anno 2009 è stata confermata nelle aliquote e detrazioni dell anno L autotassazione nell anno di competenza al può essere così rappresentata: ICI versata in acconto ,60, ICI versata a saldo ,40 e ICI versata in un unica soluzione 8.041,59. L autotassazione, nell anno di competenza, è infatti in riduzione per l esenzione delle prime abitazioni, in quanto, si rileva, in particolare, un forte aumento nella presentazione delle dichiarazioni per uso gratuito fra parenti di primo grado ( genitori-figli e viceversa). Nel nostro regolamento esisteva già da tempo la previsione, ma, dopo il D.L. 93/2008 vi è stato un notevole incremento nelle richieste. Imposta comunale sulla pubblicità: si riscontrano maggiori incassi su residui attivi per 2.240, 60 riferiti ad attività di accertamento relativamente alle annualità effettuati dalla società ICA srl di La Spezia. Per quanto riguarda la competenza, a tutt oggi, conformemente alle condizioni contrattuali in essere, è stata incassata imposta, a tutto il 30 giugno 2009, per ,57 a fronte di uno stanziamento pari a ,00. Addizionale comunale all irpef: il decreto legislativo 28 settembre 1998, n. 360 ha istituito l addizionale comunale all imposta sul reddito delle persone fisiche, la quale si compone di: un aliquota di compartecipazione, stabilita con decreto del Ministero delle Finanze entro il 15 dicembre di ogni anno ed uguale per tutti i comuni, rapportata agli oneri derivanti dalle funzioni trasferite ai comuni ai sensi della Legge 15 marzo 1997, n. 59 a cui corrisponde un uguale diminuzione delle aliquote IRPEF di competenza dello Stato (art. 1, comma 2); un aliquota variabile, stabilita dal Comune nella misura massima di 0,8 punti percentuali (art. 1, comma. Per l anno 2009 il Comune ha confermato l aliquota variabile nella stessa misura già prevista per l anno Alcuna soglia di esenzione è stata prevista in ragione del possesso di specifici requisiti reddituali, in quanto l esenzione è già rappresentata dall art. 1, comma 4, del D.Lgs. 360/1998, il quale prevede che l addizionale comunale è dovuta solo se per lo stesso anno risulta dovuta l imposta sul reddito delle persone fisiche, al netto delle detrazioni per essa riconosciute. La previsione del gettito è stata valutata sulla base dei dati forniti dal Ministero dell Economia e delle Finanze riferiti al 2006, adeguatamente rivalutati per determinare la base imponibile per l anno 2009, tenendo in considerazione i contribuenti tenuti al versamento dell imposta Irpef. 7

8 Compartecipazione al gettito Irpef: la risorsa viene prevista come entrata tributaria anche se deriva da trasferimenti erariali. Il gettito è previsto, sulla base dei pubblicati sul sito del Ministero dell Interno, aggiornati al 12 marzo 2009, in ,62 sulla base dell art. 1, comma 189, Legge 296/2006 a cui viene aggiunto l importo di ,78 ai sensi dell art. 1, comma 190, della Legge 296/2006 per un totale complessivo di ,40. Quota 5 per mille per attività sociali: il bilancio di previsione 2009 prevede uno stanziamento pari a 5.000,00 ( calcolati su una precedente attribuzione fondi ). In G.U. n. 133 in data 11 giugno 2009 è stato pubblicato il DPCM 3 aprile 2009 che reca disposizioni in materia del 5per mille per l anno finanziario In particolare l art. 11 prevede l obbligo della rendicontazione delle somme entro un anno dalla ricezione predisponendo anche apposita relazione illustrativa della destinazione delle somme attribuite. Le entrate da trasferimenti: I trasferimenti erariali sono previsti dal D.Lgs. 244 del 30 giugno 1997 Riordino dei trasferimenti erariali agli enti locali e sono iscritti a bilancio per l ammontare comunicato sul sito del Ministero dell Interno. Rappresentano le risorse ordinarie trasferite che altri enti, Stato, Regione e enti pubblici, erogano all Ente per il finanziamento di alcuni servizi. Nel Bilancio di Previsione 2009 i trasferimenti previsti ammontano a ,87 e sono pari al 30% delle risorse ordinarie. I trasferimenti dello Stato comprendono anche il gettito derivante dall esenzione ICI prima casa. Le entrate da trasferimenti sono costituiti da: Fondo Ordinario per ,00 ( ,33 a cui si somma l importo di ,24 per presunti maggiori introiti derivanti da fabbricati rurali, cat. B e E, al netto di un conguaglio di 4.959,38 per perdita Ici immobili tipologia D a cui sommo circa 8.000,00 per recupero di presunti risparmi costi politica). Contributo Sviluppo Investimenti che è iscritto per ,74 in relazione allo scadere del periodo di ammortamento dei singoli mutui. Contributo Consolidato per ,25 nonché Contributi per funzioni trasferite in parte corrente per 2.198,74 e in Conto Capitale per 865,52. Altri Contributi: il fondo è iscritto a bilancio per ,00 contro ,69 comunicato dal Ministero. In questo Fondo è utile rimarcare la presenza del trasferimento compensativo della minore imposta ICI da abitazione principale. Il Ministero dell Interno in data 07/08/2009 comunica che in ordine ai trasferimenti compensativi per minori introiti ICI sull abitazione principale non è possibile fornire elementi precisi e definitivi circa l importo da attribuire a ciascun comune per l anno 2009, in quanto tale importo dipende dallo stanziamento dei fondi statali, dal gettito certificato, nonché dall applicazione dei criteri di ripartizione. A legislazione vigente gli stanziamenti per l anno 2009 ammontano milioni di euro e coprono una percentuale dell 86% circa del gettito complessivo attestato dai comuni nel corso del La spettanza per ciascun comune contiene un importo di presumibile attribuzione in forma provvisoria e proporzionale, sulla base degli importi attestati dai comuni nel Lo stesso Ministero afferma di aver quasi completamente acquisito le certificazioni del mancato gettito ICI che gli enti erano tenuti a rendere entro il 30 aprile Un primo rimborso a titolo di acconto è già stato effettuato in applicazione alle disposizioni del decreto del Ministero dell Interno dell 8 giugno L erogazione del 11/06/2009 è stata pari a ,69 E utile riassumere le certificazioni rilasciate: Prot del 28/04/2008 L. 244/2007 ICI riscossa nel 2007 per abitazione principale pari a ,37. Prot del 20/04/2009 minor ICI riscossa nel ,78. Quindi del tutto aperta e senza segnali di soluzione resta la partita connessa all integrale copertura dell abolizione ICI sulla prima casa. 8

9 Le entrate extra-tributarie rappresentano le risorse derivanti da servizi pubblici, dalla gestione del patrimonio comunale, dagli interessi sui depositi in denaro e da altre risorse che non derivano da tributi o da trasferimenti. Le entrate extra-tributarie sono previste nel bilancio per un importo pari ad ,99 e corrispondono circa al 34% delle risorse correnti. Tra le entrate allocate in questo titolo di entrata si ricordano: sanzioni amministrative al codice della strada per ,00 con un incasso per ,89; sanzioni amministrative a ruolo per ,21; concessione servizi Cogeme s.p.a ,44; concessioni aree telefonia mobile ,83; canoni di locazione 42644,39 dividendi società Cogeme s.p.a. iscritti a bilancio ;00 ma che dovranno essere aggiornati, mediante opportuna variazione di bilancio, ad uno stanziamento pari a ,73 ; compartecipazione amm.to mutuo ministero beni culturali, regione, AATO per ,39 concessioni cimiteriali ,00; proventi assistenza domiciliare anziani e mensa ,00; proventi trasporto scolastico ,00; proventi mensa scolastica ,00 Per l anno 2009 non sono stati previsti incrementi nelle compartecipazioni delle famiglie ai servizi scolastici. La percentuale i copertura ricavi/costi per la mensa scolastica è pari al 76,26% ( previsione), mensa anziani è pari a 87,63% e trasporto scolastico 13,84%. Le entrate in conto capitale ( titolo IV ) le entrate previsionali sono costituite da oneri di urbanizzazione che normalmente finanziano gli investimenti ad eccezione di una quota destinata a finanziare spese correnti, contributi da privati a seguito di stipula di convenzioni urbanistiche, monetizzazioni di aree, contributi stato e regione, alienazione di immobili, trasformazione diritti di superficie in diritti di proprietà. Le entrate in conto capitale ( titolo V ) stanziate per ,78 finanziano una compartecipazione alla spesa per interventi relativi al servizio idrico-integrato ( Depuratore ). Analisi degli Impieghi delle Risorse Le uscite del Comune, nella struttura prevista dal D.Lgs. 267/2000, sono costituite da Spese Correnti ( Titolo I ), Spese in Conto Capitale ( Titolo II) e Rimborso Prestiti ( Titolo III ). Bilancio Corrente ,29 Sono destinati al: Titolo I - Spese correnti per ,30 Titolo III Spese per rimborso prestiti ,99 Nel Bilancio di parte corrente le spese di personale e le spese di indebitamento possono determinare il grado di rigidità di bilancio, della spesa corrente evidenziando il grado di discrezionalità della possibilità di spesa nel breve periodo. Il grado di rigidità di bilancio ( spese per personale + irap + spese per interessi passivi ) passa dalla percentuale del 30,38% del 2006, del 30,48% del 2007, del 29,211% del 2008 al 27,80% del bilancio di previsione

10 L incidenza delle spese di personale ( compreso irap ) rispetto alle spese correnti passa dalla percentuale del 25,95% del 2006, del 26,30% del 2007, del 24,73% del 2008, al 23,74 del bilancio di previsione anno La previsione per spese di personale 2009 contempla il rinnovo del contratto 2008/2009 quota L incidenza degli interessi passivi rispetto le spese correnti passa dalla percentuale del 4,43% del 2006, del 4,18 del 2007, del 4,48 del 2008 al 4,22% del bilancio Per quanto attiene la gestione mutui in ammortamento lo sviluppo dell indebitamento passa da 3.083,00 ( in miglia ) del 2006, a del 2007 e del Il grado di rigidità per indebitamento ( interessi passivi sommati alle quote capitale rapportate alle entrate correnti) passa da 9,63% del 2006, al 7,95% del 2007, al 8,82% del 2008 e al 8,94 del BILANCIO INVESTIMENTI TITOLO II SPESE IN CONTO CAPITALE ,58 Le entrate che finanziano, come stanziamento, il conto capitale sono costituite da Oneri di urbanizzazione per ,00, contributo stato per , contributo regionale per 9.770,28, contributo da privati per ,00, monetizzazione di aree per ,00, alienazioni per ,00, avanzo di amministrazione per ,00 e mutuo passivo per ,78. 10

11 VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO Quadro di Sintesi Il Bilancio di Previsione, approvato dal Consiglio Comunale nella formulazione originaria e modificabile, durante la gestione, solo con specifiche variazioni di bilancio, indica gli obiettivi di esercizio ed assegna le corrispondenti risorse per finanziare alcune tipologie di spesa ben definite: la gestione corrente, le spese in conto capitale e le operazioni da effettuare per conto di terzi. Ognuno di questi può essere inteso come una entità autonoma che produce, a sua volta, un risultato di gestione, avanzo, disavanzo e pareggio. Il bilancio complessivo deve comunque risultare in pareggio. Composizione degli equilibri Bilancio Corrente Entrate destinate al finanziamento della VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO: COMPETENZA 2009 Previsione Iniziale Previsione attuale Proiezione al 31/12 Scostamento , , , ,87 spesa corrente Uscite correnti (Titolo 1, Titolo 3 int. 3) , , , ,97 Avanzo/ disavanzo/pareggio della gestione corrente , , , ,10 Bilancio Investimenti Entrate destinate al finanziamento degli investimenti Spese in conto capitale (titolo 2) Avanzo/disavanzo/pareggio investimenti Servizi per conto di terzi Entrate Servizi per conto di Terzi , , , , , , , , , , , , , , ,00-102,000,00 (Titolo IV) Uscite per conto terzi (Titolo VI) , , , ,00 Avanzo/disavanzo servizi per conto di terzi 0,00 0,00 0,00 0,00 Totale Generale , , , ,55 ENTRATE BILANCIO , , , ,55 USCITE BILANCIO , , , ,55 0,00 0,00 0,00 0,00 Avanzo/disavanzo di competenza Dalle tabelle prima esposte si evidenzia in particolare che sussistono i seguenti equilibri: Pareggio finanziario:il totale delle entrate di competenza è uguale al totale delle uscite di competenza; Equilibrio Economico: le previsioni di competenza delle spese correnti sommate alle previsioni di competenza relative alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui sono finanziate con le previsioni di competenza delle entrate correnti più una quota di oneri urbanizzazione. Relativamente agli equilibri di bilancio 2009, alla data odierna, si nota chiaramente l utilizzo per spese correnti delle entrate derivanti dal rilascio dei permessi a costruire entro il limite massimo del 75%, di cui il 25% per spese di manutenzione del verde, delle strade e del patrimonio comunale ed una quota del 50% per spese correnti. 11

12 Equilibrio negli Investimenti: a ogni spesa per investimento iscritta nel titolo 2 - spesa del bilancio di previsione, corrispondono una o più stanziamenti di entrata indicanti le relative fonti di finanziamento. In particolare, tali fonti di finanziamento sono allocate negli stanziamenti di entrata iscritti nel Titolo 4 del bilancio, nel Titolo 5 del bilancio e nell Avanzo di Amministrazione destinato al finanziamento di spese in conto capitale. Equilibrio per i servizi in conto terzi: le previsioni e gli accertamenti delle entrate equivalgono alle previsioni e agli impegni delle spese Gli ultimi movimenti che interessano il bilancio di competenza sono i servizi per conto terzi, che nel precedente ordinamento finanziario venivano chiamate partite di giro.queste operazioni non incidono nell attività economica del comune, trattandosi di poste puramente finanziarie movimentate per conto terzi. 12

13 VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO LO STATO DI ACCERTAMENTO DELLE ENTRATE E LO STATO DI IMPEGNO DELLE SPESE La ricognizione sottoposta all approvazione del Consiglio non si limita a fornire elementi utili per valutare l andamento dei programmi, ma analizza pure l andamento dei principali aggregati di spesa e di entrata. L equilibrio delle dotazioni di competenza inteso come il corretto rapporto tra le risorse di entrata e gli interventi di spesa, viene conservato se il Comune acquisisce i necessari mezzi finanziari. Un soddisfacente indice di accertamento delle entrate correnti (tributarie, contributi e trasferimenti correnti, extratributarie) è la condizione indispensabile per garantire, in sede di rendiconto, il pareggio della gestione ordinaria. Le spese di funzionamento (spese correnti, rimborso prestiti) vengono infatti finanziate da queste entrate. Nelle spese in C/capitale (contributi in conto capitale, accensione di prestiti) l accertamento del credito è invece la condizione essenziale per attivare l investimento. Ad un basso tasso di accertamento di queste entrate corrisponderà nel momento della verifica, un limitato stato di impegno delle spese di investimento. L indice di accertamento delle entrate correnti (tributarie, trasferimenti e contributi correnti ed extratributarie) è pari, dopo otto mesi di gestione, a settembre 2009, all 86%. L accertamento avviene, secondo quanto disposto dal TUEL D.Lgs. 267/2000, sulla base della emissione di ruoli, di comunicazioni degli uffici in base a liste di carico emesse o mediante comunicazioni o deliberazioni degli enti che elargiscono contributi. Le tabelle che seguono evidenziano gli equilibri di bilancio di parte corrente, di parte investimenti, nonché lo stato di impegno delle spese e di accertamento delle entrate. 13

14 Parte Corrente Previsione Assestata Proiezioni al 31/12 Accertamenti /Impegni 15/09 Entrate di Competenza Titolo I Tributarie , , ,07 Titolo II Trasferimenti dallo Stato, regioni ed enti , , ,28 Titolo III Extratributarie , , ,56 a) Totale delle entrate correnti , , ,91 Entrate Straordinarie Proventi per permessi a edificare destinati alla spesa , , ,18 corrente Avanzo di Amministrazione applicato al Bilancio 0,00 0,00 corrente b)totale delle Risorse straordinarie , , ,18 Totale entrate destinate al finanziamento , , ,09 delle spese correnti (a + b) Uscite di Competenza Titolo I Spese correnti , , ,10 Ammortamenti beni patrimoniali 0,00 0,00 c) Uscite Titolo I , , ,10 Titolo III Rimborso di prestiti , , ,99 Anticipazione di Cassa 0,00 0,00 d) Uscite Titolo III , , ,99 0,00 0,00 0,00 Uscite Straordinarie Disavanzo applicato al bilancio 0,00 0,00 0,00 Totale uscite correnti (c + d) , , ,09 Risultato Bilancio Corrente Competenza , , ,09 (a+b) Totale entrate correnti , , ,09 (c+d) Totale uscite correnti , , ,09 % Acc e Imp. su proizioni al 31/12 La tabella che rappresenta lo stato di accertamento delle entrate e di impegno delle spese di parte corrente merita alcune brevi considerazioni. Dalla verifica effettuata, dal confronto, tra gli accertamenti e gli impegni 2009, si dimostra l equilibrio di gestione per l anno in corso. In particolare risulta che: 1. le entrate tributarie sono quasi totalmente accertate, compresa la parte relativa al saldo dell I.C.I. 2. non risulta accertato tutto il titolo II per le entrate derivanti dallo Stato, trasferimenti della Regione e di altri enti del settore pubblico, in quanto ad oggi non sono pervenute idonee comunicazioni. Vedasi ad esempio: rimborso per presunto maggior gettito ici derivante da ex rurali, cat. B e E.. 3. i minori accertamenti delle entrate extratributarie derivano da una diversa modalità di accertamento rispetto all impegno di spesa; per i servizi a domanda individuale, ad esempio, mentre la spesa viene impegnata all inizio dell esercizio finanziario, per le entrate si attende che l ufficio preposto predisponga i bollettini di pagamento e altro nonché l eventuale messa a ruolo. 4. La spesa corrente è impegnata per il 86% dello stanziamento previsto. Tale percentuale è da considerarsi soddisfacente tenendo anche conto delle numerose spese fisse che, a norma dell art. 183, comma 2, del TUEL, si 14

15 considerano impegnate con l approvazione del bilancio e successive modificazioni, senza la necessità di ulteriori atti. 15

16 Parte Conto Capitale Entrate di Competenza Titolo IV Alienazione di beni, Previsione Assestata Proiezioni al 31/12 Accertamenti/Impegni al 15 settembre , , ,90 trasferimenti di capitale ecc.. Proventi da permessi a edificare , , ,18 destinati alla spesa corrente a) Totale delle Risorse Titolo IV , , ,72 Titolo V Accensione di prestiti ,78 0,00 0,00 Anticipazioni di cassa 0,00 0,00 0,00 b)totale delle Risorse Titolo V , , ,72 c) Avanzo economico destinato agli investimenti d) Avanzo di Amministrazione destinato agli investimenti Totale delle Entrate destinate agli investimenti (a+b+c+d) Uscite di Competenza 0,00 0,00 0, , , , , , ,72 Titolo II Spese in conto capitale , , ,00 Totale delle Uscite per , , ,00 Investimenti Risultato Bilancio Investimenti , , ,00 Competenza Totale entrate destinate agli , , ,72 investimenti(a+b+c+d) Totale uscite per investimenti , , ,00 Risultato Bilancio Investimenti , , ,72 % Acc e Imp su proiezioni al 31/12 La tabella che riguarda gli investimenti presenta un accertamento più alto di ,72 rispetto all impegnato Le risorse disponibili sono pressoché tutte impiegate. 16

17 VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO LO STATO DI ACCERTAMENTO DEI RESIDUI Ai sensi dell art. 194, comma 2, del TUEL D.Lgs. 18 Agosto 2000, n. 267, dispone che in sede di salvaguardia degli equilibri di bilancio, l organo consiliare dia atto del permanere degli equilibri di bilancio anche in conto residui. Per dare sostanza a tale disposizione si riporta, di seguito, una tabella sintetica che dimostra l avanzo derivante dalla gestione dei residui allo stato attuale. RIEPIOLOGO GENERALE DELLE ENTRATE: RESIDUI 2009 Fonti finanziarie; riepilogo delle entrate Classificazione entrate Residui Conservati 01/01/09 Accertato Scostamento Titolo 1 Entrate Tributarie , , ,74 Titolo 2 da trasferimenti , ,11 0,00 Titolo 3 extra-tributarie , , ,71 Titolo 4 da alienazioni , ,18 0,00 Titolo 5 da accens Prestiti , ,00 0,00 Titolo 6 serv C.to Terzi , ,43-856,80 Totale generale delle entrate , , ,23 RIEPIOLOGO GENERALE DELLE USCITE: RESIDUI 2009 Utilizzi economici; riepilogo delle uscite Classificazione spese Residui Conservati 01/01/09 Impegnato Scostamento Titolo 1 Spese correnti , , Titolo 2 Spese in conto , , ,25 capitale Titolo 3 Rimborso Prestiti 0,00 0,00 0,00 Titolo 4 Serv C.to Terzi , ,40-856,80 Totale generale delle uscite , , ,53 Come indicato nelle tabelle sopra esposte la gestione dei residui presenta un saldo positivo di ,76 derivante principalmente da minori residui passivi per ,25 del Titolo II spesa in conto capitale e per maggiori incassi sui residui attivi del Titolo I per ,74. Le maggiori entrate, le più significative, riguardano: l imposta comunale sulla pubblicità per 2.240,60 in seguito ad attività di accertamento; l imposta comunale sugli immobili per ,91 dovuto a gettito ordinario 2008; Le minori spese in conto residui riguardano diverse operazioni di importo unitario poco rilevante e derivano da economie su contratti stipulati. 17

18 I PROVENTI DEI PERMESSI DI COSTRUIRE Con l entrata in vigore del T.U. in materia edilizia, approvato con DPR 06/06/2001, n. 380, è venuto meno il vincolo di destinazione a opere di urbanizzazione dei proventi derivanti dai permessi a costruire. All art. 2, comma 8, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 prevede Per gli anni 2008, 2009 e 2010, i proventi delle concessioni edilizie e delle sanzioni previste dal testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, possono essere utilizzati per una quota non superiore al 50 percento per il finanziamento di spese correnti e per una quota non superiore ad un ulteriore 25 per cento esclusivamente per spese di manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale. Entrata Proventi dei permessi da costruire: Destinati ad investimenti Destinati alla spesa corrente e manutenzione del verde Previsione Iniziale ,00 100% ,00 65% ,00 35% Previsione Attuale ,00 100% ,00 65% ,00 35% Acc Risc. %acc/ prev. iniziale %acc / prev. attuale % risc. / acc , ,42 11,70 11,70 49, , ,32 11,61 11,61 49, , ,10 11,86 11,86 49,65 Per quanto riguarda i proventi da permessi di costruire, la previsione di bilancio ammonta a ,00, di cui il 65% destinato a spese di investimento ed il resto, 35% a spese correnti e a spese di manutenzione ordinaria del verde, delle strade e del patrimonio comunale. L andamento degli accertamenti e degli incassi, nel corso della gestione di competenza 2009, risentono della recente adozione del nuovo Piano Generale del Territorio ma anche e soprattutto della crisi economica. 18

19 RIEPIOLOGO GENERALE DELLE ENTRATE: RESIDUI 2009 Classificazione entrate Residui attivi: riepilogo delle riscossioni a residui al 15 settembre 2009 Residui Conservati al 01/01/2009 Accertato Riscossioni % riscossione su residui iniziali % riscossione su residui accertati Titolo 1 Entrate Tributarie , , ,49 78,88 75,68 Titolo 2 da trasferimenti , , ,78 44,25 44,25 Titolo 3 extra-tributarie , , ,05 40,41 40,51 Titolo 4 da alienazioni , ,18 534,00 0,10 0,10 Titolo 5 da accens Prestiti , ,00 0,00 0,00 0,00 Titolo 6 serv C.to Terzi , , ,91 97,40 99,75 Totale generale delle , , ,23 30,23 30,02 entrate RIEPIOLOGO GENERALE DELLE USCITE: RESIDUI 2009 Residui passivi: riepilogo dei pagamenti a residuo al 15 settembre 2009 Classificazione spese Residui Conservati al 01/01/2009 Impegnato Pagamenti % pagamento su residui iniziali % pagamento su residui impegnati Titolo 1 Spese correnti , , ,03 77,89 78,99 Titolo 2 Spese in conto , , ,86 19,48 19,62 capitale Titolo 3 Rimborso Prestiti 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Titolo 4 Serv C.to Terzi , , ,82 62,00 62,67 Totale generale delle uscite , , ,71 30,51 30,76 Le riscossioni ed i pagamenti del Bilancio corrente hanno, in termini percentuali, andamenti non simili ma evidenziano una difficoltà nel procedere all incasso delle entrate di parte corrente derivanti da trasferimenti erariali ed extratributarie. La seguente tabella dimostra l andamento della gestione cassa del bilancio di parte corrente con un saldo positivo pari a ,29. Classificazione Titolo 1-2 e 3 entrate correnti Titolo 1 spese correnti e 3 rimborso prestiti Residui Conservati al 01/01/2009 Accertato/ Impegnato Riscossioni /Pagamenti % cassa su residui iniziali % cassa su accertamenti/impegni , , ,32 54,44 53, , , ,03 77,89 78,99 19

20 Il Bilancio in conto capitale presenta un andamento completamente diverso. Il saldo negativo pari a ,86 è dato dai pagamenti effettuati per spese finanziate con entrate accertate e riscosse in esercizi precedenti. Esempio significativo consiste nell andamento dei pagamenti delle opere finanziate con i proventi dei permessi di edificare, per i quali, come ribadito dall Osservatorio, nei Principi Contabili, l accertamento dell entrata è possibile solo al momento della riscossione per quanto attiene ai permessi per costruire. Il pagamento avviene, sia su S.A.L. e/o a forniture effettuate, e quindi con tempi nettamente diversi. Classificazione Titolo 4-5 entrate destinate ad investimenti Titolo 2 spese in conto capitale Residui Conservati al 01/01/2009 Accertato/ Impegnato Riscossioni /Pagamenti % cassa su residui iniziali % cassa su accertamenti/impegni , ,18 534,00 0,04 0, , , ,86 19,48 19,62 Per riassumere le riscossioni ed i pagamenti, a residuo, presentano un saldo negativo per ,48 derivante da: riscossioni e pagamenti di parte corrente ,29 riscossioni e pagamenti in conto capitale ,86 servizi per conto di terzi ,91 20

21 PATTO DI STABILITÀ 2009 L art. 28 della Legge 23 dicembre 1998, n. 448 ha coinvolto le Regioni e gli Enti locali nel perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica che consentono all Italia di rispettare gli impegni assunti a livello Europeo attraverso il Patto di Stabilità e Crescita. In particolare gli Enti Locali sono chiamati a concorrere al contenimento del deficit della amministrazioni pubbliche impegnandosi a ridurre progressivamente il finanziamento in disavanzo delle proprie spese o ad aumentare e a ridurre il rapporto tra il proprio ammontare di debito ed il prodotto interno lordo. Ai fini della tutela dell unità economica della Repubblica, le province e i comuni con popolazione superiore ai abitanti concorrono alla realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica attraverso il rispetto delle disposizioni previste dall art. 77- bis, commi da 2 a 31, del D.L. n. 112/2008 convertito con modificazioni dalla Legge 133/2008, come modificato dalla legge 203/2008 e dalla legge 33/2009 che costituiscono principi fondamentali del coordinamento della finanza pubblica ai sensi dell art. 117, terzo comma, e 119, secondo comma, della Costituzione. Dal 2009 come obiettivo di riferimento non viene più considerata una media di periodo ( il riferimento era il triennio 2003/2005 ) ma il solo 2007 per il quale viene calcolato il saldo di competenza mista. Il saldo di competenza mista prende in considerazione la competenza per la parte corrente e la cassa per la parte in conto capitale comprensiva dei residui degli anni precedenti. Sulla base della richiamata normativa e della circolare n. 2/2009 del Ministero dell Economia e delle Finanze, la manovra di contenimento aveva determinato per il nostro comune un importo pari a ,92, quale obiettivo da raggiungere ai fini del rispetto del Patto di stabilità Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del è stato approvato il bilancio di previsione 2009 e con la stessa delibera è stato definito ed approvato l obiettivo programmatico relativo al patto di stabilità Diversi sono stati gli interventi legislativi in tema di patto di stabilità 2009 che comunque non hanno assolutamente aiutato i Comuni ad uscire dalla situazione in cui si trovano ( impossibilità di pagare spese del titolo II pur avendo fondo cassa ). La Legge 33 del ha previsto che il Comune può escludere, dai conteggi relativi al Patto di Stabilità Interno 2009, i pagamenti in conto residui concernenti spese per investimenti effettuati nei limiti delle disponibilità di cassa a fronte di impegni regolarmente assunti ai sensi dell art. 183 del TUEL, poiché tale agevolazione non è di immediata applicazione, ma è subordinata alla coesistenza di tre condizioni: - l ente deve aver rispettato il Patto di Stabilità 2007; - il rapporto medio tra numero dei dipendenti e abitanti deve essere inferiore alla media nazionale individuata per classe demografica; - gli impegni dell anno 2008 per spesa corrente, al netto delle spese per adeguamenti contrattuali dei dipendenti, devono risultare di ammontare non superiore alla corrispondente media del triennio ; ma l Ente non rispetta il terzo parametro; Successivamente con l art. 7 quater, comma 9, lettera a) del D.L. 5/09 convertito in Legge , n. 33 ha abrogato il comma 8 dell art. 77 del D.L. 77 bis 21

22 del D.L. 112/08 convertito in Legge 133/2008 prevedendo al successivo comma 10 l esclusione degli introiti derivanti da alienazioni di immobili destinati ad investimenti dalla base di calcolo 2007 ed anche degli obiettivi del patto di stabilità 2009/2011, autorizzando gli enti che hanno approvato il bilancio prima del ad optare o per l esclusione o per la previsione sia dalla base di calcolo 2007 che per gli obiettivi 2009/2011. Il Consiglio Nazionale dell A.n.c.i., in data 10 luglio 2009, ha approvato all unanimità un documento di denuncia della grave situazione dei Comuni ed ha richiesto deroghe al Governo ed al Parlamento per un nuovo assetto delle regole del patto di stabilità che consentano una gestione corretta ed efficiente degli Enti, anche a garanzia dei diritti delle famiglie e delle imprese, già gravemente oberate dalla crisi economica perdurante. Con il D.L. 78/09 si impone al funzionario che adotta un provvedimento di spesa l obbligo di accertare preventivamente che il programma dei conseguenti pagamenti sia compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica (tra cui il rispetto del patto di stabilità) e precisa che la violazione di tale obbligo comporta responsabilità disciplinare e amministrativa per il funzionario. La normativa vigente pone a carico dei soggetti debitori l onere di riconoscere automaticamente interessi passivi decorsi 30 giorni dal ricevimento della fattura, fatta salva la libertà delle parti di stabilire termini superiori, purché pattuiti in forma scritta. Con la delibera di Consiglio Comunale n. 46 del 30 luglio 2009, esecutiva ai sensi di legge, si è provveduto a prendere atto della modifica intervenuta con l art. 7 quater, comma 9, lett. a) del D.L. 5/2009 convertito in Legge n. 33/2009 adeguando il prospetto del patto di stabilità con l opzione di esclusione dal calcolo della base 2007 nonché degli obiettivi 2009/2011 delle alienazioni destinate ad investimenti, adeguando altresì la previsione dei pagamenti in conto capitale. Il Comune di Passirano, pertanto, presenta come saldo finanziario 2007 un valore negativo pari a ,34 da cui ne discendono i seguenti obiettivi annuali di competenza mista: ,10, ,14 e ,37. Il patto di stabilità 2009 ha bisogno di un costante monitoraggio per evitare un mancato rispetto, alla data del 31 dicembre 2009, del saldo finanziario in termini di competenza mista. La violazione della normativa, peraltro, potrà accertarsi solo al termine dell esercizio; Tutto ciò determina: - per la parte corrente la continua vigilanza affinché siano effettuate da parte dei Responsabili le spese ritenute necessarie, ossia di limitare l assunzione degli impegni di spesa corrente alle sole spese obbligatorie. - mettere in atto tutte le attività necessarie per conseguire la riscossione degli importi dei trasferimenti dovuti da Enti /privati per spese di investimento già sostenute e da sostenersi, attivando i nuovi investimenti 2009/2011 solo dopo aver riscosso almeno una parte delle entrate previste da trasferimenti; - di dare indicazioni operative affinché i soggetti autorizzati alla stipula di contratti per conto dell Amministrazione stabiliscano contrattualmente termini di pagamento consoni al raggiungimento degli obiettivi del patto di stabilià, da valutarsi anche in relazione alle modalità di finanziamento della spesa e con particolare riferimento alle spese di investimento; 22

23 - una partecipazione dei responsabili d area a tenere una linea di condotta tendente alla realizzazione delle entrate ( sia in termini di accertamento che di incasso ). Per quanto riguarda l aspetto sanzionatorio l art. 76, comma 4, della legge 6 agosto 2008, n. 133, richiamato dall art. 77ter, comma 16 della stessa legge, ha previsto che nel caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno relativo all anno 2009: - è fatto divieto di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e continuativa e di somministrazione, anche con riferimento ai processi di stabilizzazione in atto, nonché di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurino come elusivi della presente disposizione, - è fatto divieto di ricorrere all indebitamento; - è fatto obbligo di impegnare le spese correnti in misura non superiore all importo annuale minimo dei corrispondenti impegni effettuati nell ultimo triennio; - è fatto obbligo di ridurre le indennità di funzione ed i gettoni di presenza del 30% rispetto all importo risultante alla data del 30 giugno 2008; - è fatto divieto di incrementare le risorse della contrattazione decentrata del personale dipendente; - si applica la riduzione dei trasferimenti erariali per un importo pari alla differenza fra saldo finanziario reale 2009 e saldo programmatico 2009, con il limite del 5% dei trasferimenti erariali medesimi; 23

24 I DEBITI FUORI BILANCIO Il debito fuori bilancio, come suggerisce la stessa definizione, è un evento che si concretizza quando il procedimento di spesa si discosta dalla normativa, determinando la menomazione di uno o più principi ordina mentali previsti a presidio della struttura del bilancio di esercizio e della sua corretta utilizzazione. Il debito fuori bilancio deve essere accuratamente distinto dalla gestione fuori bilancio, in quanto con tale evenienza non presenta punti di contatto. La gestione fuori bilancio, infatti, si concretizza quando i procedimenti di spesa avvengono con contabilità separate, ossia senza che le relative fasi presentino comunque punti di aderenza con lo strumento contabile comunale, conducendo ad annotazioni delle relative partite in modo occulto. Il debito fuori bilancio, per contro, si concretizza quando si verificano dei meri discostamenti dai principi contabili previsti dalle normative di settore, ossia quando le fasi della spesa non sono formalmente rispondenti alle norme di riferimento e la spesa stessa è comunque riconducibile al bilancio dell ente locale. L art. 194 stabilisce i debiti fuori bilancio riconoscibili e finanziabili dal Comune in maniera esclusiva. Dall analisi effettuata all interno dei vari servizi comunali, date le attestazioni fornite dai Responsabili d Area, si rileva che alla data del 15 settembre 2009, non esistono debiti fuori bilancio, gestioni fuori bilancio e/o notizie in merito, e che pertanto, il Consiglio Comunale, a norma dell art. 193, comma 2, del TUEL D.Lgs. 267/2000, non si trova nella situazione di dover adottare i provvedimenti necessari al riconoscimento ed al finanziamento di debiti fuori bilancio. 24

25 QUADRO DI CONTROLLO DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO 2009 Situazione all 15 settembre 2009 ENTRATA SPESA DISAVANZO TITOLO I TITOLO II TITOLO III TITOLO IV AVANZO , , ,00 TITOLO I,II,III , , , ,80 TITOLO IV , , , ,80 TITOLO V , , ,78 TITOLO VI , , ,00 TOTALE ENTRATE ,87 TOTALE SPESE , , , , ,87 25

26 Relazione Tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario Oggetto: Salvaguardia degli equilibri di bilancio 2009 Premesso che, ai sensi dell art. 193 del Decreto Legislativo 18 Agosto 2000 n. 267, il vigente Regolamento di contabilità, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 66 del e s.m.i., fa obbligo all organo consiliare di effettuare, entro il 30 settembre, la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e di verificare il permanere degli equilibri di bilancio; Che con nota interna, sono state chieste, ai Responsabili di Area, notizie relative ad eventuali debiti fuori bilancio, o comunque di spese non preventivamente impegnate, ovvero dati, fatti o situazioni tali da far prevedere l ipotesi di uno squilibrio di bilancio, nonché notizie circa l esistenza di gestioni di fondi fuori bilancio; Viste le comunicazioni pervenute da tutti i Responsabili di Area; Visto il regolamento di contabilità; Visto il risultato di amministrazione attivo per l esercizio 2008 che è risultato pari a ,98 di cui ,02 - quota disponibile; Dato che al Bilancio di Previsione è stato definitivamente applicato una destinata ad investimenti pari a ,00; Visti i quadri dimostrativi dell equilibrio di bilancio, della gestione di competenza, nonché la situazione dei residui attivi e passivi, come dimostrato nella presente relazione; La sottoscritta, Bottoli Teresina Graziella, Responsabile del Servizio Finanziario, dichiara: 1. che non risultano debiti fuori bilancio e gestioni fuori bilancio; 2. che dalla verifica attuale non emerge nessun disavanzo né della gestione corrente né tale disavanzo appare prevedibile; 3. che permane l equilibrio di bilancio; 4. che il risultato di amministrazione attivo per l esercizio 2008 è stato pari a ,98. Passirano, 15 settembre 2009 Il Responsabile del Servizio Finanziario Bottoli dott.ssa Teresina Graziella 26

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI CONTRIBUTI EROGATI DA UN ENTE LOCALE CON ESAME DELLE DIVERSE E PIU RECENTI CASISTICHE a cura del Centro Studi Enti Locali (tutti i diritti riservati) Disciplina

Dettagli