Semantic Web: linguaggi e tecnologie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Semantic Web: linguaggi e tecnologie"

Transcript

1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi A. A Semantic Web: linguaggi e tecnologie Eufemia TINELLI

2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe permettere di condividere informazioni tra persone svolgere attività per soddisfare le necessità degli utenti che utilizzano il Web Problemi Il Web è enorme Il Web contiene informazioni destinate ad utenti umani Non c è niente in un documento HTML che indichi l argomento trattato o la fonte delle informazioni Un calcolatore non può comprendere il significato di un documento L unico tipo di ricerca possibile è quello sintattico (per parole-chiave). Difficoltà dovute a: Polisemia e omonimia (una parola con più significati): bassa precision Sinonimia (più parole con stesso significato): basso recall Come integrare informazioni provenienti da diverse fonti? Come svolgere un compito integrando diversi servizi disponibili sul Web? E.g.: Prenotare un biglietto aereo per Roma, un biglietto ferroviario dall'aeroporto al centro città e un albergo a meno di 5 isolati dalla stazione 2

3 Il Semantic Web Il W3C (World Wide Web Consortium) considera il Semantic Web come l ideale evoluzione del Web da machine-representable a machine-understandable Il Web è una ragnatela di documenti collegati tra loro, per l'utilizzo umano Il Semantic Web è una ragnatela di informazioni connesse dalla semantica (il significato). L idea è di generare documenti che possano al tempo stesso essere letti e compresi da esseri umani, ma anche acceduti ed interpretati da agenti automatici alla ricerca di contenuti. Il Semantic Web punta a trasformare il Web in una grande Base di Conoscenza Agente SW 3

4 Come passiamo dal Web al Semantic Web? Il Web già offre un'infrastruttura per pubblicare contenuti accessibili da tutti e per integrare i propri contenuti con quelli forniti da altri (attraverso gli URL e i collegamenti) Passo 1: rendere la semantica delle informazioni accessibile agli elaboratori (machine-understandable) Soluzione: uso di metadati (data about data) Passo 2: combinare informazioni provenienti da sorgenti diverse ai fini di realizzare servizi intelligenti : Ricerca basata su concetti Scambio di informazioni e composizione di servizi su base dichiarativa 4

5 Come condividere la conoscenza Occorre un linguaggio che: abbia una sintassi che assicuri l'interoperabilità abbia una semantica condivisa permetta di esprimere ontologie permetta elaborazioni efficienti, data la grandezza del Web Occorre un'infrastruttura che permetta di: aggiungere metadati ai documenti esistenti (evitare l'impresa impossibile di riscrittura del Web) referenziare entità in maniera univoca nell'intero Web integrare diverse fonti di conoscenza in un ambiente distribuito quale è il Web Un ontologia è una specifica esplicita e formale di una concettualizzazione condivisa [Gruber, 1993] relativa ad una porzione della realtà (dominio) 5

6 I livelli di interoperabilità richiesti dal Semantic Web Sintattico Richiede una struttura sintattica per la descrizione e lo scambio di dati (XML) Semantico Richiede il mapping tra termini (l interoperabilità migliora se gli stessi termini sono usati per denotare gli stessi concetti) e l analisi del contenuto (RDF&RDFS,OWL,DLs) Logico Richiede specifiche esplicite delle regole di inferenza per il ragionamento sulla conoscenza del livello semantico (SWRL) 6

7 Struttura del Semantic Web - W3C Recommendation (Gennaio 2008) 7

8 RDF Resource Description Framework (RDF) è un framework (modello generale) per asserire conoscenza nel Web È progettato per descrivere i metadati Le specifiche di RDF sono disponibili su: RDF consiste di: Model and Syntax Specification (22 Febbraio 1999) specifiche per modellare i metadati RDF e codificarli opportunamente per assicurare l interoperabilità RDF/XML Syntax Specification (Revised - 25 Marzo 2005) estensione della versione originale RDF Model & Syntax Document RDF Schema (27 Marzo 2000) - descrivere come usare RDF per descrivere vocabolari RDF 8

9 Modello dei dati RDF E' basato su tre concetti: Risorse: tutto ciò che viene descritto. Ogni risorsa è identificata da un URI Proprietà: una coppia attributo-valore che si vuole associare ad una risorsa l'attributo è anch'esso identificato da un URI il valore può essere un'altra risorsa o un tipo di dato primitivo (stringa, intero...) Asserzioni (statement): l associazione di una proprietà ad una risorsa Una asserzione ci dice che una risorsa (soggetto) ha un certo valore (oggetto) per una certa proprietà (predicato) 9

10 Asserzioni RDF L'asserzione (statement) è l'unità informativa elementare in RDF Ha obbligatoriamente una struttura a tripla soggetto - predicato - oggetto. Un insieme di asserzioni RDF è detto modello Esempi Subject ci/rdf Tutorial.ppt Predicate ts/1.1/creator m/properties#firstname Object Daniele 10

11 Rappresentazione grafica - Esempio 1 Un modello RDF può essere rappresentato come un grafo etichettato orientato Resource Property Literal Value Resource Il precedente esempio. Property Resource Value F Tutorial.ppt #firstname Daniele 11

12 Rappresentazione grafica - Esempio 2 ~gci/rdf Tutorial.ppt rties#firstname Daniele 25 12

13 Serializzazione di RDF Occorre una sintassi per la serializzazione di RDF per: salvare modelli RDF in forma persistente (e.g. su file) trasferirli da un'applicazione ad un'altra consentire il loro recupero dal Web RDF Model & Syntax Specification definisce una codifica XML standard del modello dati RDF Perché una codifica XML? Parser RDF più facili da implementare (basati su parser XML) XML risolve i problemi di interoperabilità e internazionalizzazione Servizio di validazione RDF/XML: 13

14 L'esempio 2 codificato in XML <?xml version= 1.0?> <rdf:rdf xmlns:rdf= xmlns:dc= xmlns:ns0= > <rdf:description rdf:about= > <dc:creator rdf:resource= /> </rdf:description> <rdf:description rdf:about= > <NS0:firstName>Daniele</NS0:firstName> <NS0:age>25</NS0:age> </rdf:description> </rdf:rdf> N.B. Sia le risorse sia le proprietà sono identificate da URI 14

15 L'esempio 2 codifica abbreviata in XML <?xml version= 1.0?> <rdf:rdf > xmlns:rdf= xmlns:dc= xmlns:ns0= <rdf:description rdf:about= Tutorial.ppt > <dc:creator rdf:resource= NS0:firstName= Daniele NS0:age= 25 /> </rdf:description> </rdf:rdf> Più asserzioni con il medesimo soggetto possono essere raggruppate in un unico tag Description 15

16 Altre sintassi XML è solo uno dei possibili modi di serializzare RDF Esistono altre sintassi non standard per la codifica N3 (Notation 3) N-Triple Esempio 2 codificato in N-Triple <http://www.di.uniba.it/~gci/rdf Tutorial.ppt> <http://purl.org/dc/elements/1.0/creator> <http://www.myspace.com/properties#firstname> "Daniele". <http://www.myspace.com/properties#age> "25". 16

17 Blank node Es. La ragazza con i capelli rossi ha 23 anni urn:colors/red

18 Contenitori A volte è importante fare riferimento ad un insieme di risorse (ad esempio, se un documento è stato creato da più autori) In questo caso tali risorse devono essere inserite all interno di un contenitore che sarà l oggetto dello statement RDF definisce tre tipi di contenitori: Bag. E un insieme con ripetizioni. L ordine non è rilevante Sequence. E un insieme con ripetizioni ed un ordine definito tra le risorse presenti Alternative. E un insieme senza ripetizioni in cui può essere scelto uno solo degli elementi. L ordine degli elementi può essere usato per esprimere preferenza 18

19 Contenitori - esempio <rdf:description about="http://www.example.org"> <dc:contributor> <rdf:bag> <rdf:li>gianni</rdf:li> <rdf:li>pinotto</rdf:li> </rdf:bag> </dc:contributor> </rdf:description> dc:contributor rdf:type rdf:_1 rdf:_2 rdf:bag Gianni Pinotto Analogamente si useranno i tipi rdf:seq per le sequenze e rdf:alt per le alternative. 19

20 Reificazione - 1 Come è possibile fornire meta-informazioni su una metainformazione? Ad esempio come posso esprimere la frase «Daniele Capursi afferma che gli asini possono volare»? Occorre considerare la metainformazione come una risorsa da descrivere /properties#tosay urn:donkeys /properties#ability urn:tofly Questa procedura si chiama reificazione (riduzione ad oggetto) dell'asserzione. Dopo avere reificato l asserzione si potranno esprimere ulteriori proprietà su di essa. 20

21 Reificazione - 2 Proprietà di reificazione rdf:subject corrisponde al soggetto nel data model RDF rdf:predicate corrisponde al predicato nel data model RDF rdf:object corrisponde all' oggetto nel data model RDF rdf:statement corrisponde all'insieme chiamato asserzione nel data model di RDF properties#tosay rdf:object urn:tofly rdf:statement rdf:type rdf:subject urn:donkeys rdf:predicate properties#ability 21

22 A che serve RDF? Non bastava XML per i metadati sul Web? In XML chiunque può definire tag e attributi......e chiunque può interpretarli come vuole In RDF invece se più persone (o programmi) usano lo stesso URI per una risorsa o proprietà, essi ne condividono esattamente il significato RDF non è XML Questo però non basta a fornire l'interoperabilità a livello semantico richiesta dalle applicazioni concepite per il Semantic Web Il modello di RDF non permette di effettuare validazione di un valore o restrizione di un dominio di applicazione di una proprietà 22

23 Esempio di vocabolario RDF L'esempio più famoso è forse il Dublin Core Metadata Initiative, relativo al dominio dei documenti (anche multimediali e ipertestuali) Proprietà Dublin Core 1.0: + Contenuti Title Subject Description Type Source Relation Coverage Proprietà intellettuale Creator Publisher Contributor Rights Istanza Date Format Identifier Language 23

24 RDF Schema RDF Schema (RDFS) permette di definire i propri vocabolari A differenza di XML Schema o di un DTD, RDF Schema non vincola la struttura del documento, ma fornisce informazioni utili all interpretazione del documento stesso RDF Schema è definito in termini di RDF stesso RDF Schema definisce un insieme di risorse RDF (schema) da usare per descrivere caratteristiche di altre risorse e proprietà RDF Uno schema può definire nuovi elementi from scratch o importarli da schemi esistenti per estenderli RDFS è un linguaggio ontologico lightweight RDFS è indipendente dal dominio 24

25 Le risorse RDFS RDF namespace (xmlns:rdf): RDFS namespace (xmlns:rdfs): 25

26 RDFS: Classi e proprietà (1) rdfs:resource - Ogni risorsa RDF è istanza di questa classe rdfs:literal - Sottoclasse di rdfs:resource, rappresenta un letterale, cioè una stringa di testo rdf:property - Rappresenta le proprietà. E sottoclasse di rdfs:resource. rdfs:class - Corrisponde al concetto di classe nella programmazione object-oriented. Quando viene definita una nuova classe, la risorsa che la rappresenta deve avere la proprietà rdf:type impostata a rdfs:class rdfs:subclassof - Specifica la relazione di ereditarietà fra classi Può essere assegnata solo a istanze di rdfs:class Una classe può essere sottoclasse di più classi (ereditarietà multipla) 26

27 RDFS: Classi e proprietà (2) rdfs:subpropertyof Istanza di rdf:property usata per specificare che una proprietà è una specializzazione di un altra. Ogni proprietà può essere la specializzazione di zero o più proprietà rdfs:seealso Istanza di rdf:property usata per indicare una risorsa che potrebbe fornire ulteriori informazioni riguardo al soggetto rdfs:isdefinedby - Sottoproprietà di rdfs:seealso, indica una risorsa che definisce il soggetto di un asserzione rdfs:label Usata per fornire una versione leggibile da utenti umani del nome di una risorsa 27

28 Vincoli I predicati più utilizzati per esprimere vincoli su altre proprietà sono rdfs:domain (dominio) - Usato come predicato di una risorsa r, indica le classi (soggetto) a cui può essere applicata r. rdfs:range (codominio) - Usato come predicato di una risorsa r, indica le classi che saranno oggetto di un asserzione che ha r come predicato <rdf:description rdf:id= NumeroPasseggeri"> <rdf:type rdf:resource="http://www.w3.org/1999/02/22-rdf-syntax -ns#property"/> <rdfs:domain rdf:resource="#veicolopasseggeri"/> <rdfs:range rdf:resource="http://www.w3.org/2000/03/example/ classes#number"/> </rdf:description> 28

29 RDF & RDFS 29

30 RDFS: Esempio di codifica in XML. 30

31 Sparql Protocol And Rdf Query Language (SPARQL) Linguaggio di interrogazione per dataset RDF basati su HTTP/SOAP: graph pattern matching Nessuna inferenza propria del linguaggio SPARQL query si compone di Uno SPARQL endpoint accetta queries and restituisce risultati via HTTP 31

32 SPARQL: Esempio Restituisci il full name di tutte le persone nel dataset 32

33 SPARQL: Esempio Restituisci la relazione tra John e Mary 33

34 SPARQL: Esempio Restituisci tutte le persone sopra i 30 anni 34

35 SPARQL: Esempio Restituisci tutte le persone e (opzionalmente) le loro spose 35

36 Riferimenti T. Berners-Lee, J. Hendler, O. Lassila, The Semantic Web: A new form of Web content that is meaningful to computers will unleash a revolution of new possibilities, Scientific American, May, 2001 E. Della Valle, I. Celino, D. Cerizza, Semantic Web Modellare e condividere per innovare, Pearson (collana Addison Wesley) 2008 D. Beckett, RDF/XML Syntax Specification (Revised), W3C Recommendation 10/02/2004, D. Brickley, R.V. Guha, RDF Vocabulary Description Language 1.0: RDF Schema, W3C Recommendation 10/02/2004, E. TINELLI LTW A. A

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Introduzione a RDF (Resource Description Framework)

Introduzione a RDF (Resource Description Framework) Introduzione a RDF (Resource Description Framework) Abbiamo visto che uno degli obiettivi del Web Semantico è quello di rendere le risorse comprensibili e utilizzabili da agenti software. Un ruolo molto

Dettagli

RDF RDFS RDF/XML. Dott.sa Vincenza Anna Leano vincenzaanna.leano@unina.it. Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2010/2011

RDF RDFS RDF/XML. Dott.sa Vincenza Anna Leano vincenzaanna.leano@unina.it. Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2010/2011 RDF RDFS RDF/XML Dott.sa Vincenza Anna Leano vincenzaanna.leano@unina.it Basi di Dati II mod. B Prof. F. Cutugno A.A. 2010/2011 ESEMPIO Concetto Il prof Cutugno insegna Basi di Dati II Rappresentazione

Dettagli

Dati Semistrutturati: il linguaggio RDF Esempi ed esercitazioni

Dati Semistrutturati: il linguaggio RDF Esempi ed esercitazioni Sistemi di Elaborazione dell informazione II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica II anno 4 CFU Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu

Dettagli

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE Informatica Applicata 3.3 OWL Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE The Semantic Web Tower Antonella Poggi Pagina 2 Le ontologie

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012. Real world Semantics.

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012. Real world Semantics. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 Real world Semantics Eufemia TINELLI Pubblicare metadati su Web Pubblicare file RDF sul web MIME-type

Dettagli

Web Semantico e Linked (Open) Data: dal Web dei documenti al Web dei dati. Tommaso Di Noia

Web Semantico e Linked (Open) Data: dal Web dei documenti al Web dei dati. Tommaso Di Noia Web Semantico e Linked (Open) Data: dal Web dei documenti al Web dei dati Tommaso Di Noia Politecnico di Bari http://sisinflab.poliba.it/dinoia/ t.dinoia@poliba.it Il Web dei documenti Il Web dei documenti:

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza nel Semantic Web. Semantic Web

Rappresentazione della Conoscenza nel Semantic Web. Semantic Web Rappresentazione della Conoscenza nel Semantic Web seminario di Laera Loredana Semantic Web The Semantic Web is an extension of the current web in which information is given well-defined meaning, better

Dettagli

RDF (Triplestore) Database

RDF (Triplestore) Database Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Basi Di Dati RDF (Triplestore) Database Anno Accademico 2012-2013 Candidato: Davide Basciano matr. N46/658 Indice Introduzione

Dettagli

3.1 Introduzione al Web Semantico

3.1 Introduzione al Web Semantico Informatica Applicata 3.1 Introduzione al Web Semantico Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE 3.1 Introduzione al Web Semantico*

Dettagli

PAGE: una infrastruttura distribuita per promuovere l interoperabilità basata su RDF

PAGE: una infrastruttura distribuita per promuovere l interoperabilità basata su RDF POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione PAGE: una infrastruttura distribuita per promuovere l interoperabilità basata su RDF Relatore:

Dettagli

Costruire un' ontologia: perché e come farlo

Costruire un' ontologia: perché e come farlo Costruire un' ontologia: perché e come farlo Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa KNOWLEDGE MANAGEMENT UNIVERSITY Olbia,

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

machine-readable machine analysis

machine-readable machine analysis RDF(S) Il Web è stato inventato (tra gli altri) da Tim Berners-Lee, un fisico che lavora al CERN La sua visione originale del Web era assai più ambiziosa di quella che è la realtà del Web (sintattico)

Dettagli

INTERSCAMBIO DI INFORMAZIONI Strumenti di retrieval

INTERSCAMBIO DI INFORMAZIONI Strumenti di retrieval Il Web è stato progettato per essere uno spazio contenente informazioni ed uno strumento per mediare l accesso alle risorse da parte degli utenti SERVIZI ATTUALI Raccolta risorse nella rete Sviluppo di

Dettagli

XML metadati Semantic Web. Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti

XML metadati Semantic Web. Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti Dall interoperabilità sintattica a quella semantica Fabio Ciotti Una delle conseguenze più rilevanti della diffusione del Web è il passaggio definitivo dai sistemi informativi monade ai sistemi aperti

Dettagli

Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web

Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Ontologie integrate da lessici per indicizzazione e ricerca nel Semantic Web Candidato:

Dettagli

Facoltà di Scienze MM. FF. NN.

Facoltà di Scienze MM. FF. NN. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Linked Open Data: un caso di studio sui dati del CISI Tesi di laurea di Giovanni Panascì Matricola 0524459

Dettagli

Open data, servizi digitali e trasferimento di conoscenza

Open data, servizi digitali e trasferimento di conoscenza Open data, servizi digitali e trasferimento di conoscenza Tiziana Catarci Maurizio Lenzerini Dipartimento Dipartimento di di Ingegneria Ingegneria Informatica Informatica Automatica e Gestionale "Antonio

Dettagli

Descrizione Formale Esplicita Dominio

Descrizione Formale Esplicita Dominio Ontologia Abbiamo visto che tassonomie e tesauri fissano una semantica. Per arricchire la semantica si deve passare a modelli concettuali e teorie logiche. Un modello concettuale è il modello di una particolare

Dettagli

CRB Collaborative Resource Broker

CRB Collaborative Resource Broker CRB Collaborative Resource Broker Memorandum Giulio Beltrami Ed.0.1 2008-02-05 Sommario: Premessa 2 Requisiti ed obiettivi 3 Modello logico 4 NameSpaces 5 crb:subject 5 crb: 5 crb: 5 Strumenti d uso 6

Dettagli

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino farinetti@polito.it 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring

Dettagli

Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice Introduzione --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI INFORMATICA II LEZIONE II LE LIBRERIE DIGITALI PROF. GIUSEPPE DE SIMONE Indice 1 Introduzione ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RDF per la rappresentazione della conoscenza

RDF per la rappresentazione della conoscenza RDF per la rappresentazione della conoscenza Oreste Signore Ufficio Italiano W3C 1. presso il C.N.R. - Istituto CNUCE Area della Ricerca di Pisa San Cataldo - Via G. Moruzzi, 1-56124 Pisa Email:oreste@w3.org

Dettagli

Annotazione di Documenti nel Web Semantico

Annotazione di Documenti nel Web Semantico UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Annotazione di Documenti nel Web Semantico Candidato Mario lezoche Matricola: 60471/88 Relatore

Dettagli

Il Web Semantico. Linguaggi. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011

Il Web Semantico. Linguaggi. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011 Linguaggi Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2010-2011 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Il Web Semantico Semantic Web

Dettagli

Ontologie e dati per il Web semantico

Ontologie e dati per il Web semantico Ontologie e dati per il Web semantico Dublin Core Metadata Element Set Dublin Core: insieme di metadati sviluppati in seno alla Dublin Core Metadata Initiative Pensato per la descrizione di risorse (inizialmente

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Linked Open Data Introduzione e nuovi punti di vista Silvia Mazzini Antonella Pagliarulo smazzini@regesta.com apagliarulo@regesta.

Linked Open Data Introduzione e nuovi punti di vista Silvia Mazzini Antonella Pagliarulo smazzini@regesta.com apagliarulo@regesta. Linked Open Data Introduzione e nuovi punti di vista Silvia Mazzini Antonella Pagliarulo smazzini@regesta.com apagliarulo@regesta.com Library Library Data Linked Data Library Linked Data W3C Incubator

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN MOTORE INFERENZIALE PER LA LOGICA ETICHETTATA SU UN REPOSITORY RDF

IMPLEMENTAZIONE DI UN MOTORE INFERENZIALE PER LA LOGICA ETICHETTATA SU UN REPOSITORY RDF UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA' DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell'automazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell'automazione IMPLEMENTAZIONE

Dettagli

Internet e le Mappe Cognitive

Internet e le Mappe Cognitive Dott. Gianluca De Grandis www.deghi.com/coevo newcoevo@deghi.com 1.1 L organizzazione attuale dei siti Web Il World Wide Web fu inventato nel 1989 da Tim Berners-Lee 1 presso il CERN di Ginevra. Il progetto

Dettagli

Corso Web 2.0 Modulo B

Corso Web 2.0 Modulo B e Modulo B e : tecnologie e applicazioni DICOM, Università degli Studi dell Insubria, Varese, Italy I Semestre, 1 o ottobre 2008 14 novembre 2008 Indice Introduzione e L integrazione tra e 1 Introduzione

Dettagli

Metadati e open data: Nuovi paradigmi per vecchie professioni

Metadati e open data: Nuovi paradigmi per vecchie professioni Metadati e open data: Nuovi paradigmi per vecchie professioni Giovanni Bergamin Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze L uso del termine metadati si è affermato con il Web tra la fine e l inizio di questo

Dettagli

Strutturare la conoscenza: XML, RDF, Semantic Web

Strutturare la conoscenza: XML, RDF, Semantic Web Strutturare la conoscenza: XML, RDF, Semantic Web Oreste Signore W3C Office in Italy e ISTI-CNR Area della Ricerca CNR di Pisa via G. Moruzzi, 1 56124 Pisa (Italy) e.mail: oreste@w3.org home page: http://www.weblab.isti.cnr.it/people/oreste/

Dettagli

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph.

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph. Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso Ing. Christian Morbidoni, Ph.D Semantic Web su Desktop e Intranet RDF(S)/OWL: strumenti di rappresentazione

Dettagli

Semantic Web, un deep insight tra idee, realizzazioni e prospettive

Semantic Web, un deep insight tra idee, realizzazioni e prospettive Semantic Web, un deep insight tra idee, realizzazioni e prospettive Dr. Ing. Giovanni Tummarello Copyright 2005 Digital Enterprise Research Institute. All rights reserved. www.deri.org 1 DERI: Digital

Dettagli

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva

IL WEB SEMANTICO. INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva IL WEB SEMANTICO INTERNET PENSANTE la piu avanzata ipotesi di intelligenza collettiva Termine web semantico: è associato all idea di un web nel quale agiscano agenti intelligenti in grado di comprendere

Dettagli

extensible Markup Language XML

extensible Markup Language XML Operatore informatico giuridico A.A 2003/2004 I Semestre extensible Markup Language XML Dr. Raffaella Brighi Limiti di HTML Non consente la descrizione dei dati: i marker HTML specificano come visualizzare

Dettagli

Progettazione UML nell ambito del Semantic Web

Progettazione UML nell ambito del Semantic Web UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria - Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progettazione UML nell ambito del Semantic Web Relatore Chiar.ma Prof.ssa

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA

Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Creare ontologie ONTOLOGIE, DESCRIPTION LOGIC, PROTÉGÉ STEFANO DE LUCA Punto di partenza: materia per ragionare Gli agenti intelligenti possono usare tecniche deduttive per raggiungere il goal Per fare

Dettagli

Categorie e oggetti. Il Web semantico. Ontologie di dominio. Le motivazioni del web semantico. Web semantico e logiche descrittive

Categorie e oggetti. Il Web semantico. Ontologie di dominio. Le motivazioni del web semantico. Web semantico e logiche descrittive Categorie e oggetti Web semantico e logiche descrittive M. Simi, 2014-2015 Cap 2 del "Description Logic Handbook" Lezioni di U.Straccia Molti dei ragionamenti che si fanno sono sulle categorie piuttosto

Dettagli

Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML

Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML 4 Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML UniMc BBCC 10/11 I semestre Laboratorio di informatica avanzata per i beni culturali prof. Pierluigi Feliciati pierluigi.feliciati@unimc.it Dai

Dettagli

21/03/2015. Architettura del Web. RDF in due parole. Un grafo RDF (WorldWide!) Una tripla RDF (s,p,o)

21/03/2015. Architettura del Web. RDF in due parole. Un grafo RDF (WorldWide!) Una tripla RDF (s,p,o) Workshop ODINet OnLine Data Integration Network Pisa, 24 marzo 2015 Linked Open Data, Semantic Web, SKOS: questi (s)conosciuti Oreste Signore (W3C Italy) Slide a: http://www.w3c.it/talks/2015/odinet/ Nascita

Dettagli

Linked (Open) Data. Fabrizio Celli 04/06/2012

Linked (Open) Data. Fabrizio Celli 04/06/2012 Linked (Open) Data Fabrizio Celli 04/06/2012 OUTLINE Sviluppo del Web Relational Databases Triple e RDF SPARQL Linguaggi RDF Best Practices LOD Cloud OpenAgris (progetto FAO) 2 La Semantica La semantica

Dettagli

Le ontologie nell integrazione dei dati

Le ontologie nell integrazione dei dati Le ontologie nell integrazione dei dati Prof. Letizia Tanca 1 Ontologie Definizione formale e condivisa di un vocabolario di termini e delle relazioni tra essi Relazioni possibili: sinonimia omonimia iponimia

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

Architetture Software Ontologiche Principi ed Applicazioni

Architetture Software Ontologiche Principi ed Applicazioni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Dipartimento di Sistemi e Informatica Dottorato di Ricerca in Ingegneria Informatica, Multimedialità e Telecomunicazioni ING-INF/05 Architetture Software Ontologiche Principi

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una 1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una ontologia 1 Rappresentazione della conoscenza Il problema di

Dettagli

RDF Triplestore Systems

RDF Triplestore Systems Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in basi di dati RDF Triplestore Systems Anno Accademico 2013-2014 Candidato Francesco Palumbo Matr. N46000140 _ Dedica _

Dettagli

ASSOCIAZIONI NON PROFIT E LINKED OPEN DATA: UN ESPERIMENTO

ASSOCIAZIONI NON PROFIT E LINKED OPEN DATA: UN ESPERIMENTO Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica ASSOCIAZIONI NON PROFIT E LINKED OPEN DATA: UN ESPERIMENTO Relatore: Chiar.mo Prof. ANGELO DI IORIO Presentata

Dettagli

Interrogazione strutturata di triple RDF estratte dal linguaggio naturale

Interrogazione strutturata di triple RDF estratte dal linguaggio naturale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica Interrogazione strutturata di triple RDF estratte dal linguaggio naturale Candidato:

Dettagli

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic web-service Opened Platform B2SO201

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic web-service Opened Platform B2SO201 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Modello M14 Allegati RTA POR PUGLIA 2007-2013 - Asse I Linea 1.1 Azione 1.1.2

Dettagli

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Smart City Exhibition 2013 Dall informazione pubblica alla crescita economica: gli open data come veicolo di sviluppo

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it

Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE. Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Tesi disponibili nell ambito del progetto FP7 ARISTOTELE Ambiente collaborativo per il design e l innovazione Il lavoro si concentrerà sullo sviluppo di specifici componenti di un ambiente collaborativo

Dettagli

Interrogare il Semantic Web di José-Francisco Aldana-Montes, Antonio-César Gómez-Lora, Nathalie Moreno-Vergara, and María del Mar Roldán-García

Interrogare il Semantic Web di José-Francisco Aldana-Montes, Antonio-César Gómez-Lora, Nathalie Moreno-Vergara, and María del Mar Roldán-García Edizione italiana a cura di ALSI e Tecnoteca http://upgrade.tecnoteca.it Interrogare il Semantic Web di José-Francisco Aldana-Montes, Antonio-César Gómez-Lora, Nathalie Moreno-Vergara, and María del Mar

Dettagli

SKOS Un sistema per l organizzazione della conoscenza

SKOS Un sistema per l organizzazione della conoscenza UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Informatica Tesi di Laurea Laureando: Matteo Ballarin SKOS Un sistema per l organizzazione

Dettagli

Una panoramica delle tecnologie W3C

Una panoramica delle tecnologie W3C Una panoramica delle tecnologie W3C Oreste Signore Ufficio Italiano W3C 1 presso il C.N.R. - Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione Area della Ricerca di Pisa San Cataldo - Via G. Moruzzi,

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

La Comunicazione verso il web 3.0

La Comunicazione verso il web 3.0 MERCATI E TENDENZE La Comunicazione verso il web 3.0 Alessandra Fabri 1 ESTRATTO: Internet ha portato un enorme cambiamento nel modo di comunicare; le istituzioni interagiscono direttamente con i cittadini

Dettagli

PROGETTO E IMPLEMENTAZIONE DI UN APPLICAZIONE BASATA SUL WEB PER LA COSTRUZIONE E LA MODIFICA DI ONTOLOGIE

PROGETTO E IMPLEMENTAZIONE DI UN APPLICAZIONE BASATA SUL WEB PER LA COSTRUZIONE E LA MODIFICA DI ONTOLOGIE POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica PROGETTO E IMPLEMENTAZIONE DI UN APPLICAZIONE BASATA SUL WEB PER LA COSTRUZIONE E LA MODIFICA DI ONTOLOGIE

Dettagli

Lo standard URN:LEX per l'attribuzione dei nomi uniformi ai documenti giuridici: teoria e pratica di applicazione nel contesto italiano

Lo standard URN:LEX per l'attribuzione dei nomi uniformi ai documenti giuridici: teoria e pratica di applicazione nel contesto italiano Istituto di Teoria e Tecniche dell Informazione Giuridica ITTIG-CNR Tommaso Agnoloni Lo standard URN:LEX per l'attribuzione dei nomi uniformi ai documenti giuridici: teoria e pratica di applicazione nel

Dettagli

XML Schema Definition (XSD)

XML Schema Definition (XSD) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 XML Schema Definition (XSD) Eufemia TINELLI Contenuti XML Schema e DTD Formato XML Schema Tipi

Dettagli

FACOLTA di ECONOMIA Sede di Forlì

FACOLTA di ECONOMIA Sede di Forlì Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTA di ECONOMIA Sede di Forlì &RUVRGL/DXUHDLQ(FRQRPLDGL,QWHUQHWFODVVH 5HDOL]]D]LRQHGLXQVLWRSHULO&RUVRGL/DXUHDLQ(FRQRPLDGL,QWHUQHW FRQOHWHFQRORJLHGHOZHEVHPDQWLFR

Dettagli

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE Ernesto Damiani Paolo Fezzi XML, inizialmente proposto come standard per la rappresentazione dei documenti testuali, si sta ora imponendo come infrastruttura generale del

Dettagli

Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it

Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Tesi disponibili nell ambito del progetto INDUSTRIA 2015 KITE.it Previsioni sul rischio di disfunzione di processi di business in esecuzione Il lavoro prevede l implementazione di una libreria non-blocking

Dettagli

Tecnologie XML: un elemento essenziale per l interoperabilità

Tecnologie XML: un elemento essenziale per l interoperabilità LogOn Web Day on Web Services, Java and XML Milano, 30 ottobre 2003 Tecnologie XML: un elemento essenziale per l interoperabilità Oreste Signore W3C Office in Italy e ISTI-CNR Area della Ricerca CNR di

Dettagli

Tools e ambienti per lo sviluppo di ontologie per il web semantico

Tools e ambienti per lo sviluppo di ontologie per il web semantico Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Tools e ambienti per lo sviluppo di ontologie per il web semantico Anno Accademico [2003/2004] relatore Ch.mo prof. Antonio

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary

Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary Stars Factory: LOD in RDF Data Cube Vocabulary Open Data Ground plug-in Claudia Corcione, Paola De Caro, Stefano De Luca LOD 2014, 20-21/02/2014 2 Evodevo Evodevo è una società che offre servizi, sviluppa

Dettagli

Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Lavoro pratico 2

Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Lavoro pratico 2 Docente: prof.silvio Salza Candidato: Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Open Archive Initiative OAI (Open Archive Initiative) rendere facilmente fruibili gli archivi che contengono documenti prodotti

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014 https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 https://www.flickr.com/photos/81171474@n06/7437936 Internet vs Web. Quale differenza? https://www.flickr.com/photos/pocphotography/12462536895/sizes/l

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici

Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Tesi di laurea Semantica: un sistema per l indicizzazione, il retrieval semantico di learning objects e la generazione automatica di corsi didattici Anno Accademico 2007/2008 Relatori Ch.mo prof. Angelo

Dettagli

Requisiti richiesti principalmente: o autonomia o eterogeneità o distribuzione dell informazione

Requisiti richiesti principalmente: o autonomia o eterogeneità o distribuzione dell informazione Seminari di Sistemi Informatici Adattamento di Sistemi Informativi per il il Web Ing Roberto De Virgilio rde79@yahoo.com 9 Maggio 2005 Web Information System Web Information System Web Information System

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

Corso di Progettazione e gestione di risorse digitali per i beni culturali

Corso di Progettazione e gestione di risorse digitali per i beni culturali Corso di Progettazione e gestione di risorse digitali per i beni culturali prof. Pierluigi Feliciati a.a. 2013/14 Modulo 2-2 Oltre il sito web: l'interoperabilità Il Web 2.0 Il Web semantico e le Apps

Dettagli

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto)

Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione (Riassunto) Universitá degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea in Informatica Pubblicazione di Linked Data in e-commerce: Progettazione e Sperimentazione

Dettagli

Ontologie OWL: Teoria e Pratica

Ontologie OWL: Teoria e Pratica Le ontologie sono uno strumento sempre più diffuso tra gli sviluppatori Web per i vantaggi che offrono nella condivisione delle informazioni. In questo mini-corso di tre lezioni cercheremo, attraverso

Dettagli

PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO

PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO Progetto per l esame di Web 2.0. Prof. Andrea Perego Autori: Dante Attanasio Domenico Gaglioti 1 PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO... 1 OBIETTIVI... 3 SITUAZIONE ATTUALE...

Dettagli

Open Data in Trentino

Open Data in Trentino Open Data in Trentino Lorenzino Vaccari Provincia Autonoma di Trento Direzione Generale - I.D. in materia di Innovazione lorenzino.vaccari@provincia.tn.it Sommario Dati aperti, formati aperti e metadati:

Dettagli

Prima Parte. Università degli Studi di Napoli -- Classi, proprietà, individui e restrizioni. Gennaro Gambardella

Prima Parte. Università degli Studi di Napoli -- Classi, proprietà, individui e restrizioni. Gennaro Gambardella Università degli Studi di Napoli -- CDL in Informatica Basi di dati Multimediali Prima Parte Classi, proprietà, individui e restrizioni Gennaro Gambardella Tratto da Ontologie OWL: Teoria e Pratica di

Dettagli

XML: una introduzione

XML: una introduzione XML: una introduzione XML è un linguaggio semantico che permette di annotare il testo attraverso l uso di elementi di marcatura comunemente chiamati tag. Lo sviluppo di XML è stato largamendation 2 del

Dettagli

La parola Ontologia non ha un unico significato:

La parola Ontologia non ha un unico significato: PROGRAMMING Ontologie OWL: Prima puntata Teoria e Pratica Le ontologie sono uno strumento sempre più diffuso tra gli sviluppatori Web per i vantaggi che offrono nella condivisione delle informazioni. In

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE PROGRAMMAZIONE LOGICA PER IL WEB SEMANTICO Relatore: Prof. Alessandro PROVETTI

Dettagli

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Vantaggi e limiti delle folksonomie (difficoltà: *) Nel paragrafo 7.4 è stato introdotto il concetto di social

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

Gruppo di lavoro LOD SBN

Gruppo di lavoro LOD SBN Gruppo di lavoro LOD SBN Premessa Il Comitato tecnico scientifico per SBN, nel 2014 ha incaricato l ICCU di costituire un gruppo di lavoro con il compito di verificare la fattibilità per l accesso e la

Dettagli

PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO

PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO Progetto per l esame di Web 2.0. Prof. Andrea Perego Autori: Dante Attanasio Domenico Gaglioti PROGETTO RUBRICA PUBBLICA ATENEO... 1 OBIETTIVI... 3 SITUAZIONE ATTUALE...

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE FUNZIONALITA DA IMPLEMENTARE... 5. 1.1 L ambito applicativo... 5. 1.2 Concetti di base... 5

INDICE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE FUNZIONALITA DA IMPLEMENTARE... 5. 1.1 L ambito applicativo... 5. 1.2 Concetti di base... 5 INDICE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE FUNZIONALITA DA IMPLEMENTARE... 5 1.1 L ambito applicativo... 5 1.2 Concetti di base... 5 1.3 Gli strumenti utilizzati... 7 1.3.1 XML: exstensible Markup Language...7 1.3.2

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Le tecnologie del semantic web per la gestione di documenti in ambito distribuito

Le tecnologie del semantic web per la gestione di documenti in ambito distribuito Le tecnologie del semantic web per la gestione di documenti in ambito distribuito Riccardo Albertoni Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche - Sezione Genova Consiglio Nazionale delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica TESI DI LAUREA Accessi personalizzati al patrimonio culturale: un applicazione basata su

Dettagli

Ontologie e World Wide Web: la diffusione della conoscenza.

Ontologie e World Wide Web: la diffusione della conoscenza. Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Sede di Como Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Ontologie e World Wide Web: la diffusione della

Dettagli

UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Persistenza Applicazioni Enterprise Uso dei modelli

UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Persistenza Applicazioni Enterprise Uso dei modelli UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Persistenza Applicazioni Enterprise Uso dei modelli 1 IL problema della persistenza APPLICAZIONE (programmi) (oggetti) DATI PERSISTENTI (file, record) (basi

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli