Anagrafica. Figure responsabili. Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anagrafica. Figure responsabili. Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi"

Transcript

1 AGGIORNAMENTO DVR Ai sensi del D.Lgs. 81/08 A.S PLESSO DI LACONI Il DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Marco Saba IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. Daniela Orrù IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI Sg. Ugo Corona

2 ISTITUTO COMPRENSIVO DI LACONI Dirigente Scolastico Sede Amministrativa SEDE OGGETTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI Ente proprietario dell'edificio Collaboratore fiduciario del Dirigente Anagrafica Codice NUIC83900B Dott.Marco Saba Ins Melosu Giovanna ( Sostituto) Via Pertini Laconi (OR) Scuola secondaria di I Grado Laconi Via Pertini Laconi Amministrazione Comunale di Laconi Ins.Maura Podda Figure responsabili Datore di Lavoro Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione - Esterno alla Scuola Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Addetti al Servizio di Prevenzione e protezione Medico Competente Dott.Marco Saba Ing. Daniela Orrù Sg. Ugo Corona Non previsto Non previsto Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi Numero presenze contemporanee N 0< N <100 Attività soggette ai controlli dei VVF ai sensi del DPR 1. Agosto 2011, n.101 Si No Categoria ai sensi del DPR 101/11 A B C Tipo scuola secondo D.M DVR Pagina 1

3 Introduzione Il presente documento illustra l Aggiornamento del DVR relativo al complesso delle operazioni concernenti le operazioni operative e di monitoraggio", relative all analisi dei rischi effettuata ai sensi del Decreto Legislativo n 81/08 e successive modifiche e integrazioni. La relazione di seguito riportata è il frutto di un attenta analisi dello stato di fatto dei plessi, e vuole essere lo strumento atto a rendere l intero Sistema Sicurezza nel luogo di lavoro e di studio, il più possibile conforme alla normativa vigente. Allegati al Documento di Valutazione dei Rischi I seguenti elaborati fanno parte integrante del presente Documento di Valutazione dei Rischi nella Istituzione Scolastica, pur non allegati materialmente: Piano di emergenza - Registro dei controlli periodici Contenuti Ai sensi dell art. 28 del D.Lgs. n. 81/08, il presente documento, redatto a conclusione della valutazione, contiene: una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa, nella quale sono stati specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a); il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, da trasmettere all'amministrazione Comunale ai sensi dell'art. 18, comma 3. l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. Si procederà alla rielaborazione del documento in caso di variazioni significative nell organizzazione scolastica ed ogni qualvolta l implementazione del sistema di sicurezza, finalizzato ad un miglioramento continuo, la faccia ritenere necessaria. DVR Pagina 2

4 Criteri adottati Per la rilevazione dei rischi e la verifica del mantenimento nel tempo dei livelli di sicurezza, sono previsti sopralluoghi periodici negli ambienti interni ed esterni dell'edificio. Le visite sono state condotte considerando le diverse attività: amministrativa negli uffici, didattica normale in aula, didattica speciale in laboratorio, cucina e mensa, educazione motoria negli spazi interni e all'esterno. Nei vari ambienti sono stati individuati i seguenti elementi di non conformità che potrebbero costituire un fattore di rischio per le persone presenti. Difetti di natura strutturale presenza di coperture in lastre di cemento con fibre di amianto controsoffitti pericolanti pavimenti, rampe e gradini con superficie scivolosa pavimenti con superficie irregolare intonaci degradati rivestimenti instabili presenza di spigoli vivi infissi pericolosi Carenze impiantistiche cavi elettrici non posati correttamente condutture e scatole non conformi protezioni elettriche nei quadri non adeguate illuminazione artificiale insufficiente Difetti degli arredi e delle attrezzature banchi e sedie difettosi armadi e scaffali non ancorati alla parete computer e postazioni non ergonomiche DVR Pagina 3

5 Difficoltà di accesso e fruibilità degli spazi presenza di barriere architettoniche assenza si rampe inclinate e impianti di sollevamento assenza di sevizi igienici per disabili opportunamente attrezzati Carenze nella pulizia e nell'igiene servizi igienici non adeguati e superfici non facilmente lavabili Microclima non confortevole umidità eccessiva temperatura non ottimale scarsa aerazione illuminazione naturale insufficiente assenza di schermi contro i raggi solari Cattiva organizzazione del lavoro esercitazioni didattiche, attività motoria o altre esperienze pratiche condotte senza tutte le necessarie precauzioni e protezioni spazi per depositi inidonei o insufficienti - accatastamento rifiuti solidi utilizzo di sostanze detergenti tossiche e/o irritanti E' verificata la presenza, la conformità e l'efficacia delle seguenti protezioni attive e passive per l'emergenza ed il primo soccorso: porte e uscite di emergenza segnalazioni delle vie di esodo percorsi di esodo, comandi di emergenza illuminazione di emergenza mezzi di estinzione incendio accesso dei mezzi antincendio cassetta di pronto soccorso DVR Pagina 4

6 QUANTIFICAZIONE DEI RISCHI Stima dell entità dell esposizione e della gravità degli effetti La quantificazione del rischio deriva dalla possibilità di definire il rischio come prodotto della Probabilità (P) di accadimento per la gravità del danno (D) atteso: R = P X D La definizione della scala di probabilità fa riferimento principalmente all esistenza di una correlazione più o meno diretta tra la carenza riscontrata e la possibilità che si verifichi l evento indesiderato, tenuto conto della frequenza e della durata delle operazioni/lavorazioni che comportano rischi per la salute e la sicurezza del lavoratori: Valore Livello di probabilità Definizione/Criteri 3-4 Molto probabile 2 Probabile 1 Poco probabile Esiste una correlazione diretta tra la mancanza rilevata e il verificarsi del danno ipotizzato per i lavoratori. Si sono gia verificati danni per la stessa mancanza rilevata nella stessa Scuola o in altre. Il verificarsi del danno conseguente la mancanza rilevata non susciterebbe alcun stupore. La mancanza rilevata può provocare un danno, anche se non in modo automatico e diretto. E noto qualche episodio in cui alla mancanza ha fatto seguito il danno. Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe sorpresa. La mancanza rilevata può provocare un danno solo in circostanze sfortunate di eventi. Sono noti solo rarissimi episodi gia verificatasi o addirittura nessun episodio. Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe grande sorpresa e incredulità. DVR Pagina 5

7 La definizione della scala di gravità del Danno fa riferimento principalmente alla reversibilità o meno del danno: Valore Livello di danno Definizione/Criteri 3-4 grave 2 medio 1 lieve Infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti di invalidità totale o addirittura letale. Esposizione cronica con effetti totalmente o parzialmente irreversibili e invalidanti. Infortunio o episodio di esposizione acuta con inabilità reversibile. Esposizione cronica con effetti reversibili. Infortunio o episodio di esposizione acuta con inabilità rapidamente reversibile. Esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. L incidente con rischio di conseguenze mortali, anche se improbabile, va considerato come priorità nella programmazione delle misure di prevenzione. N.B.: Deve essere preso in considerazione il danno più grave che può essere associato al rischio in esame: a tal fine non può essere utilizzato il solo dato statistico aziendale che mostra un basso numero di incidenti di quel tipo: di per se tale dato non autorizza ad adottare misure di sicurezza meno restrittive. Definiti la Probabilità (P) e la gravità del Danno (D), il rischio (R) viene calcolato con la formula R=PxD e si può raffigurare in una rappresentazione a matrice, avente in ascisse la gravità del Danno ed in ordinate la Probabilità del suo verificarsi. P D In tale matrice i rischi maggiori occupano le caselle in alto a destra, quelli minori le posizioni in basso a sinistra, con tutta la serie disposizioni intermedie. DVR Pagina 6

8 Definizione delle priorità degli interventi necessari Una tale rappresentazione è un importante punto di partenza per la definizione delle priorità e la programmazione temporale degli interventi di prevenzione e protezione da adottare. La Valutazione numerica e cromatica del livello di rischio permette di identificare la priorità degli interventi da effettuare, ad es.: R > 8 Azioni correttive immediate 4 < R < 6 Azioni correttive da programmare con urgenza 1 < R < 3 Azioni correttive/migliorative da programmare nel breve-medio termine In base al risultato di classificazione dei rischi e della loro quantificazione con il metodo sopra riportato il Dirigente Scolastico avrà semplificato il compito di stabilire un ordine di priorità con il quale attuare le misure di prevenzione/protezione individuate in ciascun rischio. Si nota come su tale scala di priorità sia fondamentale in situazioni complesse per poter organizzare la programmazione delle misure necessarie. Il metodo utilizzato è un valido aiuto per cercare di rendere il più oggettivo possibile il giudizio sui vari rischi presenti, in quanto scompone la decisione di priorità in una serie di scelte successive più semplici. All inevitabile soggettività che sempre rimarrà nella scelta della scala di probabilità e di gravità del danno, si potrà ovviare con il confronto continuo con più operatori, e con coloro che di fatto eseguono le varie operazioni o utilizzano le varie attrezzature. Una volta definita la priorità il Dirigente provvederà a trasmettere l elenco degli interventi strutturali e di natura impiantistica all Amministrazione proprietaria dell edificio. DVR Pagina 7

9 Individuazione, programmazione e messa in atto delle misure di prevenzione/protezione necessarie L individuazione delle misure di prevenzione e protezione rispetterà quanto indicato all art.15 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008 (Misure generali di tutela) ed in particolare farà riferimento ai principi gerarchici della prevenzione dei rischi in esso descritti: Eliminare o ridurre i rischi Utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici Sostituire ciò che è pericoloso con ciò che non è pericoloso o che lo è meno Combattere i rischi alla fonte Applicare provvedimenti collettivi di protezione piuttosto che individuali Limitare al minimo il numero dei lavoratori che sono e che possono essere esposti al rischio Programmare misure opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza Provvedere all informazione e formazione adeguate per i lavoratori, per i preposti e per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Il piano di attuazione dovrà contemplare i tempi previsti per la realizzazione degli interventi, la verifica della loro effettiva messa in opera, la verifica della loro efficacia, la revisione periodica in merito ad eventuali variazioni intercorse nelle operazioni svolte o nell organizzazione del lavoro che possano compromettere o impedire la validità delle azioni intraprese. L attuazione degli interventi di manutenzione e riparazione sulle strutture e sugli impianti dipende dalla programmazione e dalle disponibilità di risorse da parte dell Amministrazione proprietaria dell edificio. Il Dirigente ai sensi dell art. 18, comma 3 ha l obbligo di comunicare la richiesta degli interventi agli uffici e agli organi politici interessati. DVR Pagina 8

10 Valutazione del rischio d incendio Nella Valutazione dei rischi si terrà conto, oltre a quanto detto in precedenza, di fattori di rischio riguardanti l insorgere di incendi nella scuola, seguendo i criteri e gli obbiettivi prescritti nell Art. 46 del D. Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008 e nel D.M. 10 Marzo La classificazione del livello di rischio secondo il D.M. 10 Marzo 1998 è effettuata in base alla presenza e al tasso di infiammabilità delle sostanze presenti, alla facilità di sviluppo dell'incendio e di propagazione dello stesso, tenendo conto se l'edificio scolastico rientra tra le attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi ai sensi del D.M. 16 Febbraio Nella prima parte del presente Documento, insieme all'anagrafica e ai dati generali, è riportata la classificazione del rischio incendio e la tipologia della Scuola secondo il Decreto Ministeriale del 26 agosto Sono adottati i criteri contenuti nel D.M. 10 Marzo 1998, articolando la valutazione nelle fasi elencate di seguito. Individuazione dei pericoli quali sostanze combustibili e infiammabili, situazioni che favoriscano la propagazione di un incendio. Individuazione delle possibili sorgenti di innesco, come prese e quadri elettrici. Individuazione dei lavoratori e degli studenti esposti, in particolare nei laboratori in cui si faccia uso di fiamme libere. Eliminazione e riduzione dei pericoli eliminando o riducendo la quantità di materiale combustibile (carta, quaderni, stracci, manufatti didattici, giocatoli, cartelloni, materiale da scena etc) al quantitativo richiesto per la normale attività; utilizzo di sostanze detergenti non infiammabili; sostituzione di materiali pericolosi con altri meno pericolosi; utilizzo di locali appositi per immagazzinare i materiali combustibili e se necessario, come nel caso degli archivi, in strutture resistenti al fuoco; miglioramento del controllo e dell'ordine dei luoghi di lavoro, provvedendo prima possibile all'eliminazione dei rifiuti, se possibile in modo differenziato, in particolare per la carta, la plastica e gli imballaggi; Valutazione, analisi e riduzioni del rischio residuo, attraverso incontri di informazione e formazione, e con le misure di tipo tecnico e organizzativo sotto riportate; Verifica della adeguatezza delle misure di sicurezza esistenti ovvero individuazione di ulteriori misure necessarie ad eliminare o ridurre i rischi residui di incendio. Le misure intese a ridurre la probabilità de insorgenza degli incendi saranno le seguenti. DVR Pagina 9

11 A) MISURE DI TIPO TECNICO realizzazione di impianti elettrici realizzati a regola d'arte; messa a terra di impianti e installazione di interruttori differenziali ad alta sensibilità per la protezione contro i contatti indiretti e contro i contatti diretti; realizzazione di impianti di protezione contro le scariche atmosferiche conformi alle regole dell'arte (l'amministrazione proprietaria dovrà certificare la conformità attraverso la relativa documentazione). ventilazione degli ambienti in presenza di vapori, gas o polveri infiammabili; adozione di dispositivi di sicurezza. B) MISURE DI TIPO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE rispetto dell'ordine e della pulizia; controlli sulle misure di sicurezza; predisposizione di un regolamento interno sulle misure di sicurezza da osservare; informazione e formazione dei lavoratori. DVR Pagina 10

12 OBIETTIVI SPECIFICI PERSEGUITI, CARENZE RILEVATE INTERVENTI DA EFFETTUARE Nel seguito si richiamano le principali leggi e normative riferite ai vari fattori di rischio elencati, evidenziando le carenze rilevate. Le indicazioni in esse contenute costituiscono altrettanti obiettivi per il miglioramento della Salute e Sicurezza dei lavoratori e degli studenti. Nella seconda parte, per ciascuna non conformità è indicata la valutazione numerica del rischio, con l'obiettivo di definire le priorità e i tempi di intervento delle azioni di eliminazione o attenuazione dei rischi stessi, seguendo i metodi illustrati in precedenza. Prima parte: aspetti organizzativi e gestionali 1.ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Esiste l elenco dettagliato del numero, della qualifica e del profilo professionale dei lavoratori (docenti, non docenti). L assegnazione dei compiti lavorativi è fatta rispettando i profili professionali d assunzione coinvolgendo gli interessati e garantendo l aggiornamento sull introduzione di nuove macchine, attrezzature e procedure di lavoro. Tutto il personale è a conoscenza dell organigramma (ruoli e funzioni). E prevista la consultazione periodica del Rappresentante per la Sicurezza dei Lavoratori e dei Lavoratori mediante incontri organizzativi. 2. COMPITI, FUNZIONI E RESPONSABILITA Compiti, funzioni e responsabilità sono chiaramente assegnati e distribuiti rispettando le competenze professionali. E stato organizzato il Servizio di Prevenzione e Protezione ai sensi dell art. 31 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile Nelle pagine iniziali del Documento sono riportati i nominativi delle figure responsabili. 3. ANALISI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO E redatto il DVR, ed è stato dichiarato il programma di prevenzione con gli obiettivi da raggiungere, i mezzi necessari, la priorità degli interventi necessari, i tempi di realizzazione e i momenti di verifica (art. 28 D.Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008 e art.3 del DM 29/09/1998, n. 382). Il programma sarà inoltrato all'amministrazione proprietaria dell'edificio. DVR Pagina 11

13 4. INFORMAZIONE FORMAZIONE Tutti i lavoratori ricevono una informazione e formazione sufficiente ed adeguata specificamente incentrata sui rischi relativi alla mansione ricoperta. 5. PARTECIPAZIONE Il lavoro è svolto secondo procedure chiare e note ai lavoratori, alla formulazione delle quali gli stessi sono stati chiamati a contribuire (art. 15 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008). Il Dirigente Scolastico intende svolgere con frequenza almeno annuale la riunione periodica di Prevenzione e Protezione dei rischi (art. 35 del D.Lgsl. n.81 del 9 Aprile 2008). Esiste una collaborazione attiva fra Datore dei Lavoratori per la Sicurezza e l Amministrazione proprietaria dell edificio (art. 18 comma 3 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008). 6. NORME E PROCEDURE DI LAVORO Esistono manuali di istruzione e di procedure di lavoro per la sicurezza e l igiene dei lavoratori. Durante le operazioni di pulizia sono ridotti al minimo i rischi derivanti dalla manipolazione di oggetti (ferite da taglio, schiacciamenti), scivolamenti, cadute dall alto, esposizione e contatto ad agenti chimici (detergenti, disinfettanti) per tutto il personale addetto. 7. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I DPI sono conformi alle prescrizioni di cui all art. 76 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008, sono adeguati ai rischi da prevenire e alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro, tengono conto delle esigenze ergonomiche e di salute dei lavoratori, sono in numero sufficiente e in dotazione personale. 8. EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO Esiste un Piano di Emergenza il cui contenuto è adeguato alle necessità della Scuola, noto ai lavoratori e periodicamente simulato (almeno due volte nel corso dell anno scolastico, ai sensi del D.M ). La popolazione scolastica è stata informata e formata sulla modalità di autoprotezione, di evacuazione, di comportamenti da tenere in caso di emergenza. Esistono accessi all area per l intervento agevole dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco. (artt. 43 e 46 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008). DVR Pagina 12

14 9. SORVEGLIANZA SANITARIA Non è prevista la sorveglianza sanitaria in quanto non si svolgono attività particolari con rischi contemplati nel Testo Unico, per le quali sia necessaria la figura del Medico Competente, ne sono pervenute richieste da parte dei lavoratori. 10. LAVORI IN APPALTO Il datore di lavoro, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture all impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi, rispetta le prescrizioni contenute nell art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 Aprile In particolare, nei casi in cui il datore di lavoro non coincide con il committente, il soggetto che affida il contratto redige il Documento di valutazione dei rischi da interferenze ai sensi del comma 3-ter dello stesso art. 26. Seconda parte: salute e sicurezza di lavoratori e studenti 11. IMPIANTO ELETTRICO L impianto elettrico interno ai locali è conforme alla normativa, è presente tutta la relativa documentazione di sicurezza e subisce regolare, manutenzione. Non esistono rischi di contatto diretto con parti nude in tensione, normalmente accessibili e nei locali sono previste prese e spine conformi alle Norme specifiche. In caso di manutenzione straordinaria o ampliamenti/rifacimenti sostanziali dell impianto elettrico sarà rilasciata una dichiarazione di conformità da parte della ditta installatrice. Carenze rilevate impianto elettrico R Misure e interventi da adottare Nei pressi del quadro elettrico non sono affissi i cartelli per la presenza di tensione e il divieto di spegnere incendi con acqua Diversi apparecchi illuminanti sono difettosi, altri hanno i tubi fluorescenti esauriti. 16 Affiggere i cartelli di presenza tensione 230 /400 V e di divieto di spegnere incendi con acqua 16 Effettuare gli interventi di manutenzione e riparazione degli apparecchi illuminanti. Alcuni apparecchi illuminanti sono privi di schermo. 12 Dotare di schermo i corpi illuminanti DVR Pagina 13

15 12. ANTINCENDIO/VIE ED USCITE D EMERGENZA Le strutture, gli impianti, i mezzi di protezione e di estinzione, le vie di uscita e di emergenza, in generale, sono conformi a quanto indicato nell allegato IV del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008 e nel DM (norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica G.U. n. 218 del ). Carenze rilevate - Antincendio R Misure da adottare Il senso di apertura delle porte non è favorevole alle vie di fuga. 12 Dotare le aule di porte apribili nel verso dell esodo nei casi previsti dal DM 26 agosto AGENTI FISICI Non ci sono, in generale, locali o spazi in cui il riverbero è particolarmente fastidioso o sorgenti rumorose comunemente ritenute dannose o particolarmente fastidiose. Non sono stati individuati lavoratori esposti a tale rischio data l'assenza di apparecchi che generino vibrazioni, radiazioni ottiche artificiali o campi elettromagnetici. Nel caso in cui i Docenti eseguono esperienze scientifiche in aule didattiche, non attrezzate ad uso laboratorio tali esperienze sono eseguite in sicurezza, secondo procedure di lavoro idonee al fine di eliminare o minimizzare i possibili rischi, utilizzando i Dispositivi di protezione, collettive e individuali. Le condizioni di umidità, temperatura e qualità dell'aria negli ambienti interni sono valutati nel paragrafo Microclima. 14. SOSTANZE PERICOLOSE Il rischio chimico è connesso all uso di sostanze dotate di tossicità accertata o potenziale, che possono recare danno per la salute. Si stimeranno i fattori di rischio tenendo conto dei seguenti aspetti: Si identificheranno, in base alla tipologia delle sostanze, i rischi infortunistici, come l incendio e l esplosione, e rischi igienico ambientali, cioè quelli causati da esposizione a sostanze e preparati tossici, nocivi o irritanti. Si verificherà l esistenza e l idoneità delle etichette dei contenitori. Si verificheranno le modalità di conservazione delle sostanze e dei preparati, ed il sistema utilizzato per lo smaltimento de rifiuti pericolosi. DVR Pagina 14

16 Il personale ATA è informato sul fatto che durante le operazioni di sostituzione e di smaltimento delle cartucce d inchiostro o toner (delle stampanti o dei foto-copiatori) dovrà attenersi alle modalità indicate nel fascicolo delle modalità d uso. Il personale che esegue le pulizie è al corrente dei rischi connessi all utilizzo delle sostanze detergenti, da utilizzare secondo le prescrizioni indicate nelle schede di sicurezza. Programmazione I docenti delle discipline i cui programmi prevedano l utilizzo dei laboratori dovranno inserire, nella programmazione annuale, insieme ai contenuti di carattere didattico, le misure di prevenzione e protezione dai rischi, soprattutto per le esperienze in cui si fa uso di sostanze chimiche o apparecchi elettrici (amplificatori, strumenti musicali e di misura, fornelli etc.). In questa fase si devono prevedere le strumentazioni necessarie, le sostanze da usare e i protocolli per un corretto svolgimento del lavoro in condizioni di sicurezza. E vietato lavorare da soli in laboratorio e al di fuori dei normali orari di lavoro. 15. ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Non esistono particolari rischi legati alla presenza di microrganismi che possano provocare infezioni, allergie o intossicazioni. Il personale è informato sui rischi connessi al contatto con i sanitari durante le operazioni di pulizia dei servizi igienici e sull utilizzo dei DPI. 16. PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE Non esistono ambienti in cui verosimilmente possono crearsi atmosfere esplosive, data l assenza di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri. 17. CARICO LAVORO FISICO (MOVIMENTAZIONE MANUALE CARICHI) I lavoratori in generale non sono esposti a rischi connessi ad operazioni di trasporto o di sostegno di carichi che in qualche modo possono comportare rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, e in particolare dorso-lombare. Il personale ATA è informato sui rischi connessi e sulle modalità corrette per la movimentazione degli articoli di cancelleria di peso non eccessivo (risme di carta, rotoli) e dei contenitori della spazzatura (art. 167 del D. Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008). DVR Pagina 15

17 18. MICROCLIMA Riscaldamento Il controllo della corretta posa in opera degli impianti di riscaldamento è avvenuto tramite collaudo. Negli ambienti in generale non si rileva presenza di umidità, di correnti d'aria fastidiose, inoltre gli Insegnanti e i Collaboratori, tenendo conto dei metodi di lavoro e degli sforzi fisici ai quali sono sottoposti, faranno in modo che sia sempre garantita aria salubre in quantità sufficiente attraverso opportuni ricambi. (allegato IV del D. Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008 e D.M e successive modifiche). Microclima R Misure da adottare Si verificano correnti d aria nelle aule del piano terra, a causa del difetto di tenuta degli infissi. 8 Effettuare l intervento di riparazione agli infissi 19. ILLUMINAZIONE Tutti i locali hanno un livello di illuminazione adeguato. Nei luoghi di lavoro è realizzato uno stretto rapporto di integrazione dell illuminazione naturale con quella artificiale; la luce naturale è sufficiente per salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori e dei bambini. In tutti i luoghi di lavoro e nelle aule è garantita la protezione dai fenomeni di abbagliamento sia diretto che indiretto o zone d ombra. I locali di passaggio, i corridoi e le scale hanno buoni livelli di illuminazione. I luoghi di lavoro sono dotati di illuminazione di sicurezza di sufficiente intensità. (allegato IV del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008 e D.M e successive modifiche). Carenze rilevate - Illuminazione R Misure da adottare Alcuni apparecchi illuminanti necessitano di interventi di manutenzione/riparazione 9 Effettuare gli interventi di manutenzione o riparazione 20. ARREDI E INFISSI L arredamento in generale è previsto di forma e dimensione adeguati alla varie classi di età degli studenti ed al tipo di scuola. I tavoli e le sedie degli studenti rispettano le disposizioni di legge e le norme di buona tecnica (UNI), rettangolari e di dimensioni adatte, combinabili tra loro per consentire attività di gruppo variamente articolate. Le lavagne, i tavoli e le sedie degli insegnanti rispettano le disposizioni di legge e le norme di buona tecnica (UNI). DVR Pagina 16

18 Le superfici di lavoro sono di materiale idoneo con bordi arrotondati e spaziose. Le superfici trasparenti o traslucide delle porte e dei portoni sono costituiti da materiali di sicurezza al fine di evitare lo sfondamento e il ferimento dei lavoratori in caso di rottura. (allegato IV del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008). Carenze rilevate arredi e infissi R Misure da adottare Alcuni armadi sono danneggiati, non ancorati e privi di pellicola di protezione nei vetri delle ante 4 Riparare gli armadi difettosi, ancorarli alla parete e applicare pellicola di protezione Alcuni banchi e sedie degli alunni sono difettosi 12 Effettuare gli interventi di manutenzione, riparazione e sostituzione dei banchi e delle sedie difettosi Alcune sedie docenti aula professori sono difettose ed obsolete Alcune porte sono deteriorate (presenza tarli), difettose, altre hanno le maniglie ossidate. 12 Effettuare gli interventi di riparazione e sostituzione delle sedie 16 Effettuare gli interventi di manutenzione, riparazione e registrazione delle porte. 21. ATTREZZATURE Scale Le scale manuali si utilizzano solo in modo occasionale e vengono usate correttamente (per raggiungere la quota o per brevissime operazioni e non per lavori prolungati nel tempo). Scale semplici portatili: (a mano) sono sufficientemente resistenti nell insieme e nei singoli elementi e hanno dimensioni appropriate al tipo d uso. Sono provviste di dispositivi antisdruciolevoli alle estremità inferiori dei due montanti, ganci di trattenuta o appoggi antisdruciolevoli alle estremità superiori. Scale doppie: a compasso sono di lunghezza non superiore a 5 m, sono provviste di dispositivi antisdruciolevoli alle estremità inferiori dei due montanti e sono corredate da catena o altro dispositivo che ne impedisca l apertura oltre il limite di sicurezza. (art. 113 del D.Lgsl. n. 81 del 9 Aprile 2008). DVR Pagina 17

19 Macchine Le macchine acquistate dopo il 21/09/96 sono dotate di marcatura CE di conformità secondo quanto stabilito dal DPR 459/96; sono disponibili le istruzioni per l uso fornito a corredo della macchina stessa. Carenze rilevate - Attrezzature R Misure da adottare La scala portatile non è conforme alle norme antinfortunistiche Sono presenti materiali e attrezzature inutilizzate da rimuovere. 16 Utilizzare solamente scale portatili idonee e sicure. 12 Rimuovere e conferire a discarica i materiali e le attrezzature in disuso Il servo scala non è in servizio 12 Effettuare gli interventi di manutenzione per la messa in servizio del servo scala 22. AULE NORMALI Le aule per le attività didattiche normali hanno caratteristiche tecniche dimensionali conformi alla normativa. L altezza netta dell aula non è inferiore 300 cm. Le dimensioni e la disposizione delle finestre è tale da garantire una sufficiente illuminazione e aerazione naturale. Le aule per le attività didattiche normali non sono ubicate in locali interrati o seminterrati. La disposizione dei banchi all interno dell aula non ostacola la via di fuga in caso di emergenza. La pavimentazione è realizzata con materiali antisdrucciolo, facilmente lavabile. Le porte sono dimensionate in modo conforme a quanto indicato allegato 4 del D.Lgs n. 81 del 9 Aprile All interno dell aula non vengono depositati attrezzature che possono creare condizioni di pericolo per gli studenti e gli insegnanti o che possono impedire la fruizione dello spazio in tutte le sue parti. All interno degli armadi non vengono conservati materiali infiammabili o altri materiali a rischio chimico, biologico o di qualsiasi natura non attinente all attività didattica. Le aule sono dotate di tutti gli impianti ed attrezzature necessarie per la normale sua fruizione (impianto elettrico, riscaldamento, illuminazione). L impianto elettrico ha un numero sufficiente di punti luce, prese, interruttori da rendere agevole l utilizzo di attrezzature elettriche. DVR Pagina 18

20 Carenze rilevate Aule didattiche R Misure da adottare Il pavimento presenza asperità e irregolarità 8 Effettuare gli interventi per eliminare le irregolarità del pavimento. Il alcuni punti tratti non è presente il battiscopa 8 Effettuare gli interventi di ripristino del battiscopa I vetri delle finestre troppo fragili e non a norma 8 Sostituzione vetri finestre non a norma 23. AULE MULTIMEDIALI E LABORATORI Carenze rilevate R Misure da adottare Aula musica pareti non a norma e ancoraggio armadi 8 Effettuare gli interventi di ancoraggio Aula marte non risponde alle norme di sicurezza in quanto manca il cablaggio 8 Effettuare gli interventi di messa a norma 24. SERVIZI IGIENICI Nei locali per i servizi igienici, il numero di WC per gli studenti è di 1 per ogni classe. Il locale che contiene i WC è illuminato e areato direttamente. I bagni sono separati per sesso, con porte apribili verso l esterno e sono munite di chiusura dall interno tale però che si possa aprire dall esterno in caso di emergenza. Carenze rilevate Servizi igienici R Misure da adottare Nei servizi igienici di tutto l edificio il rivestimento è incompleto 8 Effettuare gli interventi di ripristino del rivestimento del servizio igienico 25. BARRIERE ARCHITETTONICHE Caratteristiche esterne e interne Nell area esterna di accesso all edificio scolastico tutti i dislivelli non sono opportunamente superati da rampe o scivoli. I marciapiedi sono mantenuti liberi da ostacolo (auto, moto, biciclette in sosta, sacchi spazzatura, ecc.). Sono previste aree di sosta regolamentari per veicoli per disabili. DVR Pagina 19

Anagrafica. Ins. Melosu Giovanna. Figure responsabili. Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi

Anagrafica. Ins. Melosu Giovanna. Figure responsabili. Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi AGGIORNAMENTO DVR Ai sensi del D.Lgs. 81/08 A.S. 2014-2015 PLESSO DI LACONI Il DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Marco Saba IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. Daniela Orrù IL RAPPRESENTANTE

Dettagli

Anagrafica. Figure responsabili. Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi

Anagrafica. Figure responsabili. Numero occupanti e classificazione ai fini della prevenzione Incendi AGGIORNAMENTO DVR Ai sensi del D.Lgs. 81/08 A.S. 2014-2015 PLESSO DI NURAGUS Il DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Marco Saba IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. Daniela Orrù IL RAPPRESENTANTE

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Corso di Gestione del Cantiere e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Classe IIIª B as 2012/2013 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 20/02/2013 1 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Documento

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Organizzato da: CARRARA, Febbraio 2007 Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) Il documento nel quale il Datore di Lavoro (D.d.L.), prende in esame

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO (Articoli 18, 28, 29 D. Lgs. 9 aprile 2008) Data: 02/07/2009 Azienda: Azienda SPA Indirizzo: Via Roma, 1 Città: Milano EDIZIONE DATA DESCRIZIONE FIRMA (datore lavoro) Principale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE)

COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) COMUNE DI VANZAGO Provincia di Milano APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRE E POST SCUOLA E CENTRO DIURNO ESTIVO (CRE) D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO.

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. area 1 criteri adottati per le valutazioni pag 1/8 INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. 2. DESCRIZIONE ESTESA METODO ADOTTATO. 2.1. scomposizione dell attività 2.1.1. fabbricati 2.1.2. mansioni

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Assunzione di responsabilità nell ambito del Servizio Prevenzione e Protezione in collaborazione con le figure istituzionali coinvolte.

Assunzione di responsabilità nell ambito del Servizio Prevenzione e Protezione in collaborazione con le figure istituzionali coinvolte. CONSULENZE E CORSI CONSULENZA SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione e valutazione dei rischi derivanti dallo svolgimento dell attività lavorativa (D.Lgs 81/08); Redazione del Documento di Valutazione

Dettagli

I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali

I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali Presentazione I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali Questa proposta consiste nel coinvolgimento di una classe nella valutazione

Dettagli

DVD Antonio Del Gallo

DVD Antonio Del Gallo NUOCO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI Capitolo S.5 Gestione della sicurezza antincendio DVD Antonio Del Gallo Direzione Interregionale per il Veneto e il Trentino Alto Adige Premessa GSA : misura della Strategia

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE

CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Pagina 1 di 9 CAPITOLO 6 MISURE ORGANIZZATIVE Organizzazione del lavoro Contratti d appalto e contratti d opera Analisi, pianificazione e controllo Formazione ed informazione Partecipazione Documentazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

La valutazione dei rischi. La valutazione dei rischi -- Programma LEONARDO

La valutazione dei rischi. La valutazione dei rischi -- Programma LEONARDO La valutazione dei rischi La valutazione del rischio è lo strumento fondamentale che permette di individuare le misure di prevenzione e pianificarne l attuazione, il miglioramento ed il controllo al fine

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO PAG. 1 DI 5 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO APPENDICE A1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELL IMPIANTO DI TRASFERIMENTO RIFIUTI INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE

Dettagli

PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO Art. 26 D.Lgs. 81/08

PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO Art. 26 D.Lgs. 81/08 ALLEGATO 6) AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ISTITUZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DEL COMUNE DI CASALGRANDE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LE INTERFERENZE LEGATE ALLE ATTIVITA IN APPALTO

Dettagli

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA

10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 10. I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1 FATTORI DI RISCHIO PER CATEGORIE DI LAVORATORI NELLA SCUOLA 1. RISCHI CONNESSI ALL ATTIVITA SCOLASTICA: RISCHI SPECIFICI (V.

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza COMMITTENTE Comune di Borgomanero Provincia di Novara IMPRESA APPALTATRICE FORNITURA E POSA IN OPERA DI ARREDI PER UFFICIO DIRIGENZIALE Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Documento

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CONCETTI DI RISCHIO PERICOLO - DANNO PERICOLO Definizione di pericolo art. 2, lettera r, D.Lgs. 81/08 Proprietà o qualità intrinseca di

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. 81/08 Si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le tipologie di rischio. Nei riguardi degli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado. LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO ANNO 2014 PROGRAMMA INTERVENTI PER LA SICUREZZA IN AZIENDA OGGETTO: D. LGS. 81/08 E S.M.I. SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. L impostazione del programma aziendale per

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO A CURA DI Ing. SEBASTIANO MARTIGNANO Via G.Boccaccio, n. 4 73100 LECCE Via Cerreto di Spoleto, n. 29 00181 Roma Tel.: +39 (832) 498023 Fax: +39 (832)

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Pag. 1 di 8 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI

Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI Documento di Valutazione del Rischio Incendio ai sensi dell art. 2 del D.M. 10/03/98 DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO - FORLI SCUOLA PRIMARIA A. MELLINI e SCUOLA DELL INFANZIA IL PAPAVERO Redatto dal Datore

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI CIG: 6662047F16

ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI CIG: 6662047F16 ALLEGATI AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E SERVIZI ACCESSORI ALLEGATO 1) AL DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Igiene e Sicurezza del Lavoro

Igiene e Sicurezza del Lavoro Quadro normativo Igiene e Sicurezza del Lavoro La verifica della compliance normativa ai sensi del Testo Unico della Sicurezza Il D.Lgs. 81/08, noto come Testo Unico della Sicurezza sul lavoro, ha sostituito

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO)

ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO) ISTITUTO COMPRENSIVO PAVONE CANAVESE Via Vignale n. 2 Pavone Canavese (TO) FORMAZIONE DEI LAVORATORI (Art. 37, D.Lgs. 81/2008 Accordo STATO-REGIONI del 21/12/2011) Procedure esodo e incendi, gestione delle

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

ASPP Modulo A6 RISCHI SPECIFICI : RISCHI DA AGENTI FISICI

ASPP Modulo A6 RISCHI SPECIFICI : RISCHI DA AGENTI FISICI REGIONE BASILICATA ASM AZIENDA SANITARIA LOCALE DI MATERA AMBITO TERRITORIALE DI MONTALBANO JONICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLA SALUTE UMANA U.O. DI PREVENZIONE, PROTEZIONE ED IMPIANTISTICA NEI LUOGHI

Dettagli

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 MODULO 1 Ruolo di RSPP Presentazione del corso Filippo Macaluso - Corso di formazione

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00

DUVRI. Per ciascun lotto, i costi della sicurezza, non soggetti a ribasso sono quantificati in 35,00 PROCEDURA, IN ECONOMIA, PER LA SOTTOSCRIZIONE DI ACCORDI QUADRO PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA ALLE ATTIVITÁ DI VIGILANZA DELL UFFICIO METROLOGIA LEGALE DELLA CCIAA DI VERONA Lotto 1: CIG

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO GLOBALE NEGLI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI. Torino - 25-26 Novembre 2005

LA GESTIONE DEL RISCHIO GLOBALE NEGLI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI. Torino - 25-26 Novembre 2005 LA GESTIONE DEL RISCHIO GLOBALE NEGLI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI Torino - 25-26 Novembre 2005 Ordine Ordine dei dei Medici Medici Via Via Caboto Caboto 35 35 Torino Torino Presentazione di un modello

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli