Sudafrica Febbraio 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sudafrica Febbraio 2008"

Transcript

1 Sudafrica Febbraio 2008

2 Informazioni Generali Superficie: Km² Popolazione: 47,4 milioni (stima 2006) Capitale: Pretoria abitanti (stime ufficiali del 1991) Altre città principali: Città del Capo ( ab.), Johannesburg ( ab.), Durban ( ab.), Port Elizabeth ( ab.), Bloemfontein ( ab.). Lingua: le lingue ufficiali del Sudafrica sono undici (afrikaans, inglese, isindebele, sepedi, sesotho, swazi, Xitsonga, setswana, tshivenda, isixosa, isizulu). Moneta: l unità monetaria del Sudafrica è il Rand (ZAR) suddiviso in centesimi. La media annuale del tasso di cambio del 2006 è stata di 8,53118 ZAR per 1 euro. Sistema politico La Repubblica del Sud Africa è uno stato federale composto da un governo nazionale e nove governi provinciali; è fondata sul diritto romano-olandese e sulla Costituzione del 1996 (in vigore dal febbraio 1997). Le elezioni del 1994, le prime multirazziali dopo secoli di dominio dei bianchi, hanno segnato la fine del regime di apartheid sancendo la vittoria dell African National Congress (ANC) e del suo leader Nelson Mandela. Thabo Mbeki, che era succeduto a Mandela alla guida dell ANC nel dicembre 1997, è divenuto presidente con le elezioni del 1999, attualmente serve il suo secondo mandato (in seguito alle elezioni dell aprile 2004). Il parlamento è costituito da due camere elette ogni 5 anni, l Assemblea Nazionale ed il Senato, la prima composta da 400 membri eletti a suffragio universale, il secondo di 90 membri nominati dai nove governi locali nella misura di 10 per regione. Le Camere eleggono congiuntamente il Presidente ed ogni partito presente all Assemblea Nazionale con più di 80 seggi può nominare un Vicepresidente; questi ultimi devono essere almeno due. Il Governo è composto dal Presidente, i Vicepresidenti e 27 Ministri. Le ultime elezioni, che hanno confermato la vittoria di Mbeki, si sono svolte nell aprile 2004; le prossime sono previste per aprile Capo dello Stato: Thabo Mbeki (ANC) Partiti politici: la coalizione di governo è formata dall African National Congress (ANC), partito di maggioranza, dal South African Communist Party (SACP) e dal Confederation of South African Trade Unions (COSATU). Altri partiti:democratic Alliance (DA), Inkatha Freedom Party (Inkatha o IFP), Independent Democrats (ID). Principali indicatori economici Principali indicatori economici Indicatore * PIL PIL a prezzi correnti (miliardi di ZAR) 1.395, , , ,2 PIL a prezzi correnti (miliardi di US$) 216,4 242,3 257,4 259,9 Tasso di crescita reale (%) 4,9 5,0 5,4 5,0 PIL pro-capite (US$)* Inflazione (%) 4,3 3,9 4,6 6,4 Bilancia Commerciale (miliardi di US$)

3 Esportazioni fob 48,2 55,3 63,8 73,1 Importazioni fob -48,5-56,5-69,9-80,7 Saldo commerciale -0,3-1,2-6,2-7,7 Tasso di disoccupazione (%) 27,1 26,6 25,6 24,2 Tasso di cambio ZAR/ (media annuale) 8,02 7,92 8,49 9,66 Tasso di cambio ZAR/US$ (media annuale) 6,45 6,36 6,76 7,07 Debito estero (miliardi di US$) 28,5 30,6 31,7 36,9 Riserve Internazionali (milioni di US$) Fonte: EIU, Economist Intelligence Unit: Country Forecast dicembre 2007(*) stime EIU Rischio paese Nella classifica rischio-paese, aggiornata a novembre 2007, la SACE colloca il Sudafrica nella categoria OCSE n 3. Nessuna restrizione specifica è prevista. Congiuntura L African National Congress (ANC) dovrebbe mantenere il suo dominio durante il periodo in esame. Le preoccupazioni maggiori dell ANC e della sua leadership nel prossimo futuro saranno rivolte al mantenimento dell unità della coalizione di governo con il Partito Comunista Sudafricano (SACP) e con la Confederazione dei Sindacati Sudafricani (COSATU), ed al raggiungimento di un accordo sul nome del successore di Thabo Mbeki alla guida dell ANC. La politica economica nel medio termine si concentrerà sull obiettivo di livelli elevati di crescita e di investimento al fine di creare occupazione, come sancito dal programma economico del governo, l Accelerated and Shared Growth Initiative for South Africa (ASGISA). I target governativi sono il raggiungimento di un tasso di crescita economica del 4,5% nel periodo , e di almeno il 6% nel , la contrazione del tasso di disoccupazione e la riduzione sostanziale della povertà entro il A tali fini dovrebbero essere incoraggiati gli investimenti, specialmente nel campo delle infrastrutture, il consolidamento della concorrenza per contrastare i regimi monopolistici, la riforma del mercato del lavoro e la maggiore partecipazione della popolazione nera all economia del post-apartheid attraverso il BEE (Black Economic Empowerment). Nel prossimo triennio, la politica fiscale del governo dovrebbe risultare più espansiva. L anno fiscale si è chiuso con il primo attivo di bilancio della storia del Paese, pari allo 0,3% del PIL e destinato a crescere nel corso del , all 1% del PIL. È stata, inoltre, annunciata la decisione di eliminare gradualmente l imposta secondaria sul reddito societario. Il successo conseguito con l attivo in bilancio è il risultato di lunghi anni di politica fiscale molto rigorosa e dal forte incremento delle entrate tributarie. Il miglioramento del sistema di riscossione dei tributi insieme ai maggiori introiti derivanti dalle privatizzazioni dovrebbero risollevare le finanze pubbliche e contenere il rapporto deficit/pil. Il piano di interventi per i prossimi anni prevede maggiori spese nei campi delle infrastrutture, dei servizi sociali e del progresso socio-economico, in particolare nella lotta all AIDS; saranno resi inoltre disponibili maggiori fondi per i governi provinciali. La spesa pubblica dovrebbe crescere del 7% annuo, in termini reali. Il fulcro dei programmi di spesa consiste nella preparazione dei Campionati del Mondo di Calcio, che il Sudafrica ospiterà nel Le previsioni indicano il mantenimento di un lieve surplus di bilancio nel periodo in esame. La politica monetaria dovrebbe rimanere orientata al contenimento del tasso d inflazione all interno di un target compreso tra il 3 ed il 6%. Tra giugno 2006 e dicembre 2007 la South African Reserve Bank (SARB) ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di 400 punti base, all 11%, giustificando le sue decisioni con gli elevati prezzi energetici, l aumento delle importazioni e gli effetti della volatilità del Rand. Tale tasso, dopo un probabile aumento

4 all inizio del 2008, dovrebbe rimanere invariato almeno fino alla metà del 2008, dove è previsto un allentamento della politica monetaria. Nonostante l impatto dei rialzi dei tassi d interesse, il tasso di crescita del PIL rimane sostenuto, con una stima del 5% nel Le prospettive di crescita del PIL per il sono incoraggianti e prevedono dei tassi rispettivamente del 5,1% e del 5,4%, trainati dalla continua espansione della domanda interna e dalla crescita del settore edilizio e delle infrastrutture, sulla scia della preparazione dei Campionati Mondiali di Calcio del I consumi privati in particolare dovrebbero trarre beneficio dalla crescita sostenuta delle opportunità d impiego e dai tassi d interesse più stabili. La spesa pubblica, rivolta soprattutto alle infrastrutture e ai servizi sociali, dovrebbe agire da volano per gli investimenti e per la crescita dell attività di costruzioni. Il tasso d inflazione, da nove mesi consecutivi al di sopra del target governativo del 3-6%, dovrebbe aumentare da una stima del 6,4% del 2007 al 6,6% nel 2008, trainato dagli elevati prezzi del petrolio e dei prodotti alimentari, prima di scendere al 5,5% nel 2009, con il calo previsto dei prezzi internazionali dei prodotti alimentari e del grano. Nel , è attesa una crescita robusta di importazioni ed esportazioni sudafricane, anche se in lieve diminuzione rispetto ai livelli raggiunti nel 2006 (soprattutto in termini di US$). Le esportazioni dovrebbero beneficiare del lieve deprezzamento del Rand, e degli elevati prezzi delle commodities; mentre la vendita dei prodotti minerari, come il platino, il ferro e il carbone, dovrebbe trarre profitto dall aumentata richiesta dei mercati asiatici. E previsto un aumento anche delle esportazioni di beni ad alto valore aggiunto, come i veicoli, le automobili, prodotti chimici e macchinari per l estrazione. Nello stesso periodo le importazioni dovrebbero essere trainate dalla crescente domanda di beni capitali e di prodotti petroliferi. Il deficit delle partite correnti dovrebbe rimanere sostenuto, al 7,5% del PIL nel 2008, e al 7,1% del PIL nel Negli ultimi tempi, la politica estera ha acquistato un importanza crescente per il presidente Mbeki e dovrebbe rimanere una priorità anche nel prossimo futuro. Importanti ed ambiziosi sono i tentativi da parte del Sudafrica di risolvere una serie di crisi geo-politiche presenti nel continente ed il nuovo progetto di sviluppo pan-africano patrocinato da Mbeki (Nepad New Partnership for Africa s Development). Appare inoltre sempre più evidente la volontà del paese di rafforzare i legami con Asia e Medio Oriente. La situazione critica dello Zimbabwe continua a rappresentare la maggiore fonte di preoccupazione per la politica estera sudafricana; i tentativi del presidente sudafricano di risolvere la crisi politica in tale paese con metodi diplomatici si sono risolti in un fallimento. Anche nell eventualità che la crescente crisi economica spinga il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe ad accettare alcune delle condizioni poste dal Sudafrica in cambio di una maggiore cooperazione politica ed economica tra i due paesi, le prospettive di un miglioramento rapido della crisi politica appaiono remote. Prospettive future Il partito African National Congress (ANC) e la sua leadership saranno impegnati nel mantenimento dell unità della coalizione e nella scelta del successore di Thabo Mbeki alla guida dell ANC. La politica estera sudafricana dovrebbe perseguire l ambizioso progetto di sviluppo pan-africano (Nepad) patrocinato da Mbeki. La situazione critica in Zimbabwe continua a rappresentare la maggiore fonte di preoccupazione per il governo sudafricano. Il programma economico a medio termine appare centrato sull abbattimento della disoccupazione, sulla maggiore partecipazione della popolazione nera all economia del post-apartheid e sulla riduzione delle disparità economiche, attraverso una maggiore spinta alla crescita economica e agli investimenti. La crescita del settore delle costruzioni e la continua espansione della domanda interna dovrebbero sostenere la crescita economica nel periodo in esame. A medio termine, il miglioramento della performance economica dovrebbe dipendere dalla capacità del governo di tenere sotto controllo il deficit fiscale, dalla continuità della crescita nel settore turistico, dall impatto dell AIDS sulla popolazione e dal successo della politica a favore degli investimenti. La politica monetaria dovrebbe rimanere centrata nel contenimento dell inflazione entro il target ufficiale del 3-6% annuo. Dopo i recenti aumenti, i tassi d interesse dovrebbero rimanere invariati; dal secondo semestre 2008 è prevista una politica monetaria più espansiva.

5 Il Rand dovrebbe deprezzarsi solo gradualmente rispetto al dollaro USA (fino ad una media di 9 Rand per 1 US$ prevista nel 2011) in seguito a più moderati prezzi delle commodities e al crescente deficit delle partite correnti; fattori di rischio di un deprezzamento più rapido rimangono l andamento del prezzo del petrolio, dei tassi d interesse negli USA e l ampliamento del deficit delle partite correnti sudafricane. La crescita della domanda esterna dovrebbe contribuire a sostenere le esportazioni, tuttavia controbilanciate dalla crescita delle importazioni. Nel periodo in esame è previsto un deficit delle partite correnti in calo dal 7,5% del PIL nel 2008 al 7,1% del PIL nel 2009, al 5,3% del PIL nel 2011 e al 4,6% del PIL nel Prospettive future Tasso di crescita reale (%) 5,1 5,4 5,7 4,8 Inflazione (%) 6,6 5,5 4,6 4,0 Tasso di disoccupazione (%) 23,8 22,4 21,2 21,0 Bilancia Commerciale (miliardi di US$) Esportazioni 48,2 55,3 63,8 73,1 Importazioni -48,5-56,5-69,9-80,7 Saldo -0,3-1,2-6,2-7,7 Fonte: EIU, Economist Intelligence Unit: Country Forecast dicembre 2007 Settori produttivi La distribuzione del reddito in Sudafrica risulta tra le meno equilibrate al mondo: vi convivono livelli di affluenza del tutto simili a quelli dei paesi industrializzati con livelli di povertà al limite della sussistenza, tipici dei paesi in via di sviluppo. Il divario tra la popolazione bianca e nera è lungi dall essere colmato. Tuttavia alcuni cambiamenti sociali sono in atto e, mentre la popolazione bianca controlla ancora la maggior parte delle risorse del paese, sono in ascesa i posti di potere occupati da uomini d affari neri e sta progredendo una middle class nera. L economia del Sudafrica, tradizionalmente legata all agricoltura e all estrazione di metalli preziosi, si è negli ultimi anni evoluta in un economia dove l industria manifatturiera ed i servizi finanziari contribuiscono per una quota sempre maggiore del PIL. L industria estrattiva rimane un importante fonte d entrata di valuta estera, (l oro rappresenta oltre 1/3 delle esportazioni) e, insieme all agricoltura, contribuiscono in misura rilevante alla creazione di posti di lavoro. L industria manifatturiera rappresenta circa 1/5 del PIL totale, e ha dovuto affrontare numerosi ostacoli da quando l economia sudafricana si è aperta alla libera concorrenza; il settore è trainato dalle industrie metallurgica e ingegneristica. I servizi rappresentano la quota più importante del PIL e riposano sul progredito settore finanziario e sul turismo, in via di espansione, con un significativo potenziale d impiego di manodopera; molto vitale risulta anche il settore del commercio al dettaglio. L attività economica è concentrata nella provincia di Gauteng, dove si produce oltre un terzo del PIL, seguita dalla zona del Capo (15% del PIL). Contributo dei diversi settori alla formazione del PIL (composizione %) Settore 2006 Agricoltura, pesca, foreste 3,6 Industria estrattiva 7,1 Settore manifatturiero 20 Costruzioni 2,5 Elettricità, gas e acqua 2,3 Servizi finanziari 20,1 Fonte: EIU, Economist Intelligence Unit: Country Report dicembre 2007

6 Materie prime Il Sudafrica è estremamente ricco di risorse minerarie e l industria estrattiva risulta fondamentale per la sua economia; in particolare, detiene: (quota percentuale sulla produzione mondiale; quota percentuale sulle riserve mondiali nel 2004): Manganese (14,8%; 80%) Platino (57,8%; 87,7%) Cromo (44,5%; 72,4%) Oro (13,8%; 40,1%) Vanadio (48%; 27%) Vermiculite (41%; 40%) Sono poi presenti numerosi altri minerali ed importanti giacimenti di alluminio, titanio, zinco, antimonio, uranio, carbone, diamanti, nickel e ferro. L eccezionale concentrazione geologica di risorse minerarie nell area di Johannesburg è responsabile dell apertura e del rapido sviluppo economico del paese. In seguito ai ripetuti tagli nella produzione, il numero di lavoratori impiegati nel settore estrattivo è sceso da nel 2001 (5% del totale) a (3%) nel L industria mineraria è generalmente gestita da società private e, nonostante sia concesso, l ingresso di capitali stranieri rimane poco diffuso. Agricoltura L importanza dell agricoltura nell economia sudafricana è andata declinando nel corso degli anni, con lo sviluppo dei settori manifatturiero e dei servizi. Nel 2005 il contributo di agricoltura, foreste e pesca è sceso al 2,5% (rispetto al 5% della metà degli anni 80), impiegando il 6% circa della popolazione attiva (dall 11% del 2001). La varietà climatica e la diversità dei terreni fanno del Sudafrica un paese ricco di potenzialità agricole (sia da clima temperato che tropicale). Tuttavia l agricoltura si è sviluppata solo in alcune aree, mentre in altre è rimasta al livello di sussistenza. E` coltivabile circa il 13% della superficie del paese, mentre un 67% è adibito al pascolo, solo poco meno del 4% è boscoso, ed il resto è costituito da terreni incolti ed improduttivi. Tra i cereali le principali produzioni sono il mais ed il frumento, seguiti da sorgo, orzo e avena; abbondante è anche la produzione di patate e pomodori. Vi è poi un vasto assortimento di frutta e, nella zona del Capo, predominano i vigneti. Vi sono importanti produzioni industriali di canna da zucchero e tabacco, nonché di arachidi, girasoli e cotone. Il principale allevamento è quello ovino, diretto alla produzione sia di lana che di pelli karakul. Ampiamente diffusa è anche la capra d`angora. Altri prodotti, derivanti dall allevamento, sono la carne, il burro ed il formaggio. Mentre la silvicoltura appare in espansione, la pesca (soprattutto sardine, acciughe, sgombri e merluzzi) non riveste un importanza significativa. Industria L industria manifatturiera rappresenta circa un quinto del PIL e produce un ampia gamma di beni di consumo, quali gli alimentari, abbigliamento e tessile, calzature, insieme agli oggetti in metallo, i prodotti chimici e la carta. Essendosi sviluppato in un regime protezionistico, il settore industriale ha dovuto sottoporsi ad un importante processo di ristrutturazione per poter competere nel mercato globale, da quando le nuove leggi sul commercio e la liberalizzazione tariffaria sono entrate in vigore. In seguito alla nuova politica, si sono ridotte le industrie non competitive, come l abbigliamento e il tessile e sono cresciute nuove industrie orientate all esportazione, come l industria automobilistica. In generale il settore risulta in declino: la debole crescita economica e la carenza di manodopera specializzata hanno di fatto frenato il suo sviluppo. L industria manifatturiera sudafricana è caratterizzata da un elevata concentrazione di capitale, basandosi sui settori minerario ed energetico, chimico e siderurgico; il Sudafrica in particolare risulta tra i 25 principali produttori mondiali nell industria siderurgica con le sue società altamente competitive, come la Columbus Stainless.

7 Servizi Il Sudafrica possiede i servizi finanziari più avanzati, che sono stati progressivamente liberalizzati, e vi si trovano i più importanti mercati finanziari dell Africa Sub-Sahariana. Il settore finanziario contribuisce per il 20% alla formazione del PIL. Cinque istituti dominano il settore bancario sudafricano: la Standard Bank of South Africa (Stanbic), Nedbank, Amalgamated Bank of South Africa (ABSA), FirstRand Bank e Investec Bank che insieme rappresentano l 86% dei servizi bancari sudafricani. Ognuna di queste intrattiene stretti legami con le maggiori compagnie assicurative: ad esempio l ABSA con Sanlam (il secondo gruppo assicurativo sudafricano), Standard Bank con Liberty (il terzo per importanza) attraverso la creazione di Stanlib, società specializzata in prodotti d investimento. Infrastrutture La rete portuale, stradale e ferroviaria sudafricana è molto ben sviluppata, sicuramente la migliore del continente africano, e funge da principale punto di transito per i beni destinati ai paesi limitrofi, tra cui il Botswana, lo Zimbabwe e lo Zambia. La rete stradale copre Km, di cui però soltanto un quarto asfaltati; quella ferroviaria comprende Km elettrificati, con un servizio di consegna dei container per oltre 700 destinazioni. Esistono nel paese 31 aeroporti, tra cui i principali scali internazionali sono lo Jan Smuts, a Johannesburg e quelli di Durban e Cape Town. I due porti principali, Città del Capo e Durban che negli ultimi anni hanno visto crescere il loro traffico (+19% tra il 1998 e il 2002), necessitano dell intervento del settore privato per colmare anni di sotto-investimento. Il nuovo porto di Coega vicino a Port Elizabeth, ultimato nel settembre 2005, dovrebbe dare nuovo slancio all attività produttiva. Con il nostro paese vigono speciali accordi per l agevolazione delle spedizioni marittime ed aeree, sui quali è possibile informarsi presso le rispettive compagnie. Il Sudafrica detiene il mercato più importante delle telecomunicazioni, destinato a rivoluzionarsi dopo la fine del monopolio dell operatore di telefonia fissa Telkom, nel Il monopolio (che era stato concesso nel 1997 per consentire una ristrutturazione ed un estensione dei servizi telefonici alle aree disagiate) è stato spesso considerato, dalle compagnie private, un ostacolo alla rapida modernizzazione del settore delle telecomunicazioni. La telefonia mobile conta invece circa 10 milioni di abbonati (quasi il doppio della telefonia fissa). Il servizio di Internet è molto avanzato, malgrado le dispute intercorse con Telkom su tariffe e linee telefoniche. Il sofisticato settore finanziario si avvale della rete per offrire i suoi servizi e anche l e-commerce sta muovendo i primi passi. Turismo Dagli anni 90, il Sudafrica ha incrementato notevolmente il mercato del turismo internazionale. Il paese presenta notevoli attrattive che ne fanno una meta turistica ideale come il clima mite, le numerose spiagge, le montagne, i parchi di divertimento, le riserve naturali, gli impianti sportivi e il recente sviluppo del turismo linguistico. Il Sudafrica oggi è diventato la prima meta turistica del continente africano. Il turismo rappresenta un'industria in forte espansione impiegando 1,2 milioni di persone e rappresentando l 8% circa del PIL, stimato nel 2005; l obiettivo del governo è di portare tale contributo al 14% entro il Tuttavia la quota di partecipazione al mercato mondiale del turismo rimane esigua, pari all 1% circa. E soprattutto dal 1997 che il turismo sta aumentando considerevolmente e solo nel 2005 il numero dei visitatori è cresciuto del 10,3%. In questi ultimi anni, il governo ha portato avanti un programma per incentivare il settore, considerandolo non soltanto come una fonte significativa di introiti e di investimenti stranieri, ma anche come mezzo per la realizzazione economica della popolazione nera (si stima che ogni 8 turisti si crei un posto di lavoro permanente); a tale scopo è stata recentemente lanciata una campagna promozionale del turismo in Sudafrica diretta ai mercati più importanti: Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti.

8 Investimenti esteri Dalle elezioni politiche del 1994, che hanno segnato una profonda svolta nell`orientamento del paese, il Sudafrica è stato al centro dell`attenzione degli investitori internazionali ed ha tentato di favorirli in ogni modo. Da allora gli investimenti esteri sono aumentati notevolmente, nonostante esistano ancora degli ostacoli alla loro piena espansione: gli investitori devono confrontarsi con un sistema fiscale gravoso, una moneta volatile, una forte burocratizzazione, la predominanza sul mercato dei grandi conglomerati e i requisiti imposti dal Black Economic Empowerment (BEE) che vengono applicati se la compagnia richiede un contratto pubblico. Il governo ha creato uno sportello, il Trade and Investment South Africa (TISA) suddivisione del Department of Trade and Industry (DTI), per aiutare gli investitori stranieri con problemi di regolarizzazioni. Oltre agli accordi per l`agevolazione dei trasporti e quelli per evitare una doppia tassazione alle aziende che operano su scala internazionale, esistono una serie di iniziative che favoriscono le esportazioni e l`investimento estero. Innanzitutto, esistono diverse possibilità di sgravi fiscali che riguardano il credito per l`acquisto di beni strumentali da parte di soggetti stranieri e sui prestiti concessi da società straniere. Sistemi di credito agevolato, sia a breve che a medio termine, sono concessi dall`idc per la promozione delle esportazioni, alla presentazione di progetti volti a creare o aumentare la capacità di vendita con un orientamento di almeno il 30% verso l`esterno. I crediti per l`esportazione di beni strumentali possono invece avere una durata fino a 10 anni. Altre agevolazioni sono concesse per progetti volti allo sviluppo dell`occupazione (tassi agevolati) e per l`incremento del capitale d`esercizio o dei macchinari (il cosiddetto turno multiplo); le condizioni di accesso dipendono in parte anche dalla dimensione dell`azienda e dal suo patrimonio e giro d`affari. Esistono poi ulteriori possibilità di finanziamento, capital-venture, per gli imprenditori che intendano avviare o espandere la commercializzazione di nuove tecnologie, e particolari agevolazioni per lo sviluppo dell`eco-turismo e del turismo in genere. E`stato inoltre creato lo SBDC (Small Business Development Corporation), con lo scopo di favorire le PMI; possono accedere alla sua assistenza le aziende con attività patrimoniali inferiori a R. Tale offerta comprende ausili di vario genere, dalla consulenza al marketing ed a varie forme di indennizzo bancario.nel quadro del RIDP (Programma di sviluppo industriale regionale) sono previsti aiuti per lo sviluppo regionale sotto forma di incentivi alle attività (establishment grant) per i primi due anni, incentivi sui profitti (profit based incentive) per i successivi tre ed incentivi al trasferimento (relocation grant). Essi si applicano in modo differente a seconda delle zone. Esiste, inoltre, una serie di altri aiuti che spaziano dalle missioni, alla partecipazione a fiere, alle indagini di mercato, alle riduzioni daziarie ed alle assicurazioni sulle esportazioni. Particolari condizioni vigono poi per l`industria automobilistica. La Banca europea degli investimenti (BEI) intende stanziare un finanziamento pari a 900 milioni di euro - nel periodo per sostenere programmi di investimento del settore pubblico (energia, acqua, comunicazioni) e del settore privato in Sudafrica. I programmi saranno in linea con la strategia di sviluppo promossa dal Governo sudafricano nell Accelerated and shared growth initiative for South Africa (AsgiSA). L obiettivo del programma AsgiSA è incrementare la crescita annuale del PIL di circa il 6% sino al 2014 e allo stesso tempo ridurre la disoccupazione e la povertà, stimando un aumento del tasso degli investimenti nel settore pubblico pari al 25% del PIL. I progetti - selezionati dalla BEI e dal Governo sudafricano saranno valutati in base al loro impatto sullo sviluppo economico del Paese. Le imprese pubbliche operanti nella produzione e nella distribuzione di energia e nei trasporti beneficeranno del 40% circa degli investimenti. Le municipalità saranno motivate a investire in progetti di miglioramento dei servizi elettrici, acqua, fognature, trasporti. Per quanto riguarda il sostegno al settore privato e agli investimenti diretti esteri, sarà data precedenza ai progetti che abbiano una forte presa sullo sviluppo economico e per i quali il contributo della BEI possa apportare valore aggiunto alla struttura tecnica e/o finanziaria dell'investimento. Sono previste anche iniziative di investimento per le piccole e medie imprese che potranno beneficiare di linee di credito dedicate. Le linee di credito saranno gestite in modo indiretto attraverso banche commerciali e dalle istituzioni finanziarie sudafricane.

9 Normativa societaria La Legge sulle Relazioni Aziendali, frutto di una serie di contrattazioni tra governo e parti sociali in seno al Consiglio Nazionale per lo Sviluppo dell Economia e del Lavoro, è stata approvata nel Un attività di affari può essere intrapresa in forma individuale, di partnership (anche limitata), di trust, di close corporation (società a base azionaria ristretta) o di filiale di impresa estera. Le close corporation sono società a base azionaria ristretta, regolate dal Close Corporation Act, e società di diritto, nate allo scopo di agevolare l investimento. I soci possono essere soltanto persone fisiche. Più in generale, le società sono regolate dal Companies Act; non è richiesto loro un capitale minimo. La forma sociale più diffusa in Sudafrica è la private company, che può contare anche un solo membro ed un director. A quest ultimo non è richiesta la residenza nel paese, purché venga nominato un manager che risieda sul posto. Le sussidiarie di società estere sono considerate società sudafricane, le filiali di imprese straniere no. La responsabilità di una filiale non è limitata agli assets posseduti in Sudafrica, mentre la responsabilità di una società parente è limitata all ammontare del capitale sociale impegnato. I bilanci devono essere depositati al registro delle imprese. Per la costituzione di una società è necessario depositare presso il registro di Pretoria l atto costitutivo e lo statuto; il costo della costituzione è di circa 3000 Rand. Mercato del lavoro La disoccupazione rimane uno dei problemi più urgenti del Sudafrica; la maggior parte della forza-lavoro ricorre al settore informale, vivendo al di sotto del livello di sussistenza. Nel marzo 2006, il tasso di disoccupazione era del 25,6%, leggermente al di sotto del 26,5% del marzo tuttavia il tasso ufficiale viene calcolato secondo criteri restrittivi: secondo una più ampia definizione il tasso di disoccupazione rasenterebbe il 40%. Grazie in parte al sostegno internazionale, il governo si sta impegnando per la qualificazione e formazione della forza lavoro. Nel 1998, con lo Skills Development Act sono stati istituiti a tal scopo il National Skills Development Fund e il Sectoral Education and Training Authorities. Esistono però ancora oggi forti disparità tra le diverse regioni e, soprattutto, nel grado di specializzazione della popolazione bianca e nera. Vi è una scarsa offerta di lavoro qualificato o semi-qualificato, in particolare nei settori minerario, edile, ingegneristico e correlati. Va anche tenuto conto che quasi la metà della popolazione è al di sotto dei 19 anni, una percentuale elevata anche per un paese in via di sviluppo. Il livello dei salari è molto variabile e non esiste un minimo salariale legale. Gli stipendi sono mediamente elevati e con molti "fringe benefit" per l`alta dirigenza mentre restano comparativamente contenuti per i lavori meno specializzati. Importante è il ruolo svolto dalle associazioni sindacali, che fanno generalmente capo al COSATU (Congress of South African Trade Unions), partner dichiarato dell`anc. Il Basic Conditions of Employment Act ha ridotto la settimana lavorativa a 45 ore, anche se i sindacati ne hanno chiesto un ulteriore riduzione a 40 ore, da realizzarsi nel corso dei prossimi cinque anni. Disciplina doganale Il Sudafrica usufruisce dell Harmonised System of the International Customs Cooperation Council di Bruxelles. Nel giugno 2003 è stata creata l International Trade Administration Commission for South Africa, che ha sostituito il Board of Tariffs and Trade, per consigliare il ministro del Commercio e dell Industria sulla politica doganale. Dalla metà degli anni 90, il Sudafrica ha notevolmente liberalizzato la sua tradizionale politica protezionistica volta a promuovere l industria domestica. A seguito degli accordi Commerciali Multilaterali scaturiti dall`uruguay Round, è stata decisa la graduale riduzione dei dazi ad valorem; sono poi stati introdotti alcuni strumenti di facilitazione delle esportazioni, mentre gradualmente ed in base ad accordi asimmetrici si è dato vita ad una Free Trade Area (FTA) tra UE e Sudafrica.

10 Attualmente i dazi si collocano tra lo 0% e l`80% (quindi quota estremamente variabile) per i beni di consumo, mentre sono in molti casi assenti per i beni strumentali. Sono state introdotte una serie di leggi antitrust; la proprietà intellettuale è pienamente protetta, essendo il Paese uno dei firmatari della Convenzione di Berna. Da alcuni anni sono stati eliminati i controlli sui cambi di valuta da parte di soggetti stranieri, mentre restano comunque alcuni vincoli all importazione ed esportazione di valuta. Sistema fiscale L anno fiscale va dal 1 aprile al 31 marzo. La tassa sul valore aggiunto è fissata al 14% sulla fornitura di beni e servizi, con poche esenzioni ed un valore nullo per i prodotti alimentari di base. Dal 1 aprile 2005 l imposta sul reddito di tutte le società (incluse le filiali delle compagnie estere) è stata portata al 29% dal precedente 30%; viene poi applicata un imposta secondaria (STC - Secondary Tax on Companies) del 12,5% sui dividendi dichiarati. Il pagamento di questa imposta è stato abolito per le filiali di società straniere. La struttura delle imposte sui redditi delle società offre alcuni benefici fiscali, a seconda della forma legale che la società assume. Mentre le società pubbliche sono soggette ad un livello d imposta pari al 12,5% sui dividendi dichiarati, l aliquota per le società private è complessivamente del 30%, incluse le imposte sui dividendi. Nel 2002 è stata approvata una legge che consente alle province di emettere imposte sui redditi locali o regionali. Le altre imposte principali sono quelle di fabbricazione (accise), la tassa sui carburanti, e quelle relative al commercio internazionale. Per la maggior parte delle attività il tasso di ammortamento accettato è pari al 20% del costo, ripartito su cinque anni ed applicabile per intero anche nel caso di un utilizzo parziale del bene. Gli ammortamenti possono essere effettuati sugli impianti, i macchinari, e qualsiasi altro mezzo necessario all attività. Per gli immobili, l ammortamento annuo è fissato al 5%; se rientrano in un progetto residenziale il tasso è del 2% per uso affitto e 10% se destinati all abitazione degli impiegati. Sono poi riconosciuti, a seconda dei casi, eventuali sgravi per usura e premi sull affitto, e può essere detratto annualmente il 25% dell investimento per la ricerca scientifica, se il progetto ha avuto l approvazione del CSIR (Council for Scientific and Industrial Research). Con tutta una serie di paesi, tra cui l Italia, vigono alcuni accordi volti ad evitare la doppia imposizione fiscale. In Sudafrica le imposte personali sono relativamente elevate rispetto agli standard internazionali, ma recentemente sono state apportate notevoli riduzioni per tutte le fasce di reddito. Nel 2003, l aliquota più elevata è scesa al 40% (dal 45%). Nel 2006/07 il reddito delle persone fisiche viene tassato come segue: Reddito (ZAR) Aliquota (%) ed oltre 40 Fonte: EIU, Economist Intelligence Unit, Country Commerce febbraio 2007

11 Sistema creditizio e finanziario E`la South African Reserve Bank (SARB), la cui autonomia è sancita dalla costituzione, a determinare ed attuare la politica monetaria, allo scopo di garantire stabilità alla valuta. Cinque istituti dominano il settore bancario sudafricano: la Standard Bank of South Africa (Stanbic), Nedbank, Amalgamated Bank of South Africa (ABSA), FirstRand Bank e Investec Bank che insieme rappresentano l 86% dei servizi bancari sudafricani. Nel paese sono registrate in tutto 44 banche, di cui sette controllate da capitali esteri; altre 45 banche straniere hanno rappresentanze nel Paese. Le principali esigenze finanziarie sono attualmente legate alla forte crescita del settore edilizio, dell agricoltura e della piccola impresa. Sono stati costituiti una serie di istituti di credito allo scopo di collegare l attività finanziaria formale a quella informale (sommersa). Le autorità sudafricane regolano il funzionamento sia dell attività bancaria che di quella finanziaria, prendendo come riferimento i canoni di valutazione internazionale. Lo Stock Exchange Control Act (Legge di Controllo sulla Borsa Valori) è stata in più punti modificata per migliorarne l efficienza. Strumenti comunitari di cooperazione L`Unione Africana (UA) succede all Organizzazione per l Unità Africana (OAU) ed ha la propria sede ad Addis Abeba (Etiopia); è nata nel luglio 2002 dalla conferenza dei capi di stato africani a Durban (Sudafrica), a due anni di distanza dagli accordi sulla sua istituzione raggiunti in Togo nel luglio 2000, e dopo un anno di transizione che ha seguito la ratifica dell atto costitutivo dell UA da parte dei due terzi degli stati membri, nel maggio L Unione Africana è sorta sul modello dell Unione Europea e prevede l istituzione di un parlamento, di una banca centrale, di una moneta unica, di una corte di giustizia e di una banca per gli investimenti. Il successo dell UA dipenderà soprattutto dalla riuscita individuale di ciascuno dei 52 stati membri, la maggior parte dei quali è caratterizzato da un governo debole. Convenzione di Cotonou: Il 23 giugno 2000, è stato firmato a Cotonou (Benin) un nuovo accordo di partenariato tra i 77 membri del gruppo degli Stati dell Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), da un lato, e la Comunità Europea e i suoi stati membri dall altro, che sostituisce la Convenzione di Lomé (scaduta nel febbraio 2000). L obiettivo di tali accordi è quello di creare un nuovo quadro di cooperazione, adattato ai nuovi sviluppi internazionali (quali la globalizzazione e l evoluzione tecnologica), al fine di accelerare lo sviluppo economico, sociale e culturale degli stati ACP, di contribuire alla pace e alla sicurezza, e di promuovere un clima politico stabile e democratico. Southern African Development Community (SADC): Nato nell agosto 1992 tra gli stati dell Angola, Botswana, Congo, Lesotho, Malawi, Mauritius, Mozambico, Namibia, Swaziland, Tanzania, Zambia e Zimbabwe; sostituisce il Southern African Development Co-ordination Conference (SADCC) nato nel 1980 nel tentativo infruttuoso di contrastare l egemonia economica sudafricana nella regione. La sede è a Gaborone (Botswana). Il Sudafrica è diventato membro del SADC nel Il Sudafrica fa parte della World Trade Organisation (WTO). Il Sudafrica fa parte della Southern African Customs Union (SACU), con Botswana, Lesotho, Namibia e Swaziland, i cui membri hanno libero accesso ai mercati SACU e applicano tariffe comuni ai paesi terzi.

12 Progetti multilaterali La normalizzazione dei rapporti del Sudafrica con la comunità internazionale a seguito del suo rinnovamento politico ne ha permesso il rientro in seno ad una serie di organismi internazionali e l`accesso ad una serie di finanziamenti ed agevolazioni. In particolare: - nel 1994, il paese ha rioccupato il proprio seggio all`assemblea Generale delle Nazioni Unite ed è rientrato nel Commonwealth; - nel 1995 è parte del WTO fin dalla sua costituzione nel 1995, ed aderisce al GATT; - esso è anche membro a pieno titolo del Fondo Monetario Internazionale (FMI); la sua "quota speciale di prelievo" è pari a SDR 1,365,4 milioni ed è al 23 posto quanto a potere di voto, mentre il solo obbligo finanziario in sospeso è il prelievo dal Fondo Compensativi e Previdenziale del 1993; - dal 1994 è rientrato nella Banca Mondiale, con cui sono stati conclusi una serie di accordi di cooperazione. Esistono inoltre una serie di accordi con altre organizzazioni, quali l`overseas Development Corporation, la Commonwealth development Corporation, la Caisse Française de Development, la Proparco ed altre. A livello regionale, il Sudafrica è membro dal 1994 del SADC (Southern Africa Development Community), con l`incarico di gestire le politiche finanziarie e gli investimenti dei vari aderenti (Angola, Botswana, Lesotho, Malawi, Mauritius, Mozambico, Swaziland, Tanzania, Zambia e Zimbabwe). Il Sudafrica è destinatario di finanziamenti da parte della Banca Mondiale, della Banca Africana di Sviluppo e della BEI. Gruppo Banca Mondiale La Banca Mondiale, attraverso la IBRD - International Bank for Reconstruction and Development - finanzia progetti e fornisce assistenza tecnica ai paesi in via di sviluppo (PVS). I prestiti IBRD hanno in genere un periodo di garanzia di 5 anni, sono rimborsabili in un arco di tempo compreso fra i 15 e i 20 anni e vengono accordati al governo o a entità pubbliche. Il tasso di interesse richiesto dalla banca è calcolato sulla base del costo medio della raccolta, fonte primaria di finanziamento delle operazioni di prestito. I prestiti IBRD si indirizzano prevalentemente verso alcuni settori: - programmi per lo sviluppo umano (istruzione, sanità, nutrizione, settore demografico, settore sociale); - protezione dell ambiente; - sviluppo del settore privato e del settore finanziario; - sostegno alle riforme economiche. Per l`assistenza ai paesi più poveri la Banca Mondiale opera attraverso l`ida - International Development Association - che rappresenta la maggior fonte finanziaria per i 78 paesi più poveri del mondo, il cui reddito pro capite non supera gli 895 dollari USA (nel 1998). I crediti IDA vengono concessi a condizioni molto vantaggiose: senza interessi, hanno una durata di 35 o 40 anni e un periodo di tolleranza di dieci anni. Obiettivi prioritari dell assistenza finanziaria IDA sono: - i servizi sociali di base (nutrizione, sanità, istruzione primaria, risorse idriche, ammortizzatori sociali di base); - l allargamento della base della crescita economica (sostegno alle riforme macroeconomiche e strutturali, sostegno al settore privato: piccole-medie imprese e settore finanziario) - il sostegno alla corretta amministrazione del settore pubblico; - la protezione dell ambiente, anche attraverso iniziative trasversali in settori quali lo sviluppo rurale, urbano e dei trasporti.

13 L`IFC - International Finance Corporation - è un istituzione del Gruppo Banca Mondiale, ma ha una sua entità giuridica e finanziaria. Ruolo primario dell IFC è promuovere lo sviluppo del settore privato nei Paesi in via di sviluppo, a tal fine concede prestiti direttamente alle imprese private, agisce come investitore diretto nel capitale di rischio e offre una vasta serie di servizi di consulenza alle imprese private e ai governi. L IFC concentra la propria attività sui seguenti obiettivi: - assistenza alle piccole e medie imprese, da attuarsi soprattutto attraverso intermediari finanziari; - sviluppo dei mercati nazionali di capitale; - privatizzazione e ristrutturazione delle imprese statali; - sostegno agli investimenti privati nelle infrastrutture (in particolare telecomunicazioni e settore energetico); - maggiore equilibrio nella distribuzione regionale degli investimenti; - potenziamento dei servizi di consulenza. I principali prodotti offerti dall IFC sono: - prodotti finanziari (finanziamenti a lungo termine, partecipazioni azionarie, finanziamenti in quasi capitale, servizi finanziari); - mobilizzazione di risorse (cofinanziamenti, fondi di investimento, sottoscrizioni); - servizi di consulenza (finanziari, settoriali, tecnico-legali, ricerca partner nei paesi in via di sviluppo). Le iniziative dell IFC possono vedere coinvolte anche le imprese dei Paesi sviluppati come partners in accordi di collaborazione imprenditoriale, joint-ventures o come fornitrici di beni e servizi. Gruppo Banca Africana di sviluppo E' formato dalla Banca Africana di Sviluppo, Dal Fondo africano e dal Fondo Speciale della Nigeria. La Banca, creata nel 1964, riunisce 53 membri regionali (RMC Regional Member Countries) e 24 Paesi non regionali tra cui l Italia. Obiettivo dell istituzione è promuovere lo sviluppo economico e sociale del continente africano attraverso la concessione di crediti e programmi di assistenza tecnica. Gli interventi vengono indirizzati verso i principali settori economici quali l agricoltura, l industria e i trasporti, ma interessano anche la pubblica amministrazione, il settore socio-sanitario, la protezione dell ambiente. A partire dal 1990 la Banca ha elaborato uno speciale programma di sostegno al settore privato che unisce agli strumenti tradizionali di intervento (concessione di crediti e partecipazione al capitale di rischio), strumenti innovativi (garanzie, investimenti quasi equity, underwriting, linee di credito agli intermediari finanziari privati). Il Fondo Africano di Sviluppo è stato istituito nel 1972 per finanziare a condizioni agevolate progetti e programmi in favore dei Paesi più poveri che non hanno il merito di credito per poter accedere ai prestiti della Banca. I crediti sono concessi a tasso zero con una commissione pari all 1% circa e prevedono un periodo di rimborso fino a un massimo di 50 anni, inclusi 10 di grazia. Il Fondo finanzia progetti, interventi di assistenza tecnica e studi. BEI-Banca europea per gli investimenti Nel settembre 2004, la BEI ha varato un finanziamento di 100 milioni di euro a un importante progetto per la fornitura di risorse idriche a 3,2 milioni di abitanti di Città del Capo. Il finanziamento contribuirà alla costruzione di una diga sul fiume Berg e allo schema di fornitura d`acqua ad esso collegato. L`accordo finanziario è stato firmato dalla Bei e dalla Trans-Caledon Tunnel Authority, l`agenzia governativa sudafricana cui sono affidati l`implementazione e il finanziamento dello sviluppo della rete idrica del Paese africano.

14 Il progetto garantirà il miglioramento della quantità, della qualità e della efficacia delle forniture d`acqua a fini privati, industriali e commerciali della seconda più grande area metropolitana del Paese. Nei confronti della UE il Sud Africa ha in vigore un accordo inerente le relazioni commerciali, gli aiuti finanziari e lo sviluppo della cooperazione. L`accordo, noto con la sigla di TDCA (Trade Development and Cooperation Agreement) è entrato in vigore il 1 gennaio 2000,ed è supportato da una serie di altri accordi relativi campi specifici quali quello della Scienza e Tecnologia. Il TDCA si fonda sul principio dell`origine in quanto solo i prodotti che hanno origine in un Paese della UE o nel Sud Africa ne possono beneficiare. Informazioni di viaggio Prefissi internazionali prefisso per il paese; 51 Bloemfontein, 21 Cape Town, 31 Durban, 431 East London, 11 Johannesburg, 41 Port Elizabeth, 12 Pretoria. Fuso orario: 2 ore avanti rispetto all orario del Meridiano di Greenwich; 1 ora avanti rispetto all Italia. Durante il periodo estivo e la nostra ora legale non c è alcuna differenza di orario. Visto: Non è necessario alcun visto per soggiorni di durata inferiore a 90 giorni, purché si sia in possesso di un passaporto valido per almeno sei mesi. Tale periodo di tempo è rinnovabile in loco per altri tre mesi, a condizione di poter dimostrare di disporre di mezzi sufficienti a garantire la propria sopravvivenza e coprire il costo del rientro. La procedura per l`ottenimento di visti di soggiorno sia per motivi di lavoro che di studio è invece piuttosto farraginosa, e può richiedere anche svariati mesi di tempo. Settimana lavorativa BANCHE: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 15.30; il Sabato dalle ore 8.30 alle ore UFFICI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7.00 alle ore UFFICI PUBBLICI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore UFFICI POSTALI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore e il sabato dalle ore 8.00 alle ore NEGOZI: dal Lunedì al Venerdì ma con orari e giorni flessibili Carte di credito: Sono accettate le carte più comunemente diffuse, quali American Express, Diners Club, Citibank, MasterCard e Visa. Esse non possono però essere utilizzate presso i distributori di carburante. Principali festività 1 gennaio (Capodanno) 21 marzo (Giornata dei Diritti Umani) Venerdì Santo Lunedì di Pasqua 27 aprile (Festa della Costituzione) 1 maggio (Festa del Lavoro) giugno (Festa della Gioventù) 9 agosto (Giornata Nazionale della Donna) 24 settembre (Festa dell Eredità) 16 dicembre (Festa della Conciliazione)

15 25 dicembre (Natale) 26 dicembre (Giornata della Buona Volontà) Se una di queste date cade di domenica, il lunedì successivo diventa giorno festivo. Principali indirizzi utili Gli indirizzi ed i numeri di telefono riportati in questa sezione sono tratti da fonti ufficiali italiane e/o da fonti ufficiali del Paese. E tuttavia possibile un certo margine di non corrispondenza dovuto al lento aggiornamento delle fonti da parte delle diverse istituzioni ed al frequente variare delle numerazioni telefoniche nei paesi di riferimento. Ambasciate e Consolati in Italia Ambasciata del Sud Africa in Italia Amb. S.E. Lenin Magigwane Shope Via Tanaro Roma Tel Fax Bari - Consolato onorario Console onorario: Antonio Morfini Via De Rossi, Bari Tel Fax Bologna - Consolato Onorario Console onorario: Luigi Belvederi Via degli Agresti, Bologna Tel Fax Firenze - Consolato Onorario Console onorario: Riccardo Sarra Piazza De Saltarelli, Firenze Tel Fax Milano - Consolato Generale Console Generale: Nomuyo Nontsikelelo Nokwe Vicolo S. Giovanni sul Muro Milano Tel Fax Napoli - Consolato Onorario Console onorario: Gianluigi Gaetani dell'aquila d'aragona Via Posilipo, Napoli Tel Fax Venezia - Consolato Onorario Console Onorario: Carlo Trevisan Santa Croce, Venezia Tel Fax Ambasciate e Consolati all'estero Ambasciata d'italia - Pretoria Ambasciatore: S.E. Alessandro Cevese

16 796 George Avenue, 0083 Arcadia (Canc. Dipl. anche a Cape Town da Gen a Giu circa: 2 Grey's Pass - Gardens ) Tel /01/13 - Fax (Canc.Dipl. Cape Town ) Capetown - Consolato Console: Emanuela Curnis 2 Grey s Pass, GARDENS Cape Town Tel Fax Durban - Consolato Console: Ugo Ciarlatani 14th Floor, Embassy Building, 199 Smith Street, Durban 4001 Tel e Fax East London - Agenzia Consolare Onoraria A. Cons. On. Marina Vida Marchetti 3, Collingan Blue Water Place Beacon Bay, East London - P.O. Box 8144 Nahoon 5210 Tel Fax Johannesburg - Consolato Generale Console Generale: Enrico De Agostini 37, 1st Avenue - Corner 2nd Street - Houghton Estate, 2196 Tel / Fax Port Elizabeth - Agenzia Consolare Onoraria A. Cons. On. Loredana Civico in Loyson 16 Dyason St., Mount Croix, 6001 Port Elizabeth Tel Fax Camera di Commercio Italiana Camera di Commercio Italo-Sudafricana Presidente: Giovanni Ravazzotti Segretario Generale: Gilda Pierobon Sportello Unico, 42 Chester Road, Parkwood Johannesburg Tel Fax Istituto Nazionale per il Commercio Estero - I.C.E ITALIAN TRADE COMMISSION Responsabile: Gianpaolo Bruno 42 Chester Road 2193 Parkwood Johannesburg P.O. Box Parklands Tel. (+27 11) Fax. (+27 11)

17 Rappresentanza Unione Europea Rappresentanza dell Unione Europea in Sudafrica 1-2 Green Park Estate - 27 George Storrar Drive - Groenkloof 0181 Pretoria Tel. (+27 12) Fax (+27 12) Capo della delegazione: Michael Lake Camere di Commercio locali Foundation for African Business and Consumer Service - FABCOS (Fondazione per lo Sviluppo Imprenditoriale Africano e di Servizio ai Consumatori) P.O.Box 8785 Johannesburg 2000 Tel. (+27 11) Fax (+27 11) National African federated Chamber of Commerce - NAFCOC (Unione Nazionale camere di commercio Africane) Private bag X81 Soshanguve 0152 South African Chamber of Business - SACOB (Camera di Commercio Sudafricana) P.O. Box Auckland Park 2006 Tel. (+27 11) Fax (+27 11) Istituti e Enti IDC - Industrial development Corporation (finanziamenti) P.O. Box Sandton 2146 Tel. (+27 11) Fax (+27 11) Board on Tariffs and Trade (Commissione doganale) Private Bag X753 Pretoria 0001 Tel. (+27 12) Fax (+27 12) S.A.A. (South African Airways) P.O. Box 7778 Johannesburg 2000 Tel. (+27 11) Fax (+27 11) SBDC - Small Business Corporation Ltd. (finanziamenti) P.O. Box 7780 Johannesburg 2000 Tel. (+27 11) Fax (+27 11) Principali Istituti Bancari locali ABSA Bank Ltd 3rd Floor, ABSA Towers (East) 170 Main Street P.O Box Johannesburg 2000 Tel. (+27 11) Fax (+27 11)

18 First National bank of South Africa 1 First Place P.O. Box Johannesburg 2000 Tel. (+27 11) Fax (+27 11) South African Reserve Bank - Central Bank 370 Church Street P.O. Box Pretoria 0001 Tel. (+27 12) Fax (+27 12) The Standard Bank of South Africa 5 Simmonds Street Johannesburg 2000 Tel. (+27 11) Fax (+27 11)

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli