Ambiente e Sicurezza Credito Fiscale Formazione Internazionalizzazione Sindacale Ancos / Caf Categorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambiente e Sicurezza Credito Fiscale Formazione Internazionalizzazione Sindacale Ancos / Caf Categorie"

Transcript

1 Anno VIII N 7 21 aprile 2015 Ambiente e Sicurezza Credito Fiscale Formazione Internazionalizzazione Sindacale Ancos / Caf Categorie In evidenza AMBIENTE SISTRI: sanzioni ed operatività SINDACALE TFR in busta paga: al via da aprile CAF E tempo di 730 CATEGORIE Privati: bollette meno care col Cenpi Via Rosario, Cremona - Tel Fax

2 Torna al sommario pag. 2 i l S O M M A R I O AMBIENTE e SICUREZZA Rifiuti pericolosi: modifiche al Catalogo Europeo dei Rifiuti (CER) pag. 3 SISTRI: sanzioni ed operatività pag. 4 Albo Gestori Ambientali: pagamento telematico pag. 7 Servizio di Medicina del Lavoro pag. 8 OPTA: sportello informativo per le aziende pag. 9 CREDITO Al via l Accordo banche-imprese Nuova moratoria per le Pmi pag. 10 Affidamenti più finanziamenti: sconti sulle commissioni pag. 10 Artigianfidi Lombardia pag. 11 FISCALE Notizie in breve pag. 12 Le scadenze pag. 13 FORMAZIONE Corsi sulla formazione obbligatoria per la sicurezza - Corso RSPP datori di lavoro pag. 14 Il calendario dei corsi della formazione obbligatoria pag. 15 SINDACALE TFR in busta paga: iniziata la sperimentazione pag. 16 Novità nei contratti pag. 17 SAN.ARTI.: cos è, come aderire pag. 18 PREVIDENZA / ANCOS / CAF Iscrizione all Ancos - Le prossime iniziative pag. 19 Il 730 con il CAF Confartigianato pag. 20 CATEGORIE Rinnovo tessera 2015 pag. 21 Servizi agli associati: ecco tutti i nostri Sportelli pag. 22 Per tutti: anche i privati possono risparmiare su luce e gas pag. 24 Inst. Impianti Elettrici e Idraulici: adesioni ad Aperto per ferie 2015 pag. 25 Autotrasporti: la grave situazione del settore pag. 26 Autotrasporti/2: iniziative per la somministrazione transnazionale di lavoro pag. 27 Autotrasporti/3: notizie in breve pag. 28 Polizze speciali per Idraulici, Elettricisti, Liutai pag. 29 Aggiornamento convenzioni pag. 30 Consultate le ultime notizie sul web pag. 37

3 Torna al sommario pag. 3 AMBIENTE e SICUREZZA Rifiuti pericolosi: modifiche al Catalogo Europeo dei Rifiuti (CER) Le novità dal 1 giugno 2015 Nel dicembre 2014, è stato pubblicato un nuovo Regolamento europeo (GUCE n. 1357/2014 che sostituisce l All. III Dir. 2008/98/CE, e di conseguenza l intero All. I alla Parte IV del D.Lgs n. 152/2006) che si applicherà dal 1 giugno La nuova disciplina riforma e aggiorna profondamente la normativa in tema di caratteristiche di pericolo per i rifiuti, allineandola con le disposizioni sulla classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e delle miscele (Regolamento n. 1272/2008 cd. CLP in vigore negli Stati membri dal 20 gennaio 2009) rinominando tutte le caratteristiche di pericolo da H 1 a H 15 mediante sostituzione della sigla H con quella HP. Tra le novità a cui riporre maggiore attenzione segnaliamo la modifica di alcune caratteristiche di pericolo (es. H 5, ex nocivo, ora è denominata Tossicità specifica per organi bersaglio (STOT)/Tossicità in caso di aspirazione ), nonché l introduzione di dettagliate prescrizioni per ciascuna caratteristica HP. Inoltre sono introdotte tabelle che consentiranno di armonizzare la disciplina comunitaria sui rifiuti con quella contenuta nel Regolamento CLP, mediante l individuazione per ciascuna caratteristica di pericolo delle corrispondenti classi e categorie di pericolo. Quali risvolti per le aziende? La modifica delle caratteristiche di pericolosità ha enormi riflessi sia per la Valutazione del rischio chimico (che è parte integrante del DVR), sia per l attribuzione del codice CER in tema di smaltimento rifiuti, con importanti riflessi sulla gestione già in essere delle sostanze all interno dell azienda. Confartigianato si è attivata prontamente nei confronti del Ministero per sottolineare le pesanti e gravose ripercussioni che il provvedimento avrà nei confronti delle imprese. Terremo certamente informate le aziende circa gli sviluppi della trattativa.

4 Torna al sommario pag. 4 SISTRI: sanzioni ed operatività Entro il 30 aprile il versamento del contributo 2015 per le imprese con più di 10 dipendenti (conteggiando anche i soci) Sistri, sono arrivate le sanzioni: con il Milleproroghe (D.L. 31 dicembre 2014, n. 192), approvato lo scorso il 26/2/2015, è stato infatti previsto dal 1 aprile 2015 l applicazione delle sanzioni per mancata iscrizione e quelle per mancato versamento del contributo annuale. Non è stata quindi differita al 31/12/2015 l entrata in vigore di queste sanzioni. Chi non avesse provveduto a versare il contributo al Sistri per il 2014, potrebbe quindi vedersi applicare la sanzione prevista (pecuniaria di euro). Per il 2015, invece, il contributo annuale va versato entro il termine ordinario del 30 aprile prossimo. Ricordiamo che il 31 marzo scorso era la scadenza per il versamento del contributo annuale Sistri Per tutto il 2015, le imprese produttrici di rifiuti pericolosi (con meno di 10 dipendenti, compresi i soci) dovranno continuare ad applicare gli adempimenti cartacei per la tracciabilità dei rifiuti (formulario di trasporto, registro di carico e scarico e MUD) unitamente a quelli telematici del Sistri (cosidetto doppio binario ), per non incorrere in sanzioni per il mancato funzionamento di quest ultimo sistema. Le sanzioni per il mancato o errato utilizzo del Sistri si applicheranno invece solo a partire dal 1 gennaio Le attenzioni del Ministero si stanno intanto concentrando sulla gara europea per riaffidare la gestione del servizio Sistri: il Ministro ha dichiarato che entro giugno saremo pronti a farla partire e il nuovo sistema sarà avviato ufficialmente dal Nuove modalità e operatività sono quindi dietro l angolo. 30 APRILE DIRITTO ANNUALE SISTRI Le imprese assoggettate al SISTRI sono tenute al versamento del contributo 2015 entro il 30 aprile p.v. (vedi tabella sotto). Si tratta dei produttori di rifiuti pericolosi con più di 10 dipendenti ( conteggiando anche i soci), gestori e trasportatori di rifiuti pericolosi. CONTRIBUTI PER L ISCRIZIONE AL SISTRI ANNO 2015 PRODUTTORI DI RIFIUTI PERICOLOSI Dipendenti per Unità Locale Contributo < 10 Solo per aziende con più unità locali 120,00 Da 11 a ,00 Da 51 a ,00 Da 251 a ,00 Oltre ,00 Definizione di dipendenti : il numero di addetti, ossia delle persone occupate nell unità locale dell ente o dell impresa con una posizione di lavoro indipendente o dipendente a tempo, pieno, a tempo parziale, con contratto di apprendistato o contratto di inserimento, anche se temporaneamente assente per servizio, ferie, malattia, sospensione dal lavoro, cassa integrazione guadagni, eccetera. I lavoratori stagionali sono considerati come frazioni di unità lavorative annue con riferimento alle giornate effettivamente retribuite. In caso di frazioni si arrotonda all intero superiore o inferiore più vicino.

5 Torna al sommario pag. 5 TRASPORTATORI Quantità annua autorizzata / tonn. Contributo rifiuti pericolosi Inferiore a ,00 Sup. o uguale a e inf. a ,00 Sup. o uguale a e inf ,00 Sup. o uguale a e inf ,00 Sup. o uguale a e inf ,00 Sup. o uguale a ,00 Per ogni mezzo 150,00 DEMOLITORI ROTTAMATORI Quantità in tonnellate / anno Contributo rifiuti pericolosi < ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Oltre ,00 FRANTUMATORI Quantità in tonnellate / anno Contributo rifiuti pericolosi < ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Oltre ,00 IMPIANTI DI RECUPERO/SMALTIMENTO Quantità in tonnellate / anno Contributo rifiuti pericolosi < ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Tra e ,00 Oltre ,00

6 Torna al sommario pag. 6 MODALITA DI VERSAMENTO Il versamento dell importo dovuto è fattibile in due modi tramite conto corrente postale compilando con i seguenti dati il bollettino: conto corrente postale n intestato a Tesoreria di Roma Succursale Min. Ambiente SiSTRI d.m. 17/12/2009 Min. Amb. DG Tut. Ter. Via C. Colombo, Roma Causale Contributo Sistri/ anno 2015 Codice fiscale Ditta versante n. d iscrizione al SISTRI O tramite bonifico bancario, presso la Tesoreria provinciale dello Stato (Banca D Italia) con i seguenti dati: Bonifico Bancario IBAN IT56L Beneficiario Tesoreria di Roma Succursale Min. Ambiente SiSTRI d.m. 17/12/2009 Min. Amb. DG Tut. Ter. Via C. Colombo, Roma Codice Fiscale Causale Contributo Sistri/ anno 2015 Codice fiscale Ditta versante n. d iscrizione al SISTRI Gli estremi del versamento effettuato vanno comunicati al SISTRI utilizzando l apposita chiavetta USB SI- STRI nell Area Gestione Azienda/Pagamenti. In caso di impossibilità causa dispositivo USB guasto - in alternativa - è possibile inviare copia del bonifico con gli estremi del versamento e del CRO e del numero di iscrizione alla mail: Info Ufficio Ambiente tel

7 Torna al sommario pag. 7 Albo Gestori Ambientali: pagamento telematico del diritto annuale - anno Anche questo versamento va effettuato entro il 30 aprile Informiamo le imprese associate che il prossimo 30 aprile scadrà il termine per la corresponsione del diritto annuo di Iscrizione all Albo Gestori Ambientali; dallo scorso anno il pagamento è possibile in via telematica (carta di credito, telemaco pay su circuito Infocamere o Iconto, mav elettronico bancario) tramite il sito web con le proprie credenziali di autenticazione ricevute a suo tempo. Entro il 30 aprile le imprese iscritte all Albo Gestori Ambientali riceveranno una comunicazione di avviso di pagamento esclusivamente tramite Pec, contenente le istruzioni ed i riferimenti per effettuare il pagamento telematico dei diritti annuali dovuti. I pagamenti effettuati secondo le modalità indicate nella comunicazione saranno registrati automaticamente e visibili nell area riservata all impresa nel sito mentre gli eventuali pagamenti già effettuati tramite bollettino postale o bonifico bancario saranno registrati solo successivamente. Eventuale modalità di versamento tramite bollettino postale: bollettino postale intestato CCIAA Milano Albo Gestori Ambientali - importo: 50 - conto corrente postale causale: diritto annuale codice fiscale azienda. Copia dell attestazione di versamento sarà successivamente da inviare al seguente indirizzo L Ufficio Ambiente dell Associazione è a disposizione per ogni ulteriore ragguaglio nel merito (tel ).

8 Torna al sommario pag. 8

9 Torna al sommario pag. 9 Organismo Paritetico Territoriale Artigianato OPTA: SPORTELLO INFORMATIVO PER LE AZIENDE Si informano le aziende artigiane associate che è attivo lo Sportello OPTA tutti i martedì dalle ore alle ore presso la sede di EBA Cremona Ente Bilaterale Artigianato Via Lanaioli, 1 - Cremona I tre Rappresentanti del Lavoratori alla Sicurezza Territoriali RLST Mario Daina Cesare Leoni Gabriella Urso saranno a disposizione, a turno, per ogni eventuale richiesta di informazioni riguardante l applicazione del D.Lgs 81/08 in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Per un rapido contatto o per fissare un appuntamento segnaliamo i seguenti riferimenti: Mail: Tel. e fax

10 Torna al sommario pag. 10 CREDITO Al via l Accordo banche-imprese Nuova moratoria per le Pmi È stata raggiunta, il 31 marzo scorso, l intesa sull Accordo per il Credito 2015, tra l Associazione bancaria italiana e le associazioni d impresa, fra cui Confartigianato, diretta a sostenere le piccole e medie imprese (PMI). A partire dal 2009, l ABI e le Parti hanno definito una serie di iniziative volte a sostenere le esigenze di liquidità delle imprese, grazie alle quali le PMI beneficiarie hanno potuto sospendere il pagamento della quota capitale di oltre 415 mila finanziamenti, ottenendo liquidità aggiuntiva per circa 24 miliardi di euro. L Accordo per il Credito 2015, che resterà in vigore fino al 31 dicembre 2017, prevede tre iniziative: 1. Imprese in Ripresa; 2. Imprese in Sviluppo; 3. Imprese e PA. Imprese in Ripresa prevede la possibilità per tutte le PMI in bonis di: a) sospendere la quota capitale delle rate di mutui e leasing, anche agevolati o perfezionati con cambiali; b) allungare il piano di ammortamento dei mutui e le scadenze del credito a breve termine. Imprese in Sviluppo prevede che le banche aderenti costituiscano dei plafond individuali destinati al finanziamento dei progetti imprenditoriali delle PMI. La nuova misura si estende anche al finanziamento dell incremento del capitale circolante. Imprese e PA riprende lo schema precedente per lo smobilizzo dei crediti delle imprese verso la PA, aggiornandone i contenuti alle recenti disposizioni legislative. L ABI e le associazioni d impresa si attiveranno per sottoscrivere un accordo con l Agenzia delle Entrate in base al quale, le imprese che hanno richiesto il rimborso di un credito di natura fiscale possano ottenerne l anticipazione bancaria. Riprende, dunque, una stagione di lavoro comune tra l ABI e le Associazioni di impresa, che si auspica possa essere foriera di buoni risultati nell interesse dell economia del nostro Paese. Affidamenti più finanziamenti: sconti sulle commissioni Il Servizio Credito di Confartigianato Cremona propone una sconto per le imprese che affiancano alla pratica di rinnovo degli affidamenti commerciali garantiti da Artigianfidi Lombardia in scadenza nei prossimi mesi, un finanziamento a lungo termine. Alle imprese si applicherà una riduzione della commissione di garanzia pari al 15% sugli affidamenti da rinnovare e sul nuovo finanziamento. Lo sconto è utilizzabile purchè la nuova offerta complessiva sia di importo almeno uguale ai precedenti affidamenti garantiti da Artigianfidi, e qualora il finanziamento sia di importo almeno pari al 20% degli affidamenti precedenti. Info presso Artigianfidi Lombardia tel

11 Torna al sommario pag. 11

12 Torna al sommario pag. 12 FISCALE NOTIZIE IN BREVE Il decreto Milleproroghe è legge Il Milleproroghe è in vigore. Tra le disposizioni di carattere fiscale si conferma: la proroga al 2016 dell eliminazione dell obbligo di presentazione della dichiarazione IVA unificata e della comunicazione dati IVA; la proroga al 2016 dell operatività dell Imposta Municipale Secondaria (IMUS); la proroga a luglio 2015 della richiesta di rateizzazione delle cartelle Equitalia per chi è decaduto dal beneficio entro il 2014; la possibilità di adottare il vecchio regime dei minimi con imposta sostitutiva del 5% per chi inizia l attività nel 2015; la proroga fino a fine 2016 dell anticipo di una quota degli appalti alle imprese; il blocco dell aumento dei contributi per gli autonomi iscritti alla gestione separata Inps. Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Fino al 30 giugno 2015 è possibile usufruire del Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi previsto dal DL n. 91/2014 convertito dalla Legge n. 116/2014. I beneficiari del credito d imposta sono i soggetti titolari di reddito d impresa che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi compresi nella divisione 28 della tabella ATECO. Il credito d imposta è pari al 15% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in beni strumentali nei cinque periodi di imposta precedenti. Il credito d imposta si applica anche alle imprese operanti da meno di cinque anni che siano in attività alla data di entrata in vigore del decreto-legge. Non spetta per gli investimenti di importo unitario inferiore a euro. Semplificata la compilazione dei modelli Intra-servizi L Agenzia delle Dogane ha recepito le semplificazioni alle modalità di compilazione dei modelli Intra relativi alle prestazioni di servizi. In particolare è ora prevista l indicazione facoltativa del numero e della data della fattura nonché delle modalità di erogazione del servizio e di incasso. La nuova versione delle istruzioni specifica inoltre che, in caso di prestazioni con la medesima controparte (acquirente / fornitore) e tipologia del servizio e lo stesso Paese di pagamento, in ciascuna riga di dettaglio va riepilogato l importo complessivo delle stesse.

13 Torna al sommario pag. 13 Le scadenze Lunedì 27 aprile INTRASTAT - Presentazione elenchi mensili e primo trimestre Giovedì 30 aprile IVA: COMUNICAZIONE ACQUISTI SAN MARINO - Comunicazione mensile da operatori economici sanmarinesi annotate nei regisrti Iva nel mese precedente. AMBIENTE - Denuncia annuale MUD. AMBIENTE - Piano gestione solventi per lavanderie. AMBIENTE - Versamento diritto annuale Albo Gestori Rifiuti. Lunedì 18 maggio IVA - Versamento mese di aprile. IVA TRIMESTRALE - Versamento primo trimestre RITENUTE ALLA FONTE - Versamento mese di aprile dipendenti, lavoratori autonomi e provvigioni. ADDIZIONALI IRPEF - Determinazione e versamento imposta regionale e comunale per redditi lavoro dipendente e assimilati. INPS - Versamento contributi previdenziali dipendenti mese di aprile; versamento contributo dipendenti e collaboratori iscritti gestione separata. INPS - Versamento rata contributi sul minimale di reddito. INAIL - Autoliquidazione, denuncia delle retribuzioni 2014; versamento premi anno 2014/2015. Lunedì 25 maggio INTRASTAT - Presentazione elenchi mensili. Lunedì 1 giugno IVA: COMUNICAZIONE ACQUISTI SAN MARINO - Comunicazione mensile da operatori economici sanmarinesi annotate nei regisrti Iva nel mese precedente. SCF/DIRITTI DISCOGRAFICI - Termine pagamento diritti per Parrucchieri, Pubblici Esercizi, ecc. SICUREZZA - Presentazione documento di valutazione rischi secondo le procedure standardizzate.

14 Torna al sommario pag. 14 FORMAZIONE Sicurezza del lavoro - Accordo Stato/Regioni del 21/12/11 Formazione obbligatoria per tutti i dipendenti, soci e collaboratori familiari Com è noto, la Conferenza Permanente per i rapporti tra Stato e Regioni ha approvato gli Accordi che prevedono importanti novità in materia di formazione dei lavoratori in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. L Accordo, in vigore dal 26 gennaio 2012, prevede che tutti i lavoratori dovranno seguire corsi specifici di formazione sui rischi aziendali legati all attività svolta, con durata variabile in base al livello di rischio (attraverso la classificazione dei settori di cui allegato 2 dell Accordo Individuazione Macrocategorie di rischio e corrispondenze codice attività ATECO ). Segnaliamo che il nuovo Accordo contiene anche una serie di altre disposizioni riguardanti ad es. i lavoratori stagionali, la collaborazione con gli enti bilaterali e gli organismi paritetici nella realizzazione dei corsi, la formazione obbligatoria in caso di somministrazione lavoro, la ripetizione della formazione in caso di trasferimento o cambiamento di mansione, introduzione di nuove attrezzature, tecnologie, sostanze ed in particolare la formazione obbligatoria da dare ai lavoratori nuovi assunti entro 60 giorni dalla data di assunzione. Confartigianato Cremona si mette a disposizione delle imprese per poter ottimizzare i suddetti adempimenti cercando di agevolare nel miglior modo la partecipazione degli associati grazie a tariffe ridotte e completezza dell offerta formativa organizzata nelle Sedi dell Associazione in tutta la Provincia di Cremona. I corsi saranno suddivisi in base al livello di rischio del settore di appartenenza dell azienda e richiederanno un aggiornamento ogni 5 anni. Al termine del percorso formativo verrà rilasciato regolare attestato di frequenza. Qui di seguito lo schema di articolazione della formazione per i prossimi mesi: A CREMONA - via Rosario, 5 Lunedì 4 maggio dalle 14 alle 18 Lunedì 11 maggio dalle 14 alle 18 Lunedì 18 maggio dalle 14 alle 18 Lunedì 25 maggio dalle 14 alle 18 Scarica qui la scheda di iscrizione ai corsi sulla sicurezza Per Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi Corso RSPP sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Il corso è rivolto ai datori di lavoro che intendono assumersi l incarico di Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi e viene effettuato in ottemperanza a quanto previsto dall'attuale normativa di riferimento (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011). Qui le date del corso: Martedì 5 maggio dalle 17 alle 21 Martedì 12 maggio dalle 17 alle 21 Martedì 19 maggio dalle 17 alle 21 Martedì 26 maggio dalle 17 alle 21 Tra gli argomenti trattati, il D.Lgs. 81/2008 sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, la valutazione del rischio, la tipologia dei rischi di gestione della sicurezza in azienda e la prevenzione degli incendi. Inoltre verranno approfondite le tematiche sul rapporto con il personale, gli infortuni sul lavoro ed il ruolo dell'inail, la sorveglianza sanitaria e la gestione delle emergenze. Il percorso formativo viene articolato in moduli associati ai tre livelli di rischio, basso, medio e alto (della durata di 16/32/48 ore), previsti per le aziende a seconda il tipo di attività svolta, come da codice attività ATECO 2002_2007.

15 Torna al sommario pag. 15 Il calendario dei nostri corsi CORSO DI FORMAZIONE PONTEGGI Nel mese di maggio Confartigianato Cremona comunica che sono aperte le iscrizioni al corso di formazione rivolto ai dipendenti e titolari di azienda addetti alle attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici. Tale formazione obbligatoria è prevista dal D.Lgs. 81/08 (che ha recepito il D.Lgs. 235/2003 entrato in vigore in data 19/07/2005). Tutti coloro che sono adibiti al montaggio smontaggio e trasformazione dei ponteggi devono essere in possesso dell attestato di formazione. Sede: campo autorizzato di San Giovanni in Croce Va Valletta, 1 - Zona Artigianale dietro Factory Outlet CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ADDETTI AL MONTAGGIO PONTEGGI Sabato 30 maggio 2015 (D.lgs 235/03 D.lgs 81/08 art allegato XXI p.6) I lavoratori che hanno conseguito l idoneità formativa per svolgere le mansioni di addetti al montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi hanno l obbligo per legge, di svolgere ogni 4 anni un corso di formazione tecnicopratico della durata minima di 4 ore di cui tre ore di contenuti tecnico/pratici. La mancata frequenza del corso di aggiornamento non consente lo svolgimento dell attività di montaggio/smontaggio trasformazione dei ponteggi. CORSO AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO (Obbligatorio ogni 3 anni) Corso pre-serale della durata complessiva di 8 ore (2 lezioni) Lunedì 18 e martedì 19 maggio dalle alle Il corso di Aggiornamento Primo Soccorso triennale rientra negli obblighi formativi del D.Lgs. 81/08 a carico delle aziende artigiane con soci, dipendenti o coadiuvanti; l aggiornamento della formazione di Primo Soccorso è prevista ogni tre anni dal rilascio dell attesto di formazione di base. Presso: Sede Confartigianato Cremona Via Rosario, 5 CORSO DI ANTINCENDIO BASSO e MEDIO RISCHIO Corso Medio (serale + pratica sabato) giovedì 18 giugno dalle 17 alle 21 sabato 20 giugno dalle 8.30 alle Il corso per Addetti all Antincendio, ai sensi dei D.Lgs. 626/94 e D.M. del 10 marzo 1998, è uno degli obblighi formativi per le società e le aziende individuali con dipendenti o coadiuvanti. Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza con profitto. Gli interessati possono richiedere informazioni e la scheda di partecipazione contattando l Ufficio Formazione, telefono: / Per partecipare ai corsi è necessario essere associati e in regola con il pagamento della Tessera 2015

16 Torna al sommario pag. 16 SINDACALE Dal 3 di aprile è possibile scegliere e tale opzione è vincolata fino al 30 giugno 2018 TFR in busta paga: iniziata la sperimentazione Informiamo che la legge n. 190/2014 (legge di stabilità 2015) ha introdotto in via sperimentale la possibilità di richiedere al datore di lavoro la liquidazione mensile della quota di TFR, come quota integrativa della retribuzione (Qu.I.R.). Tale possibilità riguarda tutti i lavoratori dipendenti del settore privato che abbiano un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso il medesimo datore di lavoro. La manifestazione di volontà, qualora esercitata, è irrevocabile fino al 30 giugno A tal fine è necessario compilare l apposito modulo a disposizione delle aziende presso l Ufficio Paghe della nostra Associazione. La manifestazione di volontà può essere esercitata anche in caso di conferimento del TFR a forme pensionistiche complementari; in tal caso la partecipazione alla forma pensionistica complementare prosegue senza soluzione di continuità, anche sulla base della eventuale contribuzione a carico del lavoratore e/o del datore di lavoro. Il lavoratore dipendente è tenuto a notificare al datore di lavoro l eventuale disposizione del TFR a garanzia di contratti di finanziamento; detta disposizione preclude infatti l'esercizio della richiesta della Qu.I.R. fino alla notifica da parte del mutuante della estinzione del credito oggetto del contratto di finanziamento. La quota integrativa della retribuzione (Qu.I.R.) sarà assoggettata a tassazione ordinaria (in luogo della tassazione separata del TFR erogato a fine rapporto) mentre non sarà imponibile ai fini previdenziali. Tale quota rientrerà quindi nella determinazione del reddito complessivo a tutti gli effetti di legge, fatta eccezione per la determinazione del reddito complessivo ai fini del diritto al credito di cui art. 13, comma 1-bis, del TUIR (c.d. bonus 80 euro ex DL 66/2014). La manifestazione di volontà è efficace e l'erogazione della Qu.I.R. è operativa a partire dal mese successivo a quello di presentazione dell istanza, sino al periodo di paga che scade il 30 giugno 2018, ovvero a quello in cui si verifica la risoluzione del rapporto di lavoro se antecedente. La liquidazione della Qu.I.R. avverrà mensilmente a partire dal periodo di paga decorrente dal mese successivo a quello di presentazione dell istanza. Qualora invece codesta azienda intenda accedere al finanziamento previsto dall art. 1, comma 30, della legge n. 190/2014 (possibilità prevista per i datori di lavoro aventi alle dipendenze un numero di addetti inferiore a 50, di accedere a un finanziamento assistito da garanzia rilasciata dal Fondo istituito presso l INPS ai sensi dell art. 1, comma 32, della legge n. 190/2014 e dalla garanzia dello Stato quale garanzia di ultima istanza) la liquidazione della Qu.I.R. avverrà mensilmente a partire dal terzo mese successivo a quello di presentazione dell istanza. Infine si sottolinea che tra le cause che determinano l interruzione della liquidazione della Qu.I.R. (accordo di ristrutturazione del debito di cui all articolo 182-bis della legge fallimentare, piano di risanamento di cui all articolo 67, comma 3, lettera d, della legge fallimentare, accordo di ristrutturazione dei debiti e di soddisfazione dei crediti di cui all articolo 7, della legge n. 3 del 27 gennaio 2012, avvio di procedure concorsuali) rientrano gli interventi autorizzati di integrazione salariale straordinaria e in deroga, se in prosecuzione dell integrazione straordinaria stessa, limitatamente ai lavoratori dipendenti in forza all unità produttiva interessata dai predetti interventi. Per qualsiasi informazione potete contattare gli Uffici di Confartigianato Cremona al numero

17 Torna al sommario pag. 17 NOVITA NEI CONTRATTI AUMENTI CONTRATTUALI Segnaliamo che con il mese di aprile entrano in vigore gli accordi contrattuali dei seguento CCNL: - Tessile / Abbigliamento - Lavanderie - Commercio METALMECCANICI - ORAFI - ODONTOTECNICI: UNA TANTUM L accordo prevede inoltre un erogazione economica una tantum di 420 a copertura del periodo di carenza contrattuale 2013/2014. Tale importo verrà erogato ai lavoratori in forza alla data di sottoscrizione (15 gennaio 2015) e in relazione alla durata del rapporto di lavoro nel periodo che va dal gennaio 2013 al dicembre 2014 e corrisposto in quattro tranche di 105 cadauna rispettivamente con le retribuzioni di gennaio, aprile, luglio, ottobre Agli apprendisti sarà erogato nella misura del 70% con i medesimi criteri. Per qualsiasi informazione potete contattare l Ufficio Paghe dell Associazione al numero

18 Torna al sommario pag COS E SAN.ARTI. - San.Arti. è il Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa nato dall accordo per i lavoratori dell artigianato interconfederale del 21 settembre 2010 e dei contratti collettivi nazionali di lavoro, i cui Soci Fondatori sono: le organizzazioni imprenditoriali dell artigianato, fra cui Confartigianato Imprese, e le organizzazioni sindacali confederali dei lavoratori CGIL, CISL e UIL. - PER CHI E SAN.ARTI. - Per familiari dell imprenditore artigiano, dei soci dell impresa artigiana, dei collaboratori dell imprenditore artigiano e dei titolari di piccole e medie imprese non artigiane si intendono: il coniuge (anche se separato); il convivente more uxorio, i figli a carico. Per figli a carico si intendono: i figli di età inferiore ai 18 anni con un reddito da lavoro inferiore a 2.840,51 al lordo degli oneri deducibili; i figli di età superiore a 18 anni e fino al compimento del 30 anno di età che versino in stato di inoccupazione/disoccupazione con un reddito da lavoro inferiore a 2.840,51 al lordo degli oneri deducibili; i minori legalmente affidati. La sanità integrativa per gli Artigiani Oggi anche i titolari possono avere rimborsi CHIEDI SUBITO INFORMAZIONI: chiama lo I COSTI PER ADERIRE - Al fondo possono aderire i titolari, i soci, i collaboratori, i dipendenti e i familiari d imprese artigiane. La quota di adesione per i titolari, i soci e i collaboratori è di 295, invece per i familiari che decidessero di aderire volontariamente al Fondo la quota d adesione è di soli 110 per ogni figlio fino a 14 anni, 175 per ogni figlio da 15 anni a 18 anni (30 anni se fiscalmente a carico) 175 per il coniuge/ convivente more uxorio fino a 67 anni. Grazie a San.Arti. i familiari possono contare sul rimborso in corso d anno delle spese sostenute per una vasta gamma di prestazioni sanitarie a fronte di un piccolo contributo economico. - COME ADERIRE - L iscrizione è volontaria e si effettua compilando apposita modulistica presente sul sito oppure rivolgendosi al nostro Sportello presso la Sede provinciale. Una volta in possesso di username e password, San.Arti. sarà sempre a vostra disposizione tramite il sito internet, l App e il Numero Verde per: - prenotare visite ed esami e la copertura della prestazione dal piano sanitario; - ricevere consulenza per la scelta della struttura più idonea e conoscere la disponibilità dell appuntamento entro 24 ore dalla richiesta; - controllare in ogni momento i rimborsi; - consultare l elenco delle strutture sanitarie convenzionate.. ecc. I servizi online sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Decine di prestazioni erogate: diagnostica e terapia, visite specialistiche, ticket per accertamenti diagnostici e pronto soccorso, pacchetto maternità, ricovero in Istituto di cura per intervento chirurgico, odontoiatra, fisioterapia.

19 Torna al sommario pag. 19 ANCOS L'A.N.Co.S. - Associazione Nazionale Comunità Sociali e Sportive, è la possibilità concreta di svolgere attività ricreativa, turistica, di solidarietà e impiego intelligente del tempo libero. L'Ancos è un ente di promozione sociale riconosciuto dal Mistero per la Solidarietà Sociale e dal Ministero degli interni che vuole, tramite le esperienze associative come la nostra, rispondere ai bisogni di socialità e relazionalità che provengono dalla gente e per questo è abilitata anche alla raccolta del 5x1000. Ancos è anche un momento di aggregazione e di socializzazione, valorizzando il tempo libero con iniziative di volontariato e solidarietà, offrendovi opportunità culturali, attività sportive, occasioni di viaggio, eventi, momenti, di confronto e comunicazione, corsi di formazione. Ancos ti da una mano a vivere meglio, ti assiste in varie necessità rendendo più semplice e allegra la tua vita. Cosa aspetti a diventare socio? - ISCRIVITI ANCHE TU AD ANCOS - Il Consiglio Direttivo dell Ancos ha deliberato il costo annuale della tessera associativa che da diritto di partecipare alle varie iniziative promosse da Ancos. Per l anno 2015 è stata confermata la quota di 10,00 a persona e per soggetto famigliare. La tessera scade al 31/12 di ogni anno. I soci ANAP sono automaticamente soci Ancos e non devono versare la quota. Il rinnovo o la sottocrizione si effetta presso la Sede di via Rosario, 5 a Cremona. Per informazioni e iscrizioni contattare la sede ANCOS di Cremona - via Rosario, 5 - tel PROSSIME INIZIATIVE EXPO: VISITA ALL ITALIAN MAKERS VILLAGE Domenica 25 maggio Visita all IMV (Italian Makers Village), il fuori Expo di Confartigianato a Milano, in occasione di EXPO Settimana dedicata alla Toscana. (Tutti possono partecipare - partenza in pullman dalla Sede di via Rosario fino ad esaurimento posti). OSTENSIONE DELLA SACRA SINDONE A TORINO Martedì 2 giugno Partecipazione alla Straordinaria Ostensione della Sacra Sindone in occasione del Bicentenario della nascita di S. Giovanni Bosco. Tour del centro storico di Torino, sosta alla zona di Valdocco, presso la Casa Madre dei Salesiani. Visita del Santuario di Maria Ausiliatrice dove è custodito il corpo di San Giovanni Bosco. Ad orario stabilito, ingresso nella Cattedrale di S. Giovanni dove è prevista l Ostensione della Sacra SIndone; passaggio davanti al Sacro Telo per la devozione e la preghiera. Partenza ore 7 dal piazzale bus turistici di Porta Venezia). 30,00 a persona. Info e prenotazioni: chiamare Ancos - Cremona, via Rosario, 5 - tel

20 Torna al sommario pag. 20 E tempo di dichiarazioni dei redditi Il 730 con il CAAF Confartigianato: un servizio valido ed efficiente per recuperare subito i tuoi crediti Tutti possono accedere al nostro CAF. Firma per il 5 x 1000 e scegli ANCOS Confartigianato Cremona ricorda che quest anno, viste le novità introdotte, vengono unificate le scadenze per il Mod. 730 al 7 luglio 2015, sia se il modello viene presentato direttamente dal contribuente, sia se viene presentato tramite sostituto d imposta, CAF o professionista. La dichiarazione dei redditi, per 20 milioni di contribuenti tra lavoratori dipendenti e pensionati, dovrebbe essere facilitata dalla novità del Mod. 730 precompilato. Dovrebbe in quanto il nuovo modello, disponibile online (è stato rilasciato il 15 aprile dall Agenzia delle Entrate, è consultabile attraverso un cassetto fiscale dedicato, la cui chiave d accesso è una password personalizzata, un Pin individuale (insomma, una prassi complessa). Il servizio Caaf Confartigianato offre un assistenza fiscale utile, sicura ed efficiente, grazie alla quale sarà possibile avere subito la dichiarazione dei redditi Mod. 730, farsi rimborsare l IRPEF al più presto, rateizzare, in caso di debito d imposta, l importo dovuto fino ad un massimo di cinque rate, presentare la dichiarazione congiuntamente con il coniuge e assicurando riservatezza ed offrendo un'assistenza completa per tutti gli altri adempimenti fiscali. Inoltre, è possibile donare il proprio 5x1000 ad ANCOS - C.F L'ANCoS è un ente di promozione sociale riconosciuto dal Mistero per la Solidarietà Sociale e dal Ministero degli interni che vuole, tramite le esperienze associative come la nostra, rispondere ai bisogni di socialità e relazionalità che provengono dalla gente. Per questo è abilitata anche alla raccolta del 5x1000. Le entrate servono a realizzare grandi progetti umanitari in Italia e all'estero, come ad esempio la scuola dei Mestieri di Soddo (Etiopia), per insegnare ai giovani etiopi un mestiere utile ai fini del loro futuro, sollevandoli dalla situazione di estrema difficoltà nella quale vivono, e l attività di prevenzione dell Alzheimer. Informazioni e appuntamenti presso il Caaf Confartigianato - via Rosario, 5 - tel e tutte le sedi degli Uffici periferici dell Associazione presenti sul territorio provinciale. Per il tuo 730 scegli il nostro CAAF

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Roma, 23/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 82

Roma, 23/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 82 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23/04/2015 Circolare

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli