scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è che lo facciano al

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è che lo facciano al"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE scuola secondaria di I e II grado La scuola di fronte ai Disturbi Specifici di Apprendimento La dislessia gennaio-febbraio 2010

2 "Ogni studente suona il suo strumento, non c'è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l'armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un'orchestra che prova la stessa sinfonia. E se hai ereditato il piccolo triangolo che sa fare solo tin tin, o lo scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è che lo facciano al momento giusto, il meglio possibile, che diventino un ottimo triangolo, un impeccabile scacciapensieri, e che siano fieri della qualità che il loro contributo conferisce all'insieme. Siccome il piacere dell'armonia li fa progredire tutti, alla fine anche il piccolo triangolo conoscerà la musica, forse non in maniera brillante come il primo violino, ma conoscerà la stessa musica. da Pennac - Diario di scuola - Feltrinelli 2

3 Indice slides 4 18: Quali difficoltà mostra lo studente dislessico Risorse attivabili 19 34: Insegnanti e genitori: cosa fare in presenza di studenti dislessici La normativa di riferimento i Gli esami di stato per il I e il II ciclo della scuola secondaria 35 57: Misure dispensative e strumenti compensativi La valutazione 58 68: Proposta di strategie didattiche 69 73: Bibliografia, sitografia 3

4 Quali difficoltà mostra lo studente dislessico i Risorse attivabili 4

5 Segnalazione per uso scolastico: diagnosi specialistica di disturbo specifico nota MPI prot del 10 maggio 2007 I documenti rilasciati devono dare informazioni precise e contenere anche indicazioni sulle compensazioni necessarie per lo specifico studente. 5

6 Consensus Conference 2007 Diagnosi clinica Diagnosi funzionale 6

7 Cosa deve contenere una diagnosi di DSA sintesi diagnostica Quoziente Intellettivo memoria attenzione linguaggio area visuo-spaziale-prassica processi di lettura processi di scrittura calcolo e processamento numerico necessità protesiche conclusioni 7

8 I Disturbi Specifici di Apprendimento non vanno confusi con le difficoltà di apprendimento (disabilità, ritardo mentale, svantaggio,...) 8

9 Disturbi Specifici di Apprendimento Dislessia Disortografia Disgrafia Discalculia 9

10 Prodaqi nlente risute r pivvicile gere puetse qoce rige. Palcuno sia dd elerà algi erori pi standa. Ev et tinfanemete appiano sotsiito duaicele tera, noeso palcosa, agiutno atlro. Inraltà tsatet drofando d artivicialnete i i t bu el o ce aqituanlente drovano i ragazi qisl esici nl lerege. da AA. VV. Guida agli ausili informatici-dislessia Anastasis, Bologna

11 Dislessia: difficoltà di lettura. Il disturbo si mantiene nel tempo e non è transitorio lettura poco fluente; perdita e salto di riga e/o di parola; confusione e sostituzione di lettere e suoni simili (p/b sc/cs a/e u/n d/t r/l ); ripetizioni, aggiunte, omissioni, inversioni di lettere e/o parole; prevalenza della componente intuitiva. 11

12 Dislessia: i conseguenze Il deficit nella velocità e nella correttezza della lettura spesso ha come conseguenze: problemi di comprensione del testo ridotta pratica della lettura che impedisce un arricchimento del vocabolario e della conoscenza generale 12

13 la adsessae dislessia evolutiva out non èu una malattia aatta non esiste un rimedio chiaro e rapido per eliminarla. un dislessico non guarisce, ma sicuramente migliora, l obiettivo didattico deve essere orientato alla riduzione delle difficoltà, non alla cancellazione degli errori o alla scomparsa del deficit,... (dott. Stella, ASL Bologna) 13

14 La dislessia è una disabilità invisibile i ibil, è una disabilità inaccettabile per la scuola (G. Stella I disturbi specifici dell apprendimento) 14

15 Inoltre lo studente dislessico può mostrare difficoltà: nelle abilità motorie nell organizzazione spaziale e temporale nell esposizione orale nel memorizzare termini specifici delle discipline nell apprendimento delle lingue straniere nell attenzione e nella concentrazione 15

16 di sicuro il dislessico... è indenne da problemi cognitivi,neurologici, sensoriali,emotivi,sociali può riuscire a scuola: ha bisogno di un insegnamento diverso. impara in maniera diversa; le difficoltà sono circoscritte può aver bisogno del triplo di tempo rispetto ai compagni. ha bisogno sempre di consegne chiare e ripetute più volte. 16

17 Risorse attivabili Associazione Italiana Dislessia Sezione Rappresentante Territoriale Milano Sanvito Laura Data elezione 22/11/2009 Telefono Fax

18 Centro Internazionale del Libro Parlato A. Sernagiotto p.le Monte Grappa, Feltre (Belluno) Tel Fax Libro Parlato Centro di Milano R. Monti via Boscovich, Milano Tel Fax Nastroteca F.lli Milani - Unione Italiana ciechi di Brescia promotore dott. Raul Pietrobon Tel A.DO.V. Associazione Donatori di Voci di Pavia via de Canistris, Pavia MAC Movimento Apostolico Ciechi di Milano via Vivaio, Milano Tel

19 Insegnanti e genitori: cosa fare in presenza di studenti dislessici La normativa di riferimento Gli esami di stato t per il primo e il secondo ciclo della scuola secondaria 19

20 Per i genitori: documentarsi sui disturbi di apprendimento richiedere una diagnosi i secondo il protocollo accettare il problema svolgere un aiuto quotidiano a casa in alternativa demandare l aiuto ad una persona diversa comprendere le difficoltà del figlio e farle comprendere incoraggiarlo trovare un equilibrio educativo ed affettivo tenersi in costante contatto con la scuola non trasmettere ansia per l attesa dei risultati rivolgersi iad uno specialista dei idisturbi bidi apprendimento contattare le associazioni preposte per questi problemi 20

21 Per i genitori: concordare con i docenti le verifiche orali supportarlo nello studio con video e molte immagini incoraggiarlo all uso del computer renderlo sempre più autonomo affinché riesca ad organizzarsi nello studio 21

22 Per gli insegnanti: cosa fare? essere informati sui Disturbi Specifici di Apprendimento attuare un rapporto di collaborazione con la famiglia e i servizi preposti conoscere adeguatamente la normativa di riferimento aggiornarsi sull argomento mettere in atto le direttive previste dalla normativa vigente mettere in atto strumenti compensativi e misure dispensative mettere in atto una didattica flessibile (è utile per tutta la classe!) redigere il Percorso Didattico Specifico 22

23 Per gli insegnanti: cosa fare nei confronti dello studente? concedergli attenzione facendogli capire che si è interessati alle sue difficoltà favorire la fiducia in se stesso e nelle sue capacità incoraggiarlo mettere in evidenza le altre capacità che possiede adeguarsi al suo stile di apprendimento utilizzare la risorsa compagni lasciarlo lavorare con il testo aperto (prove scritte e/o verbali) o con mappe, schemi, formulari,... anche personalizzati ridurre la quantità delle richieste specifiche selezionare, ridurre i compiti a casa 23

24 Per gli insegnanti: cosa non fare! non metterlo in imbarazzo davanti alla classe facendolo leggere a voce alta (a meno che non sia lui stesso a volerlo) evitare definizioni come lento, pigro, svogliato non confrontare i suoi risultati con quelli dei compagni dare liste di parole, date, poesie da imparare far ricopiare un lavoro se scorretto o disordinato correggere tutti gli errori dovuti al disturbo insistere con esercizi ripetitivi 24

25 Il 26 gennaio 2010 il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato la legge su Disposizioni in favore dei soggetti con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) 25

26 Normativa di riferimento Costituzione italiana - Art. 3 Costituzione i italiana - At Art. 34 Autonomia scolastica - Legge n. 59/97 art. 21 Autonomia scolastica - Legge n. 59/97 art. 21 Autonomia delle istituzioni scolastiche - D.P.R. n. 275/99 26

27 27

28 Normativa Regionale Nota prot del 03 novembre 2004 Dislessia e DSA: strumenti compensativi e dispensativi Nota prot del 13 giugno 2005 Esame alunni affetti da dislessia Nota prot. n. 26/A4 del 5 gennaio 2005 Iniziative relative alla dislessia Nota prot del 5 ottobre 2004 Iniziative relative alla dislessia Legge Regionale del 2 febbraio 2010 n. 4 Disposizione in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento 28

29 Nota prot del 10 maggio 2007 "Disturbi di apprendimento Indicazioni operative :... nei confronti di alunni con disturbi di apprendimento, certificati da diagnosi specialistica di disturbo specifico, vengano utilizzati strumenti compensativi e attuate misure dispensative

30 ... strumenti compensativi... tabella dei mesi, tabella dell alfabeto e dei vari caratteri, tavola pitagorica, tabella delle misure, tabella delle formule geometriche, calcolatrice, registratore, computer con programmi di video-scrittura con correttore ortografico e sintesi vocale, ecc

31 ... misure dispensative... dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline, dispensa, ove necessario, dallo studio della lingua straniera in forma scritta, programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa, organizzazione i di interrogazioni i i programmate, valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma

32 Valutazione, scrutini, esami di stato Nota prot del 10 maggio 2007 "Disturbi di apprendimento Indicazioni operative C.M. n maggio 2009 " anno scolastico 2008/2009 esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione PARTICOLARI CATEGORIE DI CANDIDATI CM 32 / 2008: Scrutini ed esame di Stato a conclusione del primo ciclo di istruzione - Anno Scolastico Disposizioni per particolari tipologie di alunni Alunni con disturbo specifico di apprendimento (DSA) 32

33 C.M. n del 28 maggio 2009 "Anno scolastico 2008/2009 Esami di Stato per gli studenti affetti da disturbi specifici di apprendimento - DSA D.P.R. n 122 del 22 giugno Art. 10 Valutazione degli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA) PROVA INVALSI - Esame di Stato I Ciclo Somministrazione per particolari tipologie di alunni PROVA INVALSI - Esame di Stato I Ciclo - Materie e prove d esame 33

34 Indicazioni per lo svolgimento delle prove scritte e orali per l esame di stato a conclusione del Secondo ciclo d istruzione Nel documento del Consiglio di Classe (cd doc. 15 maggio): o riportare tutte le informazioni sugli strumenti compensativi e dispensativi, con riferimenti alle verifiche, ai tempi e al sistema valutativo utilizzati in corso d anno o inserire modalità, tempi e sistemi valutativi per le prove d esame. La commissione d esame terrà in considerazione, per la predisposizione della terza prova scritta e per la valutazione delle altre due prove: o tempi più lunghi o utilizzo di strumenti informatici se utilizzati in corso d anno (es. sintesi i vocali, dizionari i i digitali, it...) dal Piano Didattico Specifico dell AID 34

35 Misure dispensative e strumenti compensativi La valutazione 35

36 Le misure dispensative dispensa sa da alcune prestazioni tempi personalizzati per le attività studio valutazione Sono misure che non violano l imparzialità, ma al contrario mettono il dislessico sullo stesso piano dei compagni Giacomo Stella 36

37 Le misure dispensative verifiche più corte o tempi più lunghi minore quantità di compiti a casa dispensa da alcune prestazioni come da normativa privilegiare verifiche orali dispensare dallo studio della lingua straniera in forma scritta, ove possibile 37

38 ... e inoltre leggere le consegne degli esercizi interrogazioni e compiti programmati non sovrapporre compiti e interrogazioni delle varie materie elasticità nella richiesta di esecuzione dei compiti a casa controllo della gestione del diario, laddove necessario 38

39 Gli strumenti compensativi strumenti facilitanti le attività scolastiche definiti iti come una specie di protesi elaborano procedimenti meccanici i e ripetitivi i rendono più autonomo lo studente 39

40 strumenti compensativi computer software specifico sintesi vocale tavola coniugazioni i i verbali cartine geografiche e storiche tabella misure e formule geometriche mappe mentali e concettuali calcolatrice audio registratore o lettore MP3 vocabolario multimediale enciclopedia informatica multimediale l libro parlato audiolibro testi scolastici con CD ROM allegati testi in PDF (biblio AID) scanner internet 40

41 T A B E L L E da AID Dislessia, strumenti compensativi Libriliberi

42 T ( x) ( ) f y = g x f ( x) lim x x1 g x A ( ) B E L L E FUNZIONE FRATTA CE: C.E.: g ( x ) 0 x x1; x x2 FUNZIONE POLINOMIALE y = f ( x) n n 1 f ( x) = ax + bx +... CE C.E.: LIMITI: LIMITI: m> n a m= n a > 0 + b lim y = x + a < 0 f ( x) a n pari: lim = asintoto orizzontale di eq. y = x g ( x) b a > 0 + lim y = m < n 0 x a < 0 asintoto orizzontale di eq. y = 0 a > 0 + lim y = x + a < 0 n dispari: a > 0 =± lim y = x a < 0 + asintoto verticale di eq. x = x 1 MASSIMI E MINIMI MASSIMI E MINIMI f '( x) g( x) f ( x) g' ( x) y ' = g( x) 2 1 y' = a n x n +... y =0 x = x A x= x B y =0 x = x A x= x B y >0 x < xa x> xb y >0 xa < x< xb x A x B x A x B x A è un punto di Massimo x B è un punto di minimo La funzione è crescente per x<x A x> B La funzione è decrescente per xa < x< xb y =0 y >0 x FLESSO E CONCAVITÀ x A è un punto di minimo x B è un punto di Massimo = xf y =0 x = xf x > x y >0 x < xf F La funzione è crescente per xa < x< x La funzione è decrescente per x<x A x> B FLESSO E CONCAVITÀ B x F x F x F è un punto di Flesso La funzione ha la concavità verso l alto per x > x F x F è un punto di Flesso La funzione ha la concavità verso l alto per x < x F 42

43 I HAVEN T GOT YOU HAVEN T GOT HE SHE IT HASN T GOT T WE HAVEN T GOT YOU HAVEN T GOT A THEY HAVEN T GOT B E L L E ADJECTIVES MEMBERS OF A FAMILY MUM MOTHER DAD FATHER GRANDAD GRANDFATHER GRANMA GRANDMOTHER SON DAUGHTER CHILDREN SISTER BROTHER HAIR EYES BODY PERSONLAITY LONG DARK TALL KIND SHORT BLACK SHORT NICE STRAIGHT BLUE FAT FRIENDLY CURLY BROWN PLUMP CRUEL WAVY THIN DANGEROUS DARK NICE HONEST FAIR BEAUTIFUL BLACK HANDSOME WIFE HUSBAND PARENTS RELATIVES UNCLE AUNT COUSIN NEPHEW NIECE 43

44 Le mappe mentali e concettuali organizzano e rappresentano la conoscenza favoriscono l apprendimento per tutti gli studenti. valide nelle varie discipline di studio utili per: brainstorming, prendere appunti, illustrare e apprendere concetti, ripassare, problem solving, presentazioni 44

45 Le mappe mentali e concettuali aiutano l apprendimento degli studenti con DSA informazioni riunite graficamente in uno spazio ridotto concetti rappresentati con elementi visivi concetti organizzati senza rigida struttura grammaticale visione globale dell argomento facilitano il recupero delle informazioni 45

46 Le mappe mentali gerarchico-associative visivamente hanno un aspetto a raggiera molto utili per pensiero creativo e progettazione di testi. per lingue straniere utili nella rappresentazione visiva delle famiglie di parole e dei testi. meno efficaci per rappresentare argomenti di studio complessi 46

47 Le mappe mentali 47

48 Le mappe concettuali struttura a rete: i concetti sono connessi da relazioni esplicitate. idonee a rappresentare argomenti di notevole complessità utilizzano aspetto visivo multidirezionale favoriscono comprensione, organizzazione i e memorizzazione dei concetti utili per gestire conoscenza e risoluzione di problemi 48

49 Le mappe concettuali Concetto inserito in un nodo collegamento Concetto inserito in un nodo da Mappe, complessità, strutture di comprensione di Mario Gineprini e Marco Guastavigna collegamento collegamento collegamento Concetto inserito in un nodo Concetto inserito in un nodo collegamento collegamento collegamento Concetto inserito in un nodo collegamento Concetto inserito in un nodo 49

50 Le mappe concettuali 50

51 Proposta di software Software: Inspiration Mind Manager Knowledge Manager Freemind Cmaps Tools si scaricano gratuitamente 51

52 esempio mappa con Inspiration: scienze 52

53 esempio mappa con Inspiration: francese 53

54 Le verifiche verifiche in condizioni analoghe a quelle delle esercitazioni consentire uso di strategie e strumenti compensativi a cui l'allievo lli è abituato t incentivare utilizzo di mappe, schemi e immagini privilegiare, generalmente, verifiche orali a verifiche scritte prima delle prove accertarsi che le consegne siano state comprese 54

55 approntare verifiche scalari con il testo graficamente chiaro utilizzare domande a scelta multipla, risposta chiusa, V/F, cloze,... lasciare ampia interlinea sul testo di verifica usare un linguaggio semplice ed essenziale sottolineare o evidenziare parole chiave circoscrivere le parti più importanti del testo 55

56 Nel valutare si deve tener conto degli studenti con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO debitamente certificati Decreto del Presidente della Repubblica n. 122 del 22 Giugno 2009 Art.10 riguarda direttamente gli alunni con DSA 56

57 Per una corretta valutazione necessità di una valutazione che tenga conto delle caratteristiche dello studente definire sempre cosa si sta valutando valutare separando l errore dal contenuto visivamente, segnare in modo diverso gli errori legati all'oggetto della verifica da quelli di tipo strumentale evidenziare e premiare i progressi considerare l impegno, la fatica rendere lo studente partecipe durante l analisi degli errori valutare i progressi in riferimento al livello di partenza non calcolare il tempo impiegato 57

58 Proposta di strategie didattiche 58

59 Strategie anticipare spiegazione prima della lettura far conoscere con anticipo significato di termini specifici utilizzare elementi visivi (immagini, video, foto,...) aiutare lo studente a riconoscere le proprie modalità di apprendimento e di studio 59

60 uso della lettura fatta dai compagni e /o dall insegnante uso della lettura per mezzo di sintesi vocale uso del registratore per lezione da spiegare e per ascolto sintesi lezione precedente (utile per tutti!) scrittura in stampato maiuscolo alla lavagna 60

61 uso di testi ridotti non per contenuto ma per quantità di pagine lingua straniera: dettare al registratore, se necessario scrivere come si pronuncia, far ascoltare un brano più di una volta verifiche orali programmate preferenza di verifiche scritte a domanda chiusa 61

62 Per la comprensione del testo l insegnante: informa sul tipo di testo che viene proposto chiede di fare ipotesi sul contenuto del brano in base al titolo, alle illustrazioni e ad altri elementi contestuali ferma la lettura per porre domande su ciò che è stato letto chiede di fare ipotesi sullo svolgimento 62

63 uso del libro di testo conoscenza degli indici testuali ipotesi sul probabile contenuto del testo inferenze sull argomento fotocopia dell argomento da utilizzare per annotazioni e come base per mappa recupero delle informazioni della lezione con uso della mappa per esposizione i orale 63

64 per il testo scritto stimolare occasioni di scrittura che riportino, possibilmente, a situazioni reali alternare lavori di gruppo, a coppie a lavori individuali pianificare un testo in collaborazione con i compagni 64

65 ... rielaborare un testo scritto per una migliore leggibilità la pagina percettivamente deve essere chiara e non densa di parole, colori, grafici, righe troppo lunghe in base alle difficoltà del dislessico selezionare grandezza e corpo dei caratteri, interlinea, margini capoversi una unità di informazione per ciascuna riga evitare parole spezzate per l andata a capo 65

66 in un testo t narrativo disporre la narrazione secondo l ordine cronologico in un testo informativo ordinare le informazioni per blocchi tematici frasi brevi e basate possibilmente sulla coordinazione preferire la forma attiva dei verbi evitare l uso eccessivo dei pronomi 66

67 ... e se lo studente dislessico avesse il docente di sostegno? lettore aiuto durante studio lingua straniera ricercatore di libri i parlati aiutante nel prendere appunti durante le lezioni sottolineare, titolare, semplificare un testo t aiuto nell elaborazione di mappe mentali e concettuali aiutare nell uso del computer e dei software specifici i guida di gruppi di studio e di recupero aiutare lo studente t alla propria autonomia di studio 67

68 Un consiglio ai ragazzi con la mia stessa difficoltà (Andrea, 18 anni) 68

69 Bibliografia G. Stella La dislessia - Il Mulino, 2004 AA. VV. Guida agli ausili informatici-dislessia - Anastasis, Bologna 2006 P. Meazzini La lettura negata F. Angeli, 2005 G. Stella I disturbi specifici dell apprendimento. Aspetti generali Diapositive+Atti del corso di formazione per docenti 2006 DIESSE Lombardia A.A. V.V. La dislessia raccontata agli insegnanti 1 - a cura dell AID libriliberi, 2002 R. Medeghini Perché è così difficile imparare Antoniotti, Turello I disturbi specifici di apprendimento - Diapositive del corso di formazione - Sassuolo settembre 2006 Lombardia diesse I bisogni irrinunciabili degli alunni con dislessia Atti del corso di formazione per docenti di sostegno sett/ott 2006 Consensus Conference 2007 AID Dislessia, strumenti compensativi Libriliberi

70 Sitografia /it/bibli t it l l it it/handimatica2008/frames/wm php?dim get=320&flusso get=win200&stai n200_27_pm 70

71 Software di libero utilizzo area Software didattico Lingua eloquens.rar: dislessia-eloquens-sintetizzatore-vocale-freeware/ eloquens sintetizzatore tastiera sonora: ViVo Portable USB: 71

72 PODCAST Filosofia it/poddetail?podid=1013 Storia greca, dal 500 al 432 a.c. it/poddetail?podid=876 Tecniche per lo studio t it/ dd t il? did Lezioni di storia Storia medioevale (per università grave 72

73 Video didattici di varie materie (fisica, chimica matematica, medicina, astrofisica, scienze, geofisica, storia, biologia) Adatti alle scuole medie (pochi) o per le superiori. Molti sono in lingua inglese, ma spesso sono comprensibili anche senza un'approfondita conoscenza della lingua 73

74 BUON LAVORO! 74

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Dislessia. Guida agli ausili informa ci. come utilizzare al meglio le nuove tecnologie con i DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO

Dislessia. Guida agli ausili informa ci. come utilizzare al meglio le nuove tecnologie con i DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Guida agli ausili informa ci Dislessia come utilizzare al meglio le nuove tecnologie con i DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Marcella Peroni Nicole a Staffa Luca Grandi Maria Angela Berton Presentazione

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Valeria Raglianti. Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista

Valeria Raglianti. Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista 3 dicembre 2013 Valeria Raglianti Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista Segnalazione di un genitore: Scuola Secondaria di

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici

Progetto DSA. Disturbo Specifico dell Apprendimento. Progetto DSA. Istituto Cesare Arici Istituto Cesare Arici A.S. 2010-2011 Sommario 1. Premessa... 3 2. Responsabile progetto:... 3 3. Finalità... 4 4. Obiettivi... 4 5. Destinatari... 4 6. Attività... 5 7. Metodi... 6 8. Strumenti... 6 9.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI. A cura di FILIPPO BARBERA. Con la presentazione di CESARE CORNOLDI

CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI. A cura di FILIPPO BARBERA. Con la presentazione di CESARE CORNOLDI CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI A cura di FILIPPO BARBERA Con la presentazione di CESARE CORNOLDI Filippo Barbera CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI Con il contributo di Istituto Comprensivo

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Milano, 7 settembre

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli