Tutto sulle candele d accensione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutto sulle candele d accensione"

Transcript

1 Tecnica Tecnologia d'avviamento Elettronica Sensorica d'accensione a freddo di motori diesel Ultra Ultra X Ultra X Platin Tutto sulle candele d accensione Informazione tecnica n 02 Perfezione integrata

2 2 Indice Il motore a ciclo Otto 3 Principio di funzionamento della candela d accensione nel motore a ciclo Otto 3 Requisiti di una moderna candela d'accensione 3 Struttura e tipologie delle candele d'accensione 4 Materiali 4 Distanza tra gli elettrodi 4 La candela d'accensione al dettaglio 4 Posizione e percorso della scintilla 5 Sede della guarnizione 5 Grado termico e conduzione termica 6 Grado termico 6 Influssi sul grado termico 6 Conduzione termica 6 Programma di candele d'accensione BERU 7 BERU Ultra X. Il programma per esigenze estremamente elevate 7 BERU la decisione dei costruttori di automobili 7 Candele d'accensione speciali 7 Espedienti per l'officina 8 Controllo delle candele d'accensione 8/9 Disfunzioni ed usura 10 Montaggio delle candele d'accensione 10 Ausili di montaggio BERU 11 Futuro 12 Il futuro delle candele d'accensione 12 Elevati requisiti delle nuove generazioni di candele d'accensione 12 Miglioramento delle proprietà ceramiche 13 Nuove geometrie per le candele d'accensione per una durata ancora maggiore 13 Ulteriore riduzione delle tolleranze di produzione 13 Recentissimi sistemi di misurazione ed applicazione 14 Produzione delle candele d'accensione 14 Dal pezzo greggio al componente di precisione 14 Test di durezza BERU 15 Standard di qualità BERU 15 Servizi BERU 15 La candela d'accensione il cuore del motore Disponibilità d avviamento, durata, potenza, consumo e comportamento dei gas scaricati dal motore questi importantissimi parametri vengono sostanzialmente influenzati dalla candela d'accensione. La parte della candela d'accensione determinante il funzionamento si trova nella camera di combustione del motore, solo un piccola parte dell'isolatore dell'elemento di collegamento sono visibili dall'esterno. Durante l'esercizio le candele d'accensione devono fornire il massimo rendimento: in ogni situazione devono garantire una sicura accensione, un corretto avviamento a freddo e un funzionamento privo di interruzioni anche in condizioni di massimo carico e dare il loro contributo affinché sia garantita una combustione ottimale e con ciò una ridotta emissione di sostanze nocive. Nella camera di combustione si producono temperature fino a C e una pressione di 50 bar. Inoltre, si verificano tensioni d'accensione fino a Volt. Ma anche gli influssi chimici rappresentano elevati requisiti di qualità. La candela d'accensione, dunque, deve compiere un enorme lavoro pesante per molte migliaia di chilometri. Le candele d'accensione BERU sono componenti di precisione altamente specializzati, che vengono fabbricati secondo i modelli dei costruttori di automobili su

3 3 Il motore a ciclo Otto Principio di funzionamento della candela d accensione nel motore a ciclo Otto Contrariamente ai motori diesel, i motori a ciclo Otto dipendono da un accensione dall'esterno: Nel ciclo di compressione la combustione della miscela compressa di carburante-aria viene realizzata per mezzo di una scintilla elettrica. Qui la funzione della candela d'accensione consiste nel produrre questa scintilla. Questa scintilla si forma dall'alta tensione prodotta dalla bobina d'accensione e si scarica tra gli elettrodi. Partendo dalla scintilla attraverso tutta la camera di combustione si diffonde una fiammata frontale, fino allo scoppio di tutta la miscela. Il calore in tal modo liberatosi aumenta rapidamente la temperatura e la pressione nel cilindro, in tal modo il pistone viene premuto verso il basso. Il movimento viene trasmesso attraverso la biella sull'albero a gomiti in questo modo attraverso la frizione e gli assi fornisce la forza motrice all'autoveicolo. Requisiti di una moderna candela d'accensione Affinché il motore possa funzionare costantemente con forza e in maniera ecologica, sono da soddisfare parecchi requisiti: deve essere disponibile la necessaria quantità di miscela di carburantearia da alimentare nel cilindro, la scintilla d'accensione ricca di energia deve scaricarsi tra gli elettrodi in un istante esattamente predefinito. Qui le candele d'accensione devono fornire il massimo rendimento: Ogni 500 e volte circa al minuto devono fornire una potente scintilla d'accensione e questo anche alla massima potenza per ore ma anche nel traffico stop-and-go. Perfino ad una temperatura di 20 C devono garantire che venga rapidamente raggiunta la temperatura d'esercizio. Le candele d'accensione ad alta tecnologia garantiscono una combustione con una ridotta emissione di sostanze nocive e uno sfruttamento ottimale del carburante senza mancate accensioni, che possono favorire una penetrazione di carburante non bruciato nel catalizzatore con la conseguenza di distruggerlo. Una moderna candela d'accensione deve dunque soddisfare i requisiti seguenti: La scintilla della candela d'accensione durante il ciclo di compressione incendia la miscela compressa di carburante-aria. Requisiti elettrici Sicura trasmissione di alta tensione anche in voltaggi d'accensione fino a Volt Elevata capacità isolante anche a temperature di C, prevenzione di scariche disruptive e di dissipazione Requisiti meccanici Chiusura della camera di combustione ermetica alla pressione e al gas, resistenza contro sbalzi di pressione fino a ca. 100 bar Elevata resistenza meccanica per un montaggio sicuro Requisiti termici Resistenza contro termoshoc (gas combusti bollenti aspirazione di miscela fredda) Buona conduzione termica del piede dell'isolatore e degli elettrodi Requisiti elettromeccanici Resistenza contro erosione da scintille, gas di combustione e residui Prevenzione di una formazione di depositi sull'isolatore Le candele d'accensione sviluppate dalla BERU e fabbricate con pregiati materiali resistono durevolmente a queste condizioni estreme. Sin dallo sviluppo dei motori, gli ingegneri della BERU collaborano strettamente con l'industria automobilistica, affinché le candele d'accensione siano configurate in maniera ottimale per soddisfare i rispettivi requisiti nella camera di combustione.

4 4 Struttura e tipologie delle candele d'accensione Materiali Ultra X Platin Al fine di poter fornire sempre la candela d'accensione ottimale e perfettamente configurata da soddisfare i numerosi requisiti di diversi motori e scopi l'applicazione, la BERU offre un assortimento completo di candele d'accensione. A tal fine per gli elettrodi centrali si utilizzano materiali del tutto svariati. Leghe speciali a base di nichel nonché elettrodi a nucleo di rame sono particolarmente caratterizzati da una buona dissipazione termica e da una elevata resistenza alla corrosione. Ma l'argento possiede una capacità di conduzione termica ancora più elevata. Il platino offre una resistenza ottimale contro la combustione e prolunga pertanto gli intervalli per il cambio. È altrettanto importante l'elettrodo di massa: la sua geometria influenza fra l'altro l'accessibilità della miscela, l'usura, la dissipazione termica e il fabbisogno di tensione d'accensione. A seconda della forma costruttiva della camera di combustione può presentare diverse configurazioni. Distanza tra gli elettrodi La distanza più breve tra l'elettrodo centrale e l'elettrodo di massa della candela d'accensione viene denominata distanza tra gli elettrodi. Qui deve scaricarsi la scintilla d'accensione. La rispettiva distanza ottimale tra gli elettrodi dipende tra l'altro dal motore e viene rilevata in una stretta collaborazione con i costruttori dei motori ossia degli autoveicoli. È molto importante garantire con la massima precisione il rispetto della distanza tra le elettrodi, infatti, una distanza errata può pregiudicare negativamente il funzionamento della candela e di conseguenza peggiorare notevolmente il rendimento del motore. Se la distanza tra le elettrodi è troppo piccola, la conseguenza potrebbe essere un'accensione insufficiente, una corsa in folle instabile e pessimi valori dei gas di scarico. Una distanza tra i elettrodi eccessiva può invece avere la conseguenza di mancate accensioni. Nelle candele munite di parecchi elettrodi non è necessario riaggiustare la distanza tra le elettrodi grazie alla posizione predefinita della scintilla (ad esempio Ultra X, tecnica ad aria/scarica superficiale) Collegamento per il connettore della candela (la figura mostra un recentissimo collegamento SAE, gli autoveicoli più vecchi sono equipaggiati con collegamenti M4). Conduce la tensione d'accensione all'elettrodo. Spina d'acciaio (ignitore) incluso ermeticamente al gas in vetro fuso conduttore, come collegamento con l'elettrodo centrale. L'isolatore è realizzato in ceramica di ossido d'alluminio e isola l'elettrodo centrale fino ad una tensione di Volt contro massa. Il corpo della candela nichelato viene collegato ermeticamente al gas tramite procedimento di termorestrizione con l'isolatore. La filettatura serve per fissare la candela nel blocco motore. Anello di tenuta esterno perenne, per la tenuta ermetica e l'abbattimento del calore. Collegamento elettrico dell'ignitore e dell'elettrodo centrale. Nei tipi (R-) schermati con vetro fuso resistivo. Mediante rispettive miscele aggiuntive, la massa fusa di vetro può essere provvista di una resistenza definita contro la bruciatura e per garantire le proprietà di schermatura. L'anello di tenuta interno stabilisce il collegamento ermetico al gas tra l'isolatore e il corpo metallico e serve altrettanto per abbattere il calore. L'elettrodo centrale è un nucleo di rame rivestito con nichel (nelle recentissime generazioni di autoveicoli con punta di platino), integrato dell'isolatore. L'isolatore sporge nella camera di combustione. Questi influenza sostanzialmente il valore termico della candela d'accensione. L'introduzione facilita notevolmente l'avvitatura della candela. La camera traspirante influisce il comportamento autopulente. Nel corpo della candela d'accensione vi sono saldati uno o parecchi elettrodi di massa, che costituiscono il percorso della scintilla con l'elettrodo centrale. Leghe a base di nichel specialmente sviluppate (nelle recentissime generazioni di autoveicoli con armatura di platino) aumentano notevolmente la resistenza contro la bruciatura dell'elettrodo di massa. Elettrodo centrale di platino Distanza tra gli elettrodi EA La candela d'accensione al dettaglio EA 4 Corpo della candela nichelato 1 Dado di collegamento SAE (passacavo) 2 Ignitore 3 Isolatore di ossido d'alluminio

5 5 Struttura e tipologie delle candele d'accensione Percorso della scintilla Posizione e percorso della scintilla Due fattori essenziali influiscono il funzionamento della candela d'accensione nella camera di combustione: la posizione della scintilla e il percorso della scintilla. La geometria definita dagli sviluppatori dei motori viene chiamata posizione della scintilla, cioè, la misura fino a quale si propaga la scintilla all'interno della camera di combustione. Nel percorso della scintilla è da distinguere: Percorso della scintilla nell'aria: traiettoria della scintilla tra gli elettrodi, per incendiare la miscela di carburante-aria nella camera di combustione. Percorso della scarica superficiale: traiettoria della scintilla dall'inizio della superficie fino alla punta dell'isolatore per scaricarsi quindi sul elettrodo di massa. Su questo percorso si bruciano fastidiosi depositi derivanti dai residui di combustione. Percorso dell aria/scarica superficiale: traiettorie delle scintille che possono propagarsi attraverso l'aria e l'isolatore. Grazie alla combinazione di traiettorie indipendenti tra di loro, cioè aria e scarica superficiale, è possibile ridurre il consumo degli elettrodi, con il vantaggio di ottenere una durata chiaramente maggiore delle candele d'accensione. Percorso della scintilla nell'aria Percorso della scarica superficiale Sede della guarnizione La candela d'accensione deve essere avvitata nella testata del cilindro in maniera ermetica al gas. A seconda della forma costruttiva del motore, sono da distinguere due tipi di guarnizione: Guarnizione piatta o guarnizione piana: Un anello di tenuta esterno imperdibile funge come guarnizione sul corpo della candela. Sede guarnizione corpo o sede guarnizione conica: La superficie a forma di cono del corpo della candela in una superficie d'appoggio appositamente modellata garantisce la tenuta ermetica della testata del cilindro. Apertura della chiave 16 In condizioni di montaggio ristrette (ad esempio motori con parecchie valvole) molto spesso si utilizzano candele d'accensione FineLine, che presentano aperture inferiori e dimensioni più fini. Sede guarnizione piatta con anello di tenuta Sede guarnizione conica senza anello di tenuta 5 Anello di tenuta esterno perenne 7 Guarnizione interna 10 Introduzione aggiuntiva 11 Camera traspirante 9 Piede dell'isolatore 12 Elettrodo di massa 8 Elettrodo centrale 6 Vetro fuso conduttore elettrico

6 6 Grado termico e conduzione termica Grado termico Il grado termico è una misura per la configurazione termica di una candela d'accensione. Questa misura indica la massima sollecitazione termica attendibile nella candela d'accensione in un equilibrio tra assorbimento ed erogazione di calore. Alla scelta di una candela d'accensione è da rispettare esattamente il grado termico: Se l'indice del grado termico è troppo alto (ad esempio 9), la candela non sarà in grado di dissipare con una sufficiente rapidità il calore prodotto. Ciò ha la conseguenza di accensioni per arroventamento; questo significa che non è la scintilla d'accensione ad incendiare la miscela di carburante, bensì la candela arroventata. Se invece l'indice del grado termico è troppo basso (ad esempio 5), con una ridotta potenza del motore non viene raggiunta la temperatura di combustione necessaria all'autopulizia della candela. La conseguenza: mancate accensioni, elevato consumo e maggiori emissioni O C 850 O C O C 400 O C Campo d'accensione per arroventamento Elevata usura degli elettrodi Campo operativo Limite di autocombustione Annerimento per fuliggine Influssi sul grado termico Nella maggior parte dei casi, più è alta la potenza di un motore, più aumenta anche in proporzione la temperatura della camera di combustione La candela d'accensione deve essere adattata a questa circostanza. La grandezza del piede dell'isolatore influenza in maniera determinante l'assorbimento termico, la dissipazione termica avviene, infatti, attraverso il piede dell'isolatore, l'elettrodo centrale e la guarnizione interna sul corpo della candela verso la testata del cilindro. Le candela d accensione con un piede dell'isolatore lungo assorbono più calore dalla camera di combustione. Ma dato che sulla lunga via verso il corpo della candela possono erogare meno calore, vengono chiamate candele accensione calde. Le candele d'accensione con un piede dell'isolatore corto assorbono meno calore. E dato che sulla breve via verso il corpo della candela possono erogare molto calore, vengono chiamate candele accensione fredde. ca. 30 % Vie di conduzione termica di una candela d'accensione ca. 20 % ca. 2% Conduzione termica Durante il processo di combustione nel cilindro a breve tempo si producono temperature di oltre C, che riscaldano anche la candela d'accensione stessa. La candela d'accensione eroga verso l'esterno circa l'80% di questo calore assorbito attraverso diverse vie di conduzione termica. Gran parte di questo calore viene trasmesso dal filetto della candela d'accensione direttamente sulla testata del cilindro. E proprio per questo motivo è necessario che la candela d'accensione venga sempre serrata con la coppia giusta. La miscela di carburante-aria in fase di passaggio assorbe solo il 20% del calore che viene quindi abbattuto. Grazie all'utilizzo di elettrodi composti, ad esempio elettrodi Ni con nucleo di rame, è possibile migliorare notevolmente l'abbattimento del calore. Con una posizione della scintilla estremamente avanzata nella camera di combustione è possibile raggiungere rapidamente la temperatura di autocombustione tramite uno speciale adattamento della sezione e della superficie assorbente il calore alla punta del piede dell'isolatore e una riduzione regolata della temperatura nel campo superiore sull'isolatore al di sotto di 900 C. In tal modo le candele d'accensione così configurate sono particolarmente indicate per camere di combustione con temperature relativamente basse ma anche per quelle con temperature molto alte. ca. 30 % ca. 18 %

7 7 Programma di candele d'accensione BERU BERU Ultra X. Il programma per esigenze estremamente elevate Minimo assortimento Massima copertura del mercato Estremamente innovativo: Tecnologie per primi equipaggiamenti 6 ULTRA X + 2 ULTRA X PLATIN = 8 POTENTI TIPI PER COPRIRE IL 93% DEL MERCATO! BERU Ultra X. L innovazione candele d accensione, che unisce le tecnologie per produttori di equipaggiamenti base. L'innovazione delle candele d'accensione Ultra X è stata sviluppata per gli automobilisti, che desiderano approfittare allo stesso tempo delle tecnologie per primi equipaggiamenti. BERU Ultra X Platin. La migliore Ultra X. Per automobilisti che hanno bisogno di potenza, senza compromessi. Nuovo: Elettrodo centrale di platino Nuovo: Ancora più percorsi delle scintille Nuovo: Elettrodi a corno Nuovo: Isolatore Duplex La Ultra X Platin è concepita per soddisfare gli elevati requisiti delle modernissime generazioni di motori ed offre all'automobilista sportivo senza compromessi e orientato all'ottimizzazione il plus attivo di potenza, sicurezza d'accensione ed affidabilità. BERU la decisione dei costruttori di automobili BERU Ultra. BERU Bi-Hex. Candele d'accensione altamente qualitative, proprio come quelle che vengono montate nei primi equipaggiamenti per numerosi motori di tipologia svariata e vari campi d'applicazione. Combustione ecologica: per risparmiare benzina e proteggere il catalizzatore Per una sicura accensione anche a temperature estreme Lunga durata, elevata durata utile Materiali affermati: elettrodo centrale bicomponente con nucleo di rame rivestito di nichel Tecnologia da 12 mm con apertura 14 Diametri ridotti dei filetti Lunghezza di filettatura 26,5 mm Sicurezza d'accensione grazie alla scarica Corona Candele d'accensione speciali La BERU produce candele d'accensione speciali per i più svariati campi d'applicazione: 1. Candele d accensione compatte per condizioni di spazio particolarmente ristrette in motoseghe e tosaerba 2. Candele d'accensione completamente schermate con mantello d'acciaio stabilite per elevati requisiti anti-interferenza, per esempio autoveicoli delle autorità 3. Candele d'accensione per motori di automezzi alimentati a gas e motori stazionari per applicazioni industriali 4. Candele d'accensione misuranti, specialmente per motori di test e sperimentali

8 8 Espedienti per l'officina Controllo delle candele d'accensione Nell'ambito del controllo visivo della candela d'accensione spesso si presentano diversi quadri di danneggiamento. Qui una panoramica con la descrizione delle cause, degli effetti e delle possibilità di rimedio: NORMALE (1) Ridotta distanza tra gli elettrodi e un piede dell'isolatore di colore grigio-bianco / grigio-giallo fino marrone rossiccio: Le regolazioni del motore sono corrette, anche il grado termico è giusto. ANNERIMENTO PER FULIGGINE (2) Piede dell'isolatore, elettrodi e corpo della candela d'accensione coperti di fuliggine nera vellutata. Causa: Regolazione della miscela errata: Miscela troppo grassa, filtro dell'aria fortemente sporco, dispositivo d'avviamento a freddo difettoso. Viaggi prevalentemente corti. Candela d'accensione troppo fredda, indice del grado termico troppo basso. Effetto: A causa delle correnti di perdita si verifica un pessimo comportamento d'avviamento a freddo e mancate accensioni. Di conseguenza non è da escludere una penetrazione di carburante non combusto nel catalizzatore e un conseguente danneggiamento. Rimedio: Regolare correttamente la miscela e il dispositivo d'avviamento a freddo, controllare il filtro dell'aria. IMBRATTAMENTO D'OLIO (3) Piede dell'isolatore, elettrodi e corpo della candela d'accensione ricoperti di un film d'olio annerito. Causa: Troppo olio nella camera di combustione, livello dell'olio troppo alto, fascette elastiche, cilindro e guide delle valvole fortemente usurati. Effetto: Mancate accensioni o perfino cortocircuito della candela d'accensione, guasto totale. Rimedio: Sottoporre il motore ad una revisione, utilizzare una corretta miscela di carburante-olio, montare nuove candele d'accensione di marca BERU. FORMAZIONE DI UNO STRATO SOTTILE DI SMALTO (4) Il piede dell'isolatore mostra uno strato sottile di smalto di colore parzialmente marrone-giallo, che si sfuma nel verdastro. Causa: Additivi nella benzina e nell'olio motore possono formare depositi cenerosi. Effetto: Questi depositi vengono fluidificati in un improvviso carico massimo del motore e diventano elettricamente conduttivi. Rimedio: Regolare esattamente la preparazione del carburante, montare nuove candele d'accensione originali di marca BERU. DEPOSITI (5) Forti depositi di additivi d'olio e carburante sul piede dell'isolatore e sul elettrodo di massa. Depositi simili a scorie (calamina). Causa: Componenti di leghe, in particolare di olio, possono formare dei residui, che si depositano di conseguenza nella camera di combustione e sulla candela d'accensione. Effetto: Può provocare accensioni per arroventamento con perdita di potenza e danneggiamento del motore. Rimedio: Verificare le regolazioni del motore. Montare nuove candele d'accensione originali di marca BERU, cambiare eventu-

9 9 Espedienti per l'officina ELETTRODO CENTRALE FUSO (6) Elettrodo centrale fuso, punta del piede dell'isolatore con bollicine, strutture spugnose e rammollite. Causa: Sovraccarico termico dovuto ad accensioni per arroventamento, ad esempio a causa di una regolazione precoce dell'accensione, presenza di residui nella camera di combustione, valvole difettose, spinterogeni danneggiati, insufficiente qualità del carburante, grado termico eventualmente troppo basso, coppia di serraggio non esattamente rispettata. Effetto: Mancate accensioni, perdita di potenza (danneggiamento del motore). Rimedio: Controllare il motore, l'accensione, la preparazione della miscela, le coppe di serraggio delle candele d'accensione. Montare nuove candele accensione originali di marca BERU con il grado termico giusto. ROTTURA DEL PIEDE DELL'ISOLATORE (7) Rotture nel piede dell'isolatore. Causa: Danneggiamento meccanico dovuto ad una manipolazione non appropriata. Riconoscibile solo come incrinatura capillare allo stadio iniziale. In casi estremi a causa di depositi di impurità tra l elettrodo centrale e il piede dell'isolatore particolarmente in seguito ad una durata d'esercizio eccessivamente lunga può scoppiare l'isolatore. Il cilindro picchia in testa. Effetto: Mancate accensioni, la scintilla d'accensione si scarica in punti che non vengono raggiunti con sicurezza dalla miscela fresca. Rimedio: Montare nuove candele d'accensione originali di marca BERU. La coppia di serraggio corretta è un presupposto molto importante per garantire un funzionamento perfetto della candela d'accensione. Una coppia di serraggio eccessiva può danneggiare la candela, mentre una troppo bassa provoca invece una pessima tenuta ermetica e un abbattimento di calore. In una corretta coppia di serraggio l'intensità di tenuta della candela d'accensione è compresa in un campo tra 1,29 e 1,59 mm (si veda alla tabella, le specifiche si riferiscono a candele con un filetto M14). Intensità di tenuta 1,61 mm 1,59 mm 1,29 mm 1,25 mm 1,24 mm 1,22 mm 1,20 mm 1,19 mm 1,17 mm 1,15 mm Coppia di serraggio applicata 10 Nm 20 Nm 30 Nm 40 Nm 50 Nm 60 Nm 70 Nm 80 Nm 90 Nm 100 Nm 9 FORTE USURA DEGLI ELETTRODI (8) L'elettrodo centrale e/o l elettrodo di massa presentano perdite di materiale visibili esternamente. Causa: Additivi aggressivi nel carburante e nell'olio. Effetti di flusso sfavorevoli nella camera di combustione, eventualmente dovuti a depositi di impurità. Il cilindro batte in testa, sovraccarico termico, montaggio di una candela sbagliata. Effetto: Mancate accensioni, particolarmente durante l'accelerazione (la tensione d'accensione non è più sufficiente per una grande distanza tra gli elettrodi). Pessimo comportamento di messa in moto. Rimedio: Montare nuove candele d'accensione originali di marca BERU. 10 ELETTRODI FUSI (9) Gli elettrodi presentano strutture a una forma di cavolfiore. Eventuali precipitazioni di materiali diversi da quelli della candela. Causa: Sovraccarico termico dovuto ad accensioni per arroventamento, ad esempio a causa di una regolazione precoce dell'accensione, presenza di residui nella camera di combustione, valvole difettose, spinterogeni danneggiati, insufficiente qualità del carburante, coppia di serraggio non esattamente rispettata. Effetto: Prima del guasto totale (danno del motore) si manifesta una perdita di potenza. Rimedio: Controllare il motore, l'accensione, la preparazione della miscela, le coppe di serraggio delle candele d'accensione. montare nuove candele d'accensione originali di marca BERU. CONNETTORE DELLA CANDELA D'ACCENSIONE SCREPOLATO (10) Causa: Sovraccarico termico, connettore invecchiato. Effetto: Mancate accensioni. Rimedio: Montare nuovi connettori e candele d'accensione originali di marca BERU, ingrassare il collo dell'isolatore con grasso per connettori BERU (si veda a pagina 11).

10 10 Espedienti per l'officina Disfunzioni ed usura Sovraccarico, carburante di pessima qualità, scelta di candele sbagliate e traffico stop-and-go sono solo un paio degli influssi che possono pregiudicare notevolmente il funzionamento di una candela d'accensione. Qui una breve lista di controllo che aiuta a riconoscere gli errori: Sintomo Causa Possibili danni conseguenti Elettroerosione, Sovraccarico termico Elettrodi fusi corrosione Carburante sbagliato Accensione per arroventamento o di pessima qualità Mancate accensioni (a causa di una Grado termico errato maggiore distanza tra gli elettrodi) Accensioni per Residui nella camera di combustione Danni al pistone arroventamento Valvole difettose Danni alle valvole Candele con grado termico errato Danni alle candele d'accensione Carburante con una insufficiente quantità di ottani Combustione Carburante con una insufficiente quantità di ottani Aumento incontrollato di pressione e temperatura battente Istante d'accensione sbagliato con la conseguenza di un possibile danneggia- Eccessiva compressione mento dei pistoni e delle candele d'accensione Il nostro suggerimento per le sollecitazioni più dure: BERU Ultra X Mancate Difetto, invecchiamento, mancata tenuta Scariche di scintille sull isolatore accensioni Del connettore della candela Ulteriori mancate accensioni La candela con tecnologia ad aria/scarica superficiale a nucleo di rame rivestito di nichel e 4 elettrodi di massa trasposti in coppia a forma di X offre la massima sicurezza d'accensione: La scintilla ha fino a 8 diverse possibilità di incendiare la miscela di aria-benzina! Montaggio delle candele d'accensione Poiché le candele d accensione sono concepite per determinati motori, fondamentalmente è necessario utilizzare sempre la candela giusta infatti, un grado termico sbagliato o una distanza non corretta tra gli elettrodi nonché una lunghezza sbagliata del filetto possono provocare una riduzione della potenza del motore o perfino danneggiare il motore e/o il catalizzatore. È altrettanto indispensabile un'accurata operazione di smontaggio e montaggio. All'operazione di smontaggio è necessario accertarsi che nella camera di combustione non pervenga della sporcizia. Pertanto, si raccomanda di allentare la candela prima di alcune spire, pulire il vano della candela con aria compressa o un pennello, e solo dopo svitare completamente la candela. I Applicare con un pennello del grasso speciale BERU sull'isolatore della candela d'accensione (codice ). All'operazione di montaggio il filetto della candela e il foro della testata del cilindro devono essere perfettamente puliti. Nelle candele d'accensione BERU il rivestimento di nichel del corpo della candela rende superfluo un ingrassaggio. Accertarsi sempre della giusta coppia di serraggio (si veda alla tabella). Attenzione: le candele d'accensione cadute a terra non devono essere più utilizzate, infatti, anche i danneggiamenti invisibili possono provocare delle mancate accensioni o danneggiare perfino il catalizzatore. Controllare l'usura del connettore della candela. Qualora fossero riconoscibili delle screpolature o fini incrinature capillari, sarà necessario sostituire il connettore. La candela d'accensione Ultra X, sostituita nell'ambito della revisione: Il piede dell'isolatore è privo di depositi, sia l'elettrodo di massa che l'elettrodo centrale presentano solo una ridotta usura.

11 11 Espedienti per l'officina zona da ingrassare IMPORTANTE ALL'OPERAZIONE DI MONTAGGIO: LA GIUSTA COPPIA DI SERRAGGIO Se nonostante una coppia di serraggio secondo le prescrizioni dovessero manifestarsi segni di usura o fusione sull elettrodo centrale, molto probabilmente la causa è attribuibile ad un ciclo di combustione incontrollato (ad esempio accensione per arroventamento oppure alta velocità). Possibili motivi: istante d'accensione sbagliato, valvola di scarico regolata troppo stretta, qualità di carburante non adatta, depositi di impurità della camera di combustione o miscela di carburante troppo magra. Ausili di montaggio BERU Per un facile e sicuro cambio delle candele d'accensione senza spanare la chiave e senza rompere l'isolatore, consigliamo l'utilizzo di utensili speciali. AUSILIO DI MONTAGGIO PER CANDELE D'ACCENSIONE BERU ZMH 001 il braccio prolungato del meccanico IL PROBLEMA Nel cofano motore maggiormente dominano condizioni di spazio ristrette. All'operazione di avvitatura e svitatura della candela d'accensione non solo possono verificarsi delle lesioni e scottature sulla mano dal motore, anche la candela d'accensione stessa può essere danneggiata, ad esempio se cade a terra. LA SOLUZIONE L'ausilio di montaggio per candele d'accensione BERU di gomma funziona come un braccio prolungato del meccanico : Questo utensile mantiene la candela d'accensione con sicurezza e consente in tal modo un allentamento o serraggio della candela in maniera molto delicata. AUSILIO DI MONTAGGIO PER CANDELE D'ACCENSIONE BERU ZMH 002 cambio sicuro delle candele d'accensione senza spanature IL PROBLEMA Attraverso l'apertura relativamente grande del vano della candela d'accensione, all'operazione di montaggio e smontaggio con una prolunga, persiste un imminente pericolo di puntare la chiave in diagonale rispetto alla filettatura con la conseguenza di danneggiare l'isolatore della candela d'accensione. La conseguenza: mancate accensioni dovute a scariche di tensione sull'isolatore frantumato della candela d'accensione possono distruggere il catalizzatore. LA SOLUZIONE L'utensile di montaggio BERU concepito per l'utilizzo in quasi tutti i modelli di autoveicoli viene semplicemente inserito nella prolunga della candela d'accensione da 3/8 e quindi premuto nel vano della candela d'accensione. In questo modo la chiave della candela d'accensione rimane in posizione parallela rispetto al vano e non può spanarsi. GRASSO SPECIALE BERU ZKF 001 Per prevenire un incollaggio del connettore con il collo della candela d'accensione e di conseguenza un danneggiamento dei labbri di tenuta, consigliamo di applicare con un pennello il grasso speciale BERU sul connettore prima del montaggio. In tal modo viene aumentata anche la resistenza contro scariche disruptive. 1 2 Coppie di serraggio in Nm, il filetto non deve essere ingrassato Filetto candela Testata cilindro Candele a guarnizione piatta: ghisa metallo leggero M 12x1, M 14x1, M 18x1, Candele a guarnizione conica: M 14x1, M 18x1, Codice BERU BERU Denominazione Abbr. no. No. ord. Ausilio di montaggio ZMH per candele d'accensione Codice BERU BERU Denominazione Abbr. no. No. ord. Ausilio di montaggio ZMH per candele d'accensione Codice BERU BERU Denominazione Abbr. no. No. ord. Grasso speciale BERU, ZKF Tubetto 10 g 1 Applicare il grasso per connettori BERU prima di avvitare la candela d'accensione direttamente sul connettore per prevenire screpolature e scariche di tensione e disruptive. 2 Segni di scariche di tensione e disruptive

12 12 Futuro Il futuro delle candele d'accensione Nello sviluppo di moderni motori a benzina, i trend tecnici vanno verso processi di combustione modificati e propulsori più piccoli altamente alimentati. Gli ingegneri della BERU a tal fine sviluppano le candele d'accensione ottimali in una stretta collaborazione con i costruttori di automobili internazionali. Minor consumo, emissioni ridotte, guida più rilassata: in base a questi semplici denominatori possiamo ora introdurre i trend tecnici nell evoluzione dei motori a ciclo Otto. Mentre il motore aspirato ha dominato per lungo tempo con il sistema ad iniezione e catalizzatore a tre vie, attualmente i costruttori di automobili stanno attraversando una seria fase di trasformazione. La variabilità parziale nell'esercizio delle valvole dovuto a cicli di fase o al controllo della corsa valvole nonché iniezione diretta con una combustione raffreddata a parete o ad aria oggigiorno sono uno standard della tecnica. La recentissima generazione dei sistemi ad iniezione con iniettore piezo-controllato estende ulteriormente il campo d'esercizio dei motori non strozzati e più sottili, e deve in tal modo garantire la riduzione del consumo e delle emissioni richiesta. Gli ingegneri della BERU in una stretta collaborazione con i costruttori di automobili internazionali sviluppano concetti innovativi per candele d'accensione di moderni motori a ciclo Otto. Ma di conseguenza risultano anche nuove aspettative alle candele d'accensione: Forme costruttive ridotte Elettrodi dei corpi posizionati (elettrodi di massa) Posizioni più esatte delle scintille nonché una una maggiore resistenza dielettrica e meccanica della ceramica della candela d'accensione Elevati requisiti delle nuove generazioni di candele d'accensione A causa dei nuovi sistemi ad iniezione diretta, la candela d'accensione oggi dispone di meno spazio nella testata del cilindro di un motore a ciclo Otto. Ciò premette a sua volta un filetto di avvitatura prolungato e/oppure una geometria modificata della candela d'accensione. Vengono più frequentemente utilizzate candele d'accensione M12, che devono, tuttavia, resistere alle sollecitazioni con uno spessore della parete ceramica ridotta, in confronto alle candele d'accensione M14. Le rivendicazioni contrarie spessori delle pareti più piccoli sull'isolatore e maggiore fabbisogno di tensione rendono necessarie nuove evoluzioni per i materiali, la geometria e i processi. Un ulteriore trend di sviluppo nei moderni motori a benzina è il cosiddetto Downsizing con carica. La conseguenza della maggiore densità di carica è un maggiore fabbisogno di tensione d'accensione, che rappresenta altrettanto maggiori aspettative alle proprietà dielettriche e meccaniche della ceramica delle candele d'accensione.

13 13 Futuro Miglioramento delle proprietà ceramiche Come materiale di isolamento per le candele d'accensione di automobili si è particolarmente affermata la ceramica a base di argilla, poiché questo materiale soddisfa le rivendicazioni elettriche e meccaniche dal punto di vista della rigidità dielettrica anche a temperature fino a C. La grandezza principale determinante le proprietà dell'attuale ceramica è la sua porosità residua. Per poterla chiaramente ridurre e migliorare in tal modo ulteriormente la rigidità dielettrica e meccanica delle candele d'accensione, gli sviluppatori della BERU hanno provveduto, tra l'altro, ad effettuare delle modifiche ai materiali inerti. Nuove geometrie per le candele d'accensione per una durata ancora maggiore Attualmente i costruttori di automobili nelle candele d'accensione M12 come pure nelle candele d'accensione M14 premettono un obiettivo di durata compreso tra e chilometri. Allo stesso tempo l'incremento del fabbisogno di tensione elettrica in seguito all'usura misurabile nella distanza tra gli elettrodi delle candele d'accensione deve essere il più ridotto possibile. A tal fine furono necessari sviluppi di geometrie di elettrodi, materiali e processi innovativi. Nelle candele d'accensione con elettrodi a base di lega di nichel si determina essenzialmente il meccanismo di usura in seguito all'ossidazione. Da qui deriva la rivendicazione di leghe di nichel dotate di uno strato di ossido resistente e durevole. Nelle candele d'accensione, i cui elettrodi sono corazzati con metallo nobile rinvigorito contro l'ossidazione, è soprattutto necessario garantire una connessione durevole del metallo nobile, ad esempio platino, sugli elettrodi a base di nichel delle candele d'accensione. Gli elettrodi a base di nichel della BERU per candele d'accensione Highend sono corazzati con metallo nobile rinvigorito contro l'ossidazione, ad esempio platino. Con l'ausilio di uno speciale processo di saldatura a laser, la BERU garantisce una connessione particolarmente durevole di ambedue i materiali (A). La copertura delle superfici di metallo nobile nell elettrodo centrale e sul corpo di almeno il 92% (B) consente prestazioni di corsa estremamente Ulteriore riduzione delle tolleranze di produzione Al fine di garantire una combustione sicura nei motori a ciclo Otto ad iniezione diretta a getto guidato è particolarmente importante utilizzare candele d'accensione fabbricate con la massima precisione e dotate di elettrodi posizionabili sul corpo. Ciò richiede sia condizioni di afflusso definite del percorso della scintilla che una riduzione delle tolleranze d'assegnazione dell'iniettore e della candela d'accensione in un punto della scintilla strettamente tollerato. Grazie ad una ottimizzazione dei processi di produzione e all'utilizzo di anelli di tenuta interni di spessore differente, la BERU è in grado di restringere le tolleranze nel punto di scintillio fino ad una misura tale da garantire una distanza tra gli elettrodi con una precisione di ±0,2 millimetri. L'orientamento definito del corpo dell'elettrodo è tanto importante quanto l'esatto punto di scintillio, affinché non venga impedita la formazione della miscela. Questo esatto posizionamento dell'elettrodo del corpo richiede altrettanto una filettatura definita nella testata del cilindro. Grazie all'orientamento, alla regolazione e al posizionamento del corpo per mezzo di un sistema di misurazione ottico, la BERU qui è in grado di raggiungere una tolleranza di ±15 gradi.

14 14 Futuro Recentissimi sistemi di misurazione ed applicazione Lo sviluppo di candele d'accensione specifiche ai motori richiede una stretta collaborazione con i costruttori di automobili e il fornitore delle candele d'accensione. Il presupposto di ciò sono possibilità tecniche ottimali per il rilevamento: di un valore termico adeguato, delle temperature degli elettrodi, del fabbisogno di tensione d'accensione, della disponibilità di tensione d'accensione, in un comportamento d'avviamento a freddo ottimale delle candele d'accensione. La BERU per tutti i rami ha sviluppato una speciale tecnica di misurazione, disponibile anche come sistema d'applicazione mobile. Il controllo delle caratteristiche d'avviamento a freddo delle candele d'accensione può essere effettuato nel centro di ricerca e sviluppo di Ludwigsburg secondo un ciclo di test definito nell'automezzo all'interno di una cella refrigerata con banco di prova a rulli. Sul banco di prova a rulli a due assi del centro di ricerca e sviluppo BERU di Ludwigsburg si testano le proprietà di avviamento a freddo delle candele d accensione. Produzione delle candele d'accensione Dal pezzo greggio al componente di precisione Le candele d'accensione originali di marca BERU vengono fabbricate nello stabilimento proprio su impianti di produzione computerizzati dalla preparazione ceramica fino alla produzione degli isolatori in pregiato ossido d'alluminio, fino al montaggio dell'anello di tenuta esterno. Controllo degli isolatori ad una tensione di Volt: Su banchi di prova le candele d'accensione BERU devono dimostrare la loro affidabilità prima di iniziare la produzione in serie. vetro conduttivo elettrodo centrale (nucleo di gomma con mantello di nichel) spina d'accensione nichelato ossido di granulato d'alluminio isolatore pressato levigato sinterato etichettato vetrinatura spruzzata cotto isolatore completo (fuso in vetro) anello di tenuta interno anello di tenuta esterno candela d'accensione precandela d'accensione con distanza elettrodi regolata pezzo grezzo livelli di estrusione a freddo 1-6 corpo girato e perforato elettrodo di massa saldato, filetto laminato elettrodo piegato, corpo letterizzato, nichelato, zincato o cromato

15 15 Produzione delle candele d'accensione Test di durezza BERU Sia nel traffico stop-and-go o in maratone autostradali che in condizioni di freddo tremendo o caldo soffocante una candela d'accensione BERU deve funzionare sempre. Per soddisfare costantemente gli elevati requisiti di qualità, le candele d'accensione BERU vengono sottoposte a diversi test sin dallo sviluppo che dopo la produzione. Standard di qualità BERU La qualità è il comandamento di massima per potersi affermare nei confronti della concorrenza internazionale. Gli stabilimenti del gruppo BERU sono certificati secondo norme di qualità valide in tutto il mondo, quali ad esempio DIN ISO 9001:2000. Inoltre, in Germania si soddisfano le rivendicazioni delle normative ISO/TS16949 e DIN EN ISO I certificati vengono aggiornati periodicamente e corrispondono rispettivamente allo stato recentissimo. Circa il 10% di tutti i dipendenti della BERU sono attivi nel ramo di sicurezza della qualità. Un principio fondamentale della filosofia relativa alla qualità BERU è: monitoraggio della produzione anziché controllo dei prodotti. Infatti, la qualità deve essere fabbricata e non controllata. A tal fine la BERU punta su dipendenti qualificati e modernissimi metodi computerizzati. Solo così è possibile garantire ai clienti le proprietà assicurate anche in ogni tipo di candela, e questo con la massima affidabilità. Ma l'assicurazione della qualità inizia sin dalla scelta dei fornitori e dei materiali: Partner affidabili e migliori materie prime sono i presupposti fondamentali per garantire una qualità senza compromessi. Servizi BERU Oggi la BERU a livello internazionale è uno degli offerenti leader nel ramo elettrauto. Come impresa di medio ceto, la BERU è molto flessibile e reagisce rapidamente, in particolare quando si tratta di soddisfare le richieste dei clienti. Circa 150 sviluppatori e costruttori lavorano ad una ottimizzazione permanente dei prodotti esistenti nonché all'evoluzione di innovazioni in uno stretto dialogo con il cliente operante nel ramo automobilistico e costruzione motori. Applicazioni speciali, appositamente armonizzate per i partner BERU, assicurano ai costruttori di automobili prodotti esattamente fatti su misura per le loro esigenze. La BERU offre sempre più soluzioni complete, anziché componenti singoli. Le candele d'accensione sono componenti soggetti ad usura, che devono essere sostituiti periodicamente. In caso contrario persiste un imminente pericolo di una combustione incompleta. Di conseguenza aumenta notevolmente il consumo di carburante e l'emissione di sostanze nocive. A causa di mancate accensioni si verifica inoltre una penetrazione di carburante incombusto nel catalizzatore, dove è poi soggetto ad una post-combustione, riscaldando per conseguenza il supporto del catalizzatore. Se queste mancate accensioni si verificano ripetutamente, prima o poi sarà completamente distrutto il catalizzatore e l'emissione di sostanze nocive si moltiplicherà 10 volte: In questo modo non si potrà mai superare il test dei gas di scarico prescritto ai sensi di legge. Pensando al fatto che, a seconda della quantità di cilindri e del tipo di candele utilizzate, un completo set di candele d'accensione di ricambio è disponibile già ad un prezzo da 12 Euro, mentre per la sostituzione del catalizzatore sono richiesti almeno 800 Euro, diventa subito chiara l'importanza di un periodico controllo delle candele d'accensione e di un tempestivo cambio. In generale si può affermare che, indipendentemente dal chilometraggio annuo, le candele d'accensione dovrebbero essere sostituite al più tardi dopo due anni per conservare la potenza del motore e per proteggere Banco di prova per il test di durata 2 Un'occhiata alla camera di refrigerazione del centro di ricerca e sviluppo BERU: Test del comportamento d'avviamento a freddo nella cella di refrigerazione ad una temperatura di -30 C.

16 Printed in Germany Bestell-Nr BERU AG Mörikestraße Ludwigsburg Germany Tel.: +49(0) Fax: +49(0)

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Tutto sulle candele ad incandescenza

Tutto sulle candele ad incandescenza www.beru.com Tutto sulle candele ad incandescenza Informazione tecnica n 04 Perfezione integrata Sommario Il motore diesel Principio di funzionamento L avviamento a freddo I sistemi di iniezione 3 3 3

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Istruzioni supplementari. Adattatore con tubo schermante. per VEGACAL 63, 64/VEGACAP 63 Stilo-ø 16 mm. Document ID: 34849

Istruzioni supplementari. Adattatore con tubo schermante. per VEGACAL 63, 64/VEGACAP 63 Stilo-ø 16 mm. Document ID: 34849 Istruzioni supplementari Adattatore con tubo schermante per VEGACAL 63, 64/VEGACAP 63 Stilo-ø 16 mm Document ID: 34849 1 Descrizione del prodotto 1 Descrizione del prodotto L'adattatore con tubo schermante

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Efficace ottimizzazione del processo di pulitura della ghisa Grande convenienza economica grazie alla durata ed

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE La soluzione in nero La soluzione Comax La soluzione Quadmax La soluzione universale La soluzione estetica La soluzione Utility Il modulo Honey Versione IEC TSM_IEC_IM_2011_RevA

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Procedimenti di saldatura elettrica

Procedimenti di saldatura elettrica Procedimenti di saldatura elettrica SALDATURA AD ELETTRODO Raddrizzatori a regolazione meccanica Sono le macchine più semplici ed economiche per saldare. Ricevono in ingresso un voltaggio in corrente alternata

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Norma per il trattamento di conservazione e postconservazione

Norma per il trattamento di conservazione e postconservazione Norma per il trattamento di conservazione e postconservazione Tutte le serie MTU per motori diesel e a gas A001070/00I Stampato in Germania 2012 Copyright MTU Friedrichshafen GmbH La presente pubblicazione,

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Istruzioni di manutenzione

Istruzioni di manutenzione Istruzioni di manutenzione NB/NBG 1. Identificazione... 2 1.1 Targhetta di identificazione... 2 1.2 Descrizione del modello... 3 1.3 Movimentazione... 4 2. Smontaggio e montaggio... 5 2.1 Informazioni

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

SCHEMA FILARE DELL'IMPIANTO IAW

SCHEMA FILARE DELL'IMPIANTO IAW INIEZIONE ACCENSIONE WEBER MARELLI I.A.W. Prima, seconda, terza versione con distributore alta tensione Iniezione elettronica digitale con unica centralina che controlla iniezione e accensione, il comando

Dettagli