Tutto sulle sonde lambda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutto sulle sonde lambda"

Transcript

1 Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a

2 Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento di una sonda lambda Riscaldamento e cablaggio delle sonde Principio base della regolazione lambda Controllo della sonda lambda Il circuito di regolazione chiuso Controllo della sonda lambda Individuazione di errori nella regolazione lambda Controllo della regolazione lambda nel circuito di regolazione aperto Confronto di una nuova sonda lambda con una invecchiata Trasformazione delle sostanze nocive Monitoraggio ed analisi delle condizioni del catalizzatore Difetti tipici delle sonde lambda Autotest Risoluzione dell'autotest

3 Sezione di una sonda lambda Termoresistenza Elemento di contatto per la tensione della sonda Strato conduttore elettrico (-) Strato conduttore elettrico (+) lato Gas di scarico Cavo di collegamento della tensione della sonda con elemento riscaldante Componente isolante Soffietto di protezione Tubo protettivo ceramico Alloggiamento (-) Tubo di scappamento Corpo ceramico Tubo protettivo scanalato Gas di scarico Lato aria Introduzione Per garantire una combustione perfetta della benzina nel motore a ciclo Otto, per ogni chilogrammo di benzina sono richiesti circa 14 kg d'aria, cioè, circa 11 metri cubi. Il rapporto della quantità d'aria realmente richiesta rispetto al fabbisogno d'aria teorico viene denominato valore lambda (simbolo della formula λ). L'indicazione λ=1 significa, dunque, che viene alimentata la quantità d'aria ottimale per la combustione. Tuttavia, qui e da considerare che il motore a ciclo Otto raggiunge la sua potenza massima allo 0 10 % di mancanza d'aria (cioè con λ= fino λ=1,0) e il minimo consumo di carburante viene raggiunto circa al 10% di aria in eccesso (cioè λ 1,1). Nella miscela di carburante/aria, si distingue tra "miscela grassa (con una parte relativamente alta di carburante) e "miscela magra (con una parte relativamente alta d'aria). Nei gas di scarico di una miscela molto grassa, la quantità di monossido di carbonio e idrocarburo è molto alta e cala in proporzione all'aumento del valore lambda. La parte di azoto in una miscela grassa è relativamente bassa e raggiunge il suo valore massimo solo con λ=1. Nella miscela magra, invece, la parte d'aria e con ciò la parte di ossigeno contenuta nel gas di scarico è relativamente alta. In un catalizzatore ottimale la parte di monossido di carbonio viene trasformata tramite ossidazione con ossigeno in diossido di carbonio. Tuttavia, in tal modo per la trasformazione da monossido di azoto in azoto elementare rimarrebbe una quantità insufficiente di CO. La depurazione catalitica dei gas di scarico non è dunque una questione relativa all'utilizzo di un catalizzatore adatto, bensì anche una rispettiva composizione ottimale dei gas di scarico. A tal fine è stato sviluppato il catalizzatore a tre vie. Questo trasforma contemporaneamente monossido di carbonio, idrocarburi e ossidi di azoto all'interno di un reattore. La composizione dei gas di scarico a tal fine richiesta viene ottenuta tramite una preparazione elettronicamente regolata della miscela di carburante/aria. Il presupposto di ciò è una misurazione permanente della parte di ossigeno concentrata nel gas di scarico. Questa misurazione viene eseguita dalla sonda lambda. Il percorso in tal modo rilevato indica la completezza ovvero incompletezza di combustione della miscela di carburante nel motore. La sonda lambda rileva la concentrazione dei gas di scarico tramite una misurazione d ossigeno di confronto: La concentrazione di ossigeno nell'aria esterna viene confrontata con l'ossigeno residuo contenuto nel gas di scarico. Queste differenze vengono trasmesse attraverso un segnale di tensione al controllore. Successivamente il controllore corregge rispettivamente l'accensione e l'iniezione. In seguito al notevole carico delle sonde lambda nel flusso dei gas di scarico, queste sono naturalmente soggette ad una naturale usura. Nelle analisi dei gas di scarico che vengono effettuate in intervalli definiti, si misura la funzione della sonda lambda per localizzare una eventuale usura. Al più tardi dopo un chilometraggio di ca fino km si dovrebbe sostituire la sonda. 3

4 Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto La concentrazione di ossigeno nell'aria ambientale normalmente corrisponde al 20,8 %. Questo valore di riferimento viene confrontato con l'ossigeno residuo nella sonda lambda. Se nel flusso dei gas di scarico viene registrata una concentrazione residua di ossigeno pari al 2 % ("miscela magra ), a causa della differenza dall'ossigeno contenuto nell'aria ambientale risulta una tensione di ca. Volt. Gas di scarico Se nel flusso dei gas di scarico è contenuta una concentrazione residua di ossigeno inferiore al 2% ("miscela grassa ), questa differenza maggiore dall'ossigeno esterno si manifesta con una tensione della sonda di ca. Volt. Esempio: residuo O 2 = 2 % L'elettrodo esterno si trova nel flusso dei gas di scarico (residuo O 2 = 2 %) L'elettrodo interno e collegato con l'aria ambientale (O 2 = 20,8 %) Aria ambientale 20,8 % Elettrodo interno V Elettrodo esterno Ossigeno residuo ca. 2 % Il lato esterno dell'elettrodo della sonda lambda è immerso nel flusso dei gas di scarico, mentre la parte interna dell'elettrodo è in contatto con l'aria esterna. Struttura e funzionamento di una sonda lambda La sonda lambda consiste sostanzialmente di un corpo di ceramica speciale, la cui superficie è dotata di elettrodi di platino permeabili al gas. L'azione della sonda si basa su due fattori fisici: Da una parte, il materiale ceramico è poroso e consente in tal modo una diffusione dell'ossigeno contenuto nell'aria, dall'altra, la ceramica diventa conduttiva a temperature di ca. 300 C. In ambedue i lati degli elettrodi viene misurata la concentrazione d'ossigeno dell'aria. Qualora la differenza dovesse presentare valori di grandezza diversa, sugli elettrodi risulterà una tensione elettrica che si muove in un campo di minivolt. Nelle sonde lambda esistono diversi principi di funzionamento: le sonde di ossido di titanio variano la resistenza, mentre le sonde di zirconio variano la tensione. Poiché vengono maggiormente utilizzate queste ultime, vengono descritte più avanti. All'interno di un alloggiamento d'acciaio è introdotta una parte ceramica (ettolitro fisso). La parte esterna del corpo ceramico si trova nel flusso dei gas di scarico, mentre la parte interna è in contatto con l'aria esterna. La migrazione degli elettrodi causa un improvviso incremento della tensione della sonda. Questo sbalzo di tensione viene infine utilizzato come regolazione lambda. Lambda < 1 = miscela grassa U-Lambda ca. Volt mv miscela grassa (mancanza d'aria) miscela magra (eccesso d'aria) Lambda > 1 = miscela magra U-Lambda ca. Volt ,01 0,80 0 1,00 1,10 1,20 Coefficiente d'aria λ

5 Riscaldamento e cablaggio delle sonde Per portare rapidamente la sonda alla temperatura di esercizio dopo l'avviamento del motore, si utilizzano sonde riscaldate. Queste non presentano solo uno, bensì tre fino quattro collegamenti elettrici. Per le sonde dotate di 3 collegamenti elettrici, la massa viene collegata per l'elemento riscaldante. Nelle sonde dotate di quattro collegamenti, la massa di segnale e la massa dell'elemento riscaldante sono separate. In tal modo si evitano anomalie, dovute alla corrosione e a difetti delle guarnizioni nei collegamenti di massa. Sonda lambda con 1 cavo Colore del cavo: nero = segnale per il controllore Sonda lambda con 3 cavi Colori dei cavi: nero = segnale per il controllore 2 bianchi = alimentazione di tensione del riscaldamento della sonda Sonda lambda con 4 cavi Colori dei cavi: nero = segnale per il controllore 2 bianchi = alimentazione di tensione del riscaldamento della sonda grigio = massa Principio base della regolazione lambda Se la sonda lambda segnala al controllore alla presenza di "miscela magra, questo attiva un processo di ingrassaggio. Se la sonda lambda segnala al controllore alla presenza di "miscela grassa, questo attiva un processo di dimagrimento. Affinché la composizione della miscela sia permanentemente contenuta all'interno della finestra lambda (vale a dire nel campo richiesto per garantire un'azione ottimale dei catalizzatori), si prevede l'installazione della sonda lambda prima del catalizzatore all'interno del tubo dei gas di scarico. Essa indica se il coefficiente d'aria lambda è maggiore o inferiore 1, trasmette quest'informazione al controllore che influenza quindi la formazione della miscela nella sua composizione e di conseguenza il coefficiente d aria lambda. Controllore K Formatore di miscela Sonda lambda Aria Flusso dei gas di scarico Catalizzatore 5

6 Controllo della sonda lambda Il circuito di regolazione chiuso Affinché la sonda lambda raggiunga la sua temperatura d'attivazione di ca C, è necessario che sia il motore che la sonda abbiano raggiunto la temperatura di esercizio. Collegare la spina d'accoppiamento della sonda lambda dal controllore, collegare nel mezzo una spina di adattamento adatta e ristabilire di nuovo la connessione con il controllore. La funzione della sonda lambda viene misurata per mezzo di un voltmetro si consiglia di utilizzare un voltmetro con indicatore analogico, poiché qui si possono leggere meglio gli sbalzi di tensione. Con il motore e la sonda a temperatura di esercizio, il voltmetro deve oscillare alternativamente in un campo compreso tra e Volt. Qui viene reso visibile il circuito di regolazione chiuso. Se la tensione sul voltmetro corrisponde a Volt, significa che nel tubo dei gas di scarico si trova una miscela magra e la sonda trasmette al controllore il segnale per aumentare la quantità di grasso. Se invece il nostro voltmetro indica una tensione di Volt, nel tubo dei gas di scarico si trova una miscela grassa, in questo caso la sonda trasmette al controllore il segnale per ridurre la quantità di grasso. aumenta la quantità iniettata miscela grassa il controllore ingrassa la miscela poco O 2 nel gas di scarico I-sonda ~ V Circuito di regolazione chiuso I-sonda ~ V molto O 2 nel gas di scarico il controllore dimagrisce la miscela miscela magra si riduce la quantità iniettata 6

7 La tensione oscilla tra e Volt? In questo caso la sonda è in ordine. Controllo della sonda lambda Il rivestimento di platino della sonda viene progressivamente neutralizzato in seguito ad una usura chimica e termica in proporzione al chilometraggio. Di conseguenza la tensione erogata presenta dei valori di tensione progressivamente più bassi. Se la tensione di riferimento di Volt non viene più superata, il controllore aumenterà in continuazione la quantità di grasso, poiché l'informazione della miscela grassa non viene più trasmessa allo stesso. Può anche verificarsi un guasto del riscaldamento della sonda. La conseguenza è un raggiungimento fortemente ritardato della temperatura d'esercizio e con ciò un guasto della regolazione su vasti campi d'esercizio quali ad esempio brevi tragitti e in folle. Controllore V V sec Individuazione di errori nella regolazione lambda Il controllo elettrico della regolazione lambda avviene in un circuito di regolazione chiuso. Presupposto per il controllo: Il motore deve aver raggiunto la temperatura d'esercizio. La sonda lambda deve aver raggiunto la temperatura d'esercizio (ca. 250 C) e questa informazione deve essere disponibile al controllore. (Attenzione: le termosonde del refrigerante difettose, in particolare in caso di una interruzione, possono provocare notevoli disfunzioni nel controllore quali ad esempio "temperatura del motore sotto 70 C.) È necessario che sia collegato il riscaldamento della sonda, se presente, e che funzioni perfettamente. È richiesto un voltmetro analogico. Procedimento: lasciare riscaldare il motore, staccare la spina d'accoppiamento tra sonda lambda e il controllore, collegare nel mezzo la spina di adattamento. (Il nostro suggerimento: se non è presente un rispettivo adattatore, lo si potrà preparare utilizzando dei tradizionali connettori.) 7

8 Controllo della regolazione lambda nel circuito di regolazione aperto Qualora nell'ambito del controllo della regolazione lambda il circuito di regolatore chiuso dovesse essersi verificato un errore, sarà innanzitutto necessario verificare che siano soddisfatti tutti i presupposti, quali ad esempio il raggiungimento del temperatura del motore, temperatura della sonda, funzionamento della termosonda, ecc. In questo caso è possibile ricorrere ad una inserzione elettrica della grandezza perturbatrice. Qui si alimenta nel controllore una tensione che simula al controllore una miscela magra oppure grassa attraverso una fonte di tensione esterna. Se il controllore e le connessioni dei cavi risultano corretti, il controllore cercherà di variare la miscela secondo i modelli regolati. Questo procedimento può essere facilmente constatato con il misuratore dei gas di scarico o in modo acustico: Durante il processo di ingrassaggio il motore gira con una maggiore concentricità, mentre tende a scossoni durante il dimagrimento. La sonda lambda funzionante varia rispettivamente la tensione. Modello: miscela grassa Il controllore cerca di ridurre il grasso nella miscela. La rotazione del motore diventa eccentrica. La tensione della sonda deve pendolare intorno ad un valore di Volt. Non si registra nessuna variazione della corsa del motore? In questo caso occorre controllare la termosonda, il cablaggio e il controllore. Sostituire i componenti difettosi! Non si registra nessuna variazione della tensione della sonda? La sonda è troppo fredda in questo caso occorre lasciarla riscaldare. L'errore si manifesta ancora con la sonda calda? Allora significa che la sonda è difettosa, il riscaldamento della sonda non funziona più oppure si è verificato un errore di misurazione. In ognuno di questi casi è assolutamente necessario sostituire la sonda! Controllore V V Staccare la spina d'accoppiamento tra la sonda e il controllore. Alimentare nel controllore una tensione di Volt. (Modello: miscela grassa.) 8 Modello: miscela magra I controllore cerca di aumentare la quantità di grasso, la rotazione del motore diventa più concentrica. La tensione della sonda deve corrispondere a ca. Volt. Non si registra nessuna variazione della corsa del motore? In questo caso occorre controllare la termosonda, il cablaggio e il controllore. Sostituire i componenti difettosi! Non si registra nessuna variazione della tensione della sonda? La sonda è troppo fredda in questo caso occorre lasciarla riscaldare. L'errore si manifesta ancora con la sonda calda? Allora significa che la sonda è difettosa, il riscaldamento della sonda non funziona più oppure si è verificato un errore di misurazione. In ognuno di questi casi è assolutamente necessario sostituire la sonda! Viene raggiunta solo una tensione di 0,7 Volt? In questo caso la sonda è invecchiata e deve essere sostituita. Si verifica la presenza di aria falsa? In questo caso l'impianto del gas di scarico non è ermetico. Controllare la tenuta. Controllore V V Alimentare nel controllore una tensione di Volt. (Modello: miscela magra.)

9 Confronto di una nuova sonda lambda con una invecchiata dal punto di vista del riconoscimento della miscela, tempo di risposta e frequenza di regolazione Ampiezza: V sonda invecchiata sonda nuova Non viene raggiunta la misura massima di e quella minima di, non è più il possibile un riconoscimento di miscela grassa/magra. t Tempo di risposta: V sonda invecchiata sonda nuova La sonda reagisce troppo lentamente ai cambiamenti della miscela, non indica più tempestivamente lo stato attuale. t Durata del periodo: V sonda nuova sonda invecchiata La frequenza della sonda è troppo lenta, non è più possibile una regolazione ottimale. t 9

10 Trasformazione delle sostanze nocive La trasformazione delle sostanze nocive avviene all'interno del catalizzatore. Il catalizzatore è una sostanza che provoca una reazione chimica e/o la accelera, senza che ne sia direttamente interessata. Ossidazione = collegamento con ossigeno Riduzione = sottrazione di ossigeno CO (monossido di carbonio) si ossida in CO 2 (diossido di carbonio) HC (idrocarburo) si ossida in H 2 O e CO 2 (acqua e diossido di carbonio) NO x (ossidi di azoto) ridotti N 2 e O 2 (azoto e ossigeno) Affinché si verifichino le spinte di ossigeno, è necessario che la sonda lambda dimagrisca ingrassi La rata di conversione, cioè la quantità di sostanze nocive trasformate, nei catalizzatori moderni corrisponde al %. Sonda lambda CO HC NO x Catalizzatore ceramico H 2 O N 2 CO 2 Monitoraggio ed analisi delle condizioni del catalizzatore Dietro il catalizzatore è applicata una seconda sonda lambda (denominata sonda di monitoraggio o controllo). La sonda di monitoraggio non si distingue sostanzialmente dalla struttura e dalla funzione della sonda di regolazione lambda montata prima del catalizzatore. Ciò significa: Ambedue le sonde erogano in dipendenza della concentrazione di ossigeno residuo una determinata tensione. Poiché durante l'esercizio di un motore regolato con sonde lambda vengono permanentemente eseguite delle correzioni della miscela, per aumentare ossia ridurre il grasso, varia rispettivamente anche la concentrazione residua di ossigeno nei gas di scarico (sbalzi di ossigeno), con la conseguenza di provocare progressivi sbalzi di tensione nelle sonde. Grazie all'elevata capacità di accumulo di ossigeno del nuovo Catalizzatore in ordine catalizzatore, la variazione della concentrazione di ossigeno dopo il catalizzatore viene quasi completamente attenuata. Ciò ha la conseguenza che la sonda di regolazione indica gli sbalzi di ossigeno con rispettivi sbalzi di tensione, mentre la tensione della sonda di monitoraggio nel nuovo catalizzatore rimane quasi costante. In proporzione all'aumento del grado di invecchiamento del catalizzatore si verifica anche un calo della capacità di accumulo di ossigeno, con la conseguenza di una successiva riduzione dell'attenuazione degli sbalzi di ossigeno. Questo processo è misurabile nella sonda di monitoraggio dietro il catalizzatore. In caso di un invecchiamento progredito del catalizzatore, il decorso del segnale è quasi identico nella sonda di monitoraggio al decorso di segnale della sonda di regolazione. Catalizzatore difettoso 10 Sonda lambda Flusso dei gas di scarico sec sec Sonda lambda Flusso dei gas di scarico sec sec Spinte di ossigeno Sonda di monitoraggio/controllo Spinte di ossigeno Sonda di monitoraggio/controllo

11 Difetti tipici delle sonde lambda Le cause più frequenti di difetti delle sonde lambda Diagnosi surriscaldamento invecchiamento chimico aspirazione di aria falsa collegamenti di massa non corretti pessimi contatti di connessione ceramica e metallizzazione distrutti depositi di piombo connessione del cavo lambda interrotto decomposizione del corpo della sonda a causa di residui d'olio Causa temperature oltre 950 C in seguito a disfunzioni di combustione, punto d'accensione errato o tempi delle valvole errati troppi i viaggi a breve tragitto sonda non esattamente montata ossidazione nel tubo del gas di scarico ossidazione nei connettori coppia di serraggio eccessiva della sonda utilizzo sbadato di carburante piombato martoriazione olio non combusto nel motore, p. es. a causa di fascette elastiche e guarnizioni dei gambi delle valvole usurate Che cosa ci svela la condizione del tubo protettivo Oltre al controllo delle linee di collegamento, spine e dell'alloggiamento della sonda, è necessario verificare accuratamente anche il tubo protettivo dell'elemento della sonda sulla presenza di depositi di impurità. I sintomi più importanti: Sintomo Forte accumulo di fuliggine sul tubo protettivo Depositi brillanti sul tubo protettivo Depositi chiari sul tubo protettivo Causa Miscela di carburante/aria troppo grassa, corpo riscaldante della sonda lambda difettoso Impiego di carburante piombato, di conseguenza vengono aggrediti i rivestimenti di platino della sonda lambda ed eventualmente del catalizzatore, con la conseguenza di una loro distruzione Odio nella camera di combustione oppure utilizzo di determinati additivi per carburanti Rimedio Sostituire la sonda, in caso contrario persiste un imminente pericolo di intasamento e con ciò riduzione della velocità di reazione Sostituire assolutamente la sonda, verificare il catalizzatore Sostituire assolutamente la sonda, verificare il catalizzatore, controllare il motore per accertare se vi sono eventuali perdite d'olio forte accumulo di fuliggine sul tubo protettivo depositi chiari montaggio non appropriato Al fine di evitare dei danneggiamenti della sonda lambda all'operazione di montaggio, si raccomanda di rispettare scrupolosamente le coppie di serraggio e utilizzare utensili speciali. 11

12 Autotest 1Tracciare le curve caratteristiche in un catalizzatore intatto. (Sia la sonda che il catalizzatore hanno raggiunto la temperatura di esercizio!) sec sec Flusso dei gas di scarico 2 Come si chiamano le due sonde lambda prima del catalizzatore? dopo il catalizzatore? sonda sonda Denominare i componenti costruttivi della regolazione 3lambda e collegarli quindi tra di loro! 12

13 In una tensione della sonda di Volt la 4miscela corrisponde a 9 Attraverso il segnale della sonda lambda, il controllore del motore rileva progressivamente la composizione dei gas di scarico. In una tensione della sonda di Volt la 5miscela corrisponde a 10 Qual'è 6Quale dei 3 gas trasforma le sostanze nocive del catalizzatore a tre vie in sostanze non nocive? e, se il motore funziona con una combustione palpitante. se dover aumentare o ridurre la quantità di grasso nel miscela di carburante aria. il colore della linea del segnale della sonda lambda? bianco grigio 7 11 In quale ordine di grandezza si trova la rata di conversione in autoveicoli con sistema regolato per la preparazione della miscela e catalizzatore?. nero Che cosa si intende in una finestra λ? % % % 100 % A partire da quale temperatura è possibile garantire un esercizio di regolazione sicuro della sonda lambda? ca. 10 C ca. 800 C 12 Quali Il catalizzatore può funzionare solo in questo campo. In questo campo la trasformazione di tutti le 3 componenti dannose nel gas di scarico in meno dannose è più favorevole. gas sono definiti nocivi? ca. 250 C über 900 C CO CO 2 CH NO X N 2 O 13

14 Risoluzione 1Tracciare le curve caratteristiche in un catalizzatore intatto. (Sia la sonda che il catalizzatore hanno raggiunto la temperatura di esercizio!) sec 2 Come si chiamano le due sonde lambda sec Sonda lambda (sonda di regolazione) Sonda di monitoraggio (sonda di controllo) 3 Denominare i componenti costruttivi della regolazione lambda e collegarli quindi tra di loro! Formatore di miscela Controllore K Sonda lambda 14

15 4 In una tensione della sonda di Volt la miscela corrisponde a... magra, infatti, la concentrazione di ossigeno nel gas di scarico è maggiore. 9 Attraverso il segnale della sonda lambda, il controllore del motore rileva progressivamente la composizione dei gas di scarico. 5 In una tensione della sonda di Volt la miscela corrisponde a... grassa, infatti, la concentrazione di ossigeno nel gas di scarico è inferiore. X 10 Qual'è se il motore funziona con una combustione palpitante. se dover aumentare o ridurre la quantità di grasso nel miscela di carburante aria. il colore della linea del segnale della sonda lambda? Quale dei 3 gas trasforma le sostanze nocive del catalizzatore a tre vie in sostanze non nocive? 6Monossido di carbonio (CO), idrocarburi (HC) e ossidi di azoto (NO X ). X bianco grigio nero 7 11 In quale ordine di grandezza si trova la rata di conversione in autoveicoli con sistema regolato Che cosa si intende in una finestra λ? per la preparazione della miscela e catalizzatore? Il catalizzatore può funzionare solo in % % questo campo. X 8 X % 100 % A partire da quale temperatura è possibile garantire un esercizio di regolazione sicuro della sonda lambda? ab ca. 10 C ca. 250 C ca. 800 C über 900 C X 12 Quali X X In questo campo la trasformazione di tutti le 3 componenti dannose nel gas di scarico in meno dannose è più favorevole. gas sono definiti nocivi? CO CO 2 CH X NO X N 2 O 15

16 Printed in Germany Bestell-Nr BERU AG Mörikestraße 155 D Ludwigsburg Tel.: +49(0) Fax: +49(0)

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

SCHEMA FILARE DELL'IMPIANTO IAW

SCHEMA FILARE DELL'IMPIANTO IAW INIEZIONE ACCENSIONE WEBER MARELLI I.A.W. Prima, seconda, terza versione con distributore alta tensione Iniezione elettronica digitale con unica centralina che controlla iniezione e accensione, il comando

Dettagli

Tutto sulle candele ad incandescenza

Tutto sulle candele ad incandescenza www.beru.com Tutto sulle candele ad incandescenza Informazione tecnica n 04 Perfezione integrata Sommario Il motore diesel Principio di funzionamento L avviamento a freddo I sistemi di iniezione 3 3 3

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234 MonoMotronic MA.0 6 7 8 9 / 0 8 7 6 0 9 A B A L K 7 8 6 9 0 8 0 A 0 0 C E D 6 7 7 M - 6 0 9 7-9 LEGENDA Document Name: MonoMotronic MA.0 ) Centralina ( nel vano motore ) ) Sensore di giri e P.M.S. ) Attuatore

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Sostituzione del contatore di energia elettrica

Sostituzione del contatore di energia elettrica Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Sostituzione del contatore di energia elettrica per Vitotwin 300-W, tipo C3HA, C3HB e C3HC e Vitovalor 300-P, tipo C3TA Avvertenze sulla

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Valvola di strozzamento e non ritorno

Valvola di strozzamento e non ritorno Valvola di strozzamento e non ritorno RI 79/0.09 Sostituisce: 0.06 /6 Tipi MG e MK Grandezze nominali da 6 a 0 Serie X Pressione d'esercizio massima 5 bar Portata max. 400 l/min. K564- Sommario Indice

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Istruzioni di montaggio, messa in esercizio e manutenzione

Istruzioni di montaggio, messa in esercizio e manutenzione 630 39 0/003 IT Per i tecnici specializzati Istruzioni di montaggio, messa in esercizio e manutenzione Bruciatore di gas a premiscelazione Logatop VM Versione 4.0 Versione 5.0 Leggere attentamente prima

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Prima carica (formazione della batteria)

Prima carica (formazione della batteria) Come è fatta Di batterie ne esistono di una grande varietà di tipi. Nel presente documento parleremo solo delle batterie al piombo. Iniziamo con una precisazione su i termini impropri usati. Il termine

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE DAL DEGAN 0 MANUALE USO E MANUTENZIONE POMPE A MEMBRANA SERIE DL DL DL DL 0 DL 0 DL DL DL 0 DL 0 DL 0 LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DI USARE LA POMPA IDENTIFICAZIONE COMPONENTI DL DL DL DL 0

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli