Tubi e accessori in gres per fognature conformi alle norme UNI EN 295

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tubi e accessori in gres per fognature conformi alle norme UNI EN 295"

Transcript

1 Tubi ed accessori in grès per fognature conformi alle norme UNI EN 295 prodotti da aziende certificate ISO 9001 con certificazione di conformità di prodotto rilasciata da organismi accreditati Gennaio 2011 TUBI IN GRES DI TIPO TRADIZIONALE E TUBI IN GRES DI NUOVA GENERAZIONE LUNGHEZZE FINO A M 2,5 EUROTOP HIGH-TECH PER FOGNATURE NUOVE CLASSI RINFORZATE EUROTOP HIGH-TECH PER FOGNATURE EUROTRAD MICROTUNNELLING TUBI FORATI MICROTUNNELLING TUBI FORATI 1

2 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel Fax ROMA Ing. C. Dal Pozzo Tel Fax Cell MILANO Geom. N.Tajetta Tel./ Fax Cell GREENPIPE S.R.L. Via Modena 48/b C.P Correggio (RE) C.F. e P.IVA Reg. Impr. RE R.E.A. c/o CCIAA n

3 INDICE Le società Il gres e l ambiente - L importanza della durata della tubazione - L evoluzione del gres - Le peculiarità del gres Tipi di giunto Classi di resistenza e tipi di tubo disponibili Tubi in gres tradizionali - Tubi in gres con giunto a bicchiere e guarnizione in EPDM - Tubi in gres con giunto a bicchiere e guarnizioni in poliuretano Tubi in gres di nuova generazione - Tubi in gres con giunto a manicotto EUROTOP HIGH-TECH PER FOGNATURE - Tubi in gres con giunto a bicchiere Ceralong S - Tubi in gres Greenprotection per Zone Sensibili Tubi in gres di grande diametro Tubi in gres per microtunneling Tubi in gres forati per drenaggio Tabella per la scelta rapida della classe e della modalità di posa Disciplinare Voci di capitolato

4 LE SOCIETA Greenpipe distribuisce in Italia i tubi in gres l gruppo Hepworth-Euroceramic (Wavin). Gli stabilimenti di produzione sono in Gran Bretagna (Hepworth) e Olanda (Euroceramic). Stabilimento EUROCERAMIC di Belfeld ( Olanda ) Stabilimento EUROCERAMIC di Reuver ( Olanda ) Stabilimento HEPWORTH di Hazlehead ( Inghilterra ) GREENPIPE di Correggio ( RE ) opera da molti anni sul mercato italiano per la promozione e la vendita di prodotti destinati al trasporto di acque potabili, irrigue e reflue, all accumulo temporaneo e al trattamento delle acque di pioggia. I suoi prodotti: tubi di Gres a bicchiere e a manicotto, tubi il lega polimerica PVC-A, tubi di Ghisa Sferoidale, sistemi di raccolta delle Acque di Pioggia (Canali in CLS, Conglomerato Poliestere e Vetroresina ), sistemi di Accumulo delle Acque di Pioggia ( copponi in PE e sistema Q-Bic ). Tutti i prodotti sono forniti da aziende prestigiose e leader in campo mondiale nei rispettivi settori. Per maggiori informazioni potete visitare i seguenti siti : I tubi in gres distribuiti da Greenpipe : Sono fabbricati secondo le norme EN 295; Sono regolarmente controllati e godono di certificazione di conformità di prodotto alle norme EN 295 rilasciata dai principali enti di certificazione europei (BSI, MPA, CSTB, INISMA) accreditati secondo EN 45001; ognuno di questi certificati è sufficiente per certificare la conformità su tutto il territorio della Comunità Europea; Sono fabbricati secondo un Quality Management System approvato certificato da BS EN ISO 9001:2000; Sono prodotti in fabbriche che operano secondo Environmental Management Systems, certificate secondo BS EN ISO Ad ogni fornitura viene rilasciata la dichiarazione di conformità prevista dal Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 12 Dicembre 1985 Norme tecniche relative alle tubazioni redatta secondo UNI CEI EN ISO/IEC Dal 1 Gennaio 2007 tutti i prodotti recano la marcatura 4

5 Il grès e l ambiente La salvaguardia dell ambiente nel quale viviamo (terra, acqua, aria) rappresenta une delle grandi sfide degli anni a venire. Quotidianamente siamo informati dei danni provocati dall uomo nell ambiente circostante. Notiamo però che gli operatori pubblici, gli imprenditori e i singoli cittadini non sono ancora sufficientemente sensibilizzati e il rispetto della natura nel suo complesso non viene percepito come un valore fondante della società che si sta costruendo. Il singolo essere umano spesso non è consapevole dei danni che può provocare nel suo intorno, non è correttamente informato sugli effetti dannosi che molte sostanze (non solo i rifiuti domestici) possono provocare nel tempo. I rifiuti liquidi e solidi possono inquinare la terra e le falde acquifere, gli scarichi gassosi delle auto e delle industrie inquinano l aria, a tutto ciò si aggiunge un consumismo sfrenato e non necessario. Gli stessi prodotti destinati alle infrastrutture e alcune lavorazioni industriali possono originare effetti dannosi una volta immessi nell ambiente. Le leggi esistenti vengono aggirate e sovente sono emanate con ritardo. Della salvaguardia dell ambiente devono farsi carico tutti gli addetti ai lavori. Nelle loro scelte industriali e tecniche insieme al profitto e al benessere dei singoli dovrebbero guardare senza remore ai materiali eco-compatibili. Sorge allora spontanea la domanda: perché il Gres? Perché i tubi di gres si producono partendo da una miscela di argille che vengono macinate e poi cotte. Il prodotto finito non è dannoso né per il suolo dove viene interrato né per le piante, né per gli animali e non inquina le falde. I tubi di gres in campo fognario offrono numerosi vantaggi. Tenuto conto della loro grande resistenza all usura e agli agenti chimici ed elettro-chimici presenti nei terreni (cioè bassi costi di manutenzione nel tempo) i maggiori costi iniziali sono largamente compensati dalle caratteristiche tecniche ed ecologiche che, unite alla durata, fanno si che il tubo di gres sia considerato il materiale per eccellenza nel settore. Oggi insieme ai tubi è disponibile una vasta gamma di accessori, grazie ai quali è possibile dare un adeguata risposta ad ogni problema di installazione. Alcuni di essi sono concepiti per il collegamento a materiali diversi, quali il calcestruzzo, il PVC, il PEAD e la ghisa. Questa disponibilità è importante nei lavori di ristrutturazione e di rinnovo. Perchè il grès? Vi sono molte ragioni per giustificare l uso di tubi ed accessori in Gres. Alcune sono esposte di seguito. Sommatele ed avrete la risposta al quesito che abbiamo posto. Naturale Non esiste nessun altro materiale più naturale del Grès. Il Grès è costituito da miscele di argille cotte in forni speciali ad elevate temperature, senza aggiunta di altre sostanze.si può dire che quando si interrano tubi di Grès, è come se questi tornassero nei luoghi dai quali hanno tratto origine. Malattie connesse alla lavorazione o alla produzione del Grès non sono note. Il loro uso offre la massima garanzia che falde non saranno contaminate, né ora né per le generazioni future. Economico Il secondo vantaggio del Grès è quello economico. Un vantaggio che non si avverte in fase di fornitura, soprattutto nei diametri inferiori a 300 mm, perché gli investimenti iniziali superano, anche se di poco, quelli di altri materiali. Ma gli altri materiali risultano nel tempo meno economici, a causa degli alti costi di ammortamento. V. schema che segue: Materiale Durata in anni Calcestruzzo 40 PVC-U 40 stima non ancora verificata nella pratica Grès 100 Il costo della tubazione in una fognatura rappresenta solo una minima parte dei costo complessivo dell' opera. Molte condutture per lo scarico di acque reflue costruite in Gres sono in funzione da oltre 100 anni senza che siano mai state riparate. Dopo 100 anni non risultano tracce appariscenti di corrosione chimica od usura dovute a cause meccaniche. Autoportante Un terzo argomento a favore del Grès è il suo comportamento in esercizio. I tubi di Gres presentano un comportamento "rigido". La capacità delle condotte di resistere alla pressione della terra sovrastante e del traffico, dipende dalla caratteristica di resistenza allo schiacciamento e dal modo in cui esse sono state interrate. Condutture fognanti di materiale plastico, come quelle attualmente in uso, offrono poca resistenza alla pressione dei carichi sovrastanti e si ovalizzano; la superficie libera delle acque di scarico aumenta, la velocità di scorrimento diminuisce, e possono formarsi intasamenti. In corrispondenza dei bicchieri, l'ovalizzazione può causare delle perdite. Grazie a moderne tecniche di produzione è possibile garantire ai tubi di gres alti valori di resistenza allo schiacciamento, che può essere causato dai carichi del terreno o dal transito di veicoli sulle strade sovrastanti.... "Naturale", "economico", "autoportante", sono le parole che sintetizzano le qualità e le ragioni che giustificano la scelta del Grès. 5

6 L importanza della durata della tubazione Habuba Kabira (Mesopotamia) IV millenio a.c. Sagalassos (Turchia) Tempio romano IV secolo a.c. Da alcuni anni nella progettazione e realizzazione di opere pubbliche è invalsa la tendenza di valutare per ogni prodotto il suo reale tempo di vita, il suo comportamento e i costi di gestione durante l esercizio. Ha quindi assunto grande importanza il poter documentare, all atto della progettazione, il ciclo di vita di un prodotto e il suo comportamento nel tempo. Una valutazione di tutti gli aspetti tecnici, ambientali, economici e sociali è oggi corredo essenziale per ogni.progetto... I tubi in gres rispondono perfettamente a tutte le domande e le aspettative dei tecnici perché i tubi in gres sono attuali e affidabili. Ci vengono incontro, a suffragio di quanto detto sopra, le innumerevoli applicazioni e la pratica d uso del gres in tutto il mondo. Le realizzazioni pratiche, anche in tempi lontani, stanno a dimostrare i vantaggi che il gres può offrire a progettisti ed enti. Il gres è un materiale di applicazione millenaria. Ancora oggi è possibile vedere non solo nei siti archeologici delle grandi civiltà del passato le sue antiche applicazioni ma anche avvicinandoci ai tempi più moderni è possibile portare esempi pratici di opere eseguite nei secoli trascorsi. Esempio pratico di durata dei tubi in gres per le città di Valenciennes (Francia) e Gand (Belgio). I dati sono stati elaborati e diffusi dalle rispettive municipalità: Città di Valenciennes: 750 km di condotte posate Esempi di investimenti in funzione della durata dei materiali: A supposto un life-time di 50 anni si dovrebbero sostituire ca. il 2% delle condotte in esercizio (pari a 15 km/anno). Ipotizzando costi di sostituzione pari a 1000 /m di tubo sarebbe necessario prevedere investimenti per /anno. B - supposto un life-time di 100 anni si dovrebbero sostituire ca. l 1% delle condotte in esercizio (pari a 7,5 km/anno). Ipotizzando costi di sostituzione pari a 1000 /m di tubo sarebbe necessario prevedere investimenti per /anno. Budget reale: , si possono rinnovare solo 3 km/anno. Conclusione: la durata necessaria delle tubazioni deve raggiungere i 250 anni (solo il gres consente tempi di vita così estesi). Braunschweig 120 anni di servizio Citta di Gand: 830 km di condotte posate (valore ) Investimento annuale per la sostituzione in funzione della durata della tubazione: A 40 anni = A 100 anni = A 150 anni = Fondi/anno per la manutenzione delle canalizzazioni: /anno Conclusione: durata della tubazione necessaria superiore a 160 anni. Oldenburg 95 anni di servizio Gli esempi precedenti, estensibili a qualsiasi realtà, rendono evidente l importanza del ciclo di vita di una tubazione sia per l aspetto economico che per i bassi costi di ammortamento e gestione. L uso di prodotti ecocompatibili, rispettosi dell ambiente circostante, sono preferibili a materiali meno costosi, tanto più se presentano tempi di vita molto lunghi, modesti costi di manutenzione e continuità di esercizio senza creare disagi agli utenti (interruzioni stradali, allagamenti).. Le condotte in gres nascono dall argilla. Il loro continuo uso nei tempi antichi e nel mondo contemporaneo stanno a dimostrare la loro assoluta affidabilità. L esperienza testimonia la sua elevata resistenza meccanica, l assoluta resistenza a corrosioni di qualunque natura, la grande impermeabilità, la durata compresa tra gli 80 e 100 anni anche in condizioni di esercizio gravose tanto da meritarsi lo slogan: Il grès non invecchia 6

7 L evoluzione del gres Sistema F Tipo di giunto L Sempre nell ottica di considerare il prodotto durante tutto l arco del suo ciclo di vita si inserisce l elemento di analisi del prodotto stesso durante il proprio periodo di utilizzo, al fine di evidenziare gli aspetti che possono essere soggetti ad un miglioramento concreto, aspetti che emergono solo con la messa in opera del prodotto. Il gres, con la sua storia millenaria, ha saputo conservare i suoi aspetti maggiormente qualificanti. Le analisi continue sul prodotto in esercizio hanno consentito miglioramenti continui, adattando e modificando alcune caratteristiche in funzione dei continui mutamenti a cui oggi è sottoposta la società. Tali miglioramenti si sono rivolti ad aumentare: La resistenza meccanica Le lunghezze dei tubi insieme alla riduzione dei pesi La garanzia di tenuta Resistenza meccanica più elevata Oggi l aumento dei carichi a cui vengono sottoposte le tubazioni richiede una resistenza meccanica superiore rispetto al passato. Il gres ha risposto a queste sollecitazioni aumentando la qualità del suo prodotto. La selezione delle argille è sempre più accurata, la miscelazione delle materie prime è più attenta, così come sono sempre più accurate e controllate le fasi di produzione e di cottura nei forni. Tutto questo permette al tubo in gres di aumentare le sue qualità meccaniche senza aumentare lo spessore dei tubi. Lunghezze maggiori e pesi ridotti Sistema C Tipo di giunto K Per facilitare e velocizzare la posa della tubazione, i tubi in gres oggi vengono prodotti in barre di lunghezza 2,5 m nella fascia di diametri superiore ai 200 mm. Contemporaneamente la rettilineità del tubo è stata aumentata e le tolleranze di fabbricazione sono state ridotte ad 1 mm. Con l introduzione del nuovo sistema EUROTOP, relativo ai diametri da 100 a 300 mm, i pesi per metro di tubo sono stati ridotti sensibilmente (sono stati ridotti gli spessori e aumentata la resistenza meccanica a schiacciamento). I tubi in gres EUROTOP, dotati di manicotto PP, sono perfettamente cilindrici e rettilinei. Questo risultato viene garantito da un nuovo sistema di estrusione e dalla cottura del tubo estruso in forni orizzontali (i tubi in questo caso avanzano nel forno su rulli orizzontali). Maggiore garanzia di tenuta Sistema E EUROTOP Nel corso degli anni la giunzione del tubo in gres è progredita per dare sempre maggiori garanzie di tenuta. I tubi con giunti a bicchiere hanno sviluppato la giunzione di tipo integrato nella tubazione con elementi di tenuta in gomma o poliuretano. Il sistema EUROTOP ha sviluppato la giunzione a manicotto, dove il manicotto è prodotto in polipropilene con anello di tenuta in EPDM e un gradino centrale di battuta sul quale insistono le testate lisce del tubo. Per i tubi in gres di grande diametro e per microtunneling non provvisti di bicchiere la giunzione è effettuata con anello in acciaio inox. 7

8 Le peculiarità del gres Gli odierni tubi in gres, come abbiamo potuto apprezzare in precedenza, hanno raggiunto uno standard qualitativo molto elevato. All accresciuta qualità della materia prima ha fatto seguito di pari passo un sistema di produzione sempre più accurato ed automatizzato... Alta resistenza chimica: i tubi in gres sono immuni agli acidi e agli alcalini contenuti sia nelle acque reflue che nel terreno, resistendo alle prove sia per i tubi che per i giunti da un ph 0 a un ph 14 alla temperatura di 70 C. I tubi in gres sono anche resistenti all acido solfidrico (H₂S) e all acido solforico (H₂SO₄), gas che si producono all interno della tubazione ed in grado di corrodere i materiali cementizi fino a provocarne la rottura. Processo di corrosione chimica Alta resistenza meccanica: le prove di laboratorio dimostrano che i tubi in gres possiedono ottime qualità meccaniche, quali la resistenza allo schiacciamento, alla flessione e alla trazione, bassissima dilatazione termica, quindi un alta resistenza che permette alla tubazione di non subire alcuna deformazione. Inoltre non sono affatto sensibili alle correnti vaganti. Elevate prestazioni idrauliche: la superficie perfettamente liscia delle pareti interne (rugosità tra 0,02 e 0,05 mm) del tubo in gres permette l ideale scorrimento dei reflui, caratteristica che permane praticamente immutata durante l esercizio data l elevata resistenza all abrasione mostrata sia dalle prove di laboratorio, uno spezzone di tubo di 1 m riempito con ghiaia, sabbia e acqua e chiuso alle estremità viene sottoposto a oscillazioni con una frequenza di 20 oscillazioni al minuto, al termine delle quali mostra un abrasione inferiore al decimo di millimetro, sia dalla pratica di utilizzo, dove può essere usato anche con forti pendenze e velocità dei reflui fino a 10 m/s. Corrosione chimica sul materiale cementizio Tenuta e flessibilità dei giunti: i giunti dei tubi in gres, sia con la giunzione a bicchiere sia con la giunzione a manicotto, presentano una perfetta impermeabilità, una elevata resistenza chimica anche ad alta temperatura ed una ottima resistenza alle prove di taglio. Inoltre i giunti dimostrano grande flessibiltà, per esempio nel DN 200 mm la deviazione angolare è di 10 cm al metro lineare, permettendo così di compensare eventuali piccoli assestamenti del terreno. Facilità d intervento: i tubi in gres sono facilmenti ispezionabili e resistono alla pressione di 120 bar per le normali operazioni di pulizia e 340 bar alla prova di disostruzione. Severi controlli di qualità: le aziende produttrici dei tubi in gres hanno adottato un rigido sistema di controllo della qualità del prodotto. I prodotti sono fabbricati da aziende certificate ISO 9001, secondo le norme EN 295, hanno la marcatura CE e godono di certificazione di conformità di prodotto rilasciata dai principali enti di certificazione europei. Prova di schiacciamento Prova di deviazione angolare Rispetto dell ambiente: i tubi in gres sono prodotti con materie prime naturali come l argilla e sono perciò completamente riciclabli. Il ciclo di produzione completo prevede un basso consumo di energia anche grazie alle tecnologie impiegate negli impianti, con conseguente importante abbattimento delle emissioni di CO₂, permettendo ai produttori di ottenere importanti riconoscimenti per gli obiettivi raggiunti nel campo del risparmio energetico. Durata: le tubazioni in gres hanno una longevità eccezionale e mantengono inalterate nel tempo l alta resistenza chimica e meccanica unite alle elevate prestazioni idrauliche ed alla tenuta e flessibilità dei giunti. Dagli studi effettuati dalle associazioni di settore le tubazioni in gres hanno un aspettativa di vita di esercizio ben superiore alla media degli altri materiali impiegati in campo fognario, raggiungendo mediamente gli anni di vita. Un lifetime di questo tipo li rende i più vantaggiosi anche da un punto di vista economico. 8

9 Tipi di giunto Tubi in gres tradizionali Sistema F - Tipo di giunto L Elemento di tenuta in gomma all interno del bicchiere, punta del tubo liscia Sistema C - Tipo di giunto K Elemento di tenuta in poliuretano sulla punta ed anello di compensazione in poliuretano rigido all interno del bicchiere Tubi in gres di nuova generazione Sistema E - EUROTOP Corpo del manicotto in polipropilene (PP) e anello di tenuta in EPDM, estremità del tubo lisce. Il tipo di giunto E EUROTOP è equivalente (vedi D.lgs. 163/2006 in attuazione direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE: Codice dei contratti pubblici relativi a lavori,servizi e forniture - art. 68 Specifiche Tecniche) in quanto rispondente ai requisiti di prestazione previsti da UNI EN di LUGLIO

10 Classe di resistenza e tipi di tubo disponibili La norma EN 295 definisce i valori minimi (FN = carico di schiacciamento) e le classi di resistenza a schiacciamento. La formula seguente dà la relazione fra questi due elementi: FN = DN X Classe kn / m Per esempio un diametro 400 nella classe 200 ha un valore di resistenza a schiacciamento di 80 kn/m... La classe dei diametri DN 100, DN 125 e DN 150 è direttamente indicata dal valore di resistenza allo schiacciamento in kn/m. A partire dal diametro DN 200 è il livello minimo di resistenza allo schiacciamento richiesto che individua la classe di appartenenza. La classe L, indicata per i diametri DN 700, DN 800, DN 900 e 1400 si riferisce ai valori minimi. Le classi ed i valori corrispondenti di resistenza a schiacciamento sono evidenziati nella tabella di seguito riportata: Ø nominale mm 100 Classe UNI EN 295 Resistenza schiacciamento kn/m **Tubi Classe L DN 900 DN 1000 DN 1200: disponibili su richiesta Tubi DN 450 Classe 160 : disponibili su richiesta Tipi di tubo disponibili Sistema di giunzione / Tipo di giunto 34 F/L 40 EUROTOP F/L 34 F/L C/K + EUROTOP F/L + C/K C/K + EUROTOP C/K C/K + EUROTOP C/K C/K + EUROTOP C/K * 48 C/K C/K C/K C/K C/K C/K 120* 72 C/K C/K L* 60 C/K 120* 84 C/K C/K L * 60 C/K * 96 C/K C/K 900 L** 60 C/K ** 120 C/K ** 114 VT 1400 L 90 VT 10

11 Tubi in gres tradizionali Tubi in grès con giunto a bicchiere Sistema F Tipo di giunto L Con guarnizione di tenuta in EPDM Conformi alle norme UNI EN 295 Prodotti da azienda certificata ISO 9001 e con certificazione di conformità di prodotto rilasciata da organismo terzo europeo accreditato. Sistema F Tipo di giunto L Elemento di tenuta in gomma all interno del bicchiere, punta del tubo liscia. Giunto di tipo tradizionale prodotto sia da Euroceramic che da Keramo-Steinzeug nei diametri minori destinati soprattutto ad allacciamenti. Ø nominale mm Classe UNI EN 295 Resistenza schiacciamento kn/m Sistemi di giunzione Tipo di giunto Lunghezza unitaria tubi m F L 1/1, * 34 F L 1/1, F L 1, F L 1,5 * produzione speciale 11

12 Tubi in gres tradizionali Tubi in grès con giunto a bicchiere Sistema C Tipo di giunto K Con guarnizione di tenuta in poliuretano Conformi alle norme UNI EN 295 Prodotti da azienda certificata ISO 9001 e con certificazione di conformità di prodotto rilasciata da organismo terzo europeo accreditato. Sistema C Tipo di giunto K Elemento di tenuta in poliuretano sulla punta ed anello di compensazione in poliuretano rigido all interno del bicchiere. Giunto di tipo tradizionale prodotto sia da Euroceramic che da Keramo-Steinzeug per i tubi di diametro maggiore (Keramo-Steinzeug fino DN mm 1000). Ø nominale mm Classe UNI EN 295 Resistenza schiacciamento kn/m Sistemi di giunzione Tipo di giunto Lunghezza unitaria tubi m 150 * 40 C K 1, C K 1,5/ C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2,5 L 60 C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2,5 L 60 C K 2/2, C K 2/2, C K 2/2,5 * disponibile su richiesta Per diametri superiori si veda: Tubi in gres di grande diametro 12

13 Tubi in gres di nuova generazione Tubi in gres con giunto a manicotto EUROTOP HIGH-TECH PER FOGNATURE Sistema di giunzione E (tipo di giunto Eurotop) senza vernice, con estremità lisce e giunto a manicotto in PP con guarnizione di tenuta in EPDM. Conformi alle norme UNI EN 295. Prodotto fabbricato da azienda con sistema qualità certificato ISO 9001 e con certificazione di conformità di prodotto rilasciata da Organismo terzo europeo accreditato. Sistema E - EUROTOP Corpo del manicotto in polipropilene (PP) e anello di tenuta in EPDM, estremità del tubo lisce,prodotti nel Regno Unito da Euroceramic/ Hepworth del Gruppo Wavin. I tubi e gli accessori di gres EUROTOP, conformi alla norma EN 295, sono a testate lisce. L estrusione dei tubi avviene in continuo. Gli stessi vengono poi tagliati alla lunghezza desiderata. Su ciascuno di essi viene montato un manicotto in polipropilene con sistema di assemblaggio di tipo E come richiesto dalla norma EN 295 al fine di garantire un tenuta perfetta anche in condizioni di esercizio difficili. Messo a confronto con il giunto a bicchiere il manicotto EuroTop presenta una profondità di incastro quasi doppia e di conseguenza non solo una elevata resistenza alle forze di taglio, ma anche il mantenimento della tenuta ermetica in presenza di movimenti del terreno (in diagonale). Questo sistema di assemblaggio viene utilizzato nella gamma di diametri mm. Nella messa a punto di tali tubi è usata una nuova tecnologia di produzione e un nuovo sistema di cottura che conferisce al prodotto finale le dimensioni geometriche rigorosamente volute. Le particolari dimensioni dei tubi consentono un loro assemblaggio con manicotto in polipropilene munito di anelli di tenuta in EPDM e di un gradino centrale di battuta sul quale insistono le testate di due tubi contigui. Le prove sul manicotto in PP sono eseguite secondo le richieste della norma EN a e 3 a parte (per chiarimenti chiedere il catalogo EUROTOP). Il particolare procedimento di fabbricazione conferisce al prodotto caratteristiche di elevata affidabilità e sicurezza nell impiego. Ø nominale mm Classe UNI EN 295 Resistenza schiacciamento kn/m Lunghezza unitaria tubi m ,5-1, , ,

14 Tubi in gres per microtunnelling UNI EN Tra tutte le tubazioni impiegate per la posa trenchless, quelle che hanno incontrato il maggior successo sono quelle in grès. In Germania esse sono passate dai mc/anno del 1986 ai mc del 1997 (la fascia di diametri va da 150 a 1400 mm). Le condotte posate fino al 1998 erano di ca. 900 km. Nella sola Berlino nel 1997 sono stati posati ca. 60 km di tubi con il metodo trenchless. I tubi in grès per la posa senza scavo sono prodotti in forma perfettamente cilindrica e senza giunzione. Le pareti saranno di spessore idoneo a questo metodo di posa. Una volta prodotti i tubi vengono tagliati in modo pianparallelo e fresati per renderli adatti al sistema di giunzione. Queste procedure sono molto importanti: il pianparallelismo delle superficie estreme evita le tensioni di punta causate dalle rugosità presenti sulle superfici, mentre la fresatura aumenta la sicurezza della tenuta e la resistenza al taglio. Le superfici esterne dei tubi sono perfettamente lisce e regolari per minimizzare l attrito che si genera durante la spinta tra parete del tubo e parete della micro-galleria. Le giunzioni non sporgono oltre il contorno esterno del tubo, che è perfettamente cilindrico, assorbono la forza di spinta longitudinale risultante dall azione di spinta, così come la forza trasversale risultante dai movimenti guidanti. Allo stesso tempo è assicurata una perfetta tenuta per prevenire l ingrèsso dei fluidi di supporto o del liquido lubrificante. Diametro nominale DN mm Diametro interno d1 mm Diametro estremità d2 mm Diametro esterno d3 mm Diametro giunzione d4 mm Forza di spinta max. kn Peso Kg/m Lunghezza utile m , , , ,00 14

15 Tubi in gres forati per drenaggio UNI EN Ø nominale mm Lunghezza m Peso Kg/m Numero file di fori Numero di fori per fila 100 1, , , , , , , ,50 Spessore di parete mm 15

16 Tabelle per la scelta rapida delle modalità di posa delle tubazioni in gres Le tabelle calcolate per le tre modalità di posa considerate, riportano le rispettive altezze di rinterro per le quali la verifica statica è soddisfatta con un coefficiente di sicurezza 2 in trincea larga. Per altezze di rinterro minori di 1,2 m su strade principali e di 0,9 m negli altri casi, la modalità di posa deve essere valutata con particolare attenzione. La verifica statica delle tubazioni deve poi essere effettuata considerando il tipo di trincea, le caratteristiche del terreno e l entità dei sovraccarichi secondo le norme EN FN= Classe (kn/mq) x DN inkn/m FNxEz = F 1000 n Tubazioni posate sotto strade principali H(m) n = coefficiente di sicurezza 1,5 Ez = indice di posa FN = resistenza allo schiacciamento (kn/m) F = carichi statici e dinamici gravanti sulle tubazioni (kn/m). Classe secondo UNI EN 295 (kn/mq) cl. 240 cl. 200 cl. 160 cl. 120 cl. 95 Classe L DN 700 DN 800 DN 900 DN 1000 Altezze di rinterro inferiori a 1,2 m richiedono una specifica valutazione 1 1 1,5 1, ,5 2, ,5 3, ,5 4, ,5 5, ,5 6, ,5 7, ,5 8, ,5 9, Normalmente il letto di posa è realizzato con terreno incoerente (sabbia/ghiaietto<20mm) dello spessore di cm 10+1/10 DN, sagomato in modo tale che la tubazione appoggi longitudinalmente per tutta la sua lunghezza, trasversalmente per un angolo >90 e con nicchie per i giunti TERRENO VAGLIATO PROVENIENTE DALLO SCAVO (20 mm) d 10cm+1/10 DN per DN<500 SABBIA/GHIAIETTO CALCESTRUZZO d 10cm+1/5 DN per DN

17 ... DISCIPLINARE Disciplinare per fornitura, posa in opera e collaudo dei tubi in gres per fognature stradali - Norme UNI EN 295 GENERALITA' Il presente disciplinare si applica ai tubi ed agli elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami. MATERIALI E PRODUZIONE Per la produzione di tubi e di relativi elementi complementari di gres devono essere impiegati degli impasti di argille adatti sottoposti poi a cottura di vetrificazione. La qualità e l'omogeneità delle argille impiegate sarà tale da garantire la conformità del prodotto finale con le esigenze del presente disciplinare. I tubi ed elementi complementari devono essere sani ed esenti da difetti che possono compromettere il buon funzionamento nelle condizioni di impiego al quale sono destinati. Difetti apparenti, come per esempio punti opachi nella vernice, asperità della superficie, pieghe nel punto di transizione tra canna e sghembo del bicchiere, nonché minori danneggiamenti superficiali non ne compromettono l'idoneità all'impiego se non pregiudicano la tenuta ai liquidi, la durata e le caratteristiche idrauliche dei tubi e dei relativi elementi complementari. I tubi e relativi elementi complementari possono essere verniciati o non all'interno e/o all'esterno. Gli elementi complementari possono essere un insieme di diversi elementi costitutivi uniti dopo la cottura dei singoli elementi. I singoli elementi possono aver subito un trattamento superficiale dopo la cottura. TOLLERANZE, REQUISITI E PROVE Le caratteristiche della produzione dovranno corrispondere a quanto previsto dalle norme: UNI EN 295/1 UNI EN 295/2 UNI EN 295/3 UNI EN 295/4 UNI EN 295/5 UNI EN 295/7 UNI EN 295/10 UNI EN ISO 9001 UNI EN 681 Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami - Specificazioni Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami - Controllo della qualità e campionamento Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami - Metodi di prova Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami. Requisiti per elementi complementari speciali, elementi di adattamento ed accessori compatibili Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami - Requisiti per i tubi perforati e per gli elementi complementari di gres Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami Requisiti per tubi e sistemi di giunzione di gres per tubazioni con posa a spinta Tubi ed elementi complementari di gres e relativi sistemi di giunzione, destinati alla realizzazione di impianti di raccolta e smaltimento di liquami Parte 10: Requisiti di prestazione Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Elementi di tenuta in elastomero Requisiti dei materiali per giunti di tenuta nelle tubazioni utilizzate per adduzione e scarico dell acqua 17

18 DIAMETRI, CLASSI E RISPETTIVI CARICHI MINIMI DI ROTTURA A SCHIACCIAMENTO DN mm CARICHI MINIMI DI ROTTURA A SCHIACCIAMENTO IN KN/m CL L CL 95 CL 120 CL 160 CL 200< CL La scelta della Classe sarà determinata con il calcolo di verifica statica per le condotte rigide. TENUTA ALL ACQUA L aggiunta d acqua per mantenere la pressione di prova a 0,5 bar per 15 non dovrà superare la quantità di 0,07 l/mq. di superficie interna del tubo preso in esame. LUNGHEZZE NOMINALI PREFERENZIALI Valori preferenziali di lunghezza nominale dei tubi sono: CL CL DN mm lunghezza m ,5 / 1,75 / 2, ,5 / 2,0 / 2, ,5 / 2,0 / 2,5 >350 1,5 / 2,0 / 2,5 / 3,0 Sarà gradito l'impiego di tubi dalla maggior lunghezza commerciale disponibile, salvo per applicazioni particolari. SISTEMI DI GIUNZIONE Sono previsti i sistemi di giunzione: - a bicchiere, con punta e bicchiere torniti e con guarnizione di tenuta in gomma - a bicchiere con elementi di tenuta in poliuretano - a manicotto di polipropilene con anelli di tenuta in gomma. Il sistema adottato dovrà assicurare la tenuta idraulica della condotta, dall'interno verso l'esterno e viceversa, pari a 0,5 bar anche in presenza delle seguenti deviazioni angolari massime dei tubi: DN mm Deviazione angolare max in mm/m >

19 MARCATURA Un marchio di identificazione deve essere apposto su ciascun tubo ed elemento complementare. Tale marchio di identificazione deve comprendere le seguenti indicazioni: UNI EN 295/1; marchio CE ; simbolo di identificazione del fabbricante; data di produzione; diametro nominale (DN...); sistema dimensionale di giunzione. Il marchio di identificazione deve comprendere inoltre l'indicazione della: resistenza allo schiacciamento, in kilonewton per metro; se del caso, la resistenza al momento flettente, in kilonewton per metro. Il marchio di identificazione deve essere apposto preferibilmente su ogni tubo ed elemento complementare prima della cottura degli stessi, o se ciò non fosse possibile, impresso in modo indelebile dopo la cottura. Il marchio di identificazione delle curve e delle diramazioni deve inoltre comportare un'indicazione dell'angolo di curvatura od angolo di diramazione. CERTIFICATI DI PROVA E DI QUALITA' L'impresa esecutrice dovrà richiedere al fabbricante: la certificazione di conformità del sistema produttivo alle norme UNI EN ISO 9001 la dichiarazione di conformità prevista dal Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 12 Dicembre 1985 Norme tecniche relative alle tubazioni redatta secondo UNI CEI EN ISO/IEC ACCETTAZIONE DEI MATERIALI L'accettazione dei tubi e degli elementi complementari sarà subordinata ai controlli da effettuarsi in cantiere da parte della DD.LL. all'arrivo dei materiali. MODO DI ESECUZIONE DI OGNI CATEGORIA DI LAVORO Per la posa in opera dei tubi di gres ceramico si dovranno seguire le norme UNI EN 1610 Costruzione e collaudo di connessioni di scarico e collettori di fognatura e le seguenti raccomandazioni. Scarico e sfilamento Lo scarico e la movimentazione in cantiere delle tubazioni in gres deve essere fatto con cura evitando in particolare di danneggiare i sistemi di giunzione trascinando i tubi sul terreno durante le operazioni di sfilamento lungo gli scavi. Posa e ricoprimento Dove il fondo dello scavo risultasse di terreno inconsistente, questo dovrà essere rimosso e sostituito con materiale di appoggio adatto. Se si incontrassero zone più estese di questo genere, con scarsa capacità portante per sopportare i materiali di appoggio del tubo (torba, sabbie mobili, ecc )si dovranno rifare i calcoli di resistenza meccanica e ricorrere ad appoggi speciali (leganti idraulici, sottofondo in cls, ecc.). Nelle condizioni normali i tubi di gres, (salvo diversa indicazione di progetto o della D.L.) dovranno essere appoggiati su apposito letto di sabbia grossa o ghiaino spezzato di spessore uniforme e corrispondente in ogni suo punto a quello prescritto, con nicchie per l' alloggiamento dei giunti. Prima di procedere alla posa, le tubazioni devono essere controllate per verificare la loro integrità. Verranno calate nello scavo con il segno di riferimento bianco rivolto verso l' alto. Le estremità delle tubazioni da unire verranno pulite e lubrificate con gli appositi lubrificanti forniti dai produttori o con sapone liquido (mai con oli minerali) prestando attenzione affinché la punta non si sporchi prima di penetrare nel bicchiere o nel manicotto della tubazione già posata. I tubi dopo essere stati posti sul letto di sabbia dovranno essere rinfiancati sempre in sabbia in modo tale da creare una sella di appoggio di 90 circa e successivamente ricoperti con terreno vagliato (O<=20mm) proveniente dallo scavo o terreno incoerente secondo le indicazioni di progetto e/o della D.L.. Salvo diverso ordine impartito caso per caso dalla Direzione dei Lavori, si dovranno adottare per il letto di posa e il rinfianco le dimensioni che figurano dai disegni di progetto e che saranno prescritte all'atto esecutivo dalla Direzione dei Lavori. Il posatore prima di collocare i tubi in opera, dovrà assicurarsi della loro perfetta integrità e procedere alla pulizia delle estremità, anche da eventuali bave, con uno straccio morbido, e alla successiva lubrificazione. Per comporre la giunzione far si che la punta del tubo sia infilata nel bicchiere/manicotto senza consentire mai che il terreno entri nel giunto. Ad ogni sospensione del lavoro si deve chiudere provvisoriamente l'ultimo tubo con un tappo in gres o plastica; mai con stracci, sacchi, carta od altro materiale facilmente deformabile. 19

20 Eseguita la posa di un tratto di tubazione, andrà controllata la sua giacitura planialtimetrica mediante appositi mezzi (apparecchi laser o livelli). PROVA DI TENUTA IDRAULICA DELLA CONDOTTA POSATA Controllo della tenuta all'acqua Le tubazioni e le camerette devono essere costruite a tenuta d acqua. La prova di tenuta delle condotte in opera dovrà essere eseguita così come prescritto dal Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 12/12/1985 secondo le modalità delle norme UNI EN 1610, sia durante la posa, a giunti scoperti, che a fine installazione dopo il ricoprimento. Si potranno controllare sezioni singole di tubazione, preferibilmente nei punti critici, la tubazione completa oppure i singoli punti di giunzione. Si richiede di verificare la impermeabilità all'acqua anche dei pozzetti e delle tubazioni costruiti in loco, costruiti ad esempio in opera muraria, in cemento o cemento armato. Durante l'esame preliminare, eseguito quando la tubazione non e ancora ricoperta di terra, per evitare spostamenti e deviazioni, si può interrare la tubazione ricoprendola parzialmente, badando comunque a lasciare scoperti i punti di giunzione. In caso di necessità si deve fissare la tubazione contro il galleggiamento. Per l accettazione finale la tubazione deve essere collaudata dopo il riempimento e la rimozione della casseratura di contenimento. PROCEDIMENTI PER IL COLLAUDO Il collaudo della tenuta delle tubazioni, dei pozzetti e delle camere di ispezione può essere effettuato con aria (metodo L ) oppure con acqua (metodo W ). La scelta del collaudo mediante aria o acqua sarà indicata dall estensore del progetto. Si può eseguire il collaudo separato dei tubi e dei raccordi dei pozzetti e delle camere di ispezione, per esempio i tubi con aria ed i pozzetti con acqua. Nel caso del metodo ad aria non vi sono limiti al numero di ripetizioni e di prove successive al mancato superamento di una prova. Nel caso che la prova con aria non venga superata la prima volta e anche le successive, è consentito il ricorso alla prova con acqua e sarà decisivo soltanto il risultato della prova con acqua. Se, durante il collaudo, il livello della falda freatica è al di sopra della generatrice superiore della tubazione si può effettuare una prova di infiltrazione con una prescrizione specifica. Collaudo con aria (metodo L ) I tempi di prova per le tubazioni, esclusi i pozzetti e le camere di ispezione, vengono forniti nel prospetto in calce in relazione alle dimensioni del tubo e ai metodi di prova (LA; LB; LC; LD). Le condizioni di prova saranno indicate dall estensore del progetto. Si devono usare chiusure adatte a tenuta d aria al fine di evitare errori derivanti dalle apparecchiature di prova. In fase di collaudo, per motivi di sicurezza, è necessario prestare particolare attenzione ai tubi di grande diametro. Il collaudo di pozzetti e camere di ispezione con aria è difficile da attuare in pratica; eventualmente si può usare un tempo di prova pari alla metà di quello per una tubazione di diametro equivalente. In primo luogo si deve mantenere per circa 5 min una pressione iniziale maggiore di circa il 10% della pressione di prova richiesta, p₀. Si deve poi adeguare la pressione alla pressione di prova relativa al metodo di collaudo LA, LB, LC o LD. Se la perdita di pressione misurata dopo il tempo di prova è minore del D o indicato nel prospetto la tubazione è conforme. L apparecchiatura usata per misurare la caduta di pressione deve consentire una misurazione del D o con una precisione del 10%. La precisione di misura del tempo deve essere di 5 s. Materiale Metodo di collaudo p o *) Mbar (kpa) D o Tempo di prova min DN100 DN200 DN300 DN400 DN600 DN800 DN1000 LA 10 (1) 2,5 (0,25) Tubi in grès LB LC 50 (5) 100 (10) 10 (1) 15 (1.5) LD 200 (20) 15 (1.5) *) Pressione superiore alla pressione atmosferica 1,5 1,5 2 2,

Tubi e accessori in gres per fognature conformi alle norme UNI EN 295

Tubi e accessori in gres per fognature conformi alle norme UNI EN 295 Tubi ed accessori in grès per fognature conformi alle norme UNI EN 295 prodotti da aziende certificate ISO 9001 con certificazione di conformità di prodotto rilasciata da organismi accreditati Gennaio

Dettagli

Tubi e accessori in gres per fognature conformi alle norme UNI EN 295

Tubi e accessori in gres per fognature conformi alle norme UNI EN 295 Tubi ed accessori in grès per fognature conformi alle norme UNI EN 295 prodotti da aziende certificate ISO 9001 con certificazione di conformità di prodotto rilasciata da organismi accreditati Gennaio

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

Acque Pluviali ISPEZIONABILE PULIBILE MODULARE. L innovazione al servizio. del trasporto dei fluidi. Le soluzioni sviluppate da Wavin sono sempre

Acque Pluviali ISPEZIONABILE PULIBILE MODULARE. L innovazione al servizio. del trasporto dei fluidi. Le soluzioni sviluppate da Wavin sono sempre Acque Pluviali Wavin Q-Bic Costruisce l avvenire dell acqua ISPEZIONABILE PULIBILE MODULARE Le soluzioni sviluppate da Wavin sono sempre state all avanguardia nel campo della gestione delle acqua di pioggia.

Dettagli

Catalogo Prodotti. Cameretta di ispezione Wavin Tegra 600 Pozzetto di ispezione Wavin Tegra 1000

Catalogo Prodotti. Cameretta di ispezione Wavin Tegra 600 Pozzetto di ispezione Wavin Tegra 1000 Cameretta di ispezione Wavin Tegra 600 Pozzetto di ispezione Wavin Tegra 1000 Catalogo Prodotti WAVIN TEGRA LA SOLUZIONE CE OTTIMIZZA LE RETI DI FOGNATURA L innovazione al servizio del trasporto dei fluidi

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è:

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: + innovativo perché: il profilo di ancoraggio del bicchiere iniettato è stato appositamente concepito in modo da ottenere la sezione

Dettagli

Istruzioni di posa dei tubi in grès

Istruzioni di posa dei tubi in grès Istruzioni di posa dei tubi in grès ( con bicchiere EuroTrad e con manicotto EuroTop ) PREMESSA Le presenti istruzioni di posa tubi in grès EuroCeramic devono essere considerate subordinate alla norma

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO)

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Le tubazioni in cemento armato ordinario utilizzano le caratteristiche di resistenza alla compressione del calcestruzzo ed a trazione per l'acciaio. Le condotte

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE

RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE RISTRUTTURAZIONE EX SCUOLA LEONARDO DA VINCI E RIATTAZIONE A PALAZZO COMUNALE IMPIANTO FOGNARIO ACQUE NERE E BIANCHE 1. Oggetto La presente relazione riguarda l impianto di smaltimento delle acque bianche

Dettagli

ITALIANA CORRUGATI S.p.A. SISTEMI COMPLETI PER CONDOTTE DI SCARICO INTERRATE ITALIANA CORRUGATI N.287 N.287. UNI EN ISO 9001:2000 certificato N.

ITALIANA CORRUGATI S.p.A. SISTEMI COMPLETI PER CONDOTTE DI SCARICO INTERRATE ITALIANA CORRUGATI N.287 N.287. UNI EN ISO 9001:2000 certificato N. UNI EN ISO 9001:2000 certificato N.318 SISTEMI COMPLETI PER CONDOTTE DI SCARICO INTERRATE UNI EN ISO 14001:2004 certificato N.82 N.287 N.287 pren 13476-1 UNI 10968-1 ITALIANA CORRUGATI S.p.A. Listino 06/2007

Dettagli

TUBO DI PVC-U PER FOGNATURE E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE

TUBO DI PVC-U PER FOGNATURE E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE DISCIPLINARE TECNICO TUBO DI PVC-U PER FOGNATURE E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE REVISIONE DATA MOTIVO 0 Emissione 1 2 3 NORMALIZZAZIONE INTERNA MATERIALI DESCRIZIONE: Tubo di PVC-U conforme UNI

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

CATALOGO ACQUEDOTTI e RETI GAS

CATALOGO ACQUEDOTTI e RETI GAS CATALOGO ACQUEDOTTI e RETI GAS TUBI in POLIETILENE o ACQUEDOTTI o IRRIGAZIONE o GAS RACCORDI IN POLIETILENE o Saldabili TESTA/TESTA o ELETTROSALDABILI TUBI in ACCIAIO o GENERALITA o DIAMETRI E SPESSORI

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA SPECIFICHE TECNICHE PER ALLACCIAMENTO A COLLETTORI FOGNARI NELLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Aprile 2005 Sommario 1. Prescrizioni tecniche per la realizzazione del collettamento dei sistemi privati

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

ITALCOR MAGNUM. Sistemi completi per condotte di scarico interrate 03.2010. w w w. t u b i. n e t

ITALCOR MAGNUM. Sistemi completi per condotte di scarico interrate 03.2010. w w w. t u b i. n e t ITALCOR MAGNUM Sistemi completi per condotte di scarico interrate 03.2010 w w w. t u b i. n e t indice MAGNUM DIAMETRI ESTERNI...4 MAGNUM DIAMETRI INTERNI...6 SGK...8 BIGDREN : TUBI PE CORRUGATI PER DRENAGGIO...10

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE

OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE Firmato digitalmente da Luigi Giansanti CN = Giansanti Luigi O = Collegio Periti Industriali di Terni/80006410551 C = IT OSSERVANZA DI LEGGI E NORMATIVE L appalto è soggetto all esatta osservanza di tutte

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PRESCRIZIONI TECNICHE RELATIVE ALLA PROGETTAZZIONE DELLE RETI FOGNARIE IN UN PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PIANI URBANISTICI ATTUATIVI CIVILI Si deve prevedere la separazione delle reti in bianche e nere

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

Indice. Il mercato del ripristino. p. 1. p. 2. Gli ambiti di applicazione. p. 4. Tubi prefabbricati in PRFV per relining. p. 6

Indice. Il mercato del ripristino. p. 1. p. 2. Gli ambiti di applicazione. p. 4. Tubi prefabbricati in PRFV per relining. p. 6 h Sistema NC Line Indice Il mercato del ripristino Gli ambiti di applicazione Tubi prefabbricati in PRFV per relining Il dimensionamento dei tubi NC Line Esempi di pezzi speciali Posa dei tubi NC Line

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Per maggiori informazioni CONTATTO DIRETTO 06.83398770 - www.diccommerce.com - info@diccommerce.com

Per maggiori informazioni CONTATTO DIRETTO 06.83398770 - www.diccommerce.com - info@diccommerce.com 1 Serie INTERRO ORIZZONTALE Serbatoi in polietilene lineare Campi di impiego: Serbatoio progettato, per ragioni di spazio e/o di carattere ambientale, esclusivamente per utilizzi da interro. Particolarmente

Dettagli

Fognatura LISTINO N.12

Fognatura LISTINO N.12 Fognatura LISTINO N.12 BLU SEWER GREEN: il tubo ad elevate prestazioni per condotte fognarie e scarichi interrati non in pressione CERTIFICATI Realizzare prodotti in grado di combinare prestazioni Le caratteristiche

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

Euronova International srl

Euronova International srl Euronova International srl PALLONI OTTURATORI PER LA CHIUSURA TEMPORANEA DI CONDOTTE A GRAVITA ED IL COLLAUDO DELLE FOGNATURE GIUNTI PER CONDOTTE A GRAVITA INNESTI LATERALI A 90 PER ALLACCI FOGNARI PALLONI

Dettagli

Sistema tubo-guarnizione per. Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15

Sistema tubo-guarnizione per. Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15 Sistema tubo-guarnizione per Fognatura e Scarichi Interrati LISTINO N.15 BLU SEWER EVOLUTION Prestazioni superiori garantite dal sistema di giunzione integrato al tubo Il nuovo tubo Blu Sewer Evolution

Dettagli

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative Questi interventi hanno lo scopo di predisporre un adeguata preparazione delle condotte perché si realizzino le

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE.

GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE. GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE. La stazione di pompaggio Grundfos MINI PUST viene impiegata per acque grigie e nere e per l

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Condotte in PVC: Qualità, Prestazioni e Impatto Ambientale

Condotte in PVC: Qualità, Prestazioni e Impatto Ambientale Condotte in PVC: Qualità, Prestazioni e Impatto Ambientale Fiera Accadueo - Ferrara Le interazioni terreno-tubazioni: la posa corretta e le soluzioni conformi Sergio Papiri Dipartimento di Ingegneria Idraulica

Dettagli

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale SALTI DI QUOTA ESTERNI PFEIFENKOPF Pfeifenkopf, salto di quota esterno al pozzetto in polietilene per pozzetti di canalizzazione e di pompe, è costituito da una camera di raccolta con un muro rinforzato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S-

I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S- I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S- 2700 L codice 66015L 3750 L codice 66014J 4800 L codice 65741M 6500 L codice 65742P Italiano I punti descritti

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

ONREGEL. Pali di ghisa duttile Dimensioni, installazione e assicurazione qualitativa ONR 22567. Traduzione autenticata dalla lingua tedesca

ONREGEL. Pali di ghisa duttile Dimensioni, installazione e assicurazione qualitativa ONR 22567. Traduzione autenticata dalla lingua tedesca Traduzione autenticata dalla lingua tedesca Pagina 1 ICS 93.020 ONREGEL Pali di ghisa duttile Dimensioni, installazione e assicurazione qualitativa Edizione: 1 ottobre 2001 PG 8 Comitato per la normalizzazione

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto idrico-fognante a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

Sezione 08: Fognature. Edizione 2012

Sezione 08: Fognature. Edizione 2012 PREMESSA SEZIONE 08 - Fognature Edizione 2012 La presente sezione è il frutto dell'analisi e dell'esperienza maturata nel settore da parte della Società Metropolitana Acque Torino - Divisione Fognature

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

Listino CORRUGATI numero 47/2009. Plast Mec Pvc Spa

Listino CORRUGATI numero 47/2009. Plast Mec Pvc Spa Plast Mec Pvc Spa Listino CORRUGATI numero 47/2009 Novità: TUBO PALADEX Sede amministrativa - Ufficio vendite Viale del Lavoro - Zona Industriale 36020 Ponte di Barbarano Vic. (VI) Tel. 0444 795322-0444

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Provincia di Milano Comune di Inveruno

PROGETTO ESECUTIVO. Provincia di Milano Comune di Inveruno ELENCO DOCUMENTI 1. 5981/1.RG - Relazione Generale 2. 5981/1.CE - Computo Metrico Estimativo 3. 5981/1.EP Elenco Prezzi Unitari 4. 5981/1.QE Quadro economico 5. 5981/1.CR Cronoprogramma 6. 5981/1.PSC Piano

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali

RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI. Trasporto di acqua potabile ed usi generali RENO 100 IRD PE100 AD ELEVATA RESISTENZA AI DISINFETTANTI Tubi in polietilene PE100 (MRS 10) ad elevata resistenza ai disinfettanti a base di cloro (ipoclorito di sodio, diossido di cloro, cloraine...),

Dettagli

LAVORI DI CUI ALLA SITUAZIONE D URGENZA RELATIVA ALLA FOGNATURA

LAVORI DI CUI ALLA SITUAZIONE D URGENZA RELATIVA ALLA FOGNATURA Maggio 2013 Sommario 1 PREMESSE... 2 2 INTERAZIONI TUBI FLUIDO TRASPORTATO... 3 2.1 Caratterizzazione fisica, chimica e sanitaria dei fluidi da trasportare... 3 3 INTERAZIONE TUBAZIONE TERRENI DI POSA...

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità ECO MAX separatore di grassi in polietilene ad alta densità. Per installazione interrata. Il principio Un separatore di grassi funziona in base

Dettagli

INDICE cls per cantiere

INDICE cls per cantiere Linea Cantiere INDICE cls per cantiere CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO LEGGERO PG. 4 GRIGLIE ACCIAIO ZINCATO PG. 4 CANALI PER IL DRENAGGIO LINEARE ACQUE - TRAFFICO PESANTE PG. 5 GRIGLIE

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

KERAMAT PROGRAMMA ORIGINALE ACCESSORI. QUALITA NEL DETTAGLIO.

KERAMAT PROGRAMMA ORIGINALE ACCESSORI. QUALITA NEL DETTAGLIO. KERAMAT PROGRAMMA ORIGINALE ACCESSORI. QUALITA NEL DETTAGLIO. 2 STEINZEUG-KERAMO SEDI Germania: Frechen e Bad Schmiedeberg Belgio: Hasselt DIPENDENTI 530 PRODOTTI Tubazioni in gres, pezzi speciali, pozzetti

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Tubi scaldanti e accessori I.5

Tubi scaldanti e accessori I.5 La qualità dei sistemi di riscaldamento a pavimento dipende anche dalla bontà dei tubi scaldanti. Devono essere resistenti contro la formazione di fessure per tensioni interne, resistenti alla diffusione

Dettagli

EDILIZIA DRENAGGIO SUOLO FOGNATURA VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO. Fognatura Raccordi e pezzi speciali EN1401

EDILIZIA DRENAGGIO SUOLO FOGNATURA VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO. Fognatura Raccordi e pezzi speciali EN1401 VENTILAZIONE CARICO IDROANITARIO DRENAGGIO UOLO FOGNATURA EDILIZIA Fognatura Raccordi e pezzi speciali EN1401 2015 73 Fognatura EN 1401 - N4 - DR41 Raccordi fognatura EN1401 Caratteristiche Comfort abitativo

Dettagli

Fognature. Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle. 3.1 Classificazione delle reti

Fognature. Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle. 3.1 Classificazione delle reti 3 Fognature Le fognature hanno come scopo principale quello di allontanare le acque di scarico delle abitazioni e le acque delle precipitazioni dalla zona urbana e farle defluire nel ricettore idrico più

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO 24 Divisione acqua STAZIONI DI IRRIGAZIONE SERBATOI DA ESTERNO SERBATOI DA INTERRO ACCESSORI Divisione acqua 25 MODALITÀ D INTERRO Condotta recupero acque piovane Pozzetto filtro foglie Condotta di troppo

Dettagli

Le tue esigenze, il nostro know-how

Le tue esigenze, il nostro know-how Ottobre 2014 Le tue esigenze, il nostro know-how Pozzetti e camere di ispezione Solutions for Essentials Da oltre 50 anni studiamo attentamente le aspettative dei nostri clienti proponendo loro soluzioni

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via.

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Riferimento preventivo n 00000 INDICE: Articolo 1: Descrizione dei lavori... 1 Articolo 2: Obblighi a carico della committenza.... 2

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lizzano Provincia di Taranto PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE OGGETTO: Realizzazione di tronchi di fogna pluviale nell'abitato di Lizzano COMMITTENTE: Comune di Lizzano Bari, IL

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo PREMESSA L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo riguarda la realizzazione di collettori fognari di raccolta dei reflui provenienti da via Bressane laterale, zone nella frazione

Dettagli

Coprem srl Via Rivierasca 24040 Bottanuco (BG) tel +39 035 907171 FAX +39 035 906303 P. IVA 00385160163 Registro Imprese 147461

Coprem srl Via Rivierasca 24040 Bottanuco (BG) tel +39 035 907171 FAX +39 035 906303 P. IVA 00385160163 Registro Imprese 147461 SISTEMA INTEGRATO DI PROTEZIONE E DI TENUTA NELLE TUBAZIONI E NEGLI SCATOLARI DI CALCESTRUZZO CON RIVESTIMENTO INTERNO CON LINER HDPE COMPLETO, PARZIALE E SULLA GIUNZIONE DEGLI ELEMENTI La maggior parte

Dettagli