UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NUCLEO DI VALUTAZIONE OTTOBRE 2010

2 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE Il Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, in attuazione della Legge 4 marzo 2009, n. 15, norma l ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, l efficienza e la trasparenza delle pubbliche amministrazioni. In tale ambito, è stata istituita la Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche (CIVIT) che, con Delibera n. 09/2010, esprimeva l avviso che: - le Università non siano tenute ad istituire gli Organismi Indipendenti di Valutazione di cui all articolo 14 del D. Lgs. n. 150/2009, - a decorrere dal 30 aprile 2010, l attività di valutazione continui ad essere svolta dai Nuclei di valutazione, di cui alla Legge n. 537/1993, come integrata e modificata dalla Legge n. 370/1999, - le Università siano comunque destinatarie della nuova disciplina dettata dal D. Lgs. n. 150/2009. Sulla base dei precedenti riferimenti normativi e delle raccomandazioni contenute nelle Delibere CIVIT n. 88/2010 e n. 89/2010, il Nucleo di valutazione dell Università degli Studi di Brescia ha proceduto allo sviluppo di uno studio preliminare atto a considerare le principali variabili influenti sul Sistema di misurazione e valutazione delle performances dell Ateneo e - in base agli elementi rilevanti emersi da tale studio ed alle indicazioni contenute anche nella più recente Delibera CIVIT n. 104/ alla stesura del presente documento. L attenzione è specificamente focalizzata sulla performance organizzativa, tenuto conto dell ampio rilievo assunto dalla stessa nell ambito dell ottimizzazione delle performance complessive d Ateneo. In proposito, nella Delibera n. 89/2010 è riportato: La misurazione della performance organizzativa è un presupposto indispensabile per una compiuta valutazione della performance sia organizzativa sia individuale. Tali attività si collocano nel più ampio ambito del ciclo di gestione della performance, tra la fase della pianificazione degli obiettivi (Piano della perfomance) e quella relativa alla rendicontazione (Relazione sulla performance). L analisi è inoltre sviluppata sulla base del significato di performance privilegiato nel Decreto: la performance è il contributo (risultato e modalità di raggiungimento del risultato) che un soggetto (organizzazione, unità organizzativa, gruppo di individui, singolo individuo) apporta attraverso la propria azione al raggiungimento delle finalità e degli obiettivi e, in ultima istanza, alla soddisfazione dei bisogni per i quali l organizzazione è stata costituita. Pertanto, il suo significato si lega strettamente all esecuzione di un azione, ai risultati della stessa e alle modalità di rappresentazione e, come tale, si presta ad essere misurata e gestita.. L obiettivo perseguito è quello di instaurare un processo di valutazione, volto al costante miglioramento del valore pubblico prodotto dall Ateneo nell erogazione dei propri servizi alla collettività (outcome). 2

3 2. AMBITO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Ai sensi dell articolo 8 del D. Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, il Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa persegue specifici obiettivi, riguardanti: - l impatto delle politiche attivate sulla soddisfazione finale della collettività; - l attuazione di piani e programmi, ovvero la misurazione dell effettivo grado di raggiungimento dei medesimi, nel rispetto delle fasi e dei tempi previsti, degli standard qualitativi e quantitativi definiti, del livello previsto di assorbimento delle risorse; - la rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari delle attività e dei servizi anche attraverso modalità interattive; - la modernizzazione e il miglioramento qualitativo dell organizzazione e delle competenze professionali e la capacità di attuazione di piani e programmi; - l efficienza nell impiego delle risorse, con particolare riferimento al contenimento ed alla riduzione dei costi, nonché all ottimizzazione dei tempi dei procedimenti amministrativi; - la qualità e la quantità delle prestazioni e dei servizi erogati, anche alla luce delle Linee guida per la definizione degli standard di qualità, emanate dalla CIVIT con Delibera n. 88 del 24 giugno 2010; - il raggiungimento degli obiettivi di promozione delle pari opportunità. Il Sistema è dunque in primo luogo diretto a garantire l efficace ed efficiente impiego delle risorse pubbliche che per l Ateneo sono rappresentate in misura significativa dal FFO per il soddisfacimento dei bisogni di formazione universitaria, di avanzamento della ricerca e, più in generale di cultura, espressi dalla collettività. Gli attori coinvolti nel Sistema sono rappresentati, oltre che dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (principale co-maker dell Ateneo), da stakeholder esterni e stakeholder interni. Gli stakeholder esterni sono prettamente i beneficiari dell attività sviluppata dall Ateneo e si attendono servizi di formazione e di ricerca coerenti con i loro fabbisogni e costantemente rispondenti all evoluzione delle condizioni di contesto. In tale ambito, assumono specifico rilievo gli studenti e - più in generale - la collettività, in quanto destinatari primi dei servizi erogati. Gli stakeholder interni, con le proprie decisioni ed azioni, esercitano direttamente e con continuità la responsabilità nell ambito dell Ateneo, contribuendo a definirne le linee di sviluppo e le modalità di raggiungimento dei risultati (output e outcome). Gli attori interni sono dunque direttamente preposti alla definizione delle linee strategiche di sviluppo dell Ateneo e dei connessi obiettivi di piano (organi di corporate governance), alla realizzazione della gestione e al conseguimento dei risultati (personale docente in senso ampio cioè professori di prima e seconda fascia e ricercatori - e personale amministrativo). Ne deriva, che il Sistema di misurazione e di valutazione della performance richiede una primaria focalizzazione sulla complessità dell assetto organizzativo, al fine di definire le unità significative per l ottimizzazione dei risultati e, pertanto, del grado di soddisfazione degli utenti. Preme inoltre rimarcare che, per quanto riguarda le procedure di misurazione e di valutazione delle performance del personale, il Nucleo già dispone di procedure di valutazione della didattica e della ricerca, che consentono di monitorare l apporto 3

4 contributivo del personale docente al soddisfacimento dei principali stakeholder esterni, secondo un articolazione per: facoltà e corso di studio a livello di attività didattica; dipartimento a livello di attività di ricerca. Di conseguenza, in questa sede l attenzione è focalizzata sull attività amministrativa e sulla misurazione e valutazione delle performance del personale tecnico-amministrativo, che coadiuva il personale docente nella fornitura dei servizi universitari. 3. LE UNITA ORGANIZZATIVE DI RIFERIMENTO La misurazione e la valutazione della performance organizzativa e individuale è alla base del miglioramento della qualità del servizio pubblico offerto dall Università, della valorizzazione delle competenze professionali tecniche e gestionali, della responsabilità per risultati, dell integrità e della trasparenza dell azione amministrativa. Di conseguenza, l efficacia del Sistema è in primo luogo determinata dalla corretta selezione delle unità organizzative elementari da assumere a riferimento, per l attuazione di un processo di misurazione e valutazione delle performance in grado di orientare coordinatamente ed in modo integrato tutti i comportamenti. L individuazione delle unità organizzative elementari cui fare riferimento nello svolgimento della valutazione rappresenta in effetti un presupposto strutturale essenziale, dalla cui corretta definizione dipendono l efficacia e la convenienza dell intero Sistema. La massimizzazione della funzione di utilità del Sistema induce, pertanto, a considerare la composizione e la cultura dell organismo personale, i processi di delega di autorità e di responsabilità interni all organizzazione e le aree critiche per il miglioramento dell outcome. L accurata analisi degli elementi sopra esposti, ha consentito di pervenire alla definizione di centri di responsabilità in modo tale che: 1) tutta l organizzazione sia ripartita in centri di responsabilità (articolazione); 2) sussistano capacità di adattamento alla modificazione prospettica dell organizzazione (flessibilità). Per ogni centro individuato come potenzialmente rilevante, in sede di attuazione del Sistema è necessario che: - esista uno ed un solo responsabile, cui ricondurre la definizione e la realizzazione di obiettivi, parametri e target (responsabilità univoche); - sussista una chiara delimitazione delle responsabilità e dei compiti assegnati (delimitazione delle responsabilità e dei compiti); - ogni membro dell organizzazione faccia parte in ogni momento di un centro, ai cui risultati concorre per la parte connessa alla sua attività (pervasività dell orientamento agli obiettivi). In particolare, l assetto organizzativo dell Ateneo ed i processi di delega di autorità e di responsabilità in atto, evidenziano l esigenza di distinguere innanzi tutto tra Amministrazione centrale e amministrazioni periferiche. Per quanto riguarda l Amministrazione centrale, l organigramma consente di evincere quattro diversi possibili livelli gerarchici cui fare riferimento: Area, Settori, Servizi, Unità Operative (Figura 1). 4

5 Figura 1 Organigramma Amministrazione centrale 5

6 I processi di delega attualmente in atto e le esigenze di garantire l orientamento complessivo dei comportamenti, nel rispetto dei requisiti di convenienza economica, consigliano l assunzione di un articolazione basata, in sede di prima attuazione, su due livelli: l Area, i Settori. L analisi di dettaglio dell assetto organizzativo ha, in effetti, consentito di individuare una stretta dipendenza gerarchica dei Servizi di staff (Gestione risorse umane, Organizzazione, Programmazione, Controllo, Prevenzione e Protezione, SICA, Supporto Nucleo di Valutazione) dall Area Amministrazione centrale e dei Servizi di line dai Settori da cui dipendono. Ciò ha indotto a ritenere sufficiente il riferimento a due unici livelli di responsabilità, con l ipotesi di un eventuale successivo allargamento ad un terzo livello corrispondente ai Servizi. Di conseguenza, i centri di responsabilità in cui si articola l Amministrazione centrale sono: I livello Area - Centro Amministrazione centrale cui fanno capo i seguenti Servizi di staff: - Gestione risorse umane - Organizzazione, Programmazione, Controllo - Prevenzione e Protezione - SICA - Supporto Nucleo di Valutazione II livello Settori - Centro Affari Generali cui fanno capo i seguenti Servizi: ~ Servizio Affari legali ~ Servizio Appalti e contratti ~ Servizio Ricerca scientifica e Corsi cofinanziati ~ Servizio Stato giuridico personale Docente ~ Servizio Stato giuridico personale Ricercatore ~ Servizio Stato giuridico personale Tecnico / Amministrativo - Centro Gestione risorse economico-finanziarie cui fanno capo i seguenti Servizi: ~ Servizio Economico finanziario ~ Servizio Trattamento economico del personale ~ Servizio Trattamento economico del personale convenzionato con S.S.N - Centro Lavori Acquisti e Patrimonio cui fanno capo i seguenti Servizi: ~ Servizio Economato e Patrimonio ~ Servizio Gestione Edifici Centro Storico e Residenze (Tecnico impiantistico) ~ Servizio Gestione Edifici Zona Nord / Nuovi Insediamenti (Tecnico civile) ~ Servizio Servizi Generali e Impianti Tecnologici - Centro Segreteria Generale cui fanno capo i seguenti Servizi: ~ Servizio Protocollo Informatico e Archivio 6

7 ~ Servizio Supporto Organi di Governo - Centro Servizi agli Studenti cui fanno capo i seguenti Servizi: ~ Servizio Segreteria Corsi di Laurea e Laurea Magistrale (Segreteria studenti) ~ Servizio Segreteria Corsi post-laurea e Formazione esterna / Diritto allo Studio Come osservato, in futuro - qualora l azione di orientamento comportamentale del responsabile di centro gerarchicamente superiore a ciascun Servizio dovesse dimostrarsi insufficiente all ottimizzazione complessiva dei comportamenti, ovvero qualora dovessero manifestarsi situazioni di conflittualità - si può, fin d ora, ipotizzare un terzo livello di articolazione dell organizzazione in centri di responsabilità basato sui Servizi. Per ciascun centro sarà necessario procedere ad uno studio accurato delle attività sviluppate e dell impatto delle stesse sul raggiungimento degli obiettivi strategici e operativi di Ateneo. Per tale analisi il Nucleo si avvarrà della collaborazione del Direttore Amministrativo e del responsabile del Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo che, in stretta collaborazione con i responsabili di centro e secondo le indicazioni provenienti dall ANVUR, dovrebbero individuare obiettivi, indicatori e target specifici per ogni centro. Per le amministrazioni periferiche, data la necessità di monitoraggio complessivo e considerata la relativa autonomia nell ambito dell organizzazione, pare opportuno assumere un articolazione per centri di responsabilità incentrata su facoltà, dipartimenti, biblioteche e centri interfacoltà. In questo caso, è necessaria una preliminare verifica e/o ridefinizione dell assetto organizzativo, al fine di individuare chiaramente ed in modo inequivocabile il responsabile di ciascuna unità operativa, nonché di definire - in modo altrettanto chiaro ed inequivocabile - il perimetro di ciascun centro, posto che alcune unità di personale operative presso i dipartimenti svolgono anche attività di supporto alla didattica di Facoltà. Gli organi di governance dovranno inoltre considerare, al fine di ottemperare in modo efficace alle indicazioni del D.Lgs 150/2009 e della CIVIT, la convenienza a: l accorpamento della gestione amministrativa di più dipartimenti in funzione della complessità gestionale degli stessi; la creazione di un unità organizzativa centrale di coordinamento amministrativo per le facoltà; la creazione di un unità organizzativa centrale di coordinamento amministrativo per le biblioteche; l utilità di mantenere il Centro linguistico, in cui sono impegnate solo tre unità di personale, come unità elementare autonoma. Allo stato, i centri di responsabilità periferici ritenuti significativi per la valutazione delle performance sono i seguenti: - Centro Amministrazione Facoltà di Economia; - Centro Amministrazione Facoltà di Giurisprudenza; - Centro Amministrazione Facoltà di Ingegneria; - Centro Amministrazione Facoltà di Medicina e Chirurgia; 7

8 - Centro Amministrazione Dipartimento di Chimica e Fisica per l'ingegneria e per i Materiali; - Centro Amministrazione Dipartimento di Medicina Sperimentale ed Applicata; - Centro Amministrazione Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologie; - Centro Amministrazione Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche; - Centro Amministrazione Dipartimento di Specialità Chirurgiche, Scienze Radiologiche e Medico-Forensi; - Centro Amministrazione Dipartimento Materno Infantile e di Tecnologie Biomediche; - Centro Amministrazione Dipartimento di Economia Aziendale; - Centro Amministrazione Dipartimento di Ingegneria dell'informazione; - Centro Amministrazione Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale; - Centro Amministrazione Dipartimento di Ingeneria Civile, Architettura, Territorio e Ambiente; - Centro Amministrazione Dipartimento di Matematica; - Centro Amministrazione Dipartimento di Metodi Quantitativi; - Centro Amministrazione Dipartimento di Scienze Economiche; - Centro Amministrazione Dipartimento di Scienze Giuridiche; - Centro Amministrazione Dipartimento di Studi Sociali. - Centro Amministrazione Biblioteca interfacoltà di Economia e Giurisprudenza; - Centro Amministrazione Biblioteca Facoltà di Ingegneria; - Centro Amministrazione Biblioteca Facoltà di Medicina e Chirurgia. - Amministrazione Centro Linguistico interfacoltà. Una volta ridefinito l assetto organizzativo in base all accorpamento raccomandato, per ciascuno dei centri ritenuti rilevanti per l efficacia della valutazione, sarà necessario procedere ad uno studio accurato delle attività sviluppate e dell impatto delle stesse sul raggiungimento degli obiettivi operativi e strategici di Ateneo. Per tale analisi il Nucleo si avvarrà della collaborazione del Direttore Amministrativo e del responsabile del Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo che - in stretta collaborazione con i presidi, i direttori di dipartimento, gli altri responsabili e gli utenti dei servizi erogati, nonché secondo le indicazioni provenienti dall ANVUR - dovrebbero individuare obiettivi, indicatori e target specifici per ogni centro. La suesposta articolazione dell organizzazione in unità rilevanti, data la complessità organizzativa riscontrata e le raccomandazioni effettuate per la conveniente razionalizzazione dell assetto organizzativo, pare riflettere l esigenza di ottimizzazione delle performances complessive, essendo in primo luogo definita in funzione di: - il fabbisogno di orientamento coordinato di tutti i comportamenti verso il raggiungimento degli obiettivi strategici; - la necessità di attivazione di processi di miglioramento continuo; - l instaurazione di fenomeni di realizzazione, di apprendimento e di crescita professionale nell organizzazione. 4. LE CARATTERISTICHE DEL PROCESSO Il processo di misurazione e valutazione delle performance è dato dall insieme delle operazioni necessarie per realizzare efficacemente l attività, garantendo il costante monitoraggio di tutte le variabili rilevanti. 8

9 Le principali fasi caratterizzanti il processo sono (Figura 2): 1. perfezionamento della strategia e, sulla base delle priorità degli organi di indirizzo, definizione degli obiettivi strategici di Ateneo; 2. elaborazione dei piani d azione contenenti gli obiettivi di medio-lungo periodo, generali e particolari, diretti ad attribuire continuità di indirizzo alla gestione nel tempo data la strategia selezionata e le priorità strategiche individuate; 3. predisposizione dei programmi d azione (budget) volti a declinare i parametri generali di riferimento in relazione al contributo richiesto a ciascun centro di responsabilità; 4. articolazione degli obiettivi di centro in significativi indicatori e target, da concordare in modo da essere ambiziosi ma realisticamente raggiungibili con il dovuto impegno; 5. assegnazione a ciascun responsabile di centro degli obiettivi di sua pertinenza (di norma, preconcordati), rispetto ai quali dovrà orientare i comportamenti di tutte le persone che lavorano nell unità organizzativa tenuto conto degli indicatori e dei target predefiniti; 6. rilevazione dei risultati effettivamente raggiunti (o raggiungibili) in funzione dell attività svolta e secondo una tempificazione predefinita e coerente con i fabbisogni di misurazione e di valutazione; 7. osservazione delle difformità tra indicatori e target assegnati e corrispondenti risultati conseguiti, nonché relativa classificazione in base alla rilevanza; 8. interpretazione dei fattori causanti delle difformità di rilievo riscontrate, mediante analisi basate su indicatori qualitativi, quantitativi non monetari e quantitativi monetari, nonché sull integrazione delle informazioni provenienti dai centri in stretto contatto operativo e dal medesimo centro nel tempo; 9. attivazione di eventuali interventi correttivi a livello di comportamenti e/o di obiettivi di breve e di medio/lungo periodo. Fig. 2 Le fasi del processo di misurazione e valutazione delle performances Definizione Indicatori e target di Centro Assegnazione Indicatori e target di Centro Rilevazione dei risultati Programmi d azione Osservazione e classificazione degli scostamenti Piani d azione Obiettivi strategici e priorità Interventi correttivi Analisi degli scostamenti 9

10 Le risultanze derivanti dallo sviluppo continuo del suesposto processo devono essere ricondotte all attivazione di sistemi incentivanti, diretti ad agevolare l efficacia della valutazione ai fini dell ottimizzazione dei contributi individuali al raggiungimento degli obiettivi complessivi di Ateneo. Date le sopra richiamate caratteristiche del processo ed il fabbisogno di integrazione dello stesso nell ambito del sistema di controllo interno di Ateneo, per il primo triennio di attuazione, si ritiene utile: - l introduzione graduale del Sistema di misurazione e di valutazione della performance, in coerenza con i tempi necessari per l implementazione degli strumenti di misurazione analitica utili all efficacia del processo ed in grado di supportare un sistema di controllo interno coerente con i fabbisogni d Ateneo; - procedere al graduale sviluppo degli indicatori, posto che esigenze di coordinamento tra atenei e di benchmark rimarcano l utilità di raccordare i criteri, gli obiettivi e gli indicatori di Ateneo a parametri di validità generale definiti dall ANVUR, attualmente in fase di costituzione. Inoltre, talune informazioni sul grado di soddisfazione degli studenti rispetto all attività sviluppata dalle strutture periferiche potrebbero essere convenientemente raccolte mediante l integrazione dei questionari di valutazione della didattica e dei questionari distribuiti ai laureandi ed ai dottorandi. Tale sistema di raccolta delle informazioni potrà essere adottato a partire dal 2012, dato che i questionari per l a.a. 2010/11, a settembre 2010, sono già stati in larga misura predisposti. Tenuto conto di quanto finora evidenziato, il modello di misurazione che meglio si adatta alle attuali caratteristiche dell Ateneo è il Common Assessment Framework (CAF), ispirato ai sistemi di qualità (EFQM, European Foundation for Quality Management). Tale modello, che si fonda sull autovalutazione e utilizza un ampia gamma di indicatori, non richiede software sofisticati, si presta ad avviare e promuovere il miglioramento continuo ed offre la possibilità di evoluzione verso modelli più complessi. 5. I TEMPI DI ATTUAZIONE DEL PROCESSO A regime, i tempi di attuazione del processo di misurazione e di valutazione delle performance si svilupperanno annualmente secondo la seguente cadenza temporale: - settembre-ottobre: definizione delle linee di sviluppo strategico dell Ateneo (oppure verifica della validità delle linee di sviluppo in essere), con conseguente predisposizione/validazione/revisione dei piani d azione; - novembre: predisposizione dei programmi d azione, con articolazione semestrale, contenenti gli obiettivi operativi articolati per centro di responsabilità; - dicembre: elaborazione degli indici e dei target specifici di ciascun centro di responsabilità con articolazione semestrale e assegnazione degli stessi a ciascun responsabile; luglio: rilevazione dei risultati del I semestre, determinazione e classificazione degli scostamenti e relativa analisi; luglio: predisposizione dei report del I semestre, invio al Rettore, al Direttore Amministrativo, al Nucleo di valutazione ed alle unità organizzative interessate; 10

11 - entro 10 settembre: sviluppo degli eventuali interventi correttivi degli obiettivi e/o dei comportamenti; gennaio (anno successivo): rilevazione dei risultati del II semestre, determinazione e classificazione degli scostamenti e relativa analisi; gennaio (anno successivo): predisposizione dei report del II semestre, invio al Rettore, al Direttore Amministrativo, al Nucleo di valutazione ed alle unità organizzative interessate; - entro 10 febbraio (anno successivo): sviluppo degli eventuali interventi correttivi degli obiettivi e/o dei comportamenti; - entro il 30 marzo: comunicazione ai responsabili di centro della valutazione ottenuta nell anno precedente e dei risultati conseguiti in termini di incentivi. In particolare, la definizione delle linee di sviluppo strategico risente dei vincoli temporali, finanziari e di risorse indicati dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e deve assumere un arco temporale di riferimento triennale. Annualmente, le linee di sviluppo strategico devono essere verificate in funzione dei cambiamenti intervenuti nella situazione di contesto, nei vincoli e nelle risorse, nonché delle informazioni fornite dal sistema di reporting predisposto nell ambito dei processi di valutazione. Dalla situazione di contesto e dalle linee di sviluppo strategico deriva il piano d azione, contenente gli obiettivi dell organizzazione per tutto il periodo di validità della strategia. La scelta del livello di dettaglio del piano deve essere coerente con il grado di prevedibilità dei fenomeni e con le esigenze di orientamento comportamentale, nel rispetto comunque delle connotazioni di flessibilità della strategia. Si consiglia, pertanto, un articolazione temporale su anno ed un livello di dettaglio coerente con il grado di attendibilità delle previsioni, anche in relazione all esistenza di fenomeni non governabili, o solo parzialmente governabili da parte dell Ateneo. In sede di piano, specifica rilevanza dovrebbe comunque essere attribuita agli indicatori assunti dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per l allocazione delle risorse. Questi ultimi, ad evidenza, dovranno essere comunicati in tempo utile e, nel limite del possibile, mantenuti validi per tutto il periodo di pianificazione riconosciuto dal Ministero. Dati gli obiettivi strategici ed il connesso piano d azione, ogni anno si procede alla predisposizione del programma d azione, dove sono esplicitati gli obiettivi operativi. Il programma considera i vincoli di carattere qualitativo derivanti dalla strategia d Ateneo e sviluppa gli obiettivi quantitativi e quantitativo-monetari. In questa fase può costituire un problema il ritardo nell assegnazione delle risorse all Ateneo da parte del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, con conseguente aggiustamento successivo dei programmi, in caso di consistenti variazioni rispetto ai periodi precedenti. Per ogni centro occorre poi stabilire i parametri di misurazione e di valutazione delle performance, la cui definizione è strettamente connessa con le esigenze di: - corretto orientamento dei comportamenti interni rispetto alle caratteristiche delle diverse unità ed alla correlata specializzazione (differenziazione); - coordinamento di tutti i comportamenti verso il raggiungimento degli obiettivi generali d Ateneo e salvaguardia dei rapporti collaborativi tra unità organizzative distinte ma operativamente collegate (integrazione). 11

12 Nel suesposto ambito si attribuisce valore a: gli indicatori di performance, espressivi di un efficace ed efficiente sviluppo degli obiettivi rispetto all attività di ciascuna unità organizzativa; i target, cioè i risultati attesi in corrispondenza delle diverse attività o processi. In ogni caso, gli indicatori devono contemplare, nelle fattispecie in cui ciò è possibile, anche le attese degli stakeholder esterni rilevanti di Ateneo - ed in particolare gli studenti e la collettività e la misurazione del relativo grado di soddisfazione. Terminata l attività di carattere previsionale, si procede, con cadenza semestrale, alla rilevazione dei risultati, alla determinazione delle differenze tra attese di risultato e risultati effettivamente raggiunti, alla classificazione e all analisi degli scostamenti. La proposta di un articolazione semestrale dei momenti di verifica è dettata dall esigenza di garantire efficacia operativa al Sistema nel rispetto di considerazioni di convenienza economica e gestionale. Le elaborazioni di valutazione delle performance devono poi essere sintetizzate in opportuni report, per i vertici e per le singole unità operative, diretti a fornire utili riferimenti per i processi decisionali, per la valutazione, per l assegnazione degli incentivi e per l attivazione di processi di apprendimento. Gli incentivi possono avere carattere monetario e non monetario (ad esempio, riconoscimento di un punteggio utile per la progressione di carriera) ma dovranno comunque essere misurati in base a parametri oggettivi. 6. LE MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PROCESSO Come è agevole osservare, il Sistema di misurazione e di valutazione delle performance presuppone un processo continuo a carattere circolare, la cui corretta attuazione richiede risorse dedicate nell ambito dell Amministrazione centrale dell Ateneo. Tali risorse assumono un ruolo fondamentale di interazione e di coordinamento per l ottimizzazione dei risultati d Ateneo, ponendosi in relazione con: - i vertici di Ateneo, nelle fasi di sviluppo degli obiettivi strategici ed operativi dell organizzazione, di trasferimento delle risultanze emerse dalla valutazione e di individuazione delle aree gestionali critiche; - i responsabili dei centri, nelle fasi di definizione degli indicatori di performance e dei target, di rilevazione dei risultati e di analisi degli scostamenti; - l OIV, quale supervisore del corretto ed efficace funzionamento del Sistema e destinatario primo delle informazioni elaborate. Data l attuale struttura dell Amministrazione centrale dell Ateneo e considerate le ampie implicazioni di programmazione e di controllo della gestione del sistema di misurazione e di valutazione della performance, pare utile che il Sistema sia operativamente gestito dal Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo. L implementazione e la gestione operativa del processo di misurazione e di valutazione delle performance dovrebbe, dunque, competere al Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo, attualmente composto da una unità di personale a tempo pieno ed una di fatto a tempo parziale, in quanto il responsabile riveste contemporaneamente un secondo incarico all interno dell Amministrazione. In considerazione dell ampiezza dei compiti attribuiti al Servizio e dell esigenza di sviluppo congiunto del Sistema di valutazione delle performance, del sistema di controllo della gestione e dell ampliamento nelle procedure di rilevazione, si riscontra la necessità di un aumento dell organico del Servizio Organizzazione, Programmazione e 12

13 Controllo, al fine di garantire l efficace ed efficiente realizzazione della valutazione secondo le condizioni operative evidenziate nel presente documento. Per effettuare la misurazione delle performance, l Ateneo deve inoltre dotarsi di un idoneo sistema informativo, cioè di un sistema che svolga le funzioni fondamentali di acquisizione, classificazione, elaborazione, analisi, rappresentazione e trasmissione delle informazioni. Tale sistema deve essere in grado di: - migliorare, una volta a regime, il sistema di individuazione e comunicazione degli obiettivi; - verificare periodicamente il grado di raggiungimento degli obiettivi; - informare e guidare i processi decisionali; - gestire più efficacemente sia le risorse sia i processi organizzativi; - influenzare e valutare i comportamenti di gruppi e individui; - rafforzare l accountability e le responsabilità a diversi livelli gerarchici; - attivare un processo di miglioramento continuo e di apprendimento organizzativo. In particolare, il sistema informativo predisposto per la misurazione e la valutazione della performance deve essere integrato nell ambito del sistema informativo d Ateneo e riflettere i requisiti essenziali di: - rilevanza, cioè capacità di rappresentare elementi significativi per il corretto sviluppo dei processi di governance; - coerenza agli obiettivi per cui le informazioni sono predisposte, nonché tra differenti tipologie di informazioni; - chiarezza, associata all espressività dell informazione rispetto alle conoscenze ed alle capacità d impiego; - confrontabilità, nello spazio e nel tempo, essenziale per l interpretazione delle condizioni evolutive; - selettività, riconducibile alla capacità di rappresentazione delle variabili significative evitando inutili ridondanze e costi; - flessibilità, ovvero la capacità di repentino adattamento alle eventuali modificazioni nei fenomeni rilevanti oggetto di osservazione. Tra gli indicatori relativi ad obiettivi che hanno un impatto su stakeholder esterni, è inoltre necessario inserire un insieme significativo di indicatori di outcome. Da ultimo, nella fase di implementazione pare utile: - procedere all introduzione di un codice etico e di comportamento d Ateneo, diretto a sintetizzare i principi ed i valori che dovrebbero permeare i comportamenti degli organi di governance e dell organizzazione; - attivare iniziative di formazione per spiegare le caratteristiche del Sistema, al fine di agevolare l instaurazione di atteggiamenti collaborativi e di condivisione. 7. SOGGETTI E RESPONSABILITA Dati i riferimenti normativi e le caratteristiche del Sistema di misurazione e di valutazione delle performance, i soggetti coinvolti nel corretto funzionamento dello stesso sono numerosi. In termini generali, il D. Lgs 150/2009 prevede espressamente che i soggetti coinvolti a vario titolo nel processo di misurazione e valutazione della 13

14 performance siano: Commissione (CIVIT), Organismi indipendenti per la valutazione (Nuclei presso le Università), organo di indirizzo politico-amministrativo, dirigenti. In termini specifici, ai sensi dell articolo 7, comma 2, del Decreto, un ruolo essenziale a garanzia dell efficacia del Sistema è ricoperto da (Tabella 1): - l organo di indirizzo politico-amministrativo, principale organo di governance dell Ateneo identificabile con il Consiglio di Amministrazione - che adempie compiti di amministrazione/gestione dell Università, riconducibili al perfezionamento delle decisioni strategiche (deliberate dal Senato Accademico ed espresse nei piani pluriennali di sviluppo) coerentemente con i fini istituzionali dell Ateneo ed il suo Presidente, cioè il Rettore, che rappresenta l Ateneo, nelle relazioni interne e nei rapporti con rilevanza esterna; - l OIV che, coincidendo nell università con il Nucleo di Valutazione, sviluppa peraltro già specifiche verifiche di efficacia nell interazione con i principali stakeholder esterni; - il Direttore amministrativo, che riveste un ruolo di intermediazione tra Consiglio di Amministrazione e organizzazione per l efficace ed efficiente realizzazione degli obiettivi di breve e di medio-lungo periodo (si tratta del responsabile dell unico centro di responsabilità di primo livello selezionato in base all attuale struttura organizzativa dell Ateneo); - i responsabili di centro, che partecipano alla definizione degli obiettivi operativi di propria pertinenza e dei connessi indicatori e target, ne sono responsabili per l attuazione (anche in relazione alla capacità di traduzione degli stessi in variabili di coordinamento di strutture ed individui la cui attività ricade nell ambito della responsabilità assegnata al centro), raccolgono e trasferiscono le informazioni sui risultati, collaborano alla fase di interpretazione e analisi degli scostamenti tra previsioni e risultati effettivamente conseguiti, nonché valutano il personale facente parte dei centri che coordinano. Ai sopra citati soggetti, si affiancano due servizi, peraltro in staff alla Direzione amministrativa, con funzioni eminentemente operative: - il Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo, cui è affidata la responsabilità per la gestione operativa del processo, per la predisposizione delle informazioni e dei report e per la relativa comunicazione; - il Servizio Supporto Nucleo di Valutazione, che assume compiti di supporto tecnico-amministrativo per l efficace sviluppo di tutte le attività del Nucleo di valutazione e, dunque, anche per la realizzazione della funzione di organismo indipendente di valutazione. 14

15 Tab. 1 Gli attori delle diverse fasi del Sistema di misurazione e valutazione delle performance Fasi Organi Organi di governance dell Ateneo Direzione Amministrativa Direttore Amministrativo Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo Responsabili di centro Perfezionamento strategia e obiettivi strategici Sviluppo Piani d azione Sviluppo Programmi d azione Sviluppo Indicatori e target di Centro Assegnazione Indicatori e target di Centro Rilevazione dei risultati Osservazione e classificazione degli scostamenti Analisi degli scostamenti Interventi correttivi Valutazione performance Definizione del Sistema Monitoraggio funzionamento Valutazione performance complessiva Predisposizione relazione sullo stato del Sistema OIV Servizio Supporto Nucleo di Valutazione All OIV - secondo quanto previsto dall articolo 14, comma 4, lett. a), del Decreto compete: in sede di prima attuazione del Decreto, la definizione dei principi generali e delle variabili rilevanti del Sistema; in sede di attuazione, il monitoraggio del funzionamento complessivo del Sistema e l acquisizione delle informazioni di carattere previsionale e consuntivo elaborate nell ambito dello stesso; annualmente, la valutazione della performance organizzativa nel suo complesso e la proposta all organo di indirizzo politico-amministrativo della valutazione individuale dei dirigenti di vertice, l elaborazione di una relazione sullo stato del Sistema e la comunicazione della stessa agli organi previsti dal Decreto. Per i dirigenti di vertice sarà comunque il Nucleo, nella sua funzione di OIV, a proporre la valutazione, tenuto conto dei criteri e degli obiettivi generali che dovrebbero essere formulati dall'anvur nell ambito delle indicazioni della CIVIT. 15

16 Il monitoraggio in corso d anno è svolto, ai sensi dell articolo 6 del Decreto, dall organo di indirizzo politico-amministrativo, con il supporto della Direzione amministrativa, del Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo e dei responsabili dei centri di responsabilità. In tale ambito, si rilevano gli scostamenti tra gli obiettivi intermedi programmati ed il risultato di performance raggiunto e si attivano, ove utile e/o necessario, interventi correttivi a livello di obiettivi di programma operativo ed eventualmente di piano triennale. Il responsabile dell Amministrazione Centrale (attualmente unico centro di primo livello), con il supporto del Servizio Organizzazione, Programmazione e Controllo, provvede alla misurazione e valutazione della performance dei centri di secondo livello e individuale dei relativi responsabili. Inoltre, nell ambito della propria unità organizzativa, il Direttore Amministrativo provvede alla misurazione e valutazione della performance dei Servizi e individuale del personale assegnato ai propri uffici, nel rispetto del principio del merito, ai fini della progressione economica, nonché della corresponsione di indennità e premi incentivanti. I responsabili dei centri di secondo livello (Settori) provvedono alla misurazione e valutazione della performance dei Servizi e individuale del personale assegnato ai propri uffici, sempre nel rispetto del principio del merito, ai fini della progressione economica, nonché della corresponsione di indennità e premi incentivanti. La collocazione organizzativa dell OIV, anche in considerazione del ruolo primario di Nucleo di valutazione dell Ateneo, è nell ambito degli organi di controllo di corporate governance con connotazioni di totale indipendenza dalla struttura soggetta a valutazione. Da ultimo, pare opportuno evidenziare che la pluralità dei soggetti e degli organi coinvolti nel processo di misurazione e di valutazione della performance, ben si presta ad evitare il potenziale insorgere di situazioni di conflittualità tra controllato e controllore. 8. PROCEDURE DI CONCILIAZIONE Le procedure di conciliazione sono dirette a risolvere i conflitti nell ambito della processo di valutazione della performance individuale ed a prevenire l eventuale contenzioso in sede giurisdizionale. Il processo di misurazione e di valutazione individuale delle performance è teso a limitare il più possibile l insorgere di contrasti tra i soggetti responsabili della valutazione ed i valutati. A livello di prevenzione dei contrasti il processo prevede: lo sviluppo di opportune iniziative formative dirette a diffondere, in tutta l organizzazione, la cultura della gestione per obiettivi e della valutazione, nonché a creare condivisione del Sistema nel momento di introduzione dello stesso; la predisposizione di codici etici e di comportamento d Ateneo, atti a sintetizzare e diffondere un insieme di principi e di linee guida, la cui osservanza è fondamentale per il conseguimento degli obiettivi a tutti i livelli dell organizzazione; un ampio coinvolgimento dei singoli responsabili nella definizione degli obiettivi, degli indicatori e dei target di loro pertinenza, nel rispetto ovviamente delle 16

17 condizioni di ottimizzazione delle performance per la realizzazione degli obiettivi di breve e di medio-lungo periodo; la fattiva collaborazione e l instaurarsi di rapporti partecipativi nella raccolta delle informazioni a consuntivo, nella determinazione, classificazione e analisi degli scostamenti. In particolare, il codice etico, se ben strutturato, promuove elevati standard di professionalità e mira ad evitare pratiche comportamentali difformi rispetto agli interessi dell Ateneo, ai valori che questo riconosce, ai regolamenti interni ed alla legge. Più precisamente, il codice contiene le regole di condotta che tutta l organizzazione è tenuta ad applicare nelle relazioni interne e nei rapporti con gli stakeholder esterni e con i co-maker. Il documento considera, dunque, gli elementi che determinano l affermazione di un clima positivo e collaborativo all interno dell Ateneo, influendo altresì sull ottimalità delle relazioni con gli stakeholder, con evidenti effetti favorevoli al miglioramento delle condizioni operative ed al conseguimento degli obiettivi strategici. Nel caso in cui, a valle del processo di valutazione, insorgano contestazioni e/o conflitti, si prevede l introduzione di una procedura ispirata ai principi di celerità, efficacia, efficienza ed economicità, atta a risolvere le situazioni di contrasto salvaguardando la validità del Sistema. La procedura contempla l istituzione di un apposita Commissione per il Riesame, nominata dal Rettore, con composizione tale da garantire obiettività di giudizio ed indipendenza da valutato e valutatore. La Commissione ha il compito di cercare di ricomporre le divergenze, per giungere ad un giudizio definitivo che valorizzi gli elementi oggettivi di valutazione. La procedura di conciliazione considera i tempi ed i modi di attuazione sinteticamente indicati di seguito: - comunicazione al Direttore amministrativo dell eventuale contestazione della valutazione da parte del soggetto interessato, da attuarsi entro 15 giorni dalla comunicazione ufficiale dei risultati della valutazione; - istruzione del problema, convocazione della Commissione per il Riesame e perfezionamento del giudizio finale, entro 30 giorni dalla comunicazione ufficiale della contestazione. Il giudizio finale deve essere trasferito all OIV, che ne terrà conto nel predisporre la propria relazione annuale. 9. MODALITA DI RACCORDO CON I SISTEMI DI CONTROLLO ESISTENTI L attività interna di controllo richiede interventi in più direzioni, tra cui assumono rilievo fondamentale: - l attuazione di tutti i processi utili a migliorare la qualità delle decisioni di vertice, mediante la predisposizione di apposite informazioni; - la verifica della correttezza formale e sostanziale delle procedure, dei comportamenti e delle informazioni prodotte in ambito gestionale; - la verifica della chiarezza e della trasparenza delle comunicazioni predisposte per gli stakeholder e della relativa coerenza con le attese conoscitive; 17

18 - il supporto per il corretto e coordinato orientamento dei comportamenti gestionali, per l ottenimento di risultati effettivi coerenti con gli indirizzi espressi dagli organi di governance e per l ottimizzazione delle performance gestionali. Nel suesposto ambito assume un ruolo di rilievo la programmazione e il controllo della gestione, cioè l insieme di strutture e di processi volti ad agevolare la coerente e sintonica attuazione delle decisioni di vertice, nonché a favorire la realizzazione di comportamenti organizzativi atti a garantire il corretto comporsi del rapporto attese degli stakeholder, risorse, attività, risultati. L Università degli Studi di Brescia ha posto in atto una serie di iniziative per dotarsi di un modello di controllo di gestione. Infatti, un apposita Commissione ha definito l impianto teorico del sistema di controllo; l implementazione del sistema ha però trovato fattori di rallentamento e di vincolo nello sviluppo degli elementi strutturali (struttura organizzativa e struttura informativa e contabile) essenziali per il funzionamento del processo di controllo, ciò anche in relazione ai vincoli ed alle priorità attribuite nella destinazione della sempre più limitata disponibilità di risorse. Data la fase di sviluppo dei sistemi di controllo interni all Ateneo, il Nucleo auspica l implementazione congiunta dei sistemi di controllo necessari per l ottimizzazione delle relazioni risorse/attività/risultati, in cui trova collocazione il sistema di misurazione e valutazione della performance. In particolare, il sistema informativo alla base dell attività di controllo deve essere studiato in modo tale da fornire sia le informazioni utili per l adozione di un sistema completo di controllo della gestione (che tenga conto di tutte le determinanti di risultato e di tutte le unità organizzative rilevanti), sia le informazioni essenziali ai fini dell efficacia del sistema di misurazione e valutazione della performance. In tal senso, i contenuti, i tempi di predisposizione e di comunicazione delle informazioni andranno raccordati. Pare inoltre opportuno segnalare che l Ateneo ha recentemente attivato un sistema di valutazione dell organizzazione, articolato per titolare di posizione organizzativa e per individui. Per quanto riguarda il sistema di valutazione dei titolari di posizione organizzativa, sono state sviluppate le seguenti attività: è stata approvata la metodologia da applicare per l Amministrazione centrale; successivamente, la metodologia è stata estesa alle strutture amministrative esterne all Amministrazione centrale; nel 2009 è stata attuata la prima applicazione della valutazione, a seguito del formale avvio del riassetto organizzativo a decorrere dal 1 gennaio del medesimo anno. La metodologia si basa su una logica di confronto tra obiettivi e risultati. In assenza di sistemi di misurazione e di indicatori, gli obiettivi sono stati: in parte pre-definiti, per tutte le posizioni, dalla Direzione amministrativa in modo da esprimere, complessivamente, l obiettivo di mantenimento del funzionamento corrente delle corrispondenti unità organizzative, nonché l adeguamento al riassetto; sono stati formulati in modo da essere riscontrabili, ma non in senso stretto misurabili. Per quanto riguarda il sistema di valutazione cui assoggettare la generalità del personale di categoria B-C-D: nell aprile 2010, sono stati approvati i criteri da utilizzare per la valutazione; nel giugno 2010, è stata realizzata la prima applicazione della valutazione. 18

19 In questo caso, gli obiettivi assegnati considerano la dipendenza gerarchica, con un primo obiettivo definito come collaborazione al perseguimento degli obiettivi comuni assegnati ai responsabili di posizione organizzativa, ed obiettivi specifici di attività formulati in modo da essere riscontrabili, ma non in senso stretto misurabili. L implementazione del Sistema di misurazione e di valutazione delle performance presuppone la sostituzione dei sistemi di valutazione del personale attualmente in essere, sebbene, nella fase iniziale, tali sistemi possano fornire utili riferimenti. Da ultimo, il Sistema di valutazione delle performance dovrebbe raccordarsi con i processi di valutazione posti in atto dal Nucleo, di cui alla Legge n. 537/1993, come integrata e modificata dalla Legge n. 370/1999. In particolare, nell ambito dei propri processi di valutazione della didattica, il Nucleo già dispone di strumenti di rilevazione del grado di soddisfazione degli studenti frequentanti e dei laureandi, tali strumenti potrebbero essere rivisti ed ampliati per raccogliere anche informazioni utili per la valutazione delle performance organizzative. In questo caso, però, risulta più complesso il raccordo temporale delle informazioni, in specie con riferimento agli studenti frequentanti, per i quali il momento di raccolta delle informazioni è dato dal calendario accademico. 10. MODALITA DI RACCORDO E INTEGRAZIONE CON I DOCUMENTI DI PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E DI BILANCIO Le risorse disponibili per l Università, espresse in termini di entrate consolidate, sono caratterizzate da forte dipendenza dai trasferimenti statali, che costituiscono (dati 2009) quasi l 85 percento della previsione definitiva totale, al netto dei trasferimenti da aziende sanitarie per il personale convenzionato, delle partite di giro e dei trasferimenti intra-ateneo. D altra parte, le risorse necessarie, espresse in termini di previsioni definitive consolidate di spesa, riguardano la gestione corrente per più dell 80 percento del totale e, all interno di questa, le spese di personale, strutturato e non strutturato, rappresentano più del 65 percento, di cui poco più del 20 percento relativo a personale tecnico-amministrativo. In un tale contesto di rigidità nell ottenimento e nell impiego delle risorse, la programmazione si è principalmente esplicata sul fronte degli investimenti - in particolar modo legati all espansione edilizia dell Ateneo e, a livello di spesa corrente, sull attento dimensionamento degli organici in relazione alle scelte operate in ambito didattico e di ricerca. L Ateneo dispone di una pluralità di documenti di carattere programmatico, prodotti da organi diversi in base alle rispettive competenze, che non trovano però sintetica elaborazione in un documento annuale volto alla rappresentazione complessiva degli orientamenti gestionali. In tal senso, esistono solo alcune informazioni riportate nelle relazioni di accompagnamento ai bilanci preventivi, peraltro con contenuto interpretativo ed esplicativo, non programmatico. Inoltre, non è mai stato adottato un bilancio di previsione pluriennale, che avrebbe consentito di meglio evidenziare nel tempo le ricadute economico-finanziarie delle decisioni assunte. Ne deriva che, la formazione delle previsioni di spesa, soprattutto corrente, avviene nel rispetto delle norme di contenimento del disavanzo pubblico susseguitesi nel tempo prevalentemente su base storica incrementale, con ricorso, negli ultimi tre esercizi, all avanzo di amministrazione per compensare entrate stazionarie o in diminuzione. 19

20 Il Sistema di misurazione e di valutazione delle performance presuppone la predisposizione di un sistema completo di budget, volto a definire le modalità di mantenimento congiunto delle condizioni ottimali di equilibrio reddituale, patrimoniale e finanziario. In tal senso, si prospetta l opportunità di configurare i documenti di programmazione finanziaria e di bilancio contestualmente alla definizione del sistema di valutazione della performance, in modo da ottenere un sistema integrato di governo dell economicità. Va fatto osservare, tuttavia, che il Sistema di valutazione della performance concentra l attenzione sull apporto al perseguimento degli obiettivi dell ente della sola componente tecnico-amministrativa del personale, apporto che è meramente strumentale in relazione all erogazione di servizi di ricerca e didattica costituenti la ragion d essere dell Università. Pertanto, nell ambito della programmazione il raccordo andrà situato negli snodi principalmente inerenti all allocazione ottimale e all efficiente utilizzo delle risorse umane e strumentali nei processi gestionali. In sintesi, tutte le elaborazioni programmatiche trovano determinanti prime nei vincoli di risorse e, in tale ambito, nelle linee di sviluppo strategico perfezionate a livello di vertice. Data la strategia selezionata e le priorità strategiche individuate, l Ateneo dovrà procedere a: l elaborazione dei piani d azione contenenti gli obiettivi di medio-lungo periodo, generali e particolari, diretti ad attribuire continuità di indirizzo alla gestione nel tempo; la conseguente predisposizione di un sistema articolato di budget operativi, idoneo a contemplare tutte le dimensioni rilevanti per il monitoraggio delle condizioni di efficacia e di efficienza della propria gestione. I diversi budget potranno poi trovare specificazione e sviluppo differenti in relazione a: il Sistema di misurazione e di valutazione della performance, per il quale assume precipuo rilievo la determinazione di indicatori e target per la valutazione dei comportamenti intra-organizzativi; il bilancio finanziario di competenza, dove prevarranno i livelli di dettaglio necessari per assolvere correttamente la doppia finalità autorizzatoria e conoscitiva. Con riferimento al bilancio in uso, il vigente Regolamento di Ateneo per l Amministrazione, la Contabilità e la Finanza dell Università stabilisce che esso abbia un regime finanziario di competenza su base annuale e la classica struttura suddivisa per le entrate in Titoli, Categorie e Capitoli e per le spese in Unità Previsionali di Base, Titoli, Categorie e Capitoli. Il piano dei conti contempla congiuntamente valori classificati secondo la natura e valori classificati anche secondo destinazione, come le entrate e le spese per la ricerca scientifica. È altresì previsto l inserimento di centri di gestione autonomi, come i Dipartimenti, dotati di proprio bilancio. Ne deriva la necessità di redigere un bilancio consolidato, tanto preventivo quanto consuntivo, al fine di una corretta rappresentazione dell azione complessiva dell ente. Occorre poi segnalare che il bilancio, data la doppia finalità autorizzatoria e conoscitiva, presenta un elevata frammentazione dei capitoli, con effetti talora eccessivamente vincolanti l ambito di autonomia dei responsabili, ovvero le esigenze di mantenimento di un adeguata flessibilità possono limitare il raggiungimento delle finalità specifiche. La L n. 196 di riforma della contabilità e finanza pubblica, rinviando a decreti legislativi ad oggi non ancora emanati, tuttavia stabilisce che in essi dovranno essere definiti per tutte le pubbliche amministrazioni, incluse le università, regole contabili uniformi e un comune piano dei conti integrato, che consenta: il consolidamento, il monitoraggio, la gestione e la rendicontazione dei rispettivi bilanci; schemi di bilancio comuni e l adozione a fini conoscitivi accanto ai sistemi di 20

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 1 1.1 Caratteristiche distintive dell organizzazione della Provincia di Caserta... 1 1.2 La metodologia adottata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 Approvato nel Consiglio di Amministrazione del 22 Gennaio 2014 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni PROVINCIA DI LECCE La valutazione delle prestazioni SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE...3

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Relazione finale sull avvio ciclo

Relazione finale sull avvio ciclo ARCEA Piano della performance 2015-2017 Relazione finale sull avvio ciclo approvata in data 10 aprile 2015 Relazione finale sull avvio del ciclo della performance anno 2015 (ARCEA) Pag. 1 di 36 Sommario

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli