RELAZIONE MORALE SULL ATTIVITA SVOLTA DALL ENTE IN CAMMINO PER LA FAMIGLIA NEL CORSO DELL ANNO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE MORALE SULL ATTIVITA SVOLTA DALL ENTE IN CAMMINO PER LA FAMIGLIA NEL CORSO DELL ANNO 2014"

Transcript

1 RELAZIONE MORALE SULL ATTIVITA SVOLTA DALL ENTE IN CAMMINO PER LA FAMIGLIA NEL CORSO DELL ANNO 2014 Casarza Ligure, 11 aprile 2015 Premessa Al 31/12/14 l ente I.C.P.L.F era autorizzato dalla C.A.I. ad espletare pratiche di adozione internazionale nei seguenti paesi: Colombia, Etiopia, Federazione Russa e Polonia. Al 31/12/14 I.C.P.L.F. era accreditato a concludere adozioni nei seguenti paesi: Colombia, Etiopia, Federazione Russa e Polonia. Relazione attività estero Nel corso dell anno 2014 sono state portate a termine 31 adozioni corrispondenti a 33 minori contro le 64 adozioni e 66 minori dell'anno precedente. Si registra, di conseguenza, per il nostro Ente, un decremento percentuale del 42% di adozioni e del 37,5% di minori. Si riporta di seguito l analisi dell attività svolta nell'anno 2014 e delle prospettive future per ogni singolo paese. Non sono stati ancora pubblicati i dati ufficiali riguardanti il 2014 da parte della Commissione delle Adozioni Internazionali tuttavia, dalle anticipazioni percepite attraverso scambi di informazioni tra enti, risulterebbe un ulteriore calo rispetto all anno precedente, anche se non è ancora ufficializzata la sua entità. Colombia Nel 2014 abbiamo concluso una sola pratica adottiva, pertanto la situazione non è cambiata rispetto all'anno precedente. E continuato il trend discendente iniziato nel 2011 (29 minori nel 2008, 30 nel 2009, 31 nel 2010, 21 nel 2011, 5 nel 2012, 2 nel 2013), arrivando ormai ad una quasi totale interruzione delle pratiche adottive. Come già riportato nella relazione dello scorso anno, permangono pratiche adottive solo per special needs (cioè minori maggiori di 7 anni, con problemi fisici o psichici o fratrie ). Restano attualmente in Colombia una decina di coppie che esprimono il Pag. 1 / 5

2 desiderio di rimanere in attesa in questo paese. Vista la situazione sopra descritta, nell anno 2014 non sono stati effettuati viaggi in Colombia da parte dei nostri funzionari per evitare inutili aggravi di costi. Etiopia L attività ivi svolta dal nostro Ente riguarda due direttive: le adozioni internazionali e la cooperazione. In merito alle adozioni, sono state concluse 18 pratiche corrispondenti a 20 minori con un decremento rispetto all anno precedente (30 pratiche nel 2013, 28 nel 2012, 36 nel 2011, 29 nel 2010). In attesa dei dati ufficiali della C.AI., possiamo disporre solo di scambi di informazioni tra enti nel corso di riunioni tenute nei primi mesi del Da questi incontri emergerebbe più che un dimezzamento del numero di adozioni nell anno Gli ultimi mesi dell anno ed i primi del 2015 hanno creato molta preoccupazione sia negli enti autorizzati ad operare in Etiopia sia nelle coppie in attesa. La preoccupazione espressa anche dalla C.A.I. in una riunione tenutasi a Roma è dovuta all insicurezza ed alla mancanza di chiarezza nelle procedure burocratiche. Si è cominciato ad intravedere qualche spiraglio di ripresa nel mese di febbraio con 3 sentenze ufficiali e le conseguenti chiusure delle pratiche adottive alla fine di marzo, primi di aprile. E stata effettuata una missione alla fine di marzo 2015 per verificare la situazione e le prospettive per l anno corrente. Pur tra notevoli difficoltà prettamente di tipo burocratico, le pratiche sono riprese e sarà fatto tutto quanto possibile per ridurre al minimo i tempi di attesa per le coppie adottive anche se, ad oggi, risultano superiori ai 24 mesi. Nei numeri sopra citati sono comprese anche le coppie provenienti dall ente Nadia Onlus per l intesa stipulata con quest ultimo. Le attività di cooperazione possono essere suddivise in tre direttive: sussidiarietà all infanzia, sostegno sanitario/aiuto ad orfanotrofi statali ed avviamento al lavoro. Riportiamo di seguito l elenco dei progetti gestiti nel corso del 2014: ( sussidiarietà all'infanzia) sostegno a distanza di 150 minori (sussidiarietà all'infanzia) casa famiglia - consistente nel sostegno allo studio ed al mantenimento di diversi ragazzi e ragazze orfani di maggiore età (sussidiarietà all'infanzia) mantenimento di una struttura gestita da nostro personale dipendente nella municipalità di Durame per il sostegno di ragazze madri ed accoglienza di minori; questo progetto è finanziato interamente congiuntamente. Pag. 2 / 5 dall Ente Nadia Onlus e gestito

3 (sostegno sanitario/aiuto ad orfanotrofi statali) - mantenimento dell infermeria dell'orfanotrofio femminile Ketchene con il relativo personale ed attrezzature ed il completamento di un box adibito a barberia/sartoria per l orfanotrofio maschile Kolfe. Entrambi gli orfanotrofi sono statali ed ubicati in Addis Abeba. (avviamento al lavoro) mantenimento di un centro per la lavorazione del bamboo e per attività di cucito già realizzato negli anni precedenti (attività di avviamento al lavoro)- mantenimento di un secondo centro per attività riguardanti la produzione di terracotte. In merito alle raccolte fondi per i sopracitati progetti di cooperazione, oltre al sostegno a distanza finanziato direttamente dalle singole famiglie, i costi di mantenimento della casa famiglia e delle infermerie degli orfanotrofi statali sono stati coperti dalle raccolte del gruppo DABO (coordinamento delle famiglie adottive in Etiopia), dalle donazioni del 5x1000 e dalle liberalità di alcune famiglie adottive. Le attività di avviamento al lavoro sono state finanziate dalla C.E.I (Comunità Episcopale Italiana) tramite un progetto triennale che ci ha destinato una quota delle donazioni dell'8x1000. Come sopra già citato, il progetto relativo alla municipalità di Durame è stato totalmente finanziato dall Ente Nadia Onlus. Al 31 dicembre 2014 i dipendenti del nostro Ente in Etiopia risultavano in totale 29, dei quali 16 impegnati nel settore adozioni/amministrazione, 9 nel progetto Durame, 4 nel training ( avviamento al lavoro ). E ormai in definizione nei primi mesi del 2015 l avvio di un terzo settore riguardante le attività business volte alla vendita di prodotti realizzati all interno della nostra organizzazione in modo tale che gli utili generati possano alimentare i progetti di cooperazione. Nel corso dell anno sono state effettuate nel paese 2 missioni da parte dei nostri funzionari. Federazione Russa Contrariamente all anno precedente il 2014 segna una notevole riduzione delle pratiche concluse: 2 rispetto alle 19 pratiche del 2013, le 7 del 2012 e le 6 del Questa sensibile riduzione è dovuta principalmente alla vicissitudini internazionali che riguardano i rapporti tra l Europa e la Fed. Russa in particolare a seguito della vicenda Ucraina. La burocrazia, da sempre presente nelle pratiche adottive, è incrementata ulteriormente sino a quasi fermare l attività. Come per l Etiopia, si Pag. 3 / 5

4 intravede qualche segnale di ripresa a partire dal prossimo trimestre. Nel primo trimestre è stata conclusa una adozione. Vista la sensibile riduzione delle entrate a fronte delle poche adozioni, per ridurre i costi, non sono state fatte missioni nel paese mentre sono state invitate alcune volte in Italia le nostre rappresentati. Polonia L andamento delle adozioni in Polonia è rimasto sostanzialmente stabile rispetto all anno precedente, visto che risultano concluse 10 pratiche rispetto alle 13 del 2013, alle 5 minori del 2012 ed alle 10 del Non sono state effettuate missioni nel paese. Non esistono particolari problematiche al momento. Relazione attività nazionale Si riportano di seguito i principali dati ed avvenimenti dell anno 2014 Abbiamo ricevuto 39 conferimenti di incarico dei quali 30 nella sede centrale, 4 nella sede di Roma e 5 in quella di Chieti. Nel 2013 erano stati presi n 41 conferimenti di incarico dei quali 28 nella sede centrale, 3 nella sede di Roma e 10 nella sede di Chieti. Il nostre Ente ha partecipato regolarmente alle riunioni del coordinamento di Enti autorizzati Oltre l Adozione di cui fa parte da alcuni anni. Il nostro Ente è entrato a fare parte effettiva della Federazione di Organizzazioni per il Volontariato FOCSIV nell ambito dell attività di cooperazione e volontariato. I nostri operatori hanno partecipato attivamente ai tavoli di formazione ed informazione regionali in merito alle adozioni. Resta sempre attivo lo sportello di assistenza psicologica alle coppie gestito dalla nostra psicologa dott. Magini presso la nostra sede centrale. I nostri funzionari hanno partecipato regolarmente a corsi sulla qualità nelle adozioni tenuti dalla C.A.I- Istituto degli Innocenti. Nel corso dell anno sono stati tenuti tre incontri per l attesa rivolti alle coppie adottive nei mesi di: aprile (tematiche sulla scuola) ottobre (problemi sanitari) novembre (problemi dell adolescenza). Pag. 4 / 5

5 Nell ambito della raccolta fondi, nel corso dell anno si segnala la presenza con stand alla festa della Mimosa a Pieve Ligure ed al Mercatino di S.Nicola a Genova. Per queste iniziative si ringraziano tutti volontari che hanno dato la disponibilità e grazie al loro impegno, sono stati finanziati alcuni dei progetti di cooperazione in Etiopia sopra descritti. Impegni e prospettive future In merito alla cooperazione in Etiopia, si segnala l approvazione del finanziamento di un progetto del valore di euro da parte della Tavola Valdese per realizzare attività di training di ristorazione per creare una quarta linea di avviamento al lavoro oltre a quelle già esistenti del bamboo, cucito e terracotta. In merito alla richiesta di autorizzazione per svolgere adozioni in nuovi paesi, si conferma la linea già espressa nella relazione dello scorso anno. Saranno oggetto di valutazione ed eventuale istanza alla CAI paesi che non impegnino nell immediato sensibili impegni finanziari a meno che essi non siano finanziati da progetti istituzionali. Vista la situazione attuale e le prospettive future nel panorama delle adozioni internazionali, si propenderà per intese con altri Enti autorizzati al fine di condividere paesi diversi. A questo fine saranno privilegiate le intese con Enti che operano anche nella cooperazione e nel volontariato. In merito al personale e collaboratori in Italia, la maggior parte dei professionisti operanti con il nostro Ente hanno contratti tacitamente rinnovabili con scadenze annuali. Sarà da valutare entro l anno corrente la revisione dei contratti di collaborazione visto che non saranno più ammissibili a partire dal prossimo anno. L attività di adozioni e cooperazione viene gestita tramite una dipendente, due collaboratori e cinque professionisti. Oltre ad essi si rammenta che la tenuta della contabilità resta affidata allo studio Commercialista Dott. Giovanelli di Casarza Ligure, l incarico di Revisore dei Conti alla Dott. Daniela Rossi e l incarico di Consulente Legale allo Studio Barbieri di Chiavari. Il Presidente Sergio Stagnaro Pag. 5 / 5

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010

ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE. Rimini 13 ottobre 2010 Servizio Polifunzionale per l Adozione Internazionale ATTI DEL CONVEGNO LA FAMIGLIA ADOTTIVA : LA DIMENSIONE GIURIDICA E QUELLA AFFETTIVA RELAZIONALE Rimini 13 ottobre 2010 Intervento dell Ente Autorizzato

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011)

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011) CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI (aggiornamento 28.10.2011) PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono

Dettagli

I TEMPI DELL ADOZIONE

I TEMPI DELL ADOZIONE 58 CAPITOLO 4 I TEMPI DELL ADOZIONE 4.1 IL PERCORSO DEL BAMBINO: DALL ABBANDONO ALL ADOZIONE UNA DELLE NOVITÀ SALIENTI del rapporto 2008 è rappresentata dal monitoraggio sui dati che permettono di tracciare

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.)

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.) Statuto per l organizzazione ed il funzionamento della Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte a norma dell art. 4 comma 8 della legge regionale 16 novembre 2001, n. 30 (Testo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Autorità Centrale per la Convenzione de L Aja del 29.5.

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Autorità Centrale per la Convenzione de L Aja del 29.5. Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Autorità Centrale per la Convenzione de L Aja del 29.5.1993 COSTI Mod. rel. n. 1 RELAZIONE: SERVIZI RESI DALL ENTE IN ITALIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono al Centro Aiuti per l Etiopia per poter intraprendere

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (03.2015)

CARTA DEI SERVIZI (03.2015) INDICE DEI CONTENUTI 1. Carta dei servizi per l adozione internazionale 2. Presentazione dell Ente 2.a Gli obiettivi 2.b La nostra storia 2.c Autorizzazioni in Italia e accreditamenti all estero 2.d L

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. per l adozione internazionale. Foglio 1 di 14. Carta Servizi NADIA - agg. 09-2014

CARTA DEI SERVIZI. per l adozione internazionale. Foglio 1 di 14. Carta Servizi NADIA - agg. 09-2014 CARTA DEI SERVIZI per l adozione internazionale Foglio 1 di 14 Carta dei Servizi per l adozione internazionale INTRODUZIONE L Ente NADIA onlus ha predisposto la Carta dei Servizi in quanto ritiene fondamentale

Dettagli

O.S.D. Organizzazione a Sostegno della Dislessia Genova e Tigullio ONLUS

O.S.D. Organizzazione a Sostegno della Dislessia Genova e Tigullio ONLUS O.S.D. Organizzazione a Sostegno della Dislessia Genova e Tigullio ONLUS Una rete di servizi per i DSA Sabrina Fusi Socio fondatore e Segretario Chi siamo Siamo l Organizzazione a Sostegno della Dislessia,

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Tutela, affidamento e adozione dei minori

Tutela, affidamento e adozione dei minori 15 gennaio 2002 Tutela, affidamento e adozione dei minori Anni 1995-2000 I dati qui presentati, frutto della collaborazione tra l Istat e il Ministero della giustizia, illustrano le principali forme di

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

STATUTO DI Ai.Bi. ASSOCIAZIONE AMICI DEI BAMBINI

STATUTO DI Ai.Bi. ASSOCIAZIONE AMICI DEI BAMBINI Documentazione AI.BI Ai.Bi. pagina 1 di 6 Denominazione e Sede STATUTO DI Ai.Bi. ASSOCIAZIONE AMICI DEI BAMBINI Art. 1 E costituita una associazione denominata Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini, siglabile

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni, raggiungendo più di 4.000.000

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

1. Proposte in merito alla promozione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza

1. Proposte in merito alla promozione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza PROPOSTE AI CANDIDATI DELLA REGIONE LIGURIA 1. Proposte in merito alla promozione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza a) Promuovere l ascolto e la partecipazione dei bambini e dei ragazzi alla

Dettagli

Carta dei Servizi - Sezione II: Cooperazione allo Sviluppo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo

Carta dei Servizi - Sezione II: Cooperazione allo Sviluppo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Servizi alle Famiglie Adozione Internazionale Ultimo aggiornamento Settembre 2015 Sez.II - 1 Indice Indice...

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS CONSULTORIO FAMILIARE

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS CONSULTORIO FAMILIARE STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS CONSULTORIO FAMILIARE Art. 1 Art. 2 Art. 3 E costituita una associazione denominata Consultorio Familiare, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS). Essa ha l

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.

CARTA DEI SERVIZI. Centro di Assistenza La Famiglia Ambrosiana Onlus. Consultorio Familiare. Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14. 12 SIAMO APERTI Dal Lunedì al Venerdì 9.00-12.30 e 14.00-18.00 Milano - Via S. Antonio, 5 Tel. 02.58.39.13.61 Fax. 02.58.39.14.43 COME RAGGIUNGERCI La pace e l avvenire dell umanità passano attraverso

Dettagli

FIORI CHE RINASCONO Etiopia

FIORI CHE RINASCONO Etiopia FIORI CHE RINASCONO Etiopia Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 336 06/07/2012 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 10059 DEL 24/05/2012 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA Etiopia

ADOZIONI A DISTANZA Etiopia ADOZIONI A DISTANZA Etiopia Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo

Carta dei Servizi. Carta dei Servizi - Sezione IV: Adozione Internazionale. Adozione Internazionale. Chi Siamo. Che cosa facciamo Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Cooperazione allo Sviluppo Dove Siamo Servizi alle Famiglie Adozione Internazionale Ultimo aggiornamento Novembre 2015 Sez.IV - 1 /22 Indice

Dettagli

Direzione Sociale Dipartimento ASSI U.O. Famiglia Infanzia Età Evolutiva. Centro Adozioni Attività e Dati Anno 2013

Direzione Sociale Dipartimento ASSI U.O. Famiglia Infanzia Età Evolutiva. Centro Adozioni Attività e Dati Anno 2013 Direzione Sociale Dipartimento ASSI U.O. Famiglia Infanzia Età Evolutiva Centro Adozioni Attività e Dati Anno 2013 Direzione Sociale Dipartimento ASSI U.O. Famiglia Infanzia Età Evolutiva Centro Adozioni

Dettagli

Matricole, fuori corso, laureati:

Matricole, fuori corso, laureati: Matricole, fuori corso, laureati: i numeri dell università Perché la riforma universitaria In Italia ci sono ancora pochi laureati. È quanto sentiamo ripetere spesso quando si discute del livello di istruzione

Dettagli

Statuto: Associazione di Promozione Sociale ComuneMente ONLUS

Statuto: Associazione di Promozione Sociale ComuneMente ONLUS Statuto: Associazione di Promozione Sociale ComuneMente ONLUS Art. 1 Costituzione, Denominazione e Sede E' costituita in forma pubblica un associazione denominata Associazione di Promozione Sociale ComuneMente

Dettagli

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già.

L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme. Ma il valore non lo metto io, il valore ce l hai già. Campagna Tende 2012-2013 COSTRUENDO UN BENE PER TUTTI UGANDA Ultimazione della scuola secondaria Luigi Giussani a Kampala L educazione è proprio prendere l altro e dire: Vieni con me, camminiamo insieme.

Dettagli

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Progetto Casa Pangea Calcutta Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Sommario 3 Introduzione 5 Programma di supporto e riabilitazione fisico-mentale 5 Supporto medico 5 Accesso alle agevolazioni statali

Dettagli

C O M U N E D I C R E M A REGOLAMENTO SCUOLA INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

C O M U N E D I C R E M A REGOLAMENTO SCUOLA INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O M U N E D I C R E M A REGOLAMENTO SCUOLA INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 2012/00093 DEL 20 DICEMBRE 2012 PA RT E I N O R M E G E N E R A L I ART. 1 PREMESSA Il

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale

REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale Allegato A REGIONE TOSCANA Settore Politiche per il Contrasto al Disagio Sociale BANDO per l assegnazione di contributi in attuazione della legge regionale n. 70 del 19 novembre 2009, Interventi di sostegno

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE Consiglio Regionale della Basilicata - Gruppo LB / FRATELLI D ITALIA ALLEANZA NAZIONALE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE PROPOSTA DI LEGGE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE PER

Dettagli

Il Viaggio alla ricerca dei diritti dell infanzia nella regione Lazio. Chiara Curto

Il Viaggio alla ricerca dei diritti dell infanzia nella regione Lazio. Chiara Curto Il Viaggio alla ricerca dei diritti dell infanzia nella regione Lazio Chiara Curto Obiettivi e modalità di svolgimento del progetto (1) Obiettivi: - monitorare condizione dell infanzia e dell adolescenza

Dettagli

Comune di Galatina Provincia di Lecce

Comune di Galatina Provincia di Lecce Comune di Galatina Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 92 del 30-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI PRATICA N. DT - 38-2014 del 20-01-2014 L estensore Il responsabile del

Dettagli

Sede Centrale: Tel. Fax E-mail Sito Facebook Orario continuato

Sede Centrale: Tel. Fax E-mail Sito Facebook Orario continuato del Tigullio Chi siamo Celivo è un organizzazione di volontariato iscritta al registro regionale dal 1999. E un associazione di associazioni che, sulla base dei comuni valori condivisi, si sono unite con

Dettagli

STATUTO ART. 1. Denominazione e sede

STATUTO ART. 1. Denominazione e sede STATUTO ART. 1 Denominazione e sede È costituita l Associazione di volontariato denominata Associazione WWF Molise con sede in Campobasso. L'Associazione è democratica, persegue esclusivamente finalità

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi;

MISURA 2 Promozione del successo scolastico attraverso strumenti didattici innovativi; ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO per le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione Lazio, per la presentazione di progetti rispondenti alle priorità di cui al punto 6.1 dell Allegato alla

Dettagli

Considerato che gli studenti stranieri con difficoltà di integrazione sono da ritenersi a tutti gli effetti in situazione di svantaggio;

Considerato che gli studenti stranieri con difficoltà di integrazione sono da ritenersi a tutti gli effetti in situazione di svantaggio; DELIBERAZIONE GIUNTA PROVINCIALE Prot. 0088129/2004 DEL 27/7/2004 Oggetto: Adesione al Protocollo d'intesa "Scuole e nuove culture" avente fine di promuovere un piano interistituzionale di interventi per

Dettagli

STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S.

STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. 1 STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. (Associazione di volontariato ex legge n. 266/91 - O.N.L.U.S.

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3 CARTA DEI SERVIZI RELATIVA A SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER GLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO STATALI E PARITARIE MILANESI

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT N. 144/SPO DEL 14/10/2014 Oggetto: DGR 1107/2014 Criteri e modalità per l assegnazione di contributi a favore degli Ambiti Territoriali Sociali

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Giancarlo Galardi. Decreto N 1165 del 26 Marzo 2012

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Giancarlo Galardi. Decreto N 1165 del 26 Marzo 2012 REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO INCLUSIONE SOCIALE SETTORE POLITICHE PER IL CONTRASTO AL DISAGIO SOCIALE. Il Dirigente

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

3. GLI ENTI AUTORIZZATI

3. GLI ENTI AUTORIZZATI TAVOLE STATISTICHE 123 3. GLI ENTI AUTORIZZATI LEGENDA ANAGRAFE ENTI A = Accreditato nel Paese estero O = Operativo nel Paese estero, in cui non sono previste procedure formali di accreditamento R = Accreditamento

Dettagli

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5 Carta dei Servizi La Carta dei Servizi è lo strumento fondamentale per conoscere con chiarezza le attività ed i servizi offerti da CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali Indice

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

ROBERTA CAPPONI Presidente della Commissione per le adozioni internazionali

ROBERTA CAPPONI Presidente della Commissione per le adozioni internazionali ROBERTA CAPPONI Presidente della Commissione per le adozioni internazionali Ritengo che un approfondita riflessione sulla situazione e sulle prospettive dell adozione internazionale non possa, oggi, prescindere

Dettagli

Statuto del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT)

Statuto del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT) Art.1) Oggetto e sede Statuto del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT) Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni, costituito con atto convenzionale

Dettagli

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni www.regioni.it Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO Confindustria prevede crescita 0 ; OCSE indica una disoccupazione giovanile al 28%; Gli organismi

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: Premesso che:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU25 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 18-7609 Immobile di proprieta' della Regione Piemonte sito in San Francisco, Provincia di Cordoba, Avenida Libertador

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA QUALITA DEI SERVIZI CIFA ANNO 2012. Rilevazione effettuata nel periodo Febbraio Marzo 2013

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA QUALITA DEI SERVIZI CIFA ANNO 2012. Rilevazione effettuata nel periodo Febbraio Marzo 2013 C.I.F.A. ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA O R G A N I Z Z A Z I O N E N O N G O V E R N A T I V A INDAGINE CONOSCITIVA SULLA QUALITA DEI SERVIZI CIFA ANNO 212 Rilevazione effettuata

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Hanno collaborato alla costruzione di questa Carta dei servizi: gli operatori del

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003)

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) 6.4.2.1 Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 171/2015/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 171/2015/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 171/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 1 dicembre

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA ANNUALE. COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA LECCO 10.11.2007 * * * * *

ASSEMBLEA ORDINARIA ANNUALE. COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA LECCO 10.11.2007 * * * * * ASSEMBLEA ORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA LECCO 10.11.2007 Oggi 10.11.2007 in Lecco, presso la sede della società AUTOLECCO STORE che si ringrazia per la cortese ospitalità,

Dettagli

NOVA B I L A N C I O C O N S U N T I V O A L 3 1 D I C E M B R E 2 0 1 2 N U O V I O R I Z Z O N T I P E R V I V E R E L A D O Z I O N E

NOVA B I L A N C I O C O N S U N T I V O A L 3 1 D I C E M B R E 2 0 1 2 N U O V I O R I Z Z O N T I P E R V I V E R E L A D O Z I O N E N U O V I O R I Z Z O N T I P E R V I V E R E L A D O Z I O N E E N T E A U T O R I Z Z A T O A L L A D O Z I O N E I N T E R N A Z I O N A L E ( L. 476/98 ) E N T E M O R A L E ( D M 17 / 7 / 1996 ) A

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE GOCCE NELL OCEANO. Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS). Art.1

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE GOCCE NELL OCEANO. Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS). Art.1 STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE GOCCE NELL OCEANO Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (ONLUS). Art.1 Denominazione, sede e durata L Associazione è costituita ai sensi della

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

ARAI-Regione Piem onte Federazione Russa Lettonia Moldavia Cina Slovacchia Corea del Sud Guatemala Senegal Capo Verde Burkina Faso Colombia Etiopia Brasile ARAI-Regione Piemonte, Paesi Autorizzati ATTIVITÀ

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO

AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO AZIENDA SPECIALE PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 23 dell 11.04.2013

Dettagli

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI CESENA SETTORE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCUOLE E NIDI D INFANZIA REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 10/2004 E MODIFICATO CON DELIBERE

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Settore sistema scolastico ed educativo. Istruzione e Università. Servizi alla persona e alla comunità

PROVINCIA DI PIACENZA Settore sistema scolastico ed educativo. Istruzione e Università. Servizi alla persona e alla comunità ALLEGATO PROVINCIA DI PIACENZA Settore sistema scolastico ed educativo. Istruzione e Università. Servizi alla persona e alla comunità PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI PIACENZA, ENTI TITOLARI ED ENTI

Dettagli

3 a S E D U T A. 1 Dott. Ezio Venturi Dirigente del Settore Polit.Soc./Lavoro/Form.Prof/Qual.Amb.le del Comune di Riccione.

3 a S E D U T A. 1 Dott. Ezio Venturi Dirigente del Settore Polit.Soc./Lavoro/Form.Prof/Qual.Amb.le del Comune di Riccione. VERBALE DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE GARA PER PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI, DI PULIZIA LOCALI, PREPARAZIONE E FORNITURA PASTI, RIGOVERNO STOVIGLIE,

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco n 9 Tel. 029000 8130-8110 fax 0290009071 e-mail finanze@comune.mottavisconti.mi.

COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco n 9 Tel. 029000 8130-8110 fax 0290009071 e-mail finanze@comune.mottavisconti.mi. COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco n 9 Tel. 029000 8130-8110 fax 0290009071 e-mail finanze@comune.mottavisconti.mi.it OGGETTO: APPROVAZIONE INVENTARIO AL 31/12/2008 ai sensi

Dettagli

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI CAPITOLO 6 L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI E LA COMPARAZIONE INTERNAZIONALE 6.1 I PRINCIPALI PAESI DI ACCOGLIENZA I DATI SULLE ADOZIONI INTERNAZIONALI degli ultimi anni

Dettagli

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO PREMESSA Lo Statuto dell Associazione Consultorio Familiare La Casa Onlus prevede la possibilità di redigere un Regolamento del Consultorio,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI INDICE COOPERATIVA SOLIDARIETÀ CARTA DEI SERVIZI. Copia controllata. Copia non controllata. Distribuita a: Data: Firma R. Q.

CARTA DEI SERVIZI INDICE COOPERATIVA SOLIDARIETÀ CARTA DEI SERVIZI. Copia controllata. Copia non controllata. Distribuita a: Data: Firma R. Q. INDICE 1) PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA 2) UBICAZIONE-ORARI DI FRUIZIONE DEL CENTRO 3) PIANTINA E FOTO DEL CENTRO 4) MISSION DEL CENTRO 5) STORIA DELLA COOPERATIVA 6) GARANZIE SUL SERVIZIO OFFERTO 7) PERSONALE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE VIII. FINANZA CONTABILITA E BILANCIO PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE Il Consiglio,, VISTE le proprie delibere, assunte nelle riunioni del 29.12.2009 e del 23.03.2010; VISTI

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

AMI Amici Missioni Indiane ONLUS Adozioni internazionali Sponsorizzazioni (adozioni a distanza) Progetti di cooperazione

AMI Amici Missioni Indiane ONLUS Adozioni internazionali Sponsorizzazioni (adozioni a distanza) Progetti di cooperazione Adozioni a distanza Chi siamo? AMI Amici Missioni Indiane ONLUS è nata nel 1982 per volontà di un gruppo di genitori adottivi e sin dalla fondazione è impegnata, su base esclusivamente volontaria, nel

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 PREMESSA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Il Bilancio è stato redatto con l osservanza dei generali principi della prudenza, della trasparenza e della competenza temporale e di quelli previsti

Dettagli