[La notte è umida, la pioggia, schernita dalle stelle, s'offende, precipita. La luce residua, in pacchettini si scinde e si cela nella pioggia che

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[La notte è umida, la pioggia, schernita dalle stelle, s'offende, precipita. La luce residua, in pacchettini si scinde e si cela nella pioggia che"

Transcript

1 [La notte è umida, la pioggia, schernita dalle stelle, s'offende, precipita. La luce residua, in pacchettini si scinde e si cela nella pioggia che scende morente... Una zuppa di gente, bagnata vi attende... accendete la mente!! Il teatro s'accende... il transitorio si spegne... il moto riprende...] >> Enter... - Ehi,... è arrivato; è qui, per ora è solo... anche se nasce da molti... - Avete udito?? - Fate silenzio, Diamine. L'operazione rischia di degenerare, convictor!!! - Compagni!!! Riducete l'intensità delle onde da voi generate!!! Compagniii!!! - Ohh!!! Ragazzi... è arrivato anche l'altro; cioè è pervenuto anche il restante ospite che abbiam estratto con illecito forzamento dalla Realtà dei fatti... - Ormai i giochi reclamano la loro ouverture... hihi! - Orsù, a ciascuno la propria arma, ad ognuno la propria metallica armatura!!! - Signori. Veloci ed indolori, chiari ma non pallidi. Signori... [Emana un respiro lento e profondo]...in buona sostanza, esatti, freddi e sincroni dobbiamo essere noi. [Quella battuta passata e questa presente, si pensi come se mafioso fosse colui che favella raccontasse... ora intesi noi saremmo, eh!] La macchina ordinata dei nostrani pensieri opererà, danzando nelle tenebre e con le tenebre, sibilando silenziosamente come pianificato e progettato, dopotutto [rallenta e poi con maestosità prosegue] quando i nemici si coalizzano accordandosi per buon diletto con gli amici...ah...ah...si Vince, miei Baldi compagni, Si vince!..!...!! - Ummm...Scus... - Eh suvvia!!! Sit down and silent!!!! shhhhh!!!!!!!!! Silent, silent!!!! - No...Ehi...un...Dico a Noi!!! - Basta, sospendetevi, ingoiatevi le emerite dita, dormite e, per chi non dorme: E' l'ora d'attaccar battaglia: Alla Battaglia!!!!!! Suvvia alzate i corpi vostri e per il tanto che vale: ad pugnam!!! Ad mortem! Ad ferrum!! - Pufff...NO! Aspettate, attendete, ritardate la vostra, anzi la nostra disfatta:...chi...chi...insomma - Cosa??? Cosa resta ancora da puntualizzare con boriosa e pedante astuzia? Quale via non fu da Me analizzata? Quale Abisso non andai ad esplorare, quale e quanti anfratti oscuri non purificai, con le fiamme, per liberar noi da ogni insidia del sistema???... Oibò... non odo risposta...e allora: Cristallizzate!! - NO!!...Chi parla??? - AH... beh... se te lo chiedi da te: fatti un quesito e - come dire - datti la tua risposta, visto che lo spazio resta perturbato dal solo tuo gracchiare!!!! [Come nella foresta notturna esplodono le grida di Delirio...] - NO!!..Chi parla??? Cioè: a chi spetta parlare con il/la destinatario/a nel suo presente, quando lei/lui stessa sostiene d'esser presente a se stesso/a; sì, insomma, mentre sta leggendo la lettera: A. Vado Io? - Chi p...p...paparla?...?...?... [Il suo volto si fa istantaneamente flaccido e molliccio, stirandosi sino a terra] Come sarebbe : Chi Parla? Bah... Mi sembrava universalmente palese, nonché noto e chiaro alle pietre celesti ma [sbuffando profondamente], ad ogni modo ve lo rammenderò con questo aulico e lucido argomentare: la Luna, l'ammasso di terra a noi più prossimo, ed il Sole, la stella a noi più prossima, ruotano con moti propri che potremmo descrivere rispetto alla terra o rispetto ad altri riferimenti mediante varie equazioni che tutti ad oggi conosciamo, anche se non tutti comprendiamo. Ora, giacché ciò che vi dico è Vero, la somma delle forze esterne è nulla, e ovviamente lo è anche quella delle forze interne (questo per definizione intrinseca). Già!... e se nello spazio del pensiero tutto ciò non fosse stato enunciato? Tutto potrebbe andare come se nulla fosse noto e come se tutto fosse arbitrariamente lecito!!! Perciò, deduciamo che: [Con ghigni vari e diversificate smorfie] Tocca a Me...ovvio...ovvio...ovvio... [Risuona con egocentrico auto convincimento] - Eh...eh...ehiii. NO! Un minuto, io pensavo e ipotizzavo che allorché la Luna ed il Sol...

2 - AH!!! Tu...ah...Tu pensavi...?? Ti sei evoluto... Bah... Dimmi qual'è il trucco? [Prego attendere colluttazione in corso d'opera...uno tra gli scapestrati del gruppo ha tacitamente la meglio: inizia a parlare a Te. Abbi Santa pazienza, o amico peregrino tra queste vicende, sono un poco fuori questi tipi, meglio fingere ed assecondarli in modo da uscirne presto avendo in cambio salva la personale incolumità] Hola!!!! Va buo', anzitutto - era scontato no?... eh... [si volge spaesato verso gli altri] Ah! Ceeerto... Been venuuto!! Ben venuto al Mondo!!! [Eh, eh..eh!!! scoppiano incalzanti strombazzamenti di trombettine colorate e festanti scoppiettamenti di grandi palloncini colorati...] Sssì, giusto. Or mitigatevi altrimenti sedatevi... [Torna il S i l e n z i o... S'invita il lettor ad assumer lo stato d'animo che risulterà da queste parole: Tutta la compagnia si ricompone e si rinfranca, la piazza del paese or deserta è tranquilla e, mentre il giorno abbraccia il tramonto i vecchi si siedono a contemplar l'andato giorno, shh...l'acque scorrono e l'un l'altra soccombono. Quiete. Una preghiera s'innalza...] Non posso non udire la sacrale voce dei Numi, guide et perfette muse Creationis. Ringrazio Loro per cotal grande Fortuna, la cui Sorte è se stessa, Fortuna, mio inviolabile Nume... Da tempo instimabile ad uomo, attendemmo e sospirammo e sfiancati dalla dolorosa sorte più e più volte perdemmo la preziosa Fiducia: giungerà mai quel giorno alla nostre amare sponde? Ci chiedevamo lacerandoci le membra... Ma! Oggi, oggi, o miei signori, la festa si fa degna di noi, il giorno è questo Dì. L'oggi così s'appella, vi dico: Dì. Così alla morte del passato Tempo Godiamo e brilliamo del sorgere presente, grazie al quale piomberà il sospirato Tramonto, usurpatore del sol. E così, grazie a Te, o Lettore, invochiamo la suprema Forza Oscura affinché sia concesso a noi (Sogg.) di porre oltre i nostri piedi (compl.ogg.) e a Voi di ricevere il Battesimo che t'affilia a questo mondo giocoso... Per ciò che tu non sai ma da cui presto fuggirai, nei secoli dei secoli. Amen [In sottofondo torna il brusio] Potrebbe forse risultare affascinante discutere a quattrocchi il fondamento di tanta rinnovata spesa di caotiche lettere (con assemblati e derivati di). Già...sarebbe curioso...e perché no? Bizzarro e/o bislacco per l'acuto osservatore Ciononostante non appartiene affatto agli odierni intendimenti. Il fatto che tuttavia non riesce a celarsi ai nostri assonnati sensi ed al tuo vigilante ed allarmato udito è il seguente: se in passato si dimostrò, mediante più o meno deliranti moti del pensier [vedasi altri scritti], che si disponeva delle opportune licenze, davoi meticolosamente esatte, per parlottare. Oggi la licenza non è solo ufficiale...ma perfino inquietantemente larga nel concederci spazio...tant'è che ben si presta a potenziali ed estenuanti excursus. Rilassati tuttavia, non cadremmo certo nell'indigente maleducazione, anzi, eviteremo - vi confido pienamente - con grande e stimata eleganza, il rischio di vederci recapitate crude denunce da parte dei destinatari. Citando uno scritto di noto autore: Rechiamo illustrissima e grande convinzione che non ci taccerete di verbosità, vilipendio e vituperazioni in nome del munifico nome che arrecate. Eppure nonostante le attente disposizioni siam certi che manifesterai apertamente, ben presto, i riportati sintomi: - Emicrania; - Irritazione d'addome; - Degenerazione della consueta e simpatica configurazione facciale ver altre forme ed altre esotiche sembianze;

3 - Generalizzato sconcerto; - Noia altrimenti Boria; - Disappunto conseguente all'esibizione di inappropriati e stucchevoli atteggiamenti. D'altro canto ti inviterei a rileggere velocemente (o con ratto guizzo d'occhi se preferisci), ma con attenzione, quanto segnalato a parole... [Abbi pazienza Caio, se vuoi rileggi...] Orsù, allo stato dei fatti, i possibili/probabili sintomi, a chi sono attribuiti? Al destinatario. N'è vero??? Beh...allor: son cavilli del Destinatario; non del mittente! E certamente non dell'autore... Tutto ciò a meno di iniziare a dubitare machiavellicamente dell'identità del mittente e/o di quella del destinatario...magari disveleremmo che nessuno dei due è autenticamente chi noi pensiamo che lor siano, cioè magari te non sei te ed io son forse un non io che vive altrove...??? Umm...Certamente... In ogni caso, ti assicuro che presterò molta attenzione a che io non abbia ad incontrarmi, razziando qua e là, con la fiera dei problemi tuoi, nella quale ho trascinato, contro la sua volontà, il destinatario per poi sparire tra la folla omertosa. [A scanso di gustosi equivoci: Voi siete i destinatari; o meglio Tu! Tu, sei il mio destinatario/a, questo è indubbio, eppure altre cose, molte altre cose lo sono] Oibò, l'ora è quasi tarda, la licenza nella sua ufficialità è qui tra le mie mani, e siccome nelle grandi cerimonie: << Al diablo la dieta!! >>. Tutti sul carro...si diparte, si diparte...imus!!...itis!...ite!!. Per dove?? Un momento, siamo onesti, siamolo sino in fondo: analizziamo gli scambi: In cotali gagliarde occasioni (festeggiamenti)* [festeggiamenti? Bah... Oook...Va bene...potrebbe essere un riferimento al Battesimo...ma...ad ogni modo continuiamo a sguazzare in un mare di Paradossi: Come potrai fare per la prima volta qualcosa (battesimo) che non stai e non puoi fare oggi? Più avanti ti sarà più chiaro...] si usa e si conviene recar con sé un dono al celebrato ma, se queste parole fossero un dono, il ricevente non dovrebbe manifestare i sintomi citati e rimarcati, cioè non dovrebbe vedersi costretto a una tale spesa di tempo e di energia proprio in questo giorno... Va buò al limite le leggerai domani... dico io... Nota escatologica: Garbatamente Le faccio notare, o caro Lettore furioso che, sulla base della fotografia che la immortala in questo istante, non posso certamente definirla una lenza nel mascherare l'irritazione nei riguardi di questi miei amici...ma - e adesso rido - mentre la sento gridare, mentre la sento desiderare un punto ove poggiare il capo, ove reggersi, mentre la sento affannato dalle accelerazioni apparenti. Ah... sì è messo sul cocchio di Coriolis...ed adesso? Mi dica pure, cosa pensava Lei... che l'avrei veramente collocata in un sistema di riferimento inerziale? Che avrei fatto come in generale si pensa sia opportuno di fare? Che avrei rispettato le normative vigenti, dichiarando così tutto il mio fatturato? Che Le avrei concesso gratuitamente i 10 Diritti del Lettore? Cosa avrei dovuto fare, abdicare e passarle il mio trono regale?? L'avrei forse dovuta riporre al sicuro dagli scossoni? L'avrei forse dovuta riporre in un qualunque sistema inerziale, che si muove in modo da non fare avvertire al passeggero le accelerazioni del vascello?? Ahah! Come se l'esperimento di Galileo fosse reale... Io non mi occupo di ciò che non esiste nella Realtà! E poi...cosa sarebbe questa scortese abitudine, questa strana consuetudine che consente all'ospite di entrare e di uscire dalle vicende qui riportate così...quando vuole e/o quando lo ritiene opportuno per poi riprendere da dove egli preferisce? Cosa penseranno tutti coloro che contro la loro volontà son stati qui imprigionati? Il Lettore garbatamente risponderà: << Dov'è il Punto? Cosa sono questi festeggiamenti? E dimmi Ma, sulla via su cosa ci siam messi a far burocrazia? Ora. IO non ho mai aderito a nulla di così esoterico. IO ho aperto questo pdf per un mia lieve curiosità, o se vuoi per solidarietà. IO ti posso provare, senza che tu lo possa negare che, a ben guardare, Io sono ancora IO, e sono ancora fisicamente e spiritualmente locato ove lo ero prima di iniziare a leggere... e qui rimarrò per molto tempo ancora nella mia persona ed in nessun altra! Compreso? [Fa la pausa di chi ha sfogato una piccola parte del suo risentimento, poi pensando un poco egli si rammenta del resto] E comunque Perché non sei esplicito? Cosa faccio...cosa sto facendo qui che vuol dire celebrare... che vuol dire

4 tutto questo? Insomma!! Io dovrei partecipare, grazie alle tue oculate (?) parole, ad un nuovo mondo? starei nascendo in un universo con altre dimensioni? Son giorni e giorni, infatti, che insisti e mi percuoti per raccomandarmi la lettura di coteste pagine amare... Aoooo! Bello! Però dallo un taglio, brucia 'sta siepe! Con che razza di parole continui a concedermi la possibilità di manifestare la mia indignazione, con quale ampollosità, con quale baroccheggiante ed alacre tono retoricamente perduto! Cos'è che sostieni? Cos'è che dici? Cosa tu vuoi o richiedi da me? >> Ohh... Calma, calma! Respira-inspira- Prespira- inspirainspira-respi...-inspira.resp-inspiraaspirazione-compressione-scoppioscarico-asp-compr-scopio-compr.scoppi-aspir-s c a r i c o--vabene, shh! Pazienza caro Amico, tutto a tempo debito...a tempo debito ti tenderò la mano... di qualcuno. E comunque se quel che lei sostiene fosse vero, me lo potrebbe dimostrare? Umm...? Bene se questo è chiaro, indugiamo ancora un poco, ti mostro e dimostro la mia falsa malizia: Se le lettere fossero celebrative nei tuoi evasivi e curiosi confronti non dovrebbero essere vendute alla celebrata, ma regalate gratuitamente evitandole la tormentosa erogazione d'energia da parte sua; d'altronde è lecito spendere le proprie forze solo per produrre ciò che vogliamo, che è giusto e/o ciò che fa bene, non ciò che le circostanze ti impongono. Tutto va allor come se uno scalatore ti donasse un elmetto, una corda, dei moschettoni, un'imbracatura etc. Cosa penseresti se quello, la sera stessa ti dicesse: << Dai, preparati eh! Domani ci attacchiamo per tutto il dì alle pareti rocciose. Che bellezza eh!! Casomai, questa notte preparati con un po' di palestra e se puoi allestisci il mio pranzo >>. E' o sarebbe triste, in piena sincerità...ma, oramai siam di strada e se riuscissi a non desistere potremmo procedere, tanto, così, per curiosità. Già, già... Ma...giunti a tal visione dei dintorni...a quale roulette mi consigli di giocarmi il denaro da te resomi permanentemente in prestito?? Il vuoto mi cruccia veramente. E' uno degli spettri che temo tra tutti in modo preoccupantemente fobico, dimmi: dove debbo andare? In quale realtà potrei rischiare il verde? Umm... Ah...quasi obliavo, vedi? Qualunque pensiero io infine stabilisca di esporre in maniera pessima, dovrei comunque insabbiarci un qualche simpatico augurio e qualche avvertenza in onore della tua novella esistenza, per te s'intende, almeno per conservare la tua preziosa presenza... [Tutto ciò ha un senso veramente spregevole... ma non fa niente, per il momento...] Dicevamo, ti sottopongo il problema in maniera esplicita: Viste le Garrule, Giulive e Giunoniche circostanze è consono indugiare in una qualche manciata di evolventi pensieri, giusto? Bene, ma giunti su quest'isola, cosa potremmo raccontare per intrattenere l'ospite e rallegrare il suo procedere sin quando noi non lo lasceremo solo in questa siberiana terra? Non è forse uno stolto maleducato chi costringe l'ospite a stare nella propria dimora senza imbastir una minima accoglienza? Umm... Va beh, per salvar la mia effige tenterei una saggia e stimabile via: parlare senza pensare al parlare, ma parlando del pensare...a cosa parlare. Insomma, se potessimo noi correre furtivamente dietro le quinte di queste parole, che or con tua grande ed amara soddisfazione stai scrutando (sospettosamente), potremmo imbatterci in uno, più o meno scomposto, bipede, gravemente riverso su una poltrona rosso antico, con i piedi spontaneamente gravanti su uno sgabelletto, attraverso un cuscino - nemmeno tanto morbido- che sorreggendo una penna nera, manipola della carta bianca, senza righe, illuminata da due lampade, di cui una di fronte, l'altra alla destra del sinistro individuo. Bene, costui, colto e sorpreso nell'atto del pensare, come reagirebbe se a quel punto, proprio mentre i suoi nervi vibravano alla sola idea di poter cedere alla distensione indotta dal lieve soffiare del ventilatore, venisse ad esser disturbato, e conseguentemente turbato, da due altri curiosi faccendieri (me e te, più o meno...), i quali, essendo straziati per la carenza di interessanti pensieri da disquisire

5 iniziassero a fissare, senza ritegno alcuno, cotal pover uomo senziente? [Devo confessarti: inizio ad avvertire le complicazioni inerenti il mio perverso sezionamento, infatti se a tal punto osassi domandarmi: Chi sono? Boh!!! non saprei, un po' tutti un po' nessuno? Tuttavia, dal momento che insiti con tal veemenza, proseguirò!!] Si diceva, come reagirebbe il nostro scrivano colto nell'atto dello scrivere? Io, se conoscessi costui, risponderei: << Quale esotica stravaganza emerge ai miei socchiusi occhi... Quale sarà l'origine dell'evidente disordine spazio-temporale? Ora, affinché il mio timore sia giustificato agli oculi del destinatario, io fedele allievo di Don Galilei descriverò quanto vedo: Io, Lorenzo Ma, mi trovo in data odierna 03/07/2012 alle ore 22:31, deposto su una poltrona rosso antico, con gambe e piedi saldamente inchiodati ad uno sgabello di forma quadrangolare. Detengo una penna nera con la quale sono avvezzo ad incidere gli eventi reali (???) su carta bianca, senza righe. Mentre i miei nervi sollecitati da un gentil flusso arioso, generato dall'armonioso e stazionario roteare del ventilatore, stavano sul punto di dissolversi tra le valli del Parnaso, m'accorsi d'esser osservato con inedita insistenza da due loschi individui: il primo sembra, adesso, star a scrutare me e l'individuo in sua compagnia [te; il lettore], con contorsione d'addome e ghigni infantili, come se fosse fiero di poter finalmente osservare, compiaciuto, le proprie malefatte. L'altro individuo, sembra - in prima analisi - presentare una espressione facciale che, con incrementi (positivi) successivi accresce in sgomento e generalizzata ilarità; la sua espressione, è tipica di tutti color che, non volendo son trascinati, contro il voler proprio, in faccende bizzarre, con il solo fine d'assecondar qualche esaltato. Infatti si legge sul volto suo (forse) il desiderio, in parte celato, di manifestare l'esasperante e reticente disappunto per le pieghe di questo vestito...ma, almeno per il momento tace... >> >>... <<...>> [[]]!!<<!!???...!!!?>...><>>!!... Det(A)=0...error circular loop...self-referential system...too low...flaps...danger...strange circular loop... system recovery... Ma...Diablo...che...cosa??? [Passano alcuni minuti...] Va bene...facciamo ordine!! Molto ordine... Prego introdurre relazione d'ordine nell'illusione. >> Close all; >> Clear all; >> Diary on; >> Ore 22:40, premo INVIO... A chi tocca parlare ora? [Ahhh... Se il lettore fosse stato più perspicace di colui che parla, a questo punto avrebbe effettuato un celere logout con impetuoso sdegno! E' infatti più che evidente la scorrettezza di colui che sta sprecando favelle. Sussiste un continuo e non dichiarato cambio ed alterazione della notazione in uso. Ad esempio, si è appena domandato (la domanda non fu rivolta al lettore (anche il fu è in effetti un cambio implicito di notazione. Che Bruti color che congiurano nell'abisso!!)): A chi tocca parlare ora? Diaminee! Ora in quale riferimento vuole intendersi? Nel Mondo Reale o in quello or' sintetizzato, ove anche il lettore dimora ormai da qualche minuto o da qualche ora se ha una particolarmente lenta lettura... ed inoltre: Su quale asse temporale si pone il riferimento? O caro Sempronio... che brutta cosa che odo... eccomi! Ti vengo a sorreggere il capo! S'intenda ora nel mondo sintetico e riferito a Te mentre leggi... Dai, abbi coraggio!] Lorenzo Ma (Presente nello stesso istante in cui il destinatario legge): Dunque e per dunque... Mi scuso a nome di tutti Noi con la lettrice/ettore che, almeno per ora (e solo per ora) si suppongono presenti e compartecipe a queste ( ora, rispetto alla destinataria/o, qui rispetto alla/ o stesso/a, nel mondo che si preferisce questa volta, ci sarebbe altro, ma...va beh...) vorticose vicende nella sua unitarietà di soggetto senziente.

6 Parlo allora Io (L.Ma compresente alla lettura) al SOLO destinatario: è occorso un grattacapo tecnico; sì...pensavamo di poter procedere, senza fastidi, così...stocasticamente...ma il sistema è gravemente collassato. Perciò da questo checkpoint in poi procederemo con un grado d'ordine maggiorato. Lorenzo Ma (presente a se stesso il 03/07/12, mentre scrive): Bah...vista la mia proverbiale irritazione nei confronti di questa irragionevole situazione, procederò secondo gli intenti che avevo sin da principio. Ebbene, sembra che stessi scrivendo una storia, ah... già: ella suonava così: In un tempo un po' lontano e un po' a noi presente, in un mondo ivi presente, viveva un uomo, la cui fama si estendeva in lungo ed in largo, su fin le più alte vette della casa, fin giù sulla terra dei suoi avi, mentori di grande saggezza e di snella conoscenza. Egli, infatti, sin da quando ricevette il dono d'esser vivo e compartecipe agli eventi, mai s'era allontanato dalla sua cara abitazione, tanto che nessuno mai aveva osato disgiungere quel che i numi vollero unire... Egli non era un viaggiatore, non un inventore, non un creatore e neppure un corridore. Eppure non trascorreva giorno senza che quell'estraniato e sconosciuto uomo non commutasse il vuoto in materia, la molteplicità delle cose in unitarietà, i concetti sparsi in invenzioni. La sua stazionaria vita procedeva senza discontinuità, senza strappi e senza alcun turbamento dell'animo ma, per così dire, di moto laminare, orando spesso il sol d'oriente. Ei, proseguiva tuttavia a realizzare ciò che normalmente non avrebbe potuto essere, credendo e professando, con pacatezza, le norme anormali ma sussistenti, in virtù della creduta ordinarietà. Il tutto sarebbe seguitato in tonalità maggiore a tempo allegro terzinato, fluente e naturale, se non fosse giunto un tal giorno di Luglio, un inquieto pensatore d'aspetto seccato, che iniziò a scuotere brutalmente l'incanto bucolico dell'uomo solitario con queste parole: << Ohilà... Bishchero!!!! Eh sarà mihca hora di piantarla hon hotal ganza e hgrottesca pagliacciata...???!!! >>. << Ohh per Bacco... >> esclamò l'uomo solitario con le sopracciglia ruotate di novanta abbondanti gradi, in verso contrario l'una rispetto all'altra, con sguardo interrogativo << simpatico e buffo straniero, mi resta difficoltoso intendere il significato delle tue vive parole. Ma, abbi sacrale pazienza per la mia lentezza di comprensione. Nel frattempo è bene che io mi presenti: mi chiam Bettino, Bettino dal Salento, cresciuto e vissuto da anni uno nella tenuta che apprezzano i tuoi occhi or ora ma non per sempre. Sai, esoterico straniero, di qui son anni che non sosta mai anima senziente; io difatti vivo solo soletto da molto tempo e solo soletto uso dilettarmi, così come posso, nella mia povera e grande dimora. Ma suvvia! Non sostar sulla porta...accomodati e se vuoi presentati sicché si abbia ad interloquir più amichevolmente sino a sera >>. << Ohilà, sveglia Bettino! Alzati Bettinino! Vuoi un pizzicotto, un pizzicotto Bettino? Prendi quel secchiaccio e rovescia il suo viscido contenuto su di te e poi lasciatelo sul capo!!! Sul tuo capo!! Tu Betti non esisti e non sussisti, e basta, per i calzari di Caligola il grande! E' ora di stroncare questo nevrotico procedere ver sciocche ed effimere mete...! Perciò, giacché come noti - e questo lo comprendi bene - mi sto alterando marcatamente, tra breve non esisterà nemmeno cotal uscio che tu mi inviti ad oltrepassare con bonaria gentilezza, haro Bettino Cracxi!!! E io allor mi presento: hi' son Ma, Lorenzo Ma... e hcotal son io! E son quel Ma...che si pone quando il caro amico legge... E non il cialtron che prende a scriver alle 23:05 dello 03/07/ Haro mio, NO! Ma or la misura l'è hcolma, he Diablo, la misura l'è veramente hcolma. Il vaso deve hcader a terra...a terra!! Giù! A terraaa!! Ebbene o Ganzi: Il vaso è M O R T O!! E allora or Basta!!!!! Or' tace! Or' s'arrende! Or' si discende! [Lontana si leva una risatina melodica e sardonica] Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Lorenzo Ma del 03/07, ascoltami! Mi senti? Vibrano i timpani tuoi? Suvvia, io ti dico: apri anzi spalanca i condotti uditivi!!

7 Sei stato distolto dalla tua inconcludente serata, unicamente per rendere piacevole il più possibile quest'amara disquisizione, tuttavia per condiviso parere mio e del destinatario (nell'ora che legge) stai eccedendo nell'arrogati la libertà di condurci ove non vogliam recarci, haro mio! I tuoi pensieri non sono i nostri pensieri, le tue vie non sono le nostre vie. Le tue fantasie son tue, non nostre, perciò bada bene che tali rimangano ond'evitare calde reazioni da parte di questa compagnia. Lorenzo Ma (03/07): Eh, No!! No, cari miei!! La storia...la storia deve continuare; non si ferma mai un aereo in volo, l'acqua delle montagne incontra sempre quella dei fondali oceanici a contatto con i sedimenti e più in là con il Basalto... Oramai la penna - giudice dei popoli - è da me retta, e se allora io son il reggente, come sono, tale rimarrò. La penna è mia e mia resta, per l'arma (sempre la penna) che vive e regna, in unità con la mano del reggente (soggetto reale o immaginario), nei secoli dei secoli; Amen! Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Ma bravo!!! [Sarcasticamente compiaciuto; batte e scuote le mani. Esprime chiaramente l'alacre disio di disarticolare Lorenzo Ma... del 03/07] Eccellente! Lungimirante esaltazione del potere!!! Inedita espressione di gentilezza e buone maniere, molto elegante nei riguardi di color e di colui/lei che t'ascolta! Eppure, ti illustrerò meglio la realtà dei fatti che ti sta dinnanzi: La penna - effettivamente oggetto dalle pericolose risorse - non appartiene, come potrebbe sembrare ad un semplice ed ingenuo narratore, a colui che materialmente scrive, quella appartiene ai destinatari, e perciò a me, dal momento che, come tu sai, quest'ultima ha deciso d'affidar a me l'arma affilata (sempre la penna) in modo che io, con la mia discreta e pagata conoscenza del luogo, potessi farle strada tra tali insidiosi pensieri. Orsù, da bravo, obbedisci in fede mia! Torna pure a dormire sulla tua antiquata poltrona e continua a pensare il futuro cosicché noi possiamo guardare divertiti al presente attraverso il passato e resta dunque graziosamente silente. Ahh...ancora: parla con discrezione solo quando io o il destinatario ti avanzassimo domande...e non diffidare, saranno intelligenti domande, s'intende. Lorenzo Ma (03/07): We picciotto! Wait a moment!! Un momento! Un momento picciott!! Come sarebbe, scusa?...tu parli???...che???[s'accascia a terra tra dolorosi e aspri supplizi] Ah...ahah...ahhhPerchééé?? Perché hai schernito ed esiliato lungi e lungi da te quel poco di raziocinio, quel poco di retto giudizio, quella minima prudentia che t'avevo donato, o mio astuto compare??? Tu, egregio figlio, tu sei entrato senza ritegno nel mio racconto, ebbene:... non dovevi, non potevi uscirne!! Son io a detenere lo scettro degli eventi; Son io a stabilire il tempo perché tu possa prender a mostrarti ridicolo e patetico; Son io a poterti e a non volerti concedere l'azione; Sei tu ad aver voluto questo! Tu, mi hai ceduto la penna (sempre lei) nel passato, cioè dal futuro attraverso il passato nel presente del/la lettore/rice... Insomma...Io ti comando, in virtù del potere che tu mi hai conferito: T A C I...! Ma non temere...verrò anch'io a piangere la tua idiozia per avermi conferito l'arma (sì, è lei, è sempr...). Ahahah...Ed ora, mentre scrivo l'avvicendarsi tuo, mio e delle ospiti, assapora come tutto questo si tramuta in fluente tragico e gagliardo divenire... Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge):... Eh... eh...??? NO!! No! Io sono con il destinatario, tutto ciò è scritto (ed in parte pensato) in quel sistema di riferimento, perché si scrive per il destinatario: qualunque nostro (nostro in senso...riferito al mittente diciamo) atto di moto non avrebbe senso, anzi morirebbe senza mai nascere se colei che - forse - ora legge si fermasse. Tutto quel che sta accadendo cesserebbe istantaneamente, perciò ehehe...son io al comando

8 necessariamente!!!! Lorenzo Ma (spazialmente e temporalmente coincidente con il post lettore, quindi il post mittente): Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah ahah... [Risata sardonica] Signori, Signori Ma... Ed ingenui signori lettori! Ebbene sì! Son Io! AHh!! [Ma che fa? Non riesce! Spezza le frasi...s'interrompe...ride...di cosa? Di chi? ( Certo non di Me! Ah...)] Sono anch'io partecipe agli eventi, a questi eventi! Non che sia stato invitato! Non che mi sia pervenuto un grazioso e cordiale biglietto d'invito! Bah... Comunque, non è certo questo il Punto! Non è certo qui che egli dimora! E non voglio nemmeno parlarvi di lui! Poiché, in effetti, è o sarebbe di buon gusto l'esibizione di cotal invito quando si entra in casa di estranei, amici o nemici; ma, se ammettessimo questo, bisognerebbe inserire voi altri Ma... tra le persone di Buon gusto, e questo contraddirebbe le ipotesi... Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah ahah... Vaa bene...oook [Risata sardonica] La vostra conoscenza del luogo e della topologia degli eventi cui poi in effetti partecipate è scandalosa... Bleee! [Alcuni di Voi...alcuni di Noi...raccolgono armi, raccolgono sassi...] Eppure, rispondete a tale quesito: Che farà lo scalatore o l'esploratore ingenuo quando si ritroverà da solo? ATTENZIONE a condurre il carro se odiate i cavalli! Attenzione a giocare con quel che non si conosce potrebbe nuocere all'ospite! O Lettore, ti metto in guardia, i due Ma... che per ora hai incontrato son incolti pellegrini, che vanno e tagliano ove non sanno, che parlano per fingere ciò che è reale. Orsù, tu Lorenzo Ma (presente con chi legge) quando dissi: Torna pure a dormire sulla tua antiquata poltrona e continua a pensare il futuro cosicché noi possiamo guardare divertiti al presente attraverso il passato a quale futuro pensavi? A quale presente ti aggrappavi? Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Sei un sofista, sei uno sporco sofista!! ed io non amo i sofisti! Lorenzo Ma ( post mittente): Losco...Losco viandante! Qui esistono due Mondi: l'uno è quello di origine, l'altro è questo... Ora, se tendi la corda Futuro, viene tesa anche quella del tempo, o meglio quella di un tempo, ma se fai il gradasso e, con tanto spreco di faciloneria, non specifichi quale tempo e quale mondo: in prima istanza nessuno capirà mai nulla di vero! In seconda istanza: chi ha detto che esista il tempo in questo mondo o che abbia la medesima forma? E se alla fine le cose vorranno andar proprio male? Che farai? Le tenderai entrambe così da gettare tutto nel forno? Ah... che brutta cosa l'esser condotti dai ciechi! Eppure non è sufficiente giacché il futuro è propriamente tale quando è abitato e vissuto o ceduto in licenza da esseri ad altri esseri... ebbene: a quali esseri ti riferisci? Chi sono cotali partecipanti al tuo futuro? Forse il Lettore... Forse Sempronio? E Tu: Chi sei e dove Vivi? E Chi è colui che legge? Sa forse chi è? Sa forse che forse la sua identità sarà stabilità da questo mondo e che questo mondo è stato (malamente) dimensionato da alcuni tizi? Gli altri Lorenzo Ma...: Ferma! Frate' andiamo avant... Lorenzo Ma ( post mittente):chi è costui? Ov'e che abita? Per le stesse osservazioni, o caro amico Osservatore puoi giudicar più rettamente Lorenzo Ma (03/07): Ei sosterrebbe infatti d'esser il Reggente della Penna... Ei sosterrebbe d'esser principium moti.

9 Ei vorrebbe stabilire il tempo in questo Mondo... Tuttavia cosa è veramente nelle sue mani e nella sua mente...? Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Basta così! Lorenzo Ma (post mittente): Bah... Tanto son problemi del Destinatario!! [Si allontana poi da fuori campo segue la riportata esclamazione] Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah ahah... [Risata sardonica] Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Troppo parlasti, troppo! Non a te fu affidata la Sorte del Mondo... E non a te, Ma... (03/07) sai, anche se reggi la penna, lei (la penna) comunque deve esser mossa secondo il mio e non il suo volere. Lorenzo Ma (03/07): Bah.. condoglianze povero utopista:... illuso, sognatore ed ingenuo! Condoglianze sentite a te quanto al Dottore quantistico. Allora per te, se ben ho inteso, è sempre primavera e l'erba è sempre verde... La Penna è miaaaaa. Non perturbare la connessione tra questo mondo e colei che legge; infatti il detto mondo anomalo, nel quale ci troviamo incastonati Noi Ma, come vetri nella roccia di sedimentazione, è connesso tramite dei filamenti al nostro destino, e su questo hai ragione. Tu sostieni anche che costui (stavolta il lettore) deterrebbe ampi poteri sul mondo, su di noi e su questa tortuosa vicenda, giacché se fosse distolta dalle presenti pagine (non servirebbe molto in effetti), tale mondo collasserebbe su se stesso. Ebbene, solo in parte è come tu ritieni, caro Lorenzo Ma adibito ad accompagnatore del lettore. A ben guardare, Lei, il Lettore, non trarrebbe molto giovamento dall'interruzione e dal conseguente collasso; sa dirmi perché, affettuoso e caritatevole eccelso lettore? Beh...come sai ad inganno, sei stato tratto in questa faccenda, ma allora... Se tale mondo collassasse, chi finirebbe sepolto sotto le sue macerie, solo i colpevoli Lorenzo Ma? [Fuori campo] Lorenzo Ma (post mittente): Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah ahah... Vaa beene Su questo ahh... hai Ratio!!! [Risata sardonica] Bettino: [L'uomo silente che per ora era rimasto silente ad osservar la diatriba, d'un tratto congestionato da timore e tremore, si fa avanti con flebile e timido vociare.] Scu...scus...scusate miei signori... Ma...ecco: il mio nome non è Bettino Craxi, come pensava innocentemente il gentile visitatore, Messer Ma, se non erro, giusto? Il mio nome è Bettino dal Salento; sì,sì proprio dal Salento di nome e di fatto. Infatti mi diceva sempre mia mamma, che aveva saputo da sua nonna che quando la madre di questa decise di venir al mondo nell'ormai lontano, anzi lontaniss... Lorenzo Ma (03/07): Zitto Bettino!! Zitto!! Io e solo io ti comando! Solo io detengo lo scettro del potere, solo, solo colui che regge la Penna lo detiene!!! Nessuno qui d'ora in poi oserà agitare o far vibrare di moto proprio labbra e corde annesse che siano. Nessuno! Son chiaro? Cristallino? Mi vedete, mi sentite? Dico: m i s e n t i t e??? La Penna è bagnata dalle mie mani, il mio affanno abbraccia l'arma (lei, la P e n n a). E taci anche te!!! Noioso, patetico e pedante commentatore dei miei costosi stivaletti. Che pensi che non si vedano le parentesi??? Che siano invisibili, loro??? E poi tu Bettino, tu mi sorprendi più di tutti!!!

10 Ora apri le tue fittizie meningi e deposita, con ratto scatto felino, quanto dico: Tu sei in mio p o t e r e...!! Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Sì Bettino, facci il piacere: Omettiti!!! Occultati!!! Celati!!! Dismettiti!!! E se il tuo abile creatore acconsente: abrogati e depennati, in nome della suprema Penna!! 1) Tu non esisti; 2) Il tuo mondo non esiste; In quanto sub-mondo irreale di altri mondi ugualmente reali, ma irreali... 3) Il tuo padrone non ha torto: tu parli se lui parla, e...diablo! Lui non può parlaree... Lettore (nel momento in cui commenta dal vivo a tu per tu con un reale mittente, dopo la prima lettura; pensiamo ad un/una post lettore/ttrice): Eh, No! Basta, ora basta!! E' già la seconda volta che assisto attonita al vostro, anzi al tuo giro-tondo; fin'ora ho solo seguito come mi avevi chiesto ma, prendersela con il povero Bettino...un'altra volta... E' ingiusto, è da coatti!! Perseverare è diabolico!! Lasciate che si esprima!!! Lorenzo Ma (post mittente): Perdonami, o mio affiliato, ma ti faccio notare che dal momento che il tuo intervento è solo supposto tale, mi dispiace ma, come dire, hanno ragione loro, i Ma. Bettino non doveva parlare, ci sono delle regole che valgono per tutti e per tutti devono essere uniformemente applicate; per me, per te, per loro e in particolare per Bettino. Nella vita occorre essere razionali ed ordinati; occorre seguire dei rigidi schemi d'azione, altrimenti si fa solo confusione... Vedi ad esempio questo mondo nel quale ti abbiam portato come risulta dolcemente e quietamente ordinato... ed armonico nel sua manifestarsi? Ehhh...ciò è bello Ed è bello perché la maniera con la quale il caos diviene improvvisamente melodia, armonia, dolcezza... è nascosta, celata, occultata nella sua sottigliezza...com'è che avviene il misfatto? Semplice: inviluppando il caos e raccordandolo con continuità!! Ora, suppongo che tu non sappia cosa sia un inviluppo in generale... Vaaa bene allo, per amor tuo ecco: mi spiegherò con un esempio: consideriamo una circonferenza ed una sua tangente, quest'ultima avrà un punto di tangenza. No? Bene! Dunque conduci dal centro un raggio vettore e poi fai ruot... Lettore (mentre legge la prima volta, nel suo presente, essendo presente a se stessa): NO!!! Noi insistiamo, Bettino va salvato!!! [Lorenzo Ma post segue con la sorda spiegazione... tant'è che il suo ciarlare divien brusio] Lettori: Viva Bettino!!! In alto Bettino! Glorificate Bettinoo! Post lettore: Facciamo così: o si fa parlare Bettino o pregherò gentilmente me stessa, nel mio passato, mentre leggo, d'abbandonare la lettura; chi ha orecchi per intendere, intenda! Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Emerite/i ed illustri ospiti... Vi prego, come sapete, a tal punto siete solo degli ologrammi, cioè, come dire...sembra crudo... Il vostro intervento è solo supposto (ragionevolmente) tale perciò, ci spiace, ma non esistete a pieno come noi altri...e... Lorenzo Ma (03/07): Ora basta!!!! Finitela, piantatela con questo effimero ciarlare!!! Non vi è dato, io non ve l'ho concesso!!!! Eh... qui comando Io!! Son io che sto scrivendo, sono Io...Io...Io!...NO!!..Nonon...ah..Che fate??? Che fate???...noo!!...lasciatemi andareeeeeee...!!!! [Finalmente gli altri due Ma immobilizzano e neutralizzano l'astioso ribelle, il Ma delle 23:30 del 03/07] Bettino: [Sempre con voce sibilantemente lieve] Scusate...scusate signori dolci...e misuratamente sobri... Lorenzo Ma (post mittente):shhh!!! In quali guai vuoi metterti tu? Eh? Post lettore: No, fatelo esprimere: Avanti!!! Lasciatelo! Lettore (mentre legge la prima volta, nel suo presente): Dopotutto, se è veramente frutto di uno di voi, non potrà e non oserà di certo ferirvi di spada? No?

11 Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): e vada allora... Fatelo parlare... Lorenzo Ma (03/07): [A bassa voce ingurgitando le parole] E certo, stasera vogliono tutti parlare!! Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Cosa, scusa? Odo come un egregio fastidio d'orecchi... [Minacciosamente]... [Lorenzo Ma (03/07) tace visibilmente contrariato] Lorenzo Ma (post mittente): Cari fratelli, già scruto, vista la mia provenienza, l'epilogo in cuor mio... Oh...cari. Ohh... Amati ed odiati fratelli miei. Tanto avrei da dirvi, tanto da narrarvi, tanto da insegnarvi. Se voi solo poteste scrutare con gli oculi cotal parvenza di veritate, se solo aveste la forza di cercare la luce eterna, se solo potessi, Io, illustrarvi le relazioni costitutive che descrivono questo mondo di ibrida natura; Nato da Realtà comune e vivo di essenza oscura ai più... E tu, lettore, Tu, caro amico: Cosa fai qui? Cosa centri con questo Mondo e in quale punto reggi la Penna - giudice dei popoli... Oh, Ahimè... Donde son poi Io... qui? Lì? Dov'è che dovrò cercar il mio futuro? Dove e come il mio presente? Non so... dimmi! Sono per me o forse con te? O grazie a te? Non so... Probabilmente vengo dopo di te eppure c'è un Te che è con me... Ebbene allora... Dove siamo e dove risiediamo noi che apparteniamo al futuro di questo presente mentre guardiamo al passato... di questo ed anche di quel mondo? Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah ahah... vaa beene ahahhh [Risata sardonica] Nonostante ciò, eviterò di mettervi in allarme; continuerò a recitar serenamente la parte mia, ma non vi influenzerò Consigliandovi di Imbavagliare l'astuto e ravveduto essere di nome Bettino... Che si diparta, che la storia prosegua!!! Bettino: Allor dunque, raffinati e forbiti signori e signore, mi doman... Lorenzo Ma (03/07): Un momento... Prestatemi attenzione solo per un momento! Vi dico!! Voi, Voi tutti, vi calate furtivamente qui, nella mia ormai bollente (il/i lettore/i intenderanno) capoccia a disturbar la quiete di un'ariosa sera estiva, una bella e distensiva sera di Luglio, quasi fresca. Voi in tale tempo di riposanti meditazioni giungete, rovinate i miei piani serali, lacerate senza ritegno alcuno la mia identità un tempo unitaria, infierite su un mio personaggio - almeno in parte ormai disabile, visto che avete interrotto il suo ciclo di crescita, hi hi...l'avete reso disadattato, poverino...il cretino - ed ora, alle ore 23:36, vorreste costringere le mie meningi ed i miei sudati occhi a tener l'anfora con l'acqua in equilibrio sulla mia testa? Rammentate: nel momento in cui smettessi di scrivere solo io tornerei ad esistere veramente, e non Voi. Perciò, machiavellicamente, cosa ci guadagno a tenervi in vita? Quale impagabile cimelio mi offrite per seguitare? Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Diciamo che è un piacere che ti chiedo personalmente perché io possa continuare ad intrattenere l'ospite che con me è presente. Lorenzo Ma (con il post lettore): Lo stesso vale per me... Sì, scelgo di adottare la stessa e lungimirante formulazione: è raro trovare dei colleghi che riescano ad apprendere per poi, in un secondo momento riportare, al soggetto differenziale ed in seguito integr... Lettori: Eh già...ormai la storia deve continuare!! [Interrompendolo] Io: [ Tuona questa voce dalle nubi e risuona con toni bassi ] Prego...seguita a scrivere! Lorenzo Ma (03/07): [Con sconcerto] Certo... seguito... Io: Bettino dal Salento...parla pure, ti ascoltiamo... Bettino: Beh...nulla di rilevante, ma mi questionavo un dubbio... Post lettore: Di' Bettino, dicci! Bettino: Beh...ecco...Sì, insomma...mi chiedevo: chi di voi... chi di voi esiste veramente?

12 Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): Eh..NO!...No, Bettinino! No, Bettino! NO, B e t t i n o o o!!! Ti vuoi mettere a filosofeggiare con noi e contro di Noi? Ora?? A quest'ora del giorno? E poi, che domanda da ingenuo perfettino è: Chi di noi esiste veramente?? Ah...ahah...e che vuol dire per te esistere? E Veramente? [Con l'affetto che si ha ver i buffi sempliciotti] B e t t i n o!! Lorenzo Ma (post mittente):vai avanti Bettino, avanti procedi! E...non ti curar di loro ma guarda, impara e conquista con scaltra audacia!!! Lorenzo Ma (Presente con il destinatario che legge): [Con faccia interrogativa che si manifesta quando qualcuno è fuori di testa]????? Lorenzo Ma (post mittente):feroce! Infierisci, e che sia indolore l'aspro e voluminoso boccone! Bettino: Sì, beh...vedete? E' chiaro che qui c'è molto disordine, ed è giusto che questo ci sia, perché...l'ordine è finzione, è fittizio...non si può ordinatamente negare il disordine, perché... è già il disordine... Lorenzo Ma (03/07): Ma chi sei tu Bettino? Chi sei per ribellarti, Chi per decidere di essere sussistente di per te stesso? Chi sei? Cosa dici? Come puoi vedere me? Come posso io vedere te? Perché? Chi...chi ti ha consentito di predicare la Realtà, quando non ne fai parte? Tu non sei di qui...! Tu non sei di qui...! Tu non sei d...! Un momen...diamine. Noi... Noi non siamo...non siamo di qui... [Tace, profondamente ed intimamente scosso] Leettore: Insomma, basta! E tu continua Bettinooo!!! Bettino: Chi di voi si sente di appartenere visceralmente al divenire delle cose? Chi di voi avverte in sé la calda e fragile natura umana? Chi di voi si sente uomo, non animale, non vegetale ma uomo, e direi uomo trascendente, che oltrepassa il mondo con la sua anima? Chi di voi esiste e vive ed è allo stesso tempo? Chi di voi è più che reale; Chi di voi è Vero? Chi di voi? Forse lo scrittore delle 23:51 del 03/07? Lui? Colui che si sente deturpato nella sua identità in quanto scrutato da altri? Colui che giace nell'oblio della poltrona rossa? Colui che mi ha creato o che così professa? Colui che crede illudendosi di poter dominare il sistema di cui faccio parte, e di cui forse lui è schiavo e prigioniero più che reggente? Colui che ritiene d'esser più meritevole d'esistere di Me, di me stesso: Bettino dal Salento? O forse lui? Lorenzo Ma del futuro di mezzo; sì, colui che è stato chiamato: Lorenzo Ma presente con il destinatario che legge? Lui che vorrebbe elevarsi ad elemento neuralmente superiore solamente perché in compagnia del Lettore? Lui che s'affretta ad arrogarsi il ruolo d'accompagnatore esperto e navigato quando tale non fu mai? Già, egli sarebbe ben fuori di qui se la/il destinataria/o non avesse imparato a diffidare oculatamente delle sue incaute parole. Lo stolto saggio troppo agilmente tende a scordare che in mano sua regge gran parte della responsabilità sulla persistenza di tutti voi: Lorenzi Ma. C'è poi il Lorenzo Ma che sta con il post lettore... [Ridicolizzando il ridondante nome identificativo] Ah...ah...ahah!! Niente più di una sanguisuga! Un Parassita! Il quale non ritiene di dovere alcun che a nessuno di

13 questa compagnia. Eppure, senza i suoi antenati temporali: cosa sarebbe lui? Con chi e con quali argomentazioni potrebbe intrattenere il destinatario nel futuro reale, senza l'operato dei suoi fallaci fratelli? Cari Amici e nemici, son poi veramente consapevole della mia essenza effimera e leggera come il vento, leggera ed ineffabile come le bianche nubi. Può forse il vento assumere forma propria? Può forse trovare se stesso il vento? Sa forse il vento della sua bellezza, della sua potenza o della sua intima dolcezza? Sa forse l'acqua delle cascate ridere e sorridere, correre e creare od ascoltare? Ditemi voi dotti: quando potrà inventare, suonare, parlare od assemblare con coscienza per inventare? [Pausa] Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, non sai donde viene e donde vada. [...] Cari, [Riprende mentre scansa il lucido nei suoi occhi] son consapevole, quasi con sacrale devozione e segreta comprensione, d'esser per voi solo un piccolo ingranaggio, solo uno scambio, solo una passaggio, solo un tramonto... Ma ecco: vi dono quel che ho e tutto quel che posso: Chi di voi, chi fra tutti voi saprebbe dar pace al mondo che qui avete visto sorgere? Chi di voi, dopo aver giocato per tutta la serata ad intrecciare le corde, delle quali ognuno reggeva un capo, saprebbe donare con spirito vuotato dell'esser proprio? Chi in propria coscienza e in pienezza di presenza reale avrebbe il coraggio di gettar se stesso al di là del muro lasciando il vuoto dietro a sé? Chi di voi avendo retto una corda, la stessa e medesima per tutto lo svilupparsi delle vicende sarebbe in grado di chiudere la trama per donare il tessuto?... Chi, avendo camminato per tutta la notte nel profondo buio, direbbe, d'aver sinceramente raggiunto la meta sospirata? Chi invece fallendo s'accascerà, ormai esanime, al mattino sulla sabbia di questo deserto? Chi di voi per evitare ciò riuscirebbe a rintracciare l'autentico destinatario, in modo da scongiurar che quanto tramato vada irrimediabilmente perduto? Chi di voi, chi fra tutti voi potrà rendere al forestiero ciò per il quale siete venuti a nascere tra queste pagine? [Si ode una lieve e silenziosa brezza] [Sipario] [Il teatro è vuoto, le luci soffuse... Restano in platea, davanti al palco solo i/le lettori/rici; orami son soli/e cosicché il... No...un, un momento vi sono...altri due... umm? Curioso...ma che? Ah... (I due fulminano con una gelida occhiata colui che di mestiere scrive nelle parentesi: Tacet!)] Lettori propriamente detti: [Con volti timorosi ed interrogativi, come di chi si sveglia dove non si è addormentato la sera prima] Beh?...? Il Lettore (mentre legge la prima volta, nel suo presente): Dove sono scomparsi tutti? [Un personaggio in abito scuro scuro visibilmente pesante, con indosso una simpatica bombetta ed un bastone da passeggio english-style avanza deciso con andatura leggera: sorride limpidamente soddisfatto. Lo riconoscono è Bettino...] Lorenzi Ma nelle veci di Lettori: Orsù...? Ce l'ho fatta? Bettino:Ma... non so...vedremo... [Lorenzo Ma in quanto lettore esce congedandosi da Bettino e lanciando un cenno agli altri lettori

14 che stizziti restano muti] Bettino: Bravi/e!!! Brillantissimi!! Eccezionali! Veramente E c c e z i o n a l i!!! Un'ottima performance, inebriante veramente! Ci rivedremo senza ipotesi di dubbio!! Replicheremo, replicheremo certamente!! [Saluta congedandosi da loro. Poi s'appresta verso il fondo della platea, da dove era entrato. A metà s'arresta, voltandosi] A Proposito... a nome di tutti loro: Ben... [Una voce fuori campo irrompe nel teatro, è la nonna di Bettino... (tra sé e sé: ma... non abitava solo da quando nacque la bella e fascinosa Gea? Bah... Io non comprendo...)] Germana: Bettino! Bettino vieni a casa! Non ho le chiavi! [Sipario] Arr...arrivo nonna...un moment... Mi spiace debbo andar... [Bettino Fugge] Lorenzo Ma (del 04/07/2012, ore 00:16): Che stanchezza... Non male però... Curioso! Ah... in anticipo... Addio caro Lettore Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah ahah... vaa beene ahahhh [Risata sardonica] [...] Lorenzo Ma (04/07; ore 00:17) >> Logout; IO SONO 'IO'; 'IO' LEGENS EST;

15 Impossibile completare l'operazione perché i file dell'applicazione lettore sono in condivisione; I file sono aperti nel teatro, chiudere teatro e riprovare; >> Close teatro ; Impossibile completare l'operazione perché il programma è in condivisione con una periferica esterna; Chiudere la periferica esterna o riavviare il sistema; >> System recovery; [La notte è umida, la pioggia, schernita dalle stelle, s'offende, precipita. La luce residua, in pacchettini si scinde e si cela nella pioggia che scende morente... Una zuppa di gente, bagnata vi attende... accendete la mente!! Il teatro s'accende... il transitorio si spegne... il moto riprende...] >> Enter... INTRODUZIONE Non so sinceramente se Tu, o lettore, potrai mai porre termine al ciclo di Errore così da giungere a queste parole introduttive... Magari... le potresti spostare all'inizio del ciclo... Bene, non mi dilungherò come la volta scorsa, ma ti lascerò delle brevi note ausiliarie alla lettura, sicché non potrai non apprezzare il mio sforzo di aiutarti nella lettura: 1) La lettura di questo oggetto (piccolo scritto) dovrà esser realizzata in maniera da ricreare con la mente le situazioni che si suggeriscono con le parole; si ricordi infatti che il linguaggio non è altro che un codice... un file compresso... Ora, una sequenza di simboli non sarà mai interessante a meno che, non vengano decifrati accuratamente, solo così con un poco di esercizio potrete udire quel che ho cercato di scrivere e di comporre. In caso contrario tutto ciò non sarà altro che carta per imbastir un caldo fuoco. Ovviamente, anche se riusciste a decifrare questo codice in modo da ottenere le melodia originale, non vi assicurerei la bellezza di codesta sinfonia, giacché troppi parametri rimarrebbero ancora variabili. Provate!! Magari riuscirete ad ascoltare meglio del compositore!! 2) Questo testo è stato tratto da uno precedentemente elaborato per altri fini e con altri significati; il vecchio manoscritto non fu mai divulgato o reso pubblico quindi risulta ad oggi di scarso interesse, visto anche il rinnovamento cui ho dato luogo in questa sede sia sul piano contenutistico sia per quel che concerne - almeno in parte - i fini. In particolare debbo sottolineare come sul primo piano (contenutistico) si sia accresciuta la gittata: abbiamo lanciato il sasso molto più lontano di quanto si era fatto nella precedente ed inedita versione, tanto che si vuole lasciare come sfida al lettore il calcolo della gittata finale (ammesso che il masso sia ricaduto sul piano). Perciò: Esercizio Assegnato il problema di sopra illustrato, si calcoli la gittata finale del corpo. Si risponda poi ai seguenti quesiti: Dove è caduto il sasso? Cosa ha provocato (deformazioni del terreno)? A quale distanza questo ha toccato terra? Che traiettoria ha seguito? Quant'è l'energia dissipata nell'impatto? Quanto vale l'impulso che è stato comunicato in fase di lancio? Sapresti descrivere il lanciatore. Come è stato realizzato il lanciatore? Fai una previsione: quando l'investimento effettuato sarà ripagato? Con affetto: BUON LAVORO! Lorenzo Ma...

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it L attore entra in silenzio. Mentre entra si allarga l occhio di bue. Una

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli