Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità"

Transcript

1 Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Anni

2 Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità INDICE 1 Nota Introduttiva Principi generali per la garanzia della trasparenza e dell integrità L Agenzia Spaziale Italiana: uno sguardo d insieme alla sua missione e al suo assetto organizzativo Risorse Umane Soggetti e Responsabilità La pubblicazione dei dati Il Manuale Operativo delle pubblicazioni sul sito istituzionale sezione Trasparenza Valutazione e Merito Modalità di pubblicazione Formato dei dati Posta Elettronica Certificata Procedimento di elaborazione e adozione del Programma Obiettivi strategici individuati dagli organi di vertice negli atti di indirizzo Collegamenti con il piano delle performance Uffici coinvolti per i contenuti del Programma Interazione con gli utenti e coinvolgimento degli stakeholder La comunicazione web e multimediale La web tv La Newsletter Le partnership editoriali Televideo Portale Distretto Virtuale per le imprese e la comunità scientifica La Giornata della Trasparenza I termini e le modalità di adozione del Programma da parte del vertice politicoamministrativo Le iniziative per la trasparenza e le iniziative per la legalità e la promozione della cultura dell integrità Formazione specifica Customer satisfaction Benessere organizzativo Monitoraggio del sito Ascolto degli stakeholder Sistema di gestione dei reclami per ritardi e inadempienze Sistema di monitoraggio interno dell attuazione del Programma Mappatura dei rischi

3 1 Nota Introduttiva Il presente documento aggiorna il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità anni adottato in data 28 gennaio 2011 dall Agenzia Spaziale Italiana. L aggiornamento del Programma Triennale, previsto dal comma 2 dell art. 11 del D. Lgs. 150/2009, e richiamato dalla Delibera n. 105/2010 della CiVIT al par , attraverso lo scorrimento negli anni consente di adeguare il medesimo alla propria realtà istituzionale e alle richieste di intervento avanzate dagli stakeholder. La predisposizione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità , con delibera del Consiglio di Amministrazione dell ASI, è stata attribuita al Direttore Generale; il Responsabile della Trasparenza e dell Integrità dell ASI, Ing. Bruno Tribioli, è competente per la sua formazione, sovraintende l adozione e l attuazione. L approvazione è a cura dell organo di indirizzo politico. L aggiornamento del Programma tiene innanzitutto conto degli spunti di miglioramento evidenziati dal monitoraggio condotta dalla CiVIT sui programmi Triennali per la Trasparenza e l Integrità 1, ed in modo particolare dalla valutazione fatta, nell ottobre 2011, nei confronti del Programma Triennale dell Agenzia Spaziale Italiana 2. Ai fini di una migliore comprensione dell impostazione dell aggiornamento del Programma, si elencano i punti di miglioramento evidenziati dalla Commissione: indicare l apporto ed il coinvolgimento dei diversi uffici nella redazione del Programma con particolare riferimento all individuazione delle strutture responsabili all attuazione del Programma. Prevedere la pubblicazione dell elenco dei servizi resi e dei procedimenti trattati dall Agenzia. Sviluppare maggiormente le iniziative dedicate alla trasparenza anche in relazione alle risorse dedicate e ai tempi di attuazione. Elaborare la mappatura dei rischi. Illustrare gli obiettivi, gli indicatori e i target presenti nel Piano delle Performance in ambito di trasparenza. Approfondire le attività dirette alla promozione della cultura della legalità e a favore della integrità. Sviluppare un più efficace sistema di monitoraggio. I punti di forza evidenziati dal CiVIT riguardano principalmente: la costruzione del documento secondo lo schema proposto dalla stessa CiVIT, la comprensibilità e la chiarezza del programma, la buona previsione dell interazione con i cittadini attraverso diverse modalità di partecipazione attiva, la chiarezza del prospetto riepilogativo dei dati previste per la pubblicazione, lo stato delle azioni previste per la gestione della PEC, l individuazione del Responsabile della Trasparenza. 1 Vedi rapporto pubblicato 2 3

4 Per l aggiornamento del Programma Triennale si segnala che l Agenzia, oltre alla consolidata normativa di riferimento, già presa in esame al momento della redazione del Programma , ha tenuto conto: delle linee guida dei siti WEB della PA anno 2011, del D. Lgs. 235/2010 (il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale) entrato in vigore il 25/01/ Principi generali per la garanzia della trasparenza e dell integrità L aggiornamento al Programma Triennale presenta in maniera più compiuta, anche in virtù dell esperienza maturata, i seguenti principi e indirizzi generali: individuazione delle specifiche responsabilità riguardanti la tenuta, l aggiornamento e la verifica dei contenuti e della sezione dedicata alla trasparenza del sito istituzionale, verifica delle informazioni minime e delle tipologie di atti da pubblicare, secondo gli obblighi normativi vigenti e le determinazioni dell Ente, individuazione delle tipologie di informazioni, oltre ai contenuti minimi, da pubblicare, previsione di politiche di garanzia dell aggiornamento continuo delle informazioni pubblicate, individuazione degli scopi e degli obiettivi del sito al fine di determinare le tipologie di atti, documenti e dati da pubblicare, razionalizzazione dei contenuti del sito istituzionale, mediante l ascolto degli utenti, anche attraverso questionari di customer satisfaction, previsione di diverse modalità di interazione con gli utenti, anche mediante strumenti di social network, previsione di un piano formativo rivolto al personale dell Agenzia in materia di trasparenza e diffusione della cultura dell integrità. 3 L Agenzia Spaziale Italiana: uno sguardo d insieme alla sua missione e al suo assetto organizzativo In quest ambito è utile ricordare la missione dell Ente attraverso un estratto dello Statuto deliberato dall Agenzia il 28/02/2011, entrato in vigore il 1 maggio L'ASI è l'ente pubblico nazionale, assimilato agli enti di ricerca, avente il compito di promuovere, sviluppare e diffondere, con il ruolo di agenzia, la ricerca scientifica e tecnologica applicata al campo spaziale e aerospaziale e lo sviluppo di servizi innovativi, perseguendo obiettivi di eccellenza, coordinando e gestendo i progetti nazionali e la partecipazione italiana a progetti europei ed internazionali, nel quadro del coordinamento delle relazioni internazionali assicurato dal Ministero degli Affari Esteri, avendo attenzione al mantenimento della competitività del comparto industriale italiano. L'Agenzia, nel rispetto dell'art. 33, sesto comma, della Costituzione, è dotata di autonomia statutaria, scientifica, organizzativa, amministrativa, finanziaria, patrimoniale e contabile, ed è sottoposta alla vigilanza del Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. L'Agenzia esplica funzioni di rilevante interesse sociale ed economico e, conseguentemente, nell'attuazione dei suoi compiti favorisce forme di sinergia tra gli enti di ricerca, le amministrazioni pubbliche, le strutture universitarie ed il mondo dell'impresa, assumendo modelli organizzativi tendenti alla valorizzazione, partecipazione e rappresentanza dell'intera comunità scientifica nazionale di riferimento, con particolare attenzione ai principi della Carta europea dei ricercatori. 4

5 L assetto macro-organizzativo dell Agenzia, che non ha subito modifiche nel corso del 2011, si propone di ottimizzare l'efficienza, l'efficacia e l'economicità di gestione dell'ente e si ispira a i seguenti principi: distinzione tra sfera strategica e sfera operativa; ottimizzazione della cooperazione interfunzionale; massima valorizzazione delle esperienze e delle risorse presenti in Agenzia; aggregazione per aree omogenee relativamente alle responsabilità tecniche, amministrative e organizzative; gestione orientata sia al contenimento dei costi interni sia al reperimento di risorse finanziarie aggiuntive. La sfera strategica, che opera con riferimento alle attività di indirizzo, si avvale di una segreteria e delle Unità Organizzative di staff (Rapporti istituzionali, Supporto organi e aspetti societari, Rapporti nazionali e internazionali, Relazioni esterne, Sicurezza). La sfera operativa, al cui vertice è posta la Direzione Generale, si avvale di una segreteria, delle Unità Organizzative di staff e delle Direzioni tecniche e amministrative (Ufficio Relazioni con il Pubblico, Prevenzione e protezione, Coordinamento amministrativo, Legale e contenzioso, Pianificazione investimenti e finanza, Gestione basi, COSMO-SkyMed, Direzione Tecnica, Direzione Amministrazione, Direzione Organizzazione). L agenzia è dotata di un Regolamento di Organizzazione e Funzionamento e di un regolamento di Amministrazione, Contabilità e Finanza Entrambe i documenti, ai sensi dell art. 16 dello Statuto ASI, saranno sostituiti dal Regolamento di Amministrazione, dal Regolamento di Finanza e Contabilità e dal Regolamento del Personale; quest ultimo tratterà delle procedure di reclutamento del personale, attualmente oggetto di apposita disciplina. 3.1 Risorse Umane Allo scopo di fornire alcuni dati numerici sulla struttura e le attività dell ASI, si riporta la consistenza delle risorse umane dell Agenzia, ripartita per i profili professionali del CCNL dell ASI. La ripartizione delle risorse è effettuata inoltre in base alla tipologia del rapporto con l Amministrazione e per genere; vengono forniti inoltre i dati della dotazione organica. I dati sono aggiornati al gennaio 2012 Per ogni ulteriore dato relativo all analisi dei dati del personale relativo a caratteri qualitativi / quantitativi benessere organizzativo genere si rimanda all appendice, par. 8 (Analisi quali-quantitativa risorse umane) del Piano delle Performance

6 Consistenza Organico Gennaio 2012 Dotazione Organica Consistenza per genere Profilo Livello TI TD Comando/ Distacco Totali Livello e Profilo Uomini Donne Dirigente I Dirigente II totale profilo Dirigente di Ricerca I Primo Ricercatore II Ricercatore III totale profilo Dirigente Tecnologo I Primo Tecnologo II Tecnologo III totale profilo Funzionario IV Amministrazione V totale profilo Coll. Tecnico Enti IV di Ricerca V VI totale profilo Collaboratore di V Amministrazione VI VII totale profilo VI Operatore Tecnico VII VIII totale profilo Operatore VII Amministrazione VIII totale profilo Ausiliario Tecnico VIII totale profilo Totali Soggetti e Responsabilità Alla definizione, adozione e attuazione del Programma e ai suoi aggiornamenti intervengono: il Consiglio di Amministrazione, il Direttore Generale, il Responsabile per la trasparenza e l integrità, 6

7 il Team trasparenza e integrità, i Responsabili delle unità organizzative coinvolte, gli Stakeholder, l Organismo Indipendente di Valutazione. Il Consiglio di Amministrazione: emana le direttive generali contenenti gli indirizzi strategici che il Direttore Generale deve seguire nella predisposizione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità e degli eventuali aggiornamenti dello stesso; 3 delibera, entro il 31 Gennaio di ogni anno, l approvazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità. 4 Il Direttore Generale: predispone il Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità e gli aggiornamenti dello stesso; nomina il Responsabile per la trasparenza e l integrità dell Agenzia. Il Responsabile per la trasparenza e l integrità: è responsabile del processo di formazione, adozione e attuazione del Programma Triennale; è responsabile del monitoraggio sull attuazione del Programma, riferendo agli organi di indirizzo politico-amministrativo, al Direttore Generale e all OIV eventuali inadempimenti o ritardi; sovraintende alla corretta realizzazione delle singole iniziative indicate nel Programma Triennale, volte a garantire un adeguato livello di trasparenza, nonché la legalità e lo sviluppo della cultura dell integrità; è responsabile del procedimento di pubblicazione dei contenuti della sezione Trasparenza, Valutazione e Merito del sito istituzionale dell Agenzia; nomina i componenti del Team trasparenza e integrità. Il Team per la trasparenza e l integrità: coordinato dal Responsabile della trasparenza e dell integrità, si occupa dell attuazione, dell integrazione e aggiornamento del Programma Triennale e della realizzazione delle azioni programmatiche in esso contenute, svolgendo, unitamente al Responsabile, anche attività di monitoraggio; cura i rapporti con le unità organizzative coinvolte nell attuazione del Programma; analizza e individua eventuali zone di rischio nell attuazione del programma. I Responsabili delle unità organizzative coinvolte: sono responsabili della raccolta ed elaborazione dei dati di loro pertinenza; sono responsabili dell attuazione del Programma Triennale per la parte di loro competenza; collaborano per la realizzazione delle iniziative volte, nel loro complesso, a garantire un adeguato livello di trasparenza, nonché la legalità e lo sviluppo della cultura dell integrità Le Unità Organizzative prioritariamente coinvolte nel processo sono: Ufficio Relazioni con il Pubblico (afferenza Direzione Generale), 3 Art. 7, lett. o) dello Statuto 4 Art. 7, lett. q) dello Statuto 7

8 Coordinamento Amministrativo (afferenza Direzione Generale), Pianificazione, Investimenti e Finanza (afferenza Direzione Generale), Gestione Risorse Umane (afferenza Direzione Organizzazione), Documentazione (afferenza Direzione Organizzazione), Contratti (afferenza Direzione Amministrazione), Contabilità e Bilancio (afferenza Direzione Amministrazione), Controllo di Gestione (afferenza Direzione Amministrazione). Gli Stakeholder: contribuiscono al processo di formazione e valutazione del Programma, formulando suggerimenti e proposte. Sono stakeholder di riferimento dell ASI: l industria e le medie e piccole imprese del settore aerospaziale, le piccole e medie imprese ad alto contenuto tecnologico, la comunità scientifica, il mondo universitario e della ricerca, i cittadini, le associazioni di consumatori, i dipendenti dell Agenzia. L Organismo Indipendente di Valutazione: esercita in piena autonomia le attività di controllo sulla corretta applicazione delle linee guida, sulle metodologie e sugli strumenti indicati dal Programma. Di seguito, attraverso la rappresentazione della macro-organizzazione dell Agenzia, sono evidenziati i soggetti istituzionali e le Unità prioritariamente coinvolte nel processo teso a garantire un adeguato livello di trasparenza e integrità. Consiglio di Amministrazione Presidente Organismo Indipendente di valutazione Area strategica Unità di staff Responsabile Trasparenza e Integrità Area gestionale Altre unità di staff Direttore Generale URP Coordinamento amministrativo Pianificazione, Investimenti e Finanza Unità / Dir. Tecniche Direzione amministrazione Direzione organizzazione Contratti Contabilità e Bilancio Controllo di Gestione Risorse Umane Documentazione 8

9 4 La pubblicazione dei dati I dati soggetti a pubblicazione sono strutturati conformemente alla configurazione dell allegato 1 della delibera della CiVIT n. 2/2011 e sono pubblicati con riguardo alla normativa di seguito elencata: D.Lgs n. 150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni D.Lgs n. 82, Codice dell'amministrazione digitale D.Lgs n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali D.Lgs n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture D. Lgs. 31/05/2011 n. 91 Disposizioni recanti attuazione dell'articolo 2 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, in materia di adeguamento ed armonizzazione dei sistemi contabili D. L. 13/05/2011 n. 70 Semestre Europeo Prime disposizioni urgenti per l economia L n. 69 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile D.P.R n. 108 Regolamento recante disciplina per l'istituzione, l'organizzazione ed il funzionamento del ruolo dei dirigenti presso le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo D.P.R n. 3 Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato D.Lgs n. 165 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche D.P.R n. 118 Regolamento recante norme per la semplificazione del procedimento per la disciplina degli albi dei beneficiari di provvidenze di natura economica La pubblicazione dei dati tiene, inoltre, conto delle prescrizioni contenute nelle Linee guida in materia di trattamento dei dati personali contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato da soggetti pubblici per finalità di pubblicazione e diffusione sul web di cui alla deliberazione del il 2 marzo 2011 (provvedimento n. 88) del Garante per la protezione dei dati personali. Appare utile in questo contesto riportare la definizione di Trasparenza, di Pubblicità e di Consultabilità riportata sulla deliberazione citata. Trasparenza La disponibilità sui siti istituzionali delle amministrazioni di atti e documenti amministrativi, contenenti dati personali, per finalità di trasparenza è volta a garantire una conoscenza generalizzata delle informazioni concernenti aspetti dell'organizzazione dell'amministrazione al fine di assicurare un ampio controllo sulle capacità delle pubbliche amministrazioni di raggiungere gli obiettivi, nonché sulle modalità adottate per la valutazione del lavoro svolto dai dipendenti pubblici. Pubblicità La disponibilità on line per finalità di pubblicità è volta a far conoscere l'azione amministrativa in relazione al rispetto dei principi di legittimità e correttezza, nonché a garantire che gli atti amministrativi producano effetti legali al fine di favorire eventuali comportamenti conseguenti da parte degli interessati. Tale pubblicità può configurarsi anche come uno strumento della trasparenza poiché funzionale a rendere conoscibile l'attività delle pubbliche amministrazioni. Consultabilità La disponibilità sui siti istituzionali delle amministrazioni di atti e documenti amministrativi per finalità di consultabilità è volta a consentire la messa a disposizione degli stessi solo a soggetti determinati anche per 9

10 4.1 Il Manuale Operativo delle pubblicazioni sul sito istituzionale - sezione Trasparenza Valutazione e Merito La struttura dei dati da pubblicare è articolata nelle macro-categorie proposte dalla CiVIT con relativi contenuti specifici. Nelle diverse macro-categorie sono inseriti, inoltre, i contenuti specifici non direttamente collegati alla normativa di riferimento citata, che l Agenzia, tuttavia, ritiene utile pubblicare in relazione al concetto di accessibilità totale. La struttura dei dati inseriti nel Manuale Operativo risulta, quindi, essere così articolata: Trasparenza e Integrità, Piano della performance e Relazione sulla performance dell Ente, Dati informativi sull organizzazione e i procedimenti, Dati informativi relativi al personale, Dati relativi a incarichi e consulenze, Dati sui servizi erogati, Dati sulla gestione economico-finanziaria dei servizi pubblici, Dati sulla gestione dei pagamenti, Dati relativi alle buone prassi, Dati su sovvenzioni, contributi, crediti, sussidi e benefici di natura economica, Dati sul public procurement. I dati che l Agenzia pubblica (o di cui programma la pubblicazione) sono riepilogati nell allegato Manuale Operativo delle pubblicazioni sul sito istituzionale - sez. Trasparenza Valutazione e Merito; il manuale è organizzato in forma tabellare per consentirne una lettura d insieme più agevole e immediata. Il Manuale Operativo, nuovo strumento di cui si è dotata l amministrazione, è il risultato della collaborazione di tutti i soggetti/unità (intesi come responsabili e collaboratori) coinvolti prioritariamente nel processo inerente la trasparenza e l integrità. Il Manuale Operativo individua per ciascuna categoria di dati e relativo contenuto specifico: il riferimento normativo, le Unità / soggetti responsabili della raccolta, elaborazione e controllo periodico dei dati, la validità 5 dei dati pubblicati, la periodicità dell aggiornamento e del controllo periodico che assicuri l attualità dei dati, reperibilità nel sito istituzionale, la pubblicazione (riferita alla data di emissione del presente documento), ovvero data di presunta pubblicazione. I dati di effettiva pubblicazione, scostamento rispetto alla iniziale pianificazione sono ricavabili dal semestrale Stato di attuazione del Programma Triennale. In relazione alle categorie di dati da pubblicare, l Agenzia si riserva l analisi continua di altre eventuali pubblicazioni da considerare utili ai fini della conoscenza delle proprie attività istituzionali ed il suo funzionamento; in questo contesto si inserisce la possibilità di integrare, laddove fosse ritenuto necessario e in qualsiasi momento, il Manuale Operativo, con le stesse modalità di coinvolgimento dei soggetti adottate per la prima pubblicazione. 5 Tipologie di validità dal documento Linee Guida per i siti web della PA 2011 : Permanente contenuto di per sé non soggetto a obsolescenza, che può essere modificato ed integrato ma non perde mai di significatività (es. Missione dell Ente) Collegata contenuto collegato ad un evento che ne determina la necessità di aggiornamento (es. Organigramma) A termine contenuto con scadenza, collocato in un archivio accessibile dal sito istituzionale dopo aver svolto la propria funzione informativa (stato di attuazione del PTT semestrale) 10

11 Ogni ulteriore pubblicazione di dati, non direttamente prevista dalla normativa vigente, è valutata in relazione alle finalità perseguite nel rispetto dei principi di necessità, proporzionalità e pertinenza dei dati. 4.2 Modalità di pubblicazione Al momento della redazione del presente Programma è in via di completamento il collaudo del nuovo sito istituzionale dell Agenzia dalla cui homepage sarà accessibile, mediante apposito bottone, la sezione denominata Trasparenza, Valutazione e Merito ; la sezione è strutturata coerentemente al modello proposto dalla CiVIT nella delibera n. 105/2010. Per ciascun dato non ancora pubblicato è riportata la data prevista di pubblicazione; gli interventi di aggiornamento della sezione sono notificati con RSS (Really Simple Syndication). Tutti i dati pubblicati riportano la data di ultima revisione e l elenco dello storico dei documenti analoghi pubblicati, mentre il contenuto informativo è corredato dalla storia delle revisioni che contiene le caratteristiche di ogni revisione. La responsabilità del processo di pubblicazione dei dati inseriti nella sezione Trasparenza, Valutazione e Merito è del Responsabile della Trasparenza e dell Integrità. I dati sono raccolti ed elaborati con la periodicità indicata nel Manuale Operativo dalle Unità responsabili dei dati medesimi, e trasmessi in formato digitale al Responsabile della Trasparenza e l Integrità. La pubblicazione dei dati nella sezione dedicata è a cura dell Unità URP; la pubblicazione dei dati avviene nei tempi tecnici necessari in relazione alla complessità dell intervento richiesto. I dati pubblicati sono corredati dalla data di aggiornamento o verifica; la verifica dei dati pubblicati è demandata all Unità preposta alla raccolta e all elaborazione dei dati stessi. La permanenza dei dati pubblicati sul sito istituzionale è strettamente collegata alle esigenze di trasparenza, pubblicità e consultabilità; i dati pubblicati sul sito istituzionale dell Agenzia una volta assolta la loro funzione di trasparenza / pubblicità / consultazione, laddove debbano soddisfare una esigenza di carattere storico-cronologico saranno mantenuti in disponibilità, laddove abbiano completamente esaurito la loro funzione saranno rimossi. 4.3 Formato dei dati L Agenzia nella scelta dei formati da usare per la diffusione e archiviazione dei propri dati e documenti si attiene ai seguenti principi: evitare di imporre vincoli tecnologici ed economici agli utenti, assicurare interoperabilità tra i sistemi e flessibilità nell utilizzo dei dati, evitare vincoli nei confronti di particolari produttori, favorendo concorrenza di mercato, utilizzare standard che siano certificati e diffusi. Pertanto la scelta sul formato da utilizzare ricade sul formato aperto che ha il vantaggio di poter essere gestito da software proprietario, open source o software libero, lasciando quindi all utente la possibilità di utilizzare la piattaforma che preferisce. Prioritariamente i dati sono pubblicati in formato PDF. 4.4 Posta Elettronica Certificata L istituzione della PEC ha il suo fondamento normativo nelle disposizioni adottate progressivamente dal legislatore con l introduzione del Codice dell amministrazione digitale. La PEC costituisce un elemento chiave per il flusso documentale tra l amministrazione, le imprese 11

12 e i cittadini; in quest ottica consente, oltre allo scambio di documenti con valore legale, di ottimizzare le risorse economiche a disposizione. L Amministrazione ha istituito le seguenti caselle di Posta Elettronica Certificata: una casella istituzionale una casella per informazioni e/o notizie 36 caselle per ciascuna delle Unità/uffici previsti dalla macro-organizzazione dell Agenzia, pubblicate sul sito Sul sito istituzionale è presente anche una casella di posta elettronica non certificata. 5 Procedimento di elaborazione e adozione del Programma 5.1 Obiettivi strategici individuati dagli organi di vertice negli atti di indirizzo Gli obiettivi strategici assunti come riferimento principale per la redazione del Programma Triennale sono contenuti negli atti normativi e strategici dell Agenzia, con particolare riferimento allo Statuto dell Ente e al Piano Triennale delle Attività I filoni prioritari sono così sintetizzati: massima diffusione delle attività istituzionali dell ASI, visibilità del sostegno alla comunità scientifiche e produttiva, divulgazione della cultura aerospaziale con particolare attenzione nei confronti delle nuove generazioni, massimo coinvolgimento stakeholder esterni. Nella fattispecie le linee strategiche per la redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità per gli anni sono state così identificate dal Consiglio di Amministrazione: assicurare il superamento della logica dell adempimento normativo a favore dell autonoma iniziativa dell amministrazione, con elaborazione ed attuazione delle iniziative volte a favorire la cultura dell integrità e la promozione della legalità nonché delle Giornate della trasparenza e l implementazione e l attuazione dei sistemi di monitoraggio sull attuazione dei Programmi; favorire un sempre più ampio coinvolgimento degli stakeholder, interni ed esterni, nelle varie fasi del ciclo della performance, garantendo la massima trasparenza del ciclo di gestione della performance, rendendo accessibile a tutti gli stakeholder interni ed esterni di riferimento i relativi documenti, che dovranno inoltre essere redatti con linguaggio e formattazione del documento a carattere divulgativo rispetto alle parti di maggior dettaglio. 5.2 Collegamenti con il piano delle performance I collegamenti tra il Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità con il Piano delle Performance sono diversi. Il collegamento sotto il profilo statico è dato dalla regolare e sempre più diffusa pubblicazione sul sito istituzionale dei dati, obbligatori e non, relativi all Agenzia. Il Manuale Operativo descritto al par. 4.1 rappresenta il collegamento diretto con Piano, dal momento che indentifica per ciascun dato da pubblicare l Unità responsabile della raccolta ed elaborazione dei dati, del loro aggiornamento, e della loro verifica. La performance dei soggetti individuati nel Manuale Operativo sarà valutata anche sulla base del regolare adempimento di quanto prescritto. 12

13 Le informazioni riguardanti la performance costituiscono, invece, il profilo dinamico del processo di trasparenza; in questo contesto risulta decisiva la pubblicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance, la performance attesa e quella realizzata che sono rese accessibili sul sito istituzionale. La pubblicazione della Relazione sulla Performance traccerà gli obiettivi ottenuti e consentirà di verificarne il loro raggiungimento rispetto agli obiettivi prefissati. Alla relazione sulla Performance sarà dedicato il massimo spazio informativo verso tutti gli stakeholder dell Ente, sia all interno dell Agenzia, sia all esterno, con la pubblicazione dei documenti, le attività formative, la giornata della trasparenza. Di seguito viene rappresentato il modello logico di collegamento tra i documenti previsti dalla normativa di riferimento. 5.3 Uffici coinvolti per i contenuti del Programma L individuazione dei contenuti del Programma è stata realizzata mediante incontri ad hoc coordinati dal Responsabile per la trasparenza e l integrità. All individuazione e condivisione dei contenuti del documento è stata conferita la massima attenzione. 13

14 Le Unità coinvolte hanno potuto, non solo valutate i tempi necessari all applicazione puntuale delle normativa in materia di trasparenza e integrità, ma hanno contribuito in modo determinante con iniziative volte ad ampliare il ventaglio delle attività; le idee e le iniziative programmate per il triennio sono pertanto il risultato dell attivo contributo di tutte le unita organizzative e i soggetti coinvolti nel processo, con particolare attenzione ai soggetti identificati nel paragrafo 3.2 (Soggetti e Responsabilità) del documento. La redazione finale del documento con i contribuiti di tutte le Unità / soggetti è stato ulteriormente coordinamento e raffinato nel corso di un incontro plenario convocato dal Direttore Generale dell ASI. 5.4 Interazione con gli utenti e coinvolgimento degli stakeholder L'ASI svolge, secondo quanto previsto dalla normativa vigente e secondo il nuovo Statuto dell'ente, un ruolo fondamentale di soggetto rappresentativo dell'intero settore aerospaziale. Questo a conferma dei dati emersi da un sondaggio della DOXA commissionato nel 2007 dall Agenzia e rivolto agli stakeholder esterni: istituti di ricerca, università, PMI, media, cittadini. In modo particolare l analisi delle interviste ai cittadini aveva evidenziato fiducia nei confronti delle attività di ricerca nell ambito dello Spazio, i cui esiti si ritiene producano effetti positivi sia nella vita quotidiana, sia per il Paese stesso. L Ente ha costruito nel corso degli anni una fitta rete di modalità di interazione e comunicazione con gli stakeholder esterni, utilizzando le potenzialità degli strumenti esistenti e di quelli sopravvenuti. I principali filoni di comunicazione e interazione con gli utenti sono rappresentati da: La comunicazione web e multimediale La web tv La Newsletter Le Partnership editoriali Il Televideo Il Distretto Virtuale Le Giornate della Trasparenza 14

15 5.4.1 La comunicazione web e multimediale La comunicazione web e multimediale, destinata ad un pubblico variegato, rappresenta la prima interfaccia dell Ente verso l esterno. Il sito internet è stato sviluppato come un progetto articolato, che si propone non solo come contenitore delle attività e dei programmi dell Ente, ma anche come canale diretto con i media, la comunità scientifica di riferimento ed il cittadino. Attraverso una sezione giornalistica di news, continuamente aggiornate, fornisce un quadro esauriente sulle attività spaziali ed è in grado di comunicare con ampie fasce di pubblico. Inoltre, sono presenti sul sito approfondimenti e canali tematici, quali il Telegiornale Scientifico, le trasmissioni radiofoniche, un collegamento con le pagine dedicate all ASI su Youtube, Facebook e Twitter. In modo particolare il Canale YouTube (ad aggiornamento continuo) consente la diffusione di filmati e audio-interviste sulle missioni di cui è protagonista l'asi. L ASI renderà disponibile a breve termine la versione del sito internet per Ipod, Ipad e SmartPhone. Tutte le modalità descritte hanno consentito una intensa interazione con gli stakeholder che hanno potuto comunicare con l Agenzia riguardo la sua attività istituzionale. I dati che sono stati elaborati dimostrano come tale strumento rappresenti il punto nevralgico dell attività di comunicazione e di interazione con l utenza esterna. Il sito internet ha raggiunto la media di utenti unici con punte di in occasione dei lanci di satelliti spaziali. Facebook, il social network oggi più utilizzato nel mondo, ha diverse centinaia di iscritti. Attraverso il canale Youtube negli ultimi mesi sono stati visualizzati circa video realizzati da ASI. Twitter è stato attivato in occasione della missione dell astronauta italiano Vittori sulla Stazione Spaziale Internazionale, con ottimi riscontri. La competenza per lo sviluppo e la gestione del sistema è affidata all unità URP La web tv La web tv (ad aggiornamento continuo) per la divulgazione delle attività istituzionali dell Agenzia Spaziale Italiana e la diffusione della cultura aerospaziale, si affianca al sito, come strumento innovativo di comunicazione, con l obiettivo di facilitare l incontro tra i cittadini di ogni fascia di età e le tematiche spaziali. E stato realizzato un palinsesto televisivo settimanale dedicato alle missioni spaziali e alle loro ricadute nel quotidiano, con interviste, speciali, documentari e coinvolgendo direttamente gli utenti nella realizzazione di alcuni programmi. ASItv, la web tv dell ASI attivata a metà luglio in occasione del Farnborough Air Show ha raggiunto in soli 5 mesi visitatori e contatti unici. La competenza per lo sviluppo e la gestione del sistema è affidata all unità URP. 15

16 5.4.3 La Newsletter La Newsletter (a cadenza trimestrale) inoltrata a tutte le agenzia di stampa italiane è dedicata ad un pubblico che ha maggiore confidenza con le tematiche spaziali che necessita di un approfondimento delle varie iniziative proposte. La competenza per lo sviluppo e la gestione del sistema è affidata all unità URP Le partnership editoriali Le partnership editoriali sono uno strumento fondamentale di comunicazione delle attività dell Ente, perché consentono di raggiungere un larghissimo numero di utenti, attraverso strumenti già a loro noti e quindi facilmente fruibili sia nel mondo radio-televisivo che quello della carta stampata. Nel corso degli anni sono state attivate numerose iniziative editoriali, di grande successo, che si intende rinnovare. Tra le più rappresentative dell intesa attività si ricordano le partnership: con l agenzia ANSA (la principale agenzia di stampa del Paese e la quinta al mondo) con la quale è stato realizzato un notiziario online, Ansa Scienza, dedicato alla scienza e alla tecnologia, accessibile in una sezione dal suo nuovo sito Web; con l agenzia Dire con la quale si è attivato un magazine settimanale dedicato alla ricerca in generale e allo spazio in particolare; con l ADN Kronos con la quale si è attivata una partnership radiofonica sulle radio locali, tramite il circuito radiofonico AREA; con LA STAMPA.it, con la quale si è attivata una partnership che consente all Agenzia di essere giornalmente nel canale scienza di uno dei più visitati giornali on line, con un minisito dedicato ad ASI, in cui è presente una sezione multimediale che punta agli strumenti ASI di comunicazione primaria, il sito internet e la webtv; con le riviste Flight International e Aviation Week, le maggiori nell ambito aerospazio, che consentono la diffusione dei programmi dell Agenzia ad un audience internazionale. Tra le più significative iniziative da realizzare nel breve-medio periodo, si cita la partnership con Discovery Chanell e National Geographic, per sviluppare progetti congiunti di comunicazione delle attività spaziali sui loro canali e la realizzazione di una collana di libri ASI che possa approfondire i rapporti e le sinergie tra spazio e altri campi scienza e della tecnologia. La competenza per lo sviluppo e la gestione del sistema è affidata all unità URP Televideo Il Televideo della RAI si è dimostrato uno strumento utile per dare una immediata visibilità all Ente verso il grande pubblico. Il sito web del televideo è ad oggi il più frequentato di tutti i siti RAI. Sei sono le pagine dedicate all ASI sul Televideo. La competenza per lo sviluppo e la gestione del sistema è affidata all unità URP Portale Distretto Virtuale per le imprese e la comunità scientifica Il database, nato da un progetto finanziato dal Ministero dell istruzione dell Università e della Ricerca Scientifica, è una Directory dedicata esclusivamente ai soggetti operanti in Italia nel settore spaziale, alimentata e aggiornata dagli stessi. 16

17 Il portale è una risorsa informativa innovativa in quanto offre un interfaccia web a tutti gli attori del settore (imprese, Enti pubblici, Associazioni imprenditoriali, Regioni, Università, ecc.) per interagire con propri contributi. Ciò permette innanzitutto di mappare tutte le specificità e le vocazioni espresse dal territorio e di promuoverne la valorizzazione in modo sinergico e interattivo. Il portale si articola in 3 strumenti. Il principale è il data base delle imprese e della comunità scientifica (già data base pilota). Al database si collegano una piattaforma di workflow documentale (Content manager Alfresco) e il comunicatore spaceproducts (applicazione Mailman), utilizzabile da tutti i soggetti registrati per inviare messaggi alla Comunità. Il Portale Distretto Virtuale consente a tutte le realtà a carattere commerciale di registrarsi. Gradualmente il database diventerà anche un "albo" obbligatorio per i contratti con ASI. L'iscrizione al database comporta il rilascio di credenziali per la gestione della propria scheda, e dà diritto automaticamente all'uso anche degli altri tools del portale. Il database offre, innanzitutto, a chiunque (vedi utenti non registrati sul Portale), l'anagrafica e le info di base sui soggetti registrati, sia di tipo tecnologico che commerciale. Utili ricerche selettive possono essere fatte per tipo di azienda, regione di residenza, area di competenza, ecc. Oltre a questa informativa diretta a carattere generale, il database genera flussi informativi specifici sia interni ad ASI che esterni, in primis indicatori periodici dei trends di comparto e liste di prototipi e prodotti in via di sviluppo tecnologico, aperti alla cooperazione e al cofinanziamento. Il Portale è raggiungibile al link https://distvir.asi.it/dv/home.html. La competenza per lo sviluppo e la gestione del sistema è affidata all Ufficio Finanza Integrativa costituito nell ambito dell Unità Pianificazione, Investimenti e Finanza La Giornata della Trasparenza La Giornata della Trasparenza rappresenta, innanzitutto, un occasione di confronto e di ascolto degli stakeholder, finalizzata alla promozione e valorizzazione della trasparenza nella pubblica amministrazione; essa costituisce un momento di incontro reale tra l Amministrazione e gli stakeholder. L ASI cadenzerà la giornata della trasparenza annualmente, fissandone lo svolgimento nella seconda metà dell anno; in questo modo sarà possibile presentare agli stakeholder i risultati della performance dell Agenzia dell anno precedente, e approfondire le esigenze provenienti dall esterno in tema di trasparenza e integrità. Ogni evento organizzato fornirà l occasione di raccogliere, mediante questionari, opinioni e suggerimenti sulla dimensione della trasparenza e dell efficacia delle iniziative in tema di sviluppo della cultura dell integrità. 17

18 Modalità di attuazione Tempi di attuazione Strutture competenti Risorse dedicate Strumenti di verifica dell efficacia Organizzazione e svolgimento dell annuale giornata della trasparenza 6 Seconda metà dell anno Responsabile trasparenza e integrità, Direzione Generale Team trasparenza e integrità, Unità organizzative maggiormente coinvolte Organismo Indipendente di Valutazione Questionari destinati all utenza (interna ed esterna) intervenuta L ASI intende inoltre valutare la possibilità di organizzare, nel corso del triennio di riferimento, giornate della trasparenza su temi specifici indirizzate a singole tipologie di stakeholder (quali, ad esempio, la diffusione della cultura aerospaziale indirizzata agli utenti in età scolare). L impegno dell Ente riguarderà anche la condivisione con le altre pubbliche amministrazioni (principalmente del comparto ricerca) dell esperienza delle Giornate della Trasparenza, per ottimizzare e mettere a frutto le buone prassi maturate. 5.5 I termini e le modalità di adozione del Programma da parte del vertice politico-amministrativo Lo statuto dell Agenzia Spaziale Italiana stabilisce, all art.7, che sia il Consiglio di Amministrazione competente per l approvazione sia del Piano Triennale della Performance, sia del Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità, nonché degli aggiornamenti degli stessi. La predisposizione di detti documenti è a cura del Direttore Generale. I contenuti del Programma Triennale sono stati individuati dal Responsabile della Trasparenza e Integrità. 6 Le iniziative per la trasparenza e le iniziative per la legalità e la promozione della cultura dell integrità Le iniziative per la trasparenza e la promozione della cultura dell integrità, che rivestono un ruolo fondamentale nell architettura dell intero sistema; la loro articolazione è visibile nella tabella a seguire. Le iniziative sono rivolte sia agli stakeholder, sia ai dipendenti in qualità di prima artefici di una corretta ed efficace azione amministrativa. Per la Giornata della Trasparenza vedi par Obiettivo inserito nel Piano della Performance, Unità Pianificazione Investimenti e Finanza 18

19 Iniziativa Descrizione Destinatari Stakeholder Dipendenti esterni Giornata della trasparenza Ѵ Ѵ Formazione specifica Ѵ Questionari di Customer satisfaction Ѵ Miglioramento Benessere Organizzativo Ѵ Monitoraggio del sito Ѵ Ѵ Utilizzo delle RSS per gli aggiornamenti alla sezione Trasparenza, Valutazione e Ѵ Ѵ Merito Mailing list per le iniziative in materia di trasparenza e integrità Ѵ Pubblicazione dei contenuti multimediali della giornata della Ѵ Ѵ trasparenza Social network (Twitter, Facebook) Ѵ Ѵ 6.1 Formazione specifica L azione che l Ente intende perseguire riguarda l organizzazione di corsi formativi ad hoc per il personale mediante due diversi strumenti: incontri informativi/formativi organizzati dalla struttura interna, e lo svolgimento, compatibilmente con i vincoli finanziari, di un corso di formazione da commissionare alla SSPA, indirizzato ai titolari di posizione di responsabilità (si prevede il coinvolgimento di circa soggetti). Le schede a seguire identificano in modo distinto le azioni. Modalità di attuazione Tempi di attuazione Strutture competenti Risorse dedicate Strumenti di verifica dell efficacia Previsione di minimo un incontro con il personale denominato ASI s incontra per la presentazione del Programma con particolare riferimento alle iniziative da intraprendere nel triennio (occasione di raccolta di suggerimenti e spunti migliorativi) 7 Entro settembre di ciascun anno Responsabile trasparenza e integrità Team trasparenza e integrità, unità prevalentemente coinvolte Organismo Indipendente di valutazione Questionario sull esaustività e chiarezza dei contenuti proposti 7 Obiettivo inserito nel Piano della Performance, Unità Pianificazione Investimenti e Finanza 19

20 Modalità di attuazione Tempi di attuazione Strutture competenti Risorse dedicate Strumenti di verifica dell efficacia Organizzazione di un corso di formazione avente ad oggetto i rischi di corruzione nella pubblica amministrazione 8 Entro novembre 2012 Responsabile Trasparenza e Integrità, Unità Gestione Risorse Umane Team trasparenza, società esterna di formazione (SSPA) Organismo Indipendente di valutazione questionario sull esaustività e chiarezza dei contenuti proposti 6.2 Customer satisfaction L Agenzia Spaziale Italiana riconosce al canale web, rispetto agli altri canali tradizionali, capacità potenzialmente molto più estese e diversificate di quelle di qualunque sportello tradizionale; diventano importanti, quindi, le indagini di customer satisfaction attraverso il sito istituzionale, non solo come strumento di rilevazione della qualità ex-post ma anche come metodologia di rilevazione ex-ante. L ASI ha in previsione di sviluppare tale sistema di feedback per gli utenti, concentrando la propria attenzione, nel corso del 2012, sulla realizzazione di questionari di customer satisfaction; i dati raccolti ed elaborati saranno resi disponibili nella sezione Trasparenza, Valutazione e Merito del sito istituzionale. Modalità di attuazione Tempi di attuazione Strutture competenti Risorse dedicate Strumenti verifica dell efficacia Pubblicazione sul sito istituzionale di questionari di customer satisfaction diretti agli stakeholder 9 Entro ottobre 2012 URP, Unità Pianificazione Investimenti e Finanza, Responsabile trasparenza e integrità Ufficio Finanza Integrativa, Team trasparenza e integrità Organismo Indipendente di Valutazione 6.3 Benessere organizzativo Il miglioramento del benessere organizzativo rientra tra le iniziative maggiormente caratterizzanti che l Agenzia intende realizzare nel corso del 2012; il miglioramento del tessuto sociale e organizzativo è infatti il presupposto fondamentale per la corretta azione istituzionale che l Ente deve realizzare. 8 Obiettivo inserito nel Piano della Performance, Unità Pianificazione Investimenti e Finanza 9 Obiettivo attribuito al Direttore Generale dell ASI (si veda il Piano della Performance) 20

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Parte I Regolamento di organizzazione L assetto organizzativo della Provincia di Imperia - L attribuzione di responsabilità gestionali per l attuazione

Dettagli

Relazione finale sull avvio ciclo

Relazione finale sull avvio ciclo ARCEA Piano della performance 2015-2017 Relazione finale sull avvio ciclo approvata in data 10 aprile 2015 Relazione finale sull avvio del ciclo della performance anno 2015 (ARCEA) Pag. 1 di 36 Sommario

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Linee guida per i siti web della PA

Linee guida per i siti web della PA Linee guida per i siti web della PA art. 4 della Direttiva 8/09 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione - ANNO 2010-26 luglio 2010 Sommario Presentazione e sintesi... 3 1. Destinatari

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli