CATALOGO DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO E CUOIO NELL ESPERIENZA DEL REGISTRO RENATUNS TOSCANO POLVERI DI LEGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO E CUOIO NELL ESPERIENZA DEL REGISTRO RENATUNS TOSCANO POLVERI DI LEGNO"

Transcript

1 CATALOGO DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO E CUOIO NELL ESPERIENZA DEL REGISTRO RENATUNS TOSCANO a cura di dr.ssa Patrizia Legittimo Si riportano di seguito le mansioni e i settori economici per i quali è stata definita con diverso grado di certezza la modalità di esposizione a polveri di legno e cuoio in seguito alla revisione delle storie professionali dei casi incidenti ad oggi registrati nel ReNaTunS Toscana. Emerge che ogni situazione è decisamente un caso specifico. Le variabili che possono incidere sul livello di probabilità di esposizione sono, infatti, molteplici: tipi e caratteristiche delle macchine, procedure di lavoro, comportamenti individuali, disposizione delle macchine e delle postazioni di lavoro. Quello che segue vuole rappresentare un catalogo delle modalità di esposizione ai principali fattori di rischio per i tumori nasosinusali in cui sono descritti rischi anche inaspettati dovuti, secondo la nostra esperienza, all organizzazione del lavoro o a pratiche di lavoro sconosciute. POLVERI DI LEGNO AGRICOLTURA (Ateco 91) 01.1 Coltivazioni agricole; orticoltura; floricoltura 01.2 Allevamento animali 01.3 Coltivazioni agricole associate all allevamento di animali Bracciante agricolo/operaio agricolo Agricoltore/coltivatore diretto/mezzadro Allevatore Pastore È utile specificare se veniva fatto allevamento di animali e definire se vi è stata esposizione a polveri di legno per uso di segatura (cambio lettiere, pulizia delle lettiere, etc) Attività dei servizi connessi all agricoltura e alla zootecnia, esclusi i servizi veterinari Addetto sbucciatura delle castagne Addetto alla pressatura della paglia

2 E in corso di definizione l esposizione a lignina contenuta nella buccia delle castagne e nella paglia, entrambe comunque descritte dai lavoratori come operazioni molto polverose Silvicoltura e utilizzazione di aree forestali e servizi connessi Boscaiolo/taglialegna Giardiniere È necessario specificare se veniva fatto uso di seghe elettriche o manuali; nel caso del giardiniere chiedere se eseguiva anche operazioni di potatura. INDUSTRIE TESSILI E DELL ABBIGLIAMENTO Preparazione e tintura di pellicce; confezione di articoli in pelliccia Operaia addetta al taglio e cucitura di pellicce e cappelli di pelo È stata definita un inaspettata esposizione a segatura per l uso di questa tra pelo e cuoio con lo scopo di mantenere la pelliccia asciutta e pulita. INDUSTRIE CONCIARIE, FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI Fabbricazione di parti e accessori per calzature non in gomma (tacchi in legno e sughero) Ragazzo di bottega È stata definita un esposizione certa a polveri di legno e sughero in quanto il soggetto lavorava in un laboratorio di produzione di tacchi in legno e sughero eseguendo anche operazioni di pulizia. Fresatore di tacchi in legno/sughero Smerigliatore di tacchi in legno/sughero

3 Le fresatrici sfruttano il moto rotativo dell utensile munito di più taglienti detti frese per asportare il truciolo. Le smerigliatrici sono macchine che impiegano abrasivi a grana sempre più fine allo scopo di rendere la superficie sempre liscia e omogenea. Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno/sughero. INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO, ESCLUSI I MOBILI;, FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO Taglio, piallatura e trattamento legno (taglio e piallatura del legno, fabbricazione di rivestimenti per pavimenti in legno, etc) Addetto alla segagione dei tronchi Falegname addetto alla produzione di assi per pavimenti in legno La segagione è la lavorazione volta a dividere il tronco in più parti mediante seghe alternative, a nastro continuo o circolari. La lavorazione si esegue in appositi impianti detti segherie dove sono presenti anche macchine intestatrici per lavorare l estremità dei tronchi e refilatrici per rifilare i bordi delle tavole. Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di elementi di carpenteria in legno e falegnameria per l edilizia Fabbricazione di porte e finestre in legno Fabbricazione di altri elementi di carpenteria in legno e falegnameria per l edilizia (travi, travicelli, parti di scale, ringhiere etc.) Falegname addetto alla produzione di infissi Falegname addetto alla manutenzione di infissi Carpentiere in legno Apprendista carteggiatore/carteggiatore Per questi tipi di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di imballaggi in legno (casse, botti,etc) Falegname addetto al taglio del legno e assemblaggio Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno.

4 Fabbricazione di prodotti vari in legno esclusi i mobili (casse da morto, oggettistica, etc) Falegname Falegname al banco Scartatore/lucidatore Falegname tagliatore Falegname montatore Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno ad eccezione del falegname montatore per il quale si rende necessario sapere se effettua solo il montaggio o se esegue anche operazioni meccaniche sui pezzi da assemblare che possono determinare la produzione di polveri Fabbricazione dei prodotti della lavorazione del sughero (tappi, solette, etc) Addetto ai macchinari per la produzione del sughero Addetto alla fustella per la produzione di tappi in sughero Addetto a tutte le fasi produttive dei tappi in sughero Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di sughero. Nel ciclo produttivo dei tappi in sughero le fasi di premacinatura, rimacinatura e la smerigliatura sono descritte comunque come le più polverose Produzione di articoli di paglia e di materiale da intreccio Formatore di cappelli in paglia Impagliatore di oggetti in vetro con paglia palustre (fiaschi e bottiglie) E in corso di definizione la esposizione a lignina contenuta nella paglia. La paglia palustre ( sala per l esterno visibile e salicchio per riempire la ciambella basale, a sua volta poi rivestita e legata al fiasco dalla sala) è stata a lungo utilizzata per il rivestimento dei fiaschi nella zona Toscana dell Empolese. FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI Fabbricazione di prodotti ceramici per usi domestici e ornamentali Imballatrice di oggetti in ceramica

5 È stata definita un esposizione a polveri di legno in quanto il soggetto imballava con carta e trucioli filiformi di legno che rendevano estremamente polverosa la lavorazione. Addetta alla rifinizione del crudo È stata definita un esposizione a segatura utilizzata per eseguire le operazioni di pulizia dei pavimenti a fine turno di lavoro. FABBRICAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI, COMPRESI L INSTALLAZIONE, IL MONTAGGIO, LA RIPARAZIONE E LA MANUTENZIONE Fabbricazione e installazione di macchine per la lavorazione delle materie plastiche e della gomma e di altre macchine per impieghi speciali n.a.c. (porta stampi, sagome, forme., etc) Addetto alla produzione di forme in plastica da forme in legno È stata definita un esposizione passiva a polveri di legno in quanto il locale modelleria dove vengono prodotte le forme in legno era adiacente alla postazione di lavoro del soggetto. ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE 36.1 Fabbricazione di mobili Fabbricazione di sedie e sedili Fabbricazione di sedie e sedili, inclusi quelli per aeromobili, autoveicoli, navi e treni Fabbricazione di poltrone e divani Apprendista falegname Falegname Per la mansione di falegname addetto alla produzione di sedie in legno in genere è certa l esposizione a polveri di legno. Tappezziere addetto all imbottitura di sedie e divani con gommapiuma

6 È possibile definire un esposizione passiva a polveri di legno per chi realizza operazioni di imbottitura di sedie e divani prodotti nello stesso ambiente di lavoro; in tal caso è importante verificare come sono distribuite le lavorazioni nell ambiente di lavoro che possono provocare delle esposizioni indebite. Impagliatrice di sedie È stata definita un esposizione attiva in quanto il soggetto si dedicava anche alla svuotatura del sacco di aspirazione delle polveri Fabbricazione di mobili non metallici per uffici, negozi, etc Falegname Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di mobili per cucina Falegname Falegname addetto alla preparazione di stand e montaggio cucine in fiere Addetto sezionatura e incollaggio Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di altri mobili in legno (camere, soggiorni, bagni etc) Apprendista falegname Attrezzista di falegnameria Apprendista carteggiatore Falegname carteggiatore Falegname addetto al taglio del legno Falegname addetto produzione mobili/falegname mobiliere Falegname addetto montaggio mobili Falegname addetto riparazione mobili Titolare falegnameria addetto al rapporto coi clienti Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno. Il titolare della falegnameria addetto al rapporto coi clienti è stato definito esposto passivo in quanto frequentava comunque il laboratorio di falegnameria.

7 COSTRUZIONI Lavori generali di costruzione di edifici e lavori di ingegneria civile Muratore e carpentiere in legno Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno, anche se in genere saltuaria; in questo caso il lavoratore svolgeva attività prevalente di muratore e saltuariamente operazioni di carpenteria in legno e di parquettista. Il codice Ateco è stato scelto sulla base dell attività prevalente Posa in opera di infissi in legno o in metallo Falegname addetto al montaggio di infissi in legno L esposizione per questa mansione dipende dalle eventuali operazioni di rifinitura e adattamento dell infisso (piallatura, trapanatura, etc) Rivestimento di pavimenti e di muri Posatore di parquette, parquettista Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno. COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA Commercio al dettaglio di mobili Falegname montatore di mobili Si tratta di falegname montatore che lavora per conto di ditta che vende mobili anche in legno; per definire l esposizione è opportuno verificare se esegue solo montaggio oppure operazioni sui pezzi che possono comportare un esposizione a polveri di legno Commercio al dettaglio di elettrodomestici Magazziniere

8 È stata definita un esposizione a segatura in quanto il soggetto quotidianamente ne faceva uso per le operazioni di pulizia dei pavimenti. ATTIVITA IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, ALTRE ATTIVITA PROFESSIONALI ED IMPRENDITORIALI Collaudi e analisi tecniche di prodotti Collaudatore di legname È stata definita una esposizione passiva in quanto l ambiente di lavoro era all interno delle falegnamerie. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DIFESA; ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA Regolamentazione dell attività degli organismi preposti all istruzione (Ministero della pubblica istruzione, Ministero della sanità etc) Bidello È noto che in passato venisse fatto uso di segatura per le operazioni di pulizia. Falegname È stata definita un esposizione a polveri di legno in quanto si tratta di falegname che lavora per l azienda sanitaria locale producendo assi per letti, infissi e arredi Sicurezza nazionale e ordine pubblico (Arma dei Carabinieri, Corpo forestale dello Stato, etc) Carabiniere addetto ai lavori di costruzione di un edificio È stata definita una esposizione probabile poiché per circa 6 mesi il soggetto ha collaborato alla costruzione di edificio dei carabinieri con smontaggio e montaggio di struttura in legno con adiacente falegnameria allestita temporaneamente per tale lavoro.

9 Forestale addetto alla manutenzione degli immobili del corpo forestale È stata definita una esposizione certa in quanto il soggetto faceva parte della squadra di manutenzione addetto a svolgere compiti di ristrutturazione su parti in legno

10 POLVERI DI CUOIO Si riporta brevemente il ciclo produttivo e la spiegazione di alcuni termini dell industria conciaria. La concia rappresenta una serie di trattamenti intesi a produrre profonde modificazioni chimico-fisiche nella pelle animale, al fine di trasformarla in un prodotto imputrescibile detto cuoio. Le pelli vengono inizialmente sottoposte a trattamenti disinfettanti e conservanti. Avvengono quindi i trattamenti di preparazione della concia, in gergo detti anche lavori di riviera. Il rinverdimento consiste in un lavaggio delle pelli per eliminare i conservanti e altre impurità. Segue un trattamento detto gonfiamento e depilazione che comporta aumento dello spessore del derma con sfaldamento dell epidermide e caduta dei peli. La scarnatura rappresenta un operazione meccanica mediante la quale vengono eliminati i residui di carne ed il tessuto adiposo dello strato sottocutaneo (denominato carniccio). Segue la sgrassatura, la decalcinazione o scalcinatura con cui si elimina il calcio introdotto con il trattamento di gonfiaggio e depilazione e infine avviene la macerazione. A questo punto inizia il processo di concia in cui le pelli passano attraverso una serie di bagni dentro bottali contenenti tannini (concia vegetale) o ad esempio composti del cromo (concia minerale). I successivi trattamenti del cuoio sono numerosi; i più importanti sono la decolorazione, la carica (che ha lo scopo di aumentare il peso del prodotto), la tintura, la ingrassatura; segue l essiccamento che ha lo scopo di eliminare in misura controllata l acqua tramite calandratura ed essiccatoi. Infine avviene la rifinitura che comprende anche operazioni di smerigliatura con cilindri abrasivi che rendono più omogeneo il lato del cuoio opposto al pelo (lato carneo ). Tutte le operazioni che non avvengono ad umido sono fonte di produzione di polvere di cuoio. INDUSTRIE TESSILI E DELL ABBIGLIAMENTO Preparazione e tintura di pellicce; confezione di articoli in pelliccia Scarnatore Non è una operazione che espone a polveri di cuoio. Addetto al taglio e alla cucitura di pellicce È stata definita un esposizione a polveri di cuoio.

11 INDUSTRIE CONCIARIE, FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI Preparazione e concia del cuoio Addetto alla concia in bottale e vasca Bottalista di concia e riconcia Le operazioni che avvengono a umido (scarnatura, rinverdimento, bottali) ovviamente non espongono a polveri di cuoio; tuttavia è necessario appurare se il soggetto lavora in ambienti unici dove avviene anche la rifinitura e se, pur svolgendo per la maggior parte del tempo operazioni di bottalista, esegue anche operazioni meccaniche (quale ad esempio la sforbiciatura), di magazzino (scelta e manipolazione di pelli già completamente asciutte) e di pulizie dei locali che possono provocare un esposizione attiva e passiva. Addetto alla imbancatura del cuoio L'imbancatura pelli è una lavorazione cui viene sottoposto il cuoio allo scopo di appianare le irregolarità. Si trattava un tempo di spianare il cuoio, già conciato e semiasciutto, con un rullo (una sorta di grande mattarello) che successivamente è stato elettrificato per ridurre la fatica del lavoratore. Attualmente l'operazione è stata meccanizzata e viene effettuata con l'imbancatrice che è una macchina a rullo che spiana il cuoio posto dal lavoratore sul piano di alimentazione della macchina la quale sempre automaticamente provvede sia a spianare che a impilare le pelli lavorate. È una operazione di per sé non polverosa. Burraschiatore Il burraschiatore lavora nei cuoifici ed ha il compito di ugualizzare la superficie dei pellami già conciati con il procedimento di concia al tannino. La lavorazione avviene con l'utilizzo di una "burraschiatrice" che è una macchina a rulli dotati di lame affilate che asportano le irregolarità presenti sulla superficie della pelle che viene lavorata non ancora completamente asciutta. Si producono scarti di lavorazione in forma di polveri e fibre più o meno grossolane. Le macchine non sono aspirate ed il rischio di esposizione a polveri si concretizza per la mancata pulizia di macchine e/o ambienti di lavoro in cui queste polveri asciugandosi possono essere movimentate. Addetto alla sforbiciatura Addetto alla spianatura del cuoio Addetto alla essiccazione del cuoio Cilindratore/rasatore Addetto alla rifinitura Magazziniere

12 Tutte le operazioni della concia che non avvengono a umido possono produrre polveri di cuoio; l esposizione deve essere valutata nei singoli casi tenendo conto dell organizzazione del lavoro e dei compiti effettivamente svolti dal soggetto al di là della mansione dichiarata. Addetto al controllo produzione L addetto al controllo produzione permane negli ambienti di lavoro e quindi è soggetto ad un esposizione passiva. Si riporta brevemente il ciclo produttivo e la spiegazione dei termini dell industria calzaturiera. Le operazioni di taglio consistono nel ritagliare dal pellame alcune delle parti componenti il prodotto finito e rispondenti al modello prefissato; il taglio avviene a mano o mediante trance. I pezzi così ottenuti vengono uniformati nello spessore (egualizzati) e tagliati sugli orli a lembo progressivamente assottigliantesi cosicché gli stesi orli possano essere sovrapposti ad altre strutture senza aumenti di spessore (assottigliatura o scarnitura). La fase di orlatura o giunteria porta alla produzione della tomaia mediante cucitura delle varie sue parti prodotte nel reparto taglio previa incollatura e ripiegatura. In genere l incollatura è preceduta da raspatura, realizzata con macchine abradenti dette raspatrici e che ha lo scopo di ridurre eventuali spessori sovrabbondanti e realizzare una superficie ruvida su cui fanno miglior presa i collanti. La tranciatura è un operazione che consiste nel ritagliare mediante trance la suola, il tacco i sopratacco e il sottopiede. Le trance in genere sono costituite da due piani avvicinabili tra cui sono posizionate fustelle taglienti in acciaio. Il montaggio consiste nell applicazione della tomaia opportunamente preparata sulla forma su cui è stato preventivamente fissato il sottopiede. La preparazione della tomaia può comprendere anche la raspatura. Infine avviene la lavorazione del fondo: la prima lavorazione è la raspatura, segue l incollatura, l applicazione della suola che viene quindi spianata e poi fresata. Si procede quindi all applicazione del tacco che viene fresato. La suola e il tacco vengono quindi smerigliati. A questo punto inizia la lavorazione del fondo detta finissaggio: la suola viene dapprima pomiciata, cioè levigata e quindi colorata; il tacco e la suola vengono quindi lucidati con opportune spazzole. Tutte le operazioni descritte in genere comportano nella realtà un esposizione a polveri di cuoio attiva e/o passiva in quanto eseguite in postazioni di lavoro contigue. Si rende necessario quindi valutare accuratamente per ogni singolo caso le reali condizioni di lavoro Fabbricazione di calzature non in gomma Scarnitore di tomaie Aggiuntatrice di tomaie Tranciatore Montatore di suole su tomaia

13 Raspatore Fresatore di suole Addetto alle macchine Addetto alla molatura, fresatura e rifinitura Addetto ai tamponi Addetto a tutte le fasi di lavoro Addetto alle ruzzole e al pomicino Molatore e spazzolatore Imbroccatore Addetto pulizia dei locali Per tutte queste lavorazioni è in genere certa l esposizione a polveri di cuoio attiva e/o passiva. Per la mansione di montatore di tomaie in genere si definisce un esposizione passiva dovuta alla contemporaneità di lavorazioni polverose Fabbricazione di parti e accessori per calzature non in gomma Addetto alla scarnitura Addetto al montaggio Addetto al taglio/tranciatura Fresatore/raspatore di tacchi e suole Addetto al pomicino Addetto alla ruzzola Spazzolatore Addetto alla rifinitura Addetto a tutte le fasi di lavoro Addetto alla produzione di tacchi in cuoio fasciati in legno Addetto alla molatura di tacchi in legno fasciati in cuoio Addetto alla molatura delle suole Addetto alle macchine Per tutte queste lavorazioni è in genere certa l esposizione a polveri di cuoio attiva e/o passiva. Per la mansione di montatore di tomaie in genere si definisce un esposizione passiva dovuta alla contemporaneità di lavorazioni polverose. COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA Intermediari del commercio di prodotti tessili, di abbigliamento, di calzature e di articoli in cuoio (incluse pellicce) Rappresentante di scarpe

14 È stata definita un esposizione possibile in quanto il soggetto ha dichiarato di avere raramente frequentato le concerie Riparazione di calzature e di altri articoli in cuoio Ragazzo di bottega Calzolaio I soggetti hanno descritto le operazioni di taglio e rifinitura come quelle più polverose. Queste lavorazioni peraltro avvenivano in ambienti ristretti. Spesso in passato i calzolai effettuavano oltre alle riparazioni anche la produzione di scarpe su misura.

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

per un fai da te di alta qualità

per un fai da te di alta qualità per un fai da te di alta qualità container su misura e programmati 4 anni insieme senza pensieri La garanzia copre tutto il territorio italiano. qualità tedesca 360 affidabilità Sistema di imballaggio

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01.11.1p 01.12.00 Coltivazione di riso 01.11.2 01.11.20 Coltivazione di semi oleosi 01.11.3 01.13.30 Coltivazione di barbabietola da zucchero

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI Per individuare correttamente il tipo di corso a cui iscrivere i propri lavoratori occorre applicare quanto stabilito dall Accordo Stato

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Capitolo 3 La progettazione di una calzatura. Pag.95. 3.1 Introduzione Pag.96. 3.2 I principali modelli di calzature Pag.96

Capitolo 3 La progettazione di una calzatura. Pag.95. 3.1 Introduzione Pag.96. 3.2 I principali modelli di calzature Pag.96 Capitolo 3 La progettazione di una calzatura Pag.95 3.1 Introduzione Pag.96 3.2 I principali modelli di calzature Pag.96 3.3 Progettazione di modelli di calzature: due casi esemplificativi Pag.101 3.3.1

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013)

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) TABELLA 1 CODICI E DESCRIZIONI ATECO 2007 Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) Codice ATECO A 01.11.10 A 01.11.20 A 01.11.30 A 01.11.40 A 01.12.00 A 01.13.10

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico lindab ventilation Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico TÜV ha testato cinque sistemi di canali e documentato i vantaggi delle diverse soluzioni. Cos è TÜV TÜV (Technischer ÜberwachungsVerein

Dettagli

Mini accessori. una gamma completa per: il modellismo il fai da te l elettronica l artigianato

Mini accessori. una gamma completa per: il modellismo il fai da te l elettronica l artigianato CATALOGO204 Mini accessori Piccoli, universali, ma soprattutto assolutamente precisi: PG Mini, la nuova linea di accessori che risolve ogni esigenza di lavoro. Tagliare, smerigliare, levigare, forare,

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Sistemi per la levigatura di profili

Sistemi per la levigatura di profili Sistemi per la levigatura di profili 2 siastar positiv 4c Sistemi per la levigatura di profili Levigatura standardizzata di profili profili siastar Adattatore per macchine CNC pagina 6 Adattatore per la

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Produzione della carta

Produzione della carta Produzione della carta SCA Publication Papers Assistenza tecnica Materie prime Introduzione Lo scopo di questa guida è di fornire al lettore una conoscenza dei materiali e dei processi utilizzati da una

Dettagli

Elenco degli Annunci Trovati

Elenco degli Annunci Trovati Elenco degli Annunci Trovati Riepilogo Limiti Impostati: Da Data Scadenza 07/08/2015 A Data Scadenza 24/08/2015 Riepilogo Filtri Impostati: Inviato al Periodico: Internet Categoria Selezionata: CERCO LAVORO

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Il sistema di classificazione dei progetti nel CUP Classificazione CPV a parte M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

> Guanti. adatti ad ogni sfida. Guanti per l'edilizia PERSONAL PROTECTIVE GEAR

> Guanti. adatti ad ogni sfida. Guanti per l'edilizia PERSONAL PROTECTIVE GEAR > Guanti adatti ad ogni sfida PERSONAL PROTECTIVE GEAR Guanti per l'edilizia potrei indossare questi Guanti tutto il Giorno. sono Gli unici, fra quelli che ho provato, che si adattano alle mie mani e che

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale

Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Utensili diamantati con legante galvanico Lavorazione di ghisa grigia e ghisa sferoidale Efficace ottimizzazione del processo di pulitura della ghisa Grande convenienza economica grazie alla durata ed

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP

CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 1) CONSORZIO REAL CLEAN GROUP (Pag. 2) AGENDA Il Consorzio Le Aziende Consorziate I Servizi I Nostri Clienti Mission Dove Siamo Dove Operiamo (Pag. 3) IL CONSORZIO.: Il nasce da un team di imprese

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Working Process ai vertici della tecnologia

Working Process ai vertici della tecnologia ING.qxd 29-04-2013 15:54 Pagina 24 Working Process ai vertici della tecnologia Un produttore italiano porta ai massimi livelli la tecnologia della lavorazione del serramento. Working Process ci ha abituati

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli