CATALOGO DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO E CUOIO NELL ESPERIENZA DEL REGISTRO RENATUNS TOSCANO POLVERI DI LEGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO E CUOIO NELL ESPERIENZA DEL REGISTRO RENATUNS TOSCANO POLVERI DI LEGNO"

Transcript

1 CATALOGO DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE A POLVERI DI LEGNO E CUOIO NELL ESPERIENZA DEL REGISTRO RENATUNS TOSCANO a cura di dr.ssa Patrizia Legittimo Si riportano di seguito le mansioni e i settori economici per i quali è stata definita con diverso grado di certezza la modalità di esposizione a polveri di legno e cuoio in seguito alla revisione delle storie professionali dei casi incidenti ad oggi registrati nel ReNaTunS Toscana. Emerge che ogni situazione è decisamente un caso specifico. Le variabili che possono incidere sul livello di probabilità di esposizione sono, infatti, molteplici: tipi e caratteristiche delle macchine, procedure di lavoro, comportamenti individuali, disposizione delle macchine e delle postazioni di lavoro. Quello che segue vuole rappresentare un catalogo delle modalità di esposizione ai principali fattori di rischio per i tumori nasosinusali in cui sono descritti rischi anche inaspettati dovuti, secondo la nostra esperienza, all organizzazione del lavoro o a pratiche di lavoro sconosciute. POLVERI DI LEGNO AGRICOLTURA (Ateco 91) 01.1 Coltivazioni agricole; orticoltura; floricoltura 01.2 Allevamento animali 01.3 Coltivazioni agricole associate all allevamento di animali Bracciante agricolo/operaio agricolo Agricoltore/coltivatore diretto/mezzadro Allevatore Pastore È utile specificare se veniva fatto allevamento di animali e definire se vi è stata esposizione a polveri di legno per uso di segatura (cambio lettiere, pulizia delle lettiere, etc) Attività dei servizi connessi all agricoltura e alla zootecnia, esclusi i servizi veterinari Addetto sbucciatura delle castagne Addetto alla pressatura della paglia

2 E in corso di definizione l esposizione a lignina contenuta nella buccia delle castagne e nella paglia, entrambe comunque descritte dai lavoratori come operazioni molto polverose Silvicoltura e utilizzazione di aree forestali e servizi connessi Boscaiolo/taglialegna Giardiniere È necessario specificare se veniva fatto uso di seghe elettriche o manuali; nel caso del giardiniere chiedere se eseguiva anche operazioni di potatura. INDUSTRIE TESSILI E DELL ABBIGLIAMENTO Preparazione e tintura di pellicce; confezione di articoli in pelliccia Operaia addetta al taglio e cucitura di pellicce e cappelli di pelo È stata definita un inaspettata esposizione a segatura per l uso di questa tra pelo e cuoio con lo scopo di mantenere la pelliccia asciutta e pulita. INDUSTRIE CONCIARIE, FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI Fabbricazione di parti e accessori per calzature non in gomma (tacchi in legno e sughero) Ragazzo di bottega È stata definita un esposizione certa a polveri di legno e sughero in quanto il soggetto lavorava in un laboratorio di produzione di tacchi in legno e sughero eseguendo anche operazioni di pulizia. Fresatore di tacchi in legno/sughero Smerigliatore di tacchi in legno/sughero

3 Le fresatrici sfruttano il moto rotativo dell utensile munito di più taglienti detti frese per asportare il truciolo. Le smerigliatrici sono macchine che impiegano abrasivi a grana sempre più fine allo scopo di rendere la superficie sempre liscia e omogenea. Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno/sughero. INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO, ESCLUSI I MOBILI;, FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO Taglio, piallatura e trattamento legno (taglio e piallatura del legno, fabbricazione di rivestimenti per pavimenti in legno, etc) Addetto alla segagione dei tronchi Falegname addetto alla produzione di assi per pavimenti in legno La segagione è la lavorazione volta a dividere il tronco in più parti mediante seghe alternative, a nastro continuo o circolari. La lavorazione si esegue in appositi impianti detti segherie dove sono presenti anche macchine intestatrici per lavorare l estremità dei tronchi e refilatrici per rifilare i bordi delle tavole. Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di elementi di carpenteria in legno e falegnameria per l edilizia Fabbricazione di porte e finestre in legno Fabbricazione di altri elementi di carpenteria in legno e falegnameria per l edilizia (travi, travicelli, parti di scale, ringhiere etc.) Falegname addetto alla produzione di infissi Falegname addetto alla manutenzione di infissi Carpentiere in legno Apprendista carteggiatore/carteggiatore Per questi tipi di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di imballaggi in legno (casse, botti,etc) Falegname addetto al taglio del legno e assemblaggio Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno.

4 Fabbricazione di prodotti vari in legno esclusi i mobili (casse da morto, oggettistica, etc) Falegname Falegname al banco Scartatore/lucidatore Falegname tagliatore Falegname montatore Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno ad eccezione del falegname montatore per il quale si rende necessario sapere se effettua solo il montaggio o se esegue anche operazioni meccaniche sui pezzi da assemblare che possono determinare la produzione di polveri Fabbricazione dei prodotti della lavorazione del sughero (tappi, solette, etc) Addetto ai macchinari per la produzione del sughero Addetto alla fustella per la produzione di tappi in sughero Addetto a tutte le fasi produttive dei tappi in sughero Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di sughero. Nel ciclo produttivo dei tappi in sughero le fasi di premacinatura, rimacinatura e la smerigliatura sono descritte comunque come le più polverose Produzione di articoli di paglia e di materiale da intreccio Formatore di cappelli in paglia Impagliatore di oggetti in vetro con paglia palustre (fiaschi e bottiglie) E in corso di definizione la esposizione a lignina contenuta nella paglia. La paglia palustre ( sala per l esterno visibile e salicchio per riempire la ciambella basale, a sua volta poi rivestita e legata al fiasco dalla sala) è stata a lungo utilizzata per il rivestimento dei fiaschi nella zona Toscana dell Empolese. FABBRICAZIONE DI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI Fabbricazione di prodotti ceramici per usi domestici e ornamentali Imballatrice di oggetti in ceramica

5 È stata definita un esposizione a polveri di legno in quanto il soggetto imballava con carta e trucioli filiformi di legno che rendevano estremamente polverosa la lavorazione. Addetta alla rifinizione del crudo È stata definita un esposizione a segatura utilizzata per eseguire le operazioni di pulizia dei pavimenti a fine turno di lavoro. FABBRICAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI, COMPRESI L INSTALLAZIONE, IL MONTAGGIO, LA RIPARAZIONE E LA MANUTENZIONE Fabbricazione e installazione di macchine per la lavorazione delle materie plastiche e della gomma e di altre macchine per impieghi speciali n.a.c. (porta stampi, sagome, forme., etc) Addetto alla produzione di forme in plastica da forme in legno È stata definita un esposizione passiva a polveri di legno in quanto il locale modelleria dove vengono prodotte le forme in legno era adiacente alla postazione di lavoro del soggetto. ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE 36.1 Fabbricazione di mobili Fabbricazione di sedie e sedili Fabbricazione di sedie e sedili, inclusi quelli per aeromobili, autoveicoli, navi e treni Fabbricazione di poltrone e divani Apprendista falegname Falegname Per la mansione di falegname addetto alla produzione di sedie in legno in genere è certa l esposizione a polveri di legno. Tappezziere addetto all imbottitura di sedie e divani con gommapiuma

6 È possibile definire un esposizione passiva a polveri di legno per chi realizza operazioni di imbottitura di sedie e divani prodotti nello stesso ambiente di lavoro; in tal caso è importante verificare come sono distribuite le lavorazioni nell ambiente di lavoro che possono provocare delle esposizioni indebite. Impagliatrice di sedie È stata definita un esposizione attiva in quanto il soggetto si dedicava anche alla svuotatura del sacco di aspirazione delle polveri Fabbricazione di mobili non metallici per uffici, negozi, etc Falegname Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di mobili per cucina Falegname Falegname addetto alla preparazione di stand e montaggio cucine in fiere Addetto sezionatura e incollaggio Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno Fabbricazione di altri mobili in legno (camere, soggiorni, bagni etc) Apprendista falegname Attrezzista di falegnameria Apprendista carteggiatore Falegname carteggiatore Falegname addetto al taglio del legno Falegname addetto produzione mobili/falegname mobiliere Falegname addetto montaggio mobili Falegname addetto riparazione mobili Titolare falegnameria addetto al rapporto coi clienti Per questi tipi di mansioni in genere è certa l esposizione a polveri di legno. Il titolare della falegnameria addetto al rapporto coi clienti è stato definito esposto passivo in quanto frequentava comunque il laboratorio di falegnameria.

7 COSTRUZIONI Lavori generali di costruzione di edifici e lavori di ingegneria civile Muratore e carpentiere in legno Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno, anche se in genere saltuaria; in questo caso il lavoratore svolgeva attività prevalente di muratore e saltuariamente operazioni di carpenteria in legno e di parquettista. Il codice Ateco è stato scelto sulla base dell attività prevalente Posa in opera di infissi in legno o in metallo Falegname addetto al montaggio di infissi in legno L esposizione per questa mansione dipende dalle eventuali operazioni di rifinitura e adattamento dell infisso (piallatura, trapanatura, etc) Rivestimento di pavimenti e di muri Posatore di parquette, parquettista Per questo tipo di mansione in genere è certa l esposizione a polveri di legno. COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA Commercio al dettaglio di mobili Falegname montatore di mobili Si tratta di falegname montatore che lavora per conto di ditta che vende mobili anche in legno; per definire l esposizione è opportuno verificare se esegue solo montaggio oppure operazioni sui pezzi che possono comportare un esposizione a polveri di legno Commercio al dettaglio di elettrodomestici Magazziniere

8 È stata definita un esposizione a segatura in quanto il soggetto quotidianamente ne faceva uso per le operazioni di pulizia dei pavimenti. ATTIVITA IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, ALTRE ATTIVITA PROFESSIONALI ED IMPRENDITORIALI Collaudi e analisi tecniche di prodotti Collaudatore di legname È stata definita una esposizione passiva in quanto l ambiente di lavoro era all interno delle falegnamerie. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DIFESA; ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA Regolamentazione dell attività degli organismi preposti all istruzione (Ministero della pubblica istruzione, Ministero della sanità etc) Bidello È noto che in passato venisse fatto uso di segatura per le operazioni di pulizia. Falegname È stata definita un esposizione a polveri di legno in quanto si tratta di falegname che lavora per l azienda sanitaria locale producendo assi per letti, infissi e arredi Sicurezza nazionale e ordine pubblico (Arma dei Carabinieri, Corpo forestale dello Stato, etc) Carabiniere addetto ai lavori di costruzione di un edificio È stata definita una esposizione probabile poiché per circa 6 mesi il soggetto ha collaborato alla costruzione di edificio dei carabinieri con smontaggio e montaggio di struttura in legno con adiacente falegnameria allestita temporaneamente per tale lavoro.

9 Forestale addetto alla manutenzione degli immobili del corpo forestale È stata definita una esposizione certa in quanto il soggetto faceva parte della squadra di manutenzione addetto a svolgere compiti di ristrutturazione su parti in legno

10 POLVERI DI CUOIO Si riporta brevemente il ciclo produttivo e la spiegazione di alcuni termini dell industria conciaria. La concia rappresenta una serie di trattamenti intesi a produrre profonde modificazioni chimico-fisiche nella pelle animale, al fine di trasformarla in un prodotto imputrescibile detto cuoio. Le pelli vengono inizialmente sottoposte a trattamenti disinfettanti e conservanti. Avvengono quindi i trattamenti di preparazione della concia, in gergo detti anche lavori di riviera. Il rinverdimento consiste in un lavaggio delle pelli per eliminare i conservanti e altre impurità. Segue un trattamento detto gonfiamento e depilazione che comporta aumento dello spessore del derma con sfaldamento dell epidermide e caduta dei peli. La scarnatura rappresenta un operazione meccanica mediante la quale vengono eliminati i residui di carne ed il tessuto adiposo dello strato sottocutaneo (denominato carniccio). Segue la sgrassatura, la decalcinazione o scalcinatura con cui si elimina il calcio introdotto con il trattamento di gonfiaggio e depilazione e infine avviene la macerazione. A questo punto inizia il processo di concia in cui le pelli passano attraverso una serie di bagni dentro bottali contenenti tannini (concia vegetale) o ad esempio composti del cromo (concia minerale). I successivi trattamenti del cuoio sono numerosi; i più importanti sono la decolorazione, la carica (che ha lo scopo di aumentare il peso del prodotto), la tintura, la ingrassatura; segue l essiccamento che ha lo scopo di eliminare in misura controllata l acqua tramite calandratura ed essiccatoi. Infine avviene la rifinitura che comprende anche operazioni di smerigliatura con cilindri abrasivi che rendono più omogeneo il lato del cuoio opposto al pelo (lato carneo ). Tutte le operazioni che non avvengono ad umido sono fonte di produzione di polvere di cuoio. INDUSTRIE TESSILI E DELL ABBIGLIAMENTO Preparazione e tintura di pellicce; confezione di articoli in pelliccia Scarnatore Non è una operazione che espone a polveri di cuoio. Addetto al taglio e alla cucitura di pellicce È stata definita un esposizione a polveri di cuoio.

11 INDUSTRIE CONCIARIE, FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI Preparazione e concia del cuoio Addetto alla concia in bottale e vasca Bottalista di concia e riconcia Le operazioni che avvengono a umido (scarnatura, rinverdimento, bottali) ovviamente non espongono a polveri di cuoio; tuttavia è necessario appurare se il soggetto lavora in ambienti unici dove avviene anche la rifinitura e se, pur svolgendo per la maggior parte del tempo operazioni di bottalista, esegue anche operazioni meccaniche (quale ad esempio la sforbiciatura), di magazzino (scelta e manipolazione di pelli già completamente asciutte) e di pulizie dei locali che possono provocare un esposizione attiva e passiva. Addetto alla imbancatura del cuoio L'imbancatura pelli è una lavorazione cui viene sottoposto il cuoio allo scopo di appianare le irregolarità. Si trattava un tempo di spianare il cuoio, già conciato e semiasciutto, con un rullo (una sorta di grande mattarello) che successivamente è stato elettrificato per ridurre la fatica del lavoratore. Attualmente l'operazione è stata meccanizzata e viene effettuata con l'imbancatrice che è una macchina a rullo che spiana il cuoio posto dal lavoratore sul piano di alimentazione della macchina la quale sempre automaticamente provvede sia a spianare che a impilare le pelli lavorate. È una operazione di per sé non polverosa. Burraschiatore Il burraschiatore lavora nei cuoifici ed ha il compito di ugualizzare la superficie dei pellami già conciati con il procedimento di concia al tannino. La lavorazione avviene con l'utilizzo di una "burraschiatrice" che è una macchina a rulli dotati di lame affilate che asportano le irregolarità presenti sulla superficie della pelle che viene lavorata non ancora completamente asciutta. Si producono scarti di lavorazione in forma di polveri e fibre più o meno grossolane. Le macchine non sono aspirate ed il rischio di esposizione a polveri si concretizza per la mancata pulizia di macchine e/o ambienti di lavoro in cui queste polveri asciugandosi possono essere movimentate. Addetto alla sforbiciatura Addetto alla spianatura del cuoio Addetto alla essiccazione del cuoio Cilindratore/rasatore Addetto alla rifinitura Magazziniere

12 Tutte le operazioni della concia che non avvengono a umido possono produrre polveri di cuoio; l esposizione deve essere valutata nei singoli casi tenendo conto dell organizzazione del lavoro e dei compiti effettivamente svolti dal soggetto al di là della mansione dichiarata. Addetto al controllo produzione L addetto al controllo produzione permane negli ambienti di lavoro e quindi è soggetto ad un esposizione passiva. Si riporta brevemente il ciclo produttivo e la spiegazione dei termini dell industria calzaturiera. Le operazioni di taglio consistono nel ritagliare dal pellame alcune delle parti componenti il prodotto finito e rispondenti al modello prefissato; il taglio avviene a mano o mediante trance. I pezzi così ottenuti vengono uniformati nello spessore (egualizzati) e tagliati sugli orli a lembo progressivamente assottigliantesi cosicché gli stesi orli possano essere sovrapposti ad altre strutture senza aumenti di spessore (assottigliatura o scarnitura). La fase di orlatura o giunteria porta alla produzione della tomaia mediante cucitura delle varie sue parti prodotte nel reparto taglio previa incollatura e ripiegatura. In genere l incollatura è preceduta da raspatura, realizzata con macchine abradenti dette raspatrici e che ha lo scopo di ridurre eventuali spessori sovrabbondanti e realizzare una superficie ruvida su cui fanno miglior presa i collanti. La tranciatura è un operazione che consiste nel ritagliare mediante trance la suola, il tacco i sopratacco e il sottopiede. Le trance in genere sono costituite da due piani avvicinabili tra cui sono posizionate fustelle taglienti in acciaio. Il montaggio consiste nell applicazione della tomaia opportunamente preparata sulla forma su cui è stato preventivamente fissato il sottopiede. La preparazione della tomaia può comprendere anche la raspatura. Infine avviene la lavorazione del fondo: la prima lavorazione è la raspatura, segue l incollatura, l applicazione della suola che viene quindi spianata e poi fresata. Si procede quindi all applicazione del tacco che viene fresato. La suola e il tacco vengono quindi smerigliati. A questo punto inizia la lavorazione del fondo detta finissaggio: la suola viene dapprima pomiciata, cioè levigata e quindi colorata; il tacco e la suola vengono quindi lucidati con opportune spazzole. Tutte le operazioni descritte in genere comportano nella realtà un esposizione a polveri di cuoio attiva e/o passiva in quanto eseguite in postazioni di lavoro contigue. Si rende necessario quindi valutare accuratamente per ogni singolo caso le reali condizioni di lavoro Fabbricazione di calzature non in gomma Scarnitore di tomaie Aggiuntatrice di tomaie Tranciatore Montatore di suole su tomaia

13 Raspatore Fresatore di suole Addetto alle macchine Addetto alla molatura, fresatura e rifinitura Addetto ai tamponi Addetto a tutte le fasi di lavoro Addetto alle ruzzole e al pomicino Molatore e spazzolatore Imbroccatore Addetto pulizia dei locali Per tutte queste lavorazioni è in genere certa l esposizione a polveri di cuoio attiva e/o passiva. Per la mansione di montatore di tomaie in genere si definisce un esposizione passiva dovuta alla contemporaneità di lavorazioni polverose Fabbricazione di parti e accessori per calzature non in gomma Addetto alla scarnitura Addetto al montaggio Addetto al taglio/tranciatura Fresatore/raspatore di tacchi e suole Addetto al pomicino Addetto alla ruzzola Spazzolatore Addetto alla rifinitura Addetto a tutte le fasi di lavoro Addetto alla produzione di tacchi in cuoio fasciati in legno Addetto alla molatura di tacchi in legno fasciati in cuoio Addetto alla molatura delle suole Addetto alle macchine Per tutte queste lavorazioni è in genere certa l esposizione a polveri di cuoio attiva e/o passiva. Per la mansione di montatore di tomaie in genere si definisce un esposizione passiva dovuta alla contemporaneità di lavorazioni polverose. COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI BENI PERSONALI E PER LA CASA Intermediari del commercio di prodotti tessili, di abbigliamento, di calzature e di articoli in cuoio (incluse pellicce) Rappresentante di scarpe

14 È stata definita un esposizione possibile in quanto il soggetto ha dichiarato di avere raramente frequentato le concerie Riparazione di calzature e di altri articoli in cuoio Ragazzo di bottega Calzolaio I soggetti hanno descritto le operazioni di taglio e rifinitura come quelle più polverose. Queste lavorazioni peraltro avvenivano in ambienti ristretti. Spesso in passato i calzolai effettuavano oltre alle riparazioni anche la produzione di scarpe su misura.

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD09A ATTIVITÀ 16.22.00 FABBRICAZIONE DI PAVIMENTI IN PARQUET ASSEMBLATO ATTIVITÀ 16.23.10 FABBRICAZIONE DI PORTE E FINESTRE IN LEGNO (ESCLUSE PORTE BLINDATE) ATTIVITÀ 16.23.20 FABBRICAZIONE

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE ATTIVITÀ 25.73.12 FABBRICAZIONE DI PARTI INTERCAMBIABILI PER MACCHINE UTENSILI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01.

STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01. STUDIO DI SETTORE UD09A ATTIVITÀ 16.22.00 ATTIVITÀ 16.23.10 ATTIVITÀ 16.23.20 ATTIVITÀ 16.29.19 ATTIVITÀ 16.29.20 ATTIVITÀ 29.32.01 ATTIVITÀ 30.11.01 ATTIVITÀ 30.20.01 ATTIVITÀ 30.30.01 ATTIVITÀ 31.01.10

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD09A ATTIVITÀ 16.22.00 FABBRICAZIONE DI PAVIMENTI IN PARQUET ASSEMBLATO ATTIVITÀ 16.23.10 FABBRICAZIONE DI PORTE E FINESTRE IN LEGNO (ESCLUSE PORTE BLINDATE) ATTIVITÀ 16.23.20 FABBRICAZIONE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE

STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE ATTIVITÀ 25.73.12 FABBRICAZIONE DI PARTI INTERCAMBIABILI PER MACCHINE UTENSILI

Dettagli

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE

da 3 a 5 014Servizi connessi con agric e zootec da 3 a 4 ESERCIZIO E NOLEGGIO DI MEZZI E DI MACCHINE AGRICOLE PER CONTO TERZI, 01411CON PERSONALE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE Classificazione riassuntiva per sezioni, sottosezioni e divisioni DESCRIZIONE A - Agricoltura, caccia e silvicoltura Proposta PESO 01 Agricoltura, caccia e relativi

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 10. OPERATORE DEL LEGNO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

ISFOL ORFEO - archivio Corsi Settori Isfol/Istat

ISFOL ORFEO - archivio Corsi Settori Isfol/Istat SUB-SETT 0101 AGRICOLTURA: CONDUZIONE AMMINISTRAZIONE COMMERCIALIZZAZIONE A01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SEVIZI 0102 AGRICOLTURA: ZOOTECNICA A01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SEVIZI 0103 AGRICOLTURA:

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD08U ATTIVITÀ 19.30.1 FABBRICAZIONE DI CALZATURE NON IN GOMMA ATTIVITÀ 19.30.2 FABBRICAZIONE DI PARTI E ACCESSORI PER

STUDIO DI SETTORE UD08U ATTIVITÀ 19.30.1 FABBRICAZIONE DI CALZATURE NON IN GOMMA ATTIVITÀ 19.30.2 FABBRICAZIONE DI PARTI E ACCESSORI PER STUDIO DI SETTORE UD08U ATTIVITÀ 19.30.1 FABBRICAZIONE DI CALZATURE NON IN GOMMA ATTIVITÀ 19.30.2 FABBRICAZIONE DI PARTI E ACCESSORI PER CALZATURE NON IN GOMMA ATTIVITÀ 19.30.3 FABBRICAZIONE DI CALZATURE,

Dettagli

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi

Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi Agevolazioni per le imprese industriali e di servizi A chi si rivolge? Possono presentare istanza le micro, piccole o medie imprese, indicate nell allegato A riportato in calce, già iscritte nel registro

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91:

Montatore. La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: Montatore La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali contigue: Contesto produttivo: Taglio

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane

COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane COMUNE DI SASSARI Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane ALLEGATO A Elenco delle classi di appartenenza ammissibili, estratto dalla classificazione delle attività economiche ATECO 2007. N.B.:

Dettagli

TIPOLOGIE DI BOTTEGHE SETTORIALI. 5.1.3.3 Vetrinisti e professioni assimilate. Addetti alla costruzione e riparazione di orologi

TIPOLOGIE DI BOTTEGHE SETTORIALI. 5.1.3.3 Vetrinisti e professioni assimilate. Addetti alla costruzione e riparazione di orologi Descrizione professione (Istat ) Codice e descrizione ATECO 2007 3.1.5.3 Tecnici della produzione manifatturiera C 13 Industrie tessili 5.1.3.3 Vetrinisti e 6.3.1.4 Addetti alla costruzione e riparazione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali;

LA GIUNTA COMUNALE. l art. 184, comma 3 del D.Lgs. 152/2006 stabilisce la catalogazione dei rifiuti speciali; P.D. 160 del 14.3.2011 Delibera n. 119 seduta del 31.3.2011 Oggetto: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali come previsto dall art. 9 del Regolamento per la gestione

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro. Provincia di Mantova. Rapporto a cura di:

Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro. Provincia di Mantova. Rapporto a cura di: Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro Provincia di Mantova Rapporto a cura di: Centro di Ricerca Interuniversitario

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Liuc a.a 2014/15 Industria della concia e della calzaturiera e sostenibilità

Liuc a.a 2014/15 Industria della concia e della calzaturiera e sostenibilità Liuc a.a 2014/15 Industria della concia e della calzaturiera e sostenibilità Aurora Magni 12 dicembre 2014 L'Italia è il primo produttore di calzature nell'unione Europea, il decimo produttore di calzature

Dettagli

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca

Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Sezione di attività economica:=agricoltura, Silvicoltura e Pesca Coltivazioni Agricole e Produzione di Prodotti Animali, Caccia e Servizi Connessi Coltivazione di Colture Agricole non Permanenti 70 Coltivazione

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

DELIBERA GIUNTALE APPROVAZIONE PIANO SITUAZIONE DI DIFFICOTÀ OCCUPAZIONALE AMBITO TERRITORIALE CODICI ATECO 2002 CODICI ATECO 2007 24 METALLURGIA

DELIBERA GIUNTALE APPROVAZIONE PIANO SITUAZIONE DI DIFFICOTÀ OCCUPAZIONALE AMBITO TERRITORIALE CODICI ATECO 2002 CODICI ATECO 2007 24 METALLURGIA SITUAZIONE DI DIFFICOTÀ OCCUPAZIONALE DELIBERA GIUNTALE APPROVAZIONE PIANO AMBITO TERRITORIALE CODICI ATECO 2002 CODICI ATECO 2007 24 METALLURGIA 24.1 Siderurgia 24.2 Fabbricazione di tubi, condotti, profilati

Dettagli

La conceria e l impatto ambientale

La conceria e l impatto ambientale La conceria e l impatto ambientale 1 Inquinamento da attività conciaria L industria conciaria, pur non essendo peggiore di molte altre attività industriale, è considerata altamente inquinante. Ciò è dovuto

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE (Sezione, sottosezione, divisione e gruppo) A AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA 01 AGRICOLTURA, CACCIA E RELATIVI SERVIZI 01.1 Coltivazioni agricole;

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena. Progetto. Emilia Romagna Valorizzazione Economica del Territorio. Funzione Efficienza Ambientale

Provincia di Forlì Cesena. Progetto. Emilia Romagna Valorizzazione Economica del Territorio. Funzione Efficienza Ambientale Provincia di Forlì Cesena Progetto Tecnologie e prodotti più puliti per la riduzione delle emissioni di COV Risultati della fase sperimentale Relazione relativa alla sperimentazione svolta da CALZATURIFICIO

Dettagli

Elenco qualificazioni standard organizzate per AEP

Elenco qualificazioni standard organizzate per AEP AEP dei contenuti trasversali Operatore telefonico addetto alle informazioni alla clientela e agli uffici relazioni col pubblico AEP - Agricoltura, zootecnia, silvicoltura Addetto all allevamento Operatore

Dettagli

La categoria delle microimprese, delle piccole imprese e delle medie imprese (complessivamente definita PMI) sono così definite:

La categoria delle microimprese, delle piccole imprese e delle medie imprese (complessivamente definita PMI) sono così definite: Direttive per la concessione e l erogazione delle agevolazioni alle imprese in attuazione del P.O. FESR 2007/2013, Obiettivo Operativo 5.1.3, linee di intervento 1, 2 e 5 PMI DI QUALITA PREMESSA L obiettivo

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 /

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 / TARIFFARIO GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI E URBANI ASSIMILATI E ALTRE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO IGIENE URBANA ( delibera CdA n. 68 del 27/06/2013) ALLEGATO 1. : TARIFFARIO PER RACCOLTA/TRASPORTO/ SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

- Settori ammissibili per Linea di Intervento

- Settori ammissibili per Linea di Intervento Allegato C - Settori ammissibili per Linea di Intervento Settori ammissibili (CODICI ATECO 2007) Linee di intervento Codice Sezione C: ATTIVITA MANIFATTURIERE Limitatamente ai seguenti codici: Classe 10.52:

Dettagli

4 ore (unico modulo didattico)

4 ore (unico modulo didattico) Viale Luca Gaurico 257-00143 ROMA P. IVA e C.F. 05580001005 RI. 188796/1998 REA C.C.I.A.A. n 904271 Capitale Sociale 10.328,00 i.v. Tel. 06.51962114 Fax 06.51965686 commerciale@gruppo-quasar.it amministrazione@gruppo-quasar.it

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD20U ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 01.62.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ATTIVITÀ 24.33.01

STUDIO DI SETTORE UD20U ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 01.62.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ATTIVITÀ 24.33.01 STUDIO DI SETTORE UD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 ATTIVITÀ 25.11.00 ATTIVITÀ 25.21.00 ATTIVITÀ 25.29.00 ATTIVITÀ 25.30.00 ATTIVITÀ 25.50.00 ATTIVITÀ 25.61.00 FABBRICAZIONE

Dettagli

Studi di settore UD20U e UD32U Fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo; Fabbricazione macchine e apparecchi meccanici.

Studi di settore UD20U e UD32U Fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo; Fabbricazione macchine e apparecchi meccanici. Studi di settore UD20U e UD32U Fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo; Fabbricazione macchine e apparecchi meccanici. 2007: Le attività interessate sono quelle relative ai seguenti codici ATECO

Dettagli

CORSI: R.L.S. R.S.P.P.

CORSI: R.L.S. R.S.P.P. Prof. Francesco Di Cosmo info@studiodicosmo.it CORSI: R.L.S. R.S.P.P. 1 Corso R.L.S. (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è una persona eletta

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012

Via Usciana n 132 Castelfranco di Sotto (PI) Tel 0571/1962649 Fax 0571/1962651 e-mail: info@professionistisicurezza.com INFORMATIVA OTTOBRE 2012 INFORMATIVA OTTOBRE 2012 1) NUOVO SITO PROFESSIONISTISICUREZZA Vi invitiamo a visitare il nuovo sito di PROFESSIONISTISICUREZZA Studio di Consulenza & Formazione : www.professionistisicurezza.com dove

Dettagli

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti

Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Proposta di Polizza Assicurazione Crediti Le informazioni contenute in questo modulo sono ad uso esclusivo di Euler Hermes SIAC e verranno trattate con la massima riservatezza, la sua sottoscrizione non

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

Indice analitico per attività

Indice analitico per attività Indice analitico per attività ATTIVITA Affissione di manifesti pubblicitari conto terzi Par. 18/02 Allestimento feste, manifestazioni ed eventi vari Par. 47/03 Allevamento Avicolo Del. 88 Equino con maneggio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD17U ATTIVITÀ 22.19.09 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN ATTIVITÀ 22.21.00 FABBRICAZIONE DI LASTRE, FOGLI, TUBI E

STUDIO DI SETTORE UD17U ATTIVITÀ 22.19.09 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN ATTIVITÀ 22.21.00 FABBRICAZIONE DI LASTRE, FOGLI, TUBI E STUDIO DI SETTORE UD17U ATTIVITÀ 22.19.09 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN GOMMA NCA ATTIVITÀ 22.21.00 FABBRICAZIONE DI LASTRE, FOGLI, TUBI E PROFILATI IN MATERIE PLASTICHE ATTIVITÀ 22.22.00 FABBRICAZIONE

Dettagli

FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Corsi obbligatori di formazione generale e specifica secondo: D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. Provv. 16/03/2006 - Provv. 30/10/2007 DM 04/05/1998 Accordo Stato-Regioni

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 TAC (Tessile Abbigliamento

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - FALEGNAME - Il falegname

Dettagli

MAW MEN AT WORK SPA Agenzia per il lavoro Aut. Min. Prot. 1131sg

MAW MEN AT WORK SPA Agenzia per il lavoro Aut. Min. Prot. 1131sg MAW MEN AT WORK SPA Agenzia per il lavoro Aut. Min. Prot. 1131sg Filiale di Bassano del Grappa - Piazzetta delle poste 8-36061 Tel. 0424529404; fax 0424220012 mail. lavoro.bassano@maw.it RICERCHE ATTIVE:

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

Lo «stato di salute» delle figure professionali in provincia di Cremona

Lo «stato di salute» delle figure professionali in provincia di Cremona Lo «stato di salute» delle figure professionali in provincia di Cremona Claudia Graziani, Gloria Ronzoni 6 Marzo 2014 CRISP Interuniversity Research centre On public services University of Milano - Bicocca

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD09B ATTIVITÀ 16.24.00 ATTIVITÀ 33.19.01 TAGLIO E PIALLATURA DEL LEGNO

STUDIO DI SETTORE UD09B ATTIVITÀ 16.24.00 ATTIVITÀ 33.19.01 TAGLIO E PIALLATURA DEL LEGNO STUDIO DI SETTORE UD09B ATTIVITÀ 16.10.00 TAGLIO E PIALLATURA DEL LEGNO ATTIVITÀ 16.21.00 FABBRICAZIONE DI FOGLI DA IMPIALLACCIATURA E DI PANNELLI A BASE DI LEGNO ATTIVITÀ 16.24.00 FABBRICAZIONE DI IMBALLAGGI

Dettagli

Sviluppo & Ambiente S.r.l.

Sviluppo & Ambiente S.r.l. Sviluppo & Ambiente S.r.l. via G. Leopardi, 231 80125 Napoli tel. 081/5937455 333/9996324 www.sviluppoeambiente.it CORSO PER COORDINATORE IN MATERIA DI SICUREZZA E DI SALUTE DURANTE LA PROGETTAZIONE E

Dettagli

$17$/9,9,(1 37040 BOSCHI SANT 5($ 374016 $/%2 139286 $WWLYLWj COSTRUZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI E NON RESIDENZIALI (DAL 15/10/2009).

$17$/9,9,(1 37040 BOSCHI SANT 5($ 374016 $/%2 139286 $WWLYLWj COSTRUZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI E NON RESIDENZIALI (DAL 15/10/2009). $,'8%,*2',1,',=(5%$72*,25*,$ 37060 CASTEL D AZZANO 5($ 381205 $/%2 139297 $WWLYLWj ACCONCIATORE (DAL 23/11/2010) $1*(/,125$&,1*',58%(57,$1*(/2 37067 VALEGGIO SUL MINCIO 5($ 380565 $/%2 138934 $WWLYLWj

Dettagli

COMUNE DI OLGIATE OLONA

COMUNE DI OLGIATE OLONA COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese N. prot. 15054 Giugno 2013 Spett.le Ditta OLGIATE OLONA OGGETTO: Rinnovo autorizzazione al conferimento di rifiuti assimilabili anno 2013 Con la presente si

Dettagli

Catalogo Corsi ADIFER PUGLIA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Catalogo Corsi ADIFER PUGLIA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE Formazione del datore di lavoro RSPP Pagina Durata in ore Costo Datore di lavoro RSPP (rischio B-M-A) 4 16-32-48 180-350-450

Dettagli

Lombardia e Internazionalizzazione

Lombardia e Internazionalizzazione Lombardia e Internazionalizzazione Competizione globale tra rischi ed opportunità V Assise degli Amministratori Camerali della Lombardia 18 novembre 2008 Andrea Moltrasio Vice Presidente di Confindustria

Dettagli

TABELLA 1 Codice CER Descrizione R13 R12 SC R12 EI/A/DR/RV R3 02.01.04 rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) 03.01.01 scarti di corteccia e sughero 03.01.05 04.01.08 segatura, trucioli, residui

Dettagli

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE

GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE GUIDA ALLA FORMAZIONE DELLE PRINCIPALI FIGURE IMPIEGATE IN AMBITO SICUREZZA AZIENDALE La presente ha come scopo quello di riassumere i principali profili normativi individuati dal D.lgs. 81/2008 focalizzando

Dettagli

FIGURE DI RIFERIMENTO RELATIVE ALLE QUALIFICHE PROFESSIONALI DI CUI AL REPERTORIO NAZIONALE DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

FIGURE DI RIFERIMENTO RELATIVE ALLE QUALIFICHE PROFESSIONALI DI CUI AL REPERTORIO NAZIONALE DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 I Parte FIGURE DI RIFERIMENTO RELATIVE ALLE QUALIFICHE PROFESSIONALI DI CUI AL REPERTORIO NAZIONALE DELL OFFERTA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE I PARTE FIGURE DA 1 a 11 1 INDICE DELLE

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

3- IL PROFILO SOCIALE DEI RESIDENTI IN CITTÀ 3.5 I SETTORI DA CUI SI ESCE LINK APPENDICI PER CIRCOSCRIZIONE

3- IL PROFILO SOCIALE DEI RESIDENTI IN CITTÀ 3.5 I SETTORI DA CUI SI ESCE LINK APPENDICI PER CIRCOSCRIZIONE % persone in mobilità per settore ATECO a 2 e 4 cifre delle aziende presenti nella Circoscrizione 1 Codice attività economica (ATECO) 2 cifre Codice attività economica (ATECO) 4 cifre % su tot. Circ. %

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti

Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti dell accordo Rep. 221 del 21/12/2011 e 223 del 21/12/2011 Stato/Regione Sono obbligate a possedere tutte le

Dettagli

Made in Italy. Cycle

Made in Italy. Cycle Cycle Made in Italy Cycle CICLO DI PRODUZIONE Il ciclo produttivo aziendale è completo e particolarmente specializzato per i modelli standard normalmente prodotti dall azienda. Prevede un ottima flessibilità

Dettagli

Il processo conciario. le operazioni chimiche

Il processo conciario. le operazioni chimiche Il processo le operazioni chimiche Rinverdimento - riportare le pelli al grado di umidità naturale (in seguito alla conservazione) - pulire le pelli dalla sporcizia più grossolana - solubilizzare le proteine

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter)

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI (L.R. 13/00, art. 4, comma 3-ter) G BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE COMMERCIALI ALLEGATO B CODICI ATECO AMMISSIBILI PER IL BANDO 2008 COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI, MOTOCICLI E DI

Dettagli

ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI

ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI COMPARTO LAVORI D'UFFICIO STUDI PROFESSIONALI AREA PROFESSIONALE Segreteria e area impiegatizia Impiegato d'ordine in genere Segretario Segretario cassa ed amm.ne Impiegato

Dettagli

All. 4 ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI

All. 4 ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI All. 4 ELENCO COMPARTI / AREE PROFESSIONALI COMPARTO LAVORI D'UFFICIO STUDI PROFESSIONALI Segreteria e area impiegatizia Addetto ai lavori di amministrazione e contabilità Addetto all'ufficio tecnico Studi

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD17U ATTIVITÀ 22.19.09 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN GOMMA NCA ATTIVITÀ 22.21.00 FABBRICAZIONE DI LASTRE, FOGLI, TUBI E PROFILATI IN MATERIE PLASTICHE ATTIVITÀ 22.22.00 FABBRICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CORSI

PROGRAMMAZIONE CORSI PROGRAMMAZIONE CORSI PRESENTAZIONE Il Dipartimento sui Rapporti di Lavoro sulle Relazioni Industriali della dell Università degli Studi di Bari organizza corsi per Responsabili e Addetti al Servizio di

Dettagli

Studi di. settore QUESTIONARIO PER L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE MODELLO ESD09 AGENZIA DELLE ENTRATE. Codice attività EURO

Studi di. settore QUESTIONARIO PER L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE MODELLO ESD09 AGENZIA DELLE ENTRATE. Codice attività EURO AGENZIA DELLE ENTRATE Studi di settore QUESTIONARIO PER L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE MODELLO ESD09 Codice attività 20.10.0 Taglio, piallatura e trattamento del legno; 20.20.0 Fabbricazione di fogli

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - CARPENTIERE IN METALLO

Dettagli

DB174 Confezionamento di articoli in tessuto, esclusi gli articoli di vestiario D B 17

DB174 Confezionamento di articoli in tessuto, esclusi gli articoli di vestiario D B 17 Allegato n. 7 Settori della sezione D (ISTAT 1991), per i quali è prevista la premialità codice istat descrizione SEZIONE SOTTSEZ DIVISIO DB17 INDUSTRIE TESSILI D B 17 DB171 Preparazione e filatura di

Dettagli

7 OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Confezioni industriali 14 OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO - Sartoria 21 OPERATORE DELLE CALZATURE

7 OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Confezioni industriali 14 OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO - Sartoria 21 OPERATORE DELLE CALZATURE RACCOLTA RIASSUNTIVA DEGLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO RELATIVI ALLE COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE IN REGIONE LOMBARDIA Partendo

Dettagli

Direttive di assemblaggio System PFS

Direttive di assemblaggio System PFS Direttive di assemblaggio System PFS INDICE 1. INDICAZIONI GENARALI 3 2. PROFILI METALLICI DI RINFORZO 9 3. SISTEMI DI DRENAGGIO 19 4. GIUNZIONE MECCANICA DELLA TRAVERSA 31 5. LAVORAZIONI ELEMENTI COMPLEMENTARI

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione

Area Formazione. Ettore Romanò Responsabile Area Formazione FORMAZIIONE OBBLIIGATORIIA IIN MATERIIA DII SIICUREZZA E SALUTE NEII LUOGHII DII LAVORO (art. 34 D. Lgs. 81/08 art. 37, comma 2, D. Lgs. 81/08) Caro imprenditore, i nuovi Accordi Stato Regioni hanno radicalmente

Dettagli