Torino Martedì, 9 novembre 2010 a cura di Stefano Garelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Torino Martedì, 9 novembre 2010 a cura di Stefano Garelli"

Transcript

1 NUOVA NORMATIVA SULLE PRESTAZIONI DI SERVIZI ASPETTI CRITICI Torino Martedì, 9 novembre 2010 a cura di Stefano Garelli 1

2 TRATTAMENTO IVA DELLE OPERAZIONI ITER LOGICO In relazione alle singole operazioni poste in essere in veste di fornitore o di acquirente occorre rispondere alle seguenf domande: E una cessione di beni o una prestazione di servizi? Se si traka di una prestazione di servizi: è una prestazione che rientra nelle DEROGHE? Se la risposta è SI: applicare la deroga; Se la risposta è NO: applicare la regola generale (Paese del commikente) L esame dell operazione deve essere compiuto in base al CONTRATTO (anche nella forma di ordine e conferma d ordine), il quale esprime la VOLONTA DELLE PARTI, tenendo presente la sostanza dell operazione posta in essere. 2

3 SITUAZIONI OPERATIVE COMPLESSE Prestazione accessoria ad altra operazione Prestazioni di lavorazione con aggiunta di materiali da parte dell esecutore della lavorazione Cessione più conto lavorazione Prestazioni di riparazione / manutenzione con aggiunta di materiali da parte del prestatore Fornitura di beni con installazione /montaggio Realizzazione di beni in base a contrako d appalto con loro invio all estero ContribuF in conto stampi Servizi relafvi a stand fierisfci Risarcimento danni, penalità contrakuali e corrispe[vo di prestazione di servizi 3

4 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE CONCETTO Ar?colo 12 del Dpr n. 633/1972 ( cessioni e prestazioni accessorie ): Il trasporto, la posa in opera, l'imballaggio, il confezionamento, la fornitura di recipienf o contenitori e le altre cessioni o prestazioni accessorie ad una cessione di beni o ad una prestazione di servizi, effehua? direhamente dal cedente o prestatore ovvero per suo conto e a sue spese, non sono sogge[ autonomamente all'imposta nei rapporf fra le parf dell'operazione principale.. Risoluzione n. 222/E del 3 giugno 2008: Per la sussistenza del rapporto di accessorietà è necessaria, ma non sufficiente, la convergenza di tuke le prestazioni nella direzione della realizzazione di un unico obie[vo,. E altresì necessario,, un nesso di dipendenza funzionale delle prestazioni accessorie rispeko alla prestazione principale. Occorre in parfcolare che le prestazioni accessorie siano effekuate proprio per il fako che esiste una prestazione principale, in combinazione con la quale possono portare ad un determinato risultato perseguito. Conclusivamente, sono accessorie solo le operazioni poste in essere dal medesimo soggeho in necessaria connessione con l operazione principale alla quale, quindi, accedono e che hanno, di norma, la funzione di integrare, completare o rendere possibile la deha prestazione o cessione principale. 4

5 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 25 febbraio Card Protec?on Plan Ltd (CPP) contro Commissioners of Customs & Excise. Causa C 349/96 2 Per decidere, ai fini dell'iva, se una prestazione di servizi che è composta da più elemen= debba essere considerata come una prestazione unica o come due o più prestazioni autonome che devono essere valutate separatamente, si deve tener conto della duplice circostanza che, da un lato, dall'art. 2, n. 1, della sesta direava 77/388 discende che ciascuna prestazione di servizi dev'essere considerata di regola come autonoma e indipendente e che, dall'altro, la prestazione cos=tuita da un unico servizio sogo il profilo economico non dev'essere ar=ficialmente divisa in più par= per non alterare la funzionalità del sistema dell'imposta sul valore aggiunto. ( ) Una prestazione dev'essere considerata accessoria ad una prestazione principale quando essa non cos=tuisce per la clientela un fine a sé stante, bensì il mezzo per fruire nelle migliori condizioni del servizio principale offerto dal prestatore. In tale circostanza, il fago che un prezzo unico sia fagurato non riveste un'importanza decisiva. In base all analisi dell operazione condoka con i criteri sopra illustraf, è possibile addivenire alla conclusione: O che si traka di PIU PRESTAZIONI AUTONOME, tuke dotate di pari dignità: occorre applicare le regole previste per le singole prestazioni; O che si traka, in sostanza, di un UNICA PRESTAZIONE (composta da una prestazione prevalente e da una o più prestazioni accessorie le quali seguono la sorte della prestazione prevalente): occorre applicare la regola della prestazione prevalente. 5

6 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE ESEMPI Impresa italiana vende merce con la condizione di resa franco des?no ad un impresa francese con invio della merce in Francia: il trasporto addebitato nella stessa fakura di vendita della merce o mediante fakura successiva è una prestazione accessoria alla vendita e ne segue le sorf (arfcolo 41/1/a); la prestazione del trasportatore è una prestazione autonoma; se si traka di trasportatore italiano emeke fakura con Iva; Impresa italiana vende merce con al condizione di resa franco partenza ; il cliente estero, successivamente (con accordo separato che non modifica la condizione di resa) incarica l impresa italiana di organizzare il trasporto; pareri discordi; secondo alcuni la prestazione di trasporto è autonoma, secondo altri la prestazione di trasporto è accessoria; 6

7 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE ESEMPI Impresa italiana acquista merce da impresa tedesca, con la condizione di resa franco partenza ; il trasporto viene eseguito da vekore italiano: l impresa italiana numera e integra con Iva la fakura del fornitore tedesco; il trasporto è una prestazione autonoma; il vekore italiano emeke fakura con Iva; Impresa italiana, in base a contraho, fornisce un macchinario con installazione e montaggio a sue spese; la prestazione di installazione e montaggio è accessoria all operazione principale (sia che venga addebitata nella stessa fakura del macchinario che con fakura successiva). 7

8 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE Circolare n. 43/E del 6 agosto 2010 Nella risposta che segue l Agenzia delle Entrate ha negato l accessorietà delle spese di trasporto rispeho alla cessione gratuita di beni. Era opinione prevalente che in tale evenienza l operazione diventasse (nel suo complesso) una operazione onerosa. 2. Nel caso di fahure emesse per documentare l invio di campioni gratui? di merce a clien? stabili? in altri Sta? membri, ai quali vengono addebitate le sole spese di trasporto, quali sono gli adempimen? ai fini degli elenchi Intrastat? Le cessioni di campioni gratuif non cosftuiscono cessioni intracomunitarie, in quanto prive del requisito dell onerosità, cui fa espresso riferimento l art. 41 del D.L. n. 331 del 1993 e, conseguentemente, non devono essere riepilogate negli elenchi Intrastat (cfr. circ. n. 13 del par. B.15.1.a). TuKavia, nel caso in cui al cliente vengano addebitate le spese di trasporto dei campioni gratuif, queste assumono autonoma rilevanza, quale corrispe[vo della prestazione di trasporto. Quest ulfma prestazione, resa nei confronf di un commikente soggeko passivo d imposta stabilito in altro Stato membro, rientra tra le prestazioni generiche, disciplinate dall art. 7 ter del D.P.R. n. 633 del 1972 e come tale va inserita negli elenchi riepilogafvi relafvi ai servizi resi. 8

9 PRESTAZIONI DI LAVORAZIONE CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DELL ESECUTORE DELLA LAVORAZIONE Risoluzione n. 272/E del 28/9/2007 Impresa italiana riceve in conto lavoro da società tedesca materiali per il valore di 25 (che restano di proprietà della società tedesca). L impresa italiana, nel corso del processo produ[vo, aggiunge 30 di materiali di sua proprietà e aggiunge 45 di lavoro. Al termine l impresa italiana fakura alla società tedesca 75. Nella Risoluzione citata, premesso che secondo la società istante le par? hanno considerato principale ed essenziale l'aavità di lavorazione, viene affermato che:. il valore dei beni, anche nella considerazione della citata Circolare n. 145, non e' irrilevante nella qualificazione dell'operazione. Piu' precisamente, al fine di disfnguere in concreto se una determinata operazione rientri nel conceko di cessione ovvero di prestazione occorre fare riferimento a diversi criteri, tra cui assume parfcolare rilevanza la volontà delle par?. Alla luce di quanto sopra esposto, con riferimento alla fa[specie oggeko dell'interpello, occorre rilevare che: secondo i canoni ermeneufci di interpretazione dei contra[ di cui agli arfcoli 1362, 1363 e 1366 del Codice Civile richiamaf dalla Corte di Cassazione nella sentenza n del 15 giugno 1999, emerge l'intenzione dei contraenf di dar vita ad un contrako d'opera e, quindi, ad una prestazione di servizi; la lavorazione posta in essere dal soggeko nazionale, pur con l'aggiunta di elemenf senza i quali il bene finito sarebbe del tuko inidoneo all'uso, e' comunque direka a trasformare il bene, anche per la parte fornita dal commikente, in corrispondenza con le aspekafve e con gli interessi contrakuali di quest'ulfmo.. 9

10 PRESTAZIONI DI LAVORAZIONE CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DELL ESECUTORE DELLA LAVORAZIONE FRANCIA OPÉRATIONS À FAÇON (D.Adm. 3A.1151 del 20 okobre 1999) Pour qu'existe un véritable marché de façon, quatre condifons doivent être respectées : 171. Le façonnier ne doit pas devenir propriétaire des biens apportés par le donneur d'ouvrage (son client) ; 182. Il n'est pas nécessaire que toutes les ma?ères premières u?lisées soient apportées par le donneur d'ouvrage ; le façonnier peut fournir une certaine quanfté de mafère complémentaire. PraFquement il est admis qu'il y a «marché de façon» chaque fois que la valeur des ma?ères apportées par le donneur d'ouvrage, augmentée des frais de façon, excède la valeur des produits fournis par le façonnier. Quand ceke condifon n'est pas safsfaite, l'opérafon s'analyse en un marché de fournitures Les matériaux apportés par le client doivent être res?tués à l'iden?que ou, sous certaines condi?ons, à l'équivalent Les opéra?ons de façon doivent conduire à la réalisa?on d'un produit nouveau par l'entrepreneur de l'ouvrage. 10

11 PRESTAZIONI DI LAVORAZIONE CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DELL ESECUTORE DELLA LAVORAZIONE Sentenza Corte GiusFzia Ue causa C 88 /09 dell'11 febbraio 2010 ArFcolo 7 della proposta di rifusione Regolamento n. 1777/2005 Sentenza Corte Gius?zia Ue:.l aavità di reprografia risponde alle caraheris?che di una cessione di beni laddove si limi? ad una semplice operazione di riproduzione di documen? su suppor?, mentre il potere di disporre di ques? ul?mi viene trasferito dal reprografo al cliente che ha ordinato le copie dell originale. SiffaHa aavità deve invece essere qualificata come «prestazione di servizi» ai sensi dell art. 6, n. 1, della sesta direava 77/388, quando risulta che essa si accompagna a prestazioni di servizi complementari idonee, alla luce dell importanza che rivestono per il des?natario, del tempo che la loro esecuzione richiede, del trahamento di cui i documen? originali necessitano e della parte del costo totale che tali prestazioni di servizi rappresentano, a rives?re carahere predominante rispeho all operazione di cessione dei beni, in modo tale da cos?tuire un fine a sé stante per il loro des?natario.. Ar?colo 7 della proposta di rifusione del Regolamento 1777/2005: 1. Le operazioni seguenf sono considerate cessione di beni ai sensi dell arfcolo 14 della dire[va 2006/112/CE: a) il trakamento di fotografie digitali, qualora le fotografie stampate siano fornite all acquirente; b) la stampa di pubblicazioni su carta qualora il fornitore fornisca all acquirente anche i materiali. 11

12 CESSIONE E CONTO LAVORAZIONE Circolare n. 36/E del 21 giugno 2010, risposta n Un azienda produhrice di sedie riceve dai propri clien? comunitari il tessuto per il rives?mento delle stesse. Successivamente vende il prodoho finito ai medesimi clien?. Si chiede se sia correho considerare la vendita della sedia come cessione anche se il tessuto è in conto lavoro. Inoltre, tenuto conto che sulla fahura normalmente viene addebitato il costo del trasporto, si chiede se, ai fini della compilazione degli elenchi riepiloga?vi delle operazioni intracomunitarie, sia obbligatorio indicarlo separatamente come prestazione di servizio. L azienda realizza una cessione di beni e, pertanto, deve compilare il relafvo modello, in cui deve inserire, in applicazione del criterio dell accessorietà (art. 12 del D.P.R. n. 633 del 1972) le spese di lavorazione del tessuto e le spese di trasporto addebitate al cliente comunitario. Ulterioriori adempimen?: annotazione della tessuto ricevuto sull apposito registro di carico / scarico di cui all ar?colo 50, comma 5, del Dl n. 331/1993; presentazione Intra sta?s?co (se contribuente mensile ai fini Intra) per segnalare l arrivo e la spedizione dei beni. 12

13 RIPARAZIONE CON AGGIUNTA MATERIALI DA PARTE DEL PRESTATORE Circ. n. 36/E risposta n Si chiede un chiarimento in merito alla compilazione dei nuovi elenchi Intrastat per quanto riguarda le fahure rela?ve alle riparazioni di beni mobili. Per alcuni clien? comunitari è necessario ogni tanto eseguire delle riparazioni su macchine che gli stessi ci res?tuiscono danneggiate. Nel caso di riparazioni onerose, nella stessa fahura noi anno?amo dis?ntamente i pezzi di ricambio (che sos?tuiscono quelli difehosi o danneggia?) con i rela?vi valori, e la manodopera, anche questa con il rela?vo valore. Nel caso di riparazioni a Ftolo oneroso richieste a clienf comunitari, posto che si traka di operazioni non rilevanf nel territorio dello Stato ai sensi dell art. 7 ter del D.P.R. n. 633 del 1972, deve essere compilato il modello Intrastat riepilogafvo dei servizi resi per la parte relafva all effekuazione della prestazione di riparazione, con l indicazione del corrispe[vo, che sarà comprensivo anche del valore del bene sosftuito. Al contrario, non deve essere compilato ai fini fiscali l Intrastat relafvo ai beni. Ulteriori adempimen?: annotazione dei beni ricevu? in riparazione sull apposito registro di carico / scarico di cui all ar?colo 50, comma 5, del Dl n. 331/

14 RIPARAZIONE CON AGGIUNTA MATERIALI DA PARTE DEL PRESTATORE DOTTRINA E HMRC REGNO UNITO In relazione a tale operazione, è stato affermato (Ine Lejeune, Silvia Kotanidis, Sofie Van Doninck (PWC) The New EU Place of Supply Rules from a Business PerspecFve, op. cit. p. 101) che: "On the basis of the judgment of the European CouK of JusFce (Card ProtecFon Plan, , case C 349/96) it can be argued that the supply of spare parts is ancillary to the repair service because the supply of spare parts does not consftute for the customer an "aim in itself" but a means of beker enjoying the principal (repair) service". Nel documento No?ce 741/A, January 2010, punto 8.6.3, viene affermato che: How do I treat goods supplied with my services? Any goods used in conjuncfon with the work performed, such as spare parts, paint, and so on, should be treated as part of the supply of services. OCCORRE ANALIZZARE LA SITUAZIONE CONCRETA. UN AIUTO ALL ANALISI E COSTITUITO DAL CONFRONTO TRA IL VALORE DEL DARE E IL VALORE DEL FARE (ivi compresi i rimborsi spese di viko, viaggio e alloggio dei tecnici che hanno eseguito l intervento) 14

15 RIPARAZIONE DI VEICOLI CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DEL PRESTATORE FRANCIA Décision de rescrit du 15 septembre 2009 n 2009/49 En présence d'une opéra?on cons?tuée par un faisceau d'éléments et d'actes, la Cour de jusfce des Communautés européennes considère qu'il convient de prendre en considérafon toutes les circonstances dans lesquelles se déroule l'opérafon en quesfon, aux fins de déterminer, d'une part, si l'on se trouve en présence de deux ou plusieurs prestafons disfnctes ou d'une prestafon unique et, d'autre part, si dans ce dernier cas, ceke prestafon unique doit être qualifiée de livraison de biens ou de prestafon de services A Ftre de règle pra?que, si la valeur des pièces n'excède pas 50 % du coût de l'opérafon, l'opérateur peut être considéré comme rendant une prestafon de services, dans le cas contraire il est réputé rendre une livraison de biens accompagnée d'un montage. NB: La regola sopra prevista è stata pronunciata con riferimento alle riparazioni di veicoli. Negli altri casi si applicano le considerazioni delineate dalla Sentenza Corte di GiusFzia 29 marzo 2007, causa C 115/05 per la fornitura con posa in opera. 15

16 FORNITURA DI UN BENE CON INSTALLAZIONE / MONTAGGIO Sentenza Corte GiusFzia 29 marzo 2007, causa C 115/05 Un operazione che riguarda la fornitura e la posa in opera di un cavo a fibre oache che collega due Sta? membri ed è collocato in parte fuori dal territorio della Comunità deve essere considerata come una cessione di beni ai sensi dell art. 5, n. 1, della sesta direava 77/388, in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Sta? membri rela?ve alle imposte sulla cifra di affari, come modificata dalla direava del Consiglio 2002/93, quando risulta che, in seguito ai collaudi esegui? dal fornitore, il cavo sarà trasferito al cliente, che potrà disporne come proprietario, che il prezzo del cavo vero e proprio rappresenta una parte chiaramente preponderante del costo totale della deha operazione e che i servizi del fornitore si limitano alla posa in opera del cavo, senza alterarne la natura e senza adaharlo alle esigenze specifiche del cliente. 16

17 FORNITURA DI UN BENE CON INSTALLAZIONE / MONTAGGIO BELGIO Décision n E.T dd Devant les difficultés qui sont parfois rencontrées pour qualifier en livraisons de biens ou en prestafons de services certaines opérafons comportant à la fois la fourniture d'un bien et son installa?on ou son montage sur un bien meuble, l'administrafon a été amenée à réexaminer l'ensemble de la problémafque et il a été décidé d'adopter les règles suivantes: lorsque la valeur des biens fournis et placés à l'occasion de l'opérafon est inférieure à 50 p.c. du prix total dû par l'acheteur ou le preneur, l'opérafon doit être considérée pour le tout comme une prestafon de services, dont la localisafon est réglée par l'arfcle 21, 3, 2 du Code de la TVA; dans les autres cas, l'opérafon s'analyse pour le tout comme une livraison de biens, localisée conformément à l'arfcle 15, 2, alinéa 2, 1 ou 2, du même Code

18 REALIZZAZIONE DI BENI IN BASE A CONTRATTO D APPALTO CON LORO INVIO ALL ESTERO L arfcolo 3 del Dpr n. 633/1972 afferma che: CosFtuiscono prestazioni di servizi le prestazioni verso corrispe[vo dipendenf da contra[ d'opera, appalto, trasporto, mandato, spedizione, agenzia, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, di non fare e di permekere quale ne sia la fonte.. Circolare del 03/08/1979 n. 26 Min. Finanze Tasse e Imposte IndireHe sugli Affari I.v.a. RapporF di scambio con l'estero ed operazioni assimilate ESPORTAZIONI La nuova formulazione dell'art. 8 prevede che cosftuiscono cessioni all'esportazione: a) le cessioni che hanno per oggeko beni inviaf all'estero o comunque fuori del territorio doganale a cura o a nome del cedente, considerandosi tali le consegne all'estero di beni anche in dipendenza di contraa di appalto, limitatamente al corrispeavo dei beni esporta?. 18

19 CONTRIBUTI IN CONTO STAMPI Circolare n. 43/E del 6 agosto Una società italiana produce calzature. Tale società addebita al proprio cliente inglese i cos? di sviluppo dei nuovi stampi occorren? per il campionario che viene commissionato dal predeho soggeho non residente. Si chiede quali siano gli adempimen? ai fini Intrastat. La costruzione di stampi per conto di un commikente comunitario è stata già esaminata nella circolare n. 13 del 1994, nel paragrafo B.2.3, ove è stato precisato che la realizzazione (costruzione direga o acquisto da terzi secondo la norma=va interna) per conto di un commigente comunitario di stampi da u=lizzare in Italia per la produzione, a mezzo degli stessi, di beni da inviare nell'altro Stato membro, è da inquadrare nell'ambito di cessioni intracomunitarie qualora: tra il commigente e l operatore nazionale venga s=pulato un unico contra3o di appalto avente ad oggego sia la realizzazione dello stampo sia la fornitura dei beni che con esso si producono; lo stampo, a fine lavorazione, venga inviato nell altro Paese comunitario, a meno che, in conseguenza dell'ordinario processo di produzione o per accordi contraguali, sia distrugo o sia divenuto ormai inservibile; (..) L'operatore nazionale, pertanto, in presenza di dege condizioni, è legiamato ad emegere fagura non imponibile ai sensi dell art. 41, comma 1, legera a). Qualora ricorrano le predeke condizioni, la lavorazione dello stampo deve considerarsi come accessoria alla cessione dei beni. Pertanto, la suddeka prestazione non assume un autonoma configurazione giuridica né ai fini della fakurazione, né ai fini della compilazione degli elenchi Intrastat. Qualora non ricorrano le condizioni sopraindicate, lo sviluppo degli stampi per la fabbricazione di calzature richiesto dal cliente inglese configura l esecuzione di una prestazione di servizio generica e, come tale, da includere nei modelli riepiloga?vi come servizio reso. 19

20 CONTRIBUTI IN CONTO STAMPI Esperienza italiana ITALIA: Risoluzione del 17/08/1996 n. 186 Min. Finanze Dip. Entrate Aff. Giuridici Serv. VII IVA. CosF di lavorazione per la stampa di films addebitaf al cliente separatamente dal prezzo del prodoko finito. Sintesi: Una societa' produkrice di films plasfci sfpula con societa' residenf in altri paesi dell'u.e. contra[ di cessione di de[ beni. Per la stampa di de[ films uflizza, oltre ad un nucleo ferroso, una soprapellicola in metallo che viene distruka automafcamente al termine di ogni commessa ed il cui costo viene addebitato al cliente separatamente dal prezzo dei films prodo[ quale "contributo incisioni cilindri". DeKo contributo in base agli ark. 12 e 13 del DPR 26/10/72 n. 633, rientra nella base imponibile del films ceduto che comprende oltre al prezzo dei beni prodo[ anche gli oneri e spese concernenf l'esecuzione. Ai sensi dell'art. 41 della L. 427/93 le predeke cessioni sono non imponibili... NB: alcuni operatori considerano il contributo in conto stampi come un compenso per il diriko di uflizzare in via esclusiva lo stampo di proprietà del fornitore. In base a tale ulfma impostazione, si traka di una prestazione di servizi generica (obbligo di fare): Sino al 31 dicembre 2009: da assoggekare a Iva; A parfre dal 1 gennaio 2010: applicazione del meccanismo del reverse charge 20

21 CONTRIBUTI IN CONTO STAMPI Esperienza di altri Paesi Ue 21

22 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva sino al 31 dicembre 2009 Sulla base della prassi italiana, sino al 31 dicembre 2009, era possibile disfnguere tra 3 Fpologie di operazioni: 1) Locazione / noleggio di strukure mobili a commikenf espositori o a sogge[ organizzatori: locazione / noleggio di beni mobili materiali (arfcolo 7, 4 comma, lekera d); 2) Semplice realizzazione di stand con materiali leggeri portaf in loco e successivamente smalff: servizi relafvi a beni mobili materiali (arfcolo 7, 4 comma, lekera b); 3) Realizzazione di strukure incorporate nel suolo: servizi relafvi a beni immobili (arfcolo 7, 4 comma, lekera a). NB: non mancavano comunque Risoluzioni con tesi avverse. 22

23 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva anno 2010 A seguito innovazioni Iva 2010, notevoli dubbi interpretafvi: Franco Ricca, Noleggio di stand con Iva in loco, Italia Oggi, 6 febbraio 2010, in base a sentenza Corte GiusFzia Ue del 26 sekembre 1996, causa C 327/94, propendeva per la disfnzione tra: Prestazioni eseguite nei confronf degli organizzatori della manifestazione: servizi fierisfci, arfcolo 7 quinquies; Prestazioni eseguite nei confronf delle imprese espositrici: servizi generici, arfcolo 7 ter Direzione Regionale del Veneto, Renato Portale e GP Tosoni, Le fiere restano fuori dal Modello Intrastat: le prestazioni eseguite, indipendentemente dalla natura del commihente, sono qualificabili come prestazioni fierisfche, arfcolo 7 quinquies; obbligo di idenfficazione Iva nel Paese della manifestazione (se il commikente non è stabilito in tale Paese). Comportamento pra?co delle imprese italiane.. 23

24 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva anno 2010 Il trakamento Iva delle prestazioni in parola presenta diversità interpretafve a seconda dei singoli Paesi Ue: Francia:Lorsque dans le cadre d'une foire commerciale ou manifestafon similaire, un assujea fournit un ensemble complexe de services à un exposant pour un prix global, cet ensemble de services doit être considéré comme un service unique qui, comprenant diverses composantes qui ne peuvent être scindées, se rahache à la catégorie des presta?ons visées à l'ar?cle 259 A 5 a33. Ces disposi?ons sont également applicables aux presta?ons fournies par les sous traitants au?tulaire du marché.. Regno Unito: considera le prestazioni di allesfmento stand come prestazioni di carakere fierisfco: Services relafng to a specific exhibifon. This includes carpenters and electricians erecfng and fi[ng out stands at exhibifon venues. Germania: in base ad una Circolare del 4 sekembre 2009, viene operata la disfnzione tra: Servizi prestaf nei confronf del soggeko organizzatore: servizi fierisfci (nostro arfcolo 7 quinquies); Servizi resi nei confronf delle imprese espositrici: servizi relafvi a beni immobili (nostro arfcolo 7 quater, lekera a); Austria: come Germania 24

25 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva a par?re dal 1 gennaio 2011 A par?re dal 1 gennaio 2011: occorre disfnguere tra 2 situazioni: 1) Prestazioni eseguite nei confron? di operatori economici (B2B): servizio generico, arfcolo 7 ter; Paese del commikente; 2) Prestazioni eseguite nei confron? di consumatori finali (B2C) (ad esempio, enf non commerciali puri, privi di numero idenfficafvo Iva): servizio fieris?co, arfcolo 7 quinquies; presumibilmente in alcuni Paesi Ue confnuerà a valere la disfnzione tra commikenf organizzatori e commikenf espositori. NB: Nel caso di realizzazione di strukure incorporate nel suolo, confnuano a tornare applicabili le disposizioni in tema di servizi relafvi a beni immobili (arfcolo 7 quater, lekera a). 25

26 CORSI DI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE Risposta a Interpello CEIP (2008) PRESTAZIONI DI FORMAZIONE DEL PERSONALE (sino al 31 dicembre 2009: tra servizi dida[ci arfcolo 7, 4 comma, lek. b) e consulenze tecniche, arfcolo 7, 4 comma, lek. d) Riguardo alla disfnzione tra le due norme, nella risposta del 28 gennaio 2008, all interpello formulato dal CEIP Centro Estero per l Internazionalizzazione del Piemonte, l Agenzia delle Entrate ha affermato che:... l organizzazione di seminari e corsi di formazione a favore delle imprese piemontesi rientra nell ambito delle prestazioni di servizi dida[ci di cui all arfcolo 7, quarto comma, lekera b), del Dpr n. 633/ qualora le prestazioni in quesfone siano rese nel più generale contesto di un a[vità di consulenza e/o assistenza di carakere tecnico (configurando, pertanto, un singolo elemento di quest ulfma) le stesse saranno inquadrate tra le prestazioni di consulenza tecnica e legale.. 26

27 CORSI DI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE Circ. n. 36/E risposta n Si chiede se sussiste l obbligo di includere negli elenchi Intrastat i corsi di formazione ed addestramento del personale. Le prestazioni relafve a corsi di formazione e di addestramento del personale rientrano nella categoria delle prestazioni generiche e quindi sono da considerarsi territorialmente rilevanf in Italia quando ivi è stabilito il commikente soggeko passivo d imposta. Ne consegue che le prestazioni in discorso dovranno essere incluse negli elenchi Intrastat, faka eccezione per i casi in cui le stesse possono beneficiare dell esenzione dall imposta. A tale proposito si ricorda che le prestazioni in esame sono da considerare esenf ai sensi dell art. 10, primo comma, n. 20, del D.P.R. n. 633 del 1972, a condizione che siano rese da isftuf o scuole riconosciute da pubbliche amministrazioni e da ONLUS. Si traka di un interpretazione in contrasto con precedenf affermazioni dell Agenzia delle Entrate e con l orientamento di altri Paesi Ue (ad esempio: Francia e Regno Unito). DAL 1 GENNAIO 2011: comunque REGOLA GENERALE ART. 7 ter 27

28 RISARCIMENTO DANNI, PENALITÀ CONTRATTUALI E CORRISPETTIVO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI Si traka di situazioni in cui non vi è stato un esako adempimento degli obblighi contrakuali (ad esempio: merce non conforme). Le somme addebitate NON cosftuiscono il corrispe[vo di una prestazione di servizi, ma il risarcimento di un danno ingiustamente subito. Occorre disfnguere tra le seguenf situazioni: Il contraho prevede una penale ( clausola penale ): il soggeko che ha subito il danno addebita la penale; essa può essere qualificata come importo escluso dalla base imponibile dell'iva, ai sensi dell'arfcolo 15, primo comma, numero 1), del Dpr n. 633/1972, nel caso di "di penalità per ritardi o altre irregolarità nell'adempimento degli obblighi del cessionario o del commikente" o del secondo comma del medesimo arfcolo nel caso di "somme addebitate al cedente o prestatore a Ftolo di penalità per ritardi o altre irregolarità nella esecuzione del contrako ; Il contraho non con?ene una clausola penale : il soggeko che ha subito un danno, addebita una somma a Ftolo risarcitorio; l'operazione è fuori del campo di applicazione dell'iva, ai sensi dell'arfcolo 2, comma 3, lekera a), del Dpr n. 633/1972, mancando l'elemento ogge[vo del presupposto applicafvo. 28

29 RISARCIMENTO DANNI, PENALITÀ CONTRATTUALI E CORRISPETTIVO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI Riguardo alla prima Fpologia di somme, è stato affermato (Mario Mandò e Giancarlo Mandò, Manuale dell'imposta sul valore aggiunto, IPSOA, Milano, 1999, p. 279): "Non concorrono a formare la base imponibile, giusta l'art. 15 del Dpr n. 633, alcune somme che pur essendo addebitate alla controparte non hanno natura di vera e propria controprestazione...esse sono:1) le somme dovute a Ftolo di interessi moratori...lo stesso carakere hanno le < penalità > dipendenf da inadempienza o da ritardo di adempimento di obbligazioni (clausola penale: art c.c.): la clausola penale é, infa[, un mezzo di liquidazione, convenzionale e prevenfva, del danno". La Risoluzione n. 64/E del 23 aprile 2004, sull'argomento ha affermato che: "In generale la clausola penale, secondo il predominante orientamento dokrinale, ha la triplice funzione di rafforzare la possibilità di adempimento, di sanzionare la parte inadempiente, di risarcire il danno subito dalla controparte contrakuale. Sulla stessa linea si pone la Risoluzione n del 6 dicembre

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA

INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA Periodico quindicinale FE n. 03 22 marzo 2012 INTERMEDIAZIONI SU BENI MOBILI: LA DISCIPLINA IVA ABSTRACT Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE sono profondamente cambiate le regole per determinare

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

Iva nelle operazioni con l estero

Iva nelle operazioni con l estero Genova, 5 febbraio 2015 Iva nelle operazioni con l estero Dott.ssa Carla Bellieni Dott. Fabrizio Moscatelli 1 La territorialità delle operazioni L'IVA si applica sulle operazioni che soddisfano tre requisiti

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 2 luglio 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Con Circolare n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

RISOLUZIONE N. 36/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Reverse charge cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato

RISOLUZIONE N. 36/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Reverse charge cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato RISOLUZIONE N. 36/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 marzo 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Reverse charge cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato Con istanza di consulenza

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

GUIDA AL REVERSE CHARGE : IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' N.190-2014

GUIDA AL REVERSE CHARGE : IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' N.190-2014 GUIDA AL REVERSE CHARGE : IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' N.190-2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa normativa generale L'inversione contabile (o reverse charge) è una particolare modalità di assolvimento

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA SOMMARIO: 1. Premessa 2. Il concetto di stabile organizzazione ai fini IVA 3. La rilevanza territoriale della stabile organizzazione 4. La rilevanza

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni.

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni. Sezione prima - Aspetti generali Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Dal 1 gennaio 2010, oggetto di riepilogo negli appositi Modelli, non sono

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di Le risposte dell agenzia delle Entrate alle domande su Fisco e turismo fatte durante il Map, l evento che si è svolto ieri a Torino in collaborazione con Federturismo Confindustria e Sole 24 Ore, nell

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni

VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni Ordine dei Dottori Commercialisti Milano, 6 Ottobre 2010 Autofatture (art. 17 del DPR 26 ottobre 1972, n. 633) Si estendono i caso di autofattura: Reverse

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Circolare n. 05 del 21 febbraio 2011 A tutti i Clienti Loro sedi I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Come noto, dal 2010, sono state introdotte rilevanti novità in materia di territorialità

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

DEFINIZIONE FISCALE DI

DEFINIZIONE FISCALE DI DEFINIZIONE FISCALE DI BENE MOBILE E IMMOBILE CIRCOLARE N. 37/E/2011 di Stefano Setti Si ricorda che per le prestazioni di servizi generiche a decorrere dal 1 gennaio 2010 sono territorialmente rilevanti

Dettagli

REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI

REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI Circolare N. 27 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 aprile 2011 REVERSE CHARGE PER CELLULARI E MICROPROCESSORI: NUOVI CHIARIMENTI Dallo scorso 1 aprile vige l obbligo di applicazione del reverse

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N.447/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. ALFA SA. Utilizzo del numero identificativo IVA in Italia da

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Circolare N. 22 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 marzo 2011 REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Per le operazioni territorialmente rilevanti in Italia poste

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni

OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2013 OGGETTO: IVA. Prestazioni di servizi Momento di ultimazione questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni Pagina

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE

LA NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Introduzione INTRODUZIONE Introduzione INTRODUZIONE Per poter considerare rilevanti ai fini IVA le operazioni effettuate dagli operatori economici, deve sussistere contemporaneamente, oltre ai presupposti soggettivo, oggettivo

Dettagli

IVA - TELECOMUNICAZIONI - PRESTAZIONI - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE PRESTAZIONI

IVA - TELECOMUNICAZIONI - PRESTAZIONI - MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE PRESTAZIONI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 21 maggio 2013, n.16/e IVA. Prestazioni di servizi - Momento di ultimazione - questioni particolari attinenti al settore delle telecomunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista Quesiti pagina 1 di 27 Caso prospettato Un imprenditore va all'estero per eseguire dei lavori e sostiene spese per vitto. e alloggio. Gli viene emessa fattura con IVA per quelle UE e senza IVA per quelle

Dettagli

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative a cura di Marco Politano Torino Martedì, 08 novembre 2011 Modelli Intrastat Elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie di beni

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

Dottori Commercialisti e Revisori Contabili. Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE

Dottori Commercialisti e Revisori Contabili. Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE Pellizzer & Partners Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Circolare su LA PROVA DELLE CESSIONI COMUNITARIE DI BENI INDICAZIONI OPERATIVE Quando un impresa effettua una operazione di cessione intracomunitaria

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Il commercio elettronico di prodotti digitali

Il commercio elettronico di prodotti digitali UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso Allegato al n. 1/2013 Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Approfondimento a

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA Dott. Stefano Sgarzani COMMERCIALISTA Dott. Federico Mambelli Dott. Stefano Zanfini Dott.ssa Rita Santolini

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

La prova della cessione intracomunitaria

La prova della cessione intracomunitaria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 97 31.03.2014 La prova della cessione intracomunitaria Le maggiori difficoltà si rinvengono nelle cessioni con la clausola franco fabbrica Categoria:

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO

IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO IVA NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO VIES PAG.02 Sospensione soggettività Iva intracomunitaria operatori nazionali non iscritti nel VIES Relazione D.L. 78/2010 la norma in commento ha l obiettivo di regolare

Dettagli

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori,

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori, = Circolare n. 2/2013 21 gennaio 2013 Gentili Signore ed Egregi Signori, con la presente circolare abbiamo il desiderio di informarvi sulle numerose novità e modifiche in materia di imposta sul valore

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA

CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA 1 di 6 23/01/2015 20:26 CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA L'IVA, 4 / 2006, p. 25 Territorialità CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA Committeri Gian Marco;Pallaria Gianfranco Soggetti interessati Acquirenti

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 1 AGOSTO 2014 IN BREVE Proroga invio modello 770 e ravvedimento operoso del versamento delle ritenute Differimento al 20 agosto dei versamenti e degli adempimenti

Dettagli

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio

Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Nautica da diporto: territorialità IVA dei servizi di noleggio Premessa Il presente lavoro è finalizzato a fornire una descrizione della normativa italiana in materia di IVA nel settore della nautica da

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 337/E

RISOLUZIONE N. 337/E RISOLUZIONE N. 337/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 agosto 2008 Oggetto: Istanza d Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - IVA - Operazioni accessorie -

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DEI PROVVEDIMENTI ESTIVI 2013 Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi Dr. Stefano Maffi 9 ottobre 2013 Sala

Dettagli

OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISSIONE E REGISTRAZIONE FATTURE

OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISSIONE E REGISTRAZIONE FATTURE OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISONE E REGISTRAZIONE FATTURE Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina SERVIZI ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE (ART. 6 DPR 633/72 LEGGE 217/2011) SERVIZI

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 07 Febbraio 2013 I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE Argomento nr. 1) OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Prot. n. 10'2...34 del o 7 MAG. 2010 ------ Ai Dipartimenti Ai Centri Alle Facoltà Alla Direzione Amministrativa Alla Direzione per i servizi bibliotecari

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI

LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Territorialità Iva Le operazioni rientranti nel campo di applicazione dell'iva sono quelle per le quali sussistono i seguenti tre requisiti: oggettivo:

Dettagli