Torino Martedì, 9 novembre 2010 a cura di Stefano Garelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Torino Martedì, 9 novembre 2010 a cura di Stefano Garelli"

Transcript

1 NUOVA NORMATIVA SULLE PRESTAZIONI DI SERVIZI ASPETTI CRITICI Torino Martedì, 9 novembre 2010 a cura di Stefano Garelli 1

2 TRATTAMENTO IVA DELLE OPERAZIONI ITER LOGICO In relazione alle singole operazioni poste in essere in veste di fornitore o di acquirente occorre rispondere alle seguenf domande: E una cessione di beni o una prestazione di servizi? Se si traka di una prestazione di servizi: è una prestazione che rientra nelle DEROGHE? Se la risposta è SI: applicare la deroga; Se la risposta è NO: applicare la regola generale (Paese del commikente) L esame dell operazione deve essere compiuto in base al CONTRATTO (anche nella forma di ordine e conferma d ordine), il quale esprime la VOLONTA DELLE PARTI, tenendo presente la sostanza dell operazione posta in essere. 2

3 SITUAZIONI OPERATIVE COMPLESSE Prestazione accessoria ad altra operazione Prestazioni di lavorazione con aggiunta di materiali da parte dell esecutore della lavorazione Cessione più conto lavorazione Prestazioni di riparazione / manutenzione con aggiunta di materiali da parte del prestatore Fornitura di beni con installazione /montaggio Realizzazione di beni in base a contrako d appalto con loro invio all estero ContribuF in conto stampi Servizi relafvi a stand fierisfci Risarcimento danni, penalità contrakuali e corrispe[vo di prestazione di servizi 3

4 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE CONCETTO Ar?colo 12 del Dpr n. 633/1972 ( cessioni e prestazioni accessorie ): Il trasporto, la posa in opera, l'imballaggio, il confezionamento, la fornitura di recipienf o contenitori e le altre cessioni o prestazioni accessorie ad una cessione di beni o ad una prestazione di servizi, effehua? direhamente dal cedente o prestatore ovvero per suo conto e a sue spese, non sono sogge[ autonomamente all'imposta nei rapporf fra le parf dell'operazione principale.. Risoluzione n. 222/E del 3 giugno 2008: Per la sussistenza del rapporto di accessorietà è necessaria, ma non sufficiente, la convergenza di tuke le prestazioni nella direzione della realizzazione di un unico obie[vo,. E altresì necessario,, un nesso di dipendenza funzionale delle prestazioni accessorie rispeko alla prestazione principale. Occorre in parfcolare che le prestazioni accessorie siano effekuate proprio per il fako che esiste una prestazione principale, in combinazione con la quale possono portare ad un determinato risultato perseguito. Conclusivamente, sono accessorie solo le operazioni poste in essere dal medesimo soggeho in necessaria connessione con l operazione principale alla quale, quindi, accedono e che hanno, di norma, la funzione di integrare, completare o rendere possibile la deha prestazione o cessione principale. 4

5 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 25 febbraio Card Protec?on Plan Ltd (CPP) contro Commissioners of Customs & Excise. Causa C 349/96 2 Per decidere, ai fini dell'iva, se una prestazione di servizi che è composta da più elemen= debba essere considerata come una prestazione unica o come due o più prestazioni autonome che devono essere valutate separatamente, si deve tener conto della duplice circostanza che, da un lato, dall'art. 2, n. 1, della sesta direava 77/388 discende che ciascuna prestazione di servizi dev'essere considerata di regola come autonoma e indipendente e che, dall'altro, la prestazione cos=tuita da un unico servizio sogo il profilo economico non dev'essere ar=ficialmente divisa in più par= per non alterare la funzionalità del sistema dell'imposta sul valore aggiunto. ( ) Una prestazione dev'essere considerata accessoria ad una prestazione principale quando essa non cos=tuisce per la clientela un fine a sé stante, bensì il mezzo per fruire nelle migliori condizioni del servizio principale offerto dal prestatore. In tale circostanza, il fago che un prezzo unico sia fagurato non riveste un'importanza decisiva. In base all analisi dell operazione condoka con i criteri sopra illustraf, è possibile addivenire alla conclusione: O che si traka di PIU PRESTAZIONI AUTONOME, tuke dotate di pari dignità: occorre applicare le regole previste per le singole prestazioni; O che si traka, in sostanza, di un UNICA PRESTAZIONE (composta da una prestazione prevalente e da una o più prestazioni accessorie le quali seguono la sorte della prestazione prevalente): occorre applicare la regola della prestazione prevalente. 5

6 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE ESEMPI Impresa italiana vende merce con la condizione di resa franco des?no ad un impresa francese con invio della merce in Francia: il trasporto addebitato nella stessa fakura di vendita della merce o mediante fakura successiva è una prestazione accessoria alla vendita e ne segue le sorf (arfcolo 41/1/a); la prestazione del trasportatore è una prestazione autonoma; se si traka di trasportatore italiano emeke fakura con Iva; Impresa italiana vende merce con al condizione di resa franco partenza ; il cliente estero, successivamente (con accordo separato che non modifica la condizione di resa) incarica l impresa italiana di organizzare il trasporto; pareri discordi; secondo alcuni la prestazione di trasporto è autonoma, secondo altri la prestazione di trasporto è accessoria; 6

7 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE ESEMPI Impresa italiana acquista merce da impresa tedesca, con la condizione di resa franco partenza ; il trasporto viene eseguito da vekore italiano: l impresa italiana numera e integra con Iva la fakura del fornitore tedesco; il trasporto è una prestazione autonoma; il vekore italiano emeke fakura con Iva; Impresa italiana, in base a contraho, fornisce un macchinario con installazione e montaggio a sue spese; la prestazione di installazione e montaggio è accessoria all operazione principale (sia che venga addebitata nella stessa fakura del macchinario che con fakura successiva). 7

8 PRESTAZIONE ACCESSORIA AD ALTRA OPERAZIONE Circolare n. 43/E del 6 agosto 2010 Nella risposta che segue l Agenzia delle Entrate ha negato l accessorietà delle spese di trasporto rispeho alla cessione gratuita di beni. Era opinione prevalente che in tale evenienza l operazione diventasse (nel suo complesso) una operazione onerosa. 2. Nel caso di fahure emesse per documentare l invio di campioni gratui? di merce a clien? stabili? in altri Sta? membri, ai quali vengono addebitate le sole spese di trasporto, quali sono gli adempimen? ai fini degli elenchi Intrastat? Le cessioni di campioni gratuif non cosftuiscono cessioni intracomunitarie, in quanto prive del requisito dell onerosità, cui fa espresso riferimento l art. 41 del D.L. n. 331 del 1993 e, conseguentemente, non devono essere riepilogate negli elenchi Intrastat (cfr. circ. n. 13 del par. B.15.1.a). TuKavia, nel caso in cui al cliente vengano addebitate le spese di trasporto dei campioni gratuif, queste assumono autonoma rilevanza, quale corrispe[vo della prestazione di trasporto. Quest ulfma prestazione, resa nei confronf di un commikente soggeko passivo d imposta stabilito in altro Stato membro, rientra tra le prestazioni generiche, disciplinate dall art. 7 ter del D.P.R. n. 633 del 1972 e come tale va inserita negli elenchi riepilogafvi relafvi ai servizi resi. 8

9 PRESTAZIONI DI LAVORAZIONE CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DELL ESECUTORE DELLA LAVORAZIONE Risoluzione n. 272/E del 28/9/2007 Impresa italiana riceve in conto lavoro da società tedesca materiali per il valore di 25 (che restano di proprietà della società tedesca). L impresa italiana, nel corso del processo produ[vo, aggiunge 30 di materiali di sua proprietà e aggiunge 45 di lavoro. Al termine l impresa italiana fakura alla società tedesca 75. Nella Risoluzione citata, premesso che secondo la società istante le par? hanno considerato principale ed essenziale l'aavità di lavorazione, viene affermato che:. il valore dei beni, anche nella considerazione della citata Circolare n. 145, non e' irrilevante nella qualificazione dell'operazione. Piu' precisamente, al fine di disfnguere in concreto se una determinata operazione rientri nel conceko di cessione ovvero di prestazione occorre fare riferimento a diversi criteri, tra cui assume parfcolare rilevanza la volontà delle par?. Alla luce di quanto sopra esposto, con riferimento alla fa[specie oggeko dell'interpello, occorre rilevare che: secondo i canoni ermeneufci di interpretazione dei contra[ di cui agli arfcoli 1362, 1363 e 1366 del Codice Civile richiamaf dalla Corte di Cassazione nella sentenza n del 15 giugno 1999, emerge l'intenzione dei contraenf di dar vita ad un contrako d'opera e, quindi, ad una prestazione di servizi; la lavorazione posta in essere dal soggeko nazionale, pur con l'aggiunta di elemenf senza i quali il bene finito sarebbe del tuko inidoneo all'uso, e' comunque direka a trasformare il bene, anche per la parte fornita dal commikente, in corrispondenza con le aspekafve e con gli interessi contrakuali di quest'ulfmo.. 9

10 PRESTAZIONI DI LAVORAZIONE CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DELL ESECUTORE DELLA LAVORAZIONE FRANCIA OPÉRATIONS À FAÇON (D.Adm. 3A.1151 del 20 okobre 1999) Pour qu'existe un véritable marché de façon, quatre condifons doivent être respectées : 171. Le façonnier ne doit pas devenir propriétaire des biens apportés par le donneur d'ouvrage (son client) ; 182. Il n'est pas nécessaire que toutes les ma?ères premières u?lisées soient apportées par le donneur d'ouvrage ; le façonnier peut fournir une certaine quanfté de mafère complémentaire. PraFquement il est admis qu'il y a «marché de façon» chaque fois que la valeur des ma?ères apportées par le donneur d'ouvrage, augmentée des frais de façon, excède la valeur des produits fournis par le façonnier. Quand ceke condifon n'est pas safsfaite, l'opérafon s'analyse en un marché de fournitures Les matériaux apportés par le client doivent être res?tués à l'iden?que ou, sous certaines condi?ons, à l'équivalent Les opéra?ons de façon doivent conduire à la réalisa?on d'un produit nouveau par l'entrepreneur de l'ouvrage. 10

11 PRESTAZIONI DI LAVORAZIONE CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DELL ESECUTORE DELLA LAVORAZIONE Sentenza Corte GiusFzia Ue causa C 88 /09 dell'11 febbraio 2010 ArFcolo 7 della proposta di rifusione Regolamento n. 1777/2005 Sentenza Corte Gius?zia Ue:.l aavità di reprografia risponde alle caraheris?che di una cessione di beni laddove si limi? ad una semplice operazione di riproduzione di documen? su suppor?, mentre il potere di disporre di ques? ul?mi viene trasferito dal reprografo al cliente che ha ordinato le copie dell originale. SiffaHa aavità deve invece essere qualificata come «prestazione di servizi» ai sensi dell art. 6, n. 1, della sesta direava 77/388, quando risulta che essa si accompagna a prestazioni di servizi complementari idonee, alla luce dell importanza che rivestono per il des?natario, del tempo che la loro esecuzione richiede, del trahamento di cui i documen? originali necessitano e della parte del costo totale che tali prestazioni di servizi rappresentano, a rives?re carahere predominante rispeho all operazione di cessione dei beni, in modo tale da cos?tuire un fine a sé stante per il loro des?natario.. Ar?colo 7 della proposta di rifusione del Regolamento 1777/2005: 1. Le operazioni seguenf sono considerate cessione di beni ai sensi dell arfcolo 14 della dire[va 2006/112/CE: a) il trakamento di fotografie digitali, qualora le fotografie stampate siano fornite all acquirente; b) la stampa di pubblicazioni su carta qualora il fornitore fornisca all acquirente anche i materiali. 11

12 CESSIONE E CONTO LAVORAZIONE Circolare n. 36/E del 21 giugno 2010, risposta n Un azienda produhrice di sedie riceve dai propri clien? comunitari il tessuto per il rives?mento delle stesse. Successivamente vende il prodoho finito ai medesimi clien?. Si chiede se sia correho considerare la vendita della sedia come cessione anche se il tessuto è in conto lavoro. Inoltre, tenuto conto che sulla fahura normalmente viene addebitato il costo del trasporto, si chiede se, ai fini della compilazione degli elenchi riepiloga?vi delle operazioni intracomunitarie, sia obbligatorio indicarlo separatamente come prestazione di servizio. L azienda realizza una cessione di beni e, pertanto, deve compilare il relafvo modello, in cui deve inserire, in applicazione del criterio dell accessorietà (art. 12 del D.P.R. n. 633 del 1972) le spese di lavorazione del tessuto e le spese di trasporto addebitate al cliente comunitario. Ulterioriori adempimen?: annotazione della tessuto ricevuto sull apposito registro di carico / scarico di cui all ar?colo 50, comma 5, del Dl n. 331/1993; presentazione Intra sta?s?co (se contribuente mensile ai fini Intra) per segnalare l arrivo e la spedizione dei beni. 12

13 RIPARAZIONE CON AGGIUNTA MATERIALI DA PARTE DEL PRESTATORE Circ. n. 36/E risposta n Si chiede un chiarimento in merito alla compilazione dei nuovi elenchi Intrastat per quanto riguarda le fahure rela?ve alle riparazioni di beni mobili. Per alcuni clien? comunitari è necessario ogni tanto eseguire delle riparazioni su macchine che gli stessi ci res?tuiscono danneggiate. Nel caso di riparazioni onerose, nella stessa fahura noi anno?amo dis?ntamente i pezzi di ricambio (che sos?tuiscono quelli difehosi o danneggia?) con i rela?vi valori, e la manodopera, anche questa con il rela?vo valore. Nel caso di riparazioni a Ftolo oneroso richieste a clienf comunitari, posto che si traka di operazioni non rilevanf nel territorio dello Stato ai sensi dell art. 7 ter del D.P.R. n. 633 del 1972, deve essere compilato il modello Intrastat riepilogafvo dei servizi resi per la parte relafva all effekuazione della prestazione di riparazione, con l indicazione del corrispe[vo, che sarà comprensivo anche del valore del bene sosftuito. Al contrario, non deve essere compilato ai fini fiscali l Intrastat relafvo ai beni. Ulteriori adempimen?: annotazione dei beni ricevu? in riparazione sull apposito registro di carico / scarico di cui all ar?colo 50, comma 5, del Dl n. 331/

14 RIPARAZIONE CON AGGIUNTA MATERIALI DA PARTE DEL PRESTATORE DOTTRINA E HMRC REGNO UNITO In relazione a tale operazione, è stato affermato (Ine Lejeune, Silvia Kotanidis, Sofie Van Doninck (PWC) The New EU Place of Supply Rules from a Business PerspecFve, op. cit. p. 101) che: "On the basis of the judgment of the European CouK of JusFce (Card ProtecFon Plan, , case C 349/96) it can be argued that the supply of spare parts is ancillary to the repair service because the supply of spare parts does not consftute for the customer an "aim in itself" but a means of beker enjoying the principal (repair) service". Nel documento No?ce 741/A, January 2010, punto 8.6.3, viene affermato che: How do I treat goods supplied with my services? Any goods used in conjuncfon with the work performed, such as spare parts, paint, and so on, should be treated as part of the supply of services. OCCORRE ANALIZZARE LA SITUAZIONE CONCRETA. UN AIUTO ALL ANALISI E COSTITUITO DAL CONFRONTO TRA IL VALORE DEL DARE E IL VALORE DEL FARE (ivi compresi i rimborsi spese di viko, viaggio e alloggio dei tecnici che hanno eseguito l intervento) 14

15 RIPARAZIONE DI VEICOLI CON AGGIUNTA DI MATERIALI DA PARTE DEL PRESTATORE FRANCIA Décision de rescrit du 15 septembre 2009 n 2009/49 En présence d'une opéra?on cons?tuée par un faisceau d'éléments et d'actes, la Cour de jusfce des Communautés européennes considère qu'il convient de prendre en considérafon toutes les circonstances dans lesquelles se déroule l'opérafon en quesfon, aux fins de déterminer, d'une part, si l'on se trouve en présence de deux ou plusieurs prestafons disfnctes ou d'une prestafon unique et, d'autre part, si dans ce dernier cas, ceke prestafon unique doit être qualifiée de livraison de biens ou de prestafon de services A Ftre de règle pra?que, si la valeur des pièces n'excède pas 50 % du coût de l'opérafon, l'opérateur peut être considéré comme rendant une prestafon de services, dans le cas contraire il est réputé rendre une livraison de biens accompagnée d'un montage. NB: La regola sopra prevista è stata pronunciata con riferimento alle riparazioni di veicoli. Negli altri casi si applicano le considerazioni delineate dalla Sentenza Corte di GiusFzia 29 marzo 2007, causa C 115/05 per la fornitura con posa in opera. 15

16 FORNITURA DI UN BENE CON INSTALLAZIONE / MONTAGGIO Sentenza Corte GiusFzia 29 marzo 2007, causa C 115/05 Un operazione che riguarda la fornitura e la posa in opera di un cavo a fibre oache che collega due Sta? membri ed è collocato in parte fuori dal territorio della Comunità deve essere considerata come una cessione di beni ai sensi dell art. 5, n. 1, della sesta direava 77/388, in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Sta? membri rela?ve alle imposte sulla cifra di affari, come modificata dalla direava del Consiglio 2002/93, quando risulta che, in seguito ai collaudi esegui? dal fornitore, il cavo sarà trasferito al cliente, che potrà disporne come proprietario, che il prezzo del cavo vero e proprio rappresenta una parte chiaramente preponderante del costo totale della deha operazione e che i servizi del fornitore si limitano alla posa in opera del cavo, senza alterarne la natura e senza adaharlo alle esigenze specifiche del cliente. 16

17 FORNITURA DI UN BENE CON INSTALLAZIONE / MONTAGGIO BELGIO Décision n E.T dd Devant les difficultés qui sont parfois rencontrées pour qualifier en livraisons de biens ou en prestafons de services certaines opérafons comportant à la fois la fourniture d'un bien et son installa?on ou son montage sur un bien meuble, l'administrafon a été amenée à réexaminer l'ensemble de la problémafque et il a été décidé d'adopter les règles suivantes: lorsque la valeur des biens fournis et placés à l'occasion de l'opérafon est inférieure à 50 p.c. du prix total dû par l'acheteur ou le preneur, l'opérafon doit être considérée pour le tout comme une prestafon de services, dont la localisafon est réglée par l'arfcle 21, 3, 2 du Code de la TVA; dans les autres cas, l'opérafon s'analyse pour le tout comme une livraison de biens, localisée conformément à l'arfcle 15, 2, alinéa 2, 1 ou 2, du même Code

18 REALIZZAZIONE DI BENI IN BASE A CONTRATTO D APPALTO CON LORO INVIO ALL ESTERO L arfcolo 3 del Dpr n. 633/1972 afferma che: CosFtuiscono prestazioni di servizi le prestazioni verso corrispe[vo dipendenf da contra[ d'opera, appalto, trasporto, mandato, spedizione, agenzia, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, di non fare e di permekere quale ne sia la fonte.. Circolare del 03/08/1979 n. 26 Min. Finanze Tasse e Imposte IndireHe sugli Affari I.v.a. RapporF di scambio con l'estero ed operazioni assimilate ESPORTAZIONI La nuova formulazione dell'art. 8 prevede che cosftuiscono cessioni all'esportazione: a) le cessioni che hanno per oggeko beni inviaf all'estero o comunque fuori del territorio doganale a cura o a nome del cedente, considerandosi tali le consegne all'estero di beni anche in dipendenza di contraa di appalto, limitatamente al corrispeavo dei beni esporta?. 18

19 CONTRIBUTI IN CONTO STAMPI Circolare n. 43/E del 6 agosto Una società italiana produce calzature. Tale società addebita al proprio cliente inglese i cos? di sviluppo dei nuovi stampi occorren? per il campionario che viene commissionato dal predeho soggeho non residente. Si chiede quali siano gli adempimen? ai fini Intrastat. La costruzione di stampi per conto di un commikente comunitario è stata già esaminata nella circolare n. 13 del 1994, nel paragrafo B.2.3, ove è stato precisato che la realizzazione (costruzione direga o acquisto da terzi secondo la norma=va interna) per conto di un commigente comunitario di stampi da u=lizzare in Italia per la produzione, a mezzo degli stessi, di beni da inviare nell'altro Stato membro, è da inquadrare nell'ambito di cessioni intracomunitarie qualora: tra il commigente e l operatore nazionale venga s=pulato un unico contra3o di appalto avente ad oggego sia la realizzazione dello stampo sia la fornitura dei beni che con esso si producono; lo stampo, a fine lavorazione, venga inviato nell altro Paese comunitario, a meno che, in conseguenza dell'ordinario processo di produzione o per accordi contraguali, sia distrugo o sia divenuto ormai inservibile; (..) L'operatore nazionale, pertanto, in presenza di dege condizioni, è legiamato ad emegere fagura non imponibile ai sensi dell art. 41, comma 1, legera a). Qualora ricorrano le predeke condizioni, la lavorazione dello stampo deve considerarsi come accessoria alla cessione dei beni. Pertanto, la suddeka prestazione non assume un autonoma configurazione giuridica né ai fini della fakurazione, né ai fini della compilazione degli elenchi Intrastat. Qualora non ricorrano le condizioni sopraindicate, lo sviluppo degli stampi per la fabbricazione di calzature richiesto dal cliente inglese configura l esecuzione di una prestazione di servizio generica e, come tale, da includere nei modelli riepiloga?vi come servizio reso. 19

20 CONTRIBUTI IN CONTO STAMPI Esperienza italiana ITALIA: Risoluzione del 17/08/1996 n. 186 Min. Finanze Dip. Entrate Aff. Giuridici Serv. VII IVA. CosF di lavorazione per la stampa di films addebitaf al cliente separatamente dal prezzo del prodoko finito. Sintesi: Una societa' produkrice di films plasfci sfpula con societa' residenf in altri paesi dell'u.e. contra[ di cessione di de[ beni. Per la stampa di de[ films uflizza, oltre ad un nucleo ferroso, una soprapellicola in metallo che viene distruka automafcamente al termine di ogni commessa ed il cui costo viene addebitato al cliente separatamente dal prezzo dei films prodo[ quale "contributo incisioni cilindri". DeKo contributo in base agli ark. 12 e 13 del DPR 26/10/72 n. 633, rientra nella base imponibile del films ceduto che comprende oltre al prezzo dei beni prodo[ anche gli oneri e spese concernenf l'esecuzione. Ai sensi dell'art. 41 della L. 427/93 le predeke cessioni sono non imponibili... NB: alcuni operatori considerano il contributo in conto stampi come un compenso per il diriko di uflizzare in via esclusiva lo stampo di proprietà del fornitore. In base a tale ulfma impostazione, si traka di una prestazione di servizi generica (obbligo di fare): Sino al 31 dicembre 2009: da assoggekare a Iva; A parfre dal 1 gennaio 2010: applicazione del meccanismo del reverse charge 20

21 CONTRIBUTI IN CONTO STAMPI Esperienza di altri Paesi Ue 21

22 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva sino al 31 dicembre 2009 Sulla base della prassi italiana, sino al 31 dicembre 2009, era possibile disfnguere tra 3 Fpologie di operazioni: 1) Locazione / noleggio di strukure mobili a commikenf espositori o a sogge[ organizzatori: locazione / noleggio di beni mobili materiali (arfcolo 7, 4 comma, lekera d); 2) Semplice realizzazione di stand con materiali leggeri portaf in loco e successivamente smalff: servizi relafvi a beni mobili materiali (arfcolo 7, 4 comma, lekera b); 3) Realizzazione di strukure incorporate nel suolo: servizi relafvi a beni immobili (arfcolo 7, 4 comma, lekera a). NB: non mancavano comunque Risoluzioni con tesi avverse. 22

23 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva anno 2010 A seguito innovazioni Iva 2010, notevoli dubbi interpretafvi: Franco Ricca, Noleggio di stand con Iva in loco, Italia Oggi, 6 febbraio 2010, in base a sentenza Corte GiusFzia Ue del 26 sekembre 1996, causa C 327/94, propendeva per la disfnzione tra: Prestazioni eseguite nei confronf degli organizzatori della manifestazione: servizi fierisfci, arfcolo 7 quinquies; Prestazioni eseguite nei confronf delle imprese espositrici: servizi generici, arfcolo 7 ter Direzione Regionale del Veneto, Renato Portale e GP Tosoni, Le fiere restano fuori dal Modello Intrastat: le prestazioni eseguite, indipendentemente dalla natura del commihente, sono qualificabili come prestazioni fierisfche, arfcolo 7 quinquies; obbligo di idenfficazione Iva nel Paese della manifestazione (se il commikente non è stabilito in tale Paese). Comportamento pra?co delle imprese italiane.. 23

24 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva anno 2010 Il trakamento Iva delle prestazioni in parola presenta diversità interpretafve a seconda dei singoli Paesi Ue: Francia:Lorsque dans le cadre d'une foire commerciale ou manifestafon similaire, un assujea fournit un ensemble complexe de services à un exposant pour un prix global, cet ensemble de services doit être considéré comme un service unique qui, comprenant diverses composantes qui ne peuvent être scindées, se rahache à la catégorie des presta?ons visées à l'ar?cle 259 A 5 a33. Ces disposi?ons sont également applicables aux presta?ons fournies par les sous traitants au?tulaire du marché.. Regno Unito: considera le prestazioni di allesfmento stand come prestazioni di carakere fierisfco: Services relafng to a specific exhibifon. This includes carpenters and electricians erecfng and fi[ng out stands at exhibifon venues. Germania: in base ad una Circolare del 4 sekembre 2009, viene operata la disfnzione tra: Servizi prestaf nei confronf del soggeko organizzatore: servizi fierisfci (nostro arfcolo 7 quinquies); Servizi resi nei confronf delle imprese espositrici: servizi relafvi a beni immobili (nostro arfcolo 7 quater, lekera a); Austria: come Germania 24

25 SERVIZI RELATIVI A STAND FIERISTICI FIERE ALL ESTERO TraHamento Iva a par?re dal 1 gennaio 2011 A par?re dal 1 gennaio 2011: occorre disfnguere tra 2 situazioni: 1) Prestazioni eseguite nei confron? di operatori economici (B2B): servizio generico, arfcolo 7 ter; Paese del commikente; 2) Prestazioni eseguite nei confron? di consumatori finali (B2C) (ad esempio, enf non commerciali puri, privi di numero idenfficafvo Iva): servizio fieris?co, arfcolo 7 quinquies; presumibilmente in alcuni Paesi Ue confnuerà a valere la disfnzione tra commikenf organizzatori e commikenf espositori. NB: Nel caso di realizzazione di strukure incorporate nel suolo, confnuano a tornare applicabili le disposizioni in tema di servizi relafvi a beni immobili (arfcolo 7 quater, lekera a). 25

26 CORSI DI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE Risposta a Interpello CEIP (2008) PRESTAZIONI DI FORMAZIONE DEL PERSONALE (sino al 31 dicembre 2009: tra servizi dida[ci arfcolo 7, 4 comma, lek. b) e consulenze tecniche, arfcolo 7, 4 comma, lek. d) Riguardo alla disfnzione tra le due norme, nella risposta del 28 gennaio 2008, all interpello formulato dal CEIP Centro Estero per l Internazionalizzazione del Piemonte, l Agenzia delle Entrate ha affermato che:... l organizzazione di seminari e corsi di formazione a favore delle imprese piemontesi rientra nell ambito delle prestazioni di servizi dida[ci di cui all arfcolo 7, quarto comma, lekera b), del Dpr n. 633/ qualora le prestazioni in quesfone siano rese nel più generale contesto di un a[vità di consulenza e/o assistenza di carakere tecnico (configurando, pertanto, un singolo elemento di quest ulfma) le stesse saranno inquadrate tra le prestazioni di consulenza tecnica e legale.. 26

27 CORSI DI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE Circ. n. 36/E risposta n Si chiede se sussiste l obbligo di includere negli elenchi Intrastat i corsi di formazione ed addestramento del personale. Le prestazioni relafve a corsi di formazione e di addestramento del personale rientrano nella categoria delle prestazioni generiche e quindi sono da considerarsi territorialmente rilevanf in Italia quando ivi è stabilito il commikente soggeko passivo d imposta. Ne consegue che le prestazioni in discorso dovranno essere incluse negli elenchi Intrastat, faka eccezione per i casi in cui le stesse possono beneficiare dell esenzione dall imposta. A tale proposito si ricorda che le prestazioni in esame sono da considerare esenf ai sensi dell art. 10, primo comma, n. 20, del D.P.R. n. 633 del 1972, a condizione che siano rese da isftuf o scuole riconosciute da pubbliche amministrazioni e da ONLUS. Si traka di un interpretazione in contrasto con precedenf affermazioni dell Agenzia delle Entrate e con l orientamento di altri Paesi Ue (ad esempio: Francia e Regno Unito). DAL 1 GENNAIO 2011: comunque REGOLA GENERALE ART. 7 ter 27

28 RISARCIMENTO DANNI, PENALITÀ CONTRATTUALI E CORRISPETTIVO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI Si traka di situazioni in cui non vi è stato un esako adempimento degli obblighi contrakuali (ad esempio: merce non conforme). Le somme addebitate NON cosftuiscono il corrispe[vo di una prestazione di servizi, ma il risarcimento di un danno ingiustamente subito. Occorre disfnguere tra le seguenf situazioni: Il contraho prevede una penale ( clausola penale ): il soggeko che ha subito il danno addebita la penale; essa può essere qualificata come importo escluso dalla base imponibile dell'iva, ai sensi dell'arfcolo 15, primo comma, numero 1), del Dpr n. 633/1972, nel caso di "di penalità per ritardi o altre irregolarità nell'adempimento degli obblighi del cessionario o del commikente" o del secondo comma del medesimo arfcolo nel caso di "somme addebitate al cedente o prestatore a Ftolo di penalità per ritardi o altre irregolarità nella esecuzione del contrako ; Il contraho non con?ene una clausola penale : il soggeko che ha subito un danno, addebita una somma a Ftolo risarcitorio; l'operazione è fuori del campo di applicazione dell'iva, ai sensi dell'arfcolo 2, comma 3, lekera a), del Dpr n. 633/1972, mancando l'elemento ogge[vo del presupposto applicafvo. 28

29 RISARCIMENTO DANNI, PENALITÀ CONTRATTUALI E CORRISPETTIVO DI PRESTAZIONE DI SERVIZI Riguardo alla prima Fpologia di somme, è stato affermato (Mario Mandò e Giancarlo Mandò, Manuale dell'imposta sul valore aggiunto, IPSOA, Milano, 1999, p. 279): "Non concorrono a formare la base imponibile, giusta l'art. 15 del Dpr n. 633, alcune somme che pur essendo addebitate alla controparte non hanno natura di vera e propria controprestazione...esse sono:1) le somme dovute a Ftolo di interessi moratori...lo stesso carakere hanno le < penalità > dipendenf da inadempienza o da ritardo di adempimento di obbligazioni (clausola penale: art c.c.): la clausola penale é, infa[, un mezzo di liquidazione, convenzionale e prevenfva, del danno". La Risoluzione n. 64/E del 23 aprile 2004, sull'argomento ha affermato che: "In generale la clausola penale, secondo il predominante orientamento dokrinale, ha la triplice funzione di rafforzare la possibilità di adempimento, di sanzionare la parte inadempiente, di risarcire il danno subito dalla controparte contrakuale. Sulla stessa linea si pone la Risoluzione n del 6 dicembre

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI

Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI Prot. n. 3/2015 Roma, 23/01/2015 Alle Associazioni del sistema Confimi e alle relative Imprese associate REVERSE CHARGE PULIZIE, DEMOLIZIONI, INSTALLAZIONE IMPIANTI E COMPLETAMENTO EDIFICI La legge di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli