REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE VISITE GUIDATE - SCAMBI CULTURALI (approvato con delibera dal Consiglio di Istituto nella seduta del 27/11/2014)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE VISITE GUIDATE - SCAMBI CULTURALI (approvato con delibera dal Consiglio di Istituto nella seduta del 27/11/2014)"

Transcript

1 REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE VISITE GUIDATE - SCAMBI CULTURALI (approvato con delibera dal Consiglio di Istituto nella seduta del 27/11/2014) Premessa I viaggi d istruzione, le visite guidate, gli scambi internazionali e gli stage linguistici all estero costituiscono l occasione di integrare, approfondire e completare le attività didattiche dell Istituto; sono quindi legati strettamente alla programmazione annuale dei consigli di classe e dei gruppi mono disciplinari. Definizione delle iniziative rientranti nel presente regolamento: a. Viaggi d istruzione culturale: promuovono la conoscenza della cultura del Paese nelle sue caratteristiche monumentali, paesaggistiche, culturali, folcloristiche e linguistiche; b. Viaggi d istruzione tecnico-specialistici (stages): finalizzati all acquisizione di esperienze tecnico-scientifiche inerenti anche le specializzazioni d indirizzo, come: visite in aziende, unità di produzione, mostre, manifestazioni attraverso le quali gli studenti entrino in contatto con le realtà economiche, produttive tecnologiche e scientifiche che maggiormente si attaglino al loro indirizzo di studio. c. Visite guidate (di una sola giornata) presso stabilimenti industriali, complessi aziendali, musei, mostre, gallerie d arte, parchi o partecipazioni a conferenze; d. Viaggi connessi ad attività sportive e. Scambi culturali o linguistici nazionali o internazionali; f. Soggiorni o stage linguistici in corso d anno scolastico; Il presente Regolamento verrà pubblicato su sito della scuola. Parte prima VIAGGI D ISTRUZIONE, VISITE GUIDATE E VIAGGI CONNESSI AD ATTIVITA SPORTIVE 1 - Proposta e partecipazione La proposta e la partecipazione ai viaggi d istruzione, ai viaggi connessi ad attività sportive e alle visite guidate (da ora in poi, brevemente, viaggi e visite) deve essere deliberata all atto della definizione ed approvazione della programmazione annuale dei Consigli di Classe, tenendo conto delle indicazioni del Collegio Docenti e del POF e in coerenza con gli obiettivi didattici e formativi adottati. In caso di eventi particolari, non prevedibili all inizio dell anno scolastico, di peculiare rilevanza, i docenti possono, in via eccezionale, richiedere l effettuazione di altre uscite, esclusivamente a condizione di aver preventivamente acquisito parere favorevole del Consiglio di classe.

2 In entrambi i casi, l insegnante referente dovrà dare comunicazione del viaggio d istruzione o della visita guidata, utilizzando gli appositi moduli predisposti, da consegnare in segreteria. 2. Limiti di durata a. Viaggi I limiti di estensione temporale entro cui dovranno, in ogni condizione, rimanere i viaggi d istruzione sono i seguenti: 1 durata massima di due giorni di lezione per le classi prime; 2 durata massima di due giorni di lezione per le classi seconde; 3 durata massima di tre giorni di lezione per le classi terze; 4 durata massima di quattro giorni per le classi quarte con possibilità di aggregazione delle classi terze; 5 durata massima di cinque giorni per le classi quinte con possibilità di aggregazione delle classi quarte. La durata del viaggio può essere elevata di un giorno se festivo. Per le classi di triennio è ammessa deroga alla durata massima del viaggio d istruzione in presenza di specifici progetti organicamente inseriti nella programmazione didattica che intendono conseguire obiettivi di particolare importanza formativa e di rilevante interesse, in coerenza con la tipologia dei vari indirizzi di studio. I viaggi d istruzione all estero sono previsti per le classi quinte e, in presenza di motivate ragioni didattiche, anche per le altre classi del triennio. La programmazione dei viaggi deve essere organizzata in modo tale da consentire la presenza degli studenti alle lezioni del giorno successivo. b. Visite Per le visite guidate è prevista una durata non superiore ad un giorno, escluso le ore notturne, per un massimo di quattro giornate per classe in un anno scolastico (es. visite a stabilimenti, fiere, mostre, conferenze, spettacoli,...). Le visite guidate non possono essere effettuate nell ultimo mese di lezione salvo per casi di fattori innovativi e rilevanti che abbiano a intervenire e per le iniziative già programmate collegate all educazione ambientale. c. Iniziative a carattere sportivo Sono autorizzate iniziative della durata massima di sei giorni con le seguenti modalità: settimane bianche solo per le classi seconde, terze, quarte, integrate con un programma a carattere culturale e/o naturalistico; itinerari di carattere naturalistico purché siano rispettate le condizioni di reperibilità e sicurezza del gruppo partecipante in qualsiasi momento e in qualsiasi punto del percorso. Dovrà essere prevista la presenza di un esperto (guida alpina, guardia forestale, socio CAI) 3 - Docenti accompagnatori In qualsiasi caso, per ogni viaggio d istruzione, anche di una singola giornata, gli accompagnatori non dovranno essere in numero inferiore a due.

3 Per i viaggi di istruzione, i Consigli di classe dovranno indicare i docenti accompagnatori in ragione di uno ogni quindici studenti della singola classe e gli eventuali docenti che sostituiranno, in caso di impedimento, gli accompagnatori. In caso di abbinamento di più classi, si deve tenere in considerazione il rapporto di un docente o- gni 15 studenti per intero gruppo, da calcolarsi sul numero totale dei partecipanti. Per quanto riguarda i docenti accompagnatori dei viaggi d istruzione deve essere rispettato, nei limiti del possibile, il criterio della rotazione per classe e nell intero corpo docente, ferma restando la priorità dei criteri di pertinenza e collegamento con le materie e i programmi in piano di studi. Un docente può partecipare, indicativamente e salvo casi di necessità, a viaggi d istruzione nello stesso anno scolastico, per un massimo di sette giorni lavorativi complessivi. Tale limite resta in ogni caso e fattispecie valido, indipendentemente dal numero di viaggi partecipati, per ragioni didattiche. Eccezione è costituita dall esercizio di supplenza in qualità di accompagnatore. I docenti con cattedra orario esterna sono tenuti a chiedere l autorizzazione all altra scuola con congruo anticipo. 4 Numero degli studenti partecipanti richiesto Si richiede una percentuale pari almeno ai tre quarti degli alunni di ogni classe; ai fini del calcolo, eventuali classi articolate sono considerate separatamente per indirizzo. Gli scambi culturali, per i quali è prevista la partecipazione dei tre quarti degli studenti, devono comunque rivolgersi a tutta la classe per le attività legate al progetto comune. Nel computo non sono inclusi gli studenti che di fatto non frequentano le lezioni almeno da due mesi. A questi ultimi viene, in ogni caso, preclusa la possibilità di partecipare al viaggio d istruzione, qualora riprendano la frequenza solo in occasione del viaggio stesso. Gli studenti che hanno avuto un provvedimento disciplinare di sospensione dalle lezioni (con effettivo allontanamento dalla comunità scolastica) non possono partecipare ai viaggi di istruzione né di norma alle visite guidate, e non concorrono al computo del numero minimo previsto dal regolamento. I casi di alunni che siano stati sanzionati con note e con altri provvedimenti disciplinari dovranno essere valutati dai Consigli di classe. Nei casi di visite guidate e viaggi di istruzione si può derogare da tale vincolo per motivi socio-economici e/o culturali. 5 - Procedura di presentazione delle richieste a. Proposizione, presentazione e approvazione È competenza dei Consigli di classe, costituiti al completo delle rispettive componenti, programmare viaggi di istruzione e visite guidate, tenendo conto del Piano dell Offerta Formativa, delle indicazioni del Collegio dei docenti, in coerenza con i propri obiettivi didattici e formativi e anche dell esigenza di contenere le spese. I Consigli di classe approveranno i progetti di viaggio e le visite che avranno rilevanza culturale e didattica esplicitamente specificata e documentata e che prevederanno docenti referenti e accompagnatori prioritariamente appartenenti al Consiglio stesso. Le proposte delle prime ipotesi delle mete e dei contenuti didattici di ciascun viaggio o visita verranno genericamente formulate nel mese di settembre nell ambito dei primi Consigli di classe. Successivamente gli insegnanti interessati potranno avvalersi anche di richieste di preventivi informali (agenzie di viaggi, ditte di trasporto, istituzioni culturali, ). Resta comunque compito della segreteria collaborare con i docenti nell espletamento delle procedure di richiesta di preventivi e di prenotazione ( fax ecc..). La proposta delle mete e dei contenuti didattici di ciascun viaggio o visita è esclusiva competenza primaria dei docenti, pur negli ambiti di cui sopra. Proposte da parte degli alunni potranno essere

4 recepite e valutate solo coerentemente e organicamente con quanto sopra e se integrate dalla disponibilità dei docenti a recepirle in una propria azione di progettazione e programmazione. Esaminata la validità e la coerenza di ogni proposta presentata, ciascun Consiglio di classe, con tutte le rispettive componenti presenti, nei mesi di ottobre/novembre approva o respinge le proposte avanzate. Non è consentito riproporre in approvazione nuove proposte nelle convocazioni successive, salvo per casi di fattori innovativi e rilevanti che abbiano a intervenire. b. Docente referente Il Consiglio di classe, in caso di approvazione, nomina contestualmente docente referente l insegnante che ha avanzato la proposta, gli eventuali docenti accompagnatori e i docenti supplenti. Per ciascun viaggio che sarà organizzato, concernente più classi o una sola classe, i docenti referenti saranno gli organizzatori del viaggio, dovranno tenere i contatti con il/i coordinatore/i di classe, con la commissione viaggi eventualmente costituita e con ogni soggetto coinvolto all interno dell istituto. Il docente referente assumerà la responsabilità della progettazione analitica, dell'organizzazione (esclusi gli aspetti amministrativi) e della pratica attuazione di ciascun viaggio o visita; in particolare egli dovrà: sia per i viaggi che per le visite acquisire, in forma scritta, le autorizzazioni-consenso o i loro dinieghi degli esercenti la potestà familiare, per gli alunni minorenni, oppure degli studenti maggiorenni, alla partecipazione all attività accompagnate da una illustrazione sintetica del viaggio o della visita stessi e dei rispettivi obiettivi didattici e finalità culturali verificare, assieme al coordinatore di classe, l assenza di impegni stabiliti dal Piano delle attività (Collegi docenti, Consigli di classe, ecc.) o di altre uscite della classe o altri obblighi già previsti nei giorni ipotizzati per il viaggio o la visita acquisire, per i viaggi d istruzione di più giorni, le ricevute attestanti il versamento delle caparre richieste redigere, su apposito modulo, il progetto definitivo da presentare, alla segreteria della scuola completo di tutti i dati richiesti, con particolare riguardo ai docenti accompagnatori e ai docenti supplenti prima della partenza per i viaggi di più giorni: distribuire agli studenti il programma analitico definitivo e le regole di comportamento da seguire; acquisire la dichiarazione dei genitori contenente l autorizzazione definitiva alla partecipazione al viaggio, l assenza di eventuali patologie fisiche e psichiche che possano assumere rilevanza nel viaggio stesso e con il loro recapito telefonico; acquisire le ricevute attestanti il versamento della quota o del saldo richiesti, a pena di esclusione dal viaggio dello studente inadempiente dare, in preparazione e durante lo svolgimento del viaggio, le opportune direttive e coordinare l'opera degli accompagnatori per assicurare, in ogni momento e situazione, un'efficace organizzazione e una puntuale vigilanza sugli alunni cooperare, con la dirigenza, con i docenti della Commissione Viaggi, se costituita, con la DSGA, per quanto di competenza secondo questo regolamento, e con i rappresentanti degli studenti e delle famiglie, alla gestione delle varie fasi di pratica organizzazione del viaggio

5 c. Adempimenti e termini VIAGGI D ISTRUZIONE Al termine dei Consigli di classe di ottobre/novembre il coordinatore di ciascun Consiglio di classe curerà la trasmissione al personale di segreteria incaricato dell apposito modulo (mod. A1) riassuntivo di tutti i viaggi e le visite deliberati dal relativo Consiglio verificando l assenza di impegni stabiliti dal Piano delle attività (Collegi docenti, Consigli di classe, ricevimenti generali dei genitori, ecc.) o l assenza di altre uscite della classe o altri obblighi già previsti nei giorni ipotizzati per tutte le uscite previste Il docente referente del viaggio d istruzione, immediatamente dopo il Consiglio di classe, distribuirà agli studenti della classe l apposito modulo (mod. A3 per i viaggi di più giorni con versamento immediato della caparra) contenente: la richiesta ai genitori dell autorizzazione-consenso alla partecipazione al viaggio l indicazione della quota complessiva indicativa prevista a carico di ogni studente l indicazione della eventuale quota di caparra da versare l indicazione degli obiettivi didattici e delle finalità culturali l indicazione sommaria del programma e del mezzo di trasporto previsto. Lo stesso docente referente raccoglierà i relativi tagliandi di consenso. Entro l improrogabile termine di dieci giorni dal Consiglio di classe il docente referente, verificata la fattibilità nei limiti fissati rispetto alla partecipazione degli studenti, dovrà redigere sul modulo predisposto (mod. B2 per i viaggi di più giorni) il progetto definitivo del viaggio da presentare al personale di segreteria incaricato; tale modulo dovrà contenere: obiettivi didattici e finalità culturali data e meta precisa, itinerario di massima e eventuali vincoli d orario; mezzo di trasporto; programma scandito per singole giornate; docente referente, accompagnatori e docenti supplenti, per ciascuna classe interessata; numero di studenti da considerare per il calcolo dei partecipanti e numero degli studenti aderenti al viaggio, distinti per genere con l indicazione della presenza di disabili e delle relative specifiche necessità; eventuali altre classi partecipanti;- alloggio e servizi richiesti (tipo di camere e ubicazione se vincolanti; trattamento di mezza pensione o solo pernottamento, etc.); eventuali altre richieste da indirizzare all agenzia di viaggio (specificare se vincolanti); richieste di guide o biglietti di ingresso a musei o altri luoghi di visita; stima puntuale, analitica, precisa e verosimile di tutti i servizi non richiesti all agenzia di viaggi a carico degli studenti in loco al fine del calcolo del raggiungimento del tetto di spesa (colazioni, pranzi, cene, trasporti locali, guide, ingressi, ecc.) che il docente referente ritenga più economico o opportuno non affidare all agenzia di viaggi stessa; eventuale richiesta di assicurazione bagagli ed assicurazione medica; una dichiarazione dell agenzia di viaggio che i vettori prescelti e le strutture ricettive che accoglieranno gli studenti, spesso minorenni, non presentino né al momento della loro scelta, né al momento della loro fruizione, rischi o pericoli per l incolumità degli studenti stessi. Tutte le indicazioni contenute e dichiarate in tale modulo avranno valore prescrittivo, inderogabile e obbligatorio salvo casi di forza maggiore a priori imprevedibili. A tale modulo dovranno essere allegati: la ricevuta postale o bancaria attestante il versamento della caparra richiesta

6 i tagliandi contenenti l autorizzazione-consenso alla partecipazione al viaggio o alla visita dei genitori che verranno quindi conservati dalla segreteria in caso di viaggio all estero, le fotocopie dei documenti di identità degli studenti da consegnare all agenzia aggiudicataria dell appalto. Il Dirigente scolastico: esamina e valuta, con la partecipazione e collaborazione della Commissione per i viaggi d istruzione e del rappresentante della segreteria, le varie proposte presentate entro il mese di novembre; esprime il proprio parere definitivo per i viaggi; razionalizza e propone eventuali modifiche a ciascun docente referente, indicando, ad e- sempio, possibili abbinamenti di docenti ai vari gruppi classe e abbinamenti di classi anche secondo un criterio di economicità. Il Consiglio d Istituto approva il piano viaggi d istruzione entro la fine del mese di dicembre. Un mese prima della partenza del viaggio previsto, ogni docente referente che ha ricevuto l approvazione definitiva completa di preventivo, invia una comunicazione nell apposito modulo (mod. C1) ad ogni famiglia degli studenti partecipanti; tale comunicazione, oltre ad indicare il costo preciso e definitivo del viaggio e l ammontare del saldo da versare, contiene in allegato: Il modulo (mod. C2) contenente il programma giornaliero definitivo, il recapito dell alloggio e quanto compreso nella quota da pagare; il modulo (mod. C3) per l autorizzazione di consenso definitiva dei genitori alla partecipazione al viaggio del proprio figlio/a con l indicazione dell assenza di eventuali patologie fisiche e psichiche che possano assumere rilevanza nel viaggio e con il loro recapito telefonico; si rammenta che l eventuale somministrazione di farmaci dovrà essere effettuata nel rigoroso rispetto della normativa in vigore;- le regole comportamentali da osservare durante il viaggio (mod. C4) Entro una settimana dalla partenza gli studenti partecipanti al viaggio dovranno consegnare al docente referente la ricevuta relativa al pagamento del saldo, da trasmettere alla segreteria, e l autorizzazione-consenso dei genitori a pena di esclusione dal viaggio; le autorizzazioni di consenso definitivo dei genitori alla partecipazione al viaggio del proprio figlio/a con l indicazione di eventuali problemi di salute e il loro recapito telefonico dovranno essere conservate per tutta la durata del viaggio stesso da ogni docente accompagnatore e, al ritorno, consegnate alla segreteria VISITE GUIDATE Il docente referente della visita guidata dovrà distribuire agli studenti della classe l apposito modulo (mod. A2) per le uscite didattiche di un solo giorno (senza il versamento della caparra, con il solo versamento della quota in prossimità della partenza) contenente: la richiesta ai genitori dell autorizzazione-consenso alla partecipazione alla visita l indicazione della quota complessiva indicativa prevista a carico di ogni studente l indicazione degli obiettivi didattici e delle finalità culturali l indicazione sommaria del programma e del mezzo di trasporto previsto. Lo stesso docente referente raccoglierà i relativi tagliandi di consenso. La richiesta dei Docenti referenti (da redigere sul mod. B1 per i viaggi e le visite di un solo giorno) e i tagliandi di consenso devono essere presentati al personale di segreteria incaricato con un anticipo di quindici giorni rispetto alla data indicata per la visita. Il Dirigente Scolastico autorizza su delega del Consiglio d Istituto le uscite didattiche di un giorno.

7 d. Caparre e saldo Per le visite guidate e i viaggi di un giorno non è richiesta alcuna caparra. Per tutti gli altri casi, sarà richiesta una caparra alle famiglie, da parte del docente referente, pari a 100 euro per i viaggi in Italia (o il versamento dell intero importo dovuto, qualora esso non raggiunga la cifra di 100 euro) e 200 euro per i viaggi all estero. Il termine per il versamento della caparra è fissato dal docente referente come sopra, ed è comunicato agli alunni partecipanti dallo stesso. In seguito alla presentazione dell autorizzazione, la restituzione della caparra e dell eventuale saldo già versato è garantita solo in caso di reale impossibilità dovuta, per esempio, a motivi di salute debitamente giustificati; a tale proposito è necessario che venga rammentato agli studenti che nella quota versata al momento dell iscrizione scolastica è compresa una somma relativa ad un assicurazione che garantisce tale rimborso. Se il numero delle caparre versate, al giorno successivo alla data del termine fissato, verificato sugli idonei documenti comprovanti (attestazioni o ricevute), risulterà inferiore a quello necessario, la procedura verrà sospesa, il viaggio annullato e la caparra stessa restituita nei più brevi tempi tecnici necessari. La restituzione della caparra, per singoli casi sopravvenuti, è garantita solo in caso di reale impossibilità dovuta a motivi di salute e a seguito di presentazione di certificato medico. Nel caso in cui si tratti del versamento di una quota per l acquisto di biglietti di treno o d aereo non è possibile la restituzione in alcun caso. Il saldo deve essere versato entro una settimana prima dell effettuazione del viaggio, salvo documentate necessità organizzative tempestivamente comunicate dal docente referente (ad es., per iscrizione a corsi di scuole estere) e la quota complessiva versata da ogni studente non deve superare quella deliberata dal Consiglio di Istituto, salvo gli aumenti eventualmente richiesti dall agenzia di viaggio, per motivi di forza maggiore puntualmente documentati. 6 - Modalità di versamento delle quote Ogni studente versa direttamente la propria quota, sia per la caparra sia per il saldo, preferibilmente sul c/c postale della scuola e consegna al docente referente la ricevuta, anche con la collaborazione dei rappresentanti di classe. Raccolte tutte le ricevute, il docente le consegna al referente della segreteria. Eventuali diversi accordi tra studenti, genitori, docenti, finalizzati alla raccolta di somme e all effettuazione di versamenti in forma aggregata rientrano esclusivamente nell ambito di accordi, patti, convenzioni tra privati eminentemente volontari, cui l istituzione scolastica è sempre totalmente estranea e per la cui gestione (affidamento e assicurazione di somme, rischi connessi, garanzie) l Istituto non ha alcuna responsabilità. La pratica di versamento sul c/c postale o bancario intestato alla scuola s intenderà comunque conclusa all atto del ricevimento dell attestazione del versamento delle somme dovute a copertura dei costi e per i contributi richiesti, anche nell eventuale forma aggregata, presso la segreteria. 7 - Prescrizioni relative a specifiche componenti degli oneri Le diarie per le missioni all estero sono state eliminate con decreto legge 31/05/2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica. Pertanto la disponibilità dei docenti ad accompagnare le classi all estero non sarà retribuita, ma sarà riconosciuto il rimborso delle spese documentate sostenute dagli stessi (pernottamenti, pasti, ingresso a musei, mezzi di trasporto, acquisti di emergenza ecc.), come per i docenti impegnati nei viaggi d istruzione in Italia. Nel caso di viaggi di istruzione effettuati utilizzando offerte di mezzi di

8 trasporto tramite internet per i quali, come di regola accade, l ammontare del costo del trasporto è tanto più basso quanto più precocemente viene effettuato l acquisto dei biglietti, sarà seguita la seguente procedura: alle agenzie di viaggi interpellate verrà richiesto anche l acquisto dei biglietti per il trasporto, ma si avrà cura di richiedere dei preventivi con tale costo in evidenza rispetto all ammontare complessivo del prezzo richiesto al fine di evitare che una agenzia di viaggi possa indicare un costo attuale di un biglietto e aggiudicarsi la gara ben sapendo che in realtà al momento futuro dell acquisto il costo del trasporto sarà sicuramente più elevato. 8 Condotta e sanzioni Nell'organizzazione e nell'effettuazione dei viaggi, particolare cura deve essere posta per garantire in ogni fase l'efficacia dell'azione educativa, la sicurezza degli alunni e, in generale, la buona riuscita dell'iniziativa. Gli alunni sono tenuti a partecipare a tutte le attività didattiche previste dal programma del viaggio, sotto la direzione e la sorveglianza dei docenti o del personale incaricato, senza assumere iniziative autonome. Dovranno, inoltre, mantenere un comportamento sempre corretto nei confronti dei loro compagni, degli insegnanti, del personale addetto ai servizi turistici ed anche rigorosamente rispettoso dell'ambiente e del patrimonio storico-artistico, nonché delle attrezzature alberghiere, dei mezzi di trasporto messi a loro disposizione. Il risarcimento di eventuali danni materiali provocati dagli studenti sarà comunque a loro carico. Nel caso di mancanze gravi o reiterate il docente responsabile del viaggio, d'intesa con gli altri docenti accompagnatori e con il Dirigente scolastico, disporrà il rientro anticipato in sede degli alunni responsabili, previa comunicazione alle famiglie e a spese delle stesse, fermi restando gli obblighi di custodia. Eventuali episodi d'indisciplina segnalati dai docenti accompagnatori avranno conseguenze disciplinari. Sarà comunque compito del Consiglio di classe valutare anche preventivamente il profilo disciplinare degli alunni, ai fini dell approvazione o meno dei viaggi, tenuto conto anche del comportamento mantenuto durante viaggi d'istruzione precedenti, qualora questo non fosse risultato adeguatamente corretto. Per le specifiche norme e le relative sanzioni, si rinvia al Regolamento d Istituto. 9 - Commissione Viaggi d Istruzione La Commissione Viaggi d Istruzione, composta da membri prescelti dal Collegio docenti, si riunirà con cadenza minima annuale entro il mese di maggio, onde effettuare periodiche operazioni di valutazione del contenuto del presente regolamento e dei relativi moduli per i docenti, eventuali a- zioni correttive volte al perfezionamento continuo e al loro aggiornamento e integrazione Campo di applicazione del presente regolamento Quanto riportato ai precedenti articoli è da intendersi valido per tutti i viaggi d istruzione e le visite guidate, fatta eccezione per le uscite in orario scolastico. Sono compresi quindi gli scambi culturali o linguistico internazionali, i soggiorni studio o stage linguistici in corso d anno, per i quali seguono definizioni e norme integrative e specifiche, fatta salva la prevalente validità delle stesse, ove in conflitto.

9 Parte seconda SCAMBI CULTURALI O LINGUISTICI NAZIONALI O INTERNAZIONALI 11 Definizione e aspetti generali degli scambi culturali Lo scambio culturale o linguistico internazionale, proposto da un singolo insegnante o da un gruppo di insegnanti, è un progetto interdisciplinare e deve essere approvato, condiviso e supportato da tutto il Consiglio di classe. Può coinvolgere una sola classe, più classi in parallelo o in verticale, o, in alcuni casi, alcuni studenti provenienti da diverse classi. Può effettuarsi in un unico anno scolastico o in due secondo le esigenze e le scelte didattiche dei referenti. Lo scambio culturale è sostitutivo del viaggio d istruzione di più giorni; i mezzi di trasporto potranno essere individuati tra: treno, pullman, aereo Modalità di presentazione del progetto Ogni insegnante che intende proporre lo scambio deve presentare un progetto scritto contenente: classi o studenti partecipanti; finalità e obiettivi; tempo e modalità di realizzazione; mezzi e strumenti di realizzazione; docenti referenti o partecipanti alle attività (almeno un docente ogni 15 studenti con almeno due per ogni classe); caratteristiche del viaggio o modalità di accoglienza; programma delle attività; relazione e rendicontazione ad attività effettuata Indicazioni preferenziali Gli scambi culturali saranno effettuati preferibilmente al triennio; sono particolarmente consigliabili negli indirizzi linguistici; generalmente non devono superare la durata di una settimana; le spese a carico degli studenti devono essere contenute.

10 Parte terza SOGGIORNI O STAGE LINGUISTICI IN CORSO D ANNO 14 Definizione e obiettivi dei soggiorni o stage linguistici Il soggiorno o stage linguistico di studio ha lo scopo di consentire agli studenti di effettuare soggiorni linguistici preferibilmente all estero in uno dei paesi di cui essi studiano la lingua e ha lo scopo di approfondire le conoscenze linguistiche in un contesto reale e particolarmente formativo. Gli obiettivi perseguiti dal soggiorno o stage linguistico sono: rinforzare l orientamento vocazionale degli studenti attraverso un analisi critica delle proprie doti e dei propri limiti; approfondire le conoscenze linguistiche, culturali, socio-ambientali del paese di cui si studia la lingua; favorire l integrazione degli studenti in realtà europee diverse da quelle abituali. 15 Aspetti particolari del soggiorno o stage linguistico Il soggiorno o stage linguistico è rivolto prioritariamente a tutti gli studenti delle classi seconde, terze, quarte di ogni indirizzo dell Istituto a condizione che sia sostitutivo del viaggio d istruzione. Il soggiorno o stage linguistico, che verrà effettuato in corso d anno scolastico, potrà avere una durata massima di una settimana, viaggi di andata e ritorno compresi, e la sistemazione avverrà preferibilmente presso famiglie, in ostelli della gioventù o in foresterie comunali - ovvero presso strutture messe a disposizione dagli istituti ospitanti. Il soggiorno o stage linguistico è sostitutivo del viaggio d istruzione di più giorni. 16 Disposizioni finali Per quanto non espressamente riportato nel presente Regolamento si fa riferimento alla normativa vigente.

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli