FORMAZIONE PER RESPONABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE PER RESPONABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI"

Transcript

1 FORMAZIONE PER RESPONABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI L articolo 17 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 impone al Datore di Lavoro la designazione di un responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dei rischi (RSPP). Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi deve essere organizzato prioritariamente all interno dell azienda o unità produttiva. Qualora tale soluzione non sia fattivamente percorribile il datore di lavoro può ricorrere a persone o servizi esterni alla società. Nei casi previsti dall articolo 34 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 il Datore di Lavoro può ricoprire direttamente il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Nella tabella che segue vengono sinteticamente riportate le varie casistiche previste dalla norma. Tipologia Aziendale RSPP Interno RSPP Esterno RSPP Datore di Lavoro aziende industriali di cui all articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, soggette all obbligo di notifica o rapporto centrali termoelettriche impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230 aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni aziende industriali con oltre 200 lavoratori

2 industrie estrattive con oltre 50 lavoratori strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori Aziende artigiane e industriali fino a 30 X X X lavoratori 1 Aziende agricole e zootecniche fino a 30 lavoratori Aziende della pesca fino a 20 lavoratori Altre aziende fino a 200 lavoratori X X X X X X X X X Qualunque sia l organizzazione prescelta la norma in argomento ha previsto che il Responsabile del Servizio di Protezione e Protezione dai rischi (RSPP) e gli Addetti a tale servizio (ASPP) possiedano particolari capacità e requisiti professionali. Per definire quali siano tali requisiti si deve far riferimento agli articoli 32 e 34 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Requisiti formativi per RSPP e ASPP ad esclusione del Datore di Lavoro-RSPP Un soggetto che intenda svolgere il ruolo di RSPP ovvero ASPP sia interno che esterno alla azienda dovrà possedere i seguenti requisiti. titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore ovvero PREREQUISITO aver svolto la funzione di RSPP almeno sei mesi precedentemente alla data del 13 agosto In tale caso dovrà essere dimostrato tale requisiti mediante apposita documentazione REQUISITO FORMATIVO PERMANENTE REQUISITO FORMATIVO DI AGGIRNAMENTO attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress lavoro-correlato, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali Frequentare appositi corsi di aggiornamento secondo quanto previsto dall Accordo Stato Regioni del 26 gennaio Escluse le aziende industriali di cui all art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio 1988, n. 175, e successive modifiche, soggette all obbligo di dichiarazione o notifica ai sensi degli articoli 4 e 6 del decreto stesso, le centrali termoelettriche, gli impianti ed i laboratori nucleari, le aziende estrattive e altre attività minerarie, le aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni, le strutture di ricovero e cura sia pubbliche sia private.

3 Soggetti Formatori Al fine della presente per soggetto formatore si deve intendere: <<soggetto giuridico che assume l organizzazione materiale del corso, con disponibilità economico finanziaria e di competenze professionali, in possesso di adeguata dotazione logistica e gestionale>> I soggetti formatori autorizzati ad organizzare tali corsi di formazione per RSPP e ASPP, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi dei corsi sono stati definiti dall articolo 32 comma 2 del Decreto Legislativo 4 aprile 2008, n. 81 con l Accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 2006, e successive modificazioni. I soggetti formatori sono individuati dall articolo 32 comma 2 del Decreto Legislativo 4 aprile 2008, n. 81. Tali soggetti appartengono al I blocco e sono: Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano Università INAIL Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Amministrazione della Difesa Amministrazione della Scuola Superiore della pubblica amministrazione Amministrazione delle Scuole Superiori delle singole amministrazioni pubbliche Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori o Organismi Paritetici Riguardo la formazione erogata da soggetti del primo blocco, così detti ope legis, la circolare 13/SAN/2006 al punto 2 prevede che essi << omissis possano avvalersi di società private di formazione, alla quali possono demandare compiti organizzativi, amministrativi e di supporto alla didattica restando comunque fermo l obbligo in capo agli Enti di adempiere direttamente a tutte le funzioni relative alla scelta dei docenti, all approvazione dei programmi, alla valutazione dell apprendimento e al rilascio dei relativi certificati>> Con l Accordo tra lo Stato e le Regioni del 14 febbraio 2006 sono stati individuati ulteriori soggetti formatori. Essi vengono classificati in II blocco e III blocco. Sono soggetti formatori del II blocco: Amministrazioni statali e pubbliche, limitatamente al personale della P.A.: o Ministero del Lavoro e delle Attività Produttive o Ministero della Salute o Ministero dell Interno o Formez Istituzioni scolastiche Statali nei confronti del proprio personale gli ordini ed i collegi professionali limitatamente ai propri iscritti Il punto 4.2 dell Accordo Stato Regioni sancito il 26 gennaio 2006 (G.U. n. 37 del 14 febbraio 2006) individua ulteriori soggetti pubblici o privati ( III blocco) che possono svolgere l attività di formativa esclusivamente previa verifica da parte della Regione o della Provincia autonoma territorialmente interessata del possesso, tra l altro, del requisito di Accreditamento alla Regione o Provincia autonoma nell ambito in cui il soggetto intende operare in conformità al modello di accreditamento definito ai sensi del Decreto del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale del 25 maggio 2001 n. 166 (G.U. n162 del 14 luglio 2001). Regione Lombardia con le circolari 13/SAN/2006, 21/SAN/2006 e 32/SAN/2006 e 17 agosto 2012, n. 7 ha fornito le indicazioni operative in tema di formazione per RSPP ed ASPP.

4 Percorso formativo per RSPP e ASPP Il percorso formativo per un soggetto che intende svolgere il ruolo di RSPP è strutturato in 3 moduli obbligatori, 2 per ASPP. MODULO A CREDITO FORMATIVO PREMANENTE Corso comune per RSPP ed ASPP Costituisce il corso base per RSPP ed ASPP. Propedeutico per i successivi moduli B e C Durata minima di 28 ore Il programma dettagliato deve essere conforme all allegato A1 dell ASR 14 febbraio 2006 Modalità do verifica dell apprendimento Al termine del modulo dovrà il candidato dovrà conseguire l idoneità mediante superamento di apposito test di accertamento delle conoscenze la cui elaborazione è di competenza del Gruppo Docente e del Tutor del corso Frequenza La frequenza è obbligatoria per almeno il 90 % del monte ore. Sono esonerati dalla frequenza coloro i quali sono in possesso di uno dei requisiti di cui all articolo 32 comma 5 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (vedi allegato 1) MODULO B CREDITO FORMATIVO CON FRUIBILITA QUINQUENNALE Corso comune per RSPP ed ASPP Costituisce il corso di specializzazione, adeguato alla natura dei rischi del luogo di lavoro e delle attività lavorative Obbligatorio per RSPP ed ASPP Durata variabile da 12 a 68 ore a seconda del macrosettore di riferimento Il programma è a cura del soggetto formatore e deve rispettare i criteri dell allegato A2 dell ASR 14 febbraio 2006 Modalità do verifica dell apprendimento La valutazione si articola in verifiche intermedie e verifiche finali. Durante lo svolgimento del modulo sono previste verifiche intermedie dell apprendimento a test e a soluzioni di casi Al termine del modulo sono previste: una valutazione finale mediante una simulazione obbligatoria in situazione lavorativa durante l esecuzione di compiti coerenti con l attività di RSPP o ASPP colloquio o test Frequenza La frequenza è obbligatoria per almeno il 90 % del monte ore. Sono esonerati dalla frequenza coloro i quali sono in possesso di uno dei requisiti di cui all articolo 32 comma 5 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (vedi allegato 1)

5 MODULO C CREDITO FORMATIVO PERMANENTE Modulo di Specializzazione per soli RSPP Costituisce corso di specializzazione per soli RSPP Obbligatorio anche per coloro i quali sono esonerati dalla frequenza dei moduli A, B. Durata minima 24 ore Il programma è previsto nell allegato A 3 dell Accordo Stato Regioni del 14 febbraio Modalità do verifica dell apprendimento La valutazione si articola in verifiche intermedie e verifiche finali. Durante lo svolgimento del modulo sono previste verifiche intermedie dell apprendimento a test e a soluzioni di casi La verifica finale dell apprendimento prevede un colloquio obbligatorio Frequenza La frequenza è obbligatoria per almeno il 90 % del monte ore. AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER RSPP E ASPP RIGUARDA SOLO LE TEMATICHE DEL MODULO B Modulo di aggiornamento quinquennale. Durata: 60 ore per i macrosettori ATECO: ore per i macrosettori ATECO: ore per ASPP di qualsiasi settore ATECO Certificazione delle competenze acquisite L Accordo Stato Regioni del 14 febbraio 2006 prevede che al superamento delle verifiche finali di apprendimento di ogni singolo modulo di formazione, stante la verifica della frequenza alle ore di corso, venga rilasciato al discente specifico attestato di formazione. Tali attestati vengono rilasciati dalle Regioni e Provincie autonome ovvero dai soggetti individuati dall articolo 32 comma 4 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Regione Lombardia con le circolari 13/SAN/2006, 21/SAN/2006 e 32/SAN/2006. I modelli di attestati di formazione sono previsti dalla circolare del 17 agosto 2012, n. 7 e a tali modelli tutti i soggetti formatori che operano in Regione Lombardia devono attenersi. Ruolo delle Aziende Sanitarie Locali Regione Lombardia ed i Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro delle Aziende Sanitarie Locali assumono un ruolo di governo delle iniziative realizzate sui territori di competenza. I servizi PSAL svolgono azioni di controllo dell offerta formativa e garantiscono l appropriatezza della formazione a favore della domanda espressa. Le ASL possono inoltre favorire una efficace razionalizzazione dell offerta formativa, facilitando la creazione do poli formativi regionali o territoriali ovvero reti di soggetti formatori.

6 Atteso il fatto che gli attestati di formazione riferiti a corsi erogati da soggetti formatori di cui al III blocco, ad eccezione dei corsi di aggiornamento, vengono rilasciati dalla ASL competente per territorio secondo le procedure di cui alle circolari regionali di cui sopra; il Servizio PSAL della ASL di Milano sorveglia la correttezza formale e la qualità sostanziale della formazione erogata dai soggetti formatori di cui al III blocco, anche attraverso verifiche in loco. Tale attività di sorveglianza garantisce oltre alla correttezza formale e la verifica dei profili qualitativi, la conoscenza delle iniziative formative che si realizzano sul territorio. Il punto 3 della circolare 21/SAN/2006 prevede inoltre che tutti i soggetti formatori, compresi quelli del primo blocco, trasmettano alla ASL competente per territorio ove il corso di formazione è stato erogato, i verbali di verifica finale dell apprendimento secondo il modello previsto all allegato IV della stessa circolare. Al fine di dare seguito a tale disposizione normativa la scrivente Azienda Sanitaria Locale ha provveduto ad adottare una specifica organizzazione. Le comunicazioni di cui in precedenza dovranno essere inviate con cadenza semestrale, e più precisamente a fine giugno e fine dicembre di ogni anno. L invio potrà avvenire anche con modalità telematica all indirizzo mail: In tale caso il soggetto formatore sarà responsabile di conservare gli atti originali per il periodo previsto dalla legge e di metterli a disposizione dell organo di vigilanza in caso di richiesta. Al contempo il soggetto formatore dovrà compilare in ogni sua parte ed inviare al medesimo indirizzo mail il report di cui all allegato II della presente nota (da realizzare su foglio di calcolo elettronico). Nei riguardi dei soggetti formatori appartenenti al I e II blocco, il Servizio PSAL oltre a registrare le comunicazioni trasmette e verificare il rispetto delle disposizioni normative ha attivato specifici controlli. Tali verifiche possono essere realizzate in situ, ovvero durante lo svolgimento di iniziative formative di cui si è venuti a conoscenza oppure ex post a seguito di acquisizione di attestati di formazione nel corso della normale attività di istituto. Tali verifiche possono riguardare svariati aspetti e sono tese a verificare il corretto svolgimento dei percorsi formativi secondo gli standard previsti dalla normativa nazionale e regionale.

7 Allegato I : Esonero dalla frequenza dei moduli A e B Classe di Laurea Tipologia L7 INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE L8 INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE L9 INGEGNERIA INDUSTRIALE L17 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA L23 SCIENZE E TECNICHE DELL'EDILIZIA LM26 di cui al decreto del Ministro dell università e della ricerca in data 16 marzo 2007, INGEGNERIA DELLA SICUREZZA pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 155 del 6 luglio 2007, 4 di cui al decreto del Ministro dell università e della SCIENZE DELL'ARCHITETTURA E DELL'INGEGNERIA ricerca scientifica e tecnologica in data 4 EDILE agosto 2000, pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 245 del 19 ottobre di cui al decreto del Ministro dell università e della ricerca scientifica e tecnologica in data 4 INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE agosto 2000, pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 245 del 19 ottobre di cui al decreto del Ministro dell università e della ricerca scientifica e tecnologica in data 4 INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE agosto 2000, pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 245 del 19 ottobre di cui al decreto del Ministro dell università e della ricerca scientifica e tecnologica in data 4 INGEGNERIA INDUSTRIALE agosto 2000, pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 245 del 19 ottobre di cui al decreto del Ministro dell università e della ricerca scientifica e tecnologica in data 2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE aprile 2001, pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 128 del 5 giugno 2001 altre lauree e lauree magistrali riconosciute corrispondenti ai sensi della normativa vigente con decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, su parere conforme del Consiglio universitario nazionale ai sensi della normativa vigente

8 Allegato II: Foglio di calcolo ad uso esclusivo dei soggetti formatori appartenenti al I blocco n. corsi ENTE FORMATORE SOGGETTI FORMATORI APPARTENENTI AL I BLOCCO indirizzo sede corso TIPO CORSO edizione data inizio data fine resp. Progetto formativo n. formati

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, , NAPOLI

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, , NAPOLI Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 80121, NAPOLI codice meccanografico: NAPC14000P Telefono 081 415084 e-mail: napc14000p@istruzione.it Fax 081 7944596 A TUTTI I DOCENTI Oggetto: D.

Dettagli

Novità su formazione RSPP e ASPP

Novità su formazione RSPP e ASPP 1 Novità su formazione RSPP e ASPP Il 3 Settembre 2016 è entrato in vigore nuovo Accordo Stato Regioni del 07.07.2016 sulla formazione RSPP e ASPP: novità e cambiamenti rispetto alla normativa precedente.

Dettagli

Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali

Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali Pagina 1 L accordo nasce con la finalità di operare una revisione dell Accordo della Conferenza Stato

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti minimi,

Dettagli

Nel dettaglio evidenziamo alcuni aspetti innovativi dell accordo stato regioni.

Nel dettaglio evidenziamo alcuni aspetti innovativi dell accordo stato regioni. Alle imprese edili della Provincia di Napoli Napoli, 26.09.2016 Prot. N 134 OGGETTO: Circolare informativa n. 2/2016 Accordo Stato Regioni RSPP Vi informiamo che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Il comma 2, primo periodo, dello stesso art. 32, citato dal comma 5, recita che:

Il comma 2, primo periodo, dello stesso art. 32, citato dal comma 5, recita che: ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI Modalità formative degli Ingegneri ed Architetti responsabili del servizio prevenzione e protezione (RSPP) (Approfondimenti dell Area tematica

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVI 81/2008 e 106/2009

DECRETO LEGISLATIVI 81/2008 e 106/2009 DECRETO LEGISLATIVI 81/2008 e 106/2009 CAMPO D APPLICAZIONE DEFINIZIONI MODULO A2 1 CAMPO DI APPLICAZIONE (Art.3): TUTTI I SETTORI DI ATTIVITÀ, PRIVATI E PUBBLICI, E TUTTE LE TIPOLOGIE DI RISCHIO (c.1).

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ANNO 2011-2012 Referenti: Ing. Giovanna Salzano Direttore dei corsi di formazione per la sicurezza

Dettagli

ACCORDO 7 LUGLIO CONFERENZA STATO REGIONI ANALISI DEI CONTENUTI PRINCIPALI

ACCORDO 7 LUGLIO CONFERENZA STATO REGIONI ANALISI DEI CONTENUTI PRINCIPALI Rif. 124/16 06-09-2016 ACCORDO 7 LUGLIO 2016 - CONFERENZA STATO REGIONI ANALISI DEI CONTENUTI PRINCIPALI 1. INDIVIDUAZIONE DI ULTERIORI TITOLI DI STUDIO VALIDI AI FINI DELL ESONERO DALLA FREQUENZA AI CORSI

Dettagli

Corso di formazione e aggiornamento per RSPP

Corso di formazione e aggiornamento per RSPP Corso di formazione e aggiornamento per RSPP Moduli per datori di lavoro secondo l'art. 34 del D.Lgs. 81/2008 e l'accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Modulo AGG: Principali novità in ambito di FORMAZIONE

Dettagli

AMBIENTE E SICUREZZA -TARIFFARIO ANNO 2017 SEZIONE CORSI

AMBIENTE E SICUREZZA -TARIFFARIO ANNO 2017 SEZIONE CORSI Prot: AS 02/2017 del 26 gennaio 2017 AMBIENTE E SICUREZZA -TARIFFARIO ANNO 2017 CORSI RSPP RISCHIO BASSO 16 ORE SEZIONE CORSI Euro 218,00 Euro 270,00 RISCHIO ALTO 48 ORE Euro 490,00 Euro 610,00 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale In questa unità didattica illustreremo i requisiti professionali di responsabili e addetti al servizio

Dettagli

La formazione dei datori di lavoro RSPP LA FORMAZIONE. Durata Art. 34 D.Lgs. 81/08

La formazione dei datori di lavoro RSPP LA FORMAZIONE. Durata Art. 34 D.Lgs. 81/08 LA FORMAZIONE DEL DATORE DI LAVORO-RSPP Durata 05 27 Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011 Formazione del datore di lavoro-rspp (G.U. n. 8 dell 11.1.2012) 2/10 Il datore di lavoro RSPP Art. 34 D.Lgs.

Dettagli

Committente e/o Responsabile dei lavori

Committente e/o Responsabile dei lavori Committente e/o Responsabile dei lavori Impresa affidataria, Imprese esecutrici e Lavoratori autonomi Committente CHI E : soggetto per conto del quale l intera opera viene realizzata, indipendentemente

Dettagli

OBBLIGHI FORMATIVI sulla SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO. Documento di Sintesi della Formazione SIREGEST. IDENTIFICAZIONE del RISCHIO nelle ATTIVITA

OBBLIGHI FORMATIVI sulla SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO. Documento di Sintesi della Formazione SIREGEST. IDENTIFICAZIONE del RISCHIO nelle ATTIVITA OBBLIGHI FORMATIVI sulla SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO Documento di Sintesi della Formazione IDENTIFICAZIONE del RISCHIO nelle ATTIVITA ( B ) BASSO : Uffici e Servizi, Commercio, Artigianato, Turismo.

Dettagli

CORSO RLS + AGGIORNAMENTO

CORSO RLS + AGGIORNAMENTO CORSO di FORMAZIONE Per RAPPRESENTANTE dei LAVORATORI per la SICUREZZA (RLS) 1 (Art. 37 2 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009) ORGANIZZAZIONE Responsabile

Dettagli

Proposta d Accordo Datori di Lavoro

Proposta d Accordo Datori di Lavoro Proposta d Accordo Datori di Lavoro Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore

Dettagli

I soggetti deputati alla realizzazione dell attività formativa si distinguono in due tipologie:

I soggetti deputati alla realizzazione dell attività formativa si distinguono in due tipologie: Indicazioni operative per la formazione ed aggiornamento dei Responsabili e degli Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione ai sensi dell art. 32 del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo della Conferenza

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Istruzione, Formazione, Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni

REGIONE LIGURIA Dipartimento Istruzione, Formazione, Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni Allegato A) REGIONE LIGURIA Dipartimento Istruzione, Formazione, Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni Disposizioni per la realizzazione degli interventi formativi per lo svolgimento diretto

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

FORMAZIONE GENERALE AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SCUOLA PROFESSIONALE EDILE - CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di Varese (Decreto Legislativo 9 aprile 2008

Dettagli

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro. Pagina 1 di 7 Epigrafe Premessa Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Allegato - Criteri di qualificazione della figura del formatore per la Salute e sicurezza sul Lavoro - (articolo 6 comma 8, lett.

Dettagli

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Inquadramento generale; Nuova formazione RSPP/ASPP Aggiornamenti RSPP/ASPP Prospettive e opportunità E-learning www.farag.it 1 Il nuovo accordo prevede

Dettagli

formazione alla sicurezza le novità

formazione alla sicurezza le novità formazione alla sicurezza le novità ACCORDO SULLA DURATA E SUI CONTENUTI MINIMI DELLA FORMAZIONE PER RSPP E ASPP 07.07.2016 Testo del nuovo accordo sulla formazione: http://www.ambienteeuropa.it/formazione/normative/accordo_stato-regioni_07072016.pdf

Dettagli

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti;

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti; Articolo 30 - Modelli di organizzazione e di gestione Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 6 CORSI TECNICO SPECIFICI 7 FORMAZIONE FORMATORI 8 RSPP 9 RLS 11 PREPOSTI 12

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: La formazione dei lavoratori in quota

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: La formazione dei lavoratori in quota Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: La formazione dei lavoratori in quota In questa unità didattica spiegheremo a chi è rivolta la formazione per i lavoratori in quota e in particolare ci

Dettagli

NORMATIVA PER L OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO RSPP a cura di: Arch. Gianluca Licari

NORMATIVA PER L OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO RSPP a cura di: Arch. Gianluca Licari NORMATIVA PER L OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO RSPP a cura di: Arch. Gianluca Licari Premessa del curatore: Per lo svolgimento del ruolo di Aspp e di Rspp è necessario frequentare periodici corsi di aggiornamento,

Dettagli

Previsto numero massimo di 35 partecipanti per corso. Frequenza minima del 90% delle ore di formazione previste.

Previsto numero massimo di 35 partecipanti per corso. Frequenza minima del 90% delle ore di formazione previste. Articolazione del percorso formativo per RSPP e ASPP Accordo Stato regioni del 7 luglio 2016 Repertorio Atti n.: 128/CSR del 07/07/2016 Organizzazione dei corsi Previsto numero massimo di 35 partecipanti

Dettagli

La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni

La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni (G.U. del 19/8/2016 serie generale n. 193) a cura di Norberto Canciani 1 Riferimenti normativi D.Lgs. 81/08 Art. 32 Capacità e requisiti professionali

Dettagli

NOTIZIARIO SULLA SICUREZZA N IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 7 LUGLIO 2016

NOTIZIARIO SULLA SICUREZZA N IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 7 LUGLIO 2016 ACCREDITATA REGIONE PIEMONTE "accreditamento n. 1029/001 del 29/11/2010" nell'ambito della formazione corsi riconosciuti CERTIFICATA ISO 9001:2008 BUREAU VERITAS ITALIA S.P.A. Certificato n. 220703 NOTIZIARIO

Dettagli

Intervento a cura di: dott. Marco MORONE. Milano, 22 LUGLIO 2016

Intervento a cura di: dott. Marco MORONE. Milano, 22 LUGLIO 2016 Intervento a cura di: dott. Marco MORONE Milano, 22 LUGLIO 2016 FORMAZIONE DATORE DI LAVORO FORMAZIONE «PROFESSIONISTI» RPSS-ASPP art. 32 CSP CSE art. 98 FORMAZIONE LAVORATORI Generale e specifica ABILITAZIONI

Dettagli

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) L.R. 10 Agosto 2006, n. 9 Disposizioni in materia di formazione nell'apprendistato (1) SOMMARIO Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizione dei profili formativi Art. 3 Piano Formativo

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE PER I RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. A cura di: Danilo Monarca

LE NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE PER I RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE. A cura di: Danilo Monarca CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 LE NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE PER I RESPONSABILI DEI SERVIZI

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCENTI 26 MARZO 2015

AGGIORNAMENTO DOCENTI 26 MARZO 2015 AGGIORNAMENTO DOCENTI 26 MARZO 2015 CRITERI DI QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Decreto interministeriale del 6 marzo 2013 in vigore dal 18 marzo 2014 PREREQUISITO

Dettagli

Linee Guida 5 ottobre 2006 attuative art. 8-bis D.Lgs. n. 626/94 427

Linee Guida 5 ottobre 2006 attuative art. 8-bis D.Lgs. n. 626/94 427 Linee Guida 5 ottobre 2006 attuative art. 8-bis D.Lgs. n. 626/94 427 Accordo ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 Linee guida interpretative dell Accordo sancito in Conferenza

Dettagli

FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO:

FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: Spett.le AZIENDA CLIENTE OGGETTO: informativa sicurezza n. 01/12 Data: 13/01/2012 FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed entrata in vigore degli

Dettagli

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) 1. La presente legge, ai sensi del Titolo VI, Capo I del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE SICUREZZA SUL LAVORO

LINEE GUIDA PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE SICUREZZA SUL LAVORO LINEE GUIDA PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi dell art. 37 del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 UNIVERSITÀ

Dettagli

CORSI PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSI PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI SUI LUOGHI DI LAVORO CORSI PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI SUI LUOGHI DI LAVORO Art. 8 bis del D. Lgs. 19 settembre 1994, n. 626 introdotto dal D. Lgs. 23 giugno 2003, n. 195 LE

Dettagli

LA FORMAZIONE NEL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI

LA FORMAZIONE NEL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI LA FORMAZIONE NEL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI L Accordo Stato Regioni del 21 Dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori, dei dirigenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 195 del 23/06/2003 Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, per l'individuazione delle capacita' e dei requisiti professionali richiesti agli addetti ed ai responsabili

Dettagli

ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI

ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI L accordo stato regioni del 21 Dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

Ente Paritetico Unificato per la Formazione, la Sicurezza e la Salute della Provincia di L Aquila (Ese-Cpt L Aquila)

Ente Paritetico Unificato per la Formazione, la Sicurezza e la Salute della Provincia di L Aquila (Ese-Cpt L Aquila) AREA FORMAZIONE CIRCOLARE N. 14/2016 L Aquila 1 Settembre 2016 Imprese iscritte alla Cassa Edile di L Aquila Studi di consulenza del lavoro Parti Sociali Territoriali LORO SEDI OGGETTO: Formazione RSPP

Dettagli

FORMAZIONE RSPP E ASPP - NUOVO ACCORDO CONFERENZA PERMANENTE STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

FORMAZIONE RSPP E ASPP - NUOVO ACCORDO CONFERENZA PERMANENTE STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO RIF. N.229 19.09.2016 DE PALO/pm FORMAZIONE RSPP E ASPP - NUOVO ACCORDO CONFERENZA PERMANENTE STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Il 4 settembre 2016 è entrato in vigore il nuovo Accordo

Dettagli

CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento)

CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento) 2 3 4 CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento) N. ORE 12 ore // 4 ore aggiornamento 11-12-15 Settembre dalle 9.00 alle 13.00 16 Ottobre dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 17 Ottobre

Dettagli

R.S.P.P. A.S.P.P. (RESPONSABILE/ADDETTO SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA)

R.S.P.P. A.S.P.P. (RESPONSABILE/ADDETTO SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA) CPRP R.S.P.P. A.S.P.P. (RESPONSABILE/ADDETTO SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA) (D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii.) REQUISITI COMPITI RESPONSABILITA Il Testo Unico per la Sicurezza (D.Lgs. 81/08) redatto in attuazione

Dettagli

Formazione dei docenti per il sostegno didattico

Formazione dei docenti per il sostegno didattico Formazione dei docenti per il sostegno didattico da Schema di decreto legislativo recante norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità Formazione iniziale dei docenti

Dettagli

Repubblica Italiana. Regione Siciliana

Repubblica Italiana. Regione Siciliana OGGETTO: Formazione degli addetti e dei responsabili SPP di cui al D. Lgs. 195/03, all accordo sancito nella Conferenza Permanente per i rapporti tra Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016

Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016 Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016 ROMA 4 OTTOBRE 2016 DANIELE RANIERI L Accordo non contiene solo le indicazioni per la Formazione per RSPP e APP, ma anche: Revisione Accordi Sostituzioni Modifiche 26

Dettagli

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 C P R P SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 (Pubblicato G.U. N 193 DEL 19/08/2016, IN VIGORE DAL 03 SETTEMBRE 2016) SOGGETTI FORMATORI

Dettagli

Titoli professionali per addetti stampa nella P.A.

Titoli professionali per addetti stampa nella P.A. Dpr, 21 settembre 2001, numero 422 Titoli professionali per addetti stampa nella P.A. Regolamento recante norme per l'individuazione dei titoli professionali del personale da utilizzare presso le pubbliche

Dettagli

Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Pagina 1 L accordo oltre a disciplinare la formazione degli RSPP e ASPP interviene sui seguenti

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 30 DELIBERAZIONE 10 luglio 2012, n. 607

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 30 DELIBERAZIONE 10 luglio 2012, n. 607 58 25.7.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 30 DELIBERAZIONE 10 luglio 2012, n. 607 DGR n. 235/2011: Indirizzi per la realizzazione del le attività formative di cui artt. 47 e 32 del

Dettagli

Si riporta in allegato alla presente mail quanto disposto dal Miur in tema di sicurezza e salute nei luoghi

Si riporta in allegato alla presente mail quanto disposto dal Miur in tema di sicurezza e salute nei luoghi Circolare n 237 MONTECCHIO MAGGIORE, 24 febbraio 2016 Ai Consigli di Classe coinvolti nell ASL A tutto il personale Oggetto: Salute e sicurezza degli studenti in alternanza scuola lavoro Si riporta in

Dettagli

Ripercussioni sull attività dei CSP e CSE oltre che degli RSPP e dei formatori in materia di sicurezza

Ripercussioni sull attività dei CSP e CSE oltre che degli RSPP e dei formatori in materia di sicurezza Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 Durata e contenuti minimi dei percorsi formativi per Responsabili ed Addetti dei Servizi di Prevenzione e Protezione Ripercussioni sull attività dei CSP e CSE oltre

Dettagli

Insegnante di autoscuola

Insegnante di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica Insegnante di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

RECEPIMENTO E DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL'ACCORDO STATO- REGIONI/PROVINCE AUTONOME DEL PER LA REALIZZAZIONE DI:

RECEPIMENTO E DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL'ACCORDO STATO- REGIONI/PROVINCE AUTONOME DEL PER LA REALIZZAZIONE DI: ALLEGATO B) RECEPIMENTO E DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL'ACCORDO STATO- REGIONI/PROVINCE AUTONOME DEL 26.1.2006 PER LA REALIZZAZIONE DI: PERCORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI ALL USO DI

Dettagli

Accordo 22 febbraio 2012 in attuazione all art. art. 73 c. 5 D.lgs 81/08. Rimini 23 Aprile 2013

Accordo 22 febbraio 2012 in attuazione all art. art. 73 c. 5 D.lgs 81/08. Rimini 23 Aprile 2013 Accordo 22 febbraio 2012 in attuazione all art. art. 73 c. 5 D.lgs 81/08 Rimini 23 Aprile 2013 Art 73 c 5 In sede di conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome, di Trento

Dettagli

ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IL CORSO La formazione è organizzato secondo l Accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 7 luglio 2017.

Dettagli

FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016

FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016 FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016 SOMMARIO DELL INTERVENTO Il Profilo Professionale del RSPP La formazione base per ASPP/RSPP Aggiornamento per ASPP/RSPP e decorrenza Validità

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OFFERTA FORMATIVA REGIONALE NELL AMBITO DEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO DI CUI AL D. LGS. 167/2011

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OFFERTA FORMATIVA REGIONALE NELL AMBITO DEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO DI CUI AL D. LGS. 167/2011 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OFFERTA FORMATIVA REGIONALE NELL AMBITO DEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO DI CUI AL D. LGS. 167/2011 A) DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI 1) Definizione di apprendistato 1.1 L'apprendistato

Dettagli

Modalità acquisizione dei crediti formativi universitari e accademici di cui all art. 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017 n.

Modalità acquisizione dei crediti formativi universitari e accademici di cui all art. 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017 n. Roma, 10 agosto 2017 Modalità acquisizione dei crediti formativi universitari e accademici di cui all art. 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017 n. 59 l articolo 5, comma 4, del decreto legislativo

Dettagli

Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano tra

Dettagli

Il certificatore energetico in edilizia

Il certificatore energetico in edilizia Il certificatore energetico in edilizia ELEMENTI IDENTIFICATIVI DI CARATTERE NORMATIVO/AMMINISTRATIVO NORMATIVE E ATTI AMMINISTRATIVI DI RIFERIMENTO Nazionali/Comunitari Regione Emilia-Romagna D. Lgs del

Dettagli

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Corsi di formazione anno 2009 in collaborazione con: Istituto Superiore di Formazione alla Prevenzione 30 NOVEMBRE 2009 Aula (da definire)

Dettagli

La formazione in materia di salute e sicurezza

La formazione in materia di salute e sicurezza La formazione in materia di salute e sicurezza Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 23 novembre 2016 Campus L. Einaudi Lungo Dora Siena 110 Torino Le Indicazioni operative La Regione Piemonte

Dettagli

Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro

Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro Convegno gratuito Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro Relatore: Lucio Fattori BOLOGNA, 21 ottobre 2016 dalle ore 10.00 alle ore 13.00 Parleremo di. L Accordo Stato-Regioni

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale

Il Ministro della Pubblica Istruzione. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale Il Ministro della Pubblica Istruzione di concerto con Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale VISTO l articolo 1, commi 622 e 624 della legge 27 dicembre 2006, n. 296; VISTO l articolo 28 del

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 24/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 24/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag. 24/07/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag. 39 di 319 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 8 luglio 2014, n. 439 Recepimento Accordo adottato

Dettagli

Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32)

Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32) Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32) MODULO A Corso base [Cod. 1-16] MODULO B Corso comune [Cod. 2a-16] MODULO B SP1 Modulo di Specializzazione Agricoltura,

Dettagli

BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007)

BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007) BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007) VISTA la Legge, art. 1, comma 632, riguardante la riorganizzazione dei centri territoriali permanenti

Dettagli

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione Formazione di Base per i Lavoratori Servizio di Prevenzione e Protezione L Informazione, la Formazione e L dei lavoratori sono misure di tutela che accrescono la cultura della sicurezza negli ambienti

Dettagli

Organismo di Certificazione del Personale e della Formazione Organization for Personnel and Training Certification NOME E COGNOME :

Organismo di Certificazione del Personale e della Formazione Organization for Personnel and Training Certification NOME E COGNOME : Organismo di Certificazione del Personale e della Formazione Organization for Personnel and Training Certification SAFETY MANAGER QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 luglio finalizzato all individuazione. della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi. per RSPP e gli ASPP

Accordo Stato Regioni 7 luglio finalizzato all individuazione. della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi. per RSPP e gli ASPP Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 finalizzato all individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e gli ASPP Entrata in vigore 3 settembre 2016 Per 12 mesi si formazione

Dettagli

2. Agli stessi effetti rientra, fra le funzioni inerenti la materia, la vigilanza sull'attivita' privata di formazione professionale.

2. Agli stessi effetti rientra, fra le funzioni inerenti la materia, la vigilanza sull'attivita' privata di formazione professionale. Decreto Legislativo n.112 Roma, 31 marzo 1998 Oggetto: Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997,

Dettagli

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) I NUOVI REQUISITI

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) I NUOVI REQUISITI BIOIKOS AMBIENTE S.r.l. Sede legale e operativa - via G. Rivani, 99 40138 Bologna (Bo) Cap soc. 99.000 euro i.v.; P.IVA e Cod. Fisc. 02026311205; R.E.A. 407418 Tel. +39 051 5878211 Fax +39 0515878200 www.bioikosambiente.it;

Dettagli

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008 ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Soggetto accreditato per la Formazione dalla Regione Lombardia Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Nomina a RSPP e ASPP

Dettagli

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti legislativi D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 art. 34 comma 1 Salvo

Dettagli

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto Imola, 25 novembre 2015 Dott.ssa Paola Tarozzi Tecnico della Prevenzione presso l unità operativa Complessa Prevenzione e Sicurezza degli ambienti di Lavoro

Dettagli

Corso di formazione per ASPP - RSPP (MOD. A) - Corso abilitante alla funzione -

Corso di formazione per ASPP - RSPP (MOD. A) - Corso abilitante alla funzione - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell.393.943.81.57 Centro di formazione Certificazione per erogazione a marchio Aifos Riferimenti legislativi

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n.

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n. ALLEGATO 2 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Tipologia di impianti Le disposizioni seguenti concernono

Dettagli

FORMAZ., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIV., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore CASCINO STEFANO

FORMAZ., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIV., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE. Estensore CASCINO STEFANO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORMAZ., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIV., DIR. STUDIO PROGRAMM. DELL'OFF. FORMAT. E DI ORIENTAMENTO DETERMINAZIONE N. G11220 del 04/10/2016 Proposta n. 14287 del 28/09/2016

Dettagli

DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DI ATENEO, AI SENSI DELL ARTICOLO 32 DEL DECRETO LEGISLATIVO DEL 9 APRILE 2008 NUMERO

DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DI ATENEO, AI SENSI DELL ARTICOLO 32 DEL DECRETO LEGISLATIVO DEL 9 APRILE 2008 NUMERO Allegato A) SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DI ATENEO, AI SENSI DELL ARTICOLO 32 DEL DECRETO LEGISLATIVO DEL 9 APRILE

Dettagli

Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza.

Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza. 1 criterio Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza. fare riferimento 2 criterio aree tematiche cui Laurea (vecchio ordinamento,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 (Ingegneria meccanica) Dipartimento

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA. 5 Dicembre 2016

FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA. 5 Dicembre 2016 FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA 5 Dicembre 2016 SITUAZIONE AD OGGI: 914 Iscritti totali 326 Iscritti con più di 40 CFP 209 Iscritti con più di 1 CFP e meno di 40 379 Iscritti a 0 CFP 379 326 Iscritti

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE UMANE E PROFESSIONI SANITARIE IL MINISTRO DELLA SALUTE

DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE UMANE E PROFESSIONI SANITARIE IL MINISTRO DELLA SALUTE DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLE RISORSE UMANE E PROFESSIONI SANITARIE IL MINISTRO DELLA SALUTE VISTO l art. 16-ter del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.502, e successive modificazioni,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Al Presidente della Commissione per gli esami di Stato di abilitazione alla professione di Ingegnere UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Il/La sottoscritto/a (cognome) (nome) matricola codice fiscale nato/a

Dettagli

(segue: testo approvato dalla Camera dei Deputati)

(segue: testo approvato dalla Camera dei Deputati) Atti Parlamentari 40 Camera dei Deputati 1248-B «ART. 16-bis. (Modifiche al decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, in materia di accesso alle banche dati pubbliche). 1. Al decreto legislativo 13 agosto

Dettagli

14-9-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 39

14-9-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 39 1 Allegato 1 Modello istanza per organismi paritetici - Enti bilaterali - Associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori - Fondi interprofessionali di settore - Ordini e Collegi professionali

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Porreca.it e Silea Isforp Bari CONVEGNO

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Porreca.it e Silea Isforp Bari CONVEGNO Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Porreca.it e Silea Isforp Bari CONVEGNO L impianto del nuovo Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 sulla formazione in materia di salute e sicurezza

Dettagli

CITTA DI FRANCAVILLA FONTANA

CITTA DI FRANCAVILLA FONTANA CITTA DI FRANCAVILLA FONTANA PROVINCIA DI BRINDISI Area Tecnica Settore LL.PP. Via Municipio n. 22 P.I. 0017176620748 Tel. 0831/820329 Fax: 0831/810228 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO ALL'INDIVIDUAZIONE

Dettagli

CALENDARIO CORSI ANNO 2017

CALENDARIO CORSI ANNO 2017 MEDICINA DEL LAVORO - SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE AZIENDALE 81/2008 CALENDARIO CORSI ANNO ENTE FORMATIVO ACCREDITATO IN www.clsmedicinadellavoro.com App: Notillo In, successivamente cercare Centro

Dettagli

RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni 07/07/2016

RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 RSPP 2016 Il nuovo Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 D. Lgs. n. 81, 9 aprile 2008, artt. 32 e 37 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 e Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 2016 AiFOS Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Art. 26 (Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione)

Art. 26 (Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione) Tavola sinottica delle modifiche apportate dal Decreto Legge 21 giugno 2013, n. 69 al Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (Testo Unico per la Sicurezza) Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto

Dettagli

IL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI R.S.P.P. E DEGLI A.S.S.P. Corrado Cigaina

IL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI R.S.P.P. E DEGLI A.S.S.P. Corrado Cigaina IL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI R.S.P.P. E DEGLI A.S.S.P. Corrado Cigaina corrado_cigaina@ats-pavia.it Pavia, 25 ottobre 2016 RESPONSABILITA' DEL RSPP Un RSPP che abbia dato un suggerimento sbagliato,

Dettagli

DI PROVVEDERE all invio del presente atto in originale ed in duplice copia al Dipartimento della Segreteria della Giunta Regionale.

DI PROVVEDERE all invio del presente atto in originale ed in duplice copia al Dipartimento della Segreteria della Giunta Regionale. 1-4-2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 6 8685 DI PROVVEDERE all invio del presente atto in originale ed in duplice copia al Dipartimento della Segreteria della Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARI UNIVERSITAS MERCATORUM. Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARI UNIVERSITAS MERCATORUM. Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento Art. 1 Principi generali e scopo del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e l organizzazione dei Master nell Università Telematica Universitas Mercatorum. L Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO FORMAZIONE CONTINUA DEGLI SPEDIZIONIERI DOGANALI

REGOLAMENTO FORMAZIONE CONTINUA DEGLI SPEDIZIONIERI DOGANALI REGOLAMENTO FORMAZIONE CONTINUA DEGLI SPEDIZIONIERI DOGANALI Ai sensi dell art. 7, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137 Ricevuto parere favorevole del Ministro dell

Dettagli

Allegato 2. Premessa. Soggetti attuatori

Allegato 2. Premessa. Soggetti attuatori Allegato 2 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI CHE UTILIZZANO ATTREZZATURE DI LAVORO CHE NECESSITANO DI SPECIFICA ABILITAZIONE, AI SENSI DELL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2012, ATTUATIVO

Dettagli