La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni"

Transcript

1 La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni (G.U. del 19/8/2016 serie generale n. 193) a cura di Norberto Canciani 1

2 Riferimenti normativi D.Lgs. 81/08 Art. 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni Titolo di studio minimo: diploma di istruzione secondaria superiore Frequenza e verifica apprendimento a corsi coerenti con quanto previsto dall Accordo Stato Regioni del 26/1/2006 Esonero obbligo diploma per chi ha svolto le funzioni da almeno sei mesi alla data del 13/8/2003 Esonero a modulo A e B per alcune tipologie di laurea Credito formativo per corsi che si sovrappongono (criteri da definire) Obbligo aggiornamento secondo Accordo del 26/1/2006 2

3 PREMESSE DEL NUOVO ACCORDO Necessità di revisione del precedente Accordo per coerenza con D.Lgs. 81/08, con Accordi su formazione lavoratori e datori di lavoro RSPP (21/12/2011), con Accordo su uso di attrezzature (art. 73, comma 5, D.Lgs. 81/08) e con D.I. 6 marzo Necessità di sostituzione dell allegato I Accordo 21/12/2011 (e learning) Eliminare riferimenti a Enti bilaterali Modifica Accordo su attrezzature per formazione pregressa Modalità riconoscimento crediti formativi in caso di percorsi formativi sovrapponibili 3

4 CONTENUTI DEL NUOVO ACCORDO Ridefinizione dei requisiti per la formazione di RSPP/ASPP (art. 32, comma 2, D.Lgs. 81/08) Svolgimento funzioni subordinate al possesso di diploma e frequenza ai corsi indicati Durata e contenuti dei corsi sono da considerare minimi: i soggetti formatori possono implementare durata e contenuti Modalità e learning valida solo se espressamente prevista da norme e Accordi Stato Regioni o dalla contrattazione collettiva 4

5 1. INDIVIDUAZIONE DI ULTERIORI TITOLI DI STUDIO VALIDI AI FINI DELL ESONERO DALLA FREQUENZA AI CORSI DI FORMAZIONE Esonero da frequenza a moduli A e B per (vedi allegato I): Lauree magistrali e specialistiche in architettura e ingegneria Laurea magistrale in scienze delle prof. sanitarie della prevenzione Lauree triennali in ingegneria e scienze dell architettura Lauree triennali in professioni sanitarie della prevenzione Lauree in ingegneria e architettura vecchio ordinamento Esonero a moduli A B C in presenza di certificato universitario attestante il superamento di esami coerenti o con master conforme a contenuti dell Accordo (Certificato dall Università) 5

6 2. SOGGETTI FORMATORI E SISTEMA DI ACCREDITAMENTO a) Regioni, anche mediante le strutture della prevenzione (ASL) e della formazione professionale di diretta emanazione b) Enti di formazione accreditati secondo il modello regionale c) Università d) Scuole di dottorato con tematiche di lavoro e formazione e) Scuole, nei confronti del proprio personale e studenti f) INAIL 6

7 2. SOGGETTI FORMATORI E SISTEMA DI ACCREDITAMENTO g) Vigili del Fuoco h) Amministrazione della Difesa i) Ministeri Lavoro, Salute, Sviluppo Economico, Interno, Formez, Scuola Naz. Amministrazione, limitatamente al proprio personale l) Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori comparativamente più rappresentative e organismi paritetici, limitatamente allo specifico settore di riferimento m) Fondi interprofessionali, se erogatori diretti di formazione n) Ordini e collegi professionali 7

8 2. SOGGETTI FORMATORI E SISTEMA DI ACCREDITAMENTO Ulteriori soggetti formatori che operano a livello nazionale potranno essere individuati in sede di Accordo Stato Regioni Le associazioni sindacali di datori di lavoro e lavoratori e gli organismi paritetici possono avvalersi di strutture formative di loro diretta ed esclusiva emanazione, accreditate secondo i modelli regionali. Rappresentatività di associazioni datoriali e dei lavoratori: Consistenza numerica degli associati Ampiezza e diffusione delle strutture organizzative Formazione e stipulazione contratti nazionali collettivi (no mera adesione) Partecipazione alla trattazione delle controversie di lavoro 8

9 3. REQUISITI DEI DOCENTI: i corsi devono essere tenuti da docenti in possesso dei requisiti di cui al D.I. 6/3/ ORGANIZZAZIONE DEI CORSI: Indicazione responsabile progetto formativo (può essere un docente) Nominativi docenti Registro di presenze e numero massimo di 35 partecipanti Verifica frequenza 90 % delle ore previste 5. METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO E APPRENDIMENTO: Le indicazioni metodologiche sono riportate in allegato IV. Nell allegato II sono riportati i requisiti per i corsi e learning 9

10 ALLEGATO IV Indicazioni metodologiche per la progettazione ed erogazione dei corsi 1. Profili di competenza RSPP è figura manageriale individuata per perseguire gli obiettivi di sicurezza del datore di lavoro. Competenze tecnico scientifiche, metodologiche, progettuali e relazionali 2. Bisogni formativi di RSPP/ASPP 3 aree di competenza: gestionale /organizzativa, tecnico/specifica e relazionale. Indicazioni specifiche con riferimento ai contenuti del modulo B 3. Il progetto formativo conformità, coerenza, pertinenza, efficacia. Definizione per ogni unità didattica di obiettivi e risultati attesi, contenuti e durata, strategia e metodologie, strumenti e materiali, modalità e criteri per la verifica dell apprendimento e della qualità formativa 10

11 ALLEGATO IV: Indicazioni metodologiche per la progettazione ed erogazione dei corsi Il documento progettuale Specifiche del percorso formativo: Obiettivi e risultati attesi Articolazione oraria delle unità didattiche Contenuti degli argomenti trattati in ciascuna unità didattica Specifiche di realizzazione: Strategie formative e metodologia didattica Materiale didattico e strumenti didattici di supporto Eventuali azioni di tutoraggio Specifiche per il controllo e la verifica: Modalità e criteri di verifica e valutazione apprendimento Modalità di valutazione e monitoraggio della qualità formativa 11

12 ALLEGATO II REQUISITI E SPECIFICHE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA IN MODALITÀ E LEARNING A. REQUISITI E SPECIFICHE DI CARATTERE ORGANIZZATIVO Soggetto formatore previsto nell elenco punto 2 Disponibilità di sede e struttura organizzativa per gestire processi formativi, piattaforma tecnologica e monitoraggio continuo Responsabile/coordinatore scientifico, mentor/tutor di contenuto, tutor di processo, personale tecnico per gestione piattaforma Disponibilità interfaccia di comunicazione con l utente per assistenza, interazione, usabilità e accessibilità continue (help tecnico e didattico) 12

13 ALLEGATO II REQUISITI E SPECIFICHE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA IN MODALITÀ E LEARNING B. REQUISITI E SPECIFICHE DI CARATTERE TECNICO Sistema di gestione per monitorare e certificare: Svolgimento e completamento attività didattica per ciascun utente Partecipazione attiva discente Tracciabilità delle attività e durata Tracciabilità utilizzo singole unità didattiche Regolarità e progressività utilizzo del sistema da parte dell utente Modalità e superamento valutazioni apprendimento (anche e learning) Conformità standard SCORM o equivalente (tracciamento fruizione) Profilazione utente nel rispetto privacy 13

14 ALLEGATO II REQUISITI E SPECIFICHE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA IN MODALITÀ E LEARNING C. PROFILI DI COMPETENZE PER LA GESTIONE DIDATTICA E TECNICA Responsabile/coordinatore scientifico: esperienza triennale in materia di sicurezza e salute sul lavoro e requisiti D.I. 6/3/2013 Mentor/tutor di contenuto: requisiti D.I. 6/3/2013 fornisce chiarimenti e approfondimenti Tutor di processo: assicura supporto alla gestione della piattaforma e all interfaccia con i discenti monitora e valuta efficacia fruizione Sviluppatore della piattaforma: sviluppa il progetto didattico nella piattaforma organizza elementi tecnici e metodologici 14

15 ALLEGATO II REQUISITI E SPECIFICHE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA IN MODALITÀ E LEARNING D. DOCUMENTAZIONE (documento progettuale) 1) Programma completo corso (moduli e unità didattiche) 2) Modalità erogazione (asincrona, sincrona, ecc.) e strumenti (forum, chat, classi virtuali, posta elettronica, webinar, ecc.) 3) Nomi responsabile/coordinatore scientifico, mentor/tutor di contenuto, tutor processo, sviluppatore piattaforma 4) Nomi docenti (in possesso di requisiti D.I. 6/3/2013) 5) Scheda tecnica caratteristiche piattaforma, criteri di accessibilità e usabilità, ecc. 6) Modalità di iscrizione, profilazione e credenziali di accesso 7) Eventuali titoli o competenze di ingresso 8) Modalità di tracciamento delle attività 9) Tempi di disponibilità minima e massima di fruizione e durata di fruizione 10) Modalità di verifica apprendimento (intermedie e finali) 15

16 ALLEGATO II REQUISITI E SPECIFICHE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA IN MODALITÀ E LEARNING D. DOCUMENTAZIONE (documento progettuale) Il documento progettuale completo dovrà essere fornito ai discenti (dichiarazione di presa visione) Le attestazioni di frequenza e verifica finale dovranno essere consegnate personalmente ai discenti (il soggetto erogatore deve tener traccia dell avvenuta consegna) Il soggetto erogatore deve rendere disponibili le credenziali di accesso agli organi di vigilanza (su richiesta) 16

17 6. ARTICOLAZIONE, OBIETTIVI E CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO MODULO A Corso base propedeutico per accesso altri moduli Durata 28 ore escluse verifiche apprendimento Possibile e learning secondo criteri previsti nell allegato II Contenuti: Normativa generale e specifica Soggetti del sistema di prevenzione, compiti e responsabilità Funzioni del sistema istituzionale pubblico Principali rischi trattati dal D.Lgs. 81/08, misure di prevenzione e protezione, gestione emergenze Obblighi di informazione, formazione e addestramento Concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione e protezione Elementi metodologici per la valutazione del rischio 17

18 6. ARTICOLAZIONE, OBIETTIVI E CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO MODULO B Correlato alla natura dei rischi presenti nel luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative Modulo B comune a tutti i settori produttivi (48 ore) e propedeutico ai moduli di specializzazione La durata dei corsi non comprende le verifiche apprendimento Moduli di specializzazione per: Agricoltura e pesca Modulo B SP1 (12 ore) Cave e Costruzioni Modulo B SP2 (16 ore) Sanità residenziale Modulo B SP3 (12 ore) Chimico petrolchimico Modulo B SP4 (16 ore) 18

19 6. ARTICOLAZIONE, OBIETTIVI E CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO MODULO B Acquisire conoscenze/abilità per: Individuare i pericoli e valutare i rischi nel comparto, compresi i rischi ergonomici e stress lavoro correlato Individuare le misure di prevenzione e protezione Contribuire a individuare soluzioni tecniche, organizzative e procedurali Metodologie orientate alla soluzione dei problemi I contenuti sono riportati nelle tabelle allegate (articolazione modulo B comune SP1 SP2 SP3 Sp4) Articolazione oraria decisa dai soggetti formatori 19

20 6. ARTICOLAZIONE, OBIETTIVI E CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO MODULO C Corso di specializzazione solo per RSPP Durata 24 ore escluse verifiche di apprendimento Acquisire conoscenze/abilità relazionali e gestionali per: Progettare e gestire processi formativi Pianificare, gestire e controllare le misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza attraverso sistemi di gestione Utilizzare forme di comunicazione adeguate a favorire la partecipazione e la collaborazione Articolazione definita nelle tabelle con indicazione anche della durata delle diverse unità didattiche 20

21 7. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI MODULO A: Test somministrabili anche in itinere minimo 30 domande con almeno 3 risposte alternative (risposta corretta minimo 70 % delle domande) Eventuale colloquio di approfondimento MODULO B Test somministrabile anche in itinere (minimo 30 domande come sopra) Prova finale descrittiva: soluzione 5 domande aperte su casi o simulazione finalizzata alla verifica delle competenze tecnicoprofessionali acquisite Eventuale colloquio di approfondimento MODULO C Test somministrabile anche in itinere (minimo 30 domande come sopra) Colloquio per verifica competenze organizzative, gestionali e relazionali 21

22 Allegato IV Verifiche in itinere e finale Verifica dell apprendimento come prima evidenza circa il raggiungimento degli obiettivi e dei risultati attesi in termini di conoscenze e competenze acquisite: Conoscenze tecniche e metodologiche Capacità di analisi e di decisione Capacità di trasferimento delle conoscenze e competenze in ambito lavorativo Fase del processo di apprendimento (autoverifica delle competenze acquisite) La simulazione dovrà riprodurre un contesto aziendale. Possibilità di redazione di un project work, verifica applicabilità e ricaduta in ambito aziendale. 22

23 7. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI VERBALE D ESAME contenuti: Dati soggetto formatore Dati corso (tipologia e durata Modulo) Elenco ammessi alla verifica apprendimento (frequenza > 90% orario) Tipologia verifica apprendimento con indicazione dell idoneità Luogo, data e orario verifica Sottoscrizione del verbale dei verificatori (commissione d esame) I verbali sono conservati a cura del soggetto formatore (non sono previste modalità differenti di conservazione per i diversi soggetti formatori) 23

24 8. RICONOSCIMENTO FORMAZIONE PREGRESSA Validi i percorsi formativi effettuati secondo il precedente A.S.R. (26/1/2006) In caso di cambio di settore produttivo sono riconosciuti e seguenti crediti: Corso frequentato Credito Mod. B comune Credito Mod. B specialistico B1 36 ore TOTALE SP1 B2 36 ore TOTALE SP1 B3 60 ore TOTALE SP2 B4 48 ore TOTALE B5 68 ore TOTALE SP4 B6 24 ore B7 60 ore TOTALE SP3 B8 24 ore. B9 12 ore Frequenza a modulo B comune e moduli SP riconosciuta come aggiornamento per RSPP/ASPP formati secondo il precedente A.S.R. (max per 5 anni) 24

25 Aggiornamento come life long learning (formazione continua) Contenuti moduli di aggiornamento: Aspetti giuridico normativi e tecnico organizzativi Sistemi di gestione e processi organizzativi Fonti di rischio specifiche (attività lavorative e gruppi di esposti diversi) Tecniche di comunicazione Ore aggiornamento minime nel quinquennio: 20 ore ASPP 40 ore RSPP (distribuite nel tempo) Tenuta del registro presenza e max 35 partecipanti Possibile modalità e learning 9. AGGIORNAMENTO Possibile partecipazione a convegni/seminari per max 50 % del totale ore aggiornamento (tenuta registro presenze no limite partecipanti) 25

26 9. AGGIORNAMENTO I corsi di aggiornamento, compresi quelli e learning, i convegni e i seminari devono essere organizzati da soggetti formatori di cui al punto 2 Non è possibile aggiornamento attraverso partecipazione a corsi di formazione e aggiornamento per altre qualifiche (dirigenti, preposti, addetti emergenza, ecc.) Non è possibile aggiornamento attraverso la partecipazione a corsi di specializzazione SP (con esclusione di cui al punto 8) È valida ai fini aggiornamento per RSPP/ASPP la partecipazione a corsi di aggiornamento per formatori e per coordinatori per la sicurezza (e viceversa) 26

27 10. DECORRENZA AGGIORNAMENTO Obbligo di aggiornamento dalla conclusione del modulo B comune Per i soggetti esonerati, obbligo di aggiornamento dal 15/5/2008 (entrata in vigore D.Lgs. 81/08) oppure dalla data della laurea Il mancato completamento dell aggiornamento non consente l esercizio della funzione. Completato l aggiornamento si riacquisisce la funzione (valido per tutte le formazioni abilitanti CSP/CSE, addetti primo soccorso, addetti attrezzature, ecc.) In ogni istante RSPP e ASPP dovranno dimostrare l avvenuto aggiornamento nel quinquennio antecedente Il completamento dell aggiornamento può essere realizzato con le nuove regole (alla data di entrata in vigore del nuovo A.S.R.) 27

28 Gli attestati vengono rilasciati dai soggetti formatori (elenco punto 2) che provvedono alla archiviazione della documentazione (anche su supporti informatici) Contenuti attestati: Denominazione soggetto formatore Dati anagrafici partecipante Tipologia del corso e durata Periodo di svolgimento del corso Firma del soggetto formatore 11. ATTESTAZIONI Gli attestati sono riconosciuti reciprocamente dalle Regioni Fascicolo del corso (da conservare presso il soggetto formatore per 10 anni): Dati anagrafici partecipanti Registro del corso con elenco partecipanti (firme), nominativi e firma dei docenti, orari e documentazione relativa alla verifica di apprendimento 28

29 12. DISPOSIZIONI INTEGRATIVE I docenti di tutti i corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro devono possedere i requisiti di cui al D.I. 6/3/2013 (salvo in caso di norme specifiche) Il datore di lavoro RSPP può svolgere attività di formazione per i propri lavoratori, dirigenti e preposti anche senza il requisito della capacità didattica Il datore di lavoro RSPP può seguire il corso di formazione rischio basso se tutti i propri lavoratori svolgono attività a rischio basso, anche in caso di azienda con codice ATECO a rischio medio/alto Il datore di lavoro RSPP deve integrare la formazione quando, pur in presenza di azienda con codice ATECO a rischio basso, sono presenti lavorazioni a rischio medio o alto 29

30 12. DISPOSIZIONI INTEGRATIVE Il medico competente dipendente è esonerato dalla partecipazione ai corsi di formazione ex art. 37 I pubblici ufficiali che hanno svolto per almeno 5 anni attività in materia di salute e sicurezza sul lavoro sono esonerati dalla partecipazione ai moduli A e B (art. 32, comma 2 primo periodo) La formazione dei lavoratori somministrati, compreso l addestramento all uso di attrezzature, è a carico del somministratore. Il contratto può prevedere che l obbligo si adempiuto dall utilizzatore È previsto il mutuo riconoscimento tra Regioni dei progetti sperimentali e learning (purché previsti da atti regionali formali) 30

31 12. DISPOSIZIONI INTEGRATIVE Per tutti i lavoratori esposti a rischio basso (anche se in aziende a rischio medio o elevato) è consentita la formazione specifica con la modalità e learning (conforme allegato II, possibilità per i discenti di accedere alle tecnologie, familiarità uso PC e buona conoscenza della lingua) In tutti i corsi in materia di salute e sicurezza max 35 partecipanti Per lavoratori, preposti, dirigenti, datori di lavoro RSPP e RLS è possibile l aggiornamento mediante convegni/seminari max 50 % ore previste La formazione di datori di lavoro RSPP può essere effettuata da soggetti accreditati, anche senza esperienza biennale su salute e sicurezza sul lavoro 31

32 12. DISPOSIZIONI INTEGRATIVE Eliminati tutti i riferimenti agli Enti Bilaterali per la formazione dei datori di lavoro RSPP, dei lavoratori (comunicazione) e degli addetti all uso di attrezzature di lavoro Riconoscimento formazione pregressa per addetti attrezzature di lavoro: validità 5 anni da entrata in vigore dell accordo (se coerente con nuovo programma) Con successivo A.S.R. sono stabilite modalità di monitoraggio e controllo sulla erogazione della formazione Fino al 3/9/2017 possono essere effettuati corsi di formazione secondo il vecchio Accordo Fatto salvo quanto sopra, dal 4/9/2016 sono abrogati i precedenti Accordi Stato Regioni per la formazione di RSPP/ASPP 32

33 ALLEGATO III Riconoscimento crediti formativi per percorsi formativi sovrapponibili Ai fini dell esonero occorre dare evidenza documentale Per ogni percorso formativo (RSPP/ASPP, CSP/CSE, Datore di Lavoro RSPP, RLS, Dirigente, Preposto, Lavoratore) le tabelle indicano per quali altri percorsi formativi è riconosciuto credito totale o parziale (ad es.: RSPP che ha frequentato mod. A B C è esonerato dai percorsi formativi per DL RSPP, RLS, Dirigente, Preposto, Lavoratore) In caso di credito parziale le tabelle indicano i contenuti e la durata delle integrazioni necessarie È prevista una tabella anche per il riconoscimento di crediti rispetto ai corsi di aggiornamento (ad es.: i corsi di aggiornamento per RSPP esonerano dal frequentare corsi di aggiornamento CSP/CSE, DL RSPP, Lavoratore, Preposto, Dirigente) 33

34 ALLEGATO V Tabella riassuntiva dei criteri della formazione rivolta ai soggetti con ruoli in materia di prevenzione La tabella riassuntiva riporta per ogni percorso formativo (DL RSPP, RSPP/ASPP, RLS, DIRIGENTE, PREPOSTO, LAVORATORE, ADDETTO PRIMO SOCCORSO, ADDETTO PREVENZIONE INCENDI, CSP/CSE):» Riferimento normativo» Categoria di rischio» Soggetti formatori» Requisiti docenti» Valutazione apprendimento e modalità» Numero partecipanti» Indicazioni metodologiche didattica» Possibilità e learning 34

Previsto numero massimo di 35 partecipanti per corso. Frequenza minima del 90% delle ore di formazione previste.

Previsto numero massimo di 35 partecipanti per corso. Frequenza minima del 90% delle ore di formazione previste. Articolazione del percorso formativo per RSPP e ASPP Accordo Stato regioni del 7 luglio 2016 Repertorio Atti n.: 128/CSR del 07/07/2016 Organizzazione dei corsi Previsto numero massimo di 35 partecipanti

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016

Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016 Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016 ROMA 4 OTTOBRE 2016 DANIELE RANIERI L Accordo non contiene solo le indicazioni per la Formazione per RSPP e APP, ma anche: Revisione Accordi Sostituzioni Modifiche 26

Dettagli

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Inquadramento generale; Nuova formazione RSPP/ASPP Aggiornamenti RSPP/ASPP Prospettive e opportunità E-learning www.farag.it 1 Il nuovo accordo prevede

Dettagli

ACCORDO 7 LUGLIO CONFERENZA STATO REGIONI ANALISI DEI CONTENUTI PRINCIPALI

ACCORDO 7 LUGLIO CONFERENZA STATO REGIONI ANALISI DEI CONTENUTI PRINCIPALI Rif. 124/16 06-09-2016 ACCORDO 7 LUGLIO 2016 - CONFERENZA STATO REGIONI ANALISI DEI CONTENUTI PRINCIPALI 1. INDIVIDUAZIONE DI ULTERIORI TITOLI DI STUDIO VALIDI AI FINI DELL ESONERO DALLA FREQUENZA AI CORSI

Dettagli

Novità su formazione RSPP e ASPP

Novità su formazione RSPP e ASPP 1 Novità su formazione RSPP e ASPP Il 3 Settembre 2016 è entrato in vigore nuovo Accordo Stato Regioni del 07.07.2016 sulla formazione RSPP e ASPP: novità e cambiamenti rispetto alla normativa precedente.

Dettagli

Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro

Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro Convegno gratuito Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro Relatore: Lucio Fattori BOLOGNA, 21 ottobre 2016 dalle ore 10.00 alle ore 13.00 Parleremo di. L Accordo Stato-Regioni

Dettagli

Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali

Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali Pagina 1 L accordo nasce con la finalità di operare una revisione dell Accordo della Conferenza Stato

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 luglio finalizzato all individuazione. della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi. per RSPP e gli ASPP

Accordo Stato Regioni 7 luglio finalizzato all individuazione. della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi. per RSPP e gli ASPP Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 finalizzato all individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e gli ASPP Entrata in vigore 3 settembre 2016 Per 12 mesi si formazione

Dettagli

formazione alla sicurezza le novità

formazione alla sicurezza le novità formazione alla sicurezza le novità ACCORDO SULLA DURATA E SUI CONTENUTI MINIMI DELLA FORMAZIONE PER RSPP E ASPP 07.07.2016 Testo del nuovo accordo sulla formazione: http://www.ambienteeuropa.it/formazione/normative/accordo_stato-regioni_07072016.pdf

Dettagli

Relatore: Lucio Fattori. BRESCIA, mercoledì 27 luglio 2016 dalle alle 17.30

Relatore: Lucio Fattori. BRESCIA, mercoledì 27 luglio 2016 dalle alle 17.30 Relatore: Lucio Fattori BRESCIA, mercoledì 27 luglio 2016 dalle 14.30 alle 17.30 Come cambia la Formazione nei moduli A, B e C Nuovi moduli A B C Accordo 2006 VS Accordo 2016 Aggiornamento: modalità e

Dettagli

Ente Paritetico Unificato per la Formazione, la Sicurezza e la Salute della Provincia di L Aquila (Ese-Cpt L Aquila)

Ente Paritetico Unificato per la Formazione, la Sicurezza e la Salute della Provincia di L Aquila (Ese-Cpt L Aquila) AREA FORMAZIONE CIRCOLARE N. 14/2016 L Aquila 1 Settembre 2016 Imprese iscritte alla Cassa Edile di L Aquila Studi di consulenza del lavoro Parti Sociali Territoriali LORO SEDI OGGETTO: Formazione RSPP

Dettagli

Ripercussioni sull attività dei CSP e CSE oltre che degli RSPP e dei formatori in materia di sicurezza

Ripercussioni sull attività dei CSP e CSE oltre che degli RSPP e dei formatori in materia di sicurezza Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 Durata e contenuti minimi dei percorsi formativi per Responsabili ed Addetti dei Servizi di Prevenzione e Protezione Ripercussioni sull attività dei CSP e CSE oltre

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti minimi,

Dettagli

Corso di formazione e aggiornamento per RSPP

Corso di formazione e aggiornamento per RSPP Corso di formazione e aggiornamento per RSPP Moduli per datori di lavoro secondo l'art. 34 del D.Lgs. 81/2008 e l'accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Modulo AGG: Principali novità in ambito di FORMAZIONE

Dettagli

NOTIZIARIO SULLA SICUREZZA N IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 7 LUGLIO 2016

NOTIZIARIO SULLA SICUREZZA N IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 7 LUGLIO 2016 ACCREDITATA REGIONE PIEMONTE "accreditamento n. 1029/001 del 29/11/2010" nell'ambito della formazione corsi riconosciuti CERTIFICATA ISO 9001:2008 BUREAU VERITAS ITALIA S.P.A. Certificato n. 220703 NOTIZIARIO

Dettagli

Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Pagina 1 L accordo oltre a disciplinare la formazione degli RSPP e ASPP interviene sui seguenti

Dettagli

FORMAZIONE RSPP E ASPP - NUOVO ACCORDO CONFERENZA PERMANENTE STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

FORMAZIONE RSPP E ASPP - NUOVO ACCORDO CONFERENZA PERMANENTE STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO RIF. N.229 19.09.2016 DE PALO/pm FORMAZIONE RSPP E ASPP - NUOVO ACCORDO CONFERENZA PERMANENTE STATO, REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Il 4 settembre 2016 è entrato in vigore il nuovo Accordo

Dettagli

Formazione. RSPP/ASPP e le altre figure della prevenzione. Accordo Stato-Regioni 7 luglio Cinzia Frascheri

Formazione. RSPP/ASPP e le altre figure della prevenzione. Accordo Stato-Regioni 7 luglio Cinzia Frascheri Formazione RSPP/ASPP e le altre figure della prevenzione Accordo Stato-Regioni 7 luglio 2016 Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL Salute e sicurezza sul lavoro Durata e contenuti

Dettagli

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 C P R P SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 (Pubblicato G.U. N 193 DEL 19/08/2016, IN VIGORE DAL 03 SETTEMBRE 2016) SOGGETTI FORMATORI

Dettagli

IL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI R.S.P.P. E DEGLI A.S.S.P. Corrado Cigaina

IL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI R.S.P.P. E DEGLI A.S.S.P. Corrado Cigaina IL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI R.S.P.P. E DEGLI A.S.S.P. Corrado Cigaina corrado_cigaina@ats-pavia.it Pavia, 25 ottobre 2016 RESPONSABILITA' DEL RSPP Un RSPP che abbia dato un suggerimento sbagliato,

Dettagli

La formazione dei datori di lavoro RSPP LA FORMAZIONE. Durata Art. 34 D.Lgs. 81/08

La formazione dei datori di lavoro RSPP LA FORMAZIONE. Durata Art. 34 D.Lgs. 81/08 LA FORMAZIONE DEL DATORE DI LAVORO-RSPP Durata 05 27 Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011 Formazione del datore di lavoro-rspp (G.U. n. 8 dell 11.1.2012) 2/10 Il datore di lavoro RSPP Art. 34 D.Lgs.

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 luglio Flavio Battiston Sedico 21 ottobre 2016

Accordo Stato Regioni 7 luglio Flavio Battiston Sedico 21 ottobre 2016 Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 Flavio Battiston Sedico 21 ottobre 2016 Premessa: Finalmente 1. RSPP: chi sei? Allegato IV 2. A + B + C = RSPP Allegato A 3. E-learning Allegato II Conclusioni 2 Premessa:

Dettagli

IL NUOVO ACCORDO PER LA FORMAZIONE DEI RSPP E ASPP E LE MODIFICHE DELLA FORMAZIONE PER LA SICUREZZA

IL NUOVO ACCORDO PER LA FORMAZIONE DEI RSPP E ASPP E LE MODIFICHE DELLA FORMAZIONE PER LA SICUREZZA DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO IL NUOVO ACCORDO PER LA FORMAZIONE DEI RSPP E ASPP E LE MODIFICHE DELLA FORMAZIONE PER LA SICUREZZA TdP Lia

Dettagli

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) I NUOVI REQUISITI

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) I NUOVI REQUISITI BIOIKOS AMBIENTE S.r.l. Sede legale e operativa - via G. Rivani, 99 40138 Bologna (Bo) Cap soc. 99.000 euro i.v.; P.IVA e Cod. Fisc. 02026311205; R.E.A. 407418 Tel. +39 051 5878211 Fax +39 0515878200 www.bioikosambiente.it;

Dettagli

Nuovo Accordo Formazione RSPP e ASPP: durata, contenuti e modalità dei percorsi formativi

Nuovo Accordo Formazione RSPP e ASPP: durata, contenuti e modalità dei percorsi formativi Nuovo Accordo Formazione RSPP e ASPP: durata, contenuti e modalità dei percorsi formativi Speaker Mariarosaria Spagnuolo e Andrea Burlini 17 ottobre 2016 Le nostre domande. Voglio fare l RSPP/ASPP, cosa

Dettagli

Bologna, 15 ottobre 2015

Bologna, 15 ottobre 2015 ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Ing. Ester Rotoli - Direzione Centrale Prevenzione Bologna, 15 ottobre 2015 FORMAZIONE Strumento elettivo per diffusione della cultura

Dettagli

FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016

FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016 FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016 SOMMARIO DELL INTERVENTO Il Profilo Professionale del RSPP La formazione base per ASPP/RSPP Aggiornamento per ASPP/RSPP e decorrenza Validità

Dettagli

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Porreca.it e Silea Isforp Bari CONVEGNO

Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Porreca.it e Silea Isforp Bari CONVEGNO Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Porreca.it e Silea Isforp Bari CONVEGNO L impianto del nuovo Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 sulla formazione in materia di salute e sicurezza

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE SICUREZZA SUL LAVORO

LINEE GUIDA PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE SICUREZZA SUL LAVORO LINEE GUIDA PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SALUTE SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi dell art. 37 del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 UNIVERSITÀ

Dettagli

Nel dettaglio evidenziamo alcuni aspetti innovativi dell accordo stato regioni.

Nel dettaglio evidenziamo alcuni aspetti innovativi dell accordo stato regioni. Alle imprese edili della Provincia di Napoli Napoli, 26.09.2016 Prot. N 134 OGGETTO: Circolare informativa n. 2/2016 Accordo Stato Regioni RSPP Vi informiamo che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Proposta d Accordo Datori di Lavoro

Proposta d Accordo Datori di Lavoro Proposta d Accordo Datori di Lavoro Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore

Dettagli

Formazione Formatori Il nuovo Accordo Stato-Regioni RSPP

Formazione Formatori Il nuovo Accordo Stato-Regioni RSPP Formazione Formatori Il nuovo Accordo Stato-Regioni RSPP Relatore: Maria Frassine Responsabile Ufficio Studi e legislativo AiFOS Bergamo, 22 settembre dalle 14.30 alle 17.30 Le novità più importanti dell

Dettagli

In particolare, l Accordo prevede un percorso formativo composto da diversi moduli, denominati:

In particolare, l Accordo prevede un percorso formativo composto da diversi moduli, denominati: MODULI A, B, SP1, SP2, SP3, SP4 E C: FORMAZIONE RSPP E ASPP L Accordo Stato Regioni del 7/7/16 ha modificato le caratteristiche dei percorsi formativi necessari per assumere il ruolo di Responsabile del

Dettagli

Nella tabella sottostante si riportano le premesse dell Accordo che individuano sin da subito gli obiettivi principali e le novità in esso contenute:

Nella tabella sottostante si riportano le premesse dell Accordo che individuano sin da subito gli obiettivi principali e le novità in esso contenute: Antonio LEONARDI Componente del Coordinamento delle Regioni e del GdL Formazione RSPP Componente Commissione Consultiva Permanente Min. del Lavoro Componente Gdl Sicurezza CNI Direttore Area Tutela e Sicurezza

Dettagli

LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. Durata 08 22

LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. Durata 08 22 LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI Durata 08 22 Sicurezza e salute sul lavoro La formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti 2/12 ACCORDO STATO-REGIONI del 21 dicembre

Dettagli

La formazione in materia di salute e sicurezza

La formazione in materia di salute e sicurezza La formazione in materia di salute e sicurezza Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 23 novembre 2016 Campus L. Einaudi Lungo Dora Siena 110 Torino Le Indicazioni operative La Regione Piemonte

Dettagli

FORMAZIONE PER RESPONABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI

FORMAZIONE PER RESPONABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI FORMAZIONE PER RESPONABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI L articolo 17 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 impone al Datore di Lavoro la designazione di un responsabile

Dettagli

Committente e/o Responsabile dei lavori

Committente e/o Responsabile dei lavori Committente e/o Responsabile dei lavori Impresa affidataria, Imprese esecutrici e Lavoratori autonomi Committente CHI E : soggetto per conto del quale l intera opera viene realizzata, indipendentemente

Dettagli

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Scheda requisiti per la valutazione Ai fini dell inserimento nel Registro Professionale (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) Distribuzione Il presente documento

Dettagli

Dott. Pierluigi GATTI ASL AL

Dott. Pierluigi GATTI ASL AL Dott. Pierluigi GATTI ASL AL Approvato dalla Conferenza Stato/Regioni il 7 luglio 2016 Pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro il 22 luglio 2016 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 193 del 19/08/2016

Dettagli

LA FORMAZIONE NEL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI

LA FORMAZIONE NEL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI LA FORMAZIONE NEL NUOVO ACCORDO STATO REGIONI L Accordo Stato Regioni del 21 Dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori, dei dirigenti

Dettagli

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione Formazione di Base per i Lavoratori Servizio di Prevenzione e Protezione L Informazione, la Formazione e L dei lavoratori sono misure di tutela che accrescono la cultura della sicurezza negli ambienti

Dettagli

Il nuovo Accordo per la formazione dei RSPP e ASPP e le modifiche della formazione per la sicurezza

Il nuovo Accordo per la formazione dei RSPP e ASPP e le modifiche della formazione per la sicurezza Il nuovo Accordo per la formazione dei RSPP e ASPP e le modifiche della formazione per la sicurezza Milano, 22 luglio 2016 Donato Lombardi PROPOSTA DI REVISIONE DELL IMPIANTO DALL ACCORDO Valutazione esiti

Dettagli

Pubblicato su G.U. n. 8 del

Pubblicato su G.U. n. 8 del AUSL Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO ACCORDO STATO-REGIONI del 21.12.2011 e Linee Interpretative Accordo del 25.7.2012 Formazione in materia di salute e

Dettagli

FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) - Modulo C

FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) - Modulo C FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER RESPONSABILE DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) - Settore ISFOL: SubSettore ISFOL: Modulo C 19 - LAVORI D'UFFICIO 1911 - Sicurezza aziendale Codice Profilo: 1911007

Dettagli

Il nuovo Accordo Stato-Regioni per RSPP del 7 luglio 2016

Il nuovo Accordo Stato-Regioni per RSPP del 7 luglio 2016 Il nuovo Accordo Stato-Regioni per RSPP del 7 luglio 2016 Novità e confronti tra gli Accordi di Rocco Vitale Lo svolgimento delle funzioni di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è disciplinato

Dettagli

Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32)

Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32) Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32) MODULO A Corso base [Cod. 1-16] MODULO B Corso comune [Cod. 2a-16] MODULO B SP1 Modulo di Specializzazione Agricoltura,

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Progettazione e Manutenzione Fabbricati Ufficio Servizio Prevenzione e Protezione PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE ANNUALE Provincia di Forlì-Cesena 2012 sito web: www.provincia.fc.it

Dettagli

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti legislativi D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 art. 34 comma 1 Salvo

Dettagli

Responsabile tecnico di tintolavanderia

Responsabile tecnico di tintolavanderia ALLEGATO 3 Standard formativo relativo alla formazione del Responsabile tecnico di tintolavanderia Ai sensi dell art. 2 comma 2, della legge 22 febbraio 2006, n 84 e s.m.i. 1 Standard formativo del corso

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, , NAPOLI

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, , NAPOLI Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 80121, NAPOLI codice meccanografico: NAPC14000P Telefono 081 415084 e-mail: napc14000p@istruzione.it Fax 081 7944596 A TUTTI I DOCENTI Oggetto: D.

Dettagli

Accordo 22 febbraio 2012 in attuazione all art. art. 73 c. 5 D.lgs 81/08. Rimini 23 Aprile 2013

Accordo 22 febbraio 2012 in attuazione all art. art. 73 c. 5 D.lgs 81/08. Rimini 23 Aprile 2013 Accordo 22 febbraio 2012 in attuazione all art. art. 73 c. 5 D.lgs 81/08 Rimini 23 Aprile 2013 Art 73 c 5 In sede di conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome, di Trento

Dettagli

La formazione nel Sistema di Gestione della Sicurezza

La formazione nel Sistema di Gestione della Sicurezza La formazione nel Sistema di Gestione della Sicurezza Dr.ssa Nicoletta Cornaggia Struttura Ambienti di vita e di lavoro DG Sanità Sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGSL) Quali

Dettagli

CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento)

CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento) 2 3 4 CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento) N. ORE 12 ore // 4 ore aggiornamento 11-12-15 Settembre dalle 9.00 alle 13.00 16 Ottobre dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 17 Ottobre

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 6 CORSI TECNICO SPECIFICI 7 FORMAZIONE FORMATORI 8 RSPP 9 RLS 11 PREPOSTI 12

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL DATORE DI LAVORO RSPP RISCHIO ALTO (Art.34 del D. Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 Accordo Stato Regioni 07/07/2016)

AGGIORNAMENTO DEL DATORE DI LAVORO RSPP RISCHIO ALTO (Art.34 del D. Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 Accordo Stato Regioni 07/07/2016) AGGIORNAMENTO DEL DATORE DI LAVORO RSPP RISCHIO ALTO (Art.34 del D. Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 Accordo Stato Regioni 07/07/2016) Come stabilito dall Accordo Stato-Regioni 07/07/2016

Dettagli

Intervento a cura di: dott. Marco MORONE. Milano, 22 LUGLIO 2016

Intervento a cura di: dott. Marco MORONE. Milano, 22 LUGLIO 2016 Intervento a cura di: dott. Marco MORONE Milano, 22 LUGLIO 2016 FORMAZIONE DATORE DI LAVORO FORMAZIONE «PROFESSIONISTI» RPSS-ASPP art. 32 CSP CSE art. 98 FORMAZIONE LAVORATORI Generale e specifica ABILITAZIONI

Dettagli

E-LEARNING AiFOS Formazione e aggiornamento

E-LEARNING AiFOS Formazione e aggiornamento E-LEARNING AiFOS Formazione e aggiornamento La piattaforma e-learning AiFOS è un sistema innovativo per l erogazione di corsi di formazione on-line e in modalità blended-learning (corso in aula + e-learning).

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n.

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n. ALLEGATO 2 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL CONDUTTORE DI IMPIANTI TERMICI, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 287 del D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Tipologia di impianti Le disposizioni seguenti concernono

Dettagli

ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DI DIRIGENTI, PREPOSTI E LAVORATORI

ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DI DIRIGENTI, PREPOSTI E LAVORATORI ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DI DIRIGENTI, PREPOSTI E LAVORATORI Permessa Il 21 dicembre 2011 è stato approvato in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province

Dettagli

ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IL CORSO La formazione è organizzato secondo l Accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 7 luglio 2017.

Dettagli

I soggetti deputati alla realizzazione dell attività formativa si distinguono in due tipologie:

I soggetti deputati alla realizzazione dell attività formativa si distinguono in due tipologie: Indicazioni operative per la formazione ed aggiornamento dei Responsabili e degli Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione ai sensi dell art. 32 del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo della Conferenza

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale In questa unità didattica illustreremo i requisiti professionali di responsabili e addetti al servizio

Dettagli

Data sopralluogo: Operatori: Timbro azienda. Nome azienda: Partita IVA: Attività svolta: dal Codice ATECO:

Data sopralluogo: Operatori: Timbro azienda. Nome azienda: Partita IVA: Attività svolta: dal Codice ATECO: Pagina 1di 10 Data sopralluogo: Operatori: Timbro azienda Nome azienda: Partita IVA: _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Attività svolta: dal Codice ATECO: _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ N lavoratori totali: Impiegati:

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ANNO 2011-2012 Referenti: Ing. Giovanna Salzano Direttore dei corsi di formazione per la sicurezza

Dettagli

14-9-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 39

14-9-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 39 1 Allegato 1 Modello istanza per organismi paritetici - Enti bilaterali - Associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori - Fondi interprofessionali di settore - Ordini e Collegi professionali

Dettagli

Programma Corso Formazione RSPP DATORE DI LAVORO RISCHIO MEDIO

Programma Corso Formazione RSPP DATORE DI LAVORO RISCHIO MEDIO Programma Corso Formazione RSPP DATORE DI LAVORO RISCHIO MEDIO Corso di Formazione RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE R.S.P.P. DATORI DI LAVORO - RISCHIO MEDIO (D.M. 16/01/1997, art.

Dettagli

Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano tra

Dettagli

Standard di Percorso Formativo Assistente di direzione affari generali

Standard di Percorso Formativo Assistente di direzione affari generali Standard di Percorso Formativo Assistente di direzione affari generali CANALE DI OFFERTA FORMATIVA: Disoccupati, inoccupati, occupati. DURATA MINIMA DEL PERCORSO AL NETTO DI STAGE/WORK EXPERIENCE: 238

Dettagli

FORMATORI ALLA SALUTE E SICUREZZA

FORMATORI ALLA SALUTE E SICUREZZA FORMATORI ALLA SALUTE E SICUREZZA Scheda requisiti per la valutazione Ai fini dell inserimento nel Registro Professionale (Legge 14 gennaio 2013, n. 4) Distribuzione Il presente documento viene distribuito

Dettagli

LA FORMAZIONE E LEARNING NELLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA FORMAZIONE E LEARNING NELLA SICUREZZA SUL LAVORO Convegno di studio e approfondimento LA FORMAZIONE E LEARNING NELLA SICUREZZA SUL LAVORO Relatore: Concetta Vatrano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ROMA, mercoledì 3 dicembre 2014 dalle

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

FORMAZIONE GENERALE AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AGGIORNAMENTO FORMAZIONE SICUREZZA RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SCUOLA PROFESSIONALE EDILE - CPT PREVENZIONE INFORTUNI della provincia di Varese (Decreto Legislativo 9 aprile 2008

Dettagli

Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza.

Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza. 1 criterio Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell area tematica oggetto della docenza. fare riferimento 2 criterio aree tematiche cui Laurea (vecchio ordinamento,

Dettagli

PREMESSA. Capacità e requisiti professionali dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione

PREMESSA. Capacità e requisiti professionali dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione PREMESSA Capacità e requisiti professionali dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione Il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni (di

Dettagli

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (D.LGS 9 APRILE 2008 N. 81, ART. 37, COMMA 10, 11 E ART. 47, 48 E 50 E S.M.I.

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (D.LGS 9 APRILE 2008 N. 81, ART. 37, COMMA 10, 11 E ART. 47, 48 E 50 E S.M.I. PROGRAMMA DEL CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (R.L.S.) (D.LGS 9 APRILE 2008 N. 81, ART. 37, COMMA 10, 11 E ART. 47, 48 E 50 E S.M.I.) Durata del corso Date e orari del corso Sede del

Dettagli

FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA. 5 Dicembre 2016

FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA. 5 Dicembre 2016 FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA 5 Dicembre 2016 SITUAZIONE AD OGGI: 914 Iscritti totali 326 Iscritti con più di 40 CFP 209 Iscritti con più di 1 CFP e meno di 40 379 Iscritti a 0 CFP 379 326 Iscritti

Dettagli

Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32)

Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32) Percorso formativo SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA (ai sensi del D.Lgs 81/2008 art. 32) MODULO A Corso base [Cod. 1-16] MODULO B Corso comune [Cod. 2a-16] MODULO B SP1 Modulo di Specializzazione Agricoltura,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Dipartimento della d. Servizio Istruzione. Insegnante Smaniotto Emilia

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Dipartimento della d. Servizio Istruzione. Insegnante Smaniotto Emilia PROVINCIA AUTONOMA TRENTO Dipartimento della d conoscenza Servizio Istruzione Insegnante Smaniotto Emilia Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 art. 36 e 37 Informazione formazione addestramento

Dettagli

Formazione Sicurezza sul Lavoro

Formazione Sicurezza sul Lavoro Formazione Sicurezza sul Lavoro Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Date 03-04-05-06-07-09-10-11-12 Maggio 2016 Orari Tutti i giorni indicati, dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 Durata

Dettagli

1.Premessa 2.La formazione dei responsabili del servizio di prevenzione e protezione

1.Premessa 2.La formazione dei responsabili del servizio di prevenzione e protezione 1.Premessa L atteso accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 193 del 19 agosto 2016 -, oltre a rivedere l accordo relativo alla formazione dei responsabili del servizio

Dettagli

RSPP e ASPP crediti e regole di form zione

RSPP e ASPP crediti e regole di form zione SICUREZZA della stessa collana RSPP e ASPP crediti e regole di formazione Guida pratica all interpretazione delle nuove regole per tutte le figure della sicurezza, con tabelle comparative e testi integrali

Dettagli

Allegato 2. Premessa. Soggetti attuatori

Allegato 2. Premessa. Soggetti attuatori Allegato 2 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI CHE UTILIZZANO ATTREZZATURE DI LAVORO CHE NECESSITANO DI SPECIFICA ABILITAZIONE, AI SENSI DELL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2012, ATTUATIVO

Dettagli

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro. Pagina 1 di 7 Epigrafe Premessa Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Allegato - Criteri di qualificazione della figura del formatore per la Salute e sicurezza sul Lavoro - (articolo 6 comma 8, lett.

Dettagli

ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI

ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI L accordo stato regioni del 21 Dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

PROGETTO: A SCUOLA DI SICUREZZA

PROGETTO: A SCUOLA DI SICUREZZA PROGETTO: A SCUOLA DI SICUREZZA Percorso innovativo, sperimentale per la formazione di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione I.I.S. «Euganeo» Este (PD) Art. 11 commi 1 e 4 del D.Lgs. 81

Dettagli

ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ADDETTO/RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IL CORSO La formazione è organizzato secondo l Accordo tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 7 luglio 2016.

Dettagli

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto Imola, 25 novembre 2015 Dott.ssa Paola Tarozzi Tecnico della Prevenzione presso l unità operativa Complessa Prevenzione e Sicurezza degli ambienti di Lavoro

Dettagli

CORSO RLS SETTORE CHIMICO

CORSO RLS SETTORE CHIMICO CORSO RLS SETTORE CHIMICO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI 40 ORE con modulo aggiuntivo di formazione specifica sul rischio chimico Corso rivolto ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Organismo di Certificazione del Personale e della Formazione Organization for Personnel and Training Certification NOME E COGNOME :

Organismo di Certificazione del Personale e della Formazione Organization for Personnel and Training Certification NOME E COGNOME : Organismo di Certificazione del Personale e della Formazione Organization for Personnel and Training Certification SAFETY MANAGER QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL

Dettagli

Il certificatore energetico in edilizia

Il certificatore energetico in edilizia Il certificatore energetico in edilizia ELEMENTI IDENTIFICATIVI DI CARATTERE NORMATIVO/AMMINISTRATIVO NORMATIVE E ATTI AMMINISTRATIVI DI RIFERIMENTO Nazionali/Comunitari Regione Emilia-Romagna D. Lgs del

Dettagli

Newsletter 05/2012. Introduzione. Codroipo, lì 10 maggio 2012 Prot. 3112LM

Newsletter 05/2012. Introduzione. Codroipo, lì 10 maggio 2012 Prot. 3112LM Codroipo, lì 10 maggio 2012 Prot. 3112LM Newsletter 05/2012 Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici:la Direttiva n. 2012/11/UE proroga al 31 ottobre 2013 il termine

Dettagli

Il comma 2, primo periodo, dello stesso art. 32, citato dal comma 5, recita che:

Il comma 2, primo periodo, dello stesso art. 32, citato dal comma 5, recita che: ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI Modalità formative degli Ingegneri ed Architetti responsabili del servizio prevenzione e protezione (RSPP) (Approfondimenti dell Area tematica

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Validità dei titoli di cultura)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (Validità dei titoli di cultura) Testo Decreto Delegato Integrazioni alla disciplina di valutazione dei titoli e alle disposizioni in materia di titoli di studio per gli aspiranti ad incarichi e supplenze e per l accesso all insegnamento

Dettagli

AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO

AZIONI DI SISTEMA A SUPPORTO DEL SISTEMA DUALE E DELL APPRENDISTATO DI I LIVELLO L apprendistato per la qualifica e il diploma professionale: La formazione interna. Modalità e strumenti per l inserimento in azienda dell apprendista di primo livello Il Decreto Interministeriale - Standard

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 (Ingegneria meccanica) Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Economia e Commercio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Economia e Commercio UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Economia e Commercio Classe di laurea n. L-33 Scienze economiche DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD 1 Art.

Dettagli

COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI

COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI Coordinatore Sicurezza per la Progettazione CSP Coordinatore Sicurezza per l Esecuzione CSE Scheda requisiti per la valutazione Ai fini dell inserimento nel Registro

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 24/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 24/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag. 24/07/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 59 Pag. 39 di 319 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 8 luglio 2014, n. 439 Recepimento Accordo adottato

Dettagli

FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE BASE PER RLS Corso rivolto ai lavoratori eletti o designati RLS Date Orari Durata del corso Sede CFA Obiettivi e Finalità del

Dettagli

Tutor on line. Anno accademico 2017/2018

Tutor on line. Anno accademico 2017/2018 Bando per il Corso di Perfezionamento in Tutor on line Anno accademico 2017/2018 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con decreto rettorale n. 194 del 30 luglio 2012

Dettagli