La formazione nel Sistema di Gestione della Sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formazione nel Sistema di Gestione della Sicurezza"

Transcript

1 La formazione nel Sistema di Gestione della Sicurezza Dr.ssa Nicoletta Cornaggia Struttura Ambienti di vita e di lavoro DG Sanità

2 Sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGSL) Quali sono gli strumenti utili per la gestione organizzata della prevenzione sul lavoro?

3 Coinvolgimento del personale.. un SGSL è efficace quando ottiene il sostegno e l impegno di tutti i partecipanti all attività dell azienda.. Il DdL è responsabile della scelta delle forme di coinvolgimento del personale. Il RSGSL è responsabile della individuazione delle forme di coinvolgimento del personale per la partecipazione attiva al SGSL

4 Sensibilizzazione Circolazione delle informazioni all interno per favorire la cooperazione Partecipazione attiva

5 Coinvolgimento del personale Sostegno ed impegno dei dipendenti Conoscenze ed esperienze dei lavori Definire modalità adeguate per realizzare il coinvolgimento dei lavoratori e in particolare il RLS La consultazione per la valutazione dei rischi La riunione periodica

6 Informazione, formazione, addestramento, consapevolezza Comunicazione, flusso informativo e cooperazione

7 Scopo di una corretta forma di comunicazione è quello di far pervenire a tutti i soggetti dell azienda tutte quelle informazioni necessarie per consentire a ciascuno di esercitare appieno ed in sintonia con gli altri il proprio ruolo

8 Formazione, preparazione e competenza Il personale che svolge compiti che possono influenzare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro deve essere competente. La competenza deve essere definita in termini di formazione, informazione ed esperienze appropriate. Le procedure formative devono tenere conto dei differenti livelli di: responsabilità, autorità ed istruzione rischio

9 Documentazione L organizzazione deve stabilire e mantenere l informazione, con un mezzo adatto sia esso carta o formato elettronico che: descriva gli elementi principali del sistema di gestione e la loro iterazione fornisca riferimenti alla documentazione correlata

10 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp Soggetti formatori Fattispecie: legittimati ed accreditati in conformità al modello regionale Possono effettuare attività formative, anche avvalendosi di strutture di loro diretta emanazione («utilizzando le proprie strutture formative o società di servizi prevalentemente o totalmente partecipate» circ. 13/SAN/2006), mediante le proprie articolazioni (ASL), non eroga corsi, ma ne sorveglia e ne assiste l erogazione

11 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp Soggetti formatori "Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30" Art. 2 comma 1 lett. h) DLgs 276/2003 «enti bilaterali»: organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative, quali sedi privilegiate per la regolazione del mercato del lavoro attraverso: la promozione di una occupazione regolare e di qualità; l'intermediazione nell'incontro tra domanda e offerta di lavoro; la programmazione di attività formative e la determinazione di modalità di attuazione della formazione professionale in azienda; la promozione di buone pratiche contro la discriminazione e per la inclusione dei soggetti più svantaggiati; la gestione mutualistica di fondi per la formazione e l'integrazione del reddito; la certificazione dei contratti di lavoro e di regolarità o congruità contributiva; lo sviluppo di azioni inerenti la salute e la sicurezza sul lavoro; ogni altra attività o funzione assegnata loro dalla legge o dai contratti collettivi di riferimento;

12 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp Soggetti formatori Art. 2, comma 1, lettera ee) D.Lgs. n. 81/2008 «organismo paritetico»: organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, quali sedi privilegiate per: la programmazione di attività formative e l elaborazione e la raccolta di buone prassi a fini prevenzionistici; lo sviluppo di azioni inerenti alla salute e alla sicurezza sul lavoro; l assistenza alle imprese finalizzata all attuazione degli adempimenti in materia; ogni altra attività o funzione assegnata loro dalla Legge o dai Contratti collettivi di riferimento».

13 Soggetti formatori Como 1 giugno 2012 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp Enti bilaterali e organismi paritetici: organismi, costituiti da una o più associazioni dei ddl e dei lavoratori comparativamente più rappresentative firmatarie del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro applicato all azienda che operi nel settore di riferimento e non in un diverso settore e che sia presente nel territorio di riferimento e non in un diverso contesto geografico.

14 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp Ipotesiapplicativa coerente con l impianto organizzativo già definito per la formazione dei RSPP/ASPP, con le circolari regionali 13, 21 e 32/SAN/2006

15 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp I datori di lavoro che hanno frequentato entro e non oltre 6 mesi dal corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data del , rispettosi delle previsioni di cui all art. 3 DM Esonero si Aggiornamento entro 5 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( ) 15

16 Accordo ex art. 34. Formazione ddl/rspp Coloro che hanno frequentato corsi ex art. 3 DM o corsi a contenuti conformi ex art. 3 DM Esonero si Aggiornamento entro 5 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( ) Esonerati ex art. 95 DLgs 626/94 si 2 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( ) Coloro che hanno frequentato corsi ex Accordo (RSPP/ASPP) si 5 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( )

17 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori, preposti e dirigenti L applicazione dei contenuti del presente accordo nei riguardi dei dirigenti e dei preposti, per quanto facoltativa, costituisce corretta applicazione dell art. 37 comma 7 DLgs 81/08

18 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori, preposti e dirigenti Soggetti formatori Fattispecie: legittimati, accreditati in conformità al modello regionale e lo stesso datore di lavoro

19 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori art. 37, comma 12 DLgs 81/08. Obbligo del datore di lavoro: la formazione deve avvenire in collaborazione con gli organismi paritetici vanno realizzati previa richiesta di collaborazione agli enti bilaterali e agli organismi paritetici, ove esistenti sia nel territorio che nel settore nel quale opera l azienda.

20 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori Riscontro alla richiesta di collaborazione entro 15gg Si : il datore di lavoro ne tiene conto No: il datore di lavoro procede autonomamente

21 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori obbligo del datore di lavoro: imprescindibile, non sanzionato; deve garantire ai propri lavoratori una formazione sufficiente e adeguata il datore di lavoro ha e mantiene un ruolo centrale nella scelta delle modalità e delle condizioni con cui la formazione verrà erogata 21

22 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori ruolo dell Ente Bilaterale/Organismo Paritetico: propositivo, parte dalla proposta dell azienda, ne analizza la congruità e la conformità all accordo, propone eventuali supporti o strumenti ulteriori in merito, non ne autentica la validità ruolo del ddl: valuta le proposte e decide, senza che le sue scelte inficino in alcun modo la validità o meno dell avvenuta collaborazione Valorizzare, ove concretamente attuabile, il ruolo di EB/OP anche attraverso le collaborazioni locali con le ASL Non irrigidire l erogazione dei corsi in percorsi burocratici ed inefficaci

23 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori, preposti il criterio in base alla classificazione dei settori secondo ATECO e la sua applicazione la trattazione dei rischi va declinata secondo la loro effettiva presenza I lavoratori di aziende a prescindere dal settore di appartenenza, che non svolgano mansioni che comportino la loro presenza, anche saltuaria, nei reparti produttivi, possono frequentare i corsi individuati per il rischio basso. Coerenza con la valutazione del rischio fondata sull individuazione dell esposizione individuale

24 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori, preposti Coloro che hanno frequentato entro e non oltre 12 mesi dal corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data del , rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi di lavoro Esonero si Aggiornamento entro 5 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( )

25 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori, preposti Coloro per i quali i ddl comprovino di aver svolto una formazione nel rispetto delle previsioni normative (art. 22 DLgs 626/94, art. 1 DM , art. 37 DLgs 81/08) formazione erogata a cura dei datori di lavoro Esonero si per la formazione generale Aggiornamento entro 12 mesi se erogata prima del anni se erogata dopo il Coloro per i quali i ddl comprovino di aver svolto una formazione nel rispetto dei contratti collettivi di lavoro si per la formazione generale 12 mesi se erogata prima del anni se erogata dopo il

26 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori formazione erogata a cura dei datori di lavoro Coloro per i quali i ddl comprovino di aver svolto alla data del una formazione nel rispetto delle previsioni normative (art. 22 DLgs 626/94, art. 1 DM , art. 37 DLgs 81/08) e dei contratti collettivi di lavoro Esonero si per la formazione generale Aggiornamento entro 12 mesi se erogata prima del anni se erogata dopo il

27 Accordo ex art. 37. Formazione preposti formazione erogata a cura dei datori di lavoro Coloro per i quali i ddl comprovino di aver svolto una formazione nel rispetto delle previsioni normative (art. 37 comma 7 DLgs 81/08 ) Esonero si per la formazione generale Aggiornamento entro 12 mesi se erogata prima del anni se erogata dopo il Coloro per i quali i ddl comprovino di aver svolto una formazione nel rispetto dei contratti collettivi di lavoro si per la formazione generale 12 mesi se erogata prima del anni se erogata dopo il La formazione particolare ed aggiuntiva deve essere conclusa entro 12 mesi dal

28 Accordo ex art. 37. Formazione preposti formazione erogata a cura dei datori di lavoro Coloro per i quali i ddl comprovino di aver svolto alla data del una formazione nel rispetto delle previsioni normative (art. 37 comma 7 DLgs 81/08 ) e dei contratti collettivi di lavoro Esonero si per la formazione generale Aggiornamento entro 12 mesi se erogata prima del anni se erogata dopo il La formazione particolare ed aggiuntiva deve essere conclusa entro 12 mesi dal

29 Accordo ex art. 37. Formazione dirigenti formazione erogata a cura dei datori di lavoro Coloro che dimostrino di aver svolto - alla data del una formazione con contenuti conformi all art. 3 DM dopo il Esonero si Aggiornamento entro 5 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( ) Coloro che dimostrino di aver svolto - alla data del una formazione con contenuti conformi al modulo A per RSPP/ASPP si 5 anni dal giorno successivo alla pubblicazione ( )

30 Accordo ex art. 37. Formazione lavoratori e preposti Documentazione comprovante l avvenuta formazione Nome del partecipante Contenuti del percorso Durata del percorso Data di frequenza Docente/ente erogatore 30

31

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I DATORI DI LAVORO (ART. 34 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti minimi,

Dettagli

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 C P R P SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 (Pubblicato G.U. N 193 DEL 19/08/2016, IN VIGORE DAL 03 SETTEMBRE 2016) SOGGETTI FORMATORI

Dettagli

FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO:

FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: Spett.le AZIENDA CLIENTE OGGETTO: informativa sicurezza n. 01/12 Data: 13/01/2012 FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed entrata in vigore degli

Dettagli

All.1 COMITATO PARITETICO MARMO DELLA PROVINCIA DI LUCCA

All.1 COMITATO PARITETICO MARMO DELLA PROVINCIA DI LUCCA All.1 COMITATO PARITETICO MARMO DELLA PROVINCIA DI LUCCA Il giorno 12 Dicembre 2012, presso l'associazione degli industriali della provincia di Lucca sede di Pietrasanta, in via Garibaldi n. 97, 55045

Dettagli

ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI

ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI ACCORDI STATO-REGIONI 21 DICEMBRE 2011 FORMAZIONE ED ESONERI L accordo stato regioni del 21 Dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

Novità su formazione RSPP e ASPP

Novità su formazione RSPP e ASPP 1 Novità su formazione RSPP e ASPP Il 3 Settembre 2016 è entrato in vigore nuovo Accordo Stato Regioni del 07.07.2016 sulla formazione RSPP e ASPP: novità e cambiamenti rispetto alla normativa precedente.

Dettagli

Ente Paritetico Unificato per la Formazione, la Sicurezza e la Salute della Provincia di L Aquila (Ese-Cpt L Aquila)

Ente Paritetico Unificato per la Formazione, la Sicurezza e la Salute della Provincia di L Aquila (Ese-Cpt L Aquila) AREA FORMAZIONE CIRCOLARE N. 14/2016 L Aquila 1 Settembre 2016 Imprese iscritte alla Cassa Edile di L Aquila Studi di consulenza del lavoro Parti Sociali Territoriali LORO SEDI OGGETTO: Formazione RSPP

Dettagli

La formazione dei datori di lavoro RSPP LA FORMAZIONE. Durata Art. 34 D.Lgs. 81/08

La formazione dei datori di lavoro RSPP LA FORMAZIONE. Durata Art. 34 D.Lgs. 81/08 LA FORMAZIONE DEL DATORE DI LAVORO-RSPP Durata 05 27 Accordo Stato-Regioni 21 dicembre 2011 Formazione del datore di lavoro-rspp (G.U. n. 8 dell 11.1.2012) 2/10 Il datore di lavoro RSPP Art. 34 D.Lgs.

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016

Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016 Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016 ROMA 4 OTTOBRE 2016 DANIELE RANIERI L Accordo non contiene solo le indicazioni per la Formazione per RSPP e APP, ma anche: Revisione Accordi Sostituzioni Modifiche 26

Dettagli

Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Formazione ex art. 37 D.Lgs 81/08 Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano tra

Dettagli

Prot. 115/11 Pietrasanta, 21/12/11. Aziende CPM Loro sedi

Prot. 115/11 Pietrasanta, 21/12/11. Aziende CPM Loro sedi Prot. 115/11 Pietrasanta, 21/12/11 Aziende CPM Loro sedi Oggetto: Collaborazione in materia di formazione tra imprese e Organismi Paritetici Il Testo Unico in materia di sicurezza e igiene sul lavoro (D.

Dettagli

Pubblicato su G.U. n. 8 del

Pubblicato su G.U. n. 8 del AUSL Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO ACCORDO STATO-REGIONI del 21.12.2011 e Linee Interpretative Accordo del 25.7.2012 Formazione in materia di salute e

Dettagli

Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali

Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali Il nuovo accordo sulla formazione di RSPP/ASPP e le novità introdotte per le altre figure aziendali Pagina 1 L accordo nasce con la finalità di operare una revisione dell Accordo della Conferenza Stato

Dettagli

LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. Durata 08 22

LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. Durata 08 22 LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI Durata 08 22 Sicurezza e salute sul lavoro La formazione dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti 2/12 ACCORDO STATO-REGIONI del 21 dicembre

Dettagli

ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1 Nomina del Responsabile servizio prevenzione e protezione In tutte le imprese deve essere nominato il RSPP che può essere: Datore di lavoro

Dettagli

ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DI DIRIGENTI, PREPOSTI E LAVORATORI

ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DI DIRIGENTI, PREPOSTI E LAVORATORI ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DI DIRIGENTI, PREPOSTI E LAVORATORI Permessa Il 21 dicembre 2011 è stato approvato in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province

Dettagli

Ruolo dell'informazione e della formazione

Ruolo dell'informazione e della formazione Ruolo dell'informazione e della formazione Modulo C4 Programma Parte 1a Ruolo dell informazione e della formazione. Dalla valutazione dei rischi alla predisposizione dei piani di informazione e formazione

Dettagli

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti;

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti; Articolo 30 - Modelli di organizzazione e di gestione Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO: facciamo il punto Imola, 25 novembre 2015 Dott.ssa Paola Tarozzi Tecnico della Prevenzione presso l unità operativa Complessa Prevenzione e Sicurezza degli ambienti di Lavoro

Dettagli

Previsto numero massimo di 35 partecipanti per corso. Frequenza minima del 90% delle ore di formazione previste.

Previsto numero massimo di 35 partecipanti per corso. Frequenza minima del 90% delle ore di formazione previste. Articolazione del percorso formativo per RSPP e ASPP Accordo Stato regioni del 7 luglio 2016 Repertorio Atti n.: 128/CSR del 07/07/2016 Organizzazione dei corsi Previsto numero massimo di 35 partecipanti

Dettagli

Convegno La sicurezza partecipata nell artigianato 15 aprile 2014 La sicurezza partecipata nell artigianato Ruolo ed attività degli RLST

Convegno La sicurezza partecipata nell artigianato 15 aprile 2014 La sicurezza partecipata nell artigianato Ruolo ed attività degli RLST La sicurezza partecipata nell artigianato Ruolo ed attività degli RLST Ghizzi Cesare Tecnico della Prevenzione Area Ambienti di Lavoro Ruolo degli R.L.S., R.L.S.T., R.L.S.S.P Sono consultati dal datore

Dettagli

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Inquadramento generale; Nuova formazione RSPP/ASPP Aggiornamenti RSPP/ASPP Prospettive e opportunità E-learning www.farag.it 1 Il nuovo accordo prevede

Dettagli

Dalla prevenzione oggettiva alla prevenzione soggettiva. La Comunicazione. e D.Lgs. 81/2008. La comunicazione nel Decreto Legislativo 81/2008

Dalla prevenzione oggettiva alla prevenzione soggettiva. La Comunicazione. e D.Lgs. 81/2008. La comunicazione nel Decreto Legislativo 81/2008 Comunicazione e D.Lgs. 81/2008 Durata: 05 23 La Comunicazione nella D. Lgs. 81/08 dott. Giulio Regosa professionista in comunicazione della salute e sicurezza sul lavoro Dalla prevenzione oggettiva alla

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, , NAPOLI

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, , NAPOLI Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 80121, NAPOLI codice meccanografico: NAPC14000P Telefono 081 415084 e-mail: napc14000p@istruzione.it Fax 081 7944596 A TUTTI I DOCENTI Oggetto: D.

Dettagli

NOTIZIARIO SULLA SICUREZZA N IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 7 LUGLIO 2016

NOTIZIARIO SULLA SICUREZZA N IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 7 LUGLIO 2016 ACCREDITATA REGIONE PIEMONTE "accreditamento n. 1029/001 del 29/11/2010" nell'ambito della formazione corsi riconosciuti CERTIFICATA ISO 9001:2008 BUREAU VERITAS ITALIA S.P.A. Certificato n. 220703 NOTIZIARIO

Dettagli

Dott. Cristian FIORIGLIO

Dott. Cristian FIORIGLIO Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori ai sensi dell'articolo 37,

Dettagli

RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni 07/07/2016

RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 RSPP 2016 Il nuovo Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 D. Lgs. n. 81, 9 aprile 2008, artt. 32 e 37 Accordo Stato-Regioni 21/12/2011 e Accordo Stato-Regioni 07/07/2016 2016 AiFOS Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze I Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro in relazione al D.Lgs. 231/01 DALLA VERIFICA DELL APPLICAZIONE FORMALE ALLA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEL

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Progettazione e Manutenzione Fabbricati Ufficio Servizio Prevenzione e Protezione PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE ANNUALE Provincia di Forlì-Cesena 2012 sito web: www.provincia.fc.it

Dettagli

Formazione Formatori Il nuovo Accordo Stato-Regioni RSPP

Formazione Formatori Il nuovo Accordo Stato-Regioni RSPP Formazione Formatori Il nuovo Accordo Stato-Regioni RSPP Relatore: Maria Frassine Responsabile Ufficio Studi e legislativo AiFOS Bergamo, 22 settembre dalle 14.30 alle 17.30 Le novità più importanti dell

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 luglio finalizzato all individuazione. della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi. per RSPP e gli ASPP

Accordo Stato Regioni 7 luglio finalizzato all individuazione. della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi. per RSPP e gli ASPP Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 finalizzato all individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e gli ASPP Entrata in vigore 3 settembre 2016 Per 12 mesi si formazione

Dettagli

CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento)

CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento) 2 3 4 CARRELLO ELEVATORE (valido anche come aggiornamento) N. ORE 12 ore // 4 ore aggiornamento 11-12-15 Settembre dalle 9.00 alle 13.00 16 Ottobre dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 17 Ottobre

Dettagli

Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Il contenuti del nuovo accordo per quanto concerne la formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Pagina 1 L accordo oltre a disciplinare la formazione degli RSPP e ASPP interviene sui seguenti

Dettagli

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Servizio Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Compiti e funzioni - Area D. Lgs. 81/08

Dettagli

SOCIETÀ CONSORTILE A R. L. LANGHE MONFERRATO ROERO

SOCIETÀ CONSORTILE A R. L. LANGHE MONFERRATO ROERO SOCIETÀ CONSORTILE A R. L. LANGHE MONFERRATO ROERO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2016-2017-2018 OTTOBRE 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice INTRODUZIONE...

Dettagli

La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni

La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni La formazione di RSPP e ASPP il nuovo Accordo Stato Regioni (G.U. del 19/8/2016 serie generale n. 193) a cura di Norberto Canciani 1 Riferimenti normativi D.Lgs. 81/08 Art. 32 Capacità e requisiti professionali

Dettagli

Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età. Il ruolo dei. dei RLS. Milano - 21 giugno 2016

Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età. Il ruolo dei. dei RLS. Milano - 21 giugno 2016 Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età Il ruolo dei dei RLS Milano - 21 giugno 2016 Obiettivo Dare a RLS in azienda la consapevolezza del problema e del proprio ruolo Obiettivo 1. perché valutare

Dettagli

AREA SALUTE E SICUREZZA

AREA SALUTE E SICUREZZA Catalogo corsi di formazione API - Istituto Dirigenti Italiani (IDI) Sicurezza per preposti e Dirigenti, SGSL, Responsabilità del dirigente per danno ambientale Si segnala che API Servizi srl, soggetto

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA Ecomondo 2016 - Rimini, 10 novembre 2016 Angelica Schneider Graziosi INAIL Contarp Centrale I SISTEMI DI GESTIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA Perché parlare di SGSL per

Dettagli

14-9-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 39

14-9-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 39 1 Allegato 1 Modello istanza per organismi paritetici - Enti bilaterali - Associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori - Fondi interprofessionali di settore - Ordini e Collegi professionali

Dettagli

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) I NUOVI REQUISITI

FORMAZIONE PER RESPONSABILI E ADDETTI DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) I NUOVI REQUISITI BIOIKOS AMBIENTE S.r.l. Sede legale e operativa - via G. Rivani, 99 40138 Bologna (Bo) Cap soc. 99.000 euro i.v.; P.IVA e Cod. Fisc. 02026311205; R.E.A. 407418 Tel. +39 051 5878211 Fax +39 0515878200 www.bioikosambiente.it;

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 6 CORSI TECNICO SPECIFICI 7 FORMAZIONE FORMATORI 8 RSPP 9 RLS 11 PREPOSTI 12

Dettagli

OBBLIGHI DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI Obblighi specifici: si determinano al ricorrere di talune condizioni, tra i quali gli obblighi

OBBLIGHI DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI Obblighi specifici: si determinano al ricorrere di talune condizioni, tra i quali gli obblighi LA NOTIFICA PRELIMINARE TELEMATICA DEI CANTIERI Sistema Informativo della Prevenzione Collettiva OBBLIGHI DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI Obblighi specifici: si determinano al ricorrere di

Dettagli

Proposta d Accordo Datori di Lavoro

Proposta d Accordo Datori di Lavoro Proposta d Accordo Datori di Lavoro Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore

Dettagli

Roma, 25 settembre 2012 CIRCOLARE N. 112 / 2012 Prot ATTIVITA FEDERCASA ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI

Roma, 25 settembre 2012 CIRCOLARE N. 112 / 2012 Prot ATTIVITA FEDERCASA ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI (25/09/12) Roma, 25 settembre 2012 CIRCOLARE N. 112 / 2012 Prot. 2462 AGLI ENTI ASSOCIATI AC/AS ATTIVITA FEDERCASA ENTI PUBBLICI ECONOMICI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI OGGETTO Accordo Stato-Regioni 21 dicembre

Dettagli

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) L.R. 10 Agosto 2006, n. 9 Disposizioni in materia di formazione nell'apprendistato (1) SOMMARIO Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizione dei profili formativi Art. 3 Piano Formativo

Dettagli

Perchè un Modello Organizzativo Gestionale? La sperimentazione di un MOG in alcune realtà produttive della provincia di Pistoia

Perchè un Modello Organizzativo Gestionale? La sperimentazione di un MOG in alcune realtà produttive della provincia di Pistoia Perchè un Modello Organizzativo Gestionale? La sperimentazione di un MOG in alcune realtà produttive della provincia di Pistoia Dr. Andrea Baracchi 3.4.2017 1 Il metodo di lavoro del «Progetto regionale

Dettagli

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) 1. La presente legge, ai sensi del Titolo VI, Capo I del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276

Dettagli

La formazione come strumento necessario al lavoratore. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena

La formazione come strumento necessario al lavoratore. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena La formazione come strumento necessario al lavoratore Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena La INFORMAZIONE e la la FORMAZIONE nel D.Lgs. 81 // 2008 CERCA Informazione Formazione 151 volte 2

Dettagli

Nuovo Accordo Formazione RSPP e ASPP: durata, contenuti e modalità dei percorsi formativi

Nuovo Accordo Formazione RSPP e ASPP: durata, contenuti e modalità dei percorsi formativi Nuovo Accordo Formazione RSPP e ASPP: durata, contenuti e modalità dei percorsi formativi Speaker Mariarosaria Spagnuolo e Andrea Burlini 17 ottobre 2016 Le nostre domande. Voglio fare l RSPP/ASPP, cosa

Dettagli

FORMAZIONE AZIENDALE SULLA SICUREZZA Applicazione dell Accordo e stato dell arte

FORMAZIONE AZIENDALE SULLA SICUREZZA Applicazione dell Accordo e stato dell arte FORMAZIONE AZIENDALE SULLA SICUREZZA Applicazione dell Accordo e stato dell arte ROMA - 13 giugno 2013 Carmine Esposito Ingegnere INAIL 1 Argomenti in discussione LAVORATORI: formazione sufficiente ed

Dettagli

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione

Formazione di Base per i Lavoratori. Servizio di Prevenzione e Protezione Formazione di Base per i Lavoratori Servizio di Prevenzione e Protezione L Informazione, la Formazione e L dei lavoratori sono misure di tutela che accrescono la cultura della sicurezza negli ambienti

Dettagli

Organismo di Vigilanza e reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Organismo di Vigilanza e reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro Organismo di Vigilanza e reati in materia di salute e sicurezza sul lavoro Torino, 3 marzo 2016 avv. Ugo Lecis La colpa in organizzazione fondamento della responsabilità dell ente Ogni ente deve dimostrare

Dettagli

Il percorso tecnico e formativo. Il modello SGSL

Il percorso tecnico e formativo. Il modello SGSL Il percorso tecnico e formativo. Il modello SGSL Ing. Stella Tramuto Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione Sala consiliare della Provincia di Pisa Pisa, 14 luglio 2011 Struttura dell intervento

Dettagli

LAVORATORI. Accordo Stato Regioni n. 221 del 21/12/2011 sulla formazione. Formazione da fare ex novo. Formazione già effettuata. Aggiornamento 6 ore

LAVORATORI. Accordo Stato Regioni n. 221 del 21/12/2011 sulla formazione. Formazione da fare ex novo. Formazione già effettuata. Aggiornamento 6 ore Accordo Stato Regioni n. 221 del 21/12/2011 sulla formazione LAVORATORI FASE Formazione da fare ex novo Le ore sono 4 (parte Generale) + 4/8/12 in funzione del rischio del settore di appartenenza e valutazione

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO AZIENDA C.F./P.IVA INDIRIZZO COMUNE Tel. e-mail SETTORE ATTIVITA ASSETTO ORGANIZZATIVO NOMINATIVO E-MAIL TELEFONO DATORE DI LAVORO come da D.Lgs 81/08

Dettagli

LA RIFORMA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO. Regione Lazio. Agenzia Lazio Lavoro

LA RIFORMA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO. Regione Lazio. Agenzia Lazio Lavoro LA RIFORMA DEI SERVIZI PER L IMPIEGO Regione Lazio Il processo della riforma dei servizi per l impiego Master plan servizi per l impiego: standard dei servizi D.lgs. 181/2000 Status di disoccupato D.lgs.

Dettagli

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL Sede di Treviso Dott. Antonio Salvati Gli attori della prevenzione Il modello di sicurezza in forma partecipativa del D Lgs n.

Dettagli

Per ciascun corso dovrà essere comunicato :

Per ciascun corso dovrà essere comunicato : MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA E L ATTUAZIONE DELLA COLLABORAZIONE TRA ESEV-CTP VITERBO E LE IMPRESE EDILI RICHIEDENTI LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI AI SENSI DELL ART. 37 COMMA 12 DEL D.LGS 81/2008

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37 CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA ex D.Lgs. 81/2008 art.37 1 L organizzazione della prevenzione aziendale 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 I modelli

Dettagli

LA FORMAZIONE E LEARNING NELLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA FORMAZIONE E LEARNING NELLA SICUREZZA SUL LAVORO Convegno di studio e approfondimento LA FORMAZIONE E LEARNING NELLA SICUREZZA SUL LAVORO Relatore: Concetta Vatrano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ROMA, mercoledì 3 dicembre 2014 dalle

Dettagli

formazione alla sicurezza le novità

formazione alla sicurezza le novità formazione alla sicurezza le novità ACCORDO SULLA DURATA E SUI CONTENUTI MINIMI DELLA FORMAZIONE PER RSPP E ASPP 07.07.2016 Testo del nuovo accordo sulla formazione: http://www.ambienteeuropa.it/formazione/normative/accordo_stato-regioni_07072016.pdf

Dettagli

Dott. Pierluigi GATTI ASL AL

Dott. Pierluigi GATTI ASL AL Dott. Pierluigi GATTI ASL AL Approvato dalla Conferenza Stato/Regioni il 7 luglio 2016 Pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro il 22 luglio 2016 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 193 del 19/08/2016

Dettagli

MONITOR ENGINEERING ELENCO CORSI IN SEDE 2017

MONITOR ENGINEERING ELENCO CORSI IN SEDE 2017 RISCHIO ALTO 48 ORE 48 ORE Martedì 07 Marzo 2017 dalle 9:00 alle 13:00 - dalle 14:00 alle 18:00 Giovedì 09 Marzo 2017 dalle 9:00 alle 13:00 - dalle 14:00 alle 18:00 Martedì 14 Marzo 2017 dalle 9:00 alle

Dettagli

Promozione all accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate

Promozione all accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate LEGGE REGIONALE 4 agosto 2003, N. 13 Promozione all accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate (BURL n. 32, 1º suppl. ord. del 08 Agosto 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-08-04;13

Dettagli

Collegio Provinciale di Prato

Collegio Provinciale di Prato Documento approvato con Deliberazione n 18/2017 del 1/0/2017 del Consiglio Direttivo del Collegio IPASVI di Prato REGOLAMENTO CORSI FORMAZIONE PROMOSSI DAL COLLEGIO IPASVI DI PRATO tel 072907 - fax 072907

Dettagli

UN LAVORO DI SQUADRA per fare centro!!

UN LAVORO DI SQUADRA per fare centro!! 20 giugno 2014 UN LAVORO DI SQUADRA per fare centro!! 1 AGGIORNAMENTO SULLE NORMATIVE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE Inquadramento normativo D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Le assunzioni I cambi mansione La gestione

Dettagli

FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016

FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016 FORMAZIONE RSPP IL NUOVO ACCORDO STATO-REGIONI 07 LUGLIO 2016 SOMMARIO DELL INTERVENTO Il Profilo Professionale del RSPP La formazione base per ASPP/RSPP Aggiornamento per ASPP/RSPP e decorrenza Validità

Dettagli

Riepilogo iniziativa CF_1208_I_2015

Riepilogo iniziativa CF_1208_I_2015 Riepilogo iniziativa CF_1208_I_2015 1. Soggetto presentatore Nome Partita IVA Tipologia Sede Telefono SVILUPPO MANTOVA S.R.L. 01566460208 Organismi di formazione, accreditati per lo svolgimento di attività

Dettagli

I benefici fiscali e contributivi della detassazione dei premi di risultato erogati per il tramite della contrattazione di secondo livello.

I benefici fiscali e contributivi della detassazione dei premi di risultato erogati per il tramite della contrattazione di secondo livello. I benefici fiscali e contributivi della detassazione dei premi di risultato erogati per il tramite della contrattazione di secondo livello. 31 marzo 2016 Con il Decreto del Ministro del Lavoro e delle

Dettagli

PSGSL 06 Informazione, formazione, comunicazione, consultazione e partecipazione

PSGSL 06 Informazione, formazione, comunicazione, consultazione e partecipazione CSF San Gaetano GESTIONE INFORMAZIONE, FORMAZIONE, COMUNICAZIONE, CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE Indice della procedura 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 RIFERIMENTI 4 COMPITI E RESPONSABILITA' 5 MODALITA'

Dettagli

RECEPIMENTO E DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL'ACCORDO STATO- REGIONI/PROVINCE AUTONOME DEL PER LA REALIZZAZIONE DI:

RECEPIMENTO E DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL'ACCORDO STATO- REGIONI/PROVINCE AUTONOME DEL PER LA REALIZZAZIONE DI: ALLEGATO B) RECEPIMENTO E DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL'ACCORDO STATO- REGIONI/PROVINCE AUTONOME DEL 26.1.2006 PER LA REALIZZAZIONE DI: PERCORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI ALL USO DI

Dettagli

DEI LAVORATORI E DEI LUOGHI DI LAVORO) PAS

DEI LAVORATORI E DEI LUOGHI DI LAVORO) PAS PIANO AZIENDALE FORMAZIONE (ANTINCENDIO e SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEI LUOGHI DI LAVORO) PAS AOU POLICLINICO GAETANO MARTINO MESSINA La formazione continua e l aggiornamento professionale rappresentano

Dettagli

La formazione obbligatoria in materia di sicurezza del lavoro

La formazione obbligatoria in materia di sicurezza del lavoro La formazione obbligatoria in materia di sicurezza del lavoro Dr. Alberto Zini (alberto.zini@unimore.it) Modena, 15 maggio 2013 1 ADEMPIMENTI DI PREVENZIONE E SICUREZZA PREVISTI DAL TUSL E FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

SGSL o MOG? SGSL o SGS MOG " Dalle procedure standardizzate al modello organizzativo di gestione " Pistoia, 24 novembre 2016

SGSL o MOG? SGSL o SGS MOG  Dalle procedure standardizzate al modello organizzativo di gestione  Pistoia, 24 novembre 2016 SGSL o MOG? SGSL o SGS: modello certificato da ente accreditato secondo requisiti BS OHSAS 18001:2007 oppure validato da parte terza secondo le Linee Guida ISPESL- UNI INAIL 2001. MOG: modello idoneo ad

Dettagli

DGR VII/ /12/00.

DGR VII/ /12/00. DGR VII/2800 22/12/00. INTEGRAZIONE DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE CON PRESTAZIONI EROGABILI DALLE UNITA OPERATIVE DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

Intervento a cura di: dott. Marco MORONE. Milano, 22 LUGLIO 2016

Intervento a cura di: dott. Marco MORONE. Milano, 22 LUGLIO 2016 Intervento a cura di: dott. Marco MORONE Milano, 22 LUGLIO 2016 FORMAZIONE DATORE DI LAVORO FORMAZIONE «PROFESSIONISTI» RPSS-ASPP art. 32 CSP CSE art. 98 FORMAZIONE LAVORATORI Generale e specifica ABILITAZIONI

Dettagli

Accordo Stato Regioni sulla formazione DATORI DI LAVORO-RSPP

Accordo Stato Regioni sulla formazione DATORI DI LAVORO-RSPP Nomina a RSPP Effettuata prima del 31/12/2006 Effettuata dopo il 1/1/2007 Nuova attività con nuova nomina TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI DATORI DI LAVORO-RSPP Da fare secondo il rischio del settore di appartenenza

Dettagli

Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro

Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro Convegno gratuito Cambia la costituzione: problemi e prospettive per la sicurezza sul lavoro Relatore: Lucio Fattori BOLOGNA, 21 ottobre 2016 dalle ore 10.00 alle ore 13.00 Parleremo di. L Accordo Stato-Regioni

Dettagli

La formazione in materia di salute e sicurezza

La formazione in materia di salute e sicurezza La formazione in materia di salute e sicurezza Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 23 novembre 2016 Campus L. Einaudi Lungo Dora Siena 110 Torino Le Indicazioni operative La Regione Piemonte

Dettagli

PROTOCOLLI FORMATIVI

PROTOCOLLI FORMATIVI MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO (MIBACT) Direzione Generale Organizzazione GARA D APPALTO, AI SENSI DEL D. LGS.VO 50 DEL 18 APRILE 2016,. 60, COMMA 1), PER L'AFFIDAMENTO I SISTEMI

Dettagli

Efficacia degli Accordi

Efficacia degli Accordi Circolare 056 Udine, 3 ottobre 2012 ALL RSPP ALL ASPP AL RLS AI DOCENTI DI LABORATORIO AI DOCENTI AL DSGA AL PERSONALE ATA OGGETTO: novità sulla formazione in materia di sicurezza: Accordo Stato-Regioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL REGIONE TOSCANA. Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato.

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL REGIONE TOSCANA. Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato. LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 28-12-2009 REGIONE TOSCANA Accreditamento delle strutture e dei servizi alla persona del sistema sociale integrato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 56 del

Dettagli

Reform Srl un servizio della Provincia di Pisa

Reform Srl un servizio della Provincia di Pisa CORSI di FORMAZIONE OBBLIGATORIA dei LAVORATORI in MATERIA di SALUTE e SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO ai sensi del D.Lgs 81/2008 Reform Srl un servizio della Provincia di Pisa L OBBLIGO NORMATIVO Il D.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. La l.r. 7 dicembre 2006 n. 41 Riordino del Servizio Sanitario Regionale e s.m.e i.;

LA GIUNTA REGIONALE. La l.r. 7 dicembre 2006 n. 41 Riordino del Servizio Sanitario Regionale e s.m.e i.; O GGETTO : Recepim. Intesa Stato/Regioni 29.4.2010 sul documento "Sistema CUP - Linee guida naz.li" e dell'intesa Stato/Regioni 28.10.2010 "Piano naz.- di governo delle liste di attesa 2010-21012". Adoz.del

Dettagli

Nel dettaglio evidenziamo alcuni aspetti innovativi dell accordo stato regioni.

Nel dettaglio evidenziamo alcuni aspetti innovativi dell accordo stato regioni. Alle imprese edili della Provincia di Napoli Napoli, 26.09.2016 Prot. N 134 OGGETTO: Circolare informativa n. 2/2016 Accordo Stato Regioni RSPP Vi informiamo che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI DOCUMENTO PROGRAMMATICO 2017-2019 L art. 2, comma 1, lett. d), del Regolamento n. 1/2000 attribuisce al Garante il compito di definire gli obiettivi e i programmi

Dettagli

Relatore: Mario Gallo. BOLOGNA, 20 ottobre 2016 dalle ore alle ore 17.00

Relatore: Mario Gallo. BOLOGNA, 20 ottobre 2016 dalle ore alle ore 17.00 Convegno gratuito L efficacia della formazione e il monitoraggio dell apprendimento Relatore: Mario Gallo Professore a contratto di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Cassino e del Lazio

Dettagli

Formazione dei Lavoratori

Formazione dei Lavoratori pagina 1 di 8 Formazione dei Lavoratori articolo 37 D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato Regioni del 21/12/2011 Rep. Atti n. 221/CSR Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012 pagina 2 di 8 paragrafo

Dettagli

Come garantire il coinvolgimento dei lavoratori

Come garantire il coinvolgimento dei lavoratori Come garantire il coinvolgimento dei lavoratori Una delle linee strategiche adottate dal legislatore per definire la riforma della disciplina in materia di salute e sicurezza sul lavoro, operata attraverso

Dettagli

CIRCOLARE CORSI DI FORMAZIONE D.LGS. 81/2008 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

CIRCOLARE CORSI DI FORMAZIONE D.LGS. 81/2008 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA CIRCOLARE 04-2017 DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile servizio prevenzione e protezione Responsabile A ambientale MITTENTE DA TecnoAdda S.a.s. Email info@tecnoadda.com TEL. N. 0341.281459

Dettagli

Organi di vigilanza, controllo, assistenza

Organi di vigilanza, controllo, assistenza Due sistemi di controllo Due sistemi di controllo Ti sei mai chiesto quali soggetti sono tenuti a vigilare che venga data corretta applicazione alla normativa prevenzionistica sui luoghi di lavoro? Chi

Dettagli

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Corsi di formazione anno 2009 in collaborazione con: Istituto Superiore di Formazione alla Prevenzione 30 NOVEMBRE 2009 Aula (da definire)

Dettagli

OBBLIGHI FORMATIVI SICUREZZA PER IL PERSONALE SCOLASTICO

OBBLIGHI FORMATIVI SICUREZZA PER IL PERSONALE SCOLASTICO OBBLIGHI FORMATIVI SICUREZZA PER IL PERSONALE SCOLASTICO Figura scolastica Ruolo nel sistema sicurezza Soggetti nei confronti dei quali viene esercitato il ruolo di preposto / dirigente Vicario del Tutto

Dettagli

DELIBERA DEL 9 OTTOBRE 2017 N. 18 Linee di indirizzo per l informazione, la consulenza e l assistenza per la prevenzione.

DELIBERA DEL 9 OTTOBRE 2017 N. 18 Linee di indirizzo per l informazione, la consulenza e l assistenza per la prevenzione. DELIBERA DEL 9 OTTOBRE 2017 N. 18 Linee di indirizzo per l informazione, la consulenza e l assistenza per la prevenzione. IL CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA nella seduta del 9 ottobre 2017 visto il

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA. (Provincia di POTENZA) REGOLAMENTO per il funzionamento del Comitato Unico Di Garanzia

COMUNE DI CANCELLARA. (Provincia di POTENZA) REGOLAMENTO per il funzionamento del Comitato Unico Di Garanzia COMUNE DI CANCELLARA (Provincia di POTENZA) REGOLAMENTO per il funzionamento del Comitato Unico Di Garanzia 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'attività del Comitato Unico

Dettagli

Milano, 19 Settembre 2011

Milano, 19 Settembre 2011 CAROZZI & ASSOCIATI Carozzi Dozio Ferri Avv. Giorgio Carozzi carozzi@studiolegalecarozzi.i t Avv. Luca Dozio dozio@studiolegalecarozzi.it Avv. Roberto Ferri ferri@studiolegalecarozzi.it Avv. Rita Galeone

Dettagli

Standard di Percorso Formativo Tecnico del controllo di gestione

Standard di Percorso Formativo Tecnico del controllo di gestione Standard di Percorso Formativo Tecnico del controllo di gestione CANALE DI OFFERTA FORMATIVA: Disoccupati, inoccupati, occupati. DURATA MINIMA DEL PERCORSO AL NETTO DI STAGE/WORK EXPERIENCE: 212 ore ARTICOLAZIONE

Dettagli

Accordo Stato Regioni 7 luglio Flavio Battiston Sedico 21 ottobre 2016

Accordo Stato Regioni 7 luglio Flavio Battiston Sedico 21 ottobre 2016 Accordo Stato Regioni 7 luglio 2016 Flavio Battiston Sedico 21 ottobre 2016 Premessa: Finalmente 1. RSPP: chi sei? Allegato IV 2. A + B + C = RSPP Allegato A 3. E-learning Allegato II Conclusioni 2 Premessa:

Dettagli