COMUNE DI FAVARA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) STUDIO GEOLOGICO GENERALE PER LA REVISIONE DEL P.R.G. DEL COMUNE DI FAVARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FAVARA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) STUDIO GEOLOGICO GENERALE PER LA REVISIONE DEL P.R.G. DEL COMUNE DI FAVARA"

Transcript

1 COMUNE DI FAVARA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) STUDIO GEOLOGICO GENERALE PER LA REVISIONE DEL P.R.G. DEL COMUNE DI FAVARA Relazione Centro abitato LIMITI AMMINISTRATIVI QUADRO D'UNIONE DELLE SEZIONI g h f e a d b A a c AREA RILEVATA PROVINCIE: COMUNI: A AGRIGENTO a AGRIGENTO b FAVARA c NARO d CASTROFILIPPO e RACALMUTO f COMITINI g ARAGONA h GROTTE I GEOLOGI ANTONIO ALBA COMMITTENTE FEDERICO MAROTTA

2 1 PREMESSA Inquadramento geografico CARTA GEOLOGICA Geologia Inquadramento geologico Tettonica Stratigrafia Complesso Argilloso - (Serravalliano - Tortoniano) "Tripoli"-(Messiniano) Calcare di Base - ( Messiniano superiore ) Gessi di Pasquasia - ( Messiniano ) " Trubi " -( Pliocene inferiore) Formazione Monte Narbone - (Pliocene medio- superiore) Unità dei Terrazzi Marini Depositi attuali CARTA GEOMORFOLOGICA Stato del Dissesto Fenomeni di erosione accelerata Smottamenti Scoscendimenti Colamenti Crolli Processi di degradazione chimica L'uomo agente geomorfologico Opere di ingegneria: Opere per il potenziamento dell'agricoltura: CARTA IDROGEOLOGIA Complesso Impermeabile Argille e marne argillose del Serravalliano-Tortoniano Marne argillose grigio - azzurre Complesso Scarsamente permeabile marne e diatomee Messiniane della Fm. Tripoli; marne e calcari marnosi dei Trubi (Pliocene inf.), Complesso altamente Permeabile Calcare di base della Serie Evaporitica Messiniana Terreni Gessosi Infiltrazione efficace Depositi lacustri e Complesso alluvionale: Detrito di falda Alimentazione delle falde Pericolosita' Da Inquinamento Delle Acque Sotterranee E La Vulnerabilita' Degli Acquiferi CARATTERISTICHE IDROGRAFICHE Caratteri i Climatologici; Caratteristiche Idrogeormorfologiche Bacino idrografico del Vallone Favara Bacino Idrografico del Vallone San Benedetto Bacino idrografico del torrente Jacono Bacino idrografico del Torrente Perciata CARTA LITOTECNICA Comportamento Litoide Calcari evaporitici Gessi...32 Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 1

3 5.2 Comportamento Coesivo Calcari Marnosi (Trubi) Argille marnose del Tortoniano Scisti diatomitici Tripoli Suoli e coperture eluviali Detriti di falda Materiali di riporto di varia natura CARTA DELLE PERICOLOSITÀ GEOLOGICHE CARTA DELLE ZONE A MAGGIOR PERICOLOSITÀ SISMICA LOCALE Calcolo delle forze dinamiche secondo il D.M. 24/01/ CONSIDERAZIONI TECNICHE CONCLUSIVE Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 2

4 1 PREMESSA Su incarico del Comune di Favara giusta determina sindacale del 31/12/2002 n 1l4 i sottoscritti Dott. Geol. Antonio Alba e riuniti in collegio e iscritti all Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia rispettivamente al n 1488 e 2081 hanno redatto il presente studio rivolto ad individuare tutte le problematiche geologico tecniche necessarie per avviare una corretta pianificazione ai fini della revisione del Piano Regolatore Generale del Comune di Favara; Il presente studio è stato redatto ai sensi dell art. 5 della Legge Regionale 11/04/81 n 65 ed in conformità alle disposizioni di cui alla Circolare dell Assessorato Territorio ed Ambiente del 31/01/1995, prot Le finalità principali dello studio in oggetto sono di fornire quei parametri geologicoambientali che possono influenzare le trasformazioni antropiche e su di loro realizzare quella pianificazione nelle more di uno sviluppo coerente e imprescindibile dalle limitazioni imposte dalla natura quali possono essere i fattori geologici, geomorfologici, idrogeologici e sismici. Di seguito sono riportate tutte quelle informazioni geologico tecniche che dovranno essere utilizzate per la revisione degli strumenti urbanistici del territorio comunale di Favara; Nei capitoli successivi saranno analizzate tutte quelle situazioni locali che presentano pericolosità geologica e sismica e che possono influenzare le future scelte degli strumenti urbanistici. Il presente studio è stato realizzato dopo un attenta analisi delle informazioni esistenti, raccogliendo tutta la bibliografia geologica, geomorfologia, idrogeologica, sismologia del territorio in esame, questi dati hanno una notevole importanza ai fini di una corretta conoscenza preliminare di tutti i parametri meccanici dei litotipi affioranti e delle caratteristiche fisiche dell ambiente. Il tutto è stato integrato da una serie d informazioni raccolte sul territorio con persone, studiosi ecc. al fine di individuare tutti quei dati storici quali spessori delle Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 3

5 coltri, caratteristiche geotecniche informazioni sul sottosuolo, pozzi non più esistenti, grotte, frane, alluvioni. In rispetto alla Circolare n.2222 del 31/01/1995, alla presente, sono state allegate carte tematiche in scala 1: e 2.000;. 1.1 INQUADRAMENTO GEOGRAFICO Il territorio di Favara oggetto del presente studio ha una superficie di circa 82 Km topograficamente ricade nei fogli 271 e 267 della carta d Italia alla Scala 1: e nelle Carte CTR scala 1: nelle sezioni Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 4

6 2 CARTA GEOLOGICA 2.1 GEOLOGIA Il presente studio anche se indirizzato ad uno scopo prettamente applicativo non può fare a meno di un attento rilevamento geologico che ci permetta di redigere una carta geologica che ci fornisca tutte quelle informazioni stratigrafiche e di rapporti giaciturali e geometrici, e che ci permettano di individuare planimetricamente le diverse unità litostratigrafiche. Tutte queste caratteristiche sono riportate nell allegato carta geologica in scala 1: e 1: INQUADRAMENTO GEOLOGICO Il territorio in esame ricade nel bacino centrale siciliano, che rappresenta l'avanfossa per il tratto Maghrebide della Catena Appenninica (avanfossa di Caltanissetta). Per un inquadramento il più chiaro possibile, diamo una rapida descrizione dei lineamenti geologici (stratigrafici e strutturali) della Sicilia. La storia geologica dell'isola è costituita da alterne vicende sedimentarie e tettoniche, che si sviluppano soprattutto in un arco di tempo che va dal Paleozoico superiore al Quaternario. La sua evoluzione geodinamica è strettamente legata alla collisione del promontorio Africano con la placca Europea. Geologicamente si può considerare la Sicilia fra le più complesse regioni del Mediterraneo, per la sua posizione fra le catene Alpidiche del nord Africa ad ovest, e l'arco Calabro-Peloritano e l'appennino a nord-est. Il quadro strutturale della Sicilia è caratterizzato da tre settori principali (Catalano & D'Argenio, 1978, 1982): 1) Un settore sud-orientale che si comporta da avanpaese (Plateau Ibleo). Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 5

7 2) Un settore intermedio (affiorante in Sicilia occidentale, e parzialmente sepolto nelle zone centrali dell'isola ), che costituisce un avanpaese deformato nel Plio- Pleistocene con residui di un avanfossa Pleistocenica. 3) Un settore interno settentrionale, costituito da una complessa pila di thrust, generalmente vergenti a sud ed a sud-est, con residui di un avanfossa del Miocene superiore. I primi due settori che costituiscono l'area di avanpaese, fino a tutto il Pliocene inferiore erano sostanzialmente continui senza alcuna differenziazione. Solo a partire dal Pliocene medio, un settore dell'avanpaese, quello più interno (zona centro-occidentale della Sicilia), è stato interessato da rapidi processi di subsidenza localizzati in corrispondenza della Fossa di Caltanissetta, e di quella di Castelvetrano (molto meno pronunciata), che si sviluppa a partire da questo momento come aree di avanfossa. L'avanpaese indeformato ibleo mostra una successione con un ampia sequenza carbonatica (dal tardo Trias fino al Lias inferiore), seguita da depositi di bacino intrapiattaforma (limitati al Giurassico), depositi tipo seamount (sempre Giurassico) e da calcari pelagici (Giurassici - Paleogenici). Questi depositi sono ricoperti in discordanza da depositi di bacino di avanpaese del Miocene medio, Pleistocene. L'avanpaese deformato, con la conseguente avanfossa, risulta occupato nelle sue parti più profonde dall'edificio a falde caratterizzato da un "cuneo" di rocce embriciate ripetutamente, per lo più dal Miocene inferiore- Pleistocene (terreni Sicilidi, scaglia di Flysch Numidico, Fm. Terravecchia, Evaporiti e Trubi), localmente nota come "Falda di Gela", messasi in posto durante il Pliocene superiore - Pleistocene inferiore. L'ultimo migliaio di metri dell'avanfossa di Caltanissetta (che sembra essere un graben dell'avanpaese, Catalano & D'Argenio ), è riempito da sedimenti clastici progradanti del Plio- Quaternario. E' in questo complesso quadro geologico che vanno inserite le unità stratigrafiche affioranti nella zona rilevata; più precisamente si inseriscono nell'insieme di falde, i terreni deposti prima del Pliocene inferiore: Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 6

8 Unità delle Argille marnose del Serravalliano Tortoniano Unità delle Marne silicee. Unità del Calcare di Base Unità dei Gessi. Unità delle Marne calcaree. La copertura terrigena progradante, che ricopre le unità di falda, sono rappresentate dalle seguenti unità: - Unità delle Argille marnose del Pliocene medio - sup. - Unità delle Calcareniti e sabbie. 2.3 TETTONICA L'area in esame ricade all'interno della cosiddetta "Fossa di Caltanissetta" o definita anche avanfossa perché rappresenta la porzione più meridionale di una catena (Catalano, 1985), che andò formandosi dal Miocene al Pliocene medio a causa della deformazione del margine del promontorio Africano. La fase tettonica verificatasi nel Tortoniano inferiore provocò le deformazioni maggiori di questo promontorio; si ebbe infatti un sollevamento ed una erosione dell'area della Sicilia tirrenica con conseguente deposizione dei prodotti di smantellamento (Fm. Terravecchia ) nella avanfossa. Questo stesso evento tettonico causa l'istaurarsi di condizioni euxiniche con diminuzione della profondità del bacino che progredirà a bacino chiuso evaporitico. Si vengono così a deporre le marne a diatomee della Fm. Tripoli, cui segue il primo ciclo evaporitico. Nel Messiniano si verificò un'altra crisi tettonica testimoniata dalla discordanza angolare che separa l'unità evaporitica inferiore da quella superiore. La tettonica Pliocenica portò alla deformazione del fondo dell'avanfossa con la formazione di pieghe con assi in direzione NE-SW. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 7

9 Il Pliocene superiore ed il Pleistocene vedono l'inversione dello stile tettonico, abbiamo infatti faglie normali ad alto angolo che dislocano i terreni in una evidente dinamica distensiva. Il motivo strutturale predominante dell'area studiata è la presenza di lievi pieghe sinformi ed antiformi, che si susseguono ripetutamente. Tali pieghe nel settore nord - occidentale hanno generalmente asse SE-NO, con gli alti topografici costituiti dal Calcare di base 2.4 STRATIGRAFIA In questo capitolo analizzeremo in dettaglio la successione stratigrafica ricostruita nel territorio comunale di Favara. Lo studio si è avvalso, oltre che del rilevamento geologico di campagna, anche di analisi micropaleontologiche e dati provenienti dalla stratigrafia dei pozzi. La successione, dal basso verso l'alto, comprende le seguenti formazioni: Complesso Argilloso; (Serravalliano-Tortoniano) "Tripoli"; (Messiniano) "Calcare di Base"; (Messiniano) Gessi di Pasquasia (II Ciclo); (Messiniano) "Trubi"; (Pliocene inferiore) Alluvioni e depositi eluviali; (Quaternario) Complesso Argilloso - (Serravalliano - Tortoniano). Questo complesso è costituito prevalentemente da argille, argille marnose, argille sabbiose e talvolta modeste porzioni di conglomerati. In questo lavoro non si è fatta alcuna differenziazione litologica all'interno di questo complesso, sia per i modestissimi affioramenti di argille sabbiose e conglomerati, e sia perchè ai fini idrogeologici il comportamento dei differenti litotipi non varia sostanzialmente. Il complesso, dunque, mostra argille di colore variabile dal grigio-azzurrastro al marrone-giallastro, costituito da materiale risedimentato più o meno caotico, che ingloba Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 8

10 modesti lembi di terreni marnosi più antichi, ed olistoliti di piccole dimensioni, di formazioni calcaree anch'essi più antichi. Le argille presentano varia tessitura scagliettata, brecciata, puddingoide, solitamente gli elementi stratimetrici sono molto poveri, raramente è possibile riconoscere la stratificazione essendo le giaciture caotiche. La datazione di questa unità può essere eseguita sia considerando il contenuto paleontologico dei sedimenti ritenuti normali, sia costatando che sul complesso poggia, in apparente continuità di sedimentazione, la Fm. Gessoso Solfifera. All'esame micropaleontologico i campioni prelevati presentano tipici marker del Serravalliano ( Globigerinoides trilobus, Globorotalia mayeri), e del Tortoniano (Globigerinoides obliquus extremus). L'ambiente di deposizione del complesso argilloso è stato ritenuto in passato, trasgressivo sulle serie più differenti, attualmente è ritenuto regressivo. Probabilmente si tratta di una progradazione di delta fluviali, interessati da fenomeni gravitativi come flussi olistostromici legati a frane sottomarine. Lo spessore dell'unità è indeterminabile, poichè non affiora il letto dello strato, e poichè i numerosi sondaggi eseguiti nella piana non danno indicazioni valide circa lo spessore. Al complesso argilloso seguono verso l'alto, in apparente continuità di sedimentazione, le marne silicee della Fm. "Tripoli" "Tripoli"-(Messiniano). E' l'unità di base della serie Gessoso Solfifera, e segna l'inizio di facies di bacino chiuso evaporitico. Nel l area interessata affiora con modesti spessori ed in limitati settori ma si può presumere una certa continuità del Tripoli, anche se non riscontrabile a causa degli intensi processi erosivi (naturali ed antropici), che tendono a mascherare con spesse coltri eluviali il litotipo. Il Tripoli presenta un caratteristico basso peso specifico, che lo rende molto leggero e facilmente riconoscibile. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 9

11 E' costituito da una alternanza di strati diatomitici e marnoso-calcarei, con spicole di Radiolari e gusci di Diatomee. Si presenta agevolmente fissile, friabile, terroso con perfetta sfaldatura lungo i piani di laminazione, in cui si possono rinvenire resti di pesce. Verso l'alto il Tripoli presenta le stratificazioni marnoso-calcaree più spesse, ed intercalazioni di sottili straterelli millimetrici di calcare rossastro, che testimonia il graduale passaggio ad un ambiente sempre più evaporitico. L'ambiente di deposizione sembra essere dunque, euxinico, salmastro con bacini profondi a bassa energia. La grande abbondanza di silice, necessaria allo sviluppo delle Diatomee, sembra essere giustificata con i cicli vulcanici legati alle fasi finali dei corrugamenti di epoca Alpina. L'età può essere ricavata si dallo studio della ittofauna, sia considerando i rapporti stratigrafici con le unità a letto e tetto del Tripoli. La letteratura in proposito indica un'età risalente al Messiniano. Lo spessore riscontrabile nei nostri affioramenti è di pochi metri (5-10), valore che sembra seguire la tendenza di tutto il bacino evaporitico Calcare di Base - ( Messiniano superiore ). Il Calcare di base è senza dubbio uno dei litotipi che imprime alla morfologia della zona rilevata una notevole impronta. Infatti le serre ed i cozzi, che caratterizzano il tipico paesaggio collinare del territorio comunale di Favara, sono costituiti da questa litologia. Nell'area in esame, i calcari si presentano sotto forma di grossi banconi massivi in cui è difficile riconoscere l'originaria stratificazione, il colore è biancastro o grigio chiaro in superficie, tendente al grigio scuro in profondità. Il calcare spesso mostra dei vacuoli, cavità cui corrispondevano la presenza originaria di zolfo, ormai scomparso per effetto degli agenti esogeni. Rimane l'aspetto cariato, "perciuliato" assunto dalla roccia calcarea. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 10

12 I banconi sono a volte costituiti da frammenti di roccia calcarea di granulometria superiore ai 2 mm si tratta di una breccia calcarea formatasi a spese di una originaria ritmite calcarea. In molte sezioni naturali, sono riconoscibili dei livelli marnosi di alcuni centimetri in cui è possibile estrapolare dati stratimetrici. Tali livelli segnano la temporanea variazione delle condizioni di sedimentazione, che ritornano di mare più profondo per poi ridivenire prettamente evaporitiche. Gli affioramenti del Calcare di base sono diffusi in tutta l area studiata mostrano direzioni immersioni e pendenze molto varie che sfuggono ad un tentativo di schematizzazione. I rilievi presentano numerose piccole pieghe sinclinaliche ed anticlinaliche che grossomodo presentano assi disposti in senso E-O. Gli spessori assai variabili mostrano valori medi intorno ai m. Il passaggio stratigrafico superiore con i Gessi di Pasquasia è in discordanza, coincidendo con la tettonica intramessiniana che divide il primo ciclo evaporitico dal secondo Gessi di Pasquasia - ( Messiniano ). E' bene ricordare che caratteristica dell'area studiata, è l'assoluta mancanza dei Gessi di Cattolica Eraclea, o Gessi del primo ciclo, deposti nelle zone bacinali in eteropia di facies con il calcare di base delle zone marginali. I gessi presenti nella zona, sono quelli del secondo ciclo costituiti da sei o sette banchi di gesso balatino, gesso selenitico e da gessareniti. A volte i gessi appaiono di spessore molto ridotto o talora assenti; in tal caso i Trubi poggiano direttamente sui calcari, come è possibile notare in numerosi punti della zona rilevata. I gessi affiorano estesamente in varie contrade del territorio comunale, ove mostrano una immersione prevalente in direzione sud, con pendenze comprese fra i 15 ed i 20 gradi. Si presentano in più varietà: Gesso Selenitico, Gesso Balatino Gessareniti. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 11

13 I banconi di gesso selenitico si presentano con macrocristalli geminati a coda di rondine, di dimensioni comprese fra i 2-3 cm fino ai cm. Fra i banchi di gesso si riscontrano intercalazioni di marne argillose grigie e talvolta gessareniti, specialmente nella parte alta della successione. Lo spessore della formazione è assai variabile, assumendo spesso una conformazione a lente con massimi di m, e parti dove è totalmente assente. I dati stratigrafici relativi ai pozzi, indicano un valore medio di m. L'età stimata dai rapporti stratigrafici, è riferibile al Messiniano superiore. I Gessi sono tagliati al tetto dalla deposizione in discordanza delle marne a Globigerine o Trubi " Trubi " -( Pliocene inferiore). L'episodio evaporitico è chiuso nel Pleistocene inferiore, dalla deposizione in netta discordanza dei calcari marnosi pelagici e delle marne calcaree a prevalenti foraminiferi planctonici, detti in tutta la Sicilia " Trubi". Il contatto Miocene - Pliocene è spiegato con una ingressione del mare in tutte le zone in cui la crisi di salinità aveva permesso la deposizione dell'evaporiti, quindi il ristabilirsi delle comunicazioni con il mare aperto. I Trubi come detto sono dei calcari marnosi più o meno cementati passanti a marne calcaree di colore bianco crema fino a grigio chiaro; hanno frattura concoide e contengono tracce di idrossidi di ferro e noduli piritici dispersi uniformemente nella roccia e facilmente visibile ad occhio nudo. In affioramento si presentano ben stratificati, con strati aventi uno spessore di circa cm e con delle fratture ortogonali alla stratificazione stessa, talvolta così regolari da potersi confondere con i piani di stratificazione. A volte gli affioramenti sono mascherati da estese coltivazioni di vigneti ed uliveti; la loro presenza è però provata dal colore biancastro che assume il terreno in corrispondenza di questo litotipo. Affioramenti abbastanza estesi di Trubi si hanno in molti settori del territorio comunale di Favara. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 12

14 Si presentano generalmente con giacitura sub - orizzontale o con inclinazioni di pochi gradi 8-10 fino ad un massimo di 30. inferiore. Lo spessore della formazione è variabile tra i 40 e i 60 m. L'età ricavabile dal contenuto fossilifero, in letteratura è riferita al Pliocene Formazione Monte Narbone - (Pliocene medio- superiore). Rappresenta un deposito di progradazione trasgressivo sulle strutture a falde delle unità precedenti, mostrandosi in assoluta concordanza con i Trubi, da cui differiscono per un netto aumento della componente detritico argillosa. Nella sua espressione più chiara i termini di questa unità sono caratterizzati da argille grigio - blu o grigio - verdi, siltose o decisamente sabbiose, ricche di molluschi e di micro foraminiferi. E' segnalata la presenza di livelli olistostromici anche molto importanti con olistoliti raggiungenti dimensioni notevoli. Gli affioramenti di tale unità litostratigrafica sono limitati a C.da Misilinane settore inferiore del territorio Comunale di Favara si presentano molto sabbiose e rappresentano il termine superiore dell'unità, quello di passaggio alle sovrastanti calcareniti e sabbie. Lo spessore della formazione da noi stimato è di m mentre più autori per zone limitrofe alla nostra, propongono un valore di m. In continuità di deposizione ed in concordanza seguono le calcareniti della Formazione Agrigento Unità dei Terrazzi Marini. Il rilievo fotogeologico regionale indica che per la parte centro meridionale della Sicilia tre ordini di terrazzi fluviali e cinque di terrazzi marini. Interessante è il fatto che i terrazzi hanno mantenuto la loro debole pendenza verso mare, testimoniando la relativa stabilità tettonica, in tempi geologicamente recenti. I sedimenti dei Terrazzi presenti nella zona sono composti in prevalenza da conglomerati incoerenti a composizione per lo più calcarea, ghiaie, arenarea calcarea, e da sabbie a sabbie argillose di colore giallastro. Rappresentano un deposito di mare basso testimone di una ingressione marina. Sono costituito da un deposito clastico organogeno, deposto in discordanza con le argille Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 13

15 Piacenziane, che spesso ne rappresentano il substrato. Età Pleistocene. Spessore i sedimenti di queste unità presentano deboli spessori, stimabili in generale massimo di venti metri. Possono essere riconosciuti tre ordini di terrazzi marini. 1 Ordine Quota media 100 metri; 2 Ordine Quota media 60 metri; 3 Ordine Quota media 10 metri. Rilevati in varie parti della zona meridionale del Territorio Comunale Depositi attuali Alluvioni Sono maggiormente presenti in una zona marginale del nostro territorio, la dove è presente il fiume Naro, che rappresenta il limite inferiore del nostro rilevamento. Sono costituite da materiali vari per granulometria e litologia. Trattasi di ghiaia sabbia e ciottoli di varie dimensioni e forma frammisti a depositi siltosi - argillosi. La variabilità di questi depositi è notevole anche su spazi molto brevi. Le alluvioni attuali sono soggette ad un continuo rimaneggiamento e trasporto da parte delle acque defluenti Suoli Eluviali Si tratta di depositi continentali, palustri che si sono accumulati nelle aree pianeggianti o depresse. La natura è prevalentemente limoso - sabbiosa con abbondanti resti vegetali sia decomposti ( Humus ), che parzialmente decomposti Detrito di falda Generalmente è costituito da ghiaie, brecce, variamente cementate a luoghi misti a matrice terrosa o sabbioso-argillosa. I frammenti sono di natura calcarea, calcareo - marnosa e gessosa, provengono solitamente dallo smantellamento delle formazioni topograficamente sovrastanti. Le maggiori estensioni del detrito sono state rilevate nel centro urbano di Favara ed ai piedi dei rilievi. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 14

16 3 CARTA GEOMORFOLOGICA. Allo scopo di conoscere il territorio investigato, si è eseguito il rilevamento geomorfologico, raccogliendo ed evidenziando su carta tutte le forme ed i processi morfogenetici caratteristici dell area indagata. A tal proposito si è elaborata una carta geomorfologica in scala 1: e 1:2.000 la quale lascia intravedere le modificazioni fisiografiche del territorio, in continua trasformazione naturale ed antropica, in essa sono state rilevate quattro principali processi di modellamento : carsici, delle acque incanalate, di versante ed antropici. Le condizioni climatiche sono tipicamente mediterranee, con inverni miti e piovosi ed estati asciutte e calde, nell area in studio, le escursioni termiche sono assai meno ampie specie sui rilievi collinari, dove gli inverni permangono miti e le estati sono alquanto fresche. Nell'area di studio si sviluppa il vallone Favara, che drena con modeste aste e impluvi il territorio nei dintorni del centro abitato. La rete idrografica è poco sviluppata limitandosi ai terreni impermeabili. Spesso gli impluvi non rappresentano una continua rete di canali con ordine via via crescente, ma si limitano a brevi tratti destinati ad esaurirsi sui terreni permeabili o ad alimentare piccoli laghi collinari. Il carattere temporalesco delle precipitazioni favorisce l'approfondimento delle incisioni già esistenti, infatti le grosse piene improvvise che investono i torrenti, provocano un approfondimento delle incisioni ed una degradazione laterale delle sponde. In generale però, prevalgono i processi di ruscellamento diffuso legati all'azione meccanica dell'acqua di scorrimento superficiale che provoca l'asportazione ed il trasporto delle particelle solide. Tali processi sono presenti un pò ovunque nel territorio del Comune di Favara, particolarmente nei pendii di natura argillosa e nei versanti che presentano maggiori inclinazioni. Le minute particelle detritiche si vanno ad accumulare nelle aree più depresse o pianeggianti. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 15

17 L andamento orografico principale, è costituito da rilievi che danno vita a promontori, l orografia si ripercuote nel circondario, originando la presenza di orlature più o meno pronunciate che danno vita ai rilievi le cui quote medie si attestano intorno a 300 mt. s.l.m STATO DEL DISSESTO Il rilevamento Geologico oltre a evidenziare le caratteristiche geolitologiche dei terreni, a permesso di individuare aree soggette a fenomeni di instabilità che sono stati raccolti nei seguenti tipi: Fenomeni di erosione accelerata. E' dovuto all'azione meccanica delle acque di dilavamento, ed è stato riscontrato nei pendii di natura prevalentemente argillosa. Le acque meteoriche defluendo sui terreni impermeabili determinano azione erosive, la cui intensità è variabile e in funzione dell'acclività. Le zone interessate da questi fenomeni sono i versanti costituiti da argille e marne dell'unità di Monte Narbone e delle Argille del Tortoniano. Questo fenomeno è accentuato soprattutto nei versanti rivolti a Sud. Il ruscellamento concentrato, opera delle incisioni, accentuando quelle preesistenti, che si approfondiscono, si ramificano allungandosi a ritroso, evolvendo molto spesso in forme calanchive Smottamenti. Consistono di movimenti caotici di rocce incoerenti o pseudocoerenti lungo superfici di taglio più o meno regolari. Si originano quando l'equilibrio del versante viene compromesso da scalzamenti alla base, dovuti all'azione delle acque incalanate o alla azione dell uomo. Interessano quasi esclusivamente le argille delle Unità di Monte Narbone e le Unità Tortoniane Scoscendimenti. Consistono in rapidi avvallamenti dei versanti secondo una superficie di distacco, che è tanto più arcuata tanto minore è la coesione dei terreni. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 16

18 Si verificano quando viene superata la resistenza al taglio dei terreni. Le cause che determinano le condizioni di disequilibrio sono: lo scalzamento al piede, i tagli artificiali e l'imbibizione dei terreni. Si manifestano soprattutto nei Trubi nelle marne della Unità di M. Narbone Colamenti. Sono scorrimenti superficiali di fango e/o detrito che si originano per ammollimento del terreno ad opera delle acque piovane, sono in generale movimenti lenti, funzione dell'acclività dei versanti Crolli. Sono frane tipiche delle rocce coerenti e consistono in distacchi improvvisi di blocchi da pareti rocciose, che si determinano in corrispondenza di fratture preesistenti o in seguito al sopraggiungere di condizioni di instabilità nelle rocce sottostanti, per scalzamento al piede o frane. Interessano le Unità tenaci e poco o punto plastiche, alla cui base troviamo un substrato plastico e poco coerente, quali, i Gessi, i Trubi, i Calcari e le Calcareniti Processi di degradazione chimica Fra i processi di degradazione chimica da segnalare quelli dei calcari e dei gessi, riscontrabili in tutti gli affioramenti dell'area. Il carsismo dei calcari non è tuttavia molto spinto, si limita maggiormente a microforme epigee quali scannellature, piccole cavità e solchi carsici di dimensioni decimetriche, concentrate soprattutto nelle fratture. Il gesso selenitico presenta i grossi cristalli molto alterati ed erosi, mentre i sottili strati di gesso balatino mostrano vistosi solchi di incisione pluviale. 3.2 L'UOMO AGENTE GEOMORFOLOGICO L'uomo è l'agente geomorfologico che più di ogni altro ha modificato (o meglio stravolto) il paesaggio naturale specialmente nell'ultimo cinquantennio. Sarebbe molto arduo parlare di tutte le opere di degradazione antropica presenti nell'area, queste riguardano ogni campo: dalle opere di ingegneria a quelle di pastorizia, dallo sfruttamento delle risorse alle opere agricole, e non per ultimo fenomeni di inquinamento di ogni specie. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 17

19 Cercheremo di tracciare un quadro essenziale ma esauriente dell'attività dell'uomo e delle conseguenze di queste, nel territorio del Comune di Favara Opere di ingegneria: Consistono nella costruzione di strade, ponti, edifici, bacini artificiali, sistemazioni idrauliche, discariche ecc. Tutto ciò è stato realizzato senza tenere conto dell'impatto negativo sull'ambiente, e dei contraccolpi sulle forze naturali in gioco; realizzato in nome del calcolo economico e della necessità crescente di produzione. Le conseguenze di tutto ciò sono ben evidenti ed abbracciano svariati campi, provocando variazioni del reticolo idrografico, straripamenti, movimenti franosi, instabilità dei versanti, variazione della permeabilità del terreno, variazione microclimatiche, inquinamento dell'area e dell'acqua. Questa graduale urbanizzazione è avvenuta senza mai provvedere alla regimentazione delle acque piovane, una volta afferenti al torrente, ed adesso costrette a seguire le strade del paese, per poi confluire ai primi canali del Vallone Favara Opere per il potenziamento dell'agricoltura: Il territorio comunale di Favara, così come tutte le zone limitrofe, hanno subito negli ultimi anni una aggressione di dimensioni e di impatto non ancora quantificabili. Innumerevoli sono le opere di livellamento, sbancamento, terrazzamento dei versanti, spianati per far posto alla redditizia coltivazione della vite; ciò comporta la scomparsa di fossi di ruscellamento ed escrescenze marnose tipiche della zona, la variazione della permeabilità dei terreni, variazioni del profilo pedogenetico, etc... La grossa richiesta di tout-venant calcareo utilizzato per l'edilizia stradale e civile, ha causato una proliferazione di cave del tutto incontrollata. Molti rilievi calcarei, sono stati aggrediti ed abbattuti da ruspe e bulldozer, e "trasformati" in rilievi stradali, riempimenti etc... Inutile sottolineare come il paesaggio risulti stravolto da tali opere, modificato e violentato nelle sue originarie forme. Difficile risulta altresì cogliere le conseguenze di tutto ciò, le modificazioni ambientali, idrogeologiche, microclimatiche, biologiche ed ecosistemiche di questi anni di degrado antropico. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 18

20 4 CARTA IDROGEOLOGIA Nel rilevamento effettuato, riportato in carta di scala 1:10.000, si mettono in associazione i vari litotipi dal punto di vista del loro comportamento idrogeologico il quale, presenta caratteristiche peculiari e contraddistinte in dipendenza della genesi ed evoluzione del materiale costituente Il ruolo idrogeologico svolto da ciascun complesso risulta legato alle caratteristiche litologiche, alle vicissitudini tettoniche ed alla permeabilità di ciascun litotipo. Per permeabilità si intende la capacità che hanno i terreni a lasciarsi attraversare da un fluido. I fattori da cui dipende il coefficiente di permeabilità K (che indica la velocità mediante la quale l'acqua si muove nel terreno quando è applicata una cadente unitaria), sono le proprietà fisiche del fluido (temperatura, viscosità cinematica,..) e le caratteristiche fisiche e composizionali del terreno (porosità, mineralogia, forma ed assortimento dei grani). Senza scendere nei particolari, appare ovvio come il coefficiente di permeabilità sia estremamente variabile e legato a situazioni contingenti, particolari, limitate a piccole aree. Risulta evidente dunque, la grossa difficoltà incontrata nel riunire i vari affioramenti in un ristretto numero di campi (gradi) di permeabilità. In questo lavoro si è cercato di individuare dei complessi idrogeologici, intendendo con tale denominazione "l'insieme dei termini litologici simili, aventi una comprovata unità spaziale e giaciturale, un tipo di permeabilità prevalente ed un grado di permeabilità relativa che si mantiene in un campo di variazione piuttosto ristretto" (Civita, 1973). La permeabilità è stata stimata tenendo conto delle caratteristiche litologiche dei terreni, dello stato fisico della roccia (lineamenti, fratturazioni,..) e per confronto con gli altri complessi adiacenti. Sono state individuate tre classi di permeabilità che distinguono complessi altamente permeabili, scarsamente permeabili ed impermeabili. Studio Geologico Generale per la Revisione del P.R.G. del Comune Di Favara Pag. 19

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA 2 COMUNE DI OLBIA IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Relazione geologica ed indagine geotecnica

Relazione geologica ed indagine geotecnica COLLEGAMENTO CICLABILE TRA I COMUNI DI MARACALAGONIS SINNAI E SETTIMO SAN PIETRO PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Relazione geologica ed indagine geotecnica Indice 1 Premessa... 3 2 Inquadramento geografico...

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI

APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI APPENDICE 1 : DESCRIZIONE DEI DATI IDROLOGICI A1.1. I Dati Pluviometrici All'interno della zona in indagine, che comprende i bacini del versante jonico e tirrenico ed alcuni bacini interni del versante

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

INDAGINI INTEGRATE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IN UN AREA DI FALESIA DELLA SICILIA MERIDIONALE (SCIACCA-AGRIGENTO)

INDAGINI INTEGRATE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IN UN AREA DI FALESIA DELLA SICILIA MERIDIONALE (SCIACCA-AGRIGENTO) SCIACCA INDAGINI INTEGRATE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IN UN AREA DI FALESIA DELLA SICILIA MERIDIONALE (SCIACCA-AGRIGENTO) Emanuele Siragusa & Antonio CIMINO* siragusa-emanuele@libero.it; antonio.cimino@unipa.it

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE PIEMME s.r.l. INGEGNERIA E COSTRUZIONI Nuova costruzione di edifici plurifamiliari in Via Goldoni 31 a Varese INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE N. Riferimento: 05-008 Data: Febb. 2005

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2 Premessa 2 Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 Caratteristiche geomorfologiche e geologiche 3 Caratteristiche

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

Sistemazione in alveo Sistemazione di sponda e di versante

Sistemazione in alveo Sistemazione di sponda e di versante I N D I C E PREMESSA AMBITO DI INTERVENTO E CONSISTENZA DELLE OPERE GEOLOGIA DESCRIZIONE DEI LUOGHI CARATTERISTICHE GEOTECNICHE DEI TERRENI CONCLUSIONI ALLEGATI - Individuazione del comprensorio comunale

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE PIANO URBANISTICO COMUNALE PRELIMINARE RELAZIONE GEOLOGICA-GEOMORFOLOGICA- IDROGEOLOGICA

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE PIANO URBANISTICO COMUNALE PRELIMINARE RELAZIONE GEOLOGICA-GEOMORFOLOGICA- IDROGEOLOGICA STUDIO DI GEOLOGIA DR. GEOL. LIONELLO BELMONTE Via Belgrano, 13-18100 IMPERIA Tel 0183 767551 Cell 335 6843151 Fax 0183 767551 e mail lionello@studiobelmonte.191.it COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE (PROVINCIA

Dettagli

Application: the Giumello Landslide

Application: the Giumello Landslide Application: the Giumello Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu LA FRANA DEL GIUMELLO EVENTO ALLUVIONALE Novembre 2002 FINALITA DEL LAVORO Riconoscere

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE I LIVELLO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PROGETTO PRELIMINARE

REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE I LIVELLO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PROGETTO PRELIMINARE REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO Progetto per la costruzione di un generatore fotovoltaico in località Marina denominato Purena 1 P = 3.000 kwp PROCEDURA DI VALUTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI

UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI UNIVERSITÀ DI FIRENZE TECNICHE DI MIGLIORAMENTO DEI TERRENI Corso di Geotecnica II Anno Accademico 2003-2004 ALTERNATIVE PROGETTUALI Nella progettazione o nella verifica di un opera (fondazione, rilevato,

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici Regione Piemonte Comune di Torino (TO) Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici per la realizzazione di un nuovo fabbricato all interno del complesso CNR di Torino

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Ciclo idrogeologico e bilancio Ricarica e recapito delle acque sotterranee Riserve e risorse sfruttabili Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA

COMUNE DI OLBIA INTRODUZIONE INQUADRAMENTO GEOTENICO PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLA STABILITA DEI VERSANTI DELLA DISCARICA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO RETE DII MONIITORAGGIIO PER LA STABIILIITA DELLA DIISCARIICA DII SPIIRIITO SANTO IIN OLBIIA 2 COMUNE DI OLBIA RETE DI MONITORAGGIO PER LA STABILITA DELLA DISCARICA

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 331 3. - SICILIA

CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 331 3. - SICILIA CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 331 3. - SICILIA CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 345 CALCARE DI BASE RANGO ETÀ REGIONE Membro Miocene Superiore

Dettagli

STUDIO TECNICO GEOLOGIA APPLICATA GEOTECNICA. PREMESSA...2 GENERALITÀ...5 Elaborato C 05 01 01 - CARTA LITOLOGICA...6

STUDIO TECNICO GEOLOGIA APPLICATA GEOTECNICA. PREMESSA...2 GENERALITÀ...5 Elaborato C 05 01 01 - CARTA LITOLOGICA...6 INDICE PREMESSA...2 GENERALITÀ...5 Elaborato C 05 01 01 - CARTA LITOLOGICA...6 LITOLOGIA DEL SUBSTRATO... 6 MATERIALI delle COPERTURE del SUBSTRATO ROCCIOSO... 9 MATERIALI ALLUVIONALI, FLUVIOGLACIALI e

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata Centro di GeoTecnologie La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato

Dettagli

UTILIZZO DELL ELETROSMOSI PER LA STABILIZZAZIONE DEI TERRENI COESIVI 1

UTILIZZO DELL ELETROSMOSI PER LA STABILIZZAZIONE DEI TERRENI COESIVI 1 UTILIZZO DELL ELETROSMOSI PER LA STABILIZZAZIONE DEI TERRENI COESIVI 1 Pasquale Armillotta (*) 1. Premessa Il terreno di fondazione è la parte del terreno che riceve il carico di una costruzione e ne risente

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA. 9.1 - Elementi morfometrici dei bacini imbriferi

9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA. 9.1 - Elementi morfometrici dei bacini imbriferi 9 - ELEMENTI DI MORFOMETRIA L analisi morfologica può essere effettuata in modo qualitativo, con un procedimento descrittivo ed interpretativo, ma non sufficiente per ottenere risultati tangibili e concreti.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni Corso di Aggiornamento Professionale I CONTENUTI DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA ALLA LUCE DELLA NORMATIVA VIGENTE Roma, 29 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Via Appia

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE PAESAGGISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA COMUNE DI SCICLI (RG) 1 RICHIEDENTE persona fisica società impresa X ente: D.R.P.C servizio di Protezione Civile per la provincia di Ragusa 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL 'INTERVENTO

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876 Dinamica del territorio ed evoluzione recente del paesaggio in un transetto attraverso l Appennino Centro-Meridionale:Bacino di Rieti, Sarno, Vesuvio e Campi Flegrei Escursione interdisciplinare 16-21

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

CAROBBIO S.R.L. Errore. L'origine riferimento non è stata trovata.

CAROBBIO S.R.L. Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. studio associato Via Giorgio e Guido Paglia, n 21 24122 BERGAMO e-mail: bergamo@eurogeo.net Tel. +39 035 248689 +39 035 271216 Fax +39 035 271216 CAROBBIO S.R.L. REL.1-24/06/11 Errore. L'origine riferimento

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA

COMUNE DI CUPRA MARITTIMA GIUNTA REGIONALE Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia P.F. TUTELA DELLE ACQUE ZZ A COMUNEDICUPRAMARITTIMA Acque di Balneazione ID BW Denominazione BW DAVANTI FOSSO DELL'ACQUA ROSSA DAVANTI TORRENTE

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento?

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? L edificio crollato verso le 1,30 del 31 luglio scorso in Via Calvanese di Afragola ha evidenziato la precarietà

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

10.1 Analisi litostratigrafica e zonazione litotecnica dell area

10.1 Analisi litostratigrafica e zonazione litotecnica dell area 10. RICONOSCIMENTO E LOCALIZZAZIONE DELLE DIFFERENTI STRUTTURE 1D PRESENTI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO DELLA CITTÀ DI PALERMO: EFFETTI ATTESI SULLA RISPOSTA SISMICA LOCALE R. Catalano, M.S. Giammarinaro

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI SAN PAOLO DI JESI

REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI SAN PAOLO DI JESI REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI SAN PAOLO DI JESI RISULTATI DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE DI UN AREA DI PROPRIETA COMUNALE SITA IN C.DA VALLE FOSSO DELLE LAME AI SENSI DELL ART. 249 - ALL.

Dettagli

Consolidamento frane Montecatini Alto Comune di Montecatini Terme COMUNE DI MONTECATINI TERME. Provincia di Pistoia

Consolidamento frane Montecatini Alto Comune di Montecatini Terme COMUNE DI MONTECATINI TERME. Provincia di Pistoia COMUNE DI MONTECATINI TERME Provincia di Pistoia Opere di salvaguardia e messa in sicurezza delle Mura di Via Mura Pietro Grocco e Fratelli Guermani in loc. Montecatini Alto RELAZIONE GEOLOGICA Indice

Dettagli