Troppi infortuni al Milan: preparazione da rivedere. Ferrari, scatta la rivoluzione In Spagna ci sarà una macchina tutta nuova per Alonso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Troppi infortuni al Milan: preparazione da rivedere. Ferrari, scatta la rivoluzione In Spagna ci sarà una macchina tutta nuova per Alonso"

Transcript

1 venerdì 23 marzo ,20 REDAZIONE DI MILANO VIA OLFERINO 28 TEL REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL POTE ITALIANE PED. IN A.P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB MILANO ITALIA n 71 anno 116 Numero Anno NERAZZURRI BRANCA AMMETTE L INTEREE PER ILA, PALLINO DI BIELA PORTWEEK Moratti e tankovic svegliano l Inter «Contro la Juve ci vuole orgoglio» ROBINHO CI PIEGA LA RICETTA DELLA FELICITA Il presidente alla Pinetina dà la scossa alla squadra: «E una gara speciale» Il serbo: «arà la nostra notte. Io per ritrovare il gol, la squadra la vittoria» 3 Domani in edicola a 1,50 con la Gazzetta 3 Dejan tankovic, 33 anni IMAGE PORT ELEFANTE, DALLA VITE, TAIDELLI ALLE PAGINE 10 E 11 IL CAO IL BRAILIANO NON GUARICE: NUOVA MIIONE NEGLI TATI UNITI BERLUCONI PREOCCUPATO Troppi infortuni al Milan: preparazione da rivedere Il viaggio ad Atlanta è stato sollecitato espressamente dal patron. Per il Papero che, dal 2010, ha saltato 55 gare, previsti esami e visite di controllo LA DIPUTA UL 2 2 DI COPPA Galliani: «Ho vinto io» Marotta: «No, tu no» Il vicepresidente del Milan scrive alla Gazzetta: «Lo dice la regola 7...». La replica della Juve: «Restiamo imbattuti» GRAZIANO A PAGINA 5 DELLA VALLE, DI FEO, LAUDIA ALLE PAG. 2 E 3 COMMEE I LAVORA ANCHE A BARI 3 La smorfia di Alexandre Pato, 22 anni, dolorante a terra PHOTOVIEW Cremona, 42 gare sospette puntano anche dirigenti CENITI E ROMANI A PAGINA 19 COPPA ITALIA ALL OLIMPICO 0 0 CON LA JUVE Roma Primavera in trionfo davanti a tifosi > CECCHINI, CALABREI, ODDI A PAGINA 8 L INTERVITA IL TECNICO DEL MOMENTO FORMULA 1 DA OGGI PRIME PROVE IN MALEIA CON POCHE PERANZE PER LE ROE «ono Montella uno che non sa accontentarsi» Ferrari, scatta la rivoluzione In pagna ci sarà una macchina tutta nuova per Alonso «Pure da giocatore non mi sono mai seduto sugli allori. E con Totti...» Fernando: «Qui abbiamo speranze solo se piove». Ross Brawn: «Per Maranello sarà dura recuperare un errore di progetto. chumi? Resterà fino alla vittoria» CARUO A PAGINA 15 3 Vincenzo Montella CREMONEI, IANIERI, DEGL INNOCENTI ALLE PAGINE l Opinione ECCO PERCHE IL CATANIA VOLA di MARCELLO LIPPI A PAGINA 21 IL ROMPI PALLONE DI GENE GNOCCHI CICLO VITTORIA DI ULII CAMBIO IL IGNOR MAPEI ollievo Basso non c è lesione al ginocchio L era di quinzi in Confindustria «Io come Freire» COGNAMIGLIO, PATONEI PAG. 29 BERGONZI, CONTICELLO A PAGINA 36 3 Ivan Basso, 34 anni 3 Giorgio quinzi, 68 anni ANA w Cassano non è ancora pronto al rientro: «Ieri gli hanno fatto vedere una foto di Garrone e lui non l ha mandato affan...».

2 2 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 # PRIMO PIANO ladecisione Ottomila chilometri per arrivare alla clinica dei campioni in Georgia FABIANA DELLA VALLE MILANO Un altro aereo, un altro viaggio in America per cercare di capire perché i suoi muscoli hanno cominciato a fargli i dispetti. Alexandre Pato lunedì avrebbe voluto essere a Milanello insieme a tutti gli altri, per preparare la sfida al Barcellona, invece volerà negli tati Uniti per un consulto medico. Un altra tappa del calvario che negli ultimi due anni e mezzo l ha costretto a frequentare più i medici dei compagni di squadra. In questa decisione c è lo zampino di ilvio Berlusconi, che è molto preoccupato e vuole tentare il possibile per far guarire il suo pupillo. 4 I NUMERI 27 igiorni di assenza Alexandre Pato ha giocato l ultima partita ufficiale con il Milan lo scorso 25 febbraio (Milan-Juve 1-1, campionato, uscito a fine primo tempo): è indisponibile da 27 giorni 17 le presenze stagionali Il brasiliano ha collezionato appena 17 presenze ufficiali in questa stagione tra campionato (11), Coppa Italia (1), Champions League (4) e upercoppa di Lega (1) 4 le reti quest anno L attaccante ha firmato 4 gol ufficiali nel : uno in campionato, uno in Coppa Italia e 2 in Champions League Niente guarigione La speranza adesso è un viaggio in Usa Il Milan gioca la carta del dottor Carrick. Ma c è ansia. Berlusconi allarmato dai troppi infortuni Calvario PMILANELLO MAXI LOPEZ PALETRAa IN Guai Inzaghi, nuovo stop tarà fermo giorni Brutte notizie per Filippo Inzaghi: l attaccante si è fatto male contro la Juve e starà fermo 2 3 settimane per una lesione muscolare al bicipite femorale alla coscia destra. Ieri palestra per Maxi Lopez (botta al polpaccio). t Dal chiropratico Il viaggio era stato anticipato in mattinata da Adriano Galliani: «Pato è un nostro grandissimo cruccio, così come Boateng e tutti gli infortunati. ta facendo una preparazione particolarissima, può darsi che la settimana prossima vada di nuovo negli Usa per consulto con un luminare diverso da quello dell anno scorso. Guarirà, deve guarire per forza». Poi è arrivata la conferma attraverso il sito del Milan: il brasiliano, accompagnato da Jean Pierre Meersseman e al preparatore atletico Bruno Dominici, si sottoporrà a esami medici e visite di controllo con il professor Frederick Carrick presso la Life University of Marietta di Atlanta, in Georgia. I tre partiranno lunedì e resteranno negli tates fino a sabato: cinque giorni di test e controlli per capire che cosa c è dietro ai continui guai muscolari dell attaccante. Dall inizio del 2010 a oggi si è fatto male 13 volte. L ultima volta è accaduto durante la partita con la Juventus (25 febbraio): il Milan in un primo momento aveva parlato di un risentimento alla coscia destra e di due settimane di stop, il Papero però è fermo da un mese e ancora non vede la fine del tunnel. Così Galliani, sollecitato da Berlusconi, ha deciso di rispedirlo in America, ma di cambiare dottore: nel dicembre 2010 era stato visitato da Bill Garrett, ortopedico super esperto di muscoli, ma non aveva risolto granché. Il proprietario del Milan si era arrabbiato molto dopo l ultimo infortunio e aveva chiesto aiuto a Meersseman, che ha scelto un chiropratico. Colpa degli allenamenti «ono omolto preoccupato ha confidato Berlusconi. Troppi infortuni, bisogna capire la causa». L ex premier è molto infastidito dalla moria di giocatori e si è lamentato della preparazione troppo dura fatta svolgere da Allegri: secondo lui dovrebbero riposarsi sempre il giorno dopo le partite. Dall entourage di Pato invece trapela che, secondo i test e gli esami effettuati, i suoi guai possono essere legati Alexandre Pato, 22 anni, attaccante brasiliano del Milan INIDEFOTO alla nuova metodologia di allenamento, diversa rispetto a quella di Ancelotti, che tende a caricare troppo sulla parte anteriore e poco su quella posteriore. Di sicuro il problema è lontano dall essere risolto. Magari Carrick riuscirà a svelare il mistero dei suoi muscoli fragili. E Pato tornerà quel giocatore straordinario che aveva fatto innamorare i tifosi rossoneri. L INTERVITA IL DIFENORE LANCIA LA FIDA ALLA ROMA E AI BLAUGRANA Bonera: «Ci sentiamo forti e il Barça deve temerci» «Il sorteggio è stato negativo per entrambi. Cinque anni fa il Milan partì dai preliminari, eppure arrivò la Coppa» DAL NOTRO INVIATO MILANELLO (Varese) Il segreto è nascosto in un paio di pantofole rossonere. Daniele Bonera le comprò tantissimi anni fa, quando non era ancora un giocatore del Milan, e le conserva ancora. E tutte le volte che la moglie prova a buttarle via, il difensore le rimette al loro posto. Ormai sono diventate un talismano. Per lui e per il Milan. Bonera in questa stagione è il difensore che ha giocato di più dopo Thiago ilva e Abate (22 presenze). Merito anche della sua duttilità, che consente ad Allegri di utilizzarlo, oltre che al centro, anche a destra e a sinistra. Con Abate infortunato, toccherà a lui sostituirlo sulla fascia destra prima con la Roma e poi mercoledì contro il Barcellona. Ibrahimovic sostiene che anche i catalani devono avere paura del Milan. Lei è d accordo? «Di sicuro la reazione al sorteggio è stata la stessa: tutte e due le squadre volevano evitarsi. Però il Milan è cresciuto negli ultimi mesi e non teme nessuno». Ibra può soffrire psicologicamente il confronto col Barça? «Lo conosco abbastanza da poter dire che non è affatto così. Zlatan ha una maturità tale da vivere con serenità certe partite. Lui è esigente con se stesso e con gli altri, ha il dna del vincente». Daniele Bonera, 30 anni FORTE L eliminazione dalla Coppa Italia potrà avere dei contraccolpi psicologici? «Al contrario, nell arco delle due partite di Coppa noi ci siamo sentiti superiori e abbiamo dimostrato la nostra forza. E poi a Torino nei 90 minuti li abbiamo battuti». Lo 0-3 di Londra è stato solo un incidente di percorso? «Probabilmente i quattro gol di vantaggio ci hanno condizionato e abbiamo pagato la poca esperienza internazionale di alcuni di noi. Però quella gara ci è servita per capire meglio come funziona in Europa». Lei c era nel 2007, quando il Milan vinse l ultima Champions. Questo Milan è molto diverso da quello di Ancelotti? «Ricordo che quell anno passammo negli ottavi con il Celtic dopo lo 0-0 dell andata e l 1-0 al ritorno, poi battemmo Bayern e Manchester. Venivamo dai preliminari e non partivamo favoriti: può succedere anche quest anno». Bonera in cinque anni rossoneri ha vinto uno scudetto, una Champions, una upercoppa Europea, un Mondiale per Club e una upercoppa di Lega. Che cosa le manca? «e saremo bravi a vincere questo scudetto il prossimo sarà quello della seconda stella. Mi piacerebbe partecipare a quest impresa ed entrare nella storia del Milan». f.d.v.

3 VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 3 # IL OTITUTO DEL BRAILIANO L ATTACCANTE ALE IN CATTEDRA CONTRO I TUMORI El haarawy a scuola: «Com è esigente Ibra» «Abbiamo più qualità rispetto alla Juve La sfida con Messi? Alla Playstation...» GIULIO DI FEO Il mistero del Faraone riguarda la playstation. Per il resto, El haarawy le idee le ha belle chiare. A 2 giorni dalla Roma, col Barça che si avvicina e i ricordi ancora freschi di Londra e Torino, l attaccante del Milan trova il tempo per sedersi in cattedra, al liceo Bottoni di Milano, per il progetto «Non fare autogol», in cui i campioni si schierano contro i tumori mettendo in guardia i ragazzi. In questo caso quasi coetanei, perché El haarawy ha preso la maturità sui libri l estate scorsa. E quella in campo subito dopo, al Milan: «ono soddisfatto di quanto sto facendo. Con Allegri il rapporto è ottimo. Mi dà fiducia, io mi integro sempre più nella squadra e ora sto giocando di più. Ho compagni fantastici, mi riempiono di consigli. Ibra? È esigente, ma stare in campo con lui è bellissimo. Gli Europei? No, per ora non ci penso». El haarawy con gli studenti LIVERANI tephan poi si sofferma sull Arsenal («Che emozione l esordio in Champions, anche se me lo aspettavo diverso. Il gol sbagliato? Ci penso ancora, ho stoppato palla e mi sono trovato il portiere addosso...») e sulla Juve: «Entrambe stiamo facendo bene ma noi abbiamo qualcosa in più in termini di qualità». E guarda avanti: «Due obiettivi nel mirino, passare il turno col Barça e vincere il campionato. Quindi dobbiamo battere la Roma, gara delicata, e il Catania, che contro le squadre importanti fa sempre risultato». E qui casca il mistero: «La sfida con Messi? Alla playstation, magari». Poi confessa ai ragazzi: «La playstation non ce l ho, però a breve la compro». El haarawy poi illustra anche la sua vita tutta salute, riflette sul caso Abidal («E importante reagire, guardate Cassano che dopo il suo problema è sempre allegro a scherzare, una cosa che gli fa onore»), e quando gli chiedono un gol al Barça risponde sornione: «Anche due...». IL DOIER I DOLORI DEL GIOVANE «PAPERO» d Ora c è un rebus lafrase DEL GIORNO anche sul mercato Tevez resta in pole GAZZETTA DELLO PORT Adriano Galliani ieri sull Apache: «L altro giorno ho visto Carlitos Tevez, dopo sei mesi che non giocava è entrato in campo cattivo come al suo solito eha cambiato la partita che può essere una svolta per il Manchester City. E un giocatore che mi fa impazzire, ero innamorato di Carlitos ma il destino ha deciso così. E comunque siamo più che contenti di Maxi Lopez» Dopo il no al Psg, Pato è ancora incedibile? E quanto vale? I piani di Galliani dipendono da lui CARLO LAUDIA MILANO Attorno ai dolori del giovane Pato si gioca una partita importante (se non decisiva) per il prossimo mercato rossonero. Nonostante i troppi infortuni, il goleador brasiliano è un top player. E come tale il Milan ha il dovere di considerarlo: finché sarà possibile... Del resto a gennaio ilvio Berlusconi s è esposto per lui, rinunciando all offerta del Psg di 28 milioni più bonus. Il Papero ha avuto la dimostrazione che il club di via Turati conta molto su di lui in prospettiva. Ma la linea di credito non può essere eterna. Ora serve una svolta. Insomma o Pato si riprende il suo futuro milanista oppure a fine stagione dovrà fatalmente essere messo in vendita. Ma a che prezzo? Interrogativi pesanti, scenari tutti da verificare. Ad esempio il Psg è ancora innamorato di lui? E a quali condizioni? Ciò spiega la cautela con cui l a.d. rossonero Adriano Galliani affronti l argomento. E soprattutto non si sbilancia sul suo sostituto più gettonato: Carlitos Tevez, tornato in campo mercoledì sera con il City, subito da protagonista. Tanto che ieri Mancini ha sancito la pace con l Apache. ilrinforzo CALCI E ORRII CAANO E OK Antonio Cassano, 29 anni, durante l allenamento di ieri a Milanello. Il rossonero prosegue il percorso di recupero in attesa dell ok definitivo della commissione che stabilirà il suo rientro ufficiale ACMILAN.COM Galliani pratico Ieri l a.d. milanista ha commentato la perla contro il Chelsea, ma senza illusioni. «Tevez? Un treno così non ripassa una seconda volta». Poi, specifica: «Ieri ho visto Carlitos dopo sei mesi che non giocava, è entrato in campo cattivo come al suo solito e ha cambiato la partita che può essere una svolta per il Manchester City. Io ero innamorato di Tevez, il destino ha deciso così, e di Maxi Lopez siamo più che contenti». Prospettive In realtà il Milan sa bene che in questo finale di stagione nel City possono succedere tante cose. oprattutto su Tevez. E vero che l argentino ha la promessa del club che stavolta non verrà trattenuto a forza. Ma quanto costerà il suo cartellino? E qui torna il discorso di Pato, visto che il Milan può pensare ad un grande colpo solo a patto di un grande sacrificio. Gli altri Anche per questo motivo nelle scorse settimane Galliani ha ammesso il feeling per Robin Van Persie dell Arsenal: crearsi un alternativa non fa mai male sul mercato. Comunque all orizzonte ci sono altre due mosse interne. Ibra ha un contratto sino al 2014 e su di lui non ci sono dubbi. Invece va trovata un intesa con il Genoa sulla comproprietà di El haarawy. E poi va deciso se riscattare Maxi Lopez dal Catania. Ma se continua così...

4 4 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012

5 DOPO LA COPPA LA POLEMICA UL RIULTATO VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 5 Vinco io. No, tu no Galliani ci scrive «Ecco perché la Juve ha perso» «Regolamento chiaro: le gare durano due tempi di 45. Al 90 era 2-1 per il Milan» Adriano Galliani, 67 anni LAPREE FABIANA DELLA VALLE MILANO Adriano Galliani è un uomo fedele alle vecchie abitudini. Per l amministratore delegato rossonero il rito del risveglio è legato alla lettura della Gazzetta dello port: qualsiasi cosa sia accaduta nel mondo, lui si alza e prende in mano il giornale rosa. L ha fatto anche ieri e la sua attenzione è stata catturata da un articolo a pagina 12, dal titolo: "Galliani: «Con noi la Juve k.o. al 90». Ma Lega e Uefa: conta il 2-2". Galliani è fatto così: dopo 26 anni di Milan e una marea di trofei vinti riesce ancora a infervorarsi quando è convinto di avere ragione. Così ha ignorato il consiglio del figlio Gianluca («Ma lascia stare papà!»), si è consultato con l avvocato Leandro Cantamessa, ha chiamato la sua segretaria per dettargli la lettera che trovate qui accanto, indirizzata al direttore della Gazzetta dello port Andrea Monti, e poco dopo è arrivato in sede per firmarla. Tutto questo è successo prima di mezzogiorno, quando Galliani si è presentato puntualissimo nella sala dei trofei per la conferenza stampa di presentazione della «Crociera rossonera-milan Junior Camp 2012». E alla prima inevitabile domanda sulla diatriba legata all imbattibilità bianconera, l amministratore delegato ha raccontato: «Ho scritto una lettera al direttore della Gazzetta per spiegare la mia posizione, ma non dico altro. Noi abbiamo perso 2-1 all andata e vinto 2-1 a Torino e la qualificazione è stata decisa da un gol nei supplementari. Comunque il Milan ha l organico più forte d Italia e deve vincere lo scudetto. L eliminazione dalla Coppa Italia non lascia tracce. Con Allegri c è un feeling straordinario con me e con Berlusconi e penso che possa rimanere con noi a lungo». Occhio al regolamento Galliani poi ha pranzato da «Giannino» con Pierfrancesco Vago, Ceo di Msc Crociere, e anche lì ha continuato a parlare dello stesso argomento. Nella lettera ha spiegato senza polemica e in maniera garbata perché ritiene che la Juventus abbia perso l imbattibilità: perché per il regolamento dice che la gara dura 90 minuti, e nei 90 minuti la Juve è stata battuta. tamattina come sempre inizierà la giornata leggendo la Gazzetta. enza che niente e nessuno sia riuscito a fargli cambiare idea. La lettera alla Gazzetta Caro Direttore, leggo sull edizione di oggi che la Panini «immortala nei suoi archivi il pareggio e non la vittoria milanista» e che «Alla stessa maniera, d altronde, si regola l Uefa per le Coppe Europee». Nulla di più corretto: tali sono infatti le norme che disciplinano sia le gare di Champions League, sia quelle di Europa League, sia, che è quello che interessa, quelle di Coppa Italia. Il punto però non è a mio parere questo, perché naturalmente non ho mai posto in dubbio che sia stata la Juventus a "passare il turno". Il mio punto (di vista) attiene infatti e invece alla presunta imbattibilità della Juventus. Che, tenuto conto dei novanta minuti regolamentari, l ha perduta. Questa conclusione mi pare si possa ricavare dalla Regola 7 del Regolamento del Giuoco del Calcio vigente, che prevede per l appunto che «la gara si compone di due periodi di gioco di 45 minuti ciascuno, a meno che una diversa durata sia stata convenuta di comune accordo tra l arbitro e le due squadre». Tale però non è il caso del nostro, perché, ferma la durata della gara di 90 minuti (più recupero), l aggiunta dei supplementari è derivata nel caso specifico dal Regolamento della competizione. Conclusione ne è che, esclusivamente ai fini del record di imbattibilità, non può dirsi che la Juventus l abbia mantenuto, mentre deve senz altro affermarsi che essa ha vinto la semifinale di Coppa Italia. È lontanissima da me ogni volontà polemica: le ho scritto solo perché intendevo precisare meglio il mio pensiero: espresso «a caldo», ma confermato «a freddo». Il gol dell 1-2 di Maxi Lopez, 27 anni, in Juventus-Milan LAPREE Marotta replica «E finita 2-2 Noi imbattuti» L a.d. della Juve: «Abbiamo gestito la partita contando anche sui supplementari» DAL NOTRO INVIATO MIRKO GRAZIANO TORINO Il «Condottiero» Galliani rivendica la presa di Torino con le sue truppe. Ma la nazione juventina si guarda attorno e non vede cambiamenti a livello di governo, zero tracce di bandiere altrui sul territorio. La Casa bianca (e nera) resta quindi saldamente nelle mani del presidente Agnelli e del suo braccio destro Marotta. Le mura, poi, continuano ad essere protette adeguatamente dal Generale Conte e dai suoi guerrieri. Beppe Marotta, 57 anni FORTE «Ma quale sconfitta...» cherzi a parte, la Juventus fa davvero spallucce alle «rivendicazioni» rossonere. enza animosità e con i giusti toni, in corso Galileo Ferraris parlano di «un non problema». Alla Juve interessava solo conquistare la finale di Coppa Italia per tornare a giocarsi un trofeo importante, che nella bacheca bianconera (al netto di Calciopoli naturalmente) manca dal 2003, upercoppa italiana vinta ai calci di rigore proprio contro il Milan. Il resto contava davvero poco. Vista però l «insistenza» rossonera sull argomento, ecco che una risposta appare quantomeno segno di cortesia. E allora parla l amministratore delegato Beppe Marotta: «Mi sembra che già oggi la Gazzetta abbia spiegato cosa conti a livello di statistiche. In caso di supplementari, va archiviato il risultato finale e non quello parziale del 90. E francamente mi sembra una cosa anche logica. Dopo il 2-1 di Maxi Lopez, arrivato a dieci minuti dalla fine, non eravamo fuori, e sapevamo di poter contare su un altra mezzora di gioco se non avessimo fatto sciocchezze entro il 90. Insomma, in una gara di campionato rimetti la palla al centro e carichi subito a testa bassa per cercare il pareggio: o ci riesci oppure becchi un altro gol in contropiede. In Coppa, in una situazione come quella che è capitata a noi, il discorso è inevitabilmente diverso. Le strategie cambiano, e si gestisce il tutto con maggiore freddezza, proprio perché sai di avere più tempo grazie ai supplementari». Ragionamento che obiettivamente non fa una piega dal punto di vista sportivo. L INIZIATIVA Crociera rossonera Via il 2 giugno E stata presentata ieri la seconda edizione della «Crociera rossonera Milan Junior Camp 2012», iniziativa dedicata a tutti i tifosi e simpatizzanti milanisti. La crociera partirà il 2 giugno da Genova sulla Msc plendida e ospiterà anche alcuni giocatori rossoneri e rappresentanti dello staff tecnico del Milan. Per i più piccoli ci sarà il Milan Junior Camp: bambini e ragazzi potranno divertirsi nei campetti sulla nave con gli allenatori delle giovanili rossonere. L IMBATTIBILITA Conte: 32 gare senza sconfitte L imbattibilità della Juve di Antonio Conte dura da inizio stagione. Il totale ha raggiunto quota 32: 28 partite in campionato e 4 in Coppa Italia (ben due volte in questa manifestazione i bianconeri hanno giocato i supplementari, con Bologna e Milan). In assoluto l imbattibilità della Juve dura però dall ultima giornata dello scorso campionato. Infatti i bianconeri non perdono dalla trasferta di Parma, alla penultima giornata del campionato

6 6 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 VOLATA CUDETTO I BIANCONERI v Juve, il motore riparte con Vidal e Marchisio v Taccuino identikit & CARRIERA Accanto a Pirlo, a centrocampo hanno ripreso a girare a pieni giri altri due uomini fondamentali per la volata finale G.B. OLIVERO MILANO e fossero i tre moschettieri, lasciando ad Antonio Conte il ruolo di D Artagnan, Andrea Pirlo sarebbe Athos (uomo di classe, estroso, bravo a restare freddo in ogni situazione), Arturo Vidal sarebbe Porthos (forte, guerriero e incline a godersi la vita) e Claudio Marchisio sarebbe Aramis (pacato, gentile, elegante nei modi). E se su Pirlo c era ben poco da scoprire, questa è stata la stagione della consacrazione dei suoi due compagni di reparto. Nel momento del calo della Juve l attenzione generale si è focalizzata sul rendimento degli attaccanti e più in assoluto sulla scarsa vena realizzativa della squadra. In autunno, infatti, segnavano tutti e poi all improvviso non ha segnato più nessuno. In realtà a farsi sentire in modo pesante era stata l umana flessione di Marchisio e Vidal, che avevano giocato su livelli mostruosi per tre mesi. Tutta la squadra ha sofferto per il loro calo perché Claudio e Arturo fanno parte della categoria dei «tuttocampisti»: sono in difesa, in mezzo, in attacco. ono, soprattutto, dove servono. Adesso che la Juve è tornata a segnare e vincere è stato lodato Mirko Vucinic, le cui prestazioni recenti sono state scintillanti. Ma è a centrocampo che la Juve ha ripreso a triturare gli avversari: perché Marchisio e Vidal sono tornati in ottime condizioni. CLAUDIO E ARTURO IN A Claudio Marchisio, 26 anni, e Arturo Vidal, 24 YNC GD Marchisio Il Principino, che nel frattempo ha festeggiato l arrivo del secondogenito Leonardo e che continua ad avere molti estimatori all estero (in particolare l Arsenal, ma è blindato fino al 2016), ha riallargato la falcata: quando sta bene, vederlo correre è uno spettacolo. E vero che sarebbe ingiusto valutarlo per i gol, ma è altrettanto vero che il suo senso dell inserimento è così spiccato da essere un termometro molto attendibile sul suo stato di forma. E infatti a Bologna, quando nel secondo tempo la Juve è tornata a fare la Juve, Gillet ha dovuto fare un miracolo d istinto per negare a Claudio la gioia del gol. A Genova, pochi giorni dopo, è stato Frey a dirgli di no. Ma a Firenze Boruc è stato irrimediabilmente battuto dal colpo di testa di Marchisio. E contro il Milan il suo ingresso a centrocampo ha riequilibrato la squadra, garantendo alla Juve una nuova spinta. Vidal Anche il Guerriero è rinato a Bologna, quando addirittura finì la partita in difesa dopo l espulsione di Bonucci, prologo di quanto sarebbe accaduto a Genova. Ma è in mezzo al campo che non si può fare a meno di lui, dei suoi recuperi, degli interventi in scivolata che ricordano molto quelli di Deschamps. Arturo ci arriva sempre, è una presenza costante e preziosa, un giocatore insostituibile anche perché ha molta personalità. Pronti per l Europa Il Principino e il Guerriero sono il vero motore della Juve. Quando è mancata la loro spinta, tutta la squadra ha dovuto abbassare il ritmo. Ma adesso la macchina bianconera è ripartita e se l impressione è giusta Claudio e Arturo continueranno a correre fino al 20 maggio. Poi il cileno potrà concedersi un bel periodo di vacanze, mentre l azzurro dovrà concentrarsi sull Europeo nella speranza di confermarsi decisivo in Nazionale esattamente come nella Juve. E l anno prossimo, quando i bianconeri dovrebbero (il condizionale è un omaggio agli scaramantici) tornare in Champions League, potranno mettere in mostra un centrocampo di livello assoluto. In fondo si dice che è lì che si vincono le partite. Uno per tutti, tutti per uno. identikit & CARRIERA UNDER 21 Immobile rischia di saltare lo stage tasera Ciro Ferrara dirame rà le convocazioni per lo stage del l Under 21 alla Borghesiana di Ro ma, comprensivo di test con il Fro sinone, in programma dal 25 al 28 marzo. Il c.t. aveva messo in preal larme Ciro Immobile, ma l attaccan te del Pescara rischia di saltare l'esordio nell Under perché ieri in al lenamento ha accusato un dolore alla coscia destra. Oggi effettuerà una risonanza magnetica per valu tare l entità del danno. EX MILAN capuzzi prestato al Portsmouth Nuova avventura per Luca capuzzi. Il fantasista italiano del Manchester City, cresciuto nel Mi lan, passa in prestito dall'oldham al Portsmouth (B inglese) insieme al difensore Rekik. NOVARA 7 gol alla Rhodense C'è Tozzi per luglio NOVARA Il Novara si assicu ra il centravanti classe '94 Gian Pie ro Tozzi dal Monterotondo. Ha fir mato un triennale. Intanto ieri il No vara ha vinto 7 0 nell'amichevole con la Rhodense. Doppiette per Ca racciolo e Morimoto. INGHILTERRA Rooney tira Polso k.o. a un bimbo LONDRA Wayne Rooney si scusa pubblicamente con Jamie Thomas, il bimbo di 9 anni che do menica si è rotto il polso per "col pa" dell'attaccante. Durante la fa se di riscaldamento prima della ga ra con il Wolverhampton, Rooney ha calciato un pallone che è finito sugli spalti e il giovane Jamie si è rotto il polso destro nel tentativo di proteggersi il volto. L'attaccante è venuto a sapere dell'episodio solo dai tabloid e si è scusato: regalerà una maglia autografata al bimbo. GERMANIA Visita ad Auschwitz E' polemica Dopo il caso degli insulti anti semiti al calciatore israeliano Itay hechter, del Kaiserslautern, il pre sidente del Consiglio Centrale degli Ebrei in Germania, Dieter Grau mann, ha proposto che la naziona le tedesca, durante Euro 2012 in Polonia e Ucraina vada in visita sim bolica ad Auschwitz, l'ex campo di sterminio nazista, oggi in Polonia, dove sono stati trucidati oltre un milione di detenuti, per lo più ebrei. Tiepida comunque l'accoglienza al la proposta e la Federcalcio tede sca non ha ancora deciso se l'acco glierà. E' polemica. DOPO LA COPPA OGGI LA RIPREA DEGLI ALLENAMENTI, NEUNO RITIENE GIA PERA LA FIDA CON IL MILAN PER LO CUDETTO Obiettivo campionato: la Juve non molla Da valutare le condizioni di Barzagli. Mercato: piacciono Pogba e Kondogbia MILANO Riposo e tranquillità. A Vinovo ieri non c era nessuno: giornata libera per la Juve. celta saggia quella di Antonio Conte: da ex calciatore, oltre che da tecnico ormai consacrato, sa bene che ci sono momenti in cui lo svago e il relax valgono più di tre allenamenti. La Juve ha iniziato la stagione il 7 luglio, ha profuso tantissime energie psicofisiche, va da mesi oltre i propri limiti e quando sbaglia spesso accade per troppa generosità. E allora Conte, che è un martello, ha voluto premiare l atteggiamento sempre positivo dei suoi ragazzi. Barzagli Da oggi, però, tutti al lavoro con il solito impegno. Anzi di più: perché sarebbe delittuoso mollare adesso, sprecare alla fine quanto è stato fatto per tre quarti di stagione. Alla Coppa Italia si penserà più avanti, per adesso la Juve resta concentrata sul campionato e sulle possibilità di rimonta sul Milan. Oggi vanno valutate le condizioni di Andrea Barzagli, che dovrebbe aver smaltito il problema muscolare. E probabile, però, che Conte non affretti il suo rientro e contro l Inter lo porti in panchina affidandosi a Bonucci e Chiellini. In attacco dovrebbe rientrare Matri. Andrea Barzagli, 30 anni LAPREE Mercato Intanto la Juve sta già lavorando alla costruzione della prossima squadra. Per il centrocampo uno degli obiettivi principali è sempre Paul Pogba, 19enne francese del Manchester United. Ieri l agente Mino Raiola ha incontrato David Gil per discutere del rinnovo del contratto del centrocampista, che altrimenti a giugno potrebbe liberarsi gratuitamente. Ma non ci sono stati sviluppi decisivi, la trattativa continuerà e la speranza dei bianconeri è che il tempo passi e Pogba decida di tentare la nuova avventura. E sempre a centrocampo i dirigenti della Juve stanno seguendo il mancino Geoffrey Kondogbia, francese di origini africane che ha 19 anni, gioca nel Lens ed è seguito da molte squadre italiane (tra cui il Napoli e la Roma) e straniere. Kondogbia piace per la sua duttilità oltre che per la forza fisica e sembra che la Juve voglia davvero stringere per acquistarlo. gb.o. Gazzetta.it v Gazza T f IL BARÇA PER MEI I EGRETI DI EPANG BARTOLI UL FIANDRE ul sito rosa il video omaggio del Barcellona al suo uomo simbolo capace di segnare 234 gol in blaugrana. In più le animazioni sul circuito malese di F.1 con i setup e l analisi sulle gomme. Ciclismo: Michele Bartoli, ospite di Bike, parla delle corse del Nord e delle speranze italiane.

7 VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 7

8 8 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 PRIMAVERA FINALE DI RITORNO COPPA ITALIA orridi, piccola Roma Rivincita con la Juve e la Coppa Italia è tua In 20 mila all Olimpico. Davanti a Luis Enrique basta lo 0-0: Viareggio dimenticato. Cori contro Pessotto ROMA JUVENTU GIUDIZIO PRIMO TEMPO 0-0 ROMA ( ) Pigliacelli 6; abelli 6,5, Orchi 6, Barba 6, Nego 6,5; Verre 6,5, Viviani 6,5; Politano 6,5 (dal 26 s.t. Frediani 6), Ciciretti 6 (dall 11 s.t. Cittadino 6), Piscitella 6 (dal 36 s.t. Leonardi s.v.); Tallo 6. PANCHINA Proietti Gaffi, Carboni, Rosato, Lopez. ALLENATORE De Rossi 6,5. JUVENTU ( ) Branescu 7; Untersee 6, Gouano 6,5, Rubin 6, Liviero 5; Chisbah 6,5, Appelt 6,5; De ilvestro 5,5 (dal 33 s.t. Ruggiero s.v.), Bouy 5,5 (dal 1 s.t. Beltrame 5,5), pinazzola 6; Padovan 5,5 (dall 11 s.t. Libertazzi 5,5). PANCHINA luga, Magnusson, chiavone, Margiotta. ALLENATORE Baroni 6. ARBITRO De Benedictis di Bari 6. AMMONITI Tallo (R) per comportamento non regolamentare, Orchi (R) per gioco scorretto. NOTE pettatori 20 mila circa (ingresso gratuito).tiri in porta 5 (un palo)-4. Tiri fuori 3-6. Angoli 4-8. In fuorigioco 1-1. Recupero: p.t. 2 ; s.t. 3. MAIMO CECCHINI ROMA Olimpico chiama Boston: missione compiuta. Il primo trofeo della nuova Roma statunitense è in bacheca. Davanti a ventimila spettatori i ragazzi di Alberto De Rossi si aggiudicano la Coppa Italia Primavera - la 4ª nell albo d oro, 18 anni dopo l ultima - a spese della Juventus e sfatano il tabù dello stadio di casa, dove nell ultimo anno avevano giocato e perso due finali (Coppa Italia e upercoppa). Finisce 0-0, con i giallorossi che capitalizzano così nel modo migliore, tutto sommato senza troppi patemi, l 1-2 dell andata a Torino. Per la Roma, in fondo, La foto ricordo della Roma Primavera con la Coppa Italia riconquistata dopo 18 anni FOTOLINE è la rivincita della finale persa a Viareggio il 20 febbraio scorso, quando furono i giovani di Baroni ad imporsi per 2-1. Formule opposte In campo, oltre a tanti quarti di nobiltà (7 scudetti e 3 Coppe Italia per i giallorossi; 4 tricolori e 3 Coppe Italia per i bianconeri) si sfidano anche due filosofie diverse. Da un lato c è la Roma che ha fra i titolari 7 nati nel Lazio (più il capitano Viviani, originario di Lecco ma cresciuto a Viterbo) e 2 stranieri; dall altra la Juve, che punta invece su 6 stranieri e solo due piemontesi. La miscela complessiva nel primo tempo, però, è assai fiacca, anche se ci sono due episodi che avrebbero potuto indirizzare il match in un altro modo: il palo colpito al 18 da Ciciretti su tiro deviato da Gouano e il gol annullato al 27 a Politano per fuorigioco assai dubbio. Dunque, nel poco, più Roma che Juve, nonostante toccasse ai bianconeri l onere del far gioco. Il quasi speculare dei due, infatti, libera le fasce, dove corrono meglio abelli, Nego e lo stesso Politano. Nella ripresa i bianconeri mollano gli ormeggi, creando e sciupando due occasioni con Padovan e Chisbah, ma è la Roma a rendersi più pericolosa negli spazi, visto che Branescu è bravissimo a dire di no a Tallo e Nego. Insomma, alla fine dei giochi la Coppa va meritatamente alla Roma. Che brutto coro Postilla. In una bella cornice del genere, ci sono parsi assurdi i classici cori anti-carabinieri, gli stupidi fischi per i baby juventini durante la premiazione e, soprattutto, l orribile (e stantio) coro contro il team manager bianconero: «Pessotto buttate de sotto». Benvenuti nel calcio italiano, ragazzi. Cercate di renderlo migliore. y L ALBO D ORO Questo l albo d oro delle ultime edizioni della Coppa Italia Primavera Torino Atalanta Atalanta Lecce Atalanta Juventus Lecce Inter Juventus ampdoria Genoa Milan Fiorentina Roma Il tecnico della Roma Alberto De Rossi, 54 anni LAPREE IL TECNICO DE ROI «Qualcuno diventerà un grande» ROMA Luis Enrique veglia sui ragazzi della Primavera prima dell ingresso in campo, poi raggiunge Baldini, abatini, Fenucci e Bruno Conti in tribuna (dove c è anche Marotta). Da quel momento, la scena è tutta per Alberto De Rossi, che dopo due sconfitte in un anno con la Fiorentina, fa festa all Olimpico. «Una gioia immensa davanti a un pubblico incredibile dice. I tifosi hanno capito i nostri momenti di difficoltà: ci hanno trattato da grandi, e noi non lo siamo ancora, ma qualcuno lo diventerà». Marco Baroni, per ora, deve accontentarsi del Viareggio: «La Roma ha meritato più di noi nelle due partite, ora non mi rimane che sperare in un altro scontro più avanti». e, nelle parole del presidente dell Aic Tommasi, «si sta valutando l ipotesi di squadre B in Lega Pro», Bruno Conti è il collante tra il vivaio dell era ensi e quello della nuova società: «Rispetto al passato, questa proprietà sta investendo di più nel settore giovanile». Ma con il trionfo di ieri, i soldi degli americani c entrano poco. Calabresi- Oddi RIPRODUZIONE RIERVATA

9 VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 9 CHAMPION DEI GIOVANI y Baby boom Inter CHI E IL TECNICO Andrea tramaccioni, 35 anni, in una decina di stagioni da allenatore ha raccolto moltissime vittorie a livello giovanile. I successi Nell ordine, titolo provinciale Allievi con l Az port nel , titolo regionale e scudetto Giovanissimi con la Romulea nel , altro titolo regionale con la Romulea nel , scudetto e Nike Premier Cup Italy alla guida dei Giovanissimi della Roma nel , scudetto e torneo Città di Arco con gli Allievi giallorossi nel Ora il tecnico punta al nono titolo, il primo con l Inter. Ma anche il più prestigioso. Ora vale 30 milioni Da Bessa a Duncan a Longo: ragazzi, che esplosione Il d.s. Ausilio: «Alcuni già pronti per la prima squadra» DAL NOTRO INVIATO ROBERTO PELUCCHI LONDRA C è una miniera d oro ad Appiano Gentile e anche l Europa del calcio se ne sta accorgendo. Grazie alla visibilità offerta dalla NextGen eries, la Champions dei giovani, i ragazzi dell Inter che hanno conquistato la finale contro l Ajax sono sulla bocca di tutti. La coppa non è ancora stata conquistata, e strapparla ai giganti olandesi non sarà facile, ma un risultato è raggiunto: le quotazioni di mercato sono schizzate alle stelle. Undici Prendiamo gli undici schierati dall inizio contro il Marsiglia, ossia il portiere Di Gennaro, i difensori Pecorini, pendlhofer, Kysela e M Baye, i centrocampisti Romanò, Duncan e Crisetig, gli attaccanti Bessa, Longo e Livaja. Al club sono costati, in tutto, circa un milione di euro, e la metà è stata spesa a gennaio soltanto per la comproprietà di Livaja (con il Cesena). Ma oggi, anche dopo la bella vittoria sul Marsiglia, il valore complessivo è già di 30 milioni, euro più, euro meno. e prendiamo tutta la rosa, si sale a i campionati in cui l Inter è in testa, quelli in cui si gioca per i punti, dalla Primavera ai Giovanissimi regionali B. 25 gli osservatori dell Inter in Italia, che seguono in media una cinquantina di partite alla settimana A peso d oro e l Inter volesse monetizzare, la plusvalenza sarebbe clamorosa. Dietro queste cifre non c è la fortuna, ma un progetto che ha radici lontane e che sta dando frutti ovunque, visto che l Inter è al comando in tutti i campionati giovanili. Di Gennaro, Pecorini, Romanò e Crisetig hanno cominciato con l Inter che erano bambini, con gli Allievi sono arrivati Longo, Bessa e Kysela, più recenti sono stati gli innesti di M Baye, pendlhofer e Duncan. L Inter i suoi campioni vuole coltivarseli in casa, prenderli nella culla (sportiva) e portarli fino alla piena maturità. «I percorsi non Gli undici giocatori dell Inter Primavera che hanno iniziato la semifinale della Next Generation contro il Marsiglia. Domenica, sempre a Londra, alle italiane è in programma la finalissima contro l Ajax BONA possono essere uguali per tutti - spiega il d.s. Piero Ausilio -. Nella Primavera c è chi è già pronto per entrare dalla prossima estate nell organico della prima squadra e chi dovrà andare a crescere in B, come stanno facendo, per esempio, Bardi e Caldirola. Ragazzi nei quali l Inter crede e che presto potranno tornare alla base, più pronti e forti di prima». Il cordone ombelicale non viene tagliato, quindi. I giocatori che oggi valgono oro quanto pesano sono soprattutto Bessa, brasiliano dalle enormi qualità tecniche, e Duncan, massiccio centrocampista ghanese, non solo di «rottura». eguono due attaccanti, il veneto Longo e il croato Livaja, e il terzino sinistro senegalese M Baye. La metà di Crisetig, a gennaio, è stata venduta al Parma per 1,5 milioni. All Inter era costato 20 mila euro. Richieste I ragazzini nerazzurri fanno gola a tutti. «Non c è squadra di B che non ce li abbia chiesti - continua Ausilio - ma ora le richieste arrivano anche dall Europa. Dopo che lo abbiamo battuto nei quarti, per esempio, lo porting Lisbona ce ne ha chiesti tre». «La NextGen eries - conferma il responsabile del settore giovanile, Roberto amaden - è stata determinante per la crescita dei ragazzi, che hanno cominciato ad adattarsi a un livello superiore di calcio. Che potessero giocare una grande partita contro il Marsiglia io me l aspettavo, si era capito in campionato contro Varese e AlbinoLeffe. E sono convinto che la prestazione non mancherà neppure domenica. Inter e Ajax sono due squadre con caratteristiche diverse, entrambe forti. arà uno spettacolo al quale sarà un piacere assistere». DOMENICA CON L AJAX Anche Moratti a Londra per la finale LONDRA (ro.pe.) La finale tra Inter e Ajax si giocherà domenica alle inglesi (le italiane) al Matchroom tadium di Leyton (foto), nella zona est di Londra. Diretta su Inter Channel e su portitalia24 (in differita alle su portitalia 1). A Londra ci sarà molto probabilmente anche il presidente Massimo Moratti, al quale la Primavera è riuscita a restituire il sorriso. i giocherà a Brisbane Road, sede delle partite interne del Leyton Orient, stadio che può contenere 10mila spettatori. Non molto lontano c è il villaggio olimpico, che in estate ospiterà gli atleti di tutto il mondo per i Giochi. Il cammino L Inter è arrivata in finale grazie al secondo posto nel proprio girone e alle vittorie con lo porting nei quarti (1 0) e con il Marsiglia in semifinale (2 0). Anche l Ajax è arrivato secondo nel girone dietro l Aston Villa, poi ha maltrattato Barcellona (3 0) e Liverpool (6 0).

10 10 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 ERIE A L INTERVITA tankovic «Questa è la notte Io ritrovo il gol, l Inter la vittoria» «tavolta è la Juventus che ha più da perdere però dobbiamo correre almeno quanto loro» DAL NOTRO INVIATO ANDREA ELEFANTE APPIANO GENTILE (Como) Dejan tankovic, le piace la parola scintilla? «Provoca perché sa che sono uno che si accende facilmente?». Tipo quella volta a Napoli, quando Ranieri la tolse e lei urlò «Qui escono sempre gli stessi»? «La frase non era esattamente quella, ma qualcosa avevo detto. Non è una cosa da me, ma dietro c era solo la voglia di essere in campo a lottare: magari di perdere, ma di esserci». E comunque guardi che è stato Moratti a provocarvi: vuole una scintilla domenica a Torino». «E ha ragione: ci restano dieci partite, ci serve una striscia di buoni risultati, magari di vittorie». Facciamo sette come a dicembre e gennaio? «Con sette potrebbero succedere tante cose. Questo è un campionato strano: vincere cambia la testa, ma può cambiare anche tanto la classifica». ì, ma continuare a parlare di speranza terzo posto non significa illudersi, e illudere? «La classifica è chiara e raccontare bugie non è bello. Però c è un però, anzi due. Il primo: per arrivare terzi è importante vincere qualche scontro diretto e noi ne abbiamo due, contro Udinese e Lazio. Il secondo: non è mai bello avere l Inter alle spalle, e un po di paura secondo me, nonostante tutto, continuiamo a farla». Le (poche) scintille di quest anno? «Facile dire il derby, e in fondo è un derby anche quello che andiamo a giocare a Torino. Ma io ricordo volentieri la partita di Lilla, per certi versi perfetta: corsa, aggressività, organizzazione tattica. Un buon esempio per domenica sera, anche perché è un po il calcio della Juve: aspettano, rubano palla, ripartono a mille all ora e arrivano in 5-6». E per usare le vostre parole pre-marsiglia, hanno uno stadio che gli soffia alle spalle «Questo è vero, ma magari è buono per noi: questa spinta potrebbe portarli a sbilanciarsi, a lasciarci qualche spazio. In fondo qualche pareggio in casa lo hanno fatto, no?». A proposito di parole: troppe e troppo pochi fatti. C è un vero perché? «Ce ne sono tanti, ma si è parlato troppo anche di quelli. Adesso l unica cosa che conta è che non abbiamo ancora smesso di pedalare». e domenica sera le toccasse fare un discorso tipo quello di Julio Cesar nell intervallo di Inter-Catania? «Direi solo due cose: giochiamo per noi stessi, e per il nostro onore». Per usare un altra frase a lei cara: contro la Juve servirà più la testa fredda o il cuore caldo? «Il cuore sarà caldo per forza, il problema è che rischia di esserlo anche la testa: dobbiamo usarla bene». Ma ha più da perdere l Inter o la Juve? «La Juve: loro giocano per lo scudetto e la pressione è quella che è, noi lo sappiamo la scheda DEJAN TANKOVIC 33 ANNI CENTROCAMPITA Dejan tankovic è nato a Belgrado (erbia) l 11 settembre Nel 91 inizia nelle giovanili della tella Rossa. Nel 94 è in prima squadra, con cui vince uno scudetto e 3 coppe di Jugoslavia. In nazionale, 102 presenze e 15 gol. Alla Lazio A Roma vince uno scudetto, due upercoppe italiane, 1 Coppa Coppe e una Coppa Italia. All Inter Nel gennaio 2004 sbarca all Inter, con cui vince cinque scudetti, una Champions League, un Mondiale per club, quattro Coppe Italia e quattro upercoppe italiane. Dejan tankovic, 34 anni bene. Devono vincere per forza, e il Milan gioca un giorno prima di loro: potrebbe essere ancora di più un obbligo». Ci sarebbe più gusto a togliere lo scudetto alla Juve o al Milan? «Ci sarebbe gusto ad andare a vedere come finisce dopo averle battute entrambe». Dopo quella partita di Coppa Italia con il Milan, si aspetta una Juve più carica o più stanca? «Cavolo, un po stanchi saranno, no? ono stati 120 di grandissima intensità. Può avere la sua influenza, anche perché per far bene domenica sera dobbiamo correre almeno quanto loro». Visto il suo amico Vucinic? «L ho visto sì, ma non mi sono stupito più di tanto. Con lui ho giocato anche in nazionale, lo conosco bene e sapevo che sarebbe tornato alla grande. Contento per lui: troppe critiche, non le meritava». E giusto chiamarlo l Ibrahimovic juventino? «A me veramente ricorda Dejan avicevic». ««Una striscia di vittorie e magari succedono tante cose: cambiano testa e classifica Mai finita una stagione senza segnare neanche una volta: è un idea che rifiuto NOVITA AI PIEDI Testimonial come Ronaldo In questo fine settimana Dejan tankovic e Cristiano Ronaldo avranno almeno una cosa in comune: saranno i primi testimonial Nike a indossare le nuove Mercurial Vapor 8. econdo l azienda, grazie ad una nuova progettazione, è una scarpa innovativa che garantisce maggiore velocità ed esplosività. arà ai piedi pure di Marchisio, Quagliarella, Miccoli e El haarawy. Consigli dati ai suoi compagni difensori? «Guardate sempre la palla: le finte sono il suo pane e gli basta poco spazio per inventare un assist. E siccome i suoi compagni lo sanno, partono sempre in tre o quattro per andare a raccoglierlo». Adesso poi ha anche cominciato a segnare, al contrario di un certo tankovic. «Vero, ma ho ancora dieci giornate a disposizione, e magari domenica è la volta buona. In tutta la mia carriera non ho mai finito una stagione senza segnare neanche un gol: mai. Non mi pare possibile che possa succedere quest anno: no, non ci voglio neanche pensare». E al suo futuro dopo il 13 maggio vuole pensare? «Non adesso: a fine stagione. Parlerò con la società e confronteremo le nostre idee, le nostre intenzioni: se si penserà che tankovic può essere ancora al livello dell Inter e servire all Inter, sarà un onore restare per gli altri due anni del mio contratto. Altrimenti, zero problemi: me ne andrò dicendo solo un grande grazie a tutti». MERCATO UNA CONFERMA PER IL FUTURO: IL CLUB NERAZZURRO TA TRATTANDO L ETERNO DELL UDINEE TANTO CARO A MARCELO BIELA Branca: «ì, Isla ci piace». Come Rossi La conferma del d.t. nerazzurro ai media cileni. Pressing su Pepito Forlan, idea Usa MATTEO DALLA VITE MILANO Conferme, più che rivelazioni. Conferme e nuovi assalti. Il tutto in orbita-branca. Prenotato Al quotidiano «La Tercera», il d.t. nerazzurro parla (e bene) di Mauricio Isla, cileno dell Udinese già apprezzato prima che stangasse l Inter a an iro. «Isla - dice Marco Branca - è un giocatore molto interessante, molto bravo, che da alcuni anni gioca ad alti livelli in serie A. È uno dei nostri obiettivi per la prossima stagione, ma al momento non c è alcuna trattativa con l Udinese». C è effettivamente un qualcosa di più di un pour-parlér, una sorta di prenotazione che sarebbe scattata prima della Roma: fra i due club può rinnovarsi la sfida che un estate fa nacque attorno a Ricky Alvarez, praticamente romanista ma che alla fine scelse l Inter per l opera di convincimento di Zanetti. Messaggio da Bielsa? Chiaro che l idea-isla sarebbe un riferimento concreto all idea - fra le altre 4, ovvero Villas Boas, Prandelli, Blanc e Mazzarri - legata a Marcelo Bielsa, l attuale tecnico dell Athletic Bilbao che fece sbocciare il versatile Isla indossando la tuta da c.t. del Cile. Qualcuno sussurra che l eventuale affondo verso Isla sia una sorta di messaggio da (o per) Bielsa: può essere, si vedrà, di certo non è un segreto che Moratti stimi El Loco a tal punto da averlo contattato per il dopo-leonardo e, forse, a tal punto da tornare all attacco vista la scadenza del contratto nel giugno prossimo del tecnico con il club basco. Isla, 23 anni, mentre infila il gol in Inter-Udinese 0-1 IPP Rossi-Inter, Forlan Usa? Nel frattempo, proprio qualche giorno fa c è stato un nuovo contatto per sondare Pepito Rossi: già accostato all Inter in più occasioni, rinforzo ideale se davvero Moratti dovesse pensare a Prandelli, l azzurro giocherà gli Europei e poi deciderà: è stato vicino alla Juventus ma anche ai nerazzurri, e tutto dipenderà da quale peso darà all assenza di competizioni europee. Di certo dall Inter uscirà Zarate, ma non è da escludere un ultima voce che ruota attorno a Diego Forlan. Tentato dal udamerica o da un ritorno in pagna, l uruguaiano potrebbe anche restare all Inter ma il suo nome ora viene ora accostato alla Major occer League, la serie A statunitense. Pista, dicono, da non sottovalutare.

11 ERIE A VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 11 Moratti: «Con la Juve pretendo di più» Il presidente alla Pinetina dà la scossa: «Gara speciale, voglio vedere l orgoglio da Inter» DAL NOTRO INVIATO LUCA TAIDELLI APPIANO GENTILE (Como) Massimo Moratti domenica non sarà a Torino per Juve-Inter. E forse non ci sarebbe stato nemmeno senza i richiami londinesi, dove domenica pomeriggio la Primavera di tramaccioni gioca la finale della baby Champions League contro l Ajax. Il numero uno nerazzurro raramente segue la squadra in trasferta. Anche se scaramanticamente avrà pensato che l unica vittoria del 2012 lontano da an iro è arrivata proprio la sola volta in cui lui era in tribuna, il 9 marzo al Bentegodi. Obbligo di scintilla Questo però non significa che Massimo Moratti non senta la sfida contro la Juventus. Anzi. Malgrado una classifica ribaltata come una clessidra (le due squadre si sono scambiate posizioni e punti rispetto allo stesso periodo del campionato scorso), il presidente pretende dai suoi ragazzi una scintilla e pure i tre punti. Questo il senso del discorso che Moratti ha fatto ieri alla squadra al termine dell allenamento di cui aveva assistito alla seconda parte. Arrivato alla Pinetina verso le 11.30, si è messo a bordo campo con il direttore sportivo Piero Ausilio per seguire le ultime esercitazioni tattiche e la partitella. Il primo effetto della presenza del capo è stato quello di aumentare l intensità del lavoro. «La sfida con i bianconeri è la più importante». E non c è accenno al terzo posto Qualcosa di più da tutti Il secondo, eventualmente, lo si vedrà domenica sera allo Juventus tadium. Perché un Moratti molto determinato nelle sue parole, giusto una tacca al di sotto dell arrabbiatura, nello spogliatoio ha cercato di toccare i tasti giusti: «A prescindere dalla classifica - la sintesi del suo pensiero -, quella contro la Juventus resta la partita più importante di tutte. Lo è per me, ma lo deve essere pure per voi. Anche per i motivi politici e ambientali che ben conoscete, è ora di tirare fuori l orgoglio interista. Mi aspetto da tutti un qualcosa in più». Massimo Moratti, 66 anni, ieri ad Appiano con Claudio Ranieri, 60 INTER.IT Terzo posto non nominato Non una parola sulla difficile (ma non impossibile) caccia a quel terzo posto che garantirebbe la prossima Champions, una trentina di milioni e il giusto appeal per convincere gente come Lucas a vestire il nerazzurro. Non una parola sul fatto che a vivacchiare sino al 13 maggio non ci guadagnerebbe nessuno, visto che anche gli scontenti si troverebbero con un valore dimezzato. Non una parola per un annata in cui sono stati battuti vari record negativi risalenti al mesozoico. Tutti concetti che Moratti ha lasciato sospesi - sapendo che ognuno è consapevole della situazione -, per insistere sulla rivalità al veleno con la Juve. Precedente incoraggiante Aincoraggiare il presidente, più dei segnali attuali, potrebbe essere il pensiero della gara d andata. Vero che l Inter perse 2-1, ma soprattutto nel primo tempo giocò una partita di grande orgoglio, finendo addirittura per farsi infilare in contropiede malgrado di fronte avesse una squadra che fa dell intensità e del possesso palla il proprio marchio di fabbrica. Un precedente da prendere ad esempio per l approccio mentale, ma anche da monito a livello tattico. FORLAN CHIARICE Due dubbi per Ranieri in vista di Torino APPIANO GENTILE La certezza è il 4-4-2, mentre sugli interpreti rimane qualche dubbio. Ranieri affronterà la Juve con un sistema di gioco obbligato, causa assenza di neijder ed Alvarez. Ieri, complice anche l assenza di Lucio (potenziamento specifico), il tecnico ha mischiato le carte in difesa e schierato un centrocampo con Zanetti e Obi esterni e la coppia Poli-Cambiasso in mezzo. Di fronte c era il duo tankovic-guarin, ma mentre per il colombiano serve prudenza (ieri esame di controllo), il serbo a Torino potrebbe tornare titolare ai danni di Cambiasso. In attacco le coppie erano Pazzini-Forlan e Milito-Zarate, ma la sensazione è che il Principe sia l unico certo del posto, con l azzurro e il Cacha in ballottaggio per l altro. Forlan E proprio Forlan a Inter Channel è tornato sull episodio di domenica, quando si sarebbe rifiutato di entrare in campo a metà secondo tempo. «Ho giocato a sinistra nel tridente, ma Ranieri aveva bisogno di altro e gli ho risposto. Capisco la rabbia dei tifosi per una stagione storta, ma non ho mai voluto mancare di rispetto a nessuno e sono il primo a volere che tutti si esca da questa situazione. Malgrado certi maligni, il gruppo c è». lu.tai.

12 12 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 ERIE A LA CALATA AZZURRA ANNO PER ANNO LA CRECITA DEL PROGETTO DOPO IL FALLIMENTO DEL 2004 IL TECNICO AZZURRO Mazzarri: «Terzo posto? Noi ci siamo» Ma contro la Juventus non ci sarà Gargano, squalificato Napoli, più su Un posto in Europa Via al nuovo ciclo La finale di Coppa Italia è un punto di partenza per De Laurentiis. E il d.s. Bigon rinnoverà MIMMO MALFITANO NAPOLI Qualcosa potrebbe concretizzarsi, dunque. Materialmente, nel vero senso della parola. Il Napoli ritrova una finale di Coppa Italia dopo 15 anni. E l evento rappresenta anche la prima volta per una società che ha poco o nulla a che spartire col passato, con un tempo che ha trovato la sua fine nel fallimento del 30 luglio Da quel momento s è aperta una nuova era, legata a un progetto a dir poco ambizioso, avviato da Aurelio De Laurentiis, partendo dal nulla. Dai vialetti di un albergo di Paestum, che ne ospitò una parvenza di ritiro, con Giampiero Ventura a ricevere i primi due giocatori (osa e Montervino) coi quali avviò il primo allenamento e con Pier Paolo Marino, il direttore generale, impegnato nell allestire un organico quanto meno competitivo per la erie C1. Crescita costante Quei giorni li ricorda spesso, il presidente. Ne parla con orgoglio ed emozione, soprattutto quando elenca l insieme delle promesse fatte ai tifosi e rispettate puntualmente. Con una serie di risultati sorprendenti, bisogna dirlo. Ciascuno per le proprie competenze, ha avuto un ruolo importante in questa crescita. In 7 anni, il Napoli è passato dai campi difficili della erie C1 ai grandi stadi europei e potrebbe volare a Pechino, a metà agosto, a giocarsi la upercoppa italiana se dovesse vincere la Coppa Italia, ma anche perdendo se la Juve vincesse lo scudetto. Tutto questo attraverso un processo di maturazione che non ha conosciuto soste e che De Laurentiis ha saputo portare avanti con intelligenza e oculatezza. Non è un caso se oggi il club è tra i migliori sotto il profilo economico: da quattro anni il bilancio viene chiuso in attivo. Edinson Cavani, 25 anni, un simbolo della crescita del Napoli LAPREE Punto di partenza Chi pensa che la finale di Coppa, e l eventuale conquista, possa essere il punto di arrivo del progetto Napoli, è completamente fuori strada. Proprio la Coppa di Lega potrebbe essere il punto di partenza per avviare un nuovo corso, che dovrebbe contemplare la riconferma dei tre talenti e la partecipazione alla prossima Champions League. ì, perché al di là della super sfida del 20 maggio prossimo con la Juve e della certezza di disputare l Europa League il prossimo anno, l obiettivo stagionale resta quello del terzo posto che il Napoli si sta contendendo con Lazio e Udinese. Partecipare alla più importante manifestazione continentale resta in cima alle esigenze della società. L attuale edizione ha prodotto un rendiconto che supera i 30 milioni di euro tra diritti televisivi, proventi Uefa, sponsor e vendita biglietti. Insomma, un vero e proprio tesoretto che Aurelio De Laurentiis è pronto ad investire sul prossimo mercato per rendere ancora più competitiva la squadra al di là di quello che sarà il futuro di Mazzarri. Conferma talenti e il Napoli dovesse vincere la Coppa Italia e conquistare un posto in Champions, sarà più facile per il presidente respingere gli assalti ai suoi tre talenti. A differenza di Cavani e Hamsik che sono blindati da contratti pluriennali, Lavezzi è l unico a essere padrone del proprio futuro grazie alla clausola rescissoria che gli permetterà di andare via se dovesse arrivare un club, di suo piacimento (Inter o Manchester City), pronto a sborsare 31 milioni di euro. Ma con una squadra rinforzata, un trofeo in bacheca e un adeguato ritocco all ingaggio anche la trattativa più tosta potrebbe sbriciolarsi come un grissino. E intanto il d.s. Riccardo Bigon è vicino al rinnovo triennale. GD 4 I NUMERI 3 o posto nel torneo , è il miglior piazzamento nella gestione De Laurentis (il Napoli non finiva così in alto dal , stagione del 2 scudetto). 2 promozioni di fila per il Napoli di De Laurentis, dalla C1 alla erie A nel biennio le partite giocate in A dal Napoli sotto la gestione De Laurentiis (5 tornei). 3 partecipazioni europee sotto questa gestione: Trofeo Intertoto e poi Coppa Uefa nel , quindi Europa League nel e Champions League quest anno. Walter Mazzarri, 50 anni, tecnico del Napoli LAPREE NAPOLI Missione compiuta: il Napoli giocherà la finale di Coppa Italia, sfidando la Juventus. u quello che potrebbe essere l evento dell anno per il club napoletano, s è soffermato Walter Mazzarri, parlando ai microfoni di kyport24. «È un altra tappa importante in questo processo di crescita che stiamo portando avanti. Io ho già avuto la fortuna di giocarla questa finale, con la ampdoria. E so che per i ragazzi sarà un emozione bellissima». arà una sfida ravvicinata, dunque, tra due allenatori che stanno caratterizzando questa stagione e tra due squadre da sempre antagoniste. «Io sono un po più grande di Antonio Conte e negli atteggiamenti mi rivedo molto in lui. Forse, io sono un po più tranquillo. Con la Juve sta facendo molto bene», ha detto l allenatore, che per la finale dovrà fare a meno di Gargano, squalificato per un turno come Mexes (Milan) e Mannini (iena). Brivido Catania Le esigenze del campionato impongono di concentrarsi sulla prossima partita, col Catania, al an Paolo, contro uno degli avversari più in forma del momento. E sulla panchina degli etnei siede Vincenzo Montella, molto stimato da Mazzarri: «È stato un mio giocatore, un ragazzo intelligente e ha la stoffa per fare l allenatore. Tanto è vero che quando smise di giocare pensai di portarlo con me a fare il secondo. Quindi, che stia facendo bene può soltanto farmi piacere. Per domenica, sono preoccupato, penso che loro saranno un po avvantaggiati dal fatto che noi siamo veramente stanchi, e lo si è visto anche nel secondo tempo con il iena». ul terzo posto e la Champions, Mazzarri ha osservato: «pesso, siamo stati padroni del nostro destino. Quindi, se dovessimo recuperare le giuste energie ce la giocheremo con tutte. L azione del gol di Cavani al iena? Rappresenta il bello del calcio». Filo diretto col sindaco Intanto Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, ha scelto un modo nuovo per interagire con tifosi e cittadini. Da stasera, tutti i venerdì dalle 19 alle 20, sarà protagonista di «Fuori dal Comune» su Radio Kiss Kiss Napoli. Attualità, politica, sport e tanti altri argomenti caratterizzeranno il programma, che sarà condotto dal giornalista Walter De Maggio. Con telefonate, e sms si potrà parlare col sindaco, che nei giorni scorsi ha rilanciato l ipotesi di un nuovo stadio nella zona di Ponticelli. arà questo uno dei temi che verranno affrontati stasera insieme alla finale di Coppa Italia. mi.mal. LA FINALE DEL 20 MAGGIO IERI LA PRIMA RIUNIONE OPERATIVA, LO TADIO ARÀ DIVIO IN DUE Caccia al biglietto per l Olimpico, timore per l ordine pubblico Oggi un incontro all Osservatorio. C è anche il tennis OLIVERO-TOPPINI Le due semifinali sono appena state giocate, eppure le tifoserie di Juventus e Napoli sono già in fibrillazione per l appuntamento del 20 maggio a Roma. La caccia al biglietto è già iniziata, anche se è tutto assolutamente virtuale almeno per qualche altro giorno. Ieri pomeriggio a Roma c è stata la prima riunione operativa, durata oltre tre ore, a cui hanno partecipato Coni (proprietario dello stadio), Lega erie A, Juventus, Napoli e la Lottomatica. L organizzazione compete interamente alla Lega che il 27 marzo comunicherà prezzi, modalità e canali di vendita dei biglietti, acquistabili a partire da lunedì 2 aprile. Juve in casa Comunque è già sicuro che lo stadio sarà diviso esattamente a metà tra le due società, ciascuna delle quali avrà a disposizione dei suoi tifosi una curva e la metà dei rispettivi rettilinei confinanti: all Olimpico ci saranno circa juventini e altrettanti napoletani. Il sorteggio ha decretato che la partita sarà Juventus-Napoli. Questo dà diritto ai bianconeri di scegliere la maglia (peraltro non ci sono problemi cromatici), la panchina, lo spogliatoio e l orario dell allenamento di rifinitura all Olimpico. Per l acquisto dei biglietti, avranno la prelazione i possessori della tessera del tifoso. Vista la fame di vittoria delle squadre e delle tifoserie, si sarebbe potuto riempire uno stadio della capienza doppia dell Olimpico. Le riunioni Oggi è in programma un incontro all Osservatorio per valutare il problema dell ordine pubblico: bisogna decidere la grandezza della zona cuscinetto che in Tribuna Tevere separerà le tifoserie. Il Coni proporrà di dare la Curva Nord ai napoletani e la Curva ud agli juventini. L ultima riunione è prevista lunedì in Lega. Il prezzo dei biglietti dovrebbe andare dai 30 ai 130 euro e si attende un incasso di 3 milioni circa da dividere tra le due società, spese escluse. Il tennis Fin d ora, comunque, parte forte e chiaro l invito a restare a casa per tutti coloro che saranno sprovvisti di biglietto. Il messaggio di Mazzarri («Ci sarà mezza Napoli a spingere la squadra») era naturalmente condizionato dalla gioia della qualificazione, ma è importante sapere che i controlli saranno rigorosi. enza biglietto non ci si potrà nemmeno avvicinare al Foro Italico, anche perché il 20 maggio è in programma la giornata conclusiva del Masters 1000 di tennis: alle 14 la finale femminile e alle 16 quella maschile. (ha collaborato Gianluca Monti)

13 VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 13

14 14 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 ERIE A LA CRII DELLA FIORENTINA IL PREIDENTE ONORARIO HA INCONTRATO LA QUADRA NEL RITIRO DI VIAREGGIO Della Valle a confronto col gruppo Jovetic sarà il jolly contro il Genoa Buone notizie da Jo-Jo. Il tecnico Rossi: «Come sto? Ve lo dirò domenica...» ALEANDRA GOZZINI VIAREGGIO (Lucca) Gli spot del carnevale ricordano che da qui è appena passata la festa, a Viareggio la Fiorentina tenta invece di tornare seria e di ritrovarsi, dopo essere sembrata la caricatura di sé stessa. Delio Rossi non ha mascherato la sua squadra, esposta ieri con il 4-4-2, nuovo tentativo tattico per dare ordine al gruppo. Più che la sistemazione, stavolta davvero conta lo spirito: per questo Andrea Della Valle, presidente onorario, è arrivato ieri in ritiro. Riunione Tra l arrivo («Come sto? Benissimo», anche se la faccia diceva l opposto) e l uscita dallo stadio («La squadra? L ho vista bene») ADV ha infilato un paio di colloqui con Rossi, prima in campo, poi dentro gli spogliatoi: un oretta di confronto nel quale si è argomentato su tutto, dalle questioni tecniche alle prossime tappe del programma viola. Alla domanda su come se la passi, concede Oggi la partenza per Genova, domani allenamento a Bogliasco una battuta anche l allenatore: «Vi devo rispondere? Bene è una parola grossa, come sto ve lo dirò domenica sera». La presenza del patron è il solito indice della vicinanza della proprietà alla squadra, con la quale Della Valle si è intrattenuto per parecchio tempo, anche prima dell arrivo del gruppo all allenamento contro il Montecatini; ADV, che si era esposto già sabato notte con le scuse alla città, ha voluto parlare con tutto il gruppo, con il quale si tratterà anche nelle prossime ore. Addominali In campo, mentre Rossi provava le riserve, Della Valle ha scambiato due parole con Jovetic: il presidente era seduto in panchina, Jo-Jo era disteso al suo fianco, con un impressionante esibizione finale di addominali; il ritorno di Jovetic dopo tre partite senza è forse la notizia migliore vista anche la buona forma mostrata nell amichevole (12 a 1 il finale). In generale l umore del gruppo sembra un po più sollevato (grandi risate nel torello iniziale): la squadra è attenta a tutto quello che sul proprio conto si dice in giro, e stavolta sembra davvero pronta a unirsi, almeno il gruppo dei senatori, per superare il complicatissimo momento. Oggi partenza per Genova, domani allenamento a Bogliasco. Ringraziamenti Anche Pantaleo Corvino ha vissuto momenti migliori, ma nonostante tutti i pensieri che lo circondano, ha voluto «sentitamente ringraziare tutte le persone che nel più difficile momento della mia vita mi hanno dimostrato vicinanza attraverso le loro condoglianze. Dimostrazione che il lavoro svolto con serietà, lealtà e dedizione crea alla fine un forte legame». Per la successione siamo ai soliti nomi: Lo Monaco fa sapere di essere «felice per l accostamento ai viola», gli altri spendibilissimi nomi restano quelli di Oriali e Leonardi. Ballardini licenziato per «giusta causa» E l ultima di Cellino L ex tecnico ha ricevuto dal Cagliari una lettera di richiamo, ma non sono chiari i motivi. C è un milione e mezzo in ballo y CHE CAO Davide Ballardini viene assunto al posto di Massimo Ficcadenti, che aveva sostituito Roberto Donadoni, prima del via, dopo dieci giornate. Esonero La pesantissima sconfitta, 6-3, subìta a Napoli dal Cagliari determina il nuovo esonero dell allenatore romagnolo alla ventisettesima giornata. Ficcadenti A questo punto, l 11 marzo, viene richiamato Massimo Ficcadenti che era ancora sotto contratto con la società rossoblù. i tratta del quarto cambio in stagione per il Cagliari. MARIO FRONGIA CAGLIARI Una lettera di licenziamento in tronco per una giusta causa tenuta segreta dal Cagliari. E l esonero nel dopo Napoli? Una mezza balla. La cacciata di Davide Ballardini e del suo staff, si tinge di giallo. Il tecnico di Ravenna - chiamato al posto di Ficcadenti lo scorso 9 settembre - lascia Cagliari il 12 marzo. Ma la storia non è nitida. Intrigo Per provare a capirla, va fatto qualche passo indietro. Dopo il 6-3 di Napoli, terza sconfitta di fila dopo Lecce e iena, è chiaro che qualcosa non va. Intanto, fin dal 3-0 del «Franchi» con i senesi, i nervi tra tecnico e presidente sono tesi. Dessena terzino, difesa a tre, bocciatura di Perico, Cossu non al top, prima trequartista e poi regista, fanno infuriare il patron. Motivi tattici, vedute diverse. Tutto normale? No. Nel dopo Napoli, altre scelte (Cossu e Nenè zero minuti) fanno crollare la situazione. La squadra non reagisce. Cellino sente Ficcadenti, ancora a libro paga, e, con uno strano via vai di news sul sito, «sospende» Ballardini. Il termine è inconsueto. Forse è tra sabato 10 e domenica 11 che emerge qualcosa di anomalo. Un quid che, evidentemente, va oltre moduli e giocatori. «Non ho nulla da commentare. Grazie e buonasera» sibila il tecnico, ieri in tribuna per seguire il figlio che gioca nei ragazzi del Cesena. Le parole del vulcanico presidente: «inceramente non so nemmeno quale sia la procedura adottata con Ballardini, ma il licenziamento per giusta causa per me non è una novità: l ho già fatto con onetti». Che cadde per una spigola da quattro chili. UN ALTRO EX CONTRO IL PATRON ROOBLU onetti: «Cellino è inqualificabile Una volta mi contestò una spigola» «Cellino si diverte a rompere le scatole alla gente». Nedo onetti, toscano dalla battuta pronta, è stato a Cagliari due volte: «Cellino è una persona inqualificabile. Mi licenziò per giusta causa? e lo dice lui. Una volta mi mandò una lettera per contestarmi che una sera avevo mangiato una spigola da quattro chili». A raffica Da onetti a Donadoni. L'ex ct salta per non essersi fatto reperire alla convocazione: era su un volo per gli tates. Poi, con l approdo a Parma, la storia si chiude. Ma ora, su Ballardini, Cellino non spiega. E rimanda ai legali: «Loro sanno ogni cosa. Comunque, a me di Ballardini non importa niente: siamo praticamente senza stadio, in emergenza perenne». tando all Unione arda, dopo la lettera di richiamo, Ballardini, venerdì scorso riceve la notifica del licenziamento in tronco. ulla questione pare sia stato coinvolto l Ufficio territoriale del lavoro di Cagliari. ugli scenari c è il no comment del legale rossoblù, Mattia Grassani. Insomma, tra patron e allenatore che nel 2008 ha salvato la squadra, volano gli stracci. Con tanto denaro in ballo. Ballardini ha un biennale: 800 mila euro quest anno, un milione la prossima stagione. Un fatto non secondario se Cellino, alla richiamata di Ficcadenti, dice: «Mi aspetto faccia quello per cui è pagato. Ovvero, allenare la squadra, altri non fanno neanche quello». In serata, il patron replica a Ulivieri, numero uno dell Asso allenatori ed ex tecnico del Cagliari: «a come vanno queste cose. A suo tempo, fui leale a non esonerarlo. L allenatore ha ancora un anno di contratto. Il patron: «Di lui non mi importa nulla» DAVIDE BALLARDINI 48 ANNI, ALLENATORE Poi, rimango uno dei grandi benefattori della sua categoria». La vicenda è agli albori. La sostanza della querelle è economica. Ma non solo. Ora, Ballardini può ricorrere al Tribunale del Lavoro. Ma se il licenziamento fosse ritenuto valido, il contratto decade dal giorno della lettera. E senza indennizzi. Intanto, il Cagliari sembra aver già stoppato gli stipendi. Una lettera di richiamo potrebbe non bastare per la «giusta causa». L atto richiede una colpa grave. L'idea è che ci sia di più e di più pesante. La palla passa al giudice. d HA DETTO Ulivieri Non ho parlato con Ballardini e quindi non conosco bene la situazione. Di certo la legge 91 sul professionismo specifica che le norme sui licenziamenti individuali, contenute nella legge 604, escludono l ordinamento sportivo. Quindi, a meno che non sia successo qualcosa di gravissimo, il tribunale invaliderà il provvedimento. 3domande a... VITTORIO RIGO di CARLO LAUDIA «L articolo 18 fuori dallo sport Ma serve l okay per il tribunale» L avvocato Vittorio Rigo, esperto in diritto sportivo, ci aiuta a chiarire i temi posti dal caso-ballardini. Il licenziamento per giusta causa si presta a più osservazioni 1 Che differenza c è tra esonero e licenziamento di un tecnico? «Con l esonero l allenatore viene sollevato dall incarico affidatogli senza tuttavia che venga meno il rapporto di lavoro e il relativo obbligo retributivo a carico della società. Con il licenziamento invece la società comunica al tesserato la decisione di interrompere in via definitiva il rapporto di lavoro». 2 L articolo 18 dello statuto dei lavoratori viene applicato nel calcio? «La legge 91 del 1981 esclude l applicabilità dell articolo 18 dello tatuto dei Lavoratori agli sportivi professionisti per i quali non valgono le tutele contro i licenziamenti individuali. Il licenziamento disciplinare, ovvero giustificato dalla violazione da parte dell allenatore dei propri doveri, è già previsto dall Accordo Collettivo degli allenatori professionisti quale estrema misura che può essere adottata solo dal Collegio Arbitrale su richiesta della società». 3 Come può un club rivolgersi a un tribunale civile? «Una società sportiva per ricorrere alla giustizia ordinaria contro un suo tesserato deve essere espressamente autorizzata dalla Figc come previsto dall articolo 30 dello tatuto della Figc che prevede sanzioni molto severe a carico di chi non rispetta tale disposizione».

15 ERIE A L INTERVITA VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 15 LE QUATTRO PERLE DELL AEROPLANINO CATANIA-JUVE 1-1 CATANIA-INTER 2-1 Bergessio fa sognare, Krasic lo raggiunge Battuta la prima grande: Lodi, rigore decisivo Il 25/9, 5 a giornata, Montella coglie la prima vera soddisfazione: Il 16/10, 7 a giornata, grande gioia: battuta l inter 2-1. La rete ferma la Juve. Apre Bergessio (foto), Krasic pareggia FOTOPRE decisiva, dopo Cambiasso e Almiron, è di Lodi (foto) su rigore EPA CATANIA-NAPOLI 2-1 econda testa eccellente: sorpasso Bergessio 30/10, 10 a giornata: al Massimino cade anche il Napoli. Cavani illude gli azzurri, di Marchese e Bergessio (foto) il sorpasso ANA CATANIA-PALERMO 2-0 Trionfo anche nel derby con Lodi e Maxi Lopez 18/12, 16 a giornata. I Montella boys si confermano grandi in casa con il derby. Gol di Lodi e Maxi Lopez (foto) su rigore LAPREE MONTELLA NON TOP v identikit & CARRIERA DAL NOTRO INVIATO FRANCECO CARUO MACALUCIA (Catania) Vincenzo Montella è un anglosassone nato per sbaglio a Napoli: puntuale come pochi, mai esagerato e folcloristico, armato di un ironia sottile. Legato però alla sua terra come alle sue origini, figlio di un falegname che ringrazia per l educazione che gli ha permesso di essere quello che oggi è. A Catania vive sul mare, frequenta i soliti 2 ristoranti. Appassionato di montagna, è già salito sull Etna, ma a fine campionato vuole conquistare la cima. Con un piccolo rimpianto: «Non so sciare, ma chissà che prima o poi non impari». L anno prossimo giura che resterà a Catania, Europa League o meno. Montella, sorpreso o frastornato da tanto clamore? «Magari non proprio così tanto, ma ero convinto che avremmo fatto bene. Il resto è consequenziale, anche se io ho uno strano carattere: non riesco a godere appieno dei successi, da calciatore è stata la mia fortuna perché mi ha impedito di adagiarmi sugli allori». Che differenza c è fra l esultanza dell aeroplanino e quella più contenuta del tecnico? «Pure da giocatore ero moderato nei festeggiamenti, solo 2 volte sono andato sotto la curva dell Olimpico nonostante avessi un rapporto molto intenso con gli ultrà». Ha mai ripensato a una lite con un tecnico dandosi dello sciocco, col senno di poi? «Ho avuto qualche dissapore, ma sempre con civiltà». Anche quella volta che a Napoli scalciò una bottiglietta contro Capello? «Guardavo lui, ma tirai in un altra direzione e in quel momento era giusto farlo». Cosa le aveva fatto Capello per meritare la sua reazione? «Mi aveva preso in giro per un ora dicendomi che sarei entrato». Quali sono i marchi di napoletanità che preferisce? «Eduardo, Totò, ma anche alemme per l intelligenza, l'aristocrazia e la cultura che sanno esprimere». Teatro o cinema? «Totti, poi Catania In me crescono il tecnico e l uomo» «Anche da giocatore non mi sono mai adagiato sugli allori. Nel calcio vorrei un po più d ironia» «Teatro, ma non troppo impegnativo, a parte "Miseria e Nobiltà" del Principe Totò». Libri o musica? «Preferisco leggere, anche se ultimamente sono molto preso dalla lettura calcistica. Nei ritagli di tempo sto leggendo l Elogio della follia di Erasmo da Rotterdam. Impegnativo e affascinante». Piccoli sfizi, passioni, hobby? «Avevo una barca che tenevo ad Ischia, ora non ce l ho più perché da 2 anni non faccio vacanze. E quest anno lo stesso: mia moglie partorirà ad agosto, un maschio». Che cosa pensa della Missione Paradiso di Legrottaglie? «celta rispettabile di un ragazzo equilibrato, che non impone nulla a nessuno». Il suo rapporto con la fede? «ono cattolico, mi è stato inculcato da mamma Giuseppina che da un anno non c è più. Mi costringeva ad andare a messa e io ogni tanto la ingannavo perché entravo solo alla fine, prima e dopo giocavo a pallone». Tempo fa lei disse che Kosicky doveva diventare più cattivo, brutto messaggio, no? «ì, è vero a volte abusiamo di questo termine, meglio parlare di furore, non di cattiveria». É difficile evitare le proteste arbitrali? «Me lo sono imposto anche se a volte può far comodo. Bisogna sforzarsi di dare esempi positivi ai ragazzi. Una volta mio figlio, a 3 anni, si levò la maglia dopo un gol». Più facile educare i figli di un falegname o quelli di un uomo di calcio ricco e famoso? «Penso quelli di un falegname perché l esempio è fondamentale e per un calciatore è più difficile, ma credo lo sia per tutti». Cosa cambierebbe dell Italia? «Avvicinerei la politica ai cittadini, oggi le distanze mi sembrano eccessive, anche il linguaggio mi appare molto lontano dalla gente». Lippi sostiene che lei dovrebbe migliorare nella gestione dei cambi, d accordo? «e lo dice lui, bisogna credergli. Forse se avessi saputo in anticipo come sarebbe finita, avrei fatto altre scelte». Il suo rapporto con le bugie? «ono abbastanza sincero, preferisco una scomoda verità, non credo nelle bugie salutari, al limite pecco di omissione». Come definisce la sua carriera calcistica? «Gratificante e difficile per i tanti interventi chirurgici, ma ho ricevuto molto». La batosta sportiva che non dimenticherà? «La sconfitta contro la Francia nella finale dell Europeo 2000, quando fummo raggiunti all ultimo minuto perdendo ai supplementari». La batosta che nella vita non vorrebbe mai prendere? «Le difficoltà nei rapporti con moglie e figli, la famiglia per me sta al primo posto». Cosa cambierebbe del calcio «La sua grande fede? celta rispettabile di un ragazzo equilibrato» U LEGROTTAGLIE «UN RAGAZZO EQUILIBRATO» odierno? «Azzererei le polemiche e aumenterei l ironia». Nelle prime 2 gare con la Roma escluse Totti: un messaggio? «ì, un segnale per far capire che tutti erano uguali». Il 2 luglio 2009 l Aeroplanino atterra: quanta fatica è costata la scelta di smettere di giocare? «Tre giorni di insonnia. Non volevo finire come certi campioni fischiati in periferia». Il sogno? «Continuare a sognare, senza porre limiti ai sogni». 4 I NUMERI 3 I trofei vinti da giocatore. Uno scudetto ( ) e una upercoppa italiana (2001) con la Roma, e un torneo anglo-italiano col Genoa ( ). 2 I campionati in serie A per Montella: 13 partite con la Roma nella passata stagione, quindi al Catania nel ; 41 le panchine in campionato con un bilancio di 17 vittorie, 14 pareggi e 10 sconfitte. 280 I minuti senza prendere gol per il Catania; porta imbattuta nelle ultime 3 gare: 0-0 a Cesena, quindi le due vittorie interne per 1-0 su Fiorentina e Lazio. 41 I punti in classifica per il Catania, un record dopo 28 turni di campionato (da quando è tornato in A al massimo ne aveva raccolti 34, nel ).

16 16 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 ERIE A LA GUIDA 29 a GIORNATA La Classifica QUADRE PT PARTITE RETI G V N P F MILAN JUVENTU LAZIO NAPOLI UDINEE ROMA INTER CATANIA BOLOGNA PALERMO CHIEVO ATALANTA* CAGLIARI GENOA IENA FIORENTINA PARMA LECCE NOVARA CEENA CHAMPION PRELIMINARI CHAMPION EUROPA LEAGUE RETROCEIONE La classifica tiene conto di quest ordine preferenziale: 1) punti; 2) a parità di partite giocate, la differenza reti; 3) numero di gol segnati. *Atalanta ha sei punti di penalizzazione MILAN ( ) ROMA ( ) DOMANI h 18ARBITRO Mazzoleni (3-2) ABBIATI BONERA MEXE THIAGO ILVA MEBAH AQUILANI VAN BOMMEL NOCERINO 28 EMANUELON IBRAHIMOVIC EL HAARAW 9 OVALDO 10 TOTTI 31 BORINI PJANIC DE ROI GAGO JOÈ ANGEL HEINZE KJAER TADDEI 24 TEKELENBURG PANCHINA 1 Amelia, 13 Nesta, 76 Yepes, 19 Zambrotta, 10 eedorf, 27 Boateng, 21 Maxi Lopez. ALL. Allegri. BALLOTTAGGI El haarawy-maxi Lopez 70-30%. QUALIFICATI Antonini (1). DIFFIDATI Mesbah, Bonera, eedorf, Aquilani, Muntari. INDIPONIBILI Cassano e Pato (da valutare), trasser (25 giorni), Inzaghi (20 gg), Flamini (10 gg), Abate (10 gg). PANCHINA 1 Lobont, 85 Rosi, 2 Cicinho, 23 Greco, 7 Marquinho, 8 Lamela, 14 Bojan. ALLENATORE Luis Enrique. BALLOTTAGGI Josè Angel-Rosi 60-40%, Gago-Marquinho-Greco %. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Cassetti, Juan, Heinze. INDIPONIBILI Burdisso (70 giorni), Juan (60 giorni), Cassetti (7 giorni). PALERMO ( ) UDINEE ( ) DOMANI ARBITRO Damato (0-1) 1 VIVIANO PIANO LABRIN MANTOVANI BALZARETTI ACQUAH DONATI BARRETO ILICIC 10 HERNANDEZ MICCOLI 10 DI NATALE 23 ABDI 26 AAMOAH 20 4 PINZI PAQUALE PAZIENZA PEREYRA 24 EKTRAND 5 DANILO 16 CODA HANDANOVIC 1 PANCHINA 33 Tzorvas, 13 Aguirregaray, 7 Della Rocca, 21 Bacinovic, 17 Vazquez, 16 Zahavi, 19 Budan. ALLENATORE Mutti. BALLOTTAGGI Acquah-Della Rocca 60-40%. QUALIFICATI Munoz (1), Bertolo (3). DIFFIDATI Hernandez, ilvestre, Donati, Bertolo. INDIPONIBILI ilvestre (10 giorni), Migliaccio (20 giorni). PANCHINA 21 Padelli, 32 Ferronetti, 8 Basta, 27 Armero, 6 Fernandes, 25 Torje, 9 Barreto. ALL. Guidolin. BALLOT. Ekstrand-Ferronetti 60%-40%, Pereyra-Basta 60%-40%, Pasquale-Armero 70%-30%, Abdi-Barreto 70-30%. QUAL. Floro Flores (2), Domizzi (1), Fabbrini (1). DIFFID. Isla, Ekstrand, Fernandes, Asamoah, Pazienza, Benatia, Floro Flores. INDIP. Isla (st. fin.), Badu (30 gg). ATALANTA (4-4-2) BOLOGNA ( ) DOMENICA ARB. Baracani (1-3) 47 CONIGLI RAIMONDI 77 2 MANFREDINI 5 13 TENDARDO PELUO CHELOTTO CIGARINI CARMONA CARMONA GABBIADINI TIRIBOCCHI 9 DI VAIO 23 DIAMANTI 33 KONE 3 MORLEO 26 MUDINGAYI 15 PEREZ 13 PULZETTI ANTONON PORTANOVA RAGGI GILLET 1 PANCHINA 78 Frezzolini, 3 Lucchini, 32 Ferri, 44 Cazzola, 18 Carrozza, 10 Bonaventura, 79 Ferreira Pinto. ALLENATORE Colantuono. BALLOTTAGGI Tiribocchi-Carrozza 60-40%. QUALIFICATI Doni (febbraio 2015). DIFFIDATI Bellini, Capelli, Consigli, Denis. INDIPONIBILI Capelli (stag. finita), Marilungo (stag. finita), Brighi (40 giorni), Denis (20 gg), Bellini (1 sett.). PANCHINA 25 Agliardi, 21 Cherubin, 48 Rubin, 75 Crespo, 4 Krhin, 6 Taider, 99 Acquafresca. ALLENATORE Pioli. BALLOTTAGGI Morleo-Rubin 60-40%, Kone-Taider 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Di Vaio, Kone, Mudingayi, Portanova, Raggi e Ramirez. INDIPONIBILI Ramirez (3 gg.), Garics (20 gg.), Casarini (stagione finita). CEENA ( ) PARMA (3-5-2) DOMENICA ore 15 ARBITRO Celi (0-2) 1 ANTONIOLI COMOTTO MORA RODRIGUEZ LAURO T. ARRIGONI DJOKOVIC MARTINHO 31 DEL NERO RENNELLA MUTU 10 GIOVINCO 11 FLOCCARI GALLOPPA 23 8 MODETO 17 VALDE 6 29 LUCARELLI PALETTA MIRANTE 83 MORRONE 4 7 BIABIANY 33 ANTACROCE PANCHINA 88 Ravaglia, 25 Von Bergen, 28 Benalouane, 33 Pudil, 77 Ceccarelli, 7 antana, 17 Malonga. ALL. Beretta. BALLOTTAGGI Rodriguez-Von Bergen 80-20%, Del Nero-antana 80-20%. QUALIFICATI Rossi (1), Colucci (1). DIFFIDATI Guana, Mutu, Rodriguez, antana e Von Bergen. INDIPONIBILI Iaquinta (20 giorni), Guana (20 gg.), Parolo (3 gg), Martinez (30 gg). PANCHINA 1 Pavarini, 19 Ferrario, 18 Gobbi, 2 Jonathan, 80 Valiani, 24 Musacci, 21 Okaka. ALL. Donadoni. BALLOTTAGGI Valdes-Musacci 55-45%, Floccari-Okaka 55-45%, Biabiany-Jonathan 60-40%, Morrone-Valiani 55-45%. QUALIFICATI Zaccardo (1). DIFFIDATI Biabiany. INDIPONIBILI Palladino, Mariga (da verificare). CHIEVO ( ) IENA (4-4-2) DOMENICA h 15ARBITRO Doveri (1-4) 54 ORRENTINO FREY ANDREOLLI ACERBI DRAMÉ AMMARCO BRADLEY HETEMAJ 77 THEREAU PALOCHI PELLIIER 81 BOGDANI 22 DETRO BRIENZA GAZZI VERGAOLA GIORGI DEL GROO ROETTINI PEOLI PEGOLO 25 2 VITIELLO PANCHINA 17 Puggioni, 12 Cesar, 29 Dainelli, 25 Vacek, 8 Cruzado, 9 Moscardelli, 90 Uribe. ALLENATORE Di Carlo. BALLOTTAGGI Paloschi-Moscardelli 60-40%, ammarco-vacek 55-45%. QUALIFICATI Rigoni (1), Luciano (1). DIFFIDATI Mandelli, ammarco, Dainelli, ardo, Andreolli. INDIPONIBILI Gulan (campionato finito), Morero (5 giorni). PANCHINA 1 Brkic 6 Angelo, 15 Belmonte, 55 Parravicini, 70 Mannini, 17 Grossi, 18 Gonzalez. ALLENATORE annino. BALLOTTAGGI Gazzi-Parravicini 60-40%, Giorgi-Mannini 60-40%. QUALIFICATI Terzi (1). DIFFIDATI Rossi, Destro, Brienza. INDIPONIBILI D'Agostino (7 giorni), Bolzoni (7 giorni), Calaiò (stagione finita). MARCATORI 20 RETI: Ibrahimovic (7) (Milan) 19 RETI: Di Natale (3) (Udinese) 18 RETI: Cavani (2) (Napoli) 15 RETI: Denis (3) (Atalanta) 14 RETI: Palacio (2) (Genoa); Milito (3) (Inter) 13 RETI: Klose (Lazio) 12 RETI: Jovetic (4) (Fiorentina) 11 RETI: Miccoli (1) (Palermo); Calaiò (4) (iena) 10 RETI: Di Vaio (1) (Bologna); Matri (Juventus); Giovinco (4) (Parma) 9 RETI: Nocerino (Milan); Borini (Roma) GENOA ( ) FIORENTINA (4-4-2) DOMENICA h15arbitro Brighi (0-1) 1 FREY METO CARVALHO KALADZE MORETTI ROI VELOO BIONDINI 6 BELLUCHI 8 82 PALACIO GILARDINO 11 AMAURI 8 JOVETIC VARGA LAZZARI MONTOLIVO BEHRAMI PAQUAL NATALI BORUC GAMBERINI CAANI LAZIO ( ) CAGLIARI ( ) DOMENICA 15 ARBITRO Peruzzo (3-0) MARCHETTI KONKO DIAKITE BIAVA RADU GONZALEZ LEDEMA BROCCHI 6 MAURI 18 9 KOZAK ROCCHI 23 IBARBO 7 COU 51 PINILLA 4 NAINGGOLAN 5 CONTI 20 EKDAL 31 AGOTINI 13 ATORI 3 ARIAUDO 14 PIANO AGAZZI 1 NAPOLI ( ) CATANIA (4-3-3) DOMENICA 15 ARB. Gervasoni (1-2) FERNANDEZ CANNAVARO ZUNIGA DZ I INLER DOENA HAMIK 7 LAVEZZI CAVANI BARRIENTO BERGEIO GOMEZ 4 ALMIRON MARCHEE LODI POLLI CARRIZO 20 1 DE ANCTI LEGROTTAGLIE 6 85 BRITO 13 IZCO 14 BELLUCI NOVARA (5-3-2) LECCE (3-5-2) DOMENICA ore 15 ARBITRO Guida (1-1) 14 MORGANELLA LIUZZO 4 1 UJKANI 24 PACI GARCIA 28 3 GEMITI PORCARI PECE RIGONI CARACCIOLO JEDA 24 MURIEL 17 DI MICHELE BERTOLACCI DELVECCHIO BRIVIO GIACOMAZZI CUADRADO EPOITO MIGLIONICO TOMOVIC BENAI 81 JUVENTU (4-3-3) INTER (4-4-2) DOMENICA ARB. De Marco (2-1) 4 19 CACERE BONUCCI 22 VIDAL 7 PEPE 9 FORLAN 20 OBI 18 POLI NAGATOMO AMUEL 1 JULIO CEAR 1 BUFFON 3 CHIELLINI 21 PIRLO 32 MATRI 22 MILITO 5 4 TANKOVIC ZANETTI 6 LUCIO 11 DE CEGLIE 8 MARCHIIO 14 VUCINIC 13 MAICON Zlatan Ibrahimovic, 30 anni FORTE PROIMO TURNO 30 a GIORNATA abato 31 marzo CATANIA-MILAN (ore 18) (0-4) PARMA-LAZIO (ore 20.45) (0-1) Domenica 1 aprile, ore 15 ROMA-NOVARA (ore 12.30) (2-0) BOLOGNA-PALERMO (1-3) CAGLIARI-ATALANTA (0-1) FIORENTINA-CHIEVO (0-1) INTER-GENOA (1-0) LECCE-CEENA (1-0) IENA-UDINEE (ore 20.45) (1-2) JUVENTU-NAPOLI (ore 20.45) (3-3) PANCHINA 22 Lupatelli, 36 ampirisi, 18 Alhassan, 10 Birsa, 19 Jorquera, 9 Zé Eduardo, 81 culli. ALLENATORE Marino. BALLOTTAGGI nessuno. QUALIFICATI Jankovic (1). DIFFIDATI Granqvist, Rossi, Kucka. INDIPONIBILI Bovo (10 giorni), Antonelli (15 giorni), Granqvist (45 giorni), Kucka (30 giorni), Constant (20 giorni). PANCHINA 89 Neto, 15 Nastasic, 29 De ilvestri, 13 Kharja, 10 Olivera, 32 Marchionni, 22 Ljajic. ALLENATORE Rossi. BALLOTTAGGI Behrami-Kharja 60-40%. QUALIFICATI Cerci (3). DIFFIDATI Montolivo, Amauri. INDIPONIBILI Kroldrup (20 giorni), Felipe (10 giorni). PANCHINA 1 Bizzarri, 78 Zauri, 27 Cana, 5 caloni, 87 Candreva, 8 Hernanes, 30 Alfaro. ALL. Lopez (Reja squalificato). BALLOTTAGGI Konko-caloni %, Kozak-Alfaro %, Mauri-Hernanes %. QUALIFICATI Dias (1), Matuzalem (1). DIFFIDATI Candreva, Diakite, Hernanes, Mauri, Radu. INDIPONIBILI Garrido (5 gg.), Klose (10), Lulic (30), tankevicius (15). PANCHINA 25 Avramov, 24 Perico, 2 Gozzi, 32 Ceppelini, 9 Larrivey, 18 Nenè, 19 Thiago Ribeiro. ALLENATORE Ficcadenti. BALLOTTAGGI Ibarbo-Thiago Ribeiro 60-40%. QUALIFICATI Canini (1). DIFFIDATI Agostini, Astori, Agazzi, Pisano, Ariaudo. INDIPONIBILI Dessena (45 giorni), El Kabir (10 gg), Rui ampaio (20 gg), Eriksson (30 gg). PANCHINA 83 Rosati, 2 Grava, 14 Campagnaro, 6 Aronica, 23 Gargano, 29 Pandev, 16 Vargas. ALL. Mazzarri. BALLOTTAGGI Fernandez-Grava 55-45%, Cannavaro-Aronica 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Inler, Zuniga, Britos, Gargano, Aronica, Cavani. INDIPONIBILI Donadel (50 giorni), Maggio (10 giorni). PANCHINA 1 Kosicky, 33 Capuano, 16 Llama, 8 eymour, 19 Ricchiuti, 22 Ebagua, 32 Catellani. ALLENATORE Montella. BALLOTTAGGI Barrientos-Catellani 60-40% Almiron-eymour 60-40%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Lodi, Izco e Potenza. INDIPONIBILI Potenza (stagione finita), Biagianti e Motta (da definire). PANCHINA 31 Fontana, 30 Centurioni, 77 Rinaudo, 23 Radovanovic, 21 Mazzarani, 11 Morimoto, 25 Mascara. ALL. Tesser. BALLOTTAGGI Porcari Radovanovic 60-40%, Paci Centurioni 60-40%, Caracciolo Mascara 70-30%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Marianini, Morimoto, Rigoni. INDIPONIBILI Marianini (7 giorni), Ludi (10 giorni), Da ilva (20 giorni). PANCHINA 25 Petrachi, 3 Di Matteo, 6 Giandonato, 26 Blasi, 22 Piatti, 9 Corvia, 10 Bojinov. ALLENATORE Cosmi. BALLOTTAGGI Delvecchio-Blasi 60-40%. QUALIFICATI Oddo (1). DIFFIDATI Corvia, Esposito, Muriel, Carrozzieri, Brivio. INDIPONIBILI Julio ergio (stagione finita), Carrozzieri (15 giorni). PANCHINA 30 torari, 15 Barzagli, 20 Padoin, 24 Giaccherini, 10 Del Piero, 23 Borriello, 18 Quagliarella. ALLENATORE Conte. BALLOTTAGGI De Ceglie-Barzagli 60-40%. QUALIFICATI Lichtsteiner (1). DIFFIDATI Giaccherini, Barzagli e Matri. INDIPONIBILI nessuno. PANCHINA 12 Castellazzi, 23 Ranocchia, 6 Chivu, 37 Faraoni, 19 Cambiasso, 7 Pazzini, 28 Zarate. ALLENATORE Ranieri. BALLOTTAGGI tankovic-cambiasso 60-40%, Forlan-Pazzini 65-35%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Lucio, amuel, neijder. INDIPONIBILI Alvarez (7 giorni), neijder (5 gg). IL K.O. DELL URUGUAIANO È MENO GRAVE DEL PREVITO, MA DOMENICA PIOLI POTREBBE AFFIDARI AL GRECO Ramirez, pericolo scongiurato Il Bologna pesca il jolly Kone NICOLA ZANARINI BOLOGNA Il Bologna tira un sospiro di sollievo per Gaston Ramirez. L uruguaiano aveva preoccupato tutti mercoledì scorso uscendo zoppicante e tra urla di dolore per una distorsione rimediata durante una partitella in famiglia a Casteldebole. Gli esami effettuati ieri sulla sua caviglia sinistra non hanno però evidenziato lesioni e il Niño rossoblù se l è cavata con una fasciatura. Il trequartista cammina già sulle sue gambe, anche se è molto improbabile un recupero-lampo per la gara dell ora di pranzo di Bergamo. Jolly Domenica contro l Atalanta al fianco di Alessandro Diamanti toccherà a Panagiotis Kone; proprio l altro giorno prima dell infortunio di Ramirez il centrocampista greco si era lamentato per il suo impiego da jolly e per il poco spazio concessogli di recente dal tecnico Pioli, che nella ripresa contro il Chievo lo ha schierato nell inedita posizione di esterno destro. Nell amichevole di ieri con il Castel an Pietro il numero 33 ellenico è stato provato sulla trequarti e ha anche segnato un gol nel 7-1 rifilato alla squadra del campionato d Eccellenza. Da segnalare inoltre il primo centro di Belfodil dall arrivo dell attaccante francese a gennaio e uno strepitoso sinistro nel sette di Diego Perez, che dopo due stagioni in Emilia è ancora a secco di reti in gare ufficiali. Ieri sono andati a segno anche Acquafresca, Diamanti e Di Vaio mentre gli ospiti si sono fatti vedere con un autogol e con il punto della bandiera firmato da Mariani. Il test del giovedì è stato programmato alle in previsione del match in programma all ora di pranzo allo stadio Atleti Azzurri d Italia. Il programma Oggi i rossoblù si rimetteranno al lavoro in mattinata allo stadio Dall Ara dopo aver fatto un abbondante colazione e la tabella di marcia sarà anticipata anche domani, nel giorno della rifinitura e della partenza in pullman. A Bergamo il Bologna vuole ottenere il dodicesimo risultato utile in 13 gare disputate nel 2012 e mantenere un imbattibilità in trasferta che dura da 5 partite e dal 18 dicembre scorso. Intanto sul sito del club, Taider ha risposto alle domande dei tifosi. «Ora penso solo ad allenarmi e a giocare, non a dove sarò il prossimo anno perché giugno lontano e prima c è da salvarsi» ha scritto il centrocampista franco-algerino in comproprietà con la Juventus. Taccuino DIRITTI TV Napoli e Roma, ricorso inammissibile La Corte di giustizia federale ha giudicato «inammissibile» il ri corso di Napoli e Roma, che aveva no contestato la delibera della Le ga del 7 novembre scorso sulla ri partizione dei proventi tv della sta gione I due club non aveva no condiviso il compromesso rag giunto tra big e medio piccole sulla lunga battaglia sui bacini d'utenza e la loro definizione (in ballo circa 200 milioni della torta complessi va). ATALANTA Marilungo operato Tornerà tra 5-6 mesi (g.m.) Intervento riuscito per Marilungo. L operazione per la ricostruzione del legamento crocia to anteriore del ginocchio destro è stata eseguita dal prof. Cerulli. Ma rilungo tornerà tra 5 6 mesi. UNDER 15 Memorial De Marchi Oggi Italia-vizzera (a.fr.) A acile (Pn) l Italia U15 ha sconfitto 1 0 la Russia (rigo re di Trani) e oggi (ore 14.30), a Por denone, con la vizzera, basta un pari per vincere il memorial De Mar chi. DONNE Euro 2012 in Turchia L Under 19 al lavoro (f.sal.) econda fase delle qualificazioni europee a ochi (31 marzo 5 aprile) per l Under 19. Da lunedì raduno a Roma. Le date: pagna (31 marzo), cozia (2 apri le) e Russia (5 aprile).

17 LECCE Il colombiano in prestito dall Udinese è uomo mercato Muriel sarà spagnolo, così farà ancora più gola... GIUEPPE CALVI LECCE Un altro blitz in pagna, lunedì scorso, per preparare l affare che verrà. Velocissimo palla al piede, Luis Fernando Muriel, 5 gol in campionato con il Lecce, prova a essere rapido anche nel disbrigo della pratica per ottenere il passaporto comunitario. L attaccante colombiano, 21 anni da compiere il 18 aprile, ha avviato da tempo, sotto la saggia regia dell Udinese, la procedura per acquisire la cittadinanza spagnola. fruttando il periodo di residenza a Granada, dove ha giocato nella stagione nel club di proprietà della famiglia Pozzo, Muriel ha inoltrato la richiesta per diventare cittadino spagnolo. Agevolato dalle sue origini di un paese dell America Latina, il giocatore potrebbe risolvere la pratica anche entro quest anno. Destinato a rientrare alla casa madre Udinese a giugno tesserato dal Lecce ad agosto, la società bianconera lo ha «acquistato» a gennaio l attaccante continuerà a crescere nella squadra di Guidolin. Gino Pozzo VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT stravede per Muriel, ormai nel mirino di Barcellona, Arsenal, Milan, Roma e Napoli. In prospettiva, lo status di comunitario renderebbe più appetibile sul mercato europeo il cartellino del colombiano. Il percorso tracciato per lui dall Udinese è simile a quello del cileno Alexis anchez, acquistato e lasciato maturare in patria: poi l exploit con Guidolin e la cessione milionaria al Barcellona. Appunto, Muriel e un altra pagna da sognare Udinese FRANCECO VELLUZZI MILANO Barreto si scalda Abdi è una garanzia Lo svizzero può ricoprire più ruoli E Basta è tornato in gruppo Francesco Guidolin ama le sorprese. Il rebus della settimana è legato all uomo che farà coppia con Totò Di Natale in attacco domani sera a Palermo. Fabbrini è squalificato per un turno, Floro Flores addirittura per due. La notizia più confortante della giornata è il pieno ritorno in gruppo di Dusan Basta (ha svolto quasi tutto l allenamento) che contende all ottimo Pereyra la maglia da titolare sulla corsia di destra. Abdi o Barreto Con la fascia destra, quella che determina la maggior parte dei gol di Di Natale, quasi a posto (Isla per questa stagione è perso), c è da risolvere la situazione davanti. In questi giorni Vitor Barreto si è mosso benissimo e il tecnico lo ha tenuto in gran considerazione. Già a Novara, dove fu lanciato nell assalto finale, l attaccante di Rio si era sbattuto con grande impegno. Ma Guidolin potrebbe anche andare sul sicuro e giocare col modulo a lui più congeniale con Almen Abdi nel ruolo di Fabbrini, cioè punta di affiancamento. Lo svizzero-kosovaro agisce meglio da mezzala, ma si adatta a qualsiasi soluzione. Oggi il dubbio verrà sciolto. Almen Abdi, 25 anni, 17 presenze e 652 minuti LAPREE Chievo GIANCARLO TAVAN VERONA Fedeltà orrentino: chiuderà in gialloblù Dopo tanti trasferimenti sfumati il portiere vuole restare al Chievo tefano orrentino viaggia verso il 33º compleanno e vede solo gialloblù nel futuro. «ono pronto ha detto nei giorni scorsi a firmare a vita per il Chievo». Forse non è un caso che l annuncio arrivi alla vigilia di una gara, quella col iena, che al Chievo non porta granché bene. Un segnale forte, da vero leader. «Alla mia età bisogna programmare bene il futuro spiega il portiere del Chievo. Il presidente Campedelli in estate mi disse che potevo firmare per dieci anni. Ecco, 43 sarebbero forse un po troppi, ma fino a 40 penso di arrivarci e sono disponibile ad indossare la maglia gialloblù, a dare tutto per il Chievo. E insieme mi auguro che miglioreremo ancora. Il mio obiettivo è tornare in Europa con questa maglia». embrano lontanissimi i giorni del possibile passaggio al Palermo, il faccia a faccia con la società, i fischi dei tifosi. orrentino si toglie dal mercato e fin da domenica cercherà di mettere il primo mattone del suo progetto: non far segnare Destro che gli ha già dato tanti dispiaceri. «e giochiamo come le ultime gare conclude possiamo vincere». Lazio, altra botta Klose si è stirato Infortunio per il tedesco, da ieri a Monaco di Baviera per curarsi: salta Cagliari e Parma Lazio TEFANO CIERI ROMA Uno scatto per inseguire un avversario e zac, una fitta improvvisa. Miro Klose si è fermato subito, ma il danno ormai era fatto. i è bloccato, il tedesco di ghiaccio. E si è bloccato proprio nel momento decisivo della stagione della Lazio. E accaduto ieri pomeriggio a Formello nel corso della partitella in famiglia con gli Allievi nazionali allenati da imone Inzaghi. La prima diagnosi parla di sospetta contrattura ai flessori della coscia sinistra. Ma dietro l ufficialità c è la quasi certezza che si tratta invece di qualcosa di più grave, uno stiramento, sia pure solo di primo grado. L attaccante salterà sicuramente la sfida di domenica col Cagliari e pure quella in programma a Parma la domenica dopo. Ma al momento c è il rischio concreto che Klose debba saltare anche le successive due partite che, a cavallo di Pasqua, opporranno i biancocelesti prima al Napoli e poi alla Juve. In Germania Una tegola che ha gettato Reja nello sconforto. Il tecnico perde infatti l uomo più forte della squadra proprio nella fase più calda del campionato. L allenatore goriziano, in realtà, aspetta ancora il responso ufficiale dell infortunio prima di esprimersi, sperando ovviamente che sia meno grave di quanto ipotizzato. Verdetto che arriverà oggi direttamente da Monaco di Baviera, dove Klose si trova da ieri sera. Un paio d ore dopo l infortunio l attaccante era infatti già a Fiumicino per imbarcarsi sul primo aereo utile per raggiungere il capoluogo bavarese. i farà curare dal suo medico di fiducia, il professor Wohlfahrt, lo stesso che nei mesi scorsi ha brillantemente curato lo strappo muscolare di Mauri e che da qualche settimana sta cercando di accelerare il Genoa FILIPPO GRIMALDI GENOVA Gilardino, niente baci per Firenze «Non dimentico tre anni insieme, ma spero non facciano punti» A volte ritorna (il passato). pesso (come stavolta) è ingombrante, e pure scomodo. Alberto Gilardino, 118 partite e 48 gol in campionato con la maglia viola, ritrova dopodomani la sua penultima ed intensa vita calcistica. Gila contro i viola è una novità dopo l addio del giocatore a Firenze, ma non rappresenta una prima assoluta, perché in passato è già successo otto volte: quattro con il Milan (un successo e tre reti all attivo per lui), due con il Parma (e 1 gol), una con Piacenza e Verona. E poi stavolta sarebbe stato comunque diverso: perché l ambiente intorno alla Fiorentina non è esattamente tranquillo, ma pure il Genoa non se la passa affatto bene, visto che la zona a rischio della classifica non è poi così lontana. recupero di Lulic (è stato proprio Klose a consigliare ai compagni di squadra di recarsi a Monaco da Wohlfahrt). La tempestività con cui il tedesco si è recato dal medico di fiducia lascia ben sperare sulla sua volontà di bruciare i tempi di recupero. D altro canto, l Europeo della prossima estate, al quale Klose tiene particolarmente, consiglia prudenza. Quanti infortuni Il suo infortunio, peraltro, è il 35 stagionale per la Lazio. Ed è il 14 che chiama in causa i flessori di una coscia. Una vera ecatombe che non può essere frutto solo del caso o della sfortuna. Certamente hanno inciso, e molto, i tantissimi impegni ravvicinati, affrontati peraltro quasi sempre con gli stessi uomini. Ma, forse, c è stato anche qualche errore nella programmazione della preparazione estiva. Fatto sta che quest anno alla Lazio si sono fatti male praticamente tutti, e spesso per problemi muscolari. i è procurato uno stiramento persino il portiere Marchetti, evento che definire raro è poco. Il bello (anzi, il brutto) è che lo stop di Klose arriva quando Reja pensava di essersi ormai messo alle spalle la fase più acuta dell emergenza che nelle settimane scorse ha costretto il tecnico ad affrontare certe gare (come il derby, per esempio) senza otto giocatori. Come cambia la Lazio Adesso, invece, Reja sarà costretto a inventare un altra Lazio ancora. A prendere il posto di Klose sarà quasi certamente Libor Kozak che domenica contro il Cagliari farà coppia in attacco col capitano Rocchi, con Mauri (o Hernanes) trequartista. Poi, per le successive sfide, Reja potrebbe optare per il modulo ad albero di Natale con Rocchi (o Kozak) punta centrale e due trequartisti, Mauri ed Hernanes, alle spalle. A meno che Klose, anche in questa occasione, stupisca tutti e torni in campo prima del previsto. Ma al momento è solo una flebile speranza. La confessione Tutto questo, il Gila non lo nega, mentre si confessa in esclusiva a GenoaLive, il canale della società rossoblù, in un video di sei minuti: «Una gara importante per entrambe ammette, ma tutte le sensazioni positive legate al mio passato viola verranno fuori solo a gara finita, perché per noi si tratta di un appuntamento fondamentale. Lascerò a casa i sentimenti. olo alla fine passerò a salutare i miei ex compagni, sperando che... non abbiamo fatto punti». Una sfida strana, dopo tre anni e mezzo passati insieme. Per la serie: segreti non ce ne sono, su un fronte e sull altro. «Loro conoscono tutto di me, e viceversa. icuramente la Fiorentina non sta attraversando un buon momento dopo la brutta sconfitta con la Juve, ma ha qualità ed esperienza. Anche il Genoa possiede giocatori di livello e può fare una grande gara». In debito Un inizio di avventura in salita a Genova per l ex viola: «olo in parte hanno visto il vero Gilardino, anche a causa di alcuni problemi fisici. Ora spero di poter ricambiare l affetto della gente, dei miei compagni e del presidente Preziosi giocando al cento per cento della condizione fisica. La Fiorentina arriverà a Genova carica dopo una settimana in ritiro, e anche per questo dovremo scendere in campo al meglio della condizione fisica e psicologica». Roma ANDREA PUGLIEE ROMA Borini attacca «Batto il Milan e segno ancora» Fabio Borini, 20 anni, attaccante della Roma INIDE La punta giallorossa verso. iro «I 9 gol? Non mi voglio fermare» Giovedì prossimo festeggerà i 21 anni, anche se il regalo lo anticiperebbe volentieri. Magari già da domani, a an iro, dove il 17 settembre 2011 giocò la prima partita da titolare in erie A. ei mesi più tardi e 9 gol dopo (più uno in Coppa Italia), Fabio Borini non ha certo voglia di fermarsi: «Voglio arrivare in doppia cifra, altrimenti siamo messi male», dice scherzando a ky port, con l occhio al Milan e la mente al futuro (a proposito, ieri il d.s. abatini ha garantito «2-3 giocatori di livello per il prossimo anno. Il Milan? Attaccheremo, è una grande occasione)». Prima, però, c è ancora da fare. A cominciare proprio dalla sfida di an iro, dove la Roma punta anche su di lui per continuare la sua rincorsa alla Champions. «Al terzo posto ci crediamo ancora, in nessuna partita c è mai stato un grande divario con gli avversari dice l attaccante giallorosso Anche all andata, con il Milan, abbiamo perso 3-2, ma non abbiamo subito». Inesauribile Borini c è, insomma. Un po meno Heinze (ieri fisioterapia e differenziato per lui, a causa del colpo all anca subito con il Genoa), anche se lo staff medico è ottimista sul suo utilizzo. In caso non dovesse farcela, è pronto a «scalare» in difesa De Rossi. In attacco, invece, abbondanza per Luis Enrique, con tutti e 5 le punte a disposizione (Totti è recuperato, proprio come Pjanic). Nell abbondanza, però, Borini sembra intoccabile. Un po per lo stato di forma (8 gol nelle ultime 11 gare di campionato), un po per caratteristiche: pressa come un matto nella fase difensiva e sa ripartire che è una bellezza negli spazi. «arà una Roma all attacco anche quella di domani, questo è il nostro stile di gioco continua Fabio Il Milan è una grande squadra: Ibrahimovic fa la differenza, El haarawy è bravo ed ha tanta fantasia. Ma i rossoneri si possono mettere in difficoltà, ci proveremo». Come lui proverà a fare un finale di stagione ancora più bello, magari per agganciare al volo gli Europei. «Ci spero, ma so che dipende da me. Devo lavorare bene, essere costante nei risultati e nelle prestazioni». e lo sarà, chissà che Prandelli non gli regali anche quella maglia, sarebbe un bel regalo di compleanno e andrebbe bene anche in ritardo. In caso contrario, si accontenterà dei complimenti di Ancelotti, che l ha «svezzato» al Chelsea: «Fabio sta andando bene, la Roma ha fatto un grande acquisto». Lui sorride e ringrazia: «È un buon sponsor». Ottimo, anche se il suo coltello tra i denti per la gente giallorossa vale molto di più. EGUI LA TUA QUADRA tutte le notizie in tempo reale su a

18 18 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO 2012 LE TRATEGIE EUROPEE PARLA IL NUMERO UNO CONTINENTALE DAL NOTRO INVIATO FABIO LICARI ITANBUL Michel Platini, 56 anni 56 EPA «Tutto ok con club e Ue Avanti con il fair play» Platini non si ferma: «L Uefa punta al salario minimo perigiocatori».macisonomenointroitiperglieuropei «ì, i club spendono un po come i pazzi, ma adesso lo sanno che arrivano le regole. E io non posso essere più felice: abbiamo raggiunto l accordo con loro e l Ue ci ha dato l okay per il fair play. Finalmente abbiamo tutto. Riforme al passo con i tempi». Non proprio tutto: manca il timbro della Fifa (arriverà) alla pace con le squadre, le qualificazioni a Euro 2016 si preannunciano scontate, il bilancio Uefa è complicato dai costi dell Ucraina, e la minaccia di scommesse e partite truccate (a cominciare dallo scandalo Fenerbahçe qui in Turchia) è una bomba a tempo. Ma il Congresso Uefa è l ennesima celebrazione dell era-platini. Memorandum Gli accordi firmati con club, leghe e sindacati calciatori sono comunque storici. oprattutto quello con i club che garantisce la Champions fino al 2018 (con formula da aggiornare), e cancella il fantasma uperlega, in cambio di parecchie concessioni: dal calendario internazionale agli utili per l Euro (100 milioni i club per il 2012, 150 per il 2016). Che la Fifa non taglierà la strada si capisce dal discorso di epp Blatter, di basso profilo ma con una promessa importante: «Assicurazione per tutte le partite delle nazionali previste dal calendario (quindi anche le amichevoli, dnr)». Ossessione Da anni Platini lavorava alla firma apposta oggi da Kalle Rummenigge. Il numero uno dei club (Eca), accompagnato dall italiano Umberto Gandini, ammette che «i rapporti non sono sempre stati facili. Ma alla fine c è stato il compromesso. pero di fare lo stesso con la Fifa». Platini non nasconde la sua «ossessione per la protezione dei giocatori e la moralizzazione del calcio. Contro i club che spendono più di quanto guadagnano. Per la giustizia fiscale. Per la sicurezza giuridica (caso ion e tribunali ordinari, ndr). L Ue ci spinge ad andare avanti». Il secondo punto è la protezione dei calciatori. Non i miliardari dei grandi campionati, ma «quelli che non ricevono il salario minimo». Per questo c è una sorta di contratto che garantirà requisiti minimi, da firmare a Bruxelles: perché non accada più, dice ancora Platini, «che giocatori firmino contratti MICHEL CHERZA UL UO EX CLUB «Finale di Euro League 2014? Juve, qualcosa devo dartela» (f.li.) «La finale di Europa League 2014 alla Juve? Beh, qualcosa dovevo pur darle Ho consegnato una Champions al Milan nel 2007, una all Inter nel 2010, e quindi la finale». E di finale ce n è una che dopo tanti anni impegnerà la Juve, in Coppa Italia, grazie anche a Del Piero: «Ho visto che è tornato. ono contento». Accanto a Platini c è Blatter. i parla di tecnologie (Fifa) contro arbitri di porta (Uefa). Platini: «Ognuno ha le sue idee. Decide l International Board. Preferisco gli occhi umani degli arbitri. arebbe bello se ogni federazione decidesse quale strada scegliere». sotto minaccia». O possano essere corrotti facilmente. Bilancio 2011 e i successi politici sono innegabili, notizie meno favorevoli arrivano dal settore finanziario e si confondono con la crisi internazionale che, già di suo, non aiuta. Il problema è che per salvare Ucraina-Polonia 2012 l Uefa ha dovuto contribuire decisamente: meno entrate commerciali, più spese. C è nelle casse un patrimonio di 500 milioni di euro, il bilancio quadriennale (quello che conta) sarà in attivo, ma spunta qualche segno rosso. Le entrate dell Euro, 1.33 miliardi, sono inferiori a quelle di Austria-vizzera 2008 (1.35), le spese aumentate del 15%. Eredità del vecchio Esecutivo che, nel 2007, assegnò una fase finale quantomeno discutibile. i ammette che gli standard saranno inferiori al solito, ci saranno problemi di strade e hotel. Qualificazioni 2016 Il segretario Uefa Gianni Infantino conferma che le sanzioni per il fair play arriveranno da un nuovo organo di controllo. Che, da oggi, l unica donna dell Esecutivo, la Aspelund, prima solo invitata, avrà diritto di voto. E che infine, per le qualificazioni a Euro 2016, si gioca dal giovedì al martedì, sempre di sera alle e nel weekend anche alle 18 di pomeriggio (come in Champions, per la tv). Tutti bello, tranne che le piccole federazioni hanno detto definitivamente «no» al progetto Platini. Niente prima fase «facile» per le grandi, niente supertorneo dopo. Platini è dispiaciuto. Il rischio è che, con gruppi nei quali si qualificano anche tre squadre, l interesse tv possano essere ridotti. Non è quello di cui hanno bisogno le nazionali già compresse dai club. d HA DETTO PLATINI sui principi «Ho l ossessione per la protezione dei giocatori e per moralizzare il calcio, per la giustizia fiscale, per la sicurezza giuridica, vedi il caso del ion» sull Eca «Con i club i rapporti non sono sempre stati facili. Ma alla fine c è stato il compromesso. pero di fare lo stesso con la Fifa» sulla nuova formula Euro «Avevo proposto il supertorneo. Per il 2016 niente, spero per il Così non va bene, ma sono in minoranza»

19 CALCIOCOMMEE VENERDÌ 23 MARZO 2012 LA GAZZETTA DELLO PORT 19 Un altra bufera Cremona indaga su 46 partite Il verbale di Gervasoni metterebbe nei guai nuovi calciatori e dirigenti di A. Intanto a Bari... A destra Carlo Gervasoni, 30 anni, insieme con il suo avvocato: l ex difensore è il super pentito dell inchiesta ANA FRANCECO CENITI DAVIDE ROMANI Un altra bufera in arrivo sul calcio italiano. Anzi, dovrebbero essere due ed è impossibile sapere quale farà più danni. I fatti: mentre tefano Palazzi continua a sentire i giocatori in base agli atti (soprattutto i vecchi) avuti da Cremona, la procura di Bari sta limando le carte in vista di una chiusura delle indagini che a breve darà le prime risposte sulla profondità dell inchiesta; in contemporanea il pm Roberto Di Martino e il gip Guido alvini stanno lavorando sul terzo filone, quello che punta dritto alla erie A. Gli accertamenti tecnici predisposti negli scorsi mesi hanno dato esito positivo (e infatti il capo della Polizia, Manganelli, aveva annunciato «novità importanti»). Non solo, gli inquirenti hanno in mano le dichiarazioni dei giocatori che hanno collaborato, facendo nomi e cognomi. Tra loro Carobbio, Andrea Masiello (a proposito: stranamente Palazzi ha convocato i suoi ex compagni del Bari nonostante siano poco propensi a parlare, mentre ha ignorato il difensore dell Atalanta che invece ha scelto una strada diversa...) e soprattutto Gervasoni. Il super pentito è «custode» di tanti segreti. Molti contenuti nel verbale, secretato, dello scorso 12 marzo nel quale avrebbe riferito complessivamente di 46 partite, vecchie e nuove, spalmate su più anni e campionati anche precedenti al In sostanza nelle prossime settimane l attenzione dei tifosi sarà catturata non solo da quello che accade in campo, ma forse soprattutto dalle vicende giudiziarie. Tremano in tanti Al momento da Cremona non trapela nessun nome. olo qualche indiscrezione fondata che parla di nuovi giocatori di A (anche importanti) e il possibile coinvolgimento di alcuni dirigenti. Una pista seguita con insistenza dagli inquirenti. e fosse confermato, avrebbe impatti devastanti sulle classifiche. La Federcalcio ha chiesto a Palazzi uno sforzo per avere i deferimenti entro aprile, in modo da avere sentenze entro la fine della stagione. La procura ha eseguito, ma ha messo le mani avanti: «il procedimento resta aperto». In sostanza gli 007 federali sono pronti ad allungare la lista delle audizioni e dei deferimenti in base alle novità che arriveranno da Cremona e Bari (al momento l indagine di Napoli è indietro). Di certo 46 gare sono un numero altissimo e mette in dubbio la regolarità di diversi tornei. La procura federale, poi, a differenza di quando era accaduto la scorsa estate può contare su un nutrito gruppo di calciatori-pentiti: oltre a Gervasoni, Carobbio e Masiello, negli ultime audizioni ci sono state altre collaborazioni (Pellicori e Passoni, ad esempio). Insomma, l accusa questa volta dovrebbe avere vita facile e questo potrebbe indurre altri a parlare. arebbe la svolta definitiva e forse s inizierebbe a vedere la luce in fondo al tunnel. Il pm Di Martino ha in mano anche i riscontri degli accertamenti tecnici Ieri dalla vizzera arrivate le carte su conti correnti e movimenti bancari di molti indagati Italia-vizzera Intanto Cremona fa un ulteriore passo avanti nelle indagini. Ieri è durato circa 3 ore ieri l incontro tra il pm Roberto di Martino e Nicola Corti, procuratore cantonale di Lugano: un colloquio proficuo con il passaggio, attraverso la rogatoria, del faldone dei documenti svizzeri. Carte importanti soprattutto rispetto a conti correnti e movimentazioni bancarie di alcuni indagati. Le buone notizie non si fermano al cantone svizzero ma attraversano l Adriatico e arrivano in Croazia. L arrivo a Cremona di aka e Ribic, latitanti dal 19 dicembre 2011, dovrebbe avvenire mercoledì. I due erano già attesi il 14 febbraio, ma poi avevano rinviato di due settimane la loro costituzione. Presumibilmente entro venerdì sarà eseguito l interrogatorio di garanzia dal gip alvini. Ilievski Intanto continua a parlare dalla latitanza Hristyan Ilievski, considerato uno dei capi degli Zingari. tamani una sua intervista andrà in onda su Rai 3, nel programma «Agorà». «Alcuni presidenti vogliono fare soldi e anche alcuni giocatori amano i soldi facili racconta Ilievski. culli e Mauri? ono stato a Roma per avere informazioni su Lazio-Genoa perché sapevo di una combine. Volevo incontrare qualcuno che mi confermasse la cosa, ma non ho visto nessuno. Tantomeno i due calciatori». y POIBILI RIVALI Aggiornato il calendario delle audizioni da parte della Procura Federale. ono naturalmente possibili altre convocazioni. Ecco il nuovo calendario. Lunedì Ficagna (Empoli), Pignotti (osservatore pezia), Bertani (amp) Martedì Pesoli (iena), Perna (Modena), Mastronunzio (Gubbio), averino (svincolato), Pederzoli (Ascoli) Mercoledì Benassi (calciatore Lecce), De Lucia (Livorno), Fiuzzi (Monza), Vincenzo Iacopino (Monza), Italiano (Padova), Tamburini (Pergocrema), Alberti (Prato), Magalini (d.s. non tesserato), A. Iaconi (d.s. Brescia), Nicco (Frosinone), Lucchesi (d.s. Pisa). 3 aprile F. Cossato (ex tesserato), M. Cossato (ex tesserato), Pellissier (Chievo), Eriberto (Chievo), Padelli (Udinese), Bentivoglio (Padova), M. Rossi (Cesena), A. Parisi (Torino) NOVITA PROCURA FEDERALE AL LAVORO ergio Pellissier, 32 anni. Al Chievo dal 2002 LAPREE Altri giocatori da Palazzi C è Pellissier Con lui Luciano e i Cossato Primi deferimenti entro aprile MAURIZIO GALDI ROMA Il presidente della Figc Giancarlo Abete e il direttore generale Antonello Valentini, anche da Istanbul, dove partecipano al congresso Uefa, non perdono di vista il lavoro della Procura federale per l'inchiesta sul calcioscommesse. Uomini, strutture, tecnologia, tutto messo a disposizione di Palazzi che promette: «Entro aprile i primi deferimenti». Almeno quelli della seconda tranche dell inchiesta cremonese, in attesa che giungano le novità annunciante anche dal capo della Polizia Manganelli da Cremona (forse dopo Pasqua), Bari (a brevissimo) e Napoli. Nomi nuovi E ieri dopo una riunione della Procura si è data l accelerazione sulle partite del massimo campionato. Lunedì si comincia con Daniele Ficagna (tesserato Empoli), Nazario Pignotti (osservatore La pezia) e Cristian Bertani (giocatore ampdoria); martedì torna Alex Pederzoli già sentito il 6 marzo. Il giorno dopo alcuni direttori sportivi tra cui Giuseppe Magalini (ex del Mantova citato da Gervasoni) e Fabrizio Lucchesi (del Pisa). Ma il vero salto di qualità dovrebbe arrivare martedì 3 aprile quando sono stati inseriti i nomi dei fratelli Michele e Federico Cossato che sono iscritti nel registro degli indagati sia a Cremona che a Napoli, ma è stato chiamato anche ergio Pellissier (Chievo), Eriberto (Chievo), Daniele Padelli (Udinese), imone Bentivoglio (Padova), Marco Rossi (Cesena), Alessandro Parisi (Torino), gli ultimi tre citati nei verbali da Masiello. Il lavoro prosegue Ieri per tre ore alla Procura federale è stato sentito tefano Ferrario sulla partita Lecce-Lazio (il suo nome viene fatto da Zamperini che però chiarisce che lui non era stato poi coinvolto, mentre Gervasoni parla di sei o sette calciatori del Lecce «corrotti»). A lui probabili domande anche su Inter-Lecce. In quel caso il nome di Ferrario era stato fatto da Erodiani. Lunedì poi ci sarà anche al Tnas l'udienza per Doni e l'atalanta probabile che, nonostante l'intenzione della difesa di Doni di prendere tempo, sia concesso al collegio solo qualche giorno in più per dare la sentenza.

20 20 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 23 MARZO PECIALITI DELL INFORMATICA Il nuovo ipad pettacolare display Retina, fotocamera iight da 5MP e internet mobile ultraveloce. Con gli oltre 3,1 milioni di pixel dello straordinario display Retina, il nuovo ipad è più coinvolgente che mai: ti farà vedere ogni cosa con occhi nuovi. Disponibile da oggi! in tutti i nostri negozi e su

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1 Settimanale di scommesse sportive QUOTE 2 LA SCOMMESSA Puntiamo su Napoli, Milan, Cesena e Palermo. OVER in Genoa-Roma Prevalenza del fattore casalingo di Vincenzo

Dettagli

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011 Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE IL PRONOSTICO DI... Per il doppio ex mister di Napoli e Cagliari, il

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio

L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio REGOLAMENTO FANTA PLAZET: ISCRIZIONE E SOLDI L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio del mercato. Oltre ai 25 Euro dovranno essere consegnati ulteriori

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo:

E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: E così il Calendario della Serie A 2014-2015 è uscito. Lo riassumo qui concentrato ovviamente sulla nostra squadra, prima di commentarlo: 1) Toro-Inter 2) Sampdoria Toro 3) Toro Verona 4) Cagliari Toro

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto :

Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : A1...... A2...... A3... paolo Cont... Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : A4...... A5...... A6... paolo

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

REGOLAMENTO REV 2015.06

REGOLAMENTO REV 2015.06 REV 2015.06 REGOLAMENTO Indice 1 L asta iniziale... 3 1.1 Il metodo: il DRAFT... 3 1.2 L ordine di chiamata... 3 2 La Formula... 4 2.1 I partecipanti e il nome del Team... 4 2.2 Il calendario... 4 2.3

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

GUIDA AL FANTADIVANO

GUIDA AL FANTADIVANO GUIDA AL FANTADIVANO INDICE Introduzione I Ruoli Amministratore di lega Allenatore Gli Strumenti Il Campionato La tua squadra Il Calendario La Classifica Le Statistiche La Bacheca Le Regole del gioco L

Dettagli

Se un grande campione come Ronaldinho, al termine della prima fase della stagione, ha lasciato il Milan per accordarsi con il Flamengo, in un clima

Se un grande campione come Ronaldinho, al termine della prima fase della stagione, ha lasciato il Milan per accordarsi con il Flamengo, in un clima Introduzione Il Milan ha appena concluso una partita di campionato, a Genova, contro la Sampdoria. È una partita di fine novembre, con la nuova squadra di Zlatan Ibrahimovic reduce da un positivo impegno

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Terza giornata di ritorno Roma 31,01,2010 Ore 15,00. Roma Siena 2 1 Roma 31,01,2010 Stadio Olimpico ROMA 31 GENNAIO 2010

Terza giornata di ritorno Roma 31,01,2010 Ore 15,00. Roma Siena 2 1 Roma 31,01,2010 Stadio Olimpico ROMA 31 GENNAIO 2010 Terza giornata di ritorno Roma 31,01,2010 Ore 15,00 Roma Siena 2 1 Roma 31,01,2010 Stadio Olimpico ROMA 31 GENNAIO 2010 TROPPI ASSENTI IN AVANTI OKAKA LONDRA ROMA LONDRA E una Roma in chiara emergenza

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE Edizione 9 REGOLAMENTO UFFICIALE STAGIONE 2012-13 STAGIONE 2012-13 DURATA Il campionato avrà svolgimento dalla seconda giornata fino giornata del campionato di Calcio di serie A. Saranno giocate un totale

Dettagli

Regolamento Fanta Big Bang 2013-2014

Regolamento Fanta Big Bang 2013-2014 Regolamento Fanta Big Bang 2013-2014 Cenni generali L edizione del Fantacalcio 2013 a cui parteciperete avrà come unico giornale di riferimento la Gazzetta dello Sport versione cartacea (quella del martedì).

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016 1. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016 1.1. ISCRIZIONE E QUOTE L iscrizione è di 25,00 e deve essere versata al momento dell Asta iniziale. Sarà versata un ulteriore quota di 25,00 il

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

5^ giornata campionato GIOVANISSIMI B: PETRARCA C5 - FENICE C5 B 1-9 (1-6 d.p.t.)

5^ giornata campionato GIOVANISSIMI B: PETRARCA C5 - FENICE C5 B 1-9 (1-6 d.p.t.) Stagione 2014-2015 5^ giornata campionato GIOVANISSIMI B: PETRARCA C5 - FENICE C5 B 1-9 (1-6 d.p.t.) 27-10-2014 18:25 - Campionato GIOVANISSIMI B Nella 5 gara di campionato i giovanissimi B incontrano

Dettagli

Turno 1: Campionato Serie A

Turno 1: Campionato Serie A Turno 1: Campionato Serie A 1.1 Solo due giocatori nello scorso campionato hanno segnato sia contro il Milan, che contro l Inter e la Juventus, chi sono? / 2 1.2 Tra le squadre che partecipano a questo

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011

FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 FANTACALCIO Bar La Posta Stagione 2010-2011 REGOLAMENTO UFFICIALE - Il Presidente di Lega I compiti del presidente di lega sono fondamentalmente i seguenti: 1. Gestione dell asta di calciomercato 2. Contabilità

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE G.C.S.G. 2013/14

REGOLAMENTO UFFICIALE G.C.S.G. 2013/14 REGOLAMENTO UFFICIALE G.C.S.G. 2013/14 Ciao, tu non mi conosci ma io conosco te. Voglio fare un gioco. Regola numero uno: rispetta le regole del gioco! Regola numero due: ricorda, io sono l Enigmista:

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Menzione speciale per i cucchiai di legno Bella Fica e Water Team, che nonostante un ottimo campionato, se so attaccati

Menzione speciale per i cucchiai di legno Bella Fica e Water Team, che nonostante un ottimo campionato, se so attaccati REGOLAMENTO FANTA PLAZET: Ciao a tutti ragazzi! Anche questa edizione è passata più o meno in maniera perfetta Le piccole cosa da sistemare sono state riviste, tipo qualche partecipante furbetto! Quindi

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Tramite il sito www.devil21.jimdo.com saranno disponibili tutti gli aggiornamenti del gioco.

Tramite il sito www.devil21.jimdo.com saranno disponibili tutti gli aggiornamenti del gioco. Regolamento 9 Campionato Fantacalcio Il Fantacalcio è un fantasy game che permette a chiunque di costruire una squadra di calcio virtuale, di gestirla e di schierarla in campo in occasione di ogni giornata

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2012/2013

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2012/2013 REGOLAMENTO FANTACALCIO 2012/2013 ASTA E GESTIONE CREDITI DATA DELL ASTA Sabato 8 Settembre 2012 Ore 20:00 LISTA RUOLI SU http://www.fantacalcio.kataweb.it/stat/index.php?page=calciatori Ogni fantallenatore

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2014/2015:

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2014/2015: REGOLAMENTO FANTACALCIO 2014/2015: Premessa: Questo regolamento è aggiornato a Settembre 2014. Per il calcolo dei punteggi, si fa riferimento alla Gazzetta dello Sport. 1) Campione uscente La squadra campione

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

A.S. ACQUACHIARA Mercoledì, 25 febbraio 2015

A.S. ACQUACHIARA Mercoledì, 25 febbraio 2015 Mercoledì, 25 febbraio 2015 Mercoledì, 25 febbraio 2015 25/02/2015 La Gazzetta dello Sport Gianluca Scarlata La carica di Vittorioso «Lazio, ora non fallire» 1 25/02/2015 La Gazzetta dello Sport Pagina

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Metodo di gioco VINCENTE e GARANTITO. Non lasci possibilità per il bookmaker. Annienti le probabilità di perdere. Riduci il rischio del 100%

Metodo di gioco VINCENTE e GARANTITO. Non lasci possibilità per il bookmaker. Annienti le probabilità di perdere. Riduci il rischio del 100% Metodo di gioco VINCENTE e GARANTITO Non lasci possibilità per il bookmaker Annienti le probabilità di perdere Riduci il rischio del 100% da Zero a 50.000 Euro in meno di un anno Investimento a partire

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 5 DEL 13 LUGLIO 2012 PRIMAVERA TIM CUP 2012/2013 REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE Organizzatrice esclusiva della Primavera TIM Cup 2012/2013 è la Lega Nazionale Professionisti Serie

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2015/2016

Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2015/2016 Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2015/2016 REGOLA 1: OGGETTO DEL GIOCO 1. Il fantacalcio è una simulazione del gioco del calcio, che permette di gestire una squadra virtuale (fantasquadra), formata

Dettagli

Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2014/2015

Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2014/2015 Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2014/2015 REGOLA 1: OGGETTO DEL GIOCO 1. Il fantacalcio è una simulazione del gioco del calcio, che permette di gestire una squadra virtuale (fantasquadra), formata

Dettagli

FANTACAMPIONATO www.nerazzurra.tk

FANTACAMPIONATO www.nerazzurra.tk FANTACAMPIONATO www.nerazzurra.tk PRIMA FASE L ISCRIZIONE REGOLAMENTO Prima di tutto tengo a precisare che l iscrizione al fantacalcio del sito nerazzurra.tk dell anno 2004-2005, è assolutamente gratuita.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO 1. La squadra Con il termine squadra si intende l insieme di rosa e staff tecnico. 1.1. La rosa Con il termine rosa si comprendono tutti i giocatori acquistati durante

Dettagli

La stagione sarà divisa (secondo calendario, vedi sezione 9) tra campionato di SERIE A e COPPA ITALIA.

La stagione sarà divisa (secondo calendario, vedi sezione 9) tra campionato di SERIE A e COPPA ITALIA. REGOLAMENTO FANTALION S 2012/2013 1. REGOLE GENERALI Ogni squadra partecipante al Fantalion deve avere una rosa formata da 28 calciatori. L unico vincolo è il possedere minimo 1 portiere (i due di riserva

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo)

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) Siamo così giunti all ultima partita di campionato e, i nostri ragazzi

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

LE SQUADRE. A.C. SCOCCI87 (CARLO ALBERTO 328/3796681 stefanopanizzi@libero.it) A.C. SEVEN81 (ANTONIO CANNARILE 331/3608472- seven81.antonio@libero.

LE SQUADRE. A.C. SCOCCI87 (CARLO ALBERTO 328/3796681 stefanopanizzi@libero.it) A.C. SEVEN81 (ANTONIO CANNARILE 331/3608472- seven81.antonio@libero. 1 LE SQUADRE A.C. SCOCCI87 (CARLO ALBERTO 328/3796681 stefanopanizzi@libero.it) BAICO (PAOLO BIGI 333/6459529 baigo2002@virgilio.it) BRIGATA ROSSONERA (GIANLUCA MURRU 349/1294057 gianlu.murru@alice.it)

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Regolamento ufficiale

Regolamento ufficiale Regolamento ufficiale FANTAMONDIALE 2014 Al Fantamondiale partecipano le 16 squadre della Lega. ASTA "Ogni fantallenatore versa 30,00 euro come quota di iscrizione. Non ci sarà la consueta asta, ma ognuno

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

REGOLAMENTO FantaLegaSalento 2014-2015

REGOLAMENTO FantaLegaSalento 2014-2015 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO FantaLegaSalento 2014-2015 SITO UFFICIALE: http://fantalegasalento.altervista.org/ E-MAIL: fantalegasalento@gmail.com N partecipanti: 8 1) ASTA INIZIALE e MERCATO DI RIPARAZIONE

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

S.S.V. 2012-13. Dopo tre anni è arrivata. I M i s t e r S c a g l i e S o d e r i s o n o c a m p i o n i d i n v e r n o SERIE B LO SCRICCIOLO FC

S.S.V. 2012-13. Dopo tre anni è arrivata. I M i s t e r S c a g l i e S o d e r i s o n o c a m p i o n i d i n v e r n o SERIE B LO SCRICCIOLO FC Gennaio Anno 2 N.13 del07/03/2013 Direttore Sdondy & Vice Stefy Dopo tre anni è arrivata. I M i s t e r S c a g l i e S o d e r i s o n o c a m p i o n i d i n v e r n o S.S.V. 2012-13 SERIE A FIORENZA

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La scuola Calcio Barcellona

La scuola Calcio Barcellona La scuola Calcio Barcellona di Raffaele Barra Istruttore CONI FIGC, laureando in Comunicazione, dopo varie esperienze in altre società (nelle categorie pulcini ed esordienti) da 2 anni milita nel Sottomarina

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi Unità 7 Macchine agricole e infortuni CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla sicurezza in agricoltura le parole relative alla sicurezza in agricoltura e all uso delle macchine

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Regolamento. Sommario

Regolamento. Sommario Regolamento Sommario LE COMPETIZIONI... 2 TORNEO LIGA E PREMIER... 2 SERIE A (CAMPIONATO A 16 SQUADRE)... 2 CLASSIFICA A PUNTEGGIO... 2 CLASSIFICA FORMULA 1... 2 COPPA D ANDATA E COPPA DI RITORNO... 3

Dettagli

[update 04/01/2012] GENERALE

[update 04/01/2012] GENERALE [update 04/01/2012] GENERALE Il giornale che sarà utilizzato per i voti dei giocatori sarà sempre la Gazzetta dello sport. Il partecipante ha avuto a disposizione 650 fantamilioni per completare la rosa.

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli