La maggior sfida oceanica in due

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La maggior sfida oceanica in due"

Transcript

1 La maggior sfida oceanica in due Barcelona World Race 2014/

2 Partecipare alla Barcelona World Race è un privilegio, un avventura e una sfida enorme. Una grande lezione per la vita. Jean-Pierre Dick UNA GRANDE SFIDA Yvan Zedda D miglia in due, senza scali, senza assistenza e in condizioni estreme ue membri d equipaggio, una barca e miglia attraverso i tre grandi oceani del mondo. Il 31 dicembre inizierà a Barcellona ila più grande sfida che la navigazione a vela in due possa presentare: fare il giro del mondo senza scali e senza assistenza. Il semplice fatto di navigare per più di miglia senza soste è già una sfida in sé. In due, la sfida si moltiplica. A bordo di una barca di 18 metri di lunghezza non vi è possibilità di fuga. Si devono condividere le allegrie ma anche i momenti di stress. Si deve imparare a gestire le proprie emozioni ed a sopravvivere ai momenti buoni e cattivi, sia propri sia degli altri. E lo si deve fare in un ambiente dove non c è posto per le comodità. A bordo delle IMOCA 60, i naviganti devono essere totalmente autosufficienti. Cibo in bustine, brande per dormire e pochi cambi d abbigliamento per tre mesi di navigazione continua. Dipendono assolutamente da loro stessi e dalla loro imbarcazione in un percorso che attraversa le latitudini più inospitali della Terra. Inoltre, affronteranno le condizioni più dure che la natura possa riservare. Dalle disperanti calme equatoriali ed il soffocante caldo dei tropici al freddo più intenso ed il pericolo dei ghiacci. Nel Grande Sud, le burrasche si susseguono, le terribili onde piramidali minacciano continuamente barche ed equipaggi e l umidità penetra fin dentro le ossa. Le condizioni sfiancanti non danno tregua né al corpo né alla mente. La Barcelona World Race è una delle maggiori prove di resistenza fisica e psicologica del pianeta. E se tutto ciò non fosse sufficiente, è una regata, ossia una competizione nella quale tutti partecipano per vincere. Guidano la barca al limite, cercano sempre la massima velocità. Le IMOCA 60 sono bolidi ad alta tecnologia nei quali tutto è pensato per andare al cento per cento. E, in due, il ritmo sportivo è più intenso che mai. Tre mesi di navigazione estrema senza soste. Per questo la Barcelona World Race, che forma parte del Campionato del Mondo IMOCA Ocean Masters, è un gesto sportivo, umano e tecnologico senza paragoni. In due, senza scali, al limite ed in condizioni estreme. Questo è il bello della Barcelona World Race e la ragione del magnetismo che esercita sui migliori naviganti del mondo, siano specialisti di regate in solitario sia di quelle con equipaggio. 3

3 Guilian Grenier Prodotto da Distribuito da SOMMARIO navigatori e un sogno 22 Con le stesse armi? 32 Una coppia senza possibilità di fuga 42 Uniti via satellite 8 La barca e il percorso 24 E se tutto va male? 34 Dieta: l importante è il sapore 44 Due regate per la storia 10 Gli equipaggi 26 Lavorare a quattro mani 36 Telemedicina: copertura illimitata 48 Programma scientifico 18 Vivere all interno di una lavatrice 28 Soli e in compagnia 38 Meteorologia: la chiave della strategia 50 Programma educativo 20 Una regata di resistenza 30 E questa gente come dorme? 40 Il tavolo da carteggio: il terzo membro dell equipaggio 52 The Game BARCELONA WORLD RACE MAGAZINE. Direzione: Neus Jordi Coordinamento editoriale: German de Soler Foto copertina: Michèle Paret Fotografia: archivio Barcelona World Race Traduzione: Paolo Petrolillo - Mallol Traductors Associats Art direction e impaginazione: Cèlia Mínguez Pubblicità: Barcelona World Race Edito dalla Barcelona World Race in collaborazione con il Campionato del Mondo IMOCA Ocean Masters Prodotto da La Factoría Náutica Stampato da Litografía Rosés S.A. FUNDACIÓ NAVEGACIÓ OCEÀNICA BARCELONA. Edifici Consorci el Far, c/ Escar, Barcellona Tel: Fax: Programma completo e maggiori informazioni: 5

4 16 NAVIGATORI E UN SOGNO 6 Vincere la Barcelona World Race Sedici velisti, otto barche, miglia di regata intorno al mondo, zero scali. Fare Vela sarà sempre con voi. Michele Tognozzi, direttore de Fare Vela The Barcelona World Race is an epic test of endurance and a great illustration of collaboration and trust between the two sailors on each yacht. It will be compelling to follow. Gerard Marín Conrad Colman Alex Thomson Pepe Ribes Nandor Fa Dídac Costa Aleix Gelabert José Muñoz Jörg Riechers Anna Corbella Guillermo Altadill Fotomontaggio: Jorge Andreu Elaine Bunting, direttrice di Yachting World La Barcelona World Race è una prova mitica di resistenza e un grande esempio di collaborazione e di fiducia tra i due marinai di ogni barca. Sarà emozionante seguirla. La Barcelona World Race, c est le Vendée Globe à deux... et donc la plus belle course du monde! Didier Ravon, capo redattore de Voiles et Voiliers La Barcelona World Race è la Vendée Globe a due... e quindi è la regata più bella del mondo. Sébastien Audigane Bernard Stamm Bruno García Willy García Jean Le Cam De entre todos los valores humanos que encarna la Barcelona World Race, el más fascinante es la capacidad de estos navegantes para enfrentarse a lo imprevisible. Germán de Soler, direttore di Náutica y Yates Magazine Tra tutti i valori umani che incarna la Barcelona World Race, il più affascinante è la capacità di questi regatisti di affrontare l imprevisto. Es ist eine der härtesten Prüfungen für Profisegler. Wir werden jede Stunde des Rennens verfolgen, jeden Tag. Jochen Rieker, capo redattore di Yacht È una delle prove più dure per i velisti professionisti. Seguiremo ogni ora della regata, giorno per giorno. 7

5 LA BARCA IL PERCORSO UN VESTITO SU MISURA Bompresso TRE MESI INTORNO AL MONDO Uguali ma diverse. Ogni IMOCA 60 è realizzata su misura per un progetto specifico. Dall architettura all ingegneria, passando dalla configurazione del pozzetto di manovra o l interno, ogni veliero è differente; ciò nonostante, tutti adempiono alle norme essenziali della classe IMOCA, che prevedono delle misure massime: lunghezza fuoritutto di 60 piedi (18,29 metri), 4,5 metri di pescaggio e 29 d altezza dell albero sulla linea di galleggiamento. A partire da queste misure, e nel rispetto delle complesse norme di stabilità, ogni designer è libero di concepire la barca secondo le richieste di chi la piloterà. L obiettivo del design è quello di ottenere la migliore relazione tra velocità, stabilità e sicurezza. E per farlo è essenziale la tecnologia: nella costruzione di queste barche si usano i materiali più leggeri e resistenti che esistono, come la fibra di carbonio o il kevlar. Ma non tutti gli equipaggi hanno la fortuna di poter contare con una barca nuova per ogni regata. Un IMOCA 60 ha una lunga vita e non sono poche le squadre che parteciperanno alla Barcelona World Race con imbarcazioni veterane, con vari giri del mondo sulle spalle, ma riviste dalla punta dell albero fino alla chiglia, quindi adattate, modificate e dotate delle ultime novità per poter continuare a perseguire la finalità per la quale furono create: riportare i naviganti a casa dopo aver fatto il giro del mondo in regata. COSÌ È UN IMOCA 60 PARATIE STAGNE: assicurano che l imbarcazione sia inaffondabile. A prua è situata la cosiddetta crash box, o scatola di collisione, ripiena di spuma, che si può distruggere in caso di collisione contro un oggetto galleggiante. Verricello centrale di manovra Tavola di carteggio con sedile cucceta Paratie stagne Crash box Portelli stagni Ipartecipanti percorreranno circa miglia nautiche ( kilometri) e sono obbligati a rispettare la zona d esclusione, che si stabilisce nelle latitudini più australi in funzione della posizione dei ghiacci galleggianti della banchisa antartica, onde limitare la discesa dei velieri e minimizzare gli eventuali rischi di collisione o di rimanere al di fuori della portata dei servizi di soccorso. È permesso un massimo di tre scali tecnici di un minimo di 24 ore per riparazioni o emergenze mediche, qualora siano indispensabili per portare a termine il percorso con sicurezza. I vincitori della prima edizione (2007/08), Jean-Pierre Dick e Damian Foxall, a bordo del Paprec Virbac 2, impiegarono 92 giorni, 9 ore, 49 minuti e 49 secondi, ad una media di 11,13 nodi, per completare il percorso. Nella seconda edizione (2010/11), Jean-Pierre Dick bissò il trionfo, navigando con Loïck Peyron sul Virbac-Paprec 3, con un tempo de 93 giorni, 22 ore, 20 minuti e 36 secondi (un giorno e 13 ore più della precedente edizione). La Barcelona World Race fa il giro del mondo da ovest a est, con partenza ed arrivo a Barcellona, seguendo la cosiddetta rotta dei tre capi attraverso l Atlantico, l Indiano e il Pacifico, doppiando i capi di Buona Speranza, Leeuwin e Horn a babordo (sinistra) e circumnavigando il continente antartico a tribordo. CASSE DI ZAVORRA: si possono riempire con un massimo di cinque tonnellate d acqua, che spostano nelle virate o in funzione delle necessità. È la zavorra mobile. CHIGLIE PIVOTANTI: possono oscillare fino a 40º su ogni lato con l aiuto di un pistone idraulico che muove le 3,5 tonnellate di peso del bulbo. LAME DI DERIVA: sui lati, dritti o curvi, si alzano e si abbassano come delle sciabole. Alcune hanno anche delle orzate verticali a prua. DUE PALE DEL TIMONE: con trasmissione mediante ruota o barra, possono essere fisse o mobili in verticale. Boccaporto d emergenza Zattera Pale dei timoni Casse di zavorra centrali e di poppa Chiglia pivotante Bulbo Casse di zavorra di prua Zavorra delle vele Pistone elettro-idraulico Lame di deriva Un IMOCA 60 pesa normalmente tra 8 e 9 tonnellate. Un veliero da crociera con la stessa dimensione ne peserebbe

6 GLI EQUIPAGGI Una regata a due è soprattutto un avventura umana. Jean Le Cam 10 Andrés Soriano/Neutrogena Sportivi, navigatori, sognatori? Guilian Grenier S imbarcano per fare il giro del mondo. Può sembrare abbastanza poetico, ma probabilmente è una delle decisioni meno idilliche che si possano adottare in questa vita. Perché la circumnavigazione del globo nella Barcelona World Race è dura, molto dura; i pochi eletti che ci riescono, vivono dei momenti straordinari, indimenticabili: per quanto sono magnifici, ma anche perché possono essere particolarmente terribili. APPASSIONATI DEI GRANDI ORIZZONTI C hi sono quegli esseri umani che mettono a rischio la loro vita per immergersi in una natura estrema, assolutamente vergine, per aprirsi un cammino attraverso degli oceani selvaggi, per quello che alcuni considerano il sogno della loro vita? E come scelgono i loro compagni, nei riguardi dei quali devono avere una fiducia cieca fino al punto di mettere la loro propria vita nelle loro mani? Per alcuni, si tratta di autentici eroi; altri diranno che sono degli avventurieri; e ci sarà anche chi li consideri semplicemente dei professionisti che non fanno altro che svolgere il loro lavoro. Nella flotta di un giro del mondo a due si riuniscono molti di questi caratteri diversi, opposti e addirittura incompatibili. Ma condividono un denominatore comune: la passione per i grandi orizzonti oceanici, la disposizione ad esplorare i propri limiti e la volontà di arrivare sempre più lontano. 11

7 Esperti del Grande Sud In una regata come la Barcelona World Race vi sono membri dell equipaggio che hanno alle spalle già mezza dozzina di giri del mondo, ed altri che affrontano per la prima volta una sfida di questa grandezza. Per i primi, sebbene non vi siano due circumnavigazioni uguali, la Barcelona World Race può essere solo uno dei tanti obiettivi della loro carriera sportiva. Per i secondi, è un opportunità unica per veder avverato il sogno della loro vita. B.Stichelbaut Un equipaggio misto e ben sperimentato Un caso speciale è quello di Anna Corbella e Gerard Marín, che a bordo del GAES Centros Auditivos sarà l unico equipaggio misto in questa edizione. Hanno in comune un esperienza simile: entrambi vengono dalla vela leggera Anna Corbella è stata preolimpionica del 470 e Gerard Marín è stato campione del mondo della classe Europa e di navigazione in solitario nella classe Mini, ed entrambi hanno un giro del mondo nel loro bagaglio: la Barcelona World Race di quattro anni fa. Più della metà dei partecipanti sanno cosa significa circumnavigare il pianeta senza scali, attraversando il Grande Sud, doppiando il mitico Capo Horn, simbolo della durezza estrema degli oceani australi. Alcuni hanno addirittura superato la punta meridionale dell America in sei occasioni. È il caso di Guillermo Altadill, per esempio, il velista spagnolo con più miglia navigate in competizioni oceaniche e che ha ben sei giri del mondo nel suo palmarès. Simile al suo è il caso del francese Jean Le Cam, lo svizzero Bernard Stamm, il britannico Alex Thomson e lo spagnolo Pepe Ribes. Con alcune differenze. Mentre Altadill e Ribes hanno navigato quasi sempre con equipaggi numerosi, Le Cam, Stamm e CHI SONO? Thomson sono specialisti nelle regate in solitario. Per loro la convivenza può diventare più difficile, sebbene Thomson già sia a conoscenza di cosa significhi navigare con un solo compagno per più di tre mesi: arrivò al secondo posto nella prima edizione della Barcelona World Race insieme all australiano Andrew Cape. Le Cam e Stamm non nascondono che il tema della convivenza è sempre una grande incognita. Il francese ha dichiarato a questo riguardo: Personalmente non ho esperienza in proposito per un tipo di regata di così lunga durata. La mia ultima Barcelona World Race si concluse a Capo Verde, con la rottura dell albero. Sarà la nostra prima esperienza comune con Bernard, ma mi sento ottimista. Centros Auditivos HUGO BOSS NEUTROGENA GAES CENTROS AUDITIVOS Pepe Ribes Benissa (Spagna), 43 anni Hugo Boss Alex Thomson Bangor (Gran Bretagna), 40 anni Guillermo Altadill Barcellona (Spagna), 52 anni J. Andreu José Muñoz Algarrobo (Chile), 42 anni Gerard Marín L Escala (Spagna), 32 anni Mireia Perelló Anna Corbella Barcellona (Spagna), 38 anni Bruno García Barcellona (Spagna), 47 anni J. Andreu Willy García Barcellona (Spagna), 42 anni Vincitore della New York-Barcellona 2014, ha partecipato a quattro Volvo Ocean Race. È giunto quarto nella Barcelona World Race del 2010 ed è in possesso del record della New York-Barcellona ottenuto nel 2010 e quello della Ruta del Descubrimiento. Ha partecipato tre volte alla Coppa America. Vincitore del giro del mondo nella Clipper Race del 1998, è arrivato secondo nella Barcelona World Race del 2007, nel corso della quale ha battuto il record di distanza percorsa in 24 ore, ed è giunto terzo nella Vendée Globe del Un appendicite gli ha impedito di partecipare alla scorsa edizione. È in possesso del record dell Atlantico in solitario. Altadill è lo spagnolo con più giri del mondo nel suo bagaglio: sei. È in possesso di due record del giro del mondo e di altri due di velocità in 24 ore. È stato allenatore olimpionico in cinque occasioni, ha partecipato alla Coppa America ed ha vinto per due volte la Sydney- Hobart. Nel 2007 si è ritirato dalla Barcelona World Race. Muñoz è il cileno con più esperienza in regate oceaniche. Spicca il suo secondo posto al giro del mondo in due Portimao Global Ocean Race in Open 40 nel 2008 e le sue due partecipazioni alla Fastnet. È il primo cileno che partecipa a regate della classe IMOCA. È stato campione del mondo nel 2012 e due volte vicecampione del mondo nel 2002 e nel 2011 nella classe Europa. È arrivato quarto nella Mini-Transat del 2007 in barche di serie e 21º nell edizione del 2009 per prototipi. Nell edizione della Barcelona World Race è arrivato ottavo, in squadra con Ludovic Aglaor. Laureata in veterinaria, è la prima e unica spagnola che ha fatto il giro del mondo senza scali ed anche la prima donna che ha completato un giro del mondo a due in un equipaggio femminile nella scorsa edizione, con Dee Caffari. È stata la prima donna a partecipare alla Mini-Transat nel Bruno García ha due grandi passioni: la medicina e la vela. La prima è il suo lavoro è cardiologo e la seconda, il suo hobby. Dopo aver rotto l albero nella scorsa Barcelona World Race, ora cerca di nuovo di avverare il sogno della sua vita: fare il giro del mondo. E lo fa con il suo grande compagno di navigazioni oceaniche, suo fratello Willy. Questo impiegato barcellonese ha già cinque regate transatlantiche nel suo palmarès. È arrivato nono nella Mini-Transat del 2003, e prima aveva partecipato anche alla AG2R del 1994 con suo fratello Bruno

8 Una regata iniziatica La vittoria non è tutto Sebbene abbiano una grande esperienza oceanica con equipaggio o in solitario, almeno quattro dei partecipanti a questa edizione della Barcelona World Race non hanno mai circumnavigato la Terra. Non hanno mai affrontato il Grande Sud, lo specchio d acqua più duro della regata e al tempo stesso il suo più grande stimolo. Aleix Gelabert e Dídac Costa condividono la barca, per cui non avranno nessuno con loro che possa rispondere alle domande che si presenteranno a misura che si avvicinino ai quaranta ruggenti, i paralleli dell emisfero meridionale dove il vento a volte sferza senza sosta per 24 ore al giorno. È il regno dei solitari albatros, del freddo e della solitudine, giacché è la zona meno frequentata di tutto il pianeta. Il tedesco Jörg Riechers, invece, avrà vicino qualcuno dotato d esperienza nel circumnavigare il mondo. Per il francese Sébastien Audigane, compagno del tedesco, gli oceani australi sono la sua seconda casa. Sebbene abbia completato solo un giro del mondo, ha partecipato in altri cinque tentativi e l anno scorso ha doppiato il Capo Horn in senso contrario (da est ad ovest) nella traversata durante la quale ha battuto il record della New York-San Francisco. Inoltre, ha partecipato alla seconda edizione della Barcelona World Race: la sua avventura terminò proprio dopo aver doppiato la punta meridionale dell America ed essere approdato ad Ushuaia, dove la sua Groupe Bel arrivò con la chiglia rotta. Partecipare alla partenza della Barcelona World Race è di per sé una gran conquista. E se arrivi fino alla fine, è un gran trionfo. Bruno García Alfred Farré Per Dídac Costa, Pompiere di professione, e Aleix Gelabert, architetto, questo è il primo giro del mondo e lo faranno sulla più veterana di tutte le barche: la One Planet, One Ocean & Pharmaton. Non partecipano alla regata esclusivamente per vincere, bensì per affrontare una sfida estrema ben diversa: Partecipare alla Barcelona World Race è una grande sfida per noi, e desideriamo premiare la fiducia che ci è stata data di poter competere al più alto livello nella vela oceanica e di poterlo fare unendo l aspetto sportivo a quello scientifico. Infatti, durante la regata, la One Planet, One Ocean & Pharmaton misurerà la salinità e la temperatura dell acqua superficiale del mare e analizzerà la concentrazione di microplastiche nell acqua, oltre a lanciare una balise Argo e valutare la qualità dell acqua superficiale, due progetti ai quali collaboreranno anche il resto delle barche partecipanti, il tutto nel quadro di un programma scientifico coordinato dalla Commissione Oceanografica Intergovernamentale dell UNESCO. Mireia Perelló SPIRIT OF HUNGARY CHEMINÉES POUJOULAT ONE PLANET, ONE OCEAN & PHARMATON Mireia Perelló Nandor Fa Székesfehérvár (Ungheria), 61 anni Conrad Colman Auckland (Nuova Zelanda), 31 anni Conrad Colman Sébastien Audigane Brest (Francia), 46 anni. Mireia Perelló Jörg Riechers Amburgo (Germania), 46 anni Jean Le Cam Quimper (Francia), 55 años Mireia Perelló Bernard Stamm Ginevra (Svizzera), 51 anni Dídac Costa Blanes (Spagna), 37 anni Mireia Perelló Aleix Gelabert Barcellona (Spagna), 34 anni Con tre giri del mondo alle spalle, Nandor Fa è un autentico mito in Ungheria. Ha completato due giri del mondo in solitario in regata, il primo a tappe nel e poi la Vendée Globe del , dove arrivò in quinta posizione. Torna alle regate su IMOCA 60 dopo essersi ritirato dalle competizioni per 18. Imprenditore e atleta, possiede una vasta experienza oceanica in solitario e in doppio. Ha partecipato alla Mini Transat del 2009 ed alla Route du Rhum nella classe 40 nel Nel 2012 ha vinto la regata a due Global Ocean Race e nel 2013 è arrivato secondo nella Classe 40 nell Atlantic Cup. Ha partecipato a vari record: giro del mondo, New York-San Francisco, distanza percorsa in 24 ore e Atlantico Nord. Si è ritirato dall edizione del 2010 della Barcelona World Race a causa di un avaria della chiglia della Groupe Bel. La Barcelona World Race sarà la sua seconda gran regata nella classe IMOCA, dopo aver partecipato alla Fastnet del Ha vinto la Route du Chocolat nel 2012 in Open 40 ed è arrivato secondo nella Quebec-St Malo e terzo nella Transat Jacques Vabre del 2013, sempre nella modalità a due. In solitario è stato sesto nella Route du Rhum del 2010 in Open 40. Formatosi al lato del grande Eric Tabarly, è conosciuto come il Re Jean per i suoi grandi risultati. Secondo e quinto nella Vendée Globe del 2004 e del Tre vittorie nella Solitaire du Figaro e una nella Transat AG2R. Nel 1982 ha battuto il record dell Atlantico. Si è ritirato dalla Barcelona World Race nel 2010 per la rottura dell albero della sua Président. Campione del mondo IMOCA nel 2003 e nel Nel 2002 e nel 2006 ha vinto due giri del mondo in solitario con scali. Ha partecipato a tre Vendée Globe e detiene il record del giro del mondo nel 2005 e della traversata Atlantico Ovest-Est nel Ha lo stesso sponsor dal Pompiere di professione, è stato il migliore spagnolo nella Mini-Transat del 2011 nella categoria serie. Come il suo compagno, si è formato nella classe mini e questa è la sua prima partecipazione alla Barcelona World Race e il suo primo giro del mondo. Architetto, questa è la sua prima partecipazione alla Barcelona World Race e anche il suo primo giro del mondo. Formato nella classe mini, è stato il primo spagnolo nella Mini-Transat del 2011 nella categoria prototipi

9 16 17

10 We Are Water lavatrice Thierry Martinez Vivere all interno di una La vita durante tre mesi all interno di un IMOCA 60 trascorre in una cabina di non più di 10 metri quadri. Il resto della barca è strutturale ed è destinato alle vele ed all equipaggiamento. All interno della barca tutto è condizionato dal peso. Un fornello a gas, un piccolo lavandino e due brande sono le uniche comodità delle quali dispongono. Anche il tavolo da carteggio è ridotto alla minima espressione. Per dormire, normalmente i velisti non usano le due brande ma condividono la stessa cuccetta in funzione delle necessità di peso e di sbandamento dell imbarcazione. Un telo messo a mo d amaca ed un sacco a pelo, a volte con dentro dei vestiti per mantenerlo caldo, sono il loro strumento di riposo per più di 90 giorni. A più di 20 nodi di velocità, il rumore nella cabina è assordante. Lo sbandamento, il beccheggio e gli scossoni causati dai colpi delle onde contro lo scafo rendono complesse anche le attività abitudinali più comuni, come prepararsi una bevanda calda o vestirsi. INVITATO A BORDO Bernard Stamm 18 VITA A BORDO P Fuori, nel pozzetto, pur essendo protetti dal tettuccio, la vita non è più confortevole. Costretti nei vestiti impermeabili, quasi sempre soli eccetto i momenti in cui è necessario essere in due per le manovre, sopportano i continui spruzzi d acqua, il freddo o il caldo estremi Se la vita all interno è quanto di più simile a viere nel tamburo di una lavatrice, all esterno ci si trova in quanto di più lontano ci possa essere da una placida terrazza con vista. Estrella Damm Ogni volta che la barca cade dall alto di un onda, è come una cannonata. È impossibile rimanere in piedi. È complicato anche stare a quattro zampe. er più di 90 programmi, Albert Om è stato invitato a condividere durante due giorni le case dei suoi anfitrioni. Adesso prova ad immergersi per alcuni istanti nella vita a bordo dei velisti della Barcelona World Race. Che le pare che due persone s imbarchino per un giro del mondo? Affascinante. Perché ci piace tanto condurre una vita al limite, fuggire dalla routine, sfidare la natura per sconfiggerla? S immagina l austerità della sua vita a bordo? Lottiamo per avere le comodità e poi, alla fine, quel che vogliamo è fare a meno di esse. C è chi ci lascia lo zampino due o tre volte e nonostante tutto vuole riprovarci Mi piacciono i cambi, la sensazione che la vita è reversibile, che non sarà sempre tutto uguale. Capisco che c è molto di questo nel loro caso. È una dipendenza. Se lo provi, vuoi riprovarci. Come pensa che si debba fare per condividere questi tre mesi insieme? Ci vuole molta generosità. E soprattutto ci vuole la curiosità, che è quel che ti fa arrivare alla vecchiaia ben sveglio e sano. È più facile sopportare tre mesi insieme in alto mare che a casa. A bordo, le persone sono predisposte a dare il meglio di sé, sanno di essere in una situazione estrema ma che inizia e finisce. Io non m imbarcherei, ma ammiro tantissimo chi lo fa, perché uno degli aspetti del giornalismo che più mi piacciono è la possibilità di vedere delle vite che sai che non vivrai mai. Le sue risorse emozionali di giornalista sarebbero applicabili a questa navigazione? Il mio tempo di convivenza nel programma El convidat è di due giorni, non è paragonabile La sensazione di fallimento in un avventura come questa è essere stato a punto d imbarcarsi e poi, alla fine, non avere il coraggio di farlo, e non è il doverla abbandonare una volta iniziata. I partecipanti non cercano né fama né denaro Quando si vede che ci si avvicina al porto si deve essere aggrediti da una marea di pensieri. Come arrivare di nuovo alla superficie provenendo da un altro mondo? A noi che l osserviamo dalla spiaggia, il mare ci sembra infinito. Mi pare fantastico che ci sia qualcuno che ne vada a cercare i limiti. Albert Om Giornalista. Direttore del programma di TV3 El convidat (L invitato) A noi che l osserviamo dalla spiaggia, il mare ci sembra infinito. Mi pare fantastico che ci sia qualcuno che ne vada a cercare i limiti. 19

11 Juan Porcar Primo pilota spagnolo che ha partecipato alla Paris-Dakar e velista solitario Estrella Damm Juan Porcar mar Con lo sfinimento sorgono i dubbi e il regatante dovrà lottare, oltre che contro l oceano e le sue avversità, anche contro i propri timori e stati d animo. In una regata di giro del mondo, il giorno trascorre in una successione frammentata di riposo e attività, senza praticamente dei tempi morti. Anche se gli equipaggi hanno normalmente uno schema di lavoro prestabilito per ogni giorno, la realtà è che non ci sono mai due giorni uguali: abitualmente, le condizioni e gli imprevisti modificano tutti i piani, la routine si spezza e la stanchezza si accumula. UNA REGATA DI RESISTENZA 24 ore al giorno Bisogna conoscere i propri limiti e non forzarli. La chiave è diventare tutt uno con la barca. Sébastien Audigane Sebbene dal principio i membri dell equipaggio siano consapevoli che per tre mesi non avranno mai più di tre o quattro ore di seguito per sé, sanno anche che questo è il prezzo che devono pagare, 24 ore al giorno per più di 90 giorni, per lo straordinario privilegio di planare a 20 nodi nell immensità dell oceano, con l unica compagnia degli albatros. We Are Water OCEANI, DESERTI, IMMENSITÀ Lo scrittore Josep Pla, nel suo libro Cinque storie del mare, racconta in maniera magistrale un viaggio di appena 100 miglia che realizzò con il suo amico Sebastià Puig da Palafrugell al Rousillon francese, a bordo di un bou, una barca nella quale la combinazione di vela e remi faceva sì che fosse il miglior strumento per vivere un esperienza indimenticabile. Quei 15 giorni costeggiando la costa, domando la tramontana e disegnando il mare di sfondo, ebbero delle dimensioni gigantesche per loro. Sono passati 96 anni. Fu nel 1918, quando le distanze si misuravano per giorni, settimane o mesi e il mondo era quasi infinito. Oggi, improvvisamente, la Terra si è fatta piccola E tuttavia, ancora rimangono spazi dove l essere umano è insignificante, fragile; dove ci sentiamo realmente isolati dal mondo e dove la natura si fa rispettare in forza della sua enorme dimensione: sono gli oceani e i deserti. Miraggi in una società ipertecnicizzata, stretta, schiacciata. Sono luoghi dove il mondo è ancora immenso e i concetti come resistenza, sforzo, cameratismo, generosità o decisione continuano ad avere un senso. Lo posso sentire ogni giorno nelle mie navigazioni in solitario e lo constatai nel mio primo Paris-Dakar, nel 1982, quando, perso nel deserto, esausto e malato, a centinaia di chilometri da qualsiasi parte e con la mia Ossa 310 Pionner al limite, la generosità e l impegno delle squadre furono decisivi. Il mondo ci si è fatto piccolo, ma gli oceani ed i deserti sono la riserva dei sogni, dell avventura e dell immaginazione. La Barcelona World Race conserva tutta questa essenza

12 Natalia Vía-Dufresne Regatante Vincitrice di due medaglie olimpiche, tra i suoi tanti e svariati trofei, Natalia Vía-Dufresne distribuisce il suo tempo tra l attività di coaching, il marketing nautico e la scuola di vela. Crede che ci siano differenze tra come affrontano un giro del mondo un equipaggio femminile ed uno maschile? Credo che non ve ne siano. Ciascuno affronta la sfida che si propone secondo le proprie possibilità, le capacità e i mezzi di cui dispone, e ciò non ha nulla a che vedere con l essere un uomo o una donna. La versatilità femminile è un vantaggio? L adattamento al cambio o la capacità di fare più cose allo stesso tempo è un aspetto positivo, giacche in una regata si devono adottare decisioni costantemente e si affrontano cambi inattesi. Crede che ci siano differenze nella maniera di impostare le strategie? Per me non ci sono differenze nel predisporre come affrontare la regata o il percorso. Credo che dipenda piuttosto dal carattere e dalle esperienze di navigazione di ogni regatante. Vede difficoltà aggiunte, per un equipaggio femminile? Credo che le difficoltà che possono sorgere siano di tipo fisico, giacche si devono maneggiare cose molto pesanti, e forse la preparazione della barca, i sistemi ed altri dettagli tecnici sono diversi. Si gestisce il rischio in maniera diversa? L idea che le donne siano più prudenti degli uomini non può essere generalizzata. L essere più o meno intrepidi è un abilità che si allena con la navigazione e diventando consapevoli dei propri limiti. E la gestione delle emozioni? Allo stesso modo, non si può generalizzare e dire che le donne siamo più sensibili e mostriamo di più le nostre emozioni. Dipende da ogni singola persona, senza distinzioni. In una navigazione estrema e così lunga come la Barcelona World Race, pensare alla famiglia è uno stimolo o può essere un freno al momento di dover adottare decisioni rischiose? Suppongo che la responsabilità della famiglia, e ancor di più se si hanno delle persone che dipendono da noi, come i figli, può influire in tal maniera che si pensi più a loro che a te stesso, in situazioni limite. Si è sentita discriminata qualche volta, nel mondo della vela, per il fatto di essere donna? No, ma posso notare che è difficile contare su una donna per governare o stabilire la tattica in squadre da regata. GAES Centros Auditivos Navigare intorno al mondo solo una volta nella vita è un esperienza incredibile. Circumnavigare il pianeta tre volte senza scali è un assoluto privilegio. Dee Caffari Th.Martinez Miquel Casanelles Quattro nomi propri Le partecipazioni femminili alla Barcelona World Race non hanno mai deluso. Già nella prima edizione, una delle partecipanti, Michèle Paret, salì sul podio insieme al suo veterano compagno, Dominique Wavre, e Servane Escoffier fu la prima a completare un giro del mondo a due senza realizzare nessuno scalo, in compagnia di Albert Bargués. Anna Corbella ci riprova in questa edizione. Nel 2011, fu la prima spagnola a circumnavigare il pianeta in regata. e Anna e la sua compagna Dee Caffari l unica donna che ha completato tre circumnavigazioni furono il primo equipaggio femminile a due che riuscì a fare il giro del mondo senza scali. Il mare non guarda il genere e ci rende tutti uguali. In una regata che compie il giro del mondo, l analisi, la previsione, la riflessione e anche la capacità di resistenza e di identificarsi con la natura svolgono un ruolo molto più importante della mera forza fisica. Inoltre, in un IMOCA 60, la forza muscolare può essere compensata in buona parte da una distribuzione della manovra impostata secondo le caratteristiche dell equipaggio. Probabilmente, un equipaggio femminile non sarà tanto rapido come uno maschile, in determinate manovre, ma questo dettaglio ha un influenza poco importante in una regata di resistenza come un giro del mondo. Con le stesse armi? Normalmente, nel mondo dello sport, uomini e donne competono in categorie diverse. La vela oceanica è una delle poche eccezioni a questa regola generale. La Barcelona World Race non fa distinzioni tra generi, né al momento dell iscrizione, né al momento di stabilire le classifiche. Il genere non importa 22 23

13 A differenza di altri sport, in un ambiente estremamente ostile, con umidità permanente, freddo e mancanza di sonno, nella vela oceanica è fondamentale l allenamento del controllo emozionale giacché con le emozioni alterate si è meno capaci di rendere sportivamente e di trovare soluzioni a problemi concreti. I velisti oceanici devono imparare soprattutto a gestire lo stress. Benoit Stichelbaut ASSUMERE IL RISCHIO Clara Duch Quando stai in mezzo all oceano, le facoltà mentali di alcuni velisti possono soffrire e, di conseguenza, le differenze tecnologiche e di velocità della barca non importano molto se non ne puoi ottenere alcun vantaggio. Psicologa Jean-Pierre Dick GESTIRE LE EMOZIONI Fare un giro del mondo a due richiede dei valori e un carattere sportivo molto speciali. La capacità di assumere il rischio, di adottare delle decisioni nei riguardi degli elementi della natura che rimangono al di fuori del proprio controllo, così come l abilità emozionale di gestire l incertezza, sono alcuni dei principali valori necessari per essere un velista oceanico. E se tutto va male? 24 Jorge Andreu I La Barcelona World Race inizia molto tempo prima della partenza. Ogni IMOCA 60 si prepara con mesi d anticipo con allenamenti che sottopongono le barche a massimi sforzi, allo scopo di evitare gli imprevisti e di disporre di alternative a situazioni concrete. Ma non tutto è prevedibile, e per questo motivo, per affrontare ciò che è inatteso, i velisti si devono anche preparare psicologicamente. E lo fanno prevedendo delle situazioni emozionali e determinando i criteri di risposta nei riguardi degli imprevisti. n una regata de tre mesi intorno al mondo, sono numerose le situazioni nelle quali tutto sembra andare male. In questi casi, la pressione e l angoscia possono portare al collasso o al blocco una persona che non si sia preparata. In queste situazioni, saper gestire in maniera adeguata le proprie emozioni diventa determinante. Il velista oceanico è un chiaro esempio dell importanza che ha il dominio delle nostre emozioni, piuttosto che essere succubi delle stesse, perché le emozioni sono informative e bisogna saperle gestire. Sono loro che ci consentono di adottare decisioni nel giro di pochi secondi quando non abbiamo il tempo di una riflessione più meditata. Con frequenza, è l intensità dell emozione quella che ne determina l adattabilità. La paura davanti ad una decisione o la rabbia come risposta ad un errore sono disfunzionali e conducono ad un profondo malessere personale. La chiave sta quindi nel saper dominare l intensità dell emozione, in maniera tale che questa venga sperimentata nei suoi livelli maggiormente adattativi, ossia che possa essere tradotta in azioni che risolvano i problemi. Ciò comporta la capacità di riconoscere l ansia, l arrabbiatura o la tristezza nel momento in cui emergono. Questo rendersi conto è quel che ci consente di gestire i sentimenti in maniera tale che non ci travolgano e che li possiamo usare con efficacia. E questo si ottiene solo con un lungo ed arduo allenamento. Quindi, in certa misura, il colpo di pistola della partenza indicherà anche l inizio della messa in pratica di questo apprendistato emozionale. La Lamaggiore maggior sfida sfidaoceanica oceanicain a due 25

14 MANOVRE Navigare a due è fisicamente più duro che in solitario giacché normalmente devi svolgere più manovre. Alex Thomson Due sole persone per controllare una barca di 18 metri di lunghezza, con un albero di quasi 30 e una superficie di vele di circa 300 metri quadri in bolina e di 600 con venti portanti. La forza che una tale attrezzatura esercita sui cavi e su ogni parte dell unità si misura in tonnellate ed è così enorme che è impossibile cazzare un millimetro di cavo senza l aiuto dei verricelli. Virate spossanti A differenza di una normale barca a vela, in un IMOCA 60 i membri dell equipaggio impiegano almeno mezz ora per portare a capo in condizioni ideali ciascuna delle due manovre principali, la virata e la strambata. In ciascuna di esse si devono muovere le vele dall interno, spostare 600 chili di peso tra vele ed attrezzature, spostare quasi tre tonnellate d acqua dei serbatoi mobili, cazzare paterazzi, muovere carrelli, cambiare di lato i chili della chiglia basculante, mollare e cazzare scotte di randa e fiocco, abbassare e regolare le derive E di manovre come queste se ne fanno centinaia durante la regata. Qualsiasi errore, alla velocità di un IMOCA 60, che può raggiungere punte di più di 30 nodi in planata, può provocare un disastro irreparabile. Miquel Casanelles Jorge Andreu Neutrogena IL POZZETTO: UN CONCENTRATO DI MANOVRA Lavorare a quattro mani 26 maggior sfida oceanica in due Un chilometro e mezzo di capi convergono nello spazio ridotto del pozzetto di un IMOCA 60. Non meno di cinque winch e almeno un potente mulinello centrale demoltiplicatore, il cosiddetto grinder, consentono di muovere le tonnellate di forza che le vele esercitano su drizze, scotte o qualsiasi altro capo. Tutto è meccanico: l elettricità è un bene che scarseggia, a bordo. Sebbene non vi siano due distribuzioni di pozzetto uguali, tutti i piani di manovra di un IMOCA 60 seguono tre criteri di progettazione: sicurezza, affidabilità e semplicità. Mulinello winch, strozzatoi... tutto deve stare a portata di mano ed a pochi passi per ridurre la massimo gli spostamenti sulla coperta ed evitare di dover andare all albero o sulla prua, a meno che non sia indispensabile.

15 Soli e in compagnia La Barcelona World Race ha una caratteristica che la rende unica tra le prove oceaniche di giro del mondo: si fa in due. Ciò nonostante, durante la maggior parte del tempo si vive e si naviga come in una regata in solitario: uno lavora e l altro riposa. La differenza riguardo alla navigazione in solitario è che ciascuno è consapevole che può ricorrere al proprio compagno, se necessario. Nonostante si sia in due sulla barca, sono molte le ore durante le quali la sensazione di solitudine del membro dell equipaggio in coperta è spaventosa Estrella Damm Nell alpinismo, come in mare, l immensità del paesaggio e la sobria solennità che ci circondano ci portano ad uno stato di raccoglimento spirituale. Ferran Latorre VINCERE IN SOLITARIO GAES Centros Auditivos Ferran Latorre Alpinista Uno dei libri che ha maggiormente segnato la mia adolescenza fu Vittoria in solitario, di Peter Habeler. L opera racconta la prima scalata senza ossigeno artificiale dell Everest, nel 1978, realizzata da Reinhold Messner e lui stesso, formando parte di una numerosa spedizione d alpinisti. Solo alcuni anni più tardi compresi lo spirito e il messaggio di un titolo omologabile a tutte le scalate che ha realizzato l uomo. L alpinismo è uno sport che si vive e si gestisce in gran parte in solitario. Come nel mare, l immensità del paesaggio e la sobria solennità che ci circondano ci portano ad uno stato di raccoglimento spirituale. E nonostante i compagni, durante la scalata ogni passo si fa da soli e si trascorrono lunghe ore in lotta con sé stessi, contro i propri dubbi e le proprie sofferenze. L attacco ad una cima come il K2 può comportare circa venti ore d andata e ritorno dall ultimo campo. E vi assicuro che sono ore che, nonostante si condividano con altri compagni, si vivono in una solitudine esistenziale. A più di metri d altezza, la lotta per andare avanti, per sopravvivere, per dare ogni singolo passo e non commettere nessun errore, è una lotta in solitario. Anche quando scali su pareti e sei il primo della cordata, il legame con il tuo compagno che ti fornisce la corda non è sufficiente a riempire l enorme solitudine con la quale ti confronti quando hai davanti a te un passaggio difficile. Ma poi, durante le grandi spedizioni, vi è anche la solitudine che si prova quando si sta lontani da casa. Come quando sei perduto in mezzo ad un oceano, la nostalgia, l impossibilità fisica durante giorni e giorni di ricevere un abbraccio dai tuoi cari, è uno dei sentimenti più forti e più difficili da superare. Per questo, qualsiasi vittoria nell alpinismo e nel mondo della vela è pur sempre una vittoria in solitario. 28 LA SFIDA DELLA SOLITUDINE 29

16 IL SONNO Dr. Eduard Estivill e dr.ssa Carla Estivill I velisti della Barcelona World Race dormono in turni di due o tre ore. Ma tra i ghiacci, con l attrezzatura al limite della resistenza, con il pericolo di rompere qualcosa o di scuffiare, e la maggiore parte del tempo inzuppati d acqua, dormire a bordo non è facile: è necessaria una rigorosa disciplina oraria, che solo si può alterare per cause estreme. Qualunque angolo è buono 30 A bordo, nello spazio ridotto della cabina, i velisti dispongono di due brande spartane, una su ogni lato, che usano in funzione del bordo che stanno mantenendo, sebbene in certe occasioni si vedano obbligati a dormire tra i sacchi delle vele, seduti, completamente vestiti con panni impermeabili, o nei sedili cuccette del tavolo da carteggio. IL NON DORMIRE SI PAGA A CARO PREZZO I Il rendimento fisico e cognitivo dei velisti in un giro del mondo dipende in gran misura dalla qualità e quantità di ore che passano dormendo velieri che partecipano alla Barcelona World Race stanno sotto il controllo di due velisti professionisti che dormono in turni compresi tra due e quattro ore. Quindi, devono continuamente frazionare il loro sonno per sbrigare le necessità della navigazione. La regata ha una durata di circa tre mesi, senza soste, per cui gli atleti dormono in queste precarie condizioni per circa 90 giorni di seguito. Dopo varie giornate di navigazione, lo sfinimento fisico e psichico che comporta questo frazionamento del sonno influisce in maniera evidente sulla presa di decisioni (manovre, strategie, stato d allerta, ecc.), la qual cosa può portare a commettere dei drammatici errori. Uno dei progetti di ricerca più importanti che attualmente sono in fase di svolgimento presso la Fondazione Estivill-Sonno è lo studio del sonno in condizioni estreme, al fine di determinare quali orari di sonno si possono raccomandare ai velisti per il miglioramento del loro rendimento. A questo riguardo, Anna Corbella e Gerard Marín, membri dell equipaggio della GAES Centros Auditivos, si sono sottoposti a degli studi crono-biologici, durante un anno, nei loro periodi d allenamento, utilizzando una tecnica avanzata e unica al mondo, che si basa sui sensori Kronowise. Questi sensori registrano i ritmi circadiani di sonno-veglia, temperatura corporea e ciclo luce-oscurità (relativo alla presenza o assenza di melatonina nel sangue). È stato anche determinato se sono di predominio maggiormente notturno (persone che stanno meglio durante la seconda metà del giorno) o di predominio diurno (persone che rendono di più durante la prima metà del giorno), nonché il loro rendimento cognitivo dopo i giorni di navigazione. Tutti questi dati ci sono serviti per fornire loro delle raccomandazioni personalizzate e ottimizzate sul loro sonno, che dovranno osservare durante la regata. GAES Centros Auditivos Yvan Zedda E questa gente come dorme? Mireia Perelló Clinica del Sonno Dr. Estivill dell Ospedale Universitario Quirón Dexeus di Barcellona Per la prima volta nella storia della vela oceanica, i velisti avranno delle istruzioni concrete su come dormire, fondate su studi scientifici 31

17 Pochi tempi morti Insieme? In effetti, non molto. Solo quando si manovra o si devono prendere delle decisioni strategiche. E, tuttavia, quando il mare ed il vento sono benevoli e il pilota automatico svolge il suo compito, anche in un giro del mondo dove la velocità è la cosa più importante ci possono essere momenti per il relax. Possono essere solo pochi minuti per condividere una bevanda calda, ascoltare musica, chiacchierare di tutto e di nulla o contemplare l orizzonte in compagnia. Un tempo morto che magari non serve a guadagnare posizioni, ma che non è tempo perso. Navigare a due è come un matrimonio; non si tratta di chi decide, bensì di chi cede. Guillermo Altadill Santi Millán Attore Dani Ebo IL TEMA 32 Fiducia mutua Vivere in uno spazio così limitato, nel quale la distanza fisica si assottiglia e l intimità è praticamente inesistente, e quasi sempre in condizioni estreme, esige una fiducia mutua, ordine e disciplina che si possono acquisire solo con l esperienza. Ma, soprattutto, esige rispetto e capacità di dialogo. Anche questa può essere la chiave di volta del successo o del fallimento, in un giro del mondo a due senza scali. Virbac Paprec 3 Jacques Vapillon Per tre mesi, i velisti della Barcelona World Race vedranno solo un altra persona. Con questa, dovranno convivere in uno spazio ridotto, quasi senza intimità. Con questo compagno condivideranno gioie ed emozioni, ma anche dubbi e frustrazioni. CONVIVENZA A BORDO Una coppia senza possibilità di fuga Se qualcuno di offre di fare il giro del mondo in barca, irrimediabilmente ti vengono in mente tutta una serie d immagini idilliache: bagni in mari tropicali dalle acque turchesi, cene romantiche sotto un cielo coperto di stelle o eterne sieste in coperta, cullati dalle onde. Ma se ti dicono che è per partecipare alla Barcelona Wold Race, puoi cominciare a cancellare tutte quelle immagini dalla tua testa. La Barcelona World Race è una delle prove sportive più dure che esistono. Non ci sono bagni rilassanti in alto mare, le cene sono fatte con cibi liofilizzati, si dorme a turni di due ore e si naviga attraverso gli inospitali e freddi oceani australi in condizioni estreme. Sono stato alla presentazione della barca della GAES Centros Auditivos, con la quale competeranno Anna Corbella e Gerard Marín. I giornalisti facevano molte domande ai due velisti, ma nessuno osò parlare del TEMA, l unico tema Che mi preoccuperebbe se dovessi imbarcarmi in una traversata di tre mesi in compagnia di una donna. Effettivamente. Quel tema. Non so se avete visto l interno di una barca di questo genere. Non ci sono cabine, né bagni, né scompartimenti che ti offrano un po d intimità, quindi l autosoddisfazione si presenta complicata. Io credo che la situazione migliore sia raggiungere un accordo con il/la tuo/a compagno/a di viaggio. Un accordo adulto, razionale, funzionale. In fondo, sono una squadra. Sono certo che entrambi sarebbero disposti a giocarsi la vita se le cose si mettessero male, e che farebbero qualsiasi cosa l uno per l altra. Dunque, perché non darsi una mano in qualcosa di così fondamentale e necessario per allentare le tensioni. Marinai/e della Barcelona World Race, tenete presente una cosa: il cibo liofilizzato suona poco appetibile, ma credo che sia l unico pasto decente che avrete durante tutta la traversata. Bon voyage! 33

18 sapore L importante è il Ogni squadra dispone di un nutrizionista responsabile di assicurare gli apporti quotidiani necessari e prevedere le quantità di cibo, mantenendo un margine di riserva giacché gli alimenti imbarcati potrebbero rovinarsi ed obbligare al razionamento di quelli che siano in buono stato. Ogni barca carica circa 140 chili di alimenti, conservati in centinaia di bustine individuali e impermeabili, etichettate per ogni giorno Joan Roca i Fontané Chef El Celler de Can Roca FNOB Mangiare le stesse cose per tre mesi? I NAVIGATORI ASSAGGIATORI LA DIETA Yvan Zedda We Are Water La base dell alimentazione sono le bustine di cibo liofilizzato: basta riscaldare l acqua, versare il contenuto di una bustina e attendere 10 minuti, per avere il menù bello e pronto. Renault ZE La risposta è no. Dallo stufato alla madrilena fino alla pasta alla carbonara, passando per arrosti, riso, cereali o dessert i liofilizzati rendono possibile una dieta variegata. Oggigiorno si possono trovare più di 25 varianti di cibo liofilizzato, e sebbene il palato non sia l elemento prioritario, si sta ottenendo che il sapore sia quello che ci si attende. Il ristorante El Celler de Can Roca, considerato uno dei migliori del mondo e con tre stelle Michelin, collabora attivamente con la Fundació Navegació Oceànica Barcelona e con la Barcelona World Race nella ricerca sui cibi liofilizzati e sulla divulgazione dei risultati. La nostra sfida come cuochi è quella di cercare di approfittare la sinergia che si produce tra i velisti e un ristorante d alta cucina impegnato nell innovazione e che sta lavorando alla liofilizzazione e la Barcelona World Race, e osservare come questi risultati possono essere utili al mondo della vela, afferma Joan Roca. Sono coscienti che questi velisti vivono per più di tre mesi in condizioni estreme, con limitazioni degli alimenti che possono imbarcare. Per questo motivo, prosegue lo chef, alla sfida iniziale si aggiunge il fatto che questi atleti estremi possano ottenere, attraverso la liofilizzazione, l apporto di prodotti che mantengano le proprietà organolettiche, e i nutrienti che possano rendere più facile la loro alimentazione. Il legame de El Celler de Can Roca con la Fundació Navegació Oceànica Barcelona non si esaurisce qui, bensì acquista un altra dimensione: stabilire un compromesso con la divulgazione ed il mondo educativo ed accademico. In questo compito non sono soli, giacché possono contare su assaggiatori di lusso: gli stessi velisti. Il fatto di avere i membri degli equipaggi della Barcelona World Race come consumatori in questa parte sperimentale del processo di ricerca offre un importante valore aggiunto, giacché sono i migliori divulgatori del lavoro che stiamo svolgendo. 35

19 L ATTENZIONE MEDICA Uno strappo o una contusione possono diventare un grave problema quando ci si trova a migliaia di miglia dal più vicino luogo abitato Nando Muñoz Dr.ssa Belén Gualis Assistenza mediante videoconferenza Estrella Damm Estrella Damm SALUTE A BORDO E TELEMEDICINA Ospedale Quirón-Teknon Belén Gualis Ogni barca dispone di una completa valigetta per il pronto soccorso e di un manuale di medicina a distanza. Per qualsiasi eventualità o complicazione ce i velisti non siano in grado di risolvere da soli, potranno consultare la Direzione medica della regata mediante videoconferenza, e grazie a questo sistema potranno stare in contatto con il vasto elenco di specialisti del personale medico dell Ospedale Quirón-Teknon. I membri dell equipaggio degli IMOCA 60 che competono nella Barcelona World Race dispongono di uno staff medico di primo livello, che veglia permanentemente, 24 ore al giorno, Telemedicina: per la loro salute. copertura illimitata L attenzione medica della Barcelona World Race consiste nella copertura medica della regata per 24 ore al giorno e sette giorni alla settimana, durante la competizione. Dalla Direzione medica avremo la responsabilità dell adozione di decisioni in tutti gli aspetti medico-sportivi della regata. Per farlo, si utilizzano le tecnologie di comunicazione più avanzate attualmente, allo scopo di poter offrire un assistenza sanitaria a distanza di primo livello. Disporremo di telefoni via satellite e di apparecchiature di videoconferenza installate a bordo delle barche. I consulti più banali, invece, si potranno effettuare via posta elettronica. Nel caso di una chiamata di un velista per qualsivoglia questione sanitaria, si procederà alla diagnosi, al trattamento ed al monitoraggio pertinenti. Il velista potrà utilizzare il mezzo di comunicazione più adeguato in funzione della gravità, dell urgenza del consulto e delle condizioni meteorologiche. Prima della partenza, i velisti saranno sottoposti ad un check-up completo e seguiranno un corso medico speciale con una preparazione esaudiente e adeguate conoscenze sanitarie. Si deve tener presente che i velisti saranno le nostre mani e i nostri cinque sensi all interno dell IMOCA 60: seguendo le istruzioni del medico, potranno eseguire le tecniche necessarie per risolvere il problema a bordo. Come novità di questa edizione, abbiamo aggiunto uno studio del metabolismo mediante il quale potremo valutare che tipo di cambi producono sui velisti lo stress continuo della competizione e le condizioni climatologiche avverse, per poter affrontare meglio le future regate per quanto si riferisce agli aspetti fondamentali dell alimentazione o della medicazione. I velisti sono le nostre mani e i nostri cinque sensi all interno dell IMOCA

20 M. Perelló Meteorologo OBIETTIVO: TROVARE LA ROTTA MIGLIORE L Nonostante i progressi delle previsioni meteorologiche e dei programmi informatici, l ultima analisi è sempre il fattore umano. Ciò spiega perché, anche se tutte le barche hanno le stesse informazioni, c è tanta diversità nella scelta delle rotte da seguire. Alla fine, quel che fa la differenza tra avanzare più o meno rapidi, tra vincere o perdere, è l esperienza di ogni velista, la sua intuizione nella corretta interpretazione delle previsioni e il suo istinto per decidere se confidare nei suggerimenti del computer o scegliere una rotta diversa. La macchina aiuta e suggerisce, ma i migliori regatanti sono quelli che sanno interpretare i segnali che manda l oceano che li circonda. We Are Water François Gabart Il fattore umano Barcelona World Race a funzione dei meteorologi nella Barcelona World Race è quella di fornire ai velisti gli strumenti migliori d analisi e previsione dei quali disponiamo, al fine di aiutarli nella presa di decisioni. Queste previsioni sono concentrate in file denominati GRIB, il linguaggio informatico usato per trasmettere i dati della direzione e forza dei venti, che offrono la previsione per le ore o i giorni seguenti. Una volta ricevuto il file, il computer di bordo consente di fare una simulazione su schermo il cui risultato sono le cosiddette isocrone, un complicato insieme di linee sulla carta che rappresentano la distanza che la barca, in funzione dei dati di previsione di velocità individualizzati introdotti precedentemente da parte delle squadre, può percorrere in varie direzioni ed in uno stesso periodo di tempo. Con questi dati, il computer potrà svolgere la maggiore parte del lavoro, ma il risultato è neutro: dovrà essere il velista a prendere la decisione se scegliere la rotta più breve, quella più rapida o quella più sicura verso il waypoint o punto di rotta prescelto, tenendo presente la previsione meteorologica concreta che gli offriamo da migliaia di miglia di distanza, ma sapendo anche che si tratta di previsioni e che, a nostro malgrado, non sempre si avverano. I progressi negli strumenti meteorologici hanno solo spostato più lontano l incertezza. 38 Central Lechera Asturiana Quattro volte al giorno, i computer di bordo ricevono le previsioni meteorologiche che l organizzazione della Barcelona World Race fornisce a tutti i partecipanti. METEOROLOGIA We Are Water La chiave della strategia Tomàs Molina 39

Avvicinarsi al Mare ed alla Vela. Scritto da Giorgio Bolens Lunedì 04 Luglio 2011 20:37

Avvicinarsi al Mare ed alla Vela. Scritto da Giorgio Bolens Lunedì 04 Luglio 2011 20:37 Il mare e la vela (a parere di molti l espressione più pura dell andar per mare) attraggono molte persone, anche in un periodo di crisi generale ed economica come quella che stiamo attraversando in questi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

DATI PRELIMINARI. Sup. velica di bolina: 105 m2 Sup. velica alle portanti: 225 m2 Randa: 55 m2 Fiocco: 50 m2 Gennaker: 170m2

DATI PRELIMINARI. Sup. velica di bolina: 105 m2 Sup. velica alle portanti: 225 m2 Randa: 55 m2 Fiocco: 50 m2 Gennaker: 170m2 DATI PRELIMINARI Lunghezza fuori tutto: 12,15m Lunghezza al galleggiamento: 11,50m Baglio: 3,99m Pescaggio: 2,60/1,60m Peso a vuoto: 4750Kg Zavorra: 2400Kg Peso equipaggio: 700Kg Motore: 40 cv Saildrive

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Didattica: 1. PATENTE NAUTICA: Corso teorico e Carteggio Entro le 12 miglia Corso teorico e Carteggio Senza limiti

Didattica: 1. PATENTE NAUTICA: Corso teorico e Carteggio Entro le 12 miglia Corso teorico e Carteggio Senza limiti La Scuola Nautica La Scuola Nautica Scainetti Sail S.r.l. è dal 1988 una delle scuole nautiche più attive di Roma. Accreditata presso la Provincia di Roma e Capitaneria di Porto di Roma, organizza autonomamente

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Davide Consorte CDSailinga.s.d.

Davide Consorte CDSailinga.s.d. CDSailinga.s.d. 20 Novembre 2009 Regata Transoceanica Le Solidaire du Chocolat 4000 miglia Francia-Messico Partnership & SponsorshipOcean Races 2014-2015-2016 Alla conquista dell ultimo continente l Oceano

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Padre Giuseppe Puglisi. Sì, ma verso dove? Associazione di volontariato Via Matteo Bonello n. 6 PALERMO

Padre Giuseppe Puglisi. Sì, ma verso dove? Associazione di volontariato Via Matteo Bonello n. 6 PALERMO Dunque la ragione per cui riteniamo responsabili delle loro azioni questi criminali, che non erano né bambini né schiavi ma uomini cresciuti, sta nel fatto che in politica e in morale non esiste qualcosa

Dettagli

Intervista a Stella Laurini

Intervista a Stella Laurini Intervista a Stella Laurini Parliamo di un area del benessere primario l alimentazione, ne parliamo con: Dr.ssa Stella Laurini, Trainer e Coach in PNL e ideatrice del metodo DcG, Dimagrire con Gusto. Dal

Dettagli

CORSI DI VELA OVER 18

CORSI DI VELA OVER 18 CORSI DI VELA OVER 18 AGOSTO E SETTEMBRE - convenzione bnl Non hai ancora scelto la tua vacanza? Mancano poche settimane, ma sei ancora in tempo per fare una vacanza originale e divertente, 100% acqua

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

I satelliti COSMO-SkyMed osservano Eco 40: la barca a impatto zero in viaggio intorno al globo.

I satelliti COSMO-SkyMed osservano Eco 40: la barca a impatto zero in viaggio intorno al globo. I satelliti COSMO-SkyMed osservano Eco 40: la barca a impatto zero in viaggio intorno al globo. Ormai da 25 giorni, l eco-barca Eco 40 (di soli 12 m di lunghezza) a impatto zero sull'ambiente è in viaggio

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

rotte transatlantiche

rotte transatlantiche rotte transatlantiche Ascolta il mare fino alla scoperta di nuovi orizzonti una traversata da togliere il fiato Esperienze indimenticabili Viaggia a bordo di Royal Caribbean, naviga lungo le rotte Transatlantiche

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA Articolo 1 Il presente Regolamento del Gruppo Vela è redatto in conformità ai principi contenuti nel Regolamento per i Gruppi Sportivi della Lega Navale Italiana, approvato

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

Evoluzione della specie

Evoluzione della specie Evoluzione della specie Beneteau lancia il nuovo First 30 ideato da Juan Kouyoumdjian, architetto talentuoso arrivato dalla Coppa America e dalla Volvo Ocean Race. La messa a punto tecnica sarà curata

Dettagli

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni?

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Qualunque sia la tua risposta, Voglio una vita straordinaria è la strada giusta per trovare nuove energie e urlare: Voglio essere io il regista

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

la vela che fa crescere

la vela che fa crescere I CORSI PER UNDER 18 la vela che fa crescere Settimane veliche Skiffsailing per bambini e adolescenti SKIFFSAILING scuola di vela sali a bordo del divertimento! In barca a vela. Perché non si vive di soli

Dettagli

Introduzione alla navigazione a vela

Introduzione alla navigazione a vela Introduzione alla navigazione a vela Corso per gli allievi Realizzato dalla Scuola di Vela dello Yacht Club degli Aregai autore: mailto:meo@bogliolo.name Argomenti del corso L arte della navigazione a

Dettagli

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Lo Stress è inevitabile nella vita. Ogni giorno ti confronti con diverse situazioni e con il bisogno continuo di fare delle scelte, ciascuna in qualche modo

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

IL CANTO DELLE BALENE

IL CANTO DELLE BALENE dai 7 anni IL CANTO DELLE BALENE CARLOS VILLANES CAIRO Illustrazioni di Matteo Piana Serie Arancio n 161 Pagine: 112 Codice: 978-88-566-2984-2 Anno di pubblicazione: 2015 L AUTORE Scrittore di lingua spagnola

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

rotte transatlantiche

rotte transatlantiche rotte transatlantiche Ascolta il mare fino alla scoperta di nuovi orizzonti 103 gli itinerari rotte transatlantiche una traversata da togliere il fiato Esperienze indimenticabili Viaggia a bordo di Royal

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

Il pensiero positivo! www.skilla.com

Il pensiero positivo! www.skilla.com Il pensiero positivo! www. Come accrescere la propria autostima fronteggiando le situazioni difficili. Il pensiero positivo! L avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge. Gustave

Dettagli

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE

*LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE S. GIOVANNI BOSCO *LICEO LINGUISTICO *LICEO DELLE SCIENZE UMANE *opzione ECONOMICO-SOCIALE Viale dei Mille 12 /a Tel. O577-909037 53034 COLLE DI VAL D ELSA ( SI

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2008-2009 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια : 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

4 volte F. L albero e l attrezzatura

4 volte F. L albero e l attrezzatura L albero e l attrezzatura In passato gli alberi delle imbarcazioni e delle navi erano realizzati in legno e tenuti in posizione da sartie costituite da cime vegetali. E evidente che le sartie e l alberatura

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Prua su Rio 2016 la nostra sfida Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Silvia e Vittorio sono velisti giovani e con molte vittorie alle spalle. Un equipaggio affiatato e determinato che ha lanciato una sfida:

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Una Raffica di emozioni

Una Raffica di emozioni Una Raffica di emozioni LA Visione Trasmettere ai ragazzi la passione per la vela, utilizzando metodi moderni e molto professionali ma anche basati sul divertimento e il gioco. L impegno del Club è di

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

www.nauticbroker.com una o due settimane 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto

www.nauticbroker.com una o due settimane 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto 8/15 agosto 15/22 agosto 8/22 agosto una o due settimane Un mare di amicizia e natura Una vacanza mai vissuta, o se vissuta, da ripetere! Perché con tanti amici a bordo, e ogni volta in un mare diverso,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

http://youtu.be/okjheuzbqpo http://youtu.be/gyv2wm8pyio http://youtu.be/pqgzbuga8em

http://youtu.be/okjheuzbqpo http://youtu.be/gyv2wm8pyio http://youtu.be/pqgzbuga8em MAX CALDERAN http://youtu.be/okjheuzbqpo http://youtu.be/gyv2wm8pyio http://youtu.be/pqgzbuga8em trailer documentario su Jazeera International dal 15.07.14: https://www.youtube.com/watch?v=xlxoj0hjv3k&list=plmret10kae96ol5m5imarlef0n9cgd5p1

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Tra il dire e il fare PNL e Coaching 2 Titolo Tra il dire e il fare Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo

È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo lontano dai classici cliché turistici? SIAMO QUI PER RACCONTARVI

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Io credo che una risposta sul

Io credo che una risposta sul Io credo che una risposta sul futuro dei giovani di Napoli possa venire dal mare. Vincenzo Onorato Francesco Rastrelli La Scuola Vela Mascalzone Latino è nata da un idea di Vincenzo Onorato, presidente

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

DA OGGI IN PENSIONE! Franco Voli. Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare. FrancoAngeli. rend

DA OGGI IN PENSIONE! Franco Voli. Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare. FrancoAngeli. rend Franco Voli FrancoAngeli DA OGGI IN PENSIONE! Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare rend Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è

Dettagli