CAPITOLATO SPECIALE PER POLIZZA DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITA CIVILE TERZI ED OPERATORI PER LE AZIENDE SOCIO SANITARIE ED OSPEDALIERE DELLA REGIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE PER POLIZZA DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITA CIVILE TERZI ED OPERATORI PER LE AZIENDE SOCIO SANITARIE ED OSPEDALIERE DELLA REGIONE"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE PER POLIZZA DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITA CIVILE TERZI ED OPERATORI PER LE AZIENDE SOCIO SANITARIE ED OSPEDALIERE DELLA REGIONE DEL VENETO *** POLIZZA DI 2 LIVELLO, 2 LOTTO

2 INDICE CAPITOLATO SPECIALE 2 LIVELLO Capo Primo 1) CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO 1a) Aziende Assicurate 1b) Modalità di funzionamento della Convenzione 2) DEFINIZIONI 3) DESCRIZIONE DELL'ATTIVITÀ 3a) Precisazioni 4) MASSIMALI - LIMITI DI RISARCIMENTO - FRANCHIGIE 5)CALCOLO DEL PREMIO E TERMINI DI PAGAMENTO 5a) Negoziazione del premio per sinistrosità Capo Secondo CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE SEZIONE A) - NORME SUL CONTRATTO IN GENERALE A 1) ALTRE ASSICURAZIONI A 2) VALIDITÀ ESCLUSIVA DELLE NORME DATTILOSCRITTE A 3) INTERPRETAZIONE DEL CONTRATTO A 4) RIPARTIZIONE DELL'ASSICURAZIONE E DELEGA A 5) DICHIARAZIONI DELL ASSICURATO A 6) MODIFICHE DELL ASSICURAZIONE A 7) VALIDITÀ TERRITORIALE A 8) COMPETENZA TERRITORIALE A 9) DECORRENZA DEL CONTRATTO A 10) DIVIETO DI TACITO RINNOVO A 11) FORMA DELLE COMUNICAZIONI DEL CONTRAENTE ALLA SOCIETÀ A 12) IMPOSTE A 13) RINVIO ALLE NORME DI LEGGE SEZIONE B) - NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI OGGETTO DELL ASSICURAZIONE B 1) Responsabilità civile verso terzi B 2) Novero dei terzi B 3) Attività intramuraria B 4) Responsabilità personale dei dipendenti e non B 5) Esclusioni 2

3 SEZIONE C) - NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE VERSO I DIPENDENTI SEZIONE D) - NORME ED OBBLIGHI IN CASO DI SINISTRI D 1) Obblighi del Contraente in caso di sinistro D 2) Gestione delle vertenze di danno D 3) Danni alle persone D 4) Attività di loss prevention. D 5) Obblighi della Società nella gestione dei sinistri Capo Terzo CONDIZIONI PARTICOLARI A) - Esistenza di convenzioni con cliniche universitarie o istituti di ricerca B) - Rischio sangue Capo Quarto a) Norme finali *** Allegato: dati per scheda di adesione alla convenzione 3

4 CAPO I 1) CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO 1 A ) Aziende Assicurate Si intendono assicurate nell ambito del presente contratto tutte le Aziende Socio Sanitarie e le Aziende Ospedaliere della Regione Veneto; più esattamente: ULSS n. 1 Belluno ULSS n. 2 Feltre ULSS n. 3 Bassano del Grappa ULSS n. 4 Thiene ULSS n. 5 Arzignano ULSS n. 6 Vicenza ULSS n. 7 Pieve di Soligo ULSS n. 8 Asolo ULSS n. 9 Treviso ULSS n. 10San Dona di Piave ULSS n. 11 ==== (ex Mestre oggi Ulss 12) ULSS n. 12 Venezia ULSS n. 13 Mirano Dolo ULSS n. 14 Chioggia ULSS n. 15 Cittadella ULSS n. 16 Padova ULSS n. 17 Este ULSS n. 18 Rovigo ULSS n. 19 Adria ULSS n. 20 Verona ULSS n. 21 Legnago ULSS n. 22 Bussolengo Azienda Ospedaliera di Padova Azienda Ospedaliera di Verona 1B) Modalità di funzionamento della Convenzione Per ogni Azienda assicurata la prestazione della garanzia assicurativa viene certificata mediante apposite "Schede di Assicurazione che l Azienda dovrà compilare ed inviare per raccomandata RR alla Compagnia di Assicurazioni debitamente sottoscritta. Le schede di Assicurazione sono regolate dalle condizioni generali, particolari e da quanto altro riportato nella presente Polizza Convenzione. Nella Scheda di Assicurazione saranno indicati, oltre al numero progressivo: - Dati anagrafici dell azienda assicurata; - Data di effetto e di scadenza della copertura; - L importo preventivato delle mercedi per l anno considerato; - Il premio calcolato singolarmente per ognuna delle Aziende, ottenuto applicando il tasso indicato dalla Compagnia nella scheda della proposta della gara. Qualsiasi modifica ad un qualunque dato riportato nella scheda di assicurazione sarà attuata mediante emissione di una nuova completa scheda di assicurazione sostitutiva della precedente. 4

5 2) DEFINIZIONI Alle seguenti definizioni le Parti attribuiscono convenzionalmente il significato qui precisato: - Per Contraente Le aziende socio sanitarie e le aziende ospedaliere (di seguito, per brevità, entrambe aziende ) della Regione Veneto che aderiscono alla polizza a seguito della procedura regionale di gara effettuata da Azienda capofila per la individuazione della Società Assicuratrice - Per Assicurazione il contratto di assicurazione - Per Polizza il documento che prova l'assicurazione - Per Assicurato il soggetto il cui interesse è protetto dall'assicurazione e cioè: - Le aziende ; - Il personale dipendente e non delle Aziende o che comunque svolge attività per la quale possano essere chiamate a rispondere le aziende o per il quale fonti normative prevedono che l ente garantisca la personale responsabilità, escluso il caso di dolo o colpa grave. - altre persone fisiche o giuridiche nominate in polizza. - Per Società l'impresa/e assicuratrice/i - Per Premio la somma dovuta dal Contraente alla Società - Per Sinistro la richiesta di risarcimento danni e/o l accadimento di fatti che possono comportare una richiesta di risarcimento danni - Per Indennizzo la somma dovuta dalla Società in caso di sinistro - Per Cose sia gli oggetti materiali che gli animali - Per Franchigia/Scoperto la parte del danno che rimane a carico dell'assicurato - Per Mercedi Ammontare delle competenze lorde del personale dipendente dei ruoli sanitario, professionale, tecnico ed amministrativo così come rilevabili dal piano dei conti ufficiale per l anno di riferimento inviato dalle Aziende Ussl ed Ospedaliere alla Regione Veneto. Sono espressamente esclusi da tale ammontare gli oneri sociali a carico delle Aziende.. 5

6 3) DESCRIZIONE DELL'ATTIVITÀ La seguente descrizione viene riportata a titolo esemplificativo e non limitativo, dato che la presente polizza esplica la propria validità per tutti i casi in cui possa essere reclamata una responsabilità dell' Azienda e delle persone assicurate, salve le esclusioni espressamente menzionate. L'attività dell'assicurato riguarda: la gestione e l'erogazione al pubblico di tutti i servizi e le prestazioni che la legislazione indipendentemente dalla fonte giuridica invocata (norme di legge nazionali, estere, internazionali, comunitarie, usi e costumi, giurisprudenza ed ogni altra norma giuridica ritenuta applicabile) prevede possano essere effettuati quali, a puro titolo esemplificativo e non limitativo: Presidi ospedalieri Presidi di prevenzione distretti Ambulatori Gabinetti di analisi e diagnosi Guardia medica Centri trasfusionali Centri Psico Sociali e/o di Riabilitazione Terapeutica Farmacia con vendita al pubblico Tutto quanto altro di simile ed inerente L'Assicurato può svolgere tutte le attività riconducibili ai servizi sopra elencati anche partecipando ad enti, società o consorzi, ed anche avvalendosi di terzi (persone fisiche e giuridiche) e può svolgere anche attività di sperimentazione e/o ricerca. Devono comunque intendersi comprese tutte le operazioni e attività accessorie, sussidiarie e/o complementari, di qualsiasi natura e con qualsiasi mezzo svolte, nessuna esclusa né eccettuata, con beni propri e/o di terzi, ovunque nell'ambito della validità territoriale della polizza. 3 A) PRECISAZIONI A titolo puramente esemplificativo e non limitativo l'assicurazione comprende anche la Responsabilità Civile derivante all Assicurato: ai sensi dell'art C.C, compresa la responsabilità personale delle persone incaricate. dalla proprietà o conduzione e/o uso, a qualsiasi titolo o destinazione, di fabbricati o loro porzioni, terreni e relativi impianti ed attrezzature che possono essere usati, oltre che dall'assicurato anche da terzi, compresa la responsabilità della committenza. dallo svolgimento di funzioni amministrative di polizia, funzioni organizzative, anche di attività socio-sanitarie svolte da altri soggetti nei confronti degli utenti. per danni alle cose dei dipendenti o da loro detenute, per danni subiti in occasione di servizio, ferma l esclusione dei danni da furto. per i danni cagionati a terzi e/o agli assistiti, da beni, attrezzature od apparecchiature cedute in uso dall Assicurato a qualsivoglia titolo. da medici specialisti ambulatoriali, occasionali, specializzandi, tirocinanti, da soggetti con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, dagli allievi che frequentano i corsi presso le scuole, non in rapporto di dipendenza con l Assicurato, per l attività prestata presso l Azienda Sanitaria stessa e/o altre sedi. per i servizi che la stessa debba erogare presso il domicilio degli assistiti o comunque fuori sede, con suo personale dipendente e/o collaboratori anche convenzionati, ivi compresi i danni in itinere al personale e/o collaboratori stessi; è compresa altresì la R.C. per i danni derivanti dall attività svolta dal Dipartimento di Prevenzione. dalle operazioni di disinfestazione, anche se eseguite con autocarri attrezzati e con l utilizzo di prodotti tossici. 6

7 dalla proprietà delle apparecchiature concesse in comodato od uso a terzi, nonché la RC per i danni cagionati dalle apparecchiature che l Assicurato ha in comodato o uso. dall esercizio di asili aziendali, colonie estive o invernali, scuole e/o corsi di istruzione professionale compresi i danni cagionati dai bambini e/o dagli ospiti e la RC personale del personale docente e/o incaricato della sorveglianza. da attività sportive e ricreative aziendali, anche svolte tramite CRAL o altre Associazioni di dipendenti aventi autonoma personalità giuridica. per danni provocati a seguito di sperimentazione autorizzata e svolta in conformità alle disposizioni di legge vigenti in materia, effettuate su pazienti consenzienti; l assicurazione si estende alla responsabilità civile derivante alla Contraente dall attività svolta dal Comitato Etico nonché alla responsabilità civile collegiale e personale dei componenti il Comitato Etico stesso. per fatti connessi alla normativa di cui al d.lgs.626/1994 e successive modifiche, nonché per la responsabilità civile personale derivante al responsabile della sicurezza e salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro, nominato dall assicurato ai sensi della citata legge n.626. per i danni cagionati da minori durante il periodo di affidamento familiare e/o eterofamiliare: per fatti commessi dai minori assegnati ai fini assistenziali, di adozione e/o affidamento; per danni subiti dai minori; per danni corporali arrecati ai membri delle famiglie affidatarie. per i danni cagionati da lavori derivanti da appalto ad altre imprese o persone i lavori di manutenzione dei locali, lavori e/o prestazioni in genere e/o lavori e/o prestazioni attinenti l'attività svolta dall'assicurato. Si conviene che: sono compresi i danni causati a terzi da dette imprese e/o persone; l'assicurato e propri dipendenti, dette imprese e loro dipendenti e/o persone sono considerati terzi tra di loro. la Società potrà esercitare il diritto di rivalsa nei confronti dell'appaltatore. dal conferimento di rifiuti speciali, infetti, tossici o nocivi. La garanzia è operante inoltre per l eventuale Responsabilità derivante all Assicurato per le operazioni di smaltimento di detti rifiuti, (eseguite da terzi) che abbiano provocato a terzi lesioni personali o morte e/od inquinamento dell ambiente, a condizione che il conferimento dei rifiuti sia stato effettuato ad aziende regolarmente autorizzate ai sensi delle disposizioni di legge vigenti. E inoltre inclusa la responsabilità personale degli anziani, dei portatori di handicap anche mentali nonché dei soggetti seguiti dai competenti servizi del Contraente per danni da loro cagionati anche durante il tirocinio lavorativo presso aziende private o centri. 7

8 4) MASSIMALI - LIMITI DI RISARCIMENTO MASSIMALI (prestati per ogni singolo ente) La Società, sulla base delle condizioni di assicurazione che seguono, presta l'assicurazione fino alla concorrenza delle seguenti somme: A.1) Responsabilità Civile verso terzi ,00 per ogni sinistro, con il limite di ,00 per ogni persona e ,00 per danneggiamenti a cose A.2) Responsabilità Civile verso i Prestatori di lavoro ,00 per ogni sinistro, con il limite di ,00 per ogni persona FRANCHIGIE Tutte le garanzie prestate con la presente polizza devono intendersi prestate con una franchigia fissa e assoluta per sinistro pari a ,00 LIMITI DI RISARCIMENTO La Società non sarà tenuta a risarcire un importo superiore a ,00, per ogni anno assicurativo, per tutti i sinistri di tutti gli Enti che ricadono nella presente convenzione. 8

9 5) CALCOLO DEL PREMIO E TERMINI DI PAGAMENTO Il premio annuo è calcolato applicando il tasso pro mille imponibile (escluse cioè le imposte di legge) così come definito in sede di aggiudicazione della procedura di gara, sull ammontare delle competenze lorde del personale dipendente dei ruoli sanitario, professionale, tecnico ed amministrativo così come rilevabili dal piano dei conti ufficiale per l anno di riferimento inviato dalle Aziende Ussl ed Ospedaliere alla Regione Veneto. Sono espressamente esclusi da tale ammontare gli oneri sociali a carico delle Aziende. Il premio della polizza in termini, anticipato nella misura dell 80% delle competenze relative all anno precedente, verrà regolato alla fine di ogni annualità assicurativa o del minor periodo cui la regolazione stessa si riferisce come sotto precisato. A tale scopo, entro 120 (centoventi) giorni dalla fine di ogni periodo annuo di assicurazione o della minor durata del contratto, il Contraente/Assicurato deve fornire alla Società i dati necessari e cioè l indicazione degli elementi variabili contemplati in polizza. Le differenze, attive o passive, risultanti dalla regolazione del premio, devono essere pagate nei 120 (centoventi) giorni successivi alla relativa comunicazione da parte della Società. Se il Contraente/Assicurato non effettua nei termini prescritti la comunicazione dei dati anzidetti o il pagamento della differenza attiva dovuta, la Società dovrà fissargli, mediante formale atto di messa in mora, un ulteriore termine non inferiore a 30 (trenta) giorni, trascorso il quale il premio anticipato in via provvisoria per le rate successive viene considerato in conto o a garanzia di quello relativo al periodo assicurativo annuo per il quale non ha avuto luogo la regolazione o il pagamento della differenza attiva e la garanzia resta sospesa fino alle ore 24 del giorno in cui il Contraente/Assicurato abbia adempiuto ai suoi obblighi, salvo il diritto per la Società di agire giudizialmente o di dichiarare, con lettera raccomandata la risoluzione del contratto. La Società ha il diritto di effettuare verifiche e controlli, per i quali l Assicurato è tenuto a fornire i chiarimenti e le documentazioni necessarie. Il periodo di mora per il pagamento delle rate di premio si intende elevato a 60 giorni, compresa la prima rata di premio. Le rate di premio successive, devono essere pagate entro le ore 24 del sessantesimo giorno dopo quello della scadenza. Se il Contraente/Assicurato non paga entro tali termini, l assicurazione resta sospesa e riprende vigore dalle ore del giorno del pagamento, ferme le successive scadenze. I premi devono essere pagati alla Direzione della Società o alla sede dell Agenzia o di quella di Brokeraggio eventualmente indicata dalla Compagnia qualora quest ultima abbia appoggiato il contratto presso un intermediario. In questo caso resta intesa l efficacia liberatoria anche a termine dell art del Codice Civile del pagamento così effettuato. Si prende atto che l eventuale mancato pagamento da parte di una Azienda assicurata con la presente convenzione, od il non invio dei dati per la regolazione del premio, non comporterà la interruzione di garanzia per tutte le altre Aziende che abbiano regolarmente adempiuto agli obblighi di cui sopra. 5A) NEGOZIAZIONE DEL PREMIO PER SINISTROSITA Ai sensi di quanto previsto alla SEZIONE D) - NORME ED OBBLIGHI IN CASO DI SINISTRI e precisamente al punto 6, si prende atto che ad ogni scadenza quadrimestrale per l invio della documentazione sinistri la Società potrà chiedere un adeguamento del premio della presente convenzione, in misura non superiore del 20% del premio stesso, qualora il rapporto tra i sinistri pagati 9

10 e/o riservati della presente convenzione ed i premi imponibili pagati (considerando anche la quota parte della regolazione dello stesso) superasse il rapporto del: - 120% per il primo anno dalla decorrenza della presente convenzione - 100% per il secondo anno - 80% dal terzo anno Si precisa che, poiché quanto dichiarato dagli Enti nella fase di ingresso corrisponde all 80% del premio presumibile annuale, per il primo anno l importo del premio da considerare ai fini della presente condizione sarà pari a quello indicato diviso per ottanta e moltiplicato per cento, mentre per gli anni successivi sarà costituito da quello risultante comprensivo della regolazione del premio dell anno precedente. Qualora il Contraente non ritenga fondata la richiesta, la Società potrà attivare apposita procedura arbitrale per la definizione della questione. Il Collegio Arbitrale sarà composto da tre componenti, di cui uno nominato dalla Regione o azienda delegata, un altro nominato dalla Società e il terzo di comune accordo tra le parti ovvero dal Presidente del Tribunale di Venezia. Resta inteso che l applicazione della negoziazione opera esclusivamente in rapporto al complesso della sinistrosità rilevata presso tutte le aziende e il montepremi complessivamente corrisposto. Tale negoziazione dovrà essere richiesta all azienda capofila o altra struttura indicata dalla Regione. 10

11 CAPO II CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE SEZIONE A) - NORME SUL CONTRATTO IN GENERALE A 1) ALTRE ASSICURAZIONI L'assicurato è esonerato dalla comunicazione preventiva alla Compagnia di Assicurazione dell'esistenza o della successiva stipulazione di altre assicurazioni per lo stesso rischio. In caso di sinistro, l'assicurato deve comunicare il sinistro a tutti gli assicuratori indicando a ciascuno il nome degli altri. Si prende atto che qualora esista, per alcuni degli Enti assicurati, una copertura prestata dai precedenti assicuratori per gli eventi postumi, solo ove fossero valide ed operanti le garanzie di dette assicurazioni, la presente polizza opererà a secondo rischio rispetto a quanto prestato con le precedenti polizze stipulate dagli Enti, mentre in caso di inoperatività per qualunque motivo delle stesse, la presente polizza verrà considerata come se dette assicurazioni non esistessero. A 2) VALIDITÀ ESCLUSIVA DELLE NORME DATTILOSCRITTE Si intendono operanti solo le norme dattiloscritte. La firma apposta dalla Contraente su eventuali moduli a stampa vale solo quale presa d'atto del premio e della ripartizione del rischio tra le Società partecipanti alla Coassicurazione. A 3) INTERPRETAZIONE DEL CONTRATTO Si conviene tra le Parti che in caso di dubbia interpretazione delle norme contrattuali verrà data l'interpretazione più estensiva e favorevole al Contraente /Assicurato su quanto contemplato dalle condizioni tutte di assicurazione. A 4) RIPARTIZIONE DELL'ASSICURAZIONE E DELEGA Qualora risulti dalla polizza che l Assicurazione è divisa per quote fra diverse Società Coassicuratrici, la Società Delegataria dichiara di aver ricevuto mandato dalle Coassicuratrici, indicate nell atto suddetto (polizza o appendice), a firmare ed accettare il contratto anche in loro nome e per loro conto; pertanto la firma apposta dalla Società Delegataria lo rende ad ogni effetto valido anche per le quote delle Coassicuratrici. In ogni caso tutte le Società Coassicuratrici sono obbligate in solido nei confronti della Contraente. In caso di sinistro la Delegataria si impegna a corrispondere l intero indennizzo all Assicurato, salvo il diritto di rivalersi nei confronti delle Coassicuratrici. Il dettaglio dei capitali assicurati, dei premi, accessori e imposte, spettanti a ciascuna Coassicuratrice, risulta dall apposito prospetto inserito in polizza. A 5) DICHIARAZIONI DELL ASSICURATO L'omissione della dichiarazione da parte dell'assicurato e/o del Contraente di una circostanza aggravante del rischio, come le incomplete ed inesatte dichiarazione all'atto della stipulazione della polizza e durante il corso della medesima, non pregiudicano il diritto al risarcimento dei danni, sempre che tali omissioni o inesatte dichiarazioni siano avvenute senza dolo. A 6) MODIFICHE DELL ASSICURAZIONE Le eventuali modifiche dell assicurazione devono essere provate per iscritto e sottoscritte dagli organi delle due contraenti. 11

12 A 7) VALIDITÀ TERRITORIALE Le garanzie di polizza sono estese al mondo intero. A 8) COMPETENZA TERRITORIALE Per le controversie riguardanti l'esecuzione del presente contratto in sede aziendale è competente l'autorità giudiziaria del luogo ove ha sede l'assicurato. Ove si tratti di controversia attinente l intero rapporto per aspetti complessivi o sovraaziendali è competente l Autorità Giudiziaria di Venezia. Quest ultima Autorità è competente anche ove si tratti di controversie che interessano contemporaneamente i due diversi livelli. A 9) DECORRENZA E DURATA DEL CONTRATTO La durata complessiva dell appalto su base regionale è prevista in anni quattro più un ulteriore anno in caso di concorde volontà delle parti (regione/società) di proseguire il rapporto ulteriormente alle medesime condizioni iniziali. Stante la diversa scadenza delle polizze vigenti di ciascuna Azienda, le medesime aderiranno al rapporto contrattuale man mano che verranno a scadenza naturale le rispettive polizze secondo la progressione temporale indicata nell allegato 3 del disciplinare. Tutti i rapporti si concluderanno, a prescindere dalla data di ingresso della singola Azienda, comunque entro il 31 dicembre 2007 salvo la proroga di un anno dianzi prevista. Stante la particolare natura del rapporto complessivo è ammesso, per entrambe le parti, il recesso annuale con avviso da inviare a mezzo raccomandata ar almeno sei mesi prima dalla data di scadenza. Le Aziende, e per esse la Regione a mezzo di azienda capofila, potranno comunque ottenere, previa comunicazione, ulteriori tre mesi di proroga per allestire nuovo procedimento di gara. Non è ammesso recesso da singoli rapporti con singole aziende per evidenti ragioni di non selezionabilità delle medesime ai fini della sinistrosità. Il recesso o la disdetta, pertanto, riguardano l intera convenzione regionale. L assicurazione vale per le richieste di risarcimento presentate per la prima volta all Assicurato nel corso periodo di efficacia dell Assicurazione, a condizione che tali richieste siano conseguenti a comportamenti posti in essere non oltre 3 anni prima della data di stipula della presente polizza o dalla data indicata nel modulo allegato e non siano state ancora presentate neppure all Ente di appartenenza dell Assicurato. Agli effetti di quanto disposto dagli artt C.C. ogni Assicurato dichiara di non avere ricevuto alcuna richiesta di risarcimento, nè di essere a conoscenza di alcun elemento che possa far supporre il sorgere dell obbligo di risarcimento, per fatto a Lui imputabile, già al momento della stipulazione del contratto. Unicamente per l Azienda Ospedaliera di Padova si prende atto che devono intendersi esclusi tutti i danni che possono essere ricondotti al cattivo funzionamento delle valvole cardiache della TRI TECNOLOGYES. L assicurazione é altresì operante per i sinistri denunciati agli Assicuratori nei 3 anni successivi alla cessazione della validità dell Assicurazione, purché afferenti a comportamenti colposi in essere durante il periodo di efficacia dell Assicurazione stessa. La Compagnia rinuncia con la sottoscrizione del presente atto alla possibilità di disdetta dopo ogni sinistro denunciato. A10) DIVIETO DI TACITO RINNOVO In osservanza alla legge n. 724, sue modificazioni e/o integrazioni, si precisa che la presente polizza non ammette in alcun caso il tacito rinnovo. A11) FORMA DELLE COMUNICAZIONI DEL CONTRAENTE ALLA SOCIETÀ Tutte le comunicazioni alle quali il Contraente è tenuto devono essere fatte con lettera raccomandata (anche a mano) od altro mezzo (telefax o simili) indirizzata alla Società. 12

13 Qualora la Compagnia abbia appoggiato il contratto ad un intermediario, agli effetti dei termini e delle garanzie di polizza ogni comunicazione fatta dal Contraente all Intermediario deve intendersi come fatta alla Società. A 12) IMPOSTE Le imposte e tutti i relativi oneri stabiliti per legge presenti e futuri, relativi al premio, al contratto ed agli atti da esso dipendenti, sono a carico del Contraente anche se il pagamento ne sia stato anticipato dalla Società. A 13) RINVIO ALLE NORME DI LEGGE Per tutto quanto non è regolato dalla polizza valgono le norme di legge. 13

14 SEZIONE B) - NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI OGGETTO DELL ASSICURAZIONE B 1) RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI La Società si obbliga a tenere indenne l'assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitali, interessi e spese) di danni involontariamente cagionati a terzi, per morte, per lesioni personali, per danneggiamenti a cose, in conseguenza di un fatto verificatosi in relazione all'attività descritta. L'assicurazione vale anche per la Responsabilità Civile derivante da fatto doloso di persone delle quali l'assicurato debba rispondere.in tale caso la Società può rivalersi nei confronti del responsabile. B 2) NOVERO DEI TERZI Non sono considerati terzi unicamente i dipendenti dell'assicurato quando subiscano il danno in occasione di lavoro o servizio, e solo se rientrati nella garanzia RCO di cui alla sezione C). Si precisa comunque che detti dipendenti, ed il legale rappresentante, sono considerati terzi quando fruiscano delle prestazioni e dei servizi erogati dall Assicurato. B 3) ATTIVITÀ INTRAMURARIA L assicurazione è estesa alla responsabilità civile che possa derivare all ente per l attività libero professionale intramuraria del personale autorizzato secondo le norme di legge e contrattuali. B 4) RESPONSABILITÀ PERSONALE DEI DIPENDENTI E NON La garanzia copre la Responsabilità personale dei medici, dei sanitari e del personale tutto, dipendente e non, a qualsiasi titolo utilizzato per i servizi prestati dall'assicurato, compreso il personale volontario che presta cioè la sua opera gratuitamente, ciò entro i limiti del massimale convenuto in polizza per sinistro, il quale resta ad ogni effetto unico anche in caso di corresponsabilità delle persone summenzionate con l'assicurato o fra di loro. 14

15 B 5) ESCLUSIONI DALL'ASSICURAZIONE RCT SONO ESCLUSI I DANNI: Da furto Deroga: L'assicurazione vale inoltre per la Responsabilità Civile dell'assicurato per danni da furto cagionati a terzi da persone che si siano avvalse - per compiere l'azione delittuosa di impalcature e ponteggi eretti dall'assicurato, o comunque allorché la responsabilità del furto possa ricadere sull'assicurato. Cagionati da macchine, merci e prodotti fabbricati, lavorati o in vendita dopo la consegna a terzi. Deroga: la garanzia comprende la Responsabilità Civile derivante dallo smercio di prodotti farmaceutici effettuato dalle farmacie, nonché la Responsabilità civile derivante dai prodotti galenici venduti. Ricollegabili ai rischi di Responsabilità Civile per i quali, in conformità alla Legge , n. 990, e del relativo regolamento di esecuzione approvato con D.P.R. n. 973 del e successive variazioni, l'assicurato sia tenuto all'assicurazione obbligatoria, nonché da navigazione di natanti a motore o da impiego di aeromobili. Deroga: La garanzia si intende operante durante la guida di veicoli o natanti, anche a motore, da parte di persone incaricate dall Ente Assicurato, dipendenti o non, purchè i suddetti veicoli o natanti non siano di proprietà o in usufrutto dell Ente Assicurato o ad esso intestati al P.R.A. ovvero a lui locati. La garanzia vale anche per i danni cagionati alle persone trasportate su veicoli abilitati per legge a tale trasporto. Derivanti dalla detenzione o dall'impiego di sostanze radioattive o di apparecchi per l'accelerazione di particelle atomiche, come pure i danni che, in relazione ai rischi assicurati, si siano verificati in connessione con fenomeni di trasmutazione del nucleo dell'atomo o con radiazioni provocate dall'accelerazione artificiale di particelle atomiche; Deroga: devono intendersi compresi: quelli derivanti dalla detenzione/uso di fonti radioattive necessarie all attività dell Assicurato secondo le modalità previste dalle competenti autorità e l osservanza delle norme vigenti in materia. quelli inerenti al rischio derivante all Assicurato/Contraente per effetto del trasporto del materiale radioattivo prelevato e trasportato esclusivamente con mezzi speciali previsti dalla legge, dalla stazione ferroviaria di arrivo di presidi e/o laboratori di competenza della A.S.L., ferma restando l esclusione dei danni ricollegabili ai rischi di responsabilità civile per i quali, in conformità alle norme della legge n. 990 e del relativo regolamento di esecuzione approvato con D.P.R. n. 973 del 24-11/1970 (e modificazioni ed integrazioni), è obbligatoria l'assicurazione. 15

16 Di qualsiasi natura o da qualunque causa determinati, conseguenti a: inquinamento, infiltrazione, contaminazione di acque, terreni o colture; interruzione, impoverimento o deviazione di sorgenti o corsi d'acqua; alterazioni od impoverimento di falde acquifere, giacimenti minerari ed in genere di quanto trovasi nel sottosuolo suscettibili di sfruttamento. Deroga: Sono compresi i danni involontariamente cagionati a terzi in conseguenza di inquinamento dell'ambiente a seguito dell'ipotesi di cui sopra, causato da un fatto accidentale ed improvviso e derivante dall'attività desunta dalla polizza. Relativamente alla suddetta garanzia l'assicurazione non comprende i danni: derivanti da alterazioni di carattere genetico; dalla intenzionale mancata osservanza delle disposizioni di legge, nonché dalla intenzionale mancata prevenzione del danno per omesse riparazioni o adattamenti per prevenire o contenere l'inquinamento. Sono comprese le spese sostenute dall'assicurato per rimuovere, neutralizzare o limitare le conseguenze di un sinistro risarcibile a termini di polizza con l'obbligo da parte dell'assicurato di darne avviso alla Società. Derivanti da detenzione ed impiego di esplosivi, Deroga: i danni derivanti all'assicurato in qualità di committente di lavori che richiedano l'impiego di tali materiali. Di natura estetica e fisionomica, conseguenti ad interventi di chirurgia estetica, Deroga: se non effettuati a scopo ricostruttivo a seguito di infortunio, o malattia. se determinati da errore tecnico nell'intervento, con esclusione della garanzia delle pretese per mancata rispondenza dell'intervento all'impegno di risultato assunto dall'ente assicurato e da personale dipendente del cui fatto debba rispondere. 16

17 SEZIONE C) - NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE VERSO I DIPENDENTI La Società si obbliga a tenere indenne l'assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitali, interessi e spese) per gli infortuni sofferti dai prestatori di lavoro subordinato da lui dipendenti, nonché dai lavoratori parasubordinati, così come definiti dall art. 5 del citato D. Lgs. 38/2000, addetti alle attività per le quali è prestata l assicurazione e per gli infortuni in itinere. Resta convenuto che l assicurazione non è efficace se, al momento del sinistro, uno o più dipendenti dell Assicurato non risultano iscritti all INAIL, ma solo nel caso in cui l omessa iscrizione derivi da dolo o colpa grave dell Assicurato stesso. L assicurazione è parimenti estesa ai prestatori di lavoro temporaneo, di cui alla legge 196/97. Nel caso in cui l INAIL o L INPS esercitassero l azione di rivalsa ex art c.c., detti prestatori di lavoro saranno considerati terzi. Devono altresì intendersi comprese le malattie professionali ai sensi di legge o riconosciute come tali dalla magistratura. L'estensione spiega i suoi effetti a condizione che le malattie si manifestino durante il tempo dell'assicurazione o entro 24 mesi dalla data di cessazione della garanzia o del rapporto di lavoro indipendentemente dall epoca in cui si siano verificati gli eventi che hanno dato luogo alla malattia, purché denunciate entro 24 mesi dalla cessazione della garanzia o dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. La garanzia non vale: a) per le malattie professionali connesse alla lavorazione dell amianto; b) per le ricadute delle malattie professionali conseguenti alla intenzionale mancata osservanza delle disposizioni di legge da parte dei legali rappresentanti dell Ente. 17

18 SEZIONE D) - NORME ED OBBLIGHI IN CASO DI SINISTRI D 1) OBBLIGHI DEL CONTRAENTE IN CASO DI SINISTRO In caso di sinistro, il Contraente/Assicurato deve darne avviso scritto alla Società o all Agenzia alla quale è assegnata la polizza, entro 30 (trenta) giorni lavorativi da quando ne ha avuto conoscenza. Deve, inoltre, fornire alla Società ed ai suoi mandatari tutte le informazioni, i documenti e le prove che possano venirgli richieste. Ai fini della garanzia RCO l'assicurato deve denunciare soltanto i sinistri mortali e quelli per i quali ha luogo l'inchiesta giudiziaria a norma della Legge infortuni; in quest'ultimo caso il termine decorre dal giorno in cui l'assicurato ha ricevuto l'avviso per l'inchiesta. Del pari deve dare comunicazione alla Società di qualunque domanda od azione proposta dall'infortunato o suoi aventi diritto o terzi nonché dall'istituto Assicuratore Infortuni, trasmettendo tempestivamente atti, documenti, notizie e quant'altro riguardi la vertenza. D 2) GESTIONE DELLE VERTENZE DI DANNO L Azienda assume la gestione delle vertenze sia civili che penali, incaricando, allo scopo legali e/o periti scelti di comune accordo con la Società ed avvalendosi di tutti i diritti ed azioni spettanti fino all esaurimento del grado di giudizio in corso al momento della completa tacitazione del/i danneggiato/i. In caso di mancato accordo sulla scelta dei legali e tecnici, è facoltà della Società nominare soggetti di propria fiducia, da affiancare a quelli indicati dall Azienda. La società garantirà il patrocinio legale anche per i casi in cui siano chiamati in giudizio personalmente le persone fisiche assicurate. Sulla gestione dei sinistri vigilerà, con cadenza quadrimestrale, un comitato composto da un rappresentante della Società, uno dell Azienda. Qualora la tacitazione del/i danneggiato/i intervenga durante l istruttoria, l assistenza legale verrà ugualmente fornita qualora il pubblico ministero abbia già, in quel momento deciso e/o richiesto il rinvio a giudizio dell assicurato e/o delle persone di cui deve rispondere. Sono a carico della società le spese sostenute per resistere all azione promossa contro l assicurato, entro il limite di un importo pari a al quarto del massimale stabilito in polizza per il danno cui si riferisce la domanda. Qualora la somma dovuta al danneggiato superi detto massimale, le spese vengono ripartite tra la società e l assicurato in proporzione al rispettivo interesse. D 3) DANNI ALLE PERSONE valutazione medico legale dei sinistri Si conviene tra le parti che la Società affida la valutazione medico legale del sinistro al Servizio di Medicina Legale della Contraente o delle relative strutture medico legali aziendali, provinciali o regionali - di seguito denominate servizio di medicina legale - che la contraente si riserva di individuare e adire in relazione alla specificità del caso. Il livello di servizio medico legale territorialmente individuato si occupa della istruzione della pratica (acquisizione della documentazione sanitaria, richiesta di informazioni al personale coinvolto), della valutazione preliminare del caso in ordine alla responsabilità e al danno, della relazione peritale (esame degli atti, visita del danneggiato), della consulenza di parte civile o penale nonché del monitoraggio e classificazione dei sinistri. Resta ferma ogni autonoma valutazione della società come pure ogni diritto dell assicurato di non subire pregiudizi per casi di malagestio od altro. 18

19 D 4) ATTIVITÀ DI LOSS PREVENTION. Il servizio di medicina legale e delle assicurazioni, sia nella propria articolazione regionale sia in quella intermedia che locale - alla luce di quanto verrà registrato circa la tipologia dei sinistri rilevata nelle singole Aziende contraenti - proporrà e condurrà, d intesa ed in collaborazione con la Società assicuratrice, unitamente alle strutture amministrative competenti, un programma specifico di informazione e formazione del personale, eventuale re-ingegnerizzazione dei processi e dei percorsi clinici, prevenzione del rischio anche mediante l elaborazione di linee guida. D 5) OBBLIGHI DELLA SOCIETÀ NELLA GESTIONE DEI SINISTRI La Società si obbliga a dare comunicazione scritta alla Contraente, con cadenza quadrimestrale, delle definizioni in sede giudiziale ed extragiudiziale dei sinistri, inerenti la presente convenzione, alla stessa denunciati, indicando per ciascuno di essi la data, il nome del danneggiato e l importo liquidato; per i sinistri in corso di definizione fornirà, separatamente, gli importi posti a riserva e lo stato della pratica. La Società si impegna quindi ad inviare al Contraente una comunicazione che riporti lo stato dei sinistri denunciati e aperti con i rispettivi numeri di protocollazione e le seguenti annotazioni: - sinistro liquidato, con relativo importo corrisposto al danneggiato; - sinistro aperto, in corso di verifica e relativo importo a riserva; - sinistro agli atti, senza seguito. - sinistro con possibilità di rivalsa nei confronti dei terzi come dal punto B 5) Dovrà inoltre essere assicurata tempestività delle comunicazioni e dei procedimenti relativi alla gestione dei sinistri. Al riguardo la Società è tenuta ad indicare a ciascuna azienda gli uffici e le persone di riferimento per ogni aspetto gestionale della polizza e per la tempestività di ogni intervento 19

20 CAPO III CONDIZIONI PARTICOLARI (SEMPRE VALIDE) A) ESISTENZA DI CONVENZIONI CON CLINICHE UNIVERSITARIE O ISTITUTI DI RICERCA L'Assicurato può inoltre, mediante apposite convenzioni, avvalersi delle prestazioni di cliniche universitarie ed istituti a carattere scientifico, oppure può riservare agli stessi l'utilizzo di proprie strutture a fini didattici di ricerca e di assistenza. La garanzia opera, in tal senso anche per il personale universitario che svolge attività assistenziale o comunque di interesse dell azienda nell ambito delle convenzioni in corso e più in generale della legislazione che prevede l integrazione tra Università e le aziende. La garanzia è operante anche per la RC derivante dalla attività svolta dal personale dipendente nell'ambito di apposite convenzioni e per prestazioni di attività c/o soggetti pubblici e privati. La garanzia vale per: - la Responsabilità Civile derivante all Assicurato per danni verificatisi nell'ambito delle strutture sanitarie dell'assicurato utilizzate a fini didattici o di ricerca da parte delle cliniche universitarie e degli istituti a carattere scientifico, nonché per i danni verificatisi nell'ambito dei reparti di ricovero e cura gestiti dai predetti Enti, convenzionati con l'assicurato. - La garanzia è altresì estesa ai borsisti, tirocinanti, specializzandi, quando operano sotto la diretta responsabilità dell'azienda assicurata nell'ambito dei reparti dati in gestione. B) - RISCHIO SANGUE La responsabilità civile dell'assicurato per danni a terzi conseguenti alla raccolta o all'utilizzazione, distribuzione del sangue, delle sue componenti, dei suoi preparati o derivati è coperta purché avvengano durante il periodo dell'assicurazione o al massimo vengano denunciati nei cinque anni successivi alla cessazione della garanzia.. Per tale rischio il massimale per sinistro rappresenta il limite per ogni anno assicurativo, resta comunque esclusa ogni responsabilità derivante dal D.P.R n.224. Si intendono altresì compresi ai sensi del D.P.R nr. 1256, i danni che possono essere arrecati ai donatori volontari periodici ed occasionali ed ai donatori professionali in diretta conseguenza di un prelievo di sangue o dei suoi derivati ed alla loro somministrazione purché eseguite dal personale del centro. Sono comprese in garanzia le richieste di risarcimento che avvengano durante il periodo dell'assicurazione o al massimo vengano denunciati nei cinque anni successivi alla cessazione del contratto e di esse l'assicurato medesimo, entro il detto termine, faccia denuncia alla Società nel rispetto di quanto disposto in materia di denuncia dei sinistri. 20

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI E DIPENDENTI

POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI E DIPENDENTI POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI E DIPENDENTI stipulata tra il COMUNE DELLA SPEZIA e l'impresa di Assicurazioni: Decorrenza: ore 24,00 del 31/12/2012 Scadenza: ore 24,00 del 31/12/2015 1 Le

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI E PRESTATORI D OPERA (R.C.T./R.C.O.) COMUNE DI AZZANELLO (CR)

RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI E PRESTATORI D OPERA (R.C.T./R.C.O.) COMUNE DI AZZANELLO (CR) Allegato 1 Lotto 1 CAPITOLATO SPECIALE PER COPERTURA ASSICURATIVA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI E PRESTATORI D OPERA (R.C.T./R.C.O.) COMUNE DI AZZANELLO (CR) La normativa, qui di seguito dattiloscritta,

Dettagli

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi 1 LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi S OMMARIO DEFINIZIONI pag. 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE Oggetto dell assicurazione R.C.T. pag. 3 Oggetto

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA IN DESTRA DEL FIUME SELE. Corso Vittorio Emanuele,143. 84143 Salerno. Codice Fiscale: 80000590655

CONSORZIO DI BONIFICA IN DESTRA DEL FIUME SELE. Corso Vittorio Emanuele,143. 84143 Salerno. Codice Fiscale: 80000590655 Assicurazione RESPONSABILITA' CIVILE Verso TERZI e PRESTATORI D'OPERA CONSORZIO DI BONIFICA IN DESTRA DEL FIUME SELE Corso Vittorio Emanuele,143 84143 Salerno Codice Fiscale: 80000590655 CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI Il presente fascicolo informativo contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del glossario; b) Condizioni di assicurazione Deve essere consegnato al contraente

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia - Via della Chiusa, 2-20123 Milano

AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l Italia - Via della Chiusa, 2-20123 Milano DEFINIZIONI Nel testo che segue, si intendono : - per Assicurato si intende il soggetto il cui interesse è protetto dall'assicurazione (a titolo esemplificativo: il Professionista, lo Studio Associato,

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale

CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale CNDCEC ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa Convenzione RC professionale Il Consiglio Nazionale ha stipulato a seguito di bando di gara con l 'ATI AON, Biverbroker, Acros, Banchero-Costa una convenzione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Tua Assicurazioni S.p.A.

Tua Assicurazioni S.p.A. Tua Assicurazioni S.p.A. Gruppo Cattolica Assicurazioni Contratto di assicurazione sui beni ed il patrimonio del Condominio Tua Casa Il presente Fascicolo Informativo, contenente a) Nota informativa, comprensiva

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO

PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO PROXILIA CREDIT STANDARD FASCICOLO INFORMATIVO Convenzione assicurativa n. FI/12/791 Proxilia Credit Standard stipulata da Fiditalia S.p.A. per l assicurazione dei rischi: vita caso morte, invalidità permanente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli