Guida pratica ai finanziamenti per le PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica ai finanziamenti per le PMI"

Transcript

1 Piano Nazionale di Sviluppo Nuova Ungheria Guida pratica ai finanziamenti per le PMI Seconda edizione Misure a supporto dell innovazione aziendale (R&S, Energia, Formazione) e strumenti di microcredito Pubblicazione a cura di: Sportello Europa della Camera di Commercio Italiana per l Ungheria e Desk Fondi Strutturali dell ICE Budapest, con la collaborazione di APRI Consulting Kft. Maggio 2008

2 Indice dei contenuti Premessa Contesto di riferimento Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione Obiettivi generali Ricerca e Sviluppo orientate al mercato Innovazione aziendale Miglioramento delle capacità di Ricerca e Sviluppo aziendali Sostegno allo start-up innovativo di azienda Produzione di energia Produzione di calore ed energia da fonti rinnovabili Supporto alla produzione di bioetanolo Efficienza energetica Formazione del personale Formazione dipendenti micro-piccole imprese Organizzazioni ombrello di micro-piccole imprese Formazione dipendenti medie imprese Accesso al credito Introduzione al microcredito Microcredito agevolato...32 CCIU ICE APRI 2

3 Premessa La presente pubblicazione e l ultima in ordine temporale delle numerose iniziative frutto della sinergia operativa instaurata fra CCIU ed ICE e costituisce prosecuzione e completamento della Guida pratica ai finanziamenti per le PMI - Investimenti materiali ed immateriali pubblicata nel Novembre Con questo lavoro, le nostre Istituzioni intendono agevolare la familizarizzazione delle PMI Italiane alle opportunita offerte dai Fondi Strutturali ungheresi, con particolare riferimento a quelle agevolazioni che ne possono incrementare il valore aggiunto e la competitivita nel lungo periodo. Si tratta, nel dettaglio, dei dispositivi programmati nell ambito dei Programmi Operativi Nazionali Competitivita Economica, Ambiente ed Energia, Rinnovamento Sociale e Regione Centrale, che privilegiano gli investimenti delle aziende in attivita di ricerca e sviluppo tecnologico, efficienza e risparmio Con questo lavoro, le nostre Istituzioni intendono agevolare la familizarizzazione delle PMI Italiane alle opportunita offerte dai Fondi Strutturali ungheresi energetico nonche nella principale risorsa di ogni impresa, il capitale umano. L ultima sezione e dedicata invece ai Programmi per il micro-credito cofinanziati dai Fondi Strutturali. Il lavoro e stato realizzato sotto il coordinamento del Dott. Augusto Cocchioni, Presidente del Comitato Esperti dello Sportello Europa, dalla Dott.ssa Konja Zsófia referente Desk Fondi Strutturali dell ICE e dalla Dott.ssa Barna Zsuzsanna referente dello Sportello Europa della CCIU, con la collaborazione del Dott. Michele Scataglini della societa APRI Consulting Kft. specializzata nella gestione ed attuazione di programmi comunitari, che ringraziamo sentitamente. CCIU ICE APRI 3

4 Confidiamo infine nell utilita di questo strumento, a vantaggio delle PMI Italiane e quindi dei sistemi economici dell Italia e dell Ungheria. Budapest, 23 Maggio 2008 Dott. Alessandro Stricca Presidente CCIU Dott. Alessio Ponz de Leon Pisani Direttore ICE Budapest CCIU ICE APRI 4

5 1. Contesto di riferimento La presente guida, come la Guida pratica ai finanziamenti per le PMI - Investimenti materiali ed immateriali, e il frutto di una analisi trasversale dei Programmi Operativi cofinanziati dai Fondi Strutturali per l Ungheria nel periodo Vale la pena richiamare l attenzione del lettore sul fatto che nel periodo , con la soppressione dei Complementi di Programmazione, i Programmi Operativi prima di essere tradotti in bandi, vengono declinati in Piani di Azione, documenti operativi della durata di 2 anni, contententi specifiche relative alle azioni ammesse, alle dotazioni finanziarie ed alle tempistiche di attuazione. Tali Piani sono modificati nel corso della Programmazione in relazione alle attivita di monitoraggio e valutazione ed alle risultanze dei bandi in termini di avanzamento finanziario, fisico e procedurale. Nel dettaglio sono stati presi in considerazione i Piani di Azione dei seguenti Programmi: Programma per la Competitivita Economica (GOP) - Asse I Ricerca, Sviluppo e Innovazione per l incremento della competitivita - Asse IV Strumenti finanziari Jeremie Programma per la Regione Centrale (KMOP) - Asse I - Innovazione e sviluppo delle aziende finalizzato alla creazione di una economia basata sulla conoscienza Programma per l Ambiente ed Energia (KEOP) - Asse IV Incremento dell utilizzo delle energie rinnovabili - Asse V Utilizzo efficiente dell energia Programma per il Rinnovamento Sociale - Asse II Adattabilita Accorpando i contenuti dei diversi Piani di Azione dei Programmi sopra menzionati e tralasciando la trattazione di argomenti tecnici, quali indicatori di monitoraggio, previsioni di spesa ed obiettivi specifici, la presente pubblicazione intende essere una guida snella e di agevole lettura ad uso dell imprenditore. CCIU ICE APRI 5

6 2. Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 2.1 Obiettivi generali La priorità sostiene ed incentiva quelle attività di ricerca, sviluppo e innovazione realizzate tramite una stretta collaborazione fra imprese, università ed istituti di ricerca, che risultano fondamentali per lo sviluppo della competitivita delle aziende nel lungo periodo sui mercati globali. 2.2 Ricerca e Sviluppo orientate al mercato Misure GOP Sostegno alle attività di ricerca e sviluppo orientate al mercato KMOP Sostegno alle attività di ricerca e sviluppo orientate al mercato Obiettivi dell azione Al fine di migliorare la capacità d innovazione delle aziende Ungheresi, la misura incentiva le cooperazioni di lungo periodo fra aziende, università ed istituti di ricerca. Lo scopo principale è la creazione di brevetti e prototipi, per aumentare la competitività delle aziende ungheresi. Per il miglior utilizzo di tali risultati si ritiene necessario che le relative attività siano definite e coordinate in primis dalle aziende. Attività ammissibili I. Ricerca industriale: ricerca relativa a nuove conoscenze utilizzabili anche per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi e funzionali al miglioramento di quelli esistenti II. Sperimentazione: realizzazione di progetti basati sui risultati ottenuti grazie alla ricerca industriale, cioè progettazione, realizzazione e verifica di prototipi, processi, servizi nuovi o già esistenti III. Tutela giuridico-legale delle attività di R&S (esclusivamente per le PMI): e ammissibile la totalità delle attività relative alla tutela giuridica dei prodotti intellettuali Sono ammesse le seguenti tipologie di costo: - personale dipendente impiegato in R&S (minimo 20% costo totale) - servizi esterni di R&S (massimo 60% costo totale) - acquisto di altri beni e servizi funzionali alle attivita di R&S - acquisto di licenze e brevetti CCIU ICE APRI 6

7 - acquisto di macchinari ed attrezzature (massimo 35% costo totale) - servizi e consulenze legati alla tutela giuridico-legale - almeno il 40% del costo totale di progetto deve essere riconducibile alle attivita di ricerca e sperimentazione Soggetti destinatari Copertura geografica Procedura Ente responsabile Società economiche di diritto ungherese con sede in Ungheria o filiali ungheresi di societa con sede nello SEE (Spazio Economico Europeo), consorzi e associazioni. KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Ottobre 2007 Conclusione: Novembre 2008 KMOP: Avvio: IV semestre Conclusione: IV semestre 2008 Criteri di Ammissibilità Proponente - il proponente non deve essere in perdita - il proponente deve avere almeno due esercizi contabili chiusi - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione nell ambito della misura del Programma GOP nell anno di presentazione del progetto - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione pubblica per attivita di R&S nei 3 anni precedenti Progetto - conformita del progetto alle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione rendicontazione finanziaria entro 36 mesi dalla firma del contratto CCIU ICE APRI 7

8 - il proponente deve impegnarsi a rispettare per tutta la durata del progetto le norme in materia di pari opportunità e relative al rispetto dell ambiente Criteri di valutazione A.) Criteri generali - stabilità economica dell azienda - fattibilità economica del progetto - conformita alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri professionali - risorse umane del proponente coinvolte nel progetto - fattibilità professionale del progetto - contenuto innovativo del progetto - pianificazione aziendale relativa all utilizzo dei risultati del progetto C.) Criteri trasversali - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale Intesitá di aiuto Fino al 65% del costo totale di progetto Contributo Da euro a euro Numero atteso progetti finanziabili GOP: 130 KMOP: 21 CCIU ICE APRI 8

9 2.3 Innovazione aziendale Misure Titolo Obiettivi dell azione GOP Sostegno all innovazione aziendale KMOP Sostegno all innovazione aziendale Il sistema di sostegni all attività di R&S fino ad oggi ha supportato ed incentivato progetti innovativi finalizzati alla creazione finale di prototipi. Attraverso la presente misura si tende invece sostenere il processo successivo, fino alle fasi di sviluppo tecnologico, sperimentazione di prodotto ed introduzione nel mercato. In altre parole, lo scopo principale è quello di migliorare le potenzialità di sviluppo delle aziende innovative e di favorire l introduzione dei loro prodotti nel mercato. Attività ammissibili I. Sperimentazione: realizzazione di progetti basati sui risultati ottenuti grazie alla ricerca industriale, cioè progettazione, realizzazione, verifica, produzione e fabbricazione sperimentale di prototipi, processi, servizi nuovi o già esistenti II. Marketing: totalità delle attività che vengono utilizzate per favorire l introduzione dei prodotti, delle tecnologie e dei servizi sperimentati dall azienda nel mercato. III. Tutela giuridico - legale delle attività di R&S (esclusivamente PMI): totalità delle attività relative alla tutela giuridica dei prodotti intellettuali Sono ammesse le seguenti tipologie di costo: - personale dipendente impiegato in R&S (minimo 20% costo totale) - servizi esterni di R&S (massimo 60% costo totale) - acquisto di altri beni e servizi funzionali alle attivita di R&S - acquisto di licenze e brevetti - acquisto di macchinari ed attrezzature (massimo 35% costo totale) - servizi e consulenze legati alla tutela giuridico-legale - personale dipendente impiegato in attivita di marketing - spese per attivita promozionale e piani di marketing - almeno il 40% del costo totale di progetto deve essere riconducibile alle attivita di ricerca e sperimentazione Soggetti destinatari Società economiche di diritto ungherese con sede in Ungheria o filiali ungheresi di societa con sede nello SEE (Spazio Economico Europeo), consorzi e associazioni. CCIU ICE APRI 9

10 Copertura geografica Procedura Ente responsabile KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Ottobre Conclusione: Ottobre 2008 KMOP: Avvio: IV. Trimestre Conclusione: IV. Trimestre 2008 Criteri di Ammissibilita Proponente - il proponente non deve essere in perdita - il proponente deve avere almeno due esercizi contabili chiusi - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione nell ambito della misura del Programma GOP nell anno di presentazione del progetto - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione pubblica per attivita di R&S nei 3 anni precedenti Progetto - il contenuto del progetto deve essere conforme alle finalità indicate nelle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione della rendicontazione finanziaria entro 30 mesi dalla firma del contratto - il proponente deve impegnarsi a rispettare per tutta la durata del progetto le norme in materia di pari opportunità e rispetto dell ambiente Criteri di valutazione A.) Criteri generali - stabilità economica dell azienda - fattibilità economica del progetto CCIU ICE APRI 10

11 - conformita alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri professionali - qualità delle risorse umane del proponente coinvolte nel progetto - fattibilità professionale del progetto - contenuto innovativo del progetto - pianificazione aziendale relativa all utilizzo dei risultati del progetto D.) Criteri trasversali - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale Intesita di aiuto Fino al 50% del costo totale di progetto Contributo Da euro a euro Numero atteso progetti finanziabili GOP: 350 KMOP: 65 CCIU ICE APRI 11

12 2.4 Miglioramento delle capacità di Ricerca e Sviluppo aziendali Misure Titolo Obiettivi dell azione GOP Miglioramento delle capacità di R&S aziendali KMOP Miglioramento delle capacità di R&S aziendali La spesa delle aziende ungheresi in R&S non raggiunge un valore tale da assicurare la competitività economica nel lungo periodo. Con la presente misura si perseguono i seguenti obiettivi: la creazione di unita di R&S e dei relativi posti di lavoro all interno delle aziende nonche l occupabilita di lungo periodo dei ricercatori. Tali unita di ricerca si caratterizzano per l elevato contenuto innovativo e sono basate su progetti aziendali strategici di lungo termine. Attivita ammissibili I. Ricerca: attivita finalizzata all ampliamento dell attuale conoscenza su fenomeni e fatti osservabili, senza obiettivi di applicazione o utilizzo II. Ricerca industriale (applicata): attivita finalizzata allo sviluppo di nuovi prodotti, processi o servizi, o il miglioramento di prodotti, processi e di servizi già esistenti. È inclusa anche la realizzazione delle componenti di sistemi complessi necessari alla ricerca industriale, con eccezione i prototipi commercializzabili III. Sperimentazione: in base ai risultati ottenuti tramite la ricerca applicata vengono stabilite le tappe della pianificazione, cioè la progettazione dei prodotti, processi e di servizi (nuovo o migliorati), è inclusa anche la preparazione di prototipi non commercializzabili. Non vengono considerate come sperimentazione le modifiche di routine, mentre ne fanno parte la produzione e la verifica di prodotti, processi e servizi, sempre nel caso in cui non siano commercializzabili direttamente o tramite modifiche. Sono ammesse le seguenti tipologie di costo: - personale dipendente impiegato in R&S - acquisto di macchinari ed attrezzature - servizi esterni di R&S - acquisto di altri beni e servizi funzionali alle attivita di R&S Soggetti destinatari Società economiche di diritto ungherese con sede in Ungheria o filiali ungheresi di societa con sede nel SEE (Spazio Economico Europeo) CCIU ICE APRI 12

13 Copertura geografica Procedura Ente responsabile KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Aprile Conclusione: Dicembre 2008 KMOP: Avvio: II. Trimestre 2008 Conclusione: IV. Trimestre 2008 Criteri di Ammissibilita Proponente - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione nell ambito della misura del Programma GOP nell anno di presentazione del progetto - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione pubblica per attivita di R&S nei 3 anni precedenti - il proponente deve impegnarsi a rispettare per tutta la durata del progetto le norme in materia di pari opportunità e rispetto dell ambiente - il proponente deve essere in possesso della registrazione ufficiale dell azienda all atto di stipula del contratto di concessione del contributo Progetto - il contenuto del progetto deve essere conforme alle finalità indicate nelle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione della rendicontazione finanziaria entro 30 mesi dalla firma del contratto - il proponente si impegna a garantire i posti di lavoro e l utilizzo del prodotto innovativo realizzato nell ambito del progetto di ricerca per i 5 anni successivi Criteri di valutazione A.) Criteri di base: CCIU ICE APRI 13

14 - nuovi posti di lavoro creati tramite l attività di R&S - totale delle spese ammissibili del progetto - conformita ai criteri professionali ed alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri trasversali - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale Intesita di aiuto Fino al 40% del costo totale di progetto Contributo Da euro a euro Numero atteso di progetti finanziabili GOP: 8 KMOP: 3-4 CCIU ICE APRI 14

15 2.5 Sostegno allo start-up innovativo di azienda Misure Titolo Obiettivi dell azione GOP Sostegno allo start-up innovativo di azienda KMOP Sostegno allo start-up innovativo di azienda Lo scopo principale della misura è di favorire lo sviluppo e la competitivita delle nuove imprese (attive da almeno 2 anni e fino ad un massimo di 6) sui mercato globali, attraverso l introduzione di tecnologie e componenti innovative nei processi aziendali. Attività ammissibili - Ricerca applicata e sperimentazione - utilizzo di servizi di R&S e innovazione - IT (hardware e software inclusi software sviluppati dall azienda) - acquisto e noleggio di nuove attrezzature tecniche, macchinari e strumentazioni scientifiche - acquisto di beni immateriali - sistemi e standard di qualità, standard ambientali ed altri sistemi di controllo - pianificazione aziendale e ricerca investitori - ricerche di mercato, marketing - tutela giuridico-legale Soggetti destinatari Micro, piccole e medie imprese di diritto ungherese con sede in Ungheria, con 2-5 esercizi contabili chiusi e che alla data di ottenimento della sovvenzione siano attive da meno di 6 anni. Copertura geografica Procedura Ente responsabile KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Luglio Conclusione: Dicembre 2008 KMOP: Avvio: II. Trimestre 2008 Conclusione: IV. Trimestre 2008 Criteri di Ammissibilità Proponente - il proponente non deve essere in perdita CCIU ICE APRI 15

16 - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente e pari opportunita - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - il proponente può essere finanziato una sola volta a titolo di start-up innovativo - non aver usufruito di nessuna sovvenzione né nell ambito delle misure 1.3.1, del Programma GOP né delle misure del GVOP, oppure dei finanziamenti dell ambito di KMUFA START e KTIA 5let. - il proponente si impegna a non richiedere nei 3 anni succcessivi all ottenimento della sovvenzione, ulteriori contributi pubblici a titolo di R&S o venture capital Progetto - il contenuto del progetto deve essere conforme alle finalità indicate nelle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione della rendicontazione finanziaria entro 24 mesi dalla firma del contratto Criteri di valutazione A.) Criteri di base: - stabilità economica dell azienda - fattibilità economica del progetto - conformita alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri professionali: - qualità delle risorse umane del proponente - risultati precedenti di R&S, capacità intellettuale, carattere innovativa - contenuto innovativo del progetto - pianificazione aziendale relativa all utilizzo dei risultati del progetto C.) Criteri specifici - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale CCIU ICE APRI 16

17 Intesita di aiuto Massimo 80% del totale Contributo Da euro a euro Numero atteso di progetti finanziabili GOP: 40 KMOP: 12 CCIU ICE APRI 17

18 3. Produzione di energia 3.1 Produzione di calore ed energia da fonti rinnovabili Misure KEOP 4.1 Produzione di calore ed energia da fonti rinnovabili con riduzione dell utilizzo di carburanti fossili Obiettivi dell azione Il Paese dispone della risorse necessarie alla produzione di energia da fonti rinnovabili, tuttavia gli investimenti in questo settore da parte di enti pubblici, privati e del terzo settore, necessitano di un adeguato livello di sostegno. La misura tiene conto della vocazione agricola del paese e presta particolare attenzione alle produzioni energetiche (incluso il legno qualora gli investimenti siano sostenibili) legate all agricoltura ed agli investimenti in tale settore. Attivita ammissibili Sono finanziabili i seguenti investimenti: - utilizzo delle biomasse - produzione ed utilizzo di biogas - energia geotermica - sistemi di teleriscaldamento a pompa di calore - energia solare - energia fotovoltaica - energia idroelettrica - energia eolica - costruzione di sistemi pubblici per l utilizzo del teleriscaldamento prodotto tramite energie rinnovabili - preparazione di combustibili da fonti rinnovabili (pellet, bric, trucioli di legno) - soluzioni ingegnereistiche finalizzate alla realizzazione di Case passive - combinazioni dei precedenti Non sono finanziabili i costi per l allacciamento alla rete elettrica. CCIU ICE APRI 18

19 Soggetti destinatari - imprese - enti pubblici e istituzioni governative - Comuni - aggregazioni di Comuni appartenenti alla medesima micro-regione - altri enti pubblici - aziende di proprieta dello stato - Chiese - consorzi dei prcedenti Copertura geografica Procedura Ente responsabile Tutto il paese A bando ENERGY CENTRE Energy Efficiency, Environmantal and Energy Information Agency Kht Budapest, Raday utca Tempistica Settembre Giugno 2015 Criteri di Ammissibilita Sono finanziabili solo quegli investimenti: - in armonia con gli obiettivi della politica energetica ed economica nazionale, tecnicamente realizzabili, efficienti dal punto di vista energetico ed i cui standard tecnologici, ambientali e di sicurezza, soddisfano tali criteri - che utilizzano energie rinnovabili e siano in grado di dimostrare gli impatti positivi del progetto dal punto di vista quantitativo (es: riduzione dell inquinamento, delle emissioni) tramite documentazione conforme agli standard richiesti dal mercato. Il proponente deve inoltre essere in grado di dimostrare l impatto sulla riduzione dell utilizzo di energie fossili nell ambito del progetto ed a livello macro - che nella progettazione prendano in considerazione le BEST AVAILABLE TECHNIQUES a livello Europeo, come incluse nella documentazione BREF - che dispongano delle necessarie autorizzazioni per la realizzazione del progetto - che, nel caso di biomasse, siano in grado di dimostrare il soddisfacimento dei criteri di sostenibilita ambientale ed ecologici (es: e vietato l utilizzo di colture invasive) Non sono finanziabili quagli investimenti che: - presentano un redditivita finanziaria negativa riferita alle risorse a carico del CCIU ICE APRI 19

20 beneficiario Criteri di valutazione n.d. Intesita di Da un minimo del 10% fino ad un massimo del 50% aiuto Contributo - Grandi aziende: da euro a euro Altri beneficiari: da euro a euro CCIU ICE APRI 20

21 3.2 Supporto alla produzione di bioetanolo Misure KEOP Supporto alla relizzazione di grandi e medi stabilimenti per la produzione di bioetanolo Obiettivi dell azione Le fonti energetiche rinnovabili possono essere utilizzate per la produzione di carburanti e/o componenti additivi dei carburanti. Le tecnologie di trasformazione attualmente presenti sul mercato permettono di generare, attraverso il ciclo produttivo, anche il calore e l energia necessari al proprio funzionamento. In altri termini, le fonti energetiche rinnovabili possono essere utilizzate per la produzione di una combinazione di carburanti e/o componenti additivi, calore ed energia. Relativamente alle energie rinnovabili, una materia prima strategica per l Ungheria e costituita dalle biomasse solide, che possono essere utilizzate per la produzione di bio-carburanti. La realizzazione di nuovi stabilimenti produttivi, e in grado di assicurare alle campagne nuove fonti di reddito ed arginare lo spopolamento delle campagne, riducendo al contempo il rischio degli investimenti dovuti alla variazione dei prezzi delle materie prime e del prodotto finale. Attivita ammissibili - Impianti di grandi dimensioni per la produzione di bioetanolo (piu di tonnellate/anno) - Impianti di medie dimensioni per la produzione di bioetanolo ( tonnellate/anno) Soggetti destinatari Copertura geografica Procedura Ente responsabile Imprese Tutta l Ungheria A bando ENERGY CENTRE Energy Efficiency, Environmantal and Energy Information Agency Kht Budapest, Raday utca Tempistica Novembre Giugno 2015 Criteri di Ammissibilita Sono finanziabili solo quegli investimenti: - in armonia con gli obiettivi della politica energetica ed economica nazionale, CCIU ICE APRI 21

22 tecnicamente realizzabili, efficienti dal punto di vista energetico ed i cui standard tecnologici, ambientali e di sicurezza, soddisfino tali criteri. In particolare sono considerati efficienti quegli investimenti, che utilizzano per la produzione di bioetanolo un quantitativo di energia non superiore al 60% del valore energetico del bioetanolo prodotto - per i quali la produzione di bioetanolo sara realizzata con tecnologie gia testate, di cui si possiede diritto all utilizzo - che nella progettazione prendano in considerazione le BEST AVAILABLE TECHNIQUES a livello Europeo, come incluse nella documentazione BREF - che nel caso di stabilimenti di grandi dimensioni utilizzino come combustibili, esclusivamente amidi e/o saccaridi con provenienza agricola - che nel caso di stabilimenti di medie dimensioni utilizzino come combustibili, esclusivamente amidi e/o saccaridi con provenienza almeno per il 50% dall agricoltura - che siano in grado di comprovare per i 3 anni successivi alla presentazione della domanda, la disponibilita di almeno il 75% delle materie prime richieste dalla capiacita dell investimento proposto. A tal fine dovranno essere allegati alla domanda i relativi contratti di acquisto o fornitura oppure si deve dimostrare di essere in grado di produrre autonomamente le quantita necessarie - che siano in grado di comprovare per i 3 anni successivi alla presentazione della domanda, l esistenza di contratti assicurati per la vendita del bioetanolo. La vendita di bioetanolo puo considerarsi assicurata nel territorio dell Unione Europea, nel caso in cui i contratti prevedono le 3 seguenti condizioni: - l acquirente e un produttore / distributore di combustibili - l acquirente realizza in via professionale e permanente una attivita commercio di bioetanolo - l acquirente e un produttore di Etere Butilico Terzial Etilico (ETBE) dotato di capacita produttiva almeno pari a quella dell investitore Non sono finanziabili quegli investimenti: - che presentino un redditivita finanziaria negativa riferita alle risorse a carico del beneficiario CCIU ICE APRI 22

23 - che non dispongano delle necessarie autorizzazioni per la realizzazione del progetto Altri vincoli: - vincolo di destinazione, ha una durata di 5 anni, durante tale periodo il beneficario deve impegnarsi a mantenere l impianto in funzione almeno al 75% della capacita produttiva nominale dichiarata in domanda - il beneficario del contributo deve impegnarsi ad alimentare il ciclo di produzione del bioetanolo, tramite energia sottoprodotta da biomasse. Tale energia non puo essere inferiore al 50% dell energia totale richiesta dall impianto di bioetanolo. Criteri di valutazione Intesita di aiuto Contributo n.d. Grandi stabilimenti: 5-10% del costo totale Medi stabilimenti: max. 30% del costo totale Grandi stabilimenti: max euro Medi stabilimenti: max euro CCIU ICE APRI 23

Guida pratica ai finanziamenti per le PMI

Guida pratica ai finanziamenti per le PMI Piano Nazionale di Sviluppo Nuova Ungheria 2007-2013 Guida pratica ai finanziamenti per le PMI Seconda edizione Misure a supporto dell innovazione aziendale (R&S, Energia, Formazione) e strumenti di microcredito

Dettagli

Guida pratica ai finanziamenti per le PMI

Guida pratica ai finanziamenti per le PMI Piano Nazionale di Sviluppo Nuova Ungheria 2007 2013 Guida pratica ai finanziamenti per le PMI Investimenti materiali ed immateriali P.O.R. Ungheria Centrale Asse 1 P.O. Competitivita Economica Asse 2

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

IL NUOVO PIANO SZÉCHENYI. Redatto dal Desk Fondi Strutturali ICE Istituto nazionale per il Commercio Estero Ufficio di Budapest

IL NUOVO PIANO SZÉCHENYI. Redatto dal Desk Fondi Strutturali ICE Istituto nazionale per il Commercio Estero Ufficio di Budapest IL NUOVO PIANO SZÉCHENYI Redatto dal Desk Fondi Strutturali ICE Istituto nazionale per il Commercio Estero Ufficio di Budapest Budapest, maggio 2011 IL NUOVO PIANO SZÉCHENYI Un milione di nuovi posti di

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

ROMANIA: OPPORTUNITA FINANZIARIE E STRUMENTI AGEVOLATIVI A SOSTEGNO DI PROGETTI DI SVILUPPO AZIENDALE

ROMANIA: OPPORTUNITA FINANZIARIE E STRUMENTI AGEVOLATIVI A SOSTEGNO DI PROGETTI DI SVILUPPO AZIENDALE ROMANIA: OPPORTUNITA FINANZIARIE E STRUMENTI AGEVOLATIVI A SOSTEGNO DI PROGETTI DI SVILUPPO AZIENDALE Dott.ssa Letizia Penza Milano, 31 Marzo 2011 1 ACF S.p.A, è stata costituita nel 1995 da Assolombarda,

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

Codice 09/001. Oggetto

Codice 09/001. Oggetto Oggetto Codice 09/001 POR FESR ABRUZZO 2007 2013. Attività I.2.1. Sostegno a programmi di investimento delle Micro e PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 Premessa La regione Puglia, in linea con gli indirizzi per lo sviluppo delle politiche comunitarie nei suoi tre

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

AGEVOLAZIONI ED IMPRESE

AGEVOLAZIONI ED IMPRESE AGEVOLAZIONI ED IMPRESE BANDO ISI INAIL 2016 BENEFICIARI: Pmi, anche individuali,ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura AGEVOLAZIONE:

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE

LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE regione LA PUGLIA A SOSTEGNO DELLE IMPRESE E DEL LAVORO LE NUOVE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO E DI AUTOIMPRENDITORIALITÀ NUOVA POLITICA INDUSTRIALE REGIONALE HI-TECH INNOVAZIONE FILIERE MANIFATTURIERO Strategia

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010

PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 PO FESR 2007-2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 Asse VI Competitività dei sistemi produttivi e occupazione Obiettivi La politica di aiuti alle imprese è finalizzata a sostenere,

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012);

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012); ALLEGATO A Regolamento di attuazione dell articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 2011, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012). Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili Indice

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI NEL CAMPO DELLE TECNOLOGIE ENERGETICO-AMBIENTALI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALL UTILIZZO DELLE FONTI RINNOVABILI

Dettagli

INIZIATIVA RETI 2020 Sostenere le reti tra imprese e l industrializzazione dei brevetti e della ricerca LINEE OPERATIVE

INIZIATIVA RETI 2020 Sostenere le reti tra imprese e l industrializzazione dei brevetti e della ricerca LINEE OPERATIVE A INIZIATIVA RETI 2020 Sostenere le reti tra imprese e l industrializzazione dei brevetti e della ricerca LINEE OPERATIVE PREMESSA 1) L IMPORTANZA DI INCENTIVARE LE RETI Distretti, cluster e reti d impresa

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE:

INCENTIVI ALLE IMPRESE: INCENTIVI ALLE IMPRESE: QUANDO COME E QUANTO Roma, 15-16 Febbraio 2014 Cari amici, questo opuscolo nasce con l auspicio di essere un valido punto di partenza per esplorare le possibilità messe in campo

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il raggiungimento degli obiettivi 2020 Relatore: Katiuscia Grassi PO Analisi e programmazione ambientale ed energetica Servizio Infrastrutture,

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

MICROCREDITO PER LE DONNE

MICROCREDITO PER LE DONNE UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI BARI UNAGRACO BARI INCENTIVI PER LE IMPRESE: I RECENTI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E REGIONALI BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NELLE REGIONI CONVERGENZA MICROCREDITO

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA

Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA Accordo di Programma MISE-Unioncamere 2012 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI/VOUCHER FINALIZZATI AL RISPARMIO E ALL EFFICIENZA ENERGETICA (approvato con deliberazione n. 18 del 10 aprile 2014) 1.

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA ANTICIPAZIONI FINANZIAMENTI AGEVOLATI NUOVA SABATINI PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI, BENI STRUMENTALI, ATTREZZATURE NUOVE

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

DocUP ABRUZZO 2000-2006

DocUP ABRUZZO 2000-2006 DocUP ABRUZZO 2000-2006 SCHEDA DELLA MISURA 2.3. RICERCA E SVILUPPO, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO I. IDENTIFICAZIONE DELLA MISURA I.1. Asse Asse II Competitività del sistema imprese I.2. Titolo

Dettagli

La politica energetica della Regione Lombardia

La politica energetica della Regione Lombardia La politica energetica della Regione Lombardia Piano per una Lombardia sostenibile e sviluppo delle fonti rinnovabili secondo gli scenari della 20-20-20 20 CO 2 LOMBARDIA 2020 Diamo valore al Clima: Efficienza,

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE GRANDI PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO Fondo per la crescita sostenibile": il Fondo di cui all articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni,

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007

Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Certificazione energetica negli edifici 19 luglio 2007 Seminario Strumenti finanziari ed incentivi a supporto del risparmio energetico Incentivi statali la Finanziaria 2007 La Finanziaria 2007 ha introdotto

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

Spin -Off dell Università di Urbino Carlo Bo

Spin -Off dell Università di Urbino Carlo Bo Spin -Off dell Università di Urbino Carlo Bo La Forza della Società Consortile Magie Del Fattore srl Mission 1 Il tema della produzione di energia e dell uso efficiente della stessa è spesso al centro

Dettagli

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici POR FESR 2014-2020 Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici Presentazione di iniziative per interventi di sostegno all efficienza

Dettagli

Campania Start Up. Studio Centrella "SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE

Campania Start Up. Studio Centrella SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE Studio Centrella Alberto Centrella Commercialista. - Via Polcari n. 7-82100 Benevento - Tel./Fax 0824 29704 -email studio@centrella.it i INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA "SPORTELLO

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali)

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Ingegneria finanziaria Articolo 44 Strumenti di ingegneria finanziaria Nell'ambito di un programma operativo, i Fondi strutturali possono finanziare spese

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

CONSULENZA GESTIONALE - INDUSTRIALE LEGGI AGEVOLATE E FINANZIAMENTI IN VIGORE GIUGNO 2014 INDUSTRIA

CONSULENZA GESTIONALE - INDUSTRIALE LEGGI AGEVOLATE E FINANZIAMENTI IN VIGORE GIUGNO 2014 INDUSTRIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI FORMAZIONE GESTIONE DEL CREDITO RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE GARANZIE CONFIDI CONSULENZA GESTIONALE - INDUSTRIALE CONSULENZA DIREZIONALE CONVENZIONI PER SERVIZI AZIENDALI LEGGI

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2016 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2016 REGIONE LOMBARDIA 1 NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 1 GENNAIO 2016 REGIONE LOMBARDIA NEWS BANDO INAIL 2015 Contributi a fondo perduto del 65% delle spese per progetti di miglioramento della sicurezza sul luogo di lavoro

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

PIANO FILIERA, PROGETTO INDUSTRIALE E BUSINESS PLAN

PIANO FILIERA, PROGETTO INDUSTRIALE E BUSINESS PLAN 1/ AVVISO PUBBLICO per la concessione di agevolazioni finanziarie, attraverso la sottoscrizione di Contratti di Programma Regionali settoriali per lo Sviluppo delle Attività Industriali, di cui all articolo

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA INCENTIVI della Regione Piemonte per il SETTORE ENERGETICO Miguel Scordamaglia Torino, Novembre 2008 1 INDICE DELL INTERVENTO SETTORE ENERGETICO LA SFIDA DELLA

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1del POR FESR 2014-2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia-Romagna COS È IL POR FESR 2014-2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE LOCALE

Dettagli

Vantaggi economici provenienti dallo sfruttamento economico di un marchio. Licenza Franchising Merchandising Co-branding Monetizzazione

Vantaggi economici provenienti dallo sfruttamento economico di un marchio. Licenza Franchising Merchandising Co-branding Monetizzazione Vantaggi economici provenienti dallo sfruttamento economico di un marchio Licenza Franchising Merchandising Co-branding Monetizzazione Individuazione del soggetto fruitore dei sostegni economici e del

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE BANDO BENI STRUMENTALI 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE BANDO BENI STRUMENTALI 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE BANDO BENI STRUMENTALI 2015 BUDGET Le risorse finanziarie ammontano complessivamente ad euro 500.000. BENEFICIARI Possono presentare domanda per l accesso

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

20/10/2015 Esaurimento fondi

20/10/2015 Esaurimento fondi QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Bando Microcredito FSE 2015 Finanziamento Agevolato a tasso 0 max 25.000

Dettagli

Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili

Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili LA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI TRA LE PRIORITÀ DEL NUOVO SVILUPPO RURALE Psr 2014-2020, tutte le Misure a sostegno delle rinnovabili I nuovi Programmi di sviluppo rurale, in fase di costruzione e approvazione,

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Protocollo di intesa (24/7/13) Realizzare sul territorio nuove iniziative volte allo sviluppo delle tematiche dell efficienza energetica,

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania.

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania. Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI-FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivo Operativo

Dettagli

Gli strumenti della Finanza Agevolata, Finanza Ordinaria e le Agevolazioni per le Reti d Impresa

Gli strumenti della Finanza Agevolata, Finanza Ordinaria e le Agevolazioni per le Reti d Impresa Gli strumenti della Finanza Agevolata, Finanza Ordinaria e le Agevolazioni per le Reti d Impresa ing. Andrea Mingolla Responsabile Finanziamenti Puglia PRESENTAZIONE AGEVOLAZIONI FISCALI e CREDITO DI IMPOSTA

Dettagli

UNIONCAMERE LOMBARDIA SISTEMA CAMERALE LOMBARDO

UNIONCAMERE LOMBARDIA SISTEMA CAMERALE LOMBARDO UNIONCAMERE LOMBARDIA SISTEMA CAMERALE LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AIUTI ALLE IMPRESE AI SENSI DEL REGOLAMENTO DI ESENZIONE DELLA COMMISSIONE N.800/2008 SOMMARIO Capo I Art. 1 Art. 2 Art.

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico Ing. Andrea D Ascanio lunedì 11 Dicembre 14 dicembre 2009 2009 La storia di Banca Etica Anni 80: prime esperienze

Dettagli