Guida pratica ai finanziamenti per le PMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica ai finanziamenti per le PMI"

Transcript

1 Piano Nazionale di Sviluppo Nuova Ungheria Guida pratica ai finanziamenti per le PMI Seconda edizione Misure a supporto dell innovazione aziendale (R&S, Energia, Formazione) e strumenti di microcredito Pubblicazione a cura di: Sportello Europa della Camera di Commercio Italiana per l Ungheria e Desk Fondi Strutturali dell ICE Budapest, con la collaborazione di APRI Consulting Kft. Maggio 2008

2 Indice dei contenuti Premessa Contesto di riferimento Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione Obiettivi generali Ricerca e Sviluppo orientate al mercato Innovazione aziendale Miglioramento delle capacità di Ricerca e Sviluppo aziendali Sostegno allo start-up innovativo di azienda Produzione di energia Produzione di calore ed energia da fonti rinnovabili Supporto alla produzione di bioetanolo Efficienza energetica Formazione del personale Formazione dipendenti micro-piccole imprese Organizzazioni ombrello di micro-piccole imprese Formazione dipendenti medie imprese Accesso al credito Introduzione al microcredito Microcredito agevolato...32 CCIU ICE APRI 2

3 Premessa La presente pubblicazione e l ultima in ordine temporale delle numerose iniziative frutto della sinergia operativa instaurata fra CCIU ed ICE e costituisce prosecuzione e completamento della Guida pratica ai finanziamenti per le PMI - Investimenti materiali ed immateriali pubblicata nel Novembre Con questo lavoro, le nostre Istituzioni intendono agevolare la familizarizzazione delle PMI Italiane alle opportunita offerte dai Fondi Strutturali ungheresi, con particolare riferimento a quelle agevolazioni che ne possono incrementare il valore aggiunto e la competitivita nel lungo periodo. Si tratta, nel dettaglio, dei dispositivi programmati nell ambito dei Programmi Operativi Nazionali Competitivita Economica, Ambiente ed Energia, Rinnovamento Sociale e Regione Centrale, che privilegiano gli investimenti delle aziende in attivita di ricerca e sviluppo tecnologico, efficienza e risparmio Con questo lavoro, le nostre Istituzioni intendono agevolare la familizarizzazione delle PMI Italiane alle opportunita offerte dai Fondi Strutturali ungheresi energetico nonche nella principale risorsa di ogni impresa, il capitale umano. L ultima sezione e dedicata invece ai Programmi per il micro-credito cofinanziati dai Fondi Strutturali. Il lavoro e stato realizzato sotto il coordinamento del Dott. Augusto Cocchioni, Presidente del Comitato Esperti dello Sportello Europa, dalla Dott.ssa Konja Zsófia referente Desk Fondi Strutturali dell ICE e dalla Dott.ssa Barna Zsuzsanna referente dello Sportello Europa della CCIU, con la collaborazione del Dott. Michele Scataglini della societa APRI Consulting Kft. specializzata nella gestione ed attuazione di programmi comunitari, che ringraziamo sentitamente. CCIU ICE APRI 3

4 Confidiamo infine nell utilita di questo strumento, a vantaggio delle PMI Italiane e quindi dei sistemi economici dell Italia e dell Ungheria. Budapest, 23 Maggio 2008 Dott. Alessandro Stricca Presidente CCIU Dott. Alessio Ponz de Leon Pisani Direttore ICE Budapest CCIU ICE APRI 4

5 1. Contesto di riferimento La presente guida, come la Guida pratica ai finanziamenti per le PMI - Investimenti materiali ed immateriali, e il frutto di una analisi trasversale dei Programmi Operativi cofinanziati dai Fondi Strutturali per l Ungheria nel periodo Vale la pena richiamare l attenzione del lettore sul fatto che nel periodo , con la soppressione dei Complementi di Programmazione, i Programmi Operativi prima di essere tradotti in bandi, vengono declinati in Piani di Azione, documenti operativi della durata di 2 anni, contententi specifiche relative alle azioni ammesse, alle dotazioni finanziarie ed alle tempistiche di attuazione. Tali Piani sono modificati nel corso della Programmazione in relazione alle attivita di monitoraggio e valutazione ed alle risultanze dei bandi in termini di avanzamento finanziario, fisico e procedurale. Nel dettaglio sono stati presi in considerazione i Piani di Azione dei seguenti Programmi: Programma per la Competitivita Economica (GOP) - Asse I Ricerca, Sviluppo e Innovazione per l incremento della competitivita - Asse IV Strumenti finanziari Jeremie Programma per la Regione Centrale (KMOP) - Asse I - Innovazione e sviluppo delle aziende finalizzato alla creazione di una economia basata sulla conoscienza Programma per l Ambiente ed Energia (KEOP) - Asse IV Incremento dell utilizzo delle energie rinnovabili - Asse V Utilizzo efficiente dell energia Programma per il Rinnovamento Sociale - Asse II Adattabilita Accorpando i contenuti dei diversi Piani di Azione dei Programmi sopra menzionati e tralasciando la trattazione di argomenti tecnici, quali indicatori di monitoraggio, previsioni di spesa ed obiettivi specifici, la presente pubblicazione intende essere una guida snella e di agevole lettura ad uso dell imprenditore. CCIU ICE APRI 5

6 2. Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione 2.1 Obiettivi generali La priorità sostiene ed incentiva quelle attività di ricerca, sviluppo e innovazione realizzate tramite una stretta collaborazione fra imprese, università ed istituti di ricerca, che risultano fondamentali per lo sviluppo della competitivita delle aziende nel lungo periodo sui mercati globali. 2.2 Ricerca e Sviluppo orientate al mercato Misure GOP Sostegno alle attività di ricerca e sviluppo orientate al mercato KMOP Sostegno alle attività di ricerca e sviluppo orientate al mercato Obiettivi dell azione Al fine di migliorare la capacità d innovazione delle aziende Ungheresi, la misura incentiva le cooperazioni di lungo periodo fra aziende, università ed istituti di ricerca. Lo scopo principale è la creazione di brevetti e prototipi, per aumentare la competitività delle aziende ungheresi. Per il miglior utilizzo di tali risultati si ritiene necessario che le relative attività siano definite e coordinate in primis dalle aziende. Attività ammissibili I. Ricerca industriale: ricerca relativa a nuove conoscenze utilizzabili anche per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi e funzionali al miglioramento di quelli esistenti II. Sperimentazione: realizzazione di progetti basati sui risultati ottenuti grazie alla ricerca industriale, cioè progettazione, realizzazione e verifica di prototipi, processi, servizi nuovi o già esistenti III. Tutela giuridico-legale delle attività di R&S (esclusivamente per le PMI): e ammissibile la totalità delle attività relative alla tutela giuridica dei prodotti intellettuali Sono ammesse le seguenti tipologie di costo: - personale dipendente impiegato in R&S (minimo 20% costo totale) - servizi esterni di R&S (massimo 60% costo totale) - acquisto di altri beni e servizi funzionali alle attivita di R&S - acquisto di licenze e brevetti CCIU ICE APRI 6

7 - acquisto di macchinari ed attrezzature (massimo 35% costo totale) - servizi e consulenze legati alla tutela giuridico-legale - almeno il 40% del costo totale di progetto deve essere riconducibile alle attivita di ricerca e sperimentazione Soggetti destinatari Copertura geografica Procedura Ente responsabile Società economiche di diritto ungherese con sede in Ungheria o filiali ungheresi di societa con sede nello SEE (Spazio Economico Europeo), consorzi e associazioni. KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Ottobre 2007 Conclusione: Novembre 2008 KMOP: Avvio: IV semestre Conclusione: IV semestre 2008 Criteri di Ammissibilità Proponente - il proponente non deve essere in perdita - il proponente deve avere almeno due esercizi contabili chiusi - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione nell ambito della misura del Programma GOP nell anno di presentazione del progetto - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione pubblica per attivita di R&S nei 3 anni precedenti Progetto - conformita del progetto alle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione rendicontazione finanziaria entro 36 mesi dalla firma del contratto CCIU ICE APRI 7

8 - il proponente deve impegnarsi a rispettare per tutta la durata del progetto le norme in materia di pari opportunità e relative al rispetto dell ambiente Criteri di valutazione A.) Criteri generali - stabilità economica dell azienda - fattibilità economica del progetto - conformita alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri professionali - risorse umane del proponente coinvolte nel progetto - fattibilità professionale del progetto - contenuto innovativo del progetto - pianificazione aziendale relativa all utilizzo dei risultati del progetto C.) Criteri trasversali - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale Intesitá di aiuto Fino al 65% del costo totale di progetto Contributo Da euro a euro Numero atteso progetti finanziabili GOP: 130 KMOP: 21 CCIU ICE APRI 8

9 2.3 Innovazione aziendale Misure Titolo Obiettivi dell azione GOP Sostegno all innovazione aziendale KMOP Sostegno all innovazione aziendale Il sistema di sostegni all attività di R&S fino ad oggi ha supportato ed incentivato progetti innovativi finalizzati alla creazione finale di prototipi. Attraverso la presente misura si tende invece sostenere il processo successivo, fino alle fasi di sviluppo tecnologico, sperimentazione di prodotto ed introduzione nel mercato. In altre parole, lo scopo principale è quello di migliorare le potenzialità di sviluppo delle aziende innovative e di favorire l introduzione dei loro prodotti nel mercato. Attività ammissibili I. Sperimentazione: realizzazione di progetti basati sui risultati ottenuti grazie alla ricerca industriale, cioè progettazione, realizzazione, verifica, produzione e fabbricazione sperimentale di prototipi, processi, servizi nuovi o già esistenti II. Marketing: totalità delle attività che vengono utilizzate per favorire l introduzione dei prodotti, delle tecnologie e dei servizi sperimentati dall azienda nel mercato. III. Tutela giuridico - legale delle attività di R&S (esclusivamente PMI): totalità delle attività relative alla tutela giuridica dei prodotti intellettuali Sono ammesse le seguenti tipologie di costo: - personale dipendente impiegato in R&S (minimo 20% costo totale) - servizi esterni di R&S (massimo 60% costo totale) - acquisto di altri beni e servizi funzionali alle attivita di R&S - acquisto di licenze e brevetti - acquisto di macchinari ed attrezzature (massimo 35% costo totale) - servizi e consulenze legati alla tutela giuridico-legale - personale dipendente impiegato in attivita di marketing - spese per attivita promozionale e piani di marketing - almeno il 40% del costo totale di progetto deve essere riconducibile alle attivita di ricerca e sperimentazione Soggetti destinatari Società economiche di diritto ungherese con sede in Ungheria o filiali ungheresi di societa con sede nello SEE (Spazio Economico Europeo), consorzi e associazioni. CCIU ICE APRI 9

10 Copertura geografica Procedura Ente responsabile KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Ottobre Conclusione: Ottobre 2008 KMOP: Avvio: IV. Trimestre Conclusione: IV. Trimestre 2008 Criteri di Ammissibilita Proponente - il proponente non deve essere in perdita - il proponente deve avere almeno due esercizi contabili chiusi - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione nell ambito della misura del Programma GOP nell anno di presentazione del progetto - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione pubblica per attivita di R&S nei 3 anni precedenti Progetto - il contenuto del progetto deve essere conforme alle finalità indicate nelle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione della rendicontazione finanziaria entro 30 mesi dalla firma del contratto - il proponente deve impegnarsi a rispettare per tutta la durata del progetto le norme in materia di pari opportunità e rispetto dell ambiente Criteri di valutazione A.) Criteri generali - stabilità economica dell azienda - fattibilità economica del progetto CCIU ICE APRI 10

11 - conformita alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri professionali - qualità delle risorse umane del proponente coinvolte nel progetto - fattibilità professionale del progetto - contenuto innovativo del progetto - pianificazione aziendale relativa all utilizzo dei risultati del progetto D.) Criteri trasversali - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale Intesita di aiuto Fino al 50% del costo totale di progetto Contributo Da euro a euro Numero atteso progetti finanziabili GOP: 350 KMOP: 65 CCIU ICE APRI 11

12 2.4 Miglioramento delle capacità di Ricerca e Sviluppo aziendali Misure Titolo Obiettivi dell azione GOP Miglioramento delle capacità di R&S aziendali KMOP Miglioramento delle capacità di R&S aziendali La spesa delle aziende ungheresi in R&S non raggiunge un valore tale da assicurare la competitività economica nel lungo periodo. Con la presente misura si perseguono i seguenti obiettivi: la creazione di unita di R&S e dei relativi posti di lavoro all interno delle aziende nonche l occupabilita di lungo periodo dei ricercatori. Tali unita di ricerca si caratterizzano per l elevato contenuto innovativo e sono basate su progetti aziendali strategici di lungo termine. Attivita ammissibili I. Ricerca: attivita finalizzata all ampliamento dell attuale conoscenza su fenomeni e fatti osservabili, senza obiettivi di applicazione o utilizzo II. Ricerca industriale (applicata): attivita finalizzata allo sviluppo di nuovi prodotti, processi o servizi, o il miglioramento di prodotti, processi e di servizi già esistenti. È inclusa anche la realizzazione delle componenti di sistemi complessi necessari alla ricerca industriale, con eccezione i prototipi commercializzabili III. Sperimentazione: in base ai risultati ottenuti tramite la ricerca applicata vengono stabilite le tappe della pianificazione, cioè la progettazione dei prodotti, processi e di servizi (nuovo o migliorati), è inclusa anche la preparazione di prototipi non commercializzabili. Non vengono considerate come sperimentazione le modifiche di routine, mentre ne fanno parte la produzione e la verifica di prodotti, processi e servizi, sempre nel caso in cui non siano commercializzabili direttamente o tramite modifiche. Sono ammesse le seguenti tipologie di costo: - personale dipendente impiegato in R&S - acquisto di macchinari ed attrezzature - servizi esterni di R&S - acquisto di altri beni e servizi funzionali alle attivita di R&S Soggetti destinatari Società economiche di diritto ungherese con sede in Ungheria o filiali ungheresi di societa con sede nel SEE (Spazio Economico Europeo) CCIU ICE APRI 12

13 Copertura geografica Procedura Ente responsabile KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Aprile Conclusione: Dicembre 2008 KMOP: Avvio: II. Trimestre 2008 Conclusione: IV. Trimestre 2008 Criteri di Ammissibilita Proponente - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione nell ambito della misura del Programma GOP nell anno di presentazione del progetto - non aver beneficiato di alcuna sovvenzione pubblica per attivita di R&S nei 3 anni precedenti - il proponente deve impegnarsi a rispettare per tutta la durata del progetto le norme in materia di pari opportunità e rispetto dell ambiente - il proponente deve essere in possesso della registrazione ufficiale dell azienda all atto di stipula del contratto di concessione del contributo Progetto - il contenuto del progetto deve essere conforme alle finalità indicate nelle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione della rendicontazione finanziaria entro 30 mesi dalla firma del contratto - il proponente si impegna a garantire i posti di lavoro e l utilizzo del prodotto innovativo realizzato nell ambito del progetto di ricerca per i 5 anni successivi Criteri di valutazione A.) Criteri di base: CCIU ICE APRI 13

14 - nuovi posti di lavoro creati tramite l attività di R&S - totale delle spese ammissibili del progetto - conformita ai criteri professionali ed alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri trasversali - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale Intesita di aiuto Fino al 40% del costo totale di progetto Contributo Da euro a euro Numero atteso di progetti finanziabili GOP: 8 KMOP: 3-4 CCIU ICE APRI 14

15 2.5 Sostegno allo start-up innovativo di azienda Misure Titolo Obiettivi dell azione GOP Sostegno allo start-up innovativo di azienda KMOP Sostegno allo start-up innovativo di azienda Lo scopo principale della misura è di favorire lo sviluppo e la competitivita delle nuove imprese (attive da almeno 2 anni e fino ad un massimo di 6) sui mercato globali, attraverso l introduzione di tecnologie e componenti innovative nei processi aziendali. Attività ammissibili - Ricerca applicata e sperimentazione - utilizzo di servizi di R&S e innovazione - IT (hardware e software inclusi software sviluppati dall azienda) - acquisto e noleggio di nuove attrezzature tecniche, macchinari e strumentazioni scientifiche - acquisto di beni immateriali - sistemi e standard di qualità, standard ambientali ed altri sistemi di controllo - pianificazione aziendale e ricerca investitori - ricerche di mercato, marketing - tutela giuridico-legale Soggetti destinatari Micro, piccole e medie imprese di diritto ungherese con sede in Ungheria, con 2-5 esercizi contabili chiusi e che alla data di ottenimento della sovvenzione siano attive da meno di 6 anni. Copertura geografica Procedura Ente responsabile KMOP: per destinatari localizzati nell Ungheria Centrale GOP: per destinatari localizzati nel resto del paese A bando MAG- Magyar Gazdaságfejlesztési Központ Zrt. Tel.: ; pf.684., 1139, Bp, Váci út Tempistica GOP: Avvio: Luglio Conclusione: Dicembre 2008 KMOP: Avvio: II. Trimestre 2008 Conclusione: IV. Trimestre 2008 Criteri di Ammissibilità Proponente - il proponente non deve essere in perdita CCIU ICE APRI 15

16 - il proponente non si trova in stato di fallimento, bancarotta o liquidazione - non sussistono procedure di recupero in corso da parte della Commissione - il proponente è in regola con il pagamento dei contributi - attivita conforme alle normative in materia di rispetto dell ambiente e pari opportunita - disponibilita all atto di stipulazione del contratto delle necessarie autorizzazioni - il proponente può essere finanziato una sola volta a titolo di start-up innovativo - non aver usufruito di nessuna sovvenzione né nell ambito delle misure 1.3.1, del Programma GOP né delle misure del GVOP, oppure dei finanziamenti dell ambito di KMUFA START e KTIA 5let. - il proponente si impegna a non richiedere nei 3 anni succcessivi all ottenimento della sovvenzione, ulteriori contributi pubblici a titolo di R&S o venture capital Progetto - il contenuto del progetto deve essere conforme alle finalità indicate nelle linee guida del Programma Operativo - avvio del progetto entro 90 giorni dalla firma del contratto di sovvenzione; conclusione fisica del progetto e predisposizione della rendicontazione finanziaria entro 24 mesi dalla firma del contratto Criteri di valutazione A.) Criteri di base: - stabilità economica dell azienda - fattibilità economica del progetto - conformita alla politica di sviluppo nazionale B.) Criteri professionali: - qualità delle risorse umane del proponente - risultati precedenti di R&S, capacità intellettuale, carattere innovativa - contenuto innovativo del progetto - pianificazione aziendale relativa all utilizzo dei risultati del progetto C.) Criteri specifici - sostenibilità ambientale - pari opportunità - coesione territoriale CCIU ICE APRI 16

17 Intesita di aiuto Massimo 80% del totale Contributo Da euro a euro Numero atteso di progetti finanziabili GOP: 40 KMOP: 12 CCIU ICE APRI 17

18 3. Produzione di energia 3.1 Produzione di calore ed energia da fonti rinnovabili Misure KEOP 4.1 Produzione di calore ed energia da fonti rinnovabili con riduzione dell utilizzo di carburanti fossili Obiettivi dell azione Il Paese dispone della risorse necessarie alla produzione di energia da fonti rinnovabili, tuttavia gli investimenti in questo settore da parte di enti pubblici, privati e del terzo settore, necessitano di un adeguato livello di sostegno. La misura tiene conto della vocazione agricola del paese e presta particolare attenzione alle produzioni energetiche (incluso il legno qualora gli investimenti siano sostenibili) legate all agricoltura ed agli investimenti in tale settore. Attivita ammissibili Sono finanziabili i seguenti investimenti: - utilizzo delle biomasse - produzione ed utilizzo di biogas - energia geotermica - sistemi di teleriscaldamento a pompa di calore - energia solare - energia fotovoltaica - energia idroelettrica - energia eolica - costruzione di sistemi pubblici per l utilizzo del teleriscaldamento prodotto tramite energie rinnovabili - preparazione di combustibili da fonti rinnovabili (pellet, bric, trucioli di legno) - soluzioni ingegnereistiche finalizzate alla realizzazione di Case passive - combinazioni dei precedenti Non sono finanziabili i costi per l allacciamento alla rete elettrica. CCIU ICE APRI 18

19 Soggetti destinatari - imprese - enti pubblici e istituzioni governative - Comuni - aggregazioni di Comuni appartenenti alla medesima micro-regione - altri enti pubblici - aziende di proprieta dello stato - Chiese - consorzi dei prcedenti Copertura geografica Procedura Ente responsabile Tutto il paese A bando ENERGY CENTRE Energy Efficiency, Environmantal and Energy Information Agency Kht Budapest, Raday utca Tempistica Settembre Giugno 2015 Criteri di Ammissibilita Sono finanziabili solo quegli investimenti: - in armonia con gli obiettivi della politica energetica ed economica nazionale, tecnicamente realizzabili, efficienti dal punto di vista energetico ed i cui standard tecnologici, ambientali e di sicurezza, soddisfano tali criteri - che utilizzano energie rinnovabili e siano in grado di dimostrare gli impatti positivi del progetto dal punto di vista quantitativo (es: riduzione dell inquinamento, delle emissioni) tramite documentazione conforme agli standard richiesti dal mercato. Il proponente deve inoltre essere in grado di dimostrare l impatto sulla riduzione dell utilizzo di energie fossili nell ambito del progetto ed a livello macro - che nella progettazione prendano in considerazione le BEST AVAILABLE TECHNIQUES a livello Europeo, come incluse nella documentazione BREF - che dispongano delle necessarie autorizzazioni per la realizzazione del progetto - che, nel caso di biomasse, siano in grado di dimostrare il soddisfacimento dei criteri di sostenibilita ambientale ed ecologici (es: e vietato l utilizzo di colture invasive) Non sono finanziabili quagli investimenti che: - presentano un redditivita finanziaria negativa riferita alle risorse a carico del CCIU ICE APRI 19

20 beneficiario Criteri di valutazione n.d. Intesita di Da un minimo del 10% fino ad un massimo del 50% aiuto Contributo - Grandi aziende: da euro a euro Altri beneficiari: da euro a euro CCIU ICE APRI 20

21 3.2 Supporto alla produzione di bioetanolo Misure KEOP Supporto alla relizzazione di grandi e medi stabilimenti per la produzione di bioetanolo Obiettivi dell azione Le fonti energetiche rinnovabili possono essere utilizzate per la produzione di carburanti e/o componenti additivi dei carburanti. Le tecnologie di trasformazione attualmente presenti sul mercato permettono di generare, attraverso il ciclo produttivo, anche il calore e l energia necessari al proprio funzionamento. In altri termini, le fonti energetiche rinnovabili possono essere utilizzate per la produzione di una combinazione di carburanti e/o componenti additivi, calore ed energia. Relativamente alle energie rinnovabili, una materia prima strategica per l Ungheria e costituita dalle biomasse solide, che possono essere utilizzate per la produzione di bio-carburanti. La realizzazione di nuovi stabilimenti produttivi, e in grado di assicurare alle campagne nuove fonti di reddito ed arginare lo spopolamento delle campagne, riducendo al contempo il rischio degli investimenti dovuti alla variazione dei prezzi delle materie prime e del prodotto finale. Attivita ammissibili - Impianti di grandi dimensioni per la produzione di bioetanolo (piu di tonnellate/anno) - Impianti di medie dimensioni per la produzione di bioetanolo ( tonnellate/anno) Soggetti destinatari Copertura geografica Procedura Ente responsabile Imprese Tutta l Ungheria A bando ENERGY CENTRE Energy Efficiency, Environmantal and Energy Information Agency Kht Budapest, Raday utca Tempistica Novembre Giugno 2015 Criteri di Ammissibilita Sono finanziabili solo quegli investimenti: - in armonia con gli obiettivi della politica energetica ed economica nazionale, CCIU ICE APRI 21

22 tecnicamente realizzabili, efficienti dal punto di vista energetico ed i cui standard tecnologici, ambientali e di sicurezza, soddisfino tali criteri. In particolare sono considerati efficienti quegli investimenti, che utilizzano per la produzione di bioetanolo un quantitativo di energia non superiore al 60% del valore energetico del bioetanolo prodotto - per i quali la produzione di bioetanolo sara realizzata con tecnologie gia testate, di cui si possiede diritto all utilizzo - che nella progettazione prendano in considerazione le BEST AVAILABLE TECHNIQUES a livello Europeo, come incluse nella documentazione BREF - che nel caso di stabilimenti di grandi dimensioni utilizzino come combustibili, esclusivamente amidi e/o saccaridi con provenienza agricola - che nel caso di stabilimenti di medie dimensioni utilizzino come combustibili, esclusivamente amidi e/o saccaridi con provenienza almeno per il 50% dall agricoltura - che siano in grado di comprovare per i 3 anni successivi alla presentazione della domanda, la disponibilita di almeno il 75% delle materie prime richieste dalla capiacita dell investimento proposto. A tal fine dovranno essere allegati alla domanda i relativi contratti di acquisto o fornitura oppure si deve dimostrare di essere in grado di produrre autonomamente le quantita necessarie - che siano in grado di comprovare per i 3 anni successivi alla presentazione della domanda, l esistenza di contratti assicurati per la vendita del bioetanolo. La vendita di bioetanolo puo considerarsi assicurata nel territorio dell Unione Europea, nel caso in cui i contratti prevedono le 3 seguenti condizioni: - l acquirente e un produttore / distributore di combustibili - l acquirente realizza in via professionale e permanente una attivita commercio di bioetanolo - l acquirente e un produttore di Etere Butilico Terzial Etilico (ETBE) dotato di capacita produttiva almeno pari a quella dell investitore Non sono finanziabili quegli investimenti: - che presentino un redditivita finanziaria negativa riferita alle risorse a carico del beneficiario CCIU ICE APRI 22

23 - che non dispongano delle necessarie autorizzazioni per la realizzazione del progetto Altri vincoli: - vincolo di destinazione, ha una durata di 5 anni, durante tale periodo il beneficario deve impegnarsi a mantenere l impianto in funzione almeno al 75% della capacita produttiva nominale dichiarata in domanda - il beneficario del contributo deve impegnarsi ad alimentare il ciclo di produzione del bioetanolo, tramite energia sottoprodotta da biomasse. Tale energia non puo essere inferiore al 50% dell energia totale richiesta dall impianto di bioetanolo. Criteri di valutazione Intesita di aiuto Contributo n.d. Grandi stabilimenti: 5-10% del costo totale Medi stabilimenti: max. 30% del costo totale Grandi stabilimenti: max euro Medi stabilimenti: max euro CCIU ICE APRI 23

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia INTRODUZIONE L energia rappresenta una delle principali sfide che l UE è chiamata ad affrontare nei prossimi anni. Se da un lato, vi è la necessità di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Articolo I. Obiettivi. Articolo II. Disponibilità finanziarie

Articolo I. Obiettivi. Articolo II. Disponibilità finanziarie Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 114 del 23 aprile 2015 BANDO DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE NELLA FORMA DEL CONTRATTO DI RETE Articolo I. Obiettivi L azione

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli