GIOVANI CHE NON LASCIANO IL NIDO Atteggiamenti, speranze, condizioni all uscita da casa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVANI CHE NON LASCIANO IL NIDO Atteggiamenti, speranze, condizioni all uscita da casa"

Transcript

1 Corrado Bonifazi, Adele Menniti, Maura Misiti, Rossella Palomba GIOVANI CHE NON LASCIANO IL NIDO Atteggiamenti, speranze, condizioni all uscita da casa W.P. 01/99 (I) aprile 1999

2 INDICE Pag. Introduzione LA LINEA D OMBRA 3 di Rossella Palomba Capitolo I I GIOVANI IN FAMIGLIA: QUANTI, CON CHI 9 di Cesare Roberto Decanini e Rossella Palomba Capitolo II IL TEMA DI FONDO: LA PERMANENZA IN FAMIGLIA 13 di Adele Menniti Capitolo III IL PROBLEMA DELLA SCELTA: ANDARE VIA DI CASA 23 di Maura Misiti Capitolo IV I GENITORI: GLI ANTAGONISTI INESISTENTI 31 di Rossella Palomba Capitolo V HO FATTO IL MILITARE : ESPLORATORI AL DI LÀ DEL MURO 38 di Corrado Bonifazi Capitolo VI VOGLIO ANDARE VIA/VIA DA CASA MIA, /NON PER TANTO MA PER UN ANNO : PROPENSIONE E DISPONIBILITÀ ALLA MOBILITÀ TERRITORIALE 43 di Corrado Bonifazi Capitolo VII A SBAFO O PRIGIONIERI? TIPOLOGIE DI GIOVANI IN FAMIGLIA 51 di Giuseppe Schinaia Dalla A alla Z: le parole dell indagine 55 Tutti i numeri: percentuali e questionari 59 Riassunto / Summary / Résumé 88

3 LA LINEA D OMBRA di Rossella Palomba La linea d ombra secondo Joseph Conrad è quell età incerta che segna il passaggio tra una giovinezza spensierata e la maturità ed è proprio su questo periodo della vita che si è concentrata recentemente l attenzione di demografi e sociologi nonché quella dei politici e dei media. Il commissario europeo Monti, con la sua proposta provocatoria di uno sciopero dei giovani contro le attuali politiche previdenziali e del lavoro, è stato tra i primi a risvegliare l interesse su una generazione rimasta finora lontana dalla ribalta sulla scena pubblica. E non a caso questi giovani vengono definiti proprio la generazione invisibile, cioè scarsamente in grado di imporsi all attenzione dei media e priva di connotazioni precise in grado di contraddistinguerla da altre generazioni di giovani che la hanno preceduta (Diamanti, 1998) 1. Anche se la nostra società sembra tutta improntata da valori giovanili, i giovani ed i loro problemi sono invece trascurati e la condizione giovanile manca di analisi e studi specifici, relegata quasi in un limbo di infanzia protratta (Gesano, 1998) 2. Le ragioni di questo scarso interesse della società verso i giovani, la loro vita, le loro speranze, i loro problemi non possono risiedere solo in una scarsa appetibilità dei comportamenti giovanili dal punto di vista giornalistico. Sono proprio alcuni dei comportamenti delle giovani generazioni che contribuiscono ad oscurarne la presenza, a far scarseggiare il numero dei loro portavoce, dei loro movimenti e gruppi, di quelle manifestazioni in grado di richiamare l attenzione degli adulti su di loro. Fa eccezione la mancanza di lavoro, che invece viene spesso evocata e che rappresenta il filo rosso, che lega queste generazioni giovani ad alcune fasce delle generazioni già adulte o addirittura anziane. Una caratteristica peculiare che contribuisce ad occultare i ragazzi e le ragazze dalla scena sociale è la loro prolungata permanenza nella famiglia dei genitori, un aspetto che crea un forte legame di complicità tra giovani e adulti e che impedisce ai giovani di crescere e agli adulti di sentirsi vecchi (Livi Bacci, 1998) 3. I giovani italiani cioè tardano sempre di più ad adottare quei comportamenti che di regola contraddistinguono l essere adulti: terminare gli studi, uscire dalla famiglia, cominciare a lavorare, costruirsi una famiglia propria, avere figli (Sgritta, 1998) 4. Il fatto che i giovani italiani continuino ad avere la stessa visione sequenziale delle fasi della vita che ave- 4 Diamanti I, 1998, Giovani, una tribù di formiche, Il Sole-24 ore, 17 settembre, p.5 4 Gesano G.,1998, De Juventute: giovani in una società che invecchia, Demotrends, Ottobre, p.1 4 Livi Bacci M., 1998, Il giovane è un eterno Peter Pan, Il Sole-24 ore, 8 settembre, p.5 4 Sgritta G.B., 1998, Giovani: le parole e i numeri, Demotrends, Ottobre, p.1

4 4 vano i loro nonni o bisnonni (prima lo studio, poi il lavoro, e infine mettere su famiglia), se li tutela da situazioni di emarginazione, disagio e povertà - che invece sono presenti in altri paesi soprattutto anglosassoni - ha effetti fortissimi ed inevitabili sul piano demografico. Dal punto di vista demografico questo comporta un continuo scivolamento in avanti delle tappe della vita adulta ed una concentrazione sempre più forte di tutti gli eventi demograficamente rilevanti come matrimonio, nascita del primo, del secondo o dell ultimo figlio, nei pochi anni che vanno dai 30 ai 40 o poco più. Questa concentrazione degli eventi produce, inoltre, una riduzione delle nascite dovuta al poco tempo utile che resta dal punto di vista biologico per fare figli. Per queste ragioni l Istituto di Ricerche sulla Popolazione ha voluto mettere a fuoco alcuni comportamenti delle giovani generazioni, far uscire dall ombra le loro motivazioni alla prolungata permanenza nella casa dei genitori, le loro aspirazioni, il loro modo di intendere il lavoro. Non va, infatti, dimenticato che molti sono i giovani sottoccupati, impegnati in lavoretti di vario genere, ai margini del mercato del lavoro, che non hanno ancora trovato il lavoro definitivo e che continuano a contare sul sostegno delle reti familiari. L inchiesta, di tipo telefonico con sistema C.A.T.I., è stata condotta nel 1998 ed ha riguardato un campione di 4500 giovani che vivevano in famiglia in età anni. Data l importanza di approfondire meglio il quadro familiare, è stata anche condotta con lo stesso metodo una indagine su 1000 dei loro genitori, per raccogliere le motivazioni, aspettative e difficoltà degli altri protagonisti di questo prolungarsi della permanenza dei figli in famiglia. Questo rapporto presenta in prevalenza quanto emerso dalla inchiesta sui giovani in famiglia, con alcuni dei risultati più significativi della indagine condotta sui loro genitori 5. Tutti i dati oggettivi presentati sono di fonte ISTAT, salvo diversamente specificato. Qui di seguito riportiamo una sintesi dei principali risultati della inchiesta e un quadro delle caratteristiche dei due campioni e degli intervistati. LIBERI TRA LE MURA DOMESTICHE Essere giovani e vivere con mamma e papà fa godere di ampi spazi di libertà e dunque gli intervistati sembrano trovarsi a loro agio nella casa dei genitori e apprezzare molti aspetti della permanenza in famiglia. Ragazzi e ragazze si sentono liberi di divertirsi, di avere una vita di relazione, di avere una propria privacy all interno delle mura domestiche. Quasi tre giovani su quattro hanno una stanza propria, dove dormire e ricevere amici; il 71% è libero di ospitare amici senza avvertire, il 56% può organizzare feste e cene senza alcuna restrizione; queste due ultime percentuali salgono rispettivamente all 89% e all 84%, se i genitori vengono prima avvertiti. Il fatto di potersi 5 Gli autori del rapporto sono tutti ricercatori dell IRP con l eccezione di Cesare Roberto Decanini che è un collaboratore esterno e Giuseppe Schinaia della Facoltà di Economia e Commercio, Università degli Studi di Roma La Sapienza.

5 5 godere momenti di intimità con il proprio partner è un po più soggetto a restrizioni, anche se il 48% degli intervistati può farlo senza dare alcun preavviso ai familiari e l 9% deve prima avvertire i genitori. Libertà completa viene, infine, accordata dai genitori ai figli rispetto alle persone e ai luoghi da frequentare: il 94% dei ragazzi e delle ragazze è assolutamente libero di andare dove vuole e vedere chi vuole. Un limite a questa libertà generalizzata potrebbe essere rappresentato dal rispetto di semplici regole di convivenza come arrivare in tempo a pranzo o a cena o dormire fuori casa avvertendo i familiari. Ma anche su questo punto i giovani hanno un buon livello di autonomia decisionale: quasi la metà dei nostri intervistati si sente libero di rientrare quando vuole senza rispettare orari di pranzo o di cena o di informare sull ora del rientro (il 43% deve avvisare preventivamente). Inoltre, il 39% può passare la notte fuori casa senza avvertire e più della metà può farlo dopo aver informato i genitori (solo il 10% restante non può in ogni caso passare la notte fuori casa). Esistono ovviamente delle differenze tra i giovani. Ad esempio i giovani più adulti, di oltre 28 anni, occupati, che vivono nel Centro o nel Nord d Italia in città di dimensioni medio - piccole dispongono con maggiore frequenza di una camera da letto propria rispetto ai ragazzi del Sud, delle aree metropolitane o che vivono in famiglie numerose, i quali devono dividere più spesso la camera da letto con altri familiari. Le ragazze più adulte hanno maggiori limitazioni nel ricevere i propri amici a casa, come pure i ragazzi che vivono al Nord, nei grandi centri e in famiglie numerose. Infine, le ragazze sono sempre più controllate dei ragazzi dal punto di vista della sessualità e il 55% non può appartarsi in casa con il proprio fidanzato contro il 33% dei ragazzi. USCIRE DAL NIDO: VANTAGGI E SVANTAGGI I giovani sono soddisfatti della loro attuale situazione e non sembrano immediatamente interessati all idea di andar via di casa. Sono soprattutto gli intervistati più giovani ad essere meno propensi ad uscire da casa: l 83% dei ragazzi e delle ragazze in età anni non ha progetti di uscita dalla famiglia nei prossimi dodici mesi contro il 68% dei giovani più adulti, tra i 25 e i 34 anni. Gli intervistati pongono comunque condizioni onerose per la loro vita indipendente, tanto che in molti casi la loro uscita potrebbe rivelarsi di fatto impraticabile e solo una esigua minoranza (1%) vorrebbe uscire ad ogni costo. Il 61% vorrebbe prima trovare un lavoro stabile, il 18% vuole comunque la certezza di mantenere il tenore di vita attuale, il 39% pone come condizione quella di avere una casa e il 56% vuole un reddito sufficiente, stimato intorno ai 2 milioni al mese. I genitori concordano in pieno con le condizioni poste dai loro figli ed introducono anche altri elementi: il 58%, ad esempio, vorrebbe che lasciassero la famiglia solo per sposarsi. L uscita da casa deve quindi avvenire con tutte le carte in regola, senza salti nel buio e soprattutto in un contesto di certezze e sicurezze e prima di crearsi una famiglia o di sposarsi, è bene comunque restare con i genitori. Dell uscita da casa in famiglia si parla poco: nel 49% dei casi non se n è parlato

6 6 mai e, se se n è parlato, ciò è avvenuto raramente (29%) o qualche volta (54%), senza significative differenze rispetto all età dei figli. Dunque, pur non considerandolo un argomento tabù, i genitori non sembrano sollecitare i figli, quanto meno a parole, a porsi il problema della inopportunità del protrarsi della situazione attuale, mentre i figli non sentono la necessità di prospettare questa eventualità. Ma anche se non se ne parla, i figli sentono comunque che i genitori hanno delle preferenze rispetto ad una loro eventuale decisione di uscire da casa: in oltre il 50% dei casi, pensano che sarebbero favorevoli ad una loro eventuale uscita. Resta però un terzo del campione di giovani che percepisce una certa opposizione dei genitori verso la decisione di lasciarli ed è soprattutto l atteggiamento dei padri e delle madri del sud ad essere in contrasto con questa possibilità. La vita con mamma e papà è molto confortevole e il 15% dei giovani dichiara di non collaborare in alcun modo alla vita quotidiana della famiglia; il 41% anche lavorando non contribuisce economicamente alle spese familiari. Quei ragazzi e soprattutto quelle ragazze che invece partecipano in qualche modo alla conduzione della casa si occupano generalmente della spesa (40%), della pulizia della casa (41%) e della propria stanza (27%), si rifanno il letto (29%) o cucinano (26%). Accanto a questi aiuti più frequenti, troviamo altre attività meno frequenti, come le piccole riparazioni che sono appannaggio di un ragazzo su 6, o ancora più sporadiche, come il bucato, lo stirare e il pagamento delle bollette o il disbrigo di altre attività burocratiche. In questo contesto favorevole è chiaro che i vantaggi di lasciare la casa dei genitori sono pochi e soprattutto generici (più libertà, più indipendenza, più privacy) e il 17% degli intervistati non vede alcun vantaggio. Ancora più numerosi sono i genitori che negano l esistenza di aspetti positivi nell uscita dei figli da casa: 55%. LAVORARE NON BASTA L inizio dell attività lavorativa non è una condizione sufficiente per andar via da casa: il 40% dei nostri intervistati ha un lavoro a tempo pieno ma continua a vivere con i genitori. Fra chi non lavora stabilmente, il 22% riceve ancora la paghetta dai genitori e questa percentuale arriva ad oltre il 26% tra le ragazze più giovani; ma c è anche chi svolge solo lavori occasionali (8%), chi da ripetizioni private (11%) e chi fa la baby sitter (9%). Il 50% dei giovani che lavorano ritiene che il suo lavoro non sia quello definitivo e pensa che in futuro cambierà occupazione o ne sta cercando una migliore. C è comunque un desiderio di muoversi, di cambiare ambiente. Il 75% dei giovani intervistati è disponibile a trasferirsi per motivi di lavoro in un altro comune ed è appena il 19% a scartare apertamente l ipotesi di spostarsi in un altra città. Istruzione, condizione professionale e dimensione della famiglia si sostanziano come le variabili capaci di influenzare nel modo più vistoso la propensione alla mobilità. Ma è soprattutto la prima a caratterizzarsi come elemento di forte differenziazione nelle opinioni dei nostri intervistati; la maggior istruzione si traduce, infatti, in una più alta propen-

7 7 sione al trasferimento per motivi di lavoro. Quasi la metà (47%) di chi ha dichiarato la propria disponibilità a trasferirsi per motivi di lavoro è pronto a farlo ovunque, estero compreso. Il 16% sceglierebbe un comune vicino, il 17% a tiro di week-end dall attuale residenza e il 20% in qualsiasi posto in Italia. Per quanto riguarda il tipo di città in cui si preferirebbe trasferirsi il 31% si dichiara sostanzialmente indifferente, il 29% opterebbe per una città di provincia, il 27% una metropoli e il 13% si indirizzerebbe verso un piccolo comune, con differenze legate al tipo di contesto in cui vivono gli intervistati. Indagine sui giovani in famiglia: la coabitazione con i genitori e la propensione alla mobilità La data: primavera 1998 Numero delle interviste: 4500 Tipo di intervista: telefonica di tipo CATI Il campione: giovani di età compresa fra i 20 e i 34 anni che vivono con uno o entrambi i genitori Tipo di campione: proporzionale alla popolazione reale del nostro paese e rappresentativo: di 3 ripartizioni geografiche dei due sessi delle classi di età e Gli intervistati: ragazze 1920 ragazzi 2580 Il numero di quesiti: anni anni 1874 studenti 1284 occupati a tempo pieno 1784 altro 1432 nord 1998 centro 844 sud 1658 Gli argomenti trattati: il grado di indipendenza e di autonomia dei giovani in famiglia gli aspetti motivazionali relativi alla convivenza con i genitori e all uscita da casa le condizioni di vita in famiglia la partecipazione alla vita familiare la propensione alla mobilità La Società che ha condotto le interviste: ATESIA s.r.l.

8 8 Indagine sui genitori dei giovani che vivono in famiglia La data: autunno 1998 Numero delle interviste: 1000 Tipo di intervista: telefonica di tipo CATI Il campione: genitori dei giovani intervistati precedentemente Gli intervistati: madri 500 padri 500 Il numero di quesiti: 27 occupati 430 casalinghe 280 pensionati 270 altro 20 Gli argomenti trattati: l atteggiamento verso la permanenza in famiglia dei giovani gli aspetti relativi alla convivenza con i figli l uscita dei figli: vantaggi e svantaggi le condizioni per la loro uscita La Società che ha condotto le interviste: ATESIA s.r.l.

9 Capitolo I I GIOVANI IN FAMIGLIA: QUANTI, CON CHI di Cesare Roberto Decanini e Rossella Palomba Sono circa 13 milioni e mezzo i giovani italiani in età tra 20 e 34 anni e rappresentano il 23% della popolazione; il loro numero e il loro peso sulla popolazione è in costante diminuzione a causa della fortissima diminuzione della fecondità, che ha caratterizzato lo scenario demografico italiano a partire dagli anni 70, e del parallelo aumento della longevità, che ha ridotto il peso dei giovani in una popolazione che invecchia. Questa tendenza continuerà nei prossimi anni e si prevede che nel 2005 i giovani tra 20 e 34 anni saranno il 19,8% della popolazione italiana. Dal punto di vista sia sociale che statistico-demografico i giovani italiani restano nella categoria "figli" sempre più a lungo anche dopo il raggiungimento della loro indipendenza economica ed per più tempo di quanto non avvenga in altri paesi europei. Infatti, i giovani europei vanno in molti casi ad abitare da soli o a convivere con un partner prima di aver trovato un lavoro e solo in pochi aspettano il matrimonio per vivere per conto proprio. Al contrario, i ragazzi e le ragazze italiani prima di lasciare la famiglia di origine devono aver completato una serie di tappe lungo il percorso che va dalla adolescenza alla vita adulta e almeno devono aver finito gli studi e ottenuto un posto di lavoro sicuro. Tuttavia, spesso neanche il raggiungimento del posto di lavoro spinge i giovani italiani a lasciare la casa dei genitori, ma nella maggior parte dei casi è il matrimonio l evento che fornisce la spinta decisiva. Di conseguenza più della metà dei giovani italiani restano nella famiglia d'origine fino a 34 anni. Le tipologie familiari più comuni per i giovani di età compresa fra 20 e 34 sono la famiglia nucleare, in cui i giovani convivono con entrambi i genitori, e le famiglie monogenitore dove, a seguito della separazione, divorzio dei genitori o della morte di uno dei genitori, i giovani continuano a convivere con uno dei due genitori, in genere con la madre. I single maschi tra i 20 e 34 anni che vivono soli sono il 5% dei giovani di quell età, mentre le ragazze arrivano appena al 3,1%; queste percentuali aumentano leggermente, se consideriamo solo i giovani che già lavorano (6,3% per gli uomini e 5,1% per le donne). Ancora più basso è il numero di coloro che scelgono di vivere con amici, colleghi o in altre forme di convivenza (2,5% dei ragazzi e 1,7% delle ragazze) (Grafici 1.1 e 1.2). Dunque, i ragazzi e le ragazze italiane non sembrano sperimentare la varietà di modi di vita tipici di altre realtà, come dividere un appartamento con conoscenti, andare a vivere da soli o convivere con un partner senza essere sposati, ma passano in modo brusco dalla vita con i genitori al matrimonio. Anzi la tendenza a continuare a vivere con mamma e papà si è andata rafforzando nel tempo: se nel 1995 i ragazzi che vivevano con la famiglia di origine erano il 52,3%, otto anni prima erano il 46,8%.

10 10 Cesare Roberto Decanini e Rossella Palomba Naturalmente, esistono differenze notevoli rispetto all età. Infatti, la percentuale di giovani che vivono a casa con i genitori è molto elevata nella classe di età (88%) per ridursi un poco tra i 25 e 29 anni (51%), fino ad abbassarsi drasticamente tra 30 e 34 anni (20%). Se confrontiamo la situazione italiana con quella dei giovani francesi, tedeschi o inglesi, vediamo ad esempio che in questi paesi la percentuale dei giovani tra i anni che vive nella famiglia di origine arriva appena al 60%. Le differenze sono ancora maggiori per le ragazze: in Italia 8 ragazze su dieci vivono nella casa dei genitori, mentre in altri paesi europei lo fanno 4 ragazze ogni 10 (Grafico 1.3). Più o meno la stessa situazione si verifica in età 25-29, giacché in Italia due maschi su tre vivono con i genitori mentre in Francia, Germania e Inghilterra rimane con mamma e papà solo un giovane su quattro. Per quanto riguarda le ragazze italiane di questa età, la percentuale di quelle che vivono con i genitori è molto più bassa (40%) di quella dei ragazzi, ma si mantengono forti differenze con gli altri paesi giacché in questi tale percentuale ammonta solo all 11%. Inoltre, proprio in questa classe di età si sono verificati gli incrementi più significativi rispetto al 1987 quando il 28% delle ragazze e il 53% dei ragazzi italiani stavano ancora in casa. 1.1 Una catena infrangibile Per i giovani italiani lavorare o addirittura avere un posto fisso non implica come conseguenza la completa autonomia abitativa dai genitori. Nel 1995 il 54% dei ragazzi italiani occupati di età abitava ancora con i genitori, mentre in altri paesi questa percentuale variava fra il 18% della Francia ed il 26% della Germania. Dunque, anche se lavorano i ragazzi italiani rimangono sempre più a lungo in famiglia: nel 1987 erano circa il 47% i giovani occupati che vivevano ancora con i genitori; incrementi significativi nella permanenza in famiglia si sono verificati anche per le ragazze (40% nel 1995 contro 33% nel 1987). Il percorso ideale verso il raggiungimento dell autonomia in Italia è composto da varie tappe: in primo luogo la fine degli studi, successivamente l ingresso nel mondo del lavoro e finalmente il matrimonio. Questo insieme di eventi tende a formare, oggi più che mai, una successione che segue un ordine cronologico rigoroso e non modificabile, con un modello di passaggio alla vita adulta più lineare e meno flessibile di quello presente negli altri paesi. Si costituisce in questo modo quella che potremmo definire una catena infrangibile dove ogni evento deve essere necessariamente preceduto da un altro predefinito, prima di poter raggiungere la fine della catena. La permanenza sempre più lunga dei giovani in famiglia è dovuta senza dubbio all aumento del livello di istruzione. Mentre fino a circa dieci anni fa solo 4 ragazzi di 18 anni su 10 raggiungevano il diploma, oggi i diplomati sono più di 6 su 10 e soprattutto i giovani si iscrivono in massa all università, allungando ulteriormente il periodo formativo: il tasso di immatricolazione all università dei giovani italiani (studenti immatricolati su 100 giovani in età corrispondenti) è del 36% circa, contro il 20% dei britannici, il 29% dei francesi ed il 33% dei tedeschi. Una volta finiti gli studi comincia

11 I giovani in famiglia: quanti, con chi 11 la ricerca del lavoro con tempi molto lunghi, necessari a trovare un occupazione stabile. In questo senso, sembra interessante ricordare che il tasso di disoccupazione dei giovani italiani è, inoltre, più alto di quello dei giovani degli altri paesi in tutte le classi di età giovanili ed in particolare nella classe dove raggiunge il 33% contro il 20% dei francesi ed il 12% di inglesi e tedeschi (Tabella 1.1). Infine, l innalzamento dell età media al matrimonio agisce come ulteriore concausa del prolungamento della permanenza dei giovani in famiglia, poiché in Italia l età media al matrimonio è passata da 24,4 anni nel 1984 a 26,4 nel 1994 per le donne e da 27,5 a 29,4 anni per gli uomini nello stesso intervallo di tempo. Il fatto che i giovani italiani non vadano ad abitare da soli prima di essersi sposati dipende fondamentalmente da un modello culturale ancora legato ai valori familiari e allo stare in famiglia, profondamente diverso da quello degli altri paesi europei presi in considerazione. Il familismo italiano non può essere considerato solo un fatto di tradizione, ma è il risultato di dinamiche culturali nelle quali il sociale continua a essere visto in termini familiari e dove l attuale convivenza delle generazioni diventa una risorsa della società stessa 1. Il percorso rigido e lineare verso la vita adulta è quindi la conseguenza naturale del contesto culturale italiano e continua a regolare il passaggio alla vita adulta delle nuove generazioni di giovani così come lo faceva con le generazioni dei loro antenati. Ciò che cambia nel tempo non sono le caratteristiche del fenomeno, bensì le sue modalità: stime basate su dati campionari mostrano che mentre l età mediana all uscita della famiglia era di 22,8 anni per la coorte del , per la coorte del sarà superiore ai 25 anni 2. In ogni caso l etichetta di tradizionale che abbiamo assegnato al modello italiano non sottende nessun giudizio di merito giacché è difficilmente dimostrabile che un modello di comportamento sia più o meno evoluto di un altro da un punto di vista demografico, sociale e culturale né che esiste a priori una via verso la modernità che ci permetta di descrivere i cambiamenti familiari. In definitiva, i giovani italiani sembrano essersi adattati ai cambiamenti della vita moderna, modificando e ritardando l ingresso alla vita adulta, senza creare fratture nella catena di eventi propria dei modelli di vita delle generazioni precedenti e senza introdurre nuove forme di comportamento o di convivenza familiare. 1 Donati P.(1995), La famiglia come reticolo intergenerazionale: un nuovo scenario, in Quarto Rapporto CISF sulla famiglia in Italia, Milano, Edizioni San Paolo. 2 Billari F., Ongaro, F. (1998), Lenta transizione dalla famiglia di origine, relazione al Convegno Percorsi e scelte coniugali e riproduttive: analisi retrospettiva e contestuale, Abano Terme, 8-11 Giugno.

12 12 Cesare Roberto Decanini e Rossella Palomba Grafico 1.1. Giovani uomini per contesto familiare e classi di età, 1995 (%). % Soli Sposati Figli Grafico 1.2. Giovani donne per contesto familiare e classi di età, 1995 (%). % Sole Sposate Figlie Grafico 1.3. Giovani occupati che vivono con i genitori a anni, 1987 e 1995 (%). % Maschi Femmine Totale Tabella 1.1. Tasso di disoccupazione in Italia ed in alcuni paesi europei, per classi di età, 1998 (%). Classi di età Italia Media UE Francia Germania Gran Bretagna ,8 20,9 28,1 11,6 11, ,2 13,4 16,0 8,9 7,9

13 Capitolo II IL TEMA DI FONDO: LA PERMANENZA IN FAMIGLIA di Adele Menniti La prolungata permanenza dei giovani italiani in famiglia può essere dovuta a diverse ragioni che si collocano sia all interno della famiglia, in particolare sulle nuove relazioni instauratesi tra genitori e figli, sia all esterno della famiglia, dove una serie di ostacoli di tipo culturale, economico o psicologico e difficoltà di tipo strutturale - soprattutto legate al mercato del lavoro - potrebbero spiegare, se non giustificare, questo ritardato ingresso nella vita adulta. E sembrato perciò logico indagare su più fronti, legati ai diversi aspetti della vita giovanile e familiare, che ci possono aiutare a far luce sull atteggiamento dei ragazzi e ragazze in merito all uscita dal nucleo familiare di origine. Sapere come i ragazzi utilizzano la casa, se partecipano all organizzazione della famiglia, se e quali restrizioni vengono loro imposte dai genitori costituiscono un primo tassello per indagare sulla qualità del rapporto fra genitori e figli e rappresentano, quindi, punti di partenza indispensabili per capire come viene vissuta dai figli la convivenza con mamma e papà. Diciamo subito che dai nostri dati emerge l immagine di un ambiente familiare piacevole e tranquillo, nel quale i desideri più immediati e materiali dei giovani - dal vedere gli amici al disporre di una propria privacy nell appartamento - vengono esauditi: pochissimi i limiti imposti ai ragazzi e alle ragazze, scarse le richieste da parte dei genitori di una loro partecipazione attiva alla gestione sia economica che quotidiana della casa. I giovani sembrano prolungare felicemente lo stato adolescenziale senza assumersi altra responsabilità che quella della loro preparazione professionale. In definitiva, si tratta di un quadro familiare favorevole alla permanenza prolungata dei giovani in famiglia, anche se, come vedremo, emergono sfumature diverse all interno dello stesso gruppo di giovani. 2.1 Liberi, tra le mura domestiche La maggior parte dei giovani italiani ha a disposizione nella casa dei genitori una stanza, dove dormire e ricevere i propri amici, anche se in più di un caso su cinque l intervistato divide questo spazio privato con fratelli o sorelle. Pochissimi sono invece i ragazzi che dormono in stanze adibite ad altro uso durante il giorno e dunque mancano completamente di un angolo proprio all interno dell appartamento. Gli intervistati più grandi e quelli che già lavorano, che hanno forse maggiori esigenze di privacy, dispongono più frequentemente degli altri di una propria camera da letto; diversa è la situazio-

14 14 Adele Menniti ne dei ragazzi e delle ragazze che vivono in famiglie numerose con cinque o più componenti, poiché dividono più spesso la camera con i fratelli o le sorelle (Tabella 2.1). I ragazzi e le ragazze che vivono con mamma e papà sono comunque molto liberi nell utilizzo della casa anche per organizzare feste o ricevere amici e conoscenti. Il 71% degli intervistati può, infatti, invitare amici e il 56% organizzare feste e cene anche senza avvisare preventivamente i genitori e se a queste percentuali aggiungiamo chi deve informare in anticipo mamma e papà si arriva all 89% e all 85% rispettivamente (Grafico 2.1). Su questi aspetti il gruppo degli intervistati è abbastanza omogeneo, con l eccezione dei ragazzi che vivono in famiglie numerose, che hanno maggiori difficoltà a mantenere una vita di relazione (il 17% non può vedere amici a casa e il 20% non può invitarli a cena o organizzare feste). In questo caso la presenza di uno spazio personale più ridotto e un organizzazione familiare complessa dovuta alla maggiore dimensione familiare giocano un ruolo negativo sulla destinazione di spazi familiari comuni ad aspetti della socialità dei figli. Per tutti i ragazzi, poi, la libertà di utilizzare la casa dei genitori si riduce notevolmente quando si tratta di avere momenti di intimità con il proprio partner: in questo caso solo il 48% dei ragazzi intervistati si sente assolutamente libero, il 9% deve avvisare, il 43% non ha questa possibilità. Esistono in questo campo differenze significative tra gli intervistati. Infatti, maggiore libertà di privacy viene data ai giovani che vivono in nuclei familiari di piccole dimensioni o con un solo genitore, mentre le ragazze sono molto più limitate e controllate dei ragazzi dal punto di vista della sessualità: il 55% non può appartarsi in casa con il proprio fidanzato contro il 33% dei ragazzi. I genitori meridionali sono quelli che soprattutto vietano e negano la libertà sessuale delle figlie: solo un quarto delle ragazze del sud può incontrare il fidanzato a casa e a molte di più non è assolutamente permesso (Tabella 2.2). Emerge in definitiva che i ragazzi che vivono con i genitori godono di ampie libertà nell uso della casa e dei suoi spazi perché tra la libertà incondizionata nell utilizzo dell appartamento e la necessità di dare un preavviso, si raggiunge e si supera la maggioranza dei casi, anche per momenti un po particolari quali quelle di avere dei momenti di intimità con il partner. 2.2 Giovani mammoni Il 15% dei giovani dichiara di non partecipare affatto all organizzazione della vita familiare e questo è già un primo indizio che la dice lunga sul livello di coinvolgimento nella gestione domestica dei ragazzi che vivono ancora con mamma e papà. I ragazzi e le ragazze sembrano essere ancora amorevolmente accuditi dai genitori e soprattutto dalle mamme. Un giovane su 6 non collabora alle più semplici e necessarie attività della famiglia, quali la pulizia della casa, la spesa o la cucina, e neanche a quelle più personali, come rifarsi il letto e mettere in ordine la propria camera. Sono i figli delle madri casalinghe ad essere più alleggeriti dal peso di partecipare alle attività domestiche quotidiane e ad essere più deresponsabilizzati e serviti. Emerge anche una forte dif-

15 Il tema di fondo: la permanenza in famiglia 15 ferenza di genere nell aiuto ai lavori di casa poiché solo pochissime ragazze, il 7%, non partecipano alle faccende domestiche (Grafico 2.2). Ma quale collaborazione è offerta dai giovani in famiglia? Gli aiuti si indirizzano generalmente nel fare la spesa, nella pulizia della casa, nel riordino del letto e della propria stanza e nella preparazione dei pasti. Accanto a queste attività più frequenti, ne troviamo altre per le quali la partecipazione dei giovani italiani è più rara (solo un ragazzo su 6 accompagna i genitori e fa piccole riparazioni in casa) o sporadica, come fare il bucato, stirare, pagare le bollette alla posta o sbrigare piccole pratiche burocratiche (Tabella 2.3). Anche in questo caso emergono forti differenze di genere nella partecipazione ai lavori domestici: le donne - e in particolare le più giovani - sono coinvolte molto spesso nella conduzione della casa, soprattutto per quanto attiene alle attività tradizionalmente femminili. Ad esempio, il 44% delle ragazze cucina contro il 18% dei ragazzi, il 75% riordina la casa contro il 24% dei ragazzi, il 17% stira e lava contro solo il 2% degli uomini. Differenze meno accentuate, ma sempre a svantaggio delle giovani donne, le troviamo in tutte quelle attività che riguardano gli spazi personali, come il riordino della propria stanza o rifarsi il letto che vengono svolte dal 41% delle ragazze contro il 29% dei ragazzi. Significativa, infine, la differenza a proposito delle piccole riparazioni e del pagamento delle bollette, cui partecipano più i ragazzi che le ragazze. Tutto ciò indica una forte segregazione del lavoro familiare, con le donne più orientate verso i lavori domestici veri e propri e gli uomini più impegnati in quelli manuali. Inizia già nella casa dei genitori quella divisione dei compiti e delle attività di servizio necessarie a mandare avanti la famiglia, che probabilmente proseguirà una volta che i giovani si sono formati a loro volta una propria famiglia. Anche la condizione professionale degli intervistati influenza la partecipazione alle attività familiari: i ragazzi occupati, sia maschi che femmine, si astengono più di quelli che non lavorano dai lavori domestici quotidiani, come mettere in ordine la propria stanza, pulire casa e preparare da mangiare; gli studenti, al contrario, partecipano di più a tutte queste attività. La collaborazione nelle faccende domestiche sembra perciò dipendere anche dal tempo passato a casa, maggiore per gli studenti, minore per i ragazzi occupati a tempo pieno. Infine, i giovani che vivono con un solo genitore sono più selettivi e tra tutte le attività familiari si orientano di più verso fare la spesa o svolgere pratiche burocratiche, come il pagamento delle tasse e delle bollette (Tabella 2.3). Dove invece i ragazzi partecipano di più è nel dare consigli per gli acquisti importanti per la casa. Infatti, i genitori coinvolgono i figli spessissimo quando si deve comprare l Hi-fi o l automobile, un po di meno - ma sempre in misura considerevole quando si deve decidere l arredamento di casa (Grafico 2.3). I ragazzi più adulti e quelli che vivono con un solo genitore sono generalmente più partecipi degli altri; il parere delle ragazze è richiesto più frequentemente se si tratta di acquisti degli elettrodomestici, i ragazzi sono interpellati più spesso per l acquisto dell automobile, segnando di nuovo così differenze di genere che si collegano a inequivocabili stereotipi di ciò che spetta ad una donna o ad un uomo nella conduzione della casa e della famiglia. Nel complesso la vita dei giovani in casa con i genitori sembra piacevole e soddisfa-

16 16 Adele Menniti cente. E perciò logico e naturale che si sviluppi nei figli un forte senso di adattamento ad una situazione familiare confortevole in cui si è serviti e curati: vivere in un contesto che cerca di venire incontro alle esigenze dei giovani, attenuando il più possibile ogni forma di fatica, di partecipazione e di responsabilità rende oggettivamente difficile e meno conveniente l andar via di casa. 2.3 Uno stipendio tutto per sé I figli partecipano economicamente alla vita della famiglia? Contribuiscono in qualche modo alle spese di casa, se lavorano? Il 41% dei nostri intervistati non contribuisce in nessun modo alle spese familiare ma, se restringiamo il nostro campo di osservazione ai giovani occupati che hanno un contratto di lavoro regolare e quindi percepiscono mensilmente uno stipendio, vediamo che solo 1 su 5 dichiara di non dare alcun contributo economico, 1 su 3 versa regolarmente una quota fissa ai genitori, i restanti lo fanno più di rado. Contribuiscono di meno al bilancio familiare le donne della classe di età 25-34, mentre la categoria di ragazzi più partecipi alle spese della famiglia sono quelli che vivono con un solo genitore (il 48% versa a casa una quota fissa). Ma questo quadro abbastanza confortante viene subito smentito se guardiamo il tipo di contributo dato dai figli. Infatti, chi partecipa al bilancio familiare, generalmente lo fa pagandosi le spese personali, mentre sono pochi quelli che contribuiscono a spese a carattere più generale, come le bollette o la spesa giornaliera (Grafico 2.4). Non vi sono differenze notevoli per aree territoriali, sesso o età dei figli a dimostrazione del fatto che il dare soldi a casa non è particolarmente diffuso tra gli italiani. Dalla indagine condotta sui genitori dei ragazzi intervistati emerge peraltro che sono gli stessi genitori a non volere soldi dai figli, come se questo potesse rappresentare una monetizzazione della loro permanenza a casa, che invece si vuole fondata su altri valori e significati. 2.4 La famiglia: una prigione dorata Da quanto emerso finora l ambiente familiare dei giovani italiani sembra avere poche occasioni di conflitti e limitazioni: in questo ambiente, i figli sono ben integrati e probabilmente si sentono a loro agio. Ma è possibile che si siano assopiti nel giro di così pochi anni i conflitti generazionali, che vedevano i genitori e i figli di soli 20 anni fa su posizioni distanti e spesso contrastanti? C è qualcosa su cui i figli si lamentano? Diamo ancora una volta voce ai nostri intervistati. Ebbene, alla domanda se i ragazzi percepissero dei vincoli per il fatto di vivere in famiglia, meno di uno su tre dichiara di averli. Da questo valore medio si discostano di più le donne sulle quali pesano maggiormente le restrizioni imposte dai genitori mentre, al contrario, quelli che vivono in famiglie di dimensioni ridotte e con un solo genitore avvertono minori limitazioni (Tabella 2.4). Il dover rientrare a casa per i pasti è il disagio più sentito dai nostri intervistati, seguito dalla mentalità rigida dei genitori, dal non potersi intrattenere a lungo al telefono, dal

17 Il tema di fondo: la permanenza in famiglia 17 dover avvisare quando si dorme fuori casa e dal tenere in ordine la casa. Il rientrare in orario per i pasti, che in definitiva non è altro che una forma di rispetto per chi i pasti li prepara e una regola di convivenza comprensibilissima, sembra costituire uno dei pochi problemi avvertiti dai nostri giovani, una limitazione importante dei loro movimenti e molto diffusa. Questo non solo perché è una regola che è stata segnalata da moltissimi dei ragazzi che hanno dichiarato di avere dei vincoli in famiglia, ma anche perché tutte le altre limitazioni percepite assumono una rilevanza molto più modesta (Grafico 2.5). E evidente che mangiare insieme e arrivare in orari a cena costituisce una delle pochissime regole imposte dai genitori e che dunque va rispettata. Esistono delle differenze nella percezione dei vari vincoli familiari. Pur rimanendo sempre predominante il problema del rispetto degli orari, i ragazzi maschi più giovani si lamentano più del dover tenere in ordine la casa (16%) e delle limitazioni economiche poste dai genitori (9%), mentre gli intervistati più adulti avvertono di più la mancanza di intimità (9%); le ragazze più giovani si sentono più vincolate dal dover rispettare l orario dei pasti (48%) e dai problemi derivanti dalla mentalità all antica dei genitori (18%). I ragazzi occupati sono infine quelli per i quali i singoli limiti assumono un peso inferiore e che si configurano quindi come il gruppo per il quale la vita in famiglia sembra la meno problematica. Un ultimo aspetto della vita in famiglia riguarda le eventuali restrizioni avvertite dai giovani sulla loro vita di relazione, ma, anche su questo tema non sembrano esserci problemi: più di 9 ragazzi intervistati su 10 dichiara di non avere limitazioni sui luoghi e le persone da frequentare (Grafico 2.6). Solo in pochi casi i genitori vogliono essere almeno informati: al 4% dei giovani viene chiesto di dire con chi esce, al 2% dove va. In generale comunque possiamo dire che emerge una generalizzata fiducia accordata ai figli dai genitori. Anche su semplici regole di convivenza quali quelle del rispetto degli orari dei pasti o del rientro per dormire i giovani appaiono aver acquisito una certa autonomia: quasi la metà dei nostri intervistati si sente libero dal rientrare in tempo per il pranzo o la cena, il 44% deve avvisare preventivamente; il 39% può passare la notte fuori casa senza neanche avvertire, mentre più della metà deve informare in anticipo. 2.5 Liberi ma poco responsabili In definitiva, per i giovani lo stare in famiglia appare essere una condizione molto confortevole. Sono numerosi i vantaggi di cui godono, possono avere tante esperienze consentite più facilmente dalla società di oggi: possono spostarsi, viaggiare, vedere amici e fidanzati, sia a casa che fuori, passare con loro le vacanze e spesso anche quelle festività che erano un tempo dedicate alla famiglia (Tabella 2.5). Ogni desiderio sembra essere esaudito e senza particolari responsabilità. Le regole imposte dalla famiglia non appaiono molto gravose: l unica - importante per molti di loro - sembra essere quella del rientrare a casa per il pranzo, regola che viene in parte aggirata se si avvisa preventivamente sull ora del rientro.

18 18 Adele Menniti Sono anche accuditi nella maniera migliore: sono in gran parte spesati di tutto dai genitori che tendono a soddisfarli senza grosse limitazioni, non sono responsabilizzati nella gestione della casa. La famiglia sembra dunque svolgere un ruolo di utile alleato (e forse complice) nella fase sempre più lunga di preparazione alla vita indipendente, alleggerendo i giovani da molte responsabilità e preoccupazioni concrete e consentendo loro di concentrarsi sul proprio lavoro, sulla propria formazione professionale e di intessere una vita di relazione molto attiva. Non sono emerse grosse differenze tra i modi di vita dei ragazzi: la condizione giovane mammone appare essere molto simile per tutti e il vivere a casa con mamma e papà rappresenta un elemento di aggregazione, di appartenenza ad una generazione, più che di marginalizzazione o critica. In questo quadro positivo sono poche le eccezioni e tra queste la più importante riguarda le donne: le ragazze si scontrano, soprattutto al sud, con un atteggiamento più chiuso nei riguardi della sessualità e sono maggiormente coinvolte nelle attività domestiche. I giovani che vivono in famiglie numerose sembrano invece più vincolati nell utilizzo della casa e più legati alle regole familiari. I figli più giovani sono più soggetti a vincoli e limitazioni da parte dei genitori; dopo i 25 anni i figli diventano adulti e la convivenza con i genitori richiede meno obblighi in termini di flessibilità negli orari e partecipazione alle attività familiari. Infine, i figli che già lavorano sembrano avere ancora meno vincoli degli altri e senza dubbio vivono con grande naturalità e positività la loro condizione di figlio di casa : scarso il loro coinvolgimento alle attività familiari, poco diffuso il contributo al bilancio familiare e ampia la libertà di movimento. Quello che fanno è di non gravare sulla famiglia per le loro spese personali. Detto questo, è quindi logico e naturale che nel nostro paese si stia sviluppando nei giovani che vivono con i propri genitori un forte adattamento a una situazione confortevole, rassicurante e senza responsabilità: stare e crescere in un ambiente malleabile, che si ristruttura alle esigenze del giovane, attenuando ogni forma di criticità e di conflittualità, rende oggettivamente difficile e in fondo quasi irragionevole, andare via di casa. Dove poter trovare condizioni migliori di quelle già buone che si hanno vivendo con mamma e papà? Il processo di affrancamento dal controllo dei genitori non presuppone e richiede l uscita da casa come succedeva in passato, ma viene attuato, serenamente e con accordo, anche rimanendo in famiglia. Oggi si è liberi a autonomi nei propri movimenti, senza essere però responsabilizzati. Questo è probabilmente il vero nodo (e problema) della prolungata permanenza dei giovani in famiglia, poiché può creare una generazione di persone che non riescono a risolvere le difficoltà di tutti giorni e a prendersi delle responsabilità, abituate come sono ad avere tutto e subito.

19 Il tema di fondo: la permanenza in famiglia 19 Tabella 2.1. La disponibilità di una propria camera in alcune categorie di intervistati, 1998 (%). Totale anni Occupati 5+componenti Sì Sì, ma la condivido con altri (fratelli, sorelle, ecc.) No Totale Grafico 2.1. La libertà nell utilizzo della casa, 1998 (%). nell ospitare amici nell organizzare feste, cene, etc, Sì Sì, con preavviso No Tabella 2.2. La libertà di avere momenti di intimità con il partner in alcune categorie di intervistati, 1998 (%). Totale donne famiglie famiglie meridionali di genitori soli con 3 componenti Sì Sì, con preavviso No Totale

20 20 Adele Menniti Grafico 2.2. Intervistati che non contribuiscono all organizzazione familiare secondo alcune loro caratteristiche, 1998 (graduatoria, %) Maschi Occupati anni Comuni con più di 500 mila abitanti Figli di madri casalinghe Totale anni Figli di genitori soli Femmine Tabella 2.3. Il contributo dei giovani all organizzazione familiare, 1998 (% calcolata sui ragazzi che collaborano ad almeno una attività). Le attività per la famiglia Totale occupati maschi a tempo pieno Pulire casa Fare la spesa Rifarsi il letto Pulire la propria camera Cucinare Piccole riparazioni Accompagnare i genitori Pagare le bollette Fare il bucato e stirare Occuparsi di problemi particolari (pagare le tasse, ecc.) Grafico 2.3. La partecipazione alle scelte di acquisto, 1998 (%). % Hi-fi Automobile Computer maschi Elettrodomestici femmine Arredamento

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

La vita quotidiana di bambini e ragazzi

La vita quotidiana di bambini e ragazzi CENTRO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE E ANALISI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali La vita quotidiana di bambini e ragazzi Anno 2008 Le indagini Multiscopo

Dettagli

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE.

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. Carla Ge Rondi Dipartimento di Statistica ed Economia applicate L. Lenti Università di Pavia Premessa. Nel mio intervento ho ritenuto di portare l attenzione

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes

Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Bambini e Nuovi Media: una ricerca di People per Terre des Hommes Come vedono i new media i bambini? E quanto i genitori sono in grado di capire e normare il rapporto, spesso caldissimo dei loro figli

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA. Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro

PROGETTO DI RICERCA. Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro PROGETTO DI RICERCA Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro Certosa, Dicembre 2011 Il Comune di Certosa di Pavia ha manifestato la necessità di attivare una serie di indagini conoscitive all

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE in collaborazione I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 GENNAIO 2016 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE RAPPORTO 2015 LA SPESA DELLE FAMIGLIE E INFERIORE DEL 6,3% RISPETTO AL 2008 Nonostante un

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali

La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali La vita quotidiana dell infanzia nelle indagini Istat-Ministero del Lavoro, della salute delle politiche sociali Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Forte incremento dell informazione statistica

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

LA POPOLAZIONE OMOSESSUALE NELLA SOCIETÀ ITALIANA

LA POPOLAZIONE OMOSESSUALE NELLA SOCIETÀ ITALIANA Anno 2011 LA POPOLAZIONE OMOSESSUALE NELLA SOCIETÀ ITALIANA 17 maggio 2012 Il 61,3% dei cittadini tra i 18 e i 74 anni ritiene che in Italia gli omosessuali sono molto o abbastanza discriminati, l 80,3%

Dettagli

TERZA ETÀ TRA BISOGNI ED ASPETTATIVE.

TERZA ETÀ TRA BISOGNI ED ASPETTATIVE. TERZA ETÀ TRA BISOGNI ED ASPETTATIVE. Risultati di un indagine condotta su un campione di anziani residenti nel quartiere di Catanzaro Lido. (di Franco Caccia, Teresa Barberio; Lia Perrone;Beatrice Felicetta)

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume Convegno su La paternità in Italia Roma, ottobre 5 - ISTAT Come e quando si diventa padri Alessandro Rosina Istituto di studi su popolazione e territorio Università Cattolica Milano alessandro.rosina rosina@unicatt.itit

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche, culturali

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale Settore Polizia Municipale e Politiche per la Legalità e le Sicurezze Settore Direzione Generale Ufficio organizzazione, qualità e ricerche La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

Dettagli

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi

L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi L isola di Ischia oggi: cosa ne pensano gli italiani e i tedeschi Ischia, 25 ottobre 2014 (Rif. 1914v114) Indice 2 Obiettivi e metodologia pag. 3 Le principali evidenze 4 La frequentazione dell isola di

Dettagli

Le differenze di genere nelle attività del tempo libero

Le differenze di genere nelle attività del tempo libero 26 aprile 2006 Le differenze di genere nelle attività del tempo libero Anni 2002-2003 L indagine Multiscopo sulle famiglie Uso del tempo fornisce informazioni sulle attività di vita quotidiana e sul modo

Dettagli

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI

NELL ULTIMO ANNO RIDOTTE LE SPESE PER ABBIGLIAMENTO, SVAGHI E ALIMENTARI COMUNICATO STAMPA LA FAMIGLIA COME SPECCHIO DELLA REALTA PRIMI RISULTATI DELL INDAGINE RISORSA FAMIGLIA. INDAGINE SULLE FAMIGLIE PISTOIESI: CASA, LAVORO, BILANCIO DELL OSSERVATORIO SOCIALE PROVINCIALE

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

L onda lunga del sisma di aprile. a cura di David Recchia e Renzo Barbato

L onda lunga del sisma di aprile. a cura di David Recchia e Renzo Barbato L onda lunga del sisma di aprile a cura di David Recchia e Renzo Barbato 1 Gli effetti socio-psicologici del sisma Le Acli Regione Abruzzo, assieme alle Acli Nazionali, da più di un anno svolgono sul territorio

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. La vecchiaia vista dal Nord Est.

OSSERVATORIO NORD EST. La vecchiaia vista dal Nord Est. OSSERVATORIO NORD EST La vecchiaia vista dal Nord Est. Il Gazzettino, 12.04.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico

Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Come calcolare gli assegni di mantenimento nei casi di separazione e divorzio: l'approccio statistico Mauro Maltagliati Gianni Marliani Firenze, 19 gennaio 2009 Dipartimento di Statistica Università di

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine

Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine Welfare, servizi e equità sociale: un indagine delle Acli trentine 1 La crisi colpisce più le valli L indagine realizzata dall Osservatorio delle Acli trentine ci dà modo di riflettere sulle condizioni

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

Gli atteggiamenti dei consumatori italiani nei confronti dei prodotti alimentari agricoli

Gli atteggiamenti dei consumatori italiani nei confronti dei prodotti alimentari agricoli Gli atteggiamenti dei consumatori italiani nei confronti dei prodotti alimentari agricoli Principali risultati dell indagine ISPO per Taormina, Marzo 2010 Rif. 1502v110 La ricerca 2 Lo studio ha indagato:

Dettagli

L integrazione sociale delle persone con disabilità

L integrazione sociale delle persone con disabilità 4 luglio 2005 L integrazione sociale delle persone con disabilità Anno 2004 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA. Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI TAVOLE STATISTICHE

SOMMARIO PREMESSA. Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI TAVOLE STATISTICHE SOMMARIO V PREMESSA Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI 3 14 18 28 32 38 41 50 62-1. Bambini in famiglia: la cura, il loro contributo in casa

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

LA SCUOLA E LE ATTIVITÀ EDUCATIVE

LA SCUOLA E LE ATTIVITÀ EDUCATIVE 3 ottobre 2012 Anno 2011 LA SCUOLA E LE ATTIVITÀ EDUCATIVE Il 18,7% dei bambini di 0-2 anni frequenta un asilo nido pubblico o privato. La quota è maggiore nel Centro-nord, con un picco del 27,1% nel Nord-est,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007

IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007 IL CONSUMO DI CARNE A MILANO, BOLOGNA, ROMA, NAPOLI E PALERMO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI OTTOBRE 2007 1 OBIETTIVO DELLA RICERCA L obiettivo principale è quello di indagare le opinioni, le attitudini e

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso

SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA. Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso SCEGLIERE CON CONSAPEVOLEZZA Come i genitori possono aiutare i figli in questo percorso Dott.ssa Cinzia Ginevri Blasi Orientare significa... Porsi in una condizione di ascolto Indicare un percorso Garantire

Dettagli

TELEFONO AMICO ITALIA. i risultati dell analisi scientifica di 108.616 telefonate dei volontari in ascolto di chi si è rivolto a loro nell ultimo anno

TELEFONO AMICO ITALIA. i risultati dell analisi scientifica di 108.616 telefonate dei volontari in ascolto di chi si è rivolto a loro nell ultimo anno TELEFONO AMICO ITALIA i risultati dell analisi scientifica di 108.616 telefonate dei volontari in ascolto di chi si è rivolto a loro nell ultimo anno TelefonoAMICOItalia è una associazione di volontariato

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI

Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 L INDAGINE IN SINTESI Ricerca rivolta alle famiglie di bambini di età 0-36 mesi non iscritti ai servizi comunali, anno 2015 ASPETTI METODOLOGICI L INDAGINE IN SINTESI Indagine a cura di: - Area Organizzazione e gestione servizi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA VITA PER LE GIOVANI FAMIGLIE CON BAMBINI IN PRIMA INFANZIA (0-5 ANNI) NELLE ZONE DI NUOVO INSEDIAMENTO (NUOVI QUARTIERI RESIDENZIALI)

LA QUALITÀ DELLA VITA PER LE GIOVANI FAMIGLIE CON BAMBINI IN PRIMA INFANZIA (0-5 ANNI) NELLE ZONE DI NUOVO INSEDIAMENTO (NUOVI QUARTIERI RESIDENZIALI) LA QUALITÀ DELLA VITA PER LE GIOVANI FAMIGLIE CON BAMBINI IN PRIMA INFANZIA (0-5 ANNI) NELLE ZONE DI NUOVO INSEDIAMENTO (NUOVI QUARTIERI RESIDENZIALI) ASPETTI METODOLOGICI Due momenti: A) INTERVISTE LIBERE

Dettagli

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa NOTA INFORMATIVA (in ottemperanza al regolamento dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa: delibera 153/02/CSP,

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010

SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 SINTESI DELL ELABORAZIONE DEI DATI TELEFONO AMICO ITALIA RELATIVI ALLE OLTRE 100MILA TELEFONATE RICEVUTE NEL 2010 Anche quest anno AstraRicerche ha elaborato tutte le informazioni riferite alle ben 106.556

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

GLI ITALIANI E IL FUNDRAISING Chi sono, come si comportano e cosa desiderano i donatori I edizione / 2013

GLI ITALIANI E IL FUNDRAISING Chi sono, come si comportano e cosa desiderano i donatori I edizione / 2013 GLI ITALIANI E IL FUNDRAISING Chi sono, come si comportano e cosa desiderano i donatori I edizione / 2013 Milano, 24 ottobre 2013 Obiettivi e metodologia Obiettivo della ricerca è indagare sulle attitudini

Dettagli

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat Sono un quinto dei cittadini, ma la società non si occupa delle loro esigenze Qualità della vita, reti sociali e sicurezza soprattutto nei piccoli comuni 7 su 10 si sentono attivi dedicandosi alla famiglia

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le famiglie che desiderano rinnovare la propria abitazione, un opportunità sempre più favorevole e da non perdere

Agevolazioni fiscali per le famiglie che desiderano rinnovare la propria abitazione, un opportunità sempre più favorevole e da non perdere L INDAGINE TECNOBORSA 2013: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA RISTRUTTURAZIONI a cura di Alice Ciani e Lucilla Scelba Tecnoborsa Agevolazioni fiscali per le famiglie

Dettagli