TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat"

Transcript

1 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal 1991 al 2001 Nei dieci anni intercorsi tra le ultime due rilevazioni campionarie la popolazione residente in Sardegna non ha subito sensibili variazioni facendo registrare un decremento complessivo del -1%. Tutte le province, ad eccezione del Cagliaritano (+1,4%) e di Olbia-Tempio (+5%) hanno fatto segnare variazioni negative. Tra queste la nuova provincia di Carbonia-Iglesias si distingue con il decremento demografico maggiore pari al -5,6%. Gli abitanti della provincia, che comprende 23 comuni tutti in precedenza appartenenti alla provincia di Cagliari, sono passati dalle unità del 1991 a del La popolazione provinciale nel 2001 rappresenta il 7,9% della popolazione regionale pari a unità. Carbonia-Iglesias è terzultima tra le province seguita soltanto dal Medio Campidano e dall Ogliastra. Popolazione Variaz. % pop ,6-5,5 - -4,0-3,9-0,0 0,1-1,4 1,5-5,0 DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 1

2 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 2 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2005 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal 2001 al 2005 Tra il 2001 e il 2005 i residenti nell isola sono aumentati dell 1,5% passando da a Nonostante il segno positivo e l inversione di tendenza rispetto al decennio precedente, il tasso medio di crescita annuale è stato contenuto e pari a +0,4%. La provincia di Carbonia-Iglesias ha continuato a spopolarsi, facendo segnare in quattro anni, una riduzione percentuale pari a -0,4%, insieme a Nuoro (-1,1%), l Ogliastra (-0,6%) e il Medio Campidano (-1,3%). Nel 2005 i residenti nella provincia di Carbonia-Iglesias sono , pari all 8% del totale regionale. Carbonia- Iglesias è la terzultima provincia e precede il Medio Campidano con abitanti e l Ogliastra con La provincia più popolosa è Cagliari con residenti. A seguire la provincia di Sassari con , Oristano con , Nuoro con , e Olbia- Tempio con Popolazione 2005 Variaz. % pop ,3 - -1, ,0-0, ,1-1, ,9-3, ,3-5,1 DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 2

3 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 3 Densità abitativa nelle Province della Regione Sardegna nel 2005 Variazione percentuale della densità abitativa nelle Province della Regione Sardegna tra il 2001 e il 2005 fonte: elaborazione dati Unioncamere e Istat La densità abitativa regionale, in modesto aumento dal 2001 al 2005 (67,74 ab./kmq nel 2001 e 68,73 ab./kmq nel 2005) è molto bassa se confrontata con il dato medio italiano (195 ab./kmq nel 2005). La provincia di Carbonia-Iglesias, pur con una densità molto bassa rispetto al dato nazionale, è la seconda più densamente popolata della regione: 87,9 ab./kmq nel 2005, dopo solo la provincia di Cagliari con 121,0 ab./kmq. Seguono Sassari con 77,7 ab./kmq, il Medio Campidano con 68,6 ab./kmq, Oristano con 55,5 ab./kmq, Nuoro con 41,3 ab./kmq, Olbia-Tempio con 42,8 ab./kmq e l Ogliastra con 31,3 ab./kmq. Densità abitativa ,3 31,4-42,8 42,9-68,6 68,7-87,9 88,0-121,0 Variaz. % dens ,3 - -1,1-1,0 - -0,4-0,3-0,0 0,1-3,2 3,3-5,1 La variazione della densità abitativa rispetto al 2001 segue di pari passo, come è ovvio, quella della popolazione residente. Le province caratterizzate da una riduzione della densità abitativa sono le stesse in cui è diminuita la popolazione: Carbonia-Iglesias (-0,4%), Medio Campidano (-1,3%), Nuoro (-1,1%), Ogliastra (-0,6%). Variazioni positive a Cagliari (+1,8%), Sassari (+3,2%), Oristano (+0,4%) e Olbia-Tempio (+5,1%). DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 3

4 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 4 Indice di dipendenza strutturale nelle Province della Regione Sardegna (2004) Indice di dipendenza giovanile nelle Sardegna (2004) L indice di dipendenza strutturale e l indice di dipendenza giovanile misurano l incidenza della popolazione non attiva su quella attiva. Il primo, in particolare, considera sia i giovani che gli anziani, mentre con il secondo viene valutata soltanto l incidenza della classe giovanile. L indice di dipendenza strutturale per la provincia di Carbonia-Iglesias (rapporto percentuale tra la popolazione di 0-14 anni e >=65 anni e la popolazione di anni) vale 42,0, ovvero la popolazione non attiva è 42 volte quella attiva. La provincia è terzultima nella Regione con un incidenza delle classi non attive inferiore alla media regionale di 43,4. Le province con l indice più elevato sono Oristano, e Nuoro con 48,0 e 47,6 rispettivamente mentre il valore più basso è quello di Cagliari con 40,3. Indice dipendenza strutturale 40,3 40,4-42,0 42,1-44,8 44,9-47,2 47,3-48,0 Indice dipendenza giovanile 17,2 17,3-18,3 18,4-18,5 18,6-19,3 19,4-20,8 L indice di dipendenza giovanile - rapporto percentuale tra la popolazione giovane (0-14 anni) e quella attiva (15-64 anni) per la Sardegna vale 18,8. Nella provincia di Carbonia-Iglesias l incidenza dei giovani sulla popolazione attiva è la più bassa di tutta la regione. Si registra, infatti, l indice più piccolo pari a 1,72. I valori più alti in ambito regionale sono nella provincia di Nuoro con 20,8, nell Ogliastra con 20,3, ad Olbia-Tempio con 19,27 e a Sassari con 19,14. DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 4

5 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 5 Indice di dipendenza degli anziani nelle Province della Regione Sardegna (2004) Indice di vecchiaia nelle Sardegna (2004) La provincia di Carbonia-Iglesias è terzultima rispetto all indice di dipendenza degli anziani, rapporto percentuale tra la popolazione con 65 anni e più e la popolazione in età attiva. L indice provinciale è pari a 24,8 contro il dato regionale di 25,5. Il peso degli anziani è inferiore alla media sarda anche a Sassari (25,3), Olbia-Tempio (22,4) e Cagliari (22,1). Nelle restanti altre province il valore regionale viene superato: Oristano con 29,5, Ogliastra con 26,9, Nuoro con 26,8, Medio Campidano con 26,5. Indice dipendenza anziani Indice vecchiaia L altro indicatore che valuta la consistenza della parte più anziana della popolazione è l indice di vecchiaia. In questo caso il rapporto è calcolato rispetto alla popolazione giovane con età tra 0 e 14 anni. La media regionale vale 135,0 e la provincia di Carbonia-Iglesias la supera con il valore di 144,0. Il valore maggiore è relativo ad Oristano con 159,0 seguito dal Medio Campidano con 145,0. L indice di vecchiaia è inferiore alla media in Ogliastra dove vale 144,0 in provincia di Sassari con 132,0, Nuoro con 129,0, Cagliari con 121,0 e Olbia- Tempio con 116,2. 22,1-22,4 116,2 22,5-24,8 116,3-121,0 24,9-25,3 121,1-132,4 25,4-26,9 132,5-144,9 27,0-29,5 145,0-159,0 DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 5

6 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 6 Indice di struttura nelle Sardegna (2004) Indice di ricambio nelle Sardegna (2004) L indice di struttura è dato dal rapporto percentuale tra la popolazione nella fascia di età compresa tra i 40 e i 64 anni e la popolazione tra i 15 e i 39 anni. La provincia di Carbonia-Iglesias fa registrare il valore più elevato di tutta la regione pari a 105,1, sensibilmente superiore alla media sarda che vale 95,9. Al secondo posto si trova la provincia di Oristano con 98,5. L indice è invece al di sotto del valore regionale in tutte le altre province: Olbia-Tempio (95,4), Nuoro (95,1), Cagliari (94,8), Sassari (94,4), Medio Campidano (93,8) e Ogliastra (90,2). Indice struttura Indice ricambio L ultimo indicatore per l analisi della struttura per età della popolazione è l indice di ricambio, definito come rapporto percentuale tra la popolazione tra i 60 e i 64 anni e quella tra i 15 e i 19 anni. Il valore medio regionale di 102,2 viene superato in provincia di Oristano (109,3), Olbia-Tempio (109,2), Sassari (106,7) e Cagliari (106,2). L indice di ricambio è invece al di sotto del dato regionale a Nuoro (99,4), Medio Campidano (97,3) e Ogliastra (91,9). 90,2 91,9 90,3-94,4 92,0-97,3 94,5-95,4 97,4-99,4 95,5-98,5 99,5-106,7 98,6-105,1 106,8-109,3 DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 6

7 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 7 Tasso di disoccupazione nelle fonte: Istat Addetti nelle Province della Regione fonte: Istat La condizione occupazionale della provincia di Carbonia-Iglesias non è certamente positiva come testimonia il valore del tasso di disoccupazione più elevato fatto registrare nell isola. Il valore provinciale è, infatti, pari a 27 (contro 21,6 regionale e 11,6 italiano) e colloca la provincia in testa alla classifica delle province sarde. In generale la situazione è peggiore nelle province meridionali (Ogliastra e Cagliari: 23,5, Medio Campidano: 22,6) e più positiva nel centro-nord Sardegna (Oristano: 21,5, Sassari: 21,3, Nuoro: 20,5, Olbia-Tempio: 18,0). Gli addetti censiti dall Istat nel 2001 nella provincia di Carbonia-Iglesias sono e rappresentano poco meno del 7% del totale regionale ( addetti). La maggiore concentrazione di addetti si ha in provincia di Cagliari che con unità totalizza il 38% del totale sardo. La seconda provincia per numerosità è Sassari con pari al 19% seguita da Olbia-Tempio con (10%), Nuoro con (10%), Oristano con (8%), dal Medio Campidano con (5%) e dall Ogliastra con (3%). Tasso disoccupazione Addetti , ,1-20, ,6-21, ,6-23, ,6-27, DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 7

8 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 8 Indice di Uso del Suolo nelle Sardegna (2001) La prevalente destinazione d uso delle province può essere analizzata attraverso l indice di uso del suolo, ottenuto come rapporto tra la popolazione residente e la somma di questa e degli addetti. Il valore dell indice individua la funzione predominante del territorio, residenziale o lavorativa: o I_US<0,50 destinazione d uso prevalentemente lavorativa; o I_US=0,50 equilibrio tra destinazione d uso lavorativa e residenziale; o I_US>0,50 destinazione d uso prevalentemente residenziale. L indice di uso del suolo può essere facilmente messo in relazione con la mobilità. Una spiccata funzione residenziale indica, infatti, una maggiore predisposizione alla generazione degli spostamenti. Viceversa quando la funzione lavorativa è prevalente ci si attende una maggiore capacità di attrarre spostamenti. Tutte le province hanno un indice maggiore di 0,7. Il valore più elevato è relativo al Medio Campidano con 0,84, seguito dall Ogliastra e Oristano con 0,83, e da Carbonia-Iglesias con 0,82. Le province di Nuoro e Sassari si attestano a 0,80 mentre i valori più bassi sono relativi a Cagliari con 0,77 e Olbia-Tempio con 0,76. Indice Uso del Suolo 0,76 0,77 0,78-0,80 0,81-0,83 0,84 DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 8

9 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 9 Spostamenti interprovinciali per lavoro e studio generati dalle fonte: Istat Spostamenti interprovinciali per lavoro e studio attratti dalle fonte: Istat Sono circa gli spostamenti pendolari interprovinciali che vengono realizzati ogni giorno in Sardegna. La rilevazione della mobilità pendolare, ovvero degli spostamenti per raggiungere il luoghi abituali di lavoro e studio, è avvenuta nel corso del Censimento della Popolazione realizzato nel 2001 dall Istat. In figura sono rappresentati i viaggi pendolari interprovinciali (effettuati con qualsiasi mezzo e in qualsiasi orario) generati e attratti dalle otto province. Spostamenti Generati Istat Spostamenti Attratti Istat La provincia di Carbonia-Iglesias si colloca in posizione intermedia tra le province sarde, quarta con spostamenti generati. Il maggior numero di viaggi interprovinciali hanno origine nel Medio Campidano che con spostamenti si stacca nettamente dalle altre province. Al secondo posto si trova Cagliari con circa la metà degli spostamenti (4.603) seguita da Oristano con Sassari è al quinto posto con Sensibilmente inferiori i valori relativi a Nuoro (1.793), ad Olbia- Tempio (1.202) e all Ogliastra (470). Se si analizza la destinazione degli spostamenti emerge una netta concentrazione nella provincia di Cagliari che da sola attrae ben il 47% del totale ( spostamenti). A molta distanza si trovano la provincia di Nuoro con spostamenti attratti, Olbia- Tempio con 2.682, il Medio Campidano con e Oristano con La provincia di Carbonia-Iglesias è soltanto terzultima con spostamenti attratti (pari al 7% del totale) seguita da Sassari con e dall Ogliastra con 393. DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 9

10 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 10 Ripartizione degli spostamenti generati dalle Province della Regione Sardegna per motivi di studio e di lavoro (2001) Ripartizione degli spostamenti attratti dalle Province della Regione Sardegna per motivi di studio e di lavoro (2001) Gli spostamenti per motivi di lavoro prevalgono rispetto a quelli per studio in tutte le province. In figura è rappresentata la ripartizione per motivo degli spostamenti complessivi (ovvero interprovinciali più intraprovinciali) generati e attratti da ciascuna provincia. Spostamenti Generati Istat Spostamenti Attratti Istat Il dato aggregato regionale fa segnare il 58% di spostamenti per lavoro e il 42% per studio. I valori provinciali non si discostano molto da questi dati con l eccezione della provincia di Olbia- Tempio nella quale la percentuale di spostamenti per lavoro è superiore alla media e rappresenta il 63% degli spostamenti generati e il 64% di quelli attratti. La percentuale di viaggi per studio è ovviamente inferiore al dato aggregato regionale ed è pari al 37% per la generazione e al 36% per l attrazione. Nella provincia di Carbonia-Iglesias la ripartizione è uguale per gli spostamenti attratti e generati e in linea con il dato regionale e fa registrare il 56% di viaggi per lavoro e il 44% per studio Motivo Spostamenti Generati Motivo Spostamenti Attratti Lavoro Lavoro Studio Studio DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 10

11 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 11 Indice di generazione nelle Indice di attrazione nelle La figure al lato rappresentano l indice di generazione (a sinistra) e l indice di attrazione (a destra). L indice di generazione è ottenuto rapportando gli spostamenti pendolari interprovinciali con la popolazione residente e rappresenta quindi il numero medio di spostamenti pro-capite giornaliero. Ai valori più alti corrispondono i casi in cui i residenti in una certa provincia hanno una maggiore tendenza a lavorare o studiare in una provincia diversa. Come si può osservare dalla mappa Carbonia- Iglesias, con un indice pari a 0,03, è seconda dopo il Medio Campidano che si trova in testa con 0,08. In provincia di Oristano l indice vale 0,02 (uguale al valore medio regionale) mentre in tutti gli altri casi è pari a 0,01. Indice di Generazione 0,01 0,02 0,03 0,08 Indice di Attrazione 0,31-0,50 0,52-0,84 1,81-2,23 2,24-2,87 Dal rapporto tra gli spostamenti interprovinciali attratti e generati si ottiene l indice di attrazione che misura la propensione delle province ad attrarre o generare spostamenti da e verso le altre. Un valore superiore ad uno indica che si attraggono più spostamenti di quelli che si generano. Viceversa, un valore inferiore all unità individua le province che generano più di quanto attraggono. Cagliari è la provincia con il valore maggiore pari a 2,87, ovvero attrae un numero di spostamenti pari a quasi 3 volte quelli generati. A seguire si trova Olbia-Tempio con 2,23 e Nuoro con 1,81. Le altre hanno un ruolo generatore. Nella provincia di Carbonia- Iglesias, in particolare, l indice vale 0,52. DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 11

12 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 12 Indice di autonomia funzionale nelle Indice di autosostentamento nelle Il rapporto tra la popolazione attiva e gli spostamenti pendolari interprovinciali fornisce l indice di autonomia funzionale. Il suo valore definisce il grado in cui ciascuna provincia riesce a soddisfare le esigenze di lavoro e studio dei propri residenti: più questo valore è alto maggiore è l autonomia della provincia, più è basso maggiore è la dipendenza dalle altre province. L indice più elevato è relativo a Cagliari dove vale 50,5. Valori non molto lontani sono registrati ad Olbia-Tempio con 48,4 e in Ogliastra con 46,8. Le province meno autonome, viceversa, sono il Medio Campidano con 4,7 e Carbonia- Iglesias con 13,0. Indice di Autonomia Funzionale 4,7-15,4 36,3-38,2 46,8-50,5 Indice di Autosostentamento 0,79 0,92 0,94 0,97 0,98 Un ulteriore indicazione viene dall indice di autosostentamento dato dal rapporto tra gli spostamenti intraprovinciali e la generazione complessiva della provincia (interprovinciale più intraprovinciale). Quanto più l indicatore è elevato tanto più aumenta l incidenza delle attività di lavoro e studio che si svolgono all interno della provincia rispetto a quelle che si svolgono all esterno. Il valore maggiore, pari a 0,98, è relativo alle province di Cagliari, Olbia-Tempio e Ogliastra. A seguire si trovano Sassari e Nuoro con 0,97 e Oristano con 0,94. La provincia di Carbonia-Iglesias è una delle province più dipendenti dagli scambi con l esterno con un indice che vale 0,92. Il Medio Campidano è in coda con il valore più basso pari a 0,79. DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 12

13 Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 13 Indice di scambio nelle Province della Regione L indice di scambio è molto simile all indice di autosostentamento dal quale si differenzia perché al denominatore compare la somma degli spostamenti intraprovinciali e di quelli interprovinciali complessivi (sia in generazione che in attrazione) invece che la somma della sola generazione (intraprovinciale e interprovinciale). Viene valutata l incidenza della mobilità interna alla provincia su quella complessiva in ingresso e in uscita con i valori più elevati che indicano un incidenza maggiore e quelli più bassi una minore. c Indice di Scambio 0,74 0,89 0,90 0,93-0,94 0,96 DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DELLA PROVINCIA Di RBONIA LESIAS 13

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

Comunicato stampa del 13 ottobre 2015

Comunicato stampa del 13 ottobre 2015 Comunicato stampa del 13 ottobre 2015 Accesso al credito: la Sardegna è al 6 posto in Italia per diminuzione dei finanziamenti alle piccole imprese In Italia gli impieghi vivi, cioè l intero stock dei

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Le strutture residenziali per minori in Sardegna

Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le comunità presenti in Sardegna Le comunità intervistate I minori presenti I minori dimessi dal 2003 al 2005 I minori di prossima dimissione Nei mesi di

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

PIANO ANNUALE IMMIGRAZIONE - 2006

PIANO ANNUALE IMMIGRAZIONE - 2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO ANNUALE IMMIGRAZIONE - 2006 PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 7, COMMA 2, L.R. N. 46/1990. INDICE I. RISORSE DISPONIBILI E PRESENZA STRANIERA IN SARDEGNA SU BASE PROVINCIALE...2

Dettagli

7.1 CONSIDERAZIONI GENERALI

7.1 CONSIDERAZIONI GENERALI CAPITOLO VII INDICATORI TURISTICI IN SICILIA 7.1 CONSIDERAZIONI GENERALI Per una più completa comprensione dei fenomeni turistici e delle dinamiche di utilizzazione del suolo, che interessano il territorio

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 CAPITOLO 9 CULTURA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 Al 31 dicembre 2007 la consistenza del patrimonio bibliotecario

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN SARDEGNA I trimestre 2015

IL MERCATO DEI MUTUI IN SARDEGNA I trimestre 2015 IL MERCATO DEI MUTUI IN SARDEGNA I trimestre 2015 L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato l'andamento dei finanziamenti nel primo trimestre 2015, finalizzati all'acquisto dell'abitazione, concessi

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias nel 1991

TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di Carbonia-Iglesias nel 1991 TAV. 1 Popolazione residente nei comuni della Provincia di - nel 1991 fonte: Istat Secondo il Censimento della Popolazione realizzato dall Istat nel 1991 i residenti nella provincia di - sono 139.667.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Cagliari, 16 luglio 2007

Cagliari, 16 luglio 2007 Il ruolo del credito in Sardegna Seminario del Sala Anfiteatro -Via Roma 253 - Cagliari Il credito a medio e lungo termine per lo sviluppo delle imprese a cura di Marilena Troiani Cagliari, 16 luglio 2007

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014. dies 21/27

ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014. dies 21/27 ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014 dies 21/27 agenzia giornalistica della CISL sarda DIRETTORE EDITORIALE ORIANA PUTZOLU DIRETTORE RESPONSABILE MARIO GIRAU REDAZIONE CAGLIARI - VIA ANCONA 1-09125 Tel.

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO

Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO Profilo della sicurezza nella Comunità di Primiero A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO OTTOBRE 2011 Profilo di sicurezza della Comunità di Primiero nel 2010 1) CRIMINALITÀ, INCIVILTÀ, ORDINE PUBBLICO

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO. Centro Regionale di Programmazione

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO. Centro Regionale di Programmazione PROGETTAZIONE INTEGRATA Laboratorio territoriale Carbonia-Iglesias Principali tematismi emersi dall analisi territoriale Area di intervento Sistema dei servizi alla persona: La co-progettazione di azioni

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

Città a Confronto. Cultura e Sport. Dipartimento Programmazione - Settore Statistica

Città a Confronto. Cultura e Sport. Dipartimento Programmazione - Settore Statistica Cultura e Sport Spettacoli I dati raccolti dalla SIAE per il 2012 confermano la difficile situazione economica anche nell'ambito dello spettacolo. A livello nazionale sono quasi 12 milioni i biglietti

Dettagli

TASSI ATTIVI SUI FINANZIAMENTI PER CASSA ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI

TASSI ATTIVI SUI FINANZIAMENTI PER CASSA ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI Servizio Credito e Risparmio -U.O.B. 6.2 Gestione ordinamento aziende di credito regionali. Elaborazione dati e rappresentazioni grafiche a cura del Servizio Credito e Risparmio - U.O.B. 6.2 e del Servizio

Dettagli

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati 2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI 2.1. Inquadramento L inquadramento socio - economico del territorio oggetto di analisi permette di cogliere alcuni suoi aspetti fondamentali. Anche se non direttamente

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza Introduzione L Istat ha diffuso le informazioni sui Sistemi Locali del Lavoro (*) individuati

Dettagli

ANALISI DEL PRODOTTO

ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Il 2013 ha fatto segnare ancora variazioni negative nell erogazione del credito concesso alle famiglie, ma si registrano alcuni

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

PROFILO D AMBITO Distretto Ogliastra

PROFILO D AMBITO Distretto Ogliastra Provincia dell Ogliastra Servizio Lavoro e Politiche Sociali PLUS Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona 2012-14 PROFILO D AMBITO Distretto Ogliastra A cura dell Osservatorio Provinciale delle

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

Comunicato stampa del 6 agosto 2015

Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Crisi dell edilizia in Sardegna: crollo degli investimenti pubblici e privati e rubinetti a secco per il credito le cause prevalenti La Sardegna è infatti una delle

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate

B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate B1 occupazione e livello d'istruzione: piu' istruite, piu' occupate Malgrado l occupazione femminile abbia registrato a partire dall inizio del 2000 un forte incremento, segnando tassi di crescita annui

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE

DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE DISAGIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE STRANIERE Analisi e mappatura del disagio economico delle famiglie in Italia suddivise tra famiglie straniere, miste e italiane GENNAIO 2011 FINALITA DELLO STUDIO Lo studio

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 MERCATO DELLE EROGAZIONI Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 6.875,45 milioni di euro nel secondo trimestre

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

NOTA PER LA STAMPA. Economia della Sardegna. 20 Rapporto 2013

NOTA PER LA STAMPA. Economia della Sardegna. 20 Rapporto 2013 NOTA PER LA STAMPA Economia della Sardegna 20 Rapporto 2013 Alla metà del 2013, la condizione economica della Sardegna appare particolarmente critica. Mentre da una parte si conferma la stagnazione in

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione.

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. 1 Il Patrimonio culturale statale Alcuni dati di riferimento delle dimensioni del Patrimonio culturale del MiBac¹. 37.355.538

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

Via dei Colombi 1 09126 Cagliari Tel. 070345069 Fax 070345032 E-mail: csv@sardegnasolidale.it. la formazione di base

Via dei Colombi 1 09126 Cagliari Tel. 070345069 Fax 070345032 E-mail: csv@sardegnasolidale.it. la formazione di base Via dei Colombi 1 09126 Cagliari Tel. 070345069 Fax 070345032 la formazione di base la formazione di base DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO La formazione di base promossa, organizzata e gestita dal CSV

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Autorità dell Ambito Ottimale per il Servizio Idrico

Autorità dell Ambito Ottimale per il Servizio Idrico Autorità dell Ambito Ottimale per il Servizio Idrico Rapporto C 2010.285 Novembre 2010 a cura di Alessandro Amadori e Giorgio Pedrazzini COESIS RESEARCH Srl Sede legale - Direzione e amministrazione: 24127

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani Mauro Albani*, Antonella Guarneri*, Frank Heins**, Conferenza AISRe - Torino, 15-17 settembre 2011 * Istat Servizio

Dettagli

Auser Regione Sardegna www.auser.sardegna.it. Telefonia Sociale

Auser Regione Sardegna www.auser.sardegna.it. Telefonia Sociale 1 Auser Regione Sardegna www.auser.sardegna.it Alla Regione Autonoma della Sardegna Assessorato Igiene e Sanità Direzione Generale Politiche Sociali Via Roma 253 09123 CAGLIARI OGGETTO: Relazione N 3 sul

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente 1. e le altre metropoli europee: la popolazione residente Dal confronto tra le principali città europee - classificate secondo una tassonomia che distingue le metropoli globali dalle capitali politico-aministrative

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA POR SARDEGNA - FSE 2007-2013 Versione del 20.10.2011 Indice 1. ANALISI DI CONTESTO... 4 1.1 Descrizione del contesto... 4 1.1.1 Indicatori statistici... 4 1.1.2 Tendenze

Dettagli

legge regionale 5 dicembre 2005, n. 20; legge regionale 11 maggio 2006, n. 4; legge regionale 12 giugno 2006, n. 9.

legge regionale 5 dicembre 2005, n. 20; legge regionale 11 maggio 2006, n. 4; legge regionale 12 giugno 2006, n. 9. 57/5 31.12.2009 Oggetto: Legge region egionale 5 marzo 2008 n. 3, art. 6. Piano annuale di formazione professionale, e, annualità 2009/2010 UPB S06.06.004 S - Cap SC06.1574 F.R. L Assessore del Lavoro,

Dettagli