a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA"

Transcript

1 a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

2 Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto appuntamento annuale della presentazione dello Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina giunto alla sua quarta edizione, presentiamo l analisi dei dati disaggregati sulla condizione occupazionale e non solo - del nostro territorio. Quest anno, per la prima volta ci occupiamo anche di redditi, dalla prospettiva delle dichiarazioni ai fini IRPEF. OCCUPAZIONE Il 2013 è stato un anno drammatico per l occupazione in Italia e i primi mesi del 2014 non mostrano segnali di inversione di tendenza di una condizione che anzi tende dal punto di vista occupazionale - ad aggravarsi. Nella media del 2013 in Italia l occupazione diminuisce di unità (-2,1%), con una riduzione più marcata nelle regioni meridionali con un calo pari a unità (-4,6%). Prosegue dagli anni precedenti il calo dell occupazione maschile, unità (-2,6%) e torna a contrarsi quella femminile per unità (-1,4%). Sempre nel 2013 a Messina l occupazione diminuisce di unità (-6,7%) - prosegue il calo della componente maschile unità (-7,5%) e torna a ridursi quella femminile femmine (-5,4%) - dato negativo più che triplo rispetto a quello nazionale e di parecchio più brutto persino della già drammatica media delle regioni meridionali. Questo per Messina è anche il peggior risultato annuale dall inizio della crisi e porta la perdita complessiva di occupazione tra il 2007 e il 2013 a unità (-13,4%). (Tab ) Così, mentre il tasso di occupazione in Italia si attesta al 55,6%, -1,1% rispetto al 2012, quello della provincia di Messina scende fino al 41,5%, cioè -2,8% rispetto al Anche nella nostra provincia la riduzione dell indicatore riguarda entrambe le componenti di genere, infatti il tasso di occupazione maschile passa dal 55,3% del 2012 al 51,6% del 2013 (-3,7%) mentre il tasso di occupazione femminile dal 33,6% del 2012 al 31,7% del 2013 (-1,9%). (Tab ) Tra il 2007 e il 2013 il tasso di occupazione della provincia di Messina scende dal 48,2% al 41,5% (-6,7%), mentre quello della media Italia dal 58,7% al 55,6% (-3,1%), con un allargamento della forbice tra Messina e la media nazionale che passa da -10,5% del 2007 al -14,1% del 2013, con un peggioramento di 3,6 punti percentuali. Nell ultimo anno la forbice è cresciuta di ben 1,6 punti percentuali.(tab. 15) Pertanto, mentre in Italia in media nella popolazione attiva tra 15 e 64 anni lavorano 55 persone su 100, nella provincia di Messina ne lavorano solo 41 su 100. Nella componente femminile in Italia lavorano in media 46 donne su 100, nella provincia di Messina 32 su 100. Se disaggreghiamo per fasce di età il dato della provincia di Messina rileviamo come la condizione di sofferenza occupazionale riguardi, oltre la componente femminile, in modo significativo i giovani, sia quelli della fascia di età tra 15 e 24 anni, sia quella tra 25 e 34 anni. Nella fascia di età tra 15 e 24 anni risultano complessivamente occupati in meno di 6mila su una popolazione di 72mila: cioè lavora solo 1 su 12. Ma nella stessa fascia tra le femmine sono 1 Nota: le elaborazioni e le stime sono a cura della CGIL e dell IRES CGIL di Messina su dati ISTAT, INPS, CASSA EDILE MESSINA, MEF DIPARTIMENTO DELLE FINANZE

3 occupate solo su , vale a dire che nella popolazione femminile tra 15 e 24 anni lavora solo 1 su 18. Tra il 2012 e il 2013 nella fascia di età tra 15 e 24 anni si sono persi 2mila occupati(-25%), di cui femmine (-33,3%); tra il 2007 e il 2013 la perdita complessiva è stata pari a 7mila unità (-53,8%) di cui 3mila femmine (-60%). (Tab ) Ma per un territorio come la provincia di Messina la penuria di lavoro e le dinamiche sociali rendono indispensabile l analisi occupazionale della fascia di età tra 25 e 34 anni, dove risultano occupati poco più di 32mila unità su una popolazione di 80mila, cioè il 40,5%. Nella stessa fascia tra le femmine sono occupate in poco più di 12mila su una popolazione di 40mila, solo il 30,5%, meno di 1 su 3. In valori assoluti, tra il 2007 e il 2013, gli occupati sono diminuiti di 17mila unità (-34,7%), meno 7mila (-36,8%) tra le femmine. Nello stesso periodo in questa fascia di età il tasso di occupazione è sceso dal 55,1% al 40,6% (-14,5%, di cui -2,7% nell ultimo anno), il tasso di occupazione medio Italia è passato dal 70,1% del 2007 al 60,2% del 2013, con un aumento del differenziale Messina/media Italia che è aumentato da -15% del 2007 al -19,6% del Va peggio per le femmine passate a Messina dal 43,3% del 2007 al 30,5% del 2013, contro la percentuale media Italia che è passata dal 59% del 2007 al 51,9%del 2013, con un gap cresciuto dal -15,7% del 2007 al 21,4% del (Tab ) Guardando alla fascia di età tra 55 e 64 anni torna a diminuire il tasso di occupazione che nel nostro territorio tra il 2012 e il 2013, passa dal 38,1% al 36,1%, segno che, nonostante le norme della legge Fornero che ha aumentato i requisiti pensionistici e allungato la permanenza al lavoro, siamo in presenza di ultra 50enni che perdono il lavoro senza, peraltro, poter accedere ai trattamenti previdenziali e avendo pochissime opportunità di trovare una nuova occupazione. (Tab.24) La disaggregazione per settori registra la ulteriore contrazione nell agricoltura, che scende nel 2013 a 7mila occupati dai 9mila del 2012, erano 13mila nel 2008, nelle costruzioni che calano fino a 17mila occupati nel 2013 dai 19mila del 2012, 23mila nel Ma l elemento inedito è dato dal significativo calo nel terziario: ben 10mila dei 13mila occupati in meno del 2013 appartengono a questo settore. Si registra invece una inversione di tendenza nel settore dell industria in senso stretto, dove dopo il tracollo dell anno scorso si assiste ad una lieve risalita. Particolarmente indicativo il proseguire della crisi nel settore edilizio, dove non ci sono segnali di inversione di tendenza e il settore vede il tracollo nel numero delle imprese iscritte alla Cassa che passano da del 2008 a del 2013, dei lavoratori attivi che passano da del 2008 ai del 2013 (-4.976), e del relativo monte salari. (Tab ) DISOCCUPAZIONE Se la disoccupazione media Italia cresce significativamente, nella provincia di Messina nel 2013 si registra un fortissimo incremento dei disoccupati che schizzano a 51mila dai 39mila del 2012 (+30,8%), erano 24mila nel 2007 (+108%). Nel 2013 il tasso di disoccupazione raggiunge a Messina il 21,9% rispetto al 16,6% del 2012 (+5,3%) e al 10,4% del 2007 (+11,5%). Nello stesso periodo il tasso di disoccupazione medio Italia raggiunge nel 2013 il 12,2%, nel 2012 era il 10,7%, nel 2007 il 6,1%. Anche in questo caso cresce la forbice Messina/media Italia che passa dal +4,3% del 2007 al 9,7% del (Tab.31-32) Nella fascia di età nella provincia di Messina il tasso di disoccupazione passa dal 54,1% del 2012 al 65,5% del 2013 (+11,4%), era il 32,1% nel 2007 (+33,4%). Il tasso di disoccupazione medio Italia nella fascia di età tocca nel 2013 il 40%, era del 35,3% nel 2012 (+4,7%) e il 20,3% nel 2007 (+19,7). Anche qui cresce il divario tra la provincia di Messina e la media Italia, con un gap che passa dal +11,8% del 2007 al +25,5% del (Tab.33) A Messina nella fascia di età il tasso di disoccupazione nel 2013 è del 33,4%, contro il 25,9% del 2012 (+7,5%) e il 16,1% del 2007 (+17,3%). La media Italia è del 17,7% nel 2013, del 14,9% del 2012 e del 8,3% nel Forbice che si allarga anche in questa fascia dove si passa da un differenziale Messina/Italia del +7,8% del 2007 al +15,7% del In questa fascia di età abbiamo analizzato anche il tasso di disoccupazione femminile che è pari al

4 40,2% nel 2013, del 34,6% nel 2012 (+5,6%) e del 17,9% nel 2007 (+22,3%). Il gap Messina/Italia era del +7,4% nel 2007 ed è cresciuto nel 2013 al +20,9%. (Tab.34-35) Infine la fascia di età da 35 in su dove il tasso di disoccupazione cresce a Messina nel 2013 sino al 13,8% dal 9,9% del 2012 (+3,9%) e dal 5,6% del 2007 (+8,2%). Forte anche in questo caso il gap con la media Italia che passa dal +1,9% del 2007 al +5,6% del (Tab. 36) CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Dopo molti anni, nel 2013, cala il numero delle ore di CIG autorizzate. Il calo è complessivo, le ore autorizzate diminuiscono nel 2013 a , nel 2012 sono state (-22,2%), ma riguarda sia la CIG ordinaria che quella straordinaria che la deroga. Il dato evidenzia come ci sia ancora un numero alto (1.860 unità equivalenti a zero ore) di lavoratori che subiscono una perdita significativa di reddito. La stessa diminuzione delle ore autorizzate nel 2013 non costituisce una dato positivo, poiché è in larga parte dovuta all esaurirsi della possibilità di ricorrere a questi ammortizzatori o alla chiusura di aziende per cessazione dell attività. Nei giorni scorsi è stato raggiunto l accordo con la Regione Siciliana per gli ammortizzatori in deroga, ma resta comunque il problema del finanziamento degli strumenti. (Tab.37) DICHIARAZIONI DEI REDDITI AI FINI IRPEF Quest anno il MEF Dipartimento delle Finanze ha reso disponibili, per la prima volta i, alcuni dati territoriali, fino al livello comunale, sulle dichiarazioni ai fini IRPEF. L analisi di questi dati consente di misurare le differenze di reddito medio (relativamente alle dichiarazioni ai fini IRPEF) sia complessivo che per tipologia di reddito. Nella provincia di Messina il reddito medio dichiarato ai fini IRPEF è di euro, contro una media nazionale di euro ( /-18,6%). Distinguendo il reddito per tipologia, i contribuenti che dichiarano il reddito medio più elevato sono a Messina, come nella media nazionale, i lavoratori autonomi con euro, contro i euro della media nazionale ( euro/-29,6%). Seguono i lavoratori dipendenti e assimilati che dichiarano a Messina un reddito medio di euro contro la media nazionale di euro ( euro/-17,8%). Al terzo posto (5 posto nella classifica nazionale) i pensionati che nella provincia di Messina dichiarano un reddito medio di euro, contro i euro di media nazionale ( euro/-8,2%). Seguono al quarto posto (3 posto classifica nazionale) gli imprenditori titolari di ditte individuali con un reddito medio di euro, contro i euro della media nazionale ( euro/-26,6%). Appare di particolare interesse misurare la rilevanza degli scostamenti del dato del reddito medio della provincia di Messina, rispetto a quello nazionale, nelle categorie dei lavoratori autonomi e degli imprenditori titolari di ditte individuali, anche in relazione ai dati recentemente divulgati su sommerso e evasione fiscale. Se analizziamo le dichiarazioni per fasce di reddito notiamo come nella provincia di Messina l 82% dei contribuenti sia sotto i euro, il 58% sotto i euro, il 41% sotto i euro. Il 2,6% più ricco ha il 14% del reddito totale, il 18% più ricco il 50% dell intero reddito. (Tab )

5 194 Messina occupati 15 anni e più raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) TAB.1

6 Messina occupati 15 anni e più raffronto 2007/2013 (valori in migliaia) TAB.2

7 Messina occupati maschi 15 anni e più raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) TAB.3

8 Messina occupati femmine 15 anni e più raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) TAB.4

9 Studio sullo stato dell'occupazione nella provincia di Messina Messina occupati 15 anni e più raffronto (valori in migliaia) IN SU TAB.5

10 Messina raffronto occupati/popolazione per età anno 2013 (valori in migliaia) OCCUPATI POPOLAZIONE RESIDENTE TAB.6

11 Messina raffronto occupati/popolazione maschi per età anno 2013 (valori in migliaia) OCCUPAZIONE MASCHILE POPOLAZIONE MASCHILE RESIDENTE TAB.7

12 Messina raffronto occupati/popolazione femmine per età anno 2013 (valori in migliaia) OCCUPAZIONE FEMMINILE POPOLAZIONE FEMMINILE RESIDENTE TAB.8

13 Messina occupati per età raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) TAB.9

14 Messina occupati maschi per età raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) TAB.10

15 Messina occupati femmine per età raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) TAB.11

16 Messina occupati per età raffronto 2007/2013 (valori in migliaia) TAB.12

17 Messina occupati maschi per età raffronto 2007/2013 (valori in migliaia) TAB.13

18 Messina occupati femmine per età raffronto 2007/2013 (valori in migliaia) TAB.14

19 ,2 Studio sullo stato dell'occupazione nella provincia di Messina Messina tasso occupazione anni raffronto (valori %) ,9 45, ,6 44,5 44, , Messina TAB.15

20 64 Messina tasso occupazione maschile anni raffronto (valori %) 62 62, ,0 58, ,9 56,3 55, , Messina TAB.16

21 ,6 Studio sullo stato dell'occupazione nella provincia di Messina Messina tasso occupazione femminile anni raffronto (valori %) ,2 33, ,2 32,5 32, , Messina TAB.17

22 ,1 Studio sullo stato dell'occupazione nella provincia di Messina Messina tasso occupazione anni raffronto (valori %) 16,2 14, ,6 13, , , Messina TAB.18

23 24 Messina tasso occupazione maschile anni raffronto (valori %) 22 21,2 21, ,7 18,5 18, , , Messina TAB.19

24 14 Messina tasso occupazione femminile anni raffronto (valori %) ,7 12, ,2 9,5 9 8,5 8, , Messina TAB.20

25 56 55,1 Studio sullo stato dell'occupazione nella provincia di Messina Messina tasso occupazione anni raffronto (valori %) , , ,4 44,0 43, ,6 Messina TAB.21

26 ,8 Messina tasso occupazione maschile anni raffronto (valori %) 67, , ,2 56,2 57, ,7 Messina TAB.22

27 ,3 Studio sullo stato dell'occupazione nella provincia di Messina Messina tasso occupazione femminile anni raffronto (valori %) , ,7 31, ,7 29,8 30, Messina TAB.23

28 39 38 Messina tasso occupazione anni raffronto (valori %) 38,5 37,5 38, ,2 36, , , Messina TAB.24

29 Occupati provincia Messina per settore attività 2013 (valori %) agricoltura silvicoltura industria pesca (escluse costruzioni) 4% 7% costruzioni 9% altre attività dei servizi 58% commercio alberghi e ristoranti 20% TAB.25

30 Messina occupati per settore attività raffronto 2012/2013 (valori in migliaia) agricoltura, silvicoltura e pesca industria escluse costruzioni costruzioni totale servizi TAB.26

31 154 Messina occupati settore "altre attività dei servizi" (valori in migliaia) totale servizi TAB.27

32 Imprese iscritte alla Cassa Edile Messina raffronto 2008/2013 (valori assoluti) Differenza -436 Imprese iscritte Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati Cassa Edile Messina TAB. 28

33 Lavoratori edili attivi Messina raffronto 2008/2013 (valori assoluti) Differenza Operai attivi Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati Cassa Edile Messina TAB.29

34 130 Monte salari lavoratori edili Messina raffronto 2008/2013 (valori milioni di euro) Differenza Monte salari Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati Cassa Edile Messina TAB.30

35 60 Messina disoccupazione 15 anni e più dal 2007 al 2013 (valori migliaia) Messina TAB.31

36 25 Tasso disoccupazione 15 anni e più raffronto Messina/Italia dal 2007 al 2013 (valori %) 21, , ,6 14,1 13,5 12,5 12,2 10,4 10,7 10 7,8 8,4 8,4 6,1 6, Messina Italia TAB.32

37 75 Tasso Disoccupazione anni raffronto Messina/Italia dal 2007 al 2013 (valori %) 65 65, , ,1 37,9 36,0 40,1 40,3 35,3 40, ,3 21,3 25,4 27,8 29, Messina Italia TAB.33

38 35 Tasso Disoccupazione anni raffronto Messina/Italia dal 2007 al 2013 (valori %) 33, , ,0 21,0 22,0 20,4 17, ,1 14,9 10,5 11,9 11,7 10 8,3 8, Messina Italia TAB.34

39 40 Tasso Disoccupazione fem anni raffr. Messina/Italia dal 2007 al 2013 (valori %) 40, , ,9 29,2 28, , ,9 16,6 19, ,5 10,8 12,5 14,0 13, Messina Italia TAB.35

40 Tasso Disoccupazione 35 anni e più raffronto Messina/Italia dal 2007 al 2013 (valori %) 14 13, ,5 9,9 8,2 8,3 8,2 8 7,3 7, ,6 3,7 4,4 5,0 5,4 5, Messina Italia TAB.36

41 CIG ore autorizzate 2008 al 2013 (valori assoluti) Totale Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati INPS TAB.37

42 CIG ore autorizzate per tipologia 2008 al 2013 (valori assoluti) Ordinaria Straordinaria Deroga Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati INPS TAB.38

43 La classifica dei redditi prov. Messina anno imposta 2012 (reddito medio per tipologia, valori euro) Reddito da lavoro autonomo Reddito da lavoro dipendente e assimilati Reddito da pensione Reddito imprenditori ditte individuali Reddito da partecipazione Reddito medio Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati MEF Dip. Finanze TAB.39

44 Redditi per tipologia Messina/Italia anno imposta 2012 (reddito medio per tipologia, valori euro) Reddito da lavoro autonomo Reddito da lavoro dipendente e assimilati Reddito imprenditori ditte individuali Reddito da partecipazione Reddito da pensione ITALIA DICHIARAZIONI 2013 ANNO IMPOSTA 2012 MESSINA DICHIARAZIONI 2013 ANNO IMPOSTA 2012 Reddito medio Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati MEF Dip. Finanze TAB.40

45 Contribuenti per classi di reddito provincia di Messina anno imposta 2012 (valori %) 40% 35% 30% 25% 20% 40,9% 15% 10% 5% 17,0% 24,3% 14,5% 0% 0,7% 1,4% 0,9% 0,3% < = OLTRE MESSINA DICHIARAZIONI 2013 ANNO IMPOSTA 2012 Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati MEF Dip. Finanze TAB.41

46 Contribuenti per classi di reddito Italia/Messina anno imposta 2012 (valori %) 40% 35% 30% 25% 20% 40,9% 15% 31,5% 30,8% 24,3% 10% 15,0% 17,0% 18,3% 14,5% 5% 0% 0,5% 0,7% 1,9% 1,4% 1,4% 0,9% 0,6% 0,3% < = OLTRE ITALIA DICHIARAZIONI 2013 ANNO IMPOSTA 2012 MESSINA DICHIARAZIONI 2013 ANNO IMPOSTA 2012 Fonte: Elaborazione CGIL Messina su dati MEF Dip. Finanze TAB.42

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

numero di lavoratori 70.124 6.071 12 agosto 2014

numero di lavoratori 70.124 6.071 12 agosto 2014 12 agosto 2014 2 Il lavoro pagato con i voucher: da strumento per contrastare il lavoro nero a sistema per erodere il lavoro regolare e contrattuale In forte aumento nel Commercio e nei Servizi e nel lavoro

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL 2012 [VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL PRIMO SEMESTRE DI 2009-2010-2011-2012] [Nel mese di giugno la domanda di Cig in Veneto rimane nella media dei mesi di questo primo semestre del 2012. Cresce però,

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Scenari del lavoro. 13/03/2013 UIL Milano e Lombardia 1

Scenari del lavoro. 13/03/2013 UIL Milano e Lombardia 1 Scenari del lavoro 13/03/2013 UIL Milano e Lombardia 1 Indicatori del Mercato del lavoro tasso di occupazione Nell Area OCSE l occupazione cresce anche se di pochissimo. Nell Area EURO diminuisce di pochissimo

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

K. Attività finanziarie e assicurative i

K. Attività finanziarie e assicurative i K. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà del 6,0% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

MESSINA. La luce in fondo al tunnel? 5 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina. a cura della CGIL e dell IRES CGIL di Messina

MESSINA. La luce in fondo al tunnel? 5 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina. a cura della CGIL e dell IRES CGIL di Messina MESSINA La luce in fondo al tunnel? 5 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di Messina Presentazione dei dati del 5 Studio sullo stato dell occupazione

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

Comunicato stampa del 6 agosto 2015

Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Crisi dell edilizia in Sardegna: crollo degli investimenti pubblici e privati e rubinetti a secco per il credito le cause prevalenti La Sardegna è infatti una delle

Dettagli

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi del contesto 1. Il lavoro femminile in Calabria L analisi del mercato del lavoro secondo

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

La Cassa Integrazione Guadagni

La Cassa Integrazione Guadagni La Cassa Integrazione Guadagni nelle MARCHE MESE DI FEBBRAIO 2013 Dati INPS elaborati a cura dell IRES-CGIL Marche MARZO 2013 1 MARCHE: il 2013 si apre con il doppio delle ore di CIG rispetto a gennaio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI Mezzi di trasporto (-43,4 per cento), opere pubbliche (-38,6 per cento) e casa (-31,6 per cento) sono stati i settori più colpiti. ========================================

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012

CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012 17 dicembre 2013 CONCLUSIONE DELL ATTIVITA LAVORATIVA E TRANSIZIONE VERSO LA PENSIONE Anno 2012 Le forme di transizione graduale verso il pensionamento non sono diffuse nel nostro Paese: soltanto il 3,5%

Dettagli

IMPERIA E LA CRISI 2008-2014

IMPERIA E LA CRISI 2008-2014 IMPERIA E LA CRISI 2008-2014 La Priorità al Lavoro Il ciclo 2008-2013, il consuntivo 2013 e le tendenze del 2014 Sala Multimediale CCIAA 23 luglio 2014 1 IL CICLO DELLA CRISI E IL CONTESTO DEL MALESSERE

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA GENOVA GENOVA

CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA GENOVA GENOVA CAMERA DEL LAVORO METROPOLITANA GENOVA GENOVA UNO SGUARDO ALL EUROPA Popolazione attiva e non attiva confronto tra cinque paesi europei Fonte: Eurostat Popolazione non attiva Confronto tra cinque paesi

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

I professionisti e la crisi: quale futuro ci attende?

I professionisti e la crisi: quale futuro ci attende? I professionisti e la crisi: quale futuro ci attende? Giuseppe Ciccarone Dipartimento di Economia e Diritto, Preside della Facoltà di Economia Fondazione Giacomo Brodolini I PROFESSIONISTI ITALIANI: CHI

Dettagli

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Il mercato del lavoro in Veneto Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Venezia, 17 febbraio 2012 PERCHÉ UN CONTRATTO REGIONALE DI ATTIVITÀ (1/6) OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN VENETO

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Analisi dell ipotesi di introduzione di una deduzione fissa per i figli a carico

Analisi dell ipotesi di introduzione di una deduzione fissa per i figli a carico Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco e Previdenza Nota a cura di Paola Serra e Lorenzo Lusignoli Politica fiscale per la famiglia Analisi dell ipotesi di introduzione di una deduzione

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO. Premessa

MERCATO DEL LAVORO. Premessa MERCATO DEL LAVORO L Ufficio Studi della Camera di Commercio di Rimini predispone da diversi anni una serie di approfondimenti (al 31 dicembre di ogni anno) sulle principali caratteristiche mercato del

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

L EDILIZIA IN VENETO

L EDILIZIA IN VENETO Dal declino al nuovo ciclo delle 3R: Ristrutturazioni Riqualificazioni Rigenerazioni Luca Romano Direttore Local Area Network Villa Braida Mogliano Veneto 16 maggio 2014 IL PATRIMONIO EDILIZIO E LA CRESCITA

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4.1 Le unità locali Le unità locali presenti sul territorio della provincia di Ferrara, al Censimento dell Industria e dei Servizi 2001, erano 32.101, in aumento, rispetto al

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 A cura di: Flavio Necchi, Paolo Mariani, Biancamaria Zavanella, Paolo Pavanati Elaborazioni

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO 3. Legno e arredo STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Bilanci industria. 2009, l'anno della grande crisi

Bilanci industria. 2009, l'anno della grande crisi via dei Muredei, TRENTO t. /99-9 f. /9 e-mail: ufficio.stampa@cgil.tn.it UFFICIO STAMPA www.cgil.tn.it Bilanci industria. 9, l'anno della grande crisi L'analisi sui conti economici di 7 società e gruppi

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP Gli iscritti 2 Il numero degli iscritti AdEPP al 2013 è pari a 1.416.245 unità, con un aumento percentuale del 15,7% tra il 2005 e il 2013. Se si considera

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI

FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI Note e commenti n 9 Gennaio 2014 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop FATTURATO E MARGINALITÀ NEGLI ANNI DELLA CRISI 1 I risultati presentati sono relativi ad un totale di

Dettagli