Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna"

Transcript

1 Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013

2 Le forze di lavoro

3 La popolazione attiva In provincia di su 100 individui attivi 54 sono uomini e 46 donne. Questa proporzione appare stabile negli ultimi anni. Il tasso di attività nel 2012 (73,8%) è pari al 79,3% per i maschi e al 68,4% per le femmine. Nel 2012 il tasso di attività in provincia di supera quello italiano di quasi 10 punti percentuali e di 1 punto percentuale quello regionale. Fra le principali province italiane mostra il più elevato tasso di attività femminile e totale, mentre per quello maschile si posiziona al secondo posto alle spalle della provincia di Firenze.

4 Gli occupati (1) Anche fra gli occupati le donne rappresentano a il 46% del totale. Il tasso di occupazione per la popolazione fra i 15 e i 64 anni a nel 2012 è pari al 68,6%, in calo di un punto percentuale rispetto all'anno precedente. Se si fa riferimento all'ultimo quinquennio, caratterizzato dall'affermarsi di una crisi economica senza precedenti recenti, il calo è di circa 4 punti percentuali. La riduzione del tasso di occupazione ha accomunato donne e uomini: per le prime il tasso di occupazione nel 2012 tocca il 63,7% contro il 73,6% dei maschi. La riduzione nell'arco degli ultimi 5 anni va dai circa 3 punti percentuali per le donne occupate ai quasi 5 punti per i loro colleghi maschi.

5 Gli occupati (2) In forte calo è anche il tasso di occupazione giovanile. Anche nella realtà bolognese questo si caratterizza forse come il problema più acuto: ad esempio l'occupazione dei giovani fra i 18 e i 29 anni è calata nella nostra provincia dal 68% del 2008 al 48,1% del In questo contesto il tasso di occupazione delle giovani lavoratrici (18-29 anni) è pari al 46,9%, in calo di quasi 17 punti percentuali rispetto al 2008; per i maschi la situazione occupazionale peggiora nell'ultimo quinquennio di quasi 23 punti percentuali, scendendo dal 72% del 2008 al 49,3% del In questa situazione di recessione che si prolunga ormai da alcuni anni, il confronto con gli altri territori vede per la provincia di una lieve riduzione del divario a proprio favore rispetto al dato nazionale sull'occupazione. Dal confronto con le principali province italiane emerge l'arretramento di una posizione (dal 2 al 3 posto) per quanto concerne il tasso di occupazione maschile, rispetto al quale ci precedono Verona e Firenze; la provincia di, pur in presenza di un calo dell'occupazione già in precedenza evidenziato, conferma la sua leadership nell'occupazione femminile, che consente anche il mantenimento della prima posizione per quanto riguarda il tasso di occupazione totale, davanti a Firenze e Milano.

6 I disoccupati (1) Su 100 disoccupati le donne rappresentano a nel 2012 il 46%, una quota in riduzione nell'ultimo quinquennio. Anche nella nostra provincia la disoccupazione ha subito recentemente un'impennata: nell'ultimo quinquennio il tasso di disoccupazione è più che triplicato, arrivando a toccare nel 2012 il 6,9% (7% per i maschi e 6,8% per le femmine). Estremamente critici i dati sulla disoccupazione giovanile. In fortissima crescita, soprattutto per gli uomini, appare il tasso di disoccupazione per i giovani fra i 18 e i 29 anni: in questa fascia di età nel 2012 erano disoccupati il 21,5% dei maschi e il 12,5% delle femmine, pari in complesso al 17,5%. Ma quel che più preoccupa è l'accelerazione del fenomeno negli ultimi 5 anni: basti ricordare che nel 2008 la percentuale di giovani fra i 18 e i 29 anni in cerca di lavoro nella nostra provincia era pari all'1,5% per i maschi e al 4,7% per le femmine.

7 I disoccupati (2) Anche per quanto concerne la disoccupazione la nostra provincia, in presenza di trend fortemente negativi per tutti i livelli territoriali, vede ridursi il gap a proprio favore sia nel confronto con il dato nazionale che con quello regionale. Nel 2008 la disoccupazione a livello nazionale (6,7%) era il triplo di quella registrata nel bolognese (2,2%); nel 2012 questo divario proporzionalmente si riduce (6,9% in provincia contro il 10,7% italiano). L'aumento della disoccupazione, che ha coinvolto pesantemente anche la nostra realtà territoriale, ha determinato un arretramento della nostra provincia nella graduatoria della disoccupazione nelle principali province italiane. Rispetto al 2011 perde infatti il primo posto a livello femminile e arretra di due posizioni (dalla 3^ alla 5^) anche in ambito maschile; nel complesso invece conserva, come l'anno precedente, pur a una certa distanza la 2^ posizione dopo la provincia di Verona.

8 Leggera prevalenza maschile fra le forze di lavoro in provincia di 100% Forze di lavoro - Provincia di % per genere Maschi Femmine 80% 54,1 53,7 53,8 53,4 53,6 60% 40% 20% 45,9 46,3 46,0 46,6 46,4 0%

9 Cresce il tasso di attività in provincia di nel ,0 Tasso di attività - Provincia di Femmine Maschi 80,0 80,0 77,9 78,7 78,5 79,3 68,2 67,4 66,9 67,9 68,4 60,0 40, Femmine 68,2 67,4 66,9 67,9 68,4 Maschi 80,0 77,9 78,7 78,5 79,3 Totale 74,1 72,6 72,7 73,1 73,8

10 Il tasso di attività in provincia di, in Emilia-Romagna e in Italia Tasso di attività totale Italia Emilia Romagna Tasso di attività maschile Italia Emilia Romagna Tasso di attività femminile Italia Emilia Romagna ,0 72,8 73, ,0 79,1 79, ,0 66,6 68, ,2 71,8 73, ,1 78,6 78, ,5 64,9 67, ,2 71,6 72, ,3 78,6 78, ,1 64,5 66, ,4 72,0 72, ,7 78,9 77, ,1 65,1 67, ,0 72,6 74, ,4 80,1 80, ,6 64,9 68,2 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0

11 A il più alto tasso di attività totale e femminile rispetto alle principali province italiane Tasso di attività totale nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) 73,8 Firenze Tasso di attività maschile nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) 79,8 Tasso di attività femminile nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) 68,4 Firenze 72,4 79,3 Milano 66,1 Milano 72,1 Verona 78,3 Firenze 65,3 Torino 70,3 Venezia 78,3 Torino 63,9 Venezia 68,5 Milano 78,1 Genova 60,9 Verona 68,4 Torino 76,9 Roma 59,6 Genova 68,4 Roma 76,5 Venezia 58,8 Roma 67,9 Genova 76,1 Verona 58,3 Bari 57,6 Bari 73,2 Bari 42,3 Messina 53,3 Messina 65,6 Messina 41,3 Palermo 49,5 Palermo 64,5 Palermo 35,2 Catania 48,5 Catania 63,2 Catania 34,4 Napoli 47,4 Napoli 62,8 Napoli 32,6 20,0 40,0 60,0 80,0 100,0 20,0 40,0 60,0 80,0 100,0 20,0 40,0 60,0 80,0 100,0

12 Leggera prevalenza maschile anche fra gli occupati in provincia di 100% Occupati - Provincia di % per genere Maschi Femmine 80% 54,2 54,1 54,3 53,3 53,6 60% 40% 20% 45,8 46,2 45,7 46,7 46,4 0%

13 Cala di un punto percentuale sia per gli uomini che per le donne il tasso di occupazione in provincia di nel ,0 80,0 78,3 Provincia di - Tasso di occupazione (15-64 anni) 75,6 75,4 74,6 Femmine Maschi 73,6 66,6 64,6 62,8 64,7 63,7 60,0 40, Femmine 66,6 64,6 62,8 64,7 63,7 Maschi 78,3 75,6 75,4 74,6 73,6 Totale 72,4 70,1 69,0 69,6 68,6

14 45,7 44,1 43,9 54,4 51,0 49,3 46,9 63,8 61,6 72,0 In forte calo il tasso di occupazione per la fascia d età anni in provincia di 100,0 90,0 80,0 Tasso di occupazione in provincia di anni MASCHI FEMMINE 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0, Tasso di occupazione per sesso e classe di età nella provincia di Anni anni anni Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale ,9 31,0 33,5 72,0 63,8 68, ,9 20,7 21,4 61,6 45,7 53, ,5 20,1 21,4 54,4 44,1 49, ,6 23,8 23,2 51,0 43,9 47, ,2 20,3 22,3 49,3 46,9 48,1

15 Il tasso di occupazione in provincia di, in Emilia-Romagna e in Italia Tasso di occupazione totale Italia Emilia Romagna Tasso di occupazione maschile Italia Emilia Romagna Tasso di occupazione femminile Italia Emilia Romagna ,8 67,6 68, ,5 73,9 73, ,1 61,3 63, ,9 67,9 69, ,5 75,0 74, ,5 60,8 64, ,9 67,4 69, ,7 74,9 75, ,1 59,9 62, ,5 68,5 70, ,6 75,5 75, ,4 61,5 64, ,7 70,2 72, ,3 78,2 78, ,2 62,1 66,6 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0

16 Malgrado la difficile situazione economica, a il più alto tasso di occupazione femminile e totale Tasso di occupazione totale nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) Tasso di occupazione maschile nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) Tasso di occupazione femminile nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) 68,6 Verona 74,6 63,7 Firenze 67,2 Firenze 74,4 Milano 60,8 Milano 66,4 73,6 Firenze 60,3 Verona 65,3 Venezia 72,7 Torino 56,9 Torino 63,3 Milano 72,0 Verona 55,8 Genova 63,0 Genova 71,1 Genova 55,0 Venezia 62,4 Torino 69,8 Roma 53,1 Roma 61,0 Roma 69,3 Venezia 52,1 Bari 48,3 Bari 62,7 Bari 34,2 Messina 44,3 Messina 55,3 Messina 33,6 Catania 40,5 Catania 53,7 Palermo 28,1 Palermo 39,8 Palermo 52,0 Catania 27,9 Napoli 36,6 Napoli 49,4 Napoli 24,2 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 0,0 20,0 40,0 60,0 80,0

17 I disoccupati in provincia di sono in lieve maggioranza maschi Disoccupati - Provincia di % per genere Maschi Femmine 100% 80% 50,0 43,8 43,5 54,5 54,5 60% 40% 20% 50,0 56,3 56,5 45,5 45,5 0%

18 Più che triplicato il tasso di disoccupazione in provincia di nell ultimo quinquennio 10,0 Provincia di - Tasso di disoccupazione Femmine Maschi 6,0 6,8 7,0 5,0 4,0 4,1 4,7 4,8 2,4 2,0 2,8 0, Femmine 2,4 4,0 6,0 4,7 6,8 Maschi 2,0 2,8 4,1 4,8 7,0 Totale 2,2 3,4 5,0 4,7 6,9

19 1,5 3,0 4,7 13,4 12,3 12,5 14,4 17,1 17,5 21,5 In fortissima crescita il tasso di disoccupazione per la fascia d età anni nella provincia di, soprattutto fra i maschi 40,0 MASCHI FEMMINE Tasso di disoccupazione in provincia di anni 30,0 20,0 10,0 0, Tasso di disoccupazione per sesso e classe di età nella provincia di Anni anni anni Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale ,1 7,0 4,4 1,5 4,7 3, ,7 15,6 12,3 3,0 14,4 8, ,8 30,9 29,2 17,1 17,5 17, ,0 25,9 23,2 13,4 12,3 12, ,7 25,3 28,9 21,5 12,5 17,5

20 Il tasso di disoccupazione in provincia di, in Emilia-Romagna e in Italia Tasso di disoccupazione totale Italia Emilia Romagna Tasso di disoccupazione maschile Italia Emilia Romagna Tasso di disoccupazione femminile Italia Emilia Romagna ,1 6,9 10, ,4 7,0 9, ,9 6,8 11, ,3 4,7 8, ,5 4,8 7, ,3 4,7 9, ,7 5,0 8, ,6 4,1 7, ,0 6,0 9, ,4 4,8 7, ,2 2,8 6, ,5 4,0 9,3 6, ,2 2,2 0,0 5,0 10,0 15,0 5, ,4 2,0 0,0 5,0 10,0 15,0 8, ,3 2,4 0,0 5,0 10,0 15,0

21 Arretra la provincia di nella graduatoria del tasso di disoccupazione nelle principali province italiane Tasso di disoccupazione totale nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) Tasso di disoccupazione maschile nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) Tasso di disoccupazione femminile nelle principali province Anno 2012 (dati in percentuale) Verona 4,4 Verona 4,6 Verona 4,3 6,9 Genova 6,5 6,8 Firenze 7,1 Firenze 6,6 Firenze 7,6 Genova 7,8 Venezia 6,9 Milano 8,0 Milano 7,8 7,0 Genova 9,3 Venezia 8,8 Milano 7,6 Torino 10,8 Torino 9,8 Torino 9,0 Roma 11,0 Roma 10,0 Roma 9,3 Venezia 11,3 Bari 16,0 Bari 14,1 Messina 18,5 Catania 16,3 Catania 15,0 Catania 18,8 Messina 16,6 Messina 15,5 Bari 19,1 Palermo 19,4 Palermo 19,1 Palermo 20,1 Napoli 22,6 Napoli 21,1 Napoli 25,4 0,0 10,0 20,0 0,0 10,0 20,0 30,0 0,0 10,0 20,0 30,0

22 Le imprese

23 L imprenditoria femminile A città su 100 imprese attive 23 sono a conduzione prevalentemente femminile. Il trend delle imprese femminili nell ultimo triennio appare tendenzialmente in crescita, a differenza di quello maschile molto più altalenante. In provincia le imprese femminili confermano il trend sostanzialmente positivo, mentre quelle maschili nel periodo più recente hanno un andamento negativo. Poco meno di 1/3 delle imprese femminili provinciali opera nel settore del commercio (28 su 100 si occupano di questo genere di attività). Fra le imprese femminili attive in provincia di circa 1 su 10 è a guida straniera, con una percentuale più elevata nel capoluogo che nel resto della provincia. Rispetto alle cariche societarie ricoperte le imprenditrici bolognesi sono prevalentemente socie di capitale (27,6%) e amministratrici (33,9%). Tra le titolari di imprese attive in provincia prevalgono le quarantenni (27,7%) seguite dalle cinquantenni (23,9%).

24 A quasi un quarto delle imprese è a conduzione prevalentemente femminile* 100% Percentuale di imprese maschili e femminili nelle imprese attive al 31/12/2011 Maschili Femminili 80% 60% 77,0 78,6 79,0 75,8 40% 20% 0% 23,0 21,4 21,0 24,2 Comune di Provincia di Emilia-Romagna Italia * Si considerano femminili le imprese la cui partecipazione del controllo e della proprietà è detenuta in prevalenza da donne, in termini di quota di capitale sociale posseduta da ciascun socio e di percentuale di donne presenti tra gli amministratori o titolari o soci dell'impresa.

25 In città le imprese femminili hanno un trend più favorevole rispetto a quelle maschili Imprese femminili nel comune di Imprese maschili nel comune di I sem 2009 II sem 2009 I sem 2010 II sem 2010 I sem 2011 II sem 2011 I sem I sem 2009 II sem 2009 I sem 2010 II sem 2010 I sem 2011 II sem 2011 I sem 2012 Imprese nel comune di I sem 2009 II sem 2009 I sem 2010 II sem 2010 I sem 2011 II sem 2011 I sem 2012 Femminili Maschili Totale

26 In provincia imprese maschili in calo e imprese femminili in crescita Imprese femminili nella provincia di Imprese maschili nella provincia di I sem 2009 II sem 2009 I sem 2010 II sem 2010 I sem 2011 II sem 2011 I sem 2012 II sem I sem 2009 II sem 2009 I sem 2010 II sem 2010 I sem 2011 II sem 2011 I sem 2012 II sem 2012 Imprese nella provincia di I sem 2009 II sem 2009 I sem 2010 II sem 2010 I sem 2011 II sem 2011 I sem 2012 II sem 2012 Femminili Maschili Totale

27 Per le imprese femminili bolognesi il commercio è l attività più frequente

28 Tra le imprese femminili quasi una su dieci è straniera

29 Prevalenza di amministratori e soci di capitale tra le imprenditrici Imprenditrici in provincia di per carica societaria ricoperta al 31/12/2011 Altre cariche 7,5% Titolare 18,0% Amministratore 33,9% Socio di Capitale 27,6% Socio 13,0%

30 Nelle imprese individuali le donne titolari sono soprattutto quarantenni e cinquantenni Titolari di imprese individuali attive per classi di età e sesso nella provincia di al 31/12/ Maschi Femmine età non dichiarata da 18 a 29 anni da 30 a 39 anni da 40 a 49 anni da 50 a 59 anni da 60 a 69 anni >= 70 anni

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009 Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza e Tiziana

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008 Settembre 2009 Direttore: Gianluigi Bovini Redazione a cura di Marisa Corazza Parco veicolare in diminuzione a Bologna negli ultimi 5 anni Secondo i dati forniti

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO. Premessa

MERCATO DEL LAVORO. Premessa MERCATO DEL LAVORO L Ufficio Studi della Camera di Commercio di Rimini predispone da diversi anni una serie di approfondimenti (al 31 dicembre di ogni anno) sulle principali caratteristiche mercato del

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Modelli di monitoraggio e valutazione delle. sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta.

Modelli di monitoraggio e valutazione delle. sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta. Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta. Coordinatore: Prof. Massimo Zanetti

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro 4.1 Lavoratori Parasubordinati La legge n. 335 del 1995, ha istituito, all art. 2 comma 26, una Gestione separata presso l INPS, con la finalità

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

Censimento industria e servizi

Censimento industria e servizi Censimento industria e servizi Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento Industria e Servizi Il Censimento generale dell industria

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

PREVISIONI IN CHIAVE NUMERICA. Ruote. Terzine per ambo VALIDE DALL ESTRAZIONE DEL 05/11/2013. sabato 16/11/2013

PREVISIONI IN CHIAVE NUMERICA. Ruote. Terzine per ambo VALIDE DALL ESTRAZIONE DEL 05/11/2013. sabato 16/11/2013 VALIDE DALL ESTRAZIONE DEL 05/11/2013 Bari 25 38 25 16 7 38 29 20 Cagliari 23 36 23 14 5 36 27 18 Firenze 06 19 06 87 78 19 10 1 Genova 77 90 77 68 59 90 81 72 Milano 51 64 51 42 33 64 55 46 Napoli 69

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

La partecipazione delle donne e degli uomini al mercato del lavoro a Bologna

La partecipazione delle donne e degli uomini al mercato del lavoro a Bologna La partecipazione delle donne e degli uomini al mercato del lavoro a Bologna Analisi di genere su alcuni indicatori statistici relativi all occupazione, all imprenditoria, alle professioni e ai redditi

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Bologna I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 371.337 976.243. Superficie (km 2 ) 140,7 3.702,4 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bologna I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 371.337 976.243. Superficie (km 2 ) 140,7 3.702,4 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 371.337 976.243 Superficie (km 2 ) 14,7 3.72,4 Densità (ab. per km 2 ) 2.638,6 263,7 a cura del Dipartimento Programmazione Settore Statistica

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

8. Mercato immobiliare

8. Mercato immobiliare 8. Mercato immobiliare Indice delle tabelle 8.1 Andamento dei prezzi medi di vendita del mercato residenziale a Roma e Milano. Serie storica dal 1986 al 2002. 8.2 Andamento dei prezzi medi di vendita del

Dettagli

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi

NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi NOTA II SEMESTRE 2011 Fonte Ufficio Studi Gabetti su dati Gabetti, Professionecasa e Grimaldi Un 2012 all insegna della timida ripresa per il mercato immobiliare residenziale. I primi due mesi dell anno

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 luglio 2012

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 luglio 2012 Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Indagine sui R.C.A. al 1 luglio 2012 Roma, 12 novembre 2012 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 LUGLIO 2012 L ISVAP esegue un monitoraggio

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio Acqua Nel 2012 nel complesso dei comuni capoluoghi di provincia il consumo di acqua per uso civile domestico è pari a 172,1 litri per abitante al giorno, in costante diminuzione nell'ultimo

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 13 dicembre 2013 Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Presentazione Rapporto Oltre il Pil 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area

Dettagli

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Fonte: Controcampus.it Per gli studenti che hanno sostenuto il test di Professioni Sanitarie

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

PROVINCIA DI DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA LA NATALITÀ IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA NEL QUINQUENNIO 2002-2006 Ottobre 2008 Unità Operativa Amministrativa e Programmazione Scolastica e Universitaria Via Mazzini, 6 - Reggio

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Dicembre 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Un confronto internazionale sui dati dell imprenditoria femminile

Un confronto internazionale sui dati dell imprenditoria femminile L IMPRESA AL FEMMINILE IN ITALIA E IN EUROPA Un confronto internazionale sui dati dell imprenditoria femminile Settembre 2014 QUELLA VOGLIA TUTTA ITALIANA DI FARE IMPRESA AL FEMMINILE (NONOSTANTE IL CONTESTO)

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2013) Luglio 2015 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente dell U.I. Ufficio Comunale di Statistica:

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

PRIMO ESEMPIO: TASI ALIQUOTA AL 2,5 PER MILLE SULLA PRIMA CASA E 0,8 PER MILLE SULLE SECONDE CASE (ALIQUOTA 11,4 PER MILLE)

PRIMO ESEMPIO: TASI ALIQUOTA AL 2,5 PER MILLE SULLA PRIMA CASA E 0,8 PER MILLE SULLE SECONDE CASE (ALIQUOTA 11,4 PER MILLE) PRIMO ESEMPIO: TASI ALIQUOTA AL 2,5 PER MILLE SULLA E 0,8 PER MILLE SULLE SECONDE CASE (ALIQUOTA 11,4 PER MILLE) ALIQUOTA AL TASI 2,5 PER MILLE SENZA CON Bari 254 331 106 225-29 Bologna 321 411 131 280-41

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo.

Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Garanzia Giovani in ottica di Genere : gli sportelli Impresa Donna in Abruzzo. Sonia Di Naccio Coordinatrice Impresa Donna Roma, 8 ottobre 2014 Garanzia Giovani in Abruzzo La Regione Abruzzo dispone di

Dettagli

annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale

annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale annuario della scuola reggiana a.s. 2014/2015 a cura del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale popolazione scolastica QUADRO RIASSUNTIVO ALUNNI ISCRITTI A.S.

Dettagli

La qualità della vita a Bologna

La qualità della vita a Bologna La qualità della vita a Bologna Confronti con le altre grandi province italiane nel periodo 1998-2012 Elaborazione dei dati sulla qualità della vita nelle province italiane pubblicati dal Sole 24 Ore dal

Dettagli

Imprese: Cna Sardegna, crescono quelle al femminile e under 35 (3)

Imprese: Cna Sardegna, crescono quelle al femminile e under 35 (3) Imprese: Cna Sardegna, crescono quelle al femminile e under 35 (3) 28 novembre 2014 (Adnkronos) - (Adnkronos) - La crescita delle giovani imprenditrici under 35 si è registrata dunque anche in Sardegna:

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento.

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior

Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior Relazione di Stefano Staffolani 1) breve sintesi delle informazioni empiriche sul mercato del lavoro provinciale e regionale 2)

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011 ANDAMENTI E STATISTICHE Infortuni sul lavoro 1. Il bilancio infortunistico 2011 Nel 2011 prosegue e si conferma ulteriormente l andamento decrescente degli infortuni sul lavoro che è in atto nel nostro

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria

Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi in tema di discriminazioni indirette, con particolare riferimento alle donne, nella Regione Calabria Analisi del contesto 1. Il lavoro femminile in Calabria L analisi del mercato del lavoro secondo

Dettagli

Alla Conferenza Stampa erano presenti:

Alla Conferenza Stampa erano presenti: Alla Conferenza Stampa erano presenti: Edilizia e Territorio (Il Sole 24 ore) Agi Omniroma Uilweb.tv Sat 2000 (canale 801 del satellite) Tecnostrutture Il Diario del Lavoro (La notizia dovrebbe essere

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 ottobre 2012

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica. Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 ottobre 2012 Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Indagine sui prezzi R.C.A. al 1 ottobre 2012 Roma, 18 gennaio 2013 INDAGINE SUI PREZZI R.C.A. AL 1 OTTOBRE 2012 L IVASS esegue un monitoraggio

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova - Settore Programmazione Controllo e Statistica - Via Tommaseo, 60 - Segreteria Tel.

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010.

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010. COMUNICATO STAMPA Ufficio studi UBH: nel primo trimestre del 2010 i prezzi di vendita delle abitazioni calano del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2009. In particolare, Torino registra un -10,5%,

Dettagli