La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete"

Transcript

1 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico sono stati elementi caratterizzanti la regione nell arco degli ultimi decenni. La piccola impresa è stata la forza motrice, e, alla prova dei fatti, di fronte all attuale crisi economica, bisogna chiedersi quale sviluppo caratterizzerà la nostra regione. Nei capitoli che seguiranno si analizzerà la piccola impresa in termini occupazionali ed economici. L analisi si svilupperà attraverso un confronto con quanto avvenuto negli anni precedenti. Per fornire una migliore visione di ciò che sta accadendo nel sistema Veneto, i dati relativi alla piccola impresa verranno letti alla luce delle informazioni disponibili nelle Rilevazioni Continue delle Forze Lavoro Istat, inerenti alla situazione generale della regione. Ci si focalizzerà in particolare sul confronto nell arco del 2009 e rispetto alla situazione del 2008, e si forniranno previsioni per il breve termine (I semestre 2010). Come si vedrà, l attuale situazione economica ha generato performance economiche decisamente negative per le piccole imprese; tale flessione si è quindi riversata anche sul mercato occupazionale, in alcuni casi con impatto negativo più marcato rispetto a quanto registrato a livello regionale. Le variazioni occupazionali verificatesi nella piccola impresa fanno riferimento al personale dipendente (a tempo indeterminato, a tempo determinato, con contratti di apprendistato, interinali, Cfl) e ai collaboratori (nella cui definizione rientrano i collaboratori occasionali a progetto). Rimangono esclusi dall analisi i lavoratori autonomi, i titolari, i soci e i collaboratori familiari. Che la piccola impresa sia soggetta storicamente a dinamiche occupazionali meno volatili, anche se più negative, rispetto alla totalità del Veneto è chiaro dal grafico sotto riportato. Nel 2009 si è assistito ad un peggio- 9

2 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE ramento dell occupazione più incisivo per le piccole aziende (-2,9% per la prima parte dell anno, -1,7% per la seconda) in confronto a tutto il Veneto dove le flessioni sono state rispettivamente del -2,0% e del -1,4%. Per il primo semestre del 2010 gli imprenditori prevedono un ulteriore calo del livello occupazionale, per quanto di entità minore. Dinamica semestrale dell occupazione in Veneto (confronto Veneto piccola impresa e Veneto totale)* *In Veneto piccola impresa le variazioni fanno riferimento ai dipendenti e ai collaboratori, in Veneto totale solo ai dipendenti Elaborazioni Fondazione Leone Moressa su dati Istat (Rcfl) e interviste Aes La negatività riscontratasi nel 2008 ed accentuatasi nel 2009 si sviluppa in tutti i settori considerati: i servizi, alle persone e alle imprese, l edilizia e la produzione hanno risentito in maniera evidente della crisi, mostrando una dinamica analoga in prospettiva temporale, con un secondo semestre che mostra flessioni meno incisive. Per quanto concerne la piccola impresa veneta, nel primo semestre 2009 l edilizia e la produzione hanno fatto segnare le flessioni più marcate (rispettivamente -3,5% e -3,3%). Il valore negativo del primo settore viene però superato dal dato relativo al sistema totale Veneto in cui, nello stesso periodo, la variazione è stata addirittura del -16,6%. Comparando poi i dati relativi al secondo semestre, ne risulta una minore volatilità dell occupazione della piccola impresa, con un effetto crisi che sembra spalmarsi su un periodo più lungo, ma meno accentuato, di quanto accade per l edilizia veneta nella sua totalità. Più in linea con la situazione generale sono i dati occupazionali delle piccole aziende della produzione, per le quali si è 10

3 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete registrata una flessione del -3,3% per il primo semestre, e del -2,1% per il secondo. Nel settore dei servizi il mondo delle piccole aziende ha registrato valori più negativi per chi offre servizi alle imprese (-2,0% primo semestre e -0,7% secondo semestre) piuttosto che alle persone, settore nel quale le variazioni sono state del -0,5% in entrambi i periodi. Nella prima parte del 2010 è ipotizzata una perdita di posti di lavoro per ciascuno dei settori in considerazione, eccezion fatta per i servizi alle imprese. Di positivo c è solamente la minore flessione in raffronto al 2009 (-1,0%), che sembrerebbe indicare un esaurimento dell effetto crisi e della coda occupazionale. Controcorrente sembra invece svilupparsi il mercato dei servizi alle imprese che per la prima parte del 2010 si prevede perderà il 2% dei suoi occupati dipendenti, a fronte di una diminuzione dello 0,7% relativa alla fine del Il quadro provinciale mostra una ulteriore eterogeneità in termini occupazionali. Padova mostra una costante diminuzione semestrale di poco inferiore al -1% (-0,9% e -0,6%, I e II semestre 2009), che si ripeterà anche per la prima parte del 2010 (-0,8%). La provincia di Treviso sembra essere quella che più ha subito la flessione occupazionale, per il primo semestre 2010 realizzerà nuovamente il -2,8% della seconda parte del 2009, minore comunque del -5,6% del primo semestre Venezia, dopo che nel 2009 sembrava aver tenuto subirà una forte flessione nel 2010 (-4,1%), contrariamente a quanto succederà a Verona, che dopo due semestri estremamente negativi (-4,0% e -3,4%) conoscerà finalmente un momento di stabilità, se non di leggero aumento. Analogo comportamento avranno le piccole imprese vicentine, che nella prima parte del 2010 vedranno crescere lievemente l occupazione, +0,4%. La presenza femminile nelle piccole imprese venete segue dinamiche diverse da quelle precedentemente descritte, e da quelle di tutto il sistema Veneto. Le lavoratrici della piccola impresa pur risentendo della crisi, -2,2% e -1,4% per i due semestri del 2009, hanno subito una flessione occupazionale minore degli uomini, -2,9% e -1,7% sono le variazioni per gli occupati a prescindere dal sesso, e minore delle lavoratrici delle altre realtà del Veneto, i dati Istat sull occupazione femminile per tutto il sistema Veneto indicano su base semestrale -2,8% e -2,0%. Ne risulterebbe che la piccola impresa ha protetto in maniera maggiore il proprio capitale umano femminile. L analisi settoriale racconta che il ri- 11

4 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE sultato deriva da una stabilità dei livelli occupazionali femminili nella realtà dell edilizia, dove l occupazione femminile è poco sviluppata, mentre nel settore dei servizi, in particolare alle persone, la flessione si allinea ai livelli del mondo maschile. Le piccole imprese di produzione sembrano aver contenuto maggiormente la riduzione di personale femminile rispetto a quanto è successo nel settore in generale, -4,5% e -2,6% nel primo caso e -8,3% e -11,5% nel secondo, per il primo e secondo semestre Variazione % degli occupati per settore economico primo e secondo semestre 2009 e previsioni primo semestre 2010 (confronto Veneto piccola impresa e Veneto totale)* *In Veneto piccola impresa le variazioni fanno riferimento ai dipendenti e ai collaboratori, in Veneto totale solo ai dipendenti Elaborazioni Fondazione Leone Moressa su dati Istat (Rcfl ) e interviste Aes 12

5 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Variazione % degli occupati per provincia primo e secondo semestre 2009 e previsioni primo semestre

6 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE Variazione % degli occupati donne per settore economico primo e secondo semestre 2009 (confronto Veneto piccola impresa e Veneto totale)* *In Veneto piccola impresa le variazioni fanno riferimento ai dipendenti e ai collaboratori, in Veneto totale solo ai dipendenti Elaborazioni Fondazione Leone Moressa su dati Istat (Rcfl ) e interviste Aes Flussi in entrata e in uscita Per incrementare l informazione sulla dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete è necessaria un analisi delle uscite di personale 1, e delle assunzioni che hanno interessato le aziende del campione nei due semestri del Dinamica generale Il perpetrarsi della crisi ha avuto forti effetti sulla struttura organizzativoproduttiva del Veneto, in primo luogo sui flussi in entrata ed in uscita. Le 1 Per uscite di personale si intende le dinamiche relative ai licenziamenti, alle dimissioni, ai pensionamenti e alla decorrenza dei termini contrattuali. 14

7 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete dinamiche di assunzione e di uscita del personale sono, per le piccole imprese venete, molto simili e mostrano un trend comune. La percentuale delle imprese che hanno assunto personale è passata dal 25,6% del II semestre 2004 al 9,1% dell analogo periodo del Il trend è chiaramente negativo e nonostante si sia registrata una stabilità nel 2009 intorno al 9%, per il primo periodo del 2010, la percentuale è prevista scendere al 5,7%. Le uscite di personale dalle imprese hanno interessato il 15,8% delle piccole imprese nel primo semestre ed il 14,3% nel secondo semestre 2009, percentuale che scenderà al 7,0% nel primo semestre Le dinamiche di uscita sono estremamente simili a quelle di entrata. La stessa struttura dei picchi è prova di una forte connessione fra i due indicatori, a dimostrazione di uno stallo occupazionale. Per tutto il periodo considerato, escluse le previsioni per il 2010, la percentuale delle imprese che hanno assunto personale è stata 2,9 punti percentuali minore di quella delle imprese cha hanno visto ridursi il personale. In tempi recenti il differenziale è aumentato, -6,6 per il I semestre 2009 e -5,2 per il II semestre. I dati mostrano che nonostante il sistema piccola impresa veneta sia caratterizzato da un differenziale persistente, dettato quindi da particolari dinamiche del mercato del lavoro, lo stato di crisi ha aumentato questo valore, aggravando la situazione occupazionale. 15

8 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE Incidenza % delle aziende che hanno assunto dal 2004 al 2009 e previsioni per il primo semestre 2010 Incidenza % delle aziende in cui ci sono state uscite di personale dal 2004 al 2009 e previsioni per il primo semestre

9 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Per settore La divisione a livello settoriale aiuta a definire e comprendere meglio quali imprese abbiano assunto e quali abbiano registrato uscite di lavoratori. L edilizia sembra essere stata il settore che ha registrato i maggiori flussi d entrata e d uscita. In precedenza si era osservato come questo settore abbia più che gli altri conosciuto una flessione nel numero dei suoi lavoratori. Nei due semestri del 2009 le piccole imprese edili che hanno assunto sono state il 13,2% e il 12,2%, i valori più alti tra tutti i settori, a fronte di uscite pari al 17,0% e al 18,6% nei medesimi periodi. Per la prima parte del 2010 si prevede che il numero delle imprese del settore che assumeranno scenderà al 5,1%, mentre quelle che vedranno ridursi il personale scenderà al 7,9%. Il limitato differenziale fra le entrate ed uscite e l ampia diminuzione degli occupati indicano che la diminuzione degli occupati ha origine maggiormente da volumi di uscita di grossa entità per alcune piccole imprese, non controbilanciati da adeguati flussi d entrata, implicando situazioni di criticità per una parte delle piccole imprese edili. Il settore mostra comunque una più alta mobilità in entrata ed uscita dei lavoratori. Anche il settore della produzione era stato evidenziato come soggetto ad una forte flessione del numero di occupati (-3,3% e -2,1%, I e II semestre 2009). Le aziende che hanno assunto nel 2009 sono state il 6,5% per entrambi i semestri, quelle che hanno visto ridursi il personale sono state il 19,9% e il 14,4% per il primo ed il secondo semestre. I valori indicano una diffusa tendenza all allontanamento di personale e le nuove assunzioni non riescono a rimpiazzare le uscite. Le imprese di servizi, quelli alle persone in particolare, presentano simili incidenze di imprese che assumono e che perdono personale. Per il futuro entrambi i flussi si ridurranno in tutto il comparto servizi. L analisi dei flussi in entrata e in uscita non è in grado di distinguere elementi ciclici al suo interno quali il pensionamento. Per ovviare a questo problema si presentano di seguito i tassi di assunzione e di licenziamento previsti nel Con il primo si intende il rapporto fra il numero degli addetti che verranno assunti nella prima parte del 2010 e il numero del personale presente nel secondo semestre Con il secondo invece si intende il rapporto fra le uscite di personale (al netto dei pensionamenti) 17

10 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE previste nel primo semestre 2010 e il numero complessivo degli occupati nella seconda parte del Il grafico è di per sé eloquente, il tasso di licenziamento sarà superiore al tasso di assunzione, 1,9% contro 1,6%. La differenza maggiore sarà per l edilizia (2,1% vs 1,4%), mentre il settore dei servizi alle imprese registrerà più di tutti sia assunzioni che licenziamenti (2,4% vs 2,1%). Il settore dei servizi alle persone conoscerà un aumento netto nel numero dei suoi addetti, la differenza fra i tassi sarà infatti di 0,5 punti in favore del tasso d assunzione. Stabile sarà il flusso di lavoratori nel settore produttivo. Incidenza % delle aziende che hanno assunto nel 2009 e prevedono di assumere nel primo semestre 2010 per settore economico I sem 09 II sem 09 I sem 10 Edilizia 13,2% 12,2% 5,1% Produzione 6,5% 6,5% 6,2% Servizi alle imprese 9,0% 8,5% 7,3% Servizi alle persone 5,9% 8,1% 3,7% Totale 9,2% 9,1% 5,7% Incidenza % delle aziende in cui ci sono state uscite di personale nel 2009 e che prevedono uscite nel primo semestre 2010 per settore economico I sem 09 II sem 09 I sem 10 Edilizia 17,0% 18,6% 7,9% Produzione 19,9% 14,1% 7,0% Servizi alle imprese 14,1% 11,9% 6,7% Servizi alle persone 6,7% 8,1% 5,2% Totale 15,8% 14,3% 7,0% 18

11 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Tasso di assunzione e di allontanamento previsti nel primo semestre 2010 per settore economico Per provincia Dalla ripartizione provinciale dei dati inerenti alle assunzioni emerge come le imprese del padovano e del trevigiano siano state le più attive nell assunzione di personale, soprattutto le piccole imprese che in queste zone hanno assunto oltre l 11% superando anche il 12%. Per il futuro si prevede però che le imprese della provincia di Padova continueranno ad assumere più di quelle del trevigiano (7,2% vs 4,9%). Tra le altre province venete Verona sembra avere analoghi flussi per entrambi i semestri (11,0%). Anche Venezia mostra questo comportamento, nonostante il valore scenda all 8,1%. Valori più alti si sono registrati per Belluno, mentre per Vicenza e Rovigo le percentuali d imprese che hanno assunto si sono mantenute sotto la media veneta per tutto il Per quanto riguarda la prima parte del 2010 la percentuale di imprese che assumerà sarà più uniforme per tutte le province, con il massimo a Padova (7,2%) e il minimo a Belluno (2,7%). 19

12 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE Per quanto riguarda i flussi in uscita, si nota come Treviso sia la provincia che maggiormente ha conosciuto questa dinamica: circa un quarto delle piccole imprese del trevigiano ha registrato allontanamenti di personale. Le imprese di Venezia, Rovigo e Belluno hanno invece visto allontanarsi meno lavoratori, l incidenza delle imprese che hanno perso addetti si è sempre mantenuta sotto il 9%. Verona e Padova hanno invece avuto tassi d incidenza alti, tra il 15% e il 22%. Per il futuro sembra che siano le imprese veneziane quelle che maggiormente vedranno diminuire il numero degli addetti, seguite dalle trevigiane, 11,8% e 9,8%. Incidenza % delle aziende che hanno assunto nel 2009 e prevedono di assumere nel primo semestre 2010 per provincia I sem 09 II sem 09 I sem 10 Belluno 10,8% 8,1% 2,7% Padova 12,8% 11,1% 7,2% Rovigo 0,0% 3,9% 5,9% Treviso 11,0% 12,2% 4,9% Venezia 8,1% 8,1% 4,9% Verona 11,0% 11,0% 6,1% Vicenza 5,5% 5,0% 5,6% Veneto 9,2% 9,1% 5,7% Incidenza % delle aziende in cui ci sono state uscite di personale nel 2009 e che prevedono uscite nel primo semestre 2010 per provincia I sem 09 II sem 09 I sem 10 Belluno 5,4% 8,1% 6,3% Padova 16,7% 16,1% 5,7% Rovigo 7,8% 5,9% 0,0% Treviso 25,6% 22,6% 9,8% Venezia 8,1% 4,9% 11,8% Verona 19,5% 21,3% 5,3% Vicenza 12,2% 8,9% 7,1% Veneto 15,8% 14,3% 7,0% 20

13 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Occupazione femminile Un particolare approfondimento viene dedicato alla componente femminile dell occupazione, rappresentando questa una realtà di particolare importanza, soprattutto se si considerano gli obiettivi di Lisbona. Nel corso del secondo semestre 2009 la percentuale di imprese che hanno assunto personale femminile si è limitata al 26,8% di tutte le aziende attive nell assunzione di personale, in netta diminuzione rispetto al 29,1% indicato nella precedente edizione del Come facilmente immaginabile la ripartizione settoriale indica comportamenti diversi. Se il basso valore dell edilizia (15,8%) era ipotizzabile, si trova invece che nei servizi alle imprese la quota si limita al 13,3%, non solo ben più bassa del 72,7% del settore dei servizi alle persone, ma anche minore del 33,3% della produzione. La percentuale delle imprese che hanno assunto personale femminile, sul totale delle imprese intervistate, è stata solo del 2,4%. I dati precedenti vanno confrontati con gli analoghi valori delle uscite di personale femminile. La percentuale delle piccole realtà imprenditoriali, attive nel mercato del lavoro, che hanno visto ridursi personale femminile è per il Veneto simile all omologa delle assunzioni (25,6% e 26,8%). I servizi alle imprese, settore nel quale avevamo visto una minore percentuale di aziende che hanno assunto donne, vedono comunque una maggiore incidenza della riduzione del personale femminile. Ne risulta un effetto nettamente negativo per le donne. In generale la porzione delle società che hanno visto allontanarsi lavoratrici è stata maggiore dell analogo dato per le assunzioni, 3,7% contro il 2,4%. 21

14 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE Incidenza % delle aziende che hanno assunto donne nel secondo semestre 2009 rispetto alle imprese che hanno assunto e alle imprese totali Incidenza % delle aziende che dichiarano uscite di personale femminile nel secondo semestre 2009 rispetto alle imprese che hanno dichiarato uscite di personale e alle imprese totali 22

15 La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Motivazioni Spostando l analisi sul perché gli operatori sperimentino entrate e uscite di personale e sulle motivazioni che porteranno ad aumenti o riduzioni di personale, si trova che il licenziamento da parte dell azienda è stato all origine del 33,6% delle interruzioni dei rapporti di lavoro. Interessante notare come la decorrenza dei termini contrattuali ha aumentato la sua rilevanza passando dal 5,4% del 2008, pubblicato nell edizione precedente, al più recente 10,1%. Anche le motivazioni per cui si assumerà nel primo semestre sono cambiate. Nel 2008 l esigenza di nuove figure professionali era alla base del 19,7% delle intenzioni di assunzione, per il primo semestre 2009 il dato si limita al 12,7%. L incremento della capacità produttiva è all origine delle intenzioni di assunzione, 72,7%. Tra i motivi che spingono a non assumere nuovo personale spiccano il fatto che non se ne avverte la necessità e le difficoltà per il futuro, che insieme spiegano il 90,5% delle intenzioni di non assunzione. Da sottolineare che il costo del lavoro non è più un grande problema (nella precedente rilevazione la percentuale raggiungeva il 20,9%, ora si ferma al 7,5%) così come non lo è la difficoltà di reperire manodopera qualificata, passata dal 12,2% del 2009 all attuale 2,0% delle intenzioni per la prima parte del Le incidenze di queste due risposte indicano un forte aumento della domanda di lavoro, che si tramuta sia in una maggiore disponibilità di lavoro qualificato sia in una diminuzione del potere contrattuale dei soggetti in cerca di occupazione. Motivi per le uscite di personale verificatesi nel 2009 Dimissioni da parte del lavoratore 48,7% Licenziamento da parte dell'azienda 33,6% Decorrenza dei termini contrattuali 10,1% Pensionamento 7,6% 100,0% 23

16 OSSERVATORIO SULLA OCCUPAZIONE Motivi per cui si intende assumere nuovo personale nel 2010 Incremento della capacità produttiva 72,7% Sostituzione di personale 14,5% Esigenza di nuove figure professionali 12,7% 100,0% Motivi per cui non si intende assumere nuovo personale nel 2010 Non si avverte la necessità 63,7% Difficoltà e incertezza nel futuro 26,8% Alto costo del lavoro 7,5% Difficoltà di reperire manodopera adeguata 2,0% 100,0% 24

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

2 OSSERVATORIO SULLA STRUTTURA OCCUPAZIONALE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA

2 OSSERVATORIO SULLA STRUTTURA OCCUPAZIONALE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2 OSSERVATORIO SULLA STRUTTURA OCCUPAZIONALE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA A cura di Via San Donà, 14-30174 Mestre Venezia - t. 041 2697811 - f. 041 5369405 www.centrostudisintesi.com - info@centrostudisintesi.com

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384 Dossier Statistico ti ti Immigrazione 2009 Focus: i lavoratori stranieri in Veneto 28 ottobre 2009 Assicurati nati all'estero 2008 per provincia INAIL serie storica occupati netti PROVINCIA 2000 2001 2002

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior

Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior Relazione di Stefano Staffolani 1) breve sintesi delle informazioni empiriche sul mercato del lavoro provinciale e regionale 2)

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2003 è continuato il trend negativo per domanda e occupazione. Il fatturato è rimasto sui livelli precedentemente raggiunti.

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

L EDILIZIA IN VENETO

L EDILIZIA IN VENETO Dal declino al nuovo ciclo delle 3R: Ristrutturazioni Riqualificazioni Rigenerazioni Luca Romano Direttore Local Area Network Villa Braida Mogliano Veneto 16 maggio 2014 IL PATRIMONIO EDILIZIO E LA CRESCITA

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

PREVISIONI DI ASSUNZIONE NELLE IMPRESE DEL NORDEST

PREVISIONI DI ASSUNZIONE NELLE IMPRESE DEL NORDEST PREVISIONI DI ASSUNZIONE NELLE IMPRESE DEL NORDEST 2009 Settembre 2009 FONDAZIONE LEONE MORESSA Via Torre Belfredo 81/d 30171 Mestre (Venezia) www.fondazioneleonemoressa.org info@fondazioneleonemoressa.org

Dettagli

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Andamento

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE

OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE OSSERVATORIO ECONOMICO AGROALIMENTARE GLI OCCUPATI NEL SETTORE AGRICOLO VENETO NEL 2014 Report 2014 1 INDICE: 1. La fotografia della situazione secondo l indagine sulle Forze lavoro dell Istat 2. Un analisi

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO 13. Commercio STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3.

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Rizzieri Stefania Marzo 2007

Rizzieri Stefania Marzo 2007 Rizzieri Stefania Marzo 2007 1 Provincia di Savona. Settore Politiche del Lavoro e Sociali. Osservatorio del Mercato del Lavoro Obiettivi dell indagine Fornire alcune informazioni sulle performance occupazionali

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica

COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE Sintesi dei dati 26 IL MERCATO DEL LAVORO QUADRO LOCALE S i n t e s i d e i d a t

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

OPERATORE DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

OPERATORE DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? OPERATORE DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principale Facoltà che prepara gli OPERATORI DELLA

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1 11. La dotazione immobiliare della provincia di Verona VERONA La dotazione immobiliare della provincia di 13 città intermedie Nord Est Tavola 1 Italia Stock abitazioni 2009 (n.) 456.881 4.794.134 5.607.108 32.484.071 Var. % stock abitazioni 2008/09 1,6 1,6

Dettagli

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL 2012 [VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL PRIMO SEMESTRE DI 2009-2010-2011-2012] [Nel mese di giugno la domanda di Cig in Veneto rimane nella media dei mesi di questo primo semestre del 2012. Cresce però,

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Il Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova rende

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Disoccupazione e salario reale

Disoccupazione e salario reale Disoccupazione e salario reale Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 28 La disoccupazione Come si misura la disoccupazione? Come si interpretano i

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD (PISA, LUCCA, MASSA-CARRARA)

INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD (PISA, LUCCA, MASSA-CARRARA) INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD 1 Realizzata da CESCOT Toscana Nord in collaborazione con la Confesercenti d'area Vasta Toscana Nord,

Dettagli

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere Bolzano Landeskomitee für Chanchengleichheit Bozen Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano L Alto Adige

Dettagli

IL CREDITO ARTIGIANO NELLA PROVINCIA DI VENEZIA

IL CREDITO ARTIGIANO NELLA PROVINCIA DI VENEZIA IL CREDITO ARTIGIANO NELLA PROVINCIA DI VENEZIA - report gennaio-giugno 2009 - Anche nella prima metà del 2009 Cofidi Veneziano si conferma la struttura di garanzia del credito più importante nella provincia

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA: PRIMO MONITORAGGIO SU COSA CAMBIA PER LE AGENZIE PER IL LAVORO E PER LE IMPRESE UTILIZZATRICI. Febbraio 2006 A cura di Giovanna Altieri, Cristina

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA NEL NORDEST: il punto di vista delle imprese

LA CRISI ECONOMICA NEL NORDEST: il punto di vista delle imprese FONDAZIONE LEONE MORESSA Via Torre Belfredo 81/d 30171 Mestre (Venezia) Tel: 041-23.86.700 - Fax: 041-98.45.01 Email: info@fondazioneleonemoressa.org Web: www.fondazioneleonemoressa.org LA CRISI ECONOMICA

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Il mercato del lavoro in Veneto Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Venezia, 17 febbraio 2012 PERCHÉ UN CONTRATTO REGIONALE DI ATTIVITÀ (1/6) OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN VENETO

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

Le aziende e le superfici

Le aziende e le superfici Dirigente Regionale Direzione Sistema Statistico Regionale Le aziende agricole e la Superficie Agricola Utilizzata Le aziende agricole La SAU Numero aziende Var.% SAU (ha) Veneto 120.735-32,3 Veneto 806.320

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli