UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SIENA - Nucleo di valutazione di Ateneo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SIENA - Nucleo di valutazione di Ateneo"

Transcript

1 Questa parte del rapporto del Nucleo di valutazione analizza alcuni indicatori bibliometrici calcolati a partire dai dati contenuti nel database Scopus (interrogato nel periodo ottobre-dicembre 2009). Gli indicatori sono riferiti alla produzione scientifica dei ricercatori dell Università di Siena nel periodo , e sono confrontati con indicatori analoghi calcolati per il sistema universitario italiano nel suo complesso, per altri Atenei di dimensioni simili e per le altre Università statali della Toscana. 1. La produzione scientifica nel database Scopus Il primo indicatore è il numero complessivo delle pubblicazioni registrate nel database negli anni considerati. L Università di Siena nel 2004 è presente con 982 pubblicazioni, che salgono a oltre negli ultimi due anni esaminati. Questa crescita di Siena riflette l'andamento complessivo del sistema universitario italiano, che infatti passa da pubblicazioni nel 2004 a nel 2008 ( il peso di Siena rimane costante con valori intorno al 2% del totale delle pubblicazioni italiane per tutti gli anni considerati). Un indicatore molto semplice che fornisce una prima indicazione della produttività degli atenei è il numero di pubblicazioni pro-capite. A livello nazionale, il numero medio di pubblicazioni procapite passa dallo 0,87 di inizio periodo a 1,03 del L Università di Siena presenta una produttività leggermente superiore, passando da 1,01 pubblicazioni nel 2004 a 1,19 nel Il confronto dell Ateneo senese con Atenei di dimensioni simili, che hanno, come Siena, una Facoltà di Medicina e Chirurgia, evidenzia che Siena presenta valori assoluti e pro capite di pubblicazioni molto più elevati di quelli degli altri Atenei, con l unica eccezione di Pavia. È altresì possibile confrontare i dati relativi all Ateneo senese con quelli degli altri Atenei toscani (Firenze e Pisa). In valore assoluto il numero di pubblicazioni degli altri due Atenei toscani è nettamente superiore a quello di Siena. In particolare, Firenze presenta pubblicazioni nel 2004, pari al 4% del totale nazionale, che arrivano a nel 2008, pari al 3,7% del totale. Pisa passa dalle pubblicazioni del 2004 (4%) alle del 2008 riducendo il suo peso relativo dal 4% al 3,6%. Diversamente dagli altri Atenei toscani, Siena, come già evidenziato, mostra una tendenza alla stabilità delle pubblicazioni che passano dal 2% all'1,9% di fine periodo sul totale nazionale. Se si considera il numero di pubblicazioni pro-capite, Pisa ha i valori più elevati ed in crescita, e Firenze quelli più bassi, anche se in crescita. Si deve però considerare che Firenze e Pisa riducono gli organici tra inizio e fine periodo, mentre Siena aumenta il numero di personale docente. La crescita della produttività pro capite può quindi essere il risultato di due tendenze diverse. A Firenze e Pisa il recupero di produttività individuale è il risultato principalmente della riduzione del personale, mentre a Siena è il risultato di una aumento della produzione complessiva. 1

2 In effetti, se si analizzano i dati relativi al peso delle pubblicazioni dei tre Atenei sul totale della Toscana, solamente Siena incrementa il suo peso relativo, con un aumento di circa un punto percentuale la quota di pubblicazioni sul totale delle toscane tra inizio e fine periodo. Firenze, infatti riduce la sua quota di 0,3 punti percentuali, mentre Pisa la riduce di 0,8 punti percentuali. Tabella 1. Pubblicazioni Scopus, personale di ricerca e pubblicazioni per unità di personale Scopus UNISI ITALIA UNIFI UNIPI UNICA UNIPR UNISA UNIPV Docenti UNISI ITALIA UNIFI UNIPI UNICA UNIPR UNISA UNIPV Scopus/ Docenti UNISI ITALIA UNIFI UNIPI UNICA UNIPR UNISA UNIPV ,01 0,87 0,88 1,09 0,49 0,99 0,84 1, ,08 0,90 0,88 1,16 0,51 0,97 0,74 1, ,05 0,95 0,93 1,23 0,62 0,95 0,73 1, ,22 1,01 1,02 1,31 0,65 1,05 0,82 1, ,19 1,03 1,10 1,33 0,73 1,02 0,71 1,37 Fonte: Elaborazioni del NdV su Scopus e Miur. Per confrontare la produttività complessiva dei tre Atenei toscani si può comparare anche la distribuzione delle pubblicazioni per ateneo con la distribuzione del personale docente. Per Siena la situazione è abbastanza bilanciata, con un peso medio annuo delle pubblicazioni nel periodo analizzato pari al 20,6% a fronte di un peso medio del personale del 20,2%. Firenze ha una quota di pubblicazioni pari mediamente al 39,4% a fronte di un peso medio del personale pari al 44,3%; Pisa mostra la situazione opposta con peso medio maggiore per le pubblicazioni (40%) rispetto al peso del personale (35,5%). 2

3 2. La specializzazione produttiva delle Università della Toscana I dati Scopus permettono anche una analisi comparata dei profili scientifici, ovvero della distribuzione per campo disciplinare della ricerca pubblicata da diverse istituzioni o paesi. Nel nostro caso di tratta di tracciare profili comparativi di istituzioni universitarie in riferimento alle loro specializzazioni relative nella ricerca. La Commissione Europea utilizza indicatori di questo tipo per le analisi annuali sullo stato della ricerca in Europa. Lo strumento tecnico utilizzato per questo tipo di lavori è un Indice di Specializzazione Relativa (ISP, in inglese RSI: Relative Specialization Index). Esso viene calcolato per ciascuna istituzione o nazione osservata come rapporto tra due rapporti. Si faccia il caso della specializzazione relativa di una istituzione di ricerca attiva nel campo della psicologia cognitiva, rispetto alla produzione scientifica nazionale. L indice di specializzazione dell istituzione viene calcolato come segue: al numeratore si trova la percentuale di lavori in psicologia cognitiva, prodotti da una certa istituzione sul totale dei lavori prodotti nella stessa istituzione; al denominatore si trova invece la percentuale di lavori di psicologia cognitiva prodotti nella nazione sul totale dei lavori scientifici. Se la percentuale al numeratore è più grande di quella al denominatore allora l istituzione ha una specializzazione relativa in psicologia cognitiva; viceversa si parla di despecializzazione relativa nel campo disciplinare. Più precisamente l ISP è definito come segue: dove indica il numero di pubblicazioni, il campo di ricerca considerato, l istituzione e P il totale complessivo delle pubblicazioni. L indice assume valori compresi tra e. In particolare indica un campo di ricerca completamente sguarnito nell istituzione ; un indice indica invece che nell istituzione il solo campo di ricerca attivo è. Valori di indicano una specializzazione relativa (e più elevata tanto più elevato il valore dell indice) dell istituzione nel campo di ricerca ; valori di indicano una despecializzazione relativa dell istituzione nel campo di ricerca. Questo indicatore ha il notevole vantaggio di permettere il confronto tra istituzioni con profili di produzione molto differenziati, perché neutralizza l effetto dalla presenza di settori caratterizzati da modalità diverse di comunicazione scientifica. Per capire il punto può essere utile considerare il caso delle Arts and Humanities. Si tratta di settori in cui le pubblicazioni avvengono in prevalenza con modalità diversa dall articolo su rivista scientifica; dove ha un peso rilevante la letteratura prodotta in lingua nazionale. Si tratta cioè di settori dove la copertura della letteratura scientifica prodotta nel database bibliografico è particolarmente bassa. Se consideriamo la produzione 3

4 dell università italiana rispetto al peso complessivo di quei settori nel database Scopus, troviamo una netta despecializzazione italiana che è il frutto di distorsioni indotte dalla costruzione del database. Quando però si confrontano le università italiane tra loro, e ogni università rispetto al dato medio nazionale, allora le distorsioni si compensano ed i dati diventano affidabili, soffrendo tutti della medesima distorsione. Si tratta ovviamente di dati che riguardano una porzione piccola della letteratura, quella pubblicata su riviste internazionali ed in lingua inglese, che può tuttavia dare una idea delle specializzazioni relative. Nel nostro caso siamo interessati a comparare il profilo di specializzazione dell'università di Siena rispetto al complesso delle università italiane e alle altre Università toscane. Nella Figura 1 sono riportati in forma di grafici polari i profili di specializzazione dell Italia nel suo complesso e di Siena. Le elaborazioni adottano la classificazione disciplinare utilizzata in Scopus (che non è possibile riportare a quella usuale in aree CUN). Si nota facilmente nel primo grafico, ed il risultato è in qualche modo scontato, che l Italia nel suo complesso è despecializzata nella produzione scientifica in tutti i campi: ciò significa che in nessun campo disciplinare la quota di pubblicazioni italiane è superiore al peso di quel campo sul totale delle pubblicazioni mondiali presenti nel database Scopus. In particolare, la despecializzazione è piuttosto omogenea (con valori dell ISP compresi -0,6 e -0,4) per le scienze fisiche, naturali e mediche. Le punte di maggiore despecializzazione si verificano nelle scienze umane (-0,88), sociali (-0,82) ed aziendali (-0,88), cioè quei campi in cui il peso della letteratura nazionale ed in lingua italiana non inclusa nel database è particolarmente accentuato. Tra le scienze sociali solo l economia presenta valori di despecializzazione simili (-0,65) a quelli delle scienze dure. I campi disciplinari in cui l Italia risulta meno despecializzata sono neuroscienze (-0,40), matematica (-0,42), scienze della terra (-0,44) e fisica e astronomia (-0,44). Passando ad analizzare la specializzazione dell Università di Siena rispetto alle pubblicazioni nazionali, i risultati sono meno omogenei. In primo luogo, l Ateneo senese presenta despecializzazioni (rispetto al database Scopus) maggiori di quelle nazionali in diverse discipline ingegneristiche, fisica ed astronomia e nelle scienze sociali. Presenta invece una minore despecializzazione nelle scienze umane, economia e nelle neuroscienze. Presenta addirittura una specializzazione relativa (+0,2) per l'odontoiatria. 4

5 Figura 1. Indici di specializzazione dell Italia e dell'università di Siena per campi disciplinari Scopus ( ) 5

6 Fonte: Elaborazioni del NdV su dati Scopus. 6

7 La figura 2 mette a confronto la specializzazione relativa dei tre Atenei toscani. Ancora una volta emerge la despecializzazione dei tre Atenei rispetto al panorama nazionale in tutti i campi disciplinari ad eccezione che nell odontoiatria per Siena, come visto poco sopra. In alcuni casi la despecializzazione relativa è riconducibile all assenza di Facoltà operanti in alcuni campi disciplinari. Ne è un esempio veterinaria a Firenze e Siena rispettivamente con valori dell indice pari a -0,91 e -0,90; ma anche nursing per tutti e tre gli Atenei. Figura 2. Indici di specializzazione dei tre Atenei toscani per campi disciplinari Scopus ( ) Fonte: Elaborazioni del NdV su dati Scopus. Il campo disciplinare in cui l Università di Pisa presenta il risultato migliore (la minore despecializzazione rispetto al panorama italiano) è matematica (-0,26) ; mentre per Firenze odontoiatria (-0,27), come per Siena. Tutti e tre gli Atenei inoltre hanno una despecializzazione relativa piuttosto contenuta nel campo delle neuroscienze (-0,25 Siena, -0,35 Firenze, -0,38 Pisa); mentre presentano una despecializzazione molto marcata in business, management e contabilità (- 0,83 Siena, -0,93 Firenze, -0,92 Pisa). 7

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE

SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE Indice Premessa metodologica...27 CAPITOLO I Immatricolazioni a livello di Ateneo...29 CAPITOLO II Immatricolazioni a livello di Facoltà...31

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Fonte: Decimo rapporto sullo stato del sistema universitario (dicembre 2009) Studenti immatricolati Maturi anno 2007 Immatricolati a.a.

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

Area 14. SSD Unite = 10 N Docenti UniTe = 23 N prodotti conferiti = 64 su 66 attesi Segmento dimensionale medio Peso area nella struttura = 10%

Area 14. SSD Unite = 10 N Docenti UniTe = 23 N prodotti conferiti = 64 su 66 attesi Segmento dimensionale medio Peso area nella struttura = 10% Presentazione Area N SSD = 14 N Ricercatori complessivi = 1.633 Prodotti attesi = 4.494 N Università = 79 e CNR Segmenti dimensionali 1. piccole fino a 49 prodotti conferiti (48 Atenei) 2. medie da 50

Dettagli

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Molise

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Molise PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013 PROGETTO SUPPORTO ALLA DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI DI RICERCA E INNOVAZIONE (SMART SPECIALISATION STRATEGY REGIONALI) La produzione

Dettagli

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Basilicata

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Basilicata PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013 PROGETTO SUPPORTO ALLA DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI DI RICERCA E INNOVAZIONE (SMART SPECIALISATION STRATEGY REGIONALI) La produzione

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei. Donatella Spano spano@uniss.it

Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei. Donatella Spano spano@uniss.it Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei Donatella Spano spano@uniss.it Lo strumento della valutazione Contribuisce a fornire informazioni per individuare i punti di eccellenza, di

Dettagli

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Materiali per l autovalutazione e la rendicontazione sociale Settembre 2011 Il successo degli studenti

Dettagli

I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE. una prima indagine comparativa

I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE. una prima indagine comparativa I PIANI DI STUDIO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE una prima indagine comparativa Obiettivi dell indagine Individuare le scelte comuni, le differenze ed eventuali

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE 7 8 In anni recenti il mondo dell università si è trovato nella necessità di sviluppare temi e metodologie legate alla valutazione della qualità e al tema, strettamente collegato, dell accreditamento.

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Allegato C - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico.

Allegato C - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico. - Procedura di stima dei consumi termici ed elettrici del settore pubblico. I consumi di energia termica nel settore pubblico nella Città di Torino La stima dei consumi di energia termica del settore pubblico

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j ALLEGATO I Calcolo del costo standard ai fini del riparto FFO 2014 (DI 893/2014 e relative tabelle e note tecniche allegate) Ai fini del DI 893/2014 il concetto di studente in corso è riferito alla condizione

Dettagli

MOZIONE SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DEI VEICOLI DI PUBBLICAZIONE

MOZIONE SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DEI VEICOLI DI PUBBLICAZIONE MOZIONE SUI CRITERI DI VALUTAZIONE DEI VEICOLI DI PUBBLICAZIONE Approvata dai Direttivi delle Società scientifiche, SIDEA, SIEA e CESET, del SSD AGR01. I consigli direttivi delle Società Scientifiche che

Dettagli

LE RISORSE PER IL D.S.U. IN LOMBARDIA

LE RISORSE PER IL D.S.U. IN LOMBARDIA LE RISORSE PER IL D.S.U. IN LOMBARDIA di Gianluigi Monticelli L'articolo 17 della legge n. 33/94 della Regione Lombardia stabilisce "patrimonio e mezzi finanziari" per il funzionamento degli Enti per il

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6% L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Il monitoraggio degli studenti riminesi iscritti a corsi di laurea, scuole di specializzazione

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009

Ufficio Statistica. NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Ufficio Statistica 8 OSSERVATORIO ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI Anno Accademico 2008 / 2009 Coordinamento: Dott.ssa Rossella Salvi Rilevazione ed elaborazione dati: Nicola Loda Fonte:

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

La scienza in Egitto. Pietro Greco

La scienza in Egitto. Pietro Greco La scienza in Egitto. Pietro Greco L Egitto (1.001.449 km 2 ; 77.505.000 abitanti) è un paese crocevia. Appartiene nel medesimo tempo al Nord Africa, al Medio Oriente e al Mondo Islamico. Anche la sua

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero La diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo, è aumentata, seppure lievemente negli ultimi anni, soprattutto nell ambito

Dettagli

L offerta formativa nel turismo

L offerta formativa nel turismo L offerta formativa nel turismo Orientarsi nel panorama universitario italiano Dossier a cura del Centro Studi TCI dicembre 23 Tci Dario Bianchi Marco L. Girolami Matteo Montebelli Nicolò Pozzetto Massimiliano

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2006 e il 2012 la quota dei laureati di cittadinanza estera è aumentata, passando dal 2,3 al 3,0 per cento. Quasi il 60 per cento dei laureati esteri provengono

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO LO STATO DELLA RICERCA II.3.1 - IL DIMENSIONAMENTO DELLA RICERCA IN ITALIA E NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE: RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero Promuovere lo studio all estero è uno degli obiettivi della riforma universitaria; la diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo,

Dettagli

Ministero della Salute Relazione sulla performance - Anno 2011 - Centro di responsabilità amministrativa: DIPARTIMENTO DELLA QUALITA'

Ministero della Salute Relazione sulla performance - Anno 2011 - Centro di responsabilità amministrativa: DIPARTIMENTO DELLA QUALITA' Missione di riferimento. Ministero della Salute Promuovere la valorizzazione sanitarie sviluppando interventi nelle di formazione e qualificazione del personale del 00 - Tutela della salute Programma di

Dettagli

ITALIA - EUROPA SALARI, PREZZI, PRODUTTIVITA E L EFFETTO DIMENSIONE D IMPRESA. di Giuseppe D Aloia

ITALIA - EUROPA SALARI, PREZZI, PRODUTTIVITA E L EFFETTO DIMENSIONE D IMPRESA. di Giuseppe D Aloia ITALIA - EUROPA SALARI, PREZZI, PRODUTTIVITA E L EFFETTO DIMENSIONE D IMPRESA di Giuseppe D Aloia 1 - Retribuzioni Lorde di fatto Reali- Industria manifatturiera - Valuta Nazionale (deflazionate con il

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA)

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Indice Popolazioni analizzate Lauree di 1 livello e magistrali a ciclo unico Il voto medio negli esami L incremento di voto

Dettagli

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA

Sommario 1 ANALISI DELL OFFERTA FORMATIVA DI CORSI DI LAUREA UNIVERSITARI ATTIVATI IN ITALIA Analisi dell offerta formativa di corsi di laurea universitari attivati in Italia sui temi di interesse della cooperazione internazionale allo sviluppo per l anno accademico 2007/2008 * Sommario 1 ANALISI

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VK21U ATTIVITÀ 86.23.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI ODONTOIATRICI

STUDIO DI SETTORE VK21U ATTIVITÀ 86.23.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI ODONTOIATRICI STUDIO DI SETTORE VK21U ATTIVITÀ 86.23.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI ODONTOIATRICI Febbraio 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UK21U Attività degli studi odontoiatrici è stata condotta analizzando

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi Università degli Studi di Firenze Corso DONNE, POLITICA E ISTITUZIONI. PERCORSI FORMATIVI PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DI GENERE E DELLE PARI OPPORTUNITA' Edizione 2009 Titolo Relazione finale Donna

Dettagli

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata I giovani. A cura del centro studi AdEPP

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata I giovani. A cura del centro studi AdEPP Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata I giovani A cura del centro studi AdEPP Il Centro Studi AdEPP All interno dell Associazione degli Enti di Previdenza Privati è operativo il Centro Studi AdEPP

Dettagli

Nuova Cultura i numeri:

Nuova Cultura i numeri: Nuova Cultura i numeri: 400 titoli editati negli ultimi due anni, 97% degli autori incardinati nell organigramma universitario, 21% del catalogo adottato per corsi universitari, 37% del catalogo è consigliato

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e del MIUR 3 tabelle, deliberate nel CD dell ANVUR del 13 agosto 2012, relative

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

4. Elementi di valutazione della congruità e competenza delle risorse umane finalizzate alle attività di ricerca

4. Elementi di valutazione della congruità e competenza delle risorse umane finalizzate alle attività di ricerca 4. Elementi di valutazione della congruità e competenza delle risorse umane finalizzate alle attività di ricerca a. Analisi degli equilibri esistenti tra i diversi settori del personale, sulla base di

Dettagli

Le prospettive di lavoro

Le prospettive di lavoro 12. Le prospettive di lavoro Alla conclusione del corso di studi 34 laureati di primo livello su 100 intendono cercare lavoro e altri 18 lavorano già o hanno comunque trovato un impiego; tra i laureati

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-1 La distribuzione del salario - Introduzione -La distribuzione del salario e del reddito 1 Introduzione Nel mkt del lavoro nazionale non esiste un unico salario, bensì

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

La Formazione del Tecnico della Prevenzione

La Formazione del Tecnico della Prevenzione La Formazione del Tecnico della Prevenzione Maria De Giusti e Matteo Vitali Presidenti Corso di Laurea A e B in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro Sapienza Università di Roma

Dettagli

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana Il welfare. a cura del Centro Studi AdEPP

Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana Il welfare. a cura del Centro Studi AdEPP Secondo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana a cura del Centro Studi AdEPP 2 Il Centro Studi AdEPP All interno dell Associazione degli Enti di Previdenza Privati è operativo il Centro Studi AdEPP

Dettagli

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese commenti a Gianluca Fiorentini *futuro al presente* Il mulino, Bologna 17 ottobre 2014 Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Seconda conferenza diateneo sugli strumenti di valutazione della ricerca Ferrara, 18 maggio 2010

Seconda conferenza diateneo sugli strumenti di valutazione della ricerca Ferrara, 18 maggio 2010 Bibliometria i per la valutazione della ricerca: uso e abuso Alberto Baccini (Unisi) Seconda conferenza diateneo sugli strumenti di valutazione della ricerca Ferrara, 18 maggio 2010 Lo scontro sulla valutazione

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

Internazionalizzazione dei prodotti della ricerca in Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione : prime proposte e indicazioni della comm

Internazionalizzazione dei prodotti della ricerca in Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione : prime proposte e indicazioni della comm Internazionalizzazione dei prodotti della ricerca in Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione : prime proposte e indicazioni della commissione di studio B R E S S A N O N E 2 6-2 8 S E T T E M B R E

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATUTO DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULL ATTIVITÀ MOTORIA (C.U.R.I.A.MO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATUTO DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULL ATTIVITÀ MOTORIA (C.U.R.I.A.MO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATUTO DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULL ATTIVITÀ MOTORIA (C.U.R.I.A.MO.) Art. 1 E costituito il Centro Universitario di Ricerca Interdipartimentale

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Insegnamento della Fisiologia nelle Facoltà Mediche

Insegnamento della Fisiologia nelle Facoltà Mediche Insegnamento della Fisiologia nelle Facoltà Mediche Evoluzione e crescita delle Facoltà di Medicina e Chirurgia 28 università pubbliche con 1 o più facoltà mediche 3 (o più) università private con facoltà

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA Roma, marzo 2007 1 Lontani ormai anni luce gli anni nei quali Bettino Craxi annunciava trionfalmente che

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

DELIBERA ANVUR n. /2012. gli articoli 33, sesto comma, e 117, sesto comma, della Costituzione;

DELIBERA ANVUR n. /2012. gli articoli 33, sesto comma, e 117, sesto comma, della Costituzione; DELIBERA ANVUR n. /2012 VISTI VISTA VISTO gli articoli 33, sesto comma, e 117, sesto comma, della Costituzione; la legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia di organizzazione delle università,

Dettagli

La ricerca in diabetologia in Italia

La ricerca in diabetologia in Italia La ricerca in diabetologia in Italia Come affrontare l emergenza diabete Informazione e Divulgazione: istituzioni, associazioni delle persone con diabete, società scientifiche Prevenzione: istituzioni,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento

FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento FFO 2014 Per troppi atenei un pessimo regalo La nostra scheda di approfondimento Gennaio 2015 Cambiano i Ministri dei Governi, ma quelli destinati al MIUR, anche se sono ex Rettori di atenei, non riescono

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI

PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI PER EUROCONS UN ANNO DI FOCALIZZAZIONE VERSO I CLIENTI Nel 2011, il fatturato consolidato è stato di 38 milioni di euro Eurocons S.c. a r.l. ha chiuso con un risultato netto di 838 mila euro Euroenergy

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato tecnico 1. Dotazioni di docenza di ruolo (rif. Allegato B, punto 1, del DM n. 17/2010) Allo stesso modo che negli anni passati, la sostenibilità teorica dei corsi di studio da attivare viene verificata

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli