CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129"

Transcript

1 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno

2 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione 1.1 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione di provenienza 1.2 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione e per materie più frequenti 1.3 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione e tipo di giurisdizione di provenienza (ordinaria oppure opeciale) 2. Indici di ricorso per Cassazione da Giurisdizioni ordinarie- Analisi per distretto di Corte d appello 2.1 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per distretto di provenienza 2.2 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per distretto e per materie più frequenti

3 Introduzione Gli indicatori territoriali della sopravvenienza in Corte di cassazione, calcolati come: (numero di ricorsi iscritti nel periodo )/(popolazione residente)* , permettono di conoscere mediamente quanti procedimenti sono giunti in Corte da una determinata area, ogni abitanti residenti. Consentono di depurare il fenomeno della sopravvenienza dall ammontare della popolazione che l ha originata, e quindi di rendere confrontabili dati relativi a territori differenti. Ad esempio accade che da una regione italiana come la Lombardia, che conta quasi di abitanti, giungano in Cassazione molti più ricorsi di quanti ne provengano dalla Liguria, dove risiede invece circa 1 milione e mezzo di persone: in particolare per il 2013 i ricorsi civili provenienti dalla Lombardia sono stati 3.832, contro 953 dalla Liguria. Se però il numero dei sopravvenuti viene rapportato agli abitanti residenti, allora si ottiene che, su abitanti, dalla Liguria vengono iscritti in Corte 60,9 ricorsi, contro 39,1 dalla Lombardia, e si conclude quindi che in Liguria il fenomeno del ricorso civile per Cassazione è molto più intenso che in Lombardia. Ulteriori variabili di interesse oltre la provenienza territoriale (per regione e per distretto di Corte d appello) sono l Autorità di provenienza e la materia del ricorso (si precisa che a partire da giugno 2013 è stata introdotta una nuova classificazione delle materie, passando così da 61 a 203 voci). Poiché nel periodo oggetto di analisi sono state utilizzate entrambe le classificazioni, si è proceduto a riportare tutte le materie dei nuovi iscritti alle vecchie voci. Sulla base degli indicatori territoriali è poi possibile, tramite software di tipo G.I.S. (Geographic Information System), costruire delle mappe delle intensità, dove le aree territoriali osservate si colorano in modo più o meno intenso in funzione dell intensità del fenomeno osservato. Il numero di gruppi omogenei per colore può variare in funzione della migliore leggibilità del fenomeno.

4 1. Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione 1.1 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione di provenienza Di seguito gli indici territoriali regionali, e la corrispondente mappa delle intensità. Mediamente in Italia vengono iscritti in Cassazione 48,1 ricorsi civili ogni abitanti residenti. La tabella e la mappa evidenziano come il fenomeno sia più intenso nelle regioni centrali e meridionali (insieme Liguria, al 7-mo posto in graduatoria). Le regioni settentrionali, insieme alla Sardegna, presentano viceversa valori notevolmente inferiori rispetto al dato nazionale. Nel conteggio della sopravvenienza non sono considerati i ricorsi che hanno come Autorità di provenienza la Corte di Cassazione stessa o il Consiglio Superiore della magistratura. Tabella 1.1: Indici territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione - Valori Anno 2013 Regione N.ro ricorsi iscritti Popolazione residente al (fonte Istat) Indice di Ricorso per Cassazione Graduatoria (1 =max 20 =min) Valle d'aosta ,3 20 Piemonte ,8 15 Lombardia ,1 14 Trentino Alto Adige ,5 17 Veneto ,5 18 Friuli Venezia Giulia ,8 12 Liguria ,9 7 Emilia Romagna ,8 19 Toscana ,0 13 Umbria ,9 3 Marche ,3 10 Lazio ,9 2 Abruzzo ,8 1 Molise ,2 4 Campania ,1 5 Puglia ,5 11 Basilicata ,1 6 Calabria ,2 8 Sicilia ,5 9 Sardegna ,9 16 ITALIA ,1

5 Grafico 1.1 : Indici territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione - Mappa delle intensità Anno ,5 42,8 6,3 39,1 26,5 32,8 24,8 60,9 40,0 49,3 80,9 80,9 89,8 84,9 78,2 48,5 67,1 62,1 30,9 51,2 6,3 24,8 39,1 40,0 51,2 49,5 60,9 67,1 78,2 89,8 Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

6 1.2 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione e per materie più frequenti Gli indici territoriali per regione possono essere ulteriormente scomposti per materia, in modo da analizzare quelle che più pesano sul valore complessivo dell indice, e individuare eventuali differenze significative. La tabella riporta gli indici regionali di ricorso per materia, considerando quelle più frequenti; la tabella riporta i pesi percentuali di ciascun indice di materia, rispetto all indice complessivo regionale: tali valori permettono di effettuare confronti tra le materie di una stessa regione, indipendentemente dal valore più o meno elevato dell indice regionale. Poiché sono riportate le cinque materie più frequenti, la somma dei pesi percentuali non da 100%, ma copre l universo dei ricorsi iscritti mediamente per il 72%. Si osserva che sul totale Italia, dei 48,1 ricorsi civili iscritti mediamente in Corte ogni ab., 17,8, e quindi il 37%, riguardano la materia Tributi, mentre 8,6 ricorsi, e quindi il 18%, riguardano la materia Lavoro. Vi sono tuttavia materie che in determinate regioni presentano indici di ricorso che si discostano notevolmente dal valore medio, oppure materie che all interno di alcune regioni registrano un peso percentuale diverso rispetto al totale Italia. Ad esempio: - Tributi (17,8, peso 37%): questa materia registra un indice di ricorso su abitanti che è più elevato in Abruzzo (29,5), Campania (30,3) e Umbria (28,0); tuttavia se si considera il peso percentuale che tale materia ha all interno della regione, allora si osserva che Tributi ha un peso più spesso superiore alla media in regioni quali Lombardia (51%), Toscana (51%) e Veneto (45%) (regioni con maggiore produttività e imprenditoria); - Lavoro (8,6, peso 18%): registra un indice e peso più elevato nelle regioni Abruzzo (33,2 e 37%), Lazio (22,1 e 26%), Marche (19,5 e 40%); risalta inoltre il peso di tale materia in Sardegna ( indice 9,6, con peso 31%); - Equa Riparazione (2,5, peso 5%): si osserva tuttavia una forte variabilità, con valori spesso inferiori a 1, soprattutto nelle regioni settentrionali, e in altri casi molto elevati, in particolare in Umbria (indice di ricorso 32,8 con peso del 41%), ma anche Basilicata (14,4 e 23%), Molise (indice 10,5, peso 13%), Calabria (8,7 e 17%) e Sicilia (7,5 e 15%). Le mappe 1.2.1, e sono costruite sulla base degli indici di regione per le materie sopra descritte.

7 Tabella 1.2.1: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione e per Materia Anno 2013 Regione Indice di ricorso regionale Indice di ricorso per Cassazione per Materia al deposito Tributi Lavoro Previdenza Contratti Equa Riparazione Valle d'aosta 6,3 6, Piemonte 32,8 12,8 7,8 1,9 1,9 0,1 Lombardia 39,1 20,1 4,6 1,8 2,5 0,1 Trentino Alto Adige 26,5 9,3 2,1 0,7 1,0 2,0 Veneto 26,5 12,0 2,4 0,9 1,7 0,0 Friuli Venezia Giulia 42,8 17,8 4,7 1,6 4,4 - Liguria 60,9 24,2 12,6 3,8 3,3 1,2 Emilia Romagna 24,8 10,8 2,8 1,9 1,4 0,3 Toscana 40,0 20,3 5,4 3,7 2,2 0,4 Umbria 80,9 28,0 5,8 1,6 1,7 32,8 Marche 49,3 14,0 19,5 2,6 2,3 0,9 Lazio 84,9 21,4 22,1 4,9 5,7 3,4 Abruzzo 89,8 29,5 33,2 6,9 2,7 0,5 Molise 78,2 26,8 10,9 11,5 4,8 10,5 Campania 67,1 30,3 10,2 4,0 4,9 3,0 Puglia 48,5 16,4 7,3 4,9 3,0 1,5 Basilicata 62,1 22,7 7,8 2,3 3,0 14,4 Calabria 51,2 7,6 8,8 5,5 3,8 8,7 Sicilia 49,5 13,5 6,3 3,4 2,4 7,5 Sardegna 30,9 5,0 9,6 2,6 2,4 - ITALIA 48,1 17,8 8,6 3,0 2,9 2,5 Tabella 1.2.2: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione e per Materia Anno 2013 pesi percentuali Regione Indice di ricorso regione Indice di ricorso per Cassazione per Materia al deposito - peso percentuale sull'indice regionale Tributi Lavoro Previdenza Contratti Equa Riparazione peso totale delle 5 materie Valle d'aosta 6,3 100% % Piemonte 32,8 39% 24% 6% 6% 0,4% 75% Lombardia 39,1 51% 12% 5% 6% 0,3% 74% Trentino A. A. 26,5 35% 8% 3% 4% 8% 57% Veneto 26,5 45% 9% 3% 6% 0,1% 64% Friuli V. G. 42,8 42% 11% 4% 10% 0,0% 67% Liguria 60,9 40% 21% 6% 5% 2% 74% Emilia R. 24,8 43% 11% 8% 6% 1% 69% Toscana 40,0 51% 13% 9% 6% 1% 80% Umbria 80,9 35% 7% 2% 2% 41% 86% Marche 49,3 29% 40% 5% 5% 2% 80% Lazio 84,9 25% 26% 6% 7% 4% 68% Abruzzo 89,8 33% 37% 8% 3% 1% 81% Molise 78,2 34% 14% 15% 6% 13% 82% Campania 67,1 45% 15% 6% 7% 4% 78% Puglia 48,5 34% 15% 10% 6% 3% 68% Basilicata 62,1 37% 13% 4% 5% 23% 81% Calabria 51,2 15% 17% 11% 7% 17% 67% Sicilia 49,5 27% 13% 7% 5% 15% 67% Sardegna 30,9 16% 31% 8% 8% 0% 63% ITALIA 48,1 37% 18% 6% 6% 5% 72% Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

8 Grafici : Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione e per principali materie - Mappa delle intensità - Anno 2013 Materia Tributi Totale Italia: 17,8 5,0 9,3 10,8 14,0 16,4 20,0 20,3 24,2 26,8 30,3 Materia Lavoro Totale Italia: 8,6 0,0 6,2 7,3 12,6 19,5 22,1 33,2 Materia Equa Riparazione Totale Italia: 2,5 0,0 3,4 7,3-10,5 14,4-32,8 Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

9 1.3 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per Regione e tipo di giurisdizione di provenienza (ordinaria oppure speciale) Per quanto riguarda le Autorità di provenienza, la Corte di Cassazione riceve ricorsi sia dalle Giurisdizioni Ordinarie che da quelle Speciali. Le prime sono i Giudici di pace, i Tribunali e le Corte di appello e sono territorialmente organizzate in distretti di Corte di appello; le seconde possono avere competenza territoriale anche a livello nazionale, regionale o provinciale e vi rientrano principalmente le Commissioni Tributarie Provinciali o Regionali (si consideri che i ricorsi provenienti dalle Commissioni tributarie regionali coprono mediamente oltre il 90% degli iscritti provenienti da Giurisdizioni Speciali). Può essere interessante analizzare come l indice regionale si scompone secondo i due tipi di autorità di provenienza e se esistono differenze significative nel peso di uno o dell altro tipo di autorità. La tabella 1.3 riporta nella quinta e sesta colonna gli indici di ricorso regionale da Giurisdizione Ordinaria oppure Speciale, nelle colonne settima e ottava il peso che i due indici hanno sull indice regionale complessivo. Sul totale Italia, dei 48,1 ricorsi mediamente iscritti ogni ab., 29,5 provengono dalle Giurisdizioni ordinarie, 18,6 dalle speciali, con un peso rispettivamente del 61% e del 39%. Passando al dettaglio delle singole regioni, si osserva che: - come tendenza generale, l indice di ricorso relativo alle Giurisdizioni ordinarie ha un valore e un peso superiore alla media nelle regioni centro meridionali (in Calabria ad esempio indice di ricorso pari a 43,6 con peso dell 85%); la Sardegna in particolare registra indice non particolarmente elevato (25,8 ricorsi), ma con un peso pari all 84%, confermando quanto visto nell ambito dell analisi per materia, dove il peso della Lavoro superava il 30% (materia di competenza delle Giurisdizioni ordinarie). - l indice di ricorso relativo alle Giurisdizioni speciali assume valore superiore alla media, e con peso elevato, anche in Regioni che hanno un indice complessivo non elevato: si guardi ad esempio la Lombardia, con indice pari a 20,3 ricorsi, e peso 52%, oppure la Toscana con indice pari 20,6 e peso pari a 51%. In generale in tab. 1.3 è evidente che all interno delle regioni, la componente delle giurisdizioni speciali (e quindi delle commissioni tributarie) è più frequentemente superiore alla media nelle regioni centro settentrionali.

10 Le mappe e sono costruite sulla base degli indici di regione distinti per Autorità di provenienza (Giurisdizioni ordinarie oppure speciali). Tabella 1.3: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione e per Tipo di giurisdizione - Anno 2013 Regione N.ro ricorsi iscritti Indice di Ricorso Peso % da Giurisd. Ordinarie da Giurisd. Speciali Regionale Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica da da Giurisd. Giurisd. Ordinarie Speciali Giur.Ord / Indice Reg. Giur.Spec. / Indice Reg. Valle d'aosta - 8 6,3-6,3 0% 100% Piemonte ,8 19,7 13,0 60% 40% Lombardia ,1 18,9 20,3 48% 52% T. A. Adige ,5 17,1 9,4 64% 36% Veneto ,5 14,6 11,9 55% 45% F. V. Giulia ,8 24,2 18,6 57% 43% Liguria ,9 36,2 24,7 59% 41% E.a Romagna ,8 14,0 10,9 56% 44% Toscana ,0 19,4 20,6 49% 51% Umbria ,9 52,6 28,3 65% 35% Marche ,3 35,2 14,0 71% 29% Lazio ,9 58,1 26,8 68% 32% Abruzzo ,8 59,8 29,9 67% 33% Molise ,2 51,7 26,5 66% 34% Campania ,1 36,2 30,9 54% 46% Puglia ,5 31,7 16,8 65% 35% Basilicata ,1 39,0 23,1 63% 37% Calabria ,2 43,6 7,7 85% 15% Sicilia ,5 35,1 14,4 71% 29% Sardegna ,9 25,8 5,1 84% 16% ITALIA ,1 29,5 18,6 61% 39%

11 Grafici : Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per Regione e tipo di Autorità di provenienza - Mappa delle intensità Anno 2013 Autorità di provenienza Giurisdizioni ordinarie Totale Italia: 29,5 0,0 14,4 19,7 24,2 35,2 36,1 43,6 51,7 59,8 Autorità di provenienza Giurisdizioni speciali Totale Italia: 18,6 5,1 9,4 10,9 14,4 16,8 20,6 23,1 24,7 26,8 30,9 Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

12 2. Indici di ricorso per Cassazione da Giurisdizioni ordinarie- Analisi per distretto di Corte d appello Le Giurisdizioni ordinarie sono territorialmente organizzate in 29 distretti di Corte di appello. Un distretto può corrispondere a una Regione, come ad esempio nel caso del distretto di Bologna o di Firenze (anche se non sempre i confini coincidono perfettamente), oppure a una sua parte, come nel caso della Sicilia, che è suddivisa in quattro distretti. L analisi per distretto consente quindi di avere un maggiore dettaglio territoriale, anche se limitatamente ai ricorsi provenienti da Giurisdizioni Ordinarie (per i quali tale suddivisione è significativa). Si precisa tuttavia che si perde il dettaglio della Valle d Aosta, che appartiene al distretto di Torino. 2.1 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per distretto di provenienza La tabella 2.1 riporta per singolo distretto il valore dell indice di ricorso civile per Cassazione, da Giurisdizioni ordinarie. Il valore per il totale Italia, come visto in tabella 1.3, è pari a 29,5. Passando, dove possibile, dalla regione ai distretti, si osserva che in alcune regioni, come Lombardia, Trentino, Calabria, i distretti registrano una tendenza al ricorso per Cassazione sostanzialmente simile, in altre i distretti presentano invece tassi molto differenti. In Sicilia in particolare l indice regionale relativo alle Giurisdizioni ordinarie e pari a 35,1 ricorsi (cfr tab.1.3). Passando al dettaglio dei distretti, però, a Palermo e Catania l indice di ricorso si attesta su valori pari 24,1 e 25,5, mentre a Caltanissetta e Messina raggiunge valori pari rispettivamente a 85,9 e 62,2: si tratta dei valori più elevati sul totale Italia, in modo che Caltanissetta e Messina occupano le prime due posizioni in graduatoria.

13 Tabella 2.1: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per distretto di Corte di appello Anno 2013 Distretto di Corte di Appello Popolazione residente Istat Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica N.ro ricorsi iscritti Anno 2013 Indice di Ricorso per Cassazione Graduatoria (1 =max 20 =min) Torino ,2 25 Milano ,1 22 Brescia ,1 27 Trento ,7 21 Bolzano ,4 29 Venezia ,6 26 Trieste ,2 19 Genova ,2 14 Bologna ,0 28 Firenze ,4 23 Perugia ,6 5 Ancona ,2 15 Roma ,1 4 L'Aquila ,8 3 Campobasso ,7 6 Napoli ,5 16 Salerno ,6 8 Bari ,8 17 Lecce ,9 12 Taranto ,0 10 Potenza ,0 11 Catanzaro ,2 7 Reggio Calabria ,8 9 Palermo ,5 18 Messina ,2 2 Caltanissetta ,9 1 Catania ,1 20 Cagliari ,2 24 Sassari ,2 13 ITALIA ,5

14 Grafico 2.1: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per distretto di Corte di appello - Mappa delle intensità Anno ,7 12,4 24,2 Totale Italia: 29,5 19,2 21,1 14,1 14,6 14,0 36,2 19,4 35,2 52,6 58,1 59,8 51,7 26,8 34,5 36,9 36,2 43,6 39,0 19,2 44,2 12,4 26,8 62,2 41,8 34,5 41,8 43,6 52,6 58,1 62,2 25,5 85,9 24,1 85,9 Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

15 2.2 Indici di ricorso per Cassazione - Analisi per distretto e per materie più frequenti L analisi per distretto può essere approfondita analizzando gli indici distrettuali per materia. Poiché ci si limita ai ricorsi provenienti da Giurisdizioni ordinarie, tra le materie più frequenti non compare più Tributi (tipica delle Giurisdizioni speciali), viceversa assumono peso maggiore altre materie come Responsabilità civile e Fallimento. Sono state considerate le prime 6 materie più frequenti, con una copertura media del 71%. Analogamente a quanto fatto per le Regioni, la tabella riporta gli indici di ricorso, mentre la tabella riporta i pesi percentuali di ciascun indice di materia sull indice complessivo distrettuale. Si osserva per singola materia che: - Lavoro (indice 8,5, peso 29%): valori e pesi particolarmente elevati sono registrati nel distretto di L Aquila (33,1, 55%), Roma (22,0, 38%), Sassari (17,6, 49%) e Ancona (19,5, 55%); - Equa riparazione (indice 2,5, peso 8%): risalta la forte variabilità degli indici relativi a questa materia, per la quale alcuni distretti hanno valori inferiori a 1, altri valori molto elevati, in particolare Caltanissetta (59,3, con peso 69%) e, come visto, Perugia (32,8, con peso 63%). Gli indici di ricorso per Equa Riparazione sono ancora particolarmente elevati in alcuni distretti meridionali: Messina (15,3), Potenza (14,4), Catanzaro (10,9), Campobasso (10,5) e Salerno (8,9), dove il peso oscilla tra il 20% e il 37%. I grafici e sono costruiti sulla base degli indici di ricorso da Giurisdizioni ordinarie per le materie Lavoro ed Equa riparazione (materie con differenze più significative).

16 Tabella 2.2.1: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per distretto di Corte di appello e per materia Anno 2013 Distretto Indice di ricorso del distretto Indice di ricorso per Cassazione Lavoro Previdenza Contratti per Materia al deposito Equa Riparazione Resp. Civile Fallimento Torino 19,2 7,5 1,9 1,9 0,1 1,0 0,6 Milano 21,1 5,3 2,1 2,9 0,0 2,1 1,3 Brescia 14,1 3,1 1,3 1,7 0,3 1,2 0,9 Trento 21,7 2,8 0,9 0,9 4,0 1,9 0,9 Bolzano 12,4 1,4 0,4 1,0-1,4 1,8 Venezia 14,6 2,4 0,9 1,7 0,0 1,7 1,1 Trieste 24,2 4,6 1,6 4,4-2,2 0,8 Genova 36,2 12,6 3,8 3,3 1,2 1,6 1,2 Bologna 14,0 2,8 1,9 1,4 0,3 1,2 1,4 Firenze 19,4 5,4 3,7 2,2 0,4 1,5 1,0 Perugia 52,6 5,8 1,6 1,7 32,8 2,0 1,5 Ancona 35,2 19,5 2,6 2,3 0,9 1,7 2,1 Roma 58,1 22,0 4,8 5,7 3,4 4,7 2,4 L'Aquila 59,8 33,1 6,9 2,5 0,5 3,3 1,6 Campobasso 51,7 10,9 11,5 4,8 10,5 2,9 - Napoli 34,5 11,1 2,0 5,1 1,6 3,0 2,9 Salerno 43,6 5,9 12,3 3,6 8,9 1,6 1,9 Bari 26,8 5,3 5,4 2,2 1,7 2,5 1,7 Lecce 36,9 10,7 5,2 3,6 1,8 3,7 1,2 Taranto 40,0 7,0 1,9 5,0-4,3 2,9 Potenza 39,0 7,8 2,3 3,0 14,4 1,2 1,4 Catanzaro 44,2 6,7 5,8 4,2 10,9 4,2 1,3 Reggio C. 41,8 14,0 4,7 2,7 3,3 5,5 0,5 Palermo 25,5 5,4 2,3 2,4-2,7 2,6 Messina 62,2 11,6 9,4 3,1 15,3 3,1 3,5 Caltanissetta 85,9 3,8 6,1 2,9 59,3 3,4 1,1 Catania 24,1 5,7 1,7 2,1 0,8 2,0 2,7 Cagliari 19,2 4,1 2,5 2,0-1,5 2,2 Sassari 36,2 17,6 2,5 3,0-2,8 1,1 ITALIA 29,5 8,5 3,0 2,9 2,5 2,3 1,6 Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

17 Tabella 2.2.2: Indicatori territoriali di ricorso per Cassazione (x abitanti) Analisi per distretto di Corte di appello e per materia Anno 2013 pesi percentuali Distretto Indice di ricorso del distretto Indice di ricorso per Cassazione Lavoro Previdenza Contratti per Materia al deposito Equa Riparaz. Resp. Civile Fallimento peso totale delle 6 materie Torino 19,2 39% 10% 10% 1% 5% 3% 68% Milano 21,1 25% 10% 14% 0% 10% 6% 64% Brescia 14,1 22% 9% 12% 2% 8% 7% 60% Trento 21,7 13% 4% 4% 18% 9% 4% 53% Bolzano 12,4 11% 3% 8% 0% 11% 14% 48% Venezia 14,6 17% 6% 12% 0% 12% 7% 53% Trieste 24,2 19% 6% 18% 0% 9% 3% 56% Genova 36,2 35% 11% 9% 3% 4% 3% 66% Bologna 14,0 20% 14% 10% 2% 9% 10% 64% Firenze 19,4 28% 19% 11% 2% 8% 5% 73% Perugia 52,6 11% 3% 3% 62% 4% 3% 86% Ancona 35,2 55% 7% 6% 3% 5% 6% 82% Roma 58,1 38% 8% 10% 6% 8% 4% 74% L'Aquila 59,8 55% 12% 4% 1% 5% 3% 80% Campobasso 51,7 21% 22% 9% 20% 6% 0% 78% Napoli 34,5 32% 6% 15% 5% 9% 8% 75% Salerno 43,6 14% 28% 8% 20% 4% 4% 79% Bari 26,8 20% 20% 8% 6% 9% 6% 70% Lecce 36,9 29% 14% 10% 5% 10% 3% 71% Taranto 40,0 18% 5% 12% 0% 11% 7% 53% Potenza 39,0 20% 6% 8% 37% 3% 4% 77% Catanzaro 44,2 15% 13% 9% 25% 9% 3% 74% Reggio C. 41,8 33% 11% 7% 8% 13% 1% 73% Palermo 25,5 21% 9% 9% 0% 11% 10% 61% Messina 62,2 19% 15% 5% 25% 5% 6% 74% Caltanissetta 85,9 4% 7% 3% 69% 4% 1% 89% Catania 24,1 24% 7% 9% 3% 8% 11% 63% Cagliari 19,2 21% 13% 10% 0% 8% 11% 64% Sassari 36,2 49% 7% 8% 0% 8% 3% 75% ITALIA 29,5 29% 10% 10% 8% 8% 5% 71% Fonte: Corte suprema di cassazione - Ufficio di statistica

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Dati statistici relativi all adozione Anno 2014 A cura del Servizio Statistico Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento Servizio Statistico Via Damiano

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive

Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Qui di seguito riportiamo i risultati dei test professioni sanitarie 2013: graduatorie nazionali definitive Fonte: Controcampus.it Per gli studenti che hanno sostenuto il test di Professioni Sanitarie

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria del Personale e dei Servizi Direzione Generale di Statistica Movimento dei procedimenti civili e penali, rilevazione dei tempi medi di definizione, variazione

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Dati statistici relativi all adozione anno 2012 Roma, febbraio 2014 Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento Via Damiano Chiesa 24-00136 Roma Tel.

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR Piemonte Torino 201 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte Torino 64 Soprintendenza per i beni archeologici del Piemonte SBA Torino 66 Torino 67 Soprintendenza per i beni

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

REGIONI ITALIANE Indirizzi e Recapiti telefonici

REGIONI ITALIANE Indirizzi e Recapiti telefonici REGIONI ITALIANE Indirizzi e Recapiti telefonici REGIONE ABRUZZO Palazzo Emiciclo, Via Michele Iacobucci 4, 67100 L Aquila Tel. 0862/6441, Fax. 0862/419508 Internet: www.regione.abruzzo.it Palazzo Centi,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

INDICE CRONOLOGICO INDICE CRONOLOGICO 1

INDICE CRONOLOGICO INDICE CRONOLOGICO 1 INDICE CRONOLOGICO 1 INDICE CRONOLOGICO CORTE COSTITUZIONALE - sent. 19 gen. 2007, n. 1... 819 - sent. 19 gen. 2007, n. 2...898 - ord. 19 gen. 2007, n. 5...896 - sent. 26 gen. 2007, n. 11...240 - sent.

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS

Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Campagna Solleciti REDITA 2011 Suddivisione per Sede INPS Cod. Sede INPS Totale per Sede Provincia Regione 0100 7.177 AGRIGENTO SICILIA 0101 2.186 AGRIGENTO SICILIA 0200 6.206 ALESSANDRIA PIEMONTE 0300

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Regione Provincia Classe di concorso Contingente

Regione Provincia Classe di concorso Contingente Regione Provincia Classe di concorso Contingente ABRUZZO CHIETI AB77 1 ABRUZZO CHIETI AC77 0 ABRUZZO CHIETI AG77 1 ABRUZZO CHIETI AJ77 0 ABRUZZO CHIETI AK77 0 ABRUZZO L'AQUILA AB77 1 ABRUZZO L'AQUILA AG77

Dettagli

Tabelle di ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale tra le strutture territoriali doganali

Tabelle di ripartizione della dotazione organica del personale non dirigenziale tra le strutture territoriali doganali Direzioni Direzione interregionale per la Campania e la Calabria 5 318 509 832 Direzione interregionale per l Emilia Romagna e le Marche 5 310 510 825 Direzione interregionale per il Lazio e l Abruzzo

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286,

Dettagli

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Tirocinio Formativo Attivo:

Tirocinio Formativo Attivo: Tirocinio Formativo Attivo: contingente di personale della scuola da collocare in esonero parziale o totale e la loro ripartizione tra l (Decreto Interministeriale n. 210 del 26 marzo 2013) 1 / 20 Documentazione

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014

POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014 POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014 Ai sensi dell'art. 19, comma 1 bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Dettagli

Mappa dei percorsi formativi professionalizzanti secondo la normativa vigente

Mappa dei percorsi formativi professionalizzanti secondo la normativa vigente Mappa dei percorsi formativi professionalizzanti secondo la normativa vigente Mappa logica dei percorsi formativi professionalizzanti 8 7 Diploma tecnico superiore ITS Diploma di laurea 5 Specializzazione

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA

Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA Professioni sanitarie Infermieristiche e Prefessioni sanitaria Ostetrica afferenti alla classe SNT/1 Regioni / Atenei INFERMIERISTICA OSTETRICIA INFERMIERISTICA PEDIATRICA Chieti 243 10 L'Aquila 300 10

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 1) Banca dati dei progetti annualità 2012 2) Analisi dei piani di zona delle città riservatarie e dei piani regionali socio-sanitari 2012 STATO d IMPLEMENTAZIONE della

Dettagli

INFERMIERISTICA PEDIATRICA

INFERMIERISTICA PEDIATRICA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Numero posti disponibili per studenti comuninitari e non comunitari residenti in Italia di cui alla legge 30.07.2002 n. 189, art.26 Professioni

Dettagli

Componenti privati presso gli Uffici Giudiziari per i minorenni

Componenti privati presso gli Uffici Giudiziari per i minorenni DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE UFFICIO I DEL CAPO DIPARTIMENTO Componenti privati presso gli Uffici Giudiziari per i minorenni Situazione al 31 dicembre 2010 A cura del Servizio Componenti privati Via

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 N accessi alla Procedura Risorse senza requisiti Domande inserite Art. 43 Domande presenti in graduatoria Residenti a L Aquila 3.927 1.905 2.526 58 2.468 17 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI >20 gg. di malattia

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Allegato n. 4 PIANO DELLA PERFOMANCE 2011-2013. Schede informative su personale e risorse finanziarie

Allegato n. 4 PIANO DELLA PERFOMANCE 2011-2013. Schede informative su personale e risorse finanziarie Allegato n. 4 PIANO DELLA PERFOMANCE 2011-2013 Schede informative su personale e risorse finanziarie Distribuzione delle unità di personale per Ufficio Situazione al 01 gennaio 2011 UFFICIO Totale Dirigenti

Dettagli

da Catanzaro Lido sarà predisposto un servizio navetta per Gasperina. Per poterne usufruire bisogna

da Catanzaro Lido sarà predisposto un servizio navetta per Gasperina. Per poterne usufruire bisogna Info per tutti: da Catanzaro Lido sarà predisposto un servizio navetta per Gasperina. Per poterne usufruire bisogna comunicare a giovani@mpv.org l ora di arrivo e appena si saranno organizzati piccoli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari La sperimentazione e lo sviluppo di percorsi di pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari che partecipano al Progetto interregionale transnazionale

Dettagli

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Roma, 13 gennaio 2016 SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Dal 2004 al 2012 Toscana e provincia di Firenze al top in Italia per qualità delle istituzioni La SVIMEZ: riforma PA

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 27 gennaio 2015 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto 1 Senza

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

Indice dei prezzi delle case in affitto

Indice dei prezzi delle case in affitto Indice delle case in affitto Primo trimestre 2016 Sinossi Tornano a salire i prezzi medi delle locazioni in Italia dopo i mesi invernali, con un incremento dell 1,2% che fissa il valore medio al metro

Dettagli

Allegato A ELENCO INDIRIZZI

Allegato A ELENCO INDIRIZZI Allegato A A ELENCO INDIRIZZI SEGRETARIATO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli Affari Militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio del Consigliere Militare MINISTERO DELLA

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Caso Studio: Criminalità e Sicurezza Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Sommario Dimensioni dello studio della criminalità Omicidi volontari Rapine Furti Persone

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

SEFIT. La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli

SEFIT. La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli La pianificazione cimiteriale: come e perché Daniele Fogli L incidenza della cremazione in Italia Incidenza attuale e passata della cremazione in Italia In Italia la cremazione, nel corso del 2005, ha

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni)

Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) Province: soglie per n. di abitanti (tab. suddivisione per Regioni) In neretto i capoluogo di Regione Provincia Residenti Superficie (kmq) Numero. Comuni 1 Roma (Lazio) 4.194.068 5.352 121 2 Milano (Lombardia)

Dettagli