1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE)"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Alberto Manzi ROMA Plesso Via del Pigneto, 04 (ex Toti) a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: febbraio 05 Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, Roviano (RM) - P. Iva Segreteria consulenza tel./fax tel Segreteria formazione Tel tel

2 INDICE. Premessa... DATI AZIENDALI Documentazione agli atti dell Istituto 7...Valutazione del rischio d incendio PIANO DI PREVENZIONE......Programma degli interventi a breve termine......programma degli interventi a medio termine......programma degli interventi a lungo termine SOTTOSCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 8!

3 . PREMESSA Il presente fascicolo, specifico per l unità produttiva ed allegato al fascicolo DVR complessivo per l intera Istituzione Scolastica, ai sensi dell art 8 comma D. Lgs. 8/08 contiene: a) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; b) l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; c) l'indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; d) l'individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.!

4 . DATI AZIENDALI.. NOTIZIE GENERALI ISTITUTO COMPRENSIVO ALBERTO MANZI Istituzione scolastica VIA DEL PIGNETO, 0/A Indirizzo ROMA ISTITUZIONE SCOLASTICA Attività Partita Iva/Codice fiscale it Telefono Fax E Mail E mail PEC ANNA SIMONELLI Datore di Lavoro (Dirigente Scolastico) Telefono Plesso Via del Pigneto Via del Pigneto, 04 ROMA Indirizzo Unità produttiva (Sede centrale, plesso o sede associata) Telefono Fax E Mail MOZZETTI TIZIANA Preposto (Docente coordinatore di plesso o vicario) Telefono! 4

5 .. ATTIVITÀ E DATI OCCUPAZIONALI PERSONALE PROPRIO Mansione svolta N Dirigenza generale Dirigenza amministrativa Amministrazione ed archiviazione Insegnamento ed educazione 5 Assistenza di laboratorio Pulizia e sorveglianza alunni 6 Minuta manutenzione (altro) 57 N Lavoratori propri in totale femminile 5 47 Di sesso maschile Di sesso 448 N alunni Personale ditte appaltatrici e prestatori d 0pera Attività svolta Pulizie 4 Preparazione e distribuzione cibi 0 Assistenti educativi 5 (altro) 9 N Lavoratori esterni in totale 54 N max. presenti! 5

6 .. ORGANIGRAMMA AZIENDALE PER LA PREVENZIONE Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione aziendale: Rosati Amalio Consulente esterno Nome e cognome telefono Addetti antincendio ed evacuazione di emergenza: SCAGNETTI SILVANA Coll. scolastico Nome e cognome qualifica Addetti primo soccorso: CAPARANERA BARBARA Docente Nome e cognome qualifica Addetti al Servizio di prevenzione e protezione aziendale: TREGLIA AGNESE Docente Nome e cognome qualifica Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza: AMICI LOREDANA Nome e cognome telefono Medico Competente: non necessario Nome e cognome telefono! 6

7 .4. ANALISI DELLA DOCUMENTAZIONE E DELLE CERTIFICAZIONI.4.. Documentazione agli atti dell Istituto Certificazione relative ai luoghi di lavoro ed agli impianti Planimetria quotata dell edificio con destinazione d uso dei locali Certificato di agibilità (idoneità statica, igienicosanitaria e conformità impianti) Certificato di idoneità igienico-sanitaria (per refettorio e bar) codice nota esplicativa: (SI = presente agli atti della scuola; NO = non presente; NN = non necessario) A A A/A4 Dichiarazione di conformità impianto elettrico M X X Denuncia dell impianto di messa a terra M45 X Verifiche periodiche dell impianto di messa a terra M46 X Denuncia dell impianto di protezione scariche atmosferiche o dichiarazione di auto protezione Verifiche periodiche dell impianto di protezione scariche atmosferiche M49 Dichiarazione di conformità impianto distribuzione gas O X Dichiarazione di conformità impianto termico N X Libretto o copia del libretto d impianto per centrali termiche (>00.000Kcal/h) Si N o X X X N N validi tà anni M50 X CPI per centrali termiche (>00.000Kcal/h) W6 X 5 Verifiche periodiche dell impianto termico N5 X Certificazione analisi fumi impianto termico N4 X Libretto o copia del libretto d immatricolazione ascensori Verifiche periodiche ascensori(di portata >00Kg) L X Certificato di conformità servo scala per disabili L6 X Verifiche di manutenzione periodiche servo scala L7 X Certificato Prevenzione incendi o SCIA (per scuole con presenze complessive >00) N L W W X X x 5 Data rilascio Certificazione relative alle attività lavorative Codic e Registro delle attrezzature di X Dichiarazioni di conformità di macchine e attrezzature (marchio CE) P x Libretto d uso e manutenzione delle macchine P4 x Registro sostanze X Si No NN! 7

8 Schede di sicurezza delle sostanze pericolose T0 x Registro smaltimento di rifiuti speciali, tossici ed inquinanti T x Registro dei controlli periodici nota esplicativa: (SI = presente agli atti della scuola; NO = non presente; NN = non necessario) X! 8

9 Certificazione relative all organizzazione aziendale codice Si No NN Registro infortuni (vidimato dalla X Nomina Responsabile del Servizio di Prevenzione X Attestati di formazione per X Nomina Addetti al Servizio di Prevenzione e X Formazione X Attestati di formazione per X Documentazione relativa alla formazione dei lavoratori (convocazione e foglio firma o attestati o dichiarazione X Nomina Medico X Designazione addetti al Primo X Formazione degli addetti al Primo X Attestati di formazione per addetti al Primo X Designazione addetti X Formazione degli addetti all X Attestati di formazione per addetti Antincendio (con idoneità tecnica rilasciata dai VV. F. per scuole con più di 00 X Designazioni e deleghe per i Dirigenti (D.S.G.A. e Coordinatore di X Formazione dei X Attestati di formazione dei X Designazioni e deleghe per i X Formazione dei X Attestati di formazione dei X Elezione X Comunicazione all INAIL del nominativo del X Formazione RLS e relativo X Nomina X Nomina X Verbale di consultazione RLS relativamente a: Nomina addetti X Valutazione dei Rischi e Piano di X Formazione lavoratori e propri rappresentanti (art. X Nomina Medico X D.P.I. (dispositivi di protezione individuale) X Verbale riunione X Verbale prove evacuazione Y54 x! 9

10 nota esplicativa: (SI = presente agli atti della scuola; NO = non presente; NN = non necessario) Documentazione di prevenzione Si NO NN Documento di Valutazione dei X Piano di emergenza e/o procedure di X Disposizioni ed informazioni per i X Richiesta d intervento all Ente (raccomandata AR o X DUVRI per appalti x Documento Valutazione Rischi Interferenze per appalti indiretti (lavori, mensa, bar Valutazione rischio stress lavoro correlato (^ e ^ fase) ZZ/ ZZ Schede di consegna dei dispositivi di protezione x Registro delle segnalazioni dei X Attuazione controllo divieto di fumo (cartelli per ogni locale e nomina preposto vigilanza) I 6 / I7/ I8/I9 nota esplicativa: (SI = presente agli atti della scuola; NO = non presente; NN = non necessario) x x.4.. Valutazione del rischio d incendio Tabella A MASSIMO AFFOLLAMENTO PRESUNTO DEI PIANI DELL EDIFICIO personale alunni lavoratori ed allievi con disabilità persone esterne motorie visive uditive TOTALE Seminterrato Piano terra/rialzato Piano primo 4 94 Piano secondo 6 9 Piano terzo Tabella B NUMERO LOCALI PER PIANO A RISCHIO SPECIFICO DI INCENDIO palestra mensa laboratori teatro archivi e depositi centrale termica garage biblioteca Seminterrato Piano terra/rialzato Piano primo Piano secondo Piano terzo Tabella C TIPOLOGIA QUALITÀ E NUMERO DEGLI IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI! 0

11 Superficie Mq. Estintori a polvere A/B 4A/44B 55A/B Estintori CO Idranti UNI45 Attacco autopompa Seminterrato Piano terra/rialzato Piano primo Come da planimetria allegata al piano di emergenza Piano secondo Piano terzo Tabella D PRESENZA DI LAVORATORI O ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI Tipologia di disabilità N Handicap motorio completo (non deambulante) Handicap motorio parziale (deambulante con difficoltà o Psicofisico con riflessi sulla deambulazione) Handicap uditivo Handicap visivo Per la valutazione del rischio d incendio si è tenuto conto delle disposizioni del DM 0//98 ed in particolare dell allegato I punto.4.4 lettera b) per il quale, malgrado la presenza di locali a specifico rischio di incendio e di sostanze infiammabili, vista la scarsa possibilità di propagazione e le misure di prevenzione e protezione adottate, l edificio può essere considerato a rischio di incendio medio (vedi tabelle A B - C).!

12 . PIANO DI PREVENZIONE.. PREMESSA In ottemperanza a quanto individuato dagli art. 8 e 9 del D. Lgs. 8/08, che fornisce le modalità di elaborazione del documento di cui all Art. 7, una volta completate le fasi di identificazione dei pericoli e la relativa valutazione dei rischi ad essi associati, occorre procedere alla definizione delle misure necessarie per eliminare o quantomeno ridurre a livelli accettabili le situazioni di rischio riscontrate e garantire il mantenimento e miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Laddove le misure necessarie non sono realizzabili nell immediato o sono di competenza dell Amministrazione tenuta alla fornitura e manutenzione dell immobile, sono stati indicati anche i relativi interventi sostitutivi per garantire, comunque, le condizioni di sicurezza. Al fine di rispondere al dettato legislativo che richiede la definizione di un programma di attuazione delle misure di prevenzione, gli interventi, di seguito compiutamente indicati, sono stati distinti in tre diverse fasi temporali, direttamente correlate all entità del rischio: Programma degli interventi a breve termine per rischio alto, ove le azioni correttive necessarie sono da realizzarsi con urgenza. Programma degli interventi a medio termine per rischio medio, ove le azioni correttive necessarie possono essere realizzate nel medio termine, ovvero in un arco di tempo che va da uno a tre mesi. Programma degli interventi a lungo termine per rischio basso, dove le azioni correttive possono essere programmate e dilazionate in un arco di tempo annuale. Nel programma non sono state indicate le situazioni a rischio imminente che, in quanto tali, devono essere oggetto di immediata soluzione al fine di evitare l esposizione dei lavoratori ad un pericolo grave ed immediato Tale programma viene supportato, nel breve termine, da specifiche iniziative formative ed informative, dalla messa a disposizione di dispositivi di protezione individuale, dall eventuale sorveglianza sanitaria e dalla messa in opera di una correlata segnaletica di sicurezza e di emergenza. Al fine di verificare l attuazione delle misure di prevenzione e garantirne il mantenimento ed il miglioramento nel tempo, viene attivata una specifica procedura di verifica e di segnalazione che coinvolge, insieme al Datore di lavoro, ai Preposti ed all intero Servizio di prevenzione e protezione, tutti i lavoratori dell unità produttiva. Nel programma che segue, al fine di indicare i soggetti destinatari degli obblighi di prevenzione, sono riportati: in nero - gli interventi di competenza dell Amministrazione tenuta alla fornitura e manutenzione dell immobile in rosso - gli interventi di esclusiva competenza del datore di lavoro in blu - le misure sostitutive a carico del Datore di lavoro e dei Preposti, in verde - le misure di prevenzione da mettere in atto a cura dei lavoratori Tutte le misure evidenziate in rosso, blu e verde devono essere messe in atto immediatamente, anche quando l intervento risolutivo viene indicato a medio o lungo periodo!

13 .. PROGRAMMA INTERVENTI... Programma degli interventi a breve termine Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo Data di attuazi RISCHI ORGANIZZATIVI: Organizzazione della prevenzione 5 5 I locali non sono numerati progressivamente e conformemente alle planimetrie esposte Disporre di numerare tutti i locali progressivamente e conformemente alle planimetrie esposte Numerare tutti i locali,progressivamente e conformemente alle planimetrie esposte. A AMBIENTI DI LAVORO: e pertinenze esterne L'edificio non è corredato delle planimetrie con destinazione d'uso dei locali e la loro massima capienza L'edificio non è corredato del certificato di agibilità Fornire le planimetrie con destinazione d'uso dei locali e la loro massima capienza Fornire la certificazione di agibilità o effettuare i lavori per l' adeguamento alla normativa 0 Il cancello, non visibile dalla guardiola, ha il citofono/videocitofono guasto/difettoso Ripristinare la funzionalità del citofono/videocitofono Attivare idonea sorveglianza per il controllo degli accessi Area cortiva Il cancello non è dotato di molla di richiamo per la chiusura automatica Installare la molla di richiamo per la chiusura automatica del cancello Attivare idonea sorveglianza per il controllo degli accessi Area cortiva 4 La pavimentazione delle vie di transito non è regolare, antisdrucciolevole, uniforme e priva di sporgenze ed avvallamenti Rendere la pavimentazione delle vie di transito regolare, antisdrucciolevole, uniforme priva di sporgenze ed avvallamenti Segnalare l'eventuale pericolo nelle zone a rischio con apposita segnalazione 'attenzione pavimentazione irregolare, procedere con cautela' Area cortiva 4 Le scale ed i pianerottoli non sono dotate di ringhiera o corrimano (due per scale di larghezza superiore a 80 cm.) Dotare le scale di ringhiera e/o corrimano (due per scale di larghezza superiore a 80 cm.) Segnalare l'eventuale pericolo con apposita segnalazione 'attenzione procedere con cautela per pericolo caduta' Area Cortiva (Fronte Scala B) 4 Sono presenti sporgenze pericolose nelle aree a verde utilizzate per la didattica Eliminare le sporgenze pericolose dalle aree a verde utilizzate per la didattica Segnalare l'eventuale pericolo o interdire l'uso dell'area Area cortiva (Radici, tronco di albero tagliato)!

14 4 Sono presenti tombini sporgenti dalla pavimentazione Sistemare adeguatamente la pavimentazione per pareggiare i tombini sporgenti Segnalare l'eventuale pericolo e/o delimitare la sporgenza con apposita segnalazione 'attenzione procedere con cautela per pericolo caduta' delimitando la zona. Area cortiva 6 8 Le pareti esterne all'edificio presentano porzioni di intonaco/ rivestimenti/ornamenti distaccati o cadenti Riparare le porzioni di intonaco/rivestimenti/ ornamenti delle pareti esterne dell'edificio o picconare le parti pericolanti Delimitare l'area interessata vietandone l'accesso/l'utilizzo ed il transito e segnalare il pericolo Esterno edifici (Fronte Aula Infanzia, Cucina) 7 Sono presenti gronde ostruite dai residui degli alberi Ripristinare la funzionalità delle gronde e mantenerle pulite Esterno edifici B AMBIENTI DI LAVORO: Porte e portoni 4 I telai delle porte non sono integri e regolarmente fissati al muro Riparare e curare la manutenzione dei telai delle porte Rimuovere il telaio instabile o assicurare le porte in posizione di apertura 6 Mantenere le porte in posizione di apertura 8 Le maniglie delle porte sono non funzionanti o mancanti Ripristinare la funzionalità delle maniglie Mantenere le porte in posizione di apertura Alcune 6 Le porte a vetri non sono in materiale di sicurezza Dotare le porte di vetri di sicurezza Proteggere le porte e/o segnalare adeguatamente il pericolo., 0, 9, 0, 9, 0 4 Le porte presentano piccoli gradini, soglie o sistemi di blocco a terra, rialzati rispetto al pavimento Eliminare o correggere i dislivelli delle porte con rampe di pendenza inferiore all'8% Segnalare adeguatamente il pericolo con bande giallo/nero D AMBIENTI DI LAVORO: Scale fisse, scale manuali, soppalchi Le scale ed i pianerottoli fra due pareti non sono dotate di corrimano (due per scale di larghezza superiore a 80 cm.) Installare il corrimano nella scala Segnalare l'eventuale pericolo con apposita segnalazione 'attenzione procedere con cautela per pericolo caduta' 0 4 I gradini della scala non sono integri Riparare i gradini rotti della scala Segnalare l'eventuale pericolo con apposita segnalazione 'attenzione procedere con cautela per pericolo caduta' 0! 4

15 F AMBIENTI DI LAVORO: Particolarità costruttive interne ai locali di lavoro Sono presenti infiltrazioni d'acqua nel locale Eliminare le infiltrazioni d'acqua e risanare dall'umidità Delimitare la zona interessata 4, 0, 07 5 Le pareti e/o soffitti presentano tracce di umidità Risanare le pareti e/o soffitti che presentano tracce di umidità Se possibile, assegnare ai lavoratori un altra collocazione e/o Interdire l' uso del locale 4, 0, 8, 0, 07 5 L'intonaco/rivestimento murario delle pareti presenta buchi, fessure o è distaccato o cadente Risanare le pareti bucate o fessurate o le parti d'intonaco distaccato o cadente Segnalare l'eventuale pericolo e delimitare la zona Diffuso 0 Le pareti presentano lesioni ed appaiono distaccate dalla struttura Ripristinare la stabilità della parete Mettere fuori uso i locali interessati 9 G AMBIENTI DI LAVORO: Finestre e lucernari 6 Le finestre/lucernari/ vasistas non si aprono/ chiudono o si aprono/ chiudono con difficoltà Rendere le finestre/ lucernari /vasistas agevolmente apribili/ chiudibili Segnalare l'eventuale pericolo e disporre l' utilizzo delle finestre/ lucernari /vasistas, con adeguate indicazione 'Attenzione finestre/ lucernari /vasistas difettosi, osservare la massima cautela' Alcune G Non sono stati forniti i risultati del censimento dei materiali contenenti amianto AMBIENTI DI LAVORO: Amianto Fornire i risultati del censimento dei materiali contenenti amianto H AMBIENTI DI LAVORO: Arredi Gli arredi sono posizionati in modo da ostacolare le vie di fuga Disporre che gli arredi non ostacolno le vie di fuga Disporre che gli arredi siano posizionati in modo da non ostacolare le vie di fuga (Porta I) Posizionare gli arredi in modo da non ostacolare le vie di fuga! 5

16 0 Quadri, specchi, lavagne, mensole ed altri oggetti da parete non sono fissati in maniera tale da evitare cadute accidentali Disporre di fissare correttamente, almeno su due lati contrapposti, tutti gli oggetti a parete (lavagne,bacheche,specc hi,ecc.) Fissare correttamente, almeno su due lati contrapposti, tutti gli oggetti a parete (lavagne,bacheche,specc hi,ecc.) Diffuso 4 Le scaffalature non hanno la targhetta con l'indicazione del carico massimo ammesso sui ripiani Disporre di dotare le scaffalature di targhetta con l'indicazione del carico massimo ammesso sui ripiani Disporre che le scaffalature siano dotate di targhetta con l'indicazione del carico massimo ammesso sui ripiani, 8 5 Armadi, scaffalature ed arredi verticali non sono stabili ed ancorati al muro Disporre di rendere stabili e comunque ancorare al muro, gli arredi verticali Disporre che gli arredi verticali siano stabili e comunque ancorati al muro. 4 Le vetrine degli arredi non sono in materiale di sicurezza Sostituire con materiali di sicurezza o proteggere adeguatamente le vetrine degli arredi Segnalare adeguatamente l'eventuale pericolo con apposita indicazione 'Attenzione vetro non infrangibile osservare la massima cautela' 0,, 7 I AMBIENTI DI LAVORO: Microclima ed aerazione 6 Non è stato disposto il divieto di fumo in tutti i locali Disporre il divieto di fumo, in tutti i locali, con apposita circolare L IMPIANTI: Ascensori e montacarichi 6 Il montascale non è omologato e certificato Fornire la certificazione di omologazione 7 Il montascale non viene verificato periodicamente da personale qualificato Effettuare la verifica periodica del montascale M IMPIANTI: Impianto elettrico, messa a terra, protezione scariche atmosferiche Non esiste agli atti la certificazione di conformità dell' impianto elettrico Fornire la relativa certificazione di conformità dell' impianto elettrico o effettuare i relativi interventi di messa a norma. 5 Pannelli e quadri elettrici di comando non sono protetti, Dotare i quadri elettrici di idonea copertura Apporre la segnalazione del pericolo 8! 6

17 0 Il quadro elettrico non è adeguatamente segnalato Disporre di dotare il quadro elettrico della segnaletica di sicurezza Apporre al quadro elettrico la segnaletica di sicurezza 8 4 Prese ed interruttori non sono funzionanti Ripristinare la funzionalità di prese ed interruttori Diffuso 5 Vengono utilizzati riduttori e prese multiple non a norma Disporre il divieto d'uso di riduttori e doppie spine non a norma e sostituirle con prese multiple dotate di interruttore 'I-0 e fissarle al muro. Vietare l'uso di riduttori e doppie spine non a norma e la loro sostituzione con prese multiple dotate di interruttore 'I-0 e fissarle al muro. 0 7 I cavi di adduzione agli utilizzatori elettrici non sono raccolti Disporre di raccogliere i cavi elettrici volanti, con apposite fascette Disporre che i cavi elettrici volanti, siano raccolti con apposite fascette 7, 8, 8 Le prese multiple a ciabatta non sono fissate al muro e dotate di interruttore 'I-0 a monte Disporre di sostituire le prese multiple con prese dotate di interruttore I-0 a monte e fissarle al muro Sostituire le prese multiple con prese dotate di interruttore I-0 a monte e fissarle al muro 8, 4 Sono presenti corpi illuminanti guasti Sostituire i corpi illuminanti guasti,7, Non esiste agli atti la denuncia dell'impianto contro le scariche atmosferiche Fornire la denuncia dell'impianto di protezione contro le scariche atmosferiche 5 0 Non esiste agli atti la documentazione relativa alla verifica periodica dell'impianto contro le scariche atmosferiche Fornire la documentazione relativa alla verifica periodica dell'impianto contro le scariche atmosferiche N Non esiste agli atti il libretto di impianto della centrale termica (> Kcal) 4 Non esiste agli atti la certificazione relativa all' analisi dei fumi della Centrale Termica 5 L'impianto non viene regolarmente manotenuto da personale qualificato con il relativo rilascio, delle apposite attestazioni delle verifiche IMPIANTI: Impianto Termico Fornire il libretto di impianto della centrale termica (> Kcal) Fornire la certificazione relativa all' analisi dei fumi della Centrale Termica Attivare un contratto per la manutenzione dell'impianto termico da parte di personale specializzato con il relativo rilascio, delle apposite attestazioni delle verifiche O IMPIANTI: Adduzione, utilizzazione e distribuzione gas! 7

18 Non esiste agli atti la certificazione di conformità dell' impianto di distribuzione del gas Fornire la certificazione di conformità dell' impianto di distribuzione del gas o effettuare i lavori per l' adeguamento alla normativa 0 I locali dove viene utilizzato il gas, sono dotati di cappe non adeguate per insufficiente capacità di aspirazione Adeguare la capacità di aspirazione delle cappe presenti nei locali dove viene utilizzato il gas, Vietare l' uso del gas e tenere chiusa la valvola di itercettazione 0 (Cappa non funziona nte) T RISCHI SPECIFICI: Sostanze e preparati pericolosi 0 Non sono disponibili, per ciascun prodotto, le schede tecniche di sicurezza Mettere a disposizione dei lavoratori per ciascun prodotto, le schede tecniche di sicurezza Vietare, nel frattempo, le lavorazioni interessate o l'uso dei prodotti W L'edificio ha un numero di presenze contemporanee superiore a 00 unità e non esiste agli atti il Certificato di prevenzione incendi rilasciato dai Vigili del Fuoco o SCIA EMERGENZE: Incendio ed esplosione Fornire il Certificato di Prevenzione incendi o SCIA e/o adeguare l' edificio alla normativa di prevenzione incendi o effettuare i relativi interventi. L'edificio ha un numero di presenze contemporanee superiore a 00 unità e non esiste agli atti il Certificato di prevenzione incendi rilasciato dai Vigili del Fuoco o SCIA Disporre di integrare la segnaletica di emergenza e il numero degli addetti all' entincendio, in misura non inferiore a due per piano.effettuare almeno quattro prove di evacuazione per anno scolastico. Eliminare dai locali tutto il materiale infiammabile, mantenendo il carico di incendio Verificare l' attuazione delle misure di prevenzione indicate Gli estintori e/o le manichette non sono adeguatamente segnalati Disporre di apporre la segnaletica in prossimità degli estintori e delle manichette Apporre la segnaletica, in prossimità degli estintori e delle manichette 04 6 Gli estintori sono segnalati ma mancanti Reintegrare gli estintori mancanti Alcuni 7 Gli estintori non sono nella loro sede Disporre di riposizionare gli estintori nella loro sede Verificare che gli estintori siano posizionati nella loro sede 9 Riposizionare gli estintori nella loro sede! 8

19 0 Gli estintori sono ad altezza superiore a 50 cm Riposizionare gli estintori ad una altezza non superiore a 50 cm da terra Gli estintori e gli altri mezzi di spegnimento non sono identificati con numero progressivo Disporre di apporre sui cartelli di segnalazione degli estintori un numero progressivo di identificazione Apporre,sui cartelli di segnalazione degli estintori sia un numero progressivo di identificazione Gli estintori e gli altri mezzi di spegnimento non sono periodicamente manotenuti da personale qualificato Attivare un contratto per la manutenzione periodica degli estintori e degli altri mezzi di spegnimento 6 L' edificio è dotato di impianto termico di potenza > Kcal e non risulta agli atti il relativo CPI o SCIA Fornire il CPI dell' impianto termico se di potenza > Kcal 5 0 Lo spazio tra le scaffalature ed il solaio è inferiore a 60 cm. Disporre di lasciare uno spazio vuoto di almeno 60 cm. tra scaffalatura e solaio Verificare che sia lasciato uno spazio vuoto di almeno 60 cm. tra scaffalatura e solaio 50 5 I locali utilizzati come Archivi e/o Depositi con presenza di carico di incendio, non sono dotati di porta tagliafuoco Dotare i locali utilizzati come Archivi e/o Depositi con presenza di carico di incendio, di porta tagliafuoco Verificare che la presenza di materiale infiammabile, sia ridotta al di sotto dei 0 kg/mq 7, 8 X Il contenuto della cassetta di primo soccorso non è adeguato, per la presenza di prodotti non indicati dal DM88 I presidi sanitari non vengono periodicamente controllati relativamente alla loro efficienza e sostituiti in relazione alla loro scadenza EMERGENZE: Primo soccorso Eliminare dalla cassetta di primo soccorso i prodotti non indicati dal DM88 Disporre che gli addetti al primo soccorso verifichino periodicamente i presidi sanitari e curino la sostituzione di quelli scaduti 4 I presidi sanitari non sono adeguatamente segnalati Disporre di segnalare adeguatamente i presidi sanitari Segnalare adeguatamente i presidi sanitari Y EMERGENZE: Evacuazione di emergenza I punti di raccolta non sono adeguatamente segnalati Disporre di segnalare adeguatamente i punti di raccolta Collocare idonea segnaletica per i punti di raccolta! 9

20 7 L'impianto sonoro risulta mancante/rotto/sotto dimensionato Riparare l'impianto sonoro e/o integrare i dispositivi sonori nelle zone dove non sono percettibili Collocare sistema manuale sonoro ai piani (fischietti o altro sistema analogo) 8 Le porte di emergenza sono difettose in fase di apertura/chiusura Ripristinare la funzionalità delle porte di emergenza difettose in fase di apertura/chiusura Verificare che le porte,siano assicurate in posizione di apertura come previsto dal Piano di emergenza Porta A 9 Le porte di emergenza presentano un maniglione antipanico malfunzionante Ripristinare la funzionalità del maniglione antipanico Verificare che le porte,siano assicurate in posizione di apertura come previsto dal Piano di emergenza Porta E 4 9 Le luci di emergenza non sono funzionanti Disporre il termine delle attività, entro un orario che garantisca una adeguata illuminazione naturale. Disporre, inoltre, il divieto di utilizzare i locali interrati,con insufficente illuminazione naturale. e/o dotare il personale che utilizza detti locali, di sistema sussidiario portatile, di illuminazione artificiale. Verificare l' attuazione delle misure di prevenzione Alcune 5 Il piano di emergenza non è stato coordinato con l'altra unità produttiva presente nello stesso edificio Attivare il coordinamento dei piani di emergenza delle diverse unità produttive operanti nello stesso edificio Z RISCHI ORGANIZZATIVI: Organizzazione e pratiche di lavoro 0 I materiali in deposito non sono disposti in modo ordinato Disporre che i materiali in deposito siano riposti ordinatamente Riporre ordinatamente i materiali in deposito 9, 08 Sono presenti materiali a terra Disporre di eliminare tutti i materiali a terra Eliminare tutti i materiali a terra 9, 08, 7 5 I materiali riposti su mensole/scaffalature sono disposti disordinatamente/ instabilmente Disporre di eliminare o riposizionare ordinatamente i materiali riposti sulle mensole/ scaffalature Eliminare o riposizionare ordinatamente i materiali riposti sulle mensole/ scaffalature 8 6 Gli oggetti pesanti e voluminosi non vengono riposti nella parte bassa di armadi e scaffalature o comunque impilati in modo da non cadere Disporre che gli oggetti pesanti e voluminosi siano riposti nella parte bassa di armadi e scaffalature Riporre gli oggetti pesanti e voluminosi nella parte bassa di armadi e scaffalature 7! 0

Istituto Comprensivo Via F.S. Nitti Roma Plesso Scuola Primaria Mengotti

Istituto Comprensivo Via F.S. Nitti Roma Plesso Scuola Primaria Mengotti Istituto Comprensivo Via F.S. Nitti Roma Plesso Scuola Primaria Mengotti 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: febbraio 2015 Euservice s.r.l.

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

I. I. S. S. Carlo Alberto Dalla Chiesa Montefiascone

I. I. S. S. Carlo Alberto Dalla Chiesa Montefiascone I. I. S. S. Carlo Alberto Dalla Chiesa Montefiascone 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: ottobre 2014 Euservice s.r.l. - Largo Principessa

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma Sede succursale Bufalotta

Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma Sede succursale Bufalotta Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma Sede succursale Bufalotta 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: maggio 2015 Euservice s.r.l. - Largo

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma Sede Centrale

Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma Sede Centrale Istituto Tecnico Agrario Emilio Sereni Roma Sede Centrale 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: maggio 2015 Euservice s.r.l. - Largo Principessa

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. S. Nitti Roma Sede centrale

Istituto Comprensivo Via F. S. Nitti Roma Sede centrale Istituto Comprensivo Via F. S. Nitti Roma Sede centrale 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: febbraio 2015 Euservice s.r.l. - Largo Principessa

Dettagli

I. T. C. G. E. Fermi Tivoli

I. T. C. G. E. Fermi Tivoli I. T. C. G. E. Fermi Tivoli 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: gennaio 2015 Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano

Dettagli

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743 Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it oppure al

Dettagli

Istituto Comprensivo Piazzale della Gioventù, 1 SANTA MARINELLA Plesso Montefiore Pirgus

Istituto Comprensivo Piazzale della Gioventù, 1 SANTA MARINELLA Plesso Montefiore Pirgus Istituto Comprensivo Piazzale della Gioventù, 1 SANTA MARINELLA Plesso Montefiore Pirgus 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: marzo 2015 Euservice

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Maccarese Sede Centrale

Istituto Comprensivo Statale Maccarese Sede Centrale Istituto Comprensivo Statale Maccarese Sede Centrale 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: ottobre 2014 Euservice s.r.l. - Largo Principessa

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Louis Pasteur ROMA

Liceo Scientifico Statale Louis Pasteur ROMA Liceo Scientifico Statale Louis Pasteur ROMA 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: gennaio 2015 Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Committente: ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIANO DEGLI ARDUINI E LESIGNANO DE BAGNI Ubicazione/riferimento: Scuola dell Infanzia di Lesignano Dè Bagni Scuola Primaria di Lesignano Dè Bagni Scuola Secondaria di

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

6.6.1. Programma degli interventi a breve termine. Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo

6.6.1. Programma degli interventi a breve termine. Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo 6.6.. Programma degli interventi a breve termine Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo A RISCHI ORGANIZZATIVI: Organizzazione della prevenzione 2 All'interno

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI Di CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA

SEZIONE 4 IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IDENTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DI CIASCUNA UNITA OPERATIVA Pag. 2 di 15 4.1 UNITA OPERATIVA 1 - PRIMARIA, XXV APRILE - SEDE DESCRIZIONE DELL UNITA

Dettagli

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni.

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni. N Prot.: 0002376 C.I. del 08/04/2015 Uscita A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO All AA L. RENNA SEDE AL SITO WEB www.icpresicceacquarica.gov.it CIRCOLARE N. 61 Oggetto: Piano di Gestione delle Emergenze In

Dettagli

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico

PAIS. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti. Andrea Bighi - Dirigente Scolastico L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico: controlli, adempimenti, aggiornamenti Andrea Bighi - Dirigente Scolastico All inizio di ogni anno scolastico il Dirigente dell Istituto è chiamato

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione.

OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. OGGETTO: Comunicazione del Responsabile Esterno del Servizio di Protezione e Prevenzione. Addetti Pulizie : Procedure per gli Operatori Esterni / DUVRI. Il sottoscritto, Arch. Filippo Fasulo, in qualità

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Istituto Comprensivo MAHATMA GANDHI Via Corinaldo, 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81/2008, art. 32, comma 2 >Figure sensibili addette all antincendio

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE MONTIRONE (BS) 27/05/2013 SCARINZI Alessandra Data sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Montirone_giugno_2013

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale PIERO CALAMANDREI Roma

Istituto Tecnico Commerciale Statale PIERO CALAMANDREI Roma Istituto Tecnico Commerciale Statale PIERO CALAMANDREI Roma 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI E PIANO DI PREVENZIONE Documento Art.17 c.1 - D. Lgs. 81/2008 Aggiornamento a cura del RSPP in data: 25 settembre 2012

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI

ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO SCAURI Via Appia 212, 04028 Scauri (LT) ( 0771614545 - fax 0771614808 - * LTIC855001@istruzione.it ---------------------------------------------------------

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 303/56 DPR 915/82 NORME CEI DM 392/96 Legge 186/68 MAGAZZINO RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI

Dettagli

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI

4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Pag. 1 di 15 4.1 ULTERIORI MASIONI PRESENTI NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA E RELATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI Nell ambito della struttura scolastica operano, oltre alle varie mansioni già individuate

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) Il presente documento unico di valutazione dei rischi da interferenze è redatto ai fini dell adempimento

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA STATALE DON BOSCO VIA LOMBARDI; 16 BAGOLINO (BS) 06/10/2014 ALBERTI Carlo Data sopralluogo Elaboratore

Dettagli

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO CHECKLIST PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs)

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART.28 DLgs 81/2008) S C H E D A N. 2 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI di S. Giovanni in Fiore (Cs) EDIFICIO SCOLASTICO Dante Alighieri ( SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD. Via GARIBALDI GHEDI (BS) DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA BARACCA SUD Via GARIBALDI GHEDI (BS) 14/05/2015 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore File:Primaria_Baraccasud_Ghedi_maggio_2015

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI. Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL EDIFICIO UTILIZZATO DALLA SCUOLA PRIMARIA MAMELI Via DELLA CHIESA, 73 - BRESCIA 11/11/2014 SCARINZI Roberto Data Sopralluogo Elaboratore \\Server-hp\dati\-

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE

PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE Provveditorato agli studi di Potenza A.S. 1997/98 PROBLEMATICHE SEGNALATE DALLE SCUOLE A cura di Pasquale Francesco Costante MONITORAGGIO ATTIVITA' DI 1 PREVENZIONE INCENDI Suole prive del C.P.I. ( Certificato

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi dell art.30 del d.lgs. 81/08 come modificato dal d.lgs. 106/09 Nti Questo

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

I.P.S.S.S. E. De Amicis Roma Succursale

I.P.S.S.S. E. De Amicis Roma Succursale I.P.S.S.S. E. De Amicis Roma Succursale 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE Aggiornamento 25 novembre 2013 Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio,

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute.

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONIO ZANELLI Sezione Tecnica Agraria (Produzioni e trasformazioni Gestione ambiente e territorio) Sezione Tecnica Chimica, materiali e biotecnologie sanitarie Sezione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015

Dettagli

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, 2 00036 PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/08 DITTA Sede Legale: Oggetto della manutenzione: SERVIZI DI ASSISTENZA E MANUTENZIONE SUI PC E PERIFERICHE

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi

Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Istituto Statale d Istruzione Superiore P. Artusi Viale Matteotti, 54 47034 Forlimpopoli (FC) Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori e relative misure di prevenzione e protezione

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998) ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO P. M. ROCCA PIAZZA LIBERT À N. 1 91011 ALCA MO (TP) - C.F. 80004290815 TEL. 0924/24345 E- MAIL: TPI C81200G@IST RU ZIO NE.IT Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO ASSEMINI Cod. mecc.: CAEE037009 - Cod. Fisc. 80009480924 Via Di Vittorio, 5 09032 Assemini (CA) Tel. 070940692 fax 070942713 e-mail: CAEE037009@istruzione.it DOCUMENTO

Dettagli

AGGIORNAMENTO AL DOCUMENTO PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI NELLA SCUOLA

AGGIORNAMENTO AL DOCUMENTO PER LA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI NELLA SCUOLA Documento Unico Pagina 1 di 18 N Prot. /A23 del 24.09.2013 Data : 24.09.2013 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE TOMMASO D ORIA Istituto Tecnico settore Elettronica ed Elettrotecnica Istituto Tecnico

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 316 Registro Deliberazioni. OGGETTO: PRESA ATTO INTERVENTI EFFETTUATI DA PARTE DEL COMUNE DI TRADATE PER LA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Dettagli

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998)

Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - Decreto del Ministro dell Interno del 10 marzo 1998) ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO P. M. ROCCA PIAZZA LIBERT À N. 1 91011 ALCA MO (TP) - C.F. 80004290815 TEL. 0924/24345 E- MAIL: TPI C81200G@IST RU ZIO NE.IT Piano di Sicurezza, Emergenza ed Evacuazione (D.

Dettagli