REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AI SENSI DELL ART. 125, COMMA 10 DEL D.LGS. 12 APRILE 2006 N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AI SENSI DELL ART. 125, COMMA 10 DEL D.LGS. 12 APRILE 2006 N."

Transcript

1 14/07/2014 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AI SENSI DELL ART. 125, COMMA 10 DEL D.LGS. 12 APRILE 2006 N OGGETTO 1.1 Il presente regolamento ( Regolamento ) è adottato con Determina Congiunta del Presidente e dell Amministratore Delegato in data 04/07/14 e ratificata dal CDA dell AMAG S.p.A. ( Società ) ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 ( Codice ) per individuare, definire e disciplinare i principi, i criteri e le procedure che la Società deve adottare e applicare per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture, con specifico riguardo alle esigenze della Società, in conformità alle previsioni di legge e di regolamento vigenti nell ordinamento italiano e nel rispetto dei principi di derivazione comunitaria di trasparenza, pubblicità, imparzialità, economicità e pari opportunità tra operatori economici. 2. LIMITI DI APPLICAZIONE 2.1 Il ricorso alle procedure per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi è consentito per i seguenti importi, da intendersi al netto dell IVA: i lavori in economia sono ammessi per importi non superiori a Euro ,00; (b) i lavori assunti in amministrazione diretta non possono comportare una spesa superiore a Euro ,00; (c) le forniture e i servizi in economia sono ammessi per importi inferiori a Euro ,00. Tali soglie sono soggette alla revisione periodica ai sensi dell art. 248 del Codice e devono intendersi automaticamente adeguate ai provvedimenti della Commissione dell Unione Europea. 2.2 E fatto divieto di procedere a frazionamenti artificiosi degli importi sopra indicati al fine di eludere l osservanza delle norme di legge e del Regolamento. 2.3 Per ogni acquisizione in economia, la Società individua un Responsabile del Procedimento ai sensi dell art. 10 del Codice e, ove la natura della prestazione lo richieda, un Direttore dei Lavori o un Direttore dell esecuzione del contratto, i quali svolgono i compiti previsti dal Codice e dal D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207, rapportandosi con l Amministratore Delegato della Società, e provvedono al pieno rispetto delle procedure di cui al Regolamento. Il nominativo del Responsabile del Procedimento è indicato nell invito a presentare offerta. 3. MODALITÀ DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA 3.1 Le acquisizioni in economia di lavori, beni e servizi possono essere effettuate: mediante amministrazione diretta;

2 (b) mediante procedura di cottimo fiduciario. La Società potrà anche procedere con il sistema in forma mista in presenza di particolari ragioni di natura tecnica che impongono la necessaria esecuzione dei lavori parte in amministrazione diretta e parte mediante cottimo fiduciario. 3.2 Gli interventi per i quali non occorre la partecipazione di un operatore economico sono eseguiti dalla Società in amministrazione diretta, con materiali e mezzi propri o appositamente noleggiati e con personale proprio. 3.3 Gli interventi per i quali si rende necessario e/o opportuno l affidamento a operatori economici sono effettuati mediante procedura di cottimo fiduciario. L affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento nei casi previsti dal successivo Articolo 4 e secondo le procedure previste nel successivo Articolo RICORSO A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA 4.1 È ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per l acquisizione, nei limiti di importo di cui all articolo 2 del presente Regolamento, delle seguenti tipologie di lavori, beni e servizi e di altre ad esse analoghe, oltre a quelle indicate dall art. 125, comma 10 del Codice: Forniture di: 1. apparecchiature e materiali per la captazione, la potabilizzazione e la distribuzione dell acqua 2. apparecchiature e materiali per la depurazione dell acqua, il trattamento e il trasporto fanghi 3. apparecchiature e materiali per la distribuzione e la vendita del gas naturale 4. apparecchiature e materiali per la vendita dell energia elettrica 5. olio vegetale per la produzione di energia 6. apparecchiature e attrezzature per lo sfruttamento del biogas 7. materiale di cancelleria, ivi inclusi stampati, registri, materiali di consumo per computer, stampanti, fotocopiatrici, fax, calcolatrici e macchine per ufficio in genere e per l attività scolastica, materiali per fotografia, valori bollati; 8. beni mobili, arredi, complementi di arredo, tappezzerie, tendaggi e attrezzature di vario genere necessarie al corretto svolgimento delle attività della Società, sia per gli interni (uffici, sale espositive, ambienti di servizio, etc.) sia per l esterno (giardini); 9. materiale hardware e apparecchiature tecniche, quali server, personal computer, stampanti, monitor, scanner ed altre periferiche in genere, fotocopiatrici, fax, calcolatrici e macchine per ufficio in genere nonché apparati attivi e passivi per trasmissione dati, con relativa installazione;

3 10. fotoriproduttori, fotostampatori, affrancatrici e materiali multimediali per laboratori, apparecchiature diverse, macchine fotografiche, audiovisivi, elettrodomestici vari e spese per il relativo materiale di consumo e pezzi di ricambio; 11. licenze software; 12. libri, riviste, giornali e pubblicazioni di vario genere e su ogni supporto, nonché abbonamenti a periodici e ad agenzie di informazione, banche dati; 13. utenze per la fornitura di acqua, gas, energia elettrica, telefono e internet; 14. mezzi di trasporto e carburanti, lubrificanti e altro materiale di consumo per i mezzi di trasporto nonché per la loro riparazione e/o manutenzione, ivi inclusi pezzi di ricambio ed accessori; 15. apparecchiature da asservire agli immobili quali, a titolo esemplificativo: apparecchi per la climatizzazione, per il riscaldamento, idrosanitari, dispositivi di illuminazione, di trasmissione dati, di telefonia, telecamere, antifurti, dispositivi antrintrusione, dispositivi antincendio, impianti tecnologici, elettrici, montacarichi, ascensori, apparati e sistemi di difesa passiva e materiali elettrici di vario tipo, nonché relativi pezzi di ricambio ed accessori; 16. detersivi, materiale vario e attrezzature per la pulizia di locali e attrezzature per la raccolta rifiuti; 17. apparecchiature elettroniche, di amplificazione e diffusione sonora, mezzi audiovisivi, fotografici e cinematografici, apparecchiature di videosorveglianza e di allarme, apparecchi fotoriproduttori, compresi materiale tecnico e prestazioni accessorie; 18. dispositivi, attrezzature, indumenti, materiali, strumenti e impianti necessari per l attuazione della normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e prevenzione incendi, ivi incluso il materiale di protezione civile; 19. stampati e altro materiale a scopo di comunicazione e promozione; 20. utensili e strumenti di lavoro (scale, ponteggi, materiale per riparazioni, vernici, materiale elettrico ed elettronico, ferramenta, utensileria, etc.); (b) Servizi relativi a: 1. Manutenzione e riparazione di apparecchiature per il trattamento dell acqua e per la distribuzione del gas 2. assistenza tecnica utente su applicativi software, analisi, progettazione e sviluppo software, servizi di redazione, programmazione e progettazione di siti web, gestione del sito internet nonché di connettività alla rete internet, gestione dei social network, consulenze inerenti l applicazione, il complemento e l aggiornamento di software applicativi;

4 3. installazione e manutenzione di apparecchiature hardware quali server, personal computer, stampanti, monitor, scanner ed altre periferiche in genere; 4. noleggio, gestione e manutenzione di apparecchiature, di reti e sistemi telematici, di materiale informatico e di supporto di vario genere; 5. somministrazione di lavoro temporaneo, corsi di formazione e aggiornamento del personale, assestment e ricerca del personale, gestione del personale; 6. locazione per uso temporaneo di immobili, con attrezzature già installate o da installare, per l'espletamento di corsi e concorsi, per l'organizzazione di convegni, congressi, conferenze, riunioni, mostre ed altre manifestazioni culturali educative, ludico/ricreative e scientifiche; 7. riparazione e manutenzione di beni mobili, arredi, attrezzature da ufficio, complementi di arredamento e suppellettili per uffici e attrezzature varie, ivi inclusa la tinteggiatura dei locali interni ed esterni, falegnameria; 8. servizi di installazione e manutenzione di apparati attivi e passivi per trasmissione dati; 9. servizi di stampa, tipografia, litografia, copisteria, fotografici, di rilegatura, di grafica, plottaggio, disegno tecnico, CAD, o servizi realizzati per mezzo di tecnologia audiovisiva, di registrazione televisiva, audiovisiva e radiofonica, di trascrizione, sbobinatura e duplicazione in genere; 10. servizi di pubblicità su mezzi di informazione (tv, giornali, radio) e servizi offerti da agenzie di pubblicità e agenzie distributrici di spazi pubblicitari (cartelloni stradali, bus, fermate bus, etc.), servizi di promozione in genere; 11. servizi di comunicazione, copywriting, ideazione grafica e consulenza creativa; 12. indagini statistiche e di mercato, studi, rilevazioni, monitoraggi, pubblicazione di dati e informazioni a fini di comunicazione, promozione, gestione, contabilità; 13. manutenzione e riparazione di apparecchiature asservite agli immobili quali, a titoli esemplificativo: apparecchiature per la climatizzazione, per il riscaldamento, idrosanitari, dispositivi di illuminazione, di trasmissione dati, di telefonia, telecamere, antifurti, dispositivi antintrusione e antincendio, montacarichi, ascensori, carro ponte; 14. realizzazione, stampa e diffusione di documenti, buste, prospetti e stampati speciali, materiali pedagogico didattici; riprese televisive, filmati e prodotti fotografici anche digitali, e su supporto informatico; 15. installazione e manutenzione di sistemi energetici, anche da fonti rinnovabili; 16. pulizia, derattizzazione, disinquinamento e disinfestazione di beni mobili e immobili, di mezzi e di impianti;

5 17. servizi di trasporto di persone o cose, noli, spedizioni, imballaggio, facchinaggio, magazzinaggio nonché fornitura di attrezzature per il carico, lo scarico, il trasporto e l immagazzinamento di beni e opere; 18. servizi di distribuzione di materiale di vario genere; 19. consulenza gestionale, servizi finanziari, assicurativi e di brokeraggio assicurativo, servizi bancari, consulenze legali, notarili, tecnico progettuali, consulenza scientifica, economica, amministrativa e fiscale, ivi inclusa la contabilità, revisione dei conti e certificazioni di bilancio; 20. servizi di ristorazione e catering, di pasti e/o di generi alimentari; 21. servizio sostitutivo di mensa mediante fornitura di buoni pasto ai dipendenti; 22. traduzione e interpretariato, traduzioni di bandi, capitolati speciali d appalto, lettere d invito ed altri documenti connessi allo svolgimento dell attività contrattuale della Società; 23. servizi di verifica e validazione in materia di tariffe professionali; 24. progettazione e supporto alla progettazione, rendering, modelli virtuali, servizi di ingegneria in genere e di direzione lavori; 25. servizi medici e sanitari nei confronti del personale, materiale sanitario e medicinali in genere; 26. fornitura, installazione e manutenzione di impianti elettrici; 27. custodia, vigilanza e portierato dei siti e degli uffici; 28. controllo e monitoraggio del sistema delle acque, controllo e pulizia dei bacini d acqua, controllo della qualità del terreno, sondaggi e perforazioni, assistenza archeologica e geologica; 29. servizi di compostaggio, raccolta, trasporto, trattamento, recupero, smaltimento dei rifiuti e dei fanghi di depurazione; 30. servizi di pulizia e spurgo di reti idriche e fognarie e di smaltimento amianto; 31. manutenzione di aree verdi e interventi di giardinaggio in genere; 32. servizi di rappresentanza e spese necessarie all eventuale ricettività e ospitalità in occasione di specifici eventi; 33. servizi di supporto alla vendita; 34. noleggio e leasing di mezzi d opera, di trasporto e di attrezzature d ufficio, comprese stampanti di ogni dimensione e strumentazione elettrica o elettronica

6 (c) Lavori di: 1. costruzione di tratti di reti idriche, fognarie e gas, comprese le opere d arte 2. costruzione degli allacciamenti d utenza acqua, fognatura, gas 3. manutenzione o riparazione di opere o di impianti quando l esigenza è collegata ad eventi imprevedibili; 4. manutenzione, ordinaria e/o straordinaria, di opere o di impianti; 5. interventi non programmabili in materia di sicurezza; 6. lavori che non possono essere differiti dopo l infruttuoso esperimento delle procedure di gara; 7. lavori necessari per la compilazione di progetti; 8. completamento di opere o impianti a seguito di risoluzione contratto o in danno all appaltatore inadempiente quando vi è necessità e urgenza di completare i lavori; 5. PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO 5.1 L affidamento di lavori mediante cottimo fiduciario avviene con le seguenti modalità: (b) per lavori di importo inferiore a Euro IVA esclusa è consentito l affidamento diretto da parte del Responsabile del Procedimento ai sensi dell art. 125, comma 8, ultimo periodo del Codice; per lavori di importo pari o superiore a Euro e fino a Euro IVA esclusa l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno 5 (cinque) operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici qualificati, predisposti dalla Società, come previsto dall art. 125, comma 8, primo periodo del Codice. 5.2 L affidamento di forniture e servizi mediante cottimo fiduciario avviene con le seguenti modalità: per forniture e servizi di importo inferiore a Euro IVA esclusa è consentito l affidamento diretto da parte del Responsabile del Procedimento ai sensi dell art. 125, comma 11, ultimo periodo del Codice; (b) per forniture e servizi di importo pari o superiore a Euro e fino a Euro ,00 IVA esclusa l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno 5 (cinque) operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici qualificati, predisposti dalla Società, come previsto dall art. 125, comma 11 primo periodo del Codice.

7 5.3 Per l acquisto di lavori, beni e servizi effettuato secondo la procedura di cui all art. 5.1(b) e 5.2(b), il responsabile del procedimento provvede a chiedere per iscritto almeno cinque preventivi a operatori economici del settore, selezionati mediante indagine di mercato. 5.4 La Società potrà affidare direttamente l appalto in tutti i casi in cui non sussista un tale numero di soggetti idonei. In queste ipotesi, dovrà comunque essere inviata richiesta di preventivo a tutti i soggetti ritenuti idonei, anche se inferiori a cinque. 5.5 Il ricorso all affidamento diretto di lavori, servizi e forniture, nei limiti degli importi sopra indicati, non elimina la facoltà per il Responsabile del Procedimento dal chiedere più offerte comparative, salvo che ciò venga impedito da situazioni di urgenza e indifferibilità o da situazioni impreviste e imprevedibili. 5.6 La lettera di invito deve contenere, di regola, i seguenti elementi: (b) (c) (d) (e) (f) (g) l'oggetto della prestazione, le caratteristiche tecniche e l importo massimo previsto a base di gara; le garanzie richieste all'affidatario del contratto; il termine di presentazione delle offerte, che deve essere congruo in relazione all oggetto e comunque non inferiore a 8 giorni; il periodo in giorni di validità delle offerte; l'indicazione del termine per l'esecuzione della prestazione; il criterio di aggiudicazione prescelto; gli elementi di valutazione, nel caso si utilizzi il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa; (h) le penali, determinate in conformità alle previsioni del Codice e del D.P.R. 207/2010; (i) (j) (k) l'obbligo per l'offerente di dichiarare nell'offerta di assumere a proprio carico tutti gli oneri assicurativi e previdenziali di legge, di osservare le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e di retribuzione dei lavoratori dipendenti, nonché di accettare condizioni contrattuali e penalità; l'indicazione dei termini di pagamento; i requisiti di ordine generale e i requisiti di capacità tecnico-organizzativa ed economicofinanziari chiesti all'operatore economico. 5.7 L aggiudicazione dell appalto può avvenire con il criterio del prezzo più basso ai sensi dell art. 82 del Codice o dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del Codice. In quest ultimo caso i criteri di aggiudicazione devono essere specificati nella lettera di invito a presentare offerta. 5.8 Nel caso in cui la gara sia aggiudicata con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, le offerte tecniche presentate dagli operatori invitati saranno esaminate e valutate da una Commissione giudicatrice composta da tre membri, costituita da esperti nella materia oggetto del

8 contratto da affidare. La nomina della Commissione giudicatrice deve avvenire con le modalità e nel rispetto delle previsioni contenute nell art. 84 del Codice. La Commissione giudicatrice si riunisce in seduta riservata per l esame delle offerte tecniche e assume le proprie decisioni a maggioranza, redigendo apposito verbale. 5.9 Il contratto di appalto è stipulato attraverso scrittura privata, il cui schema è allegato alla lettera di invito. 6. REQUISITI DI QUALIFICAZIONE 6.1 Per partecipare alle procedure previste dal presente Regolamento, gli operatori economici devono possedere i requisiti di ordine generale previsti dall art. dall art. 38 del Codice e i requisiti di capacità tecnico-organizzativa ed economico-finanziaria stabiliti dalla Società nella lettera di invito sulla base dell importo dell appalto affidato, nel rispetto dei contenuti del Codice e del DPR 207/ Per i lavori di importo superiore a Euro ,00 è necessario il possesso di attestazione SOA adeguata all importo e alle categorie dei lavori da affidare. 6.3 La Società procederà al controllo dei requisiti di cui all Articolo 6.1 che precede anche ai sensi dell art. 48 del Codice. 7. REGOLARE ESECUZIONE E FATTURAZIONE 7.1 La regolare esecuzione dei servizi e delle forniture affidati mediante cottimo fiduciario è attestata secondo le procedure interne della Società. 7.2 La regolare esecuzione dei lavori affidati mediante cottimo fiduciario è attestata attraverso il collaudo degli stessi ai sensi dell art. 141 del Codice e degli articoli 215 e ss. del D.P.R. 207/ A seguito della verifica della regolare esecuzione dell appalto, le fatture sono liquidate con la cadenza temporale stabilita nella lettera di invito, nel contratto, in ogni caso nel rispetto delle norme in materia di tracciabilità dei flussi finanziari. 8. ONERI FISCALI 8.1 Gli importi di spesa indicati nel Regolamento sono da intendersi sempre IVA esclusa. 8.2 Sono a carico dell affidatario ogni e qualsiasi onere, spesa connessa e conseguente alla partecipazione alle procedure di affidamento indette dalla Società ai sensi del Regolamento. 9. GARANZIE 9.1 La cauzione provvisoria e quella definitiva devono essere prestate nelle forme previste dal Codice. 10. NORME DI COMPORTAMENTO 10.1 Il personale della Società e le imprese partecipanti alle procedure del Regolamento sono tenuti al rispetto delle norme per la tutela della concorrenza e del mercato e si devono astenere dal porre in essere comportamenti anticoncorrenziali.

9 10.2 Per comportamento anticoncorrenziale si intende qualsiasi comportamento o pratica di affari ingannevole, fraudolento o sleale, contrario alla libera concorrenza posto in essere nell ambito di un procedimento concorsuale. In particolare è vietato qualsiasi accordo illecito volto a falsare la concorrenza, quale: (b) (c) (d) la promessa, l offerta, la concessione diretta o indiretta a un soggetto, per se stesso o per un terzo, di un vantaggio nell ambito della procedura per l affidamento di un appalto; il silenzio sull esistenza di un accordo illecito o di una concertazione fra le imprese; l accordo ai fini della concertazione dei prezzi o di altre condizioni dell offerta; l offerta o la concessione di vantaggi a operatori economici affinché questi non concorrano alla gara e/o procedure di affidamento di appalto o ritirino la propria offerta o che, comunque, condizionino la libera partecipazione alla gara/procedura medesima L impresa coinvolta in procedure per l affidamento di appalti promosse dall a Società si astiene da qualsiasi tentativo volto ad influenzare i dipendenti della stazione appaltante che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione e/o direzione, o che esercitano, anche di fatto, poteri di gestione e di controllo, ovvero le persone sottoposte alla direzione e alla vigilanza dei suddetti soggetti L impresa ha l obbligo di segnalare all a Società qualsiasi tentativo effettuato da altro concorrente, o interessato, atto a turbare il regolare svolgimento della procedura/gara di appalto e/o l esecuzione del contratto; qualsiasi anomala richiesta o pretesa avanzata dai dipendenti della stazione appaltante o da chiunque possa influenzare le decisioni relative alla gara/procedura o alla stipula del contratto e alla sua esecuzione Le imprese appaltatrici o subappaltatrici agiscono nel rispetto della normativa vigente sul divieto di intermediazione e interposizione nelle prestazioni di lavoro e non pongono dunque in essere comportamenti che integrino tali fattispecie tramite l affidamento, in qualsiasi forma, dell esecuzione di mere prestazioni di lavoro Le imprese si impegnano a rispettare i limiti legislativi relativi al subappalto e al nolo a caldo; esse, inoltre, prendono atto e accettano incondizionatamente il divieto di subappaltare in qualsiasi modo e misura parte dei lavori aggiudicati a imprese che abbiano partecipato alla gara o ad imprese da esse controllate, a esse collegate o loro controllanti La violazione delle norme contenute nel Regolamento, poste a tutela della concorrenza e della correttezza nello svolgimento delle gare/procedure di appalto, comporta l esclusione dalla gara, ovvero, qualora la violazione sia riscontrata in un momento successivo, l annullamento dell aggiudicazione La violazione delle norme poste a tutela della corretta esecuzione del contratto comporterà la risoluzione dello stesso per colpa dell impresa appaltatrice. 11. NORME DI RINVIO 11.1 Per quanto non previsto nel Regolamento, si applicano le disposizioni nel Codice e nel D.P.R. 207/2010.

10 12. EFFICACIA 12.1 Il Regolamento entra in vigore il giorno successivo alla sua adozione, come indicata in premessa

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE Regolamento delle spese per l acquisizione in economia di beni e servizi >>> ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.P.R. 20.08.2001,

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

Regolamento d Istituto per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture

Regolamento d Istituto per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture Prot. n. 2633/c14 Massa, 18/06/2014 Regolamento d Istituto per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture Redatto ai sensi dell art. 125 comma 10 Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 21 maggio 2012) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera C.d.A. n. 17 del 07/04/2009 Art. 1 Oggetto del provvedimento. Il presente regolamento individua le singole voci di spesa

Dettagli

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A.

Veneto Promozione S.c.p.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI VENETO PROMOZIONE S.C.P.A. Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO pag. 3 ART. 2 LIMITI DI IMPORTO E DIVIETO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. TERRA DELLE SIRENE SpA. Pag.1. Servizi Ecoambientali e del Territorio

REGOLAMENTO ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. TERRA DELLE SIRENE SpA. Pag.1. Servizi Ecoambientali e del Territorio Pag.1 REGOLAMENTO ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI SOMMARIO ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - LIMITI DI APPLICAZIONE - DIVIETO DI FRAZIONAMENTO ART. 3 - MODALITÀ DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA ART.

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Curia Mercatorum del 13 aprile 2012 Pag. 1 / 8 I n d i c e ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE GENERALE Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. Art. 6. Art. 7. Art. 8. Art. 9. Art. 10.

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisizione in economia di forniture di beni e servizi Articolo 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

ACQUISIZIONI IN ECONOMIA

ACQUISIZIONI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E PER LA FORMAZIONE E GESTIONE DELL'ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 12 DEL D.LGS. 12 APRILE

Dettagli

riferiti al costo complessivo del bene o servizio per tutta la durata del contratto.

riferiti al costo complessivo del bene o servizio per tutta la durata del contratto. REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Articolo 1. Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.125, comma 10, d.lgs. n.163/2006, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006)

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... ART. 3 - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi

Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Regolamento per l acquisto in economia di forniture di beni e servizi Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 marzo 2011 Art. 1 OGGETTO 1. OGGETTO: Il presente regolamento disciplina il sistema

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Delibera Assemblea n. 12 del 03 Aprile 2003 Modificato con Delibera Assemblea n. 10 del 03 Aprile 2007 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Adottato dal Consiglio di Amministrazione del 22 dicembre 2015 1 INDICE 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 MODALITA DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per per l acquisizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA SOCIETA DI PROMOZIONE PER L UNIVERSITA NELL IMPERIESE P.A. Via Nizza, 8 18100 Imperia Società soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Amministrazione Provinciale di Imperia REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con Decreto dell Amministratore Unico n 5 del 23/01/2015 1 Articolo 1 Quadro normativo di riferimento Il presente Regolamento

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del protocollo

Articolo 1 Oggetto del protocollo Protocollo per l acquisizione di lavori, servizi e forniture in economia della Fondazione i Pomeriggi Musicali e della Società I Pomeriggi Musicali Servizi Teatrali Srl Approvato dal CdA il 15/02/2016

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA 8 Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06

Dettagli

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

Area Affari Generali Settore Appalti e Approvvigionamento Ufficio Contratti e Appalti

Area Affari Generali Settore Appalti e Approvvigionamento Ufficio Contratti e Appalti DISCIPLINA CONCERNENTE I PROCEDIMENTI RELATIVI ALLE SPESE IN ECONOMIA (emanato con D.R. n. 122/2013 del 26 febbraio 2013 ed entrato in vigore il 26 febbraio 2013) Art. 1 Oggetto della disciplina 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI Rev.01 Pagina 1 di 8 TABELLA REVISIONI REGOLAMENTO Rev. Data Descrizione della Modifica 00 08 ottobre 2012 Prima emissione 01 16 settembre 2015 Aggiornamento 02 18 novembre 2015 Aggiornamento Rev.01 Pagina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GRANAROLO DELL EMILIA

ISTITUTO COMPRENSIVO GRANAROLO DELL EMILIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO GRANAROLO DELL EMILIA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Indirizzo Musicale Via Roma, 30 40057

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i.

REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i. REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i. Regolamento modificato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA Revisione Approvazione Descrizione delle modifiche 0 27 novembre 2008 Consiglio di Amministrazione adozione 1 23

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Disciplina per l acquisizione in economia dei beni e dei servizi da parte dell Agenzia Umbria Ricerche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto della disciplina 1. La presente disciplina regolamenta

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Politiche e Procedure per l'acquisto in economia di beni e servizi Politiche In ragione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione in economia di

Dettagli

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 e-mail:rgee011005@istruzione.it Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel.

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel. Camera di Commercio I.A.A. C.so Risorgimento, 302 86170 - ISERNIA OGGETTO: Istanza di iscrizione all Albo Fornitori. Il sottoscritto, nato a il, nella qualità di, della ditta/società Consede legale in,

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia.

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei beni e servizi in economia E ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per i seguenti beni

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO

SCHEMA DI REGOLAMENTO AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Via PAPA GIOVANNI XXIII, 4 71010 CHIEUTI (FG) SCHEMA DI REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA 1 Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

Sispi S.p.A. REGOLAMENTO PER ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI.

Sispi S.p.A. REGOLAMENTO PER ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Sispi S.p.A. REGOLAMENTO PER ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione in economia

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA G. MATTEOTTI, 11 REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 30, comma 1, 36, 37, 38 del D. Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e

Dettagli

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P. Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.) Regolamento per l acquisto in economia di forniture

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori in economia e l acquisizione di beni e servizi

Dettagli

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 FORMAZIONE ELENCO OPERATORI ECONOMICI CONSULTABILI NELL AMBITO DI PROCEDURE IN ECONOMIA PER IL TRIENNIO 2010-2012 (art. 7 del regolamento per l acquisizione in economia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI PER LE SPESE IN ECONOMIA PER LAVORI, FORNITURE E SERVIZI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI PER LE SPESE IN ECONOMIA PER LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI PER LE SPESE IN ECONOMIA PER LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Seruso SpA in data 12.09.2012 In vigore dal 12.09.2012-1

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.27 in data 28.11.2006 I N D I C

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara SENATO ACCADEMICO 28/10/2008; 26/05/2009; 20/05/2011;22/11/2011;20/11/2013 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE P A D O V A REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE P A D O V A REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE P A D O V A REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA ART. 1 - Oggetto Le disposizioni che seguono disciplinano l esecuzione in economia

Dettagli

Svolge le funzioni di verbalizzante il Direttore Generale Alessandra Cavazzoni.

Svolge le funzioni di verbalizzante il Direttore Generale Alessandra Cavazzoni. ATTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA N. 7/1 DEL 24 GENNAIO 2014 OGGETTO: MODIFICA A REGOLAMENTO DELLE SPESE IN ECONOMIA (LAVORI, FORNITURE, SERVIZI, INCARICHI ESTERNI) DI ASP TERRE D ARGINE.

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS N.163/2006) DI BENI E SERVIZI

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS N.163/2006) DI BENI E SERVIZI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (ART.125 D. LGS N.163/2006) APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 09/11/2009

Dettagli

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 20.06.2011 1 I N

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA E PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione CC n. 41 del 31/07/2002

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Pagina 1 di 6 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 1 Principi 1.1 L affidamento da parte della S.A.G.A. S.p.A. di lavori, servizi e forniture deve

Dettagli

ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA

ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA Allegato 2 del Regolamento per la formazione e gestione dell elenco dei fornitori, di beni, servizi e lavori in economia (allegato A) ELENCO DEI FORNITORI DI BENI, SERIVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI dell Azienda di Servizi alla Persona di Spilimbergo Approvato con Delibera del C. di A. n. 4 del 12.04.2011 ART. 1 NORME GENERALI SULL ATTIVITÀ CONTRATTUALE 1. L ASP,

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. C O M U N E D I B O N I F A T I PROVINCIA DI COSENZA P.Iva 00390090785 www.comunebonifati.it e-mail comunebonifati@libero.it tel. 0982/93338-39 fax 0982/93392 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell'art. 125 comma 10 Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA E PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI INDICE PARTE I ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA ARTICOLO 1- OGGETTO ARTICOLO 2- LIMITI

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine Pag. 1 COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, PROVVISTE E SERVIZI (Approvato con deliberazione consiliare commissariale n. 48 dd. 29.11.2005) 1 Pag. 2

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI FEEDEERRAAZZIIONEE NAAZZIIONAALLEE COLLLLEEGGII PRROFFEESSSSIIONAALLII TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA REGOLAMENTO INTERNO PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI Roma li 16/01/2016 pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con deliberazione n. 3/56 del 21/11/2007

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con deliberazione n. 3/56 del 21/11/2007 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Approvato con deliberazione n. 3/56 del 21/11/2007 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO TITOLO I - AFFIDAMENTO DI FORNITURE E SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Via Strambio,9 22030 Eupilio C.F.: 00571510130 Tel. 031 655 623 Fax 031 657 445 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 DEL 21.05.2007 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

QUESTIONARIO INFORMATIVO FORNITORE

QUESTIONARIO INFORMATIVO FORNITORE Sede Legale 89100 Reggio Calabria Palazzo Ce.Dir. Uffici Comunali (Centro Direzionale di Reggio Calabria) Sede Operativa Via Pio XI trav. De Blasio 3/4 89133 Reggio Calabria tel: +39.0965.596720 fax: +39.0965.736002

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Decreto n. 1887 del 05/12/2006 Prot. n. 36390 Anno 2006 Titolo I Classe 3 Fascicolo IL RETTORE VISTA la Legge 9.05.1989 n. 168; VISTO il D.P.R. 20 agosto 2001 n. 384 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI CALVENZANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 39 del 29/11/2004 Modificato con deliberazione di

Dettagli

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE ALLEGATO AA) AL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA SOCIETA ATTIVA S.R.L. ELENCO CATEGORIE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 200 del 10/6/1996. Modificato con deliberazioni dell U.P. n. 270 del 18/7/1997, n. 74 del 20/10/1999, n. 204 dell 11/12/2001,

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Sede P.le R. Guardini, 1-37138 Verona 045-8101428 fax 045-573497 - Codice fiscale 80020540235

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l acquisizione in economia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Beni e Servizi in economia Art. 3 - Limiti di applicazione Art. 4 - Divieto di frazionamento

Dettagli

Regolamento spese in economia

Regolamento spese in economia Regolamento spese in economia DISCIPLINA DELLE PROCEDURE IN ECONOMIA PER L ACQUISTO DI LAVORI, BENI E SERVIZI Premessa - Considerata l esigenza di disciplinare, con procedura uniforme, le acquisizioni

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli