CONVEGNO IGI CODICE ANTIMAFIA: PRIMO MONITORAGGIO DELLA SUA APPLICAZIONE. Roma, 16 maggio I problemi applicativi del Codice Antimafia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO IGI CODICE ANTIMAFIA: PRIMO MONITORAGGIO DELLA SUA APPLICAZIONE. Roma, 16 maggio 2013. I problemi applicativi del Codice Antimafia"

Transcript

1 CONVEGNO IGI CODICE ANTIMAFIA: PRIMO MONITORAGGIO DELLA SUA APPLICAZIONE Roma, 16 maggio 2013 I problemi applicativi del Codice Antimafia a cura di Laura Savelli Con il d.lgs. n. 218/2012, è entrato in vigore il Libro II del d.lgs. n. 159/2011 contenente la disciplina dedicata alle nuove regole sulla documentazione antimafia: una normativa che ha già effettuato una prima fase di rodaggio, essendo divenuta operativa dal 13 febbraio 2013, e che è dunque pronta a sottoporsi ad un primo bilancio sui risultati conseguiti. Inquadramento generale. Nel Libro II del d.lgs. n. 159/2011, come accadeva per la disciplina previgente, sono individuate due tipologie di documenti che debbono essere richiesti ai fini dei controlli antimafia: la comunicazione antimafia e l informazione antimafia. La comunicazione antimafia [art. 84, co. 2] attesta la sussistenza o l insussistenza di una delle cause di decadenza, di sospensione o di divieto indicate dall art. 67 del Codice antimafia, vale a dire di provvedimenti definitivi di applicazione di una misura di prevenzione. L informazione antimafia [art. 84, co. 3] si caratterizza invece per un elemento ulteriore, nel senso che, oltre a certificare la sussistenza o l insussistenza di una delle cause di decadenza, di sospensione o di divieto indicate dall art. 67 del Codice antimafia, attesta anche l esistenza di tentativi di infiltrazione mafiosa tendenti a condizionare le scelte e gli indirizzi delle società sottoposte a controllo. In particolare, le situazioni relative ai tentativi di infiltrazione mafiosa sono desunte [art. 84, co. 4]: a) dai provvedimenti che dispongono una misura cautelare o il giudizio, ovvero che recano una condanna anche non definitiva per i reati di turbata libertà degli incanti [art. 353 c.p.], turbata libertà del procedimento di scelta del contraente [art. 353-bis c.p.], estorsione [art. 629 c.p.], truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche [art. 640-bis c.p.], usura [art. 644 c.p.], riciclaggio [art. 648-bis c.p.], impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita [art. 648-ter c.p.]; b) dalla proposta o dal provvedimento di applicazione di una misura di prevenzione; 1

2 c) dall omessa denuncia all autorità giudiziaria dei reati aggravati di concussione [art. 317 c.p.] e estorsione [art. 629 c.p.] da parte dei soggetti indicati dall art. 38, co. 1, lett. b), del Codice dei contratti; d) - e) dagli accertamenti disposti dai Prefetti competenti sui cantieri; f) dalle sostituzioni negli organi sociali, nella rappresentanza legale della società o nella titolarità delle imprese individuali o delle quote societarie, effettuate da chiunque conviva stabilmente con i soggetti destinatari dei provvedimenti di cui alle lett. a) e b), con modalità che, per i tempi in cui vengono realizzati, il valore economico delle transazioni, il reddito dei soggetti coinvolti, nonché le qualità professionali dei subentranti, denotino l intento di eludere la normativa sulla documentazione antimafia. In aggiunta, il Prefetto può desumere il tentativo di infiltrazione mafiosa anche [art. 91, co. 6]: 1) da provvedimenti di condanna, anche non definitivi, per reati strumentali all attività delle organizzazioni criminali unitamente a concreti elementi da cui risulti che l attività d impresa possa, anche in modo indiretto, agevolare le attività criminose o esserne in qualche modo condizionata; 2) dall accertamento di violazioni reiterate degli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all art. 3 della legge n. 136/2010. Chi può fare la richiesta [art. 83, co. 1 e 2]: sia la comunicazione, sia l informazione antimafia devono essere richieste dalle pubbliche amministrazioni, dagli enti pubblici, anche costituiti in stazioni uniche appaltanti, dagli enti e dalle aziende vigilati dallo Stato o da altro ente pubblico e dalle società o imprese comunque controllate dallo Stato o da altro ente pubblico, nonché dai concessionari di opere pubbliche e dai contraenti generali. Dove fare la richiesta: sia per la comunicazione antimafia [art. 87], sia per l informazione antimafia [art. 90], la richiesta deve essere indirizzata al Prefetto della provincia in cui hanno sede i soggetti richiedenti. Mentre, per i soggetti aventi residenza o sede all estero, la documentazione antimafia (sia la comunicazione, sia l informazione) è rilasciata dal Prefetto della provincia di esecuzione dei contratti e dei subcontratti. Quando fare la richiesta: la documentazione antimafia deve essere acquisita prima di stipulare, approvare o autorizzare i contratti e subcontratti relativi a lavori, servizi e forniture pubblici [art. 83, co. 1], fatta eccezione per i provvedimenti, gli atti, i contratti e le erogazioni il cui valore complessivo non supera i euro [art. 83, co. 3, lett. e]. La richiesta di documentazione antimafia è formulata in base all importo del contratto. 2

3 La comunicazione antimafia deve essere richiesta per contratti di appalto di valore compreso tra euro e le soglie comunitarie, e quindi: LAVORI: ; SERVIZI E FORNITURE: SETTORI SPECIALI - LAVORI: ; SETTORI SPECIALI - SERVIZI E FORNITURE: L informazione antimafia deve essere invece acquisita prima di stipulare contratti di appalto, il cui valore sia pari o superiore alle soglie comunitarie [art. 91, co. 1, lett. a], o di autorizzare subcontratti, cessioni o cottimi di importo superiore a euro [art. 91, co. 1, lett. b]. In ogni caso, per determinate tipologie di attività suscettibili di infiltrazione mafiosa (che dovranno essere definite con decreto del Ministero dell interno), sarà sempre obbligatoria l acquisizione della documentazione, indipendentemente dal valore del contratto o del subcontratto [art. 91, co. 7]. Schematizzando: Tipologia contrattuale Fascia di importo Documentazione antimafia Nessuna Appalto Soglie UE Comunicazione Sopra Soglie UE Informazione Subappalto Nessuna Sopra Informazione Validità: la comunicazione antimafia ha una validità di 6 mesi dalla data di acquisizione [art. 86, co. 1]; mentre, l informazione antimafia ha una validità di 12 mesi [art. 86, co. 2], salvo che non vi siano state nel frattempo modificazioni dell assetto societario. In tale ipotesi, infatti, i legali rappresentanti, entro 30 giorni dall intervenuta modificazione, hanno l obbligo di trasmettere al Prefetto che ha rilasciato l informazione antimafia copia degli atti dai quali risulta le variazioni societarie o gestionali dell impresa [art. 86, co. 3]. Quanto all utilizzo della documentazione, i soggetti che acquisiscono la comunicazione antimafia, di data non anteriore a 6 mesi, o l informazione antimafia, di data non inferiore a 12 3

4 mesi, adottano il provvedimento richiesto e gli atti conseguenti o esecutivi, compresi i pagamenti, anche se il provvedimento o gli atti sono perfezionati o eseguiti in data successiva alla scadenza di validità della documentazione antimafia [art. 86, co. 5]. Le verifiche antimafia per i subappalti di importo inferiore a 150 mila euro. Un primo problema operativo nell applicazione del Codice antimafia è riferito all ipotesi di esenzione dalle verifiche disposta per i subcontratti di importo inferiore a 150 mila euro, per i quali, come evidenziato nel prospetto di cui al paragrafo precedente, il d.lgs. n. 159/2011 non richiede alcun accertamento presso le Prefetture da parte delle P.A. Tale esenzione presenta tuttavia un difetto di coordinamento normativo innanzi tutto con la disciplina del subappalto contenuta nel Codice dei contratti, che non prevede alcuna soglia di importo al di sotto della quale non sono disposte le verifiche antimafia, nonché con la disciplina dei requisiti di ordine generale, che ciascun operatore economico deve possedere in maniera indistinta ai fini dell ammissione alla gara o dell ottenimento dell autorizzazione al subappalto. Dalla lettura dell art. 118, co. 2, del d.lgs. n. 163/2006, risulta infatti in maniera inequivocabile che: l affidamento in subappalto o in cottimo è sottoposto alle seguenti condizioni: (...) 4) che non sussista, nei confronti dell affidatario del subappalto o del cottimo, alcuno dei divieti previsti dall articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, e successive modificazioni [ora, art. 67, d.lgs. n. 159/2011]. E, altrettanto chiaramente, la norma dispone 3) che, al momento del deposito del contratto di subappalto presso la stazione appaltante, l affidatario trasmetta altresì (...) la dichiarazione del subappaltatore attestante il possesso dei requisiti generali di cui all articolo 38. In particolare, poi, con riferimento all eventuale sussistenza di provvedimenti interdittivi antimafia, la norma sul possesso dei requisiti generali considera sufficiente, quale motivo di esclusione (e quindi, di mancata autorizzazione al subappalto), anche la mera pendenza di un procedimento per l applicazione di una misura di prevenzione, attribuendo implicitamente rilievo ai provvedimenti formalmente già disposti dall Autorità giudiziaria. Il citato art. 38 del Codice dei contratti prevede infatti l esclusione dalla gara per i concorrenti (e quindi, la mancata autorizzazione per i subappaltatori) c) nei cui confronti è pendente procedimento per l applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all articolo 3 della legge 27 dicembre 1956, n o di una delle cause ostative previste dall articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n In realtà, anche la previgente disciplina antimafia non prevedeva alcuna verifica per i subcontratti di importo inferiore alla soglia di 150 mila euro. Ma, tale disciplina non poneva problemi di coordinamento normativo con le citate disposizioni del Codice dei contratti, dal momento che era riconosciuta alle stazioni appaltanti la possibilità di utilizzare i certificati 4

5 camerali recanti la dicitura del nulla osta antimafia, per accertare l eventuale sussistenza di provvedimenti interdittivi a carico dei soggetti sottoposti a controllo. In altri termini, le stazioni appaltanti, pur non essendo vincolate ad effettuare verifiche al di sotto di tale soglia, ottenevano ugualmente le informazioni sulla eventuale pendenza di procedimenti per l applicazione di misure di prevenzione o sulla sussistenza di provvedimenti definitivi mediante l acquisizione dei certificati camerali, che consentiva dunque di verificare i requisiti richiesti dall art. 118 del Codice dei contratti. Sennonché, nel Codice antimafia non è stata riprodotta una disposizione analoga al previgente art. 9 del d.p.r. n. 252/1998, che equiparava il certificato camerale alla comunicazione prefettizia, essendo stato disposto invece che l accertamento viene effettuato dalle P.A. mediante apposita richiesta alla Prefettura che, a tal fine, si avvale dei collegamenti telematici con le altre banche-dati già esistenti, vale a dire con il CED interforze e con le stesse Camere di commercio. Si tratta, all evidenza, di una modifica fondata sul fatto che la nuova disciplina è stata interamente pensata in funzione della Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia, vale a dire di un archivio informatizzato che consente (sebbene, per il momento, solo in via potenziale) di acquisire in tempo reale tutte le notizie sull integrità dei soggetti sottoposti a controllo, facendo venire meno la necessità di doversi avvalere, come in passato, dei certificati camerali. Solo in via potenziale, però. Poiché, allo stato attuale, l art. 87, co. 1, del Codice antimafia, dispone da un lato che: La comunicazione antimafia è rilasciata dal prefetto ( ), ed è conseguita mediante consultazione della banca dati nazionale da parte dei soggetti di cui all articolo 97, co. 1 [P.A., CCIAA e ordini professionali], debitamente autorizzati ; ma, dall altro lato, l art. 99, co. 2-bis, stabilisce che: Fino all attivazione della banca dati, e comunque non oltre dodici mesi dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del primo dei regolamenti di cui al co. 1, i soggetti di cui all art. 83, co. 1 e 2 [P.A.], acquisiscono d ufficio tramite le prefetture la documentazione antimafia. Ma, a prescindere dalla mancata attivazione della banca-dati antimafia e dalla contestuale scomparsa del nulla-osta camerale, resta il fatto che l esenzione attualmente prevista dal d.lgs. n. 159/2011 per i subcontratti di importo inferiore a 150 mila euro crea un conflitto normativo tra la discipline del Codice dei contratti e del Codice antimafia che, non solo nelle more della messa a punto dell archivio informatico, ma anche una volta divenuto operativo, dovrà trovare necessariamente una soluzione. In caso contrario, infatti, la richiesta della documentazione antimafia per i soli subcontratti di importo superiore a tale soglia rischia di far apparire paradossale l operato delle stazioni appaltanti nel momento in cui avviano invece, nei confronti dei subappaltatori di affidamenti minori, i necessari accertamenti sulla regolarità della loro posizione fiscale o contributiva, tralasciando invece le verifiche antimafia. 5

6 Ma, nell attesa di un intervento legislativo riparatorio, resta l urgenza di far fronte alla attuale impossibilità delle stazioni appaltanti di compiere le verifiche antimafia e di reperire altrove le informazioni che dovrebbe fornire la Prefettura, considerato peraltro che si tratta di dati che non implicano alcuna valutazione discrezionale. Ad oggi, infatti, a fronte dei controlli avviati dalle P.A. per tale fascia di subcontratti nei primi mesi di applicazione della nuova disciplina, le Prefetture hanno sostanzialmente restituito al mittente le richieste di comunicazioni antimafia, sul presupposto che, per importi inferiori a 150 mila euro, vi sia un esenzione da qualunque accertamento. Pertanto, resta da comprendere quali siano le modalità alternative di verifica antimafia, cui possono ricorrere le stazioni appaltanti per ovviare ai dinieghi disposti dalle Prefetture e, soprattutto, per adempiere agli obblighi posti dagli artt. 38 e 118 del Codice dei contratti. Una soluzione, peraltro illustrata anche nella determinazione dell Autorità per la Vigilanza n. 1 del 16 maggio 2012, potrebbe essere rappresentata dall acquisizione del certificato che può essere rilasciato dalla Sezione Misure di Prevenzione di ciascun Tribunale il quale attesta, in caso di esito negativo, tanto la pendenza di procedimenti per l inflizione di misure di prevenzione, quanto la sussistenza di provvedimenti che ne dispongano l applicazione. L inconveniente pratico di tale soluzione è tuttavia costituito dal fatto che, mentre le richieste di comunicazione antimafia sono inoltrate alla Prefettura della provincia in cui ha sede la P.A. richiedente per tutti i soggetti da sottoporre a verifica, i certificati delle Sezioni Misure di Prevenzione debbono essere acquisiti presso i diversi Tribunali dei capoluoghi di provincia nell ambito dei quali dimorano le persone fisiche sottoposte a controllo e, pertanto, debbono essere inoltrate tante richieste quanti sono i soggetti da verificare (senza considerare le ulteriori difficoltà legate alla esatta individuazione della dimora dei diversi interessati). Peraltro, trattandosi di una soluzione alternativa rispetto all acquisizione della comunicazione prefettizia, si pone poi anche il problema, di non poco rilievo pratico, della identificazione delle persone fisiche in relazione alle quali deve essere effettuata la richiesta al Tribunale, nel senso cioè che occorre stabilire se, tra i soggetti da sottoporre a controllo, rientrino tutti i soggetti indicati dal nuovo Codice antimafia [art. 85, di cui si parlerà approfonditamente in seguito] o solamente quelli risultanti dall elencazione più ristretta di cui all art. 38, co. 1, lett. b), del Codice dei contratti. Una maggiore cautela imporrebbe naturalmente di formulare una richiesta per ciascuno dei soggetti contemplati dal Codice antimafia; ma, partendo dal presupposto che le Prefetture non ritengono applicabile il d.lgs. n. 159/2011 per i subcontratti di importo inferiore alla soglia di 150 mila euro, la verifica potrebbe essere condotta solamente per le persone fisiche indicate dall art. 38, co. 1, lett. b), del Codice dei contratti. Infine, qualora tale soluzione dovesse risultare un adempimento eccessivamente gravoso per le stazioni appaltanti, non è da sottovalutare l ipotesi di ritornare, seppur in via transitoria, al sistema di verifica precedente, vale a dire ripristinando l utilizzo del nulla-osta camerale, almeno finché non diventi effettivamente operativa la Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia. 6

7 L acquisizione della comunicazione antimafia. Dalla mancata attivazione della banca-dati, deriva poi un ulteriore problema riguardante l acquisizione della comunicazione antimafia da parte delle stazioni appaltanti per i contratti di appalto di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria. A tal riguardo, l art. 88, co. 1, del Codice antimafia prevede infatti che il rilascio della comunicazione antimafia è immediatamente conseguente alla consultazione della banca dati quando non emerge la sussistenza di cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all articolo 67. Mentre, nel caso che dal database dovesse emergere la sussistenza di una di tali cause, l art. 88, co. 2, specifica che il prefetto effettua le necessarie verifiche e accerta la corrispondenza dei motivi ostativi emersi dalla consultazione della banca dati alla situazione aggiornata del soggetto sottoposto agli accertamenti. In sostanza, partendo dal presupposto dell esistenza di una banca-dati operativa, la norma non fissa attualmente alcun termine di rilascio della comunicazione antimafia, fatta eccezione per il caso che la Prefettura debba effettuare controlli sulla situazione aggiornata del soggetto da verificare. Solo in tali ipotesi, infatti, l art. 88, co. 4, del Codice antimafia dispone che: il prefetto rilascia la comunicazione antimafia entro quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta. Quando le verifiche disposte siano di particolare complessità, il prefetto ne dà comunicazione senza ritardo ai soggetti richiedenti di cui all art. 83, co. 1 e 2 [P.A.], e fornisce la comunicazione antimafia entro ulteriori trenta giorni. Con riferimento all acquisizione della comunicazione antimafia, un primo profilo critico è dunque rappresentato dalla incertezza che attualmente sussiste sui tempi di rilascio della documentazione prefettizia e che, nell attesa di un chiarimento al riguardo, si presuppongono pari a quelli scanditi invece con maggior precisione dall art. 92, co. 2, per il diverso caso dell informazione antimafia. Tale ultima disposizione stabilisce infatti che: (...) quando dalla consultazione della banca dati emerge la sussistenza di cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all articolo 67 o di un tentativo di infiltrazione mafiosa di cui all articolo 84, comma 4, il prefetto rilascia l informazione antimafia interdittiva entro quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta. Quando le verifiche disposte siano di particolare complessità, il prefetto ne dà comunicazione senza ritardo all amministrazione interessata e fornisce le informazioni acquisite entro i successivi trenta giorni. (...). Ma, aldilà dell incertezza sui termini di rilascio della comunicazione antimafia, la differenza sostanziale tra le due disposizioni è rappresentata dal fatto che, mentre per le informazioni prefettizie è stata confermata, mutuandola dal sistema previgente, la regola del silenzioassenso per cui, in caso di mancato o ritardato riscontro della richiesta della P.A. da parte della Prefettura, le stazioni appaltanti procedono anche in assenza dell informazione, per le comunicazioni antimafia non è stata confezionata una disposizione analoga. 7

8 Difatti, solamente per le informazioni, l art. 92, co. 3, del d.lgs. n. 159/2011 dispone che: Decorso il termine [per il rilascio dell informazione], ovvero, nei casi di urgenza, decorso il termine di quindici giorni dalla ricezione della richiesta, i soggetti di cui all art. 83, co. 1 e 2 [P.A.], procedono anche in assenza dell informazione antimafia. In tali casi, i contributi, i finanziamenti, le agevolazioni e le altre erogazioni di cui al co. 1 sono corrisposti sotto condizione risolutiva e i soggetti di cui all art. 83, co. 1 e 2 [P.A.], revocano le autorizzazioni e le concessioni o recedono dai contratti, fatto salvo il pagamento del valore delle opere già eseguite e il rimborso delle spese sostenute per l esecuzione del rimanente, nei limiti delle utilità conseguite. Per le comunicazioni antimafia, sembra invece che l unico caso in cui l Amministrazione possa proseguire il suo iter sia rappresentato dalle ipotesi in cui ricorra un urgenza o il rinnovo di provvedimenti già disposti. Solo per tali evenienze, infatti, l art. 89, co. 1, del Codice antimafia stabilisce che: Fuori dei casi in cui è richiesta l informazione antimafia, i contratti e i subcontratti relativi a lavori, servizi o forniture dichiarati urgenti ed i provvedimenti di rinnovo conseguenti a provvedimenti già disposti, sono stipulati, autorizzati o adottati previa acquisizione di apposita dichiarazione con la quale l interessato attesti che nei propri confronti non sussistono le cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all articolo 67. La dichiarazione deve essere sottoscritta con le modalità di cui all articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n In termini operativi, ciò significa che, nel caso in cui dovesse verificarsi un ritardo delle Prefetture nella trasmissione della comunicazione antimafia, le stazioni appaltanti verrebbero a trovarsi in una impasse che, allo stato attuale, oltre a non trovare conforto in soluzioni legislative, rischia di generare una paralisi nella conclusione delle procedure di affidamento dei contratti pubblici. Peraltro, tale rilievo critico sembra oramai avvalorato anche dalla realtà, dal momento che, ad oggi, gran parte delle richieste di comunicazione antimafia, inoltrate dalle stazioni appaltanti alle Prefetture nei primi tre mesi di applicazione della nuova disciplina, non hanno ricevuto riscontro nell (ipotetico) termine di 45 giorni, determinando di conseguenza una situazione di stallo nella conclusione dei procedimenti delle P.A. Anche in tal caso, dunque, valgono le osservazioni formulate con riferimento all ipotesi dei controlli da effettuare per i subcontratti di importo inferiore alla soglia di 150 mila euro, nel senso cioè che resta da comprendere se esistano modalità alternative di verifica, cui possano ricorrere le Pubbliche Amministrazioni, per ovviare ai ritardi ingiustificati maturati dalle Prefetture nei riscontri delle richieste formulate da parte delle stazioni appaltanti. Pertanto, anche in considerazione di tale ulteriore problema operativo, diventa ancora più urgente la necessità di stabilire se gli accertamenti antimafia possano essere condotti con modalità alternative, ossia mediante l acquisizione dei certificati della Sezione Misure di Prevenzione dei Tribunali o mediante l eventuale reintroduzione, nelle more dell attivazione della banca-dati, dei nulla-osta forniti dalle Camere di commercio. Tuttavia, a differenza dei subcontratti di importo inferiore alla soglia di 150 mila euro, la soluzione dell acquisizione dei certificati presso i Tribunali potrebbe rivelarsi eccessivamente 8

9 gravosa per le P.A.: trattandosi in tal caso di contratti di appalto di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria, cioè soggetti all acquisizione della comunicazione antimafia, le richieste dovrebbero essere effettuate per ciascuno dei soggetti indicati dall art. 85 del d.lgs. n. 159/2011, e quindi presso i diversi Tribunali dei capoluoghi di provincia in cui dimorano le singole persone da sottoporre a verifica, con ogni aggravio procedimentale che ne potrebbe derivare. Le misure di prevenzione. Come illustrato in precedenza, la comunicazione e l informazione antimafia hanno in comune l attestazione della sussistenza o meno di una delle cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all articolo 67. La norma cui si rinvia, vale a dire l art. 67 del Codice antimafia, rubricato Effetti delle misure di prevenzione, riproduce in sostanza il contenuto dell art. 10 della legge n. 675/1965, seppur con una differenza fondamentale rispetto al testo previgente. La norma originaria, nel disciplinare gli effetti di un provvedimento interdittivo, estendeva infatti il suo ambito di applicazione alle misure di prevenzione sia personali sia patrimoniali, prevedendo al comma 1 che: Le persone alle quali sia stata applicata con provvedimento definitivo una misura di prevenzione non possono ottenere: (...) c) concessioni di costruzione, nonché di costruzione e gestione di opere riguardanti la pubblica amministrazione e concessioni di servizi pubblici; d) iscrizioni negli albi di appaltatori o di fornitori di opere, beni e servizi riguardanti la pubblica amministrazione e nell albo nazionale dei costruttori, nei registri della camera di commercio ( ), e precisando al comma 2 che il provvedimento definitivo di applicazione della misura di prevenzione determina ( ) il divieto di concludere contratti di appalto, di cottimo fiduciario, di fornitura di opere, beni o servizi riguardanti la pubblica amministrazione e relativi subcontratti, compresi i cottimi di qualsiasi tipo, i noli a caldo e le forniture con posa in opera. L attuale art. 67 del Codice antimafia circoscrive invece il perimetro degli effetti interdittivi alle sole misure di prevenzione personali applicate dall Autorità giudiziaria, stabilendo che: Le persone alle quali sia stata applicata con provvedimento definitivo una delle misure di prevenzione previste dal libro I, titolo I, capo II, non possono ottenere: (...). Nella relazione illustrativa del Codice antimafia, la ragione della formulazione dell art. 67 è stata individuata nella modifica apportata in materia di misure di prevenzione dal d.l. 23 maggio 2008, n. 92, il quale ha introdotto la possibilità di applicazione disgiunta della misura personale e di quella patrimoniale: possibilità che, fino a quel momento, non era consentita, dal momento che la misura di prevenzione patrimoniale poteva solo accompagnare o seguire quella di carattere personale. Come si ricava infatti dalla lettura della relazione, nel d.lgs. n. 159/2011 viene affrontata e risolta la questione - postasi successivamente all introduzione della facoltà di applicazione disgiunta delle misure di prevenzione personali e patrimoniali - degli effetti delle misure di 9

10 prevenzione patrimoniali ove applicate disgiuntamente dalle misure personali. Il tessuto normativo, infatti, sul quale è andata ad incidere la dirompente innovazione portata dal d.l. n. 92/08, era disegnato in termini di applicazione necessariamente congiunta delle due distinte tipologie di misure di prevenzione, di tal che non sarebbe stato possibile applicare una misura di prevenzione patrimoniale senza la previa o contemporanea applicazione anche della corrispondente misura personale. In applicazione del principio di delega relativo al coordinamento ed all armonizzazione delle disposizioni, si è reso, pertanto, necessario chiarire il tenore del previgente art. 10 della legge n. 575/65, il quale disciplina, per l appunto gli effetti delle misure di prevenzione, senza fornire alcuna precisazione in ordine al tipo di misure di prevenzione alle quali conseguano gli effetti ivi indicati. Pertanto, come precisato dalla relazione, dopo l innovazione dell applicazione disgiunta, tuttavia, appare logico limitare gli effetti in questione alla sola applicazione di misure di prevenzione personali, le uniche in relazione alle quali è ancora sempre prevista una valutazione dell attuale pericolosità sociale del soggetto proposto. Considerata la novità di non poco rilievo, ci si domanda dunque se ciò non comporti ulteriori problemi di coordinamento rispetto alla disciplina sulla documentazione antimafia. Indubbiamente, tale modifica sta a significare che le cause di decadenza, sospensione o divieto, di cui all art. 67 del d.lgs. n. 159/2011, poste alla base della comunicazione [art. 84, co. 2] e dell informazione antimafia [art. 84, co. 3], possono essere riferite unicamente alle misure di prevenzione personali; e, di conseguenza, che possono essere estromessi dalla gara o non ottenere l autorizzazione al subappalto le sole imprese il cui legale rappresentante o direttore tecnico sia stato ad esempio raggiunto da un provvedimento di sorveglianza speciale, ma non anche gli operatori economici interessati da un provvedimento di sequestro. Diversamente, le misure di prevenzione di carattere patrimoniale potrebbero acquisire rilevanza solamente ai fini dell informazione prefettizia, dal momento che, ai sensi dell art. 84, co. 4, del d.lgs. n. 159/2011, le situazioni relative ai tentativi di infiltrazione mafiosa, che danno luogo all adozione dell informazione antimafia interdittiva, sono desunte, senza alcuna distinzione, anche dalla proposta o dal provvedimento di applicazione di taluna delle misure di prevenzione : il che conduce alla conclusione che, in presenza di una misura di prevenzione patrimoniale, non è più possibile emettere una comunicazione interdittiva, rilevando tale provvedimento ai soli fini della informazione antimafia. Ciò comporterebbe peraltro un nuovo difetto di coordinamento con l art. 38, co. 1, lett. b), del Codice dei contratti che, come abbiamo visto in precedenza, rinvia alla originaria norma antimafia, vale a dire all art. 10 della legge n. 575/1965, che si intende oramai sostituito dall art. 67 del Codice antimafia: pertanto, anche a tal riguardo, appare necessario un chiarimento circa i provvedimenti interdittivi che assumono rilevanza ai fini delle autodichiarazioni rese dai concorrenti (e dai subappaltatori) e dei controlli che la stazione appaltante è tenuta ad effettuare sul loro contenuto. 10

11 I soggetti da sottoporre a verifica antimafia. Tra le novità del Libro II del Codice antimafia, compare indubbiamente un ampliamento delle categorie di soggetti da sottoporre a verifica [art. 85], rispetto all elencazione contenuta nella disciplina previgente; ma, anche sotto tale profilo, sono stati registrati problemi operativi nell applicazione della norma non solo da parte delle stazioni appaltanti, ma anche degli operatori economici, a causa delle difficoltà incontrate nella indicazione dei soggetti da sottoporre a verifica. Ci si riferisce in particolar modo all ipotesi delle società di capitali, per le quali l art. 85, co. 2, lett. c), del d.lgs. n. 159/2011 estende le verifiche anche al socio di maggioranza in caso di società con un numero di soci pari o inferiore a quattro, ovvero al socio in caso di società con socio unico. La norma presenta infatti un difetto di coordinamento rispetto all art. 38, co. 1, lett. b), del Codice dei contratti, il quale dispone parallelamente che sono esclusi dalla gara i concorrenti c) nei cui confronti è pendente procedimento per l applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all art. 3 della legge 27 dicembre 1956, n. 1424, o di una delle cause ostative previste dall'articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575, e che l esclusione e il divieto operano se la pendenza del procedimento riguarda il titolare o il direttore tecnico, se si tratta di impresa individuale; i soci o il direttore tecnico se si tratta di società in nome collettivo, i soci accomandatari o il direttore tecnico se si tratta di società in accomandita semplice, gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza o il direttore tecnico o il socio unico persona fisica, ovvero il socio di maggioranza in caso di società con meno di quattro soci, se si tratta di altro tipo di società. Nel Codice dei contratti, è stato dunque opportunamente specificato che, per le società di capitali, la dichiarazione sulla inesistenza di procedimenti pendenti per l applicazione di una misura di prevenzione deve essere resa dal socio unico persona fisica: locuzione che, come ulteriormente chiarito dall Autorità per la Vigilanza nella determinazione n. 1 del 16 maggio 2012, deve riferirsi anche al socio di maggioranza, nella diversa ipotesi di società con meno di quattro soci. Non a caso, la modifica apportata all art. 38, co. 1, lett. b), del Codice dei contratti ha avuto origine proprio dalla necessità di evitare la formazione di una interminabile filiera di soggetti da sottoporre a verifica e quindi l avvio di controlli superflui e, soprattutto, irragionevoli: uno scenario che, invece, il Codice antimafia si presta nuovamente a riaprire, non avendo inserito il riferimento al socio persona fisica all interno dell art. 85, co. 1, lett. c). Non è difatti infrequente il caso che un operatore economico abbia un socio di maggioranza rappresentato da una holding oppure, ancora, si avvalga dei requisiti di una multinazionale: in termini numerici, si tratta di ipotesi che possono comportare centinaia di controlli che, in realtà, si traducono in meri atti formalistici, ben lontani dall intento originario di perseguire la lotta alla mafia. La paralisi dei procedimenti risulta poi garantita soprattutto laddove si consideri che, per i contratti di importo superiore alla soglia comunitaria e per i subappalti di importo superiore 11

12 a 150 mila euro, i controlli debbono essere disposti anche nei confronti dei familiari conviventi dei soggetti da sottoporre a verifica, poiché l art. 85, co. 3, del d.lgs. n. 159/2011, nel riprodurre una disposizione analoga a quella già contenuta nell Allegato 4 del d.l. 8 agosto 1994, n. 490, conferma che: L informazione antimafia, oltre che ai soggetti di cui ai commi 1 e 2, deve riferirsi anche ai familiari conviventi. Sennonché, dato l ampliamento dell elenco dei soggetti da verificare, e quindi il consecutivo moltiplicarsi del numero dei familiari conviventi rientranti nei controlli, la disposizione sembra sottovalutare un aspetto non irrilevante, quale quello rappresentato dalla tutela della privacy: un esigenza particolarmente avvertita dai numerosi soggetti residenti all estero che, spesso, si trovano a rivestire ruoli di direttore tecnico, di socio o di amministratore delegato, e che legittimamente manifestano il proprio dissenso a fornire le generalità dei propri familiari, ai fini dei controlli antimafia. I protocolli di legalità. Infine, restano sempre attuali i profili di contrasto tra il contenuto dei protocolli di legalità e la disciplina antimafia. Come noto, mediante la sottoscrizione dei protocolli, le Amministrazioni assumono l obbligo di inserire nei bandi di gara, quale condizione per la partecipazione alle procedure, l accettazione preventiva da parte degli operatori economici di determinate clausole che hanno come scopo la prevenzione, il controllo e il contrasto dei tentativi di infiltrazione mafiosa. In alcuni casi, tuttavia, tali cautele aggiuntive si traducono in condizioni di accesso alle gare maggiormente restrittive rispetto a quelle fissate dalla legge o, addirittura, in ipotesi di risoluzione contrattuale extra legem che scattano al verificarsi di violazioni di obblighi o di mancati adempimenti imposti dagli stessi protocolli. In un primo tempo, anche l Autorità per la Vigilanza aveva dubitato del fatto che, in forza del principio di tassatività della cause di esclusione, tali strumenti potessero essere presi in considerazione nella definizione dei bandi-tipo, evidenziando che la possibilità di condizionare la partecipazione alla gara all accettazione dei protocolli non potesse avere un fondamento unilaterale, e che non potesse pertanto essere esclusa l impresa che non lo avesse accettato. Sennonché, nella versione finale della deliberazione n. 4 del 10 ottobre 2012 contenente le linee-guida per la redazione dei bandi-tipo, la stessa Autorità ha fornito una soluzione opposta, in ciò sostenuta successivamente anche dall art. 1, co. 17, della legge anticorruzione (legge n. 190/2012), in base al quale il legislatore ha affermato in via definitiva che: Le stazioni appaltanti possono prevedere negli avvisi, bandi di gara o lettere di invito che il mancato rispetto delle clausole contenute nei protocolli di legalità o nei patti di integrità costituisce causa di esclusione dalla gara. 12

13 Con tale ultimo intervento normativo, sembra dunque che il contrasto abbia avuto una risoluzione definitiva, anche se da un solo punto di vista formalistico; resta però la difficoltà delle stazioni appaltanti e delle imprese di riuscire a conciliare previsioni a volte discordanti che, seppur originate da un intento condivisibile, portano al blocco totale delle procedure di gare e dell esecuzione dei contratti. 13

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

Le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici

Le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici Capitolo VI Le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici di Maria Luisa Battaglia, Riccardo Mattei, Eleonora Pittari, Milena Antonella Rizzi So m m a r i o: VI.1. La documentazione antimafia:

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Determinazione n. 1 del 12 gennaio 2010

Determinazione n. 1 del 12 gennaio 2010 Determinazione n. 1 del 12 gennaio 2010 Requisiti di ordine generale per l affidamento di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture ai sensi dell articolo 38 del decreto legislativo 12 aprile 2006,

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. 96154220584 BANDO PER ISTITUZIONE ELENCO IMPRESE DA INVITARE ALLE

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 33 L.P. 26/1993 PROCEDURE IN ECONOMIA ART. 52 L.P. 26/1993 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO PROCEDURE NEGOZIATE: CRITERI PER LA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207

MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 MODALITÀ DI DIMOSTRAZIONE DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTICOLI 78 E 79 DEL D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 182 del 6 agosto 2011) In occasione dell entrata in vigore

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE La dichiarazione che segue deve essere resa dall Impresa concorrente completa

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Segretariato Generale Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 2 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ARTT. 46 E 47 D.P.R. 445/2000 (possesso requisiti d ordine generale e speciale)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ARTT. 46 E 47 D.P.R. 445/2000 (possesso requisiti d ordine generale e speciale) mod. dichiarazione sostitutiva possesso requisiti d ordine generale e speciale DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ARTT. 46 E 47 D.P.R. 445/2000 (possesso requisiti d ordine generale e speciale) OGGETTO PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

AL COMUNE DI CARPENEDOLO SERVIZI ALLA PERSONA PRESENTAZIONE DELL OFFERTA

AL COMUNE DI CARPENEDOLO SERVIZI ALLA PERSONA PRESENTAZIONE DELL OFFERTA AL COMUNE DI CARPENEDOLO SERVIZI ALLA PERSONA Mod. PRES 1. PRESENTAZIONE DELL OFFERTA Per la pubblica gara avente ad oggetto Procedura aperta per l affidamento del servizio di assistenza ad personam Periodo

Dettagli

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità LAVORI (articoli, e del decreto legislativo n. del 00) Importi in euro: fino a 00.000 da 00.000 a.000.000 da.000.000 di preinformazione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

tracciabilità Faq Frequently Asked Questions sulla Tracciabilità dei flussi finanziari

tracciabilità Faq Frequently Asked Questions sulla Tracciabilità dei flussi finanziari Faq tracciabilità Frequently Asked Questions sulla Tracciabilità dei flussi finanziari Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Novembre 2011 Sommario SEZIONE A -

Dettagli