Lunedì 14 novembre 2011 Hotel Golden Tulip Galilei Via Darsena n.1 Pisa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lunedì 14 novembre 2011 Hotel Golden Tulip Galilei Via Darsena n.1 Pisa"

Transcript

1 Lunedì 14 novembre 2011 Hotel Golden Tulip Galilei Via Darsena n.1 Pisa SEMINARIO SUL TEMA Analisi delle problematiche e responsabilità derivanti dalla applicazione della L.R. Toscana 1/2005 come modificata dalla L.R. Toscana 40/2011 Con particolare riferimento all attività edilizia libera, al nuovo permesso di costruire, alla Scia Promosso da : Ordine Architetti, P.P.C. della Provincia di Pisa Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pisa Collegio dei Geometri e Geometri laureati della Provincia di Pisa Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali laureati della Provincia di Pisa 1

2 RISPOSTE ALLE QUESTIONI EMERSE DAI QUESITI FORMULATI DAGLI ISCRITTI Attività edilizia libera (art. 80 LRT 1/2005, Art. 6 T.U.) Domanda n. 1) Prima di far iniziare i lavori all impresa, di cosa devo essere sicuro? Art. 80, comma 1 e 2, LRT 1/2005 La prima cosa da verificare è se l intervento richiesto dal committente è conforme alle prescrizioni degli strumenti urbanistici, al R.E. e alle altre normative di settore (beni culturali, paesaggio, ambiente, sismica, sicurezza, igienico-sanitaria, efficienza energetica, ecc.). Devo inoltre verificare se le opere necessitino o meno di un titolo abilitativo. Domanda n. 2) Se il R.U./R.E. comunale prescrive la S.C.I.A. per opere che in base all art. 80 LRT 1/2005 rientrerebbero tra quelle libere? Cosa prevale tra il R.U./R.E. e la legge 1/2005? A quale norma mi devo attenere? Al R.U./R.E. comunale. L art. 80 LRT 1/2005 fa espressamente salve dunque da prendere per prime in considerazione le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e dei regolamenti edilizi. Art Attività edilizia libera 1. Fatte salve le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e dei regolamenti edilizi, e comunque nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico sanitarie, di quelle relative all efficienza energetica, nonché delle disposizioni di cui al D.Lgs. 42/2004 e di cui all articolo 79, comma 4, i seguenti interventi sono eseguiti senza titolo abilitativo:. 2

3 Domanda n. 3) Quali formalità/adempimenti devo espletare prima di far iniziare i lavori? Art. 80 commi 1 e 2 Una volta appurato che i lavori da svolgere non necessitano di titolo abilitativo (SCIA o P.C.), devo per prima cosa verificare se occorre rispettare una normativa speciale come, ad esempio, quella in materia di tutela del patrimonio culturale. In caso affermativo, dovrò ottenere le specifiche autorizzazioni/nulla osta/titoli previsti da tali normative prima dell inizio dei lavori. Una volta ottenuti oppure qualora non ricorra la necessità di ottenerli, devo verificare se prima di iniziare i lavori devo comunque inviare una comunicazione all amministrazione comunale. L attività infatti pur libera da titoli edilizi, potrebbe non essere altrettanto libera da adempimenti. Così, se si tratta di una manutenzione ordinaria (art. 80, primo comma, LRT 1/2005) non dovrò inviare alcuna comunicazione. Se invece sono richiesti lavori di manutenzione straordinaria, sempre che non riguardino le parti strutturali dell edificio, non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari, non comportino modifiche della destinazione d uso né aumento del numero delle medesime (SCIA), occorre inviare in Comune una comunicazione antecedente o contestuale all inizio dei lavori. Domanda n. 4) Cosa devo indicare e/o allegare alla comunicazione di inizio lavori? Art. 80 commi 2, 4 e 5. Sempre, le autorizzazioni/nulla osta/atti di assenso preventivi richiesti dalla normativa speciale (es. Codice BBCC e P). Per il resto dipende dal tipo di intervento. Ad eccezione della manutenzione straordinaria, le altre categorie di lavori previsti dal secondo comma dell art. 80 (ma non l art. 6 T.U.) impongono esclusivamente l identificazione dell immobile o dell unità immobiliare oggetto di intervento (comunicazione c.d. semplice ). 3

4 Per la manutenzione straordinaria occorre anche (comunicazione c.d. asseverata ) : 1) indicare i dati identificativi dell impresa che esegue i lavori; 2) allegare una relazione tecnica provvista di data certa, corredata degli opportuni elaborati progettuali, con la quale il professionista : dichiari di non avere rapporti di dipendenza con l impresa né con il committente, se soggetto privato; asseveri, sotto la propria responsabilità, che : i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti; per essi le vigenti norme (anche R.U./R.E.) non prevedono la formazione di un titolo abilitativo (art. 80, comma 5, LRT 1/2005). Domanda n. 5) Che differenza c è tra la comunicazione c.d. asseverata di cui all art. 80, comma 5, e la SCIA di cui all art. 84 LRT 1/2005? In comune hanno il fatto che: 1) possono essere inviate contestualmente all inizio dei lavori; 2) prevedono l allegazione di un progetto e delle eventuali autorizzazioni/nulla osta preventivi; 3) il professionista assevera la conformità dell intervento alla normativa urbanistico-edilizia. Differiscono per il fatto che la comunicazione non è un titolo edilizio come la SCIA o il permesso di costruire in quanto l attività descritta nella comunicazione, se rientra nelle categorie di cui all art. 80 commi 1 e 2, deve ritenersi libera ovvero attuabile senza titolo. La differenza si esprime nel differente regime sanzionatorio applicabile alla omessa comunicazione/segnalazione (vedi prossima domanda). Il silenzio mantenuto dall amministrazione successivamente al deposito della comunicazione non produce alcun effetto giuridico, non assume alcun significato. Domanda n. 6) Cosa succede se : 4

5 a) i lavori progettati ed in corso di esecuzione non rientrano tra quelli per i quali non è richiesto un titolo abilitativo; b) i lavori rientrano tra quelli liberi ma non risultano conformi alla normativa urbanistico-edilizia vigente; c) i lavori progettati rientrano tra quelli liberi, sono conformi alla normativa urbanistico-edilizia, ma non ho mandato la comunicazione (semplice o asseverata) o non ho allegato la relazione del tecnico, nei casi in cui sono richieste. Nel caso a), evidentemente, le opere necessitavano della SCIA (o del permesso di costruire). In questi casi, i lavori devono quindi essere considerati come eseguiti senza titolo e quindi si ha un abuso edilizio. Si applicano le sanzioni amministrative di cui agli artt. 132, 134 e 135. Sul piano penale intervento eseguito in assenza o in difformità dalla SCIA (art. 135) non sussiste alcuna responsabilità. Diversamente nel caso di interventi eseguiti in assenza, in totale difformità dal permesso di costruire [art. 44, comma primo, lett. b) T.U.] oppure in parziale difformità da esso [art. 44, comma primo, lett. a) T.U.]. D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 20 ottobre 2001, n. 245, S.O. Art. 44 (L) Sanzioni penali. (legge 28 febbraio 1985, n. 47, articoli 19 e 20; decreto-legge 23 aprile 1985, n. 146, art. 3, convertito, con modificazioni, in legge 21 giugno 1985, n. 298) 1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato e ferme le sanzioni amministrative, si applica: a) l'ammenda fino a ,00 euro per l'inosservanza delle norme, prescrizioni e modalità esecutive previste dal presente titolo, in quanto applicabili, nonché dai regolamenti edilizi, dagli strumenti urbanistici e dal permesso di costruire; b) l'arresto fino a due anni e l'ammenda da ,00 a ,00 euro nei casi di esecuzione dei lavori in totale difformità o assenza del permesso o di prosecuzione degli stessi nonostante l'ordine di sospensione; c) l'arresto fino a due anni e l'ammenda da ,00 a ,00 euro nel caso di lottizzazione abusiva di terreni a scopo edilizio, come previsto dal primo comma dell'articolo 30. La stessa pena si applica anche nel caso di interventi edilizi nelle zone sottoposte a vincolo storico, artistico, archeologico, paesistico, ambientale, in variazione essenziale, in totale difformità o in assenza del permesso. 2. La sentenza definitiva del giudice penale che accerta che vi è stata lottizzazione abusiva, dispone la confisca dei terreni, abusivamente lottizzati e delle opere abusivamente costruite. Per effetto della confisca i terreni sono acquisiti di diritto e gratuitamente al patrimonio del comune nel cui territorio è avvenuta la lottizzazione. La sentenza definitiva è titolo per la immediata trascrizione nei registri immobiliari. 2-bis. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche agli interventi edilizi suscettibili di realizzazione mediante denuncia di inizio attività ai sensi dell'articolo 22, comma 3, eseguiti in assenza o in totale difformità dalla stessa. 5

6 Nel caso b), si tratta di opere che non necessitavano di titolo edilizio ma la loro difformità rispetto alle prescrizioni della normativa urbanisticoedilizia integra la violazione amministrativa dell art. 135-bis (demolizione e ripristino o in alternativa sanzione pecuniaria). Sul piano penale l intervento edilizio non conforme alla normativa urbanistico-edilizia integra la contravvenzione di cui all art. 44 comma primo, lett. a) T.U. In entrambi i casi, il professionista che ha asseverato l intervento progettato come libero e conforme, risponde civilmente nei confronti del committente (art c.c.) e penalmente per il reato di falso ideologico in atto pubblico, ammesso che in concreto ricorra (vedi le risposte ai quesiti sulla SCIA). La pena è quella prevista dall art. 483 c.p. (reclusione fino a due anni). Veniamo al caso c). Si tratta di una violazione minore rispetto alle precedenti. Si applica (al committente) la sola sanzione amministrativa pecuniaria di Euro 258,00 prevista dall art. 80 comma 7. Sanzione che viene ridotta di 2/3 nel caso in cui, prima che il Comune se ne accorga, viene depositata la comunicazione e/o la relazione del tecnico. Trattandosi di lavori per i quali non è necessario alcun titolo edilizio e non essendo la comunicazione un titolo edilizio, non si deve presentare alcuna sanatoria/accertamento di conformità ex art. 140 LRT 1/2005. L omessa comunicazione, inoltre, è una condotta penalmente irrilevante. Domanda n. 7) La sanzione pecuniaria di Euro 258,00 per la mancata comunicazione di inizio dei lavori ovvero per la mancata trasmissione della relazione tecnica (art. 80 comma 7, LRT 1/2005) che tipo di reato sanziona? Nessun reato, non sussiste alcuna responsabilità penale. La sanzione è solo amministrativa. La condotta non integra alcun abuso edilizio. Domanda n. 8) La sanzione di Euro 258,00 si aggiunge/cumula a quella prevista dall art. 135-bis LRT 1/2005? 6

7 Si possono anche cumulare se io, per un intervento libero : 1) non ho inviato la comunicazione e 2) le opere non risultano conformi alle prescrizioni della normativa urbanistico-edilizia. Attenzione però : la violazione sub 2) costituisce un abuso edilizio ed un reato [art. 44, comma primo, lett. a) T.U.)] Domanda n. 9) Nel caso di comunicazione semplice o asseverata, l art. 80 LRT 1/2005 non prende in considerazione le eventuali varianti da apportare al progetto nel corso dei lavori comunicati : quali adempimenti fanno carico, in questo caso, al tecnico? Nessun adempimento. Non si applica l art. 83-bis LRT 1/2005. Le variazioni purché rientrino esse stesse nell attività libera si devono ritenere assorbite nella comunicazione originaria. Non devo neanche depositare la comunicazione di fine lavori. Altra cosa se la variante riguarda attività edilizia soggetta a SCIA (es. manutenzione straordinaria che incide sulle parti strutturali). In questo caso devo avviare la pratica per formare il titolo edilizio. Non posso fare una variante a fine lavori. Domanda n. 10) Se non devo effettuare alcuna comunicazione in variante a quella già effettuata (vedi risposta a domanda n. 9), chi si accorgerà delle modifiche apportate all unità immobiliare? Dopo la vendita del bene si potrebbe aprire un contenzioso tra acquirente e venditore? Delle modifiche ci si accorge (almeno per quelle più rilevanti) attraverso l obbligo del proprietario (e dunque del tecnico) di effettuare, a fine lavori, l aggiornamento catastale dell unità immobiliare che copre le modifiche comunicate, in variante o meno (art. 80, comma 6, LRT 1/2005). In sede di compravendita operano poi gli obblighi a carico del notaio e della parte intestataria del bene di cui all art. 19, comma 14, d.l. 78/2010 7

8 (parte del pacchetto misure sulle case fantasma ) che ha integrato l art. 29 della legge 27 febbraio 1985, n Negli atti con cui si concede l'ipoteca o di cui si chiede la trascrizione, l'immobile deve essere designato anche con l'indicazione di almeno tre dei suoi confini. 1-bis. Gli atti pubblici e le scritture private autenticate tra vivi aventi ad oggetto il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di comunione di diritti reali su fabbricati già esistenti, ad esclusione dei diritti reali di garanzia, devono contenere, per le unità immobiliari urbane, a pena di nullità, oltre all'identificazione catastale, il riferimento alle planimetrie depositate in catasto e la dichiarazione, resa in atti dagli intestatari, della conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie, sulla base delle disposizioni vigenti in materia catastale. La predetta dichiarazione può essere sostituita da un attestazione di conformità rilasciata da un tecnico abilitato alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale. Prima della stipula dei predetti atti il notaio individua gli intestatari catastali e verifica la loro conformità con le risultanze dei registri immobiliari. Domanda n. 11) Ipotesi prevista dall art. 135-bis LRT 1/2005 : si chiede se la sanzione pecuniaria prevista in alternativa alla demolizione, al pari di quella prevista dall art. 139, sana la difformità dal punto di vista dell illecito penale ma non da quello amministrativo? In questo caso l immobile può ritenersi comunque commerciabile? Per prima cosa le fattispecie dell art. 135-bis e quella dell art. 139 sono diverse : la prima si riferisce ad una attività libera non conforme alla normativa urbanistico-edilizia; la seconda alla difformità dell opera rispetto al titolo (permesso / SCIA pesante). Titolo che nell ipotesi precedente manca. Detto questo, in entrambi i casi il reato (responsabilità penale) non è sanato con il pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria (se applicata). Il reato (contravvenzione di cui all art. 44, comma primo, lett. a) rimane e si cumula alla sanzione amministrativa. Venendo alla seconda parte della domanda, l irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria (alternativa al ripristino) di cui all art. 135-bis, che io la paghi o meno, non incide sulla commerciabilità del bene. L art. 46 T.U. si applica, infatti, solo se ricorrono abusi maggiori intendendosi per tali quelli realizzati senza titolo (permesso e super-dia) o in totale difformità da esso. Nel nostro caso, non essendo necessario un titolo edilizio, la difformità dell immobile rispetto alla normativa urbanistico-edilizia rilevata al momento dell atto non ne preclude la stipula, trattandosi di abuso minore assimilabile quindi alle opere eseguite in assenza o totale difformità dalla DIA/SCIA. 8

9 La stessa soluzione (commerciabilità del bene) si ha nel caso di variazioni interne all unità immobiliare da attuarsi senza titolo non comunicate all amministrazione oppure nel caso di varianti alla comunicazione già depositata. D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). Pubblicato nella Gazz. Uff. 20 ottobre 2001, n. 245, S.O. Art. 46 (L) Nullità degli atti giuridici relativi ad edifici la cui costruzione abusiva sia iniziata dopo il 17 marzo (legge 28 febbraio 1985, n. 47, art. 17; decreto-legge 23 aprile 1985, n. 146, art. 8) 1. Gli atti tra vivi, sia in forma pubblica, sia in forma privata, aventi per oggetto trasferimento o costituzione o scioglimento della comunione di diritti reali, relativi ad edifici, o loro parti, la cui costruzione è iniziata dopo il 17 marzo 1985, sono nulli e non possono essere stipulati ove da essi non risultino, per dichiarazione dell'alienante, gli estremi del permesso di costruire o del permesso in sanatoria. Tali disposizioni non si applicano agli atti costitutivi, modificativi o estintivi di diritti reali di garanzia o di servitù. 2. Nel caso in cui sia prevista, ai sensi dell'articolo 38, l'irrogazione di una sanzione soltanto pecuniaria, ma non il rilascio del permesso in sanatoria, agli atti di cui al comma 1 deve essere allegata la prova dell'integrale pagamento della sanzione medesima. 3. La sentenza che accerta la nullità degli atti di cui al comma 1 non pregiudica i diritti di garanzia o di servitù acquisiti in base ad un atto iscritto o trascritto anteriormente alla trascrizione della domanda diretta a far accertare la nullità degli atti. 4. Se la mancata indicazione in atto degli estremi non sia dipesa dalla insussistenza del permesso di costruire al tempo in cui gli atti medesimi sono stati stipulati, essi possono essere confermati anche da una sola delle parti mediante atto successivo, redatto nella stessa forma del precedente, che contenga la menzione omessa. 5. Le nullità di cui al presente articolo non si applicano agli atti derivanti da procedure esecutive immobiliari, individuali o concorsuali. L'aggiudicatario, qualora l'immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà presentare domanda di permesso in sanatoria entro centoventi giorni dalla notifica del decreto emesso dalla autorità giudiziaria. 5-bis. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche agli interventi edilizi realizzati mediante denuncia di inizio attività ai sensi dell'articolo 22, comma 3, qualora nell'atto non siano indicati gli estremi della stessa. Domanda n. 12) Se le opere che non necessitano di titolo abilitativo devono essere realizzate in variante ad un permesso di costruire o ad una SCIA, cosa devo fare? Non devo inviare la comunicazione al Comune. Quelle opere restano assorbite/sono coperte nel/dal titolo originario. 9

10 Posso quindi ricondurre le modifiche ad una variante finale al titolo edilizio, se ricorrono le condizioni di cui all art. 83-bis (vedi art. 80 comma 8-bis). Se tali condizioni non ricorrono (ad. es. le opere riguardano un bene vincolato ai sensi della parte II^ del Codice dei beni culturali), prima di eseguire i lavori in variante, devo sempre ottenere il nulla osta della Soprintendenza che poi devo allegare alla comunicazione da depositare (questa volta sì) in Comune. Solo dopo o contestualmente al deposito della comunicazione posso procedere con i lavori in variante. Se si tratta di opere che incidono su un vincolo paesaggistico (Parte III^ del Codice) devo prima ottenere l autorizzazione (ove richiesta) dopo di che posso eseguirle senza effettuare alcuna comunicazione e depositare l autorizzazione solo con la variante di fine lavori (cfr. art. 83-bis comma 1, lett. d). PERMESSO DI COSTRUIRE (artt ter LRT 1/2005, art 20 T.U.) Domanda n. 1) Nella dichiarazione che devo allegare alla domanda di permesso di costruire che cosa devo asseverare? Il progettista deve dichiarare che il progetto è conforme: 1) agli strumenti urbanistici approvati oppure adottati; 2) ai regolamenti edilizi vigenti; 3) alle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell attività edilizia (in particolare, alle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie nei casi di cui all articolo 82, comma 4, alle norme relative all efficienza energetica). L elencazione deve ritenersi meramente esemplificativa e non esaustiva. Domanda n. 2) 10

11 L asseverazione da allegare al permesso di costruire è la stessa che il progettista effettua con la SCIA (e prima con la DIA)? E la stessa dichiarazione da allegare alla comunicazione asseverata di cui all art. 80? Sono sostanzialmente la stessa cosa e coinvolgono la medesima responsabilità nei confronti dell amministrazione e del committente. Cambiano semmai le conseguenze sul piano penale per l ipotesi di dichiarazione falsa o mendace. Per il falso nella dichiarazione allegata al permesso o nella asseverazione da sottoscrivere per la SCIA il D.l. 78/2010 e il D.l. 70/2011 che hanno modificato il T.U. (art. 20 comma 13) e la legge 241/90 (art. 19 comma 6) hanno introdotto un nuovo specifico reato sanzionato con la reclusione da uno a tre anni. Per quanto riguarda il falso nella dichiarazione allegata alla comunicazione asseverata di cui all art. 80 (attività edilizia libera) non è prevista una specifica sanzione. Pertanto si applica la pena prevista in generale per il falso ideologico commesso dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) ovvero la reclusione fino a due anni. Sul piano civile e disciplinare la responsabilità è la medesima in tutti e tre i casi. Domanda n. 3) Che cosa si intende per dichiarazione/asseverazione falsa, mendace o non corrispondente al vero? Quando scatta il reato? Per prima cosa occorre dire che la natura del reato è la medesima di quello già contemplato nella disciplina della DIA (T.U.), ovvero il falso ideologico. Di fatto è stata solo inasprita la sanzione: dalla alternativa tra la reclusione fino ad un anno o la multa da 51,00 a 516,00 (art. 481 c.p.) adesso è prevista solo la reclusione da uno a tre anni. La sanzione è stata inoltre estesa alla procedura di rilascio del permesso di costruire per la quale prima non erano previste asseverazioni del progettista. Sul punto vedi infra a proposito della SCIA La previsione dell obbligo di asseverare la conformità urbanisticoedilizia dell intervento viene giustificato dal fatto che la procedura si può concludere con il silenzio dell amministrazione. 11

12 Quel silenzio però significa, per legge, assenso/accoglimento dell istanza presentata dall interessato ed è equivalente ad un provvedimento esplicito. A differenza della SCIA, quindi, un provvedimento c è ancorché tacito. Un provvedimento che ai sensi dell art. 77 comma 2 LRT 1/2005, è emesso in conformità alle previsioni degli strumenti urbanistici e dei regolamenti edilizi. L amministrazione, quindi, anche con il semplice silenzio si esprime sulla domanda di permesso e se condivide l asseverazione del professionista ne assume la paternità. Se non fosse così, il permesso di costruire formatosi per silenzio sarebbe di fatto una DIA a cui adesso la legge nega la natura di provvedimento tacito (cfr. art. 19 L. 241/90 comma 6-ter) come per la SCIA. Domanda n. 4) Che cosa deve fare il Responsabile del procedimento (RP) nei primi 30 giorni dal deposito dell istanza di permesso di costruire? Art. 83 commi 6 e 7 LRT 1/2005 Il RP deve verificare se la documentazione presentata dall interessato/progettista è completa (verifica formale) rispetto alle prescrizioni del regolamento edilizio (vedi l art. 82 comma 3 LRT 1/2005, prima della modifica ad opera della LRT 40/2011). Nel caso risulti incompleta o inadeguata per svolgere l istruttoria della pratica, il RP lo comunica all interessato e al progettista invitandoli a integrare i documenti. Dall avviso del RP si interrompe il termine per la conclusione del procedimento che decorrerà ex novo dal momento in cui l interessato e/o il progettista provvederanno a integrare la documentazione. Nello stesso termine di 30 giorni dal deposito, il RP, se ritiene che il progetto debba essere modificato al fine di vedere accolta la domanda di permesso di costruire (verifica nel merito), propone all interessato e al progettista le conseguenti modifiche. Se le modifiche sono accolte, l istruttoria potrà essere completata con esito positivo, altrimenti il RP proporrà il rigetto dell istanza al dirigente responsabile. Tra la proposta di modifiche al progetto e la risposta / adeguamento da parte dell interessato, il termine di conclusione del procedimento resta sospeso. Domanda n. 5) 12

13 Che cosa succede se decorsi 90 giorni dal deposito della domanda di permesso di costruire il Comune non emette alcun provvedimento? Per prima cosa occorre distinguere la fase istruttoria del procedimento, dalla fase di adozione del provvedimento finale. La prima fase si deve concludere nel termine di 60 giorni dal deposito della domanda. Abbiamo già parlato delle ipotesi di istanza incompleta o della necessità di apportare modifiche al progetto. Entrambi subprocedimenti che il RP deve attivare entro i primi 30 giorni dal deposito della domanda di permesso. Conclusi questi eventuali sub-procedimenti o comunque acquisiti i necessari pareri di competenza comunale (art. 83, comma 8), entro 60 giorni dal deposito della domanda, il RP: 1) redige una dettagliata relazione contenente la qualificazione tecnicogiuridica dell intervento, accompagnata dalla valutazione di conformità alle prescrizioni urbanistico-edilizie e alle altre norme di riferimento vigenti; 2) formula una motivata proposta di provvedimento conclusivo all autorità preposta alla sua emanazione. A questo punto si apre la fase di adozione del provvedimento finale che si deve concludere entro 30 giorni (art. 83 comma 11). La proposta di provvedimento può essere di accoglimento oppure di rigetto. In questo secondo caso deve essere dato (pre)avviso all interessato che può far pervenire le proprie osservazioni ai sensi dell art. 10-bis legge 241/90. Sulla proposta di provvedimento conclusivo di rigetto non si forma il silenzio assenso e l amministrazione deve in ogni caso pronunciarsi tenendo conto delle eventuali osservazioni nel frattempo giunte dall interessato (ecco perché il termine per l adozione del provvedimento finale non è di 30 giorni ma di 40). Una volta presentata al dirigente competente la proposta di provvedimento di accoglimento, questi ha 30 giorni per pronunciarsi con un provvedimento esplicito. Altrimenti opera il meccanismo del silenzio assenso con il conseguente formarsi di un provvedimento tacito di accoglimento. Il contenuto del provvedimento dovrà considerarsi corrispondente a quello della proposta fatta dal RP (art. 83 comma 13). Domanda n. 6) 13

14 Che cosa succede se decorsi 60 giorni dal deposito della domanda, il RP non formula la proposta di provvedimento? Non si forma il silenzio assenso. Il RP è obbligato a concludere l istruttoria nel termine di 60 giorni. In mancanza, l amministrazione si considererà inadempiente. Dell inadempienza del RP ne risponde il dirigente responsabile (artt. 2 e 2-bis legge 241/90). In questi casi, decorsi 90 giorni dal deposito dell istanza, non si potrà considerare formato tacitamente alcun provvedimento. E' illegittimo il provvedimento con quale il sindaco conclude il procedimento di rilascio della concessione edilizia, senza che sia stata preventivamente formulata la relativa proposta (di provvedimento) da parte del responsabile del procedimento, secondo il disposto generale dell'art. 4 l. 7 agosto 1990 n. 241 [ora art. 6 legge 241/90]. Cons. Stato Sez. II, , n Domanda n. 7) Se l immobile / area dell intervento è vincolato/a dal punto di vista ambientale, paesaggistico, culturale, quale significato assume l eventuale silenzio dell amministrazione comunale rispetto alla domanda di permesso di costruire? Art. 83, commi 14 e 15, e art. 83-ter LRT 1/2005 Mai silenzio-assenso. Semmai silenzio-rifiuto o silenzio-inadempimento. Infatti : A) se il parere/nulla osta/atto di assenso sul vincolo è positivo/favorevole all intervento, il silenzio serbato dall amministrazione comunale all esito del procedimento di rilascio del permesso di costruire costituisce inadempimento. L amministrazione, infatti, deve comunque emettere un provvedimento esplicito. In mancanza, diffidato senza esito l Ente, l interessato può attivare il potere sostitutivo della Regione (art. 83-ter). B) Nel caso in cui, invece, il parere/nulla osta/atto di assenso preventivo pronunciato dalla stessa amministrazione sia negativo/contrario, il silenzio vale come rifiuto/rigetto della domanda di permesso. Ovviamente una tale ipotesi si può verificare solo se il procedimento per 14

15 ottenere il parere/nulla osta/atto di assenso relativo al vincolo sia stato avviato dopo il deposito della domanda di permesso. La fase istruttoria del procedimento per il rilascio del permesso di costruire cambia, in presenza di un vincolo ambientale paesaggistico o culturale, a seconda di quale ente è competente a pronunciarsi su di esso. Se il parere/nulla osta/atto di assenso spetta alla stessa amministrazione comunale (es. autorizzazione paesaggistica), qualora l interessato non lo abbia acquisito preventivamente, è la stessa amministrazione che lo deve acquisire d ufficio entro i 60 giorni dal deposito della domanda di permesso (fase istruttoria), secondo la previsione dell art. 83 comma 10. Solo una volta che sarà stata acquisita la preventiva autorizzazione, si passerà alla fase di adozione del provvedimento relativo al permesso (art. 83 commi 11 e 14). Nel caso di vincolo paesaggistico, difficilmente sarà possibile concludere quel procedimento (autorizzazione ex Parte III^ D.Lgs. 42/2004) entro 60 gg. dal deposito della domanda di permesso di costruire. Se il parere/nulla osta/atto di assenso spetta ad altra amministrazione (es. la Soprintendenza per il nulla osta culturale), qualora l interessato non lo abbia acquisito preventivamente, il RP relativo al permesso di costruire li acquisisce d ufficio oppure deve indire una conferenza dei servizi secondo quanto prevede la normativa vigente (art. 83 commi 10 e 15). Solo una volta che sarà acquisito il nulla osta oppure all esito della conferenza dei servizi decorrerà il termine di 30 giorni per l adozione del provvedimento definitivo sull istanza di permesso. Domanda n. 8) Cosa succede se il Comune o l amministrazione competente sul vincolo non si esprime sulla richiesta di permesso/nulla osta/atto di assenso preventivo? Il silenzio serbato dall amministrazione competente sul vincolo ambientale, paesaggistico e culturale non vale mai come assenso, ma costituisce invece inadempimento (art. 20, comma 4, legge 241/90). Occorre però valutare le ultime modifiche alle norme in tema di conferenza dei servizi (artt. 14 e segg. legge 241/90) che ne hanno regolamentato più in dettaglio il funzionamento. Si segnalano quindi le seguenti disposizioni la cui ratio è quella di fornire una tempistica e un risultato il più possibile certi ai lavori della conferenza : 15

16 Art. 14-ter (Lavori della conferenza dei servizi) legge 241/90 ( omissis ) 6-bis... La mancata partecipazione alla conferenza di servizi ovvero la ritardata o mancata adozione della determinazione motivata di conclusione del procedimento sono valutate ai fini della responsabilità dirigenziale o disciplinare e amministrativa, nonché ai fini dell'attribuzione della retribuzione di risultato. Resta salvo il diritto del privato di dimostrare il danno derivante dalla mancata osservanza del termine di conclusione del procedimento ai sensi degli articoli 2 e 2-bis. 7. Si considera acquisito l'assenso dell'amministrazione, ivi comprese quelle preposte alla tutela della salute e della pubblica incolumità, alla tutela paesaggistico-territoriale e alla tutela ambientale, esclusi i provvedimenti in materia di VIA, VAS e AIA, il cui rappresentante, all'esito dei lavori della conferenza, non abbia espresso definitivamente la volontà dell'amministrazione rappresentata. ( omissis ) Art. 14-quater (Effetti del dissenso espresso nella conferenza dei servizi) 1. Il dissenso di uno o più rappresentanti delle amministrazioni ivi comprese quelle preposte alla tutela ambientale, fermo restando quanto previsto dall'articolo 26 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico o alla tutela della salute e della pubblica incolumità, regolarmente convocate alla conferenza di servizi, a pena di inammissibilità, deve essere manifestato nella conferenza di servizi, deve essere congruamente motivato, non può riferirsi a questioni connesse che non costituiscono oggetto della conferenza medesima e deve recare le specifiche indicazioni delle modifiche progettuali necessarie ai fini dell'assenso Domanda n. 9) Una volta che si è formato il silenzio assenso sulla domanda di permesso di costruire ai sensi dell art. 83, comma 13, il Comune può impedire l intervento già autorizzato allorché ritenga che esso contrasti, ad esempio, con le previsioni urbanistico-edilizie vigenti? L Amministrazione non esaurisce mai i propri poteri di vigilanza e controllo (art. 129 LRT 1/2005), anche se ha già emesso un provvedimento che autorizza l intervento. 16

17 Questo valeva prima delle recenti modifiche al T.U. e alla LRT 1/2005, vale ancora oggi nell ipotesi di permesso di costruire ottenuto in forma tacita attraverso il meccanismo del silenzio assenso (nei casi in cui opera). Nonostante che ora il professionista sia tenuto ad asseverare la conformità dell intervento, l amministrazione deve comunque verificare autonomamente la legittimità della domanda ed esprimersi su di essa anche attraverso il silenzio assenso. In questo caso il provvedimento finale c è sempre. Il permesso di costruire non è una DIA, né una SCIA. La decisione dell amministrazione comunale che dispone la sospensione dei lavori e ordina il ripristino presuppone quindi che il provvedimento già emesso (anche con il silenzio assenso) venga annullato in autotutela ai sensi dell art. 21-nonies legge 241/90 (art. 20, comma 3, legge 241/90). L esercizio dell autotutela espone però l amministrazione ad un fuoco incrociato di responsabilità : verso il titolare del permesso che ha iniziato i lavori e se li vede bloccati/ridimensionati; verso il terzo danneggiato dai lavori che si svolgono in violazione di legge (es. perché non conformi alla disciplina urbanistico-edilizia). Il potere di autotutela : 1) deve essere esercitato in un termine ragionevole; 2) presuppone una motivazione approfondita che dia atto delle ragioni di interesse pubblico che sostengono la decisione di annullare il provvedimento; 3) deve tenere conto degli interessi del titolare del permesso e dei contro interessati. Domanda n. 10) Posso presentare la domanda di permesso di costruire per opere che possono essere assentite con la SCIA ai sensi dell art. 79 LRT 1/2005? Il comma 4 dell art. 83 LRT 1/2005 espressamente lo esclude. Questa previsione costituisce una novità sia rispetto alla precedente versione delle LRT 1/2005, sia rispetto alle modifiche apportate all art. 20 del T.U. da parte del D.l. 13 maggio 2011 n. 70 (c.d. decreto sviluppo). 17

18 Sulla legittimità di questa scelta rimangono dei forti dubbi visto che la normativa nazionale (il T.U.) consente di presentare il permesso di costruire al posto della DIA/SCIA ai sensi dell art. 22 comma 7 T.U. Questa previsione non abrogata dalla recente normativa e compatibile con il nuovo istituto della SCIA si deve ritenere norma di principio, come tale vincolante e inderogabile per il legislatore regionale (cfr. art. 2 T.U.). Un conto è la possibilità per le Regioni di ampliare o ridurre l ambito di applicazione del permesso di costruire o della DIA/SCIA rispetto alla normativa nazionale (prerogative, queste, riconosciute dagli artt. 10 e 22 comma 4 T.U.), altra cosa è negare la possibilità per gli interessati di ricorre comunque al permesso di costruire al posto della SCIA. Anche perché ricorrere all uno o all altro dei titoli edilizi incide sulla applicazione, tra l altro, delle sanzioni penali di cui all art. 44 T.U. Se ottengo il permesso di costruire (oggi anche in forma tacita) non sono penalmente responsabile per il caso di difformità del progetto assentito rispetto alla normativa urbanistico-edilizia [art. 22, comma 7, e art. 44 comma 1, lett. a) T.U.]. Art. 22 comma 7 T.U. 7. È comunque salva la facoltà dell'interessato di chiedere il rilascio di permesso di costruire per la realizzazione degli interventi di cui ai commi 1 e 2, senza obbligo del pagamento del contributo di costruzione di cui all'articolo 16, salvo quanto previsto dal secondo periodo del comma 5. In questo caso la violazione della disciplina urbanistico-edilizia non comporta l'applicazione delle sanzioni di cui all'articolo 44 ed è soggetta all'applicazione delle sanzioni di cui all'articolo 37. Per questi motivi, escludere la possibilità di ricorrere al permesso di costruire al posto della SCIA, non costituisce una misura di ulteriore semplificazione e ulteriore riduzione dei termini procedimentali a cui si riferisce l art. 20, comma 12, T.U. nel definire l ambito della competenza legislativa concorrente della regione in materia. La giustificazione del divieto, imposto dalla norma regionale, di chiedere il permesso al posto della SCIA non appesantire i lavoro degli uffici comunali non trova alcun fondamento visto che ora il permesso di costruire si può formare in modo tacito, con il meccanismo del silenzio assenso. S.C.I.A. (artt. 84 e 84-bis LRT 1/2005) 18

19 Domanda n. 1) Che differenza c è tra DIA e SCIA? La fondamentale differenza è che con la DIA l interessato si limitava a denunciare l inizio di una prossima attività che poteva intraprendere solo decorsi 20/30 giorni dal deposito in Comune della pratica. Con la SCIA, l interessato segnala invece che contestualmente al deposito della pratica inizia l attività ivi specificata e documentata. Altra differenza è quella relativa ai limiti e condizioni poste ai poteri inibitori e sanzionatori dell amministrazione allorché dai controlli successivi al decorso di 30 giorni dal deposito della pratica siano riscontrate, alternativamente: 1) la falsità delle asseverazioni / autocertificazioni prodotte; 2) la non conformità dell intervento rispetto alla normativa urbanisticoedilizia vigente; 3) il pericolo di danno per il patrimonio storico artistico, culturale paesaggistico ambientale, per la salute, la sicurezza pubblica, la difesa nazionale (art. 84-bis). Vedi le domande n. 8) e seguenti. Domanda n. 2) Una volta che deposito la SCIA in Comune devo necessariamente e contestualmente iniziare i lavori? No. L art. 19, comma secondo, legge 241/90 stabilisce infatti che l attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data della presentazione della segnalazione all amministrazione competente. Non si tratta quindi di un obbligo ma di una facoltà. Nulla toglie che si continui ad attendere, come prima, lo scadere del periodo in cui l amministrazione è tenuta a fare i controlli sulla completezza della pratica. In questo senso va interpretato l art. 84, comma 5, della LRT 1/2005 allorché stabilisce che.. l inizio dei lavori è contestuale alla presentazione della SCIA. La facoltà e non l obbligo di iniziare i 19

20 lavori dal momento del deposito della pratica è da considerare principio fondamentale posto dalla normativa nazionale (art. 19 legge 241/90) il cui rispetto si impone al legislatore regionale. Resta il fatto che il Comune, legittimamente, considererà ogni SCIA depositata come una comunicazione di inizio lavori. L interessato potrà comunque indicare che i lavori inizieranno a partire dal oppure decorsi tot giorni dal deposito della pratica. Domanda n. 3) Che differenza c è tra l asseverazione che allegavo alla DIA e quella che ora devo allegare alla SCIA? In pratica nessuna. La differenza è semmai sul piano della sanzione penale che si applica nel caso in cui non corrisponda al vero quanto dichiarato dal tecnico : mentre prima la sanzione era quella prevista dall art. 481 c.p. (reclusione fino ad un anno o multa da 51,00 a 516,00) ora la sanzione è quella dell art. 19 comma 6, legge 241/90, ovvero la reclusione da uno a tre anni. Domanda n. 4) Quali sono i casi in cui l asseverazione del professionista può considerarsi falsa, mendace o non corrispondente al vero? Premessa - Le principali ipotesi di reato contemplate dal T.U. 1) L intervento progettato e attuato o in corso di realizzazione non è conforme alla disciplina urbanistico-edilizia; 2) l asseverazione falsa o mendace; 3) l assenza di titolo edilizio e/o l esecuzione di lavori in difformità dal medesimo. PRIMA IPOTESI Violazione della disciplina urbanistico-edilizia Quattro tipi di responsabilità che si cumulano: - amministrativa (artt. 129, 131, 135-bis LRT 1/2005) 20

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Atti del Convegno del 18 Gennaio 2014 La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Relatore Dott. Geom. Gabriele Di Natale www.studiodinatale.it --- info@studiodinatale.it 1 1. Premessa:

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A.

Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Capitolo Sesto Il procedimento amministrativo, il diritto di accesso e l informatizzazione della P.A. Sezione Prima Procedimento e accesso 1. Il procedimento amministrativo A) Generalità Affinché un atto

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli