LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS."

Transcript

1 LE ESPERIENZE ITALIANE PER IL COMPLETO RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE VAS, VIA E IPPC. VERSO LA REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS Alessandro Maria Di Stefano 1

2 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 152/06 IN MATERIA AMBIENTALE Il testo del Decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 ha fallito l obiettivo principale posto dalla legge 308/2004: redazione di un testo unico delle disposizioni normative in materia ambientale (un Codice ambientale ), sulla base di due principi guida: integrazione semplificazione. 2

3 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 152/06 IN MATERIA AMBIENTALE Infatti: in primo luogo il Decreto non tratta alcuni temi di grande rilievo (ad esempio: Aree protette); in secondo luogo sono numerose le norme che rimangono affidate a specifiche disposizioni vigenti ovvero da emanare per recepire normative europee; in terzo luogo le disposizioni in esso previste spesso producono effetti di notevole complicazione ed appesantimento burocratico. 3

4 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 152/06 IN MATERIA AMBIENTALE L esigenza di un Testo unico delle disposizioni normative in materia ambientale, in grado di conseguire insieme integrazione e semplificazione delle normative, rimane ancora un obiettivo condivisibile (ed effettivamente largamente condiviso). Un obiettivo da costruire coerentemente. Tramite un difficile e paziente lavoro, che abbisogna della responsabile partecipazione di tutti i soggetti. Soprattutto, senza cedere alla tentazione di semplificare la complessità delle attuali società avanzate (e la complessità degli interessi ad esse connaturate). 4

5 3. VAS Il Decreto delinea una procedura di VAS assimilata erroneamente a quella di VIA, senza tenere in debita considerazione le differenze sostanziali dei due processi decisionali. In particolare senza tenere conto delle differenze stabilite per i due differenti strumenti nelle Direttive europee. 5

6 3. VAS Al riguardo basta ricordare che la proposta di Direttiva (GU C 83 del 25marzo 1999) lasciava alla decisione dei singoli Stati membri se prevedere la VAS 1. oppure 2. come procedura di ulteriore autorizzazione (dal punto di vista ambientale) del piano o programma; come processo di integrazione delle tematiche ambientali nella procedura di approvazione del piano o programma. 6

7 3. VAS La Direttiva 2001/42/CE approvata ed oggi vigente ha compiuto una scelta netta, eliminando l ipotesi di considerare la VAS come una ulteriore procedura di approvazione e/o autorizzazione per i piani e programmi. La vigente Direttiva 2001/42/CE prevede invece (sottolineando ed insistendo con molte disposizioni sul tema) una fortissima integrazione tra tematiche (ed autorità) ambientali e tematiche (ed autorità) dei settori interessati. 7

8 3. VAS La VAS, infatti, non riguarda un iter autorizzativo, ma concerne un processo decisionale della pubblica amministrazione che, partendo da un determinato quadro normativo, da un certo contesto socio-economico, territoriale ed ambientale e confrontandosi con la società, compie scelte ed assume decisioni. La Direttiva sembra delineare un percorso in cui questa caratteristica del procedimento risulta evidente. 8

9 3. VAS Mentre il decreto 152/06 individua un iter in cui la valutazione ambientale e la pianificazione / programmazione non si intersecano realmente, ma rimangono come fasi consequenziali e sostanzialmente separate. Infatti, prevede che su un piano o programma venga emesso un giudizio di compatibilità ambientale (a cui il piano o programma deve obbligatoriamente adeguarsi) da un soggetto diverso, senza prevedere la necessità di confronto con l ente che predispone e che approva il piano o programma. In sostanza viene configurata un procedimento di tipo command and control in un ambito (piani e programmi) che meno sopporta un mero approccio autoritativo. 9

10 3. VAS L articolo 12, comma 2, del decreto 152/06, inoltre, prevede che, in sede di esercizio del potere sostitutivo da parte del Consiglio dei Ministri, in caso di inutile decorso del termine di 60 giorni, si intende emesso un Giudizio di compatibilità ambientale negativo. Tale disposizione si applica non solo ai piani e programmi sottoposti a VAS di competenza statale, ma anche di competenza regionale fino all approvazione di apposite norme regionali. 10

11 3. VAS Questa previsione dell art. 12 implica il rischio che numerosi piani e programmi abbiano un Giudizio negativo solo a causa della scadenza dei termini, con la conseguente non approvazione del piano o programma. Ciò è molto grave in considerazione del fatto che l esistenza di piani e programmi è particolarmente importante per orientare l azione della pubblica amministrazione, dell economia e della società. 11

12 3. VAS La consultazione dei soggetti istituzionali e la partecipazione del pubblico al processo decisionale, che nella Direttiva 2001/42/CE, nelle Disposizioni europee sull informazione e partecipazione del pubblico in campo ambientale (Direttive 2003/4/Ce, 2003/35/CE e Decisione 2005/370/CE) oltre che nella Convenzione di Aarhus, sono elementi centrali e fondamentali della valutazione ambientale che accompagnano l intero processo sin dalle fasi iniziali, risultano, invece, nel decreto 152/06, relegati nella parte conclusiva dell iter e sembrano incidere poco sul processo decisionale. 12

13 4. VIA Per la VIA appare, invece, coerente, sia alle Direttive 85/337 e 97/11 sia al tipo di procedura che la teoria e la prassi hanno consolidato a livello mondiale da alcuni decenni, la scelta compiuta nel Titolo III della parte seconda del Decreto 152/06 di una procedura autorizzativa, cui è preposta una autorità competente che emette un Giudizio di compatibilità ambientale. 13

14 4. VIA Per la VIA occorre, in primo luogo, sottolineare che le discipline proposte confermano ed estendono la portata di scelte già oggi oggetto di procedura di infrazione europea. 14

15 4. VIA In primo luogo ciò è vero (Parere motivato 2003/2049 C(2005)2341 del 05/07/2005) per la mancata considerazione degli elementi di cui all Allegato III della Direttiva 97/11/CE nella selezione dei progetti da assoggettare alle procedure di VIA, ed in particolare per la non assimilazione delle aree SIC o ZPS (di cui alle Direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE) alle aree naturali protette per quanto riguarda l assoggettamento alle procedure di VIA dei progetti ricadenti al loro interno nonché la riduzione del 50% delle soglie. Tale scelta appare confermata nel decreto in esame. Anzi, appare ulteriormente peggiorata poiché la riduzione del 50% si applica solo ai progetti dell Allegato A (cioè a quelli sottoposti a VIA). 15

16 4. VIA Ancora, si rileva che negli elenchi allegati al decreto in esame (Elenchi A e B dell Allegato III della parte seconda del D. Lgs. 152/06 che elencano i progetti assoggettati rispettivamente a VIA e a Screening) mancano alcune categorie progettuali contemplate nelle direttive comunitarie. Tale mancata previsione è già oggetto di procedura di infrazione europea (Parere motivato 2003/2049 C(2005)2341 del 05/07/2005). Inoltre essa è aggravata dalla scelta compiuta negli Elenchi A e B dell Allegato III di non prevedere alcune ulteriori categorie progettuali previste dalle norme comunitarie. 16

17 4. VIA In particolare le difformità dall Allegato I della Direttiva, relativa ai progetti assoggettati a procedura di VIA, del D. Lgs. 152/06 riguardano 3 categorie progettuali. Le difformità dall Allegato II della Direttiva, relativa ai progetti assoggettati a procedura di Screening, del D. Lgs. 152/06 (che ampliano ulteriormente le difformità già contestate dalla Commissione europea) riguardano 28 categorie progettuali. 17

18 4. VIA La norma dispone l esclusione dall ambito di applicazione della VIA di una serie di tipologie di progetti, in contrasto con le disposizioni comunitarie che prevedono l esclusione solo per i progetti relativi ad opere ed interventi destinati esclusivamente a scopi di difesa nazionale. I progetti relativi ad opere ed interventi destinati esclusivamente a scopi di protezione civile o disposti in via d urgenza possono essere esclusi unicamente alle condizioni e secondo le modalità di cui all art. 2, comma 3, della direttiva 85/337/CEE (come previsto dall art. 15 della legge 31 ottobre 2003, n Legge comunitaria 2003). 18

19 4. VIA Non è possibile, infine, l esclusione dei progetti relativi ad opere di carattere temporaneo, con particolare riferimento alle opere di cui all allegato I della direttiva 85/337/CEE che devono essere sottoposte a procedura di verifica o di valutazione secondo i criteri indicati al punto 13 dell allegato II della direttiva medesima. 19

20 4. VIA Nell art. 24 del titolo III della parte seconda del decreto 152/06, tra le finalità della VIA, è ricompresa solo parzialmente (per quanto riguarda le ragioni della scelta tra le alternative) la considerazione delle principali alternative prese in esame dal committente, con indicazione delle principali ragioni della scelta, sotto il profilo dell impatto ambientale. Questa previsione è in contrasto con la prescrizione dell art. 5, comma 3, della Direttiva 85/337/CE come modificata dalla direttiva 97/11/CE, che prevede tale obbligo. 20

21 4. VIA L attribuzione allo Stato della competenza per le procedure di VIA e per le procedure di verifica (screening) per i progetti sottoposti ad autorizzazione statale, prevista dall art. 25, comma 1, lett. a), del titolo III della parte seconda del decreto 152/06 in esame, è molto critico ed inaccettabile (e, con ogni probabilità, non valutato nelle sue conseguenze pratiche ed organizzative). Infatti, in base alla lettera di questa disposizione, quasi tutte le procedure (di VIA e di verifica - screening) possono essere attribuite allo Stato. 21

22 4. VIA Questa previsione, si pone in contrasto con la legge delega 308/2004 che prevedeva il rispetto del principio di sussidiarietà e conseguentemente delle competenze così come delineate dal D. Lgs. 112/1998. La disciplina che prevede un accentramento delle competenze da parte del livello di governo statale configurerebbe un esercizio del potere da parte del Governo, ben al di là dei limiti posti dalla delega. 22

23 4. VIA Altrettanto critica ed inaccettabile (e, anche in questo caso, non valutato nelle sue conseguenze pratiche ed organizzative) è l attribuzione, prevista sempre dall art. 25, comma 1, lett. a), allo Stato della competenza, per le procedure di VIA e per le procedure di screening, per i progetti aventi impatto ambientale interregionale. E appena il caso di ricordare che tutte le normative regionale sulla VIA contengono già disposizioni che garantiscono il coordinamento delle Regioni direttamente interessate nel caso di impatti ambientali interregionali sia nella forma di informazione e consultazione sia nella forma di codecisione tramite una intesa tra le Regioni interessate. 23

24 4. VIA L articolo 31, comma 2, del decreto 152/06, inoltre, prevede che, per le VIA statale, in sede di esercizio del potere sostitutivo da parte del Consiglio dei Ministri, in caso di inutile decorso del termine di 60 giorni, si intende emesso un Giudizio di compatibilità ambientale negativo. Tale potere sostitutivo e tale Giudizio di compatibilità ambientale negativo decorso il termine di 60 giorni si applica anche alle VIA non statali fino all emanazione di apposite norme regionali. Questa previsione implica il rischio che numerosi progetti abbiano un Giudizio negativo solo a causa della scadenza dei termini, con la conseguente non approvazione del progetto. 24

25 4. VIA Anche questa disposizione si pone in contrasto con la legge delega 308/2004 che prevedeva il rispetto del principio di sussidiarietà. Illogica appare, inoltre, la mancata precisa individuazione positiva della attribuzione delle competenze. Questa indeterminatezza avvalora l ipotesi di una scelta per un forte accentramento allo Stato delle competenze. 25

26 4. VIA Inaccettabile appare, inoltre, la individuazione di due unici Allegati (A e B) per i progetti assoggettati rispettivamente a Via ed a Screening, senza alcuna precisa individuazione positiva della attribuzione delle competenze. Questa indeterminatezza avvalora l ipotesi di una cosciente e fortemente perseguita scelta di affermare un forte accentramento allo Stato delle competenze e di una assoluta non applicazione del principio di Sussidiarietà e lascia presagire un fiorire molto numeroso di conflitti di attribuzione e di contenziosi giurisdizionali. 26

27 4. VIA La previsione contenuta nell art. 33 secondo cui tutti gli elementi positivamente valutati in sede di VAS o comunque decisi in sede di approvazione del piano o programma costituiscono dati acquisiti per la VIA appare in secco contrasto con le disposizioni dell art. 11 della Direttiva 2001/42/CE secondo cui la Valutazione ambientale dei piani e programmi lascia impregiudicate le disposizioni della direttiva 85/337/CEE e qualsiasi altra disposizione della normativa comunitaria.. 27

28 5. IPPC Una prima osservazione riguarda il fatto che, in pratica di IPPC non vi sia quasi traccia nel testo. Non viene specificato che per l IPPC rimangono valide le disposizioni del recente D. Lgs. 59/2005 (come, credo, sia nelle intenzioni degli estensori, non essendo tale decreto abrogato). 28

29 5. IPPC Nell art. 34 del decreto appare contraddittoria la disciplina delle relazioni tra VIA e IPPC nella parte che prevede l integrazione fra loro delle rispettive procedure. Nel senso che il comma 1 dispone che la VIA è integrata nell IPPC, mentre il comma 2 dispone che nelle more del rilascio della VIA la procedura di IPPC rimane sospesa e che l autorità che rilascia l Autorizzazione Integrata Ambientale si pronuncia tenuto conto del giudizio di compatibilità ambientale. 29

30 5. IPPC Occorre inoltre sottolineare che la previsione della legge delega di giungere ad una semplificazione dei procedimenti autorizzatori con il rilascio di un autorizzazione unica, non trova nessun riscontro nel testo della bozza di decreto delegato. La indicazione di una unificazione dei procedimenti sembra quindi scomparsa e torna ad essere privilegiato l approccio settoriale. 30

31 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 A fine febbraio il Ministero dell Ambiente ha inviato per la consultazione delle Regioni e delle Associazioni una proposta di revisione della parte II del D. Lgs 152/06 su VAS e VIA. Tale decreto deve essere approvato entro il 31 luglio 2007, termine di proroga della entrata in vigore di parte seconda stabilito dal c.d Decreto Legge Milleproroghe recentemente convertito in legge. 31

32 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una prima osservazione generale riguarda il superamento della erronea assimilazione delle discipline relative alla VAS a quelle relative alla VIA ed all IPPC. E previsto che il nuovo decreto costituiscano recepimento ed attuazione delle direttive su VAS e VIA, mentre per l IPPC sono previste modalità di coordinamento con la VIA. Infatti è previsto che nell ambito della VIA sono individuate modalità di semplificazione e coordinamento delle procedure autorizzative ambientali, ivi comprese quelle relative all IPPC. 32

33 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una seconda osservazione generale riguarda il corretto recepimento degli ambiti di applicazione delle direttive europee per VAS e VIA. Non vi sono, infatti più incongruenze rispetto alle direttive europee: - - per la VAS relativamente ai piani e programmi esclusi dal vecchio 152 dall obbligo di effettuazione; per la VIA relativamente alla mancata previsione nel vecchio 152 di numerose tipologie progettuali. 33

34 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una terza osservazione generale concerne la chiara individuazione delle competenze statali e regionali: sia per la VAS: Ministero dell Ambiente per i piani e programmi la cui approvazione spetta ad organi statali; Regioni o l'amministrazione individuata dalle leggi regionali per i piani e programmi la cui approvazione spetta ad organi non statali; 34

35 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 sia, in particolare, per la VIA in cui sono individuati elenchi positivi di tipologie progettuali: - 1 elenco per i progetti soggetti a VIA di competenza statale; - 1 elenco per i progetti soggetti a VIA di competenza regionale; - 1 elenco per i progetti soggetti a verifica (Screening) di competenza regionale. 35

36 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Ancora è rilevante la previsione che le Regioni possano con proprie leggi (anche adeguando le leggi regionali previgenti) disciplinare le competenze proprie e quelle degli enti locali definendo alcuni criteri cui tali leggi regionali devono attenersi. 36

37 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una quarta osservazione generale riguarda la previsione di istituzione di un unica Commissione per l effettuazione delle istruttorie relative esclusivamente a VAS e VIA composta da 60 membri oltre il presidente. E inoltre previsto che nel caso di contemporanea effettuazione di VIA ed IPPC, tale commissione si coordini con la commissione IPPC prevista dal D. Lgs. 59/05. 37

38 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Su questa Commissione ritengo molto probabile che le Regioni eccepiscano il mancato coinvolgimento di rappresentanti regionali al suo interno, come avviene nelle attuali Commissioni VIA (anche a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 303/2003 sulla mancata piena integrazione (punto 16 della parte dispositiva della sentenza) di rappresentanti regionali nella Commissione VIA speciale relativa alle opere della Legge Obiettivo ). 38

39 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una quinta osservazione generale concerne la esplicita previsione di norme di coordinamento e semplificazione dei procedimenti. In particolare: 1. nel caso di progetti sottoposti a VIA statale e contemporaneamente a IPPC statale è previsto che il provvedimento di VIA fa luogo dell Autorizzazione Ambientale Integrata (AIA): nel caso di progetti sottoposti a VIA regionale e contemporaneamente a IPPC regionale è previsto che le Regioni assicurino che il rilascio dell AIA sia coordinato all interno della VIA; 39

40 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS nei casi precedenti le procedure di consultazione dovranno essere in ogni caso uniche; nei casi precedenti lo studio di impatto ambientale (SIA) deve contenere anche le informazioni previste per l AIA (art. 5, D. Lgs. 59/05); nei casi precedenti il provvedimento finale deve contenere le condizioni stabilite per l AIA (artt. 7 e 8 D. Lgs. 59/05); 40

41 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS la VAS e la VIA comprendono le procedure di Valutazione di incidenza per le are SIC e ZPS a tal fine il Rapporto ambientale e il SIA devono contenere gli elementi per la valutazione di incidenza (Allegato G, DPR 357/97); a tal fine la valutazione dovrà essere estesa alle finalità di conservazione proprie della Valutazione di incidenza; a tal fine le modalità di informazione al pubblico dovranno dare specifica evidenza della integrazione procedurale; 41

42 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS la verifica di assoggettabilità (screening) può essere condotta, nel rispetto delle rispettive disposizioni nell ambito della VAS; in tal caso le modalità di informazione al pubblico dovranno dare specifica evidenza della integrazione procedurale; 4. nella redazione del SIA relativi a progetti previsti da piani e programmi già sottoposti a VAS possono essere utilizzate le informazioni e le analisi del Rapporto ambientale 42

43 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS nella redazione dei progetti e della relativa VAS dovranno essere tenute in considerazione la documentazione e le conclusioni della VAS. 43

44 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una sesta osservazione generale riguarda la previsione che l autorità competente per VAS e VIA, ove lo ritenga utile, in particolare per i coordinamenti procedurali ricordati, indice una o più Conferenze di Servizi (ai sensi degli artt. 14 e seguenti della L. 241/90) Su questo aspetto occorre segnalare che la scelta della continuazione dell avvalimento di una apposita Commissione per VAS e VIA non appare il modello organizzativo più adeguato ad organizzare procedimenti incentrati su Conferenze di Servizi. 44

45 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Una settima osservazione generale riguarda la previsione che le modalità di partecipazione previste per VAS e VIA soddisfano i requisiti sul procedimento amministrativo, ed in particolare l avvio del procedimento (artt. 7 e seguenti della L. 241/90) 45

46 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS 152 Un ultima osservazione generale riguarda la scelta (che ritengo fortemente positiva): di un identico modello procedimentale relativo alla VAS per i procedimenti di competenza statale ed i procedimenti di competenza regionale; di un identico modello procedimentale relativo alla VIA per i procedimenti di competenza statale ed i procedimenti di competenza regionale. 46

47 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS Per quanto riguarda la VAS le proposte di revisione della parte II del 152 vedono un superamento della previsione della erronea assimilazione della VAS alla VIA e quindi della previsione di un ulteriore procedimento autorizzativo per piani e programmi. Infatti è previsto che l autorità competente per la VAS e l autorità procedente (che predispone il piano o programma) collaborano in ogni momento per assicurare l integrazione delle valutazioni. E inoltre previsto che la VAS è effettuata durante la fase preparatoria del piano o programma ed anteriormente alla loro approvazione. 47

48 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS La VAS è quindi preordinata a garantire che che gli impatti significativi sull ambiente siano presi in considerazione durante l elaborazione di piani e programmi ed anteriormente alla loro approvazione. E inoltre stabilito la VAS costituisce per i piani e programmi parte integrante del procedimento di adozione ed approvazione Viene così data attuazione alle previsioni della Direttiva 2001/42/CE sulla fortissima integrazione tra tematiche (ed autorità) ambientali e tematiche (ed autorità) dei settori interessati. 48

49 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS Scopo della Verifica di assoggettabilità è la decisione di assoggettare il piano o programma alla VAS. Preme sottolineare che è affidata all autorità competente per la VAS la responsabilità di emettere (sentita l autorità procedente, cioè l autorità che redige o approva il paino o programma, e tenuto comto di tutti i contributi pervenuti) il provvedimento di verifica assoggettando od escludendo il piano o programma dal procedimento di VAS. 49

50 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS Per la VAS è sempre prevista un procedimento ad evidenza pubblica. Infatti l autorità procedente e l autorità competente depositano per 60 giorni la proposta di Piano o programma e del relativo Rapporto ambientale presso i propri uffici e nel proprio sito WEB. Deve essere pubblicato nella Gazzetta Ufficiale o nei BUR un avviso di avvenuto deposito. Entro il termine di 60 giorni chiunque può prendere visione degli elaborati depositati e presentare proprie osservazioni. 50

51 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS Le attività tecnico istruttorie per la VAS sono volte dalla autorità competente con cui collabora l autorità procedente. L autorità competente, in collaborazione con l autorità procedente, valuta tutta la documentazione e le osservazioni ed esprime il proprio parere motivato sulla VAS entro il termine di 90 giorni dalla scadenza dei termini della consultazione. L autorità procedente, in collaborazione con l autorità competente, provvede, ove necessario, alla revisione del piano o programma, alla luce del parere motivato. 51

52 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS L autorità procedente approva il piano o programma, tenendo conto del parere motivato sulla VAS. Preme sottolineare che il modello prescelto per la VAS prevede una piena responsabilizzazione dell autorità che ha la responsabilità del piano o programma (autorità procedente) eliminando l ulteriore procedimento autorizzativo ed il silenzio diniego ope legis previsti dal vecchio 152/06. 52

53 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VAS L efficacia della VAS è affidata: alla qualità ed autorevolezza del parere motivato sulla VAS; all obbligo di motivazione di ogni decisone assunta dall autorità procedente in particolare in relazione al parere motivato sulla VAS; alla trasparenza e pubblicità di ogni atto e passaggio del procedimento di VAS. 53

54 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VIA Preme evidenziare le due novità più rilevanti della procedura di Verifica di assoggettabilità : a) si tratta di un procedimento ad evidenza pubblica: diventa generalizzata (dando attuazione alla Direttiva 2003/35/CE) in tutto il paese la informazione e partecipazione dei cittadini allo screening prevista finora solo in alcune Regioni (Piemonte ed Emilia - Romagna); 54

55 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VIA b) c) viene eliminato il Silenzio assenso (l esclusione dalla procedura di VIA una volta scaduti i termini del procedimento). Ciò deriva dall adeguamento alle norme comunitarie che non prevedono il silenzio assenso per lo screening; tant è vero che la Commissione europea ha nel lontano 2004 aperto una formale procedura di infrazione contro lo Stato italiano su tale aspetto; lo screening diviene formalmente una dei procedimenti svolti anche per le procedure di competenza statale. 55

56 LE PROPOSTE DI REVISIONE DELLA PARTE II DEL D. LGS VIA La novità più rilevante della procedura di VIA è certamente rappresentata dalla previsione che essa sostituisce o coordina tutti i provvedimenti in materia ambientale. Viene così esteso in tutto il paese e generalizzato il modello procedimentale di semplificazione ed integrazione previsto finora solo in alcune Regioni. 56

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo- Obiettivo Convergenza 2007-2013 Asse E - Capacità istituzionale

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

La regolamentazione della PARTE II del Dlgs 152/2006 alla luce delle modifiche del Dlgs 128/2010 VIA, VAS, IPPC - LINEE GUIDA CONFINDUSTRIA

La regolamentazione della PARTE II del Dlgs 152/2006 alla luce delle modifiche del Dlgs 128/2010 VIA, VAS, IPPC - LINEE GUIDA CONFINDUSTRIA La regolamentazione della PARTE II del Dlgs 152/2006 alla luce delle modifiche del Dlgs 128/2010 VIA, VAS, IPPC - LINEE GUIDA CONFINDUSTRIA PREMESSA Nel rivisitare la Parte II del Dlgs 152/2006, il legislatore

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Il controllo dei contratti pubblici

Il controllo dei contratti pubblici Il controllo dei contratti pubblici 1) Considerazioni generali L attività contrattuale delle pubbliche amministrazioni è connessa sia alla gestione patrimoniale che alla gestione finanziaria in quanto

Dettagli

Articolo 15 (Disposizioni in materia di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale)

Articolo 15 (Disposizioni in materia di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale) Articolo 15 (Disposizioni in materia di assoggettabilità alla procedura di valutazione di impatto ambientale) L articolo 15 modifica in più punti la disciplina relativa alla valutazione di impatto ambientale

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti

Dalla DIA alla SCIA: le riforme e i problemi ancora aperti PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

Capo I PRINCIPI. Capo I PRINCIPI. Art. 1. Art. 1 (Princìpi generali dell attività amministrativa)

Capo I PRINCIPI. Capo I PRINCIPI. Art. 1. Art. 1 (Princìpi generali dell attività amministrativa) Legge 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi. come modificata ed integrata dalla Legge 11 febbraio 2005 n. 15 (G.U.

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. 1. DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO... 21..

INDICE SOMMARIO. 1. DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI (Artt. 1-3 sexies) di MARIO BUCELLO e LORENZO CARUCCIO... 21.. Gli Autori.......................................... XIX I. MODIFICHE INTRODOTTE DAL D.LGS. 128/2010 ALLE PARTI I, II E V DEL D.LGS. N. 152/2006 Introduzione di MARIO BUCELLO e SIMONA LOMBARDO..................

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE

COMUNE DI GABICCE MARE COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino Regolamento sui Procedimenti Amministrativi (Approvato con Delibera di Consiglio n.17 del 30/03/2006, modificato con Delibera di Consiglio n.29 del 12/07/2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 18 marzo 2008 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 marzo 2008 OGGETTO: Esenzione IVA delle prestazioni educative e didattiche ai sensi dell articolo 10, n. 20) del decreto del Presidente

Dettagli

Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli

Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Ravenna Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli Prot. n. 572 DELIBERAZIONE COMITATO ISTITUZIONALE Oggi, 16 (sedici) del mese di novembre dell anno 2011, presso la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 266/2014/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 266/2014/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 266/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 2014, composta

Dettagli

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007 LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE Marco Boni Reggio Emilia 12 dicembre 2007 riassunto delle puntate precedenti.. (salvo errori & omissioni) PRINCIPI: Efficacia D.LGS. 12.4.2006 N.

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 6 luglio 2011 CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 6 luglio 2011 OGGETTO: Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell autotrasporto di cose per conto di terzi - Applicazione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Determinazione n. 6/2015, Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Relazione AIR 2 1. Le ragioni dell intervento

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati Ai Signori Consiglieri Nazionali Al Signor Presidente EPPI Alle Organizzazioni di Categoria LORO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013

REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 REGIONE PIEMONTE BU35 29/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 29 luglio 2013, n. 14-6180 Disciplinare per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per la dirigenza medica

Dettagli

Circolare n. 38/2013 IRDCEC concordato in bianco, procedura e aspetti della governance

Circolare n. 38/2013 IRDCEC concordato in bianco, procedura e aspetti della governance INDICE Esame di Stato dei Revisori legali e Registro revisori legali Direttiva n. 2014/56/UE Modifica direttiva 2006/43/CE Enti di interesse pubblico regolamento UE n. 537/2014 Formazione continua del

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Nota illustrativa CISL delle modifiche previste dal decreto fare n.69 del 21 giugno 2013

Nota illustrativa CISL delle modifiche previste dal decreto fare n.69 del 21 giugno 2013 Nota illustrativa CISL delle modifiche previste dal decreto fare n.69 del 21 giugno 2013 a cura del Dipartimento Salute e Sicurezza sul Lavoro Con l emanazione del Decreto legge n.69, il 21 giugno u.s.,

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI E PROGRAMMI (articolo 4 della l.r. 11 marzo 2005, n. 12)

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI E PROGRAMMI (articolo 4 della l.r. 11 marzo 2005, n. 12) INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI E PROGRAMMI (articolo 4 della l.r. 11 marzo 2005, n. 12) INDICE 1.0 Finalità 2.0 Definizioni 3.0 Integrazione della dimensione ambientale nei piani

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D

M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D Roma, 16 novembre 2012 Protocollo: 115366 / R.U. Alle Direzioni interregionali, regionali, e provinciali Rif.: Agli Uffici delle dogane Loro sedi Allegati: e, per conoscenza:

Dettagli

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Pubblicazione cartacea degli avvisi e dei bandi ex art.

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE REALIZZAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE DI 13 SIR DELLA PROVINCIA DI SIENA. SIR 89 Montagnola senese SIR 90 Crete di Camposodo e Crete di Leonina SIR 91 Monte Oliveto Maggiore e Crete di Asciano SIR 92 Alta

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

Anni 2002-2003 - Atti amministrativi TRC

Anni 2002-2003 - Atti amministrativi TRC Anni 2002-2003 - Atti amministrativi TRC Nel 2002 dopo la sentenza del Consiglio di Stato a favore di AM per quanto riguarda gli espropri, l allora Agenzia Tram, oggi Agenzia Mobilità, riattiva le procedure

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE Legge generale in materia di opere e lavori pubblici Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 13 del 28 marzo 1984 Il Consiglio Regionale

Dettagli

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R.

PREMESSA 3.04.2006, 152 L.R. ALLEGATO 1 DIRETTIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE IN VIA DEFINITIVA E DI SVOLGIMENTO DELLE SINGOLE CAMPAGNE DI ATTIVITA DEGLI IMPIANTI MOBILI DI SMALTIMENTO O DI RECUPERO DI RIFIUTI DI CUI ALLA

Dettagli

Disciplina delle assunzioni

Disciplina delle assunzioni Specifica competenza regionale Lavoro sommerso in Sicilia: comunicazione di assunzione e maxi-sanzione Angelo Vitale - Consulente del lavoro in Caltanissetta La carta istituzionale della Regione Sicilia,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0001968.24-02-2015

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0001968.24-02-2015 MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0001968.24-02-2015 Ufficio VIII - Legale, contenzioso e disciplinare Bologna, 24 febbraio 2015 Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche dell Emilia-Romagna

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 -

Comune di Casei Gerola. Regolamento Comunale Attività Edilizia. - Gennaio 2011 - Comune di Casei Gerola Regolamento Comunale Attività Edilizia - Gennaio 2011-1 INDICE articolo 1 articolo 2 articolo 3 articolo 4 articolo 5 articolo 6 articolo 7 articolo 8 articolo 9 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2014. OGGETTO: Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario L INTERPELLO

NOTA OPERATIVA N. 7/2014. OGGETTO: Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario L INTERPELLO NOTA OPERATIVA N. 7/2014 OGGETTO: Gli strumenti deflattivi del contenzioso tributario L INTERPELLO - Introduzione Al fine di consentire al contribuente di conoscere preventivamente l opinione dell Amministrazione

Dettagli

Anni 2002-2003 - Atti amministrativi TRC

Anni 2002-2003 - Atti amministrativi TRC Relazione Presidente Agenzia Mobilità Prof. Franco Fabi Consiglio Provinciale Aperto 29 maggio 2007 Anni 2002-2003 - Atti amministrativi TRC Nel 2002 dopo la sentenza del Consiglio di Stato a favore di

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Deliberazione n. 190/2014/SRCPIE/PAR composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Dott. Giuseppe Maria MEZZAPESA

Dettagli

1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO

1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO 1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO Il primo Programma Triennale dei Servizi della Regione Abruzzo vede la luce nell ambito della redazione del PRIT ed in un momento di generale incertezza a livello nazionale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 DEFINIZIONI... 4 ART. 3 - PRINCIPI GENERALI...

INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 DEFINIZIONI... 4 ART. 3 - PRINCIPI GENERALI... COMUNE V I B O N A T I PROVINCIA SALERNO R E G O L A M E N TO DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE ( AGGIORNATO ALLA LEGGE 69/2009 E S.M. APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 38 DEL29.12.2010)

Dettagli

1. Azione di responsabilità.

1. Azione di responsabilità. Legge 14 gennaio 1994, n. 20 Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (Pubblicata nella G.U. 14 gennaio 1994, n. 10) 1. Azione di responsabilità. 1. La responsabilità

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le novità relative alla nozione di produttore di rifiuti e deposito temporaneo

Le novità relative alla nozione di produttore di rifiuti e deposito temporaneo Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legge 4 luglio 2015 n. 92 Misure urgenti in materia di rifiuti e di autorizzazione integrata ambientale, nonché per l esercizio dell attività di impresa di stabilimenti

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012

DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Focus on DECRETO LEGGE N. 83/2015 MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE E AL D.L. 179/2012 Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

LA CO RTE D EI CO NTI S e z io ne Re g i on a le d i C on t ro l l o pe r la L i g ur i a

LA CO RTE D EI CO NTI S e z io ne Re g i on a le d i C on t ro l l o pe r la L i g ur i a Deliberazione n. 64 /2014 LA CO RTE D EI CO NTI S e z io ne Re g i on a le d i C on t ro l l o pe r la L i g ur i a composta dai seguenti magistrati: Dott. Ennio COLASANTI Dott. Alessandro BENIGNI Dott.

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 5 Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi Accordi Stato

Dettagli

Modifiche di adeguamento necessario

Modifiche di adeguamento necessario DIRITTO SOCIETARIO Approvazione del Decreto Legislativo n. 27 del 27 gennaio 2010 di attuazione della direttiva n. 2007/36/CE sull esercizio dei diritti degli azionisti di società quotate Contenuti 1.

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale OGGETTO: Progetto: Ampliamento dell attività di deposito preliminare Comune: Avigliana (TO) Proponente: Ecoidea Ambiente s.r.l.

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1420 del 19/12/2013 OGGETTO: Regolamento per l'affidamento di incarichi legali. Il Direttore della SC Legale e Assicurazioni

Dettagli

( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del 19 gennaio 2010 )

( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del 19 gennaio 2010 ) Legge regionale 19 gennaio 2010, n.1 Norme in materia di energia e Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale. D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 L.R. n. 9/2007 ( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Pagina 1 di 7 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015 Semplificazione in materia di documento unico di regolarita' contributiva (DURC). (15A04239) (GU n.125 del 1-6-2015)

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 16056 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 Atto di indirizzo e nomina Commissione di studio per la elaborazione di un progetto di legge regionale di riordino della normativa in

Dettagli

Accreditamento n 706 Regione Lombardia

Accreditamento n 706 Regione Lombardia L INPS ha messo in spedizione le note di rettifica alle aziende che hanno usufruito degli incentivi senza essere in regola con le norme sul Durc interno. L invio interessa le aziende attive a maggio 2015

Dettagli

la scia nella polizia amministrativa

la scia nella polizia amministrativa Mar c o Ma s s a v e l l i la scia nella polizia amministrativa Normativa, prassi e procedure operative e sanzionatorie Aggiornato al D.L. n. 133/2014 convertito con Legge n. 164/2014 (c.d. Sblocca Italia

Dettagli

Le Agenzie per la protezione dell ambiente oggi: attese e proposte di riforma

Le Agenzie per la protezione dell ambiente oggi: attese e proposte di riforma Le Agenzie per la protezione dell ambiente oggi: attese e proposte di riforma 25 marzo 2009 Gdl AssoArpa Esigenze di riforma del Sistema agenziale L istituzione nell ordinamento italiano, ad opera della

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione

Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3. CAPO II Semplificazione della regolamentazione Conversione Senato DL 35/05. Integrato con modifiche all Art. 3 CAPO II Semplificazione della regolamentazione ART. 3 Semplificazione amministrativa 1. L'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito

Dettagli

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA

ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA ROBERTO BUSCHINI LA STABILE ORGANIZZAZIONE AI FINI IVA SOMMARIO: 1. Premessa 2. Il concetto di stabile organizzazione ai fini IVA 3. La rilevanza territoriale della stabile organizzazione 4. La rilevanza

Dettagli

La VAS: quadro normativo regionale

La VAS: quadro normativo regionale A cura della Direzione Legislazione Mercato Privato Ultimo aggiornamento 29/11/2013 COME FUNZIONA CHE COS È La VAS: quadro normativo regionale 1 Riferimenti normativi comunitari Direttiva 2001/42/Ce Riferimenti

Dettagli

Assunzioni categorie protette C.Conti deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio 2012 commento e testo

Assunzioni categorie protette C.Conti deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio 2012 commento e testo Assunzioni categorie protette C.Conti deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio 2012 commento e testo La Corte dei Conti, sezione regionale Lombardia, con la deliberazione n. 168/2012/PAR del 4 maggio

Dettagli

Determ. n. 994-16.5.2014

Determ. n. 994-16.5.2014 COMUNE DI BRESCIA Determinazione dirigenziale Determ. n. 994-16.5.2014 OGGETTO: Settore Sportello Unico Attività Produttive. Variante al P.G.T per ampliamento sede Giornale di Brescia in via Solferino

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CLIENTELA - Il decreto semplificazioni fiscali e le altre novità di periodo - Le principali novità:

CIRCOLARE PER LA CLIENTELA - Il decreto semplificazioni fiscali e le altre novità di periodo - Le principali novità: PAGINA 1 CIRCOLARE PER LA CLIENTELA - Il decreto semplificazioni fiscali e le altre novità di periodo - 29 Dicembre 2014 Indice: Le principali novità 1 Riduzione del tasso di interesse legale 1 Estinzione

Dettagli