Il Servizio di prevenzione e protezione nel Testo unico tra conferme e novità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Servizio di prevenzione e protezione nel Testo unico tra conferme e novità"

Transcript

1 Sicurezza ed igiene del lavoro Il Servizio di prevenzione e protezione nel Testo unico tra conferme e novità Da un confronto tra vecchia e nuova normativa vengono fatti emergere gli aspetti del Servizio di prevenzione e protezione aziendale riconfermati dal Dlgs n. 81/2008 e quelli di nuova introduzione, sia sotto la prospettiva strutturale che sotto quella funzionale Claudia Macaluso, Guida al lavoro, Il Sole 24 Ore, 5 giugno 2009, n. 23, p. 51 Il Dlgs n. 81/2008, provvedendo al complessivo riordino della normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro, ha apportato elementi di novità che sono stati innestati su un architettura che sostanzialmente ricalca quella del Dlgs n. 626/ 1994, articolata in un titolo I, che statuisce i principi generali comuni, ed altri dieci titoli (dal II all XI), che contengono le disposizioni specifiche. Le principali innovazioni rispetto alla normativa precedente sono rintracciabili, comunque, all interno dei primi 61 articoli del testo di legge, costituenti il primo titolo, e riguardano le definizioni, un più ampio campo di applicazione, un rinnovato apparato istituzionale di indirizzo, coordinamento e consultazione, la configurazione dettagliata della linea gerarchica dei soggetti obbligati a garantire la sicurezza dei lavoratori (con l annesso recepimento dei requisiti giurisprudenziali della delega di funzioni), l aggiornamento della sorveglianza sanitaria e l introduzione di nuove figure di rappresentanti dei lavoratori. In questo contesto la funzione del Servizio di prevenzione e protezione non è stata tra quelle oggetto di maggiori rivisitazioni, anche se comunque si registra l inserimento di nuovi elementi, a partire dalle definizioni riportate nell articolo 2. Ritroviamo allora solo un piccolo ritocco alla descrizione di «Servizio», dove al termine della già presente dicitura «insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all azienda finalizzati all attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali» viene inserita la specifica «per i lavoratori» (1). Decisamente più significativa, invece, risulta l aggiunta per la descrizione della figura dell Rspp, confermato come «persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all articolo 32, designata dal datore di lavoro» ed ora «a cui risponde, per coordinare il Servizio». In questo modo si viene a sottolineare la dipendenza funzionale dal datore di lavoro, il rapporto altamente fiduciario che deve legare le due figure, evidenziando l inserimento del Servizio di prevenzione e protezione tra gli organi di staff aziendali. Il legame del Rspp con il datore di lavoro si svolge, infatti, secondo due direttrici fondamentali: dipendenza e collaborazione; il primo aspetto fa da cornice al rapporto, il secondo ne fissa i contenuti (necessità di un supporto per il complesso degli adempimenti talora di elevata complessità tecnica). Con le modifiche introdotte dal Dlgs n. 81/2008 viene enfatizzato l aspetto di avvalimento funzionale (non in senso strettamente tecnicogiuridico) che caratterizza questa «dipendenza» dal datore di lavoro. Ma le modifiche lessicali non si sono, però, spinte fino alla variazione del termine Responsabile con quello di Coordinatore, ritenuta da alcuni cosa utile per evitare confusione di ruoli e responsabilità. Ed è proprio per consentire lo svolgimento delle funzioni tipiche del Servizio di prevenzione che il datore di lavoro deve fornire ad esso informazioni in merito a (2): a) la natura dei rischi; b) l organizzazione del lavoro, la programmazione e l attuazione delle misure preventive e protettive; c) la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; d) i dati di cui all articolo 18, comma 1, lettera r) (del registro degli infortuni, n.d.r.) e quelli relativi alle malattie professionali; e) i provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza. UNITELNews24 64

2 Anche questo onere comunicativo appena descritto viene enfatizzato con lo spostamento dall articolo che si occupava, nel decreto n. 626/1994, dell enumerazione dei compiti del Servizio di prevenzione a quello che adesso prevede l elencazione degli obblighi del datore di lavoro. Si tratta di un corretto riordino della materia, accompagnato dalla nuova ed esclusiva previsione sanzionatoria della pena dell arresto da quattro a otto mesi (3). Come già nel precedente testo di legge, è stata confermata la scelta di dedicare al Servizio di prevenzione e protezione un intera sezione, la terza del Capo III «gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro», suddividendola sempre in cinque articoli, dal 31 al 35. Viene altresì mantenuta la possibilità di organizzazione interna ovvero esterna o mista del Servizio, con l unica novità di poter costituire il Servizio esterno anche presso le associazioni dei datori di lavoro o gli organismi paritetici. Confermata anche la possibilità di un supporto consulenziale dall esterno nel caso in cui il Servizio sia costituito internamente, al fine di integrare e rendere più efficace l azione di prevenzione e protezione. Sono stati inseriti nuovi dettagli, invece, per quanto riguarda l obbligo di creazione di un Servizio di prevenzione interno nei seguenti casi (4): a) nelle aziende industriali di cui all articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, e successive modificazioni, soggette all obbligo di notifica o rapporto (5); b) nelle centrali termoelettriche; c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni (6); d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; e) nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori; f) nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori; g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori. A parte il doveroso aggiornamento della normativa in materia di rischi di incidenti rilevanti, si richiede ora un Servizio interno in caso di esistenza di impianti con presenza di radiazioni ionizzanti, mentre per le strutture sanitarie di ricovero la previsione viene innalzata alla soglia dei 50 lavoratori. E viene inoltre specificato che anche il Responsabile del Servizio deve essere interno, escludendo del tutto in questi casi la possibilità di creare un Servizio di prevenzione «misto», che poteva prevedere Addetti interni e Responsabile esterno. Risulta poco chiaro se tale divieto di esternalizzazione del Servizio debba necessariamente coincidere con una dipendenza contrattuale, ovvero con la presenza di uno specifico rapporto di lavoro subordinato del Responsabile con l azienda; appare più plausibile che tale vincolo coincida non necessariamente con questa esclusiva forma contrattuale, ma che il termine interno sia inteso nel senso di scelta tra i lavoratori dell azienda e di garanzia di presenza sul luogo di lavoro, affidabilità, efficacia dell azione svolta. Sul punto sarebbe comunque opportuna una delucidazione istituzionale. Ad eccezione delle lettere e) e g), tutti i restanti casi sopracitati sono poi adesso menzionati quali circostanza aggravante della pena per l omissione o la carenza della valutazione dei rischi aziendali e del relativo documento (7). Sempre in fatto di organizzazione del Servizio, vengono enunciate altre due novità: 1. la possibilità che aziende con più unità produttive nonché gruppi di imprese, possano istituire un unico Servizio di prevenzione e protezione, rivolgendosi a tale struttura per la designazione degli addetti e del responsabile (8); 2. la necessità di seguire un percorso obbligato per gli Istituti di istruzione, di formazione professionale e universitari e nelle istituzioni dell alta formazione artistica e coreutica che non optino per lo svolgimento diretto, da parte del datore di lavoro, dei compiti di prevenzione e protezione (9). Nel primo caso si vuole legittimare la possibilità, nell ipotesi di più unità produttive riconducibili ad una stessa azienda, dell opzione tra un Servizio di prevenzione e protezione unico per tutte o più servizi, uno per ogni unità produttiva, ovvero ancora consentire che un Servizio interno ad una impresa di un gruppo possa essere scelto come Servizio esterno per le altre imprese costituenti il gruppo. Gli obiettivi di tale operazione possono essere individuati nel tentativo di armonizzare, elevare il grado di specializzazione e contenere i costi per le aziende. Il secondo punto costituisce una parziale innovazione, dal momento che le modalità enunciate, pur non essendo presenti nel Dlgs n. 626/1994, erano state già state formulate all interno del Dm n. UNITELNews24 65

3 382 del 29 settembre 1998, «Regolamento recante norme per l individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modifiche ed integrazioni», emanato dal Ministro della pubblica istruzione, e poi riprese nella circolare ministeriale 29 aprile 1999, n. 119, avente ad oggetto «decreto legislativo n. 626/1994 e successive modifiche e integrazioni Dm n. 382/1998: Sicurezza nei luoghi di lavoro Indicazioni attuative». In queste specifiche attività si prevede, allora, che il Rspp, qualora il datore di lavoro non rivesta personalmente tale funzione, sia individuato tra: a) il personale interno all unità scolastica in possesso dei necessari requisiti, che si dichiari a tal fine disponibile; b) il personale interno ad una unità scolastica in possesso dei requisiti, che si dichiari disponibile ad operare in una pluralità di istituti. Laddove non si rintraccino disponibilità interne, gruppi di istituti possono avvalersi in maniera comune dell opera di un unico esperto esterno, scelto, in via prioritaria, tra il personale degli enti locali proprietari degli edifici scolastici e, in via subordinata, attraverso enti o istituti specializzati in materia di salute e sicurezza sul lavoro o tra esperti esterni, esercenti la libera professione. Laddove sia presente un esterno per ricoprire l incarico di responsabile del Servizio (10), nella scuola deve comunque essere presente un adeguato numero di addetti. Con il varo del Testo unico, tutta questa procedura, come detto già presente in fonti normative secondarie, è stata importata nel nuovo complesso di legge, in calce all articolo 32, relativo alle capacità ed ai requisiti professionali degli addetti e dei responsabili; ad avviso di chi scrive sarebbe stato più corretto ed opportuno, tuttavia, ricomprendere tali prescrizioni nell articolo precedente, dedicato più generalmente al Servizio ed alla sua formazione. Le opzioni costitutive del Servizio si completano, infine, con la mantenuta possibilità di far coincidere i ruoli di datore di lavoro e di Responsabile del Servizio, prevista all articolo 34 del decreto. Tale possibilità è legittimata (salvo i casi di cui si è già parlato sopra di obbligo di un Servizio interno articolo 31, comma 6), nelle ipotesi previste dall allegato 2, che coincidono in tutto con quelle già previste all Allegato 1 del decreto n. 626/1994: 1. aziende artigiane e industriali: fino a 30 addetti; 2. aziende agricole e zootecniche: fino a 10 addetti; 3. aziende della pesca: fino a 20 addetti; 4. altre aziende: fino a 200 addetti. Unica novità è la specifica che il datore di lavoro può svolgere non solo le funzioni di Rspp e quelle di prevenzione incendi ed evacuazione, ma anche quelle di primo soccorso, non citate nel testo precedentemente in vigore. Nelle realtà lavorative più semplici, quindi, il datore di lavoro può assommare tutti questi ruoli, dopo aver svolto i relativi corsi di formazione (i cui riferimenti, per antincendio e primo soccorso, non hanno, per il momento, subito variazioni e rimangono, rispettivamente, il Dm ed il Dm n. 388/ 2003). Una significativa modifica è stata, invece, introdotta per la formazione del datore di lavoro all incarico di Rspp, dal momento che viene ampliata la durata dei corsi, non più standardizzati sulle 16 ore a prescindere dalla realtà lavorativa esercitata, ma articolati con programmi adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative, con durata dalle 16 alle 48 ore (11) e con la previsione di un aggiornamento annuale. Per il momento, tuttavia, in attesa della definizione di programmi e contenuti attraverso un accordo in sede di Conferenza Stato, Regioni e Province autonome, è ancora considerata valida (12) la formazione effettuata ai sensi dell articolo 3 del Dm 16 gennaio 1997 (13) e non si ritiene cogente l aggiornamento annuale, che dovrà altresì essere oggetto di specifica disciplina, sempre a mezzo di apposito accordo della Conferenza Stato-Regioni. Alla ripetizione dei corsi non viene applicata, inoltre, alcuna eccezione, cosicché tutti i datori di lavoro, anche quelli che hanno finora frequentato il citato corso di 16 ore o sono stati esonerati dalla frequenza dei corsi, ai sensi dell articolo 95 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, dovranno provvedere alla riqualificazione personale con cadenza annuale. Per la formazione di Responsabili e Addetti al Servizio di prevenzione, interni ed esterni, viene confermata l intera previsione dettata dal Dlgs n. 195/2003 e dal conseguente Accordo del 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza Stato, Regioni e Province autonome, che, partendo dalla richiesta di un titolo di studi non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, richiede poi UNITELNews24 66

4 il possesso di attestati di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative, articolati nel corso base (modulo A, di 28 ore, comune a tutte le tipologie lavorative), nel corso specifico (modulo B, da 12 a 68 ore a seconda del macrosettore di appartenenza dell azienda in cui si eserciterà la funzione) e nel corso specialistico, per il solo Responsabile (modulo C, di 24 ore, riguardante i rischi natura ergonomica e da stress lavorocorrelato di cui all articolo 28, comma 1, del decreto n. 81/2008, l organizzazione e gestione delle attività tecnicoamministrative, le tecniche di comunicazione in azienda e le relazioni sindacali). Nell ottica di valorizzazione degli aspetti legati alla valutazione dei rischi di natura psicosociale che permea tutto il Testo unico, viene aggiunta proprio nel testo della legge la specifica relativa allo stress lavoro correlato, prima solo citata a livello generico nei contenuti del corso. Confermato anche l aggiornamento quinquennale di 40 o 60 ore per i Responsabili (sempre in base al macrosettore di appartenenza) e di 28 ore per gli Addetti. Elementi di novità per i corsi per il Spp sono costituiti dall entrata a far parte dell Ipsema, l Istituto di previdenza per il settore marittimo, tra gli enti di formazione abilitati e dalla richiesta di annotazione di ciascuno degli interventi svolti sul libretto formativo del cittadino, di cui al Dlgs 10 settembre 2003, n. 276 (da quando, però, esso sarà effettivamente attivo). Sempre in relazione all aspetto formativo dei membri del Servizio di prevenzione è decisamente ampliata la casistica degli esonerati dalla frequenza ai corsi; se l articolo 8-bis del Dlgs n. 626/1994 annoverava solamente i possessori di lauree triennali in «Ingegneria della sicurezza e protezione» o in «Scienze della sicurezza e protezione» o in «Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro», ora (14) sono ricomprese tutte quelle lauree facenti parte delle classi L7, L8, L9, L17, L23 (15) (fisica, ingegneria civile, biotecnologie diverse) o delle classi 8, 9, 10, 4 (16) (scienze dell architettura, diverse specializzazioni di ingegneria) o altre riconosciute corrispondenti ai sensi della normativa vigente o che saranno individuate dalla Conferenza Stato, Regioni e Province autonome. Tra gli aspetti innovativi più evidenti in relazione alla funzione aziendale in esame vi sono, comunque, l abolizione dell obbligo di comunicazione alla Asl ed alla Direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti del nominativo del Rspp incaricato, come richiesto dall articolo 8, comma 11, del decreto n. 626 e quello di trasmissione della documentazione prevista dall articolo 10, comma 2, sempre del previgente decreto (dichiarazione sulle capacità del datore di lavoro di rivestire il ruolo di Rspp e sull effettuata valutazione dei rischi, relazione sull andamento degli infortuni e attestazione dell avvenuta formazione), ora sostituiti dal doveroso inserimento del nominativo di tale figura nel documento di valutazione dei rischi o nella autocertificazione. Questa comunicazione ha sempre costituito, di fatto, un riferimento certo e probante l assunzione dell incarico; per un altro verso era anche possibile considerarla come un indicazione di quella necessaria e qualificata figura di riferimento aziendale anche per gli organismi di vigilanza. Infine c è da sottolineare come non venga prevista alcuna variazione in relazione ai compiti del Servizio, pedissequamente trasfusi dall articolo 9 del decreto n. 626/1994 al 33 del decreto n. 81/2008 e simbolo della connotazione spiccatamente tecnica del ruolo rivestito. Tra di essi risaltano la collaborazione all individuazione dei fattori di rischio (dove si estrinseca in maniera particolare l aspetto dell attività preventiva), alla valutazione dei rischi ed all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nonché l elaborazione di procedure e di misure preventive e protettive. Dall analisi di tali compiti si viene a sottolineare la loro strumentalità all attività del datore di lavoro, confermando la dimensione consultiva della funzione e, soprattutto, «l assenza di obblighi/poteri di intervento immediato sulle modalità esecutive dell attività svolta, sulla sua organizzazione e, più in generale, sull ambiente di lavoro: obblighi/poteri, questi, riferibili al datore di lavoro ed alla catena di comando da questi dipendente, secondo la «quadripartizione legale» (17). Una sia pur minore e residuale responsabilità, tuttavia, emerge nei (rari, ma non inesistenti) casi di delega o per le conseguenze di un errato, improprio o negligente svolgimento dei compiti normativamente disciplinati: essa è rintracciabile, sulla scorta dei principi penalistici generali (e non per disposizioni sanzionatorie tipiche della figura, ancora una volta assenti nel testo del nuovo provvedimento) come responsabilità indiretta e concorrente con quella del reale soggetto debitore di sicurezza. UNITELNews24 67

5 Bibliografia - AA.VV., «Ambiente e sicurezza del lavoro» a cura di M. Rusciano e G. Natullo, Vol. VIII del Commentario di Diritto del lavoro diretto da F. Carinci, Utet, Torino, P. Fimiani, «Il decreto legislativo n. 758 del 1994: ambito di applicazione», in Giur. Merito 2000, 1, 222, Giuffrè, Milano. - P. Soprani, «Datore di lavoro e Rspp: il principio di affidamento» in Ambiente & Sicurezza - Il caso, n. 16 del , Il Sole 24 Ore, Milano (1) Articolo 2, comma 1, lettera l). (2) Articolo 18, comma 2. (3) Articolo 55, comma 4, lettera c). (4) Articolo 31, comma 6, del Dlgs n. 81/2008. (5) Stabilimenti con pericoli di incidenti rilevanti. (6) Normativa in materia di radioprotezione. (7) Art. 55, comma 2, del Dlgs n. 81/2008: «Nei casi previsti al comma 1, lett. a), si applica la pena dell arresto da sei mesi a un anno e sei mesi se la violazione è commessa: a) nelle aziende di cui all articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f);... omissis...». (8) Articolo 31, comma 8, del Dlgs n. 81/2008. (9) Articolo 32, commi 8, 9 e 10, del Dlgs n. 81/2008. (10) Ipotesi di cui al comma 9 dell articolo 32 del Dlgs n. 81/2008 (e non 8, come erroneamente riportato sul testo ufficiale). (11) Articolo 34, comma 2, del Dlgs n. 81/2008. (12) Articolo 34, comma 2, del Dlgs n. 81/2008. (13) I contenuti previsti da tale decreto riguardano: «a) il quadro normativo in materia di sicurezza dei lavoratori e la responsabilità civile e penale; b) gli organi di vigilanza e di controlli nei rapporti con le aziende; c) la tutela assicurativa, le statistiche ed il registro degli infortuni; d) i rapporti con i rappresentanti dei lavoratori; e) appalti, lavoro autonomo e sicurezza; f) la valutazione dei rischi; g) i principali tipi di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza; h) i dispositivi di protezione individuale; i) la prevenzione incendi ed i piani di emergenza; l) la prevenzione sanitaria; m) l informazione e la formazione dei lavoratori». (14) Articolo 32, comma 5, del Dlgs n. 81/2008. (15) Decreto del Ministro dell università e della ricerca del 16 marzo (16) Decreto del Ministro dell università e della ricerca scientifica e tecnologica del 4 agosto (17) In «La prevenzione dei rischi e la tutela della salute in azienda», pagine 82 e 83. UNITELNews24 68

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008 ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Soggetto accreditato per la Formazione dalla Regione Lombardia Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Nomina a RSPP e ASPP

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

Le Principali Novità

Le Principali Novità TESTO UNICO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI SUL LAVORO D. L.vo 81/08 Le Principali Novità Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il testo unico in materia di tutela della salute e sicurezza

Dettagli

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs. Ente Bilaterale Mantovano Commercio Turismo Servizi Organismo Paritetico Provinciale I. Parte generale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il DATORE di lavoro DESIGNA (oppure) INCARICA NOMINA Servizio INTERNO di prevenzione e protezione Servizio ESTERNO di consulenza alla sicurezza MEDICO competente

Dettagli

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2 per lo svolgimento diretto dei compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione dei rischi (Art. 34 1 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009

PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009 PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009 Conforme al D. Lgs. 195/2003 Richiesta approvazione Provincia di Ferrara N. rif. P.A. 2008/171/FE Supporto Scientifico: Servizio

Dettagli

Prot. n. 1035/B15 Taranto, 31.10.2012

Prot. n. 1035/B15 Taranto, 31.10.2012 Prot ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. GALILEI Vico Carducci, 9 74123 TARANTO - tel. 099.4706866 tel. e fax 0994707447 Codice Fiscale 80010490730 Codice meccanografico: taic802004 www. scuolagalilei.it e-mail:

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

I PROVVEDIMENTI PREVISTI PER LA SICUREZZA SUL LAVORO. 17 settembre 2015

I PROVVEDIMENTI PREVISTI PER LA SICUREZZA SUL LAVORO. 17 settembre 2015 I PROVVEDIMENTI PREVISTI PER LA SICUREZZA SUL LAVORO 17 settembre 2015 Atto n. 176 2 Schema di decreto legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2

CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2 CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2 per lo svolgimento diretto dei compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione dei rischi (Art. 4 1 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato

Dettagli

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Dott. Massimo Servadio Consulente e Formatore in ambito di Salute e Sicurezza sul Lavoro SEZIONE II VALUTAZIONE DEI RISCHI ART.

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI Gli accordi Stato- Regioni del 21 dicembre sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell 11 gennaio 2012.

Dettagli

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Corso di Formazione Regolato da Provvedimento del 26 Gennaio 2006 (G. U. del 14/2/2006 n. 37) Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell articolo

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN BASE ALL ACCORDO STATO-REGIONI L Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,...

Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,... Sicurezza: Corsi Rspp, Corsi Aspp, Corsi Primo Soccorso,... Testo Unico sulla Sicurezza Decreto Legislativo 81/2008 OBBLIGHI FORMATIVI La prima e forse la più importante delle novità è che il decreto si

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG)

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza Perugia, 28 settembre 2012 Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) La formazione per il Datore di Lavoro Responsabile del Servizio Prevenzione

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

D.Lgs. 195/2003 e circolare Min Lav 39/2003

D.Lgs. 195/2003 e circolare Min Lav 39/2003 D.Lgs. 195/2003 e circolare Min Lav 39/2003 Pag. 1 CORTE DI GIUSTIZIA CE causa C 49/00, sentenza 15 novembre 2001: mancanza nella legislazione italiana di recepimento delle direttive comunitarie in materia

Dettagli

COMUNICAZIONI. Prot. n 350/A1 Erice, 15/01/2013

COMUNICAZIONI. Prot. n 350/A1 Erice, 15/01/2013 Pagina 1 di 1 Interna Esterna (in uscita) Prot. n 350/A1 Erice, 15/01/2013 Al Prof. ERASMO MICELI Dirigente Scolastico dell I.I.S. L. Da Vinci M. Torre Piazza XXI Aprile 91100 TRAPANI - All Albo dell Istituto

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula -PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula CORSO RSPP DATORE DI LAVORO ALTO RISCHIO 48ORE D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art. 34 coordinato al D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 ed Accordo Stato-Regioni del 21

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda.

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. Catalogo Corsi Sicurezza Rischio Medio (d.lgs 81/08 e suc. mod.) Per la gamma completa di prodotti visita www.aforabruzzo.it corsi base 2 Corso

Dettagli

CONFCOOPERATIVE Reggio Emilia Largo M.Gerra, 1 42100 Reggio Emilia Tel. 0522/546111

CONFCOOPERATIVE Reggio Emilia Largo M.Gerra, 1 42100 Reggio Emilia Tel. 0522/546111 CATALOGO CORSI SICUREZZA - CORSO PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI D.LGS. 81/2008, D.M. 10/03/98 - CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO D.LGS. 81/2008 - D.M. 388/2003 - CORSO PER RAPPRESENTANTE DEI

Dettagli

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE LEZIONE 55 e obblighi Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana FONTI NORMATIVE SULLA SICUREZZA Codice civile Statuto dei diritti dei lavoratori Decreto legislativo 81/2008 LA LEGISLAZIONE

Dettagli

OBBLIGHI DATORE DI LAVORO E RELATIVE SANZIONI AGGIORNATI AL D.LGS. 81/08 MODIFICATO DAL D.LGS. 106/09

OBBLIGHI DATORE DI LAVORO E RELATIVE SANZIONI AGGIORNATI AL D.LGS. 81/08 MODIFICATO DAL D.LGS. 106/09 TITOLO I - PRINCIPI COMUNI RIFERIMENTO E OBBLIGO Valutare i rischi (art. 17 c. 1 lett. a) ed elaborare il documento secondo le specifiche dell art. 28. Aggiornare il documento in caso di modifiche del

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MARCONI Via Matteotti, 52 74 018 P AL AGI AN ELLO Tel. C.F.901 21 43 073 1 Sito web: www.marconicomprensivo.gov..it e-mail:taic808003@istruzione.it Prot. 2879/A35 Palagianello,

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Per quanto riguarda l organizzazione interna della sicurezza nei singoli

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. Slide 1 SOGGETTI PRINCIPALI DATORE DI LAVORO MEDICO COMPETENTE RESPONSABILE E ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI Salsomaggiore, 29 maggio 2009 D.Lgs. 81/08 I soggetti coinvolti R.L.S. Medico DL - Dirigenti Preposti R.S.P.P. Sistema di gestione permanente

Dettagli

Prot. n. 1281/1-1 Trapani, 21 ottobre 2013

Prot. n. 1281/1-1 Trapani, 21 ottobre 2013 Istituto Superiore S. Calvino G. B. Amico Distretto: 060 Sede Centrale Cod. mecc.: TPIS028009 I.T.C. S. Calvino Cod. mecc.: TPTD02801G (diurno) - TPTD028511 (serale) C.F.: 80004590818 Indirizzo: Via San

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 2 del 09 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Prot. n. 611/A11 Cerignola, 26/01/2015 All ALBO ON LINE DEI SITI WEB ISTITUZIONALI A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO DI QUESTA SCUOLA E DI TUTTE LE AMMINISTRAZIONI SCOLASTICHE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA A

Dettagli

PROT. N. 4590 B/15 ROMA, 09.12.2013

PROT. N. 4590 B/15 ROMA, 09.12.2013 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO "RAFFAELLO" Via Giuseppe Capograssi, 23 00173 ROMA - Tel. 0672633026 Fax 0672633380

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 Alghero Via XX Settembre, 231 07041 ALGHERO (SS) Cod. Fisc. 92128500904

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 Alghero Via XX Settembre, 231 07041 ALGHERO (SS) Cod. Fisc. 92128500904 Prot. n 6583/C14 Alghero,02/12/2013 Oggetto: CIG ZC60CA49D7 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.L.vo n. 81/2008 modificato

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE MACCHINA TECNICA CONTROLLO UOMO CULTURA - FORMAZIONE IL PRIMO FINE DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA E SEMPRE LA PREVENZIONE DELL INFORTUNIO PER TUTELARE IL BENE PIU PREZIOSO CIOE LA SALUTE DELLE PERSONE

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori D. LGS 81/2008 L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI L ADDESTRAMENTO Informazione ai lavoratori 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: a)

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

VADEMECUM FORMAZIONE SICUREZZA

VADEMECUM FORMAZIONE SICUREZZA VADEMECUM FORMAZIONE SICUREZZA In base alla normativa vigente, la sicurezza e salute sui luoghi di lavoro è il risultato concertato di più azioni svolte da una pluralità di soggetti, lavoratori compresi,nell

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi

Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi. Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi FIGURE ATTRICI DELLA SICUREZZA Valutazione dei Rischi consulenza in materia di sicurezza sul lavoro Servizio di Prevenzione Protezione e Sicurezza Responsabile SPP Addetti SPP Addetti all antincendio Addetti

Dettagli

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO. Bologna, 24 ottobre 2014 Dr. Leopoldo Magelli

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO. Bologna, 24 ottobre 2014 Dr. Leopoldo Magelli L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Bologna, 24 ottobre 2014 Dr. Leopoldo Magelli Perché molte volte le criticità nel rapporto tra RLS e RSPP derivano da una scarsa conoscenza del quadro normativo e allora è

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO "LUIGI CHIESA" Via Ungaretti 38 - Spino d'adda (CR) 26016 Tel. 0373-965219 fax. 0373-965178 e-mail cric817004@istruzione.it

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini La programmazione e la formazione: strumenti essenziali per la salute e la sicurezza sul lavoro Formazione, informazione, addestramento Massimo Cecchini Definizioni (art. 2 D.Lgs. 81/2008) aa) «formazione»:

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie Meccanica, meccatronica ed energia Biotecnologie Ambientali Napoli, li 23 settembre 2015 Prot. n 5386 Tit. A/11 All Albo scolastico dell Istituto Tecnico Settore Tecnologico Url: http://www.itimariecurie.gov.it/ Avviso pubblico di selezione per conferimento incarico

Dettagli

Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da:

Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da: Modifiche e integrazioni introdotte al D. Lgs. 81/2008 da: DL 69/2013, convertito dalla L 98/2013 (cosiddetto decreto del fare ) DL 77/2013, convertito dalla L 99/2013 (che modifica solo l art. 306) 3

Dettagli

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI DELL'ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, DI EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO IN CASO DI PERICOLO GRAVE E IMMEDIATO, DI SALVATAGGIO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 Settembre 1994, n 626

DECRETO LEGISLATIVO 19 Settembre 1994, n 626 1 DECRETO LEGISLATIVO 19 Settembre 1994, n 626 TESTO COORDINATO CON D.LGS. 19 Marzo 1996 n 242, DI MODIFICA, CON D.LGS. 4 Agosto 1999 n 359, CON D.M. 12 Novembre 1999 e CON D.LGS. 25 Febbraio 2000 n 66

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

Prot. n.3811/c14 Frosinone 17.10.2015. Circolare n. 39

Prot. n.3811/c14 Frosinone 17.10.2015. Circolare n. 39 Prot. n.311/c1 Frosinone 17.10.01 Circolare n. 39 A tutto il Personale SEDE All Albo sito WEB Agli Atti- Sede Oggetto: Avviso interno per conferimento di incarico di Responsabile Servizio Prevenzione e

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

Obblighi in materia di Sicurezza e Salute sul Lavoro

Obblighi in materia di Sicurezza e Salute sul Lavoro Normativa di riferimento: - D.Lgs 81/2008 - D.Lgs 106/2009 (integra il D.Lgs 81/2008) - Accordi della Conferenza Permanente Stato Regioni - Riferimenti a Codice Civile e Codice Penale - Sentenze della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Per conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione (ai sensi del D.lvo. 9/04/08 n.

AVVISO PUBBLICO. Per conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione (ai sensi del D.lvo. 9/04/08 n. Prot. N. 3492C/14 del 27/06/2015 AVVISO PUBBLICO Per conferimento di incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione (ai sensi del D.lvo. 9/04/08 n. 81) Il DIRIGENTE SCOLASTICO Visto

Dettagli

Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro introdotte dal Jobs Act

Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro introdotte dal Jobs Act Le novità in materia di salute e sicurezza sul lavoro introdotte dal Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183 (C.D. «JOBS ACT») L articolo 1, comma 5, della L. 183/2014 «Deleghe al Governo in materia di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

Indice. 1 La sicurezza e la tutela della salute sui luoghi di lavoro ------------------------------------------ 3

Indice. 1 La sicurezza e la tutela della salute sui luoghi di lavoro ------------------------------------------ 3 LEZIONE: LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO PROF. DIAMANTE MAROTTA Indice 1 La sicurezza e la tutela della salute sui luoghi di lavoro ------------------------------------------

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza Modulo 1 La vigente normativa

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE DEL RSPP A C U R A D I M O N I C A FA S A N O AV VO C ATO E D OT TO R E D I R I C E R C A

LA RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE DEL RSPP A C U R A D I M O N I C A FA S A N O AV VO C ATO E D OT TO R E D I R I C E R C A LA RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE DEL RSPP A C U R A D I M O N I C A FA S A N O AV VO C ATO E D OT TO R E D I R I C E R C A N E L L U N I V E R S I T À La responsabilità civile e penale del RSPP costituisce

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

Dipartimento di prevenzione. Formazione e Informazione per le tipologie di lavoratori agricoli. Simon Crocco e Sofia Scalisi

Dipartimento di prevenzione. Formazione e Informazione per le tipologie di lavoratori agricoli. Simon Crocco e Sofia Scalisi Dipartimento di prevenzione Formazione e Informazione per le tipologie di lavoratori agricoli Simon Crocco e Sofia Scalisi La formazione nel tempo D.P.R. 547/55 Art. 4 - Obblighi dei datori di lavoro,

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 236 D.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies

Dettagli

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 1 Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 Sommario 2 Formazione di lavoratori..4 - Formazione generale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n 3899/C14 Borghetto Lodigiano, 4 ottobre 2013 Al sito Web: - Albo - Albo Pretorio AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D.LGS.

Dettagli

Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)

Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Ing. Marcello Rotundo Coordinatore sede provinciale di Cosenza dell AIAS Associazione professionale Italiana Ambiente

Dettagli

Le modifiche del Jobs Act al Testo Unico sulla Sicurezza Lavoro mercoledì, 24 giugno, 2015

Le modifiche del Jobs Act al Testo Unico sulla Sicurezza Lavoro mercoledì, 24 giugno, 2015 Le modifiche del Jobs Act al Testo Unico sulla Sicurezza Lavoro mercoledì, 24 giugno, 2015 Modifiche al DLgs 81/08 nel Jobs Act In via di approvazione le modifiche apportate dal Jobs Act al Testo Unico

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08

SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08 SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08 TITOLO I PRINCIPI COMUNI Art. 55 1. E punito con l arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da 2.500 a 6.400 euro il datore di lavoro: a) per la violazione

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI. Convegno CUP del 16 Maggio 2009 relazione prof. ing. Guido Cassella Esse Ti Esse - Padova e Treviso Slide 1 SOGGETTI

Dettagli