DUVRI Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DUVRI Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze"

Transcript

1 PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MAGLIANO ALPI Impianto di recupero e smaltimento RSU e RSAU Località Beinale MAGLIANO ALPI ( CN ) DUVRI Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze Redatto ai sensi dell Art. 26, comma 3 e 5, del D. Lgs. 9 Aprile N 81, aggiornato dal D. Lgs. 3 Agosto 2009 N 106 VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE DOVUTE ALLA COMPRESENZA TRA DITTE ESTERNE INGRESSO ED USCITA CARTA/CARTONE 1

2 INDICE 1. PREMESSA.... Pag Applicabilità Aree interessate Sospensione dei lavori SOGGETTO COMMITTENTE Figure aziendali 4 3. SOGGETTO GESTORE IMPIANTO Figure aziendali Definizione dell organigramma aziendale del gestore impianto IMPRESA ESTERNA INGRESSO ED USCITA CARTA/CARTONE Figure aziendali Personale lavoratore dell impresa esterna Lavoratori autonomi COORDINAMENTO DELLE FASI LAVORATIVE VALIDITÀ E REVISIONE DEL DUVRI Riunione preliminare all'inizio dei lavori OBBLIGO DI DOTAZIONE E D USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI ( DPI ) Tipologia di scarpa da usarsi all interno dell impianto Tipologia di guanti da usarsi all interno dell impianto Tipologia di occhiali da usarsi all interno dell impianto Tipologia di maschera antipolvere da usarsi all interno dell impianto Tipologia di otoprotettori da usarsi all interno dell impianto Tipologia di elmetto di protezione del capo da usarsi all interno dell impianto Tipologia di gilet alta visibilità da usarsi all interno dell impianto RECAPITI TELEFONICI DI EMERGENZA METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI INTERFERENZA TRA IMPRESE Descrizione dell impianto Cronoprogramma INGRESSO ED USCITA MATERIALE CARTA/CARTONE Modalità operative Operazioni di carico VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA TRA IMPRESE Norme comportamentali Interferenze Emergenze METODOLOGIA ADOTTATA DETERMINAZIONE DELL INDICE DI RISCHIO ( R ) CHECK LIST RISCHI DA INTERFERENZE GESTIONE DELLA EMERGENZA Centro di Controllo dell Emergenza ( CCE ) Dotazioni centro di controllo Punto di raccolta o luogo di raduno sicuro STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA DICHIARATI DALL IMPRESA ESTERNA Costi della sicurezza ALLEGATO 1 - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ATTO DI NOTORIETÀ SOTTOSCRIZIONI CONCLUSIVE

3 1. PREMESSA Il presente Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ( DUVRI ) contiene le principali informazioni/prescrizioni in materia di sicurezza, per fornire all impresa esterna che accede all impianto consortile ACEM di Località Beinale Strada del Donio - Magliano Alpi ( CN ), gestito da, per la presa in carico di carta/cartone da RD, dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare i lavoratori e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate, in relazione alla propria attività, in ottemperanza all Art. 26, comma 1, lettera b, D. Lgs. 9 aprile 2008 N 81, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009. Secondo tale articolo, al comma 3 ( come modificato dal D. Lgs. 106/2009 ): Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione e il coordinamento, elaborando un unico documento di valutazione dei rischi, che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze. Tale documento è obbligatorio e va adeguato in funzione dell'evoluzione dei lavori, servizi e forniture. Le disposizioni del presente comma non si applicano ai rischi specifici propri dell attività delle Imprese esterne o dei singoli lavoratori autonomi. Il committente deve promuovere la cooperazione ed il coordinamento, cooperando all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa e coordinando gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva. Prima dell affidamento del servizio si provvederà: - a verificare l idoneità tecnico-professionale dell impresa esterna, attraverso la acquisizione del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato e dell'autocertificazione dell'impresa esterna del possesso dei requisiti di idoneità tecnico-professionale - a fornire in allegato al contratto il Documento Unico di Valutazione dei Rischi, che sarà costituito dal presente documento preventivo. La ditta esterna dovrà produrre un proprio piano operativo sui rischi connessi alle attività specifiche, coordinato con il DVR unico definitivo Applicabilità Questo Documento si applica a tutti i mezzi e gli operatori delle ditte esterne impegnate nelle operazioni di ingresso, di presa in carico carta e cartone all interno dell impianto consortile gestito da Località Beinale Strada del Donio - Magliano Alpi ( CN ) e di uscita dall impianto stesso Aree interessate Sono interessate alla procedura tutte le aree interne all impianto Sospensione dei lavori In caso di inosservanza di norme in materia di sicurezza od in caso di pericolo imminente per i lavoratori, il gestore dell impianto ( ) o la stazione appaltante/committente ( ACEM ) potrà ordinare la sospensione dei lavori/servizi, disponendone la ripresa solo quando sia di nuovo assicurato il rispetto della normativa vigente e siano ripristinate le condizioni di sicurezza ed igiene del lavoro. Per sospensioni dovute a pericolo grave ed imminente il committente non riconoscerà alcun compenso od indennizzo alla ditta esterna. Il personale della ditta esterna dovrà essere formato ed informato in merito ai rischi ambientali dell attività. Nota: Art. 26 comma primo, lettera b, D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 come modificato da D. Lgs. 106/2009 Art Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione 1. Il datore di lavoro, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture all impresa esterna o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell ambito dell intero ciclo produttivo dell azienda medesima, sempre che abbia la disponibilità giuridica dei luoghi in cui si svolge l appalto o la prestazione di lavoro autonomo: b) fornisce agli stessi soggetti dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività. 3

4 2. SOGGETTO COMMITTENTE Nome Presidente Direttore Tecnico Settore Indirizzo sede legale Indirizzo sede operativa Consorzio ACEM Rag. GASCO Gian Pietro Codice fiscale Partita IVA Dott. Geol. FAZIO Gilberto Ente di pianificazione territoriale per la gestione dei RSU/RSAU Via Case Rosse, CEVA Via Case Rosse, CEVA Telefono / Fax sede legale Tel. 0174/ Fax 0174/ Telefono / Fax sede operativa Tel. 0174/ Fax 0174/ Figure aziendali ( per la sede ACEM di Via Case Rosse, 1 Ceva ) Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione esterno Medico Competente Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza Addetti Antincendio Addetti Primo Soccorso Per. Ind. FISSORE Fabrizio Dr. PRANDI Pietro Sig. MANFREDI Luca Sigg. MANFREDI Luca e RAVIOLO Marco Sigg. MANFREDI Luca e RAVIOLO Marco 4

5 3. SOGGETTO GESTORE IMPIANTO Nome Amministratore delegato Direttore Tecnico Settore produttivo Indirizzo sede legale Indirizzo sede operativa Codice fiscale Impianto di Recupero e Smaltimento RSU e RSAU Dott. COGGIOLA Fabio Dott. Ing. REALE Giuseppe Impianto di prima categoria per il trattamento, il recupero e lo smaltimento di RSU e RSAU Via Meuccio Ruini, REGGIO EMILIA Partita IVA Località Beinale MAGLIANO ALPI Telefono / Fax sede legale Tel Fax Telefono / Fax sede operativa Tel Fax Codice ISTAT Trattamento e smaltimento di altri rifiuti non pericolosi 3.1. Figure aziendali Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione esterno Capo Impianto Preposti alla sicurezza Medico Competente Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza Addetti Antincendio Addetti Primo Soccorso Addetti Emergenze ed Evacuazione Ing. BIANCO Alberto Sig. PRATO Giancarlo Sig. PRATO Giancarlo Sig. DADONE Eric Dott. POLLONE Alberto Sig. LERDA Christian Sig. PRATO Giancarlo Sig. DADONE Eric Sig. DARDANELLO Mario Sig. LERDA Christian Sig. PRATO Giancarlo Sig.ra Briatore Valentina Sig. Dardanello Mario Sig. Lerda Christian Sig. Mondino Lorenzo Sig. Rinaudo Armando Sig. Prato Giancarlo Sig. Dadone Eric Sig. Dardanello Mario Sig. Lerda Christian Orario di lavoro Numero di lavoratori Settori A, B (orario invernale) Settori A, B (orario estivo) Ufficio Lunedì Lunedì Lunedì Martedì Mar, Mer, Gio, Ven Mar, Mer, Gio, Ven Martedì Sabato Sabato Giovedì Venerdì Legale Rappresentante / Amministratore Delegato 01 Direttore Tecnico 01 Impiegati e lavoratori, di cui: 20 donne 05 uomini 15 TOTALE 22 5

6 Definizione dell organigramma aziendale del gestore impianto Datore di lavoro Dott. COGGIOLA Fabio Direttore Tecnico Dott. Ing. REALE Giuseppe Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione ( R.S.P.P. esterno ) Ing. BIANCO Alberto Medico competente Dott. POLLONE Alberto Capo impianto / Preposto alla Sicurezza Sig. PRATO Giancarlo Responsabile manutenzioni / Preposto alla Sicurezza Sig. DADONE Eric Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ( R.L.S. ) Sig. LERDA Christian Incaricati per l attuazione delle misure di Primo Soccorso Sig. PRATO Giancarlo Sig.ra BRIATORE Valentina Sig. DARDANELLO Mario Sig. LERDA Christian Sig. MONDINO Lorenzo Sig. RINAUDO Armando Incaricati per l attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio Sig. PRATO Giancarlo Sig. DADONE Eric Sig. DARDANELLO Mario Sig. LERDA Christian Incaricati per l attuazione delle misure di evacuazione dei lavoratori, di salvataggio e di gestione dell emergenza Sig. PRATO Giancarlo Sig. DADONE Eric Sig. DARDANELLO Mario Sig. LERDA Christian 6

7 4. IMPRESA ESTERNA INGRESSO ED USCITA CARTA/CARTONE Nome Legale Rappresentante Settore produttivo Indirizzo sede legale Indirizzo sede operativa Codice fiscale Partita IVA Telefono / Fax sede legale Telefono / Fax sede operativa Figure aziendali Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione esterno Responsabile Antincendio Addetti Squadra antincendio Addetti Squadra primo soccorso Preposto Medico Competente Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza 4.2. Personale lavoratore dell impresa esterna I lavoratori dell impresa esterna che presteranno manodopera presso l impianto di Magliano Alpi sono: MATRICOLA NOMINATIVO MANSIONE 4.3. Lavoratori autonomi MATRICOLA NOMINATIVO MANSIONE LAVORI/SERVIZI DA ESEGUIRE 7

8 5. COORDINAMENTO DELLE FASI LAVORATIVE Si stabilisce che non potrà essere iniziata alcuna operazione all interno delle aree dell impianto consortile, da parte dell impresa esterna / lavoratore autonomo, se non a seguito di avvenuta firma, da parte del Responsabile di sede incaricato per il coordinamento dei lavori, dell apposito verbale di cooperazione e coordinamento. Si stabilisce inoltre che eventuali inosservanze delle procedure di sicurezza che possano dar luogo ad un pericolo grave ed immediato, daranno il diritto ad entrambe le imprese, di interrompere immediatamente i lavori. Si stabilisce inoltre che il Responsabile di sede e l incaricato dell impresa esterna per il coordinamento dei lavori potranno interrompere tali lavori, qualora ritenessero, nel prosieguo delle attività, che le medesime, anche per sopraggiunte nuove interferenze, non fossero più da considerarsi sicure. L impresa esterna è tenuta a segnalare al responsabile del contratto ed al referente di sede l eventuale esigenza di utilizzo di nuove imprese o lavoratori autonomi. Le lavorazioni di queste ultime potranno avere inizio solamente dopo la verifica tecnicoamministrativa, da eseguirsi da parte del responsabile del contratto e la firma del verbale di coordinamento da parte del responsabile di sede. Nell'ambito dello svolgimento dell attività lavorativa, sia direttamente, sia concessa in subappalto, il personale occupato dall'impresa esterna deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro ( Art. 26, comma 8, D. Lgs. 9 aprile 2008 N 81 e s.m.i. ). I lavoratori sono tenuti ad esporre detta tessera di riconoscimento. 6. VALIDITÀ E REVISIONE DEL DUVRI Il presente DUVRI costituisce parte integrante del contratto di servizio ed ha validità immediata dalla sottoscrizione del contratto stesso. Il DUVRI in caso di modifica sostanziale delle condizioni del contratto potrà essere soggetto a revisione ed aggiornamento in corso d opera. La revisione sarà consegnata per presa visione all impresa esterna e sottoscritta per accettazione Riunione preliminare all'inizio dei lavori Prima dell inizio della prestazione, potrà essere effettuata una riunione presieduta dal Responsabile del servizio a cui dovranno prendere parte obbligatoriamente i Responsabili dell impresa esterna che, se lo riterranno opportuno, potranno far intervenire anche i Responsabili delle ditte fornitrici coinvolte in attività di cantiere. Durante la riunione preliminare il Responsabile illustrerà le caratteristiche principali del lavoro da svolgere e le imprese potranno presentate proposte di modifica e integrazione al presente DUVRI. Al termine dell'incontro verrà redatto un verbale di primo sopralluogo, che dovrà essere letto e sottoscritto da tutti i partecipanti, oltre alla stesura di un verbale di cooperazione e coordinamento. Si intende che tale riunione sia da ritenere non obbligatoria per tutti quegli interventi di piccole entità e che non comportino utilizzo di apparecchiature o fasi di lavoro con significativi pericoli per il personale. 7. OBBLIGO DI DOTAZIONE E D USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI ( DPI ) Con le schede che seguono si danno le indicazioni sulla tipologia dei DPI da usarsi obbligatoriamente all interno dell impianto di Magliano Alpi durante le fasi lavorative specifiche di ogni azienda. Ogni mezzo ed ogni persona che accede all impianto deve essere dotato dei DPI conformi alle norme in vigore e, qualora non ne sia in possesso ( od in possesso parziale ), non potrà accedere all area di lavoro, onde evitare rischi per la protezione e la salute individuale, nonché della possibilità di mettere a repentaglio la sicurezza altrui. Le persone sprovviste dei DPI indicati hanno l obbligo di segnalare alla Direzione le eventuali mancanze, in modo tale che, qualora ve ne sia la possibilità, possano essere dotate temporaneamente e non obbligatoriamente dei DPI mancanti. 8

9 Le persone sorprese a non usare i DPI all interno dell Area saranno immediatamente richiamate, al fine di tutelare la propria sicurezza e quella degli altri lavoratori. I Dispositivi di Protezione Individuali di seguito riportati sono quelli destinati a proteggere dai rischi residui che sono originati dalle interferenze delle lavorazioni e non quelli specifici dell attività delle imprese esterne, per le quali ciascuna ditta avrà provveduto all individuazione ed alla consegna, sulla base della propria valutazione dei rischi Tipologia di scarpa da usarsi all interno dell impianto Norma riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria Specifiche della calzatura di D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 D. Lgs. 81/2008, Allegato VIII, Punti 3-4, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 UNI EN ISO ( 2004 ) UNI EN ISO ( 2008 ) - Dispositivi di protezione individuale Calzature di sicurezza. Senza suola imperforabile: acciaierie, grandi condotte, impianti elettrici, gru, installazione di impianti di riscaldamento ed aerazione, discariche, movimentazione e stoccaggio. CE Puntale di protezione delle dita dei piedi che protegge contro gli urti con energia pari al 200 J e i rischi di schiacciamento con un carico massimo 15 KN Tipologia di guanti da usarsi all interno dell impianto UNI EN 388 Norma riferimento di Rischi meccanici Impieghi previsti Marcatura obbligatoria Specifiche richieste guanti ai Usati per lavori di scarico rifiuti nella fossa di conferimento durante la manovra del mezzo, pulizia generica a scarico avvenuto, lavori con attrezzi, manipolazione di attrezzi di lavoro, lavori vari attinenti le operazioni interne all impianto. CE Categoria di appartenenza: II ( in base al D.L. 475/1992 ) Resistenza all abrasione ( cicli ), livello 2 Resistenza al taglio ( 1,35 indice ), livello 1 Resistenza alla lacerazione: 58,9 N, livello 3 Resistenza alla perforazione: 43 N, livello 1 9

10 7.3. Tipologia di occhiali da usarsi all interno dell impianto Norma riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria di Specifiche richieste agli occhiali D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 D. Lgs. 81/2008, Allegato VIII, Punti 3-4, n. 3-2, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 UNI EN 166 ( 2004 ) - Protezione personale degli occhi. Specifiche Protezione degli occhi da polveri ed oggetti in fase di scarico del mezzo all interno della fossa di conferimento ed in caso di formazione di polveri da uso di altri mezzi durante le lavorazioni previste in discarica. Abrasione; Frammenti metallici volanti ( detriti, trucioli ); Penetrazione di particelle; Proiezione di scintille; Spruzzi Aerosol liquidi; Fumi, vapori e gas; Proiezione di liquidi ( travasi, versamenti, svuotamento ); Spruzzi chimici. CE Occhiali di sicurezza K = resistenza a danni superficiali da particelle fini; N = resistenza all appannamento Tipologia di maschera antipolvere da usarsi all interno dell impianto Norma riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria di D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009; D. Lgs. 81/2008, Allegato VIII, Punti 3-4, n.4, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009; UNI EN 149 ( 2003 ) - Apparecchi di protezione delle vie respiratori. Facciali filtranti antipolvere. Requisiti, prove, marcatura Tutte le volte che si procede al versamento dei rifiuti in fossa di conferimento, per la difesa degli organi respiratori da particelle pesanti solide e liquide ( polveri, fumi, aerosol, nebbia ) CE Mascherina per il filtraggio delle particelle FFP1SL. Le mascherine devono riportare i seguenti pittogrammi indicanti le caratteristiche salienti dei DPI. Ogni mezzo deve essere dotato di almeno una scatola di mascherine per il ricambio in caso di necessità d uso ( obbligatorio ). Specifiche richieste alla mascherina antipolvere Vedi l opuscolo di informazioni La relativa percentuale di umidità massima dipende delle circostanze di conservazione Portata consentita della temperatura di conservazione Fine del periodo di magazzino: data, anno, mese 10

11 7.5. Tipologia di otoprotettori da usarsi all interno dell impianto L uso degli otoprotettori all interno dell impianto deve essere valutato in funzione dell ambiente in cui si accede per le fasi di lavoro specifiche; in ogni caso la dotazione minima obbligatoria che deve essere disposta su ogni mezzo che accede all area deve essere la seguente: 1. archetto ( tipo E A R Caps ); 2. filtri auricolari di espanso ( tipo AEARO Ltd. ). Per fasi lavorative specifiche in cui i livelli di rumore possano superare le soglie di attenzione, saranno dati opportune disposizioni circa l uso delle cuffie con le dovute caratteristiche. Archetto Norma di riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria Specifiche richieste agli archetti - D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 D. Lgs. 81/2008, Allegato VIII, Punti 3-4, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 UNI EN ( 2004 ) - Protettori dell'udito - Requisiti generali Parte 2: Inserti. In fase di scarico con presenza di più mezzi nell area di manovra e di operazione. Durante l utilizzo di macchinari ed attrezzature rumorose Durante lo svolgimento di fasi lavorative che producono rumore CE - Assicurarsi che i tappini siano posizionati, regolati e mantenuti in buone condizioni in conformità alle istruzioni del produttore. Assicurarsi che l archetto venga sempre indossati in ambienti rumorosi. Assicurarsi che l archetto venga regolarmente controllato per verificarne le buone condizioni. Filtri auricolari Norma di riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria Specifiche richieste ai filtri auricolari - D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009; D. Lgs. 81/2008, Allegato VIII, Punti 3-4, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009 UNI EN ( 2004 ) - Protettori dell'udito - Requisiti generali Parte 2: inserti. In fase di scarico con presenza di più mezzi nell area di manovra e di operazione. Durante l utilizzo di macchinari ed attrezzature rumorose Durante lo svolgimento di fasi lavorative che producono rumore CE Assicurarsi che i filtri vengano regolarmente controllati per verificarne le buone condizioni. I filtri auricolari possono essere lavati utilizzando acqua tiepida e sapone neutro, sciacquati e lasciati asciugare naturalmente. Devono essere riposti in un luogo asciutto e pulito prima e dopo l utilizzo. 11

12 7.6. Tipologia di elmetto di protezione del capo da usarsi all interno dell impianto Norma di riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria Specifiche richieste all elmetto di protezione D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009; D. Lgs. 81/2008, Allegato VIII, Punti 3-4, n.4, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009; UNI EN 397 ( 2001 ) - Apparecchi di protezione del capo Da usarsi obbligatoriamente tutte le volte che vi siano carichi sospesi ad altezza superiori a 2,50 m, tutte le volte che vi sia uso di pinze meccaniche, bracci meccanici, draghe, camion con carichi di dimensioni rilevanti. CE Categoria: Protezione della testa Ogni elmetto deve avere un marchio stampato o impresso che riporti: a) il numero della presente norma europea: UNI EN 397 ( 2001) b) il nome o la marca del fabbricante c) il mese e l anno di fabbricazione d) la taglia o la scala taglie e) indicazioni complementari, quali le istruzioni o raccomandazioni di regolazione, di montaggio, di uso, di lavaggio, di disinfezione, di manutenzione e di stoccaggio, ecc Tipologia di gilet alta visibilità da usarsi all interno dell impianto Norma di riferimento Impieghi previsti Marcatura obbligatoria Pittogrammi Specifiche richieste Limiti di impiego D. Lgs. 81/2008, Artt , così come modificato dal D. Lgs. 106/2009; UNI EN 471 ( 2008 ) - Indumenti di segnalazione ad alta visibilità per uso professionale - Metodi di prova e requisiti. Obbligatorio sempre al momento dell accesso all interno dell impianto e obbligo di indossarlo fino al momento di uscita dal cancello principale di ingresso. CE Indumento di protezione ( equipaggiamento ) ad alta visibilità ( UNI EN 471/08 ) Aree minime di materiale visibile in m 2 : 2 1 ( fluorescente = 0.14 m 2 retroriflettente = 0.10 m 2 ) 2 ( fluorescente = 0.50 m 2 retroriflettente = 0.13 m 2 ) 3 ( fluorescente = 0.80 m 2 retroriflettente = 0.20 m 2 ) Coefficiente di intensità luminosa del materiale retroriflettente: 2 1 ( coeff. min. di intensità luminosa ) 2 ( coeff. min. di intensità luminosa ) Non adatto per la protezione da calore e/o fuoco, rischi chimici, freddo, elettrici. N.B. I visitatori, le scolaresche in visita istruttiva, i consulenti esterni, i professionisti esterni e gli eventuali verificatori, che accedono all impianto SONO DOTATI DI GILET ALTA VISIBILITA COLOR GIALLO. Tutto il personale lavoratore sarà informato e dovrà porre la massima attenzione alla vista di tali persone, in quanto non conoscenti di tutti gli aspetti organizzativi della sicurezza interna e quindi maggiormente esposte ai rischi propri ed altrui. 12

13 8. RECAPITI TELEFONICI DI EMERGENZA SCHEDA DEI NUMERI TELEFONICI ESTERNI PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA Descrizione 1 Telefono 2 Telefono CARABINIERI 112 POLIZIA DI STATO 113 EMERGENZA SANITARIA / ( Comando di Mondovi ) 0171 / ( Comando di Cuneo ) 0174 / ( Mondovi ) 0171 / ( Cuneo ) GUARDIA MEDICA 0173 / / OSPEDALE 0171 / ( Cuneo ) 0174 / ( Mondovi ) VIGILI DEL FUOCO / POLIZIA MUNICIPALE 0174 / ( Magliano Alpi ) 0174 / ( Mondovi ) ACQUEDOTTO 0174 / RESPONSABILE IMPIANTO ( Sig. PRATO Giancarlo ) / R.S.P.P. ( Ing. BIANCO Alberto ) / SCHEMA DELLA CHIAMATA DI SOCCORSO Sono ( nome e cognome ) telefono dalla Ditta - Impianto per il trattamento rifiuti in Località Beinale a MAGLIANO ALPI Si è verificato (breve descrizione dell evento) nei locali (indicare i locali coinvolti) Sono coinvolte (eventuale numero delle persone coinvolte) Nota: copia di tale scheda va conservata presso le posizioni telefoniche. Tale scheda va costantemente aggiornata ad ogni mutamento dei nominativi o dei numeri telefonici. 13

14 9. METODOLOGIA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI INTERFERENZA TRA IMPRESE Sono state individuate le diverse attività che si svolgono nelle aree dell impianto, suddivise nelle seguenti tipologie: attività ordinarie ciclo produttivo attività ordinarie ausiliarie ( di supporto allo svolgimento delle precedenti ). Le aree svolgono la funzione di centri di stoccaggio e pretrattamento di rifiuti, dove le diverse tipologie di rifiuto raccolto vengono raggruppate e stoccate temporaneamente ed eventualmente sottoposte ad un trattamento meccanico di lavorazione, prima di essere avviate al successivo recupero / trattamento / smaltimento. Pertanto le attività ordinarie del ciclo produttivo sono riconducibili al seguente schema: trasporto all area e scarico dei rifiuti ( conferimento rifiuti ) movimentazione dei rifiuti riduzione volumetrica del materiale mediante triturazione, vagliatura e deferrizzazione carico e trasporto fuori dall area ( prelievo rifiuti e materiale prodotto ). Per la natura dei rifiuti conferiti e l estensione del bacino territoriale i soggetti che effettuano le attività di conferimento e/o di prelievo dei rifiuti da e verso le aree in oggetto sono molteplici. La valutazione del rischio interferenze per le aree oggetto del presente documento è stata svolta ed organizzata tenendo in considerazione dapprima le caratteristiche generali delle aree affrontate, delle attività svolte in esse e dei mezzi ivi utilizzati. Questo tipo di valutazione ha portato alla definizione del rischio interferenze e delle relative misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze. N.B. E FATTO D OBBLIGO SEGNALARE LA MANCANZA DI ADEGUATI DPI QUANDO SI ENTRA IN IMPIANTO Descrizione dell impianto A puro titolo indicativo e non tassativo, si elencano le tipologie di rifiuto potenzialmente presenti nell area: carta/cartone farmaci ferro frazione secco leggera pneumatici imballaggi lattine inerti ingombranti legno percolato pile plastica rifiuti solidi urbani ( RSU ) rifiuti speciali terre e rocce da scavo vetro. Alle aree in oggetto si accede tramite ingresso carraio. L impianto usufruisce del sistema di pesatura installato presso la sede stessa. Nell intero impianto generalmente: le aree di circolazione sono asfaltate è presente viabilità con sensi di marcia indicati e segnaletica orizzontale Cronoprogramma La tipicità delle attività svolte presso le aree oggetto del presente DUVRI comporta che l attività lavorativa all interno delle medesime si possa svolgere in orario giornaliero, con orari flessibili ed in tutti i giorni dell'anno, secondo le necessità del servizio da assicurare. 14

15 10. INGRESSO ED USCITA MATERIALE CARTA/CARTONE Modalità operative Operazioni di carico MATERIALE INGRESSO USCITA CARTA/CARTONE X X Ingresso all Impianto e svolgimento delle pratiche di accettazione e pesatura presso il locale pesatura. ( Fotografia generica ) Trasferimento, utilizzando la viabilità interna, dal locale pesatura all Area 11 Settore carta/plastica. ( Fotografia generica ) Settore CARTA/CARTONE ( fase di carico materiale ) Il materiale carta e cartone, previa asportazione delle frazioni estranee, viene raccolto da un nastro trasportatore e trasferito alla fase di pressatura in balle, al fine di operare la riduzione volumentrica del materiale stesso. La stessa pressa viene utilizzata per la compattazione della plastica recuperata. Le operazioni di pressatura sono previste una sola volta per turno. La balla formata ha dimensioni di circa 80 x 80 cm e lunghezza variabile tra 100 e 120 cm. La legatura è automatica di tipo orizzontale, con N 5 fili in ferro. L automezzo si dispone longitudinalmente rispetto al fronte del capannone. L autista può trovarsi a terra, nell immediata vicinanza del proprio automezzo e può dare indicazioni circa le operazioni di carico del materiale. Il mezzo del tipo Merlo di proprietà di e guidato da personale lavoratore carica il materiale lungo il fianco del rimorchio. 15

16 N.B. Al fine di evitare il problema delle scarpe sporche degli autisti che salgono sul proprio mezzo di trasporto dopo aver effettuato lo scarico e la pulizia dell area intorno alla zona di scarico, si dovranno munire gli autisti di appositi calzari usa e getta, da inserire nei piedi. L adozione di tali calzari agli autisti è d obbligo a carico della ditta conferente. 11. VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA TRA IMPRESE Particolare attenzione si dovrà prestare alla gestione delle attività che si devono svolgere successivamente o contemporaneamente tra di loro. E', infatti, nello svolgimento di queste attività che si nasconde un elevato livello di rischio. Per attività interferenti si intendono quelle che si svolgono contemporaneamente all'interno delle stesse aree di lavoro o di aree di lavoro limitrofe. Non sono invece interferenti quelle che nello stesso periodo si svolgono in aree di lavoro distanti tra loro Norme comportamentali - I conducenti degli automezzi devono attenersi alla segnaletica stradale orizzontale/verticale e devono rispettare le regole della viabilità presso l Impianto. - I conducenti devono altresì rispettare i percorsi previsti senza effettuare deviazioni non autorizzate o recarsi in aree per cui non sono autorizzati. - È obbligatorio rispettare il limite massimo di velocità interno di 15 km/h. - Tutti i mezzi d opera devono essere dotati di segnalatore acustico di retromarcia ovvero effettuare le manovre con l ausilio di personale segnalatore a terra. - Gli autisti delle ditte conferenti esterne, in condizioni normali non devono scendere dalla cabina del proprio mezzo, quando questo si trova all interno del capannone, durante le operazioni di scarico. - Gli autisti devono vigilare che non siano presenti persone terze nelle vicinanze del proprio mezzo durante le operazioni di scarico. - In ciascuna porzione delimitata di piazzale è possibile eseguire una sola attività per volta, tranne nel caso dell'attività di scarico, per la quale è possibile che sia effettuata contemporaneamente da 2 o più mezzi, a condizione che detti mezzi mantengano fra i loro raggi d azione una distanza di sicurezza minima di 3 m. - Qualora mezzi e personale si avvicinino, l operatore provvede ad arrestare il mezzo, astenendosi da manovrare fino a che il mezzo o il personale non si sia allontanato. - Durante l operazione di scarico la cabina del mezzo deve rimanere con i finestrini alzati e ricircolo dell aria inserito. - Durante lo scarico dell automezzo la pala gommata ragno può continuare ad operare all interno del capannone, mantenendo la distanza di sicurezza dal mezzo in fase di scarico; in 16

17 particolare vige il divieto assoluto della pala gommata ragno di transitare nelle immediate vicinanze del mezzo che scarica. - Gli autisti delle ditte conferenti esterne, in caso di operazioni a terra, devono indossare l indumento ad alta visibilità e porre massima attenzione ad eventuali altri mezzi in manovra nell area. - In caso di discesa dal mezzo nel capannone, per anomali o guasti, gli autisti delle ditte conferenti esterne devono indossare calzature antinfortunistiche ( fornite dal proprio datore di lavoro). - È fatto divieto assoluto agli autisti delle ditte conferenti esterne di allontanarsi dal proprio mezzo, tranne che su richiesta dei Responsabili dell impianto od in caso di emergenza o di pericolo immediato. - È fatto divieto di fumare all interno di tutti i fabbricati ed in prossimità di rifiuti o di materiali infiammabili; è altresì vietato bere e mangiare all interno del sito. - In condizioni di visibilità scarsa, sospendere le lavorazioni nelle zone ove l illuminazione risulti troppo carente. - Il personale a terra deve indossare il casco di protezione in caso di situazioni di emergenza con rischio di caduta materiali dall alto Interferenze - Prestare particolare attenzione al traffico di altri veicoli e mezzi sulla viabilità dell impianto. - Durante lo scarico dei rifiuti possono essere presenti più automezzi che si apprestano allo scarico in arrivo e in partenza dalla stessa area: durante le manovre occorre prestare particolare attenzione e mantenere il contatto visivo tra gli autisti e gli addetti, per evitare possibili collisioni dei mezzi, dovute ad incomprensioni tra gli operatori stessi. - Operatori e mezzi di o ditte da essa indicate che svolgono lavori di manutenzione ordinaria e/o straordinaria di attrezzature ed impianti: prestare particolare attenzione in caso di promiscuità con pedoni. - In generale le possibili interferenze che comportino rischi gravi di interferenza con difficoltà di coordinamento saranno gestite mediante la regolamentazione degli accessi dei mezzi nella zona di scarico. Eventuali lavori che dovessero interessare i passaggi pedonali e/o i camminamenti saranno segnalati con apposita segnaletica e cartellonistica idonea, che ogni operatore dovrà tassativamente rispettare Emergenze - Nel caso che gli autisti delle ditte conferitrici esterne riscontrassero anomalie od emergenze che comportino rischi per la salute e sicurezza, per l ambiente o per la funzionalità degli impianti od in caso di avaria del mezzo su cui stanno operando, essi dovranno darne immediata comunicazione al Responsabile dell impianto, restando in attesa che vengano loro impartite le istruzioni del caso. - Nel caso che vengano attivate le procedure di emergenza o di evacuazione dell impianto, mediante avviso acustico e visivo, gli autisti delle ditte conferitrici esterne dovranno effettuare la messa in sicurezza del mezzo, assicurandosi che questo non causi intralcio alla viabilità ed all arrivo dei soccorsi; quindi essi si recheranno presso il punto si raccolta indicato sulla planimetria allegata, dove attenderanno istruzioni da parte della squadra di emergenza interna. 12. METODOLOGIA ADOTTATA DETERMINAZIONE DELL INDICE DI RISCHIO ( R ) La quantificazione e relativa classificazione dei rischi deriva dalla stima dell'entità dell'esposizione e dalla gravità degli effetti; infatti il rischio può essere visto come il prodotto della Probabilità (P) di accadimento per la Entità del Danno (D): R = P x D 17

18 Per quanto riguarda la probabilità di accadimento si definisce una scala delle Probabilità, riferendosi ad una correlazione più o meno diretta tra la carenza riscontrata e la probabilità che si verifichi l'evento indesiderato, tenendo conto della frequenza e della durata delle operazioni / lavorazioni che potrebbero comportare rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Di seguito è riportata LA SCALA DELLE PROBABILITÀ ( P ): LIVELLO Non Probabile Possibile Probabile Altamente probabile o o o o o o o CRITERI Non sono noti episodi già verificatisi. L'anomalia da eliminare potrebbe provocare un danno solo in concomitanza con eventi poco probabili ed indipendenti. L'anomalia da eliminare potrebbe provocare un danno solo in circostanze sfortunate di eventi. Sono noti solo rarissimi episodi già verificatisi. L'anomalia da eliminare potrebbe provocare un danno anche se in modo non automatico e/o diretto. E' noto qualche episodio in cui all'anomalia ha fatto seguito il verificarsi di un danno. Esiste una correlazione diretta tra l'anomalia da eliminare ed il verificarsi del danno ipotizzato. Si sono già verificati danni conseguenti all'anomalia evidenziata nella struttura in esame od in altre simili ovvero in situazioni operative simili. In queste tipologie di pericoli sono presenti anche pericoli emergenti, legati allo stress lavoro correlato, alle differenze di genere e di età. Per quanto concerne l'entità dei Danni, si fa riferimento alla reversibilità o meno del danno. Di seguito è riportata LA SCALA DELL'ENTITÀ DEL DANNO ( D ): LIVELLO Lieve Modesto Significativo Grave CLASSE DI RISCHIO o o o o o o o o CRITERI Infortunio od episodio di esposizione acuta, con inabilità temporanea a breve e rapidamente reversibile Esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. Infortunio od episodio di esposizione acuta con inabilità temporanea anche lunga, ma reversibile. Esposizione cronica con effetti reversibili. Infortunio od episodio di esposizione acuta con effetti di invalidità permanente parziale. Esposizione cronica con effetti irreversibili e/o parzialmente invalidanti Infortunio od episodio di esposizione acuta con effetti letali o di invalidità totale Esposizione cronica con effetti letali e/o totalmente invalidanti PRIORITÀ DI INTERVENTO Elevato (12 R 16) Notevole (6 R 9) Accettabile (3 R 4) Basso (1 R 2) Azioni correttive immediate L'intervento previsto è da realizzare con tempestività nei tempi tecnici strettamente necessari, non appena approvato il budget degli investimenti in cui andrà previsto l'onere dell'intervento stesso. Azioni correttive da programmare con urgenza L'intervento previsto è da realizzare in tempi relativamente brevi, anche successivamente a quelli stimati, con priorità alta. Azioni correttive da programmare a medio termine Intervento da inserire in un programma di interventi a medio termine, ma da realizzare anche in tempi più Ristretti, qualora sia possibile attuarlo unitamente ad altri interventi più urgenti. Azioni migliorative da valutare in fase di programmazione 18

19 Di seguito è riportata la MATRICE che scaturisce dalle suddette scale: Basso Accettabile Notevole Elevato Lieve ( 1 ) Modesto ( 2 ) DANNO Significativo ( 3 ) Grave ( 4 ) PROBABILITA Non Probabile (1) Possibile (2) Probabile (3) Altamente probabile (4)

20 13. CHECK LIST RISCHI DA INTERFERENZE N.B.: Le caselle NON COMPILATE indicano l assenza di interferenza relativamente a quel determinato tipo di rischio Tipologia di rischio Interferenze Fattore di rischio Dettaglio rischio Generate da Subite da Polveri Possibile presenza di polveri sollevate dai mezzi in movimento Tutti Tutte le ditte esterne P D R Misure di adeguamento Note : per quanto possibile, mantiene le vie di transito pulite, nel periodo estivo mantiene bagnati gli eventuali tratti potenzialmente più polverosi. Tutte le ditte esterne: guidare tutti i mezzi a velocità contenuta in tutti i tratti ed in ogni caso rispettare i limiti di velocità richiamati dalla segnaletica verticale. Fumi, vapori, aerosoli Rumore Atmosfera contenente potenziali inquinanti all interno dei capannoni. Aree operative Utilizzo di attrezzature rumorose Tutte le ditte esterne Tutte le ditte esterne Tutti Tutti Tutte le ditte esterne: uso di indumenti di lavoro e Dispositivi di Protezione Individuali idonei alle attività svolte; ove richiesto, il personale interessato deve essere sottoposto a sorveglianza sanitaria. ( tutte le volte che si spostano carichi oltre i 2,5 m di altezza ); indumenti alta visibilità ( gilet o giubbotto ) : garantisce la presenza di cartellonistica nelle aree in cui vige l obbligo di indossare Dispositivi di Protezione Individuali dell udito. Tutti: attenersi alle disposizioni ed utilizzare cuffie o tappi antirumore quando si opera in queste zone. Le attrezzature devono essere correttamente mantenute ed utilizzate, in conformità alle indicazioni del fabbricante, al fine di limitarne la rumorosità eccessiva. Programmazione delle attività da parte delle ditte esterne e del Committente, in modo da evitare, per quanto possibile, sovrapposizioni ed interferenze. Condizioni climatiche avverse Microclima all interno dei capannoni ( temperature elevate nel periodo estivo, umidità, ecc. ) Tutte le ditte esterne Tutte le ditte esterne: obbligo di osservare pause di lavoro a seconda delle necessità e delle condizioni ambientali ( soprattutto nel periodo estivo ), secondo le modalità da concordarsi con la Committenza.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori ISPESL Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori DIPARTIMENTO DOCUMENTAZIONE INFORMAZIONE E FORMAZIONE L ISPESL favorisce la riproduzione di questa dispensa per la distribuzione a lavoratori

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli