Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici"

Transcript

1 Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti - -

2 La digitalizzazione dei testi / 1 Negli ultimi anni si è verificata una vera e propria esplosione delle iniziative di digitalizzazione Tuttavia non sempre l aspetto qualitativo dell operazione di digitalizzazione è tenuto nel dovuto conto

3 La digitalizzazione dei testi / 2 Con aspetto qualitativo intendiamo la considerazione di tutti quegli elementi teorici e tecnologici che rendano le risorse testuali digitalizzate: intellettualmente integre Accessibili nello spazio e nel tempo

4 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 1 Un edizione scientifica elettronica può offrire una serie di strumenti analitici e di apparati che la rendono proficuamente utilizzabile da un ampio spettro di utenti (non necessariamente specialisti) La creazione di edizioni elettroniche di testi scientificamente e criticamente adeguate è un compito intellettuale tanto opportuno ai fini del miglioramento della ricerca scientifica quanto necessario alla preservazione del patrimonio culturale

5 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 3 Un edizione scientifica elettronica deve assumere una forma tale da garantire il migliore equilibrio tra necessità e vincoli imposti dal medium digitale e requisiti di integrità intellettuale

6 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 4 L integrità intellettuale implica: rispetto tanto per il contenuto che per la forma originaria del documento da digitalizzare. A tale fine si renderanno necessarie: annotazioni editoriali che indichino al lettore come utilizzare il testo rappresentazione esplicita della tradizione testuale dell opera mediante un apparato di varianti selettivo o esaustivo specificazione delle fonti primarie utilizzate per la costituzione del testo ed eventuale loro trascrizione comprensiva di tutti i dati relativi al loro stato (cancellazioni, omissioni, lacune etc.) indicazione esplicita delle correzioni e delle congetture interpretative effettuate dall editore nella costituzione del testo, con specificazione del livello di certezza che l editore assegna a ciascuna di esse

7 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 5 Un edizione scientifica elettronica deve esser accessibile al maggior numero di utenti possibile Un edizione scientifica elettronica deve godere di una sufficiente longevità, almeno pari a quella di un edizione cartacea sufficiente significa atta a garantire la preservazione a lungo termine delle risorse digitalizzate

8 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 6 La base per la creazione di un edizione scientifica digitale (o di un archivio di edizioni digitali) non può in nessun modo essere il software! Perché?

9 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 7 Nessun software è adeguato per ogni genere di utilizzazione Nessun software, per quanto efficiente e versatile può essere gradito a tutti i possibili utilizzatori di una risorsa testuale digitalizzata Ma soprattutto, i software hanno un ciclo di vita estremamente ridotto e sono legati a una particolare piattaforma informatica

10 Requisiti di un edizione scientifica elettronica / 8 Ma se il software non è la risposta, come è possibile realizzare edizioni scientifiche digitali che rispettino i requisiti di integrità e accessibilità? Innanzitutto dobbiamo scegliere strumenti in grado di inglobare la maggior parte delle informazioni rilevanti a livello di rappresentazione dei dati (o codifica) Ciò si traduce nella scelta del sistema di codifica ottimale per la rappresentazione delle informazioni testuali

11 La codifica dei testi / 1 L edizione digitale di un documento richiede la rappresentazione dell informazione contenuta in una fonte testuale in un formato utilizzabile da un elaboratore (Machine Readable Form), ovvero una codifica A tale fine occorre utilizzare un apposito linguaggio informatico che deve rispondere ai vincoli formali imposti dalla elaborazione automatica e allo stesso tempo deve essere sufficientemente espressivo per rappresentare la complessità dell oggetto testo

12 La codifica dei testi / 2 La codifica è la rappresentazione formale di un testo a un qualche livello descrittivo mediante un linguaggio informatico Si tratta dunque di un processo rappresentazionale che implica una serie di operazioni di selezione e classificazione degli elementi rilevanti in funzione di un determinato punto di vista

13 I linguaggi di markup / 1 Per conseguire un adeguata rappresentazione delle caratteristiche di un testo sono stati sviluppati i markup language, linguaggi di codifica del testo I ML sono costituiti da un insieme di istruzioni, ciascuna dotata di particolari funzioni Le istruzioni di un markup language sono costituite da stringhe di caratteri visibili e delimitate da caratteri, dette tag (etichette) Una sintassi regola l uso la forma e i rapporti tra i tag

14 XML: cosa è XML: Extensible Markup Language: è un linguaggio che consente la rappresentazione di documenti e dati strutturati su supporto digitale è uno dei più potenti e versatili sistemi per la creazione, archiviazione, preservazione e disseminazione di documenti digitali ma la sua sintassi rigorosa e al contempo flessibile ne rende possibile l applicazione anche nella rappresentazione di dati strutturati, fornendo una soluzione alternativa ai tradizionali sistemi DBMS relazionali

15 XML: le origini XML è stato sviluppato dal World Wide Web Consortium (http://www.w3.org) Le specifiche sono state rilasciate come W3C Recommendation nel 1998 e aggiornate nel 2004 XML deriva da SGML, un linguaggio di mark-up dichiarativo sviluppato dalla International Standardization Organization (ISO), e pubblicato ufficialmente nel 1986 con la sigla ISO 8879 XML nasce come un sottoinsieme semplificato di SGML orientato alla utilizzazione su World Wide Web ma ha assunto ormai un ruolo autonomo e una diffusione ben maggiore del suo progenitore

16 XML: caratteristiche XML è un metalinguaggio, che permette di definire sintatticamente linguaggi di mark-up Un linguaggio XML permette di esplicitare la (le) struttura(e) di un documento in modo formale mediante marcatori (mark-up) che vanno inclusi all interno del testo (character data)

17 XML: caratteristiche / 2 XML adotta un formato di file di tipo testuale: sia il mark-up sia il testo sono stringhe di caratteri XML si basa sul sistema di codifica dei caratteri ISO 10646/UNICODE Un documento XML è leggibile da un utente umano senza la mediazione di software specifico

18 XML: caratteristiche / 3 XML è indipendente dal tipo di piattaforma hardware e software su cui viene utilizzato XML permette la rappresentazione di qualsiasi tipo di documento (e di struttura testuale) indipendentemente dalle finalità applicative XML è indipendente dai dispositivi di archiviazione e visualizzazione un documento XML può essere archiviato su qualsiasi tipo di supporto digitale un documento XML può essere visualizzato su qualsiasi dispositivo di output

19 XML: caratteristiche / 4 On-line WWW File XML <Title> Titolo </title> <p>paragarafo.. <p>paragrafo Carta CD-ROM DBMS NATIVI O RELAZIONALI DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEMS

20 XML: sintesi principi fondamentali XML adotta un paradigma di codifica dichiarativo e descrittivo XML descrive un documento come una struttura ad albero XML introduce il concetto di tipo di documento e di sintassi del documento XML si basa su ISO /UNICODE

21 Nozioni di base per creare e visualizzare documenti XML

22 Il concetto di modello Prima della codifica di un qualsiasi documento è necessario studiarne la natura, le caratteristiche e le possibili funzionalità In questa fase perciò scegliamo non solo come ma che cosa vogliamo rappresentare/codificare Dal punto di vista della codifica informatica, questo processo analitico coincide con la creazione di un modello del documento fonte Questo modello, una specie di matrice, in XML si chiama tipo di documento, Document Type Definition

23 Il concetto di tipo di documento Un applicazione XML si basa su un determinato tipo di documento Un tipo di documento descrive le caratteristiche di una classe di documenti strutturalmente omogenei Il tipo di documento è il fondamento della sintassi e della semantica di una applicazione XML

24 La Document Type Definition Una DTD è costituita da un elenco di dichiarazioni (markup declaration) che descrivono la struttura del documento Le dichiarazioni di una DTD definiscono: gli elementi strutturali (element) di un documento mediante un identificatore generico il modello di contenuto di ogni elemento (content model) ovvero gli elementi che contiene e i loro rapporti (un elemento può essere vuoto) la lista degli attributi associati a ciascun elemento e il loro tipo

25 Gli ingredienti necessari Si può generare il file.dtd con qualunque editor di testo (TextPad va benissimo) Gli elementi da inserire sono: Elemento radice Elementi figli Attributi Indicatori di occorrenza

26 Elemento radice Si tratta dell elemento che dovrà contenere tutti gli altri, quello che apparirà in cima all albero di codifica XML nel documento Nella TEI l elemento radice si chiama TEI.2 e contiene i diversi elementi figli (TeiHeader, Text, ecc) Nell esempio seguente l elemento radice è: <!ELEMENT libro (introduzione*, corpo+, epilogo*, indice*)>

27 Entità parametrica Modello di contenuto Elemento radice Caratteri di testo

28 Indicatori di occorrenza e connettori Indicatori di occorrenza Punto interrogativo (?), zero o una occorrenza Segno più (+), una o più occorrenze; Asterisco (*), zero, una o più occorrenze Connettori Virgola (,), indica sequenza degli elementi Barra verticale ( ), indica alternanza degli elementi.

29 La codifica del documento

30 Mettere tutto insieme Una volta definita la DTD si passa alla codifica del documento Nell esempio propongo la codifica di una raccolta di poesie con tag inventati

31

32 DTD File codifica XML

33 La sintassi XML Validità e buona formazione

34 Aspetti di sintassi generale I nomi di elementi, attributi e entità sono sensibili alla differenza tra maiuscolo e minuscolo Il mark-up è separato dal contenuto testuale mediante caratteri speciali: < > & Tali caratteri speciali non possono comparire come contenuto testuale e devono essere eventualmente sostituiti mediante i riferimenti a entità < > &

35 Vincoli di buona formazione Esiste un solo elemento radice Tutti gli elementi non vuoti devono presentare sia il tag iniziale sia il tag finale Tutti gli elementi devono essere correttamente annidati Tutti i valori di attributo devono essere racchiusi tra apici doppi o singoli

36 La codifica degli elementi Sintassi di un elemento Delimitatore Finale Start tag Delimitatore Iniziale End tag <nome>contenuto dell elemento</nome> Delimitatore Iniziale Start tag Delimitatore Finale End tag

37 I quattro errori comuni Spesso codificando in XML si può cadere in questi errori: 1. Omettere i tag di chiusura: ogni tag va aperto e chiuso <p>oggi c'è il sole (sbagliato) <p>oggi c'è il sole</p> (esatto)

38 2. Dimenticare che XML è sensibile alle maiuscole e minuscole: <PersName>Daniele</persname> (sbagliato) <PersName>Daniele</PersName> (esatto)

39 3. Inserire gli spazi nel nome dell elemento: <Pers Name> (sbagliato) <PersName> (esatto)

40 4. Dimenticare le virgolette per i valori degli attributi: <note place=foot> (sbagliato) <note place="foot"> (esatto)

41 Parte II: elementi di codifica dei testi secondo TEI-XML

42 TEI Text Encoding Initiative

43 TEI La Text Encoding Initiative è un progetto internazionale che ha visto coinvolte le maggiori organizzazioni internazionali dedicate all'informatica Umanistica

44 TEI: macrostruttura Tutti i testi conformi alla TEI contengono: una testata TEI <teiheader>, da considerarsi il frontespizio del documento elettronico; una trascrizione del testo vero e proprio marcata con l'elemento <text>.

45 Macrostruttura del testo La macrostruttura del testo Come già detto ogni testo unitario deve iniziare con l'elemento obbligatorio <text>. Esso è composto a sua volta da tre elementi di livello inferiore: <front>: contiene tutti i materiali di tipo avantestuale, che introducono il testo nelle edizioni a stampa, dalla pagina del titolo, al frontespizio, ad introduzioni, dediche, prefazioni, etc.; <body>: contiene il testo vero e proprio, il suo corpo; <back>: contiene tutti i materiali peritestuali che possono essere rinvenuti nelle pagine finali di un testo stampato, postfazioni, glossari, indici, etc.

46 La macrostruttura di un testo è la seguente: <text> <front> [materiali peritestuali iniziali] </front> <body> [testo] </body> <back> [materiali peritestuali finali] </back> </text>

47 Tei Header L intestazione elettronica TEI contiene informazioni analoghe a quelle contenute nel titolo della pagina di un testo stampato: documentazione della responsabilità editoriale, dati bibliografici, metodologie adottate per la codifica, etc

48 Contenuti del TeiHeader Una corretta documentazione del testo elettronico dovrebbe prevedere le seguenti informazioni: individuazione del testo elettronico attraverso le sue determinazioni bibliografiche: titolo, autore, luogo e data di edizione, ecc.; certificazione della responsabilità del testo, anche quando la codifica ha avuto diversi responsabili; indicazione della fonte; documentazione accurata delle metodologie di rappresentazione dei vari fenomeni testuali, delle scelte teoriche che permettano di interpretare correttamente i simboli usati nella codifica del testo, delle eventuali modifiche o correzioni introdotte rispetto alla fonte.

49 Struttura del TeiHeader L elemento <TEIheader> è a sua volta suddiviso in: <filedesc>: contiene la descrizione bibliografica del documento e della sua fonte; <encodingdesc>: contiene la descrizione delle scelte fatte nella codifica del testo; <profiledesc>: contiene una serie di informazioni accessorie che caratterizzano il testo (revisioni, etc.); <revisiondesc>: contiene la documentazione relativa ai diversi interventi di codifica.

50 Strutture XML: gli elementi

51 Gli elementi I componenti strutturali di un documento sono denominati elementi (element) Ogni nodo dell albero del tipo di documento è un (tipo di) elemento Ogni (tipo di) elemento è dotato di un nome (detto identificatore generico) che lo identifica

52 Gli elementi / 2 Esiste un (e uno solo) elemento, detto elemento radice (corrispondente al nodo radice dell albero), che non è contenuto da nessun altro e che contiene direttamente o indirettamente tutti gli altri Ogni elemento, escluso l elemento radice, deve essere contenuto da un solo elemento (elemento padre) e può contenere altri sotto-elementi (elementi figli) e/o stringhe di caratteri Esiste un sottoinsieme di elementi che non contengono altri elementi e che possono essere vuoti contenere esclusivamente stringhe di caratteri

53 Gli attributi A ogni elemento possono essere associati uno o più attributi (attribute) che ne specificano ulteriori caratteristiche o proprietà non strutturali. Ad esempio: il tipo rispetto a una data tassonomia la lingua del suo contenuto testuale un identificatore univoco un numero di ordine ecc.

54 Gli attributi / 2 Gli attributi XML sono caratterizzati da un nome che li identifica un valore Il valore di un attributo può avere un tipo esplicitato nella DTD Se un documento XML è solo ben formato, tutti i valori degli attributi sono di tipo CDATA

55 Doctype declaration: dov è la dtd? Se la definizione della DTD si trova in una entità esterna <!DOCTYPE nome_dtd SYSTEM sys-id > <!DOCTYPE Antologia SYSTEM c:\sgml\dtd \antologia.dtd > Se la DTD è dotata di un identificatore pubblico <!DOCTYPE nome_dtd PUBLIC pub-id sys-id > <!DOCTYPE TEI.2 PUBLIC -//TEI P4//DTD Main Document Type//EN tei2.dtd > n. b. il nome della DTD corrisponde al nome del suo elemento radice

56 La codifica degli elementi <text><div1> <p>subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria </p> <p>la sua famiglia? Una sola sorella non ingombrante né fisicamente né moralmente, piccola e pallida, di qualche anno più giovane di lui </p> </div1></text>

57 La codifica degli elementi La relazione lineare tra i tag rappresenta la relazione gerarchica tra gli elementi Per ogni elemento, se il suo tag iniziale è nel contenuto di un elemento X allora il suo tag finale deve essere nel contenuto del medesimo elemento X Detto altrimenti le coppie di tag devono annidarsi correttamene e mai sovrapporsi (il 5 errore comune!)

58 La codifica degli elementi SBAGLIATO! <p>subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in <emph>una relazione troppo seria </p> <p>la sua famiglia?</emph>una sola sorella non ingombrante né fisicamente né moralmente, piccola e pallida, di qualche anno più giovane di lui </p>

59 La codifica degli elementi CORRETTO <p>subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in <emph>una relazione troppo seria </emph> </p> <p> <emph>la sua famiglia?</emph> Una sola sorella non ingombrante né fisicamente né moralmente, piccola e pallida, di qualche anno più giovane di lui </p>

60 La codifica degli elementi Gli elementi vuoti o sono rappresentati da entrambi i tag <nome_elemento> </nome_elemento> o assumono la seguente forma <nome_elemento/> Esempio: <img src= foo.gif />

61 La codifica degli attributi Ogni elemento XML può avere uno o più attributi Un attributo ha un nome e un valore, che può assumere diverse tipologie

62 La codifica degli attributi Gli attributi devono essere associati agli elementi all'interno del tag iniziale dopo l identificatore <nome_elemento nome_attributo = "valore"> contenuto </nome_elemento> Altri eventuali attributi vanno collocati dopo il primo separati da uno o più spazi Non possono esservi più istanze dello stesso attributo per un elemento

63 La codifica degli attributi <text resp= Italo Svevo n= Senilità > <div n= 1 > <p id= C1P1 >Subito, con le prime parole che le rivolse, volle avvisarla che non intendeva compromettersi in una relazione troppo seria </p> <p id= C1P2 >La sua famiglia? Una sola sorella non ingombrante né fisicamente né moralmente, piccola e pallida, di qualche anno più giovane di lui </p> <pb n= 5 />

64 I fogli di stile Come si presenta un documento XML

65 Standard correlati a XML La presentazione di un documento XML viene controllata da uno o più fogli di stile I linguaggi di stile utilizzabili con XML sono Extensible Stylesheet Language (XSL) XPath: selezione e individuazione di nodi XSLT: trasformazione tra alberi XSL-FO: formattazione di pagina Cascading Style Sheet (CSS)

66 XSL-T XSL: extensible Stylesheet Language L'eXtensible Stylesheet Language (XSL) è un insieme di tre linguaggi che forniscono gli strumenti per l'elaborazione e la presentazione di documenti XML in maniera molto flessibile. un meccanismo per l'individuazione dei dati da presentare un meccanismo per il controllo dell'elaborazione dei dati e di come la presentazione deve essere effettuata un meccanismo per la definizione della formattazione da applicare ai dati per la presentazione vera e propria

67 La famiglia XSL A ciascuno di questi tre meccanismi, XSL associa uno specifico linguaggio: XPath consente di individuare gli elementi e gli attributi di un documento XML sui quali verranno applicate le operazioni necessarie per la presentazione dei dati XSLT (XSL transformation) consente di controllare le operazioni che rendono i dati presentabili XSL-FO (XSL Formatting Objects) definisce un insieme di tag di formattazione

68 Alcuni marcatori TEI importanti

69 Elemento paragrafo <p> (paragraph) è l'elemento fondamentale per la codifica dei testi in prosa ne rappresenta la più piccola unità testuale in cui essi possono essere suddivisi Naturalmente può essere ovunque appaia un testo in prosa suddiviso in blocchi.

70 Elemento Div <div> contiene una sezione del corpo del testo, indicandone il livello logico La TEI prevede 7 livelli di div(ision) <div1> <div2> ecc

71 Elemento LG <lg> contiene un gruppo di versi che rappresentano una unità di qualche tipo (una strofa, un ritornello, ecc)

72 Elemento L <l> indica un singolo verso di una poesia

73 TEI Trascription of primary sources: alcuni esempi di elementi

74 <add> Usato nei casi di aggiunta di lettere, parole e frasi Tramite ATTRIBUTI possiamo specificare il tipo di aggiunta: <add place=above> indica una

75 <del> Si usa per la cancellazione di lettere, parole e frasi Tramite attributi possiamo specificare il tipo di cancellatura <del rend=strikethrough> indica una cancellazione tramite riga

76 <mod> Nel caso di correzioni istantanee possiamo usare il tag <mod> nel seguente modo: <mod type=subst> <del>the</del> <add place="above"> <del rend="overstrike">his</del> </add> </mod>

77 Sitografia doc/en/html/ref-elements.html [link diretto all elenco dei tag della P5]

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte Direzione Centrale Accertamento Indagini finanziarie Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte I poteri degli uffici Ambito soggettivo E stato ampliato il

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML (Standard General Markup Language) Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 XML: sintassi Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 Cosa è XML 1 XML (Extensible Markup Language ) è un linguaggio di markup È stato progettato per lo scambio e la interusabilità di documenti

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

Prefazione. Piersalvo Ortu 1

Prefazione. Piersalvo Ortu 1 Prefazione Questa tesi ha come obiettivo principale descrivere in che modo i documenti XML possano essere utilizzati per essere visualizzati su diversi apparati, dai browser Web ai dispositivi cellulari,

Dettagli

Esercitazioni di HTML

Esercitazioni di HTML Esercitazioni di HTML a cura di Maria Finazzi (23 novembre-1 dicembre 2006) e-mail: maria.finazzi@unipv.it pagine web: Dietro una pagina web Alcuni esempi:

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML SGML (Standard General Markup Language) Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere Il metalinguaggio XML 1 Introduzione all'xml Il futuro dei linguaggi di markup: XML = EXtensible Markup Language è una versione semplificata dell SGML Nasce con l'intento di superare alcune limitazioni

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 06.01- Introduction to mark-up. 06.02- classification 06.03- SGML 06.04- XML Hypertext Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science

Dettagli

Il linguaggio XML. Capitolo 3. 3.1 Introduzione al linguaggio XML

Il linguaggio XML. Capitolo 3. 3.1 Introduzione al linguaggio XML Capitolo 3 Il linguaggio XML 3.1 Introduzione al linguaggio XML Il linguaggio XML (extensible Markup Language) è stato sviluppato nel 1996 da XML Working Group, gruppo di lavoro organizzato dal World Wide

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

Corso di informatica umanistica

Corso di informatica umanistica Corso di informatica umanistica Prof. Pierluigi Feliciati MODULO 3 Le categorie di orientamento per l'informatica umanistica Elaborare testi: XML e TEI (risorse digitali, fonti per la ricerca storica,

Dettagli

Elaborazione di documenti elettronici

Elaborazione di documenti elettronici Elaborazione di documenti elettronici Silvio Peroni speroni@cs.unibo.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0 Sommario Documento, documento elettronico e codifica binaria Markup XML, HTML e fogli

Dettagli

HTML HyperText Markup Language:

HTML HyperText Markup Language: HTML HyperText Markup Language: Linguaggio utilizzato per creare pagine Web 421 Introduzione HTML è l'acronimo di HyperText Markup Language HTML e il linguaggio standard per descrivere e definire il contenuto

Dettagli

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink XML e standard connessi XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink 1 Sommario Introduzione XML 1.0 XML-Names XSL XPointer e XLink 2 XML XML (Extensible Markup Language [sic!]) è un meta-linguaggio di markup,

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA 6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA Il permesso di fare copie digitali o fisiche di tutto o parte di questo lavoro per uso di ricerca o didattico è acconsentito senza corrispettivo in danaro,

Dettagli

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A

Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Decreto Ministeriale 8 luglio 2005. (Ministro per l Innovazione e le tecnologie) Allegato A Verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet 1. Premessa

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni Roberta Gerboni Introduzione Lo sviluppo tecnologico relativo alle reti il crescente sviluppo della distribuzione di hardware per la comunicazione hanno reso necessaria Semantic Web significa un Web comprensibile

Dettagli

Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio

Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio Corso IBC xdams, 1dic. 2010 Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio cosa è come leggerlo come e perché utilizzarlo Contesto di riferimento L uso delle tecnologie informatiche per il trattamento

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1 Creare un Ipertesto www.vincenzocalabro.it 1 Obiettivi Il corso si prefigge di fornire: Le nozioni tecniche di base per creare un Ipertesto I consigli utili per predisporre il layout dei documenti L illustrazione

Dettagli

I principali tag nella realizzazione di pagine web

I principali tag nella realizzazione di pagine web Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web I principali tag nella realizzazione di pagine web

Dettagli

XML (extensible Markup Language)

XML (extensible Markup Language) Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8HVCNU5634 Data ultima modifica 16/06/2011 Prodotto Dichiarazioni fiscali 2011 Modulo Generica DF Oggetto: Modello IRAP 2011 XML - XMLNotepad: Guida all uso e

Dettagli

Linguaggi per la rete: XML

Linguaggi per la rete: XML Linguaggi per la rete: XML Università degli studi di Venezia Ca' Foscari Dipartimento di Informatica a.a 2007-2008 Alessandro Sorato XML: storia Internet, la Rete delle reti e l'oramai comune World Wide

Dettagli

extensible Markup Language XML

extensible Markup Language XML Operatore informatico giuridico A.A 2003/2004 I Semestre extensible Markup Language XML Dr. Raffaella Brighi Limiti di HTML Non consente la descrizione dei dati: i marker HTML specificano come visualizzare

Dettagli

Impianti di Elaborazione. Applicazioni e Servizi

Impianti di Elaborazione. Applicazioni e Servizi Impianti di Elaborazione Applicazioni e Servizi M.G. Fugini COMO IMPIANTI 08-09 Indice dei contenuti Servizi e risorse Internet (Telnet, FTP, Posta elettronica, News, Chat, Videoconferenza, ) World Wide

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

Knowledge Management and Protection Systems (KMaPS) Corso di Laurea in Ingegneria

Knowledge Management and Protection Systems (KMaPS) Corso di Laurea in Ingegneria Knowledge Management and Protection Systems (KMaPS) Corso di Laurea in Ingegneria Xml, Rdf and Ontology Basic aspects (parte 3, 2015) Eng. Ph.D. Michela Paolucci Eng. Ph.D. Gianni Pantaleo DISIT Lab http://www.disit.dinfo.unifi.it/

Dettagli

Corso di Informatica Umanistica - Esercitazioni C A.A. 2008-2009. Dr. Antonio Bucchiarone 23 Aprile 2009

Corso di Informatica Umanistica - Esercitazioni C A.A. 2008-2009. Dr. Antonio Bucchiarone 23 Aprile 2009 Corso di Informatica Umanistica - Esercitazioni C A.A. 2008-2009 LEZIONE 1 ORGANIZZAZIONE ED INTRODUZIONE HTML Dr. Antonio Bucchiarone 23 Aprile 2009 Mi Presento Esercitatore: Antonio Bucchiarone SOA ResearchUnit,

Dettagli

Modelli di presentazione dei documenti XML

Modelli di presentazione dei documenti XML XML Indice 1. 1. Introduzione Cosa è e a cosa serve l'extensible Markup Language (XML) Storia e applicazioni di XML 1. 2. Un po'di storia Storia di XML: dall'ideazione alla standardizzazione del W3C 2.

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello IRAP 2012 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 1.1 BREVI CENNI SUL LINGUAGGIO XML... 3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA... 4 2.1 GENERALITÀ...

Dettagli

Guida all XML INTRODUZIONE CAPITOLO 1. L IMPORTANZA DI XML 1.1 ORIGINE E OBIETTIVI

Guida all XML INTRODUZIONE CAPITOLO 1. L IMPORTANZA DI XML 1.1 ORIGINE E OBIETTIVI Guida all XML (corso online a cura di Marco Giannì; http://www.html.it/xml/guida/) INTRODUZIONE L HTML (Hypertext Markup Language) è considerato la base del World Wide Web. Questo linguaggio consente infatti

Dettagli

Formati di interscambio

Formati di interscambio Università degli Studi di Brescia Elementi di informatica e Programmazione Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale EXCEL Docente: Marco Sechi E-mail: marco.sechi@unibs.it Vers. 11/10/2015 Formati

Dettagli

Primo modulo parte II XML e dintorni

Primo modulo parte II XML e dintorni I linguaggi del Web XML e dintorni 1 Fin qui, abbiamo parlato di Web 2.0. Ma poniamoci adesso una domanda che per utenti ormai esperti come voi dovrebbe risultare apparentemente banale: come funziona il

Dettagli

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web

Applicazioni web-based. Progettazione di Sistemi Interattivi. Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Gli Standard Web Progettazione di Sistemi Interattivi Implementazione di sistemi interattivi web-based (prima parte) Docente: Daniela Fogli Applicazioni web-based Il World Wide Web (W3C) [www.w3.org]: Fondato da Tim Berners-Lee

Dettagli

WEBMASTER. Strategie per programmare siti web e portali. Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti. Manuale di informatica per il web

WEBMASTER. Strategie per programmare siti web e portali. Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti. Manuale di informatica per il web WEBMASTER Strategie per programmare siti web e portali Corso pratico per Webmaster di Daniele Venditti Manuale di informatica per il web www.progettimultimediali.com www.corsi-online.it Questo Ebook è

Dettagli

Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML

Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML 4 Il metalinguaggio della struttura e della semantica: XML UniMc BBCC 10/11 I semestre Laboratorio di informatica avanzata per i beni culturali prof. Pierluigi Feliciati pierluigi.feliciati@unimc.it Dai

Dettagli

XML: una introduzione

XML: una introduzione XML: una introduzione XML è un linguaggio semantico che permette di annotare il testo attraverso l uso di elementi di marcatura comunemente chiamati tag. Lo sviluppo di XML è stato largamendation 2 del

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat File HTML e tag Un file HTML non è nient'altro che un puro file di testo al cui interno sono presenti delle

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 61273 /2011 protocollo Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano dei dati relativi alla dichiarazione Irap 2011 e alla Comunicazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT.2014/22906 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione dei dati contenuti nel modello di dichiarazione Irap 2014, da utilizzare per la dichiarazione ai fini dell imposta regionale sulle

Dettagli

La struttura più esterna è quella che delimita l'intero documento ed è compresa tra i tag e

La struttura più esterna è quella che delimita l'intero documento ed è compresa tra i tag <html> e 1. Introduzione La multimedialità è la compresenza e interazione di più mezzi di comunicazione in uno stesso supporto o contesto informativo. Si parla di contenuti multimediali, specie in ambito informatico,

Dettagli

XML, parte 1b Sistemi distribuiti, Corso di Laurea in Ingegneria

XML, parte 1b Sistemi distribuiti, Corso di Laurea in Ingegneria XML, parte 1b Sistemi distribuiti, Corso di Laurea in Ingegneria Ing. Michela Paolucci Department of Systems and Informatics University of Florence Via S. Marta 3, 50139, Firenze, Italy tel: +39-055-4796523,

Dettagli

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT Tutti i diritti sono riservati. Per pubblicazioni od utilizzo di questo materiale pregasi contattare l autore al seguente indirizzo: andreavasini@libero.it Andrea Vasini HTML.IT HTML.IT - Andrea Vasini

Dettagli

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE

XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE XML: UNO STANDARD IN ESPANSIONE Ernesto Damiani Paolo Fezzi XML, inizialmente proposto come standard per la rappresentazione dei documenti testuali, si sta ora imponendo come infrastruttura generale del

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Sintassi XML.

Sintassi XML. <?xml version=1.0 encoding=iso-8859-1?> XML L'XML, acronimo di extensible Markup Language, ovvero «Linguaggio di marcatura estensibile» è un metalinguaggio creato e gestito dal World Wide Web Consortium (W3C), e più precisamente dal presidente

Dettagli

FormScape V3.1: SUPPORTO XML

FormScape V3.1: SUPPORTO XML FormScape V3.1: SUPPORTO Maggio 2004 FormScape V3, la Soluzione Intelligente per Creare, Gestire, Visualizzare e Distribuire i Tuoi Documenti FormScape V3 Page 1 Introduzione Il formato si sta affermando

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino farinetti@polito.it 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring

Dettagli

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune Linguaggi di markup Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it Programma e obiettivi I linguaggi di Markup ed il web HTML e le sue lacune extensible Markup Language Document Type Definition Rappresentare Documenti

Dettagli

CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28

CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28 CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28 Articolo 18, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 31 ottobre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 novembre 2000, n. 272, recante

Dettagli

Note di metodo. Luisa Neri 1

Note di metodo. Luisa Neri 1 Realizzazione di pagine web per siti scolastici Note di metodo Luisa Neri 1 Premessa Queste Note di metodo sono state preparate per un corso sullo sviluppo di pagine web rivolto ai docenti. Si è inteso

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura

UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura PROGRAMMI UTILIZZATI: gestione del codice HTML - HTML-Kit è un Editor Web non di tipo visuale, che consente la costruzione ex-novo di pagine web o la loro modifica,

Dettagli

HTML e XML. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa Elementi di Informatica e Reti di calcolatori

HTML e XML. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa Elementi di Informatica e Reti di calcolatori HTML e XML Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Elementi di Informatica e Reti di calcolatori Ing. Claudio Menghi Dipartimento di Elettronica e Informazione menghi@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/menghi

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE.

Per accedere clicca su START o AVVIO (in basso a sinistra sul tuo schermo), poi su PROGRAMMI, ACCESSORI e infine su BLOCCO NOTE. Cos'è l'html HTML è una sigla che viene da una frase inglese che vuol dire: " Linguaggio di contrassegno di ipertesti" (Hyper Text Markup Language) L'Html non è un vero e proprio linguaggio di programmazione,

Dettagli

XML Schema Definition (XSD)

XML Schema Definition (XSD) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Linguaggi e Tecnologie Web A. A. 2011-2012 XML Schema Definition (XSD) Eufemia TINELLI Contenuti XML Schema e DTD Formato XML Schema Tipi

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

HTML. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma, cui va il mio ringraziamento

HTML. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma, cui va il mio ringraziamento HTML Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma, cui va il mio ringraziamento Cenni di HTML Hypertext Markup Language Linguaggio con cui sono scritte le pagine web Permette di realizzare

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Il sito web del comune è stato progettato e realizzato con particolare attenzione a quanto prescritto dalla Legge 4/2004 (cosiddetta Legge Stanca ), contenente "Disposizioni

Dettagli

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1

Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Manuale scritto da Fuso Federico 4 A Anno scolastico 2011/2012 Parte 1 Chi può riuscire a creare pagine HTML? La realizzazione di pagine web non eccessivamente sofisticate è alla portata di tutti, basta

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

Simonotti Graziano DATABASE

Simonotti Graziano DATABASE DATABASE 1 - Che cos'è un database? Il database è un archivio di dati, che può essere gestito con sistemi informatici oppure in modo manuale. 2 - Come si chiamano i programmi che gestiscono gli archivi?

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa IL WORLD WIBE WEB: LINGUAGGI, STRUTTURE, FUNZIONI INDICE L ESPLOSIONE

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

LEZIONE NO. 1: INTRODUZIONE, ELEMENTI BASE, DI ATTILIO ABBIEZZI

LEZIONE NO. 1: INTRODUZIONE, ELEMENTI BASE, <HEAD> DI ATTILIO ABBIEZZI HTML BASE LEZIONE NO. 1: INTRODUZIONE, ELEMENTI BASE, DI ATTILIO ABBIEZZI FONTI: HTML.IT 1 Breve Introduzione Che cosa significa linguaggio HTML? HTML = HyperText Markup Language Il primo concetto

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05. Il web è costituito da:

Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05. Il web è costituito da: XML Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Motivazioni Il web è costituito da: Un insieme di protocolli per lo scambio di informazioni e documenti (HTTP/TCP/IP ) Un insieme enorme di calcolatori

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b]

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b] 7 CHECK LIST 7.1 Tabella di Controllo sezione 1 A R.1.1 [TU4452000/52/1/a] Garanzie di sicurezza e integrità del sistema A R.1.2 [DPCM311000/7/1] Requisiti minimi di sicurezza del sistema operativo dell

Dettagli

INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO HTML. Internet + HTML + HTTP = WWW

INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO HTML. Internet + HTML + HTTP = WWW 1 INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO HTML Internet + HTML + HTTP = WWW Scopo della esercitazione 2 Conoscere i principali tag HTML Realizzare una propria Home Page utilizzando alcuni semplici tag HTML 3 Architettura

Dettagli

Introduzione alla codifica dei testi

Introduzione alla codifica dei testi Introduzione alla codifica dei testi TEI - Storia 1987 - Nancy Ide e Michael Sperberg McQueen organizzano un meeting per la realizzazione di uno standard digitale per materiale umanistico basato su SGML

Dettagli

Parte I - Struttura. Adotta un template. Parte 1 struttura pag. - 1

Parte I - Struttura. Adotta un template. Parte 1 struttura pag. - 1 Tutorial per siti scolastici accessibili con editor web open source Parte I - Struttura Adotta un template Parte 1 struttura pag. - 1 Autore Questa guida è stata realizzata da Gianfranco Bilotti e fa parte

Dettagli

Integrazione di tecnologie XML nella realizzazione di siti Web

Integrazione di tecnologie XML nella realizzazione di siti Web Integrazione di tecnologie XML nella realizzazione di siti Web Andrea Marchetti(IAT CNR) Massimo Martinelli(IEI CNR) Bologna 15 Giugno 1999 XML I Giornata di studio Presentazione della presentazione Metapresentazione

Dettagli

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS Road Map Cos è XML La Struttura dell XML DTD XML Schema CSS e XML XSL,XSLT XLink Applicazioni XML (DOM, SAX) Oggi Mercoledì 12 Ottobre Mercoledì

Dettagli

DISPENSA CORSO WEB DESIGNER

DISPENSA CORSO WEB DESIGNER DISPENSA CORSO WEB DESIGNER Già da qualche anno internet è entrato a far parte della nostra vita quotidiana. Tutti i giorni apriamo il browser (il programma che utilizziamo per navigare in internet) e

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015 CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING MODULO HARDWARE 1. Che cos è il PC - Gli elementi del computer- Unità centrale:uc-alu- RAM - La memorizzazione delle informazioni:bit-byte. Sistemi

Dettagli

XML e XSD. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com

XML e XSD. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com XML e XSD Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com Ordine di Acquisto Servizio: eshop Operazione: ordine di acquisto Dati dell'ordine: prodotti quantità corriere Playstation 2 Controller

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Introduzione all XSLT

Introduzione all XSLT 002cap01.fm Page 3 Wednesday, July 10, 2002 6:06 AM Giorno 1 Introduzione all XSLT Con un numero sempre crescente di persone che utilizzano l Extensible Markup Language (XML) nelle loro applicazioni, sorge

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

Fondamenti di Informatica II 28. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (1)

Fondamenti di Informatica II 28. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (1) Cenni storici sul web (Internet) Fondamenti di Informatica II 28. Elementi di programmazione web e linguaggi di script (1) Web significa letteralmente ragnatela Avviato nel 1989 (Tim Berners-Lee) come

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ

REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ Pag. 1 di 13 REPORT DI VALUTAZIONE DELL ACCESSIBILITÀ PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Comune di Pella (NO) http://www.comune.pella.no.it/ DATA DELLA VALUTAZIONE 09/07/2008 AUTORE DELLA VALUTAZIONE Alessio Mantegna

Dettagli