Corso: Sistemi di elaborazione delle informazioni 2. Anno Accademico: 2007/2008. Docente: Mauro Giacomini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso: Sistemi di elaborazione delle informazioni 2. Anno Accademico: 2007/2008. Docente: Mauro Giacomini"

Transcript

1 Corso: Sistemi di elaborazione delle informazioni 2. Anno Accademico: 2007/2008. Docente: Mauro Giacomini

2 Organizzazione no-profit per lo sviluppo di standard che fornisce linee guida per: lo scambio la gestione l integrazione delle informazioni riguardanti l ambiente sanitario. Negli USA è accreditato come SDO (Standards Development Organization) dall ANSI (American National Standard Institute)

3 HL7 sta per Health Level Seven e fa riferimento al settimo livello del modello di comunicazione ISO- OSI, ossia il livello applicativo. Il settimo livello supporta svariate funzioni: controllo della sicurezza; identificazione dei partecipanti; controllo della disponibilità; negoziazione dei meccanismi di scambio; struttura per lo scambio dei dati.

4 Attenzione: HL7 NON E una struttura per lo sviluppo di software. HL7 sviluppa numerose specifiche, la più ampiamente utilizzata è quella per lo scambio di messaggi standardizzati.

5 Rappresenta uno standard orientato agli oggetti e tutto il suo contenuto è basato sul concetto di modello informativo (specifica strutturata delle informazioni contenute all interno di un particolare dominio di interesse). Nel modello informativo le informazioni sono organizzate in classi, che possiedono i propri attributi e che mantengono delle relazioni con altre classi.

6 Il modello informativo fornisce una visione condivisa delle informazioni del dominio utilizzate all interno di tutti i messaggi HL7, indipendentemente dalla struttura del singolo messaggio. HL7 definisce diversi tipi di modelli informativi per rappresentare i diversi contesti di interesse: Reference Information Model; Domain Message Information Model; Refined Message Information Model.

7

8 È la sorgente finale da cui tutti gli standard per i protocolli di specifica della versione 3 traggono il loro contenuto correlato alle informazioni. È la radice di tutti i modelli informativi e delle strutture create come parte del processo di sviluppo. Utilizza uno stile di modellazione astratto, basato su classi strutturali, le foundation classes.

9 Vengono introdotte per semplificare la modellazione dell universo clinico. Sono sei: 1. Entity 2. Act 3. Role 4. Participation 5. ActRelationship 6. RoleLink Tutte queste classi sono rappresentate con colori differenti.

10 Le enities(entità) sono quelle cose che possono agire all interno dell universo. Questa classe è rappresentata in verde ENTITY Gli act sono le azioni compiute dalle entities. Questa classe è rappresentata in rosa ACT.

11 Entity coinvolta in 1 * 0, * coinvolge Act Esempio: una persona (entity) è coinvolta in un esame ECG (act). Problema: ma la persona è coinvolta come paziente che subisce l ECG o come medico che esegue l esame?

12 Le entities svolgono degli act con un determinato role (ruolo) nell universo. Questa classe è rappresentata in giallo ROLE. Entity 1 0,..* 1..* 0,..* gioca Role coinvolge Act Esempio: una persona (entity) gioca il ruolo (role) di medico per un esame ECG (act). Problema: ma che tipo di medico è?

13 Un determinato role (ruolo) viene svolto da un entity (entità) che ha una certa participation (partecipazione) all act (azione). Questa classe è rappresentata in azzurro PARTICIPATION. Entity 1 come 0,..* 1 0,..* Chi ha fatto Su chi è stato fatto Dove è stato fatto gioca Role Participation 0,..* 1 coinvolge Esempio: una persona (entity) gioca il ruolo (role) di medico refertante (participation) per un esame ECG (act). Act

14 La classe act è anche scomponibile in una serie di azioni minori che possono essere collegate tra loro da relazioni (ActRelationship). Questa classe è rappresentata in rosa chiaro ACTRELATIONSHIP. sorgente 1 0,..* ha come sorgente Act ActRelationship destinazione 1 0,..* ha come destinazione

15 A volte alcuni ruoli non esistono se non collegati ad altri. Ad esempio un medico può svolgere il suo ruolo solo se è un lavoratore dipendente (altro ruolo) della struttura clinica. La classe RoleLink rappresenta questa dipendenza. Questa classe è rappresentata in giallo chiaro ROLELINK. sorgente 1 0,..* ha come sorgente Role RoleLink destinazione 1 0,..* ha come destinazione

16 RoleLink 0,..* 0,..* ActRelationship 0,..* 0,..* 1 1 come 1 1 Entity 1 0,..* 1 0,..* Role gioca Participation 0,..* 1 Act

17 Tutte le classi del RIM derivano da queste 6 tipologie e vengono rappresentate con i colori adeguati, ma anche con determinate forme: Le classi entity, act e role con rettangoli Le classi participation, actrelationship e rolelink con frecce.

18 Entity Role 1 RoleLink Role 2 Participation Act 1 ActRelationship ActRelationship Act 2 Act 3

19 Domain Message Information Model (D-MIM): è un sottogruppo del RIM che include una serie da classi, attributi e relazioni che possono essere utilizzati per creare messaggi in un particolare dominio. Refined Message Information Model (R-MIM): è un sottogruppo del D-MIM che viene utilizzato per esprimere il contenuto informativo di un messaggio o di un insieme di messaggi. Rappresenta il contenuto informativo per una o più strutture astratte dei messaggi chiamate anche Hierarchical Message Definition (HMD).

20

21 Riguardano lo scambio di messaggi, ne sono il cuore. Una singola interazione risponde alle domande: 1. Che tipo di componente del sistema invia un particolare tipo di messaggio? 2. Verso quale tipo di componente del sistema ricevente viene inviato il messaggio? 3. Come fa il sistema a sapere quando inviare un determinato messaggio? 4. Cosa è il particolare message type?

22 Nel momento in cui viene definita un interazione, a un application role viene assegnata la responsabilità di inviare quella interazione, e a un application role viene assegnata la responsabilità di ricevere quella interazione e di dare l appropriata risposta. La responsabilità di invio e ricezione per una particolare interazione può anche essere assegnata ad un singolo application role.

23 Un evento trigger è un particolare set di condizioni che iniziano il trasferimento dell informazione tra i componenti di un sistema (application roles). E un evento reale come un ordine di laboratorio o di medicinali. Ogni evento trigger è definito da un nome, un ID, un tipo e una descrizione.

24 Sono costituite da: Nome ID: 6 cifre che la identificano univocamente anticipate dal nome del dominio e dalla sigla IN che sta per INteraction Tabella che specifica gli application role invianti e riceventi, gli eventi trigger, il tipo di interazione e i message type

25

26 Descrive una serie di azioni che hanno a che fare con un particolare compito all interno di un dominio sanitario. Le descrizioni avvengono tramite una serie di istantanee o eventi in ordine cronologico. Ogni istantanea rappresenta un momento significativo e riconoscibile nella sequenza degli eventi che il lettore deve conoscere per capire la sequenza totale e i risultati. Ogni istantanea mostra i partecipanti chiave nella storyboard e la loro interazione con gli altri giocatori. Tutta la serie di istantanee fornisce una descrizione completa dell attività.

27 Nome: breve frase descrittiva ID: codice a 6 cifre, preceduto dalla sigla del dominio in questione e dalla sigla ST (=SToryboard) Esempio: Add New Person(PRPA_ST101001) Scopo: piccola parte che descrive un set generico di azioni che lo storyboard rappresenta

28 Diagramma di interazione: mostra le interazioni esistenti tra application roles. Diagramma_Interazione.jpg Lista di interazione:

29 Una o più Interaction Narrative : dopo la lista delle interazioni c e una descrizione di ogni interazione contenuta nella lista stessa. Questa descrizione ha un nome e ID.

La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari

La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari Appuntamenti a Fisica Gestione delle Immagini in Medicina La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari Andrea Bo Sistemi Informativi A.O. Ordine Mauriziano Il Sistema Informativo

Dettagli

Health Level Seven (HL7)

Health Level Seven (HL7) Health Level Seven () (http://www.hl7.org/, http://www.hl7italia.it/) 1 Perché nasce? 1 Reparto come avviene lo scambio di informazioni tra reparti? 2 Reparto documentazione storia clinica pregressa Lettera

Dettagli

Analisi, progettazione e sviluppo di un modulo di gestione di messaggistica orientato alla sanità

Analisi, progettazione e sviluppo di un modulo di gestione di messaggistica orientato alla sanità ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI SCIENZE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE INFORMATICHE Analisi, progettazione e sviluppo di un modulo di gestione di messaggistica

Dettagli

STANDARD DI INTEGRAZIONE IN SANITA DICOM E HL7. Corso di TELEMEDICINA Lezione del 03/12/08

STANDARD DI INTEGRAZIONE IN SANITA DICOM E HL7. Corso di TELEMEDICINA Lezione del 03/12/08 STANDARD DI INTEGRAZIONE IN SANITA DICOM E HL7 Corso di TELEMEDICINA Lezione del 03/12/08 NECESSITA DELL ICT Nel mondo dell ICT ci sono alcune importanti necessità: CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI INTEGRAZIONE

Dettagli

Service discovery in P2P semantic communities

Service discovery in P2P semantic communities Service discovery in P2P semantic communities Università di Brescia Dipartimento di Elettronica per l Automazione Devis Bianchini, Valeria De Antonellis, Michele Melchiori, Denise Salvi 1 Definizione del

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze dell Informazione Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Una panoramica su HL7

Una panoramica su HL7 HL7 è uno standard ANSI di integrazione molto importante per tutto il Sistema Informativo Sanitario in generale e per il sistema RIS/PACS in particolare. L'acronimo HL7 sta per Health Level Seven, ossia

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 18 maggio Reti di calcolatori Lezione del 18 maggio Riepilogo concetti Il software di rete La gestione della rete non può essere lasciata alle applicazioni-utente Necessità di un software specifico dedicato a gestire

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Progetto Infrastruttura Tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico. InFSE: Infrastruttura tecnologica del. Fascicolo Sanitario Elettronico

Progetto Infrastruttura Tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico. InFSE: Infrastruttura tecnologica del. Fascicolo Sanitario Elettronico Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l innovazione tecnologica Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell

Dettagli

Il linguaggio SQL: DDL di base

Il linguaggio SQL: DDL di base Il linguaggio SQL: DDL di base Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.1.SQL.DDLbase.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) èil linguaggio standard de facto per DBMS relazionali,

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

FSE Componente Locale Specifica dei Requisiti del protocollo di interoperabilità fra la Componente Locale e i dipartimentali

FSE Componente Locale Specifica dei Requisiti del protocollo di interoperabilità fra la Componente Locale e i dipartimentali Pag. 1 di 67 FSE Componente Locale Specifica dei Requisiti del protocollo di interoperabilità fra la Componente Locale e i dipartimentali Pag. 2 di 67 VERSIONE V10 V11 V12 STATO DELLE VERSIONI DESCRIZIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE ANAGRAFE DALL APPLICATIVO

INTEGRAZIONE ANAGRAFE DALL APPLICATIVO INTEGRAZIONE ANAGRAFE DALL APPLICATIVO DI CARTELLA MMG/PLS CICOM PROGETTO ESECUTIVO DEFINITIVO Accordo di Programma Quadro "Sviluppo della Società dell'informcazione nella Regione Abruzzo" Atto Integrativo

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

Genesi e stato dell arte della famiglia HL7

Genesi e stato dell arte della famiglia HL7 1 Genesi e stato dell arte della famiglia HL7 Gregorio Mercurio gregorio.mercurio@hl7italia.it HL7 Italia Scopo dell intervento Perché nasce HL7? Come funziona HL7? Vrsioni di HL7 Versione 2.x Interoperabilità

Dettagli

Guida all uso del web service SDMX

Guida all uso del web service SDMX Guida all uso del web service SDMX Introduzione L obiettivo di questo documento è l illustrazione sintetica degli step che tecnicamente bisogna compiere affinché un generico client sia in grado di interagire

Dettagli

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "AVVISO RICEVIMENTO"

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE AVVISO RICEVIMENTO http://www.moda-ml.org GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "AVVISO RICEVIMENTO" Versione: 2008-1 Data di rilascio: 15/12/2008 Codice documento: OF077-025 Repository XML Schema: http://www.moda-ml.org/moda-ml/repository/schema/v2008-1/default.asp

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "RISPOSTA ORDINE PRODUZIONE CAPI SU MISURA"

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE RISPOSTA ORDINE PRODUZIONE CAPI SU MISURA http://www.moda-ml.org GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "RISPOSTA ORDINE PRODUZIONE CAPI SU MISURA" Versione: 2013-1 Data di rilascio: 24/05/2012 Codice documento: G072 Repository XML Schema: http://www.moda-ml.org/moda-ml/repository/schema/v2013-1/default.asp

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "AVVISO RICEVIMENTO"

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE AVVISO RICEVIMENTO http://www.moda-ml.org GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "AVVISO RICEVIMENTO" Versione: 2011-1 Data di rilascio: 18/11/2011 Codice documento: G025 Repository XML Schema: http://www.moda-ml.org/moda-ml/repository/schema/v2011-1/default.asp

Dettagli

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS.

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS. Roma, 4 dicembre 2014 Prot. n. 51-14-001771 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese capogruppo LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/10/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/10/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/10/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "AVVISO RICEVIMENTO"

GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE AVVISO RICEVIMENTO http://www.moda-ml.org GUIDA DI IMPLEMENTAZIONE TRANSAZIONE "AVVISO RICEVIMENTO" Versione: 2013-1 Data di rilascio: 18/11/2011 Codice documento: G025 Repository XML Schema: http://www.moda-ml.org/modaml/repository/schema/v2013-1/default.asp

Dettagli

Sistemi informativi in sanità. Dai dati alla gestione dei processi

Sistemi informativi in sanità. Dai dati alla gestione dei processi Sistemi informativi in sanità Dai dati alla gestione dei processi Il ciclo diagnostico/terapeutico Dati Osservazione Informazione Paziente Decisione Terapia Piano Diagnosi Sanità in Lombardia La ASL riceve

Dettagli

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi Indice generale OOA Analisi Orientata agli Oggetti Introduzione Analisi Metodi d' analisi Analisi funzionale Analisi del flusso dei dati Analisi delle informazioni Analisi Orientata agli Oggetti (OOA)

Dettagli

MODELLO E/R. Modellazione dei dati

MODELLO E/R. Modellazione dei dati MODELLO E/R Maria Mirto Modellazione dei dati Modellare i dati significa: costruire una rappresentazione semplificata della realtà osservata, individuandone gli elementi caratterizzanti e i legami intercorrenti

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN DATABASE

PROGETTAZIONE DI UN DATABASE Indice PROGETTAZIONE DI UN DATABASE 1.Il modello ER (entity relationship)...1 Generalità...1 I costrutti principali del modello...2 Entità...2 Associazioni...2 Attributi...2 Altri costrutti del modello...2

Dettagli

Officina Meccanica. Analisi, progetto e sviluppo

Officina Meccanica. Analisi, progetto e sviluppo Officina Meccanica Analisi, progetto e sviluppo Definizione del problema e specifica dei requisiti Un officina meccanica dispone di un magazzino in cui tiene parti di ricambio per automobili. Ogni parte

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Perchè utilizzare un'autorità di certificazione

Perchè utilizzare un'autorità di certificazione Una generica autorità di certificazione (Certification Authority o più brevemente CA) è costituita principalmente attorno ad un pacchetto software che memorizza i certificati, contenenti le chiavi pubbliche

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T1 B2 Significato e proprietà della OOP 1 Prerequisiti Concetto ed elementi della comunicazione Allocazione e deallocazione della memoria Compilazione di un programma Spazio

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology

KON 3. Knowledge ON ONcology through ONtology KON 3 Knowledge ON ONcology through ONtology Obiettivi di KON 3 Scopo di questo progetto èquello di realizzare un sistema di supporto alle decisioni, basato su linee guida e rappresentazione semantica

Dettagli

Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth

Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth Service Discovery Protocol (SDP) Bluetooth I protocolli di service discovery permettono a dispositivi ed applicazioni di cercare servizi offerti da altri dispositivi ed applicazioni. Per servizio si intende

Dettagli

Microsoft SQL Server Integration Services

Microsoft SQL Server Integration Services Sistemi Informativi Dott.ssa Elisa Turricchia Alma Mater Studiorum - Università di Bologna elisa.turricchia2@unibo.it 1 Microsoft SQL Server Integration Services 1 SQL Server Integration Services SSIS

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

Mappa degli standard

Mappa degli standard Mappa degli standard (Parte 1) Domenico Natale 1 Sommario 1. Mappa degli standard Enti di standardizzazione Standard & Health per tipologia d uso 2. Requisiti di qualità per la certificazione del software

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

Il modello relazionale dei dati e stato introdotto da Codd. nel 1970 (E.F. Codd, \A relational model of data for large

Il modello relazionale dei dati e stato introdotto da Codd. nel 1970 (E.F. Codd, \A relational model of data for large Modello Relazionale Il modello relazionale dei dati e stato introdotto da Codd nel 1970 (E.F. Codd, \A relational model of data for large shared data banks", Comm. of the ACM, 1970) ed e basato sul concetto

Dettagli

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati 1 Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Le metodologie di progettazione delle Basi di Dati 2 Una metodologia

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Servizi SOA: Implementation Guide HSSP Progetto HL7 Italia

Servizi SOA: Implementation Guide HSSP Progetto HL7 Italia Kick off 21 febbraio 2013 Servizi SOA: Implementation Guide HSSP Progetto HL7 Italia Il progetto F. Staccoli Castracane AlmavivA Ospitato da Progetto Servizi SOA: HSSP Implementation Guide intende realizzare

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA Anna Angeloni Gli strumenti utilizzati in radiologia digitale Modalità digitali Rete telematica ( LAN) Applicativo per la gestione della cartella radiologica (RIS)

Dettagli

INFORMATICA (II modulo)

INFORMATICA (II modulo) INFORMATICA (II modulo) Autorità di Internet Docente: Francesca Scozzari Dipartimento di Scienze Università di Chieti-Pescara 1-1 Standard Esistono molti fornitori di reti, ciascuno con le proprie idee

Dettagli

Capitolo 11 Il Data Modeler

Capitolo 11 Il Data Modeler Capitolo 11 Il Data Modeler 11.1 Introduzione Quando si costruisce un programma utilizzando diverse tabelle (eventualmente collegate tra loro con chiavi esterne), potrebbe essere utile avere a disposizione

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

AGGIORNAMENTO 2.1.8. Faith Pagina 1 FAITH AGGIORNAMENTO SU VERSIONE 2.1.8 SOMMARIO VERIFICA RICETTA... 2

AGGIORNAMENTO 2.1.8. Faith Pagina 1 FAITH AGGIORNAMENTO SU VERSIONE 2.1.8 SOMMARIO VERIFICA RICETTA... 2 SOMMARIO AGGIORNAMENTO 2.1.8 CONSOLE VISITA... 2 VERIFICA RICETTA... 2 CARTELLA CLINICA DEL PAZIENTE... 5 ELENCO PATOLOGIA... 5 ELENCO FARMACI... 5 ELENCO ACCERTAMENTI... 6 ANAGRAFICA PAZIENTI... 6 RIVISITAZIONE

Dettagli

GestPayMobile Manuale operativo

GestPayMobile Manuale operativo GestPayMobile Manuale operativo Pagina 1 di 46 Sommario 1 INFORMAZIONI DOCUMENTO...3 2 COS È GESTPAYMOBILE...4 3 COS È UP MOBILE...4 4 ESEMPIO DI FUNZIONAMENTO DI UP MOBILE...5 5 I SERVIZI DI GESTPAYMOBILE...6

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

Requisiti normativi, standard, template

Requisiti normativi, standard, template Schemi di rappresentazione delle procedure Costituiscono al tempo stesso modalità di analisi (o descrizione) e di progettazione. Sono schemi di rappresentazione utilizzati anche per descrivere i workflow.

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

LA NUOVA ISO 9001:2015

LA NUOVA ISO 9001:2015 Aspettative e confronto con la versione 2008 Vincenzo Paolo Maria Rialdi Lead Auditor IRCA Amministratore Delegato e Direttore Tecnico Vevy Europe S.p.A. 2/9 BREVE STORIA DELLA NORMA ISO 9000 standard

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento INTERNET: IL FUNZIONAMENTO DELL INFRASTRUTTURA E DELLA RETE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Gestione del workflow

Gestione del workflow Gestione del workflow Stefania Marrara Corso di Tecnologie dei Sistemi Informativi 2004/2005 Progettazione di un Sistema Informativo Analisi dei processi Per progettare un sistema informativo è necessario

Dettagli

Seconda Fase del Progetto

Seconda Fase del Progetto Seconda Fase del Progetto Costruzione modello analitico: modellazione basata sugli scenari, modellazione del flusso dei dati, modellazione delle classi analitiche e del dominio comportamentale Costruzione

Dettagli

L informatica nella Sanità

L informatica nella Sanità L informatica nella Sanità Perché usare l informatica nella Sanità? Continuità assistenziale Centralità del paziente Trasparenza negli atti amministrativi e sanitari Migliore gestione delle linee guida

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Autenticazione con LDAP

Autenticazione con LDAP Autenticazione con LDAP Uso del protocollo LDAP per l autenticazione in rete ing. Walter Vendraminetto - vendra@sci.univr.it 07.06.2006 Directory Il concetto di Directory è essenzialmente quello di catalogo

Dettagli

Ingegneria del Software 11. Esercizi riassuntivi. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 11. Esercizi riassuntivi. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 11. Esercizi riassuntivi Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Descrizione del problema. L esempio descrive un sistema per il commercio, chiamato TradingSystem,

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Capire le esigenze all interno del sistema

Capire le esigenze all interno del sistema Analisi di Dominio Domain Analysis Perché? Capire la struttura e le dinamiche di una organizzazione o, meno spesso, comunità viste con un sistema socio-tecnico (persone-regole-tecnologie coinvolte in processi)

Dettagli

Reti avanzate su IP per applicazioni sanitarie

Reti avanzate su IP per applicazioni sanitarie Reti avanzate su IP per applicazioni sanitarie C era una volta. I cambiamenti nel mondo della medicina hanno consentito passi in avanti impensabili solo alcuni anni fa. La cura del paziente ha beneficiato

Dettagli

Perché le regole e come

Perché le regole e come Perché le regole e come Conseguenze sullo sviluppo umano > http://www.sistemaambiente.net/form/it/iso/2_conseguenze_sullo_sviluppo_umano.pdf Le norme ISO Il sistema di gestione aiuta > http://www.sistemaambiente.net/form/it/iso/4_sistema_di_gestione.pdf

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno : (1) Interrogazioni semplici INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione

Dettagli

D.M.S. Document Management System. La gestione documentale attiva completa integrata

D.M.S. Document Management System. La gestione documentale attiva completa integrata D.M.S. Document Management System La gestione documentale attiva completa integrata ALKOS S.r.l. Via Per Salvatronda, 15 31033 Castelfranco Veneto (TV) Tel. +39 423 492171 Fax 721833 e-mail info@alkos.it

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

La Progettazione Concettuale

La Progettazione Concettuale La Progettazione Concettuale Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CorsodiBasidiDati Anno Accademico 2006/2007 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER Caratteristiche generali del linguaggio SQL Il linguaggio SQL è il linguaggio usato per la gestione dei database relazionali, cioè dei database creati con un DBMS di tipo relazionale. Esso nacque nella

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Indirizzamento IP e classi di indirizzi. Le classi di indirizzi IP sono un modo per caratterizzare lo spazio di indirizzamento IPv4.

Indirizzamento IP e classi di indirizzi. Le classi di indirizzi IP sono un modo per caratterizzare lo spazio di indirizzamento IPv4. Indirizzamento IP e classi di indirizzi Le classi di indirizzi IP sono un modo per caratterizzare lo spazio di indirizzamento IPv4. Gli Indirizzi IP Un indirizzo IP (dall'inglese Internet Protocol address)

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Modello Entità-Relazione Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof.

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012 Informatica Le basi di dati 2 Dati e Informazioni Un dato in sé non costituisce un informazione in quanto consiste semplicemente di un insieme di

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in emergenza-urgenza

Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in emergenza-urgenza SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI 118 E PRONTO SOCCORSO Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in Giugno 2010 Versione 4.0 EMUR_ Specifiche Funzionali_v4.0.doc

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Applicazione del linguaggio BIM e uso del model checker nella gestione degli appalti complessi: l esperienza del Nuovo Ospedale Galliera

Applicazione del linguaggio BIM e uso del model checker nella gestione degli appalti complessi: l esperienza del Nuovo Ospedale Galliera Applicazione del linguaggio BIM e uso del model checker nella gestione degli appalti complessi: l esperienza del Nuovo Ospedale Galliera Dott. Ing. Ezio Nicolàs Bruno Urbina Dott. Ing. Elisa Spallarossa

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Progettazione Basi Dati: Metodologie e modelli!modello Entita -Relazione Progettazione Base Dati Introduzione alla Progettazione: Il ciclo di vita di un Sist. Informativo

Dettagli

guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000

guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000 Gli standard e le linee guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000 Di cosa parleremo Le reti in sanità: come stanno evolvendo in ambito regionale, nazionale ed europeo Il ruolo degli standard nel

Dettagli

SUDDIVISIONE DELLA PRESENTAZIONE

SUDDIVISIONE DELLA PRESENTAZIONE X.400 Nel 1984 il CCITT ha pubblicato 8 raccomandazioni riguardanti il message handling system (MHS) X.400 System Model - service elements X.401 Basic Service elements and optional user facilities X.408

Dettagli

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega?

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Pordenone, Marzo 2014 Dott.ssa Catia Cassin Delega In ambito gestionale per delega

Dettagli