Istruzioni per la trasmissione informatica dei dati (Allegato al Regolamento ISVAP n. 36/2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni per la trasmissione informatica dei dati (Allegato al Regolamento ISVAP n. 36/2011)"

Transcript

1 Istruzioni per la trasmissione informatica dei dati (Allegato al Regolamento ISVAP n. 36/2011) Il presente documento fornisce le indicazioni per la trasmissione informatica dei dati contenuti nei prospetti emanati ai sensi del Regolamento ISVAP n. 36/ Trasmissione dei dati contenuti nei prospetti sulla copertura delle riserve tecniche e relativi allegati. I file che compongono la trasmissione sono denominati XXTAAAAI.ZZZ, dove: - XX indica il tipo di dato e può assumere i seguenti valori: PA prospetto delle attività assegnate alla copertura delle riserve ex artt. 36 e 41, comma 4, (rami vita) e 37 (rami danni) del d.lgs. 209/2005 (Modello 1 e Modello 4); AA allegato A ai Modelli 1 e 4; AB allegato B al Modello 1; BB prospetto delle attività assegnate alla copertura delle riserve ex art. 41, commi 1 e 2, del d.lgs. 209/2005 (Modello 2); "CC" prospetto dimostrativo degli investimenti derivanti dalla gestione dei fondi pensione (Modello 3); EA dettaglio degli attivi della categoria A a copertura delle riserve ex artt. 36 e 41, comma 4, (rami vita) e 37 (rami danni) del d.lgs. 209/2005, allegato al Modello 1 ed al Modello 4; EE dettaglio degli attivi a copertura delle riserve ex art. 41, commi 1 e 2, del d.lgs. 209/2005, allegato al Modello 2; "EC" dettaglio degli investimenti derivanti dalla gestione dei fondi pensione allegato al Modello 3; - T rappresenta il trimestre cui l invio fa riferimento (1,2,3,4); - AAAA rappresenta l anno cui l invio fa riferimento; - I indica la tipologia dell invio: 1 trimestrale; 2 comunicazione annuale allegata al bilancio. - ZZZ è il codice ISVAP della compagnia. I dati che compongono la comunicazione in argomento devono essere registrati in formato carattere secondo la codifica ASCII. Per quanto concerne il contenuto dei campi valgono le seguenti specifiche: - i dati alfanumerici sono allineati a sinistra; - i dati numerici sono allineati a destra; - i dati con cifre decimali sono rappresentati senza indicazione della virgola; il numero delle cifre decimali da riportare è indicato nella descrizione dei singoli campi; le cifre decimali devono essere riportate anche se nulle; - le date sono registrate nella forma AAAAMMGG senza separatore; 1

2 - i campi opzionali, quando non significativi, e quelli non utilizzati sono riempiti con spazi o con zeri a seconda che siano di tipo alfanumerico o di tipo numerico; - con riguardo ai campi dei tracciati record denominati Codice compagnia, le imprese utilizzano il codice indicato nella tabella COMPAG presente nel sito dell Istituto alla sezione Imprese e intermediari/controlli e Download/Download. I file sono organizzati secondo i tracciati record riportati negli Allegati 1, 2 e 3, che contengono anche alcune indicazioni sulla valorizzazione dei campi che compongono ciascun record. Si sottolinea che il tracciato record del file contenente il dettaglio degli investimenti a copertura delle riserve derivanti dalla gestione dei fondi pensione, sia per le comunicazioni trimestrali che per quella di bilancio, segue la struttura degli allegati al Modello 3 pubblicati nel Regolamento; si precisa che i dati dell Allegato 5 al Modello 3 dovranno essere trasmessi esclusivamente in sede di bilancio. I suddetti file devono essere trasmessi all Istituto via posta elettronica all indirizzo - per le comunicazioni trimestrali, riportando nell oggetto, nell'ordine, la denominazione della compagnia, la dicitura Copertura delle riserve tecniche al e la data di riferimento della trasmissione; - per le comunicazioni relative al bilancio di esercizio; i file possono essere inviati congiuntamente a quelli previsti dal Regolamento Trasmissione dei dati sul monitoraggio degli investimenti Dalla sezione Imprese e intermediari > Controlli e Download > Download del sito ISVAP, tramite il comando Salva oggetto con nome, attivabile con il tasto destro del mouse, prelevare i file excel denominati MONINVES.xls e COMPAG.xls i suddetti file debbono essere salvati in una stessa cartella di lavoro Aprire il file excel denominato MONINVES.xls; la procedura inizia con il caricamento dell elenco delle compagnie dal file COMPAG.xls. All interno del foglio informativo, indicare la data di riferimento del monitoraggio e selezionare la Compagnia nella cella a scorrimento. Cliccando sulla denominazione della compagnia, questa verrà automaticamente riportata nella testata di ciascun foglio insieme al codice ISVAP della compagnia ed alla data indicata. Inserire i dati richiesti in migliaia di EURO. E possibile inserire i dati anche da un file in formato ASCII, secondo le indicazioni riportate nell'allegato 8. Completato l inserimento, tornare nel foglio informativo, cliccare sul bottone Controlli di validità e rimuovere gli eventuali errori riscontrati dalla procedura e segnalati nel foglio Errori_moninves generato dalla procedura di controllo. 2

3 Se non sono presenti errori cliccare sul bottone Generazione flusso da trasmettere all ISVAP. Nella cartella Documenti verrà generato il file denominato MONINVES.ccc, dove ccc è il codice compagnia. Salvare il file excel MONINVES.xls, ridenominandolo MONINccc.xls dove ccc è il codice della compagnia Preparare il messaggio da spedire all indirizzo riportando nell oggetto la denominazione della compagnia e la dicitura Monitoraggio degli investimenti finanziari dati al... comprensiva della data di di riferimento. Allegare alla sia la tabella excel che il file generato dalla procedura sopra descritta. Nel caso eccezionale in cui non sia possibile spedire il messaggio di posta elettronica, la tabella excel ed il file generato dalla procedura dovranno essere copiati su minidisco e spediti via posta prioritaria all ISVAP. 3

4 Allegato 1 TRACCIATI RECORD - Modelli 1 e 4 e relativi allegati I file che compongono la comunicazione, denominati secondo quanto indicato nel foglio "Istruzioni generali", sono articolati in un record di testa, più record di dettaglio ed un record di coda. Le imprese che esercitano sia l'assicurazione vita che quella danni trasmettono una sola serie di file contenenti i dati di entrambe le gestioni, con eccezione del file denominato ABTAAAAI.ZZZ previsto per la sola gestione vita. All interno dei file i record devono essere ordinati in senso crescente per tipologia di record (posizioni 1:3) e, quindi, per gestione (posizione 4). Nel file contenente i dati dei Modelli 1e4irecord di dettaglio devono essere altresì ordinati in base al codice voce (posizioni 5-7). I file sono strutturati secondo quanto di seguito riportato. File PATAAAAI.ZZZ (Modelli 1 e 4) record di testa: Tipo record AN 'PA1' Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento: 1, 2, 3 o 4 Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 4

5 record di dettaglio Tipo record AN valore fisso uguale a 'PA2' Gestione AN "D" danni; "V" vita Codice voce NU Indicare il codice voce prestampato nei modelli Importo NU importo in Euro o valore percentuale espresso con due cifre decimali senza indicazione della virgola (le cifre decimale devono essere riportate anche se nulle) AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: Tipo record AN PA3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" File AATAAAAI.ZZZ (allegato A ai Modelli 1 e 4) record di testa: Tipo record AN 'AA1' Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento (t) Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 5

6 record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'AA2' Gestione AN "D" danni; "V" vita Valuta AN codice valuta (Codice numerico U.I.C.) Tasso di cambio NU Per la valuta indicata al campo precedente, riportare il tasso di cambio rispetto all'euro alla chiusura dell'esercizio di riferimento utilizzato per la conversione degli importi; il valore del tasso deve essere espresso con due cifre decimali senza indicazione della virgola (le cifre decimale devono essere riportate anche se nulle) Riserve tecniche NU importo in Euro delle riserve tecniche relative alla valuta indicata alle posizioni 5-7 Attività a copertura NU importo in Euro delle attività a copertura delle riserve indicate al campo precedente AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: Tipo record AN valore fisso uguale a 'AA3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 6

7 File ABTAAAAI.ZZZ (Allegato B al Modello 1) record di testa: Tipo record AN 'AB1' Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento (t) Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'AB2' Codice sezione NU codice sezione: valori 1,2 rispettivamente per le sezioni I e II Codice contratto NU codice identificativo del contratto (numero progressivo univoco per compagnia e superiore a 0) Tasso di interesse NU tasso di interesse garantito con due cifre decimali senza virgola Riserve NU importo delle riserve tecniche in EURO Attività NU importo delle attività a copertura in EURO Durata residua NU sezione I: durata residua contrattuale in mesi interi record di coda: AN caratteri ASCII "CR" e "LF" Tipo record AN valore fisso uguale a 'AB3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 7

8 File EATAAAAI.ZZZ (dettaglio degli attivi della categoria A allegato ai Modelli 1 e 4); record di testa: Tipo record AN EA1 Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento (t) Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'EA2' Gestione AN gestione: "D" danni, "V" vita Classe AN codice della classe di attività (Allegato 4) Codice contratto NU per gli attivi riferiti a contratti allegato B: codice identificativo del contratto per gli altri attivi: zero Dati relativi all investimento a copertura Denominazione attività AN classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.1.4, A.3.1a, A.3.1b, A.3.3, A.3.4, A.4.4, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: denominazione del titolo o del fondo; classe A.1.5: denominazione del titolo sottostante; classe A.1.8: denominazione del titolo cui è riferito il rateo classe A.2: denominazione della società o ente garante per i mutui non garantiti da ipoteca 8

9 record di dettaglio (segue): Denominazione attività (segue) Codice ISIN 12 AN classi A.4.1, A.4.2: ubicazione dell'immobile (comune ed indirizzo) classe A.4.3: spazio classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.1.4, A.1.8, A.3.1a, A.3.1b, A.3.3, A.3.4, A.4.4, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: codice isin del titolo o del fondo classe A.4.1, A.4.2: codice identificativo dell immobile (lo stesso riportato nel corrispondente modulo di vigilanza allegato al bilancio d esercizio) Valuta AN classi A.1.5, A.2, A.4.3, A.4.4: codice valuta dell'investimento (Codice numerico U.I.C.) Data scadenza NU classi A.1.5, A.2: data scadenza dell'investimento (aaaammgg); Numero azioni/quote NU classi A.1.4, A.3.1a, A.3.1b, A.3.3, A.3.4, A.4.4, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: numero quote o azioni F NU classe A.1.2b: "1" se trattasi di deposito bancario con prelevamento soggetto a vincoli di tempo 0 negli altri casi classe A.2: "0" per mutui e prestiti non garantiti da ipoteche "1" per mutui e prestiti garantiti da ipoteca di primo grado classe A.4.3: "1" se l'impresa che effettua la comunicazione detiene più del 50% della società immobiliare "2" se l'impresa che effettua la comunicazione non detiene più del 50% della società immobiliare e l'impresa capogruppo del gruppo assicurativo detiene direttamento o indirettamente più del 50% della società immobiliare Codice mercato AN classi A.1.1a, A.1.2a, A.3.1a nel caso in cui lo Stato dell emittente non coincida con quello in cui ha sede il mercato regolamentato nel quale è negoziato il titolo: codice del mercato regolamentato nel quale è quotato il titolo (Allegato 6) altrimenti: spazio 9

10 record di dettaglio (segue): classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.5.2a, A.5.2b per titoli con rating: specificare i dati relativi al rating di più recente attribuzione altre classi e/o titoli senza rating: spazio Codice società AN codice della società di rating (Allegato 7) Rating AN classe di rating Data rating NU data di assegnazione del rating (aaaammgg) F NU classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.5.2a, A.5.2b per titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile): 1 altre classi e/o titoli con regimi cedolari semplici: 0 F NU classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.5.2a, A.5.2b per titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile) basati su meccanismi di determinazione indiretta del tasso variabile: 1 altre classi e/o titoli con regimi cedolari semplici: 0 Dati relativi alla controparte dell'investimento Denominazione AN classe A.1.5: denominazione controparte controparte-1 dell'operazione (banca, sim, etc) classe A.2: denominazione del mutuatario classe A.4.3: denominazione della società immobiliare Codice fiscale AN classi A.1.5, A.2, A.4.3 in caso di controparti italiane: codice fiscale della controparte dell investimento Codice Stato AN classi A.1.5, A.2, A.4.3: codice dello Stato di appartenenza della controparte (Codice numerico U.I.C.) Capitale sociale NU classi A.3.1a, A.3.1b: capitale sociale dell'impresa emittente F NU 1 nell ipotesi di cui agli artt. 21, comma 2, e 27, comma 2, del Regolamento 0 negli altri casi 10

11 record di dettaglio (segue): Denominazione controparte AN classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3 nel caso di titoli credit linked (titoli con clausola di trasferimento parziale o totale del rischio di controparte a soggetti diversi dalla società emittente): denominazione della controparte verso la quale transita il rischio Dati relativi agli importi a copertura Valore nominale NU classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.1.4, A.1.5, A.3.1a, A.3.1b, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: valore nominale complessivo dell'investimento a copertura classi A.4.1, A.4.2: valore complessivo di bilancio dell'immobile al netto del fondo di ammortamento Importo a copertura NU importo a copertura Valore ipoteca NU classe A.4.1: valore complessivo dell'ipoteca AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: Tipo record AN valore fisso uguale a 'EA3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 11

12 Allegato 2 TRACCIATI RECORD - Modello 2 e relativo allegato I file che compongono la comunicazione, denominati secondo quanto indicato nel foglio "Istruzioni generali", sono articolati in un record di testa, più record di dettaglio ed un record di coda. All interno dei file i record devono essere ordinati in senso crescente per tipologia di record (posizioni 1:3). I file sono strutturati secondo quanto di seguito riportato. File BBTAAAAI.ZZZ (Modello 2) record di testa: Tipo record AN BB1 Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento: 1, 2, 3 o 4 Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

13 record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a BB2 Codice sezione NU Valori 1,2,3 rispettivamente per le sezioni I, II e III Codice contratto NU codice identificativo del contratto (numero progressivo univoco per compagnia e superiore a 0 ) Descrizione contratto AN Specificare i nomi dei fondi o degli indici azionari sui quali è costruito il contratto Codice fondo NU sezione II: codice identificativo del fondo interno (numero progressivo univoco per compagnia e superiore a 0 ) sezioni I e II: zero Denominazione fondo AN sezione II: denominazione del fondo interno sezioni I e II: spazio Riserve NU sezioni I, III: importo in EURO delle riserve tecniche relative al contratto sezione II: importo in EURO delle riserve tecniche relative al fondo interno Attività NU sezioni I, III: importo in EURO delle attività a copertura relative al contratto sezione II: importo in EURO delle attività a copertura relative al fondo interno AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: tipo record AN valore fisso uguale a 'BB3' numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

14 File EETAAAAI.ZZZ (dettaglio degli attivi allegato al Modello 2) record di testa: Tipo record AN EE1 Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento: 1, 2, 3 o 4 Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'EE2' Codice contratto NU codice identificativo del contratto Codice fondo interno NU sezione II: codice identificativo del fondo interno sezioni I e III: zero Tipo investimento AN codice tipologia di investimento (Allegato 5) dati relativi allo strumento finanziario Codice ISIN AN codice ISIN dello strumento finanziario Denominazione AN descrizione dello strumento finanziario; nel caso di strumenti finanziari derivati ovvero di titoli strutturati descrivere anche l attivo o l indice sottostante. Numero quote NU sezione I: numero quote dell OICR sezioni II e III: zero Codice mercato AN Nel caso in cui lo stato dell emittente non coincida con quello in cui ha sede il mercato regolamentato nel quale è negoziato il titolo: codice del mercato regolamentato nel quale è quotato il titolo (Allegato 6); spazio in caso contrario.

15 record di dettaglio (segue): nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli Codice valuta AN codice della valuta (Codice numerico UIC) Data scadenza AN data scadenza dell investimento (aaaammgg) nel caso di strumenti finanziari con rating: specificare i dati relativi al rating di più recente assegnazione Codice agenzia AN codice della agenzia di rating (Allegato 7) Rating AN classe di rating Data rating NU data di assegnazione del rating (aaaammgg) F NU titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile): 1 titoli con regimi cedolari semplici: 0 F NU titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile) basati su meccanismi di determinazione indiretta del tasso variabile: 1 titoli con regimi cedolari semplici: 0 dati relativi alla controparte dello strumento finanziario Codice Stato AN nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli: codice stato della controparte (Codice numerico UIC) Codice emittente AN nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli: per le emittenti italiane (codice stato=086): codice fiscale dell emittente Denominazione controparte-1 Denominazione controparte AN nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli: denominazione della controparte dell investimento AN nel caso di titoli credit linked (titoli con clausola di trasferimento parziale o tale del rischio di controparte a soggetti diversi dalla società emittente): denominazione della controparte verso la quale transita il rischio sezione relativa ai prodotti derivati: dati sull attivo sottostante Codice ISIN AN codice isin Valore nominale NU valore nominale in EURO Valuta del sottostante AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: codice della valuta (codice numerico UIC) data scadenza del sottostante NU nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: data scadenza dell'attivo sottostante (aaaammgg) Codice Stato AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: codice stato del soggetto che ha emesso l'attivo sottostante (codice numerico UIC)

16 record di dettaglio (segue): Codice emittente AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: per le emittenti italiane (codice stato= 086): codice fiscale del soggetto che ha emesso l'attivo sottostante Denominazione emittente AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: denominazione del soggetto che ha emesso il titolo sottostante dati relativi agli importi a copertura Importo NU importo a copertura (valore corrente) in EURO AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: tipo record AN valore fisso uguale a 'EE3' numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

17 Allegato 3 TRACCIATI RECORD - Modello 3 e relativi allegati I file che compongono la comunicazione, denominati secondo quanto indicato nel foglio "Istruzioni generali", sono strutturati come di seguito riportato. File CCTAAAAI.ZZZ (Modello 3) Per ogni riga del modello diversa da zero, registrare un record composto come segue: Codice compagnia NU Codice assegnato dall'isvap Anno NU anno cui la trasmissione fa riferimento Trimestre NU Trimestre cui la trasmissione fa riferimento; per il modello annuale indicare 9 Codice sezione NU indicare: 1 per i fondi ricompresi nella sezione I del Modello 3 2 per i fondi ricompresi nella sezione II del Modello 3 9 per la riga "TOTALE GENERALE" Tipo riga NU indicare: 0 per le righe di dettaglio che compongono le due sezioni 9 per le righe di totale sezione o totale generale Numero d'ordine del fondo Denominazione del fondo Linea di investimento - codice NU tipo riga = 0: AN NU tipo riga = 0: tipo riga = 9: zero da indicare per tipo riga = 0 riportare il numero d'ordine assegnato univocamente a ciascun fondo; tale valore deve essere mantenuto nelle successive comunicazioni indicare il numero d'ordine attribuito ad ogni linea di investimento nell'ambito di ciascun fondo; tale valore deve essere mantenuto nelle successive comunicazioni tipo riga = 9: zero

18 Linea di investimento - descrizione AN tipo riga = 0: tipo riga = 9: Riserve NU tipo riga = 0: descrizione sintetica della linea di investimento spazio riportare l'importo delle riserve relative a ciascuna linea di investimenti di ciascun fondo alla chiusura del trimestre/esercizio tipo riga = 9: riportare il totale delle riserve alla chiusura del trimestre/esercizio relative a tutti i fondi che compongono la sezione; per la riga "TOTALE GENERALE" riportare la somma dei valori indicati nelle 2 sezioni Investimenti NU tipo riga = 0: tipo riga = 9: riportare il valore degli investimenti relativi a ciascuna linea di investimento di ciascun fondo alla chiusura del trimestre/esercizio riportare il valore totale degli investimenti alla chiusura del trimestre/esercizio relative a tutti i fondi che compongono la sezione; per la riga "TOTALE GENERALE" riportare la somma dei valori indicati nelle 2 sezioni AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

19 File ECTAAAAI.ZZZ (dettaglio degli attivi allegato al Modello 3) Per ogni investimento inserito nei fondi pensione, registrare un record composto come segue (gli importi comprendono il segno): Codice compagnia 3 1 NU Codice assegnato dall'isvap (già utilizzato per la 3 trasmissione dei dati di bilancio) Anno NU anno cui la trasmissione fa riferimento Trimestre NU Trimestre cui la trasmissione fa riferimento; per il modello annuale indicare 9 Sezione NU riportare: 1 per i fondi pensione aperti (sezione I del Modello 3) 2 per i fondi pensione chiusi (sezione II del Modello 3) Numero d'ordine del fondo NU riportare il numero d'ordine del fondo in cui è inserito l'attivo; deve coincidere con quello indicato nel Modello 3 Linea di investimento - codice NU indicare il numero d'ordine della linea di investimento in cui è inserito l'attivo; deve coincidere con quello indicato nel modello 3 Codice NU 1 = azioni e quote (Allegato 1 al Modello 3) 2 = obbligazioni (Allegato 2 al Modello 3) 3 = quote di OICR (Allegato 3 al Modello 3) 4 = altre attività e passività (Allegato 4 al Modello 3) 5 = dettagio delle quote per fondo pensione e linea di investimento (Allegato 5 al modello 3; solo per Trimestre = 9) Codice AN se Codice-1 = 1: se Codice-1 = 2: se Codice-1 = 3: se Codice-1 = 4: Tipologia (cfr. nota 3 dell'all. 1 al Mod. 3) Categoria (cfr. nota 3 dell'all. 2 al Mod. 3) Tipo-1 (cfr. nota 3 dell'all. 3 al Mod. 3) Tipologia (vedasi Allegato 5) se Codice-1 = 5: spazio

20 Campo lungh. Posizione tipo VALORI DA RIPORTARE Codice AN se Codice-1 = 1: Attivita svolta (cfr. nota 4 dell'all. 1 al Mod. 3) se Codice-1 = 2 o 4: Q per i titoli negoziati in mercati regolamentati NQ per gli altri se Codice-1 = 3: Tipo-2 (cfr. nota 4 dell'all. 3 al Mod. 3) se Codice-1 = 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 1 o 2: Mercato di quotazione (cfr. Allegato 6) se Codice-1 = 4: Mercato di quotazione, se previsto per l'attività/passività (cfr. Allegato 6) se Codice-1 = 3 o 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 3: Tipo-3 (cfr. nota 5 dell'all. 3 al Mod. 3) se Codice-1 = 1, 2, 4, 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 1 o 2: Classe di rating del titolo o, in mancanza, quello dell'emittente se Codice-1 = 3, 4, 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 1 o 2: codice della agenzia di rating (cfr. nota 7 dell'all. 1 al Mod. 3) se Codice-1 = 3, 4, 5: spazio Codice ISIN AN deve essere indicato se Codice-1 = 1, 2, 3 Descrizione AN se Codice-1 = 1, 2 o 3: Denominazione dell'investimento se Codice-1 = 4: Tipologia/descrizione dell'attività/passività se Codice-1 = 5: Descrizione in chiaro della tipologia di linea di investimento Descrizione AN se Codice-1 = 2: per le obbligazioni convertibili indicare l'azione oggetto della conversione se Codice-1 = 4: Controparte/emittente se Codice-1 = 1, 3 o 5: spazio

21 Campo lungh. Posizione tipo VALORI DA RIPORTARE Codice Stato NU se Codice-1 = 1, 2 o 3: Codice Stato dell'emittente se Codice-1 = 4: Codice Stato della controparte/emittente se Codice-1 = 5: zero Data di scadenza NU se Codice-1 = 2: data di scadenza dell'investimento (nel formato 174 AAAAMMGG) se Codice-1 = 4: data di scadenza, se prevista per l'attività/passività (nel formato AAAAMMGG) se Codice-1 = 1, 3 o 5: zero Codice valuta NU se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: riportare il codice numerico U.I.C. della valuta dell'investimento Importo NU se Codice-1 = 2 o 4: Valore nominale complessivo dell'investimento se Codice-1 = 5: Numero quote al 1 gennaio se Codice-1 = 1 o 3: zero Importo NU se Codice-1 = 1: Numero azioni e quote (Quantità) se Codice-1 = 2 o 4: Valore corrente - unitario se Codice-1 = 3: Numero quote (Quantità) se Codice-1 = 5: Numero quote emesse Importo NU se Codice-1 = 1 o 3: Valore corrente - importo se Codice-1 = 2: Valore corrente - complessivo se Codice-1 = 4: Valore corrente - complessivo; le passività debbono essere riportate con il segno negativo se Codice-1 = 5: Numero quote eliminate Importo NU se Codice-1 = 5: Numero quote al 31 dicembre se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero Importo NU se Codice-1 = 5: Valore unitario della quota al 31 dicembre se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero Importo NU se Codice-1 = 5: Attivo netto destinato alle prestazioni se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero Importo NU se Codice-1 = 5: Riserva addizionale se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

22 Codici da utilizzare per la classificazione degli attivi ricompresi nell'elenco di dettaglio allegato ai Modelli 1 e 4 Allegato 4 Identificativo attività (come da modello) Codice classe A.1.1a 1 A.1.1b 2 A.1.2a 3 A.1.2b 4 A A A A A.2 11 A.3.1a 12 A.3.1b 13 A A A A A A A.5.1a 22 A.5.1b 23 A.5.2a 24 A.5.2b 25

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO

Ministero Numero assegnato dal ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Ministero Numero assegnato dal Direzione Generale Ufficio Sistema ORDINE DI ACCREDITAMENTO DI CONTABILITA SPECIALE SU IMPEGNO ESTREMI CLAUSOLA DI APERTURA IMPEGNO Esercizio Ufficio N decreto N progressivo

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

V1pc Internet Banking

V1pc Internet Banking 2.6 Area Portafoglio In questa area è possibile ottenere informazioni sull'andamento del portafoglio titoli relativa al dossier selezionato tenendo così costantemente aggiornati l utente sul valore degli

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO. Allegato

MANUALE APPLICATIVO. Allegato Allegato MANUALE APPLICATIVO Disposizioni in materia di raccolta di informazioni statistiche per la bilancia dei pagamenti e la posizione patrimoniale verso l estero 1 INDICE PREMESSA...7 PARTE PRIMA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04.

Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230. Report dei prodotti del' 23.04. Report dei prodotti del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 7.00% p.a. Multi Barrier Reverse Convertible su Carrefour, Nestlé,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli