Istruzioni per la trasmissione informatica dei dati (Allegato al Regolamento ISVAP n. 36/2011)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni per la trasmissione informatica dei dati (Allegato al Regolamento ISVAP n. 36/2011)"

Transcript

1 Istruzioni per la trasmissione informatica dei dati (Allegato al Regolamento ISVAP n. 36/2011) Il presente documento fornisce le indicazioni per la trasmissione informatica dei dati contenuti nei prospetti emanati ai sensi del Regolamento ISVAP n. 36/ Trasmissione dei dati contenuti nei prospetti sulla copertura delle riserve tecniche e relativi allegati. I file che compongono la trasmissione sono denominati XXTAAAAI.ZZZ, dove: - XX indica il tipo di dato e può assumere i seguenti valori: PA prospetto delle attività assegnate alla copertura delle riserve ex artt. 36 e 41, comma 4, (rami vita) e 37 (rami danni) del d.lgs. 209/2005 (Modello 1 e Modello 4); AA allegato A ai Modelli 1 e 4; AB allegato B al Modello 1; BB prospetto delle attività assegnate alla copertura delle riserve ex art. 41, commi 1 e 2, del d.lgs. 209/2005 (Modello 2); "CC" prospetto dimostrativo degli investimenti derivanti dalla gestione dei fondi pensione (Modello 3); EA dettaglio degli attivi della categoria A a copertura delle riserve ex artt. 36 e 41, comma 4, (rami vita) e 37 (rami danni) del d.lgs. 209/2005, allegato al Modello 1 ed al Modello 4; EE dettaglio degli attivi a copertura delle riserve ex art. 41, commi 1 e 2, del d.lgs. 209/2005, allegato al Modello 2; "EC" dettaglio degli investimenti derivanti dalla gestione dei fondi pensione allegato al Modello 3; - T rappresenta il trimestre cui l invio fa riferimento (1,2,3,4); - AAAA rappresenta l anno cui l invio fa riferimento; - I indica la tipologia dell invio: 1 trimestrale; 2 comunicazione annuale allegata al bilancio. - ZZZ è il codice ISVAP della compagnia. I dati che compongono la comunicazione in argomento devono essere registrati in formato carattere secondo la codifica ASCII. Per quanto concerne il contenuto dei campi valgono le seguenti specifiche: - i dati alfanumerici sono allineati a sinistra; - i dati numerici sono allineati a destra; - i dati con cifre decimali sono rappresentati senza indicazione della virgola; il numero delle cifre decimali da riportare è indicato nella descrizione dei singoli campi; le cifre decimali devono essere riportate anche se nulle; - le date sono registrate nella forma AAAAMMGG senza separatore; 1

2 - i campi opzionali, quando non significativi, e quelli non utilizzati sono riempiti con spazi o con zeri a seconda che siano di tipo alfanumerico o di tipo numerico; - con riguardo ai campi dei tracciati record denominati Codice compagnia, le imprese utilizzano il codice indicato nella tabella COMPAG presente nel sito dell Istituto alla sezione Imprese e intermediari/controlli e Download/Download. I file sono organizzati secondo i tracciati record riportati negli Allegati 1, 2 e 3, che contengono anche alcune indicazioni sulla valorizzazione dei campi che compongono ciascun record. Si sottolinea che il tracciato record del file contenente il dettaglio degli investimenti a copertura delle riserve derivanti dalla gestione dei fondi pensione, sia per le comunicazioni trimestrali che per quella di bilancio, segue la struttura degli allegati al Modello 3 pubblicati nel Regolamento; si precisa che i dati dell Allegato 5 al Modello 3 dovranno essere trasmessi esclusivamente in sede di bilancio. I suddetti file devono essere trasmessi all Istituto via posta elettronica all indirizzo - per le comunicazioni trimestrali, riportando nell oggetto, nell'ordine, la denominazione della compagnia, la dicitura Copertura delle riserve tecniche al e la data di riferimento della trasmissione; - per le comunicazioni relative al bilancio di esercizio; i file possono essere inviati congiuntamente a quelli previsti dal Regolamento Trasmissione dei dati sul monitoraggio degli investimenti Dalla sezione Imprese e intermediari > Controlli e Download > Download del sito ISVAP, tramite il comando Salva oggetto con nome, attivabile con il tasto destro del mouse, prelevare i file excel denominati MONINVES.xls e COMPAG.xls i suddetti file debbono essere salvati in una stessa cartella di lavoro Aprire il file excel denominato MONINVES.xls; la procedura inizia con il caricamento dell elenco delle compagnie dal file COMPAG.xls. All interno del foglio informativo, indicare la data di riferimento del monitoraggio e selezionare la Compagnia nella cella a scorrimento. Cliccando sulla denominazione della compagnia, questa verrà automaticamente riportata nella testata di ciascun foglio insieme al codice ISVAP della compagnia ed alla data indicata. Inserire i dati richiesti in migliaia di EURO. E possibile inserire i dati anche da un file in formato ASCII, secondo le indicazioni riportate nell'allegato 8. Completato l inserimento, tornare nel foglio informativo, cliccare sul bottone Controlli di validità e rimuovere gli eventuali errori riscontrati dalla procedura e segnalati nel foglio Errori_moninves generato dalla procedura di controllo. 2

3 Se non sono presenti errori cliccare sul bottone Generazione flusso da trasmettere all ISVAP. Nella cartella Documenti verrà generato il file denominato MONINVES.ccc, dove ccc è il codice compagnia. Salvare il file excel MONINVES.xls, ridenominandolo MONINccc.xls dove ccc è il codice della compagnia Preparare il messaggio da spedire all indirizzo riportando nell oggetto la denominazione della compagnia e la dicitura Monitoraggio degli investimenti finanziari dati al... comprensiva della data di di riferimento. Allegare alla sia la tabella excel che il file generato dalla procedura sopra descritta. Nel caso eccezionale in cui non sia possibile spedire il messaggio di posta elettronica, la tabella excel ed il file generato dalla procedura dovranno essere copiati su minidisco e spediti via posta prioritaria all ISVAP. 3

4 Allegato 1 TRACCIATI RECORD - Modelli 1 e 4 e relativi allegati I file che compongono la comunicazione, denominati secondo quanto indicato nel foglio "Istruzioni generali", sono articolati in un record di testa, più record di dettaglio ed un record di coda. Le imprese che esercitano sia l'assicurazione vita che quella danni trasmettono una sola serie di file contenenti i dati di entrambe le gestioni, con eccezione del file denominato ABTAAAAI.ZZZ previsto per la sola gestione vita. All interno dei file i record devono essere ordinati in senso crescente per tipologia di record (posizioni 1:3) e, quindi, per gestione (posizione 4). Nel file contenente i dati dei Modelli 1e4irecord di dettaglio devono essere altresì ordinati in base al codice voce (posizioni 5-7). I file sono strutturati secondo quanto di seguito riportato. File PATAAAAI.ZZZ (Modelli 1 e 4) record di testa: Tipo record AN 'PA1' Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento: 1, 2, 3 o 4 Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 4

5 record di dettaglio Tipo record AN valore fisso uguale a 'PA2' Gestione AN "D" danni; "V" vita Codice voce NU Indicare il codice voce prestampato nei modelli Importo NU importo in Euro o valore percentuale espresso con due cifre decimali senza indicazione della virgola (le cifre decimale devono essere riportate anche se nulle) AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: Tipo record AN PA3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" File AATAAAAI.ZZZ (allegato A ai Modelli 1 e 4) record di testa: Tipo record AN 'AA1' Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento (t) Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 5

6 record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'AA2' Gestione AN "D" danni; "V" vita Valuta AN codice valuta (Codice numerico U.I.C.) Tasso di cambio NU Per la valuta indicata al campo precedente, riportare il tasso di cambio rispetto all'euro alla chiusura dell'esercizio di riferimento utilizzato per la conversione degli importi; il valore del tasso deve essere espresso con due cifre decimali senza indicazione della virgola (le cifre decimale devono essere riportate anche se nulle) Riserve tecniche NU importo in Euro delle riserve tecniche relative alla valuta indicata alle posizioni 5-7 Attività a copertura NU importo in Euro delle attività a copertura delle riserve indicate al campo precedente AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: Tipo record AN valore fisso uguale a 'AA3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 6

7 File ABTAAAAI.ZZZ (Allegato B al Modello 1) record di testa: Tipo record AN 'AB1' Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento (t) Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'AB2' Codice sezione NU codice sezione: valori 1,2 rispettivamente per le sezioni I e II Codice contratto NU codice identificativo del contratto (numero progressivo univoco per compagnia e superiore a 0) Tasso di interesse NU tasso di interesse garantito con due cifre decimali senza virgola Riserve NU importo delle riserve tecniche in EURO Attività NU importo delle attività a copertura in EURO Durata residua NU sezione I: durata residua contrattuale in mesi interi record di coda: AN caratteri ASCII "CR" e "LF" Tipo record AN valore fisso uguale a 'AB3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 7

8 File EATAAAAI.ZZZ (dettaglio degli attivi della categoria A allegato ai Modelli 1 e 4); record di testa: Tipo record AN EA1 Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento (t) Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'EA2' Gestione AN gestione: "D" danni, "V" vita Classe AN codice della classe di attività (Allegato 4) Codice contratto NU per gli attivi riferiti a contratti allegato B: codice identificativo del contratto per gli altri attivi: zero Dati relativi all investimento a copertura Denominazione attività AN classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.1.4, A.3.1a, A.3.1b, A.3.3, A.3.4, A.4.4, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: denominazione del titolo o del fondo; classe A.1.5: denominazione del titolo sottostante; classe A.1.8: denominazione del titolo cui è riferito il rateo classe A.2: denominazione della società o ente garante per i mutui non garantiti da ipoteca 8

9 record di dettaglio (segue): Denominazione attività (segue) Codice ISIN 12 AN classi A.4.1, A.4.2: ubicazione dell'immobile (comune ed indirizzo) classe A.4.3: spazio classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.1.4, A.1.8, A.3.1a, A.3.1b, A.3.3, A.3.4, A.4.4, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: codice isin del titolo o del fondo classe A.4.1, A.4.2: codice identificativo dell immobile (lo stesso riportato nel corrispondente modulo di vigilanza allegato al bilancio d esercizio) Valuta AN classi A.1.5, A.2, A.4.3, A.4.4: codice valuta dell'investimento (Codice numerico U.I.C.) Data scadenza NU classi A.1.5, A.2: data scadenza dell'investimento (aaaammgg); Numero azioni/quote NU classi A.1.4, A.3.1a, A.3.1b, A.3.3, A.3.4, A.4.4, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: numero quote o azioni F NU classe A.1.2b: "1" se trattasi di deposito bancario con prelevamento soggetto a vincoli di tempo 0 negli altri casi classe A.2: "0" per mutui e prestiti non garantiti da ipoteche "1" per mutui e prestiti garantiti da ipoteca di primo grado classe A.4.3: "1" se l'impresa che effettua la comunicazione detiene più del 50% della società immobiliare "2" se l'impresa che effettua la comunicazione non detiene più del 50% della società immobiliare e l'impresa capogruppo del gruppo assicurativo detiene direttamento o indirettamente più del 50% della società immobiliare Codice mercato AN classi A.1.1a, A.1.2a, A.3.1a nel caso in cui lo Stato dell emittente non coincida con quello in cui ha sede il mercato regolamentato nel quale è negoziato il titolo: codice del mercato regolamentato nel quale è quotato il titolo (Allegato 6) altrimenti: spazio 9

10 record di dettaglio (segue): classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.5.2a, A.5.2b per titoli con rating: specificare i dati relativi al rating di più recente attribuzione altre classi e/o titoli senza rating: spazio Codice società AN codice della società di rating (Allegato 7) Rating AN classe di rating Data rating NU data di assegnazione del rating (aaaammgg) F NU classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.5.2a, A.5.2b per titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile): 1 altre classi e/o titoli con regimi cedolari semplici: 0 F NU classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.5.2a, A.5.2b per titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile) basati su meccanismi di determinazione indiretta del tasso variabile: 1 altre classi e/o titoli con regimi cedolari semplici: 0 Dati relativi alla controparte dell'investimento Denominazione AN classe A.1.5: denominazione controparte controparte-1 dell'operazione (banca, sim, etc) classe A.2: denominazione del mutuatario classe A.4.3: denominazione della società immobiliare Codice fiscale AN classi A.1.5, A.2, A.4.3 in caso di controparti italiane: codice fiscale della controparte dell investimento Codice Stato AN classi A.1.5, A.2, A.4.3: codice dello Stato di appartenenza della controparte (Codice numerico U.I.C.) Capitale sociale NU classi A.3.1a, A.3.1b: capitale sociale dell'impresa emittente F NU 1 nell ipotesi di cui agli artt. 21, comma 2, e 27, comma 2, del Regolamento 0 negli altri casi 10

11 record di dettaglio (segue): Denominazione controparte AN classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3 nel caso di titoli credit linked (titoli con clausola di trasferimento parziale o totale del rischio di controparte a soggetti diversi dalla società emittente): denominazione della controparte verso la quale transita il rischio Dati relativi agli importi a copertura Valore nominale NU classi A.1.1a, A.1.1b, A.1.2a, A.1.2b, A.1.3, A.1.4, A.1.5, A.3.1a, A.3.1b, A.5.1a, A.5.1b, A.5.2a, A.5.2b: valore nominale complessivo dell'investimento a copertura classi A.4.1, A.4.2: valore complessivo di bilancio dell'immobile al netto del fondo di ammortamento Importo a copertura NU importo a copertura Valore ipoteca NU classe A.4.1: valore complessivo dell'ipoteca AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: Tipo record AN valore fisso uguale a 'EA3' Numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" 11

12 Allegato 2 TRACCIATI RECORD - Modello 2 e relativo allegato I file che compongono la comunicazione, denominati secondo quanto indicato nel foglio "Istruzioni generali", sono articolati in un record di testa, più record di dettaglio ed un record di coda. All interno dei file i record devono essere ordinati in senso crescente per tipologia di record (posizioni 1:3). I file sono strutturati secondo quanto di seguito riportato. File BBTAAAAI.ZZZ (Modello 2) record di testa: Tipo record AN BB1 Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento: 1, 2, 3 o 4 Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

13 record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a BB2 Codice sezione NU Valori 1,2,3 rispettivamente per le sezioni I, II e III Codice contratto NU codice identificativo del contratto (numero progressivo univoco per compagnia e superiore a 0 ) Descrizione contratto AN Specificare i nomi dei fondi o degli indici azionari sui quali è costruito il contratto Codice fondo NU sezione II: codice identificativo del fondo interno (numero progressivo univoco per compagnia e superiore a 0 ) sezioni I e II: zero Denominazione fondo AN sezione II: denominazione del fondo interno sezioni I e II: spazio Riserve NU sezioni I, III: importo in EURO delle riserve tecniche relative al contratto sezione II: importo in EURO delle riserve tecniche relative al fondo interno Attività NU sezioni I, III: importo in EURO delle attività a copertura relative al contratto sezione II: importo in EURO delle attività a copertura relative al fondo interno AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: tipo record AN valore fisso uguale a 'BB3' numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

14 File EETAAAAI.ZZZ (dettaglio degli attivi allegato al Modello 2) record di testa: Tipo record AN EE1 Codice compagnia NU codice assegnato dall'isvap Anno NU anno a cui l'invio fa riferimento: (aaaa) Trimestre AN trimestre a cui l'invio fa riferimento: 1, 2, 3 o 4 Data produzione file NU nel formato aaaammgg Tipo comunicazione NU tipologia della comunicazione: 1 trimestrale 2 annuale (bilancio) Valuta NU valore fisso uguale a 1 (EURO) AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di dettaglio: Tipo record AN valore fisso uguale a 'EE2' Codice contratto NU codice identificativo del contratto Codice fondo interno NU sezione II: codice identificativo del fondo interno sezioni I e III: zero Tipo investimento AN codice tipologia di investimento (Allegato 5) dati relativi allo strumento finanziario Codice ISIN AN codice ISIN dello strumento finanziario Denominazione AN descrizione dello strumento finanziario; nel caso di strumenti finanziari derivati ovvero di titoli strutturati descrivere anche l attivo o l indice sottostante. Numero quote NU sezione I: numero quote dell OICR sezioni II e III: zero Codice mercato AN Nel caso in cui lo stato dell emittente non coincida con quello in cui ha sede il mercato regolamentato nel quale è negoziato il titolo: codice del mercato regolamentato nel quale è quotato il titolo (Allegato 6); spazio in caso contrario.

15 record di dettaglio (segue): nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli Codice valuta AN codice della valuta (Codice numerico UIC) Data scadenza AN data scadenza dell investimento (aaaammgg) nel caso di strumenti finanziari con rating: specificare i dati relativi al rating di più recente assegnazione Codice agenzia AN codice della agenzia di rating (Allegato 7) Rating AN classe di rating Data rating NU data di assegnazione del rating (aaaammgg) F NU titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile): 1 titoli con regimi cedolari semplici: 0 F NU titoli con regimi cedolari misti (fisso/variabile) basati su meccanismi di determinazione indiretta del tasso variabile: 1 titoli con regimi cedolari semplici: 0 dati relativi alla controparte dello strumento finanziario Codice Stato AN nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli: codice stato della controparte (Codice numerico UIC) Codice emittente AN nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli: per le emittenti italiane (codice stato=086): codice fiscale dell emittente Denominazione controparte-1 Denominazione controparte AN nel caso di strumenti finanziari non codificati nell anagrafe titoli: denominazione della controparte dell investimento AN nel caso di titoli credit linked (titoli con clausola di trasferimento parziale o tale del rischio di controparte a soggetti diversi dalla società emittente): denominazione della controparte verso la quale transita il rischio sezione relativa ai prodotti derivati: dati sull attivo sottostante Codice ISIN AN codice isin Valore nominale NU valore nominale in EURO Valuta del sottostante AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: codice della valuta (codice numerico UIC) data scadenza del sottostante NU nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: data scadenza dell'attivo sottostante (aaaammgg) Codice Stato AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: codice stato del soggetto che ha emesso l'attivo sottostante (codice numerico UIC)

16 record di dettaglio (segue): Codice emittente AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: per le emittenti italiane (codice stato= 086): codice fiscale del soggetto che ha emesso l'attivo sottostante Denominazione emittente AN nel caso di attivi non codificati nell anagrafe titoli: denominazione del soggetto che ha emesso il titolo sottostante dati relativi agli importi a copertura Importo NU importo a copertura (valore corrente) in EURO AN caratteri ASCII "CR" e "LF" record di coda: tipo record AN valore fisso uguale a 'EE3' numero record NU numero dei record di dettaglio contenuti nel file AN non utilizzato AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

17 Allegato 3 TRACCIATI RECORD - Modello 3 e relativi allegati I file che compongono la comunicazione, denominati secondo quanto indicato nel foglio "Istruzioni generali", sono strutturati come di seguito riportato. File CCTAAAAI.ZZZ (Modello 3) Per ogni riga del modello diversa da zero, registrare un record composto come segue: Codice compagnia NU Codice assegnato dall'isvap Anno NU anno cui la trasmissione fa riferimento Trimestre NU Trimestre cui la trasmissione fa riferimento; per il modello annuale indicare 9 Codice sezione NU indicare: 1 per i fondi ricompresi nella sezione I del Modello 3 2 per i fondi ricompresi nella sezione II del Modello 3 9 per la riga "TOTALE GENERALE" Tipo riga NU indicare: 0 per le righe di dettaglio che compongono le due sezioni 9 per le righe di totale sezione o totale generale Numero d'ordine del fondo Denominazione del fondo Linea di investimento - codice NU tipo riga = 0: AN NU tipo riga = 0: tipo riga = 9: zero da indicare per tipo riga = 0 riportare il numero d'ordine assegnato univocamente a ciascun fondo; tale valore deve essere mantenuto nelle successive comunicazioni indicare il numero d'ordine attribuito ad ogni linea di investimento nell'ambito di ciascun fondo; tale valore deve essere mantenuto nelle successive comunicazioni tipo riga = 9: zero

18 Linea di investimento - descrizione AN tipo riga = 0: tipo riga = 9: Riserve NU tipo riga = 0: descrizione sintetica della linea di investimento spazio riportare l'importo delle riserve relative a ciascuna linea di investimenti di ciascun fondo alla chiusura del trimestre/esercizio tipo riga = 9: riportare il totale delle riserve alla chiusura del trimestre/esercizio relative a tutti i fondi che compongono la sezione; per la riga "TOTALE GENERALE" riportare la somma dei valori indicati nelle 2 sezioni Investimenti NU tipo riga = 0: tipo riga = 9: riportare il valore degli investimenti relativi a ciascuna linea di investimento di ciascun fondo alla chiusura del trimestre/esercizio riportare il valore totale degli investimenti alla chiusura del trimestre/esercizio relative a tutti i fondi che compongono la sezione; per la riga "TOTALE GENERALE" riportare la somma dei valori indicati nelle 2 sezioni AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

19 File ECTAAAAI.ZZZ (dettaglio degli attivi allegato al Modello 3) Per ogni investimento inserito nei fondi pensione, registrare un record composto come segue (gli importi comprendono il segno): Codice compagnia 3 1 NU Codice assegnato dall'isvap (già utilizzato per la 3 trasmissione dei dati di bilancio) Anno NU anno cui la trasmissione fa riferimento Trimestre NU Trimestre cui la trasmissione fa riferimento; per il modello annuale indicare 9 Sezione NU riportare: 1 per i fondi pensione aperti (sezione I del Modello 3) 2 per i fondi pensione chiusi (sezione II del Modello 3) Numero d'ordine del fondo NU riportare il numero d'ordine del fondo in cui è inserito l'attivo; deve coincidere con quello indicato nel Modello 3 Linea di investimento - codice NU indicare il numero d'ordine della linea di investimento in cui è inserito l'attivo; deve coincidere con quello indicato nel modello 3 Codice NU 1 = azioni e quote (Allegato 1 al Modello 3) 2 = obbligazioni (Allegato 2 al Modello 3) 3 = quote di OICR (Allegato 3 al Modello 3) 4 = altre attività e passività (Allegato 4 al Modello 3) 5 = dettagio delle quote per fondo pensione e linea di investimento (Allegato 5 al modello 3; solo per Trimestre = 9) Codice AN se Codice-1 = 1: se Codice-1 = 2: se Codice-1 = 3: se Codice-1 = 4: Tipologia (cfr. nota 3 dell'all. 1 al Mod. 3) Categoria (cfr. nota 3 dell'all. 2 al Mod. 3) Tipo-1 (cfr. nota 3 dell'all. 3 al Mod. 3) Tipologia (vedasi Allegato 5) se Codice-1 = 5: spazio

20 Campo lungh. Posizione tipo VALORI DA RIPORTARE Codice AN se Codice-1 = 1: Attivita svolta (cfr. nota 4 dell'all. 1 al Mod. 3) se Codice-1 = 2 o 4: Q per i titoli negoziati in mercati regolamentati NQ per gli altri se Codice-1 = 3: Tipo-2 (cfr. nota 4 dell'all. 3 al Mod. 3) se Codice-1 = 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 1 o 2: Mercato di quotazione (cfr. Allegato 6) se Codice-1 = 4: Mercato di quotazione, se previsto per l'attività/passività (cfr. Allegato 6) se Codice-1 = 3 o 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 3: Tipo-3 (cfr. nota 5 dell'all. 3 al Mod. 3) se Codice-1 = 1, 2, 4, 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 1 o 2: Classe di rating del titolo o, in mancanza, quello dell'emittente se Codice-1 = 3, 4, 5: spazio Codice AN se Codice-1 = 1 o 2: codice della agenzia di rating (cfr. nota 7 dell'all. 1 al Mod. 3) se Codice-1 = 3, 4, 5: spazio Codice ISIN AN deve essere indicato se Codice-1 = 1, 2, 3 Descrizione AN se Codice-1 = 1, 2 o 3: Denominazione dell'investimento se Codice-1 = 4: Tipologia/descrizione dell'attività/passività se Codice-1 = 5: Descrizione in chiaro della tipologia di linea di investimento Descrizione AN se Codice-1 = 2: per le obbligazioni convertibili indicare l'azione oggetto della conversione se Codice-1 = 4: Controparte/emittente se Codice-1 = 1, 3 o 5: spazio

21 Campo lungh. Posizione tipo VALORI DA RIPORTARE Codice Stato NU se Codice-1 = 1, 2 o 3: Codice Stato dell'emittente se Codice-1 = 4: Codice Stato della controparte/emittente se Codice-1 = 5: zero Data di scadenza NU se Codice-1 = 2: data di scadenza dell'investimento (nel formato 174 AAAAMMGG) se Codice-1 = 4: data di scadenza, se prevista per l'attività/passività (nel formato AAAAMMGG) se Codice-1 = 1, 3 o 5: zero Codice valuta NU se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: riportare il codice numerico U.I.C. della valuta dell'investimento Importo NU se Codice-1 = 2 o 4: Valore nominale complessivo dell'investimento se Codice-1 = 5: Numero quote al 1 gennaio se Codice-1 = 1 o 3: zero Importo NU se Codice-1 = 1: Numero azioni e quote (Quantità) se Codice-1 = 2 o 4: Valore corrente - unitario se Codice-1 = 3: Numero quote (Quantità) se Codice-1 = 5: Numero quote emesse Importo NU se Codice-1 = 1 o 3: Valore corrente - importo se Codice-1 = 2: Valore corrente - complessivo se Codice-1 = 4: Valore corrente - complessivo; le passività debbono essere riportate con il segno negativo se Codice-1 = 5: Numero quote eliminate Importo NU se Codice-1 = 5: Numero quote al 31 dicembre se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero Importo NU se Codice-1 = 5: Valore unitario della quota al 31 dicembre se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero Importo NU se Codice-1 = 5: Attivo netto destinato alle prestazioni se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero Importo NU se Codice-1 = 5: Riserva addizionale se Codice-1 = 1, 2, 3 o 4: zero AN caratteri ASCII "CR" e "LF"

22 Codici da utilizzare per la classificazione degli attivi ricompresi nell'elenco di dettaglio allegato ai Modelli 1 e 4 Allegato 4 Identificativo attività (come da modello) Codice classe A.1.1a 1 A.1.1b 2 A.1.2a 3 A.1.2b 4 A A A A A.2 11 A.3.1a 12 A.3.1b 13 A A A A A A A.5.1a 22 A.5.1b 23 A.5.2a 24 A.5.2b 25

MODELLO 3 PROSPETTO TRIMESTRALE DEGLI INVESTIMENTI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI FONDI PENSIONE DI CUI ALLA CLASSE "D.II" DELLO STATO PATRIMONIALE

MODELLO 3 PROSPETTO TRIMESTRALE DEGLI INVESTIMENTI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI FONDI PENSIONE DI CUI ALLA CLASSE D.II DELLO STATO PATRIMONIALE MODELLO 3 Società PROSPETTO TRIMESTRALE DEGLI INVESTIMENTI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI FONDI PENSIONE DI CUI ALLA CLASSE "D.II" DELLO STATO PATRIMONIALE Esercizio (valori in euro) SEZIONE I - Fondi pensione

Dettagli

MODELLO 3 PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEGLI INVESTIMENTI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI FONDI PENSIONE DI CUI ALLA CLASSE "D.II" DELLO STATO PATRIMONIALE

MODELLO 3 PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEGLI INVESTIMENTI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI FONDI PENSIONE DI CUI ALLA CLASSE D.II DELLO STATO PATRIMONIALE MODELLO 3 Società PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEGLI INVESTIMENTI DERIVANTI DALLA GESTIONE DEI FONDI PENSIONE DI CUI ALLA CLASSE "D.II" DELLO STATO PATRIMONIALE Esercizio SEZIONE I - Fondi pensione aperti Alla

Dettagli

19 08-000865 Alle Imprese di Assicurazione e Riassicurazione LORO SEDI

19 08-000865 Alle Imprese di Assicurazione e Riassicurazione LORO SEDI SERVIZIO VIGILANZA ASSICURATIVA I E II Roma 20 febbraio 2008 Prot. n. All.ti n. 19 08-000865 Alle Imprese di Assicurazione e Riassicurazione LORO SEDI Alle Alle Rappresentanze Generali per l Italia delle

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO GIUGNO 2012 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI (EXECUTION AND TRANSMISSION POLICIES) (Artt.46 e 48 Reg. Consob n.16190 - Versione 4 del 31 Luglio 2012)

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI (EXECUTION AND TRANSMISSION POLICIES) (Artt.46 e 48 Reg. Consob n.16190 - Versione 4 del 31 Luglio 2012) STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI (EXECUTION AND TRANSMISSION POLICIES) (Artt.46 e 48 Reg. Consob n.16190 - Versione 4 del 31 Luglio 2012) INDICE PREMESSA... 1 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 1

Dettagli

07-13-000028 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia LORO SEDI

07-13-000028 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA Roma 31 gennaio 2013 Prot. n. All.ti n. 7 07-13-000028 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia

Dettagli

Per quanto riguarda il contenuto dei campi, devono essere osservate le seguenti specifiche:

Per quanto riguarda il contenuto dei campi, devono essere osservate le seguenti specifiche: Allegato 2 Caratteristiche tecniche. Le imprese di assicurazione devono predisporre i supporti magnetici contenenti le informazioni da inoltrare secondo le specifiche tecniche di seguito esposte al seguente

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

1.- Premessa. Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, la Banca di Credito Peloritano S.p.A. fornisce le seguenti informazioni.

1.- Premessa. Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, la Banca di Credito Peloritano S.p.A. fornisce le seguenti informazioni. strategia di trasmissione degli ordini della Banca di Credito Peloritano S.p.A. Edizione 07/2012 Adottata ai sensi della Delibera CONSOB n. 16190 del 29/10/2007 1.- Premessa La Direttiva dell Unione Europea

Dettagli

07-12-000116 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia LORO SEDI

07-12-000116 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI Roma 2 maggio 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000116 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia LORO SEDI Alle

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 1. L ottenimento del miglior risultato possibile nell esecuzione degli ordini del cliente: la Best Execution La normativa europea

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 22 DEL 4 APRILE 2008. Allegato 3:

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 22 DEL 4 APRILE 2008. Allegato 3: ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 22 DEL 4 APRILE 2008 Allegato 3: Elenco informazioni di vigilanza relative al bilancio di esercizio Modulo

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI 2 1. Introduzione In applicazione alla vigente normativa 1 Banca delle Marche ( la Banca ) ha adottato la presente strategia

Dettagli

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA

INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA SERVIZIO RILEVAZIONI STATISTICHE (839) Direzione Classificazione IX 5 1 INTERNATIONAL SECURITIES IDENTIFICATION NUMBER(ISIN) CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI CODIFICA 2 Pag. 1/8 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

FONDI PENSIONE PREESISTENTI ISTRUZIONI DI COMPILAZIONE DEI MODULI PER LA SEGNALAZIONE DEI DATI PER L ANNO 2013

FONDI PENSIONE PREESISTENTI ISTRUZIONI DI COMPILAZIONE DEI MODULI PER LA SEGNALAZIONE DEI DATI PER L ANNO 2013 FONDI PENSIONE PREESISTENTI ISTRUZIONI DI COMPILAZIONE DEI MODULI PER LA SEGNALAZIONE DEI DATI PER L ANNO 2013 I moduli che compongono la segnalazione sono organizzati in un unico file Excel, denominato:

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED. Roma, 28 febbraio 2007

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED. Roma, 28 febbraio 2007 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE E DI ATTIVI SOTTOSTANTI I CONTRATTI UNIT LINKED RELAZIONE DI PRESENTAZIONE PER LA PUBBLICA CONSULTAZIONE Roma, 28 febbraio 2007

Dettagli

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Aggiornamento della Comunicazione n. DME/8005271 del 21 gennaio 2008 contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Consob n. 16191/2007

Dettagli

e, p.c. 1. Abbreviazione dei termini per la trasmissione dei dati statistici all Autorità.

e, p.c. 1. Abbreviazione dei termini per la trasmissione dei dati statistici all Autorità. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 25 marzo 2010 Prot. n. All.ti n. 36-10-000014 vari Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali Dexia Crediop SpA Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali 11 91 316 municipalities in the EU in 2008 80% of municipalities in

Dettagli

PROSPETTO ANALITICO DELLE PLUSVALENZE LATENTI E DELLE MINUSVALENZE LATENTI RISULTANTI DALLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL'IMPRESA

PROSPETTO ANALITICO DELLE PLUSVALENZE LATENTI E DELLE MINUSVALENZE LATENTI RISULTANTI DALLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL'IMPRESA Allegato VI Società. PROSPETTO ANALITICO DELLE PLUSVALENZE LATENTI E DELLE MINUSVALENZE LATENTI RISULTANTI DALLA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELL'IMPRESA Società Dettaglio dei terreni e fabbricati (voce

Dettagli

Strategia d esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia d esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari 1. Introduzione Strategia d esecuzione e degli su strumenti finanziari In applicazione alla vigente normativa 1 Banca delle Marche S.p.A. in amministrazione straordinaria ( la Banca ) ha adottato la presente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

SPESOMETRO CASI PARTICOLARI / DEGLI DI NOTA

SPESOMETRO CASI PARTICOLARI / DEGLI DI NOTA 1) Fatture Cointestate : SPESOMETRO CASI PARTICOLARI / DEGLI DI NOTA Nelle istruzioni ministeriali del modello polivalente è riportato: "Fatture cointestate Le operazioni documentate da fatture cointestate

Dettagli

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli

Dettagli

SAXO BANK PROFILO ACTIVE Prezzi e Condizioni, validi a partire dal 7 dicembre 2015.

SAXO BANK PROFILO ACTIVE Prezzi e Condizioni, validi a partire dal 7 dicembre 2015. Prezzi disponibili per i trader che realizzano più di 100 operazioni al mese su Azioni, su Azioni, ETF e ETC. AZIONI & ETF SOGLIA MINIMA COMMISSIONI MERCATI PRINCIPALI COMMISSIONE FISSA (VOLUME DI TRADING)

Dettagli

Banca Mediocredito Basket Telecomunicazioni 2005 callable info@tradinglab.com

Banca Mediocredito Basket Telecomunicazioni 2005 callable info@tradinglab.com Banca Mediocredito Basket Telecomunicazioni 2005 callable info@tradinglab.com Termini dell emissione Isin code IT0001429775 Taglio minimo 1.000 euro Prezzo di Alla pari emissione Data di godimento 2 Marzo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2010/ 174173 Modifiche ed integrazioni tecniche alle modalità e termini di comunicazione dei dati all Anagrafe Tributaria da parte degli operatori finanziari di cui all art. 7, sesto comma, del decreto

Dettagli

BILANCIO 2010 ARAG ITALIA Pagina 125. Bilancio di esercizio 2010. Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità

BILANCIO 2010 ARAG ITALIA Pagina 125. Bilancio di esercizio 2010. Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità BILANCIO 2010 ARAG ITALIA Pagina 125 Bilancio di esercizio 2010 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità Pagina 126 BILANCIO 2010 ARAG ITALIA BILANCIO 2010 ARAG ITALIA Pagina 127 Allegato II Società

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. N. 2008/5838 Approvazione del modello di comunicazione annuale dati IVA con le relative istruzioni, delle caratteristiche tecniche per la stampa e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica

Dettagli

1. AVVERTENZE GENERALI

1. AVVERTENZE GENERALI ALLEGATO B Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Dichiarazione di inizio e variazione dati Soggetti diversi dalle persone fisiche (Modello AA7/10) Allegato B CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

Documento di Informazione Annuale. Anno 2011. Ai sensi dell art. 54 della Delibera Consob n. 11971/99 (Regolamento Emittenti)

Documento di Informazione Annuale. Anno 2011. Ai sensi dell art. 54 della Delibera Consob n. 11971/99 (Regolamento Emittenti) Documento di Informazione Annuale Anno 2011 Ai sensi dell art. 54 della Delibera Consob n. 11971/99 (Regolamento Emittenti) DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE Ai sensi dell art. 54 Delibera Consob n. 11971/99

Dettagli

NORME GENERALI RELATIVE AGLI ADEMPIMENTI E ALLA TRASMISSIONE DEL PIANO DELLE CESSIONI

NORME GENERALI RELATIVE AGLI ADEMPIMENTI E ALLA TRASMISSIONE DEL PIANO DELLE CESSIONI Allegato 1 della circolare 574D NORME GENERALI RELATIVE AGLI ADEMPIMENTI E ALLA TRASMISSIONE DEL PIANO DELLE CESSIONI 1. PREMESSA Il presente documento contiene le disposizioni per la trasmissione informatica

Dettagli

AVVISO n.5222 18 Marzo 2008

AVVISO n.5222 18 Marzo 2008 AVVISO n.5222 18 Marzo 28 SeDeX PLAIN VANILLA Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : BANCA dell'avviso Oggetto : Inizio Negoziazione Covered Warrant plain vanilla su Indici " S.p.A"

Dettagli

BILANCIO 2007 ARAG ITALIA PAGINA 97

BILANCIO 2007 ARAG ITALIA PAGINA 97 BILANCIO 27 ARAG ITALIA PAGINA 97 Allegato n. 2 al provvedimento ISVAP n. 2322 del 6 dicembre 24 Società ARAG Assicurazioni S.p.A. PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ' (Art. 72, comma 2,

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE ATTIVITA' ASSEGNATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI AGLI ARTT. 24 E 30, COMMA 4, DEL D. LGS.

PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE ATTIVITA' ASSEGNATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI AGLI ARTT. 24 E 30, COMMA 4, DEL D. LGS. MODELLO 1 Società PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE ATTIVITA' ASSEGNATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI AGLI ARTT. 24 E 30, COMMA 4, DEL D. LGS. 174/95 Esercizio (valori in euro) Consistenza alla

Dettagli

Osservatorio sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 2010

Osservatorio sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 2010 Osservatorio sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 21 ASSOFIN VIA ENRICO TOTI, 4-2123 MILANO TEL. 2 865437 r.a. - FAX 2 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it LA COMPOSIZIONE DEL

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Primo della Camera dei deputati L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Gli indicatori dell agenda digitale europea La posizione

Dettagli

Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA N. 2011/185905 Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel

Dettagli

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per il modello di Comunicazione Polivalente

ALLEGATO A. Specifiche tecniche per il modello di Comunicazione Polivalente ALLEGATO A Specifiche tecniche per il modello di Comunicazione Polivalente INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI... 3 2. CONTENUTO DEL FILE... 3 2.1 GENERALITÀ... 3 2.2 LA SEQUENZA DEI RECORD... 4 2.3 LIMITI DELLE

Dettagli

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2003 Semplificato

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2003 Semplificato Allegato A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2003 Semplificato Allegato A CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI DELLE DICHIARAZIONI MODELLO 770/2003 SEMPLIFICATO DA

Dettagli

ETFplus il mercato italiano degli ETF

ETFplus il mercato italiano degli ETF ETFplus il mercato italiano degli ETF Silvia Bosoni Borsa Italiana Rimini, 19 maggio 2011 Indice degli argomenti 1. Evoluzione e struttura del mercato italiano degli ETF 2. Overview del mercato ETFplus:

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale

Pietro Boni - Pietro Ghigini - Clara Robecchi. Telepass 4.2 - Istituti tecnici. Compensi agli amministratori: aspetto previdenziale MODULO G Le società di persone MODULO H Le società di capitali e le cooperative LEZIONE 83 LEZIONE 88 LEZIONE 93 LEZIONE 107 L utile d esercizio e la sua destinazione pag. 14 Il trattamento fiscale delle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

Obbligazione a tasso fisso con cedole annuali crescenti e rimborso del capitale a scadenza (100%) CODICE ISIN XS0372734227 - Serie LV2008-9

Obbligazione a tasso fisso con cedole annuali crescenti e rimborso del capitale a scadenza (100%) CODICE ISIN XS0372734227 - Serie LV2008-9 PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CREDIT SUISSE FIXED RATE STEP-UP INTEREST RATE NOTES DUE 18/07/2014 emesso da Credit Suisse acting through its London Branch Obbligazione a tasso fisso con cedole annuali crescenti

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 da parte degli intermediari

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 da parte degli intermediari Specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei Modelli F24 da parte degli intermediari 1. AVVERTENZE GENERALI Gli intermediari abilitati ai servizi telematici Entratel che compilano il modello

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n.

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. ALLEGATO A Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) 1 Il presente documento fornisce le istruzioni per la compilazione

Dettagli

Parte A. Allegato 2 Parte A

Parte A. Allegato 2 Parte A Parte A Specifiche tecniche per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. AVVERTENZE GENERALI... 3 3. CONTENUTO

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 IMPOSTA SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO CONTRIBUTO SSN SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 IMPOSTA SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO CONTRIBUTO SSN SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO IMPOSTA SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO CONTRIBUTO SSN SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO IMPOSTA E CSSN SUI PREMI DELLE ASSICURAZIONI RC AUTO PAG. 2 DI 13 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA

Dettagli

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi

MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE Principali variazioni apportate agli schemi (Allegato alla Circolare 5879 del 18 settembre 2014) Variazioni formalmente sottoposte

Dettagli

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7

Investi con Me - Obbligazionario Flessibile Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi agli interessi passivi per contratti di mutuo IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi agli interessi passivi per contratti di mutuo IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 160358/2014 Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi agli interessi passivi per contratti di mutuo IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

1. AVVERTENZE GENERALI

1. AVVERTENZE GENERALI ALLEGATO B Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della Comunicazione per i Regimi di Tonnage Tax, Consolidato e Trasparenza e per l opzione IRAP Allegato B CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

ALLEGATO C. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello INTRA 13

ALLEGATO C. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello INTRA 13 ALLEGATO C Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello INTRA 13 INDICE 1. AVVERTENZE GENERALI...3 2. CONTENUTO DELLA FORNITURA...3 2.1 GENERALITÀ... 3 2.2 LA SEQUENZA DEI RECORD... 3 2.3

Dettagli

REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI INVESTIMENTI E DI ATTIVI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI AGLI ARTICOLI 38, COMMA 2, 39, COMMA 3, 40,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del provvedimento, Dispone: PROT. R.U. 2013/121812 Disposizioni di attuazione dell articolo 23, comma 41, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98. Comunicazione da parte degli operatori finanziari richiamati dall articolo 7, sesto

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

FULL OPTION Ed. 2009

FULL OPTION Ed. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION Ed. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Option Trend a premio unico (Mod. VM2SSISOT137-0414 ed. 04/2014)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI Art. 1 Costituzione e denominazione dei Fondi Interni. La Compagnia istituisce 2 Fondi Mobiliari Interni denominati: Cattolica Previdenza Bilanciato; Cattolica Previdenza

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Modifiche alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati relativi ai modelli F24 DIRETTORE DELL AGENZIA

Modifiche alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati relativi ai modelli F24 DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2010/141895 Modifiche alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati relativi ai modelli F24 DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

Scheda condizioni economiche

Scheda condizioni economiche Scheda condizioni economiche Il presente documento costituisce parte integrante delle Condizioni generali che regolano il contratto per la prestazione dei servizi e delle attività di investimento e del

Dettagli

Osservatorio ETF. Secondo trimestre 2014 aprile giugno

Osservatorio ETF. Secondo trimestre 2014 aprile giugno Osservatorio Secondo trimestre aprile giugno Contenuti plus Novità del trimestre pag. 3 Nuovi strumenti sul mercato italiano pag. 4 Andamento degli scambi pag. 5 Liquidità Spread pag. 6 Patrimonio investito

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Oggetto: Indagine statistica riferita all assicurazione di responsabilità civile autoveicoli.

Oggetto: Indagine statistica riferita all assicurazione di responsabilità civile autoveicoli. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 24 febbraio 2010 Prot. n. All.ti n. 36-10-000012 6 Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c.auto con sede legale in Italia LORO SEDI Alle

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEGLI UTENTI Roma 03/08/2010

SERVIZIO TUTELA DEGLI UTENTI Roma 03/08/2010 SERVIZIO TUTELA DEGLI UTENTI Roma 03/08/2010 Prot. n. All.ti n. 09-10-011278 1 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese di assicurazione con sede legale in uno Stato

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2015 Semplificato

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2015 Semplificato Allegato A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2015 Semplificato Specifiche tecniche modello 770 semplificato 2015 Allegato A CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI DELLE

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015)

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015) MANUALE UTENTE contenente le specifiche tecniche necessarie per la trasmissione delle negoziazioni dei cambiavalute art. 5, comma 1, della circolare n. 24/15 (Aggiornamento 08 ottobre 2015) OAM Organismo

Dettagli

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione MANUALE DELLE SEGNALAZIONI STATISTICHE E DI VIGILANZA DEI FONDI PENSIONE SCHEMI DI SEGNALAZIONE E ISTRUZIONI DI COMPILAZIONE (Circolare n. 250 dell 11 gennaio

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Strategia d esecuzione e trasmissione degli ordini 1. Introduzione la Banca Strategia best execution best execution Strategia Strategia

Strategia d esecuzione e trasmissione degli ordini 1. Introduzione la Banca Strategia best execution best execution Strategia Strategia Strategia d esecuzione e degli ordini 1. Introduzione In applicazione alla vigente normativa 1 S.p.. ( la Banca ) ha adottato la presente strategia di esecuzione e degli ordini su strumenti finanziari

Dettagli

PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS. Market Connect

PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS. Market Connect PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS Market Connect Market Connect nasce con un intento: avere una finestra sempre aperta sui mercati italiani ed esteri e offrire così una panoramica ampia e dettagliata sulla

Dettagli

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2010 Semplificato

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2010 Semplificato Allegato A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello 770/2010 Semplificato Specifiche tecniche modello 770 semplificato 2010 Allegato A CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI DELLE

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SONDRIO

BANCA POPOLARE DI SONDRIO Condizioni Definitive Obbligazioni Tasso Variabile BANCA POPOLARE DI SONDRIO Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi

Dettagli

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello Comunicazione Dati Albo dei Caf

Allegato A. Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello Comunicazione Dati Albo dei Caf Allegato A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica Modello Comunicazione Dati Albo dei Caf Allegato A CONTENUTO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI DATI RELATIVI ALLE COMUNICAZIONI DATI ALBO DEI

Dettagli