L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'"

Transcript

1 L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA' Quinto incontro della Scuola per Genitori prof.sa Maria Rita Parsi giovedì , aula magna Itis E. Barsanti, Castelfranco Veneto Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. Il segreto del coraggio è la disciplina. Con queste parole ha aperto il suo appassionato intervento Maria Rita Parsi, psicologa, psicoterapeuta, scrittrice, fondatrice del Movimento Bambino nato per la diffusione del pensiero e dell'arte dei bambini contro gli abusi e i maltrattamenti, e per la tutela giuridica, sociale, culturale dei ragazzi. Fa parte dei professionisti della Scuola per Genitori, con la direzione scientifica del prof. Paolo Crepet, fin dall'origine, credendo fortemente alla necessità di sostenere i genitori nel difficile e bellissimo compito educativo. A Castelfranco, questa volta, ha affrontato un tema, l'importanza delle regole per crescere i figli, rispondendo a numerose domande su quali norme dare, come proporle e farle rispettare, in che misura e in che contesto. PREMESSA Vi parlerò questa sera di un argomento molto impegnativo, approcciandolo con il metodo della ricerca scientifica: vale a dire attraverso l osservazione (e l ascolto), la raccolta di informazioni, la loro decodifica, la formulazione delle ipotesi e poi la verifica conclusiva. Penso infatti che sia un approccio validissimo anche per tutte le questioni che riguardano l'educazione. La domanda da cui partiamo è: come dobbiamo comportarci in famiglia rispetto alle regole? Come vanno collocate, in quale orizzonte di riferimento le inseriamo tra le mura delle nostre case? Condividiamo tutti il fatto che non possano essere calate dall'alto, improvvisamente, sui figli e che esse rappresentano piuttosto il risultato del nostro ascolto e della nostra osservazione che si sono trasformati in pensiero. Tanti genitori si/mi chiedono: Perché i nostri figli trasgrediscono? Perché sono così indisciplinati?. A tratti sconsolati, altre volte seccati domandando: Perché non riusciamo a farle rispettare, queste benedette regole?. La mia prima risposta, se volete elementare, è che le norme calate dall alto non servono, perché non sono condivise e trasgredirle da parte dei ragazzi sarà proprio un piacere, un dispetto ben riuscito verso i genitori. Dico, innanzitutto, che dobbiamo piuttosto partire da una riflessione seria sulla nostra vita in casa, sui nostri comportamenti, sul nostro stile di relazione e, poi, stabilire delle norme. Cioè innanzitutto osservarci e chiederci: come vivo la mia vita di coppia? Come sto nella mia casa? Che rapporto ho con i miei figli (tutti i miei figli, anche i più piccoli)? E tra di loro, i figli, che relazioni hanno? Poi, in un secondo momento, dopo aver ben osservato il microcosmo in cui sono inserito, stabilire cosa è bene regolamentare.

2 LE REGOLE SUL TEMPO Il primo ambito del nostro discorso sulle norme riguarda senza ombra di dubbio il tempo: quali sono gli orari della colazione, del pranzo e della cena; a che ora si va a letto; a che ora ci si alza; quanto tempo si gioca, quanto si lavora, quanto si studia; a che ora si rientra a casa dal lavoro o dalla scuola; quando si sta insieme... Domandatevi: come viene gestito il tempo all interno del vostro microcosmo familiare? Quanti impegni e quanti appuntamenti hanno i vostri figli, specie al pomeriggio? Chi li accompagna? Chi sta con loro? Vi consiglio di usare proprio una agenda familiare (così la chiamiamo nel libro Onora il figlio e la figlia), in cui segnare i tempi della vostra famiglia, sia quelli condivisi che quelli di ciascuno dei membri: la moglie, il marito, i figli... Così, oltretutto, sarete anche costantemente aggiornati sugli impegni e sugli spostamenti di ognuno. Il rispetto dei tempi è essenziale. LE REGOLE SUGLI SPAZI In secondo luogo, in casa sono fondamentali le regole sulla gestione degli spazi. Quante volte avrete detto Questa casa non è un albergo!, riferendovi alla mancanza del rispetto delle norme che vigilano sull'ordine degli ambienti e sugli orari di uscita e rientro. In ogni casa c'è una stanza per i genitori, una per i figli, dei luoghi comuni della socialità... e tutti questi spazi hanno delle regole. La loro definizione è fondamentale e la mancanza di organizzazione produce dei conflitti enormi. Immaginate se in una camera c'è una figlia che studia, poi entra il fratellino più piccolo di cui magari è anche gelosa! - ed invade questo spazio di silenzio e concentrazione, cercando giocattoli, facendo confusione... Gli spazi di una casa sono frutto di accordi e di negoziazioni ma devono essere chiaramente definiti. E una decisione che, in fondo, spetta a voi, e che voi dovete assolutamente prendere perché non è prescindibile. Pena il caos. E nella gestione degli ambienti, la televisione va messa in sala, non può stare in camera, né in quella dei genitori, né tantomeno in quella dei figli. Sul comodino mettete dei libri, non un monitor di TV o pc... E, se possibile, prendete sonno leggendo, non con la televisione accesa. C'è una ragione molto semplice per non lasciare che i vostri figli si addormentino guardando immagini in televisione: perché esse sono fortemente invasive nell immaginario dei bambini che restano prigionieri di quanto visto e rischiano di compromettere il sonno e il riposo. Gli incubi notturni nascono spesso da immagini paurose legate nella mente. Tutti questi elettrodomestici virtuali (la televisione, il computer, internet...) vanno collocati assolutamente in sala, nei posti dove si socializza e possono essere usati insieme. I bambini e i ragazzi non vanno lasciati, a lungo, soli davanti a facebook. Tenete anche conto che i nostri figli sono bravissimi con le tecnologie e dunque le sanno usare e sanno passare dall una all altra senza alcuna difficoltà. In televisione e su internet, poi, trovano e guardano di tutto, anche immagini pericolose, violente,

3 gravi da gestire per la loro età. Non sto pensando in questo momento alla pornografia che, permettetemi di dirlo, è più che altro penosa, ma fa danni limitati; piuttosto ho in mente video di torture (su animali o su persone), scene di orrore tratte dalla guerra, dagli incidenti... violenze terribili e non accettabili per i bambini. Piuttosto delle voci e delle immagini, arredate la vostra casa con la musica specie quella classica, che fa bene al cervello, allenta lo stress. La televisione sempre accesa può vomitare immagini feroci, scioccanti, che i figli assorbono come spugne. Inoltre, in casa, ciascuno deve avere il suo spazio, anche piccolo, ma suo ; il contenitore dei giochi, il luogo dove studiare... ma non gli elettrodomestici virtuali. E questi spazi vanno arredati, a seconda di chi li vive. I bambini devono avere la possibilità di scegliere come organizzare la propria camera ed anche avere il compito di tenerla in ordine. Ricordate sempre che le stanze appartengono a chi le abita. Ogni camera ha i suoi oggetti, è arredata dalle persone che la vivono e va mantenuto il rispetto degli spazi di intimità di ciascuno. Forse immaginate quante liti ci sono in famiglia, specie con i ragazzi adolescenti, perchè i genitori mettono le mani nelle stanze dei figli. Ricordo di una ragazzina, partita per la gita scolastica, che al ritorno a casa aveva trovato la sua camera completamente ripulita, riorganizzata da una madre che, a suo giudizio, non solo aveva toccato dove non doveva, ma anche aveva risistemato senza rispettare il gusto, le esigenze, l'espressione della figlia. Io dico che le stanze è buona norma sistemarle insieme o, al limite, aiutare i propri figli a rimettere ordine. Ma non sostituirsi a loro, mai. Invece le stanze della socialità sono di tutti e vanno organizzate rispettosamente, con l'accordo di chi le vive. LE REGOLE SULLE TECNOLOGIE Facciamo un ulteriore passaggio: i nostri ragazzi si confrontano quotidianamente con internet. Lo sanno usare proprio bene questo strumento, e ciò non significa tanto navigare tra i siti, magari scaricare film o musica... loro sanno scrivere un blog, aprire un profilo su facebook, aggirare una password, collegarsi con windows life, dialogare su skype, avere una posta elettronica... Chi dei presenti potrebbe fare le medesime cose? I vostri figli sono molto bravi in questo ambito, sono nativi digitali, per cui voi dovrete imparare a conoscere le tecnologie, non solo quelle che servono per tenersi informati, cercare notizie, ma soprattutto quelle che coinvolgono le relazioni virtuali: facebook, twitter, le chat, i blog, i forum... perché lì stanno i ragazzi, oggi. Mettetevi nelle condizioni di essere più bravi di loro perché, per poterli controllare, dovete poter capire cosa gli sta accadendo, insomma, dovete conoscere questo mondo con cui, vi piaccia o no, loro si confrontano ogni giorno. E abbiate coscienza che nel virtuale si celano anche tantissimi pericoli: il furto d'identità per

4 esempio il cyberbullismo... Può succedere che le persone si mettono in contatto su internet, senza in realtà sapere veramente chi sta dietro ad un profilo, ad un nome. Magari un tale ruba la mia identità, apre un forum online e scrive cose che non mi corrispondono. Oppure, in classe, una ragazzina è presa di mira dalle compagne e in internet vengono pubblicate sue foto, oppure ingiurie contro di lei Può anche succedere che gli adolescenti su facebook si conoscano, scambino informazioni, sui blog scrivano come su un diario privato (solo alla mercè di chiunque), concedano l'amicizia a chi credono di conoscere (e magari invece sono adulti nascosti in profili di ragazzini...), aprano un dialogo, si raccontino. Poi magari inseriscano anche delle fotografie, più o meno in pose ammiccanti, dettaglino, senza pensarci troppo, i luoghi che frequentano e gli orari, descrivano le proprie giornate, raccontino della scuola o della palestra... e cosa ci mette una persona a rintracciarli? Espongono nella piazza virtuale le loro vite, per cui sono facilmente agganciabili, sia perché si conoscono i posti in cui trovarli, sia perché si possono definire i loro gusti, i loro interessi... Capite la pericolosità. Dunque io dico: dovete dare delle regole per gestire questi nuovi mezzi di comunicazione di massa e la tecnologia virtuale. Vi racconto di una recente ricerca intitolata: Quanto ti vuoi bene? realizzata di recente da Dove, Microsoft e Futuro al Femminile con il coordinamento della Fondazione Movimento Bambino. Sono stati intervistati ragazzi tra i 9 e i 16 anni con numerose domande sul cibo (quanto mangi? Ogni quanto ti pesi? Qual è il rapporto con il tuo corpo?), sullo specchio (e dunque sulla percezione della propria immagine e di se stessi), sugli abiti (di fatto sullo shopping), sulla lettura (dove è emerso che i bambini tra i 9 e gli 11 anni leggono, dai 12 in poi non lo fanno più). Bene, in merito al virtuale è emerso che: il 92,6% ha internet a casa; il 94% ha una ; l'86,4% sostiene che i genitori non sanno della mail dei figli. E' un dato preoccupante, gravissimo. Per cui a tutti i genitori che hanno internet in casa io dico che dovete: 1. saperlo usare meglio dei vostri figli 2. mettere il pc e la connessione in un posto dove potete controllare 3. non lasciare la televisione in camera, ma se proprio si trova lì, almeno i bambini non devono poter accedere a tutti i canali ma solo alla home video ed eventualmente alla videocassette 4. accertarvi se hanno un account 5. condividere il loro interesse per facebook e i blog 6. pretendere di essere informati dai ragazzi su chi frequentano, con quali persone chattano on line, chi incontrano nel mondo reale dopo aver avuto contatti virtuali... REGOLE CON GLI ANIMALI Sono tra quelle che preferisco.

5 E' fondamentale avere un animale in casa, se i vostri figli ve lo chiedono prendetelo. Mettete pure in conto che se ne disinteresseranno, che nonostante tutte le promesse sull'occuparsene, le dichiarazioni di impegno e i ti prometto, ti assicuro, alla fine toccherà a voi seguire anche l'animale. Però sappiate che per i vostri figli sarà importante perchè loro osservano come i genitori se ne curano, più ancora di come guardano alle attenzioni del papà o della mamma per i fratelli e le sorelle: vedono negli animali loro stessi senza parole. Pensate alle favole che tanto affascinano da sempre i nostri ragazzi, li incantano; gli animali li rappresentano, specie nelle loro emozioni. Certo, avrete l'onere di gestirli, questi animali, indubbiamente è un impegno: però potete lavorare molto per condividere le responsabilità nella cura del cane, del gatto... Vi assicuro che, in qualsiasi caso, avrete benefici enormi. Maria Montessori lo specificava proprio bene: coinvolgete i bambini in ogni operazione che ha a che fare con ciò di cui si sono assunti una responsabilità, per esempio la gestione di un animale, vedrete quanto potrà esservi utile per la crescita e il benessere dei vostri figli. La presa in carico di un animale richiede proprio quell'attenzione di cura che può divenire una lezione vitale per loro. Per inciso, le fiabe, a differenza delle favole, hanno di norma personaggi mitici come principesse, folletti, sirene, maghi... figure archetipiche, portatrici di chiari messaggi e valori. E mentre le favole hanno tutte, in conclusione, una morale, le fiabe in sé non è detto (ci sono assassini, avvelenamenti...). Piuttosto terminano sempre con l'idea che giustizia è fatta. Il protocollo con cui si sviluppano è normalmente ben chiaro: il protagonista, di solito, all'inizio, si trova in una situazione molto difficile, terribile, problematica (tra l'altro, di frequente, è un adolescente). Durante il suo percorso affronta degli antagonisti che sono le minacce, le paure, le ansie e con l'aiuto di persone buone, folletti, gnomi, riesce a ottenere successo e giustizia. Se pensate, le favole terminano sempre con... e vissero tutti felici e contenti. REGOLE PER IL GIOCO E PER LO STUDIO Ci sono poi le regole che riguardano il gioco, lo svago, il divertimento e quelle dello studio, del lavoro, dell'impegno. Anche qui, vi prego di non dimenticare mai, per prima cosa, il diritto dei bambini a giocare. A volte hanno talmente tante cose da fare, la scuola è molto impegnativa, complessa, richiede tante energie e loro giocano poco. Immaginate quanto può essere difficile l'ambiente scolastico per loro, dove si confrontano con altri adulti, simpatici o meno, con regole molto precise, dove contano i risultati. Dovete dunque lasciare un tempo ai vostri figli per giocare, metterli nelle condizioni di farlo. Ne trarranno un indubbio beneficio per tutta la vita. Ed anche qui: Quanti giochi si devono comprare?. POCHI. E gli acquisti di giochi devono essere REGOLAMENTATI (in particolari occasioni, preferibilmente non collegate a voti o successi scolastici, ma soprattutto a piaceri ). Da questo punto di vista vi consiglio di fare delle cose belle, in famiglia, tutti insieme, ogni mese e

6 più volte al mese: acquistate un dono, leggete un libro, uscite all'aria aperta e giocate con i vostri figli. Giocare è fondamentale: con l'aria, l'acqua, la terra, il fuoco. Certo, al gioco va dato un tempo, fissatelo insieme, genitori e figli. E poi dettate degli orari che vanno rispettati. Non permettete di trasgredirli, dovete essere fermi. Con la playstation puoi giocare il tempo concordato e basta. Non si discute. Specie poi a fine giornata: un ragazzino fino a 11 anni non può andare a letto dopo le 22; perché, al mattino, possa svegliarsi presto, anche alle 7. In questo modo sarà riposato e voi potrete avere il tempo di prepararlo bene alla scuola, fare colazione assieme... E dunque, in ultima analisi, aiutarlo ad accogliere la nuova giornata e soprattutto il distacco da voi. Per dormire la regola dovrebbe essere: al massimo alle 22 per chi frequenta la scuola dell'infanzia e primaria; al massimo le per chi va alle medie (ed è già tardi!). Tenete conto che le nostre scuole li impegnano davvero tanto, sono difficili, per cui i ragazzi hanno proprio bisogno di riposo, anche di quello pomeridiano (se lo richiedono) per smaltire lo stress. Mettete insieme gli orari dello studio con quelli del riposo e del gioco. C'è un tempo per ogni cosa. Se voi decidete questi tempi, i vostri figli si sentiranno accompagnati, in una buona organizzazione di spazi, orari, incarichi, ruoli... regole. Questa struttura normativa che poi, come vedete, non richiede tantissime regole è fondamentale per dare loro dei paletti, mettere dei limiti. Poi, vi faccio anche un invito: la domenica è il giorno dei legami, dei riti e va valorizzata per questo. Così il messaggio da mandare ai nostri figli sarà: si può vivere bene il divertimento, entro limiti definiti, regole precise, che aiutino a non trasformare la libertà in caos. Fate della festa un momento di festa vera, tenete dei riti che creino e rinnovino i legami. Non dico per forza la messa, però sappiate che, per la famiglia, andare tutti insieme in un luogo assume significati profondi e unisce. IL BUON ESEMPIO Tutto questo, ovviamente, si tiene in piedi se voi, per primi, date il buon esempio, se queste regole, innanzitutto, le rispettate voi stessi. Non potete dire ai vostri figli non fumare e poi voi fumate; non bere e voi bevete; non stare attaccato alla TV e voi rimanerci appiccicati. LA PREADOLESCENZA E L'ADOLESCENZA Un ulteriore riflessione posso aggiungere per quanto riguarda la fascia d'età della preadolescenza e dell'adolescenza, tanto bella quanto difficile. Le ricerche internazionali di neurofisiologia, riguardanti le attività cerebrali dei ragazzi di quest età, ci parlano di circuito della ricompensa. Durante questa fase dello sviluppo, in alcune aree del cervello (corteccia frontale e prefrontale, in particolare), viene resettato molto di quanto è stato appreso nei primi dodici anni di vita. Nello stesso periodo prevale, a livello biochimico, nel corpo e nel cervello, il circuito dopaminico o della ricompensa che impone di soddisfare subito i propri bisogni, i propri piaceri, i propri desideri... Ovvero aree corticali e subcorticali, interconnesse tra loro, elaborano le informazioni che entrano nel cervello, al fine di stabilire se esiste o meno la possibilità di una ricompensa o del verificarsi di un evento piacevole. La stimolazione di questo circuito cerebrale provoca un senso di piacere correlato all aumento dei livelli di dopamina. La dopamina è un neurotrasmettitore, cioè

7 una sostanza chimica, che permette ai neuroni di comunicare tra loro ed è stata indicata come l agente chimico principalmente responsabile dell attivazione dei centri della ricompensa. Correre rischi e cercare sensazioni intense attiva il circuito della ricompensa: lo stato psicoemotivo percepito è, di per sé, piacevole e gratificante soprattutto per i giovanissimi. Sulla base di queste osservazioni, accompagnate agli studi sul comportamento degli adolescenti, i ricercatori hanno ipotizzato che la ricerca del rischio potrebbe poggiare su basi biologiche ed evolutive. Il compito primario di un adolescente, di qualsiasi specie, è quello di raggiungere l indipendenza. Senza la spinta a sperimentare l avventura e il rischio, i ragazzi non troverebbero la necessaria energia per operare il distacco dalle figure di riferimento adulte e superare i confini sicuri dell ambiente familiare. Questa eccitante ricerca è promossa da istinti e pulsioni più che da ragionevoli progetti. Ciò, talora, non consente di elaborare percorsi e protocolli per raggiungere gli obiettivi in maniera piena e duratura. Dunque, vanno educati, amorevolmente allenati all'attesa. Mentre loro lanciano un input ed attendono un risultato immediato (la società virtuale li ha abituati e poi viziati in questo), voi genitori potete aiutarli a comprendere che la vita non è tutto e subito. Il cervello è in ebollizione e il circuito dopaminico è davvero pregnante, ma conoscendo i meccanismi ed il significato evolutivo di questa trasformazione è possibile dialogare, comunque, in maniera profonda ed efficace: esempi concreti ed esperienze dirette divengono codici di comunicazione da privilegiare. Essere adolescenti è anche una condizione psicofisica, il tempo in cui si sviluppa la loro identità sessuale. Immaginate quali grandi trasformazioni sono chiamati a vivere e gestire: per esempio il menarca per le ragazze, l'inizio della produzione di sperma per i maschi. Non accade quasi mai che venga loro seriamente proposta una educazione sessuale precisa, attenta, accogliente, partecipata. Nessuno parla di sesso ai minori, di ogni età, perché il problema è nell'educazione degli adulti, nei tabù che ancora non si riesce a scardinare. Per elaborare regole adatte agli adolescenti è dunque necessario: 1. innanzitutto che voi conosciate il meccanismo del circuito dopaminico; 2. in secondo luogo che li aiutiate a canalizzare le loro energie, sessuali e sentimentali, verso obiettivi di realizzazione e piacevolezza (per esempio lo sport, la musica ). Va dato modo ai ragazzi di esprimersi e di essere ascoltati, di diventare protagonisti e capaci di gestire le emozioni. Al termine del suo intervento, la prof. Parsi ha dialogato ancora con il pubblico in sala rispondendo ad alcune domande sulla questione della paghetta e sull educazione all uso del denaro; sui lavori estivi e sul senso della gratuità nelle faccende di casa, sulla gestione delle relazioni affettive dei giovani. In merito alla paghetta. Credo che sia utile, dopo gli otto anni, se definita con precise regole: 1. una cifra sempre uguale (cresce solo con il crescere dell età); 2. si stabilisce insieme come viene usata (nel senso che i soldi dati con la paghetta devono servire a tutte le necessità ludiche di cui hanno bisogno: la pizza con gli amici, la ricarica del cellulare, il libro, il gioco.). Dunque paghette ragionevoli, ragionate e ben canalizzate; 3. non toglietegliela ogni volta che si comportano male, non usatela come forma di ricatto;

8 se dovete dare una punizione, una sanzione, che sia vera e non un ricatto. Per esempio: Sei andato male a scuola, hai preso un brutto voto perché non hai studiato. Bene, ora studiamo insieme, o ti faccio aiutare da chi è più competente di me, e tu rimedierai all errore. Dare una paghetta ai ragazzi adolescenti e preadolescenti serve anche per evitare che poi altrimenti si procurino i soldi da sè (magari con piccole forme di spaccio oppure perché schiavizzati dai compagni di classe); li aiuta a diventare autonomi, ad imparare a gestire il denaro. Va ragionata insieme, condivisa, discussa e sempre insieme si deve trovare un punto di accordo, sia sulla quantità, sia sulle modalità di spesa. Non dite loro: Non ti do la paghetta, perché tu già non sai gestire la tua vita, i tuoi pochi impegni scolatici, figuriamoci i soldi!. Piuttosto dovete spronarli, dare fiducia, ribadire: Sono sicura che tu imparerai a gestirti, se necessario ti aiuto. I genitori sono il riferimento affettivo più importante, di fondamentale importanza per i figli, non posso abdicare a questo ruolo. Per ciò vanno sempre sostenuti; dovete infondere loro fiducia sulle capacità e le risorse che posseggono. Sappiate che tutte le volte in cui vengono trattati male non solo non faranno bene ma, anzi, faranno peggio. Non si educa con l umiliazione, né con la paura, né con l ambizione. Piuttosto con il ragionamento, l ascolto, l attenzione, l amore. Anche dare loro tanti soldi è sbagliato, perché i ragazzi devono imparare ad usare bene ciò che hanno a disposizione. E controllateli rispetto alla capacità di spesa, alla gestione del denaro. Guardateli se indossano abiti troppo costosi, se si permettono uno stile di vita troppo alto rispetto alle loro possibilità. Sono campanelli d allarme per capire se ci sono cose che non vanno bene, situazioni che possono preoccupare. I genitori, da questo punto di vita, dovrebbero proprio avere il coraggio di ascoltare, osservare, accogliere senza giudizio e senza paura. In merito al lavoro estivo degli adolescenti. Penso sia una cosa buona; tuttavia credo che i nostri ragazzi debbano essere preparati bene a questo ingresso nel mondo degli adulti. Indubbiamente è un esperienza fortemente educativa se consapevole, desiderata e guidata. Se, poi, i soldi che guadagnano li spendono in sigarette, o comunque in acquisti che voi non condividete, dovete esplicitarglielo. Nel caso del fumo, mostrate ai vostri figli un dvd in cui sono bene spiegati i rischi che corrono e le conseguenze. Siate autorevoli e tuttavia mettete in conto che, poi, saranno liberi di fare come credono. In merito alla discoteca. Il mio consiglio è vigilare sempre: dovete conoscere in quali locali vanno, con chi, come... Poi presentatevi ai gestori e dite: Se gira droga, alcol, fumo e mi accorgo che mio figlio esce di qui

9 sotto effetto di sostanze, semplicemente faccio chiudere questo posto ; controllate come escono dai locali, mettete delle regole sul rientro. Infine, in merito alle relazioni affettive. Dovete soprattutto lavorare per la prevenzione, dare loro tutte le informazioni utili per una buona educazione sessuale e renderli consapevoli. Il problema non è assolutamente se hanno una relazione sentimentale da giovanissimi, quanto piuttosto la loro capacità di gestirla, anche da un punto di vista fisico. Motivo per cui dovete parlare con loro di sesso e sessualità, per aiutarli a non essere impreparati.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

IL PROTAGONISMO DEI GIOVANI ED IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI

IL PROTAGONISMO DEI GIOVANI ED IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI RICERCA INTERVENTO: IL PROTAGONISMO DEI GIOVANI ED IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI Paese di provenienza Età Sesso Scuola Classe Il coordinamento della Scuola dei Genitori, in collaborazione con la parrocchia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Internet e Famiglie: non perdersi nel Web

Internet e Famiglie: non perdersi nel Web Internet e Famiglie: non perdersi nel Web N@vigare Sicuri Indicazioni per un uso Consapevole e Protetto Agenda I Ragazzi: cosa fanno online? L utilizzo sicuro Il ruolo dei Genitori Il Fenomeno dei Social

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network

Polizia di Stato. L uso sicuro della Rete e dei social network L uso sicuro della Rete e dei social network LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Servizio Centrale 20 Compartimenti regionali 80 Sezioni provinciali Compartimenti Polizia Postale Sezioni della Polizia

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta Progetto: Ragazzi digitali. Per un uso consapevole dei nuovi media. Agli studenti vi invitiamo a rispondere al seguente questionario, anonimo, al fine di comprendere il rapporto che i giovani hanno con

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Il profumo dei limoni

Il profumo dei limoni Scuola secondaria di primo grado Alberto Marvelli Classi II A B C D E F Anno scolastico 2012-2013 Il profumo dei limoni Progetto di media education promosso dall Ufficio Scolastico Provinciale Rimini Il

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Liceo artistico Nervi-Severini via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 www.liceoartistico.ra.it lasnervi@libero.it

Liceo artistico Nervi-Severini via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 www.liceoartistico.ra.it lasnervi@libero.it Liceo artistico Nervi-Severini Sede legale: via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 fax 0544/31152 Web: www.liceoartistico.ra.it e-mail: lasnervi@libero.it Questionario studenti classe III

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo.

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo. Sponsorizzazione Magica www.sponsorizzazionemagica.com Bonus Speciale Obiezioni: Come Gestire FACILMENTE le obiezioni dei Tuoi Contatti Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri 26/3/2015 Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri È un dato di fatto: rispettare il prossimo e fare azioni positive nei confronti degli

Dettagli

I 5 errori più frequenti

I 5 errori più frequenti I 5 errori più frequenti degli ottici su di Mauro Gamberini In questo report scoprirai: i 5 errori più frequenti commessi dagli Ottici su FB Qual è l errore principale e perché non commetterlo i 5 motivi

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni?

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Qualunque sia la tua risposta, Voglio una vita straordinaria è la strada giusta per trovare nuove energie e urlare: Voglio essere io il regista

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Il nostro gruppo ha intervistato 10 ragazzi di età compresa tra i 15 e i 18 anni, e abbiamo ottenuto risposte significative.

Il nostro gruppo ha intervistato 10 ragazzi di età compresa tra i 15 e i 18 anni, e abbiamo ottenuto risposte significative. Il nostro gruppo ha intervistato 10 ragazzi di età compresa tra i 15 e i 18 anni, e abbiamo ottenuto risposte significative. KEVIN 16 anni Istituto Strocchi di Faenza PRO: gioco con i miei amici leggo

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Social Network : Tra Rischi e Opportunità

Social Network : Tra Rischi e Opportunità Social Network : Tra Rischi e Opportunità Analisi Cosa non fare Cosa fare Franco Battistello Imprenditore IT battistello.franco@ibs.vi.it WEB : evoluzione velocissima Quiz : valore di un cellulare Quiz

Dettagli

Io/tu/lei/lui noi voi loro

Io/tu/lei/lui noi voi loro CONGIUNTIVO PARTE 1 I verbi regolari. Completa la tabella: comprare finire mettere prendere mangiare aprire chiudere partire parlare cantare scrivere trovare vivere cercare dormire preferire abitare capire

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi Ragazzi e telefonino Siamo negli anni novanta, una pubblicità mostra una ragazza che romanticamente chiede al suo fidanzato all altro capo del telefono «Mi ami?...ma quanto mi ami? E mi pensi?...ma quanto

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Informazioni e indicazioni per i genitori Le tecnologie audiovisive e digitali sono strumenti molto utili per la formazione ed il divertimento

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

IN BIBLIOTECA. (Breve guida ad uso dei ragazzi della scuola primaria)

IN BIBLIOTECA. (Breve guida ad uso dei ragazzi della scuola primaria) IN BIBLIOTECA (Breve guida ad uso dei ragazzi della scuola primaria) Andiamo in biblioteca? Biblioteca? E che cos è la biblioteca? In biblioteca ci sono altri bambini e grandi, che devono studiare, fare

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Guida Come guadagnare dalla pubblicità

Guida Come guadagnare dalla pubblicità Guida Come guadagnare dalla pubblicità Benvenuto. Oggi ti spiego come guadagnare denaro, vero, da subito. Premessa Penso che sia il business più semplice che ci sia in internet, talmente semplice che lo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli