L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'"

Transcript

1 L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA' Quinto incontro della Scuola per Genitori prof.sa Maria Rita Parsi giovedì , aula magna Itis E. Barsanti, Castelfranco Veneto Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. Il segreto del coraggio è la disciplina. Con queste parole ha aperto il suo appassionato intervento Maria Rita Parsi, psicologa, psicoterapeuta, scrittrice, fondatrice del Movimento Bambino nato per la diffusione del pensiero e dell'arte dei bambini contro gli abusi e i maltrattamenti, e per la tutela giuridica, sociale, culturale dei ragazzi. Fa parte dei professionisti della Scuola per Genitori, con la direzione scientifica del prof. Paolo Crepet, fin dall'origine, credendo fortemente alla necessità di sostenere i genitori nel difficile e bellissimo compito educativo. A Castelfranco, questa volta, ha affrontato un tema, l'importanza delle regole per crescere i figli, rispondendo a numerose domande su quali norme dare, come proporle e farle rispettare, in che misura e in che contesto. PREMESSA Vi parlerò questa sera di un argomento molto impegnativo, approcciandolo con il metodo della ricerca scientifica: vale a dire attraverso l osservazione (e l ascolto), la raccolta di informazioni, la loro decodifica, la formulazione delle ipotesi e poi la verifica conclusiva. Penso infatti che sia un approccio validissimo anche per tutte le questioni che riguardano l'educazione. La domanda da cui partiamo è: come dobbiamo comportarci in famiglia rispetto alle regole? Come vanno collocate, in quale orizzonte di riferimento le inseriamo tra le mura delle nostre case? Condividiamo tutti il fatto che non possano essere calate dall'alto, improvvisamente, sui figli e che esse rappresentano piuttosto il risultato del nostro ascolto e della nostra osservazione che si sono trasformati in pensiero. Tanti genitori si/mi chiedono: Perché i nostri figli trasgrediscono? Perché sono così indisciplinati?. A tratti sconsolati, altre volte seccati domandando: Perché non riusciamo a farle rispettare, queste benedette regole?. La mia prima risposta, se volete elementare, è che le norme calate dall alto non servono, perché non sono condivise e trasgredirle da parte dei ragazzi sarà proprio un piacere, un dispetto ben riuscito verso i genitori. Dico, innanzitutto, che dobbiamo piuttosto partire da una riflessione seria sulla nostra vita in casa, sui nostri comportamenti, sul nostro stile di relazione e, poi, stabilire delle norme. Cioè innanzitutto osservarci e chiederci: come vivo la mia vita di coppia? Come sto nella mia casa? Che rapporto ho con i miei figli (tutti i miei figli, anche i più piccoli)? E tra di loro, i figli, che relazioni hanno? Poi, in un secondo momento, dopo aver ben osservato il microcosmo in cui sono inserito, stabilire cosa è bene regolamentare.

2 LE REGOLE SUL TEMPO Il primo ambito del nostro discorso sulle norme riguarda senza ombra di dubbio il tempo: quali sono gli orari della colazione, del pranzo e della cena; a che ora si va a letto; a che ora ci si alza; quanto tempo si gioca, quanto si lavora, quanto si studia; a che ora si rientra a casa dal lavoro o dalla scuola; quando si sta insieme... Domandatevi: come viene gestito il tempo all interno del vostro microcosmo familiare? Quanti impegni e quanti appuntamenti hanno i vostri figli, specie al pomeriggio? Chi li accompagna? Chi sta con loro? Vi consiglio di usare proprio una agenda familiare (così la chiamiamo nel libro Onora il figlio e la figlia), in cui segnare i tempi della vostra famiglia, sia quelli condivisi che quelli di ciascuno dei membri: la moglie, il marito, i figli... Così, oltretutto, sarete anche costantemente aggiornati sugli impegni e sugli spostamenti di ognuno. Il rispetto dei tempi è essenziale. LE REGOLE SUGLI SPAZI In secondo luogo, in casa sono fondamentali le regole sulla gestione degli spazi. Quante volte avrete detto Questa casa non è un albergo!, riferendovi alla mancanza del rispetto delle norme che vigilano sull'ordine degli ambienti e sugli orari di uscita e rientro. In ogni casa c'è una stanza per i genitori, una per i figli, dei luoghi comuni della socialità... e tutti questi spazi hanno delle regole. La loro definizione è fondamentale e la mancanza di organizzazione produce dei conflitti enormi. Immaginate se in una camera c'è una figlia che studia, poi entra il fratellino più piccolo di cui magari è anche gelosa! - ed invade questo spazio di silenzio e concentrazione, cercando giocattoli, facendo confusione... Gli spazi di una casa sono frutto di accordi e di negoziazioni ma devono essere chiaramente definiti. E una decisione che, in fondo, spetta a voi, e che voi dovete assolutamente prendere perché non è prescindibile. Pena il caos. E nella gestione degli ambienti, la televisione va messa in sala, non può stare in camera, né in quella dei genitori, né tantomeno in quella dei figli. Sul comodino mettete dei libri, non un monitor di TV o pc... E, se possibile, prendete sonno leggendo, non con la televisione accesa. C'è una ragione molto semplice per non lasciare che i vostri figli si addormentino guardando immagini in televisione: perché esse sono fortemente invasive nell immaginario dei bambini che restano prigionieri di quanto visto e rischiano di compromettere il sonno e il riposo. Gli incubi notturni nascono spesso da immagini paurose legate nella mente. Tutti questi elettrodomestici virtuali (la televisione, il computer, internet...) vanno collocati assolutamente in sala, nei posti dove si socializza e possono essere usati insieme. I bambini e i ragazzi non vanno lasciati, a lungo, soli davanti a facebook. Tenete anche conto che i nostri figli sono bravissimi con le tecnologie e dunque le sanno usare e sanno passare dall una all altra senza alcuna difficoltà. In televisione e su internet, poi, trovano e guardano di tutto, anche immagini pericolose, violente,

3 gravi da gestire per la loro età. Non sto pensando in questo momento alla pornografia che, permettetemi di dirlo, è più che altro penosa, ma fa danni limitati; piuttosto ho in mente video di torture (su animali o su persone), scene di orrore tratte dalla guerra, dagli incidenti... violenze terribili e non accettabili per i bambini. Piuttosto delle voci e delle immagini, arredate la vostra casa con la musica specie quella classica, che fa bene al cervello, allenta lo stress. La televisione sempre accesa può vomitare immagini feroci, scioccanti, che i figli assorbono come spugne. Inoltre, in casa, ciascuno deve avere il suo spazio, anche piccolo, ma suo ; il contenitore dei giochi, il luogo dove studiare... ma non gli elettrodomestici virtuali. E questi spazi vanno arredati, a seconda di chi li vive. I bambini devono avere la possibilità di scegliere come organizzare la propria camera ed anche avere il compito di tenerla in ordine. Ricordate sempre che le stanze appartengono a chi le abita. Ogni camera ha i suoi oggetti, è arredata dalle persone che la vivono e va mantenuto il rispetto degli spazi di intimità di ciascuno. Forse immaginate quante liti ci sono in famiglia, specie con i ragazzi adolescenti, perchè i genitori mettono le mani nelle stanze dei figli. Ricordo di una ragazzina, partita per la gita scolastica, che al ritorno a casa aveva trovato la sua camera completamente ripulita, riorganizzata da una madre che, a suo giudizio, non solo aveva toccato dove non doveva, ma anche aveva risistemato senza rispettare il gusto, le esigenze, l'espressione della figlia. Io dico che le stanze è buona norma sistemarle insieme o, al limite, aiutare i propri figli a rimettere ordine. Ma non sostituirsi a loro, mai. Invece le stanze della socialità sono di tutti e vanno organizzate rispettosamente, con l'accordo di chi le vive. LE REGOLE SULLE TECNOLOGIE Facciamo un ulteriore passaggio: i nostri ragazzi si confrontano quotidianamente con internet. Lo sanno usare proprio bene questo strumento, e ciò non significa tanto navigare tra i siti, magari scaricare film o musica... loro sanno scrivere un blog, aprire un profilo su facebook, aggirare una password, collegarsi con windows life, dialogare su skype, avere una posta elettronica... Chi dei presenti potrebbe fare le medesime cose? I vostri figli sono molto bravi in questo ambito, sono nativi digitali, per cui voi dovrete imparare a conoscere le tecnologie, non solo quelle che servono per tenersi informati, cercare notizie, ma soprattutto quelle che coinvolgono le relazioni virtuali: facebook, twitter, le chat, i blog, i forum... perché lì stanno i ragazzi, oggi. Mettetevi nelle condizioni di essere più bravi di loro perché, per poterli controllare, dovete poter capire cosa gli sta accadendo, insomma, dovete conoscere questo mondo con cui, vi piaccia o no, loro si confrontano ogni giorno. E abbiate coscienza che nel virtuale si celano anche tantissimi pericoli: il furto d'identità per

4 esempio il cyberbullismo... Può succedere che le persone si mettono in contatto su internet, senza in realtà sapere veramente chi sta dietro ad un profilo, ad un nome. Magari un tale ruba la mia identità, apre un forum online e scrive cose che non mi corrispondono. Oppure, in classe, una ragazzina è presa di mira dalle compagne e in internet vengono pubblicate sue foto, oppure ingiurie contro di lei Può anche succedere che gli adolescenti su facebook si conoscano, scambino informazioni, sui blog scrivano come su un diario privato (solo alla mercè di chiunque), concedano l'amicizia a chi credono di conoscere (e magari invece sono adulti nascosti in profili di ragazzini...), aprano un dialogo, si raccontino. Poi magari inseriscano anche delle fotografie, più o meno in pose ammiccanti, dettaglino, senza pensarci troppo, i luoghi che frequentano e gli orari, descrivano le proprie giornate, raccontino della scuola o della palestra... e cosa ci mette una persona a rintracciarli? Espongono nella piazza virtuale le loro vite, per cui sono facilmente agganciabili, sia perché si conoscono i posti in cui trovarli, sia perché si possono definire i loro gusti, i loro interessi... Capite la pericolosità. Dunque io dico: dovete dare delle regole per gestire questi nuovi mezzi di comunicazione di massa e la tecnologia virtuale. Vi racconto di una recente ricerca intitolata: Quanto ti vuoi bene? realizzata di recente da Dove, Microsoft e Futuro al Femminile con il coordinamento della Fondazione Movimento Bambino. Sono stati intervistati ragazzi tra i 9 e i 16 anni con numerose domande sul cibo (quanto mangi? Ogni quanto ti pesi? Qual è il rapporto con il tuo corpo?), sullo specchio (e dunque sulla percezione della propria immagine e di se stessi), sugli abiti (di fatto sullo shopping), sulla lettura (dove è emerso che i bambini tra i 9 e gli 11 anni leggono, dai 12 in poi non lo fanno più). Bene, in merito al virtuale è emerso che: il 92,6% ha internet a casa; il 94% ha una ; l'86,4% sostiene che i genitori non sanno della mail dei figli. E' un dato preoccupante, gravissimo. Per cui a tutti i genitori che hanno internet in casa io dico che dovete: 1. saperlo usare meglio dei vostri figli 2. mettere il pc e la connessione in un posto dove potete controllare 3. non lasciare la televisione in camera, ma se proprio si trova lì, almeno i bambini non devono poter accedere a tutti i canali ma solo alla home video ed eventualmente alla videocassette 4. accertarvi se hanno un account 5. condividere il loro interesse per facebook e i blog 6. pretendere di essere informati dai ragazzi su chi frequentano, con quali persone chattano on line, chi incontrano nel mondo reale dopo aver avuto contatti virtuali... REGOLE CON GLI ANIMALI Sono tra quelle che preferisco.

5 E' fondamentale avere un animale in casa, se i vostri figli ve lo chiedono prendetelo. Mettete pure in conto che se ne disinteresseranno, che nonostante tutte le promesse sull'occuparsene, le dichiarazioni di impegno e i ti prometto, ti assicuro, alla fine toccherà a voi seguire anche l'animale. Però sappiate che per i vostri figli sarà importante perchè loro osservano come i genitori se ne curano, più ancora di come guardano alle attenzioni del papà o della mamma per i fratelli e le sorelle: vedono negli animali loro stessi senza parole. Pensate alle favole che tanto affascinano da sempre i nostri ragazzi, li incantano; gli animali li rappresentano, specie nelle loro emozioni. Certo, avrete l'onere di gestirli, questi animali, indubbiamente è un impegno: però potete lavorare molto per condividere le responsabilità nella cura del cane, del gatto... Vi assicuro che, in qualsiasi caso, avrete benefici enormi. Maria Montessori lo specificava proprio bene: coinvolgete i bambini in ogni operazione che ha a che fare con ciò di cui si sono assunti una responsabilità, per esempio la gestione di un animale, vedrete quanto potrà esservi utile per la crescita e il benessere dei vostri figli. La presa in carico di un animale richiede proprio quell'attenzione di cura che può divenire una lezione vitale per loro. Per inciso, le fiabe, a differenza delle favole, hanno di norma personaggi mitici come principesse, folletti, sirene, maghi... figure archetipiche, portatrici di chiari messaggi e valori. E mentre le favole hanno tutte, in conclusione, una morale, le fiabe in sé non è detto (ci sono assassini, avvelenamenti...). Piuttosto terminano sempre con l'idea che giustizia è fatta. Il protocollo con cui si sviluppano è normalmente ben chiaro: il protagonista, di solito, all'inizio, si trova in una situazione molto difficile, terribile, problematica (tra l'altro, di frequente, è un adolescente). Durante il suo percorso affronta degli antagonisti che sono le minacce, le paure, le ansie e con l'aiuto di persone buone, folletti, gnomi, riesce a ottenere successo e giustizia. Se pensate, le favole terminano sempre con... e vissero tutti felici e contenti. REGOLE PER IL GIOCO E PER LO STUDIO Ci sono poi le regole che riguardano il gioco, lo svago, il divertimento e quelle dello studio, del lavoro, dell'impegno. Anche qui, vi prego di non dimenticare mai, per prima cosa, il diritto dei bambini a giocare. A volte hanno talmente tante cose da fare, la scuola è molto impegnativa, complessa, richiede tante energie e loro giocano poco. Immaginate quanto può essere difficile l'ambiente scolastico per loro, dove si confrontano con altri adulti, simpatici o meno, con regole molto precise, dove contano i risultati. Dovete dunque lasciare un tempo ai vostri figli per giocare, metterli nelle condizioni di farlo. Ne trarranno un indubbio beneficio per tutta la vita. Ed anche qui: Quanti giochi si devono comprare?. POCHI. E gli acquisti di giochi devono essere REGOLAMENTATI (in particolari occasioni, preferibilmente non collegate a voti o successi scolastici, ma soprattutto a piaceri ). Da questo punto di vista vi consiglio di fare delle cose belle, in famiglia, tutti insieme, ogni mese e

6 più volte al mese: acquistate un dono, leggete un libro, uscite all'aria aperta e giocate con i vostri figli. Giocare è fondamentale: con l'aria, l'acqua, la terra, il fuoco. Certo, al gioco va dato un tempo, fissatelo insieme, genitori e figli. E poi dettate degli orari che vanno rispettati. Non permettete di trasgredirli, dovete essere fermi. Con la playstation puoi giocare il tempo concordato e basta. Non si discute. Specie poi a fine giornata: un ragazzino fino a 11 anni non può andare a letto dopo le 22; perché, al mattino, possa svegliarsi presto, anche alle 7. In questo modo sarà riposato e voi potrete avere il tempo di prepararlo bene alla scuola, fare colazione assieme... E dunque, in ultima analisi, aiutarlo ad accogliere la nuova giornata e soprattutto il distacco da voi. Per dormire la regola dovrebbe essere: al massimo alle 22 per chi frequenta la scuola dell'infanzia e primaria; al massimo le per chi va alle medie (ed è già tardi!). Tenete conto che le nostre scuole li impegnano davvero tanto, sono difficili, per cui i ragazzi hanno proprio bisogno di riposo, anche di quello pomeridiano (se lo richiedono) per smaltire lo stress. Mettete insieme gli orari dello studio con quelli del riposo e del gioco. C'è un tempo per ogni cosa. Se voi decidete questi tempi, i vostri figli si sentiranno accompagnati, in una buona organizzazione di spazi, orari, incarichi, ruoli... regole. Questa struttura normativa che poi, come vedete, non richiede tantissime regole è fondamentale per dare loro dei paletti, mettere dei limiti. Poi, vi faccio anche un invito: la domenica è il giorno dei legami, dei riti e va valorizzata per questo. Così il messaggio da mandare ai nostri figli sarà: si può vivere bene il divertimento, entro limiti definiti, regole precise, che aiutino a non trasformare la libertà in caos. Fate della festa un momento di festa vera, tenete dei riti che creino e rinnovino i legami. Non dico per forza la messa, però sappiate che, per la famiglia, andare tutti insieme in un luogo assume significati profondi e unisce. IL BUON ESEMPIO Tutto questo, ovviamente, si tiene in piedi se voi, per primi, date il buon esempio, se queste regole, innanzitutto, le rispettate voi stessi. Non potete dire ai vostri figli non fumare e poi voi fumate; non bere e voi bevete; non stare attaccato alla TV e voi rimanerci appiccicati. LA PREADOLESCENZA E L'ADOLESCENZA Un ulteriore riflessione posso aggiungere per quanto riguarda la fascia d'età della preadolescenza e dell'adolescenza, tanto bella quanto difficile. Le ricerche internazionali di neurofisiologia, riguardanti le attività cerebrali dei ragazzi di quest età, ci parlano di circuito della ricompensa. Durante questa fase dello sviluppo, in alcune aree del cervello (corteccia frontale e prefrontale, in particolare), viene resettato molto di quanto è stato appreso nei primi dodici anni di vita. Nello stesso periodo prevale, a livello biochimico, nel corpo e nel cervello, il circuito dopaminico o della ricompensa che impone di soddisfare subito i propri bisogni, i propri piaceri, i propri desideri... Ovvero aree corticali e subcorticali, interconnesse tra loro, elaborano le informazioni che entrano nel cervello, al fine di stabilire se esiste o meno la possibilità di una ricompensa o del verificarsi di un evento piacevole. La stimolazione di questo circuito cerebrale provoca un senso di piacere correlato all aumento dei livelli di dopamina. La dopamina è un neurotrasmettitore, cioè

7 una sostanza chimica, che permette ai neuroni di comunicare tra loro ed è stata indicata come l agente chimico principalmente responsabile dell attivazione dei centri della ricompensa. Correre rischi e cercare sensazioni intense attiva il circuito della ricompensa: lo stato psicoemotivo percepito è, di per sé, piacevole e gratificante soprattutto per i giovanissimi. Sulla base di queste osservazioni, accompagnate agli studi sul comportamento degli adolescenti, i ricercatori hanno ipotizzato che la ricerca del rischio potrebbe poggiare su basi biologiche ed evolutive. Il compito primario di un adolescente, di qualsiasi specie, è quello di raggiungere l indipendenza. Senza la spinta a sperimentare l avventura e il rischio, i ragazzi non troverebbero la necessaria energia per operare il distacco dalle figure di riferimento adulte e superare i confini sicuri dell ambiente familiare. Questa eccitante ricerca è promossa da istinti e pulsioni più che da ragionevoli progetti. Ciò, talora, non consente di elaborare percorsi e protocolli per raggiungere gli obiettivi in maniera piena e duratura. Dunque, vanno educati, amorevolmente allenati all'attesa. Mentre loro lanciano un input ed attendono un risultato immediato (la società virtuale li ha abituati e poi viziati in questo), voi genitori potete aiutarli a comprendere che la vita non è tutto e subito. Il cervello è in ebollizione e il circuito dopaminico è davvero pregnante, ma conoscendo i meccanismi ed il significato evolutivo di questa trasformazione è possibile dialogare, comunque, in maniera profonda ed efficace: esempi concreti ed esperienze dirette divengono codici di comunicazione da privilegiare. Essere adolescenti è anche una condizione psicofisica, il tempo in cui si sviluppa la loro identità sessuale. Immaginate quali grandi trasformazioni sono chiamati a vivere e gestire: per esempio il menarca per le ragazze, l'inizio della produzione di sperma per i maschi. Non accade quasi mai che venga loro seriamente proposta una educazione sessuale precisa, attenta, accogliente, partecipata. Nessuno parla di sesso ai minori, di ogni età, perché il problema è nell'educazione degli adulti, nei tabù che ancora non si riesce a scardinare. Per elaborare regole adatte agli adolescenti è dunque necessario: 1. innanzitutto che voi conosciate il meccanismo del circuito dopaminico; 2. in secondo luogo che li aiutiate a canalizzare le loro energie, sessuali e sentimentali, verso obiettivi di realizzazione e piacevolezza (per esempio lo sport, la musica ). Va dato modo ai ragazzi di esprimersi e di essere ascoltati, di diventare protagonisti e capaci di gestire le emozioni. Al termine del suo intervento, la prof. Parsi ha dialogato ancora con il pubblico in sala rispondendo ad alcune domande sulla questione della paghetta e sull educazione all uso del denaro; sui lavori estivi e sul senso della gratuità nelle faccende di casa, sulla gestione delle relazioni affettive dei giovani. In merito alla paghetta. Credo che sia utile, dopo gli otto anni, se definita con precise regole: 1. una cifra sempre uguale (cresce solo con il crescere dell età); 2. si stabilisce insieme come viene usata (nel senso che i soldi dati con la paghetta devono servire a tutte le necessità ludiche di cui hanno bisogno: la pizza con gli amici, la ricarica del cellulare, il libro, il gioco.). Dunque paghette ragionevoli, ragionate e ben canalizzate; 3. non toglietegliela ogni volta che si comportano male, non usatela come forma di ricatto;

8 se dovete dare una punizione, una sanzione, che sia vera e non un ricatto. Per esempio: Sei andato male a scuola, hai preso un brutto voto perché non hai studiato. Bene, ora studiamo insieme, o ti faccio aiutare da chi è più competente di me, e tu rimedierai all errore. Dare una paghetta ai ragazzi adolescenti e preadolescenti serve anche per evitare che poi altrimenti si procurino i soldi da sè (magari con piccole forme di spaccio oppure perché schiavizzati dai compagni di classe); li aiuta a diventare autonomi, ad imparare a gestire il denaro. Va ragionata insieme, condivisa, discussa e sempre insieme si deve trovare un punto di accordo, sia sulla quantità, sia sulle modalità di spesa. Non dite loro: Non ti do la paghetta, perché tu già non sai gestire la tua vita, i tuoi pochi impegni scolatici, figuriamoci i soldi!. Piuttosto dovete spronarli, dare fiducia, ribadire: Sono sicura che tu imparerai a gestirti, se necessario ti aiuto. I genitori sono il riferimento affettivo più importante, di fondamentale importanza per i figli, non posso abdicare a questo ruolo. Per ciò vanno sempre sostenuti; dovete infondere loro fiducia sulle capacità e le risorse che posseggono. Sappiate che tutte le volte in cui vengono trattati male non solo non faranno bene ma, anzi, faranno peggio. Non si educa con l umiliazione, né con la paura, né con l ambizione. Piuttosto con il ragionamento, l ascolto, l attenzione, l amore. Anche dare loro tanti soldi è sbagliato, perché i ragazzi devono imparare ad usare bene ciò che hanno a disposizione. E controllateli rispetto alla capacità di spesa, alla gestione del denaro. Guardateli se indossano abiti troppo costosi, se si permettono uno stile di vita troppo alto rispetto alle loro possibilità. Sono campanelli d allarme per capire se ci sono cose che non vanno bene, situazioni che possono preoccupare. I genitori, da questo punto di vita, dovrebbero proprio avere il coraggio di ascoltare, osservare, accogliere senza giudizio e senza paura. In merito al lavoro estivo degli adolescenti. Penso sia una cosa buona; tuttavia credo che i nostri ragazzi debbano essere preparati bene a questo ingresso nel mondo degli adulti. Indubbiamente è un esperienza fortemente educativa se consapevole, desiderata e guidata. Se, poi, i soldi che guadagnano li spendono in sigarette, o comunque in acquisti che voi non condividete, dovete esplicitarglielo. Nel caso del fumo, mostrate ai vostri figli un dvd in cui sono bene spiegati i rischi che corrono e le conseguenze. Siate autorevoli e tuttavia mettete in conto che, poi, saranno liberi di fare come credono. In merito alla discoteca. Il mio consiglio è vigilare sempre: dovete conoscere in quali locali vanno, con chi, come... Poi presentatevi ai gestori e dite: Se gira droga, alcol, fumo e mi accorgo che mio figlio esce di qui

9 sotto effetto di sostanze, semplicemente faccio chiudere questo posto ; controllate come escono dai locali, mettete delle regole sul rientro. Infine, in merito alle relazioni affettive. Dovete soprattutto lavorare per la prevenzione, dare loro tutte le informazioni utili per una buona educazione sessuale e renderli consapevoli. Il problema non è assolutamente se hanno una relazione sentimentale da giovanissimi, quanto piuttosto la loro capacità di gestirla, anche da un punto di vista fisico. Motivo per cui dovete parlare con loro di sesso e sessualità, per aiutarli a non essere impreparati.

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

Non cadere nella rete!

Non cadere nella rete! Non cadere nella rete! Campagna Informativa Non cadere nella rete! Cyberbullismo ed altri pericoli del web RAGAZZI Introduzione In questo opuscolo vi parleremo di cose che apprezzate molto: il computer,

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli