L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA'"

Transcript

1 L'IMPORTANZA DELLE REGOLE PER EDUCARE ALLA LIBERTA' Quinto incontro della Scuola per Genitori prof.sa Maria Rita Parsi giovedì , aula magna Itis E. Barsanti, Castelfranco Veneto Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. Il segreto del coraggio è la disciplina. Con queste parole ha aperto il suo appassionato intervento Maria Rita Parsi, psicologa, psicoterapeuta, scrittrice, fondatrice del Movimento Bambino nato per la diffusione del pensiero e dell'arte dei bambini contro gli abusi e i maltrattamenti, e per la tutela giuridica, sociale, culturale dei ragazzi. Fa parte dei professionisti della Scuola per Genitori, con la direzione scientifica del prof. Paolo Crepet, fin dall'origine, credendo fortemente alla necessità di sostenere i genitori nel difficile e bellissimo compito educativo. A Castelfranco, questa volta, ha affrontato un tema, l'importanza delle regole per crescere i figli, rispondendo a numerose domande su quali norme dare, come proporle e farle rispettare, in che misura e in che contesto. PREMESSA Vi parlerò questa sera di un argomento molto impegnativo, approcciandolo con il metodo della ricerca scientifica: vale a dire attraverso l osservazione (e l ascolto), la raccolta di informazioni, la loro decodifica, la formulazione delle ipotesi e poi la verifica conclusiva. Penso infatti che sia un approccio validissimo anche per tutte le questioni che riguardano l'educazione. La domanda da cui partiamo è: come dobbiamo comportarci in famiglia rispetto alle regole? Come vanno collocate, in quale orizzonte di riferimento le inseriamo tra le mura delle nostre case? Condividiamo tutti il fatto che non possano essere calate dall'alto, improvvisamente, sui figli e che esse rappresentano piuttosto il risultato del nostro ascolto e della nostra osservazione che si sono trasformati in pensiero. Tanti genitori si/mi chiedono: Perché i nostri figli trasgrediscono? Perché sono così indisciplinati?. A tratti sconsolati, altre volte seccati domandando: Perché non riusciamo a farle rispettare, queste benedette regole?. La mia prima risposta, se volete elementare, è che le norme calate dall alto non servono, perché non sono condivise e trasgredirle da parte dei ragazzi sarà proprio un piacere, un dispetto ben riuscito verso i genitori. Dico, innanzitutto, che dobbiamo piuttosto partire da una riflessione seria sulla nostra vita in casa, sui nostri comportamenti, sul nostro stile di relazione e, poi, stabilire delle norme. Cioè innanzitutto osservarci e chiederci: come vivo la mia vita di coppia? Come sto nella mia casa? Che rapporto ho con i miei figli (tutti i miei figli, anche i più piccoli)? E tra di loro, i figli, che relazioni hanno? Poi, in un secondo momento, dopo aver ben osservato il microcosmo in cui sono inserito, stabilire cosa è bene regolamentare.

2 LE REGOLE SUL TEMPO Il primo ambito del nostro discorso sulle norme riguarda senza ombra di dubbio il tempo: quali sono gli orari della colazione, del pranzo e della cena; a che ora si va a letto; a che ora ci si alza; quanto tempo si gioca, quanto si lavora, quanto si studia; a che ora si rientra a casa dal lavoro o dalla scuola; quando si sta insieme... Domandatevi: come viene gestito il tempo all interno del vostro microcosmo familiare? Quanti impegni e quanti appuntamenti hanno i vostri figli, specie al pomeriggio? Chi li accompagna? Chi sta con loro? Vi consiglio di usare proprio una agenda familiare (così la chiamiamo nel libro Onora il figlio e la figlia), in cui segnare i tempi della vostra famiglia, sia quelli condivisi che quelli di ciascuno dei membri: la moglie, il marito, i figli... Così, oltretutto, sarete anche costantemente aggiornati sugli impegni e sugli spostamenti di ognuno. Il rispetto dei tempi è essenziale. LE REGOLE SUGLI SPAZI In secondo luogo, in casa sono fondamentali le regole sulla gestione degli spazi. Quante volte avrete detto Questa casa non è un albergo!, riferendovi alla mancanza del rispetto delle norme che vigilano sull'ordine degli ambienti e sugli orari di uscita e rientro. In ogni casa c'è una stanza per i genitori, una per i figli, dei luoghi comuni della socialità... e tutti questi spazi hanno delle regole. La loro definizione è fondamentale e la mancanza di organizzazione produce dei conflitti enormi. Immaginate se in una camera c'è una figlia che studia, poi entra il fratellino più piccolo di cui magari è anche gelosa! - ed invade questo spazio di silenzio e concentrazione, cercando giocattoli, facendo confusione... Gli spazi di una casa sono frutto di accordi e di negoziazioni ma devono essere chiaramente definiti. E una decisione che, in fondo, spetta a voi, e che voi dovete assolutamente prendere perché non è prescindibile. Pena il caos. E nella gestione degli ambienti, la televisione va messa in sala, non può stare in camera, né in quella dei genitori, né tantomeno in quella dei figli. Sul comodino mettete dei libri, non un monitor di TV o pc... E, se possibile, prendete sonno leggendo, non con la televisione accesa. C'è una ragione molto semplice per non lasciare che i vostri figli si addormentino guardando immagini in televisione: perché esse sono fortemente invasive nell immaginario dei bambini che restano prigionieri di quanto visto e rischiano di compromettere il sonno e il riposo. Gli incubi notturni nascono spesso da immagini paurose legate nella mente. Tutti questi elettrodomestici virtuali (la televisione, il computer, internet...) vanno collocati assolutamente in sala, nei posti dove si socializza e possono essere usati insieme. I bambini e i ragazzi non vanno lasciati, a lungo, soli davanti a facebook. Tenete anche conto che i nostri figli sono bravissimi con le tecnologie e dunque le sanno usare e sanno passare dall una all altra senza alcuna difficoltà. In televisione e su internet, poi, trovano e guardano di tutto, anche immagini pericolose, violente,

3 gravi da gestire per la loro età. Non sto pensando in questo momento alla pornografia che, permettetemi di dirlo, è più che altro penosa, ma fa danni limitati; piuttosto ho in mente video di torture (su animali o su persone), scene di orrore tratte dalla guerra, dagli incidenti... violenze terribili e non accettabili per i bambini. Piuttosto delle voci e delle immagini, arredate la vostra casa con la musica specie quella classica, che fa bene al cervello, allenta lo stress. La televisione sempre accesa può vomitare immagini feroci, scioccanti, che i figli assorbono come spugne. Inoltre, in casa, ciascuno deve avere il suo spazio, anche piccolo, ma suo ; il contenitore dei giochi, il luogo dove studiare... ma non gli elettrodomestici virtuali. E questi spazi vanno arredati, a seconda di chi li vive. I bambini devono avere la possibilità di scegliere come organizzare la propria camera ed anche avere il compito di tenerla in ordine. Ricordate sempre che le stanze appartengono a chi le abita. Ogni camera ha i suoi oggetti, è arredata dalle persone che la vivono e va mantenuto il rispetto degli spazi di intimità di ciascuno. Forse immaginate quante liti ci sono in famiglia, specie con i ragazzi adolescenti, perchè i genitori mettono le mani nelle stanze dei figli. Ricordo di una ragazzina, partita per la gita scolastica, che al ritorno a casa aveva trovato la sua camera completamente ripulita, riorganizzata da una madre che, a suo giudizio, non solo aveva toccato dove non doveva, ma anche aveva risistemato senza rispettare il gusto, le esigenze, l'espressione della figlia. Io dico che le stanze è buona norma sistemarle insieme o, al limite, aiutare i propri figli a rimettere ordine. Ma non sostituirsi a loro, mai. Invece le stanze della socialità sono di tutti e vanno organizzate rispettosamente, con l'accordo di chi le vive. LE REGOLE SULLE TECNOLOGIE Facciamo un ulteriore passaggio: i nostri ragazzi si confrontano quotidianamente con internet. Lo sanno usare proprio bene questo strumento, e ciò non significa tanto navigare tra i siti, magari scaricare film o musica... loro sanno scrivere un blog, aprire un profilo su facebook, aggirare una password, collegarsi con windows life, dialogare su skype, avere una posta elettronica... Chi dei presenti potrebbe fare le medesime cose? I vostri figli sono molto bravi in questo ambito, sono nativi digitali, per cui voi dovrete imparare a conoscere le tecnologie, non solo quelle che servono per tenersi informati, cercare notizie, ma soprattutto quelle che coinvolgono le relazioni virtuali: facebook, twitter, le chat, i blog, i forum... perché lì stanno i ragazzi, oggi. Mettetevi nelle condizioni di essere più bravi di loro perché, per poterli controllare, dovete poter capire cosa gli sta accadendo, insomma, dovete conoscere questo mondo con cui, vi piaccia o no, loro si confrontano ogni giorno. E abbiate coscienza che nel virtuale si celano anche tantissimi pericoli: il furto d'identità per

4 esempio il cyberbullismo... Può succedere che le persone si mettono in contatto su internet, senza in realtà sapere veramente chi sta dietro ad un profilo, ad un nome. Magari un tale ruba la mia identità, apre un forum online e scrive cose che non mi corrispondono. Oppure, in classe, una ragazzina è presa di mira dalle compagne e in internet vengono pubblicate sue foto, oppure ingiurie contro di lei Può anche succedere che gli adolescenti su facebook si conoscano, scambino informazioni, sui blog scrivano come su un diario privato (solo alla mercè di chiunque), concedano l'amicizia a chi credono di conoscere (e magari invece sono adulti nascosti in profili di ragazzini...), aprano un dialogo, si raccontino. Poi magari inseriscano anche delle fotografie, più o meno in pose ammiccanti, dettaglino, senza pensarci troppo, i luoghi che frequentano e gli orari, descrivano le proprie giornate, raccontino della scuola o della palestra... e cosa ci mette una persona a rintracciarli? Espongono nella piazza virtuale le loro vite, per cui sono facilmente agganciabili, sia perché si conoscono i posti in cui trovarli, sia perché si possono definire i loro gusti, i loro interessi... Capite la pericolosità. Dunque io dico: dovete dare delle regole per gestire questi nuovi mezzi di comunicazione di massa e la tecnologia virtuale. Vi racconto di una recente ricerca intitolata: Quanto ti vuoi bene? realizzata di recente da Dove, Microsoft e Futuro al Femminile con il coordinamento della Fondazione Movimento Bambino. Sono stati intervistati ragazzi tra i 9 e i 16 anni con numerose domande sul cibo (quanto mangi? Ogni quanto ti pesi? Qual è il rapporto con il tuo corpo?), sullo specchio (e dunque sulla percezione della propria immagine e di se stessi), sugli abiti (di fatto sullo shopping), sulla lettura (dove è emerso che i bambini tra i 9 e gli 11 anni leggono, dai 12 in poi non lo fanno più). Bene, in merito al virtuale è emerso che: il 92,6% ha internet a casa; il 94% ha una ; l'86,4% sostiene che i genitori non sanno della mail dei figli. E' un dato preoccupante, gravissimo. Per cui a tutti i genitori che hanno internet in casa io dico che dovete: 1. saperlo usare meglio dei vostri figli 2. mettere il pc e la connessione in un posto dove potete controllare 3. non lasciare la televisione in camera, ma se proprio si trova lì, almeno i bambini non devono poter accedere a tutti i canali ma solo alla home video ed eventualmente alla videocassette 4. accertarvi se hanno un account 5. condividere il loro interesse per facebook e i blog 6. pretendere di essere informati dai ragazzi su chi frequentano, con quali persone chattano on line, chi incontrano nel mondo reale dopo aver avuto contatti virtuali... REGOLE CON GLI ANIMALI Sono tra quelle che preferisco.

5 E' fondamentale avere un animale in casa, se i vostri figli ve lo chiedono prendetelo. Mettete pure in conto che se ne disinteresseranno, che nonostante tutte le promesse sull'occuparsene, le dichiarazioni di impegno e i ti prometto, ti assicuro, alla fine toccherà a voi seguire anche l'animale. Però sappiate che per i vostri figli sarà importante perchè loro osservano come i genitori se ne curano, più ancora di come guardano alle attenzioni del papà o della mamma per i fratelli e le sorelle: vedono negli animali loro stessi senza parole. Pensate alle favole che tanto affascinano da sempre i nostri ragazzi, li incantano; gli animali li rappresentano, specie nelle loro emozioni. Certo, avrete l'onere di gestirli, questi animali, indubbiamente è un impegno: però potete lavorare molto per condividere le responsabilità nella cura del cane, del gatto... Vi assicuro che, in qualsiasi caso, avrete benefici enormi. Maria Montessori lo specificava proprio bene: coinvolgete i bambini in ogni operazione che ha a che fare con ciò di cui si sono assunti una responsabilità, per esempio la gestione di un animale, vedrete quanto potrà esservi utile per la crescita e il benessere dei vostri figli. La presa in carico di un animale richiede proprio quell'attenzione di cura che può divenire una lezione vitale per loro. Per inciso, le fiabe, a differenza delle favole, hanno di norma personaggi mitici come principesse, folletti, sirene, maghi... figure archetipiche, portatrici di chiari messaggi e valori. E mentre le favole hanno tutte, in conclusione, una morale, le fiabe in sé non è detto (ci sono assassini, avvelenamenti...). Piuttosto terminano sempre con l'idea che giustizia è fatta. Il protocollo con cui si sviluppano è normalmente ben chiaro: il protagonista, di solito, all'inizio, si trova in una situazione molto difficile, terribile, problematica (tra l'altro, di frequente, è un adolescente). Durante il suo percorso affronta degli antagonisti che sono le minacce, le paure, le ansie e con l'aiuto di persone buone, folletti, gnomi, riesce a ottenere successo e giustizia. Se pensate, le favole terminano sempre con... e vissero tutti felici e contenti. REGOLE PER IL GIOCO E PER LO STUDIO Ci sono poi le regole che riguardano il gioco, lo svago, il divertimento e quelle dello studio, del lavoro, dell'impegno. Anche qui, vi prego di non dimenticare mai, per prima cosa, il diritto dei bambini a giocare. A volte hanno talmente tante cose da fare, la scuola è molto impegnativa, complessa, richiede tante energie e loro giocano poco. Immaginate quanto può essere difficile l'ambiente scolastico per loro, dove si confrontano con altri adulti, simpatici o meno, con regole molto precise, dove contano i risultati. Dovete dunque lasciare un tempo ai vostri figli per giocare, metterli nelle condizioni di farlo. Ne trarranno un indubbio beneficio per tutta la vita. Ed anche qui: Quanti giochi si devono comprare?. POCHI. E gli acquisti di giochi devono essere REGOLAMENTATI (in particolari occasioni, preferibilmente non collegate a voti o successi scolastici, ma soprattutto a piaceri ). Da questo punto di vista vi consiglio di fare delle cose belle, in famiglia, tutti insieme, ogni mese e

6 più volte al mese: acquistate un dono, leggete un libro, uscite all'aria aperta e giocate con i vostri figli. Giocare è fondamentale: con l'aria, l'acqua, la terra, il fuoco. Certo, al gioco va dato un tempo, fissatelo insieme, genitori e figli. E poi dettate degli orari che vanno rispettati. Non permettete di trasgredirli, dovete essere fermi. Con la playstation puoi giocare il tempo concordato e basta. Non si discute. Specie poi a fine giornata: un ragazzino fino a 11 anni non può andare a letto dopo le 22; perché, al mattino, possa svegliarsi presto, anche alle 7. In questo modo sarà riposato e voi potrete avere il tempo di prepararlo bene alla scuola, fare colazione assieme... E dunque, in ultima analisi, aiutarlo ad accogliere la nuova giornata e soprattutto il distacco da voi. Per dormire la regola dovrebbe essere: al massimo alle 22 per chi frequenta la scuola dell'infanzia e primaria; al massimo le per chi va alle medie (ed è già tardi!). Tenete conto che le nostre scuole li impegnano davvero tanto, sono difficili, per cui i ragazzi hanno proprio bisogno di riposo, anche di quello pomeridiano (se lo richiedono) per smaltire lo stress. Mettete insieme gli orari dello studio con quelli del riposo e del gioco. C'è un tempo per ogni cosa. Se voi decidete questi tempi, i vostri figli si sentiranno accompagnati, in una buona organizzazione di spazi, orari, incarichi, ruoli... regole. Questa struttura normativa che poi, come vedete, non richiede tantissime regole è fondamentale per dare loro dei paletti, mettere dei limiti. Poi, vi faccio anche un invito: la domenica è il giorno dei legami, dei riti e va valorizzata per questo. Così il messaggio da mandare ai nostri figli sarà: si può vivere bene il divertimento, entro limiti definiti, regole precise, che aiutino a non trasformare la libertà in caos. Fate della festa un momento di festa vera, tenete dei riti che creino e rinnovino i legami. Non dico per forza la messa, però sappiate che, per la famiglia, andare tutti insieme in un luogo assume significati profondi e unisce. IL BUON ESEMPIO Tutto questo, ovviamente, si tiene in piedi se voi, per primi, date il buon esempio, se queste regole, innanzitutto, le rispettate voi stessi. Non potete dire ai vostri figli non fumare e poi voi fumate; non bere e voi bevete; non stare attaccato alla TV e voi rimanerci appiccicati. LA PREADOLESCENZA E L'ADOLESCENZA Un ulteriore riflessione posso aggiungere per quanto riguarda la fascia d'età della preadolescenza e dell'adolescenza, tanto bella quanto difficile. Le ricerche internazionali di neurofisiologia, riguardanti le attività cerebrali dei ragazzi di quest età, ci parlano di circuito della ricompensa. Durante questa fase dello sviluppo, in alcune aree del cervello (corteccia frontale e prefrontale, in particolare), viene resettato molto di quanto è stato appreso nei primi dodici anni di vita. Nello stesso periodo prevale, a livello biochimico, nel corpo e nel cervello, il circuito dopaminico o della ricompensa che impone di soddisfare subito i propri bisogni, i propri piaceri, i propri desideri... Ovvero aree corticali e subcorticali, interconnesse tra loro, elaborano le informazioni che entrano nel cervello, al fine di stabilire se esiste o meno la possibilità di una ricompensa o del verificarsi di un evento piacevole. La stimolazione di questo circuito cerebrale provoca un senso di piacere correlato all aumento dei livelli di dopamina. La dopamina è un neurotrasmettitore, cioè

7 una sostanza chimica, che permette ai neuroni di comunicare tra loro ed è stata indicata come l agente chimico principalmente responsabile dell attivazione dei centri della ricompensa. Correre rischi e cercare sensazioni intense attiva il circuito della ricompensa: lo stato psicoemotivo percepito è, di per sé, piacevole e gratificante soprattutto per i giovanissimi. Sulla base di queste osservazioni, accompagnate agli studi sul comportamento degli adolescenti, i ricercatori hanno ipotizzato che la ricerca del rischio potrebbe poggiare su basi biologiche ed evolutive. Il compito primario di un adolescente, di qualsiasi specie, è quello di raggiungere l indipendenza. Senza la spinta a sperimentare l avventura e il rischio, i ragazzi non troverebbero la necessaria energia per operare il distacco dalle figure di riferimento adulte e superare i confini sicuri dell ambiente familiare. Questa eccitante ricerca è promossa da istinti e pulsioni più che da ragionevoli progetti. Ciò, talora, non consente di elaborare percorsi e protocolli per raggiungere gli obiettivi in maniera piena e duratura. Dunque, vanno educati, amorevolmente allenati all'attesa. Mentre loro lanciano un input ed attendono un risultato immediato (la società virtuale li ha abituati e poi viziati in questo), voi genitori potete aiutarli a comprendere che la vita non è tutto e subito. Il cervello è in ebollizione e il circuito dopaminico è davvero pregnante, ma conoscendo i meccanismi ed il significato evolutivo di questa trasformazione è possibile dialogare, comunque, in maniera profonda ed efficace: esempi concreti ed esperienze dirette divengono codici di comunicazione da privilegiare. Essere adolescenti è anche una condizione psicofisica, il tempo in cui si sviluppa la loro identità sessuale. Immaginate quali grandi trasformazioni sono chiamati a vivere e gestire: per esempio il menarca per le ragazze, l'inizio della produzione di sperma per i maschi. Non accade quasi mai che venga loro seriamente proposta una educazione sessuale precisa, attenta, accogliente, partecipata. Nessuno parla di sesso ai minori, di ogni età, perché il problema è nell'educazione degli adulti, nei tabù che ancora non si riesce a scardinare. Per elaborare regole adatte agli adolescenti è dunque necessario: 1. innanzitutto che voi conosciate il meccanismo del circuito dopaminico; 2. in secondo luogo che li aiutiate a canalizzare le loro energie, sessuali e sentimentali, verso obiettivi di realizzazione e piacevolezza (per esempio lo sport, la musica ). Va dato modo ai ragazzi di esprimersi e di essere ascoltati, di diventare protagonisti e capaci di gestire le emozioni. Al termine del suo intervento, la prof. Parsi ha dialogato ancora con il pubblico in sala rispondendo ad alcune domande sulla questione della paghetta e sull educazione all uso del denaro; sui lavori estivi e sul senso della gratuità nelle faccende di casa, sulla gestione delle relazioni affettive dei giovani. In merito alla paghetta. Credo che sia utile, dopo gli otto anni, se definita con precise regole: 1. una cifra sempre uguale (cresce solo con il crescere dell età); 2. si stabilisce insieme come viene usata (nel senso che i soldi dati con la paghetta devono servire a tutte le necessità ludiche di cui hanno bisogno: la pizza con gli amici, la ricarica del cellulare, il libro, il gioco.). Dunque paghette ragionevoli, ragionate e ben canalizzate; 3. non toglietegliela ogni volta che si comportano male, non usatela come forma di ricatto;

8 se dovete dare una punizione, una sanzione, che sia vera e non un ricatto. Per esempio: Sei andato male a scuola, hai preso un brutto voto perché non hai studiato. Bene, ora studiamo insieme, o ti faccio aiutare da chi è più competente di me, e tu rimedierai all errore. Dare una paghetta ai ragazzi adolescenti e preadolescenti serve anche per evitare che poi altrimenti si procurino i soldi da sè (magari con piccole forme di spaccio oppure perché schiavizzati dai compagni di classe); li aiuta a diventare autonomi, ad imparare a gestire il denaro. Va ragionata insieme, condivisa, discussa e sempre insieme si deve trovare un punto di accordo, sia sulla quantità, sia sulle modalità di spesa. Non dite loro: Non ti do la paghetta, perché tu già non sai gestire la tua vita, i tuoi pochi impegni scolatici, figuriamoci i soldi!. Piuttosto dovete spronarli, dare fiducia, ribadire: Sono sicura che tu imparerai a gestirti, se necessario ti aiuto. I genitori sono il riferimento affettivo più importante, di fondamentale importanza per i figli, non posso abdicare a questo ruolo. Per ciò vanno sempre sostenuti; dovete infondere loro fiducia sulle capacità e le risorse che posseggono. Sappiate che tutte le volte in cui vengono trattati male non solo non faranno bene ma, anzi, faranno peggio. Non si educa con l umiliazione, né con la paura, né con l ambizione. Piuttosto con il ragionamento, l ascolto, l attenzione, l amore. Anche dare loro tanti soldi è sbagliato, perché i ragazzi devono imparare ad usare bene ciò che hanno a disposizione. E controllateli rispetto alla capacità di spesa, alla gestione del denaro. Guardateli se indossano abiti troppo costosi, se si permettono uno stile di vita troppo alto rispetto alle loro possibilità. Sono campanelli d allarme per capire se ci sono cose che non vanno bene, situazioni che possono preoccupare. I genitori, da questo punto di vita, dovrebbero proprio avere il coraggio di ascoltare, osservare, accogliere senza giudizio e senza paura. In merito al lavoro estivo degli adolescenti. Penso sia una cosa buona; tuttavia credo che i nostri ragazzi debbano essere preparati bene a questo ingresso nel mondo degli adulti. Indubbiamente è un esperienza fortemente educativa se consapevole, desiderata e guidata. Se, poi, i soldi che guadagnano li spendono in sigarette, o comunque in acquisti che voi non condividete, dovete esplicitarglielo. Nel caso del fumo, mostrate ai vostri figli un dvd in cui sono bene spiegati i rischi che corrono e le conseguenze. Siate autorevoli e tuttavia mettete in conto che, poi, saranno liberi di fare come credono. In merito alla discoteca. Il mio consiglio è vigilare sempre: dovete conoscere in quali locali vanno, con chi, come... Poi presentatevi ai gestori e dite: Se gira droga, alcol, fumo e mi accorgo che mio figlio esce di qui

9 sotto effetto di sostanze, semplicemente faccio chiudere questo posto ; controllate come escono dai locali, mettete delle regole sul rientro. Infine, in merito alle relazioni affettive. Dovete soprattutto lavorare per la prevenzione, dare loro tutte le informazioni utili per una buona educazione sessuale e renderli consapevoli. Il problema non è assolutamente se hanno una relazione sentimentale da giovanissimi, quanto piuttosto la loro capacità di gestirla, anche da un punto di vista fisico. Motivo per cui dovete parlare con loro di sesso e sessualità, per aiutarli a non essere impreparati.

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra

Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Come ci si relaziona con gli adolescenti? Bruno Tagliapietra Pediatra Firenze Pinguini 2010 Cosa accadra oggi Perche sono qui? Per parlarvi di una esperienza interessante che ho fatto e che voglio condividere

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Crescere figli con autostima

Crescere figli con autostima Crescere figli con autostima Come infondere fiducia in se stessi e autostima nelle varie fasi della loro vita (sotto i 3 anni, dai 3 agli 8 anni, dagli 8 ai 13, dai 13 in poi) IlTuoCorso - Ermes srl Via

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

575risposte. Riepilogo Vedi le risposte complete Pubblica i dati di analisi. 1 di 9 07/05/2013 12.00. Dati generali.

575risposte. Riepilogo Vedi le risposte complete Pubblica i dati di analisi. 1 di 9 07/05/2013 12.00. Dati generali. 1 di 9 07/05/2013 12.00 mediacocchi@gmail.com Modifica questo modulo 575risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Pubblica i dati di analisi Dati generali Quale plesso della scuola frequenti? Todi 378

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa Etichetta identificativa TIMSS & PIRLS 2011 Field Test Questionario studenti Classe quarta primaria Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione via Borromini,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

Io/tu/lei/lui noi voi loro

Io/tu/lei/lui noi voi loro CONGIUNTIVO PARTE 1 I verbi regolari. Completa la tabella: comprare finire mettere prendere mangiare aprire chiudere partire parlare cantare scrivere trovare vivere cercare dormire preferire abitare capire

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

«Il sexting è normale, ma stupido»

«Il sexting è normale, ma stupido» «Il sexting è normale, ma stupido» Il sexting sembra ormai far parte della normale quotidianità. Ma cosa ne pensano le persone coinvolte? Il programma nazionale giovani e media ha affrontato il rapporto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Bambini. Università per Stranieri di Siena. Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Per i bambini dai 9 anni. I tuoi genitori divorziano. Che cosa succederà?

Per i bambini dai 9 anni. I tuoi genitori divorziano. Che cosa succederà? Per i bambini dai 9 anni I tuoi genitori divorziano. Che cosa succederà? Impressum Editore Risultato del progetto «I bambini e il divorzio» nel quadro del PNR 52, sotto la direzione del prof. dott. iur.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

i diritti dei bambini in parole semplici

i diritti dei bambini in parole semplici i diritti dei bambini in parole semplici Questa è la traduzione di un opuscolo pubblicato in Inghilterra dall'unicef. È il frutto del lavoro di un gruppo di bambini che hanno riscritto alcuni articoli

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

L idea Irene Stefania

L idea Irene Stefania L idea Un progetto nato nel 2014 dall esperienza personale e professionale di Irene e Stefania, psicologhe e mamme. Affascinate dal tema della maternità e della genitorialità, l arrivo dei gemelli nelle

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico FOTOGRAFIE DEI RAGAZZI DI OGGI Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico Cosa ha cambiato la TV? La comunicazione in famiglia La diversa diffusione dei valori Valore al possesso L oggetto

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

conosci le regole del gioco?

conosci le regole del gioco? Sesso: conosci le regole del gioco? Quanto ti prendi cura del tuo corpo? 2 Prendersi cura del proprio corpo è fondamentale per vivere in armonia con sé stessi e con gli altri. Tenersi in forma non significa

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA METODO DI STUDIO

SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA METODO DI STUDIO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA METODO DI STUDIO Quotidianamente gli insegnanti operano per fornire ai propri studenti strumenti e strategie per acquisire un efficace metodo di studio al fine di aiutarli

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Come scoprire i significati della comunicazione non verbale per sedurre gli uomini. IlTuoCorso - Ermes srl Via E.De Amicis

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

Pronti per la scuola dell'infanzia. Italienisch

Pronti per la scuola dell'infanzia. Italienisch Pronti per la scuola dell'infanzia Italienisch I bambini hanno bisogno di compiti che li aiutino a crescere, di modelli ai quali ispirarsi, di comunità in cui sentirsi accettati. Prof. Dr. Gerald Hüther

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

- 1 reference coded [2,49% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [2,49% Coverage] - 1 reference coded [2,49% Coverage] Reference 1-2,49% Coverage sicuramente è cambiato il mondo. Perché è una cosa che si vede anche nei grandi fabbricati dove vivono

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli