IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO"

Transcript

1 IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO 54

2 Franco Battistelli Da Santa Lucia a Sant Agostino Restano sconosciuti l aspetto e le dimensioni della primitiva chiesa parrocchiale di Santa Lucia: chiesa ceduta nel 1265 agli eremiti Agostiniani quando decisero di abbandonare il loro convento di Santo Stefano in Padule per trasferirsi in città. Così è ricordato l avvenimento dallo storico Pietro Maria Amiani: I Frati Eremiti Agostiniani di Santo Stefano in Palude, o Padule accennati da Noi all anno 1163, procurarono, abbandonato quel loro Convento, di passare in Città, domandando perciò la Chiesa Parrocchiale di Santa Lucia al Cardinale Simon Paltiniero Legato, che a 5 di Agosto del 1256, spinto dai motivi di P. Errera nel suo Alfabeto Agostiniano con le seguenti parole registrati: Non ignari quod Ecclesia Sanctae Luciae de Fano longe melius per Fratres Eremitas religiosos Ordinis S. Augustini, quam per Seculares Clericos cultu ipso fovebitur, et in oculis omnium tractabitur, et regetur: ne commise da Fabbriano la concessione alla Canonica, attesa la vacanza della nostra Chiesa per la morte del vescovo Adjuto testé seguita: Dall Istrumento però, che i Canonici ne fecero col consenso di Pietro Rettore allora di detta Chiesa di S. Lucia a Fra Bene Priore di Brettino, e Fra Romano Priore di detto Santo Stefano in Padule, e Fra Rinaldo Sindico divisandosi, che avevano prevenuto le facoltà del Legato, perché la stipolazione si scorge seguita sotto il dì 4 Marzo di detto anno 1265, benché porti in ventre la Lettera del Cardinal Simone de 5 Agosto sudetto, come dalla pergamena esistente nell Archivio de medesimi Religiosi Agostiniani di Santa Lucia, e da noi riportata al Sommario in pié di queste Memorie; non fia meraviglia se essi, se essi Eremiti prudentemente, appena alla nostra Chiesa fu assunto Fra Tommaso Morando Religioso di San Domenico, e precisamente nel mese di Febbrajo del 1266, il supplicarono per la conferma della ricevuta donazione, che poi sotto li 5 Aprile di detto anno a petizione del Priore Fra Giacomo, e degli altri suoi Religiosi per solenne Istrumento graziosamente ottennero; lo che addita ancora il P. Torelli ne suoi Secoli Agostiniani, quando delle dette Chiese di Santo Stefano in Padule, e di Santa Lucia va ragionando. 1 Unica certezza, l inversione di orientamento subita da quella antica chiesa dopo il 1563 rispetto a quello della chiesa attuale, dopo che già nel 1409, durante la signoria dei Malatesti, la chiesa era stata rinnovata, così come dimostra all esterno la superstite fiancata orientale tardogotica con lunghe monofore trilobate tamponate ed elaborato cornicione in cotto sorretto da arcatelle pensili. All interno sopravvivono invece, sui due lati dell ingresso attuale, i vani delle due cappelle che fiancheggiavano un tempo l area presbiteriale: cappelle le cui pareti conservano tratti di affreschi tardogotici, in particolare un ciclo dedicato a Santa Lucia il cui racconto, come precisato da Giampiero Donnini: Si snoda in quattro grandi figurazioni, ricche di movimento e di personaggi, il cui carattere figurativo, pur se talvolta indulgente a soluzioni di carattere popolare e anneddotico, non risulta privo di qualità espressive e cromatiche. Sembrano risentire del clima estetico del primo 400, ma in una fase ormai avanzata, e maturata per l accoglienza di più evolute soluzioni formali. 2 Così, a sua volta, Maria Chiara Jorio scrive: Il ciclo si svolgeva su tre o quattro registri (la parte inferiore è andata completamente perduta) su due pareti della cappella: quella di controfacciata e quelle nord orientale, oltre che sul pilastro circolare che delimitava il vano a ovest. La prima scena del ciclo è quella sulla parete laterale in alto, e araffigurava Santa Lucia che prega per la madre davanti alla tomba di Sant Agata, ma attualmente è visibile solo la parte superiore della struttura architettonica: il tempietto entro cui si svolgeva la scena; alla stessa altezza, sulla controfacciata, la Santa distribuisce i suoi beni ai poveri e ai derelitti: la figura femminile così come alcune di quelle degli sciancati in primo A fronte Pianta di Fano del Blavius (1663), particolare. La chiesa di Sant Agostino è indicata dal numero 29, mentre la basilica di Vitruvio è segnalata con il numero 74. (Biblioteca Federiciana di Fano) 55

3 IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO Qui e nelle due pagine seguenti Gli affreschi quattrocenteschi realizzati nella ex cappellina a destra dell ingresso attuale della chiesa di Sant Agostino Pianta schematica dell ingresso della chiesa con evidenziate le parti affrescate CHIESA ex cappella di sinistra ex cappella di destra Parete sud Parete est Pareti affrescate INGRESSO ATTUALE 56

4 DA SANTA LUCIA A SANT AGOSTINO 57

5 IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO 58

6 DA SANTA LUCIA A SANT AGOSTINO Gli affreschi quattrocenteschi ed una mensola della ex cappellina a sinistra dell ingresso attuale della chiesa di Sant Agostino 59

7 IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO La volta attribuita al Bibbiena in una antica incisione (Strafforello 1898) 60

8 DA SANTA LUCIA A SANT AGOSTINO piano, è ben riconoscibile, ma non sappiamo quanto sia rimasto del dipinto originario e quanto sia invece frutto di restauro [ ]. Sulla prima parete, nel registro inferiore, si riconosce, in posizione centrale, la Santa stante, a mani giunte e con lo sguardo rivolto al cielo che un gruppo di uomini sulla destra, cui è stato comandato di portarla in un postribolo, non riesce a spostare di un passo, nonostante, incitato dalla folla e dal giudice sulla sinistra, tiri con grande sforzo una fune passante attorno alla vita di Lucia. Sullo sfondo si intravedono raffi nate architetture. La scena oltre ad essere, come le altre, notevolmente scialbata e lacunosa, appare interrotta da uno strato di intonaco formante un arco e si estende da un estremità all altra [ ]. Sulla parete contigua, alla stessa altezza, la Santa è in posizione analoga, nonostante questa volta a tirare le corde vi siano anche dei buoi; lo sfondo è lo stesso della scena precedente, ma sulla sinistra la folla ora appare attonita, mentre il giudice si contorce sul trono per la rabbia. Se il tempietto sullo sfondo appare piuttosto bel costruito, la pedana del trono è resa di scorcio in maniera alquanto ingenua e inverosimile; questo particolare, insieme alle brevi iscrizioni in caratteri gotici visibili ai piedi di Lucia e nella parte centrale della cornice che separa questo dall espisodio soprastante (probabilmente le iscrizioni erano un po ovunque), inducono a confermare una datazione non successiva ai primi anni del XV secolo. 3 Preziose tracce superstiti, quindi, del primo ricordato rinnovamento della chiesa di Santa Lucia, riconsacrata dal vescovo Antonio David nel 1409, al tempo di Pandolfo III Malatesti. Altre tracce di affreschi quattrocenteschi, riscoperte una decina di anni or sono, restano quelle emerse sotto l intonaco dell antica Sala Capitolare a cui si accede dal chiostro, interamente rifatto quest ultimo nella seconda metà del secolo XVI, senza peraltro distruggere le due antiche bifore che tuttora affiancano l ingresso di detta sala dove perfettamente integro sopravvive l originario bel soffitto ligneo cuspidato. Sant Agostino Anno 1940 L età non più verde di chi scrive gli consente di ricordare il fastoso interno della chiesa di Sant Agostino prima che il 17 aprile del 1944 un grappolo di spezzoni incendiari dell aviazione angloamericana, diretti sulla vicina linea ferroviaria, ne abbattesse la grande volta affrescata e ne devastasse parte dell area prebiteriale (cappella maggiore e, sulla destra, la cappella Corbelli, lasciando intatta sul lato opposto la cappella Nolfi). 4 L aspetto della chiesa intorno al 1940 era quello di una vasta aula barocca, resa tale da sei imponenti altari laterali in legno intagliato e dorato, posti al centro di altrettante arcate cieche, inserite fra alte paraste binate d ordine jonico, separate da nicchie a coppie sovrapposte con statue in stucco di Santi e Sante attribuite all Amantini (Tommaso Amantini) e all Alessio (Alessio Pellegrini). 5 Un insieme di gusto decisamente fastoso, immaginato intorno alla metà del secolo XVII dal fanese Ludovico Giorgi dopo la ricordata inversione di orientamento subita dalla chiesa a partire dal Decisamente spettacolare l ampia volta a padiglione (portata a termine nel 1685) con costolature a stucco e grande riquadro affrescato al centro dove un Sant Agostino in Gloria su sfondo azzurro campeggiava a coronamento di una scenografica prospettiva architettonica nello stile di Ferdinando Bibiena: un artista a cui l opera è stata attribuita senza prova di documenti dalle vecchie guide, ma in realtà realizzata dal pittorequadraturista fanese Giovanni Battista Manzi. 7 Degne di nota le tele poste sui vari altari, a partire dalla destra dove si apriva la ricordata cappella Corbelli, abbellita allora da una copia del noto dipinto di Simone Cantarini raffigurante la Vergine che appare a San Tommaso da Villanova, dopo che l originale era stato rimosso dagli eredi Corbelli per trasferirlo nel loro palazzo. 8 Passando agli altari laterali, il primo, come ricordato dal Paolucci, presentava una tela di nessun valore, ma, sotto di essa, nell ulti- 61

9 62 Interno della chiesa in una foto d archivio anteriore al terremoto del 1916

10 63

11 IL COMPLESSO MONUMENTALE DI SANT AGOSTINO A FANO Uno dei sei altari laterali come si presenta oggi mo restauro, dopo il terremoto del 1930, si è trovato parte di un affresco del quattrocento, rappresentante il Crocifisso. Il secondo altare presentava invece un Sant Agostino in Gloria del pistoiese Giacinto Geminiani, seguito sul terzo altare da un San Nicola da Tolentino in atto di pregare la SS. Trinità del parmigiano Giovanni Battista Draghi. 9 Sul primo altare a sinistra c era una copia della nota Madonna della Cintura dipinta da Simone Cantarini per la chiesa rurale dell eremo di Brettino. 10 Sul secondo altare era invece esposto un secondo dipinto del pistoiese Geminiani, una Sacra Famiglia (firmata e datata 1654), seguita sul terzo altare da una Santa Filomena, pregevole opera realizzata nel 1834 dal bolognese Clemente Alberi. 11 A sinistra del presbiterio, all interno della cappella Nolfi, campeggiava allora il celebre, ammiratissimo Angelo Custode del Guercino, commissionato dal nobile Vincenzo Nolfi per la propria cappella di famiglia nel Sullo sfondo del cappella maggiore era stata posta nel 1775 la grande tela di Sebastiano Ceccarini raffigurante il Martirio di Santa Lucia, 13 affiancata sulle pareti del presbiterio e del coro da ben dodici quadri di diverse dimensioni dovuti al pesarese Giammaria Luffoli, allievo di Simone Cantarini: quadri tutti oggi perduti, essendosi salvata dal bombardamento del 1944 la sola tela del Ceccarini. 14 Sui due lati dell ingresso sottostante la cantoria, si accedeva a quelle che erano in origine, prima della ricordata inversione di orientamento della chiesa, le due piccole cappelle che nel presbiterio affiancavano quella maggiore: una in particolare con tracce di affreschi trecenteschi e quattrocenteschi con le ricordate Storie di Santa Lucia restaurate nel 1933; 15 l altra più tardi riutilizzata come base del campanile, abbattuto per ragioni statiche nel Nell ex fabbricato conventuale adiacente, precisa il Selvelli: Il Seminario possiede pitture del Guerrieri, del Ceccarini, dell Albertini (detto el Pulitin). 17 Di Giovanni Francesco Guerrieri, conservate oggi in Episcopio, restano, già collocate un tempo nella sala capitolare dell ex convento agostiniano poi sede del Seminario Diocesano, le quattro note tele (cm 159x80) raffiguranti Le quattro Virtù Cardinali: Prudenza, Giustizia, Temperanza e Fortezza, originariamente appartenute alla collezione privata di Pietro Petrucci. 18 Dallo stesso fabbricato, proviene anche la piccola tela (cm 62x49) con Ritratto di adolescente (Pippo buono) di Sebastiano Ceccarini, pure trasferita dal Seminario Diocesano in Episcopio. 19 Perduti sembra invece siano ormai i dipinti eseguiti da Giovanni Albertini ( el Pulitin ) noto, a detta di Romolo Eusebi, come fine disegnatore e curioso annotatore di cronache d arte fanesi (architetture, scenografie teatrali e soggetti a tema naturalistico), vissuto a cavallo fra Settecento e Ottocento, frequentatore e spesso ospite delle famiglie nobili del tempo

12 DA SANTA LUCIA A SANT AGOSTINO Note 1. P. M. Amiani, Memorie istoriche della città di Fano, Fano 1751, vol. I, pp G. Donnini, La pittura del XV secolo, in F. Battistelli (a cura di) Arte e cutura nella provincia di Pesaro e urbino, Venezia 1986, pp , in particolare p M. C. Iorio, I luoghi di culto, in F. Milesi (a cura di), Fanum medievale, Fano 1997, pp G. Perugini, Fano e la seconda guerra mondiale, Bologna 1949, p E. De Blasi, La chiesa di Sant Agostino e il suo complesso scultoreo: proposte per una nuova ricerca, in Nuovi studi fanesi, n. 3, pp ; L. Arcangeli, Tracce per una storia della scultura nelle Marche, in P. Zampetti (a cura di), Scultura nelle Marche dalle origini all età contemporanea, Firenze 1993, p. 381; Anonimi Sec. VIII, Pitture d uomini eccellenti nelle chiese di Fano, Quaderno di Nuovi studi fanesi, Fano 1995, pp O.T. Locchi, La provincia di Pesaro ed Urbino, Roma 1934, p. 505; C. Selvelli, Fanum Fortunae, V edizione, Fano 1943, p. 147; S. Tomani Amiani, Guida Storico Artistica di Fano, prima edizione a stampa del manoscritto del 1853, Pesaro 1981, p. 82; A. Deli, Fano nel Seicento, Urbino 1989, p O.T. Locchi, op. cit., p. 507; C. Selvelli, Fano e Senigalllia, Bergamo 1931, p. 92; M. Mancigotti, Simone Cantarini, 1975, pp ; S. Tomani Amiani, op. cit., p e 85; A. Deli, op. cit. pp. 110 e C. Selvelli, Fanum Fortunae, Fano 1943, p. 148; S. Tomani Amiani, op. cit., pp. 84 e 107; AA. VV., La Pinacoteca Civica di Fano, Fano 1993, pp (scheda n. 35 con bibliografia). 9. O.T. Locchi, op. cit., p. 505; C. Selvelli, op. cit., p A.C. Billi, Brettino e Simone Cantarini, Fano 1864; O.T. Locchi, op. cit., p. 505; C. Selvelli, op. cit., p. 148; M. Mancigotti, op. cit., pp ; S. Tomani Amiani, op. cit., pp. 196 e 199; AA.VV., op. cit., pp (scheda n. 34 con bibliografia). 11. O.T. Locchi, op. cit., pp. 505 e 507; C. Selvelli, op. cit., p S. Tomani Amiani, op. cit., p O.T. Locchi, op. cit., pp ; C. Selvelli, op. cit., pp AA.VV., op. cit., pp (scheda 41 con bibliografia). 13. O.T. Locchi, op. cit., p. 505; C. Selvelli, op. cit., p.148; B. Cleri, Sebastiano Ceccarini, 1992, pp (scheda 91 con bibliografia). 14. O.T. Locchi, op. cit., p. 505; C. Selvelli, op. cit., p O.T. Locchi, op. cit., p. 505; C. Selvelli, op. cit., p. 148; G. Donnini, La pittura del XIV Secolo, in F. Battistelli (a cura di), Arte e cultura nella Provincia di Pesaro ed Urbino, Venezia 1986, p O.T. Locchi, op. cit., p. 505; C. Selvelli, op. cit., p C. Selvelli, op. cit., p A. Emiliani, Giovan Francesco Guerrieri da Fossombrone, Fano 1997, pp , scheda B. Cleri, op. cit., p. 170, scheda R. Eusebi, I disegni ottocnteschi della cisterna in G. Volpe (a cura di), Il complesso monumentale di San Paterniano a Fano, Fano 2010, pp L aula di Sant Agostino come si presenta oggi 65

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

Cascia. La Chiesa di Sant Agostino

Cascia. La Chiesa di Sant Agostino Cascia La Chiesa di Sant Agostino Il complesso di Sant Agostino La Chiesa di Sant Agostino. Il luogo, l arte e la storia. La chiesa, con annesso convento, sorse nel Trecento, su un primitivo oratorio eremitico

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Tesori Sacri 2005. Esito del bando

Tesori Sacri 2005. Esito del bando Tesori Sacri 2005 Esito del bando Al bando Tesori Sacri 2005 hanno aderito 127 progetti, di cui 105 dal Piemonte e 22 dalla Liguria. A conclusione delle procedure di valutazione effettuate dagli Uffici,

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012 DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO CRISTO CROCIFISSO, Maestro di Camaiore, scultura lignea policroma

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

Cascia. La Chiesa di San Francesco

Cascia. La Chiesa di San Francesco Cascia La Chiesa di San Francesco La Chiesa di San Francesco. Il luogo, l arte e la storia. La prima chiesa dedicata in Cascia al Santo d Assisi fu fondata nel 1247, ventun anni dopo la sua morte. Nel

Dettagli

SEMINARI DI APPROFONDIMENTO

SEMINARI DI APPROFONDIMENTO SEMINARI DI APPROFONDIMENTO a.a.2010/2011 dipartimento di scienze per l architettura direttore: prof. arch. Stefano Francesco Musso PROGRAMMA DEI SEMINARI DI APPROFONDIMENTO per l A.A 2010/2011 Genova,

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

51 ristrutturazione delle scritte sotto l'altare della Madonna del Rosario, e che alcuni affreschi della chiesa cinquecentesca furono lasciati dietro il nuovo altare maggiore: ancora oggi, dietro l'altare

Dettagli

Morano Calabro Chiesa di San Bernardino

Morano Calabro Chiesa di San Bernardino Itinerario stampabile scaricato dal sito Morano Calabro Morano Calabro Chiesa di San Bernardino La chiesa di San Bernardino da Siena e l annesso convento sono un importante esempio di architettura francescana

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Liguria Via Balbi 10, 16126 Genova Tel. 010 27051 Fax 010 2705248 e-mail: sbsaelig@beniculturali.it

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

La Basilica. di Santa Maria Assunta a. Montecatini Terme

La Basilica. di Santa Maria Assunta a. Montecatini Terme La Basilica di Santa Maria Assunta a Montecatini Terme 1 Visitiamo la Basilica La Chiesa Propositurale di Santa Maria Assunta è stata costruita secondo il progetto, vincitore di un concorso nazionale,

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Restauro, consolidamento e riuso dell edificio ecclesiale del complesso monumentale dell Annunciata Relazione Storica

Restauro, consolidamento e riuso dell edificio ecclesiale del complesso monumentale dell Annunciata Relazione Storica Restauro, consolidamento e riuso dell edificio ecclesiale del complesso monumentale dell Annunciata Relazione Storica Alla grande famiglia dei frati minori dell Osservanza apparteneva il convento di Santa

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

VIGO DI TON CHIESA PARROCCHIALE

VIGO DI TON CHIESA PARROCCHIALE VIGO DI TON CHIESA PARROCCHIALE Data: 30/10/1980 Protocollo: 586/TN2 Mittente: Provincia autonoma di Trento Assessorato alle Attività Culturali e Sportive - dott. Guido Lorenzi Destinatario: Ministero

Dettagli

La CULTURA delle IMMAGINI

La CULTURA delle IMMAGINI 1 2 Sara Damiani Francesco Lo Monaco Sonia Maffei La CULTURA delle IMMAGINI La chiesa di Sant Agostino a Bergamo tra l iconografia sacra e la città Con schede di Paola Bianchi, Marita Bosio, Roberta Frigeni,

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

Paolo NESTA (a cura di). La Chiesa di San Giovanni di Avigliana.

Paolo NESTA (a cura di). La Chiesa di San Giovanni di Avigliana. Paolo NESTA (a cura di). La Chiesa di San Giovanni di Avigliana. La ricerca, attraverso le fonti documentarie, ha permesso di accertare che anche nel caso del San Giovanni aviglianese valgono le considerazioni

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

S.T.U.D.I.O RESTAURO. Luogo e data di nascita: Alzano Lombardo (BG), il 26 ottobre 1973. silviacovelli@pec.it

S.T.U.D.I.O RESTAURO. Luogo e data di nascita: Alzano Lombardo (BG), il 26 ottobre 1973. silviacovelli@pec.it DATI PERSONALI Nome e Cognome : Silvia Covelli Luogo e data di nascita: Alzano Lombardo (BG), il 26 ottobre 1973 Indirizzo: Via Acerbis 14, Alzano Lombardo (Bg) Telefono: 347 8158476 Posta elettronica:

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

Oratorio di san filippo neri luogo per eventi

Oratorio di san filippo neri luogo per eventi Oratorio di san filippo neri luogo per eventi Il luogo ideale, la suggestione della storia, l emozione della cultura, il calore delle luci e delle note, la profondità dei contenuti, la brillantezza delle

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

LA CHIESA DI SANT ANASTASIA

LA CHIESA DI SANT ANASTASIA LA CHIESA DI SANT ANASTASIA L a chiesa di Sant Anastasia è uno splendido esempio di gotico italiano. Fu eretta a partire dal 1290 con il contributo della famiglia che governava la città, gli Scaligeri,

Dettagli

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 1797-1810: l assetto delle istituzioni religiose imolesi viene radicalmente modificato durante la dominazione francese

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo

Adele Mormino Lina Bellanca. Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Adele Mormino Lina Bellanca Restauro e documentazione L esperienza della Soprintendenza BCA di Palermo Cantieri oggetto di applicazione del programma SICAR: Albergo dei Poveri Arsenale della Real Marina

Dettagli

Cronache. del Comune di Pieve di Cento PORTA BOLOGNA RESTAURATA

Cronache. del Comune di Pieve di Cento PORTA BOLOGNA RESTAURATA Cronache del Comune di Pieve di Cento PORTA BOLOGNA RESTAURATA Aprile 2005 Porta Bologna restaurata 3 Un altro tassello della Pieve medievale che torna a vivere Due anni fa è avvenuto il rifacimento di

Dettagli

DIOCESI DI TEANO-CALVI

DIOCESI DI TEANO-CALVI DIOCESI DI TEANO-CALVI Complesso Parrocchiale di San Paride l architettura il luogo la riconoscibilità la forma la materia il culto l iconografia la protezione l accoglienza l architettura le scelte formali

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Figline Valdarno Palazzo Pretorio 19 ottobre 2013 19 gennaio 2014 la città degli uffizi Città di Figline Valdarno Assessorato alla Cultura Provincia di Firenze

Dettagli

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio RICERCA ESEGUITA DA MARCO MARVEGGIO, ALESSANDRO DELLA VALLE STEFANO PROIETTI,, IAN VUTCARIOV CLASSE 5^ SCUOLA PRIMARIA BRUNO CREDARO- VIA BOSATTA,

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

LE TORRI CAMPANARIE CORSO DI FORMAZIONE. in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini

LE TORRI CAMPANARIE CORSO DI FORMAZIONE. in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini 0 V CORSO DI FORMAZIONE LE TORRI CAMPANARIE in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini TORINO DALL'ANTICHITÀ AL MEDIOEVO: UNA PROSPETTIVA ARCHEOLOGICA Prof.ssa Gisella Cantino Wataghin 1 Due

Dettagli

Giano dell Umbria Un centro storico- Pinacoteca diffusa Restauri e scoperte

Giano dell Umbria Un centro storico- Pinacoteca diffusa Restauri e scoperte Giano dell Umbria Un centro storico- Pinacoteca diffusa Restauri e scoperte Conferenza tenuta a Giano dell Umbria, Sala Consiliare, Il 14 agosto 2011 da Marcello Castrichini Lavori anni 80-90 del XX secolo

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

SCORCI DI STORIA NEI VICOLI ANTICHI

SCORCI DI STORIA NEI VICOLI ANTICHI SCORCI DI STORIA NEI VICOLI ANTICHI Piazza Navona Via dei Coronari è un lungo rettilineo che collega piazza Navona a ponte Sant Angelo. Realizzata intorno al 1470 da Sisto V per migliorare il traffico

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

C. R. Pastè, I due Boniforti Oldoni. Una nota dell Aprati spesso dimenticata, p. 38.

C. R. Pastè, I due Boniforti Oldoni. Una nota dell Aprati spesso dimenticata, p. 38. Archivio della Società Vercellese di Storia e d Arte. Spoglio degli articoli sul medioevo (a cura dell Associazione Piemonte Medievale. Paesaggi Arte Storia ) Anno 1 (1909), 1 C. R. Pastè, Rito eusebiano,

Dettagli

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale CHIESE E ORATORI DI RASSA Chiesa parrocchiale La parrocchiale anticamente non era che una semplice chiesuola dedicata a S. Maiolo, o direm meglio, questa chiesuola era dove si facevano i divini officii,

Dettagli

RESTAURO DELLA CHIESA SS. MARIA DI COSTANTINOPOLI COMUNE DI PAPASIDERO

RESTAURO DELLA CHIESA SS. MARIA DI COSTANTINOPOLI COMUNE DI PAPASIDERO IL RESTAURO DELLA CHIESA SS. MARIA DI COSTANTINOPOLI COMUNE DI PAPASIDERO poi, pian piano il Grande Muto si è commosso e ha cominciato a confidarsi fra le principali fasi del restauro la più delicata è

Dettagli

Marigliano. L'area mariglianese soffrì le condizioni di sottosviluppo del Mezzogiorno per tutto il XX

Marigliano. L'area mariglianese soffrì le condizioni di sottosviluppo del Mezzogiorno per tutto il XX Marigliano Marigliano è un comune italiano di 30.304 abitanti della provincia di Napoli in Campania, si trova nella pianura a nord del Vesuvio, in prossimità dell'area Nolana e forma un unico agglomerato

Dettagli

LE PITTURE DEI GAGLIARDI NELLE CHIESE DI TARQUINIA

LE PITTURE DEI GAGLIARDI NELLE CHIESE DI TARQUINIA LE PITTURE DEI GAGLIARDI NELLE CHIESE DI TARQUINIA Il nome dei Gagliardi, pittori, ricorre molto spesso nelle pubblicazioni specializzate sulle Chiese di Roma, città in cui un tempo i componenti di questa

Dettagli

Elenco delle opere. SEBASTIANO ZUCCATO San Sebastiano e il donatore 1475-1485 circa tempera e olio su tavola Venezia, Museo Correr

Elenco delle opere. SEBASTIANO ZUCCATO San Sebastiano e il donatore 1475-1485 circa tempera e olio su tavola Venezia, Museo Correr Elenco delle opere SEBASTIANO ZUCCATO e il donatore 1475-1485 circa tempera e Venezia, Museo Correr PEDRO BERRUGUETE 1480 circa Urbino, Galleria Nazionale delle Marche CARLO CRIVELLI 1480 circa Venezia,

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO EDIFICIO CONTRA BUSA S. MICHELE - VICENZA

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO EDIFICIO CONTRA BUSA S. MICHELE - VICENZA AEDIS STUDIO DI PROGETTAZIONE 36100 VICENZA CONTRA' PIAZZA DEL CASTELLO 3 tel. 0444 326842 fax 0444 326843 studio@dellai-aedis.com dellaiaedis@pec.it www.dellai-aedis.com VICENZA 19/12/11 PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Seicento lombardo a Brera Capolavori e riscoperte. a cura di Simonetta Coppa e Paola Strada. 8 ottobre 2013 12 gennaio 2014

Seicento lombardo a Brera Capolavori e riscoperte. a cura di Simonetta Coppa e Paola Strada. 8 ottobre 2013 12 gennaio 2014 Seicento lombardo a Brera Capolavori e riscoperte a cura di Simonetta Coppa e Paola Strada 8 ottobre 2013 12 gennaio 2014 Pinacoteca di Brera, sale XXX-XXXIV La Pinacoteca di Brera possiede un ingente

Dettagli

I CAMPANILI PRIMA DEI LAVORI

I CAMPANILI PRIMA DEI LAVORI I CAMPANILI PRIMA DEI LAVORI Il duomo e il chiostro dei canonici nel contesto dell acropoli eporediese, già luogo del Foro romano e poi sede del potere episcopale, visti dal trecentesco castello sabaudo,

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Cenni storici. Passeggiare nella Storia GLI EDIFICI ECCLESIASTICI

Cenni storici. Passeggiare nella Storia GLI EDIFICI ECCLESIASTICI 1 Cenni storici Oltre alle chiese tutt oggi esistenti a Vicopisano e nei suoi immediati dintorni, i documenti ci testimoniano che in antico ancora più numerosi erano gli edifici ecclesiastici della zona,

Dettagli

Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo

Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo Il complesso immobiliare si trova in località Bagnano in aperta campagna, poco distante da Certaldo ed è composto da Chiesa, Canonica e alcuni

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città Arco nella storia, nella natura Itinerario di visita alla città La visita ad Arco può cominciare, appena superato il ponte sul fiume Sarca, nella piazzetta San Giuseppe, all inizio di via G. Segantini.

Dettagli

conoscere Firenze e i MUSei CiViCi Anno SColAStiCo 2013_2014 ProPoSte SCUolA PriMAriA ii CiClo e SeConDAriA i e ii GrADo

conoscere Firenze e i MUSei CiViCi Anno SColAStiCo 2013_2014 ProPoSte SCUolA PriMAriA ii CiClo e SeConDAriA i e ii GrADo conoscere Firenze E I MUSEI CIVICI Anno scolastico 2013_2014 PROPOSTE SCUOLA PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I E II GRADO Chi siamo L Associazione MUS.E cura la valorizzazione dei Musei Civici Fiorentini

Dettagli

ESITO DEL BANDO. Compagnia di San Paolo

ESITO DEL BANDO. Compagnia di San Paolo ESITO DEL BANDO Nella seduta del 14 marzo il Comitato di Gestione della Compagnia ha deliberato il sostegno a 50 iniziative tra quelle pervenute alla Compagnia nell ambito del bando Tesori Sacri 2010.

Dettagli

Presentazione dei nuovi arredi

Presentazione dei nuovi arredi Presentazione dei nuovi arredi X Sacri per la Parrocchia Gesù,Maria e Giuseppe di Palermo A W Relatori: Claudio Naccari Nicola Busacca L ArteFatto, di Claudio Naccari, via Resuttana n 514, 90146 Palermo

Dettagli

Una storia ultramillenaria

Una storia ultramillenaria CHIESA DI SANT ANGELO SUL SILE (TV) Una storia ultramillenaria L antica chiesa di Sant Angelo sul Sile vanta una singolare origine. La lapide muraria collocata internamente sopra la porta laterale ci riporta

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

Aldo Pillittu Corso di Storia dell'arte moderna 2

Aldo Pillittu Corso di Storia dell'arte moderna 2 La pittura e in genere la produzione artistica in Catalogna nel 400 è policentrica. Possiamo comunque indicare in Barcellona e València i due maggiori centri propulsori Barcellona Bernat Martorell: l ultima

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 14 DICEMBRE 2012 NOTE PER GLI ORGANI D INFORMAZIONE

CONFERENZA STAMPA DEL 14 DICEMBRE 2012 NOTE PER GLI ORGANI D INFORMAZIONE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO UFFICIO CANTONALE DEI BENI CULTURALI, SERVIZIO MONUMENTI CAPOSERVIZIO PATRIZIO PEDRIOLI TEL. 091 814 13 80, E-MAIL: patrizio.pedrioli@ti.ch LOCARNO CHIESA DI SAN FRANCESCO RESTAURO

Dettagli

L intervento di restauro della chiesa di San Nicolao a Milano

L intervento di restauro della chiesa di San Nicolao a Milano L intervento di restauro della chiesa di San Nicolao a Milano Relazione Tecnica Il restauro ha cercato di comprendere tutte le fasi che hanno caratterizzato la chiesa, puntando a recuperare quello che

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

L ILLUSIONE DELL INFINITO CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALITÀ ESPRESSIVA DELLA PROSPETTIVA NEL SEICENTO

L ILLUSIONE DELL INFINITO CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALITÀ ESPRESSIVA DELLA PROSPETTIVA NEL SEICENTO L ILLUSIONE DELL INFINITO CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALITÀ ESPRESSIVA DELLA PROSPETTIVA NEL SEICENTO LA PROSPETTIVA COME FORMA SIMBOLICA (Panofsky 1927) Secondo il critico tedesco i diversi modi

Dettagli

C. Cairello-V. R. Tacchino, Il giugno del 1796 a Castelletto d Orba: contribuzioni per l Armata Francese, URBS, 1989

C. Cairello-V. R. Tacchino, Il giugno del 1796 a Castelletto d Orba: contribuzioni per l Armata Francese, URBS, 1989 COMUNE DI CASTELLETTO D ORBA Il nome deriva dal castello, costruito nell'xi secolo probabilmente al posto di una precedente fortificazione romana. L odierno edificio risale al 1488 e fu fatto costruire

Dettagli

S. Agata vergine e martire

S. Agata vergine e martire S. Agata vergine e martire La storia e le tradizioni Di una chiesa presente nel villaggio di S. Agata, sottoposto alla pieve di Gorgonzola, si hanno vaghe notizie finché, nel 1566, non fu visitata da S.

Dettagli

Plebani Paolo. istruzione e formazione CURRICULUM VITÆ. nato a Calcinate (BG) il 29 giugno 1973. residente in via Francesco Baracca, 24123 Bergamo

Plebani Paolo. istruzione e formazione CURRICULUM VITÆ. nato a Calcinate (BG) il 29 giugno 1973. residente in via Francesco Baracca, 24123 Bergamo CURRICULUM VITÆ Plebani Paolo nato a Calcinate (BG) il 29 giugno 1973 residente in via Francesco Baracca, 24123 Bergamo tel. 3405002331; paolo.plebani@gmail.com istruzione e formazione Dopo aver ottenuto

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

PREFETTURA DI ENNA UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO SETTE ANNI DI INTERVENTI SUL PATRIMONIO FEC

PREFETTURA DI ENNA UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO SETTE ANNI DI INTERVENTI SUL PATRIMONIO FEC PREFETTURA DI ENNA UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO SETTE ANNI DI INTERVENTI SUL PATRIMONIO FEC Relatore: Dott. Liborio Nasca responsabile FEC della Provincia di Enna OBBIETTIVI DA REALIZZARE VERIFICA

Dettagli

Appendice B ILLUSTRAZIONI ORIGINALI DELLA TESI DI LAUREA

Appendice B ILLUSTRAZIONI ORIGINALI DELLA TESI DI LAUREA 65 Appendice B ILLUSTRAZIONI ORIGINALI DELLA TESI DI LAUREA 66 Fig. 1 Fig. 2 1. COLLABORATORE DI VUOLVINIO, Altare di Sant Ambrogio (fronte anteriore); 824-829. Lamine d oro e argento, smalti e gemme,

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

Argenteria siciliana XVII secolo

Argenteria siciliana XVII secolo Argenteria siciliana XVII secolo Ostensorio architettonico argentiere Pietro Lazzara 1602 Diocesi di Trapani Statua di Santa Lucia argento Pietro Rizzo, 1599 Siracusa, Cattedrale Calici argento sbalzato

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli